L ispezione sanitaria nei mercati ittici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ispezione sanitaria nei mercati ittici"

Transcript

1 L ispezione sanitaria nei mercati ittici Gualtiero FAZIO Pisa, 7 maggio 2010

2 Legge n. 125 Mercati di produzione Mercati di raccolta Tipici dei grandi centri di produzione di prodotti ittici (in essi affluiscono prodotti della pesca di primo sbarco) Mercati di consumo Mercati in cui affluiscono prodotti ittici destinati agli esercizi al dettaglio o alla GDO eprovenienti da Mercati di produzione o da altri stabilimenti. Mercati misti Sono mercati contemporaneamente di produzione e di consumo.

3 Legge n. 125 art. 11 Nei mercati prodotti ittici è istituito un servizio di vigilanza sanitaria e di controllo sulla specie e categoria delle merci introdotte, al quale, è preposto un veterinario particolarmente esperto nella materia. L ente gestore del mercato pone a disposizione del veterinario i locali, le attrezzature e il personale necessario per lo svolgimento delle sue funzioni. Il direttore di mercato è responsabile della esecuzione di tutte le disposizioni impartite dal veterinario. I prodotti ittici provenienti da altri Comuni, anche se formanti oggetto di contrattazione fuori mercato, ed i prodotti ittici destinati alla conservazione debbono essere sempre sottoposti al controllo sanitario.

4 D. L.vo n. 531/1992 Il servizio veterinario della unità sanitaria locale competente per territorio assicura: - l'ispezione degli stabilimenti ad intervalli regolari, - il controllo dei mercati all'ingrosso e degli impianti per le aste; - la verifica delle condizioni di conservazione, di trasporto e di commercializzazione. Il servizio veterinario della unità sanitaria locale competente per territorio esegue: - il controllo dei prodotti della pesca anteriormente alla loro commercializzazione nei mercati all'ingrosso e negli impianti collettivi per le aste al fine di stabilire se i prodotti sono idonei al consumo umano.

5 IL SETTORE DEI PRODOTTI DELLA PESCA Il controllo (visita dei prodotti di primo sbarco) La vigilanza

6 "Faber est suae quisque fortunae (Sallustio) Homo artifex fortunae suae ognuno è artefice della propria fortuna

7 Reg. (CE) n. 852/2004 art. 1 (ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento stabilisce norme generali in materia di igiene dei prodotti alimentari destinate agli operatori del settore alimentare, tenendo conto in particolare dei seguenti principi: a) la responsabilità principale per la sicurezza degli alimenti incombe all operatore del settore alimentare;

8 Reg. (CE) n. 854/2004 ALLEGATO III - PRODOTTI DELLA PESCA CONTROLLI UFFICIALI DELLA PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE 1. I controlli ufficiali della produzione e commercializzazione dei prodotti della pesca comprendono, in particolare: a) un controllo regolare sulle condizioni igieniche dello sbarco e della prima vendita; b) ispezioni, ad intervalli periodici, sulle navi e degli stabilimenti a terra, comprese le vendite all'asta e i mercati all'ingrosso; c) controlli sulle condizioni di magazzinaggio e di trasporto.

9 Reg. (CE) n. 852/2004 art. 5 (Analisi dei pericoli e punti critici di controllo) 1. Gli operatori del settore alimentare predispongono, attuano e mantengono una o più procedure permanenti, basate sui principi del sistema HACCP. Il paragrafo 1 si applica unicamente agli operatori del settore alimentare che intervengono in qualsivoglia fase della produzione, trasformazione e distribuzione degli alimenti successiva alla produzione primaria

10 Reg. (CE) n. 852/2004 Manuali di corretta prassi igienica - contengono orientamenti sul controllo dei rischi nella produzione primaria e nelle operazioni associate; - contengono le informazioni sulle azioni del controllo dei pericoli; - incoraggiano l uso delle buone pratiche igieniche nell ambito della produzione primaria; - tengono conto dell attività propria di settore approfondendo i sistemi di pesca e di allevamento per consentire ai soggetti direttamente o indirettamente interessati, una conoscenza ed una formazione più specifica; - sono validati dal Ministero della Salute.

11 Regolamento (CE) n. 853/2004 PdP Oltre a garantire la conformità ai requisiti microbiologici gli operatori del settore alimentare (OSA) devono garantire, in funzione della natura del prodotto o delle specie, che i prodotti della pesca immessi sul mercato per il consumo umano soddisfino i seguenti requisiti: tossine nocive per la salute umana caratteristiche organolettiche istamina ABVT TMA-N parassiti

12 Reg. (CE) n. 853/2004 TOSSINE NOCIVE PER LA SALUTE UMANA 1. Non devono essere immessi sul mercato i prodotti della pesca ottenuti da pesci velenosi delle seguenti famiglie: Tetraodontidae, Molidae, Diodontidae e Canthigasteridae. 2. Non devono essere immessi sul mercato i prodotti della pesca contenenti biotossine (ad esempio la ciguatossina o le tossine che paralizzano i muscoli).

13

14 Reg. (CE) n. 853/2004 Tetraodotossina: proprietà La TTX è principalmente una potente neurotossina. La TTX blocca i canali del sodio sulla superficie delle membrane nervose del muscolo e del cuore. Solubile in soluzioni acquose acide, debolmente solubile in acqua-alcool, insolubile in solventi organici. Distrutta da trattamenti acidi/alcalini. Incerta la stabilità al calore. La TTX è da 10 fino a 100 volte più pericolosa del veleno della vedova nera e di molti serpenti del sud est asiatico. E volte più pericolosa del cianuro. Non esiste antidoto.

15 Reg. (CE) n. 853/2004 Tetraodotossina: sintomi 20-3 ore dal pasto Parestesia facciale, estremità arti Flash luminosi, cefalea, dolore epigastrico Talora vomito e diarrea Spesso difficoltà motorie, dell equilibrio, della parola Paralisi crescente Spesso persiste lucidità fino alla morte Morte tra 4-6 ore dalla comparsa dei sintomi (20 min-8 ore)

16 Reg. (CE) n. 853/2004 Pesci velenosi Famiglia Molidae Pesce luna (Mola mola)

17 Reg. (CE) n. 853/2004 Pesci velenosi Famiglia Molidae Pesce luna troncato (Ranzania laevis laevis)

18 Reg. (CE) n. 853/2004 Pesci velenosi Famiglia Molidae Pesce luna lanceolato (Masturus lanceolatus)

19

20 Reg. (CE) n. 853/2004 Pesci velenosi Famiglia Tetraodontidae Pesce palla Pufferfish - Fugu

21 Reg. (CE) n. 853/2004 Pesci velenosi

22 Reg. (CE) n. 853/2004 Rospo o Rana pescatrice Pesce palla

23 Circolare n. 48 del 13/05/1983 Rospo o Rana pescatrice Pesce palla

24 Diagnosi differenziale fra coda di Rospo e tranci di Pesce palla Rana pescatrice (Lophius piscatorius) Tre raggi spinosi filiformi liberi, uniti solo alla base da una breve membrana e situati davanti alla pinna dorsale principale Pesce palla Fam. Tetraodontidae Assenza di raggi spinosi liberi davanti alla pinna dorsale Frangie di appendici carnose lungo la linea laterale, al confine tra la zona dorsale scura e la zona ventrale chiara del corpo Assenza di appendici carnose (linea laterale indistinta) Pelle del corpo completamente liscia e nuda (senza scaglie) Pelle con numero variabile di spine corte, almeno nella zona antero-dorsale del corpo 8 raggi nella pinna caudale 11 raggi nella pinna caudale La metà distale dei raggi mediani della pinna caudale è divisa in 2-4 ramificazioni I raggi mediani della pinna caudale, divisi fin dalla base, danno luogo gradualmente a 8 o più ramificazioni. L esame radiografico evidenzia una immagine a x nella struttura interna dei corpi vertebrali di forma quadrangolare L esame radiografico evidenzia una immagine ad archi contrapposti nella struttura interna dei corpi vertebrali di forma rettangolare L identificazione potrebbe essere facilitata se le rane pescatrici venissero lavorate effettuando il taglio della coda davanti ai 3 raggi dorsali liberi, invece che effettuarlo, come generalmente avviene, dietro ai tre raggi dorsali liberi

25 Diagnosi differenziale fra coda di Rospo e tranci di Pesce palla Rana pescatrice o Rospo Immagine a x nella struttura interna dei corpi vertebrali di forma quadrangolare Pesce palla Immagine ad archi contrapposti nella struttura interna dei corpi vertebrali di forma rettangolare

26 Reg. (CE) n. 853/2004 Pesci velenosi Famiglia Diodontidae Pesce istrice PORCUPINEFISH

27

28 Tetraodotossina Dal 1974 al vittime in Giappone. Si è stimato che annualmente si verifichino 150 casi di cui il 60% mortali. Le parti più tossiche sono le ovaie, il fegato, l intestino e la pelle. In Giappone consumo nei ristoranti consentito solo nel periodo tra ottobre e marzo (fuori riproduzione). Solo pochi casi sono stati riportati negli Stati Uniti e nell area dell indopacifico.

29 Costo di un piatto di fugu: Euro...Chi mangia fugu è stupido ma è stupido anche chi non lo mangia!

30 Reg. (CE) n. 853/2004 Ciguatossina Ciguatoxin (CTx-1) is a marine biotoxin produced by dinoflagellate, which are microscopic plants that are primarily found in tropical waters. The toxin is usually carried by large carnivorous tropical fish, such as barracuda, red snapper, amberjack, and grouper. Ciguatoxin concentrations are the highest in the liver, head, gonads, and viscera of the fish.

31 Reg. (CE) n. 853/2004 Ciguatossina polietere liposolubile e termostabile

32 Reg. (CE) n. 853/2004 Ciguatossina Consumo di pesci subtropicali Colpite persone/anno Oceano pacifico - Indiano occidentale - Mar dei Caraibi

33 Reg. (CE) n. 853/2004 Ciguatossina: sintomi The clinical symptoms of ciguatera poisoning can be classified into four broad groups: - neurologic, - cardiovascular, - gastrointestinal, - general symptoms. Symptoms usually begin 10 minutes to 12 hours, but can occur up to 36 hours after eating a poisonous fish.

34 Reg. (CE) n. 853/2004 Ciguatossina

35 Reg. (CE) n. 853/2004 Ciguatossina oltre 400 specie coinvolte; la ciguatossina non ha alcun effetto negativo nei pesci e una volta assimilata dal pesce non viene più eliminata; il pesce rimane quindi tossico per tutta la vita; la concentrazione di ciguattosina sarà tanto più elevata quanto il predatore è sedentario e vecchio (quindi di grande taglia).

36 Reg. (CE) n. 853/2004 Ciguatossina Famiglia Lutjanidae Acantocibio (Wahoo) Acanthocybium solandri Famiglia Serranidae

37 Reg. (CE) n. 2074/2005 Gempylidi I prodotti della pesca freschi, preparati e trasformati appartenenti alla famiglia Gempylidae, in particolare Ruvettus pretiosus e Lepidocybium flavobrunneum, possono essere immessi sul mercato soltanto in forma di prodotti confezionati o imballati e devono essere opportunamente etichettati al fine di informare i consumatori sulle modalità di preparazione o cottura e sul rischio connesso alla presenza di sostanze con effetti gastrointestinali avversi. Sull'etichetta il nome scientifico deve figurare accanto a quello comune.

38 Reg. (CE) n. 2074/2005 Gempylidi Famiglia Gempylidae Ruvetto (Ruvettus pretiosus) Famiglia Gempylidae Escolar Oilfish (Lepidocybium flavobruneum)

39

40 Pesci velenosi Mangiameduse (Schedophilus medusophagus)

41 Pesci velenosi Tetragonuro (Tetragonurus cuvieri)

42 DREAM FISH

43

44

45

46

47

48

49 Reg. (CE) n. 853/2004 Gli operatori del settore alimentare devono effettuare un esame organolettico dei prodotti della pesca. In particolare, tale esame deve garantire che i prodotti della pesca soddisfino tutti i criteri di freschezza. Reg. (CE) n. 854/2004 I controlli ufficiali sui prodotti della pesca comprendono almeno i seguenti elementi: Controlli organolettici a campione effettuati in tutte le fasi della produzione, lavorazione e distribuzione. Uno degli scopi di tali controlli è quello di verificare il rispetto dei criteri di freschezza si tratta di verificare che i prodotti della pesca superino almeno i livelli minimi dei criteri di freschezza stabiliti conformemente alla normativa comunitaria.

50 Esame organolettico dei PdP Identificare il prodotto non idoneo al consumo umano Classificare merceologicamente il pesce in base allo stato di conservazione Classificare il pesce nell ottica di prevederne un termine di conservabilità (se mantenuto in condizioni idonee)

51 Schema Artioli-Ciani FRESCHISSIMO FRESCO STANTIO ALTERATO Presente Assente Assente Assente Caratteri fondamentali RIGIDITA CADAVERICA Salso Salso o di fresco Dolciastro o di frescume Fecaloide o ammoniacale ASPETTO GENERALE Brillante da brillante a vivo da vivo a smorto da smorto a cinereo CONSISTENZA Soda Elastica da elastica a molle da molle a flaccida OCCHIO Vivo da vivo a vitreo da vitreo ad appannato da appannato a essiccato BRANCHIE Bordeaux da Bordeaux a porpora da porpora a mattone da mattone a carnicino ODORE Caratteri accessori

52 Schema Artioli-Ciani Pregi: - Sintetizza in maniera efficace le operazioni che un veterinario ispettore di un mercato ittico conduce quotidianamente in maniera automatica. - Flessibile, maneggevole, rapido, pratico, adotta criteri che sono usati anche dai commercianti. Difetti: - Ha una applicabilità ridotta ad organismi acquatici marini o di acqua salmastra. - Non può essere applicato in maniera integrale in pesci di acqua dolce, nei Selaci, ma anche in altre famiglie come i Pleuronettidi. - Si basa su valutazioni soggettive. - Deve opportunamente essere integrato con l esperienza e la sensibilità personale.

53 Pesce azzurro Reg. (CE) n. 2406/1996

54 Pesce bianco Eglefini, Merluzzi bianchi, Merluzzi carbonari, Merluzzi gialli, Scorfani del Nord o Sebasti, Merlani, Molve, Naselli, Pesci castagna, Rane pescatrici, Merluzzi francesi o Merluzzi capellani, Boghe, Menole, Gronghi, Caponi, Cefali, Passere di mare, Rombi gialli, Sogliole, Limande, Passere pianuzze, Pesci sciabola. Pesce azzurro Tonni bianchi o alalunga, Tonni rossi, Tonni obesi, Melù o Potassoli, Aringhe, Sardine, Sgombri, Suri, Acciughe. Selaci Spinaroli, Gattucci, Razze. Cefalopodi Seppie. Reg. (CE) n. 2406/1996 Crostacei Gamberetti, Scampi.

55 Reg. (CE) n. 2406/1996 prevede che sia tenuta in considerazione la presenza di nel giudizio finale si considera la presenza di l incidenza negativa sulla qualità sanitaria. Si crea di fatto una sorta di pactum sceleris, un compromesso fra esigenze commerciali ed igienico-sanitarie. parassiti.

56 Reg. (CE) n. 2406/1996 Considera la presenza di segni negativi che comportavano un declassamento del prodotto: es. scorticature, segni di pressione, presenza di sudiciume, decolorazione, ecc.

57 Nota del Ministero della Sanità 600/.7/24481/AG50/1401 del precisava che i criteri per dichiarare un prodotto della pesca non idoneo al consumo umano sono quelli figurano nella categoria non ammesso del Reg. 2406/96. nel suddetto Regolamento sono elencati i prodotti della pesca a cui si applicano i criteri di classificazione di freschezza e di idoneità al consumo umano.

58 Quality Index Method

59 Reg. (CE) n. 853/2004 AZOTO BASICO VOLATILE ABVT Parametro aspecifico composto da tutte le frazioni azotate (aminoacidi, peptidi a basso peso molecolare, ammoniaca, mono e dimetilamina). Fornisce indicazioni di massima, che risentono della specie, degli eventuali stress durante la pesca, del tipo di muscolatura, dell uso di ghiaccio come mezzo refrigerante, ecc.

60 Reg. (CE) n. 2074/2005 AZOTO BASICO VOLATILE ABVT a) 25 mg di azoto/100 g di carne, per le specie Sebastes spp., Helicolenus dactylopterus, Sebastichthys capensis; b) 30 mg di azoto/100 g di carne, per i Pleuronettidi (escluso l Halibut: Hippoglossus spp.). c) 35 mg di azoto/100 g di carne, per Salmo salar, specie appartenenti alla famiglia dei Merluccidi, specie appartenenti alla famiglia dei Gadidi.

61 Reg. (CE) n. 853/2004 AZOTO BASICO VOLATILE ABVT Caratteristiche organolettiche e valori di ABVT Valori guida di ABVT per la valutazione della freschezza

62 Reg. (CE) n. 853/2004 TMA-N (TRIMETILAMINA N) Nei tessuti di molti pesci marini e di molluschi, ma soprattutto di crostacei si trova abbondante quantità di Ossido di Trimetilamina TMA-O; Il TMA-O è il principale costituente della frazione azotata non proteica; Viene sintetizzato nei pesci per via enzimatica o assunto tal quale da alcune alghe; Con il passare del tempo diminuisce il TMA-O che viene degradato a TMA; Dall aumento del TMA deriva il caratteristico odore di pesce ; Tale odore fa la sua comparsa con livelli di TMA compresi fra 4 e 6 mg/100 gr Quantitativi superiori a 10 mg/100 gr conferiscono al pesce un caratteristico odore di stantio.

63 Reg. (CE) n. 853/2004 TMA-N (TRIMETILAMINA N) Andamento del contenuto di TMAO e TMA dopo la morte del pesce

64 Reg. (CE) n. 2073/2005 ISTAMINA Can involve any fish containing high levels of free histidine Bacteria (Proteus morganii, Escherichia coli, Enterobacter aerogenes, Clostridium perfringens, Lactobacillus) break down free histidine into histamine

65 Reg. (CE) n. 2073/2005 ISTAMINA

66 Reg. (CE) n. 2073/2005 ISTAMINA Cadaverina Putrescina inibitori diammina ossidasi / istamina-n-metiltransferasi

67 Reg. (CE) n. 2073/2005 ISTAMINA Sgombrotossina: si forma come risultato di abuso tempo/temperatura. I batteri in grado di produrre istamina si moltiplicano in un ampio range di temperatura: la crescita è più rapida con elevato abuso termico (>20 C). L enzima istidina-decarbolissilasi, una volta formatosi, può continuare a produrre istamina anche se il batterio non è attivo. L enzima è attivo a temperature di refrigerazione. L enzima viene riattivato rapidamente dopo lo scongelamento; in alcuni casi (in presenza di elevate quantità di enzima) si può avere formazione di istamina anche durante il congelamento. Il congelamento per lungo tempo (>24 settimane) può inattivare l enzima. Termostabile può essere rinvenuta anche nei pesci inscatolati.

68 Reg. (CE) n. 2073/2005 ISTAMINA Malattie alimentari per consumo di prodotti ittici (casi stimati per anno) Norwalk-like virus Scombroid fish poisoning Ciguatera fish poisoning Vibrio species Hepatitis A Salmonella Shigella Clostridium perfringens 100,000 8,000 1,600 1,060 1,

69 Reg. (CE) n. 2073/2005 ISTAMINA La sintomatologia è allergicosimile e vasodilatatoria e si manifesta entro pochi minuti dall ingestione del pesce. L intossicazione da istamina è definita anche allergy like food poisoning.

70 Reg. (CE) n. 2073/2005 ISTAMINA - criterio di sicurezza alimentare

71

72 Reg. (CE) n. 2073/2005 ISTAMINA - criterio di sicurezza alimentare Categoria alimentare metaboliti Piano di campionamento n c Limiti m Fase a cui si applica il criterio M Metodo di analisi di riferimento Prodotti HPLC della pesca Istamina Prodotti immessi ottenuti mg/kg mg/kg sul mercato da specie durante il loro ittiche periodo di associate conservabilità con un (17) tenore elevato di istidina (16) (16) In particolare le specie delle famiglie: Scombridae, Clupeidae, Engraulidae, Coryfenidae, Pomatomidae, Scomberesocidae. (17) I singoli campioni possono essere prelevati presso dettaglianti. In tal caso non vale il principio di cui all articolo 14, paragrafo 6, del regolamento (CE) n. 178/2002, secondo cui si presume che l intera partita sia a rischio.

73 Reg. (CE) n. 2073/2005 ISTAMINA - criterio di sicurezza alimentare Categoria alimentare metaboliti Piano di campionamento n c Limiti m M Fase a cui si applica il criterio Metodo di analisi di riferimento HPLC Prodotti della Istamina Prodotti pesca che hanno mg/kg mg/kg immessi sul subito un mercato trattamento di durante il loro maturazione periodo di enzimatica in conservabilità salamoia, ottenuti (17) da specie ittiche associate con un tenore elevato di istidina (16) (16) In particolare le specie delle famiglie: Scombridae, Clupeidae, Engraulidae, Coryfenidae, Pomatomidae, Scomberesocidae.

74 Reg. (CE) n. 2073/2005 ISTAMINA - criterio di sicurezza alimentare Pesce serra Tonno Acciuga

75 Reg. (CE) n. 2073/2005 ISTAMINA - criterio di sicurezza alimentare Costardella Lampuga

76 PARASSITI NEI PdP

77 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP REFERENZIAMENTO DEI FORNITORI FORMAZIONE DEL PERSONALE

78 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP Selezione dei prodotti Acquistare da fornitori referenziati Evitare gli acquisti di specie a maggior rischio Per alcune specie di PdP tenere in considerazione le dimensioni (?) Negli acquisti tenere in considerazione le provenienze ed il metodo di produzione (?) Acquistare prodotti già eviscerati all origine (?) Tenere in considerazione la stagionalità della parassitosi (?)

79 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP Le specie ittiche più frequentemente colpite circolare n.10 del 11 marzo 1992 Pesce sciabola (Lepidopus caudatus) Sardina (Sardina pilchardus)

80 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP Le specie ittiche più frequentemente colpite circolare n.10 del 11 marzo 1992 Aringa (Clupea arengus) Melù o Potassolo (Micromesistius potassou) Suro o Sugarello (Trachurus spp.)

81 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP Le specie ittiche più frequentemente colpite circolare n.10 del 11 marzo 1992 Nasello o Merluzzo (Merluccius merluccius) Triglia di fango e di scoglio (Mullus spp.) Acciuga (Engraulis enchrasicolus)

82 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP Le specie ittiche più frequentemente colpite Pesce S. Pietro (Zeus faber Rospo o Rana pescatrice Lophius spp. Merluzzo nordico (Gadus mohua)

83 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP Le specie ittiche più frequentemente colpite e le dimensioni Sgombro (Scomber scombrus) Per alcune specie di pesci tenere in considerazione le dimensioni Sgombro occhione o Lanzardo (Scomber japonicus) Merlano o Molo (Merlangus merlangus)

84 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP I periodi di pesca Sembra che i parassiti possano essere più facilmente ritrovati nei pesci nel periodo autunno-invernale (novembre febbraio).

85 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP Istruzioni operative sulle attività di monitoraggio Gli elementi che caratterizzano l istruzione operativa: - Pianificazione degli interventi di monitoraggio - Identificazione dei parassiti e dei PdP da monitorare - Definizione dei responsabili - Definizione di campioni statisticamente significativi - Definizione delle modalità di monitoraggio - Definizione dei limiti critici - Definizione delle azioni correttive - Documentazione

86 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP Identificazione dei parassiti e dei PdP da monitorare Zoonosi parassitarie di origine ittica ACQUA SALATA Nematodi - Anisakiasi ACQUA DOLCE Cestodi - Difillobotriasi Trematodi - Clonorchiasi - Opistorchiasi - Heterophidosi Parassiti ittici non zoonosici Copepodi - Pennella Cestodi - Trypanorhinchi - Triaenophorus Protozoi - Microsporidi - Myxozoa (Kudoa spp.)

87 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI I parassiti Infestazioni da PENNELLA

88 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP I parassiti Infestazioni da PENNELLA

89 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI I parassiti Infestazioni da TRYPANORHYNCHA Gualtiero Fazio

90 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP I parassiti MICROSPORIDI

91 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP I parassiti Infestazioni da MYXOZOA: KUDOA SPP. - Parassiti, non trasmissibili all uomo, responsabili di gravi modificazioni dei caratteri organolettici dei pesci infestati. - Infestazione della muscolatura di diverse specie ittiche, caratterizzata da aspetto ripugnante per la presenza di numerose cisti biancastre o più raramente nerastre, che occasionalmente possono esulcerare a livello cutaneo e che spesso determinano la completa liquefazione di estesi distretti muscolari. Gualtiero Fazio

92 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP I parassiti DIPHYLLOBOTHRIUM SPP.

93 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP I parassiti Infestazioni da OPISTORCHIS/CLONORCHIS

94 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP I parassiti TRIAENOPHORUS SPP.

95 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP I parassiti CLINOSTOMUM COMPLANATUM Yellow grub

96 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI I parassiti Infestazioni da parassiti della famiglia ANISAKIDAE Gualtiero Fazio

97 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP I parassiti Reg. (CE) n. 2406/96

98 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP Definizione di un campione statisticamente significativo Da ogni partita di merce conferita (intesa come prodotto pescato di un MP, o da più MP che abbiano pescato insieme nella stessa area) prelevare per ogni specie sensibile i seguenti esemplari da esaminare (campioni), sulla base dell entità della partita stessa (numero casse): - lotto costituito da un numero di casse da 1 a 10: prelevare un minimo di 10 pesci. - lotto costituito da un numero di casse da 10 a 50: prelevare 1 pesce per ogni cassa. - lotto costituito da un numero di casse superiore a 50: prelevare a caso 10 pesci dal 10% delle casse costituenti il lotto.

99 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP Definizione di un campione statisticamente significativo Per essere attendibile bisogna prelevare un numero di esemplari sufficiente a evidenziare la presenza delle larve. Questo numero è in relazione all entità della partita e scaturisce da regole statistiche.

100 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP Definizione di un campione statisticamente significativo Il prelevamento deve essere distribuito uniformemente tra le casse

101 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP Definizione di un campione statisticamente significativo

102 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP Modalità operative del controllo visivo Regolamento (CE) n. 2074/2005 All. II cap. 1 - sez. 1 - Definizioni «controllo visivo» esame non distruttivo di pesci o prodotti della pesca effettuato senza l'ausilio di strumenti di ingrandimento ottico e in condizioni di buona illuminazione per l'occhio umano e, se del caso, anche mediante speratura. «speratura» nel caso dei pesci piatti o dei filetti di pesce, l'osservazione controluce del pesce in una stanza buia. Lampada di Wood in stanza buia.

103 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP Modalità operative del controllo visivo

104

105 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP

106 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP Limiti critici Regione Liguria Circolare 1/97 e D.P.R.G. 282/1997 Ricerca parassiti nelle acciughe - la distruzione delle partite con parassiti migranti sulla superficie; - la distruzione delle partite con numerose larve che conferiscono un aspetto repellente o ripugnante; - il risanamento o la bonifica, secondo le indicazioni della Circolare 10/1992, per le partite con presenza di oltre 3 larve per soggetto nel 10 % del campione e per le partite con infestazione di oltre il 10 % dei soggetti; - Il libero consumo se il numero di larve è uguale o inferiore a 3 per soggetto nel 10 % dei soggetti esaminati.

107 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP Modalità operative del controllo visivo Bozza di Decisione CE

108

109 GESTIONE DEL RISCHIO PRESENZA DI PARASSITI NEI PdP - Regolamento (CE) n. 178/2002 art Linee guida ai fini della rintracciabilità (Accordo Stato Regioni Rep. atti n del 28 luglio 2005) obblighi per gli operatori del settore alimentare nel momento in cui hanno il fondato dubbio o la certezza che un prodotto alimentare non risponda ai requisiti di sicurezza ( art. 14 Reg. 178 alimenti dannosi/inadatti). 1. Identificare e segregare il prodotto Non Conforme; 2. Informare immediatamente l'a.u.s.l. territorialmente competente; 3. Informare l'anello a monte. Se un alimento a rischio fa parte di una partita, lotto o consegna di alimenti della stessa classe o descrizione, si presume che tutti gli alimenti contenuti in quella partita, lotto o consegna siano a rischio.

110 Grazie per l attenzione e cibi sicuri per tutti

L ISTAMINA IL PROBLEMA DEI PARASSITI. DR. ARMANI ANDREA Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Pisa

L ISTAMINA IL PROBLEMA DEI PARASSITI. DR. ARMANI ANDREA Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Pisa L ISTAMINA IL PROBLEMA DEI PARASSITI DR. ARMANI ANDREA Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Pisa L ISTAMINA NEI PRODOTTI ITTICI CHE COS E L ISTAMINA? L Istamina è un composto organico che si forma

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE VETERINARIO CRITICITA SANITARIE CRITICITA SANITARIE NELLA COMMERCIALIZZAZIONE COMMERCIALIZZAZIONE E SOMMINISTRAZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE VETERINARIO CRITICITA SANITARIE CRITICITA SANITARIE NELLA COMMERCIALIZZAZIONE COMMERCIALIZZAZIONE E SOMMINISTRAZIONE CRITICITA SANITARIE CRITICITA SANITARIE NELLA NELLA COMMERCIALIZZAZIONE COMMERCIALIZZAZIONE E SOMMINISTRAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DEI PRODOTTI ITTICI DEI PRODOTTI ITTICI il rischio del crudo nella ristorazione

Dettagli

REGIONE LAZIO AZIENDA USL RMA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE CONTROLLO DEL PERICOLO ANISAKIS NEI PRODOTTI ITTICI

REGIONE LAZIO AZIENDA USL RMA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE CONTROLLO DEL PERICOLO ANISAKIS NEI PRODOTTI ITTICI REGIONE LAZIO AZIENDA USL RMA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE CONTROLLO DEL PERICOLO ANISAKIS NEI PRODOTTI ITTICI REGIONE LAZIO SERVIZIO VETERINARIO IGIENE ALIMENTI O.A. - SIAN CONTROLLO DEL PERICOLO ANISAKIS

Dettagli

Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio

Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio Regolamenti Linee guida europee Linee guida nazionali Documenti SANCO Linee guida regionali Vecchia normativa

Dettagli

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO INFORMAZIONI SUL PESCE È impostante scegliere un buon pescivendolo. Questo implica una serie di considerazioni sul locale: pulizia, ordine, odore di mare, non di ammoniaca o avariato; badate che chi serve

Dettagli

PROCEDURA DI ABBATTIMENTO PER IL CONTROLLO DELLA PRESENZA DI PARASSITI [ Valerio Ranghieri

PROCEDURA DI ABBATTIMENTO PER IL CONTROLLO DELLA PRESENZA DI PARASSITI [ Valerio Ranghieri PROCEDURA DI ABBATTIMENTO PER IL CONTROLLO DELLA PRESENZA DI PARASSITI [ Valerio Ranghieri Redatto da:ranghieri Dr Valerio Medico Veterinario Approvato da: 2 1) SCOPO E FINALITA DELLA PROCEDURA La presente

Dettagli

Il salva acquisto. Mini guida all acquisto di prodotti ittici

Il salva acquisto. Mini guida all acquisto di prodotti ittici Il salva acquisto Mini guida all acquisto di prodotti ittici Calendario ittico i prodotti ittici di stagione Gennaio:nasello, sardina, sogliola, spigola, triglia Febbraio:nasello, sardina, sgombro, sogliola,

Dettagli

Reg. CE 853 854 / 2004. Produzione e commercializzazione dei molluschi bivalvi vivi

Reg. CE 853 854 / 2004. Produzione e commercializzazione dei molluschi bivalvi vivi Reg. CE 853 854 / 2004 Produzione e commercializzazione dei molluschi bivalvi vivi Molluschi bivalvi vivi I regolamenti fissano le norme sanitarie per la produzione e la immissione sul mercato dei molluschi

Dettagli

Analisi dei pericoli nella filiera dei prodotti della pesca trasformati

Analisi dei pericoli nella filiera dei prodotti della pesca trasformati Analisi dei pericoli nella filiera dei prodotti della pesca trasformati Dott. Mino Orlandi Medico veterinario Dipartimento di Prevenzione Azienda ASL 5 Spezzino Imperia 12 giugno 2009 Reg. (CE) N. 178/2002

Dettagli

A.S.L. NO Azienda Sanitaria Locale

A.S.L. NO Azienda Sanitaria Locale Prot. n. / / PR.CA.E Novara, 1 settembre 2014 ASL NO La sicurezza nel piatto Conoscere l anisakis Tra le abitudini alimentari rientra quella di portare sulle nostre tavole prodotti ittici crudi. Per tutela

Dettagli

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Consumo consapevole benefici nutrizionali Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Proprietà nutrizionali Proteine I prodotti della pesca, come

Dettagli

SEMINARIO DIVULGATIVO

SEMINARIO DIVULGATIVO SEMINARIO DIVULGATIVO SEMINARIO DIVULGATIVO Esigenze formative per il settore della Pesca e dell Acquacoltura alla luce delle nuove normative europee. Il manuale di buona prassi igienica strumento essenziale

Dettagli

SICUREZZA ALIMENTARE E RINTRACCIABILITÀ Le norme per il settore

SICUREZZA ALIMENTARE E RINTRACCIABILITÀ Le norme per il settore SICUREZZA ALIMENTARE E RINTRACCIABILITÀ Le norme per il settore Sicurezza alimentare e rintracciabilità OBIETTIVO Presentazione delle novità introdotte dalla EU sulla sicurezza e dei prodotti alimentari.

Dettagli

Torino, 17 giugno 2013. Stefano GILI Dirigente veterinario ASL TO 1

Torino, 17 giugno 2013. Stefano GILI Dirigente veterinario ASL TO 1 Torino, 17 giugno 2013 Stefano GILI Dirigente veterinario ASL TO 1 1 RIFERIMENTI DI LEGGE Legge 283/1962 DPR 327/80 OM 03/04/2002 sulle aree pubbliche Regolamento 178/02 CE Decreto Legislativo 190/06 (disciplina

Dettagli

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Mangia pesce! Il pesce è un alimento che, secondo le linee guida dei nutrizionisti, dovrebbe

Dettagli

I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta

I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta LA FILIERA DEL PESCE I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta Stampa Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana LA FILIERA DEL PESCE I prodotti della pesca: dall acqua

Dettagli

ANISAKIS E ANISAKIASI

ANISAKIS E ANISAKIASI ANISAKIS E ANISAKIASI INTRODUZIONE L anisakiasi è una malattia zoonosica nota da molti anni [Con il termine zoonosi si intende una qualsiasi malattia infettiva o parassitaria degli animali che può essere

Dettagli

PESCE CRUDO Istruzioni per l uso

PESCE CRUDO Istruzioni per l uso PESCE CRUDO Istruzioni per l uso I RISCHI MICROBIOLOGICI nei prodotti della pesca Gestione del PRODOTTO FRESCO e PUNTI CRITICI Dr.ssa Priscilla D Amico Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Pisa

Dettagli

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE Tecnico Della Prevenzione Lazzaro Dott. Alessandro (Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Aulss n 13 Mirano-VE) Verona 03/02/2012 Quadro normativo

Dettagli

potenzialmente legato al consumo dell alimento e a garantirne l idoneità al consumo umano.

potenzialmente legato al consumo dell alimento e a garantirne l idoneità al consumo umano. LINEE GUIDA ALL ACQUISTO DI PRODOTTI ITTICI E MOLLUSCHI BIVALVI REGOLE E CONTROLLI Il cosiddetto Pacchetto Igiene raccoglie i Regolamenti Comunitari in materia di Igiene degli Alimenti, comprendendo tutta

Dettagli

La freschezza del pesce. Renato Malandra ATS Città Metropolitana

La freschezza del pesce. Renato Malandra ATS Città Metropolitana La freschezza del pesce Renato Malandra ATS Città Metropolitana temperature di conservazione i prodotti della pesca freschi e scongelati : 0-1 C con scaglie di ghiaccio le semiconserve : 0-4 C i prodotti

Dettagli

Norme Igieniche. Raffaele Pezzotti Medico Veterinario

Norme Igieniche. Raffaele Pezzotti Medico Veterinario Norme Igieniche Raffaele Pezzotti Medico Veterinario Legislazione di riferimento Pacchetto igiene Regolamento CEE 178/2002 Regolamento CEE 852/2004 Regolamento CEE 853/2004 Importanti cambiamenti PRODUZIONE

Dettagli

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare Milena TEMPESTA & Francesco ZUPPA C.E.A.M. - Centro di Educazione

Dettagli

LE PARASSITOSI ITTICHE TRA VECCHIA E NUOVA LEGISLAZIONE (E NON SOLO)

LE PARASSITOSI ITTICHE TRA VECCHIA E NUOVA LEGISLAZIONE (E NON SOLO) LE PARASSITOSI ITTICHE TRA VECCHIA E NUOVA LEGISLAZIONE (E NON SOLO) CAORLE 30 GIUGNO 2012 DR PAOLO CAPOVILLA I PARASSITI DI INTERESSE SANITARIO: (PRESENTI IN PRODOTTI DELLA PESCA E MOLLUSCHI E TRASMISSIBILI

Dettagli

LA FILIERA DEI PRODOTTI ITTICI. Conoscerli Riconoscerli E gustarli

LA FILIERA DEI PRODOTTI ITTICI. Conoscerli Riconoscerli E gustarli LA FILIERA DEI PRODOTTI ITTICI Conoscerli Riconoscerli E gustarli La filiera dei prodotti ittici Sotto la denominazione di prodotti ittici rientra una vasta gamma di alimenti raggruppati in tre grossi

Dettagli

docente Patrizia Cattaneo

docente Patrizia Cattaneo AGR 4P Anisakiasis docente Patrizia Cattaneo Bibliografia: www.dpd.cdc.gov; www.cdc.gov http://vm.cfsan.fda.gov (Bad Bug Book) Si rimanda ai siti indicati, validi per tutte le malattie di origine alimentare.

Dettagli

AZIENDA UNITÀ SANITARIA 20. Marina Speri VERONA

AZIENDA UNITÀ SANITARIA 20. Marina Speri VERONA AZIENDA UNITÀ SANITARIA 20 Marina Speri VERONA LE FRODI ALIMENTARI IN UOVA E OVOPRODOTTI Rovigo, 5 giugno 2009 Alcuni dati del comparto PRODUZIONE 2008: 12 miliardi e 952 milioni di uova CONSUMO 2008 :

Dettagli

Che cosa è un CAPITOLATO?

Che cosa è un CAPITOLATO? Che cosa è un CAPITOLATO? 1 - è una parte di un contratto di fornitura di beni o servizi 2 - il capitolato contiene indicazioni specifiche in merito a: - tipologia del prodotto (quantità, qualità) - modalità

Dettagli

La sicurezza alimentare.

La sicurezza alimentare. La sicurezza alimentare. Un alimento può considerarsi sicuro, quando è accertata la sua buona qualità sotto il profilo igienico e sanitario. La qualità igienico-sanitaria di un prodotto alimentare, riguarda

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 30.12.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1388/2011 DEL CONSIGLIO del 16 dicembre 2011 che fissa, per la campagna di pesca 2012,

Dettagli

Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo

Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo Microbiologia predittiva Possibili utilizzi nell attività di controllo ufficiale degli Operatori del Settore Alimentare Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo

Dettagli

Gli interferenti endocrini nei prodotti della pesca

Gli interferenti endocrini nei prodotti della pesca Gli interferenti endocrini nei prodotti della pesca Prof. Michele Amorena Conclusioni? I prodotti ittici costituiscono ottimi biosensori dello stato di d inquinamento e riflettono la tipologia e la concentrazione

Dettagli

Obiettivi del presente piano sono la raccolta ordinata di dati statisticamente significativi in merito a:

Obiettivi del presente piano sono la raccolta ordinata di dati statisticamente significativi in merito a: Programma di verifica della qualità microbiologica del latte e dell efficacia dei processi di trattamento termico del latte destinato alla caseificazione 2013-2015 OBIETTIVO: verificare il rispetto dei

Dettagli

linee verticali = inizio estate dal 2001 al 2007

linee verticali = inizio estate dal 2001 al 2007 Il mantenimento della catena del freddo - Requisiti di legge riguardanti la temperatura durante la produzione, la conservazione, il trasporto e la vendita di derrate alimentari D estate, con l aumento

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi Il tema della sicurezza alimentare riveste un ruolo di primaria importanza all interno della vita di ogni consumatore. La legislazione alimentare, fondamentale per assicurare un equo agire della autorità,

Dettagli

Disciplinare di produzione del "NASELLO SAPORE DI CAMPANIA"

Disciplinare di produzione del NASELLO SAPORE DI CAMPANIA Disciplinare di produzione del "NASELLO SAPORE DI Art. 1 denominazione del prodotto la dicitura "NASELLO SAPORE DI CAMPANIA è riservata agli esemplari adulti della specie Merluccius merluccius L. provenienti

Dettagli

Etichettatura dei prodotti ittici L etichettatura del settore ittico è disciplinata da normativa nazionale a carattere generale D.

Etichettatura dei prodotti ittici L etichettatura del settore ittico è disciplinata da normativa nazionale a carattere generale D. Etichettatura dei prodotti ittici L etichettatura del settore ittico è disciplinata da normativa nazionale a carattere generale D.lvo 109/92 e successivi,a carattere speciale DM 27/03/2002, E comunitaria

Dettagli

IZSTO IL PESCE E GIUSTO. Guida pratica all acquisto consapevole del pesce A.S.L. TO1

IZSTO IL PESCE E GIUSTO. Guida pratica all acquisto consapevole del pesce A.S.L. TO1 IZSTO Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d Aosta A.S.L. TO1 Azienda Sanitaria Locale Torino IL PESCE E GIUSTO Guida pratica all acquisto consapevole del pesce LE FRODI

Dettagli

Dal punto di vista gastronomico è importante la distinzione tra i: a) PESCI AFFUSOLATI b) PESCI PIATTI

Dal punto di vista gastronomico è importante la distinzione tra i: a) PESCI AFFUSOLATI b) PESCI PIATTI Modulo integrativo per le classi seconde i prodotti ittici PESCI DI MARE, D ACQUA DOLCE E MISTA I pesci I pesci sono prodotti ittici, sono vertebrati e non vanno confusi con i crostacei e molluschi, che

Dettagli

La gestione dell Anisakis lungo la filiera dei prodotti della pesca: la ristorazione

La gestione dell Anisakis lungo la filiera dei prodotti della pesca: la ristorazione Università degli Studi di Napoli Federico II Comune di Pozzuoli Laboratorio di Ricerca Universitario presso il Mercato Ittico all ingrosso di Pozzuoli La gestione dell Anisakis lungo la filiera dei prodotti

Dettagli

VERSO EXPO 2015 ONE MEDICINE-ONE HEALT. FOOD FOR ALL WORLD FOOD DALLE PRODUZIONI LOCALI AL WORLD FOOD

VERSO EXPO 2015 ONE MEDICINE-ONE HEALT. FOOD FOR ALL WORLD FOOD DALLE PRODUZIONI LOCALI AL WORLD FOOD VERSO EXPO 2015 ONE MEDICINE-ONE HEALT. FOOD FOR ALL WORLD FOOD DALLE PRODUZIONI LOCALI AL WORLD FOOD M. MEAZZA - ASL MILANO - mmeazza@asl.milano.it VETMARE 15 GIUGNO 2014 POLICASTRO 1 MIGRANTI Alimentazione

Dettagli

Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia

Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia Che cos è l Autocontrollo? L Autocontrollo è un obbligo di legge.. per tutte le Aziende alimentari di realizzarlo; per le Autorità Sanitarie competenti

Dettagli

Tossinfezioni alimentari e HACCP

Tossinfezioni alimentari e HACCP Tossinfezioni alimentari e HACCP INTOSSICAZIONI ALIMENTARI Cosa sono? Le intossicazioni alimentari sono manifestazioni patologiche che si determinano in seguito al consumo di alimenti contenenti tossine

Dettagli

MANUALE H.A.C.C.P. 1. PREMESSA...2. 2. passi preliminari...2

MANUALE H.A.C.C.P. 1. PREMESSA...2. 2. passi preliminari...2 MANUALE H.A.C.C.P. 1. PREMESSA...2 2. passi preliminari...2 2.1 DEFINIZIONE DEI TERMINI DI RIFERIMENTO...3 2.2 COSTITUZIONE DEL GRUPPO HA...3 2.3 DESCRIZIONE DEL PRODOTTO...3 2.4 IDENTIFICAZIONE DELLA

Dettagli

LE TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

LE TOSSINFEZIONI ALIMENTARI STRUTTURA COMPLESSA MEDICINA E CHIRURGIA DI ACCETTAZIONE E URGENZA Direttore Dott. Vito Procacci LE TOSSINFEZIONI ALIMENTARI Vito Procacci 1 Il Pronto Soccorso è il luogo dove viene diagnosticata e trattata

Dettagli

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI E GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE Dr. Maurizio Mangelli Responsabile Sicurezza PRINCIPALI NORME DI RIFERIMENTO PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI

Dettagli

ANISAKIS prodotti della pesca da consumare crudi o praticamente crudi

ANISAKIS prodotti della pesca da consumare crudi o praticamente crudi ANISAKIS prodotti della pesca da consumare crudi o praticamente crudi LA NORMATIVA NORMATIVA DI RIFERIMENTO - Regolamento (CE) n. 178/2002 che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione

Dettagli

IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena

IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE NELLA RISTORAZIONE SCOLASTICA Modena 16 e 24 marzo 2010 IL PACCHETTO IGIENE Comprende

Dettagli

Aspetti sanitari cogenti nella filiera ittica

Aspetti sanitari cogenti nella filiera ittica Il controllo e la tracciabilità dei prodotti ittici quali strumenti di valorizzazione della qualità (Reg. UE 1379/2013) - Incontro dibattito - Lunedì 13 aprile 2015 Aspetti sanitari cogenti nella filiera

Dettagli

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 REG. 854 /04 CE stabilisce norme specifiche per l'organizzazione

Dettagli

GRUPPO SPECIFICO PER CONTROLLI QUALIFICATI NEL SETTORE ITTICO

GRUPPO SPECIFICO PER CONTROLLI QUALIFICATI NEL SETTORE ITTICO GRUPPO SPECIFICO PER CONTROLLI QUALIFICATI NEL SETTORE ITTICO nel quadro della programmazione obittivi 2012 del Dipartimento di Prevenzione Veterinario integrato con il Dipartimento di Prevenzione Medico

Dettagli

Infezioni, infestazioni e tossinfezioni alimentari da consumo di prodotti ittici

Infezioni, infestazioni e tossinfezioni alimentari da consumo di prodotti ittici Infezioni, infestazioni e tossinfezioni alimentari da consumo di prodotti ittici Principali problemi sanitari da consumo di prodotti ittici 29/04/2011 A cura di: Valentina Tepedino, Paolo Fagioli INDICE

Dettagli

La filiera del latte

La filiera del latte La filiera del latte 1 Reg. 178/2002 Responsabilità spetta AGLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE garantire che nelle imprese da essi controllate gli alimenti soddisfino le disposizioni della legislazione

Dettagli

IL CONSUMO DI PESCE CRUDO IN LOMBARDIA

IL CONSUMO DI PESCE CRUDO IN LOMBARDIA Convegno Le problematiche relative al consumo di pesce crudo IL CONSUMO DI PESCE CRUDO IN LOMBARDIA Dr. Renato Malandra Responsabile U.O. Mercato Ittico all Ingrosso Milano FATTORI CHE HANNO INFLUITO SUL

Dettagli

Modena, 28 Settembre 2011 IL METODO HACCP: CRITERI DI INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DEI CCP

Modena, 28 Settembre 2011 IL METODO HACCP: CRITERI DI INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DEI CCP Modena, 28 Settembre 2011 La valutazione del 1 e 2 principio Codex Gli strumenti e i metodi a disposizione per il Controllo Ufficiale Paolo Daminelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia

Dettagli

Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida operative

Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida operative PIANO FORMATIVO REGIONALE 2012 Evento N 7 La gestione delle allerte sanitarie in ambito di sicurezza alimentare Pisa 10 giugno 2013 Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida

Dettagli

Regolamento (CE) 104/2000 Regolamento (CE) 2065/2001 Regolamento (CE) 1224/2009 Regolamento (CE) 404/2011

Regolamento (CE) 104/2000 Regolamento (CE) 2065/2001 Regolamento (CE) 1224/2009 Regolamento (CE) 404/2011 1. L obbligo della rintracciabilità è stato assunto dal Consiglio della Comunità Europea, quale principio attraverso il quale organizzare i mercati in tale settore, tenendo conto dell evoluzione del mercato,

Dettagli

METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI

METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI Per il monitoraggio degli acquisti di prodotti ittici delle famiglie italiane, l Ismea si avvale di un Panel famiglie gestito

Dettagli

Carni macinate e. Carni macinate, preparazioni di carni e carni separate meccanicamente. preparazioni di carni. Reg.853 Allegato I Definizioni

Carni macinate e. Carni macinate, preparazioni di carni e carni separate meccanicamente. preparazioni di carni. Reg.853 Allegato I Definizioni Carni macinate, preparazioni di carni e carni separate meccanicamente Carni macinate e preparazioni di carni M. Luisa Cortesi IV anno 2012 Reg.83 Allegato I Definizioni 1.13. Carni macinate: carni disossate

Dettagli

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM Normativa comunitaria in materia di sicurezza alimentare Fin dalla sua costituzione l UE ha attribuito molta importanza all attività

Dettagli

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni Elisabetta Delibato elisabetta.delibato@iss.it Istituto Superiore di Sanità DSPVSA Microrganismi negli alimenti Ogni alimento

Dettagli

ASL Caserta -Dipartimento di Sanità pubblica Veterinaria e Sicurezza alimentare PUBBLICAZIONE AI SENSI ART. 25 D.LGS. 33/2013 CONTROLLI IMPRESE

ASL Caserta -Dipartimento di Sanità pubblica Veterinaria e Sicurezza alimentare PUBBLICAZIONE AI SENSI ART. 25 D.LGS. 33/2013 CONTROLLI IMPRESE Coltivazioni (orticole in pieno campo, orticole in serra, cereali, leguminose, industriali,foraggere ) Decisione CE 2007/363 ;Reg. CE 183/05 degli Alimenti e Nutrizione Allevament apistici riferimento.

Dettagli

Progetto di educazione alimentare Un amico di nome Pesce

Progetto di educazione alimentare Un amico di nome Pesce DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE U.O. Igiene Alimenti Origine Animale Progetto di educazione alimentare Un amico di nome Pesce REFERENTI Dr. Valter Dini - Direttore Unita Operativa Igiene degli Alimenti di

Dettagli

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 852/2004 Regolamento

Dettagli

Principali difformità riscontrate in alimenti di origine animale prodotti in RPC

Principali difformità riscontrate in alimenti di origine animale prodotti in RPC Principali difformità riscontrate in alimenti di origine animale prodotti in RPC Dr.ssa Paola Marconi Istituto Zooprofilattico Sperimentale Lazio e Toscana Il controllo sanitario nelle attività alimentari

Dettagli

IL CONSULENTE IN IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE L IMPLEMENTAZIONE DI UN PIANO DI AUTOCONTROLLO NELLE IMPRESE ALIMENTARI

IL CONSULENTE IN IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE L IMPLEMENTAZIONE DI UN PIANO DI AUTOCONTROLLO NELLE IMPRESE ALIMENTARI IL CONSULENTE IN IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE L IMPLEMENTAZIONE DI UN PIANO DI AUTOCONTROLLO NELLE IMPRESE ALIMENTARI OBIETTIVI DELL AUTOCONTROLLO ALIMENTARE Applicando quanto previsto dal Reg. CE 852/04

Dettagli

Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari. Relatore: Dr. Pierluigi Conte

Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari. Relatore: Dr. Pierluigi Conte Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari Relatore: Dr. Pierluigi Conte Concetto di produzione a Tutte le operazioni effettuate sui prodotti a condizione che questi non subiscano alterazioni sostanziali

Dettagli

Tronco di pesce spada ST PV Mare Più

Tronco di pesce spada ST PV Mare Più SCHEDA TECNICA PRODOTTO FINITO Cod. Prod. FTROSPA007 C66 REV.1 del 23/12/2014 Tronco di pesce spada ST PV Mare Più Catering Via Arno 7, 63824 Altidona (AP) - Telefono 0734 931254 Fa 0734 935014 info@marepiusrl.com

Dettagli

Dr. Albino Gallina Laboratorio di Tossicologia Alimentare Istituto Zooprofilatico Sperimentale delle Venezie.

Dr. Albino Gallina Laboratorio di Tossicologia Alimentare Istituto Zooprofilatico Sperimentale delle Venezie. Laboratorio di Tossicologia Alimentare Istituto Zooprofilatico Sperimentale delle Venezie agallina@izsvenezie.it Ferrara, 20 ottobre 2011 Il Pacchetto igiene si applica a tutti i prodotti alimentari per

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO PRODOTTI ITTICI DEL LAGO DI BOLSENA Ottobre 2014 Disposizioni generali Il presente disciplinare, ad integrazione del Regolamento per l'accesso

Dettagli

2) nell articolo 7 è aggiunto il paragrafo seguente: 3) l articolo 12 è sostituito dal seguente:

2) nell articolo 7 è aggiunto il paragrafo seguente: 3) l articolo 12 è sostituito dal seguente: IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA, (4) Il regolamento (CE) n. 1386/2007 dovrebbe pertanto essere modificato di conseguenza, visto il trattato che istituisce la Comunità europea, HA ADOTTATO IL PRESENTE

Dettagli

M.S.U.: dal macello all esito

M.S.U.: dal macello all esito Corso di formazione La sicurezza alimentare in Piemonte: vecchie istituzioni e nuovi compiti M.S.U.: dal macello all esito 25 settembre 2015 Dr. Mauro NEGRO Dr.ssa Adriana GIRALDO Dalla produzione primaria

Dettagli

I punti critici di controllo e i limiti critici. Dott. Bruno Simonetta Responsabile HACCP Azienda Grande Distribuzione Alimentare

I punti critici di controllo e i limiti critici. Dott. Bruno Simonetta Responsabile HACCP Azienda Grande Distribuzione Alimentare I punti critici di controllo e i limiti critici Dott. Bruno Simonetta Responsabile HACCP Azienda Grande Distribuzione Alimentare I punti critici di controllo (2 principio: individuazione dei CCP) Punto

Dettagli

4. UMAMI NEI PRODOTTI ITTICI

4. UMAMI NEI PRODOTTI ITTICI 4. UMAMI NEI PRODOTTI ITTICI Le sostanze che contribuiscono a formare il gusto umami sono presenti in modo massiccio anche negli alimenti ittici e concorrono a formarne il sapore, insieme ad altre sostanze

Dettagli

TRASFORMAZIONE DEGLI ORTAGGI. Prodotti freschi pronti al consumo (quarta gamma) Prodotti freschi ed elaborati congelati (terza e quarta gamma)

TRASFORMAZIONE DEGLI ORTAGGI. Prodotti freschi pronti al consumo (quarta gamma) Prodotti freschi ed elaborati congelati (terza e quarta gamma) TRASFORMAZIONE DEGLI ORTAGGI Prodotti freschi pronti al consumo (quarta gamma) Prodotti freschi ed elaborati congelati (terza e quarta gamma) Prodotti in scatola o in vasetto (quarta gamma) CONSERVE PRODOTTI

Dettagli

Clostridium perfrigens

Clostridium perfrigens Clostridi Bacilli G+, mobili, raramente capsulati. producono spore con diametro maggiore di quello batterico Anaerobi obbligati, non hanno citocromi e catalasi, producono ATP fermentando zuccheri o aminoacidi.

Dettagli

LA SICUREZZA ALIMENTARE

LA SICUREZZA ALIMENTARE LA SICUREZZA ALIMENTARE PERCHÉ UNA NUOVA LEGISLAZIONE IN MATERIA PRODOTTI ALIMENTARI? Le 14 Direttive e testi relativi che dal 1964 sono state emanate in tempi successivi in tema garantito la protezione

Dettagli

Articolazione per UF 1 delle competenze tecnico-professionali Primo Anno

Articolazione per UF 1 delle competenze tecnico-professionali Primo Anno Articolazione per UF 1 delle competenze tecnico-professionali Primo Anno conoscenze capacità UF n. Denominazione UF Durata UF (h) Contenuti formativi Discipline comuni e di indirizzo UC 1707 CURA DEGLI

Dettagli

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 Autocontrollo e Sicurezza Alimentare Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 SOMMARIO Lo scenario attuale della legislazione alimentare igienico sanitaria DL 155/97: Autocontrollo e sicurezza alimentare

Dettagli

REGOLAMENTI COMUNITARI RIGUARDANTI LA SICUREZZA ALIMENTARE

REGOLAMENTI COMUNITARI RIGUARDANTI LA SICUREZZA ALIMENTARE REGOLAMENTI COMUNITARI RIGUARDANTI LA SICUREZZA ALIMENTARE Con la nascita della Comunità Europea, uno dei problemi derivanti dal libero scambio e dal transito delle merci, anche alimentari, su tutto il

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE

L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE Regione Piemonte - Direzione Sanità Pubblica L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE 1 E fondamentale imparare a gestire correttamente le diverse temperature Tenere sempre conto della pezzatura dell alimento Evitare

Dettagli

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04 Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA Dipartimento della Prevenzione Sicurezza Alimentare Sintesi delle attività in materia di controlli ufficiali di cui al reg. (CE) 882/04, svolte dal Dipartimento di

Dettagli

visto il trattato che istituisce la Comunità europea,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea, REGOLAMENTO (CE) N. 2076/2005 DELLA COMMISSIONE del 5 dicembre 2005 che fissa disposizioni transitorie per l attuazione dei regolamenti del Parlamento europeo e del Consiglio (CE) n. 853/2004, (CE) n.

Dettagli

Listeria monocytogenes: : attività di sorveglianza della listeriosi e monitoraggio di prodotti tipici

Listeria monocytogenes: : attività di sorveglianza della listeriosi e monitoraggio di prodotti tipici Workshop: Focus su Sicurezza d Uso e Nutrizionale degli Alimenti 21-22 Novembre 2005, Istituto Superiore di Sanità, Roma Listeria monocytogenes: : attività di sorveglianza della listeriosi e monitoraggio

Dettagli

BAMPE. Bambini e Prodotti di Eccellenza. P.O. Marittimo Italia Francia IL MARE E I SUOI PRODOTTI. Scuola ELEMENTARE SACRO CUORE 3 B

BAMPE. Bambini e Prodotti di Eccellenza. P.O. Marittimo Italia Francia IL MARE E I SUOI PRODOTTI. Scuola ELEMENTARE SACRO CUORE 3 B P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza BAMPE IL MARE E I SUOI PRODOTTI Dr. Agr. Paolo Rosatelli Dipartimento per le Produzioni Zootecniche Servizio Risorse Ittiche Scuola ELEMENTARE

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) n. 2073/2005 DELLA COMMISSIONE del 15 novembre 2005 sui criteri microbiologici applicabili ai prodotti alimentari

REGOLAMENTO (CE) n. 2073/2005 DELLA COMMISSIONE del 15 novembre 2005 sui criteri microbiologici applicabili ai prodotti alimentari 22.12.2005 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 338/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) n. 2073/2005 DELLA COMMISSIONE del 15 novembre 2005

Dettagli

HACCP (Reg CE 852\04 )

HACCP (Reg CE 852\04 ) L'HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points) è un sistema di autocontrollo che ogni operatore nel settore della produzione di alimenti deve mettere in atto al fine di valutare e stimare pericoli

Dettagli

Regolamenti 852-853-854 e 178: presupposti, stato dell arte e prospettive. Luigi Cazzola, ULSS n 2 di Feltre. Thiene (VI), 8 novembre 2004

Regolamenti 852-853-854 e 178: presupposti, stato dell arte e prospettive. Luigi Cazzola, ULSS n 2 di Feltre. Thiene (VI), 8 novembre 2004 Regolamenti 852-853-854 e 178: presupposti, stato dell arte e prospettive Luigi Cazzola, ULSS n 2 di Feltre Thiene (VI), 8 novembre 2004 Regolamento n.852/2004 del 29.04.2004 sull igiene dei prodotti alimentari

Dettagli

PRODOTTI ITTICI FRESCHI della PESCA MARITTIMA e LAGUNARE, e da ALLEVAMENTO

PRODOTTI ITTICI FRESCHI della PESCA MARITTIMA e LAGUNARE, e da ALLEVAMENTO PRODOTTI ITTICI FRESCHI della PESCA MARITTIMA e LAGUNARE, e da ALLEVAMENTO Pescato o Cod. SPECIE Provenienza Allevamento PREZZO DI VENDITA Euro/Kg. Minino Massimo Medio PESCI 1 Alici o acciughe Pescato

Dettagli

SERVIZIO VETERINARIO SERVIZIO VETERINARIO AREA "A"

SERVIZIO VETERINARIO SERVIZIO VETERINARIO AREA A SERVIZIO VETERINARIO Il Servizio Veterinario è costituito da una Area di Coordinamento e da tre Aree Funzionali: > AREA A: sanità animale; > AREA B: igiene della produzione, trasformazione e trasporto

Dettagli

CONSIDERAZIONI imprescindibile requisito della qualità Pacchetto Igiene

CONSIDERAZIONI imprescindibile requisito della qualità Pacchetto Igiene GROSSETO CONSIDERAZIONI Il mantenimento e la promozione della salute dell'uomo sono strettamente connessi con le caratteristiche della sua alimentazione e con la qualità dell'ambiente in cui vive. Tra

Dettagli

SICUREZZA DEGLI ALIMENTI:CONTROLLI, PROCEDURE,FORMAZIONE 11/12/2009 POZZUOLI

SICUREZZA DEGLI ALIMENTI:CONTROLLI, PROCEDURE,FORMAZIONE 11/12/2009 POZZUOLI SICUREZZA DEGLI ALIMENTI:CONTROLLI, PROCEDURE,FORMAZIONE 11/12/2009 POZZUOLI Maria, Grazia Cerulo Medico veterinario, Responsabile UO Veterinaria filiera lattiero casearia ASL Napoli 2 Nord EVOLUZIONE

Dettagli

LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino

LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Essere di ausilio alla

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Passata di Pomodoro Emissione 02 14/09/2007 Copia n 01 Assegnata a: Settore agricoltura e ambiente rurale provincia Lodi Firma Dirigente. ( ) INDICE 1. Premessa...3 2. Introduzione...3

Dettagli

Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità

Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità Dr.ssa Simona De Stefano Direzione Generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Ufficio V Nutrizione - Ministero della Salute Roma,

Dettagli

Relazione Sicurezza Alimentare Anno 2015. Sommario

Relazione Sicurezza Alimentare Anno 2015. Sommario Pag. 1 di 10 Sommario Sommario...1 Servizi dipartimentali competenti per la sicurezza alimentare...3 - Servizio Igiene Alimenti e della Nutrizione;...3 - Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale;...3

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2B a.s. 2013-2014

EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2B a.s. 2013-2014 ESPOSIZIONE UNIVERSALE (EXPO) EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2B a.s. 2013-2014 CENNI STORICI Cos è EXPO: EXPO = Esposizione Universale EXPO = esposizione a carattere INTERNAZIONALE. Ogni EXPO

Dettagli

La normativa per la lavorazione delle carni di selvaggina della Regione Toscana

La normativa per la lavorazione delle carni di selvaggina della Regione Toscana La carne degli ungulati selvatici: elementi per le buone metodologie di conservazione e lavorazione La normativa per la lavorazione delle carni di selvaggina della Regione Toscana A cura di: Sandro Nicoloso

Dettagli