Ricerca pedagogica e strumenti tecnologici: le tecnologie stanno cambiando il modo di fare ricerca?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ricerca pedagogica e strumenti tecnologici: le tecnologie stanno cambiando il modo di fare ricerca?"

Transcript

1 Ricerca pedagogica e strumenti tecnologici: le tecnologie stanno cambiando il modo di fare ricerca? LORELLA GIANNANDREA *, LAURA FEDELI **, HELGA FIORANI *** Keywords: technology, research, methodological approach. Abstract: The use of technology can change the way we approach and organize the research even in the didactical and pedagogical fi elds. Those areas are traditionally meant to be very far from a strong use of technological tools, but nowadays a contamination within methodologies and strategies are more and more frequent so that the boundaries between qualitative and quantitative approaches, between ethnography and experimentation, between use and construction of models are vanishing. The contribution aims at proposing a partial analysis of the literature in relation to the use of technologies in pedagogical research, in order to highlight some signifi - cant paths of refl ections. Three main lines of interest will be presented as changing agents within the fi eld of research: the use of tools for the management of data and sources; the process of peer review as a methodological resource and the role of technology as a mediator in fi elds of qualitative and quantitative research. Finally, a refl ection on the role played by the software NVIVO will be presented. The use of the software, utilized to support a qualitative research developed within a phenomenological approach, shows how such a tool has affected the research itself. Introduzione L ingresso delle nuove tecnologie nella ricerca educativo-pedagogica ha rivoluzionato le modalità di fare ricerca, interponendosi in maniera decisiva tra il ricercatore e l oggetto della ricerca, fornendo un supporto prezioso per interpretare dati e comunicarli. Il presente lavoro intende indagare se e come l uso delle tecnologie possa * Università degli Studi di Macerata - ** Università degli Studi di Macerata - *** Università degli Studi di Macerata - helgafi 259

2 infl uenzare l atteggiamento del ricercatore modifi cando l approccio all analisi e all interpretazione dei dati rispetto ai tradizionali strumenti utilizzati nella ricerca pedagogica. Secondo la prospettiva co-evolutiva, la scienza, la società e la tecnologia evolvono in maniera correlata: Ogni fenomeno sociale implica il ricorso a un insieme di tecnologie; ogni forma di sviluppo tecnologico fa riferimento a fenomeni sociali (D Andrea et al., 69). Il ruolo del ricercatore viene potenziato dalle possibilità che la rete offre, per la selezione bibliografi ca e la ricerca di partner, per il confronto con la comunità degli attori coinvolti e dei ricercatori che aumentano la rifl essività e l intersoggettività (Calvani, 1999). Ma quali sono gli aspetti centrali che infl uenzano il processo di ricerca che avviene mediante lo strumento tecnologico? Un ulteriore prospettiva relativa alla correlazione tra ricerca e nuove tecnologie è quella aperta da Rabardel negli anni 90. Lo studioso rielabora il concetto di strumento-artefatto, come enunciato nella rifl essione epistemologica di Wartofsky (1979). Per Wartofksy possiamo parlare in tre modi di artefatto: Artefatti primari: gli strumenti tecnici, orientati verso l esterno, che servono cioè al soggetto per agire sulla realtà circostante. Artefatti secondari: gli strumenti psicologici orientati verso l interno. Potremmo dire che sono conseguenti ad una prima rielaborazione concettuale degli artefatti primari. Artefatti terziari: il sistema di regole formali sganciato dall artefatto primario. Sono modelli concettuali che sembrano non avere più alcun collegamento con gli artefatti primari e secondari, ma che derivano dall attività del soggetto con gli strumenti tecnici. Rabardel propone una lettura dinamica della rifl essione di Wartofsky; innanzitutto l artefatto non è mai concettualmente neutro (Rabardel, 1995b). Lo strumento tecnologico è un artefatto, il cui utilizzo rispetta quelli che lo studioso defi nisce gli schemi d uso individuali o sociali propri. Tale considerazione è incentrata sul processo attraverso cui alcuni artefatti vengono realizzati, utilizzati e successivamente modifi cati. L attività cognitiva e sociale umana si fonda sull uso di strumenti ed è perciò inserita in questo processo che viene chiamato di genesi strumentale (Rabardel, 1995a). Gli artefatti, da strumenti per modifi care la realtà, divengono strumenti per elaborare modelli concettuali, socialmente condivisi, inseriti in processi generativi e di trasformazione. Di conseguenza l attività dei soggetti vive una continua tensione che modifi ca l attività con gli strumenti pensata dal proget- 260

3 tista 1. Infatti, dal modello d uso standard di un artefatto, che prescrive una serie determinata, pre-organizzata e prescrittiva di azioni con l artefatto medesimo, l attività del soggetto tende a riorganizzare e ristrutturare gli artefatti in funzione delle sue necessità, al punto di generare un processo di trasformazione dell artefatto medesimo. 1. Le tecnologie nella ricerca pedagogica L uso delle tecnologie infl uenza la struttura stessa della ricerca in modi differenti. Perkins (1985) individua due grandi categorie di effetti che modifi - cano il modo di pensare e di agire degli individui e dei ricercatori: una prima tipologia di effetti defi nita di primo livello immediata, ed una seconda tipologia che agisce in maniera più profonda sui nostri comportamenti. Gli effetti di primo livello si riscontrano nel cambiamento della velocità, della facilità di svolgimento di una particolare azione, ma non modifi cano il contenuto o lo scopo dell azione stessa. Pensiamo ad un calcolo complesso svolto attraverso carta e penna o eseguito con la calcolatrice; sicuramente la mediazione dello strumento renderà l operazione da svolgere più veloce, più facilmente eseguibile, ma non verrebbero ad essere modifi cati i risultati fi nali o le fi nalità per le quali si stava svolgendo l operazione stessa. Gli effetti di secondo livello legati all utilizzo di una particolare tecnologia sono più profondi e diffi cili da indagare: essi modifi cano l azione stessa e soprattutto infl uiscono sul nostro modo di comprendere ed interpretare le azioni che svolgiamo. È possibile che ogni azione tecnologicamente mediata produca nel tempo effetti di primo livello ed effetti di secondo livello, che si manifestano nella lunga durata e nella consuetudine all utilizzo sociale dello strumento stesso. Lo scopo di questo lavoro è proprio quello di andare ad indagare le ricadute di secondo livello di alcuni strumenti tecnologici frequentemente utilizzati negli ambiti di ricerca pedagogici e nelle scienze dell educazione, per promuovere una rifl essione sugli avanzamenti simmetrici della ricerca in educazione e delle tecnologie dell educazione che questa impostazione favorisce e promuove. Nella nostra esperienza le tecnologie producono un cambiamento trasformativo in tre settori emergenti: a. l uso di tool per la gestione di fonti, risorse, dati; 1 Va precisato che, sebbene le attività di ricerca condotte da Rabardel siano state interamente realizzate in contesti aziendali, in cui venivano inseriti strumenti tecnologici all interno dei cicli di produzione, oggi tale prospettiva di ricerca è ampiamente utilizzata anche in ambito didattico. 261

4 262 b. l uso della peer review come risorsa metodologica; c. l uso della tecnologia come strumento mediatore tra ambiti di ricerca qualitativi e quantitativi. La ricerca in Internet è diventata la fonte irrinunciabile per il lavoro di molti ricercatori e si pone così il problema di gestire la grande quantità di informazione disponibile attraverso strumenti che permettano l archiviazione, il reperimento e la consultazione rapida dei documenti reperiti. Accanto alle procedure di gestione della conoscenza si sente l esigenza di strumenti che permettano la condivisione, la messa in comune di repertori e risorse. È questo il caso di due tool cognitivi per il supporto alla ricerca: Zotero 2 e Connotea 3. Questi strumenti non permettono semplicemente di organizzare al meglio le proprie referenze bibliografi che, ma consentono una gestione condivisa e la creazione di una comunità di ricerca con i propri colleghi. Nonostante la loro indubbia utilità, gli effetti dell uso di questi strumenti sulla ricerca restano, a nostro parere, collocati al primo livello, quello di amplifi care le potenzialità già sperimentate negli archivi digitali. Una esemplifi cazione legata al secondo campo di indagine proviene da un ambito apparentemente distante rispetto a quello della ricerca pedagogica. Due articoli apparsi recentemente su Nature Physics (Nielsen, 2009) indagano l uso dei blog e di altri social software da parte di studiosi e scienziati affermati in ambito matematico e fi sico. L autore sostiene che gli effetti apprezzabili si collocano principalmente a due livelli: in primo luogo le interazioni che si compiono all interno del blog diventano testi pubblici, visibili ad una comunità molto ampia e permettono di fare ricerche al proprio interno attraverso gli strumenti di data-mining. Le scientifi c conversations che avvengono al loro interno permettono la pubblicizzazione e la diffusione delle idee in corso di sviluppo all interno di un contesto potenzialmente mondiale, non solo limitato al piccolo gruppo di ricerca che sta seguendo quella particolare analisi. I blog, come altri social software, permettono di pubblicare idee troppo piccole o incomplete per essere pubblicate, ma che contengono semi promettenti per un progresso futuro (Ivi, p. 238). Lasciare che una comunità di ricercatori possa trarre benefi cio da queste idee, condividendole e ampliandole, signifi ca dare spazio a quell intelligenza collettiva descritta da Levy (1994) e alla base delle rifl essioni sul web Zotero (http://www.zotero.org/ ) è uno degli add-on di Mozilla Firefox. Una volta installato permette di salvare le citazioni con un click e di esportarle nello stile prescelto. 3 Connotea (http://www.connotea.org/) è uno strumento che permette di annotare, taggare e condividere riferimenti bibliografici.

5 Il terzo ambito di rifl essione riguarda l uso di software che per le loro particolari caratteristiche si presentano come strumenti mediatori tra ambiti differenti nei percorsi di ricerca. Rientrano in queste tipologie, ad esempio, i software per la Social Network Analysis, quelli per l analisi testuale e quelli che supportano attività di codifi ca. Alcuni software si fondano sull analisi statistica degli elementi del testo, svolta in maniera automatica dal software (es. Taltac ) e sull esame dei dati basato sulla linguistica computazionale. In questo caso l interazione con lo strumento si colloca sul piano dell amplifi cazione degli effetti di primo livello: le analisi statistiche vengono rese più veloci ed agevoli, ma non vengono modifi cati scopi ed obiettivi. Una seconda tipologia di software raccoglie strumenti che supportano attività di codifi ca svolte sui testi o su documenti audio o video ( NVIVO, ATLAS.ti ), in cui la responsabilità della codifi ca e dell interpretazione dei dati resta fondamentalmente in carico al ricercatore. È in questa seconda tipologia di software che si colloca la nostra analisi, con lo scopo di indagare come l uso dello strumento vada a modifi care lo sviluppo della ricerca. Un problema ampliamente dibattuto nel campo della ricerca qualitativa è quello della vicinanza ai dati ( closeness to the data ) (Richard, 1998; Fielding, Lee, 1998). La nostra ipotesi di ricerca è che la mediazione di un software nella codifi ca possa infl uire sulla percezione del ricercatore rispetto a questa complessa dinamica di avvicinamento/allontanamento che costituisce il cuore stesso di tutte le metodologie etnografi che e qualitative. Il fenomeno è già stato indagato da diverse ricerche, che però tendono principalmente a mostrare come l uso dello strumento evolva sulla base del tempo e della familiarità del ricercatore con lo stesso. Gilbert (2000, 2002), prendendo ad esame uno di questi software 4 sostiene che si possano individuare alcune fasi del processo di familiarizzazione con gli strumenti utilizzati per la ricerca, che infl uenzano in modi differenti il comportamento e l atteggiamento del ricercatore. Tale processo consisterebbe in tre momenti principali, generalizzabili in tre fasi. La prima fase si focalizza sugli aspetti percettivi del trattamento dei dati: in un primo momento la perdita del contatto diretto con i materiali cartacei a cui si era abituati produce una sensazione di spaesamento che viene defi nita tactile-digital divide. In questa fase prevale la percezione della distanza, dell estraneità ai dati rafforzata anche dalla loro digitalizzazione e dalla perdita del contatto fi sico con i documenti da codifi care. Nella seconda fase, si assiste ad un ribaltamento dell atteggiamento del 4 Il software oggetto delle ricerche è programma NUD*IST, che si è evoluto nell attuale NVIVO, cfr. nota successiva. 263

6 ricercatore: la facilità nella codifi ca e l immersione nel corpus completo dei dati producono una percezione di immediatezza, di eccessiva vicinanza ai dati, che può condurre alla coding trap, la trappola di una codifi ca infi nita, che coinvolge il ricercatore in un attività di codifi ca che sembra non avere mai fi ne. La terza fase, chiamata metacognitive shift, vede lo viluppo di strategie metacognitive che permettono di utilizzare il software con le stesse procedure rifl essive che si mettono in atto per la codifi ca manuale (ad esempio cercare di individuare errori nella codifi ca o nei criteri). In questa fase ritorna una moderata presa di distanza dai dati, intesa come comprensione e controllo su di essi, che ne permette l interpretazione anche durante l utilizzo del programma specifi co. In sintesi per Gilbert la distanza analitica nel processo di ricerca viene raggiunta solamente dopo avere attraversato le tre fasi sopra descritte. Altre ricerche (Welsh, 2003) sostengono che NVIVO non sarebbe affi - dabile rispetto alla validità delle questioni affrontate nella ricerca qualitativa, e ritengono che sia importante affi ancare all uso del software l analisi manuale. Secondo questo punto di vista, l analisi qualitativa dei dati può essere considerata una impression analysis, poiché mancherebbe di controllo e di dettagli sul processo di interpretazione, sarebbe cioè troppo infl uenzata dalla soggettività della persona e scarsamente inseribile in processi di controllo (Ibidem). L uso del software, secondo questa prospettiva renderebbe più sicuro il ricercatore, facendo emergere una maggior fi ducia nell analisi dei dati, non giustifi cata dai dati stessi, ma generata dalla procedura di elaborazione. In questo modo, se la procedura di ricerca non è adeguatamente supportata da una rifl essione che parte da una progettazione tradizionale, manuale, l intero processo di ricerca potrebbe risultare compromesso. A tal proposito Welsh suggerisce di integrare entrambe le modalità di lavoro, creando prima manualmente un disegno dei collegamenti, che permetta di avere una mappatura della struttura interna dei singoli temi. Potrebbe inoltre essere utile scrivere un sommario all interno di ogni singolo nodo creato, per rendere più esplicita a trasparente la modalità di ricerca (Ibidem). Le istanze emerse in questa rifl essione fanno emergere alcuni aspetti problematici legati alla ricerca con le nuove tecnologie: se da un lato il ricercatore entra in processi che amplifi cano le sue potenzialità (rifl essività, partenariati, aumento della comunicazione), bisogna anche tenere presenti i rischi e i possibili limiti connessi all uso di strumenti tecnologici, tra i quali la tendenza al decentramento rispetto alla ricerca, il rischio di una distorsione (a volte inconsapevole) dei dati, la presenza di forme conversazionali che possono intralciare il ruolo del ricercatore legate alle potenzialità che internet e gli artefatti di nuova generazione offrono (MacMillan, Koenig, 2004). Accanto ai 264

7 rischi, vale la pena di inserire anche le diffi coltà che il ricercatore incontra nel far propri gli schemi d uso dell artefatto rispetto agli obiettivi specifi ci della sua ricerca. Da questo punto di vista è legittimo chiedersi quali caratteristiche proprie dell artefatto, legate principalmente alle sue procedure operative, infl uenzano il processo di ricerca: fi no a che punto l artefatto costituisce un potenziale per l analisi dei dati, qualitativa o quantitativa che sia? Fino a che punto, invece, l artefatto può essere un ostacolo, che restringe il campo d azione del soggetto, nella ricerca? Per indagare più da vicino queste problematiche si è scelto di analizzare come case-study un percorso di ricerca condotto nell ambito del Dottorato in E-learning e Knowledge Management dell Università degli Studi di Macerata. La ricerca, documentata nella tesi di dottorato, si proponeva di indagare l embodiment nel mondo virtuale Second Life, esplorando all interno di un percorso di formazione le caratteristiche della conoscenza costruita e la relazione di questa conoscenza con gli aspetti fi sici e contestuali dell ambiente e dei soggetti che agivano all interno di esso. Il presente lavoro non si focalizzerà sul percorso e sugli esiti della ricerca, ma cercherà di rifl ettere sull infl uenza dello strumento utilizzato per l analisi delle interazioni (il software N- NVIVO 8 ) rispetto all atteggiamento del ricercatore e agli obiettivi della ricerca. In particolare verranno indagati il rapporto presenza-distanza e la questione della vicinanza ai dati come elementi problematici caratteristici di ogni percorso di ricerca in ambito qualitativo. 2. NVIVO: analisi di un case-study Nell ambito dei processi che regolano l interpretazione dei dati in ricerca qualitativa Lofl and and Lofl and (cit. in De Laine, 2000, p. 54) intravedono il dilemma del ricercatore nell assumere una posizione di opportuna distanza rispetto alla realtà sociale, condivisa dai partecipanti alla ricerca e oggetto dello studio stesso, e lo sforzo di comprendere quella stessa realtà immergendosi nel contesto. La distanza dai dati qualitativi assume una rilevanza prioritaria alla luce della necessità di condurre un analisi critica e un interpretazione dei dati che soddisfi criteri di affi dabilità e credibilità. Il quesito che ci si pone in questa sede è se le tecnologie possano agevolare il ricercatore nell assunzione di una posizione di equilibrio nel superare il dilemma distanza/immersione. L obiettivo del presente paragrafo è contestualizzare la funzione svolta da un software per l analisi qualitativa in una ricerca di approccio fenomenologico e riportare le rifl essioni sull impatto determinato dal software nelle fasi di organizzazione, codifi ca e interpretazione dei dati raccolti. 265

8 Il software utilizzato è NVIVO 8 (QRS International 5 ), classifi cato nell ambito dei software di analisi testuale 6 come software generico di analisi del contenuto. NVIVO insieme ad ATLAS.ti, MAXQDA, AQUAD e molti altri offre, infatti, la possibilità di codifi care essenzialmente dati testuali; ogni singolo software si avvale di una varietà di funzioni consentendo al ricercatore di scegliere il prodotto più appropriato in base agli obiettivi e alla tipologia di dati a disposizione (alcuni software consentono anche l analisi e la codifi ca di dati provenienti da fi le audio e video). I dati raccolti, nell ambito della ricerca svolta nel mondo virtuale Second Life, fanno riferimento a tre tipologie di documenti: questionari, interviste e focus group. Nelle operazioni di organizzazione, analisi e codifi ca il software si è rivelato uno strumento estremamente fl essibile grazie alle seguenti caratteristiche: elevata usabilità: personalizzazione dell interfaccia di lavoro; accesso a tutti gli elementi relativi al proprio progetto attraverso una barra di navigazione centrale; funzionalità drag and drop per spostare velocemente dati da una cartella all altra; possibilità di tornare indietro nelle proprie azioni attraverso una funzionalità multi-level undo ; varietà di formati testuali e audiovisivi supportati: possibilità di importare fi le di testo nei formati Microsoft Word (.doc e.docx), Adobe Portable Document Format (.pdf), rich text (.rtf) o plain text (.txt); foto e immagini digitali in formato.bmp,.gif,.jpg,.jpeg,.tif o.tiff; editing: tutti i documenti possono essere modifi cati usando l editor di testo interno al software; organizzazione e classifi cazione: possibilità di organizzare gli elementi in sets e cases ; due opzioni di classifi cazione (gerarchica e libera); usi di attibuti per i dati demografi ci del campione; possibilità di inserire in una cartella externals le informazioni che non possono essere importate (siti web, libri); annotazioni: le funzionalità memos e annotation permettono al ricercatore di trascrivere pensieri e percezioni durante la fase di organizzazione e classifi cazione dei dati attraverso link e commenti; 5 La società Qualitative Solution and Research (QRS) nasce ufficialmente nel 1995 anche se le sue origini coincidono con la produzione del software NUD*IST nel 1981, prima versione dell attuale software NVIVO : you. 6 Una dettagliata classificazione di software per l analisi testuale è accessibile nel sito web Text Analysis Info : 266

9 codifi ca: ogni informazione (parola, sintagma, frase, paragrafo o porzione di testo) può essere associata a una categoria; ogni informazione codifi cata può essere facilmente visualizzata non solo all interno del paragrafo in cui compare ma in un contesto più ampio attraverso la funzione View context ; visualizzazione e esplorazione dei dati: i dati possono essere collegati e messi a confronto attraverso lo strumento relationship per esplorare le relazioni tra elementi, categorie e attributi; la funzione matrix permette di mettere a confronto elementi e individuare pattern; la funzionalità model consente di visualizzare il progetto in progress attraverso una mappa; le opzioni di creazione di grafi ci in 2 o 3 dimensioni permettono il salvataggio e l esportazione in diversi formati. Le opzioni descritte hanno supportato e facilitato il lavoro di analisi dei dati e hanno fornito un terreno di mediazione per superare l opposizione distanza/partecipazione; come chiaramente espresso in Bazeley (2007, 8): «Recent software has been designed on the assumption that researchers need both closeness and distance: closeness for familiarity and appreciation of subtle differences, but distance for abstraction and synthesis and the ability to switch between the two [ ] Moving between these tools, from the general to the specifi c, and from the specifi c to the general, back and forth, exploiting both insider and outsider perspectives, is characteristic of qualitative methods and contributes to a sophisticated analysis». Le opzioni di visualizzazione hanno consentito al ricercatore di stabilire un contatto profondo con i dati e, contestualmente, con i partecipanti: ogni dato codifi cato è, infatti, immediatamente riconducibile agli attributes, ossia alle informazioni di carattere demografi co che caratterizzano ogni singolo membro del campione (Figura 1). 267

10 Figura 1. Interfaccia del software relativa all organizzazione delle categorie e alla visulaizzazione dei dati relativi ad un elemento del campione. Tale opportunità di immersione nei dati serve a trasmettere una sensazione di presenza tale da consentire al ricercatore di comprendere il punto di vista con un ottica interna al gruppo. Nella sua espressione estrema tale tendenza dà luogo all atteggiamento che in letteratura viene defi nito go native (Holloway, 1997, 79), un espressione che trae la propria origine nella ricerca in ambito antropologico e che è, attualmente, ampiamente utilizzata anche in diversi approcci della ricerca qualitativa: When they go native researchers adopt the values and perspectives of people they study and identify with them so much that they are unable to sustain their previous identity as researchers. This prevents them from maintaining their research roles and eliminates any element of objectivity. Una mediazione tra presenza e distacco è possibile attraverso un approccio ai dati che possa consentire anche un distanziamento con l acquisizione di un punto di vista estraneo da parte del ricercatore: Spradley assumed that being made to feel strange would better facilitate a capacity to unearth tacit rules and implicit meanings (De Laine, 2000, 55). 268

11 Un approccio più oggettivo ai dati si è realizzato attraverso la funzionalità query per interrogare il database e/o per la costruzione di matrici in cui dati relativi alle categorie codes sono stati triangolati con dati relativi agli attributes. Le funzioni di visualizzazione hanno consentito, inoltre, di acquisire una visione complessiva dei dati attraverso la loro sintesi in mappe e grafi ci 3D. Tale opportunità non deve far pensare a una negazione del ruolo che la soggettività svolge in una ricerca di approccio qualitativo. La costruzione di una cosiddetta progressive subjectivity (Shenton, 2004) da parte del ricercatore è, infatti, supportata dalla possibilità di esprimere refl ective commentary attraverso la funzione memo e annotation. Queste funzioni forniscono un monitoraggio dello sviluppo dei processi interpretativi del ricercatore, elementi critici nello stabilire la credibilità di un processo di analisi e codifi ca. 3. Conclusioni L esperienza documentata ci ha permesso di analizzare sul campo le problematiche e le positività legate all uso di uno strumento tecnologico come canale all interno del quale collocare un percorso di ricerca in ambito pedagogico. La codifi ca portata avanti attraverso le procedure previste all interno del software ha permesso un contatto più effi cace e diretto con i dati da analizzare, rafforzando la vicinanza ai dati e consentendo un immersione nel contesto e nel corpus dei dati che una codifi ca realizzata manualmente non avrebbe raggiunto. Da un diverso punto di vista, lo stesso software, attraverso gli strumenti di visualizzazione e le potenti possibilità di riorganizzazione dei dati e degli output grafi ci, ha consentito un atteggiamento di presa di distanza dal corpus dei dati, che ha facilitato una visione integrata e reso possibili diverse interpretazioni. Un elemento importante da sottolineare riguarda gli aspetti metodologici dell uso del software: la possibilità di reifi care criteri ed indicatori utilizzati, rende la metodologia utilizzata esplicita e trasparente. Questo permette al ricercatore di essere consapevole dei limiti dei criteri utilizzati e lo facilita nella rifl essione e nella revisione della codifi ca e dei procedimenti adottati. Nello stesso tempo, disporre di criteri che possono essere discussi e negoziati all interno di un gruppo di ricerca, o addirittura all esterno, nel caso di ricerche condotte in collaborazione tra gruppi diversi di ricercatori, rende possibile una peer review continua che permette di migliorare le interpretazioni iniziali grazie al contributo degli altri soggetti coinvolti nella ricerca. Un 269

12 atteggiamento di questo tipo limita i problemi, messi in evidenza da Welsh, relativi all eccessiva soggettività nella codifi ca a favore di un approccio collaborativo nella ricerca, spesso invocato, ma diffi cile da mettere in atto. Bibliografi a Bazeley, P. (2007), Qualitative data analysis with Nvivo, London, Sage. Calvani, A. (1999), «Ricerca azione on line, nuovi modelli per l innovazione e sperimentazione educativa», in Tecnologie e Didattica, n. 15, vol. 3, D Andrea, L., Quaranta, G., Quinti, G. (2005), Manuale sui processi di socializzazione della ricerca scientifi ca e tecnologica, Roma, CERFE. De Laine, M. (2000), Fieldwork, participation and practice: ethics and dilemmas in qualitative research, London, Sage. Fielding, N.G. and Lee, R.M. (1998), Computer Analysis and Qualitative Research, London, Sage. Gilbert, L. (2000), From print to pixel. Practitioners Refl ections on the Use of Qualitative Data Analysis Software, Paper presented at the Annual Meeting of the American Educational Research Association (New Orleans, LA, April 24-28, 2000), in [febbraio 2011]. Gilbert, L. S. (2002), «Going the distance: closeness in qualitative data analysis software», International Journal of social Research Methodology, vol. 5, n. 3, pp (14). Holloway, I. (1997), Basic concepts for qualitative research, Oxford, Blackwell Science. Lévy, P. (1994), L Intelligence collective. Pour une anthropologie du cyberespace, La Découverte, Paris, tr. it. L intelligenza collettiva. Per un antropologia del cyberspazio, Feltrinelli, Milano, MacMillan, K., Koenig, T. (2004), «The Wow Factor: Preconceptions and Expectations for Data Analysis Software in Qualitative Research», Social Science Computer Review, n. 22(2), , in cgi/doi/ / [febbraio 2011]. Nielsen, M. (2009) «Information awakening», Nature Physics, n. 5, , doi: /nphys1238. Perkins, D. N. (1985), «The fi ngertip effect: How information processing technology changes thinking», Educational Researcher, n. 14(7), pp Rabardel, P. (1995a), Les hommes et les technologies. Approche Cognitive des instruments contemporains, Paris, Armand Colin. 270

13 Rabardel, P. (1995b), «Qu est-ce qu un instrument? Appropriation, conceptualisation, mises en situation», Les dossiers de l Ingénierie éducative, n. 19, Richards, L. (1998), «Closeness to data: the changing goals of qualitative data handling», Qualitative Health Research, n. 8, Shenton, A.K. (2004), «Strategies for ensuring trustworthiness in qualitative research projects», Education for Information, 22, pp 63 75, IOS Press, in re.com/theforce/shu_cohort_viii/images/trustworthypaper.pdf [febbraio 2011]. Walsh, M. (2003), «Teaching Qualitative Analysis Using QSR Nvivo», The Qualitative Report, 8, n. 2, , in QR8-2/walsh.pdf [febbraio 2011]. Wartofsky, M. (1979), «Perception, representation and the forms of action: towards an historical epistemology», Models Representation and the scientifi c understanding, di M. Wartofsky, , Dordrecht, Reidel. Welsh, E. (2002), «Dealing with Data: Using NVivo in the Qualitative Data Analysis Process», Forum Qualitative Sozialforschung/Forum: Qualitative Social Research, 3 (2), Art. 26. in fqs [febbraio 2011]. 271

Analisi dei fabbisogni formativi. Realizzazione del programma

Analisi dei fabbisogni formativi. Realizzazione del programma Smart*Health [Skill Evaluation Management] SkEMa Il software per la valutazione del personale continuità dell assistenza, collaborazione e controllo in una rete sanitaria integrata Analisi dei fabbisogni

Dettagli

L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti

L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti Agnese Vardanega L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti Fare ricerca sociale con i dati testuali ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testuali

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testuali Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testuali Il text mining: una definizione Data mining per dati destrutturati ovvero documenti codificati in linguaggio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA D.R. n. 3 del 30/06/2009 IL RETTORE VISTO lo Statuto dell Università degli Studi Guglielmo Marconi pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 127 del 31 maggio 2008; VISTO il Regolamento Didattico

Dettagli

CICLO DI SEMINARI AVANZATI SUI METODI E LE TECNICHE DELLA RICERCA QUALITATIVA PROGRAMMI DEI SEMINARI

CICLO DI SEMINARI AVANZATI SUI METODI E LE TECNICHE DELLA RICERCA QUALITATIVA PROGRAMMI DEI SEMINARI Il Master di Secondo Livello in QR-M&S RICERCA QUALITATIVA PER IL MARKETING E IL SOCIALE Quarta Edizione - A.A. 2012-2013 propone un CICLO DI SEMINARI AVANZATI SUI METODI E LE TECNICHE DELLA RICERCA QUALITATIVA

Dettagli

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet Psicologia dei Nuovi Media Andrea Farinet 1. Psicologia dei nuovi media: riferimenti teorici e oggetti di analisi 2. Comprendere i nuovi media: da Internet all embodiment 3. Applicare la psicologia dei

Dettagli

ESERCITAZIONE. La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA

ESERCITAZIONE. La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA ESERCITAZIONE La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA Il World Wide Web, come abbiamo visto, costituisce sicuramente un ambiente che offre importanti opportunità e risorse per lo

Dettagli

Internet Information Literacy: tecnologie collaborative per le competenze informative. Cinzia Ferranti - Dipartimento FISPPA cinzia.ferranti@unipd.

Internet Information Literacy: tecnologie collaborative per le competenze informative. Cinzia Ferranti - Dipartimento FISPPA cinzia.ferranti@unipd. Internet Information Literacy: tecnologie collaborative per le competenze informative Cinzia Ferranti - Dipartimento FISPPA cinzia.ferranti@unipd.it 10 settembre 2015 Information Literacy L'economia basata

Dettagli

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15 Neoassunti 2015/16 BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale Versione del 09/12/15 Sommario Sommario Sommario... 1 Introduzione... 2 La guida per la compilazione del Bilancio di Competenze... 2 A cosa

Dettagli

1) Il Programma Operativo Nazionale 2007-2013 Competenze per lo Sviluppo

1) Il Programma Operativo Nazionale 2007-2013 Competenze per lo Sviluppo Pagina1 Allegato A Monitoraggio delle formazioni docenti PON 2010/2011 e richieste specifiche per la valutazione e il monitoraggio delle azioni PON DIDATEC corso base e corso avanzato 1) Il Programma Operativo

Dettagli

L IT a supporto della condivisione della conoscenza

L IT a supporto della condivisione della conoscenza Evento Assintel Integrare i processi: come migliorare il ritorno dell investimento IT Milano, 28 ottobre 2008 L IT a supporto della condivisione della conoscenza Dott. Roberto Butinar AGENDA Introduzione

Dettagli

Scuola Valore Risorse per docenti dai progetti nazionali

Scuola Valore Risorse per docenti dai progetti nazionali Scuola Valore Risorse per docenti dai progetti nazionali Cosa è Scuola Valore, Finalità... 2 I progetti... 3 Le risorse e i possibili utilizzi... 4 Il processo di produzione delle risorse... 6 1 Cosa è

Dettagli

Recensione di Irith Davidzon Maggio 2007. Abstract. Recensione

Recensione di Irith Davidzon Maggio 2007. Abstract. Recensione Beck Isabel, McKeown Margareth, Improving Comprehension with Questioning the Author: A Fresh and Expanded View of a Powerful Approach, Scholastic, New York, 200, pp. 296 Recensione di Irith Davidzon Maggio

Dettagli

Agenda degli incontri

Agenda degli incontri PROGETTO DI FORMAZIONE LEARNING BY DOING Descrizione Percorso Un percorso di formazione per supportare i docenti a formare in modo esplicito le competenze trasversali dei loro allievi. E ormai noto che

Dettagli

Comunità di ricerca a scuola e tecnologie digitali

Comunità di ricerca a scuola e tecnologie digitali IV Congresso di Psicologia e Scuola: A scuola ho un bambino che Firenze 6-7 febbraio 2015 Comunità di ricerca a scuola e tecnologie digitali Stefano Cacciamani Università della Valle d Aosta Il piano del

Dettagli

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi Facoltà di Studi Classici, Linguistici e della Formazione Linee guida per l elaborato di laurea del corso di laurea in Scienze della formazione primaria Art. 1 Introduzione La tesi è parte integrante del

Dettagli

La shared mobility, nuova frontiera della mobilità urbana: le prospettive per l area metropolitana di Roma

La shared mobility, nuova frontiera della mobilità urbana: le prospettive per l area metropolitana di Roma La shared mobility, nuova frontiera della mobilità urbana: le prospettive per l area metropolitana di Roma OBIETTIVI Da qualche anno a questa parte, le soluzioni di trasporto condivise stanno conoscendo

Dettagli

Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO

Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO Diploma On Line secondo anno 2006/07 Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO Corsista: Orazio Rapisarda classe C1 Il progetto scaturisce dall opportunità di lavorare con un gruppo di alunni che avevano

Dettagli

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento.

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Una volta realizzata l analisi del contesto di riferimento e dei fabbisogni formativi che esso esprime (vedi UF 2.1), il progettista dispone

Dettagli

COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006 La competenza digitale consiste nel saper utilizzare con dimestichezza

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro

Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro Simone Tosi, Tommaso Vitale To cite this version: Simone Tosi, Tommaso Vitale. Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro. Piccolo

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

SOLUZIONE DI PROTOCOLLO INFORMATICO E DI GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI

SOLUZIONE DI PROTOCOLLO INFORMATICO E DI GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI Sede amministrativa Via E. Ramarini, 7 00015 Monterotondo Scalo Roma Tel. + 39 06 90.60.181 Fax. + 39 06.90.69.208 info@bucap.it www.bucap.it Sede legale Via Innocenzo XI, 8 00165 Roma Se d SOLUZIONE DI

Dettagli

Progetto Insegnare ad imparare le strategie metacognitive nei DSA UST Belluno / Associazione Soroptimist

Progetto Insegnare ad imparare le strategie metacognitive nei DSA UST Belluno / Associazione Soroptimist I Disturbi Specifici di Apprendimento Interventi nella Scuola Secondaria: applicazione delle misure compensative e dispensative in riferimento alle discipline di ambito umanistico Progetto Insegnare ad

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E CONOSCENZA

SVILUPPO LOCALE E CONOSCENZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE DIPARTIMENTO DI TECNOLOGIE DELL ARCHITETTURA E DESIGN PIER LUIGI SPADOLINI SVILUPPO LOCALE E CONOSCENZA Il ruolo del Knowledge Management BENEDETTA BIONDI La conoscenza

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

8 Educare cittadini globali

8 Educare cittadini globali Presentazione Flavia Virgilio è componente (insieme a Davide Zoletto e ad Anselmo Roberto Paolone) del Gruppo di Ricerca in Pedagogia Generale e Sociale dell Università di Udine, da me coordinato. Questa

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

www.solmap.it1per L Ordine offre ai Suoi iscritti strumenti necessari sia ai ni formativi individuali accreditati che di aggiornamento

www.solmap.it1per L Ordine offre ai Suoi iscritti strumenti necessari sia ai ni formativi individuali accreditati che di aggiornamento Guida all utilizzo dei servizi on-line www.solmap.it1per L Ordine offre ai Suoi iscritti strumenti necessari sia ai ni formativi individuali accreditati che di aggiornamento professionale. Con 1 x potrai

Dettagli

FARE STORIA CON I LUOGHI DI MEMORIA: SPAZIO E TEMPO TRA TERRITORIO E RETE (con l affiancamento dell esperta Prof.ssa Maila Pentucci)

FARE STORIA CON I LUOGHI DI MEMORIA: SPAZIO E TEMPO TRA TERRITORIO E RETE (con l affiancamento dell esperta Prof.ssa Maila Pentucci) SCHEDA ANALITICA PROGETTUALE TITOLO DEL PROGETTO: LA RETE DA SCRIVERE A.S.2013-2014 FARE STORIA CON I LUOGHI DI MEMORIA: SPAZIO E TEMPO TRA TERRITORIO E RETE (con l affiancamento dell esperta Prof.ssa

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 20 alunni ed è mista. La classe si è presentata

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

Kit metodologico-didattico per la personalizzazione di percorsi formativi. Definizione dei profili di apprendimento

Kit metodologico-didattico per la personalizzazione di percorsi formativi. Definizione dei profili di apprendimento Kit metodologico-didattico per la personalizzazione di percorsi formativi Definizione dei profili di apprendimento Architetture Didattiche Tipologia Caratteristiche Quando avvalersene Ricettiva Trasmissione

Dettagli

Cercare informazioni in rete. Uno strumento metacognitivo per sviluppare le abilità di ricerca e di costruzione di conoscenza

Cercare informazioni in rete. Uno strumento metacognitivo per sviluppare le abilità di ricerca e di costruzione di conoscenza Cercare informazioni in rete Uno strumento metacognitivo per sviluppare le abilità di ricerca e di costruzione di conoscenza L information overload Internet con la sua enorme mole di informazione disponibili

Dettagli

RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD. Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da:

RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD. Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da: RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da: uso di tecniche standardizzate di rilevazione tecniche statistiche

Dettagli

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo 1. Elementi generali Le attività didattiche del Master

Dettagli

La piattaforma etwinning: modalità d uso, potenzialità e limiti

La piattaforma etwinning: modalità d uso, potenzialità e limiti La piattaforma etwinning: modalità d uso, potenzialità e limiti Franco Di Cataldo La piattaforma etwinning costituisce un riferimento importante per la valorizzazione ed il potenziamento di progetti europei

Dettagli

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica (a cura dell Area Comunicazione e Servizi al cittadino, con il supporto dell Ufficio Monitoraggio e Ricerca di FormezPA) INDICE 1. Introduzione

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia DB 1 Due Situazioni Estreme Realtà Descritta da un documento testuale che rappresenta un insieme di requisiti del software La maggiore

Dettagli

La scuola ha bisogno di cambiare

La scuola ha bisogno di cambiare Oggi il modo di comunicare è cambiato. La Rivoluzione digitale ha innescato nuove dinamiche di relazione e di condivisione delle informazioni. Il flusso continuo di conoscenze ha creato la necessità di

Dettagli

HyperJournal. Un software open source per l Open Publishing. Francesca Di Donato, Università di Pisa, didonato@sp.unipi.it

HyperJournal. Un software open source per l Open Publishing. Francesca Di Donato, Università di Pisa, didonato@sp.unipi.it HyperJournal Un software open source per l Open Publishing Francesca Di Donato, Università di Pisa, didonato@sp.unipi.it Seminario Dopo Berlin3: politiche di accesso aperto alla letteratura scientifica

Dettagli

TIC e Formazione in ambito sanitario. Francesca Zanon Convegno Nazionale SIREM 2012

TIC e Formazione in ambito sanitario. Francesca Zanon Convegno Nazionale SIREM 2012 TIC e Formazione in ambito sanitario Introduzione teorica La formazione in ambito sanitario si concretizza in un approccio di tipo olistico alla professione ed all utenza che ne deriva, intersecandosi

Dettagli

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Materiale pratico della durata di un ora circa Il nuovo ambiente di apprendimento rappresenterà un cambiamento pedagogico radicale o sarà soltanto

Dettagli

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising INTRODUZIONE Negli ultimi anni l accesso alla Rete e l uso attivo di Internet da parte di aziende e famiglie si è notevolmente allargato; questo media relativamente nuovo si sta rapidamente avviando a

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

Italiano a classi aperte

Italiano a classi aperte Italiano a classi aperte Liberare molte energie creative Favorire il successo formativo degli alunni Combattere l individualismo Favorire la socializzazione Sperimentare modalità di tutoring nel gruppo

Dettagli

EPULIA - Enjoy Puglia using Ubiquitous technology in Landscape Interactive Adventures

EPULIA - Enjoy Puglia using Ubiquitous technology in Landscape Interactive Adventures UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE PO FESR PUGLIA 2007-2013 Asse I Linea di Intervento

Dettagli

Dalla materia inerte alle cose costruite perbene dall uomo che abita la Terra

Dalla materia inerte alle cose costruite perbene dall uomo che abita la Terra Dalla materia inerte alle cose costruite perbene dall uomo che abita la Terra ILPO 2007 ERGONOMIA e INDUSTRIAL DESIGN Metodi di valutazione utilizzati nel processo di progettazione e realizzazione dei

Dettagli

Deliverable DCL4 - (al 31.03.10 ) Sperimentazione di un pacchetto di Servizi per l emersione di uno o più Cluster potenziali

Deliverable DCL4 - (al 31.03.10 ) Sperimentazione di un pacchetto di Servizi per l emersione di uno o più Cluster potenziali Realizzazione Studi di Settore al fine di facilitare l'emersione di cluster di imprese operanti nel settore ICT Intervento SD07B) CLUOS Deliverable DCL4 - (al 31.03.10 ) Sperimentazione di un pacchetto

Dettagli

Gli studi dell HCI si concentrano spesso sull interfaccia

Gli studi dell HCI si concentrano spesso sull interfaccia Interazione Uomo-Macchina (e Usabilità) 1 Cos'è l'hci? Human-Computer Interaction (HCI) Possibile definizione (ACM) Human-computer interaction ti is a discipline i concerned with the design, evaluation

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file. Elaborazione testi. Foglio elettronico. Strumenti di presentazione

Uso del computer e gestione dei file. Elaborazione testi. Foglio elettronico. Strumenti di presentazione Il è finalizzato a elevare il livello di competenza nell utilizzo del computer, del pacchetto Office e delle principali funzionalità di Internet. Il percorso formativo si struttura in 7 moduli Concetti

Dettagli

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Febbraio 2010 Agenas Sezione Qualità e Accreditamento Osservatorio Buone Pratiche

Dettagli

progetto NECOBELAC le domande per capirlo NECOBELA

progetto NECOBELAC le domande per capirlo NECOBELA progetto NECOBELAC le domande per capirlo NECOBELA IT partner NECOBELAC Testi della Unità di Coordinamento dell ISS, revisionati dagli altri partner di progetto. Traduzione italiana di Anna Maria Rossi

Dettagli

La Gestione della Complessità

La Gestione della Complessità La Gestione della Complessità Only variety can destroy variety (Ross. W. Ashby) Prof. Claudio Saita 1 La struttura del modello cognitivo proposto, conosciuto più comunemente in letteratura come la legge

Dettagli

Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo

Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo Un modello per l analisi delle interazioni in rete Prefazione di Guglielmo Trentin Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

"GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education"

GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education "GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education" SISTEMA DI VALUTAZIONE INDICE DEL DOCUMENTO 1. Linee guida per la valutazione.. pag. 2 2. Dimensioni e tempi della valutazione...

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013

IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013 UNIONE EUROPEA IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013 Sentirsi protagonisti per il successo del progetto MODULO II Strumenti e iniziative per lo sviluppo del progetto 16 luglio 2009 Indice Il percorso nell

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Uno strumento unico per risolvere i problemi di compatibilità tra le diverse lavagne interattive Non fermarti alla LIM, con

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

Un modello di costruzione collaborativa della conoscenza su utilizzo didattico degli organizzatori grafici

Un modello di costruzione collaborativa della conoscenza su utilizzo didattico degli organizzatori grafici DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE E PSICOLOGIA Un modello di costruzione collaborativa della conoscenza su utilizzo didattico degli organizzatori grafici Prof. Antonio Calvani antonio.calvani@unifi.it

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

Nuove tecnologie digitali: un opportunità per la promozione della salute? Dr. Maddalena Fiordelli

Nuove tecnologie digitali: un opportunità per la promozione della salute? Dr. Maddalena Fiordelli Nuove tecnologie digitali: un opportunità per la promozione della salute? Dr. Maddalena Fiordelli Institute of Communication and Health Università della Svizzera Italiana (Lugano) ehealth: definizioni

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Il Knowledge Management nell'economia della conoscenza

Il Knowledge Management nell'economia della conoscenza Il KM nell economia della conoscenza Il Knowledge Management nell'economia della conoscenza Giovanni Marrè Amministratore Delegato it Consult Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo Urbino, 5

Dettagli

GUIDA OPERATIVA AL DIVERSITY MANAGEMENT

GUIDA OPERATIVA AL DIVERSITY MANAGEMENT GUIDA OPERATIVA AL DIVERSITY MANAGEMENT (LA GESTIONE DELLE DIVERSITÁ DELLE PERSONE IN AZIENDA) L incremento dell eterogeneità all interno dei mercati del lavoro rappresenta una delle principali caratteristiche

Dettagli

Disegno di ricerca per il monitoraggio valutativo delle attività di formazione integrata a supporto del DL59

Disegno di ricerca per il monitoraggio valutativo delle attività di formazione integrata a supporto del DL59 Disegno di ricerca per il monitoraggio valutativo delle attività di formazione integrata a supporto del DL59 1. Obiettivi La ricerca si propone di conseguire tre macro-obiettivi. 1- Verificare nel caso

Dettagli

All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione

All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione La Regione Toscana riconosce nel contributo delle Associazioni di volontariato e tutela

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi E-learning Vantaggi e svantaggi vantaggi Abbattimento delle barriere spazio-temporali Formazione disponibile sempre (posso connettermi quando voglio e tutte le volte che voglio) e a bassi costi di accesso

Dettagli

La ricerca estensiva Perché?

La ricerca estensiva Perché? RICERCA ESTENSIVA La ricerca estensiva Perché? Per misurare e validare in termini estensivi la percezione e decodifica da parte dei soggetti destinatari; ma anche per segmentarli in modo appropriato Per

Dettagli

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE 2016 / 2019. Team per l Innovazione dell ISC Nardi

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE 2016 / 2019. Team per l Innovazione dell ISC Nardi PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE 2016 / 2019 Team per l Innovazione dell ISC Nardi PREMESSA L animatore digitale individuato in ogni scuola sarà formato in modo specifico affinché possa (rif. Prot. N 17791

Dettagli

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Genova, 16 marzo 2006 Via Balbi, 1a - 16126 GENOVA Tel. 010/2095962 Fax 010/2095961 e-mail: cared@unige.it Master

Dettagli

Calvani Antonio, Rotta M., Fare formazione in Internet. Manuale di didattica online, Edizioni Erickson; Trento, 2000 pp. 378

Calvani Antonio, Rotta M., Fare formazione in Internet. Manuale di didattica online, Edizioni Erickson; Trento, 2000 pp. 378 Calvani Antonio, Rotta M., Fare formazione in Internet. Manuale di didattica online, Edizioni Erickson; Trento, 2000 pp. 378 -Recensione di Cristiana Cardinali - 29 marzo 2007- Abstract In questo lavoro

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519

ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519 ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519 CF: 92082410512 - cod. MIUR: ARIC841007 - email: aric841007@istruzione.it pec:aric841007@pec.istruzione.it

Dettagli

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E a cura di Graziella Pozzo CONTENUTI SCHEDE Presentazione Scheda 1.

Dettagli

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva 1 Indice dei materiali Quadro normativo di riferimento Didattica tradizionale

Dettagli

LA FABBRICA DEL CITTADINO

LA FABBRICA DEL CITTADINO COMUNE DI CHIAVERANO COMUNICATO STAMPA LA FABBRICA DEL CITTADINO Chiaverano, 29 agosto 2015 Dal 10 Settembre anche nel Comune di Chiaverano, primo Comune nel Canavese e tra i primi in Italia, apre La Fabbrica

Dettagli

Ente accreditato dal Ministero Istruzione, Università e Ricerca d Italia per la formazione del personale Scuola D.M. 177/2000

Ente accreditato dal Ministero Istruzione, Università e Ricerca d Italia per la formazione del personale Scuola D.M. 177/2000 UN NUOVO MODELLO DI MASTER UNIVERSITARIO UNA COMPARAZIONE DEL MODELLO ISPEF IN ITALIA, ROMANIA E CILE Dati dell Autore Nome e Cognome: Fausto Presutti Email: f.presutti@ispef.it ; faustopresutti@gmail.com

Dettagli

Introduzione alla Linguistica Computazionale

Introduzione alla Linguistica Computazionale Introduzione alla Linguistica Computazionale Salvatore Sorce Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica e Meccanica Ludici Adattati da Alessandro Lenci Dipartimento di Linguistica T. Bolelli

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

Progetto DOCUMENTAZIONE MULTIMEDIALE ESPERIENZE DI PROGETTAZIONE CURRICOLARE. Tecnico-ricercatore referente: Claudia Perlmuter

Progetto DOCUMENTAZIONE MULTIMEDIALE ESPERIENZE DI PROGETTAZIONE CURRICOLARE. Tecnico-ricercatore referente: Claudia Perlmuter Progetto DOCUMENTAZIONE MULTIMEDIALE ESPERIENZE DI PROGETTAZIONE CURRICOLARE Tecnico-ricercatore referente: Claudia Perlmuter Le esperienze da multimedializzare Nell ambito del percorso di lavoro Documentare

Dettagli

LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK

LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK Le mappe concettuali sono strumenti per l organizzazione delle informazioni in modo da favorire ad un livello profondo

Dettagli

Le fasi di un percorso di consultazione online

Le fasi di un percorso di consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Le fasi di un percorso di consultazione online Autore: Angela Creta, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

LA CAR POLICY UNO STRUMENTO IN CONTINUA EVOLUZIONE

LA CAR POLICY UNO STRUMENTO IN CONTINUA EVOLUZIONE LA CAR POLICY UNO STRUMENTO IN CONTINUA EVOLUZIONE LA CAR POLICY UNO STRUMENTO IN CONTINUA EVOLUZIONE La presente pubblicazione è stata realizzata in collaborazione con Centro Studi Fleet & Mobility e

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

Big Data e Customer Engagement

Big Data e Customer Engagement 2013 Big Data e Customer Engagement Una Ricerca di: Novembre 2013 SOMMARIO PRINCIPALI RISULTATI DELLO STUDIO 2 INTRODUZIONE 5 COSA SONO I BIG DATA 5 PERCHÉ I BIG DATA SONO DIVENTATI IMPORTANTI 6 ADOZIONE

Dettagli

Apprendimento, DSA e mappe concettuali come mediatori didattici. Beatrice Caponi Conegliano, 6 novembre 2012

Apprendimento, DSA e mappe concettuali come mediatori didattici. Beatrice Caponi Conegliano, 6 novembre 2012 Apprendimento, DSA e mappe concettuali come mediatori didattici Beatrice Caponi Conegliano, 6 novembre 2012 Apprendere significa Comprendere e mantenere nel tempo le conoscenze (memoria) Saper utilizzare

Dettagli

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374 ABSTRACT del documento e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte 1 Gruppo di lavoro Supervisione scientifica: Maria Pia Cavalieri Coordinamento Marco Guspini

Dettagli

il modello Nokana e Takeuchi

il modello Nokana e Takeuchi www.librishop.it il modello Nokana e Takeuchi Considerazioni sul processo di creazione e condivisione della conoscenza indice il processo di creazione e condivisione il modello di creazione e condivisione

Dettagli