Miele delle Dolomiti SCHEDE PRODOTTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Miele delle Dolomiti SCHEDE PRODOTTI"

Transcript

1 SCHEDE PRODOTTI Miele delle Dolomiti Territorio interessato alla produzione I comuni presenti nel territorio della Provincia di Belluno La storia Nelle Dolomiti Bellunesi, in un paesaggio per certi tratti ancora incontaminato, immerso nel verde di boschi e prati fioriti, la produzione di miele acquista delle particolari caratteristiche organolettiche che lo rendono qualitativamente molto apprezzato. L'apicoltura è una delle attività più diffuse in tutto il territorio bellunese e in particolar modo entro i confini del Parco: proprio perché praticata in questo particolare contesto, mantiene tecniche di tipo tradizionale per ottener un prodotto biologico. Da oltre un ventennio inoltre, Apidolomiti, l Associazione apicoltori della Provincia di Belluno, organizza un convegno dedicato all apicoltura di montagna. Descrizione del prodotto Il miele delle Dolomiti Bellunesi rientra nella lista dei prodotti tradizionali della Regione Veneto. Le piante presenti nel Parco e nella zona attigua da cui si ricava questo miele sono: rododendro, tarassaco, acacia, castagno e il millefiori. Oltre ai mieli più comuni di Acacia, o Millefiori, molti produttori si dedicano a produzioni particolari quali: Miele di bosco (in realtà è miele di Melata di Abete), Miele di Geranio Selvatico, Miele Millefiori d'alta Montagna. Il miele di bosco viene prodotto dalle nostre api nei mesi di luglio e agosto. È questo il periodo dove "fioriscono" le conifere. Il colore è molto scuro, quasi nero. Il sapore è leggermente resinoso, meno dolce ma più aromatico. L odore è caratteristico, non pungente. Presso i popoli antichi, il miele di bosco veniva consumato per sopperire ai dolori alle vie respiratorie, bronchiti e mal di gola. Inoltre è utile ad aiutare la crescita dei bambini. Viene usato anche come calmante, la sera prima di coricarsi. Il Millefiori d'alta Montagna è straordinario: dolce, e dal sapore intenso, ha un aroma caratteristico difficile da descrivere ma decisamente piacevole. Il miele di rododendro (nelle foto sopra) è caratterizzati da un colore chiarissimo, odore quasi inesistente e aroma molto leggero, del tipo fresco, fruttato. Questo tipo di prodotto è però piuttosto raro e i mieli definiti abitualmente di rododendro presentano un aroma più intenso rispetto a quello descritto, dovuto alla presenza di altre specie. Sono comuni mieli di rododendro con un aroma floreale/fruttato dovuto al lampone o con odore pungente dovuto al timo. Si tratta di prodotti che vengono molto apprezzati dal consumatore per le loro caratteristiche organolettiche, ma soprattutto in quanto raccolti in zone incontaminate di alta montagna. Processo di produzione Nella produzione di miele biologico vengono utilizzate tecniche che consistono prevalentemente nella ricerca di aree incontaminate, e nel continuo perfezionamento delle tecniche di allevamento delle api, di smielatura e d'invasettamento. E' escluso l'uso di antibiotici, sostanze chimiche di sintesi e zucchero. Quindi il miele biologico non deve subire alcun trattamento che ne possa alterare le caratteristiche naturali. Per la produzione bellunese del miele viene utilizzata l arnia di tipo Dadant Blatt, più razionale dei tradizionali Bugni rustici, a causa dei quali venivano distrutte intere colonie per l estrazione del prodotto. Reperibilità Prodotto in notevoli quantitativi, è facilmente reperibile durante tutto l anno presso i produttori ed i rivenditori in tutto il territorio provinciale.

2 Usi Appena estratto dall'alveare il miele si presenta come un liquido ambrato, denso, trasparente, dolce e profumato. Quanto alla sua composizione, è molto ricca. Al punto che, sebbene molte restino ancora sconosciute, vi sono già state identificate oltre 180 sostanze: oltre all'acqua e agli abbondanti zuccheri contiene vari sali minerali, sostanze azotate, acidi organici, vitamine, sostanze che agiscono come catalizzatori ormonali, pigmenti vegetali, enzimi e sostanze volatili (che concorrono a determinare l'aroma). Le sue proprietà energetiche (100 grammi forniscono circa 370 calorie) sono legate alla presenza di zuccheri prontamente assimilabili, che rendono il miele adatto ad esempio nelle fatiche prolungate e nelle attività sportive. Curiosità La vita media delle api operaie nate in primavera-estate è di giorni e quella delle api nate in autunno è di 5-6 mesi. La vita media di una regina è di 2-3 anni. Una goccia di miele è il risultato della visita di 100 fiori, per un chilo devono visitare da a di fiori; ciò rappresenta almeno viaggi, totalizzando una distanza di chilometri. Un ape bottinatrice esce dall alveare volte al giorno. Mais sponcio Materia prima Il Mais Sponcio è un'antica varietà di granoturco ad impollinazione libera coltivato fin dall'ottocento nella Val Belluna, a ridosso del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi, in particolare nei Comuni di Cesiomaggiore, Feltre e Santa Giustina Aspetto Presenta spighe affusolate a tutolo bianco, con semi di colore aranciato vivo dalla inconfondibile forma a punta, tecnicamente definibile come 'rostro', rivolto verso l'apice della spiga, da cui il nome dialettale 'sponcio', che punge Sapore Il colore giallo arancio intenso e la tradizionale macinatura a pietra, ne fanno una varietà ottima per ottenere la classica polenta di montagna, gialla, densa, soda, forte e profumata e con le caratteristiche pagliuzze marroni Curiosità La Cooperativa Agricola 'La Fiorita' è sorta nel 1997 ed è composta oggi da oltre 140 agricoltori associati, impegnati nella tutela, promozione e valorizzazione del proprio territorio e delle proprie produzioni agricole. la società offre al proprio socio un servizio completo di filiera, dalla formazine all'assistenza, dalla sperimentazione all'utilizzo di macchine ed attrezzi agricoli. Pone come condizione primaria una produzione sostenibile e compatibile con l'ambiente, nonchè il recupero e la conservazione delle vecchie varietà. Quelli proposti e tutelati da 'La Fiorita' sono prodotti iscritti nel Registro Nazionale dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali, che hanno ricoperto e ricoprono tutt'ora un ruolo di primaria importanza per il territorio bellunese. Prodotti dalla storia centenaria, coltivati secondo la tradizione

3 Selezionato perchè Il Mais Sponcio e la sua farina per polenta sono inseriti nell'elenco Nazionale dei prodotti Agroalimentari Tradizionali e nell'elenco della Regione Veneto tra le varietà a rischio di erosione genetica e meritevole di valorizzazione. Per tutelare prodotti e produttori, nel gennaio 2008 si è costituito il Consorzio Tutela Mais Sponcio, che oggi raggruppa circa 20 agricoltori per un totale di circa 13 ettari coltivati. Le produzioni sono realizzate unicamente nel territorio Bellunese secondo un disciplinare tecnico sostenibile eco-compatibile, che norma le fasi di coltivazioni in campo, di essiccazione, molitura e confezionamento. In accordo tra i Soci, quest'ultime fasi sono affidate alla Coop. Agr. La Fiorita di Cesiomaggiore, che ne cura anche la vendita e la promozione Formaggio Piave DOP Materia prima Latte vaccino prodotto in allevamenti della provincia di Belluno. Tecnologia di lavorazione Il formaggio PIAVE viene prodotto secondo le antiche regole dell arte casearia, oggi raccolte in un Disciplinare di produzione, per aggiunta al latte di un lattoinnesto e un sieroinnesto specifici, anch essi prodotti in loco rispettivamente da latte crudo e da siero di lavorazione contenenti fermenti appartenenti a ceppi autoctoni, fondamentali per conferire al prodotto le specifiche proprietà organolettiche. Alla coagulazione per aggiunta di presame, segue la cottura della cagliata e formatura negli stampi; quindi la salatura per immersione in soluzione di acqua e sale. Infine la stagionatura in magazzini a temperatura e umidità controllate. stagionatura Viene commercializzato in tre tipologie principali, oltre ad una Selezione ed un Riserva : 1) fresco ( stagionatura giorni) 2) mezzano (stagionatura giorni) 3) vecchio (oltre 180 giorni) - vecchio Selezione Oro (oltre 12 mesi) - vecchio Riserva (oltre 18 mesi). aspetto del prodotto finito E un formaggio a pasta cotta, duro e stagionato. Di forma cilindrica, con diametro di 30/34 cm., scalzo (altezza) di 6/10 cm. e 5/7 kg. di peso. Allo scopo di tutelare i consumatori, il nome del prodotto (piave) è marchiato su tutto lo scalzo in senso verticale e con il verso della scritta alternato. Viene inoltre personalizzato con una etichetta in carta-seta con l indicazione della stagionatura, applicata sul piatto per facilitarne la riconoscibilità al momento dell acquisto. Caratteristiche sensoriali: Sapore: inizialmente dolce e lattico, in particolare nella tipologia Fresco, ma che si riscontra ancora nel

4 Mezzano. Procedendo con la stagionatura, prevale una maggiore sapidità e diventa progressivamente intenso e corposo, mai piccante, nelle stagionature più avanzate. Crosta: presente, tenera e chiara nella tipologia Fresco, mentre aumenta di spessore e consistenza con l avanzare della stagionatura, diventando dura e di una colorazione progressivamente più scura e tendente all ocra nella tipologia Vecchio, Vecchio Selezione Oro e Vecchio Riserva. Pasta: è caratterizzata dall assenza di occhiatura. Si presenta bianca e omogenea, nella tipologia Fresco, mentre nelle stagionature più avanzate assume una colorazione giallo paglierino ed una consistenza più asciutta, granulosa e friabile, arrivando a presentare una leggera e caratteristica sfogliatura nella tipologia Vecchio, Vecchio Selezione Oro e Vecchio Riserva. area di produzione Il formaggio PIAVE viene prodotto in provincia di Belluno, con latte raccolto nella stessa provincia. Denominazione d Origine Protetta Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale (CE) del Regolamento n. 443 del 21 maggio 2010 il formaggio Piave ha ottenuto il riconoscimento D.O.P. - Denominazione d Origine Protetta. Curiosità Il formaggio Piave è conosciuto ed apprezzato anche all estero, in particolare negli Stati Uniti e Canada. Nel 2003 è stato infatti selezionato dalla prestigiosa rivista statunitense Saveur tra i 100 migliori prodotti al mondo per dell anno Hanno scritto del Piave prestigiosi quotidiani come NY Times e S. Francisco Chronicle, oltre a riviste specializzate come The Retail Gourmet. Il Piave è uno dei prodotti di punta nell assortimento del negozio specializzato Di Palo di Manhattan, un punto vendita di riferimento per la distribuzione statunitense. Alla 4^ edizione delle Olimpiadi dei formaggi di montagna, nel mese di ottobre 2005 a Verona, il formaggio Piave ha vinto il prestigioso premio Buonitalia come miglior formaggio italiano d esportazione. Un riconoscimento confermato dal secondo posto ottenuto alla 5^ edizione nel 2007 a Oberstdorf in Germania. Sempre nel 2007 è stato premiato con medaglia d oro, migliore tra i formaggi stagionati, ad un concorso organizzato nell ambito del PIR Cheese di Mosca, la principale fiera russa per la ristorazione. Alla 6^ edizione delle Olimpiadi dei formaggi di montagna a Segnelégier in Svizzera il formaggio Piave ha ottenuto nuovamente la prima posizione tra i migliori formaggi italiani da esportazione, davanti alla Fontina e al Parmigiano Reggiano. Nel 2013 il Piave Selezione Oro e il Piave Mezzano hanno ricevuto, nelle rispettive categorie, due medaglie d argento al World Cheese Awards, il più grande concorso a livello mondiale dedicato ai formaggi, svolto a Birmingham nell ambito della fiera BBC Good Food Show.

5 Speck Nelle varie pezzature: Intero, Intero s/v, Mezzo s/v, Quarto s/v, Ottavo s/v e busta gr. 100 ATM, viene ricavato dalla coscia di suino, disossata, rifilata, e mondata dai muscoli e nervetti eccedenti, salata e aromatizzata a secco per un periodo di ca. 4 settimane a bassa temperatura con ciclo di emissione e aspirazione fumo. Al termine di questa operazione i carrelli con lo speck vengono trasportati nelle apposite celle di stagionatura ove stazionano per un periodo variabile dalle 20 alle 22 settimane. E' un alimento particolarmente nutriente, moderatamente calorico e altamente proteico, sia per la qualità che per la quantità delle proteine, ricche di aminoacidi essenziali. Scheda nutrizionale dello speck: (valori per 100gr. di prodotto) Calorie 370,00 Parte edibile 100,00% Proteine 22,20 g. Grassi 32,70 g. Acqua 41,70 g. Ferro Calcio Fosforo Vitamina B1 Vitamina B2 Vitamina PP 1,20 mg. 20,00 mg. 177,00 mg. 0,91 mg. 0,26 mg. 5,00 mg. Caratteristiche organolettiche: Colore esterno: marrone Aspetto interno: rosso con parte in bianco rosato Odore: affumicato, aromatico, gradevole Gusto: moderatamente intenso, saporito.

6 Il fagiolo di lamon TTERI BOTANICI Famiglia: Papilionaceae (Leguminosae - Fabaceae ) Sottofamiglia: Papilionateae Sezione: Phaseoleae Genere: Phaseolus Specie: vulgaris Radice: poco fittonante con ramificazioni poco profonde e radici laterali estese che possono presentare i tubercoli dei batteri radicicoli (Rhizobium). Fusto: cilindrico volubile sinistrorso di notevole sviluppo. In zona esiste anche una tipologia, poco diffusa, determinata a fusto eretto (Spagnolet nano). Foglie: alterne composte trifogliate, le due laterali simmetriche, lanceolate, la centrale in genere più grande delle altre, romboidale più o meno appuntita. Fiore: riunito in infiorescenze a racemo che nascono all ascella delle foglie, calice gamosepalo verde, corolla di cinque petali di colore lilla più o meno carico, fecondazione autogama in quanto il polline matura a fiori ancora chiusi determinandone una alta, ma non stretta (98 99 %) autofecondazione (cleistogamia). Frutto: baccello con due valve con dentro semi in numero variabile da 3 a 6, da dritto a leggermente curvo con varie e più o meno vivaci striature di colore rosso. Seme: a germinazione epigea, formato da due cotiledoni che evidenziano il punto di attacco alle valve chiamato ilo. Striature di colore rosso ad intensità e distribuzione variabile. Cultivar: Spagnolet, Spagnol, Calonega, Canalino Spagnolet: baccelli di circa 12 cm con striature rosso intenso. Contengono da tre a cinque semi rotondeggianti del peso medio di 0,78 gr con striature rosso carminio su fondo beige, buccia fine e tenera. Fiori rosa tenue - i primi inseriti a cm dal suolo. Spagnol: baccelli di circa 13 cm con striature rosso vinose. Contengono normalmente quattro semi ovoidali del peso medio di 0,85 gr con tipiche striature rosso carminio scuro su fondo beige, buccia mediamente fina e tenera. Fiori rosa vinato - i primi inseriti a cm dal suolo. CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO Valori nutrizionali del fagiolo di Lamon (valori medi per le cultivar Spagnol, Spagnolet e Calonega) Per 100 gr Per 100 gr di prodotto secco di prodotto fresco Valore energetico Kcal Acqua g. 10,3 62,1 Proteine g. 24,5 8,4 Lipidi g. 2,0 0,6 Glucidi disp. g. 47,7 19,3 Fibra g. 13,3 8,6 Sodio mg. 3 2 Potassio mg

7 Ferro mg. 9 3 Calcio mg Fosforo mg Niacina - vit. PP mg. 2,1 1 Tiamina - vit. B1 mg. 0,55 0,24 Riboflavina - vit. B2 mg. 0,12 0,1 Vitamina A mg Vitamina C mg Calonega: baccelli di circa 14 cm con striature rosso carico. Contengono da tre a cinque semi reniformi, schiacciati del peso medio di 0,95 gr con striature rosso inglese su fondo beige, buccia mediamente fina e tenera. Fiori rosa pallido - i primi inseriti a cm dal suolo. Canalino: baccelli di circa 15 cm con striature rosso vivo. Contengono 5-7 semi del peso di 0,90 gr con striature ambra bruciata, tendenti al nero su fondo beige chiaro, con buccia spessa e tenace. Fiori rosa vinato carico i primi inseriti a cm dal suolo. CLIMA Pianta macroterma: a C la pianta muore, la temperatura minima del terreno per la germinazione è di 12 C, ma per avere una buona emergenza e sviluppo della plantula la temperatura deve superare i 15 C. La temperatura ottimale durante la fase vegetativa va da 20 a 26 C con ridotte escursioni termiche giornaliere. Per l allegagione, che si realizza prevalentemente durante le ore notturne, risultano ottimali C; temperature più basse, ma anche più alte, causano cascola dei fiori, riducono la percentuale di baccelli allegati e il numero di semi per baccello. La pianta richiede una moderata ma costante disponibilità idrica. TERRENO Il fagiolo di Lamon ha dimostrato di dare i migliori risultati in terreni di medio impasto, profondi, non compatti, anche in presenza di scheletro frequente con facilità di sgrondo delle acque in eccesso e con le seguenti caratteristiche: Reazione (ph): 5,5-6,8 Salinità (ms/cm): < 1,2 Sostanza organica (%): 2-3 Rapporto C/N: 9-12 C.S.C. (meq/100gr): Calcare attivo (%) < 5 Basso contenuto di alluminio, boro, cloro e manganese Discreta presenza di rame, molibdeno e zinco.

8 Noce feltrina Il noce è una pianta di origini antichissime, proveniente dalle regioni dell Asia sud- sudoccidentale, dove cresce spontanea. Diffusasi anche nelle zone temperate di Europa e Stati Uniti è apprezzata sia per la produzione del frutto, molto usato in cucina, che per quella di legname pregiato. La noce è tradizionalmente simbolo di fortuna ed i romani, durante le cerimonie nuziali, erano soliti lanciarle sugli sposi come oggi si usa fare col riso. Nella zona del feltrino la produzione di noci ha sempre rivestito un ruolo secondario nell economia domestica, ma mai trascurabile, legata soprattutto alle peculiarità del prodotto locale che lo rendono apprezzato e rinomato. Tradizionalmente era abitudine degli agricoltori di queste zone mettere a dimora una pianta di noce vicino a casa, in genere nei pressi della concimaia, molto ricca di sostanza organica. Un altra antica usanza tipica delle famiglie contadine del bellunese, ancora viva fino a anni fa, era di piantare un noce per ogni femmina che nasceva come buon auspicio e simbolo di fecondità. Il noce è una pianta lenta nello sviluppo, longevo, vive fino a 100 anni e può raggiungere i 30 metri di altezza. La pianta si adatta bene ai terreni di collina tipici del castagno, da 600 a 800 metri di altitudine, per questo ha trovato nel territorio feltrino luoghi adatti al suo sviluppo. La coltura di quest albero non richiede particolari interventi dell uomo, essendo sufficienti solo potature semplici per l eliminazione di rami secchi o malandati. La raccolta si effettua mediante bacchiatura e raccattatura manuali. I frutti raccolti sono privati del mallo che li riveste, selezionati, lavati e asciugati e infine conservati in ambienti asciutti e ventilati prima di essere commercializzati. Questa varietà di noce presenta forma sub-ellittica (ovoidale), con base arrotondata ed apice appuntito, con margine delle suture quasi nullo. Il peso medio varia dai 6 ai 10 grammi; il guscio è chiaro, di spessore più sottile (1-2 mm) rispetto alle medie riscontrabili per altre varietà. La noce del feltrino ha la caratteristica della premicità ovvero che si può schiacciare con le sole dita, è poco rugosa, più liscia di altre varietà e presenta una resa allo sgusciato del 56% (su ogni 10 g. circa 5,6 sono commestibili) con un gheriglio che si stacca facilmente dal guscio Mela prussiana 1. Categoria Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati; 2. Nome del prodotto, compresi sinonimi e termini dialettali Pòm Prussian (mela prussiana) 3. Territorio interessato alla produzione (specificare i singoli Comuni) L area di diffusione e maggiore sviluppo di coltivazione del Pòm Prussian è l intero territorio del Comune di Sovramonte e in particolare l area all estremità sud dell altopiano sovramontino che coincide con la frazione

9 di Faller. Da questa iniziale area di diffusione, la coltivazione si è estesa in tutto il territorio della Provincia di Belluno e così come previsto dallo specifico Disciplinare di produzione del Pòm Prussian, questa varietà di melo e rinvenibile e coltivabile in tutti i 69 Comuni bellunesi. Sempre nel disciplinare sopra menzionato è stata opportunamente limitata al solo territorio del Comune di Sovramonte, l area in cui avviene la riproduzione e produzione di marze e piante innestate. Nella frazione di Faller di Sovramonte ha sede il neo-nato Consorzio di Tutela del Pòm Prussian. 4. Descrizione sintetica del prodotto (indicando le materie prime impiegate) Il Pòm Prussian, indicato anche con il nome di Mela Prussiana, appartiene al Genere Malus e alla Specie M. Communis. Si tratta di una specifica varietà, provvista di originali e ben determinati caratteri botanici che sono stati recentemente caratterizzati attraverso uno studio botanico-agronomico e etnobotanico, proposto dal Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi e realizzato dall Istituto Professionale di Stato per l Agricoltura e l Ambiente A. Della Lucia di Feltre. In sintesi il Pòm Prussian, presenta le seguenti caratteristiche botaniche e vegetative: Descrizione della pianta: la pianta di carattere vigoroso, in habitus naturale presenta una chioma espansa e raggiunge altezze di 5-6 metri. L apparato radicale è moderatamente superficiale, rami e branche generalmente a sezione rotonda e corteccia a maturità con evidente sfaldamento a placche e fessurazioni verticali. Le foglie sono semplici, penninervie, ovate, mucronate, a margine seghettato-carenato. La pagina superiore della foglia è di colore verde scuro brillante e glabra, la pagina inferiore è di colore verde opaco e lievemente pubescente. I fiori, riuniti in corimbi, sono composti da 5 sepali verde chiaro e 5 petali bianchi venati di rosa e dal profumo forte e gradevole. Descrizione del frutto: il frutto presenta pezzature medio-elevate ( grammi e calibro 60 mm) di forma tronco-conica appiattita, con cavità calicina medio profonda. Il peduncolo è particolarmente corto e la cavità calicina è discretamente profonda. Il colore di fondo della buccia è giallo-verde, con elevata entità di sovracolore rosso anche esteso. La buccia che presenta lenticelle, appare liscia al tatto e lo spessore è importante. La polpa è di colore bianco chiaro, di buona consistenza e tendenzialmente fondente, a maturazione zuccherina, aromatica. Il sapore nel complesso è eccellente, molto apprezzato dai consumatori in quanto si contrappone ai sapori uniformati e appianati delle cultivar moderne. Aspetti vegetativi e biologici: la ripresa vegetativa della mela Prussiana avviene nella prima decade di aprile, la fioritura si evidenzia nella prima decade di maggio a circa un mese da quella prevista per le mele del gruppo Golden. La maturazione dei frutti ha inizio verso l ultima decade di settembre e l epoca di consumo ha inizio dalla prima decade di ottobre. E una pianta molto rustica e resistente alla basse temperature, sensibile però alla ticchiolatura, carpocapsa e punteruolo. La produttività è molto variabile in funzione della forma di allevamento utilizzata e per piante a sviluppo libero si stimano produzioni di kg per pianta. Ulteriori e dettagliate informazioni botaniche, agronomiche e etnobotaniche sono reperibili nel progetto Progetto Leader Plus: Biodiversità coltivata: dalla catalogazione alla conservazione, realizzato dal Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi nell anno La mela prussiana è stata inoltre catalogata da Slow-Food, Legambiente e Federparchi e segnalata nell Atlante dei prodotti tipici dei parchi italiani. 5. Descrizione delle metodiche di lavorazione, conservazione e stagionatura La coltivazione del Pòm Prussian ha conservato un legame forte con la tradizione ed è intimamente legata alla forte naturalità dell ambiente. Le tecniche di coltivazioni, da sempre praticate, sono a basso impatto ambientale e coincidenti con i metodi propri dell agricoltura integrata e dell agricoltura biologica. Lo stesso Disciplinare di produzione del Pòm Prussian prevede il divieto assoluto di erbicidi e cascolanti di sintesi chimica, interventi di fertilizzazioni mirati e limitati, una difesa fitosanitaria basata su programmi integrati e con l utilizzo di soli prodotti di classe tossicologica non classificato. Per quanto riguarda la riproduzione, essa viene affidata a vivai specializzati presenti anche in loco, che ripropongono la varietà Pòm Prussian, innestata in M9 o M106 e M26. La coltivazione del Pòm Prussian avviene, come da tradizione, in grandi piante sparse in prati arborati. Numerose ed evidenti sono ancora oggi le vecchie piante di Pòm Prussian, rinvenibili in particolare a Sovramonte e in numerose altre aree della Provincia di Belluno. Nell ultimo ventennio sono stati proposti efficaci sistemi di coltivazione semi-specializzati, previsti nel

10 Disciplinare di produzione del Pòm Prussian, con densità massima di 4000 piante/ettaro, con filari semplici e con interfilari non inferiori a 3 metri e distanze sulla fila non inferiori a 2 metri. 6. Indicare materiali ed attrezzature specifiche utilizzati per la preparazione e il condizionamento del prodotto Le mele prussiane sono raccolte a maturazione completa e successivamente non subiscono altre manipolazioni e condizionamenti, se non quelli della conservazione tradizionale. 7. Descrizione dei locali di lavorazione, conservazione e stagionatura La conservazione a lungo termine avviene, come da tradizione, in luoghi idonei e rappresentati solitamente da cantine e locali opportunamente freschi e ventilati, oppure anche in fienili ove i frutti vengono coperti con fieno e con bucce dei baccelli di fagiolo. Il Disciplinare di produzione del Pòm Prussian prevede l utilizzo di celle frigorifere e in futuro anche in strutture di conservazione con atmosfera controllata. I frutti sono di norma commercializzati dalla metà del mese di settembre e fino, e non oltre, il 20 maggio. La tradizione non ha mai proposto particolari forme di confezionamento o imballaggio. Ora il Disciplinare prevede specifiche tipologie di imballaggi e specifiche modalità nella selezione dei frutti che presentano in genere calibro comunque superiore a 60 mm. 8. Indicare gli elementi che comprovino che le metodiche siano state praticate in maniera omogenea e secondo regole tradizionali per un periodo non inferiore ai 25 anni. Di recente è stata effettuata una ricerca nel territorio sovramontino, e in particolare nella località di Faller, per ritrovare le origine storiche di questo prezioso frutto attraverso ricerche bibliografiche ed interviste agli anziani del paese. La tradizione orale è concorde nell indicare in un gruppo di minatori, costretti ad abbandonare la Prussia in una tarda primavera di fine Ottocento o dei primi del Novecento, gli artefici dell introduzione della mela prussiana a Faller1:. Infatti nel rientro i minatori portarono le marze di alcune piante da frutto, Marino Giazzon, Faller. Storia di una comunità, Feltre (BL) 1986, p. 173: Tra i frutti ebbero grande fortuna le mele, alcune delle quali sono di origine straniera, portate dagli emigranti, come le mele prussiane Probabilmente attratti e dalle dimensioni e dal colore di quelle varietà forestiere, che si affiancarono a quelle già presenti nella zona d origine. Da un racconto-testimonianza del Signor Moretton Baldassare, nato a Faller il e tutt ora residente, si evidenzia che il pioniere Dal Zot Giovanni detto Camillo nato intorno al 1870, dopo aver trascorso alcuni anni nelle miniere di ferro e carbone negli stati dell ex Prussia, ritornò nel 1896 con alcune marze (le calmelle) di una particolare mela, di pezzatura grossa e che presentava a maturazione un colore giallo intenso e un rosso carminio, e che lui chiamò pom prusian. Aveva infatti pensato che detta pianta, provenendo da paesi che presentavano una temperatura molto simile a quella dell altopiano in cui era nato, sicuramente avrebbe attecchito anche nel suo paese. Poiché era il primo tentativo di impianto, per sicurezza l esperimento fu iniziato sulle alture più basse di Faller, attorno ai 500 metri, nella località nterna dove aveva una stalla di sua proprietà. Tutt ora vi sono conservate alcune antiche piante. La testimonianza del Signor Slongo Michele nato il riporta che,subito dopo l avventura lavorativa di Dal Zot Giovanni, molti giovani nati attorno al 1870, seguirono il suo esempio ed emigrarono in quelle località, con la speranza di sfamare le proprie famiglie. Vennero smistati su diverse miniere: alcuni gruppi furono indirizzati alle miniere per l estrazione del ferro, altri su quelle di carbone. Qualcuno vi portò la moglie e lì nacquero anche i figli, ma con l inasprirsi della politica locale, a regime totalitario, alla vigilia della prima guerra mondiale, furono rimpatriati, portando ciascuno una marza nella valigia di cartone. Vanno ricordati i ceppi delle famiglie che emigrarono: i Dal Zot, i Trento, gli Slongo e i Moretto. La mela si propagò da Faller su tutto l altipiano sovramontino per tutto il secolo scorso. Ogni emigrante pensò bene di impiantare le ormai famose piante di mela prussiana nel proprio podere.

11 La diffusione della pianta fu sollecitata anche dalle esperienze culinarie delle donne sulle fornèle: seguendo ricette dei vicini Primiero e Tirolo, accanto al famoso strudel, inventarono un dolce tipico, la pinza dela nona, con un impasto di farina gialla e bianca, mele prussiane, fichi, uva secca e polpa di zucca. Al pari di altri prodotti montani (i marroni della zona di Seren del Grappa ed i fagioli di Lamon) nel periodo tra le due guerre mondiali del secolo scorso, le mele prussiane divennero un prodotto di scambio con il quale procurarsi la farina di mais e di frumento dalle terre del fondo valle e della pianura veneta, giungendo anche ad avere un discreto mercato con l area padovana per la produzione di alcol denaturato. Lungo la vecchia strada che dall altopiano di Sovramonte porta nella piana di Fonzaso, sovente si incontravano donne con gerle sulla schiena che andavano e venivano con le merci di scambio. Secondo il racconto di Slongo Michele, quando qualche volta il raccolto andava male, a causa delle nebbie che perduravano fino a tarda primavera, allora si diceva: Ecco è passato il mercante dei pom ovvero che si prospettava una stagione magra. Tuttavia, quando la produzione era buona, le mele che non venivano vendute, erano deposte perlopiù nei fienili, coperte dalla paglia e da baccelli secchi di fagiolo (le tegarole). A questo punto la conservazione poteva arrivare anche alla fine della primavera, fino a giugno. La pianta di questa varietà si è diffusa dunque in tutto il territorio sovramontino, caratterizzando in particolare il paesaggio di Faller; tutt ora è possibile vedere le piante più antiche nelle località di Faller: nella Vandelle, a nterna, a Noaia, a Col Maor a Fudere e nelle Cesure. La coltura della mela prussiana, mantenuta per inerzia tradizionale nell ultimo quarto del Novecento, è stata ripresa su nuove basi nell ultimo decennio. Agricoltori e appassionati, in particolare della frazione di Faller, si sono impegnati nel recupero della tradizione, tanto da realizzare un vivaio a coltivazione biologica ed una piccola azienda per la produzione di derivati delle mela come confetture, succhi, gelati, sidro e aceto. La valorizzazione, riproposta in particolare nell ultimo decennio, ha trovato un efficace strumento nell organizzazione di una specifica fiera denominata Fiera della Mela Prussiana che si tiene nella quarta domenica di ottobre ed ha anche ricevuto impulso da un recente gemellaggio con Panevéžys, un centro della Lituania, zona di forte produzione di varietà di mele prussiane. Nei primi mesi del 2006 è inoltre nato ufficialmente lo specifico Consorzio di Tutela Pòm Prussian. Prosecco di Valdobbiadene SCHEDA TECNICA Denominazione: Prosecco di Valdobbiadene frizzante Classificazione: Denominazione di Origine Controllata (DOC) Origine del nome Sur lie: sul lievito, per la fermentazione in bottiglia e conservazione sui lieviti Tipologia: Frizzante Uve: Prosecco Zone di prevalente provenienza delle uve: Colli dei Comuni di Valdobbiadene-Vidor-Farra di Soligo Altezza media dei vigneti: m. slm

12 Tipo di terreno eterogeneo, presenti in gran numero colline di origine morenica. Suolo argilloso spesso calcareo, magro, asciutto e poco profondo soprattutto alle altitudini maggiori. Giacitura ed esposizione Colline spesso con forti pendenze sistemate a girappoggio con esposizione prevalente a Sud. Clima: Temperato con inverni freddi ed estati calde ma non afose. Precipitazioni medie: 1250 mm con massimi a giugno e novembre e minimi a gennaio ed agosto. Radiazione solare aprile-ottobre: cal/cm2 Sistemi di allevamento Guyot, Cappuccina, Densità d impianto piante per ha Resa Massimo 120 q.li /ha Epoca di vendemmia: 20 settembre 10 ottobre Vinificazione: Pressatura soffice con presse pneumatiche, decantazione statica del mosto, fermentazione a temperatura controllata (18-20 C) con lieviti selezionati. Affinamento e sosta sulla feccia nobile in acciaio per tre mesi. Presa di spuma Metodo tradizionale in uso nelle colline trevigiane da molte generazioni. A primavera, rifermentazione in bottiglia, in locale buio alla temperatura di C. Al termine della fermentazione i lieviti rimangono sul fondo Durata della fermentazione e dell affinamento in bottiglia: circa 2 mesi. Dati analitici medi: Alcool 11% vol. Zuccheri assenti Acidità totale 6 g/l ph 3.25 Pressione bar Bassissimo tenore in SO2 totale: mg/l. SO2 libera: assente Caratteristiche organolettiche: Aspetto: Colore giallo paglierino. Leggero perlage fine e persistente. Profumo: Diverso a seconda del momento. Da note fresche e fruttate tipiche del prosecco che si avvertono al termine della fermentazione, unite al caratteristico crosta di pane, si passa via via nel tempo a note sempre più complesse derivate dal contatto con il lievito. Sapore: Come per il profumo si avvertono all inizio gentili sapori fruttati uniti a delicati sentori di lievito. In seguito maggiore complessità. Gusto asciutto e piacevolmente amarognolo. Abbinamenti gastronomici: Si apprezza molto in estate come bevanda per la sua freschezza e leggerezza. Si accompagna a piatti di pesce, risotti con funghi o verdure. Servizio Raffreddare poco prima dell uso a 8-10 C. Versare con delicatezza in caraffa evitando scosse per eliminare la leggera velatura finale. Tipo di bicchiere consigliato: Calice. Meglio evitare la flûte che, pur permettendo un ottima visione del perlage, non lascia sviluppare e cogliere al meglio i profumi. Conservazione: Bottiglie in piedi in luogo fresco e buio. Evitare lunghe soste in frigorifero. Epoca di consumo: Il miglior periodo per il consumo va da luglio a dicembre dell anno successivo alla vendemmia.

Schede tecniche LA SOURCE

Schede tecniche LA SOURCE Schede tecniche LA SOURCE s.a.s di Celi Stefano & C. Società Agricola - C.F. e P. IVA 01054500077 Loc. Bussan Dessous, 1-11010 Saint-Pierre (AO) - Cell: 335.6613179 - info@lasource.it Documento scaricato

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

Una selezione delle migliori bollicine: la linea IL ROGGIO.

Una selezione delle migliori bollicine: la linea IL ROGGIO. La linea Bollicine Una selezione delle migliori bollicine: la linea IL ROGGIO. Una linea composta da sei Bottiglie dal packaging elegante e piacevole che ne esalta appieno lo stile. Prosecchi a denominazione

Dettagli

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco Carta dei Vini 2015 Vini SPUMANTI Franciacorta Cuve Imperiale Brut Superiore Brut Berlucchi Regione LOMBARDIA Uve Chardonnay e Pinot Nero Vino Bouquet ricco e persistente,con note fruttate e floreali.

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA Approvato con DM 22 dicembre 2010 G.U. 4-07.01.2011 (S. O. n. 6) Modificato con DM 30.11.2011 Pubblicato sul sito ufficiale

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso PINOT GRIGIO : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% : in bianco, solo acciaio NOTE GUSTATIVE : colore giallo paglierino con riflessi dorati. Profumo elegante di frutta matura, fiori di campo e fieno

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DELLA QUALITÀ

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa CARATTRISTICH- CARATTRISTIC H-ALIMNTARI DV pomodoro ovale di daniele semina: febbraio trapianto: aprile-maggio raccolta: luglio-novembre buccia chiara, arancione se maturo, polpa compatta, pochi semi,

Dettagli

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata Piemonte Piemonte Piemonte DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, province di Alessandria e Asti ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, nelle

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa **

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** MELONE Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** * Tecnico CReSO ; Tecnici SATA / Cadir Lab. Elenco delle cultivar poste a confronto Varietà Ditta Tip. Agustino Rijk

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO Fabrizio Battista, Federica Gaiotti, Davide Mosetti, Gilberto Bragato, Diego Tomasi CRA-VIT CENTRO DI RICERCA

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA I T A L I A N O EXPO 2015 I marchi DOP e IGP sono marchi di qualità che vengono assegnati dalla Commissione Europea. I requisiti per il riconoscimento

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo CENTRO PO DI TRAMONTANA RISULTATI SPERIMENTALI 2014 nei settori orticolo e floricolo 23 SPERIMENTAZIONE E ORIENTAMENTI Per la ventitreesima stagione consecutiva Veneto Agricoltura presenta i risultati

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Struttura della foglia

Struttura della foglia Struttura della foglia La struttura delle foglie varia per grandezza e forma apice nervatura lamina fogliare base stipole picciolo Forma della lamina fogliare a squama ad ago lineare ellittica ovale lanceolata

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO Art. 1 Denominazione La Denominazione di Origine Protetta ( DOP ) SALVA CREMASCO è riservata esclusivamente al formaggio che risponde alle condizioni ed ai requisiti

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Gioco sensoriale stagionale

Gioco sensoriale stagionale Obiettivi Conoscere la frutta e la verdura di stagione grazie all aiuto dei cinque sensi. Allenare l utilizzo isolato dei sensi Età Da 7 anni Luogo In classe Timo Ullmann/WWF Svizzera Il gioco sensoriale

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Reg. CE 1234/07 Assessorato Agricoltura Centro Agrochimico Regionale G.L. Marcazzan CRA-API di Bologna M. Stefàno A.S.S.A.M. Regione

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Giugno 2009. L etichettatura nel confezionamento del miele

Giugno 2009. L etichettatura nel confezionamento del miele Giugno 2009 L etichettatura nel confezionamento del miele Il Decreto Legislativo n. 181 del 23 giugno 2003: Attuazione della direttiva 2000/13/CE concernente l'etichettatura e la presentazione dei prodotti

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «TRENTINO»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «TRENTINO» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «TRENTINO» Approvato con DPR 04.08.1971 G.U. 221 02.09.1971 Modificato con DPR 07.07.1979 G.U. 324 28.11.1979 Modificato con DPR

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie!

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! Family Trancio di Prosciutto 2 kg Trancio di Pancetta Arrotolata 600 gr Zampone 1 kg Lenticchie 500 gr Trentingrana 500 gr Mortadella 500 gr Pasta

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 LA PREMESSA L INDICE LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 INIZIATIVE DELL UNIONE EUROPEA 6 TUTELA DELLE PRODUZIONI ALIMENTARI TRADIZIONALI 7 SITUAZIONE ITALIANA

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE. Art. 1 Denominazione

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE. Art. 1 Denominazione DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Art. 1 Denominazione La Denominazione d'origine Protetta D.O.P. "CARTOCETO", è riservata al'olio Extravergine d'oliva rispondente alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Produzione di formaggio di bufala a pasta semidura: studio della proteolisi Barbara La Gatta, Giusy Rusco, Aldo Di Luccia

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

Treschietto a confronto con altre varietà"

Treschietto a confronto con altre varietà "Caratteristiche sensoriali della cipolla di Treschietto a confronto con altre varietà" di Castellari Lorena ASTRA Innovazione e Sviluppo Agenzia per la Sperimentazione Tecnologica e la Ricerca Agroambientale

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

A COSA SERVONO LE FOGLIE?

A COSA SERVONO LE FOGLIE? A COSA SERVONO LE FOGLIE? Le foglie fabbricano il cibo della pianta, trasformando aria e acqua in glucosio (zucchero). Una foglia è formata da: Di solito la foglia è formata LAMINA da una parte appiattita

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 228 del 29/9/95 (Pag.38) Articolo 1 Denominazione La denominazione di origine controllata olio

Dettagli

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Elena Bortolazzo, CRPA Incontro tecnico: Vitamina B12 nei sottoprodotti della lavorazione del Parmigiano Reggiano: siero e

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Endivie 2013-2014 Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Tutto il meglio dell endivia Negli ultimi anni Rijk Zwaan ha realizzato un importante programma di ricerca dedicato all endivia. Si

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI (vers. 1 del 03/05/2005) API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI Dio fece le api, il diavolo le vespe (Proverbio nordico) 1. GENERALITÀ Occorre premettere che è da ritenere del tutto naturale l occasionale

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli