DONNE: CONSUMI, ABUSI, COMPORTAMENTI LE RAPPRESENTAZIONI DEL FENOMENO. Franca Beccaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DONNE: CONSUMI, ABUSI, COMPORTAMENTI LE RAPPRESENTAZIONI DEL FENOMENO. Franca Beccaria"

Transcript

1 DONNE: CONSUMI, ABUSI, COMPORTAMENTI LE RAPPRESENTAZIONI DEL FENOMENO Franca Beccaria Gruppo di ricerca Sara Rolando, Marina Marchisio, Gabriella Taddeo Il consumo di sostanze psicoattive nel genere femminile Torino, 24 ottobre 2014

2 Premessa La cornice Comportamenti devianti: la maggior parte degli studi riguarda campioni di soggetti in trattamento o comunque noti ai servizi, scarsa attenzione a consumi/comportamenti, più o meno problematici, diffusi nella popolazione generale. Molteplicità di forme di dipendenza. Accettabilità sociale: il consumo di sostanze psicotrope, anche illegali, ha subìto un forte processo di normalizzazione. Convergenza: i consumi delle donne sono interpretati nell ottica di un emancipazione che persegue il modello maschile. A differenza degli studi quantitativi, di gran lunga prevalenti ma poco esplicativi di cosa si cela dietro al ridursi delle distanze tra i dati di consumo, gli studi qualitativi spesso evidenziano che le donne come gli uomini attraverso i loro consumi di droghe affermano aspetti di femminilità e mascolinità sia tradizionali che innovativi.

3 Obiettivi Contribuire a ridurre la carenza di studi sociologici sul tema, secondo un approccio mixed-methods in grado di mostrare diversi aspetti dello stesso fenomeno 1. esplorare la percezione del fenomeno dei comportamenti additivi e dell uso di sostanze psicoattive nel mondo del lavoro, della formazione e dell associazionismo, attraverso una serie di interviste individuali rivolte a testimoni privilegiati (Studio I testimoni privilegiati) 2. esplorare come consumi e dipendenze vengono trattati dalle donne nella rete, osservando tre ambienti particolari: i social network, Youtube, e un forum femminile (Studio II media study)

4 Testimoni privilegiati Campione Testimone privilegiato: non come addetto ai lavori, ma come rilevatore del fenomeno stesso nel proprio abituale contesto di vita e di lavoro. L indagine qualitativa ha coinvolto 20 testimoni privilegiati: 3 operatori della formazione professionale; 3 esponenti di associazioni impegnate in attività di tipo socio-assistenziale o in azioni di accompagnamento al lavoro o, ancora, nella promozione di attività ed eventi culturali; 4 gestori di locali, testimoni privilegiati di quanto accade nel tempo libero serale e notturno; 10 intervistati provenienti genericamente dal mondo del lavoro. Area geografica: 12 intervistati provenienti dal contesto metropolitano torinese, 8 da altri contesti (2 dall hinterland torinese e 6 da altre province della Regione).

5 Testimoni privilegiati Metodo Traccia di intervista semi-strutturata articolata in tre macro aree: 1. Fonti di informazione su consumi, addiction e comportamenti additivi: fonti maggiormente utilizzate dagli intervistati per acquisire informazioni sul consumo di sostanze psicotrope e sui comportamenti additivi, sia in termini generali sia in relazione allo specifico della popolazione femminile. 2. Conoscenza dei fenomeni: con particolare attenzione alle specificità di genere. 3. Prevenzione: esperienze pregresse, idee, suggerimenti e proposte per futuri interventi di prevenzione.

6 Testimoni privilegiati Metodo Le interviste sono state tutte integralmente trascritte dal ricercatore stesso e in seguito codificate con l ausilio di un software specifico per l analisi dei testi, Atlas.ti. Vantaggi: diminuisce il rischio di trascurare o perdere alcuni dati; rende tracciabile il processo di codifica e quindi permette i confronto con altri ricercatori sulle modalità utilizzate; permette il continuo ricorso ai dati, in un ottica di riflessività del ricercatore, che durante il processo di analisi e di scrittura può agilmente tornare ai dati originari per verificare ipotesi nate in itinere. La codifica è avvenuta secondo un approccio che almeno in parte può essere rimandato alla Grounded Theory.

7 Testimoni privilegiati Risultati Sostanze e comportamenti nei discorsi degli intervistati

8 Testimoni privilegiati Consumi e comportamenti al femminile: informazione Risultati Gli intervistati risultano: Poco informati (5): sono coloro che si procurano le informazioni sul consumo di sostanze psicotrope e sui comportamenti addictivi soltanto da fonti informative documentali di carattere generale. Attenti (3): chi pur senza arrivare a ottenere informazioni da esperienze dirette (di osservazione o di relazione) utilizza fonti documentali di natura specialistica. Mediamente informati (5): coloro che affiancano a fonti documentali generaliste fonti esperienziali basate sull osservazione diretta di alcuni contesti. Esperti (7): coloro che sono in possesso di informazioni ricavate da fonti documentali specialistiche e da fonti esperienziali di natura relazionale. Gli esperti sono i soli che sembrano avere spiccata consapevolezza del fatto che le fonti documentali non sono sufficienti a conoscere nello specifico i consumi femminili di sostanze psicoattive.

9 Testimoni privilegiati Risultati

10 Testimoni privilegiati Risultati

11 Testimoni privilegiati Risultati

12 Testimoni privilegiati Risultati Soglia di problematicità e fattori di vulnerabilità e protezione - Le donne hanno minore resistenza fisica, ma maggiore capacità di controllo: la debolezza biologica come fattore di protezione - Maggiore capacità di controllo (forza di carattere) vs. desiderio di emulazione dei comportamenti maschili - ma maggior rischio per le donne multitasking - Maggiore propensione a usare le sostanze come auto-medicazione rispetto a quello maschile. - Famiglia e contesto sociale: fattori di protezione / fattori di rischio In sintesi, ciò che emerge è che, al di là della funzione sperimentale attribuita ai consumi delle giovani, alle donne viene riconosciuto solo l impiego farmacologico, mentre non compare quello legato al piacere.

13 Testimoni privilegiati Risultati Priorità in tema di prevenzione investimenti economici: ridurre l estensione dell area del disagio azioni educative: responsabilità e promozione della salute normativa: inasprimento vs. legalizzazione (posizione minoritaria) azioni sul capitale sociale: donne hanno una naturale predisposizione alla relazione interpersonale come luogo ideale di condivisione; servizi: prestare attenzione alle esigenze logistiche e organizzative delle donne con carichi familiari maggiore interdisciplinarietà e integrazione tra le competenze sociali e sanitarie dei diversi operatori. promuovere la cultura dell accesso al servizio, con l obiettivo di contrastare lo stigma che investe sia i servizi che le persone che a questi si rivolgono iniziative di comunicazione: mirate a veicolare nuovi modelli culturali e concetti di salute, attente a non demonizzazione i consumi ricreativi ma nello stesso capaci di promuovere un idea di divertimento svincolata dall uso delle sostanze.

14 Web 2.0 Media & bere femminile Premessa Evidenze da studi sui media tradizionali (TV, carta stampata): le donne che bevono sono seriamente criticate (Bogren, 2010, 2011; Golden, 2000; Day, Gough & Mcfadden, 2004) i giornali rappresentano il bere femminile negativamente (Day, Gough & Mcfadden, 2004:171) la stampa veicola spesso preoccupazioni di tipo morale e rafforza l immagine negativa tra bere femminile e sessualità/funzioni riproduttive (Bogren 2010, 2011; Jarlbro 2004) le pubblicità di alcolici sulle riviste femminili sono ambivalenti (Törrönen & Juslin, 2013) anche le immagini positive finalizzate a promuovere i consumi sono basate su immagini stereotipate (Månsson & Bogren, 2014) I media ma spesso anche i ricercatori continuano a far riferimento più o meno esplicitamente - a un discorso binario di genere (Månsson & Bogren, 2014)

15 Web 2.0 Obiettivi Se i media tradizionali hanno contribuito a veicolare immagini negative, cosa succede nei nuovi media, dove i consumatori possono rappresentare se stessi? Indagine esplorativa, prima nel suo genere, con un approccio bottom-up sulle rappresentazioni e discorsivizzazioni del tema della dipendenza/consumi nei pubblici femminili, per come esso emerge all interno dei principali social media.

16 Web 2.0 Metodi Ambienti mediali analizzati: due ambienti social user-driven : la centralità comunicativa è affidata agli utenti e alla loro rappresentazione identitaria. Social media: Facebook e Twitter due ambienti content-driven : la centralità del processo comunicativo è legata prioritariamente ai contenuti, più che agli utenti. Youtube e forum Al femminile. Lo screening è avvenuto con metodologie diverse a seconda dell ambiente esplorato, degli specifici tool di social media monitoring (Social mention, Radian6, Whoistalking) Il monitoraggio è avvenuto nel periodo ottobre 2012-febbraio 2013 Esito del campionamento: 718 item sui social media user-driven (Facebook e Twitter); 142 (56 femminili + 86 maschili) item su Youtube; 503 item sui forum (forum Al femminile);

17 Web 2.0 Risultati User-driven: il consumo è pop dipendenza, drogata, presa bene, strafatta, ubriaca, sballo droga, eroina, lsd, ketamina, cocaina 718 item l universo mainstream delle dipendenze, nei social, è dominato dal mondo dei consumi: dal cibo, allo shopping, ai media e in particolare gli stessi ambienti internet. Consumare smodatamente, dipendere da una serie tv piuttosto che da un tool su I-Phone, diviene marca identitaria, segno di distinzione, vessillo di appartenenza a tribù, generazioni, gruppi sociali. riserbo (timore per la propria identità reale) sfida o dichiarazione valoriale: un modo per distinguersi, sottolineare una natura ribelle e anticonformista, e mai per evidenziare un disagio, un problema o una mancanza. sono praticamente assenti riferimenti espliciti all uso concreto di droghe illegali, mentre, anche se in modo leggero, compaiono le dipendenze dai farmaci (messaggi cronicistici, un post di un istante di vita) cibo: uno spazio privilegiato ma con descrizioni scherzose e bonarie

18 Web 2.0 Metodi Content-driven ubriaco/he e ubriaco/a, ciucco/a, sverso/a, collassato/a, cappottato/a Video femminili: base dati 880, selezionati 56 Video maschili: base dati 1120, selezionali 86 Totale 142

19 Web 2.0 Metodi Analisi del materiale secondo lo schema di Chalfen (1987), che considera i video di YouTube come dei testi partecipati e discorsivi Livello di Auto- presentazione Livello della rappresentazione Livello discorsivo Partecipanti Protagonista del video Autore del video U2lizzatore del video Eventi Intenzionalità (sguardo verso la camera) Se;ng del video Titolo del video, descrizione, tags Visualizzazioni Piace / Non piace Commen2 Alcuni video femminili sono stati selezionati per una analisi testuale in profondità (video + commenti)

20 Web 2.0 Risultati Tipologie di video: femminile vs maschile (%) Categorie video Femmine Maschi Erotico Divertente Descrittivo Vita pubblica Allarmanti Aggressivi 0 15 TOTALE

21 Web 2.0 Risultati Livello di partecipazione femmine vs maschi (%) Femmine v. (N=56) Maschi v. (N=86) Partecipazione Media Media N. visualizzazioni N. commen N. Mi piace N. Non mi piace 65 7 Tipologia di video e visualizzioni femminile (%) Visualizzazione bassa alta Totale Ero2co Divertente Descri;vo Vita pubblica Allarme TOTAL

22 Web 2.0 Risultati Il ruolo della protagonista Consapevole di essere riprese e rapporto con l autore video femminili (%) Consapevolezza di essere Relazione con l autore del % ripresa video % Sì 85.7 Conosciuto 42.9 No 7.1 Sconosciuto 48.2 Non applicabile 7.1 Non applicabile 8.9 TOTALE 100 TOTALE 100 Contesti del bere e tipologia video (Femminili) Luoghi pubblici Luoghi priva2 Senza contesto TOTALE Ero5ci Diverten Descri7vi Vita pubblica Allarman TOTALE

23 Web 2.0 Risultati Commenti e discorsi I video erotici ottengono molti commenti maschili, spesso osceni e offensivi. Le donne sono trattate come puttane, donne facili che usano l alcol o la droga come giustificazione. Le donne sembrano essere coscienti della propria autorappresentazione. Il bere femminile è spesso messo in discussione in modo ironico. Un tema ricorrente è la «finta ubriaca», titolo del video ironico più popolare sul web. Il pubblico femminile sostiene ampiamente questa tesi. I video che mostrano il bere femminile in contesti privati, senza stereotipi culturali e stigma sociale, non hanno audience. Malfoio5 mesi fa se però da ubriaca vai a far la zoccola seminuda in giro quel che ti succede son cazzi tuoi poi.. gionny8772 anni fa poi dicono che gli uomini sono sporchi e malati, a mio parere le ragazze sono le più malate di tutte loro cercano di nasconderlo bene, ma quando poi si fanno scoprire si può capire bene che la loro voglia di fare sesso delle ragazze è di gran lunga superiore a quella dei maschi. cmq una ragazza che fa queste cose che si riempie di alcool, spinelli o droga non avrà di certo un futuro da signora, ma da puttana.ci sono modi e modi per divertirsi in villeggiatura, ma non in questo modo mha.

24 Web 2.0 Risultati Rafforzamento di vecchi stereotipi: le donne che si ubriacano appaiono rappresentate secondo modelli nettamente diversi rispetto agli uomini Le donne stesse contribuiscono a creare un significato erotico sia come protagoniste dei video (strip-tease, danze erotiche) che nei panni di chi commenta I commentatori riproducono gli stereotipi morali che compaiono dei discorsi mediatici (Bogren, 2010; 2011). Se le donne sono consapevoli di recitare una parte trasgressiva mentre sono filmate, ma non sono altrettanto consapevoli che: o le loro performance avranno un audience invisibile, costituita dai web-user o nello spazio web è molto difficile rimuovere le proprie immagini, cosicché la loro esposizione mediatica continuerà del tempo e fuori dal controllo del protagonista

25 Web 2.0 Campione Content-driven Attraverso specifici motori di ricerca (Boardtracker, Google gruppi, Zhift), è stato possibile rintracciare 7 forum principali, dedicati ai temi delle dipendenze: RIZA FORUM (dipendenze): GIRL POWER COMMUNITY (statistiche generali su tutte le dipendenze): GIRL POWER COMMUNITY, topic cocaina: FORUM GTA (legato al gioco online): st 140 FORUM NIENTEANSIA: s=026eac1eefe51978b863933c a409881dd FORUM AL FEMMINILE: GOOGLE GROUPS (it.discussioni.droghe): https://groups.google.com/forum/?hl=it#!forum/it.discussioni.droghe

26 Web 2.0 Risultati L indagine su questo forum tematico ha previsto l estrazione e l analisi di 503 messaggi, scelti secondo ordine temporale a ritroso: dall 1 gennaio 2013 al 19 marzo 2012.

27 Web 2.0 Risultati Utilizzo del forum in tema di consumi e dipendenze al femminile. UTILIZZO DEL FORUM IN TEMA DI Frequenza Percentuale CONSUMI E DIPENDENZE AL FEMMINILE Richiesta di aiuto % How to use 73 14,5% Descrizione 31 6,2% Condanna 29 5,8% Ostentazione 12 2,4% Pubblicità di prodotti o servizi di cura 5 1% TOTALE % Utente: da:sah35 Ho 14 anni, faccio uso di droga e alcool. Ho bisogno di essere ascoltata Chiedo scusa in anticipo se quello che scrivo sarà un po lungo. Utente: rebyloverap la gente qui parla solo degli effetti negativi a lungo termine della droga,ma io vorrei sapere qualche esperienza che avete vissuto piacevole con la droga.. Con piu dettagli possibili.dai raccontatemi un po! Utente: trust 87 essendomi iscritta solo ora questa è la mia prima domanda.come si prende l'emmedi in polvere?

28 Web 2.0 Risultati Alcol e droga in famiglia: l inferno delle giovani care-giver La grande rilevanza di messaggi provenienti da ragazze, spesso giovanissime, che vivono con drammatica partecipazione e intensità la dipendenza da sostanze dei familiari: prima di tutto le madri, poi i padri e i fratelli. Spunti di riflessione: il ruolo dei forum: spazi espressivi online, anonimi e orizzontali l opportunità del mondo vero, della società civile, di entrare in questi spazi espressivi per raccogliere questo dolore l opportunità per operatori e professionisti delle dipendenze di pensare a nuove modalità di prevenzione e/o di aggancio dei pazienti che sfruttino le potenzialità del web, in particolare dei forum Utente: Nomoda Sono la figlia di un'alcolista. Mia madre beve e non so dire da quando esattamente. Si perchè, per anni, ho chiuso gli occhi, bendato le orecchie, pietrificato il mio dolore..

29 Conclusioni Le rappresentazioni sociali: dai testimoni privilegiati al web Discorso di genere binario: la donna acquisendo nuovi ruoli sociali, fa proprio il modello maschile. o Prevale dunque una lettura semplicistica del fenomeno, che interpreta la convergenza tra i consumi di genere come una malintesa emancipazione (Bogren, 2011), o Ma la progressiva riduzione delle differenze di consumo rilevata come dato quantitativo, cela cambiamenti più complessi che vedono le donne quale soggetto attivo nell attribuire significati e funzioni specifici ai propri consumi, se non addirittura assumere il ruolo di trend setter (Beccaria et al. 2010). La riduzione del gender gap è un processo bidirezionale! Si può osservare anche una femminilizzazione dei consumi

30 Conclusioni Le rappresentazioni sociali: dai testimoni privilegiati al web Doppio standard di giudizio (dimensione morale): risultati simili a ricerche nordiche, l associazione tra bere femminile e dissolutezza sessuale persiste (Bogren, 2008; 2011; Torronen e Juslin, 2011). La donna non può permettersi di perdere il controllo: controllata e controllora. Questa immagine veicolata dai media tradizionali, appartiene anche agli utenti del web. Un paradosso: le protagoniste consenzienti dei video pubblicati su Youtube da un lato sembrano voler associare la propria immagine di consumatrice alla costruzione di un identità trasgressiva capace di sfidare le aspettative sociali, dall altra, proponendosi come oggetto sessuale, si adeguano a un cliché che di innovativo ha ben poco in termini di ruoli di genere. Tra i testimoni privilegiati un doppio standard di giudizio è emerso anche rispetto al dato generazionale, laddove i consumi delle giovani, molto visibili e sovrastimati, diventano oggetto di riprovazione da parte degli adulti, mentre quelli delle donne adulte - decisamente meno visibili e, anche alla luce dei risultati dell indagine sul forum, probabilmente sottostimati - vengono associati quasi esclusivamente a condizioni di disagio o sofferenza.

31 Conclusioni Le rappresentazioni sociali: dai testimoni privilegiati al web Farmacologizzazione delle disuguaglianze di genere Consumo diffuso e non sempre giustificato di psicofarmaci (in particolare ansiolitici) Interessi: Industria farmaceutica Sistema politico che attraverso i farmaci «può contenere un crescente disagio, senza mettere in discussione una serie di asimmetrie socio-culturali la cui riduzione richiederebbe ben più alti costi politici, organizzativi, gestionali, nonché economici» (Galesi, 2013:85).

32 Conclusioni Le rappresentazioni sociali: dai testimoni privilegiati al web I mass media, tradizionali e nuovi, hanno accelerato il processo di convenzionalizzazione. Nei social network e in YouTube il consumo e l abuso sono rappresentati in versione pop, un tratto identitario e quindi con una valenza di desiderabilità sociale. - Confini tra normalità e devianza in discussione - Confini nei ruoli di genere sembrano più persistenti Necessario ruolo delle donne stesse nel decostruire due immagini, in particolare - la donna come oggetto sessuale - la donna come caregiver Immagini che hanno un impatto anche sul consumo di sostanze e sullo sviluppo di dipendenze.

33 Conclusioni Il Web 2.0 come opportunità: - Per la ricerca: nuovi metodi, patrimonio inesplorato. - Per i servizi: prevenzione, aggancio,. SPAZIO ALLA CREATIVITA da Finte Ubriache

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Sostanze prescritte dai medici. Sostanze dopanti. Droghe, nel linguaggio comune. Alcool etabacco. Strumentali o terapeutiche.

Sostanze prescritte dai medici. Sostanze dopanti. Droghe, nel linguaggio comune. Alcool etabacco. Strumentali o terapeutiche. Droga: ogni sostanza dotata di azione farmacologica psicoattiva, la cui assunzione provoca alterazioni dell umore e dell attività mentale. Una classificazione sociologica: Legali Illegali Strumentali o

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Abbiamo creato questo questionario per aiutarti a prepararti per il workshop e per farti pensare ai diversi aspetti delle collezioni digitali

Dettagli

SCHEDA PROGETTO ALLEGATO ALL ACCORDO TERRITORIALE DI GENERE

SCHEDA PROGETTO ALLEGATO ALL ACCORDO TERRITORIALE DI GENERE Pag 1 di 10 Provincia Progetto n. 1 Siena DATI DI SINTESI Titolo progetto : Relazioni di genere: dall infanzia all adolescenza 3 Acronimo: ReGen 3 Durata progetto: Anno scolastico 2013/2014 Costo complessivo

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO TEMA Il concorso Un mondo tutto mio è dedicato all ambiente in cui vivono i bambini, come è e come lo vorrebbero. L idea è far descrivere agli alunni il posto ideale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com

Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com #TTTourism // 30 settembre 2014 - Erba Hootsuite Italia Social Media Management HootsuiteIT Diego Orzalesi Hootsuite Ambassador Programma

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

famiglia, la complesse di quelle del Aiutare

famiglia, la complesse di quelle del Aiutare Sfogliando Gustavo Pietropolli Charmet Adolescenza come seconda nascita (1) L adolescenza è considerata dagli psicologi una seconda nascita. Alla prima nascita quella biologica, fa seguito una seconda

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4 Banche Dati del Portale della Trasparenza Manuale del sistema di gestione Versione 2.4 Sommario Introduzione e definizioni principali... 3 Albero dei contenuti del sistema Banche Dati Trasparenza... 3

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli