Approccio all Attività Sportiva

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Approccio all Attività Sportiva"

Transcript

1 Approccio all Attività Sportiva Istruzioni per l uso COMITATO REGIONALE DELLA PUGLIA SCUOLA REGIONALE DELLO SPORT DELLA PUGLIA INDICAZIONI E SUGGERIMENTI PER UNA CORRETTA PRATICA SPORTIVA FAI DA TE

2 Indice INTRODUZIONE ETICA SPORTIVA: UNA SCELTA DI CAMPO L ORGANIZZAZIONE SPORTIVA - Federazioni Sportive Nazionali (F.S.N.) - Enti di Promozione Sportiva (D.S.A.) - Comitato Olimpico Nazionale Italiano (C.O.N.I.) - Scuola dello Sport (S.d.S.) L ATTIVITÀ MOTORIA AMATORIALE PRINCIPI DI BASE DELLA NUTRIZIONE - Metabolismo energetico - Composizione della dieta equilibrata - Quando alimentarsi - Quando bere - L integrazione alimentare - L abuso di alcolici - Fumo e sport pag. 3 pag. 4 pag. 5 pag. 6 pag. 7 pag. 8 pag. 16 pag. 17 pag. 19 pag. 20 pag. 22 pag. 24 pag. 26

3 3 Introduzione Comitato Regionale CONI della Puglia, con il patrocinio dell Unità Territorio e Promozione dello Sport del CONI centrale e il coordinamento della Scuola Regionale dello Sport della Puglia, prosegue l opera di informazione sul territorio Il regionale attraverso la revisione dell opuscolo Sport per Tutti Istruzioni per l uso. In particolare, si è voluto porre maggiore attenzione nei confronti di quel fenomeno socio-sportivo in notevole crescita, che vede l uomo qualunque improvvisarsi atleta e diventare l unico riferimento per quanti intendano affacciarsi alla pratica sportiva. A questi ultimi, pertanto, deve essere rivolta una serie di informazioni corrette per perseguire obiettivi di crescita educativa, culturale e sociale legati allo sport e che consentano di limitare al massimo gli errori più comuni che si commettono nella pratica sportiva fai da te, esercitandosi con modalità più o meno intense, nei luoghi più o meno idonei e/o consentiti, senza le necessarie ed indispensabili cognizioni di base. Il progetto prevede l organizzazione di seminari d informazione che, al di là del momento d incontro dedicato all esposizione delle tematiche prescelte - Etica, Organizzazione Sportiva, Attività motoria, Alimentazione - vuole lasciare una traccia, una nota informativa di facile consultazione che aiuti il dilettante ad orientarsi nel mondo dello sport. Buon divertimento e prudenza!

4 4 C.ON.I. Puglia. Approccio all Attività Sportiva - Istruzioni per l uso Etica sportiva: una scelta di campo egli ultimi anni lo sport si è tanto avvicinato allo spettacolo quasi N da confondersi con esso. A tutti sarà capitato di sentire qualcuno lamentarsi di ciò che lo sport è oggi diventato, oppure accettare i suoi numerosi cambiamenti con la scusa che il progresso non può essere fermato. Ammesso che questa affermazione possa essere accettata, quanto più si giustifica la spettacolarizzazione dell evento sportivo e del campione preferito, tanto più si deve richiamare quell insieme di regole che lo sport non può dimenticare perché insite nella sua anima. Quest anima si chiama etica sportiva ed è il faro che deve guidare nella pratica della propria disciplina, e che nessuno si sognerebbe di mettere in discussione perché indica la sola via da seguire. Passione, sacrificio, rispetto di sé stessi e dell avversario: il bagaglio di valori dell etica sportiva è sempre uguale e fedele a se stesso e non può essere definito in negativo, con ciò che non è permesso fare, ma in positivo, perché è qualcosa che riguarda il giusto e lo sbagliato. Da un lato c è lo sport, con un risultato cui tendere, dall altro l inganno, con un risultato quale unico accecante obiettivo, persino a costo di rompere la promessa di lealtà che si fa ogni volta prima di gareggiare. Arrivare secondi, terzi o addirittura ultimi non è un dramma, ma lo è non riuscire a metterlo in conto e ad accettarlo. Lo possono imparare i più grandi come i più piccoli perché lo sport, individuale o di squadra, ha lo scopo di educare da subito alla coscienza delle proprie responsabilità o all importanza della vita di gruppo. Lo si può imparare da tifosi, sostenendo la propria squadra nella buona e nella cattiva sorte, perché l amore vero non detta condizioni e sorride di fronte a prestazioni sfortunate. Lo può imparare soprattutto chi si approccia all attività sportiva, riconoscendo i limiti del proprio fisico e convivendoci, nel momento della gioia come in quello della delusione. Perché nello sport il fine non giustifica i mezzi. L etica sportiva chiama tutti, sin da piccoli, ad una scelta di campo che richiede meno coraggio di quanto si possa immaginare. CARTA DEL FAIR PLAY Qualunque sia il mio ruolo nello sport, anche quello di spettatore, mi impegno a: 1. Fare di ogni evento sportivo, indipendentemente dalla posta in palio e dall'importanza della competizione, un momento di festa e di leale confronto con gli altri. 2. Rispettare le regole e lo spirito dello sport che voglio praticare. 3. Rispettare i miei avversari come me stesso. 4. Accettare le decisioni di arbitri e giudici, sapendo che, come me, possono sbagliare anche se fanno di tutto per evitarlo. 5. Evitare cattiverie e aggressioni sia in ciò che faccio, sia in ciò che dico. 6. Non commettere mai scorrettezze, né usare l'inganno per ottenere il successo. 7. Comportarmi correttamente sia nella vittoria, sia nella sconfitta. 8. Cercare sempre di aiutare gli altri con la mia presenza, la mia esperienza e la mia comprensione. 9. Soccorrere ogni sportivo ferito o in pericolo di vita. 10. Comportarmi come un ambasciatore dello sport, aiutando a far rispettare tutti i principi contenuti in questo decalogo. Prendo solennemente quest'impegno perché voglio dimostrare di essere un vero sportivo.

5 L ORGANIZZAZIONE SPORTIVA

6 6 C.ON.I. Puglia. Approccio all Attività Sportiva - Istruzioni per l uso processo di progressiva diffusione della pratica sportiva agonistica ed amatoriale rende indispensabile una seppur rapida conoscenza degli elementi e Il delle strutture organizzative di base. Ad esse è affidato un significativo contributo per il corretto perseguimento degli obiettivi di crescita educativa culturale e sociale legati allo sport. Pertanto si è ritenuto utile fornire indicazioni sulla diversità delle pratiche sportive cercando di indirizzare l utente verso gli organi che coordinano, programmano e regolamentano queste attività. Le societa sportive e le associazioni sportive Cosa sono? Sono organizzazioni che operano nel mondo dello sport e che sono riconosciute dal CONI per il tramite delle F.S.N., delle D.S.A. e degli E.P.S. Cosa fanno? Realizzano le attività sportive federali e amatoriali a livello nazionale e territoriale. Come? Curando la preparazione psicofisica dei propri atleti tesserati per farli partecipare alle gare federali delle singole discipline sportive. Organizzando corsi di avviamento allo sport regolamentati e controllati dal CONI per il tramite delle F.S.N., delle D.S.A. e degli E.P.S. A chi si rivolgono? A tutti gli atleti e a quelli che si avvicinano alla pratica sportiva promozionale. Federazioni Sportive Nazionali (F.S.N.) e Discipline Sportive Associate (D.S.A.) Cosa sono? Sono Associazioni riconosciute dal CONI e si articolano a livello territoriale in comitati regionali e per alcuni sport anche in comitati provinciali. Cosa fanno? Promuovono, svolgono e sviluppano la preparazione psico-fisica degli atleti nelle singole discipline sportive a carattere agonistico e amatoriale in armonia con gli indirizzi del CIO e del CO- NI, curano la preparazione tecnica, didattica e metodologica dei tecnici sportivi, nonché la realizzazione e l organizzazione di attività sportive specifiche, sia di avviamento allo sport sia di sport di alto livello. Come? Attraverso lo svolgimento di corsi di formazione per tecnici, la produzione e la distribuzione di materiali didattici. Mentre l attività agonistica viene organizzata mediante manifestazioni e/o campionati. A chi si rivolgono? A tutti coloro che vogliono svolgere attività sportiva sia a livello agonistico sia amatoriale e promozionale nel rispetto di precisi statuti e regolamenti. Enti di Promozione Sportiva (E.P.S.) Cosa sono? Sono associazioni riconosciute dal CONI. Cosa fanno? Promuovono e organizzano le attività fisico-sportive con finalità ricreative e formative subordinate al rispetto dei principi del CONI e delle Federazioni Sportive. Come? Organizzando gare, feste, giornate sportive, seminari culturali e sportivi a

7 L Organizzazione Sportiva 7 livello promozionale. A chi si rivolgono? A tutti coloro che svolgono attività sportiva amatoriale. Comitato Olimpico Nazionale Italiano (C.O.N.I.) Cos è? Il Comitato Olimpico Nazionale Italiano (C.O.N.I.) è la Federazione delle Federazioni Sportive e si decentra in organi periferici su tutto il territorio nazionale attraverso i Comitati Regionali e Provinciali. Cosa fa? Organizza, potenzia e promuove lo sport nazionale, regionale, provinciale. Come? Coordinando e disciplinando tutte le attività sportive; controllando le organizzazioni sportive; provvedendo alla preparazione di atleti olimpici, fornendo anche i mezzi idonei per le manifestazioni nazionali e internazionali; sviluppando attività di ricerca metodologica e tecnico-didattica applicata allo sport per la formazione di docenti e tecnici federali. A chi si rivolge? A tutti coloro che si avvicinano alla pratica sportiva assicurando le necessarie competenze tecniche e serietà organizzativa. Scuola dello Sport (S.d.S.) Cos è? La Scuola dello Sport è una struttura tecnica del C.O.N.I. Cosa fa? Cura la formazione, l aggiornamento e la specializzazione di tecnici e dirigenti che operano nel mondo dello Sport, in collaborazione con le F.S.N., le D.S.A., gli E.P.S., le Università ed altre istituzioni. La Scuola dello Sport ha avviato un piano di formazione degli operatori sportivi che si inserisce nel quadro di riferimento europeo in modo che qualsiasi operatore sportivo possa vedersi riconosciuto il proprio percorso formativo in qualsiasi altro paese dell Unione Europea. Le Scuole Regionali dello Sport programmano e sviluppano attività e progetti seguendo le linee guida della S.d.S. nazionale in base ai bisogni formativi del territorio. Come? Organizza seminari e corsi, promuove studi sulle problematiche sportive, produce materiali multimediali per uso tecnico-didattico. A chi si rivolge? A tutti gli operatori sportivi.

8 L ATTIVITÀ MOTORIA AMATORIALE

9 L attività motoria amatoriale 9 finalità, gli obiettivi e le motivazioni alla pratica sportiva possono essere diretti verso la ricerca della massima prestazione oppure del benessere fisico Le e psicologico (fitness). L una non esclude l altro, anzi: lo stato di salute costituisce il presupposto fondamentale per perseguire e raggiungere alte performance sportive. E altrettanto risaputo che quando si sottopone l organismo al massimo delle sue capacità, aumentano i fattori di rischio e, quindi, le controindicazioni per chi si improvvisa atleta. L attività motoria amatoriale, per definizione, deve tendere alla salute dell uomo, al suo benessere generale, al piacere intimo derivante dal profondo bisogno di muoversi. In breve, a migliorare la qualità della vita. Il confine tra gli effetti positivi e i risvolti negativi dell attività motoria è molto labile. Basta poco per farsi coinvolgere ad un livello di attività per la quale non si è pronti e preparati, spesso fuorviati da una cattiva lettura delle percezioni/sensazioni che l organismo fornisce. Per tali ragioni è necessario che anche i praticanti delle attività amatoriali siano istradati e consigliati da personale esperto, in grado di proporre, in modo individualizzato, le forme più appropriate di movimento. Anche una corretta attività fisica procura, in ogni caso, sollecitazioni gravose all organismo. Un attività scorretta può indurre alterazioni importanti, anche irreversibili. A questo punto sorge il dubbio che il lavoro fisico sia fonte di disagio per l organismo e che non si comprendano i benefici. In realtà è proprio così: l attività fisica usura l organismo. In assoluto, tale affermazione sarebbe del tutto vera se gli esseri viventi non possedessero, in varia misura, un importante proprietà: la capacità di adattamento. A ben riflettere, non si è mai completamente fermi. Essere vivi presuppone che tutti gli organi siano in funzione, ossia in movimento. Il mantenimento della condizione di funzionalità è assicurato dal continuo rifornimento di energia e dalla rigenerazione dei tessuti danneggiati. Quest ultima funzione è massima nei momenti di pausa lavorativa (riposo) ed è stimolata (accelerata) dagli stress che investono l organismo. In pratica, il miglior modo per mantenere e per migliorare l efficienza del sistema è danneggiarlo. Certo, non troppo. La fisiologia (e la teoria dell allenamento sportivo) fonda i suoi insegnamenti sul principio secondo il quale l uso sviluppa l organo durante il riposo.

10 10 C.O.N.I. Puglia. Approccio all Attività Sportiva - Istruzioni per l uso Durante l attività fisica si ha: Consumo di energia Dolori muscolari Affanno (dispnea) Traumi osteo-articolari Stress cardiaco Produzione di tossine Riduzione progressiva delle capacità di movimento Sofferenza (stress) di tutti gli organi interni (fegato, rene, milza,...) Stati di ansia (agonismo) Durante il recupero i tessuti e (quindi) gli organi: Si rigenerano Guariscono Si riproducono Si riparano Si sviluppano L organismo si adatta Quando l attività fisica è bene organizzata, nel rispetto dell alternanza tra i tempi di lavoro e quelli di riposo, si determina il potenziamento di tutte le funzioni organiche, l incremento delle abilità di movimento e il miglioramento della qualità della vita.

11 L attività motoria amatoriale 11 Le necessità fondamentali per la sopravvivenza dell uomo sono regolate dal piacere che le stesse procurano. La fame, la sete, la respirazione, la riproduzione, attendono a tale sistema. La sopravvivenza è spesso legata alla capacità di muoversi abilmente. Per tale ragione si è consolidato, nel genere animale, il piacere nel muoversi. Il gioco rappresenta la fase propedeutica all apprendimento, allo sviluppo intellettivo, all interazione col mondo ed è prerogativa dei cuccioli, ma anche gli adulti continuano a divertirsi giocando. La motivazione principale che spinge alla pratica sportiva è il piacere che essa provoca, anche negli atleti di vertice o professionisti. In questi, quando il piacere e la passione si attenuano, sostituiti da altri interessi (economici e/o di immagine) anche i risultati si ridimensionano ed inizia il declino. L obiettivo è di assecondare la pulsione al movimento, capire gli interessi e le attitudini individuali, adeguare le attività alle caratteristiche del praticante. Si avrà successo se il piacere derivante dal riuscire a fare (perseguire un fine) è maggiore del disagio procurato dalla fatica dell attività fisica. In linea di principio, le attività di movimento organizzato e continuativo hanno un ruolo importante nella strategia preventiva e curativa di diversi disturbi del nostro tempo. L introduzione delle macchine ha alleggerito l uomo di molte incombenze ma, al tempo stesso, gli ha sottratto innumerevoli occasioni per svolgere attività fisica spontanea e/o lavorativa, riducendo sensibilmente sia le abilità gestuali sia l efficienza delle grandi funzioni organiche. Ora più che in

12 12 C.O.N.I. Puglia. Approccio all Attività Sportiva - Istruzioni per l uso passato, si osservano eserciti di sedentari che scoprono (dopo i quarant anni) i benefici dell attività motoria e, il più delle volte, si gettano a capofitto nello sport preferito, alla ricerca del tempo perduto. È il tipico errore del principiante adulto : riaffiorano vecchi ricordi dell infanzia, quando correre e saltare era più facile che leggere e scrivere. Si vorrebbe riprendere da lì, come se trenta o quarant anni si potessero saltare a piè pari. In questi casi la prudenza non è mai troppa; il principio della gradualità deve sovrastare qualsiasi altro intento affinché non si sia costretti a fermarsi prima ancora di cominciare. Si ribadisce, quindi, che l attività da praticare deve, innanzi tutto, divertire. Entusiasmo, emozione e benessere sono i requisiti che assicurano continuità e lunga vita all impegno assunto. Una volta soddisfatto questo principio, sarà opportuno considerare che le attività fisiche a medio impegno (riferito a un valore strettamente individuale) siano da preferire a quelle che sollecitano il sistema al massimo delle sue possibilità. Le attività fisiche continue a media intensità consentono di mantenere efficienti e di stimolare opportunamente i sistemi aerobici (consumo di O 2 ) e prevenire i disturbi a carico dell apparato cardiorespiratorio. Attività, Alimentazione, Ambiente sono tre A che possono incidere in misura importante sulla nostra vita. L ordine di importanza è affidata a scelte personali. A chiusura di questa sintetica presentazione, senza pretesa alcuna di essere stati esaurienti e completi, si propongono dieci regolette, suggerimenti che potrebbero tornare utili per orientare le scelte nelle fasi iniziali dell attività motoria e per mantenere lo stato di forma.

13 L attività motoria amatoriale consigli per tutti: 1 Prima di iniziare qualsiasi nuova attività fisica è bene sottoporsi a un controllo medico. Inizialmente è sufficiente la visita del medico di base per escludere la presenza di patologie che possano sconsigliare la pratica non agonistica. 2 Fatevi consigliare da persone qualificate. Nessun libro o rivista vi potrà mai dare le indicazioni personalizzate paragonabili a quelle di un esperto. 3 Per quanto possibile, cercate un contatto con la natura: immergetevi nel verde, evitando il traffico e le ciminiere delle fabbriche. E difficile, ma provateci. 4 Iniziate piano...in tutti sensi. Non abbiate fretta nel raggiungere i vostri obiettivi. Ci arriverete se sarete pazienti e costanti. Per mantenere un minimo di fitness sono necessari almeno tre allenamenti settimanali, per trenta-quaranta minuti. All inizio farete un po fatica a entrare in questa nuova dimensione e trovare i tempi giusti per lasciare i vostri vecchi impegni. Ben presto vi abituerete e tutto diventerà semplice e naturale. 6 Pianificate lo spazio per il vostro allenamento. Abbiate un intervallo specifico nella giornata da dedicare a voi stessi e allo sport. Se lo pensate come un momento irrinunciabile, sarà più facile trovare il tempo ed essere puntuali per l appuntamento con voi stessi. 7 Non rendete monotona la vostra attività. Nessuno sport è, per definizione, completo. Bisogna integrare i movimenti base della nostra disciplina con esercizi ausiliari, di rafforzamento generale, di flessibilità, di elasticità, di mobilità articolare in modo da evitare che lo sport diventi fonte di acciacchi e di infortuni. 8 Decidere di impegnarvi in modo metodico nell attività fisica, ha sempre il significato di porre attenzione su voi stessi, sul vostro aspetto, sulla vostra salute, sul vostro essere. Sarete più accorti al cibo, alle bevande, al riposo, allo stress, al fitness. È importante, però, che non diventi una mania. Ogni esagerazione è da condannare. Le diete drastiche, associate all attività sportiva, potrebbero sottrarvi energie preziose con gravi danni per la salute. 9 Lo sport è il migliore antistress. Non permettete che diventi, esso stesso, un ulteriore fonte di ansia. Non confrontate i risultati con quelli dei vostri amici. L unità di misura siete voi stessi. 10 Abbiate sempre in mente almeno un obiettivo, qualsiasi esso sia. Vi servirà per tenere viva l attenzione e non disperdervi in mille rivoli. Può essere semplice, come apprendere i primi rudimenti dello sport prescelto, oppure qualcosa di più ambizioso come partecipare al primo torneo ufficiale. Scrivete su un diario il vostro piano e sarà tutto più semplice.

14 14 C.O.N.I. Puglia. Approccio all Attività Sportiva - Istruzioni per l uso Età minima Sport di avvio Benefici Alcuni sport Alpinismo 6 Il contatto con la natura migliora la funzionalità degli organi ed Escursionismo di percezione, l'apparato respiratorio e cardiocircolatorio Arti Marziali 4 Migliorano la coordinazione, l'equilibrio, l'autocontrollo e l'accettazione del proprio schema corporeo Atletica Leggera 7 Favorisce lo sviluppo psicomotorio. Affina destrezza, forza, resistenza Badminton 8 Migliora la mobilità articolare Baseball 8 Migliora la velocità, la coordinazione generale ed oculo-motoria Bob e slittino 10 Affina il coraggio, la precisione, la destrezza Bocce 14 Affina il senso della destrezza Calcio 8 Migliora il coordinamento neuro-sensoriale e la resistenza Canoa e kayak 10 Migliora lo sviluppo degli organi superiori del corpo Canottaggio 10 Sviluppo armonico dei vari organi ideale sviluppo delle capacità aerobiche Ciclismo 6 Potenzia tutti gli apparati e migliora la resistenza Equitazione 8 Migliora il coordinamento neuro-muscolare e il rapporto col proprio io Ginnastica 4 Migliora il globale e segmentario coordinamento e la conoscenza del linguaggio del corpo. Stimola tutti gli apparati Golf 12 Migliora il tono muscolare, la circolazione a livello delle articolazioni Hockey e 5 Migliora la sensibilizzazione del sistema neuro-muscolare pattinaggio a rotelle e lo sviluppo armonico del corpo Lotta 8 Sviluppa la forza muscolare e la rapidità dei movimenti Motociclismo 14 Affina il coordinamento motorio Motonautica 16 Affina il coordinamento motorio Nuoto 4 Favorisce il completo sviluppo di tutti gli organi Pallacanestro 6 Potenzia lo sviluppo muscolare, la coordinazione neuro-sensoriale, la resistenza, la destrezza Pallamano 12 Potenzia lo sviluppo muscolare specie del distretto superiore Pallanuoto 10 Stimola tutti gli apparati Pallavolo 7 Migliora le capacità aerobiche e di resistenza nonché quelle anaerobiche e di elasticità muscolare Pugliato 14 Incrementa la forza, la resistenza ed il coordinamento Rugby 8 Rinforzo della personalità. Aumenta la forza muscolare, la resistenza e la destrezza Scherma 8 Migliora il coordinamento neuromuscolare e la destrezza Sci 6 Potenzia lo sviluppo della forza muscolare, il coordinamento neuro-motorio e stimola gli altri apparati Sollevamento pesi 12 Migliora la forza e la resistenza muscolare di arti e dorso Sport subacquei 14 Sviluppano l'autocontrollo e l'apparato respiratorio Tamburello 9 Migliora il coordinamento neurosensoriale Tennis 9 Potenziamento muscolare e dello sviluppo neuromotorio Tennis tavolo 6 Sviluppa il coordinamento neuro-sensoriale, i riflessi e l'agilità Tiro (a segno, con 10 Affina il coordinamento neurosensoriale (concentrazione) l'arco, a volo etc..) e la destrezza Tuffi 8 Potenziamento delle doti di equilibrio psico fisico ed il controllo neuromotorio dei movimenti Vela e windsurf 8 Potenziamento dell'autocontrollo, aumento della forza, della resistenza e della destrezza.amplia le funzioni degli organi di percezione

15 L attività motoria amatoriale 15 visti sotto il profilo sanitario Attenti a... Allergie alle piante ed ai fiori Eventuali contusioni Patologie muscolari da sovraccarico Sviluppo unilaterale muscolare "Dito da baseball" (rottura degli estensori delle dita della mano) Eventuali traumi. Discopatia Pubalgie. Eventuali lesioni muscolari Lombalgie Lombalgie. Infezioni dele vie aeree Traumatismi eventuali Sindrome degli adduttori. Lombosciatalgie Eventuali artropatie "da lavoro" Allergia. Infiammazione della articolazione del gomito Traumi eventuali Traumi contusivi e distorsivi accidentali Traumi, eventuali discopatie Traumi, eventuali discopatie Eventuali traumi Eventuali contusioni e distorsioni articolari Eventuali contusioni e distorsioni articolari Distorsioni articolari Lesioni alle mani e da trauma Eventuali traumi Eventuale accentuazione di scoliosi dorsolombare. Pubalgie Eventuali traumi distorsivi Eventuali deformazioni della colonna Euforia da immersione Sviluppo unilaterale muscolare Sviluppo unilaterale muscolare. "Gomito del tennista" Eventuali traumi Discopatia e patologie da trauma accidentale

16 PRINCIPI DI BASE DELLA NUTRIZIONE

17 Principi di base della nutrizione 17 organismo umano possiede una grandissima capacità di trarre energia dall ambiente esterno tramite l alimentazione. La macchina uomo è alimentata da una L miscela di carburanti (zuccheri, proteine, e grassi), che le permettono una possibilità praticamente infinita di rifornimento e le consentono così di introdurre l energia necessaria per tutte le attività fisiche. A qualsiasi livello l'attività venga praticata, il modo di alimentarsi risulta fondamentale per una buona riuscita della performance sportiva e soprattutto per garantire la salute. Cattive abitudini legate al cibo, una dieta monotona, una cultura alimentare insufficiente possono infatti non solo aumentare il rischio di sviluppare vari tipi di malattie ma anche, più in generale, portare ad una scarsa efficienza dell'organismo. Metabolismo energetico Tutti i cibi sono costituiti essenzialmente da tre grosse categorie di sostanze: zuccheri, proteine e grassi. Ognuna delle suddette sostanze possiede sempre lo stesso valore calorico. Vale a dire che per esempio uno zucchero, una volta introdotto nel nostro organismo, svilupperà sempre comunque circa 4 Kcal per grammo, una proteina circa 5 Kcal per grammo, mentre un grasso circa 9 Kcal per grammo. Anche quando riposiamo il nostro organismo ha bisogno di energia per compiere le funzioni corporee di base (il battito cardiaco, gli atti respiratori, il mantenimento della temperatura corporea, il tono muscolare a riposo etc.) ed è stato calcolato che per un individuo adulto di 35 anni di età, di 70Kg di peso, alto 175 cm è necessaria una quantità di energia di circa Kcal al giorno. Questa quantità di energia necessaria al mantenimento delle funzioni fisiologiche essenziali viene chiamata metabolismo basale. Ogni ulteriore attività fisiologica ed in particolare l attività fisica motoria avranno bisogno di un ulteriore quota energetica e dunque di un incremento di apporto calorico, cioè alimentare. Questa quota si chiamerà invece metabolismo energetico. La giusta quantità di calorie da introdurre nell organismo (cioè il nostro fabbisogno calorico ) dipende da alcuni parametri quali l età, il sesso, l attività svolta, l allenamento, il peso. Se noi dovessimo assumere con l alimentazione quote alimentari superiori al nostro fabbisogno calorico il nostro organismo accumulerebbe tali quote energetiche sotto forma di scorte di grasso, determinando un aumento di peso. Attualmente questo è divenuto un grave problema in quanto l offerta di

18 18 C.O.N.I. Puglia. Approccio all Attività Sportiva - Istruzioni per l uso cibo nella nostra società è cosi diffusa e capillare che si finisce quasi sempre ed inevitabilmente per assumere molto più cibo di quanto se ne abbia effettivamente bisogno, come dimostrato dall incremento di malattie date dall accumulo di grasso (obesità). Il peso corporeo è l elemento più attendibile per aiutarci a valutare se esiste un giusto equilibrio ed una adatta proporzione tra il cibo che introduciamo nel nostro organismo e il dispendio energetico. In scienza dell Alimentazione per questo viene utilizzato l indice di massa corporea (BMI) che indica il peso ideale dell individuo in relazione alla sua altezza e si ottiene dividendo il peso corporeo per il quadrato dell altezza (Kg/m2). La tabella che segue vi aiuterà ad individuare se il vostro attuale peso è proporzionato alle vostre caratteristiche. DEFINIZIONE OBESITÀ BMI (Kg/m2) Sottopeso < 18.5 Normale Soprappeso Obesità 1 grado grado Obesità estrema 3 grado 40.0 e oltre

19 Principi di base della nutrizione 19 Composizione della dieta equilibrata Stabilito che nella dieta devono essere previste tutte e tre le grandi categorie delle sostanze base degli alimenti, quale deve essere la proporzione tra di essi? A tutti noi sarà capitato almeno una volta nella vita di imbatterci nella cosiddetta Piramide degli Alimenti, nata in America negli anni 60. GRASSI, OLI E DOLCI LATTE, YOGURT E FORMAGGI CARNE, INSACCATi, PESCE, LEGUMI, UOVA E FRUTTA SECCA VERDURE FRUTTA PANE, CEREALI, RISO E PASTA Piramide degli Alimenti Nei fondamenti della corretta alimentazione abbiamo i cibi a base di carboidrati; al primo piano troviamo frutta e verdura, al secondo i cibi a base proteica e parzialmente grassa, infine all apice i condimenti e i dolci. La felice rappresentazione a forma di piramide rende immediatamente chiara l importanza della quantità delle singole categorie alimentari; ma se vogliamo dare delle proporzioni più precise circa la composizione di una dieta possiamo dire che, in generale, per essere equilibrata deve essere costituita da almeno il 60% di carboidrati; non più del 30% di grassi ed il restante 10% dalle proteine.

20 20 C.O.N.I. Puglia. Approccio all Attività Sportiva - Istruzioni per l uso Quando alimentarsi Appare scontato che qualsiasi attività fisica è meglio svolgerla lontano dai pasti principali in quanto i processi digestivi assorbono comunque energia e rappresentano un indubbio disagio per lo sportivo, ma sappiamo anche che esistono alcuni sport particolarmente impegnativi dal punto di vista energetico che prevedono secondo le attuali indicazioni la necessità di una assunzione di cibo durante la effettuazione della prestazione sportiva. I principi generali circa i tempi della assunzione del cibo sono dunque i seguenti: Tenere conto dell orario di svolgimento della prestazione (sia gara che allenamento) evitando l assunzione di cibo nelle due ore precedenti l inizio della stessa. Introdurre al termine dell attività svolta - di tipo agonistico - carboidrati di rapido assorbimento (zucchero, latte, miele frutta e ortaggi) per reintegrare le riserve energetiche dei muscoli. Quando bere Un soggetto normalmente a riposo ha bisogno di circa 2 litri di acqua al giorno che viene introdotta nel nostro organismo con bevande o attraverso il contenuto idrico dei cibi. Quando effettuiamo un esercizio fisico produciamo una notevole quantità di calore, la nostra temperatura corporea interna aumenta, e il nostro organismo per mantenerla costante smaltisce calore tramite la sudorazione, determinando una perdita notevole di liquidi. Queste perdite in corso di esercizio fisico possono essere elevate, anche a causa delle condizioni climatiche, e devono pertanto essere reintegrate assumendo piccole quantità di acqua nel corso di attività, soprattutto se queste sono prolungate nel tempo.

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SPORT. Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport

ALIMENTAZIONE E SPORT. Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport ALIMENTAZIONE E SPORT Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport Argomenti: 1) Il fabbisogno energetico 2) Gli alimenti 3) L acqua 4) Vitamine, sali minerali, integratori 5) La dieta dello sportivo

Dettagli

FABBISOGNO ENERGETICO E REGOLAZIONE DEL PESO CORPOREO

FABBISOGNO ENERGETICO E REGOLAZIONE DEL PESO CORPOREO SPECIALE: "ALIMENTAZIONE E SPORT" FABBISOGNO ENERGETICO E REGOLAZIONE DEL PESO CORPOREO Testo e disegni di Stelvio Beraldo - Fabbisogno energetico nello sportivo - La diminuzione del peso corporeo - L'aumento

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

Carboidrati circa 55-60% dell'introito calorico giornaliero

Carboidrati circa 55-60% dell'introito calorico giornaliero Qualunque cibo introdotto nel corpo umano viene trasformato, tramite reazioni chimiche, nei suoi costituenti elementari che sono proteine, lipidi, carboidrati, vitamine, minerali e acqua, perché è solo

Dettagli

CONTENUTI DELL'ATTIVITA' DI FORMAZIONE E DELLE COMPETIZIONI 6-8 ANNI

CONTENUTI DELL'ATTIVITA' DI FORMAZIONE E DELLE COMPETIZIONI 6-8 ANNI CONTENUTI DELL'ATTIVITA' DI FORMAZIONE E DELLE COMPETIZIONI 6-8 ANNI Esercizi formativi con carattere di gioco (correre, saltare, superare ostacoli, arrampicarsi, nuotare, ecc.) Giochi collettivi ( staffette

Dettagli

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Colora il quadratino posto accanto alle indicazioni corrette. Per mantenere il nostro sistema nervoso sano ed efficiente è opportuno... ALLA SALUTE respirare

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE BALLO LATINO AMERICANO CORSA NUOTO FOOTBALL MOUNTAIN BIKE TENNIS BICICLETTA SCIARE CAMMINARE VELOCE ATTIVITA LAVORATIVA 250 CALORIE

Dettagli

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori alimentari, nella vita quotidiana, sono prodotti specifici che favoriscono l'assunzione di sostanze quali macronutrienti (carboidrati e proteine)

Dettagli

CHE COSA SI INTENDE PER "ATTIVITÀ FISICA"?

CHE COSA SI INTENDE PER ATTIVITÀ FISICA? LA SALUTE La salute viene definita dall'o.m.s. come "uno stato di equilibrio bio-chimico, psico-fisico ed affettivo-relazionale". Quando tutte queste componenti sono in equilibrio, allora si può affermare

Dettagli

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA Questo opuscolo è stato creato per dare delle reali risposte ai tipici luoghi comuni riguardanti l' alimentazione e le possibili cause dell'

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLA SCHERMA Club Scherma Roma

ALIMENTAZIONE NELLA SCHERMA Club Scherma Roma ALIMENTAZIONE NELLA SCHERMA Club Scherma Roma I. Bonchi Dietista specializ. in nutrizione nello sport, gravidanza e allattamento I.bonchi@libero.it Con la collaborazione di Francesca Pascazio Nutrizione

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI

VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI Seregni Roberta (Roberta.seregni@libero.it), M Martinelli Il presente lavoro di ricerca si è

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

Come prepararsi alla maratona Consigli per le quattro settimane prima e dopo la gara

Come prepararsi alla maratona Consigli per le quattro settimane prima e dopo la gara Come prepararsi alla maratona Consigli per le quattro settimane prima e dopo la gara Ogni maratona è un avventura. Tuttavia, se si arriva preparati all appuntamento, l avventura si trasforma in un esperienza

Dettagli

UNITà 7 Alimentazione e salute

UNITà 7 Alimentazione e salute unità Alimentazione e salute I termini e i concetti fondamentali 1 l organismo e l energia Per stabilire i fabbisogni nutrizionali dell organismo umano, bisogna conoscerne la composizione chimica. L organismo

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

SUPPORTO NUTRIZIONALE ALLA PREPARAZIONE ATLETICA Silvia Pogliaghi

SUPPORTO NUTRIZIONALE ALLA PREPARAZIONE ATLETICA Silvia Pogliaghi Seminario sul tema: La Preparazione Fisica nel Rugby: Sport di Accelerazioni Ripetute Federazione Italiana Rugby Centro Studi FIR Lunedì 14 Gennaio 2008, ore 14.30 Facoltà di Scienze Motorie, Verona Università

Dettagli

L alimentazione e l allenamento del calciatore

L alimentazione e l allenamento del calciatore L alimentazione e l allenamento del calciatore 1. Come alimentarsi nel precampionato 2. Come alimentarsi durante il campionato 3. L alimentazione del giovane calciatore 4. Differenze tra calciatore professionista

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

Guadagnare Salute è un iniziativa del Ministero della Salute (DPCM 4 maggio 2007) Ministero della Salute

Guadagnare Salute è un iniziativa del Ministero della Salute (DPCM 4 maggio 2007) Ministero della Salute Guadagnare Salute è un iniziativa del Ministero della Salute (DPCM 4 maggio 2007) Ministero della Salute Per informazioni www.ministerosalute.it a cura del Ministero della Salute e di Publikompass Guadagnare

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione

Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione In collaborazione con il 2 Circolo Didattico Anno scolastico 2008 \ 2009 A cura del Prof. Piero Verdecchia Relazione IMC e Sport praticati. Anno

Dettagli

CONInforma Sport e corretti stili di vita

CONInforma Sport e corretti stili di vita Numero 2 del 17 febbraio 2014 A cura del Dott. Sergio Zita Responsabile sportello CONInforma ATTIVITA FISICA E SPORT IN ETA EVOLUTIVA L età di avviamento dei bambini alla pratica sportiva preoccupa non

Dettagli

SEZIONE PROVINCIALE DI CUNEO IL PIACERE DELLA SALUTE

SEZIONE PROVINCIALE DI CUNEO IL PIACERE DELLA SALUTE SEZIONE PROVINCIALE DI CUNEO IL PIACERE DELLA SALUTE BIBLIOGRAFIA Le informazioni contenute nell opuscolo sono state acquisite da: LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE www.mipaf.it (sito ufficiale del

Dettagli

UNITà 8 la dieta equilibrata

UNITà 8 la dieta equilibrata unità La dieta equilibrata I termini e i concetti fondamentali 1 dieta equilibrata e peso corporeo Una dieta equilibrata è data da comportamenti alimentari e da uno stile di vita tali da mantenere un buono

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Consigliere Nazionale SINSeB Docente Università di Camerino Stato nutrizionale Bilancio energetico

Dettagli

Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali.

Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali. Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali. Prima di affrontare un'attività sportiva, viene da chiedersi cosa e quanto è meglio mangiare. Ma quello che si può consumare

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica EVOLUZIONE ED OBESITA Dott.ssa D Angelo Angelica Definizione di obesità Per obesità si intende la presenza di un eccesso della massa corporea. Il grado di obesità si misura con l indice di massa corporea

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

COME PREPARARE I 10 KM SU STRADA IN 15 GIORNI

COME PREPARARE I 10 KM SU STRADA IN 15 GIORNI COME PREPARARE I 10 KM SU STRADA IN 15 GIORNI CONSIGLI DIETETICI E ALLENAMENTO PER OTTIMIZZARE LA PRESTAZIONE! Che siate atleti già di ottimo livello in cerca del massimo risultato oppure sedentari che

Dettagli

Domenica 12 ottobre ore 18.00, Sala Consiliare - Bagnoli I. (AV)

Domenica 12 ottobre ore 18.00, Sala Consiliare - Bagnoli I. (AV) Il circolo socio-culturale Palazzo Tenta 39 presenta la 9ª conferenza tematica: «Obesità: patologia in crescita nell età infantile» Domenica 12 ottobre ore 18.00, Sala Consiliare - Bagnoli I. (AV) Intervento

Dettagli

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Lega Friulana per il Cuore PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

Tabacco, alcool, droghe

Tabacco, alcool, droghe Tabacco e prestaziome Tabacco, alcool, droghe Essere in pieno possesso delle proprie capacità cardio respiratorie e muscolari è indispensabile per la pratica di uno sport, qualunque esso sia. Alcune sigarette

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ. con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana

IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ. con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana ATTIVITÀ SPORTIVA ENDURANCE ALIMENTAZIONE 2 1 ADEGUATO APPORTO DI TUTTI

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la Dott.ssa Ventriglia. Potrai ricevere una dieta personalizzata e bilanciata con i consigli per dimagrire

Dettagli

ALIMENTAZIONE E ATTIVITÀ FISICA

ALIMENTAZIONE E ATTIVITÀ FISICA ALIMENTAZIONE E ATTIVITÀ FISICA Nell uso comune si tende a utilizzare i termini sport e attività fisica come sinonimi, anche se dal punto di vista metabolico non sono la stessa cosa. Quindi, prima di parlare

Dettagli

Corsa cominciare è facile. Suggerimenti per partire con il piede giusto.

Corsa cominciare è facile. Suggerimenti per partire con il piede giusto. Corsa cominciare è facile. Suggerimenti per partire con il piede giusto. Per chi pratica già un attività fisica, ma anche per chi è determinato a cominciare, la corsa è la scelta più naturale. Prima di

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione ALIMENTAZIONE Appunti di lezione CORRETTA ALIMENTAZIONE Un adolescente (13-15 anni) Ha bisogno per crescere di: Energia e Nutrienti Ossia di alimentarsi, ma con misura nè troppo, ne troppo poco. Il termine

Dettagli

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE Per sentirsi bene e in salute è necessario non solo raggiungere un peso salutare ma è necessario fare anche dei cambiamenti nel proprio stile di vita e nel proprio modo

Dettagli

SPORT E CIBO SANO: COMBINAZIONE

SPORT E CIBO SANO: COMBINAZIONE con il patrocinio delministero della Salute SPORT E CIBO SANO: COMBINAZIONE V I N C E N T E GUIDA ALLA CORRETTA ALIMENTAZIONE PER CHI PRATICA SPORT Collana editoriale dedicata all alimentazione con il

Dettagli

1) Alimentazione allenamento: dieta da 2800-3400 calorie (atleta di 70 kg che si allena regolarmente).

1) Alimentazione allenamento: dieta da 2800-3400 calorie (atleta di 70 kg che si allena regolarmente). Alimentazione e Competizione 1) Alimentazione allenamento: dieta da 2800-3400 calorie (atleta di 70 kg che si allena regolarmente). 2) Alimentazione pre-gara Nelle discipline di lunga durata (> 60-90 minuti),

Dettagli

Aspetti pratici dell alimentazione del calciatore dilettante

Aspetti pratici dell alimentazione del calciatore dilettante AIAC Associazione Italiana Allenatori Calciatori Grosseto Aspetti pratici dell alimentazione del calciatore dilettante Dott. Marco Buccianti Dietista consulente settore giovanile FC Grosseto calcio 2006/2007

Dettagli

Questo opuscolo è rivolto a voi che con il vostro

Questo opuscolo è rivolto a voi che con il vostro Stralci da Cari Genitori 1990 Si ringraziano: Carlo Tranquilli, Vincenzo Prunelli, Barbara Benedetti, Federazione Giorgio Castelli, Associazione Alessandro Bini madvertising.it Cari Genitori... Questo

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

L'aspettativa di vita sana sta crollando in Italia Come invecchiare bene? Prevenzione e segreti

L'aspettativa di vita sana sta crollando in Italia Come invecchiare bene? Prevenzione e segreti Anziani f-+ m gamba L'aspettativa di vita sana sta crollando in Italia Come invecchiare bene? Prevenzione e segreti organizzata dalla Fondazione Veronesi nell 'ambito del programma "The Future qfscience

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Stili di vita. Indagine statistica sugli studenti dell istituto P. Scalcerle

Stili di vita. Indagine statistica sugli studenti dell istituto P. Scalcerle Stili di vita Indagine statistica sugli studenti dell istituto P. Scalcerle Classi 3 e sanitario A.s. 2014-2015 PRESENTAZIONE Nel corso dell anno scolastico 2014/2015, le classi 3 e dell istituto P. Scalcerle

Dettagli

Cibo,Corpo,Luogo, tra natura e cultura

Cibo,Corpo,Luogo, tra natura e cultura Progetto Pilota Oikos e Téchne 2011/2012 Cibo,Corpo,Luogo, tra natura e cultura Considerazioni sui risultati del sondaggio Abitudini alimentari e convivialità (campione di 662 studenti tra 14 e 19 anni)

Dettagli

Programmi d allenamento per la maratona (da Ryffel Running)

Programmi d allenamento per la maratona (da Ryffel Running) Programmi d allenamento per la maratona (da Ryffel Running) Quale regola di base vale: per essere tra i Finisher servono 3-4 allenamenti la settimana (4-6 ore), che corrispondono a 30-50 km. Chi vuole

Dettagli

Un efficace strumento di cura e prevenzione

Un efficace strumento di cura e prevenzione HK HealthKlab HealthKlab Health Klab, il Klab della salute, nasce con l'obiettivo di creare e mantenere salute. Sotto questo marchio operano il Servizio di Prevenzione e Attività Fisica dell'istituto di

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE LA COLAZIONE IDEALE Recenti statistiche attribuiscono ad una alimentazione scorretta la causa principale di diverse patologie nel mondo Noi siamo quello che mangiamo Alcuni fatti... L 86% dei decessi,

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica Tutti noi abbiamo dei periodi di stanchezza, solitamente transitoria, dovuti a cause conosciute come per esempio lo stress o il superlavoro, questa stanchezza

Dettagli

la digestione, l assorbimento, l alimentazione

la digestione, l assorbimento, l alimentazione la digestione, l assorbimento, l alimentazione 1 LA DIGESTIONE Digestione meccanica, il cibo è macinato, rimescolato e insalivato Digestione chimica, il cibo è scomposto in sostanze più semplici dall azione

Dettagli

Con noi arrivi PRIMO Nello Sport e nella Vita!

Con noi arrivi PRIMO Nello Sport e nella Vita! Opuscolo informativo per ottenere il benessere psicofisico degli sportivi, professionisti e amatoriali. Con noi arrivi PRIMO Nello Sport e nella Vita! Energy & Mental Coaching Nutrizione Sportiva Raggiungi

Dettagli

Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro.

Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro. Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro. Alcol e droghe sul lavoro Perché dire NO Non vogliamo vietare nulla Mettiamo le cose in chiaro: non

Dettagli

Ministero della Salute. La salute dell anziano. per la promozione e il mantenimento del benessere

Ministero della Salute. La salute dell anziano. per la promozione e il mantenimento del benessere Ministero della Salute La salute dell anziano Vademecum per la promozione e il mantenimento del benessere Care amiche e cari amici, questo piccolo opuscolo racchiude alcuni semplici ma importanti consigli

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA GOTTIN Maurizio - Responsabile SSD Medicina Sportiva ASL TO4 Referente

Dettagli

RESPIRARE BENE PER VIVERE SANI PROGETTO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE PER COMBATTERE IL FUMO E LE MALATTIE RESPIRATORIE

RESPIRARE BENE PER VIVERE SANI PROGETTO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE PER COMBATTERE IL FUMO E LE MALATTIE RESPIRATORIE RESPIRARE BENE PER VIVERE SANI PROGETTO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE PER COMBATTERE IL FUMO E LE MALATTIE RESPIRATORIE VINCENZO SCOLA MMG CENTRO DI MEDICINA GENERALE DANIELE GIRALDI BOVOLONE (VR) DANNI

Dettagli

RASSEGNA STAMPA: NUTRIZIONE E BENESSERE A cura di www.integratorinutrizionali.it - infoline: 347 3712411

RASSEGNA STAMPA: NUTRIZIONE E BENESSERE A cura di www.integratorinutrizionali.it - infoline: 347 3712411 NUTRIZIONE CELLULARE: QUELLO CHE IL TUO MEDICO DEVE SAPERE Parla il Dr. David B. Katzin, M.D., Ph.D. specialista in Scienza della Nutrizione, Fisiologia, Cardiovascolare e Medicina interna (...) Io sono

Dettagli

Preparazione fisica a cura del ComSubIn

Preparazione fisica a cura del ComSubIn Preparazione fisica a cura del ComSubIn PREMESSA Il seguente piano di allenamento è frutto dell'esperienza fatta dalla Scuola Incursori ed ha sempre dato buoni risultati. Esso è indirizzato agli individui,

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SPORT I nutrienti giusti nei tempi giusti e perché! CORTISOLO (Abstract della presentazione alla scuola di allenatori. Riccione 2010. Relatore Prof. Angelo Pulcini) ---------------------------------------------

Dettagli

IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA LEZIONE 16 IGIENE ALIMENTARE PER LO SPORTIVO

IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA LEZIONE 16 IGIENE ALIMENTARE PER LO SPORTIVO IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA LEZIONE 16 IGIENE ALIMENTARE PER LO SPORTIVO Nozioni generali Fin dai tempi dei primi giochi olimpici (776 a.c.) l alimentazione degli atleti era controllata al fine di ottimizzare

Dettagli

INVESTIRE IN SALUTE. Progetto: TU SEI NEL CUORE DI. AZIONE DI SENSIBILIZZAZIONE E DI PREVENZIONE DELLA SINDROME METABOLICA

INVESTIRE IN SALUTE. Progetto: TU SEI NEL CUORE DI. AZIONE DI SENSIBILIZZAZIONE E DI PREVENZIONE DELLA SINDROME METABOLICA ASSOCIAZIONE PRO SENECTUTE DI PEIA-ONLUS via Don Brozzoni n 32 24020 Peia (BG) cod. fiscale 90017120164 (Iscritta nel Registro Generale Regionale del Volontariato al n. 26038 dal 24.10.2000) e-mail prosenectute_peia@virgilio.it

Dettagli

Piramide alimentare svizzera. sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione

Piramide alimentare svizzera. sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung pag. 1 / 5 Società Svizzera di Nutrizione SSN, Ufficio federale della sanità pubblica UFSP / 2o11 Dolci, snack salati e alcolici In piccole quantità. Oli,

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

Due facce della medaglia dello Sport: alimentazione e doping

Due facce della medaglia dello Sport: alimentazione e doping BIELLA, 14 Marzo 2009 Hotel Agorà Via Lamarmora, n. 13 CONVEGNO NAZIONALE U.N.A.S.C.I. Due facce della medaglia dello Sport: alimentazione e doping Moderni orientamenti nell alimentazione dell atleta e

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Alimentazione e stato nutrizionale

Dettagli

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996 SCHEDA 4 Le Linee guida di Heidelberg per la promozione dell attività fisica per le persone anziane (The Heidelberg Guidelines for promoting physical activity among older persons) Quarto Congresso Internazionale

Dettagli

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro. ANUPSA VERONA «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.» Circolo Ufficiali di Castelvecchio 13 febbraio 2014 1 Dott.ssa F. Dopo gli

Dettagli

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano I prodotti più comunemente utilizzati per una colazione completa e varia sono: Bevande: caffè latte, tè, cioccolata calda, succhi e centrifugati

Dettagli

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole LA FENIL CHETO NURIA O PKU Malattie Rare Informazioni per le scuole LA FENILCHETONURIA LA FENILCHETONURIA O PKU E LA PIU FREQUENTE MALATTIA CONGENITA DEL METABOLISMO DELLE PROTEINE GLI ERRORI CONGENITI

Dettagli

Nel 1931 Otto Heinrich Warburg ha scoperto la causa primaria del cancro e ha vinto il Premio Nobel.

Nel 1931 Otto Heinrich Warburg ha scoperto la causa primaria del cancro e ha vinto il Premio Nobel. Nel 1931 Otto Heinrich Warburg ha scoperto la causa primaria del cancro e ha vinto il Premio Nobel. Una notizia che ha dell incredibile: la causa principale del cancro è stata ufficialmente scoperta decenni

Dettagli

PROGETTAZIONE GENERALE PRIMO BIENNIO SCIENZE MOTORIE

PROGETTAZIONE GENERALE PRIMO BIENNIO SCIENZE MOTORIE LICEO SCIENTIFICO LEONARDO DA VINCI GENOVA Programmazione di Scienze Motorie A.s. 2014-2015 PROGETTAZIONE GENERALE PRIMO BIENNIO SCIENZE MOTORIE ASSI CULTURALI E COMPETENZE, ASSE DEI LINGUAGGI LOGICO ARGOMENTATIVA

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti.

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. IL VIAGGIO DEL CIBO Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. Dalla bocca passano nello stomaco e da qui all intestino per poi venire

Dettagli