RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO"

Transcript

1 RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014

2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore Generale: Dott. Silvio Borrello Direttore Ufficio VIII: Dr. Pietro Noè A cura di: Dott. Raffaello Lena Dott.ssa Mariavirginia Gargiulo Dott. Claudio Vallesi 2

3 1. Introduzione RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA COMUNITARIO PRIMO TRIMESTRE 2014 Da anni, come attività parallela alle allerta, l ufficio VIII della DGISAN redige e pubblica sul portale dei rapporti trimestrali ed annuali. I suddetti rapporti evidenziano, oltre che le principali problematiche sanitarie emerse attraverso il RASFF, anche i principali rischi emergenti attraverso l uso del nuovo programma informatico denominato AL.E.NA, sviluppato ad hoc e contenente diverse funzioni utili per fini statistici/informativi. Pertanto, come avvenuto lo scorso anno, questa relazione trimestrale, ed i dati in essa contenuti, è effettuata con l utilizzo del nuovo programma. In caso di numerosi dati, i grafici proposti in questa relazione riportano solo i primi 10 o 15 risultati più significativi. Il programma è in via di ulteriore implementazione nelle funzioni grafiche e di aggregazioni statistiche. Complessivamente, nel corso del primo trimestre 2014 sono state trasmesse, attraverso il sistema di allerta rapido europeo (RASFF), 787 notifiche (895 e 971 nel corso del primo trimestre 2013 e 2012 rispettivamente), con un calo delle segnalazioni. In particolare, 645 notifiche hanno riguardato l alimentazione umana, 86 l alimentazione animale e 56 la migrazione di materiali destinati a venire a contatto con gli alimenti. 2. Numero delle notifiche trasmesse dai diversi Paesi L Italia ha trasmesso, nel primo trimestre 2014, 135 segnalazioni (148 nel corso del primo trimestre 2013) risultando il primo Paese membro nel numero di segnalazioni inviate alla Commissione europea, seguita dalla Germania (97), e dal Regno Unito (84). 3

4

5 3. Numero delle notifiche effettuate dall Italia Nell attività di controllo svolta in ambito nazionale, sono pervenute 29 segnalazioni da parte degli Assessorati alla Sanità e dalle ASL, e 1 dal Comando Carabinieri per la tutela della Salute. Gli Uffici periferici del Ministero della Salute hanno, invece, notificato 104 irregolarità. Di seguito sono riportati, nel dettaglio, il numero di notifiche pervenute dagli uffici periferici: PIF (18), USMAF (61) ed UVAC (25). 4. Numero di notifiche di allerta riguardanti l origine dei prodotti Per quanto riguarda l origine, i prodotti nazionali risultati irregolari sono stati 27. Pertanto, l Italia risulta il quarto Paese europeo per numero di notifiche ricevute. Considerando, invece, anche i Paesi Terzi, l Italia risulta nona. Lo Stato che ha ricevuto il maggior numero di notifiche per prodotti non regolari è la Cina (123), seguita dall India (56) e dalla Turchia (51).

6 5. Notifiche di allerta riguardanti i prodotti nazionali Per quanto concerne le notifiche riguardanti i prodotti nazionali, si precisa che 21 segnalazioni sono state trasmesse da altri Stati Membri, mentre le restanti 6 sono pervenute attraverso la vigilanza nazionale, trattandosi di prodotti ridistribuiti in ambito europeo o extra europeo. La tipologia dei prodotti irregolari è eterogenea. Il maggior numero di notifiche ha riguardato l alimentazione animale, con 7 segnalazioni, seguita dai prodotti della pesca e latte e derivati con tre notifiche. 6

7 Anche la tipologia del rischio è risultata essere abbastanza eterogenea, con le maggiori irregolarità (8 notifiche) dovute alla presenza di Salmonella, seguite da segnalazioni per Listeria monocytogenes ed E. coli con tre notifiche ciascuna. Nel grafico seguente sono riportati i luoghi di produzione. 7

8 6. Problematiche sanitarie per tipologia di alimenti Per quanto riguarda le categorie di prodotti, le principali irregolarità sono state riscontrate nei prodotti della pesca (136 notifiche), nella frutta e vegetali (110 notifiche), seguite da frutta secca (principalmente per micotossine, attraverso respingimenti della merce ai porti), e nell alimentazione animale, come sarà dettagliato nel seguito di questa relazione. Un confronto con il primo trimestre 2013 evidenzia un aumento di irregolarità per l alimentazione animale e materiali destinati a venire a contatto con gli alimenti. 8

9 7. I principali pericoli notificati attraverso il RASFF Le maggiori notifiche del primo trimestre si riferiscono a problematiche microbiologiche (191 non conformità) oltre che alla presenza di residui di pesticidi e micotossine con 99 segnalazioni, rispettivamente. Tra i contaminanti microbiologici, un elevato numero di notifiche riguarda, come avviene da molti anni con un trend positivo, il riscontro della Salmonella (109 notifiche), seguiti da Norovirus (22) ed E. Coli e Listeria monocytogenes. Tra i contaminanti chimici le maggiori irregolarità riguardano 9

10 le micotossine (in particolare le aflatossine 88 notifiche e l ocratossina A con 11 segnalazioni). Numerose sono risultate essere anche le segnalazioni per istamina e casi di sindrome sgombroide. Complessivamente le non conformità per biocontaminanti sono risultate essere 16. Si segnala, inoltre, la presenza di OGM non autorizzati (18, riportati sotto la voce altro del grafico precedente). 10

11 I dati mostrano, in particolare, che la contaminazione da Salmonella è comune in molti tipi di alimenti, sia di origine animale che di origine non animale, in particolare nell alimentazione animale (39 notifiche). Un significativo aumento di segnalazioni si riferisce, tra le classi di alimenti, ad erbe e spezie. 11

12 Per quanto riguarda il secondo contaminante maggiormente notificato, le aflatossine, sono state riscontrate principalmente nella frutta secca (65 non conformità) seguita dall alimentazione animale e da erbe e spezie con 8 allerta, rispettivamente. 12

13 Per l Escherichia coli gli alimenti non conformi sono stati i prodotti della pesca (9 notifiche), seguiti da carne escluso pollame, frutta e vegetali e latte e derivati. Infine i residui di pesticidi sono stati riscontrati oltre che in frutta e vegetali, anche nelle erbe e spezie, bevande e cereali e derivati, come mostrato nel grafico seguente. 13

14 Nei grafici seguenti vengono invece riportati i principali contaminanti per i residui di fitofarmaci, i metalli pesanti, i contaminanti chimici ed i residui di farmaci veterinari. 14

15 15

16 8 - Sorveglianza e specifiche problematiche sanitarie per tipologia di alimenti emerse nel corso del primo trimestre Prodotti della pesca Nel corso del primo trimestre del 2014 le notifiche che hanno riguardato i prodotti della pesca sono state 136, stazionarie rispetto alle 142 del primo trimestre del Il maggior numero di notifiche si riferisce a contaminazioni di natura microbiologica (38), seguite da elevata presenza di metalli pesanti (31), biocontaminanti (17), contaminazioni chimiche (15), residui di farmaci veterinari (9), parassiti (6), additivi alimentari (5) e altri rischi, come cattivo stato di conservazione, etichettatura non conforme, cattivo controllo della temperatura ecc. (16) che sono riportati sotto la voce altro nella figura seguente. Di seguito vengono analizzati nel dettaglio i rischi maggiormente riscontrati. Residui di farmaci veterinari 9 segnalazioni sono pervenute per residui di farmaci veterinari, 4 delle quali per prodotti dal Vietnam. Metalli pesanti I metalli pesanti riscontrati nei prodotti della pesca sono mercurio (25) soprattutto in pesci e cadmio (6). L origine dei prodotti è varia, ma il paese col maggior numero di notifiche è la Spagna (19). 16

17 Parassiti Sono pervenute 6 segnalazioni per parassiti. Contaminanti microbiologici Le notifiche pervenute per contaminazioni microbiologiche sono state 38. I microrganismi maggiormente riscontrati sono Norovirus (20), E. coli (9), Salmonella (5), Listeria (4). L origine dei prodotti è varia, ma il paese col maggior numero di notifiche è il Vietnam (12), seguito dalla Tunisia (9). Additivi alimentari Per questa categoria di rischio sono pervenute 5 segnalazioni, 4 delle quali per monossido di carbonio in tonno dalla Spagna. Biocontaminanti Sono pervenute 16 notifiche per biocontaminanti, soprattutto per istamina. Il paese più notificato è la Spagna (5), seguito dall Indonesia (3). Contaminanti chimici Le notifiche pervenute per contaminanti chimici sono state 15, quasi la metà (7) per benzopirene e 4 per policlorobifenili (PCB). L origine dei prodotti è varia. 17

18 M.G. 8.2 Prodotti della carne (escluso pollame) Le notifiche che hanno riguardato i prodotti della carne, escluso pollame, sono state 29, in netto calo rispetto al primo trimestre dell anno precedente (83). Il maggior numero di notifiche sono pervenute per contaminazioni di natura microbiologica (22) principalmente per E. coli (13) e Salmonella (8). Tutte le contaminazioni sono riassunte nel grafico seguente. L origine dei prodotti è varia, ma il paese col maggior numero di segnalazioni è il Brasile (8). 18

19 M.G. 8.3 Pollame Le notifiche che hanno riguardato il pollame sono state 36, in calo rispetto al primo trimestre del 2013 (42). 32 delle segnalazioni pervenute si riferiscono a contaminazioni di natura microbiologica, tutte per salmonella. Tutte le segnalazioni sono riassunte nel grafico seguente. 19

20 L origine dei prodotti è varia, ma il paese col maggior numero di notifiche è il Brasile (13), seguito dalla Polonia (7). 8.4 Latte e derivati Complessivamente sono pervenute 15 segnalazioni su prodotti a base di latte, 14 per contaminazioni di natura microbiologica (12 per Listeria monocytogenes, 2 per E. coli) e 1 per residui di farmaci veterinari. Sette delle 15 notifiche sono per prodotti di origine francese. 20

21 8.5 Miele, pappa reale Non sono pervenute segnalazioni per questa categoria di prodotto. 8.6 Frutta e vegetali Le segnalazioni che hanno riguardato frutta e vegetali sono state 110, in netta diminuzione rispetto alle 192 del primo trimestre dell anno precedente. Hanno coinvolto diverse tipologie di rischio sanitario, con una prevalenza dei residui di pesticidi (66), seguiti da problematiche di natura chimica (11), microbiologica (10, così distribuite: 3 salmonella, 3 listeria, 2 norovirus e. 2 coli), presenza di additivi (5), irraggiamento (3), corpi estranei (2), micotossine (2). Tutte le segnalazioni sono riassunte nel grafico seguente. L origine dei prodotti notificati è varia, ma il paese col maggior numero di segnalazioni è la Turchia (16), seguita dall Egitto (12). 21

22 M.G. 8.7 Frutta secca e snack Le segnalazioni che hanno riguardato frutta e snack sono state 105, in aumento rispetto alle 97 del primo trimestre del Si tratta quasi sempre di respingimenti al confine di frutta secca contenente micotossine (72), delle quali 66 riguardano le aflatossine e 6 le ocratossine, e, seguite da presenza di parassiti (7) e problematiche di natura microbiologica (6). Tutte le segnalazioni sono riassunte nel grafico seguente. Il maggior numero di notifiche riguarda prodotti originari della Turchia (29, delle quali 25 per micotossine), seguiti da prodotti dalla Cina (15). 22

23 8.8 Cereali e derivati Le segnalazioni che hanno riguardato cereali e derivati sono state 33, stazionarie rispetto al primo trimestre dell anno precedente (32). I rischi notificati sono molto variabili; la maggior parte delle segnalazioni ha riguardato la presenza di residui di pesticidi (5). Il grafico seguente riassume tutte le segnalazioni pervenute. L origine dei prodotti è varia, ma i paes1 col maggior numero di notifiche sono la Cina (7) e l India (6). 23

24 8.9 Erbe e spezie Complessivamente si sono avute 53 segnalazioni per le erbe e spezie, stazionarie rispetto alle 55 del primo trimestredell anno precedente. Le irregolarità hanno coinvolto diverse tipologie di rischio sanitario, con prevalenza di problematiche di natura microbiologica (19, 15 delle quali per salmonella e 4 per Bacillus cereus), seguite da residui di pesticidi (15), micotossine (11). Tutte le segnalazioni sono riassunte nel grafico seguente. L origine dei prodotti notificati è varia, ma il paesi col maggior numero di notifiche è l India (15). 24

25 M.G Cibi dietetici ed integratori alimentari 49 segnalazioni hanno riguardato i prodotti dietetici e gli integratori alimentari, in calo rispetto alle 58 del primo trimestre del Le maggior parte delle irregolarità hanno riguardato contaminazioni di natura chimica (12), presenza di sostanze ad attività farmacologica e novel food non autorizzati (8), compresi nella voce altro, del grafico seguente che riassume tutte le segnalazioni. L origine dei prodotti notificati è varia, ma gli USA sono il paese col maggior numero di segnalazioni (18), seguiti dalla Germania (6). 25

26 8.11 Gelati e dolciumi Delle 26 segnalazioni pervenute, più che raddoppiate rispetto alle 11 del primo trimestre dell anno precedente, 7 hanno riguardato la presenza di allergeni (compresi nella voce altro ), seguite da 5 per coloranti, 3 per corpi estranei e 3 per contaminazioni di natura chimica. Tutte le segnalazioni sono riassunte nel grafico seguente. L origine dei prodotti notificati è varia. 26

27 M.G Grassi e oli Sono pervenute 5 segnalazioni per grassi e oli, in aumento rispetto alle 2 del primo trimestre dell anno precedente. Tre notifiche ha riguardato contaminazioni di natura chimica e 2 mancanza di certificazione dei prodotti. L origine dei prodotti è varia Zuppe, brodi, minestre, salse Le 6 segnalazioni pervenute, raddoppiate rispetto alle 3 del primo trimestre del 2013, hanno riguardato una eterogenea distribuzione delle irregolarità, tutte riassunte nel grafico seguente. L origine dei prodotti è varia. In un caso si è trattato di tossina botulinica. 27

28 8.14 Bevande Per questa categoria di prodotto sono pervenute 24 segnalazioni, in lieve aumento rispetto alle 20 del primo trimestre dell anno precedente. La maggior parte delle segnalazioni hanno riguardato la presenza di residui di pesticidi (11), seguiti da additivi alimentari (15). Tutte le notifiche sono riportate nel grafico seguente. L origine dei prodotti è varia, ma il paese col maggior numero di notifiche sono gli USA (9), segue la Cina (8). 28

29 8.15 Uova Nel corso del primo trimestre non sono pervenute segnalazioni per questa categoria di prodotto Materiali destinati a venire a contatto con gli alimenti In totale si sono avute 56 segnalazioni, in aumento rispetto alle 49 del primo trimestre del Il problema principale dei prodotti destinati a venire a contatto con gli alimenti è la migrazione (52 notifiche), non solo di certi metalli pesanti (principalmente cromo, nichel, manganese e piombo), ma anche di ammine aromatiche, formaldeide e altre sostanze. I prodotti risultati irregolari sono quasi esclusivamente provenienti dalla Cina (50). 29

30 30 M.G.

31 8.17 Altre segnalazioni Le altre segnalazioni, 17, in netto calo rispetto alle 40 del primo trimestre dell anno precedente (principalmente dovute alla presenza di carne equina non dichiarata in etichetta in varie paste ripiene e piatti pronti quali lasagne), riguardano prodotti vari come piatti pronti, enzimi e altri additivi alimentari e si riferiscono a varie tipologie di rischio, come metalli pesanti e residui di farmaci veterinari. Tutte le notifiche sono riportate nel grafico seguente. L origine dei prodotti notificati è varia, ma i Paesi col maggior numero di segnalazioni sono la Cina (5) e il Regno Unito (4). 9. Alimentazione animale Complessivamente sono pervenute 86 notifiche, in aumento rispetto alle 59 primo trimestre del La maggior parte riguardano contaminazioni di natura microbiologica (44, quasi tutte per salmonella, 39), seguite da presenza di OGM non autorizzati, (16, compresi nella voce altro ). Tutte le notifiche sono riportate nel grafico seguente. L origine dei prodotti è varia, ma i paesi col maggior numero di segnalazioni sono la Cina (21) e la Germania (13). 31

32 L Italia ha effettuato 5 notifiche. Nel grafico sono riportati i paesi che hanno effettuato il maggior M.G. numero di notifiche per mangimi, al primo posto troviamo il Belgio con 17 segnalazioni. 32

33 33 M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA COMUNITARIO!"#"$ ANNO 212 Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA COMUNITARIO ANNO 212 Il presente rapporto è stato realizzato

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTA ALIMENTARE i doveri degli operatori e i compiti delle autorita. MANTOVA 11 giugno 2009

SISTEMA DI ALLERTA ALIMENTARE i doveri degli operatori e i compiti delle autorita. MANTOVA 11 giugno 2009 SISTEMA DI ALLERTA ALIMENTARE i doveri degli operatori e i compiti delle autorita MANTOVA 11 giugno 2009 REGOLAMENTO (CE) N. 178/2002 DEL 28.01.2002 Stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTA PER ALIMENTI E MANGIMI - ANNO 2013

SISTEMA DI ALLERTA PER ALIMENTI E MANGIMI - ANNO 2013 SISTEMA DI ALLERTA PER ALIMENTI E MANGIMI - ANNO 2013 PREMESSA Per notificare in tempo reale i rischi diretti o indiretti per la salute pubblica connessi al consumo di alimenti o mangimi è stato istituito

Dettagli

STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL NODO REGIONALE DEL VENETO E GESTIONE OPERATIVA DEI NODI DELLE AZIENDE SANITARIE LOCALI

STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL NODO REGIONALE DEL VENETO E GESTIONE OPERATIVA DEI NODI DELLE AZIENDE SANITARIE LOCALI UNITA DI PROGETTO VETERINARIA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL NODO REGIONALE DEL VENETO E GESTIONE OPERATIVA DEI NODI DELLE AZIENDE SANITARIE LOCALI Dario Pandolfo 1 29/11/2012 - Montecchio Precalcino (VI)

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA COMUNITARIO IN RIFERIMENTO ALLE ATTIVITÁ DELLA REGIONE CAMPANIA ANNO 2008 2010

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA COMUNITARIO IN RIFERIMENTO ALLE ATTIVITÁ DELLA REGIONE CAMPANIA ANNO 2008 2010 RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA COMUNITARIO IN RIFERIMENTO ALLE ATTIVITÁ DELLA REGIONE CAMPANIA ANNO 008 00 dott.ssa Colarusso, dott.ssa Peirce, dott.ssa Pellicanò INTRODUZIONE Il sistema di allerta comunitario

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA COMUNITARIO ANNO 2007

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA COMUNITARIO ANNO 2007 RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA COMUNITARIO ANNO 2007 1-Sistema di allerta Complessivamente, nell anno 2007, sono state trattate 2933 notifiche (2874 nel 2006), pervenute sia dalla Commissione europea,

Dettagli

Ministero della Salute. Il Sistema Rapido di Allerta

Ministero della Salute. Il Sistema Rapido di Allerta Ministero della Salute Dipartimento per la Sanità Veterinaria, la Nutrizione e la Sicurezza degli Alimenti Direzione Generale della Sicurezza degli Alimenti e della Nutrizione Ufficio VIII Dr. Raffaello

Dettagli

DGISAN. Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

DGISAN. Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica veterinaria, della sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela della salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione Generale della Sanità veterinaria e degli Alimenti UFFICIO VI Prot DGVA-VI-2512/P/I 2.b.d/3 Roma, 25.1.2005 Oggetto: Sistema di allerta. Relazione dell attività anno 2004.

Dettagli

Il rapporto sui sistemi di allerta come indicatore di obiettivi per i servizi di prevenzione

Il rapporto sui sistemi di allerta come indicatore di obiettivi per i servizi di prevenzione Il rapporto sui sistemi di allerta come indicatore di obiettivi per i servizi di prevenzione Agostino MESSINEO ( ) Paola ABETTI ( ) Stefania TESSARI( ) Agostino MESSINEO ( ) Paola ABETTI ( ) Stefania TESSARI(

Dettagli

L accreditamento e le implicazioni per i laboratori di controllo e autocontrollo dei prodotti alimentari

L accreditamento e le implicazioni per i laboratori di controllo e autocontrollo dei prodotti alimentari Convegno Le disposizioni in materia di sicurezza alimentare applicate ai Laboratori Accreditati Roma, 15-16 novembre 2011 L accreditamento e le implicazioni per i laboratori di controllo e autocontrollo

Dettagli

Controlli ufficiali per la sicurezza alimentare SICUREZZA ALIMENTARE. Risultati 2007. Direzione Generale Sicurezza degli Alimenti e Nutrizione

Controlli ufficiali per la sicurezza alimentare SICUREZZA ALIMENTARE. Risultati 2007. Direzione Generale Sicurezza degli Alimenti e Nutrizione Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI

Dettagli

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Corso di perfezionamento in: IGIENE DELLE PRODUZIONI ANIMALI E ALIMENTARI: RUOLO DEL MEDICO VETERINARIO

Dettagli

QUIZ: CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO SUI CONTROLLI UFFICIALI PER GLI ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA BOLOGNA, 18 NOVEMBRE 2010

QUIZ: CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO SUI CONTROLLI UFFICIALI PER GLI ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA BOLOGNA, 18 NOVEMBRE 2010 QUIZ: CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO SUI CONTROLLI UFFICIALI PER GLI ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA BOLOGNA, 18 NOVEMBRE 2010 1) Gli alimenti per la prima infanzia sono disciplinati a livello comunitario:

Dettagli

La sicurezza alimentare in Italia

La sicurezza alimentare in Italia La sicurezza alimentare in Italia Dott. Silvio Borrello Direttore generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e della nutrizione Ministero della salute Dr. Giancarlo Belluzzi, Ufficio di Parma

Dettagli

WORKSHOP RASFF ALLERTA MICROBIOLOGICA

WORKSHOP RASFF ALLERTA MICROBIOLOGICA WORKSHOP RASFF ALLERTA MICROBIOLOGICA Montecchio Precalcino 29, 30 novembre M.Cristina Mosconi ARPAV - U.O. Microbiologia SL Verona Relazione sul Sistema di Allerta Comunitaria Anno 2011- Ministero della

Dettagli

5: ALIMENTI INTRODUZIONE

5: ALIMENTI INTRODUZIONE 5: ALIMENTI INTRODUZIONE Gli alimenti rappresentano tutto ciò di cui l uomo necessita per il mantenimento delle proprie funzioni vitali. A fronte di questa importanza, manca una corretta educazione alimentare

Dettagli

Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi

Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi CHE COS È Il RASFF, Rapid Alert System for Food and Feed (Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi) è stato istituito per fornire un efficace

Dettagli

Sara Pelligra Polo Alimenti. Il controllo chimico negli alimenti: dal campionamento alla valutazione del risultato 5 e 6 febbraio 2014 Torino

Sara Pelligra Polo Alimenti. Il controllo chimico negli alimenti: dal campionamento alla valutazione del risultato 5 e 6 febbraio 2014 Torino Sara Pelligra Polo Alimenti Il controllo chimico negli alimenti: dal campionamento alla valutazione del risultato 5 e 6 febbraio 2014 Torino 1 CONTROLLO UFFICIALE monitoraggio e sorveglianza ispezioni

Dettagli

Analisi ponderata delle allerte alimentari degli ultimi anni

Analisi ponderata delle allerte alimentari degli ultimi anni Analisi ponderata delle allerte alimentari degli ultimi anni Dr. Stefano Bentley Università degli Studi di Parma Workshop"la gestione della qualità e della sicurezza nell'industria alimentare: aggiornamenti

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione Generale per la sicurezza degli alimenti e della nutrizione Ex-UFFICIO VI RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA COMUNITARIO ANNO 2006 1-Sistema di allerta Complessivamente,

Dettagli

I N OSTRI NOSTRI CONTROLLI CONTROLLI: DALLE PRODUZIONI.

I N OSTRI NOSTRI CONTROLLI CONTROLLI: DALLE PRODUZIONI. I NOSTRI CONTROLLI: DALLE PRODUZIONI. Maria Cesarina Abete Mangimi e sicurezza alimentare La sicurezza degli alimenti di origine animale inizia con la sicurezza dei mangimi L alimentazione animale è un

Dettagli

3.17 RICERCA DI MICOTOSSINE IN: FRUTTA SECCA, CEREALI E LEGUMI - SEMI OLEAGINOSI - SPEZIE ED ERBE INFUSIONALI

3.17 RICERCA DI MICOTOSSINE IN: FRUTTA SECCA, CEREALI E LEGUMI - SEMI OLEAGINOSI - SPEZIE ED ERBE INFUSIONALI 3.17 RICERCA DI MICOTOSSINE IN: FRUTTA SECCA, CEREALI E LEGUMI - SEMI OLEAGINOSI - SPEZIE ED ERBE INFUSIONALI Esaminati 137 campioni di frutta secca, cereali e legumi; 430 campioni di semi oleaginosi;

Dettagli

SICUREZZA DEGLI ALIMENTI PER GLI ANIMALI

SICUREZZA DEGLI ALIMENTI PER GLI ANIMALI SICUREZZA DEGLI ALIMENTI PER GLI ANIMALI KEY EVENTS 1986: BSE - presenza confermata in UK 1992: BSE - picco in UK 1994: bando farine di carne per alimentazione animale 1996: bando carne inglese 1999: crisi

Dettagli

Il piano monitoraggio micotossine: alimenti di origine vegetale. Cecilia Bergamini cbergamini@arpa.emr.it

Il piano monitoraggio micotossine: alimenti di origine vegetale. Cecilia Bergamini cbergamini@arpa.emr.it Il piano monitoraggio micotossine: alimenti di origine vegetale Cecilia Bergamini cbergamini@arpa.emr.it Bologna 14 settembre 2006 Analisi del rischio ( libro bianco) L analisi del rischio deve costituire

Dettagli

A. PIANO DI VIGILANZA E CONTROLLO SANITARIO SULL ALIMENTAZIONE ANIMALE A.1 PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E REGIONALE

A. PIANO DI VIGILANZA E CONTROLLO SANITARIO SULL ALIMENTAZIONE ANIMALE A.1 PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E REGIONALE A. PIANO DI VIGILANZA E CONTROLLO SANITARIO SULL ALIMENTAZIONE ANIMALE A.1 PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E REGIONALE Obiettivo fondamentale del PNAA 2012 è di assicurare, in linea con quanto stabilito dai Regolamenti

Dettagli

Dr. Roberto Condoleo Roma, 24 Settembre 2010

Dr. Roberto Condoleo Roma, 24 Settembre 2010 Dr. Roberto Condoleo Roma, 24 Settembre 2010 IL PIANO DI AUTOCONTROLLO GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE PREDISPONGONO, ATTUANO E MANTENGONO UNA O PIÙ PROCEDURE PERMANENTI, BASATE SUI PRINCIPI DEL SISTEMA

Dettagli

Lucia Decastelli. Area Igiene e Sicurezza Alimentare e Ambientale lucia.decastelli

Lucia Decastelli. Area Igiene e Sicurezza Alimentare e Ambientale lucia.decastelli Lucia Decastelli Area Igiene e Sicurezza Alimentare e Ambientale lucia.decastelli decastelli@izsto.itit ! " # $%%& '())) *"+$&,+())( -./ /0 1 2333...4 !"# $% $&$ " $' $() $*++" $+ (((,$ (- 5 6 ' 7 8

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO. Data Revisione 20/07/2015 Cod. ST/815118/008/R00 Pag. 1 di 8 Codice Articolo 815118/0008. BIO PR-PAR.REG.BOCC.

SCHEDA PRODOTTO. Data Revisione 20/07/2015 Cod. ST/815118/008/R00 Pag. 1 di 8 Codice Articolo 815118/0008. BIO PR-PAR.REG.BOCC. Data Revisione 20/07/2015 Cod. ST/815118/008/R00 Pag. 1 di 8 UNITA' CONSUMATORE Codice EAN Peso Netto (kg) 0,500 Tara (kg) 0,072 Peso Lordo (kg) 0,572 Dimensioni (alt x lun x lar) (cm) Confezioni per Cartone

Dettagli

A Luglio del 2009 si è festeggiato il trentesimo anniversario del sistema rapido di allerta per alimenti e mangimi RASFF

A Luglio del 2009 si è festeggiato il trentesimo anniversario del sistema rapido di allerta per alimenti e mangimi RASFF Ministero della Salute Dipartimento per la Sanità Veterinaria, la Nutrizione e la Sicurezza degli Alimenti Direzione Generale della Sicurezza degli Alimenti e della Nutrizione Ufficio VIII corso Additivi

Dettagli

REGIONE PUGLIA RAPPORTO SUL SISTEMA DI ALLERTA RAPIDO ALIMENTI E MANGIMI

REGIONE PUGLIA RAPPORTO SUL SISTEMA DI ALLERTA RAPIDO ALIMENTI E MANGIMI SUL SISTEMA DI ALLERTA RAPIDO ALIMENTI E MANGIMI ANNO Premessa Con il presente Rapporto sul sistema di allerta rapido alimenti e mangimi, gli Uffici 1(Sanità Pubblica, Igiene degli alimenti e Sicurezza

Dettagli

ASPETTI E PROBLEMATICHE DI PRODUZIONI LOCALI DIFFUSE NEL MONDO

ASPETTI E PROBLEMATICHE DI PRODUZIONI LOCALI DIFFUSE NEL MONDO ASPETTI E PROBLEMATICHE DI PRODUZIONI LOCALI DIFFUSE NEL MONDO Dott.ssa Carla Cattone 31 marzo 2009 1 PRODOTTI DESTINATI IN PARTE ALL ESPORTAZIONE Bresaola/prosciutti/speck Pasta senza glutine Biscotti

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO. Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO. Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino LA MISSIONE Essere di ausilio alla Camera di Commercio di Torino ed alle altre Camere di Commercio piemontesi

Dettagli

Attività di controllo ufficiale legata alla presenza di micotossine nei prodotti alimentari: l esperienza dell ARPA Emilia Romagna

Attività di controllo ufficiale legata alla presenza di micotossine nei prodotti alimentari: l esperienza dell ARPA Emilia Romagna Attività di controllo ufficiale legata alla presenza di micotossine nei prodotti alimentari: l esperienza dell ARPA Emilia Romagna Cecilia Bergamini ARPA Sezione Provinciale di Bologna cbergamini@arpa.emr.it

Dettagli

Legislazione comunitaria in materia di micotossine negli alimenti: limiti e attività di controllo

Legislazione comunitaria in materia di micotossine negli alimenti: limiti e attività di controllo Legislazione comunitaria in materia di micotossine negli alimenti: limiti e attività di controllo Ilaria De Leva Ministero della Salute Direzione Generale della Sicurezza degli Alimenti e della Nutrizione

Dettagli

RUOLO DEL VETERINARIO NEL MINISTERO DELLA SALUTE

RUOLO DEL VETERINARIO NEL MINISTERO DELLA SALUTE RUOLO DEL VETERINARIO NEL MINISTERO DELLA SALUTE CASISTICA SULLE IMPORTAZIONI INTRODOTTE PRESSO IL PIF DI LIVORNO DR. SSA ROSELLINA SBRANA MIN. DELLA SALUTE PIF LIVORNO PERUGIA, 24 APRILE 2015 PIF: POSTO

Dettagli

Assessorati alla sanità Regioni e Provincia Autonoma di Trento Assessorato all Agricoltura Provincia Autonoma di Bolzano LORO SEDI

Assessorati alla sanità Regioni e Provincia Autonoma di Trento Assessorato all Agricoltura Provincia Autonoma di Bolzano LORO SEDI Ministero del Lavoro,della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO PER LA SANITA' PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI

Dettagli

L ESPORTAZIONE IN RUSSIA DI PRODOTTI LATTIERO-CASEARI. Ettore Soria Assolatte

L ESPORTAZIONE IN RUSSIA DI PRODOTTI LATTIERO-CASEARI. Ettore Soria Assolatte L ESPORTAZIONE IN RUSSIA DI PRODOTTI LATTIERO-CASEARI Ettore Soria Assolatte Legge Federale 2.01.2000 n. 29 sulla qualità e la sicurezza degli alimenti L. F. 27.12.2002 n. 184 su norme tecniche L. F. n.

Dettagli

SCHEDE TECNICHE SCIROPPO DI GLUCOSIO. Sciroppo di glucosio 44 D.E.

SCHEDE TECNICHE SCIROPPO DI GLUCOSIO. Sciroppo di glucosio 44 D.E. SCHEDE TECNICHE SCIROPPO DI GLUCOSIO Sciroppo di glucosio 44 D.E. Rev. 2 - Pag 1 di 4 Sciroppo di Glucosio Sciroppo di Glucosio a 44 D.E. purificato e concentrato ad alto contenuto di maltosio, con diversi

Dettagli

Principali difformità riscontrate in alimenti di origine animale prodotti in RPC

Principali difformità riscontrate in alimenti di origine animale prodotti in RPC Principali difformità riscontrate in alimenti di origine animale prodotti in RPC Dr.ssa Paola Marconi Istituto Zooprofilattico Sperimentale Lazio e Toscana Il controllo sanitario nelle attività alimentari

Dettagli

Casi studio/aspetti pratici delle analisi su alimenti e della ricerca di contaminanti Lucia Chiappetta

Casi studio/aspetti pratici delle analisi su alimenti e della ricerca di contaminanti Lucia Chiappetta Casi studio/aspetti pratici delle analisi su alimenti e della ricerca di contaminanti Lucia Chiappetta LE SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER LA CARTA DI MILANO LOTTA ALLE CONTRAFFAZIONI, DIAGNOSTICA PER CONTROLLO

Dettagli

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Servizio di Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Dott. Agostino Trogu Il latte ( la carne, ecc. ) comincia dalla bocca.. Mangime

Dettagli

NOVEL FOOD: QUADRO TECNICO NORMATIVO

NOVEL FOOD: QUADRO TECNICO NORMATIVO Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, LA SICUREZZA ALIMENTARE E GLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE Direzione Generale dell Igiene e Sicurezza, degli Alimenti

Dettagli

La rintracciabilità nel settore delle uova e degli ovoprodotti

La rintracciabilità nel settore delle uova e degli ovoprodotti La rintracciabilità nel settore delle uova e degli ovoprodotti EUWEP ASSEMBLEA GENERALE 2010 VERONA, 4 GIUGNO Dr. Silvio Borrello Direttore Generale della sicurezza degli alimenti e della nutrizione Ministero

Dettagli

Le malattie trasmesse da alimenti. Alimentando > Le malattie trasmesse ingerendo alimenti infetti [ 1 ]

Le malattie trasmesse da alimenti. Alimentando > Le malattie trasmesse ingerendo alimenti infetti [ 1 ] Le malattie trasmesse da alimenti [ 1 ] Le malattie trasmesse Gli alimenti sono la fonte di nutrimento necessaria per la vita dell uomo, ma possono diventare un pericolo per la salute del consumatore quando

Dettagli

Rovigo, 28 maggio 2010. Sistemi d allerta: ruolo, attività e casistica del Comando Carabinieri per la Tutela della Salute

Rovigo, 28 maggio 2010. Sistemi d allerta: ruolo, attività e casistica del Comando Carabinieri per la Tutela della Salute Rovigo, 28 maggio 2010 Sistemi d allerta: ruolo, attività e casistica del Comando Carabinieri per la Tutela della Salute Cap. Pietro Mercurio, comandante del NAS di Padova elementi geografici Il territorio

Dettagli

Direzione Generale per la sicurezza degli alimenti e della nutrizione UFFICIO VIII

Direzione Generale per la sicurezza degli alimenti e della nutrizione UFFICIO VIII Direzione Generale per la sicurezza degli alimenti e della nutrizione UFFICIO VIII RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA COMUNITARIO TRIMESTRE LUGLIO-SETTEMBRE 2008 1-Sistema di allerta Complessivamente, nel

Dettagli

Oggetto: relazione attività anno 2014 -consuntivo malattie trasmesse con gli alimenti (MDA).

Oggetto: relazione attività anno 2014 -consuntivo malattie trasmesse con gli alimenti (MDA). Oggetto: relazione attività anno 2014 -consuntivo malattie trasmesse con gli alimenti (MDA). Le malattie veicolate da alimenti continuano ad essere anche nei paesi industrializzati un rilevante problema

Dettagli

Contaminazione delle varie Filiere Produttive in seguito all impiego di ingredienti di largo utilizzo (SUDANSUDAN I nel peperoncino)

Contaminazione delle varie Filiere Produttive in seguito all impiego di ingredienti di largo utilizzo (SUDANSUDAN I nel peperoncino) Contaminazione delle varie Filiere Produttive in seguito all impiego di ingredienti di largo utilizzo (SUDANSUDAN I nel peperoncino) Maria Grazia Molinaro Sudan I Colorante utilizzato nelle industrie che

Dettagli

PROTOCOLLO TECNICO PER L EFFETTUAZIONE DEI CONTROLLI MICROBIOLOGICI SUGLI ALIMENTI E L INTERPRETAZIONE DEGLI ESITI ANALITICI

PROTOCOLLO TECNICO PER L EFFETTUAZIONE DEI CONTROLLI MICROBIOLOGICI SUGLI ALIMENTI E L INTERPRETAZIONE DEGLI ESITI ANALITICI PROTOCOLLO TECNICO PER L EFFETTUAZIONE DEI CONTROLLI MICROBIOLOGICI SUGLI ALIMENTI E L INTERPRETAZIONE DEGLI ESITI ANALITICI Dario De Medici, Monica Gianfranceschi e il Gruppo di Lavoro IIZZSS Corso di

Dettagli

Ruolo e accreditamento dei laboratori per la sicurezza alimentare

Ruolo e accreditamento dei laboratori per la sicurezza alimentare Convegno L ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI PER LA SICUREZZA ALIMENTARE Ruolo e accreditamento dei laboratori per la sicurezza alimentare Rosa Draisci ISS ORL Roma 25-26 ottobre 2005 Laboratori ufficiali

Dettagli

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE Tecnico Della Prevenzione Lazzaro Dott. Alessandro (Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Aulss n 13 Mirano-VE) Verona 03/02/2012 Quadro normativo

Dettagli

USMAF Uffici di Sanità Marittima Aerea e di Frontiera

USMAF Uffici di Sanità Marittima Aerea e di Frontiera USMAF Uffici di Sanità Marittima Aerea e di Frontiera CORSO APPLICATIVO NSIS-USMAF Importanza del corretto inserimento dei dati nell applicativo NSIS_USMAF Roma, 21 Febbraio 2013 Applicativo NSIS-USMAF

Dettagli

Relazione Sicurezza Alimentare Anno 2015. Sommario

Relazione Sicurezza Alimentare Anno 2015. Sommario Pag. 1 di 10 Sommario Sommario...1 Servizi dipartimentali competenti per la sicurezza alimentare...3 - Servizio Igiene Alimenti e della Nutrizione;...3 - Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale;...3

Dettagli

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM Normativa comunitaria in materia di sicurezza alimentare Fin dalla sua costituzione l UE ha attribuito molta importanza all attività

Dettagli

Quale sicurezza per i prodotti vegetali?

Quale sicurezza per i prodotti vegetali? Convegno Torino, 9 marzo 22 Alimenti di origine vegetale: biosicurezza e rischio microbiologico Quale sicurezza per i prodotti vegetali? Silvio Borrello Direttore Generale Direzione generale per l'igiene

Dettagli

Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo

Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo Microbiologia predittiva Possibili utilizzi nell attività di controllo ufficiale degli Operatori del Settore Alimentare Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo

Dettagli

Direzione Generale per la sicurezza degli alimenti e della nutrizione UFFICIO VIII

Direzione Generale per la sicurezza degli alimenti e della nutrizione UFFICIO VIII Direzione Generale per la sicurezza degli alimenti e della nutrizione UFFICIO VIII RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA COMUNITARIO TRIMESTRE APRILE-GIUGNO 2008 1-Sistema di allerta Complessivamente, nel secondo

Dettagli

NORME VIGENTI. Dott. SILVIO MORETTI ASSOCIAZIONE ITALIANA CELIACHIA

NORME VIGENTI. Dott. SILVIO MORETTI ASSOCIAZIONE ITALIANA CELIACHIA NORME VIGENTI Dott. SILVIO MORETTI ASSOCIAZIONE ITALIANA CELIACHIA LEGISLAZIONE L. 4 luglio 2005, n 123 Norme per la protezione dei soggetti malati di celiachia 1. Celiachia come malattia sociale 2. Diagnosi

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Istituto Comprensivo Castelverde ROMA Anno scolastico 2013/2014 DI UNA SANA E corretta ALIMENTAZIONE Anno scolastico 2013/2014 Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

LA SICUREZZA ALIMENTARE Il nuovo approccio nella U.E.

LA SICUREZZA ALIMENTARE Il nuovo approccio nella U.E. LA SICUREZZA ALIMENTARE Il nuovo approccio nella U.E. TORINO 12 maggio 2009 IL CONTESTO Basta sfogliare gli annali della storia italiana di fine Ottocento per scoprire il legame strettissimo allora esistente

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento per la Sanità Pubblica Veterinaria, la Nutrizione e la Sicurezza degli Alimenti Capo Dipartimento:Dr Romano Marabelli Direzione Generale della Sanità Animale e del Farmaco

Dettagli

Modulo: Pacchetto Igiene e la sua applicazione

Modulo: Pacchetto Igiene e la sua applicazione Materiale Didattico Modulo: Pacchetto Igiene e la sua applicazione a cura della D.Ssa Ylenia Esposito Regolamento CE 2073/2005 I controlli microbiologici i i sui prodotti alimentari Legislazione sulla

Dettagli

ATTIVAZIONE DELLE ALLERTE

ATTIVAZIONE DELLE ALLERTE Come si applica: ATTIVAZIONE DELLE ALLERTE Ogni volta il Servizio Dipartimentale ASL disponga di informazioni relative alla presenza di un rischio grave per la salute umana, animale o per l ambiente, l

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE Elementi informativi

Dettagli

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni Elisabetta Delibato elisabetta.delibato@iss.it Istituto Superiore di Sanità DSPVSA Microrganismi negli alimenti Ogni alimento

Dettagli

VERSO EXPO 2015 ONE MEDICINE-ONE HEALT. FOOD FOR ALL WORLD FOOD DALLE PRODUZIONI LOCALI AL WORLD FOOD

VERSO EXPO 2015 ONE MEDICINE-ONE HEALT. FOOD FOR ALL WORLD FOOD DALLE PRODUZIONI LOCALI AL WORLD FOOD VERSO EXPO 2015 ONE MEDICINE-ONE HEALT. FOOD FOR ALL WORLD FOOD DALLE PRODUZIONI LOCALI AL WORLD FOOD M. MEAZZA - ASL MILANO - mmeazza@asl.milano.it VETMARE 15 GIUGNO 2014 POLICASTRO 1 MIGRANTI Alimentazione

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Il contesto internazionale dei prodotti a marchio distintivo

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Il contesto internazionale dei prodotti a marchio distintivo DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Il contesto internazionale dei prodotti a marchio distintivo Maurizio Esposito MIPAAF Dipartimento Politiche di Sviluppo Le produzioni con marchio

Dettagli

Sintesi articoli e parole chiave

Sintesi articoli e parole chiave REGOLAMENTO (CE) n. 401/2006 DELLA COMMISSIONE, DEL 23 FEBBRAIO 2006, RELATIVO AI METODI DI CAMPIONAMENTO E DI ANALISI PER IL CONTROLLO UFFICIALE DEI TENORI DI MICOTOSSINE NEI PRODOTTI ALIMENTARI (TESTO

Dettagli

Richiesta di offerta per la certificazione dei sistemi di gestione nel SETTORE ALIMENTARE

Richiesta di offerta per la certificazione dei sistemi di gestione nel SETTORE ALIMENTARE 1.1 INFORMAZIONI DI CONTATTO Società Ragione sociale Richiesta di offerta per la certificazione dei sistemi di gestione nel SETTORE ALIMENTARE Società per Azioni Società Cooperativa con responsabilità

Dettagli

Modena, 28 Settembre 2011 IL METODO HACCP: CRITERI DI INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DEI CCP

Modena, 28 Settembre 2011 IL METODO HACCP: CRITERI DI INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DEI CCP Modena, 28 Settembre 2011 La valutazione del 1 e 2 principio Codex Gli strumenti e i metodi a disposizione per il Controllo Ufficiale Paolo Daminelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia

Dettagli

I CONTROLLI DEI MANGIMI AL PORTO

I CONTROLLI DEI MANGIMI AL PORTO L EVOLUZIONE NEL SETTORE DEI MANGIMI: LA NORMATIVA IN CAMPO I CONTROLLI DEI MANGIMI AL PORTO Dr.ssa ORNELLA PEPPI MINISTERO DELLA SALUTE EX DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE

Dettagli

Elenco Prove e Servizi

Elenco Prove e Servizi Pagina 1 di 7 Elenco Prove e Servizi AGGIORNAMENTO 21.09.2014 Pagina 2 di 7 Parametri PER ALIMENTI Bacillus cereus UNI EN ISO 7932:2005 Bacillus spp UNI EN 15784:2009 Conta Campylobacter spp ISO 10272-1:2006

Dettagli

Piano Nazionale di Sorveglianza e Vigilanza Sanitaria sull Alimentazione degli Animali 2009-2010-2011

Piano Nazionale di Sorveglianza e Vigilanza Sanitaria sull Alimentazione degli Animali 2009-2010-2011 di Sorveglianza e Vigilanza Sanitaria sull Alimentazione degli Animali Teramo - 20 gennaio 2010 Dirigente delle Professionalità Sanitarie Ministero della Salute Dipartimento per la Sanità Pubblica Veterinaria,

Dettagli

ALLEGATO N. 5 LIMITI DI CARICHE MICROBICHE NEGLI ALIMENTI DESTINATI ALLA RISTORAZIONE COLLETTIVA

ALLEGATO N. 5 LIMITI DI CARICHE MICROBICHE NEGLI ALIMENTI DESTINATI ALLA RISTORAZIONE COLLETTIVA PROCEDURA NEGOZIATA PER L ALLESTIMENTO E LA GESTIONE TEMPORANEA DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE DELLE MENSE UNIVERSITARIE DELL ERDISU DI TRIESTE (CIG N. 3218525AD7). ALLEGATO N. 5 LIMITI DI CARICHE MICROBICHE

Dettagli

IL CAMPIONAMENTO UFFICIALE DEGLI ALIMENTI: METODOLOGIA E MODULISTICA

IL CAMPIONAMENTO UFFICIALE DEGLI ALIMENTI: METODOLOGIA E MODULISTICA IL CAMPIONAMENTO UFFICIALE DEGLI ALIMENTI: METODOLOGIA E MODULISTICA SANTUARIO DI VICOFORTE (CN) 8/11/2007 Elena Cerrato DEFINIZIONE CAMPIONAMENTO Procedimento per cui da una totalità di elementi oggetto

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Dipartimento per la Sanità Pubblica Veterinaria, la Nutrizione e la Sicurezza degli Alimenti Direzione Generale della Sanità Animale e del Farmaco

Dettagli

Pensare globalmente, agire localmente.

Pensare globalmente, agire localmente. Pensare globalmente, agire localmente. Consapevolezza alimentare degli studenti del Liceo V. Gioberti di Torino Pensare globalmente, agire localmente. Questo lo slogan del progetto Comenius 2013/2015 che

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 31 Maggio 2013 ore 11.00

COMUNICATO STAMPA 31 Maggio 2013 ore 11.00 COMUNE DI REGGIO CALABRIA SERVIZIO STATISTICA www.reggiocal.it/statistica ANTICIPAZIONE DELLA VARIAZIONE DEGLI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO CITTA DI REGGIO CALABRIA MESE DI MAGGIO 2013 Nel mese di Maggio,

Dettagli

Food Contact Materials idoneità alimentare e valutazione del rischio Sonia Russo

Food Contact Materials idoneità alimentare e valutazione del rischio Sonia Russo Food Contact Materials idoneità alimentare e valutazione del rischio Sonia Russo Assistente tecnico chimico azienda ULSS 4 del Veneto sonia.russo@ulss4.veneto.it (Regolamento (CE) N. 1935/2004) Food Contact

Dettagli

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04 Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA Dipartimento della Prevenzione Sicurezza Alimentare Sintesi delle attività in materia di controlli ufficiali di cui al reg. (CE) 882/04, svolte dal Dipartimento di

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL P.F. VETERINARIA E SICUREZZA ALIMENTARE N. 32 DEL 24/03/2011

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL P.F. VETERINARIA E SICUREZZA ALIMENTARE N. 32 DEL 24/03/2011 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DEL P.F. VETERINARIA E SICUREZZA ALIMENTARE N. 32 DEL 24/03/2011 Oggetto: Sicurezza alimentare Piano regionale di campionamento delle sostanze alimentari per il triennio 2010-2012.

Dettagli

Prove biotossicologiche nella valutazione della salubrità degli alimenti

Prove biotossicologiche nella valutazione della salubrità degli alimenti Prove biotossicologiche nella valutazione della salubrità degli alimenti Dr.ssa Gabriella Giorgi Il Ministero della Sanità con decreto n 38 del 25/05/1997 ai sensi dell art.12 del D.Lgs. N 116/92 ha autorizzato

Dettagli

REGIONE UMBRIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE. n.. Presidente. Vice Presidente. Assessore. Assessore. Assessore. Assessore. Assessore.

REGIONE UMBRIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE. n.. Presidente. Vice Presidente. Assessore. Assessore. Assessore. Assessore. Assessore. Cod. Modulo M/3 REGIONE UMBRIA OGGETTO: DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.. presenti assenti Presidente Vice Presidente Presidente : Relatore : Direttore: Segretario Verbalizzante : LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

Debic Burro tradizionale 10Kg

Debic Burro tradizionale 10Kg Informazioni Generali Identificazione del Prodotto Descrizione Articolo Marchio Descrizione Articolo (come fornito) Descrizione Articolo (breve) Descrizione Burro tradizionale 10Kg DEBIC BURRO TRAD. 10KG

Dettagli

L attuale Quadro Normativo

L attuale Quadro Normativo L attuale Quadro Normativo L educazione alimentare per il biologico Centro Congressi di Eatily Roma, 12 Ottobre 2012 Dott.ssa Teresa De Matthaeis Dirigente Ufficio Agricoltura Biologica - PQA V Ministero

Dettagli

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Piano Nazionale riguardante il Controllo Ufficiale DeGLI ADDITIVI ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Paolo Stacchini Dipartimento di Sanità Pubblica veterinaria e Sicurezza Alimentare

Dettagli

L igiene degli alimenti nella prevenzione delle MTA

L igiene degli alimenti nella prevenzione delle MTA Dipartimento della sanità pubblica veterinaria, della sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela della salute Direzione generale per l'igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

Dettagli

1. INDICE INDICE Indice Premessa Introduzione Capitolo I Quadro Normativo Capitolo II Tossinfezioni alimentari

1. INDICE INDICE Indice Premessa Introduzione Capitolo I Quadro Normativo Capitolo II Tossinfezioni alimentari 1. INDICE INDICE 1. Indice... 1 1.1. Indice figure... 3 1.2. Indice tabelle... 3 1.3. Indice grafici... 5 2. Premessa... 7 3. Introduzione... 9 4. Capitolo I Quadro Normativo... 12 4.1. Sicurezza alimentare...

Dettagli

IL CONSUMO DI PESCE CRUDO IN LOMBARDIA

IL CONSUMO DI PESCE CRUDO IN LOMBARDIA Convegno Le problematiche relative al consumo di pesce crudo IL CONSUMO DI PESCE CRUDO IN LOMBARDIA Dr. Renato Malandra Responsabile U.O. Mercato Ittico all Ingrosso Milano FATTORI CHE HANNO INFLUITO SUL

Dettagli

CIBO CHE NUTRE. tra informazione e disinformazione

CIBO CHE NUTRE. tra informazione e disinformazione CIBO CHE NUTRE tra informazione e disinformazione Trino, 15 maggio 2014 ALIMENTAZIONE E NUTRIZIONE Alimentarsi vuol dire scegliere e assumere alimenti volontariamente. Nutrirsi vuol dire utilizzare le

Dettagli

disposizioni europee e nazionali

disposizioni europee e nazionali Aflatossine-La normativa vigente: disposizioni europee e nazionali LE AFLATOSSINE Le aflatossine sono le micotossine più pericolose per la salute umana ed animale. Sono prodotte dalle specie Aspergillus

Dettagli

galeno Tutelare la salute e la sicurezza dell uomo. Proteggere l ambiente. GRUPPO

galeno Tutelare la salute e la sicurezza dell uomo. Proteggere l ambiente. GRUPPO galeno GRUPPO www.galenoweb.it Tutelare la salute e la sicurezza dell uomo. Proteggere l ambiente. La nostra storia inizia nel 1976 con l attivazione del primo laboratorio di analisi, operante soprattutto

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO Maggio 2012 In sintesi Il quadro internazionale dell agricoltura biologica Nel 2010, secondo gli ultimi dati disponibili, l agricoltura biologica a livello mondiale ha sostanzialmente confermato l estensione

Dettagli

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta Silvia ZUCCONI Coordinatore Area Agroalimentare NOMISMA > SUPERFICI BIO SUPERFICI BIOLOGICHE (milioni di

Dettagli

Linee guida per la valutazione dell idoneità al contatto con alimenti del packaging realizzato con materiale proveniente da riciclo

Linee guida per la valutazione dell idoneità al contatto con alimenti del packaging realizzato con materiale proveniente da riciclo Linee guida per la valutazione dell idoneità al contatto con alimenti del packaging realizzato con materiale proveniente da riciclo INDICE Prefazione 19 Premessa 21 Scopo 29 Campo di applicazione 29 Destinatari

Dettagli

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI Anna Carbone (Università della Tuscia) Antonella Finizia (Ismea) Workshop del Gruppo 2013 L agroalimentare italiano nel commercio mondiale:

Dettagli

Il contributo del Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente alla Sicurezza Alimentare: l'esperienza di Arpa Piemonte

Il contributo del Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente alla Sicurezza Alimentare: l'esperienza di Arpa Piemonte Il contributo del Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente alla Sicurezza Alimentare: l'esperienza di Arpa Piemonte Angelo ROBOTTO Direttore Generale ARPA Piemonte Ambiente Sano per una Alimentazione

Dettagli