Analisi del rischio microbiologico associato al processo di produzione e di conservazione del mascarpone MILANO 16 OTTOBRE 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi del rischio microbiologico associato al processo di produzione e di conservazione del mascarpone MILANO 16 OTTOBRE 2013"

Transcript

1 Analisi del rischio microbiologico associato al processo di produzione e di conservazione del mascarpone MILANO 16 OTTOBRE 2013 pag. 1 di 54

2 Caratteristiche Bacillus cereus Il Bacillus cereus (B.cereus) è un microrganismo gram-positivo, anaerobio facoltativo che si può trovare in forma vegetativa o in forma sporigena, è in pag. 2 di 54

3 grado di produrre diversi tipi di tossine dannose per l uomo. Gli alimenti dove è maggiormente rilevata la presenza del bacillo sono riso, verdure, prodotti carnei, ma anche latte e latticini (1, 2). Negli impianti di trasformazione alimentare, si possono ritrovare le spore del bacillo in quanto sopravvivano senza nutrimento o acqua per anni, sono insensibili a trattamenti termici di pastorizzazione, D 92 = 96, alle radiazioni, ai disinfettanti e ad ambienti fortemente acidi o alcalini. Le spore sono altamente idrofobe e sono in grado di aderire a qualsiasi superficie. Tali peculiarità supportano dati scientifici che riportano come l incidenza del batterio sia maggiore nel latte trattato termicamente che nel latte crudo (35-48% vs 9%) (2). Se si trovano in substrati favorevoli, le spore sono in grado di germinare e, all inizio della fase stazionaria di crescita batterica, producono tossine diarroiche o emetiche (2). Generalmente i ceppi di B.cereus sono mesofili, tuttavia, esistono ceppi del bacillo in grado di crescere a temperature inferiori a 8 C (3). In letteratura è riportato che, se il bacillo è presente nel latte pastorizzato, la sua concentrazione iniziale sia comunque contenuta, <10 ufc/ml, e che, se l alimento è mantenuto ad una temperatura inferiore a 6 C per 5 giorni, la concentrazione rimanga sotto le 10 5 ufc/ml, limite inferiore considerato dannoso all uomo (4). Tuttavia, dati dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emila Romagna (non ancora pubblicati) dimostrano che la concentrazione di B.cereus nella panna è maggiore rispetto a quella del latte. Le spore Le endospore di Bacillus sono strutture del batterio che gli consentono di sopravvivere in condizioni ambientali estreme. Le spore hanno uno strato esterno di cheratina che le rende estremamente resistenti al calore, alle radiazioni, alla essiccazione, ai disinfettanti e ad altre sostanze chimiche. Data la loro resistenza sono molto difficili da eliminare rappresentando una importante fonte di contaminazione degli alimenti. pag. 3 di 54

4 15b) Ciclo di sviluppo di un batterio sporigeno L organizzazione strutturale di base di una spora batterica può essere descritta in termini di diversi strati concentrici o di strutture. La parte centrale della spora, il core, è delimitata dalla membrana interna della prespora e contiene una copia del cromosoma batterico (Piggot et al., 1976; Driks, 1999; Henriques et al., 2000) (fig.1). Durante gli stadi intermedi del processo di sporulazione, un sottile strato di peptidoglicano simile in composizione a quello presente nella parete della cellula vegetativa, si forma al di sopra della membrana interna della prespora. Questo strato fungerà da parete per la cellula che si origina dalla germinazione della spora. Nello spazio compreso tra le membrane interna ed esterna della prespora si trova un altro sottile strato di peptidoglicano, chiamato corteccia o cortex (fig. 1). Il peptidoglicano presente nel cortex è chimicamente distinto da quello presente nella cellula vegetativa e viene formato principalmente da precursori ed enzimi che sono prodotti nella cellula madre e traslocati successivamente ai rispettivi siti di polimerizzazione attraverso la membrana esterna della prespora. La formazione del cortex è fondamentale per lo sviluppo ed il mantenimento della capacità di resistenza al calore della spora. Il cortex è circondato da un altra struttura pluristratificata di natura proteica chiamata tunica sporale o coat, il cui ruolo principale è quello di proteggere il cortex dall azione di solventi tossici, da specie reattive all ossigeno o da radiazioni UV e di garantire un appropriata risposta della spora a segnali provenienti dall ambiente esterno, come la presenza di nutrienti o di altri fattori che ne promuovono la germinazione (Setlow, 2003). Analisi per microscopia a trasmissione elettronica (TEM, Transmission Electron Microscopy) effettuate su sezioni sottili di spore di B. subtilis hanno rivelato la presenza di due strati principali all interno della tunica sporale. Uno strato più interno è formato dalla sovrapposizione di strutture lamellari che possono variare in numero da 3 a 6, allineate lungo la superficie della spora, ed uno strato più esterno che consiste di 4 o 5 strutture striate dense agli elettroni disposte anch esse parallelamente alla superficie sporale (Driks et al., 1999; Henriques et al., 2000). Entrambi questi strati della tunica appaiono strettamente associati e presentano uno spessore maggiore ai poli della spora (in queste regioni, lo strato interno e lo strato esterno della tunica hanno, rispettivamente, una larghezza di nm e di nm), mentre appaiono meno spessi lungo i bordi (Driks et al., 1999; Henriques et al., 2000). Non è ancora chiaro quali siano i fattori che determinano l aspetto striato o lamellare degli strati interno ed esterno della tunica pag. 4 di 54

5 Teoria dei trattamenti termici Blanching Pastorizzazione Sterilizzazione commerciale Ad ogni temperatura la relazione tra il numero di microrganismi sopravvissuti e il tempo è di tipo logaritmica: equazione del 1 ordine pag. 5 di 54

6 pag. 6 di 54

7 pag. 7 di 54

8 pag. 8 di 54

9 pag. 9 di 54

10 pag. 10 di 54

11 I SOFTWARE CALCOLANO DIRETTAMENTE IL VALORE DI F 0 pag. 11 di 54

12 ANALISI DEL RISCHIO Lo studio si prefigge di analizzare il processo produttivo del mascarpone conoscendone il profilo termico durante le varie fasi di produzione (coagulazione acida, fase di calore, fase di confezionamento a caldo, fase di raffreddamento, e successiva conservazione). Conoscendo il rapporto tempo temperatura del processo e le caratteristiche della materia prima, sarà possibile individuare i microrganismi che potrebbero coinvolgere il prodotto in situazioni dannose per il consumatore e i microrganismi per i quali il rapporto tempo temperatura genera un accettabile livello di riduzione del rischio STERILIZZAZIONE DELLA LINEA CON ACQUA BOLLENTE Da una verifica in Combase predictor eseguendo un Thermal inactivation model su bacillus cereus per 10 minuti tra 90 e 95 C e sempre per 10 minuti a 95 C costanti, si evidenzia che abbiamo una inattivazione termica massima del microrganismo nel primo caso di -0,32 log nel secondo caso di -0,54 log. Tali inattivazioni sono insufficienti a garantire una adeguata sanificazione di una linea contaminata a 2 / 3 log di Bacillus cereus o sporigeni simili termoresistenti. Si conclude che la sterilizzazione con acqua bollente tra gli 85 e i 95 C per 10 minuti garantisce una inattivazione termica di altri microrganismi eventualmente presenti non termoresistenti ad esclusione del genere bacillus. La detergenza base acido è l unico mezzo chimico-fisico a garanzia della perfetta sanificazione della linea, mentre la sterilizzazione con acqua bollente non da su questo tipo di linea e lavorazione una sufficiente completa copertura. time(h) Temp.(C)conc.(Log10 cells/g) pag. 12 di 54

13 time(h) Temp.(C)conc.(Log10 cells/g) pag. 13 di 54

14 Fase coagulazione acida a caldo in serbatoio Studio della morte termica basato sull F-value (inteso come Pastorizzazione Equivalente) Con i dati ricavati di tempo temperatura si possono ipotizzare trattamenti termici equivalenti, in grado cioè di conseguire una identica distruzione batterica pur con temperature e tempi differenti, L'obiettivo di fissare un importante parametro finale, il cosiddetto F-value, che rappresenta l'effetto letale. Tabella andamento termico del prodotto in serbatoio 75 o 76 22/02/ ,9 22/02/ ,8 22/02/ ,8 22/02/ ,8 22/02/ ,8 22/02/ ,8 22/02/ ,8 22/02/ ,8 22/02/ ,8 22/02/ ,8 22/02/ ,8 22/02/ ,9 22/02/ ,9 22/02/ ,8 22/02/ ,8 22/02/ ,9 22/02/ ,8 22/02/ ,8 22/02/ ,8 22/02/ ,8 22/02/ ,8 22/02/ ,8 22/02/ ,8 max 83,90 min 62,80 media 73,8 Microrganismo Salmonella Z = 4,4 D = 0,56 Temperatura di riferimento = 65,6 C calcolo su 7 D F 65,6 = D x 7 = 3,92 minuti F teorico F reale calcolato sulla base della curva termica = 462,56 minuti pari a 826 riduzioni decimali D= 462,56 / 0,56 = 826 riduzioni decimali ( vedi diagramma allegato ) In questa fase abbiamo 826 riduzioni decimali calcolate per il microrganismo salmonella. È stato raggiunto l obiettivo di eliminare 7D. Rischio trascurabile pag. 14 di 54

15 Microrganismo stafilococcus aureus Z = 9,5 D = 3 Temperatura di riferimento = 55 C calcolo su 7 D F 55 = 21 minuti F teorico F reale calcolato sulla base della curva termica = 2391,01 minuti pari a 797 riduzioni decimali ( vedi diagramma allegato ) In questa fase abbiamo 797 riduzioni decimali calcolate per il microrganismo stafilococcus aureus. È stato raggiunto l obiettivo di eliminare 7D. Rischio trascurabile pag. 15 di 54

16 Microrganismo Listeria Monocytogenes Z = 5,5 D = 0,58 Temperatura di riferimento = 63,3 C calcolo su 7 D F 63,3 = 4,06 minuti F teorico F reale calcolato sulla base della curva termica = 838,82 minuti pari a 1446 riduzioni decimali ( vedi diagramma allegato ).In questa fase abbiamo raggiunto l obiettivo di eliminare 7D. Rischio trascurabile pag. 16 di 54

17 Microrganismo Bacillus Cereus Z = 9,7 D = 3,1 Temperatura di riferimento = 100 C calcolo su 7 riduzioni decimali D F 100 = 3.1 x 7 = 21,70 minuti F teorico F reale calcolato sulla base della curva termica = 0,05 minuti pari a 0,05 / 3,1 = 0,02 riduzioni decimali ( vedi diagramma allegato ) In questa fase non abbiamo raggiunto l obiettivo di eliminare 7D. Rischio non trascurabile. Microrganismo Clostridium Botulinum Z = 10 D = 0,25 Temperatura di riferimento = 121,11 C calcolo su 12 D F 121 = 3 minuti F teorico F reale calcolato sulla base della curva termica = 0,00 minuti ( vedi diagramma allegato ) In questa fase non abbiamo raggiunto l obiettivo di eliminare 12D. Rischio non trascurabile. pag. 17 di 54

18 Conclusioni: nella fase coagulazione acida a caldo siamo in grado di ridurre il rischio microrganismi patogeni ad un livello accettabile fatta eccezione per gli sporigeni genere bacillus e clostridi pag. 18 di 54

19 Fase di confezionamento a caldo Studio della morte termica basato sull F-value Con i dati ricavati di tempo temperatura si possono ipotizzare trattamenti termici equivalenti, in grado cioè di conseguire una identica distruzione batterica pur con temperature e tempi differenti, L'obiettivo di fissare un importante parametro finale, il cosiddetto F-value, che rappresenta l'effetto letale. Tabella andamento termico (logger 2) scarico del prodotto dal serbatoio all imballaggio Rilevazioni effettuate introducendo un data logger nelle ciotole in fase di riempimento DataOra Valore 25/1/ ,00 25/1/ ,00 25/1/ ,50 25/1/ ,50 25/1/ ,50 25/1/ ,50 25/1/ ,50 25/1/ ,00 25/1/ ,00 25/1/ ,50 25/1/ ,50 25/1/ ,00 25/1/ ,00 25/1/ ,50 25/1/ ,00 25/1/ ,00 25/1/ ,50 25/1/ ,50 25/1/ ,00 25/1/ ,00 25/1/ ,50 25/1/ ,50 25/1/ ,00 25/1/ ,00 25/1/ ,50 25/1/ ,00 pag. 19 di 54

20 Microrganismo Salmonella Z = 4,4 D = 0,56 Temperatura di riferimento = 65,6 C calcolo su 7 D F 65,6 = 3,92 minuti F teorico F reale calcolato sulla base della curva termica = 13,18 minuti pari a 23 riduzioni decimali ( vedi diagramma allegato ) In questa fase abbiamo raggiunto l obiettivo di eliminare 7D. Rischio trascurabile pag. 20 di 54

21 Microrganismo stafilococcus aureus Z = 9,5 D = 3 Temperatura di riferimento = 55 C calcolo su 7 D F 55 = 21 minuti F teorico F reale calcolato sulla base della curva termica = 510,91 minuti pari a 170 riduzioni decimali ( vedi diagramma allegato ) In questa fase abbiamo raggiunto l obiettivo di eliminare 7D. Rischio trascurabile pag. 21 di 54

22 Microrganismo Listeria Monocytogenes Z = 5,5 D = 0,58 Temperatura di riferimento = 63,3 C calcolo su 7 D F 63,3 = 4,06 minuti F teorico F reale calcolato sulla base della curva termica = 48,54 minuti pari a 83 riduzioni decimali ( vedi diagramma allegato ) In questa fase abbiamo raggiunto l obiettivo di eliminare 7D. Rischio trascurabile pag. 22 di 54

23 Microrganismo Clostridium Botulinum Z = 10 D = 0,25 Temperatura di riferimento = 121,11 C calcolo su 12 D F 121 = 3 minuti F teorico F reale calcolato sulla base della curva termica = 0,00 minuti ( vedi diagramma allegato ) In questa fase non abbiamo raggiunto l obiettivo di eliminare 12D. Rischio non trascurabile. pag. 23 di 54

24 Microrganismo Bacillus Cereus Z = 9,7 D = 3,1 Temperatura di riferimento = 100 C calcolo su 7 D F 100 = 21,70 minuti F teorico F reale calcolato sulla base della curva termica = 0,00 minuti ( vedi diagramma allegato ) In questa fase non abbiamo raggiunto l obiettivo di eliminare 7D. Rischio non trascurabile. pag. 24 di 54

25 Fase Di Trattamento UV Ciotole Vuote In questa sperimentazione è stata verifica l efficacia del trattamento sotto lampada UV delle ciotole vuote da 250 g. La soluzione contaminante è stata ottenuta mettendo in termostato per 12 ore una bottiglia di latte pastorizzato AQ scaduto. Il metodo utilizzato prevedeva di contaminare la superficie delle ciotole con la soluzione contaminante ed il successivo recupero delle colonie tramite risospensione della carica contaminante con spugnette 3m. Il tempo di sosta delle ciotole sotto UV è stato di 4 secondi. La riduzione carica batterica dopo passaggio sotto raggi UV uguale a un logaritmo decimale CAMPIONE CBT Soluz.contaminante ufc/ml ciotola pulita 1 <100 ufc ciotola pulita 2 <100 ufc ciotola contaminata ufc ciotola contaminata ufc ciotola Contaminata + UV ufc ciotola Contaminata + UV ufc ciotola Contaminata + UV ufc ciotola Contaminata + UV ufc Conclusioni: nella fase confezionamento a caldo siamo in grado di ridurre il rischio microrganismi patogeni ad un livello accettabile fatta eccezione per gli sporigeni aerobi ed anaerobi. pag. 25 di 54

26 Fase stoccaggio refrigerato Con i dati ricavati di tempo temperatura si possono ipotizzare curve predittive di crescita dei vari microrganismi sporigeni principali patogeni (fonte ComBase predictor) Andamento di crescita Clostridium Perfrigens da ComBase Predictor Predizione in condizioni statiche di temperatura in abuso termico a 15 C in terreno di crescita da laboratorio. I 15 C sono la minima temperatura concessa da ComBase per la crescita del Cl.Perfrigens Si parte da log 2 si arriva a log 2,12 dopo 4 giorni a 15 C. Si ritiene che le condizioni di stoccaggio a 15 C in abuso termico anche per tempi notevolmente inferiori siano eccessive e fuori controllo in relazione all analisi del rischio. Celle a tali temperature sono da considerare non conformi. Modificare il processo pag. 26 di 54

27 Andamento crescita Clostridium Botulinum non proteolitico in condizioni statiche di temperatura Si parte da log 2 si arriva a log 2,11 dopo 4 giorni a 8 C in terreno di crescita da laboratorio Clostridium botulinum non proteolitico in condizioni statiche di temperatura 8 C Si ritiene che le condizioni di stoccaggio a 8 C in abuso termico anche per tempi notevolmente inferiori (ore) siano eccessive e fuori controllo in relazione all analisi del rischio. Celle a tali temperature sono da considerare non conformi. Modificare il processo pag. 27 di 54

28 Andamento crescita Clostridium Botulinum proteolitico in condizioni statiche di temperatura Si parte da log 2 si arriva a log 2,02 dopo 4 giorni a 14 C in terreno di crescita da laboratorio Clostridium botulinum proteolitico in condizioni statiche di temperatura 14 C (minima temperatura di crescita prevista da ComBase) Si ritiene che le condizioni di stoccaggio a 14 C in abuso termico anche per tempi notevolmente inferiori siano eccessive e fuori controllo in relazione all analisi del rischio. Celle a tali temperature sono da considerare non conformi. Modificare il processo pag. 28 di 54

29 Clotridium Botulinum non proteolitico Predizione in condizioni variabili di temperatura in abuso termico, in distribuzione frazionata in terreno di crescita da laboratorio si parte da log 2 si arriva a log 2, nessuna crescita dopo 2,4 giorni. Stoccaggio refrigerato simulando per 58 ore la distribuzione frazionata Si ritiene che le condizioni di distribuzione frazionata in temporaneo abuso termico entro i 30/40 minuti siano in controllo in relazione all analisi del rischio. pag. 29 di 54

30 Andamento crescita Bacillus Cereus in condizioni statiche di temperatura Predizione in condizioni statiche di temperatura in abuso termico a 8 C in terreno di crescita da laboratorio ((minima temperatura di crescita prevista da ComBase) si parte da log 2 si arriva a log 2,33 dopo 4 giorni a 8 C Si ritiene che le condizioni di stoccaggio a 8 C in abuso termico anche per tempi notevolmente inferiori siano eccessive e fuori controllo in relazione all analisi del rischio. Celle a tali temperature sono da considerare non conformi. Modificare il processo pag. 30 di 54

31 Bacillus Cereus Predizione in condizioni variabili di temperatura in abuso termico, in distribuzione frazionata in terreno di crescita da laboratorio si parte da log 2 si arriva a log 2,02 dopo 2,4 giorni. Stoccaggio refrigerato simulando per 58 ore la distribuzione frazionata In tale condizione il data base ComBase non definisce crescite significative di Bacillus Cereus. Segno che limitati abusi termici non favoriscono l innescarsi di crescite batteriche esponenziali. pag. 31 di 54

32 Studio della fase critica Raffreddamento ottimale dal confezionamento alla cella di stoccaggio (studio preddittivo ComBase) Clotridium Botulinum non proteolitico Partendo da una temperatura di 30 C arrivando ad una temperatura critica di 6,6 C, con una concentrazione di Cl.Bot. di 10 2 ufc/g dopo ore si ha una crescita di 1,13 log. Partendo da una temperatura di 6,6 C arrivando ad una temperatura critica di 6,5 C in ore, si ha una crescita di 0,39 log. Clotridium Botulinum non proteolitico time(h) Temp.(C) conc.(log10 cells/g) Crescita a temperature di refrigerazione variabili da C Da 2 log a 2 log in 3 giorni circa. Non c è crescita pag. 32 di 54

33 Bacillus Cereus Predizione in condizioni variabili di temperatura in abuso termico, in stoccaggio in cella in terreno di crescita da laboratorio Si parte da log 2 si arriva a log 3,12 dopo 3 giorni circa. Stoccaggio refrigerato in abuso termico temperatura di partenza 30 C temperatura finale 6,5. Si arriva a 6,5 C in 52 ore Secondo ComBase, con tale curva di raffreddamento di 52 ore il Bacillus Cereus cresce di più di un logaritmo (1,12). Le concetrazioni critiche per la sicurezza alimentare e per una significativa produzione di tossine è 10 5 ufc/g. Contaminazione iniziali limitate non creano un rischio, ma contaminazioni significative (10 4 ) possono generare un rischio significativo. pag. 33 di 54

34 ALTRE DUE CURVE CON COMBASE DI RAFFREDDAMENTO PREDITTIVO Raffreddamento ottimale (studio preddittivo) Prima curva Bacillus Cereus Fino a ore crescita di 1 log. Da a ore crescita di 0,39 log time(h) Temp.(C) conc.(log10 cells/g) Bacillus Cereus Crescita a temperature di refrigerazione variabili da C Da 2 log a 2,2 log in 3 giorni circa pag. 34 di 54

35 In questa prima curva sperimentale di raffreddamento per il controllo della crescita del bacillus cereus prevedere un raffreddamento in massimo 50,24 ore per avere una crescita di un log da log 2 a log 3 fino ad una temperatura di 6,6 C. Temperature inferiori non prevedono crescite significative Seconda curva Bacillus Cereus simulazione con maggiore velocità di raffreddamento In 16 ore si raggiungono 6 C in 41,5 ore si raggiungono i 5 C time(h) Temp.(C) conc.(log10 cells/g) , , ,17 Una seconda curva sperimentale di raffreddamento più rapida della prima prevede il raggiungimento dei 6 C in 16 ore e i 5 C in 70,36 ore. In questo caso abbiamo una crescita da 2 log iniziali a 2,17 log finali con un aumento di 0,17 log pag. 35 di 54

36 PARTE SPERIMENTALE Oggetto: Identificazione genetica dei principali microrganismi resistenti in 4 campioni di mascarpone della Ditta Centrale del Latte di Brescia Presso il laboratorio di Microbiologia Alimentare e Applicata del Dipartimento di Biotecnologie dell'università degli Studi di Verona è stata condotta l analisi dei campioni ricevuti dalla Ditta Centrale del Latte di Brescia allo scopo di verificare l appartenenza di genere e/o specie dei principali contaminanti microbici presenti nei suddetti campioni. Descrizione materiale ricevuto In data 25 Gennaio 2011, sono stati ricevuti 4 campioni di mascarpone, denominati rispettivamente 1, 2, 3 e 4, sui quali sono state effettuate le analisi riportate in oggetto. I campioni erano così denominati: g 1 pr. 6/ g 9/ g 26/ g 30/11 2 Tutti i campioni ricevuti erano sigillati. Incubazione dei campioni Allo scopo di favorire la moltiplicazione dei microrganismi eventualmente presenti, tutti i campioni, ancora sigillati e con il coperchio rivolto verso il basso, sono stati posti in termostato a 30 C per 72 ore. Dopo questo periodo di incubazione, nessuno dei 4 campioni di mascarpone mostrava gonfiore. I campioni 1, 2 e 3 mostravano una leggera separazione del siero. pag. 36 di 54

37 Analisi microbiologiche procedura operativa Per identificare i microrganismi presenti nei campioni di mascarpone, un aliquota di ciascun prodotto, dopo aver aperto la confezione sotto cappa in condizioni di sterilità, è stata prelevata con un ansa sterile e strisciata su 3 differenti terreni di coltura: - PCA (Plate Count Agar, Hi-Media), per la CONTA MICROBICA TOTALE; - RCM (Reinforced Clostridial Medium, Oxoid), addizionato con 1,5% agar (RCM-agar), per la conta dei CLOSTRIDI; - VRBA (Violet Red Bile Glucose Agar, Fluka), substrato selettivo per la numerazione dei COLIFORMI. Le piastre di PCA sono state incubate per 72 ore a 30 C in condizioni di aerobiosi, le piastre di RCM-agar sono state incubate per 72 ore a 27 C in condizioni di anaerobiosi, mentre le piastre di VRBA sono state incubate per 48 ore a 37 C in condizioni di aerobiosi. Sul terreno di coltura VRBA non è stata osservata crescita microbica. Dalle piastre di PCA e RCM-agar sono state selezionate alcune colonie rappresentative di ciascun campione e per ognuna di esse è stata applicata la seguente procedura: descrizione delle colonie e osservazione delle cellule al microscopio ottico (1.000 ); per le colonie cresciute su terreno PCA: inoculo in 5 ml di terreno liquido Nutrient Broth (peptone 5 g/l, estratto di carne 1 g/l, estratto di lievito 2 g/l, sodio cloruro 5 g/l) seguito da incubazione per 72 ore a 30 C in condizioni di aerobiosi; per le colonie cresciute sul terreno RCM-agar: inoculo in 5 ml di terreno liquido RCM seguito da incubazione per 72 ore a 27 C in condizioni di anaerobiosi. L identificazione degli isolati a livello di genere e/o di specie è stata ottenuta mediante sequenziamento, come descritto di seguito. Da ciascuna coltura sviluppata è stato estratto il DNA totale, applicando il protocollo messo a punto e normalmente impiegato nel nostro laboratorio. Il DNA estratto è stato utilizzato per allestire la reazione di PCR, specifica per i batteri, che prevede l amplificazione di una regione parziale (circa 700 bp) del gene codificante per l rrna 16S, seguendo le indicazioni di Rathnayake et al. (2009). Gli ampliconi ottenuti sono stati purificati tramite il kit NucleoSpin Extract II (Macherey-Nagel, Germania), quantificati e quindi inviati presso il centro di sequenziamento BMR Genomics di Padova. Con le sequenze ottenute è stata effettuata una ricerca in database per l identificazione dei microrganismi a livello di specie utilizzando i programmi disponibili per il confronto di sequenze nei database EzTaxon 2.1 (http:// :8080/index.jsp) e GenBank (http://blast.ncbi.nlm.nih.gov/blast.cgi). pag. 37 di 54

38 RISULTATI OSSERVAZIONE:Morfologia delle colonie e delle cellule ed isolamento Dopo incubazione, sulle piastre di PCA e RCM-agar sono sviluppate numerose colonie, complessivamente è stato possibile osservare 20 diverse morfologie di colonie (Tabella 1). Tabella 1: tipologie di colonie osservate e caratteri morfologici delle cellule. Campione Terreno Tipologia Descrizione colonia Descrizione cellule colonia 1. PCA 1 Colonia grande, bordo irregolare, biancastra, translucida, piatta in superficie Bacilli medi, estremità abbastanza piatte, alcuni presentano un endospora, singoli e in catene 2 Colonia piccola e tonda, bordo irregolare, beige chiaro, traslucida, piatta in superficie Bacilli medi, estremità abbastanza piatte, alcuni presentano un endospora, singoli e in catene RCMagar 1 Colonia media e rotonda, bordo regolare, beige, translucida, piatta in superficie Bacilli medi, estremità abbastanza piatte, alcuni presentano un endospora, singoli e in catene 2 Colonia piccola e tonda, bordo regolare, beige chiaro quasi trasparente, traslucida, piatta in superficie Bacilli medi, estremità abbastanza piatte, alcuni presentano un endospora, singoli e in catene 2. PCA 1 Colonia grande e rotonda, bordo regolare, beige con alone molto chiaro intorno, Bacilli medi, estremità abbastanza piatte, singoli e in catene traslucida, piatta in superficie 2 Colonia media e rotonda, bordo regolare, bianca-beige, traslucida, piatta in superficie Bacilli medi, estremità abbastanza piatte, singoli e in catene 3 Colonia piccola e tonda, bordo irregolare, giallastra, traslucida, a cupola Bacilli corti, estremità arrotondate, singoli RCMagar 1 Colonia media e tonda, bordo irregolare, beige, traslucida, a cupola Bacilli medi, estremità abbastanza piatte, singoli e in catene 2 Colonia media e tonda, bordo regolare, beige chiaro, traslucida, a cupola Bacilli medi, estremità abbastanza piatte, singoli e in catene 3 Colonia media e tonda, bordo irregolare, beige, traslucida, piatta in superficie Bacilli medi, estremità abbastanza piatte, singoli e in catene 4 Colonia piccolissima e tonda, bordo regolare, beige chiaro, traslucida, piatta in superficie Bacilli corti, estremità arrotondate, singoli pag. 38 di 54

39 Tabella 1: segue Campione Terreno Tipologia Descrizione colonia colonia 3. PCA 1 Colonia grande e rotonda, bordo irregolare, biancastra, traslucida, piatta in superficie 2 Colonia grande e rotonda, bordo irregolare, giallastra, traslucida, piatta in superficie RCMagar 1 Colonia piccolissima e tonda, bordo regolare, quasi trasparente, traslucida, piatta in superficie 2 Colonia piccola e tonda, bordo regolare, beige molto chiaro, traslucida, piatta in superficie 3 Colonia piccolissima e tonda, bordo regolare, bianca-beige, traslucida, piatta in superficie 4. PCA 1 Colonia molto grande e tonda, bordo irregolare, beige, traslucida, piatta in superficie 2 Colonia piccolissima e tonda, bordo regolare, bianca-beige, traslucida, piatta in superficie RCMagar 1 Colonia piccolissima e tonda, bordo regolare, quasi trasparente, traslucida, piatta in superficie 2 Colonia piccolissima e tonda, bordo regolare, bianca-beige, traslucida, piatta in superficie Descrizione cellule Bacilli abbastanza allungati, estremità piatte, alcuni presentano una spora ellissoidale, singoli e in catene di 2-4 unità Bacilli abbastanza allungati, estremità piatte, alcuni presentano una spora ellissoidale, singoli e in catene di 2-4 unità Bacilli medi, estremità abbastanza piatte, singoli e in catene Bacilli medi, estremità abbastanza piatte, singoli e in catene Bacilli medi, estremità abbastanza piatte, singoli e in catene Bacilli medi, estremità abbastanza piatte, singoli e in catene Bacilli corti, estremità abbastanza piatte, singoli Bacilli medi, estremità abbastanza piatte, singoli e in catene Bacilli medi, estremità abbastanza piatte, singoli e in catene pag. 39 di 54

40 Identificazione: SEQUENZIAMENTO Uno, due o più isolati per ciascuno dei quattro campioni di mascarpone, provenienti dai substrati PCA e RCM-agar, e rappresentativi delle diverse morfologie di colonie, sono stati sottoposti ad analisi molecolare. Nella seguente Tabella 2 viene riportato l esito del sequenziamento per i batteri isolati dai due differenti substrati di crescita (PCA e RCM-agar). Tabella 2: identificazione dei batteri isolati tramite sequenziamento della sequenza parziale del 16S rrna. Campione Terreno Tipologia colonia Identificazione Similarità in banca dati (%) 1. PCA 1 Bacillus cereus Bacillus cereus Bacillus cereus Bacillus cereus PCA 1 Bacillus tequilensis Bacillus tequilensis Bacillus safensis Bacillus tequilensis Bacillus tequilensis Bacillus tequilensis Bacillus safensis PCA 1 Bacillus sonorensis Bacillus sonorensis Bacillus tequilensis Bacillus tequilensis Bacillus tequilensis PCA 1 Bacillus tequilensis Microbacterium lacticum 99 RCMagar RCMagar RCMagar RCMagar 1 Bacillus tequilensis Bacillus tequilensis 100 pag. 40 di 54

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Regolamento CE 2073/2005 Criteri di applicazione

Regolamento CE 2073/2005 Criteri di applicazione Regolamento CE 2073/2005 Criteri di applicazione Validazione dei processi di produzione degli alimenti attraverso contaminazioni artificiali in strutture sperimentali Esempi pratici Gianluca Rugna Istituto

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ESCHERICHIA COLI

DETERMINAZIONE DI ESCHERICHIA COLI Rapporti ISTISAN 2005 DETERMINAZIONE DI ESCHERICHIA COLI 0. Generalità e definizioni Escherichia coli è stato descritto per la prima volta nel 1885 da Theodor Escherich col nome di Bacterium coli. Il microrganismo,

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani Gli alimenti lasciati all aria e soprattutto a temperatura ambiente subiscono, presto o tardi, modificazioni delle loro caratteristiche organolettiche:

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Produzione di formaggio di bufala a pasta semidura: studio della proteolisi Barbara La Gatta, Giusy Rusco, Aldo Di Luccia

Dettagli

Misure di temperatura nei processi biotecnologici

Misure di temperatura nei processi biotecnologici Misure di temperatura nei processi biotecnologici L industria chimica sta mostrando una tendenza verso la fabbricazione di elementi chimici di base tramite processi biotecnologici. Questi elementi sono

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura La (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura Come funzionano i criteri di valutazione sulla temperatura Vi sono 5 parametri usati per la valutazione del

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

SEPARARE PULIRE CUOCERE CONSERVARE. Dipartimento di Sanità Pubblica

SEPARARE PULIRE CUOCERE CONSERVARE. Dipartimento di Sanità Pubblica Dipartimento di Sanità Pubblica PULIRE SEPARARE CUOCERE CONSERVARE a cura di Maria Rita Fontana - Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Michele Pupillo - Servizio Igiene degli Alimenti e della

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE Coordinamento editoriale: Marta Fin, Alba Carola Finarelli, Laura Vicinelli, Claudio Visani Redazione: Alessandro Brunozzi,

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

People. Process. Product.

People. Process. Product. People. Process. Product. INTRODUZIONE Il programma StoreSafe è stato creato per identificare i prodotti Cambro che aiutano gli operatori nel settore della ristorazione collettiva a soddisfare i requisiti

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO [PIANO DI AUTOCONTROLLO PER L IGIENE DEGLI ALIMENTI] SEZIONE 1 BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO SOMMARIO Dati aziendali...2 Manutenzione dei Locali e delle Attrezzature... 4 Procedure operative standard

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Scheda Tecnica Edizione14.10.11 Sikadur -31CFNormal Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Indicazioni generali Descrizione Sikadur -31CFNormalèunamaltaepossidicabicomponente,contenenteaggregatispeciali,perincollaggieriparazionistrutturali,tolleral

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Predire la struttura terziaria

Predire la struttura terziaria Predire la struttura terziaria E di gran lunga la predizione più complessa che si possa fare su una proteina. Esistono 3 metodi principali di predizione: 1 - Homology modelling: se si conoscono proteine

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

Temperatura interna e del guscio durante una incubazione a temperatura costante - Tazawa & Nakagawa (1985) and French (1997) Giorni di incubazione

Temperatura interna e del guscio durante una incubazione a temperatura costante - Tazawa & Nakagawa (1985) and French (1997) Giorni di incubazione COME SI. PERCHÉ MISURARE LA TEMPERATURA DEL GUSCIO? Una corretta temperatura dell incubatrice é un aspetto importante per la qualitá dei pulcini. La temperature dell incubatrice é quella percepita dall

Dettagli

Caratterizzazione chimica degli effluenti odorigeni secondo la metodica EPA TO-15. Dr. Dino Celadon Dr.ssa Anna Pagliani

Caratterizzazione chimica degli effluenti odorigeni secondo la metodica EPA TO-15. Dr. Dino Celadon Dr.ssa Anna Pagliani Caratterizzazione chimica degli effluenti odorigeni secondo la metodica EPA TO-15 Dr. Dino Celadon Dr.ssa Anna Pagliani Presentazione del lavoro - Introduzione alla metodica EPA TO-15 - Descrizione dei

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi 1 Irraggiamento derrate alimentari Somministrazione di radiazioni a prodotti alimentari (dosi minori rispetto alla sterilizzazione dei presidi medici) Inibisce la germinazione e ritarda il processo di

Dettagli

Le applicazioni della Dome Valve originale

Le applicazioni della Dome Valve originale Le applicazioni della Dome Valve originale Valvole d intercettazione per i sistemi di trasporto pneumatico e di trattamento dei prodotti solidi Il Gruppo Schenck Process Tuo partner nel mondo Il Gruppo

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP (D.L.1937/07) DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 DEFINIZIONE HACCP ( HAZARD ANALYSIS AND CRITICAL POINT) Analisi dei Rischi e Controllo dei Punti Critici

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara VitiMeteo-Plasmopara consente di affinare la lotta contro la peronospora, senza tralasciare gli episodi d infezioni importanti e permette di evitare dei

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

manuale di buone pratiche di igiene

manuale di buone pratiche di igiene ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE Istituto Zooprofilattico Sperimentale DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA della Lombardia e dell Emilia BRUNO UBERTINI Romagna Bruno Ubertini ENTE SANITARIO DI DIRITTO

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA PREPARAZIONE DELLE CONSERVE ALIMENTARI IN AMBITO DOMESTICO

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA PREPARAZIONE DELLE CONSERVE ALIMENTARI IN AMBITO DOMESTICO Ministero della Salute Istituto Superiore di Sanità LINEE GUIDA PER LA CORRETTA PREPARAZIONE DELLE CONSERVE ALIMENTARI IN AMBITO DOMESTICO A CURA DI: Fabrizio Anniballi Bruna Auricchio Francesca Calvetti

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli