Progettare l IT Governance: un aumento di costi o un aumento di valore?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progettare l IT Governance: un aumento di costi o un aumento di valore?"

Transcript

1 Progettare l IT Governance: un aumento di costi o un aumento di valore? Antonio Teti Università degli Studi di Chieti-Pescara Dati semestrali del Rapporto Assinform L INFORMATICA ITALIANA CONTINUA AD ACCELERARE: 1 SEMESTRE 2007: It + 1,7%,TLC+0,5%. Con un tasso di crescita dell 1,7% segnato a fine giugno di quest anno (era stato di +1,1% nel primo semestre 2006 e + 0,4% nel 2005) il settore informatico nazional e si conferma alla testa della ripresa dell economia, segnalando la rinascita della domanda d innovazione tecnologica nel Paese. Industria e servizi stanno aumentando gli investimenti in informatica a un ritmo superiore a quelli indirizzati all acquisto di macchinari e attrezzature, attestati nello stesso periodo a +1,3%. E questo il dato rilevante che emerge dai risultati semestrali registrati dal settore It nella prima parte dell anno in corso, divulgati da AITech-Assinform Nelle aziende PMI cosa accade? Rapporto PMI : innovare per sopravvivere Politecnico di Milano Obiettivo: analizzare l'utilizzo e la diffusione delle ICT in un campione statisticamente significativo di imprese italiane con un numero di addetti compreso tra 10 e 500.

2 Dati semestrali del Rapporto PMI La Ricerca ha analizzato l utilizzo e la diffusione delle ICT in un campione significativo di più di imprese italiane con numero di dipendenti compreso tra 10 e 500; dati che sono stati poi utilizzati per misurare il livello di maturità infrastrutturale, applicativa e ICT delle PMI italiane. Il quadro che emerge dall analisi mostra una situazione di forte transizione e cambiamento: Circa il 55% delle imprese utilizza un infrastruttura ICT in evoluzione, caratterizzata, cioè, da un buon livello di aggiornamento, anche se non ancora del tutto completa e coerente; Circa il 29% delle imprese utilizza un infrastruttura embrionale, poco aggiornata e con un basso livello di completezza Solo il 16% delle imprese utilizza un infrastruttura evoluta ; Dall analisi del parco applicativo delle PMI italiane analizzate emerge uno scenario eterogeneo: circa 1 impresa su 3 utilizza esclusivamente un pacchetto elementare, che consente di gestire alcune attività di base, quali l amministrazione e la contabilità. A queste si aggiunge un numero di imprese (pari a circa il 12%) che non utilizzano nessuna applicazione lato server, ma si affidano esclusivamente ad applicazioni di produttività personale. Il restante 45% delle imprese utilizza un portafoglio applicativo che garantisce un buon livello di copertura dei processi, ma caratterizzato da diversi livelli di flessibilità e standardizzazione. Dati semestrali del Rapporto PMI Quasi 1 impresa su 3 ricorre ad un sistema gestionale evoluto (gestionale nazionale, gestionale verticale o ERP), mentre il 43% delle imprese utilizza esclusivamente un pacchetto elementare, per la gestione dell amministrazione e della contabilità. La percentuale di imprese che hanno adottato sistemi specifici a supporto della Business Intelligence varia da 5% al 29% sulla base delle dimensioni delle imprese stesse. Tali applicazioni vengono utilizzate quasi esclusivamente per effettuare analisi commerciali e a supporto del controllo di gestione. Inizia a diffondersi l utilizzo di applicazioni Web più evolute rispetto al semplice sito istituzionale, soprattutto nelle imprese di dimensioni maggiori, appartenenti a specifici settori; le applicazioni più diffuse sono le Intranet rivolte ai dipendenti (utilizzate da una percentuale di imprese che varia tra il 16% ed il 53%, sulla base delle dimensioni), le applicazioni Extranet rivolte ai clienti business (utilizzate da una percentuale di imprese che varia tra il 7% e il 37%, sulla base delle dimensioni), e i siti di commercio elettronico B2c, utilizzati esclusivamente dalle imprese che si rivolgono direttamente al consumatore finale. Cresce anche l utilizzo di applicazioni Mobile&Wireless da parte delle PMI italiane. In particolare, la percentuale di imprese che utilizza applicazioni di Mobile Office varia tra il 16% e i 47% sulla base delle dimensioni, mentre l utilizzo di altre applicazione Mobile&Wireless (prevalentemente Sales Force Automation su rete cellulare e gestione dei magazzino su rete Wi-Fi) varia tra i 7% ed il 46%, sempre sulla base delle dimensioni. Le applicazioni RFId, quasi assenti nelle imprese con meno di 50 dipendenti, sono utilizzate da circa il 9% di quelle con numero di dipendenti compreso tra 250 e 500. Il settore in cui tale tecnologia è maggiormente utilizzata è l Alimentare, a seguito delle normative sulla tracciabilità. Le applicazioni più utilizzate sono quelle per la gestione del magazzino, per il controllo degli accessi e di antitaccheggio (soprattutto nel Commercio).

3 Dati semestrali del Rapporto PMI L analisi effettuata sulla maturità ICT delle PMI italiane intervistate mostra un 40% di PMI immature, sia a livello infrastrutturale che applicativo, un 46% con un buon livello di maturità o infrastrutturale o applicativa, e solo un 12% caratterizzato da elevato livello di maturità ICT complessiva. I dati statistici dicono infatti che le PMI italiane spendono in media 850 euro per addetto, ossia circa la metà di quanto spende un impresa francese o una tedesca di pari dimensioni, un terzo di un impresa britannica o del nord Europa, un quarto di quanto spende in media un impresa negli Stati Uniti Rapporto PMI : innovare per sopravvivere Uno dei maggiori problemi delle aziende risiede nella loro incapacità di classificare la spesa. A volte controllano infatti la spesa in termini di acquisito, ma resta poi fuori controllo la componente manutenzione e consumo, che spesso esce dalla gestione IT per passare agli acquisti o alla finanza. Fra gli elementi di analisi emerge anche che le aziende migliori hanno una funzione informatica e un responsabile IT (che mediamente non esiste nelle aziende più piccole) e nella situazione migliore (imprese fra 250 e 500 adde tti) ha a sua disposizione mediamente quattro persone. Tuttavia anche queste aziende migliori spesso non sono in grado di proporre l ICT come leva per l innovazione di processo e di prodotto L 80% delle PMI è smarrito di fronte alle opportunità che l Information Technology e l IT Management offre per far evolvere l azienda.

4 È possibile classificare le PMI italiane sulla base di 4 livelli principali di Maturità ICT: Imprese immature, pari al 42%; si tratta di imprese di piccole dimensioni, con meno di 50 addetti. Il supporto informatico è ridotto alle attività essenziali e in alcuni casi completamente assente. Solo in 1/4 di esse è presente un responsabile IT ed anche la spesa IT è estremamente ridotta. Imprese statiche, pari al 25%; si tratta di imprese caratterizzate da un buon livello di maturità applicativa, ma con un infrastruttura spesso elementare. La spesa IT è in genere contenuta, indice di u buon livello di efficienza nell utilizzo dell IT. Imprese impostate, pari al 21%; si tratta di imprese in cui sono state poste le basi infrastrutturali per lo sviluppo del sistema informativo ma che non hanno ancora sviluppato il portafoglio applicativo o che necessitano di interventi di razionalizzazione. La presenza di un responsabile IT è ritenuta fondamentale e la spesa informatica risulta in genere particolarmente elevata. Imprese lungimiranti, pari al 12% dei casi; si tratta di imprese che presentano un elevato livello di maturità ICT, sia infrastrutturale che applicativa. In tali imprese è in genere presente una direzione IT strutturata e la spesa IT è elevata. Rapporto PMI : innovare per sopravvivere Rapporto PMI : innovare per sopravvivere Le imprese immature o miopi devono questa incapacità di ottenere ritorni strategici alle seguenti cause: ad un sostegno inadeguato agli investimenti nelle ICT da parte dei vertici dell azienda, che spesso le considera come un costo da contenere ; alla difficoltà di chi, in azienda, si occupa dell implementazione dei sistemi informativi ad avere una chiara visione delle esigenze di business che tali tecnologie devono supportare, fattore spesso all origine di investimenti poco allineati con la strategia aziendale.

5 Rapporto PMI : innovare per sopravvivere Il risultato dell analisi evidenzia che le aziende più mature sono generalmente quelle che hanno saputo progettare l IT Governance grazie all integrazione ma soprattutto alla gestione delle tecnologie ICT nei processi aziendali consentendo il miglioramento dei servizi/prodotti offerti in mercati sempre più globalizzati e in forte crescita. I casi tipici di aziende italiane di successo, sono quelli dove l imprenditore riesce a comprendere l importanza dell IT Governance che focalizzi la sua attenzione: sull implementazione dei prodotti IT per miglioramento del business aziendale; sulla formazione continua del personale sulle nuove tecnologie; sul corretto utilizzo delle tecnologie IT; sul monitoraggio continuo della qualità delle tecnologie IT utilizzate; sul monitoraggio continuo dei costi dei servizi IT necessari all azienda. L IT Governance come strumento di valore: alcuni esempi di IT Management (e di adozione di ITIL )

6 ITIL nella Bank of New York: gestire il troubleshoot Fondata nel 1784, la Bank of New York Company rappresenta la financial holding company più vecchio degli Stati Uniti e gestisce un giro di affari di circa 102 bilioni di dollari e custodisce e amministra circa 10.8 trilioni di dollari. Possiede uffici in 33 paesi del mondo e le sue competenze spaziano dal securities servicing, al treasury management, all investment management, all individual and regional banking services. Tra 2002 e 2005, la banca decide di avviare un processo di ristrutturazione dell intera infrastruttura ICT per consentire, in vista di imminenti acquisizioni e fusioni di aziende operanti nel settore finanziario, una migliore organizzazione dei servizi IT all interno e all esterno dell organizzazione. Tale decisione veniva assunta anche in funzione della rilevante numero di sedi distribuite geograficamente in diversi del globo. Tra i tanti problemi affrontati ci fu anche quello della gestione del troubleshooting (risoluzione dei problemi) dei servizi IT gestiti all interno dell azienda. Soprattutto dopo il tragico evento dell 11 settembre 2001, i responsabili IT decisero di delocalizzare i propri data-centers in diverse aree del paese nel tentativo di ridurre la centralizzazione dei sistemi informativi in pochi uffici centrali. Gli obiettivi prefissati furono: ITIL nella Bank of New York: gestire il troubleshoot Progettare e realizzare un sistema di comunicazione globale tra le varie sedi attribuendo una particolare importanza ai sistemi di storage, ai più moderni sistemi di comunicazione, e all implementazione di servizi di tipo web-oriented; Completare lo sviluppo e la costruzione di due data centers proprietari entro un massimo di tre anni che comprendessero: - un nuovo data center per la gestione del disaster/recovery and contingency che possa garantire la continuazione dei servizi erogati alla clientela in caso di guasti/malfunzionamenti dei dispositivi informatici; - un nuovo data center dedicato alla produzione di sistemi e applicazioni per la clientela che possa consentire la sperimentazione di nuovi prodotti senza inficiare sulla efficienza dei servizi offerti; Assicurare che i data centers siano provvisti delle più moderne tecnologie atte a garantire l integrità, l affidabilità, continuità dei servizi offerti alla clientela;

7 ITIL nella Bank of New York: gestire il troubleshoot Altri obiettivi: Realizzare una robusta Wide Area Network (WAN) che possa contenere molteplici linee di accesso alla rete Internet controllate da un efficiente sistema di controllo, monitoraggio e filtraggio del traffico trasmesso da e verso la rete Internet; Garantire che la rete della Bank of New York fosse gestita totalmente dal personale della struttura riducendo al massimo il coinvolgimento di strutture o personale esterno all organizzazione ; Verificare costantemente gli obiettivi e le previsioni della Direzione dell organizzazione per rimodellare, eventualmente, i servizi offerti internamente ed esternamente ; Pubblicizzare la Bank of New York come la maggiore industria leader nel business continuity e nell information security ; Aderire, in base ad una decisione assunta dal Board of Directors, allo standard ITIL per la gestione del Change Control e Change Management e del Disaster Resolution. ITIL nella Bank of New York: gestire il troubleshoot Inizialmente gli IT Managers della Banca di New York pensavano che il corretto utilizzo dei sistemi informativi, delle reti, di software specifici fosse sufficiente a garantire il soddisfacimento globale delle esigenze dei propri clienti interni ed esterni. Tuttavia far funzionare bene i sistemi informativi non è abbastanza!!!. Joseph Gallagher, Vice Direttore IT che si occupa di implementaz ione dei processi nella Banca, asserisce Quando i Senior Business Managers chiedevano agli IT Managers: cosa fanno i tecnici? Come stanno lavorando i processi? Mi mostrate alcune misurazioni?. Noi non eravamo in grado di soddisfare queste richieste. Oggi possiamo garantire misurazioni accurate e controlli continui fruibili per elaborazioni statistiche sulla continuità dei servizi erogati e i tempi di ripristino degli stessi in caso di crash.

8 ITIL nella Bank of New York: gestire il troubleshoot Tutto ciò è stato reso possibile grazie al fatto che tra i Technology Managers della Banca giravano già da qualche tempo alcuni testi di ITIL che, dopo essere stati opportunamente analizzati, hanno consentito la creazione di un repository informativo sulle best practices (pratiche migliori) da seguire per risolvere alcuni malfunzionamenti e/o inefficienze dei servizi IT erogati. L adozione di ITIL ha consentito di realizzare un "feedback loop che ha permesso la riduzione/eliminazione degli incidenti mediante l analisi degli incidenti verificatisi precedentemente e accuratamente memorizzati in appositi databases. Attraverso l analisi degli incidenti pregressi è stato possibile strutturare le azioni correttive e le metodologie preventive per ridurre/eliminare il numero degli inconvenienti. ITIL nella Bank of New York: gestire il troubleshoot Grazie all adozione di ITIL, la Bank of New York, attualmente, identifica e definisce un numero maggiore di incidenti e di cause che determinano il malfunzionamento di servizi IT interni o esterni. Gallagher asserisce che precedentemente, ogni struttura IT delle rispettive organizzazioni utilizzava il proprio metodo per gestire gli inci denti e la misurazione e l utilizzo di metriche approssimative rendeva tutto pi ù difficile la verifica dell efficacia dei processi utilizzati. Anche la comunicazione all interno delle strutture era particolarmente difficoltosa e le indagini riconducibili alla verifica delle cause dell incidente erano molto spesso limitate e incoerenti. Soprattutto, il personale coinvolto non era stato adeguatamente preparato alla gestione dell incidente e dell attivazione dei processi di ripristino. Per la Banca era determinate capire se gli incidenti che si verificavano potevano comportare conseguenze all intera struttura IT o solo ad una parte di essa. In sostanza era fondamentale comprendere se il disservizio causato era da circoscrivere ad settore o area particolare o se inficiasse, in qualche modo, sull itera infrastruttura IT.

9 ITIL nella Bank of New York: la soluzione per gestire il troubleshoot Alla Bank of New York ad ogni incidente viene assegnato un severity number (numero di gravità) che va da 1 a 4. La numerazione rappresenta il livello di gravità: il 4 rappresenta un indice minore che non necessita di un attenzione immediata, il numero 1 indica il massimo livello di gravità che può comportare un impatto significativo sui servizi erogati dal Business e Customer Services. Il Service Desk identifica l incidente e ne diventa proprietario. L istituto bancario statunitense segue questa linea guida, facendo una eccezione quando si tratta di incidenti di altissima priorità che afferiscono al Business e al Customer Services. In questo caso la banca attribuisce la proprietà dell incidente alla struttura IT General Services che ne detiene la gestione, anche se può continuare ad avvalersi della collaborazione del Service Desk che fungerà da incident coordiantor occupandosi delle operazioni di gestione (incident ticket, telephone conference call,etc). Secondo Gallagher "Questa distribuzione di responsabilità durante gli incidenti di priorità alti assicura che tutto lo Staff IT si concentri sulla risoluzione dell incidente". In tal senso si evita che una unica persona possa gestire interamente l incidente. ITIL nella Bank of New York: i risultati concreti dell adozione di ITIL Una volta che l incidente è stato risolto, si attiva il processo di "problem management" per determinare ed analizzare la causa che lo ha provocato. Questa processo rappresenta la fase investigativa della causa dell incidente; dopo aver identificato le cause, vengono analizzate e attivate le azioni correttive per prevenire i problemi. Durante il 2005, la banca registrava una media di 65 severity-one-incident per mese. Durante i primi cinque mesi di 2006, il numero cadeva a 51, con un ribasso del 21.5% dal Anche il costo riconducibile alla risoluzione dei severity-incident declinava da una media di $1,600 per incidente in luglio 2004, a circa $200 per incidente in gennaio Da una media mensile di 65 severity-one -incident identificati nel 2005, il 15% erano da attribuire all errore umano, il 13% a difetti del sistema operativo, l 11% a problemi di offerta di servizi, 11% a problemi di processo, 8% al software e 8% ad analisi tecniche imprecise; il 13% era dovuto a ragioni ignote

10 ITIL nella Bank of New York: gestire il troubleshoot Conclusioni: Nel giro di qualche anno i benefici conseguiti dalla implementaz ione del modello ITIL presso la Bank of New York hanno consentito: di ridurre il numero mensile medio di severity-incident, da 65% nel 2005, al 20% nel di tagliare il numero mensile di printer severity-incident, da 500 nel giugno 2004 a 100 nel 2006; di ridurre il numero mensile delle password-related incidents, da circa nel gennaio 2005 a meno a di del Il governo dell Information Technology nell Air Operation Center (AOC) dell US Air Force L Air Operations Center è un complesso ed autonomo sistema informatizzato che ha il compito di gestire la catena C2 (Comando e Controllo) di tutte le operazioni aree dell Aviazione statunitense effettuate in un contesto geografico definito. L'aviazione militare statunitense, ormai da qualche tempo, è impegnata nel tentativo di trasformare il suo datato sistema di gestione delle funzioni IT degli AOC, in agili imprese in grado di gestire le moderne tecnologie IT attraverso il miglioramento delle strategie organizzative dell IT Management. L'USAF ama definire questa evoluzione con il termine di trasformazione. L'industria privata la identifica con il termine di IT Governance. Per costruire, al suo interno, un modello di IT Governance, l'usaf deve trasformare la sua attuale infrastruttura di gestione dei componenti in un modello di gestione dei servizi IT. Per realizzare un sistema di IT Service Management, l USAF comprende che è indispensabile creare una infrastruttura che si occupi della gestione dei servizi IT e che focalizzi la sua attenzione sui bisogni degli utenti/clienti (fruitori dei servizi) e sul miglioramento dei servizi offerti.

11 Il governo dell Information Technology nell Air Operation Center (AOC) dell US Air Force L'USAF gestisce le funzioni C2 secondo il modello di pianificazione centralizzata ed esecuzione decentrata. L AOC rappresenta pertanto il nucleo C2 decentralizzato utilizzato dall USAF per condurre le operazioni aeree in uno specifico teatro operativo. L AOC provvede alla funzione che in gergo viene definita operational-level -control of theater aerospace forces focalizzando l attenzione sulla pianificazione, direzione e stima delle operazioni condotte nello spazio aereo di pertinenza. Struttura funzionale dell AOC (fonte Leveraging ITIL to govern AOC Information Technology) Il governo dell Information Technology nell Air Operation Center (AOC) dell US Air Force AOC Locations (fonte Leveraging ITIL to govern AOC Information Technology)

12 Il governo dell Information Technology nell Air Operation Center (AOC) dell US Air Force L USAF sperimenta la gestione dei processi del Change Management ad un nucleo a cui partecipano 3 teams principali: il C2 General Officer Steering Group (C2 GOSG); lo Spiral Development Integrated Product Team (SDIPT); il Configuration Change Board (CCB) Due volte all anno un gruppo di generali a tre stelle si riunisce per discutere sui bisogni del settore C2 dell USAF e per definire le linee guida della gestione degli AOC. I risultati delle riunioni vengono trasmessi al C2 GOSG. Il GOSG ha il compito di definire la mission del C2, gli obiettivi, gli investimenti strategici e i piani de lle operazioni che dovr à gestire l USAF. Il C2 GOSG e composto da diversi alti ufficiali dell aviazione statunitense di consolidata esperienza che hanno il compito di assumere decisioni anche sulle politiche di gestione e di evoluzione degli AOC. Lo SDIPT definisce, valida e gestisce le priorità dei bisogni di ogni AOC Weapon System. Lo SDIPT è a sua volta composto da tre gruppi specializzati: - il Requirements Working Group (RWG); - il Sustainment Working Group (SWG); - l Engineering Working Group (EWG). Il governo dell Information Technology nell Air Operation Center (AOC) dell US Air Force AOC IT Management Process (fonteleveraging ITIL to govern AOC Information Technology)

13 Il governo dell Information Technology nell Air Operation Center (AOC) dell US Air Force Dopo che la lista dei bisogni è stata approvata dai tre gruppi di lavoro, viene approvata e pubblicata dal Change Control Board (CCB). Il CCB riesamina il documento ufficiale e le soluzioni adottate e assume la decisione finale dell inserimento del documento nell AOC baseline. Dal quel momento il nuovo modello di riferimento dell AOC viene utilizzato come base di riferimento per tutti gli AOC (Baseline Configuration AOC) Pertanto l USAF è passata da una gestione dell IT component management (incentrata soprattutto sulla gestione degli approvvigionamenti e della scelta dei componenti IT) alla gestione dell IT Governance. Concludendo L utilizzo delle tecnologie IT, per le aziende, può rappresentare un reale strumento di evoluzione del business e di ottimizzazione dei costi, ma non basta!!! Se si intende ottimizzare la qualità dei prodotti/servizi IT di qualità bisogna investire in formazione, competenza, professionalità. È non bisogna dimenticare che l Information Technology non è un centro di costo, ma un centro di valore!!!

14 Per saperne di più ITIL, PRINCE2, CMMI, COBIT, ISO20000 e molto altro ancora!

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT Via Turati 4/3, 16128 Genova Tel. 348/4103643 Fax 010/8932429 ITIL (Information Technology Infrastructure Library) 1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT In un mercato in cui il successo delle aziende è

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET Internet una finestra sul mondo... Un azienda moderna non puo negarsi ad Internet, ma.. Per attivare un reale business con transazioni commerciali via Internet

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Mobile Enterprise: produttività recuperata per 9 miliardi di nel 2014

Mobile Enterprise: produttività recuperata per 9 miliardi di nel 2014 Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano www.osservatori.net COMUNICATO STAMPA Osservatorio Mobile Enterprise Mobile Enterprise: produttività recuperata per 9 miliardi di nel 2014 Il mercato

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 NetConsulting 2014 1 INDICE 1 Gli obiettivi della Survey...

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti Alessandro Bruni CIO at Baglioni Hotels Workshop AICA: "Il Service Manager: il ruolo e il suo valore per il business" 8/ 2/2011 Il gruppo Baglioni Hotels

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict 01NET NETWORK www.01net.it Pag 2 Dati di traffico 01net Network Totale

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli