Il marketing dei servizi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il marketing dei servizi"

Transcript

1 Il marketing dei servizi 8-12 Marzo 2010 Giulianova UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO Facoltà di Scienze Politiche PROGETTAZIONE E GESTIONE DEI SISTEMI TURISTICI

2 Lo scenario come disciplina il mktg si sviluppa in relazione alla vendita di beni fisici espansione del terziario e sviluppo dell economia dei servizi crescita di pdt con elevato contenuto di servizio non solo nelle economie sviluppate: nei PVS spesso la forza lavoro trova impiego nell industria del turismo e dell accoglienza

3 Categorie del Service Mix L offerta di un impresa può essere costituita da: Puro bene tangibile: al quale non è associato alcun servizio (ad es. grocery, etc.) Bene tangibile associato a servizi: tanto più importante, quanto maggiore è la complessità del bene (pc, automobile, etc.): disponibilità del servizio è criterio di scelta del fornitore Ibrido: in parti uguali beni e servizi (ristorante: cibo e servizio) Servizio fondamentale con associati beni e servizi secondari: servizio di trasporto aereo con beni tangibili di supporto (cibo, bevanda, rivista, etc.) Pure service: baby sitting, massaggi, servizi pulizia, etc.

4 La gestione dei servizi riguarda quindi:» aziende di servizi» aziende operanti nel settore industriale

5 Lo scenario Alcuni manager pensano alla loro attività solo in termini di beni tangibili: i responsabili di ristoranti fast food, convinti di vendere solo hamburger, spesso hanno personale lento e sgarbato, un ambiente poco pulito e non piacevole e pochi clienti che ritornano Kotler, 2006 Le imprese operanti nel settore dell accoglienza dovrebbero potenziare il lato dei SERVIZI tramite una FORTE e SPECIFICA cultura del servizio

6 Cultura del servizio Fulcro della cultura del servizio servire e soddisfare la clientela

7 Definizione di SERVIZIO UN SERVIZIO E OGNI ATTIVITA O PRESTAZIONE CHE UNA PARTE PUO OFFRIRE AD UN ALTRA; E DI NATURA FONDAMENTALMENTE INTANGIBILE E NON COMPORTA LA PROPRIETA DI ALCUNCHE. UN SERVIZIO PUO ESSERE LEGATO O MENO AD UN PRODOTTO FISICO Kotler 2003

8 Caratteristiche dei servizi 1) INTANGIBILITA : i servizi non possono essere visti, assaggiati, provati prima dell acquisto 2) INSEPARABILITÀ: i servizi non possono essere separati dai loro fornitori 3) DEPERIBILITÀ: i servizi non possono essere immagazzinati per una vendita o un uso successivi 4) VARIABILITÀ: è difficile standardizzarne l'erogazione; la puntualità del servizio dipende da CHI li fornisce, DOVE, COME e QUANDO

9 Caratteristiche dei servizi INTANGIBILITÀ i servizi non possono essere visti, assaggiati, provati prima dell acquisto - PER L ACQUIRENTE: prima dell acquisto riceve solo promesse (la promessa di un soggiorno confortevole, la promessa di essere condotto a destinazione, etc.).incertezza e ansia dell acquirente in fase di acquisto - PER IL VENDITORE: non può far provare l oggetto della sua offerta; deve trovare altri argomenti di vendita!

10 Caratteristiche dei servizi INTANGIBILITÀ L acquirente di un servizio se ne può andare a mani vuote, ma non se andrà con la testa vuota Lewis e Chambers, 1989

11 Caratteristiche dei servizi INTANGIBILITÀ Per ridurre l incertezza causata dall intangibilità del servizio, l acquirente cerca prove tangibili che forniscano informazioni e rassicurazioni GLI ELEMENTI TANGIBILI OFFRONO ALL ACQUIRENTE INDICAZIONI SULLE QUALITA INTANGIBILI DEL SERVIZIO. Materiale promozionale, aspetto del personale, sede fisica dell impresa sono tutti elementi funzionali a tale scopo

12 Caratteristiche dei servizi INTANGIBILITÀ l aspetto esterno di un albergo è la prima cosa che l ospite nota al suo arrivo l ambiente complessivo di un ristorante e la pulizia del locale forniscono indicazioni sulla bontà della gestione l aspetto del personale di un locale contribuisce a dare un immagine positiva / negativa del posto gli asciugamani riposti con cura nel bagno dell albergo indicano che la stanza è stata riordinata InterContinental di Hong Kong è solito parcheggiare una Rolls- Royce di fronte all ingresso per trasmettere un immagine immediata di qualità e prestigio

13 Caratteristiche dei servizi INTANGIBILITÀ L impresa deve imparare a gestire il RISCHIO PERCEPITO dal cliente L acquisto di un pdt turistico può ingenerare ansia nel cliente, imputabile all impossibilità di verificare preliminarmente il pdt. IL VENDITORE DEVE CERCARE DI RIDURRE IL TIMORE DELL ACQUIRENTE E CONQUISTARE LA SUA FIDUCIA: certificare la professionalità visite guidate alle strutture provare albergo/ristorante in una situazione a basso rischio (ad es. banchetto di prova) viaggi di familiarizzazione ( fam trip ) consentono al dettagliante di testare in prima persona la bontà della struttura

14 Caratteristiche dei servizi INTANGIBILITÀ L alto rischio percepito dal cliente nell acquisto di tale genere di pdt incrementa la fedeltà verso quelle imprese che in passato hanno offerto un prodotto valido mantenendo le promesse

15 Caratteristiche dei servizi INSEPARABILITA Quasi tutti i servizi correlati all accoglienza prevedono la contemporanea presenza di CLIENTE e FORNITORE affinché la transazione abbia luogo. 1) Il contatto fornitore-cliente è parte integrante del prodotto Il cibo servito può essere eccezionale, ma se il personale è scortese o il servizio inadeguato, il giudizio attribuito al ristorante sarà negativo: il cliente non sarà soddisfatto della sua esperienza.

16 Caratteristiche dei servizi INSEPARABILITA 2) Anche i clienti sono parte integrante del prodotto se scelgo un locale perché tranquillo e romantico, una comitiva di avventori rumorosi può danneggiare l esperienza - La direzione deve essere in grado di gestire il flusso della clientela in modo da non generare fastidio agli altri clienti. - Attenzione alla segmentazione

17 Caratteristiche dei servizi INSEPARABILITA 3) I clienti e il personale devono comprendere le modalità di erogazione del servizio poiché concorrono alla sua produzione I clienti devono capire le portate indicate sul menù per ottenere il piatto desiderato gli ospiti dell albergo devono capire come usare il telefono o la chiave elettronica LE IMPRESE DEVONO SAPER ADDESTRARE I CLIENTI, ESATTAMENTE COME I DIPENDENTI!

18 Caratteristiche dei servizi INSEPARABILITA 4) l impresa deve addestrare e gestire i clienti, oltre al personale i ristoranti fast food addestrano i clienti a servirsi da sé le bevande alberghi, ristoranti, compagnie aeree, etc. insegnano ai clienti ad utilizzare internet per cercare info e fare le prenotazioni IL CLIENTE IN QUESTI CASI ASSOLVE LE FUNZIONI DEL PERSONALE DI SERVIZIO.con diversi vantaggi: abbassamento dei prezzi riduzione dei tempi d attesa il cliente inganna il tempo: si riduce la percezione del tempo e dell attesa (ad es. attesa alle casse incide sulla CS) personalizzazione del servizio

19 Caratteristiche dei servizi VARIABILITA La qualità di un servizio dipende in larga misura da CHI lo fornisce, da QUANDO e DOVE viene fornito. Quali ragioni determinano la variabilità di un servizio?

20 Quali ragioni determinano la variabilità di un servizio? Caratteristiche dei servizi VARIABILITA i servizi vengono prodotti e consumati contemporaneamente: ciò ne limita il controllo della qualità eventuali fluttuazioni della richiesta rendono difficile far fronte ai picchi della domanda con un offerta sempre coerente (stress sul servizio ad es. palestra, ristorante, etc.) la qualità dipende dall abilità e dalla prestazione del fornitore all atto dello scambio ( oggi sono in forma, domani chissà? ) difetti nella comunicazione: comunicazione al cliente per via orale vs forma scritta (ad es. menù) ruolo delle aspettative e delle percezioni del cliente: torno in un ristorante perché ho apprezzato l ultima esperienza. Se la seconda volta il pdt è differente o non soddisfa le aspettative, la frequentazione può cessare

21 Caratteristiche dei servizi VARIABILITA NEL SETTORE DELL ACCOGLIENZA VARIABILITA ED INCOERENZA DEL PRODOTTO COSTITUISCONO IL FATTORE PIU IMPORTANTE NELLA DELUSIONE DELLA CLIENTELA

22 Caratteristiche dei servizi DEPERIBILITA I servizi non possono essere immagazzinati nel caso di un albergo, i mancati introiti dovuti alle stanze invendute non possono essere recuperati è l elemento deperibilità a far sì che la gestione della domanda e della disponibilità (offerta) siano fondamentali per la redditività di un impresa dell accoglienza Caso Club Med: vendita pacchetti invenduti scontati del 30-40% su prezzo listino proposta a iscritti in database. Media risposte positive: 1,2%. Incassi legati alle vendite via di tali pacchetti: mila $ alla settimana.

23 Caratteristiche dei servizi DEPERIBILITA Strategie di prezzo flessibile per saturare la capacità ricettiva anche nei periodi di bassa e gestire la stagionalità della domanda. Sfruttare i periodi di bassa per varie iniziative: turismo congressuale, fare P.R. e fam trip. DATA LA DEPERIBILITA DEL PDT, LA GESTIONE DELLA CAPACITA E DELLA DOMANDA E UN ELEMENTO FONDAMENTALE PER IL MKTG DEL TURISMO

24 Strategie gestionali per le imprese di servizi Il servizio nasce da un interazione tra fornitore e cliente L efficacia di tale interazione dipende da: - capacità del personale addetto - processi di produzione (ruolo delle procedure) - processi di supporto a sostegno del personale Le imprese di successo focalizzano l attenzione sia sui CLIENTI, che sui DIPENDENTI cioè sono consapevoli della catena servizio-profitto (Heskett et al. 1994)

25 Catena servizio-profitto (Heskett et al. 1994) QUALITA DEL SERVIZIO INTERNO: miglior selezione e addestramento del personale, ambiente di lavoro di alta qualità, forte supporto al personale di front-line PERSONALE DI SERVIZIO SODDISFATTO E PRODUTTIVO: dipendenti soddisfatti, fedeli e dediti al lavoro MAGGIOR VALORE DEL SERVIZIO: maggiore efficacia ed efficienza nella creazione di valore e nell erogazione del servizio al cliente CLIENTELA SODDISFATTA E FEDELE: clienti fedeli, acquisti ripetuti, passaparola positivo REDDITIVITA DELLE ATTIVITA DI SERVIZIO E CRESCITA AZIENDALE

26 Tre tipi di marketing nelle imprese di servizi I servizi hanno bisogno di qualcosa di più delle 4 P codificate nel MARKETING ESTERNO I servizi necessitano anche di azioni di MARKETING INTERNO e di MARKETING INTERATTIVO

27 Tre tipi di marketing nelle imprese di servizi Prerequisiti per fare le promesse Fare le promesse Gestione del momento della verità

28 Tre tipi di marketing nelle imprese di servizi MARKETING INTERATTIVO Significa che la qualità percepita di un servizio dipende massimamente dalla qualità dell interazione tra venditore e compratore durante l erogazione CFR. tra mktg del pdt vs. mktg del servizio: nel primo caso la qualità del bene dipende in limitata misura dalle modalità di ottenimento del pdt.

29 Tre tipi di marketing nelle imprese di servizi MARKETING INTERATTIVO Il cliente giudica il servizio fornito in base: - alla qualità tecnica (ad es. qualità del cibo) - alla qualità funzionale (il come viene erogato il servizio)

30 Tre tipi di marketing nelle imprese di servizi MARKETING INTERNO L impresa deve addestrare e motivare il personale di prima linea e quello di supporto affinché lavorino insieme per generare la customer satisfaction Per erogare un servizio di qualità tutti i dipendenti devono adottare un orientamento al cliente dal mktg degli addetti ai lavori al mktg di tutti i fattori aziendali: IL MKTG INTERNO E PROPEDEUTICO AL MKTG ESTERNO

31 MARKETING INTERNO Tre tipi di marketing nelle imprese di servizi Non è più sufficiente un Ufficio Mktg che assolva le funzioni tradizionali, mentre il resto dell azienda va per conto suo!! L orientamento al cliente va adottato a tutti livelli dell organizzazione: Ruolo di: - Selezione del personale - Formazione e addestramento - Motivazione del personale - Orientamento del personale di contatto PERSONALE DI CONTATTO Personifica l azienda agli occhi del cliente Soddisfa le esigenze del cliente Difende gli interessi economici dell azienda Instaura una relazione con il cliente

32 Quali strategie gestionali per le imprese di servizi?

33 Strategie gestionali per le imprese di servizi 3 POSSIBILI OPZIONI STRATEGICHE: 1. PRODUTTIVITA 2. DIFFERENZIAZIONE 3. QUALITA DEL SERVIZIO

34 1) Produttività ATTENZIONE!! Se Se i i competitor offrono ai ai clienti un un valore più piùelevato, ci ci sono 2 alternative: -- Incrementare il il valore offerto al al cliente (benefici del del pdt, pdt, servizi, personale, immagine dell offerta) -- Diminuire il il costo totale al al cliente riducendo il il prezzo e semplificando il il servizio: modello no no frills (ad (ad es. es. voli voli low lowcost) Metodi per incrementare la produttività: addestrare meglio gli attuali dipendenti assumere nuovi dipendenti che lavorino meglio allo stesso costo industrializzare il servizio (Mc Donald s)

35 1) Produttività Benefici scarsi a prezzi molto bassi ( Di meno per molto meno ) Non tutti possono permettersi o vogliono i prodotti migliori in tutte le categorie di beni! Talvolta si preferisce rinunciare a prestazioni ottimali o caratteristiche superflue pur di contenere la spesa. - c è chi nella scelta dell alloggio preferisce non pagare per servizi considerati superflui : piscina, idromassaggio in camera, etc. - Linee aeree low-cost Alti Prezzo Alto Medio Basso Di più a più Di più per lo stesso Di più a meno Benefici Medi Bassi Lo stesso a meno Meno per molto meno

36 2) Differenziazione NESSUNA IMPRESA PUO AVERE SUCCESSO SE IL SUO PRODOTTO E LA SUA OFFERTA NON SI DIFFERENZIANO DAI PRODOTTI E DALLE OFFERTE DEI CONCORRENTI (Kotler, 2004)

37 2) Differenziazione Se i clienti non percepiscono differenze tra i servizi delle diverse imprese, non prestano attenzione al fornitore, ma al prezzo. quali sono i rischi di una competizione basata sul prezzo?

38 Price-competition In genere le imprese preferiscono evitare le guerre di prezzo, preferendo la non-price competition (servizi, promozioni, pubblicità etc.) La price-competition può avere effetti negativi: strategia facile da imitare non sempre allarga il mercato: se l impresa riduce i prezzi e i competitor fanno lo stesso, diminuiscono i profitti di tutti e le quote di mercato rispettive rimangono invariate (se la domanda primaria non si espande) se non è compensata da aumenti delle vendite, può comportare perdite pesanti (volumi uguali a prezzi più bassi) è strategia vincente solo se i competitor hanno costi superiori e non possono ridurre i prezzi se tra i pdt dei competitor esistono forti elementi di differenziazione, il vantaggio di prezzo potrebbe essere neutralizzato

39 2) Differenziazione L erogazione del servizio può essere differenziata in 3 modi: - Tramite il personale responsabile dell erogazione del servizio -Tramite l ambiente fisico e altri segnali tangibili - Tramite il processo di produzione Ambiente di prestigio o con un immagine fortemente caratterizzata Tramite simboli e marchi Capacità e affidabilità del personale di contatto Processo produttivo più efficiente, snello, veloce

40 2) Differenziazione Vantaggi possono essere ottenuti assumendo e formando collaboratori e dipendenti in modo più efficace rispetto alla concorrenza. I dipendenti del Ritz-Carlton rispondono al telefono dopo 3 squilli, sfoggiano un sorriso sincero e conoscono in dettaglio tutti i servizi offerti dall hotel. Il personale della Disney è noto per la sua cordialità e allegria. Ogni dipendente riceve una scrupolosa formazione mirata a capire i clienti e renderli felici!

41 2) Differenziazione ad es. offerta con attributi innovativi Ad es.: caso delle compagnie aeree: -Proiezione film -Collegamenti telefonici aria-terra -Programmi frequent-flyers, etc. Gran parte di tali innovazioni viene velocemente imitata; è anche vero che le imprese che innovano con regolarità ottengono spesso una serie di vantaggi temporanei e una fama da innovatori utile per attirare il target di clienti desiderosi di scegliere il meglio

42 3) Gestire la qualità del servizio L impresa può differenziarsi offrendo un servizio di qualità superiore rispetto alla concorrenza E una questione di equilibrio tra qualità attesa ( aspettative ) e qualità percepita Se la qualità PERCEPITA èmigliore della qualità ATTESA la CUSTOMER SATISFACTION sarà buona! È necessario superare le aspettative del cliente!

43 3) Gestire la qualità del servizio Promettete solo quello che potete dare e date di più di quel che promettete! American Express

44 3) Gestire la qualità del servizio La qualità attesa ( aspettative ) dal cliente dipende da: Precedenti esperienze di consumo Immagine dell impresa Comunicazione aziendale ( la promessa ) Passaparola Prezzo La qualità percepita (sperimentata) dipende da: Esperienze personali del cliente Bisogni/esigenze del cliente ATTENZIONE: maggiore è il potere d acquisto e maggiori sono le esigenze!

45 3) Gestire la qualità del servizio N.B. Le imprese devono stare attente a fissare il GIUSTO LIVELLO DI ASPETTATIVE: se troppo basse potrebbero soddisfare i clienti, ma non riuscire ad attrarne un numero sufficiente se troppo alte è probabile che il cliente rimanga deluso

46 3) Gestire la qualità del servizio SODDISFARE IL CLIENTE = SUPERARE LE ASPETTATIVE MA

47 3) Gestire la qualità del servizio 1. Nel caso di un servizio le attese dei clienti sono più difficili da stimare che non nel caso dei beni materiali 2. Maggiore qualità comporta maggiori costi Attenzione! se l impresa max la CS potrebbero diminuire i profitti e ridurre le risorse destinate ad altri stakeholders (fornitori, trade, dipendenti, azionisti) >>>> l impresa deve offrire un elevato livello di soddisfazione al cliente e, allo stesso, livelli di soddisfazione accettabili agli altri soggetti con cui si relaziona

48 3) Gestire la qualità del servizio Qualunque sia il livello del servizio erogato, è necessario comunicare chiaramente tale livello: >> ai clienti, che sapranno cosa aspettarsi (aspettative) >> ai dipendenti, che sapranno come erogarlo

49 3) Gestire la qualità del servizio 3. Capacità di recupero: anche se l impresa si dota di sistemi di erogazione efficienti e snelli, possono sempre verificarsi degli intoppi (natura variabile del servizio): meno frequente nel caso dei beni materiali. La capacità di risolvere un problema o un disservizio può trasformare un cliente arrabbiato in un cliente FELICE, quindi forse anche FEDELE È NECESSARIO QUINDI: fornire sistematicamente un buon servizio, ma anche saper gestire efficacemente i disservizi

50 3) Gestire la qualità del servizio Gestire i disservizi a) Tramite empowerment della front line: con riferimento ai dipendenti a contatto col pubblico, dotarli di - maggiore capacità d azione - responsabilità - incentivi volti a perseguire l obiettivo della soddisfazione del cliente Marriot: programma di empowerment per dipendenti - agire al di là delle proprie mansioni per risolvere i bisogni degli ospiti - operare con rapidità ed efficacia per evitare che i problemi si trasformino in perdita di clienti - al personale è richiesto di supportare l AD nell evidenziare i punti di criticità del servizio offerto

51 3) Gestire la qualità del servizio Gestire i disservizi b) Fornire al cliente informazioni esplicite e tempestive sul disservizio c) Esplicitare le opzioni per il ripristino del servizio

52 3) Gestire la qualità del servizio 4. Ruolo della Gestione del personale per la qualità del pdt: - selezione di dipendenti cordiali e capaci - attuare azioni volte a favorire positive interazioni personale-clienti 5. Monitoraggio di tutti i punti di contatto : - difficili da monitorare perché numerosi ( non solo la reception!) - verifiche tramite mistery client Alcuni tra gli aspetti indagati: Quanto tempo è trascorso prima che il dipendente si rivolgesse al cliente? Il dipendente è stato in grado di rispondere alle richieste del cliente?

53 3) Gestire la qualità del servizio 5. Gestione della coerenza del servizio È necessario che i clienti ricevano il servizio atteso senza sorprese sgradite (ad es. la sveglia alle 7.00, la colazione all orario stabilito ) In realtà la coerenza presenta dei margini di incertezza: - ruolo fondamentale del personale - politica aziendale che può presentare ambiguità sulle procedure (caso promozioni, pacchetti all inclusive ) - la discontinuità della domanda può avere effetti sull incoerenza: se l albergo lavora a pieno regime o il ristorante fronteggia un improvviso picco della domanda (i disagi della clientela aumentano quando la struttura lavora all 80% delle proprie capacità)

54 cultura del servizio 1) servire 2) soddisfare 3) fidelizzare il cliente

55 Nuove tendenze nel mercato 1) Cambiamenti nella domanda: oggi i clienti hanno un maggiore potere d acquisto rispetto al passato hanno maggiori aspettative in termini di qualità e servizi esigono offerte personalizzate percepiscono minori differenze reali tra i pdt sono meno fedeli alla marca possono ottenere grandi quantità di info da Internet e altre fonti confrontano le offerte e acquistano in modo più consapevole

56 Nuove tendenze nel mercato 2) Cambiamenti nell offerta: i produttori concorrenza allargata: affrontano la concorrenza di grandi catene distributive e delle loro private label (.vicinanza col consumatore finale; brand loyalty vs. store loyalty) aumento della concorrenza internazionale (internet ed : le performance delle imprese sono facilmente confrontabili anche su lunghe distanze) intertype competition accorciamento del ciclo di vita dei prodotti in molti settori maturi il numero di nuovi clienti è limitato.conseguenze: aumento dei costi di promozione e riduzione dei margini di profitto

57 Nuove tendenze nel mercato Alla luce di tali cambiamenti è necessario adottare una filosofia customer oriented per conquistare i clienti, soddisfarli e fidelizzarli battendo la concorrenza

58 dall estensione della base-clienti all attenzione per la fidelizzazione: 3 possibili obiettivi: ACQUISITION = conquista di nuovi clienti (puntare alla quota di mk ) RETENTION = mantenimento del cliente nel tempo (customer retention = fidelizzazione) EXTENSION = incrementare le vendite sul singolo cliente (puntare alla quota-cliente ) tramite attività di cross-selling e up-selling

59 CS e fedeltà del cliente Redditività = f (fedeltà del cliente) Acquisire 1 nuovo cliente costa 5-6 volte di più che CONSERVARNE uno fidelizzato! In alcuni settori i costi per l acquisizione di un cliente superano la redditività del 1 anno! ad es. B2B: nel caso di investimenti dedicati (ad es. venditori di sistemi automatici di collaudo)

60 CS e fedeltà del cliente Un cliente fedele vale più di uno semplicemente soddisfatto Kotler, 2006

61 CS e fedeltà del cliente Il mantenimento della relazione con il cliente favorisce la fidelizzazione IL CLIENTE FEDELE E : meno sensibile alle variazioni di prezzo più predisposto ad incrementare la propria spesa (up selling e cross selling) efficace promotore del passaparola costi di mktg difensivo < costi di mktg offensivo attività di collaborazione con i migliori clienti (ad es. panel consultivi)

62 CS e fedeltà del cliente Reichheld e Sasser (1990): Un aumento del 5% nella customer retention fa aumentare i profitti dal 25% al 125% in 9 gruppi del terziario analizzati. LA COSTRUZIONE DELLA RELAZIONE CON IL CLIENTE DIVENTA UN OBIETTIVO STRATEGICO DI OGNI IMPRESA DI SERVIZI

63 CS e fedeltà del cliente Nel 1994, USA: American Customer Satisfaction Index (ACSI) ACSI = > Dow Jones trend assimilabili stretto legame fra redditività aziendale e Customer Satisfaction

64 CS e fedeltà del cliente La CS è il pre-requisito per ottenere FEDELTA del cliente si passa dalla NON attenzione alla Customer Satisfaction ad un suo costante monitoraggio si passa da un approccio basato su informazioni occasionali e frammentarie a metodi basati su rilevazioni sistematiche Un elevato livello di soddisfazione dei clienti conduce a migliori performance economiche

65 Metodi di rilevazione della CS: analisi degli indicatori di marketing Si sta progressivamente passando da performance valutate in base ai risultati di bilancio (fatturato) all analisi anche dei risultati di marketing: quota di mk, variazioni negli indicatori nuovi clienti acquisiti, di di mktg consentono di di tasso di perdita dei clienti, prevedere variazioni soddisfazione dei clienti, nei risultati finanziari rapporto offerte/vendite, etc.

66 Metodi di rilevazione della CS: indagini 1. Raccogliere informazioni sul livello di soddisfazione del cliente, individuando i punti critici nel pdt/servizio offerto 2. Conoscere i propri clienti (caratteristiche e modelli di consumo) 3. Marketing one to one : comunicare con i clienti e ascoltarli, far capire che l azienda vuole la loro opinione!...attn ad implementare i correttivi!!! 4. Sensibilizzare e coinvolgere i collaboratori al raggiungimento dei risultati non è un ispezione sul loro lavoro

67 CS e fedeltà del cliente La CS è il pre-requisito per ottenere FEDELTA del cliente ma non è detto che il cliente SODDISFATTO sia anche FEDELE: perché? come acquisire la fedeltà?

68 CS e fedeltà del cliente non è detto che il cliente SODDISFATTO diventi anche FEDELE: il viaggiatore, pur soddisfatto, potrebbe non voler tornare negli stessi luoghi potrebbe voler cambiare fornitore per fare nuove esperienze potrebbe essere attratto da migliori offerte di prezzo, etc. il 90% dei clienti che cambiano fornitore erano soddisfatti del fornitore precedente (Reichheld e Aspinall, 1994).magari hanno solo colto un offerta migliore oltre che sulla customer satisfaction, è necessario agire anche sui COSTI DI CAMBIAMENTO

69 CS e fedeltà del cliente Costo del cambiamento Alto Cliente pericoloso Cliente fedele Cliente perso? Bassa Alta Customer Satisfaction

70 Dal mktg transazionale al mktg relazionale dall obiettivo di max la redditività delle singole transazioni all attenzione sul valore del cliente nel tempo Obiettivo: stimare il life-time value del cliente, definendo le proprie offerte in modo di trarre profitto da un rapporto duraturo con il cliente. Life-time value del cliente = acquisto medio annuale del cliente di uno specifico segmento x vita media di un membro di quel segmento (indagini, analisi dati statistici sulle vendite, etc.)

71 Dal mktg transazionale al mktg relazionale Mktg relazionale: creazione, gestione e rafforzamento di solidi rapporti con i clienti (orientamento al lungo periodo)

72 Dal mktg transazionale al mktg relazionale MARKETING DELLA RELAZIONE il concetto di rapporto può ampliarsi fino a comprendere lo sviluppo di relazioni con tutti i soggetti legati all impresa e che possono aiutarla a servire i clienti (dipendenti, fornitori, imprese partner, etc.)

73 Dal mktg transazionale al mktg relazionale Strumenti per rafforzare il legame con il cliente: 1) Aggiunta di vantaggi economici: programmi frequent flyer, programmi fedeltà, etc Plus: efficaci nello sviluppare fedeltà Minus: facilmente imitabili dai competitor

74 Dal mktg transazionale al mktg relazionale Strumenti per rafforzare il legame con il cliente: 2) Aggiunta di vantaggi sociali + economici: aumentare i vincoli sociali con il cliente, conoscere bisogni ed esigenze individuali per formulare offerte personalizzate (ad es. venditore) Plus: efficaci nello sviluppare fedeltà Minus: il cliente si sente legato al dipendente, NON all impresa (bisogna favorire il rapporto con più persone all interno dell organizzazione)

75 Dal mktg transazionale al mktg relazionale Strumenti per rafforzare il legame con il cliente: 3) Legami strutturali: il venditore realizza strutture ad hoc per un cliente o un gruppo di clienti (ad es. nel B2B). Nel settore dei servizi: ad es. sale d attesa riservate per i clienti abituali, snellimento procedure check-in e check-out per i clienti migliori, etc. Plus: difficili/costose da imitare, vantaggio competitivo duraturo Minus: costi elevati legati all investimento

76 Dal mktg transazionale al mktg relazionale Le Sale Club Eurostar Vere oasi di comfort e servizi al top nei Club Eurostar I Club Eurostar, presenti nelle principali stazioni, offrono agli associati una confortevole ed esclusiva ospitalità, oltre a un'ampia gamma di servizi, alcuni gratuiti e altri a pagamento. Servizi gratuiti: Vendita di biglietteria ferroviaria; prenotazione telefonica di biglietti e posti effettuata tramite pagamento con Carta di Credito, da ritirare fino alla partenza del treno; prenotazione telefonica di biglietti e posti effettuata tramite pagamento senza Carta di Credito, da ritirare e pagare nella stessa giornata della richiesta telefonica. In questo caso potranno essere effettuate prenotazioni fino al giorno precedente la partenza del treno interessato Prenotazione/acquisto/consegna biglietti tramite servizio telefonico Attesa del viaggio in confortevoli salottini Deposito di un collo per 5 o 12 ore all'interno delle stazioni, presso i Depositi Bagagli Convenzionati. Servizi a pagamento: Recapito a domicilio dei biglietti di viaggio e, ove presente: Parcheggio auto nelle stazioni, limitatamente alla disponibilità dei posti riservati ai Soci; Uso di pc, telefono, fax e fotocopiatrici; Daily office fonte:

77 Customer Relationship Management Filosofia e pratica aziendale che combina insieme MARKETING, STRATEGIE D IMPRESA e TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE allo scopo di: comprendere meglio il cliente instaurare relazioni più strette, uniche e durature con i clienti principali customizzare pdt, offerte e messaggi per i clienti-chiave elevare i costi di cambiamento per i clienti ridurre il tasso di defezione dei clienti migliorare il potenziale di crescita di ciascun cliente

78 Customer Relationship Management ADEGUARE IL RAPPORTO IN FUNZIONE DELLE DIVERSE TIPOLOGIE DI CLIENTI: INSTAURARE CON TUTTI LA STESSA RELAZIONE?

79 Customer Relationship Management Tipologie di clienti Bassa frequenza Alta frequenza Alta redditività Cercare di aumentarne le visite Sono i clienti migliori: da premiare Bassa redditività Cacciatori di offerte. Offrire promozioni redditizie Acuni di questi clienti hanno il potenziale per diventare più redditizi

80 Customer Relationship Management Tipologie di clienti Diventare il loro unico fornitore Bassa frequenza Alta frequenza Puntare alla relazione Offerte personalizzate Alta redditività Cercare di aumentarne le visite Sono i clienti migliori: da premiare Bassa redditività porre un limite al rapporto Cacciatori di offerte. Offrire promozioni redditizie gestirli in maniera adeguata: sospendere le promo in periodi di alta richiesta Acuni di questi clienti hanno il potenziale per diventare più redditizi aumentare la spesa far capire i vantaggi di acquisti aggiuntivi: ad es. offrire i vantaggi di Club VIP e giustificare il sovrapprezzo richiesto

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media Capitolo 2 Comprendere le relazioni UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media IL CONCETTO DI RELAZIONE Le implementazioni di CRM sono concepite nell ottica

Dettagli

Capitolo 1. Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente. Capitolo 1- slide 1

Capitolo 1. Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente. Capitolo 1- slide 1 Capitolo 1 Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente Capitolo 1- slide 1 Obiettivi di apprendimento Che cos è il marketing? Comprendere il mercato e i bisogni del consumatore Obiettivi

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

Il marketing dei servizi. Costruire relazioni con i clienti: il marketing relazionale

Il marketing dei servizi. Costruire relazioni con i clienti: il marketing relazionale Il marketing dei servizi Costruire relazioni con i clienti: il marketing relazionale Evoluzione delle relazioni e OBIETTIVI del mkg relazionale L evoluzione delle relazioni con la clientela Clienti come

Dettagli

Percezioni del cliente in merito al servizio

Percezioni del cliente in merito al servizio Corso di Marketing Strategico Percezioni del cliente in merito al servizio Angelo Riviezzo angelo.riviezzo@unisannio.it Le percezioni del cliente in merito al servizio Marketing dei servizi Le percezioni

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 Marketing relazionale Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. I presupposti del marketing relazionale 2. Le caratteristiche principali

Dettagli

CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) CRM CRM CRM

CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) CRM CRM CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) Marco Pironti - Università di Torino 1 Executive summary Introduzione Obiettivi Fasi Architettura Tendenze evolutive Piano operativo Considerazioni Marco Pironti - Università

Dettagli

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006 Il CRM operativo 2 maggio 2006 1. Il marketing relazionale Il marketing relazionale si fonda su due principi fondamentali che è bene ricordare sempre quando si ha l opportunità di operare a diretto contatto

Dettagli

Marketing Management

Marketing Management Marketing Management Modulo 1 Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente Modulo 1 - slide 1 Obiettivi di apprendimento Obiettivi di apprendimento Che cos è il marketing? Comprendere

Dettagli

Questionario di verifica per l orientamento al cliente

Questionario di verifica per l orientamento al cliente Questionario di verifica per l orientamento al cliente E facile trattare con la nostra azienda? E facile contattarci? Siamo rapidi nel fornire info.? E facile effettuare un ordine? Facciamo promesse ragionevoli?

Dettagli

Strategie su misura per la tua azienda

Strategie su misura per la tua azienda Strategie su misura per la tua azienda www.topfiidelity.it www.topfidelity.it LA FIDELIZZAZIONE Uno degli obiettivi che ogni azienda dovrebbe porsi è quello di fidelizzare la clientela. Il processo di

Dettagli

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING =

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING = Renato Agati IL MARKETING Cos'è il marketing? MARKETING = tutto ciò che fa mercato 1 IL MARKETING Il Marketing è l'attività che costruisce e regola il rapporto tra l'impresa e il mercato La funzione del

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 5 Modulo 5 Il Sistema Informativo verso il mercato, i canali ed i Clienti: I nuovi modelli di Business di Internet;

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido Starter Package è una versione realizzata su misura per le Piccole Imprese, che garantisce una implementazione più rapida ad un prezzo ridotto. E ideale per le aziende che cercano ben più di un semplice

Dettagli

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita In costante sviluppo, sempre pronta a cogliere le migliori opportunità offerte dal mercato, Holidaytravelpass si è presto consolidata anche come tour operator initalia

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

La qualità. Di Stefano Azzini

La qualità. Di Stefano Azzini . La qualità Di Stefano Azzini Nel settore turisticoalberghiero e nella ristorazione, la parola qualità è molto di moda. E' vero che la maggior parte delle aziende che hanno superato la crisi sono quelle

Dettagli

L ATTENZIONE AL CLIENTE LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE CHI E IL CLIENTE? 07/10/2013

L ATTENZIONE AL CLIENTE LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE CHI E IL CLIENTE? 07/10/2013 L ATTENZIONE AL CLIENTE L approccio teorico. Gli strumenti di ascolto del cliente. I metodi di misurazione della customer satisfaction. 1 LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Lo stato in cui i bisogni, i desideri,

Dettagli

In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING

In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING IL NETWORK DI CONSULENZE PER SOCIETA SPORTIVE E CENTRI FITNESS IMPRESA MODERNA OPPURE PALESTRA TRADIZIONALE? CHI

Dettagli

Seminario di Formazione Sales & Marketing Alberghiero SALES & MORE CONSULTING FORMAZIONE

Seminario di Formazione Sales & Marketing Alberghiero SALES & MORE CONSULTING FORMAZIONE Seminario di Formazione Sales & Marketing Alberghiero SALES & MORE CONSULTING FORMAZIONE Marketing Strategico L'analisi attenta del mercato di riferimento può aprire nuove prospettive al business alberghiero:

Dettagli

Marketing relazionale e email marketing. Massimo Bosi. Presidente. www.moreco.it

Marketing relazionale e email marketing. Massimo Bosi. Presidente. www.moreco.it Marketing relazionale e email marketing Massimo Bosi Presidente www.moreco.it Il Consumatore Cambia IL CONSUMATORE CAMBIA I consumatori sono always on Esiste un overload di messaggi TO DO conoscere a fondo

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale PRINCIPI DI MARKETING TURISTICO 9 CFU. Lezioni 13-14 4 e 8 aprile 2013

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale PRINCIPI DI MARKETING TURISTICO 9 CFU. Lezioni 13-14 4 e 8 aprile 2013 Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale PRINCIPI DI MARKETING TURISTICO 9 CFU Lezioni 13-14 4 e 8 aprile 2013 Ambiente di marketing: diversi livelli Micro ambiente (immediato) Macro

Dettagli

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti MA.VE.CO. Consulting www.maveco-consulting.it Viale Stazione,43-02013 Antrodoco (Rieti) Tel. 0746-578699 e-mail : info@maveco-consulting.it Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

Dispensa: La gestione della relazione con i clienti. UNIVERSITÀ LUMSA Corso: Customer Relationship Management

Dispensa: La gestione della relazione con i clienti. UNIVERSITÀ LUMSA Corso: Customer Relationship Management Dispensa: La gestione della relazione con i clienti UNIVERSITÀ LUMSA Corso: Customer Relationship Management LE TRAPPOLE DELLA FEDELTÀ Trappole della fedeltà: costi di gestione del cliente processo di

Dettagli

LA DIMENSIONE TECNOLOGICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE. Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKING

LA DIMENSIONE TECNOLOGICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE. Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKING 1 LA DIMENSIONE TECNOLOICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKIN 2 Numero di Banche (sedi legali) in Italia 1998-2009 3 Numero di sportelli in Italia 1998-2009

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Strategia del prezzo. Il prezzo come leva di marketing: strategie e definizioni.

[moduli operativi di formazione] Strategia del prezzo. Il prezzo come leva di marketing: strategie e definizioni. [moduli operativi di formazione] Strategia del prezzo Il prezzo come leva di marketing: strategie e definizioni. LA STRATEGIA DEL PREZZO Stupisce il fatto che, molti manager ritengano che non si possa

Dettagli

Definizione di prodotto

Definizione di prodotto Capitolo 8 La strategia del prodotto, dei servizi e della marca Capitolo 8 - slide 1 Definizione di prodotto Prodotto qualunque cosa che possa essere offerta al mercato per l attenzione, l acquisizione,

Dettagli

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi Alessandro Danovi Concetto di servizi Servizi = effetti economicamente utili di beni materiali o attività umane di cui beneficiano altri beni o gli uomini Classificazioni Servizi reali -Servizi personali

Dettagli

IL POSIZIONAMENTO ON-LINE: Come vogliamo

IL POSIZIONAMENTO ON-LINE: Come vogliamo LA STRATEGIA DI POSIZIONAMENTO ON-LINE IL POSIZIONAMENTO ON-LINE: Come vogliamo collocare il prodotto/servizio nel sistema di percezioni degli utenti rispetto alle varie alternative di scelta percepite

Dettagli

CRM: Come le PMI possono organizzare la loro attività senza costi di licenza

CRM: Come le PMI possono organizzare la loro attività senza costi di licenza CRM: Come le PMI possono organizzare la loro attività senza costi di licenza Il Customer Relationship Management (CRM) punta a costruire, estendere ed approfondire le relazioni esistenti tra un'azienda

Dettagli

Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI. Marketing Mix - PREZZO

Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI. Marketing Mix - PREZZO Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI Marketing Mix - PREZZO Erika Pignatti Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie A.A. 2007-2008 30/11/2007 1 Le decisioni di prezzo Per

Dettagli

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 Modulo 1 Parte 1 Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 1.1.1.1 pag. 21 Quale, tra le affermazioni che seguono relative al concetto di qualità, è la più corretta? A. Il termine qualità

Dettagli

IL MARKETING E QUELLA FUNZIONE D IMPRESA CHE:

IL MARKETING E QUELLA FUNZIONE D IMPRESA CHE: IL MARKETING E QUELLA FUNZIONE D IMPRESA CHE:! definisce i bisogni e i desideri insoddisfatti! ne definisce l ampiezza! determina quali mercati obiettivo l impresa può meglio servire! definisce i prodotti

Dettagli

Questionario di verifica per l orientamento al cliente

Questionario di verifica per l orientamento al cliente Questionario di verifica per l orientamento al cliente E facile trattare con la nostra azienda? E facile contattarci? Siamo rapidi nel fornire info.? E facile effettuare un ordine? Facciamo promesse ragionevoli?

Dettagli

Intangibilità. Inseparabilità. Contestualità. Variabilità. Deperibilità

Intangibilità. Inseparabilità. Contestualità. Variabilità. Deperibilità 1 2 Intangibilità Inseparabilità Contestualità Variabilità Deperibilità 3 I servizi, a differenza dei beni fisici, non sono visibili e valutabili qualitativamente prima del processo di erogazione; non

Dettagli

CRM: IL FUTURO DEL MARKETING ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DEL CLIENTE

CRM: IL FUTURO DEL MARKETING ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DEL CLIENTE UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI UDINE FACOLTÁ DI ECONOMIA Corso di Laurea in Economia Aziendale Esame di Laurea CRM: IL FUTURO DEL MARKETING ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DEL CLIENTE Tutore: Prof. Maria Chiarvesio

Dettagli

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price Pricing Strategy Approfondimenti tematici settembre 2013 Le informazioni contenute nel presente documento sono classificate riservate e confidenziali ad esclusivo

Dettagli

Il marketing dei servizi. Le aspettative dei clienti rispetto alle performance del servizio e le fonti delle aspettative

Il marketing dei servizi. Le aspettative dei clienti rispetto alle performance del servizio e le fonti delle aspettative Il marketing dei servizi Le aspettative dei clienti rispetto alle performance del servizio e le fonti delle aspettative Le aspettative del cliente I clienti hanno vari tipi di aspettative relativamente

Dettagli

IL PATRIMONIO INTANGIBILE. Idee e metodologie per la direzione d impresa. Marzo 2004

IL PATRIMONIO INTANGIBILE. Idee e metodologie per la direzione d impresa. Marzo 2004 Marzo Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. IL PATRIMONIO INTANGIBILE COSA SI INTENDE PER PATRIMONIO INTANGIBILE?

Dettagli

CEREF Soc. Coop. a r.l. Viale Monza, 12 20127 Milano www.ceref.net - Catalogo corsi di Formazione per la Distribuzione Commerciale -

CEREF Soc. Coop. a r.l. Viale Monza, 12 20127 Milano www.ceref.net - Catalogo corsi di Formazione per la Distribuzione Commerciale - 3333 CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE PER LA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE INDICE AREA COMMERCIALE E GESTIONALE Lo scenario e gli sviluppi della GD in Italia e in Europa pag. 2 Le leve commerciali della distribuzione

Dettagli

Restaurant Manager Academy

Restaurant Manager Academy Restaurant Manager Academy 1 La conoscenza non ha valore se non la metti in pratica L Accademia Un percorso formativo indispensabile per l attività di un imprenditore nel settore della ristorazione e dell

Dettagli

Relationship. Customer. Management. Che cos'è CRM? CRM non è un prodotto o un servizio. Tanto meno è un applicativo software.

Relationship. Customer. Management. Che cos'è CRM? CRM non è un prodotto o un servizio. Tanto meno è un applicativo software. Customer Relationship Management Che cos'è CRM? CRM non è un prodotto o un servizio. Tanto meno è un applicativo software. 2 CRM è una strategia competitiva,, basata sulla capacità di mantenersi costantemente

Dettagli

Il marketing dei servizi. Il comportamento d acquisto nei servizi

Il marketing dei servizi. Il comportamento d acquisto nei servizi Il marketing dei servizi Il comportamento d acquisto nei servizi Il comportamento d acquisto È sempre rivolto a qualche obiettivo Comporta sempre più attività È un processo a più stadi (pre acquisto, acquisto,

Dettagli

I Principi di Marketing Management Filosofia e Funzione

I Principi di Marketing Management Filosofia e Funzione I Principi di Marketing Management Filosofia e Funzione 1 Che cosa si intende con il termine? Una lettura attraverso i grandi cambiamenti sociali, economici e i cambiamenti, last but not least, tecnologici

Dettagli

IL MARKETING STRATEGICO

IL MARKETING STRATEGICO IL MARKETING STRATEGICO Definizione di Marketing Marketing: un processo attuo a definire, prevedere, soddisfare, creare, distribuire, promuovere beni e/o servizi, bisogni e esigenze dei clienti consumatori

Dettagli

Parte Quarta Pianificazione del servizio al Cliente

Parte Quarta Pianificazione del servizio al Cliente Parte Quarta Pianificazione del servizio al Cliente C è una sola definizione valida dello scopo del business: creare un cliente. Sarà quest ultimo che determinerà ciò che deve essere il business. Non è

Dettagli

Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni

Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni Alessandro Musumeci Direttore Centrale Sistemi Informativi Roma, 18 aprile 2013 Ora esiste il Web 2.0: le persone al centro. Interconnesse Informate Disintermediate

Dettagli

Una soluzione web per ridurre i costi e aumentare il potere contrattuale verso i Distributori. Ovvero: Come scavalcare la Rete Vendita e farla felice

Una soluzione web per ridurre i costi e aumentare il potere contrattuale verso i Distributori. Ovvero: Come scavalcare la Rete Vendita e farla felice Una soluzione web per ridurre i costi e aumentare il potere contrattuale verso i Distributori Ovvero: Come scavalcare la Rete Vendita e farla felice Il problema da risolvere Una piccola azienda commerciale

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Il Marketing Strategico Nicola Marinelli nicola.marinelli@unifi.it Cosa vuol dire strategia aziendale? Determinazione dei

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 L Osservatorio TCI sul Turismo Scolastico Perché? L idea di costituire un Osservatorio sul Turismo

Dettagli

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo Scheda Il CRM per la Gestione del Marketing Nelle aziende l attività di Marketing è considerata sempre più importante poiché il mercato diventa sempre più competitivo e le aziende necessitano di ottimizzare

Dettagli

La gestione dei reclami

La gestione dei reclami La gestione dei reclami - Dispensa del partecipante - Olympos Group srl - Vietata ogni riproduzione anche in forma parziale V. 01/2007 GG OLYMPOS Group srl - Via Madonna della Neve, 2/1 24021 Albino (BG)

Dettagli

Pratiche Viaggio. Inserimento commissioni sia in percentuale che in valore assoluto per ogni singolo servizio

Pratiche Viaggio. Inserimento commissioni sia in percentuale che in valore assoluto per ogni singolo servizio Pratiche Viaggio Gestione stato delle pratiche: o proposta di viaggi o preventivo o proposta impegnativa o pratica confermata Gestione vendite 74 Ter Duplicazione automatica Pratiche Quote differenziate

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

XMART per gestire il retail non food

XMART per gestire il retail non food XMART per gestire il retail non food Le aziende retail che oggi competono nei mercati specializzati, sono obbligati a gestire una complessità sempre maggiore; per questo, hanno bisogno di un valido strumento

Dettagli

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 1 Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali

Dettagli

Parte Quinta Le Strategie Cliente

Parte Quinta Le Strategie Cliente Parte Quinta Le Strategie Cliente Con il simbolo ^ le slide che non sono state discusse in aula C è una sola definizione valida dello scopo del business: creare un cliente. Sarà quest ultimo che determinerà

Dettagli

05/03/2009. Sociologia della Comunicazione. Importanza delle relazioni. Definizione di CRM A.A. 2008-2009. Logiche ed applicazioni di CRM

05/03/2009. Sociologia della Comunicazione. Importanza delle relazioni. Definizione di CRM A.A. 2008-2009. Logiche ed applicazioni di CRM Sociologia della Comunicazione A.A. 2008-2009 Logiche ed applicazioni di CRM Fulvio Fortezza Importanza delle relazioni Oggi il successo di un impresa non dipende più solo dalle competenze che si originano

Dettagli

Hai una o più autorimesse? Sei ambizioso e vuoi innovare la tua azienda? Hai una superficie da mettere a reddito? Hai mai pensato a un parcheggio?

Hai una o più autorimesse? Sei ambizioso e vuoi innovare la tua azienda? Hai una superficie da mettere a reddito? Hai mai pensato a un parcheggio? Hai una o più autorimesse? Sei ambizioso e vuoi innovare la tua azienda? Hai una superficie da mettere a reddito? Hai mai pensato a un parcheggio? Hai voglia di investire e di diventare imprenditore nel

Dettagli

L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011

L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011 L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011 MARKETING SOCIALE Il Marketing Sociale è l'utilizzo delle strategie e delle tecniche del marketing per influenzare un gruppo target ad accettare, modificare o abbandonare

Dettagli

MARKETING AUTOMATION Per adottare un nuovo metodo di lavoro nel B2B

MARKETING AUTOMATION Per adottare un nuovo metodo di lavoro nel B2B 03 MARKETING AUTOMATION Per adottare un nuovo metodo di lavoro nel B2B Contenuti 3.0 3.1 Marketing Automation, esempi e strategie per nuove opportunità nel B2B Applicazione e vantaggi di un metodo innovativo

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

Il Marketing Concetti Introduttivi

Il Marketing Concetti Introduttivi Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del

Dettagli

IL MARKETING TURISTICO. Ermanno Bonomi

IL MARKETING TURISTICO. Ermanno Bonomi IL MARKETING TURISTICO Ermanno Bonomi EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI MARKETING Capitalismo industriale comporta attività produttive sempre più fondate sulla ricerca e la scienza. Creazione di impianti sempre

Dettagli

SMS Strategic Marketing Service

SMS Strategic Marketing Service SMS Strategic Marketing Service Una piattaforma innovativa al servizio delle Banche e delle Assicurazioni Spin-off del Politecnico di Bari Il team Conquist, Ingenium ed il Politecnico di Bari (DIMEG) sono

Dettagli

La gestione del cliente in un ottica di marketing

La gestione del cliente in un ottica di marketing La gestione del cliente in un ottica di marketing La soddisfazione del cliente Intuitivamente semplice, ma implica un esatta definizione dei parametri misurabili, in base ai quali un cliente si può definire

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

INDICE. 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa

INDICE. 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa INDICE 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa 2. Una storia di successo 3. Valori che fanno la differenza Prezzo Servizio clienti Sicurezza degli acquisti Facilità e flessibilità Innovazione e tecnologia

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG

LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE STRATEGICA LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA DI MTKG È LA SEQUENZA LOGICA DI ATTIVITÀ CHE CONSENTE DI: Stabilire gli obiettivi di mtkg, Formulare

Dettagli

REVENUE MANAGEMENT REVENUE MANAGEMENT 08/05/2014 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DEL TURISMO

REVENUE MANAGEMENT REVENUE MANAGEMENT 08/05/2014 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DEL TURISMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DEL TURISMO Anno Accademico 2013 2014 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO PER LE IMPRESE TURISTICHE Revenue Management Miriam Berretta Programmazione miriam.berretta@gmail.com e controllo

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento CUSTOMER SATISFACTION COME RILEVARE IL LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEI CLIENTI (CUSTOMER SATISFACTION) Rilevare la soddisfazione dei clienti non è difficile se si dispone di

Dettagli

I fattori di successo nell industria dei fondi

I fattori di successo nell industria dei fondi Financial Services Banking I fattori di successo nell industria dei fondi Un marketing ed una commercializzazione strategici sono la chiave per l acquisizione ed il mantenimento dei clienti Jens Baumgarten,

Dettagli

29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata

29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata 29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata Cos è? Il Customer Relationship Management (CRM) è una strategia per la gestione di tutte le interazioni che hanno luogo con i clienti potenziali ed esistenti.

Dettagli

Panoramica delle funzioni

Panoramica delle funzioni Panoramica delle funzioni 1/16 Indice Premessa L email di accoglienza L area di accoglienza La gestione dei servizi Il Cross selling & l Hotel Chain Experience Gli eventi in città Gli invii automatici

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Obiettivi della lezione Illustrare il passaggio dall orientamento alla transazione all orientamento alla relazione nel marketing contemporaneo

Dettagli

Business Model Canvas

Business Model Canvas Business Model Canvas I N C O N T R O C O N G L I S T U D E N T I D I I I S R E M O N D I N I S U I M P R E N D I T O R I A L I T A E S T A R T - U P D I M P R E S A 2 3 F E B B R A I O 2 0 1 6 B A S S

Dettagli

Le idee per il tuo futuro: un business possibile!

Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Antonio Usai ausai@uniss.it Marketing strategico e sviluppo nuovi prodotti Dipartimenti di scienze economiche e aziendali Università degli Studi di Sassari

Dettagli

strategie d impresa e rapporto con il mercato L E-Business e il consumatore: il nuovo paradigma

strategie d impresa e rapporto con il mercato L E-Business e il consumatore: il nuovo paradigma Gli Strumenti del Commercio Internazionale: Internet, contratti, agevolazioni Struttura congressi Hotel Solara Conca Specchiulla (Otranto) 12-13 giugno 2003 D&L Studio Strategie di Internazionalizzazione

Dettagli

CHARM IN ITALY L ASSOCIAZIONE PER LO SVILUPPO DEL TURISMO E LA PROMOZIONE DEL CONSUMO

CHARM IN ITALY L ASSOCIAZIONE PER LO SVILUPPO DEL TURISMO E LA PROMOZIONE DEL CONSUMO ti invita ad essere CHARM IN ITALY L ASSOCIAZIONE PER LO SVILUPPO DEL TURISMO E LA PROMOZIONE DEL CONSUMO L associazione Charm in Italy nasce con l intento di donare nuova linfa al mercato turistico ricettivo

Dettagli

LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE CUSTOMER SATISFACTION CHI E IL CLIENTE? 23/10/2011

LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE CUSTOMER SATISFACTION CHI E IL CLIENTE? 23/10/2011 LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 1 CUSTOMER SATISFACTION Lo stato in cui i bisogni, desideri, aspettative dei clienti sono soddisfatti e portano al riutilizzo del prodotto/ servizio ed alla fedeltà all azienda

Dettagli

La funzione Marketing e Vendite

La funzione Marketing e Vendite Lezione 14 La funzione Marketing e Vendite prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2005-2006 .. una traiettoria evolutiva fase dell orientamento alla produzione D > O (artigianalità

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

DIRECT MARKETING: COME- QUANDO-PERCHE UTILIZZARLO

DIRECT MARKETING: COME- QUANDO-PERCHE UTILIZZARLO DIRECT MARKETING: COME- QUANDO-PERCHE UTILIZZARLO Definire il Direct Marketing, riportando la definizione tratta da Wikipedia, l enciclopedia libera nata grazie ai contributi degli utenti della rete internet:

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

Il valore aggiunto per i tuoi clienti, una possibilità in più per incrementare il tuo fatturato. l innovativo sistema per l emissione di buoni online

Il valore aggiunto per i tuoi clienti, una possibilità in più per incrementare il tuo fatturato. l innovativo sistema per l emissione di buoni online l innovativo sistema per l emissione di buoni online Il valore aggiunto per i tuoi clienti, una possibilità in più per incrementare il tuo fatturato in collaborazione con Vuoi incrementare il tuo fatturato

Dettagli