Politica economica: Lezione 16

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Politica economica: Lezione 16"

Transcript

1 Politica economica: Lezione 16 II canale: M - Z Crediti: 9 Corsi di laurea: Nuovo Ordinamento (DM. 270) Vecchio ordinamento (DM. 590) Politica Economica - Luca Salvatici 1

2 Tipi di beni Beni di ricerca (Search goods): Un consumatore può accertarne le caratteristiche prima dell acquisto. Esempi: Capi di vestiario, computer, mobili. Beni di esperienza (Experience goods): Alcune caratteristiche possono essere verificate soltanto dopo il consumo. Esempi: Vino, automobili, servizi bancari. Beni di reputazione (Credence goods): Alcune caratteristiche non possono essere verificate neanche dopo il consumo. Esempi: lavoro minorile, tecniche di raccolte, caratteristiche del processo produttivo 2

3 Beni esperienza Bene esperienza : i consumatori possono giudicarne il valore solo dopo averlo consumato Dilemma: come far pagare un prezzo dopo che si è sperimentato il prodotto? Soluzioni: prove (es. ascolto alla radio della musica, trailer di film) creazione di una reputazione (marchio) 3

4 Tipi di pubblicità Pubblicità informativa (Informational advertising): soprattutto per i beni di ricerca Dà notizia dell esistenza del prodotto, informa sulle sue caratteristiche (peso, dimensione, velocità) e condizioni di vendita (prezzo, finanziamenti, ecc.). Esempio: Cataloghi Ikea Pubblicità persuasiva (Persuasive advertising): soprattutto per i beni di esperienza Ha lo scopo di modificare le preferenze dei consumatori Esempi: il nostro prodotto è più buono 4

5 La pubblicità sulle caratteristiche del prodotto attenua la concorrenza di prezzo In generale, la pubblicità che informa sulle caratteristiche dei prodotti aumenta la differenziazione del prodotto e, di conseguenza, rende la concorrenza meno intensa La pubblicità può aumentare la differenziazione del prodotto informando i consumatori su caratteristiche oggettive del prodotto stesso, o può semplicemente creare una sensazione soggettiva di differenziazione. Nel secondo caso parliamo di differenziazione del prodotto spuria. Esempi: farmaci, sigarette, soft drinks. 5

6 Serve (veramente) la pubblicità? Molti messaggi pubblicitari forniscono poche informazioni dirette sul prodotto. Molti spot forniscono poche informazioni dirette sul bene (a parte quella relativa alla sua esistenza) e sembrano contenere esclusivamente questo messaggio: stiamo spendendo molti soldi per informarvi che stiamo facendo pubblicità. Tuttavia, questi spot non sono del tutto privi di contenuto informativo 6

7 La pubblicità come segnale di qualità 1 Il messaggio pubblicitario in questi casi può infatti segnalare che il prodotto è di alta qualità. Generalizzando, supponiamo che il tempo sia diviso in due periodi: presente e futuro, e che nel periodo presente vengano immesse sul mercato nuove varietà di un certo bene di esperienza. I consumatori sanno che i beni di ogni impresa sono di qualità diversa, ma non sanno esattamente quali beni siano di qualità alta e quali di qualità bassa. Ricapitolando: Soltanto un impresa produce il bene della qualità migliore, ma i consumatori non la conoscono a priori; Ai consumatori non piacciono i beni di qualità bassa; I consumatori effettuano acquisti ripetuti. 7

8 La pubblicità come segnale di qualità 2 Esiste un livello di spesa pubblicitaria tale per cui le imprese di bassa qualità non spenderanno in pubblicità, mentre quelle di alta qualità lo faranno. I consumatori, razionalmente, si aspettano che l impresa che spende in pubblicità è anche quella che produce il bene di qualità più alta. Dunque, esiste un equilibrio per il quale la pubblicità è un segnale perfetto di qualità alta. In questo caso, l impresa di qualità più alta produce il bene di qualità più alta e spende in pubblicità; ne conseguenza che tutti i consumatori vorranno il prodotto di quell impresa. 8

9 La pubblicità come segnale di qualità 3 In altri termini l impresa di qualità più alta ha un incentivo a investire (molto) in pubblicità: il motivo per il quale la willingness to pay rispetto alla pubblicità è alta per l impresa di qualità più alta e bassa per l impresa di qualità più bassa è che i consumatori tenderanno a riacquistare il bene di alta qualità ma non quelli a di bassa qualità Di conseguenza, il rendimento della pubblicità è maggiore per l impresa di qualità più alta. Conclusione: le spese in pubblicità possono servire per segnalare la qualità del prodotto. Nell esempio, le imprese lanciano il seguente messaggio: Dato che la nostra qualità è alta, possiamo permetterci di spendere tutti questi soldi in pubblicità: pertanto i consumatori, se sono razionali, dovrebbero credere che il nostro prodotto sia di alta qualità e acquistarlo. La loro esperienza dimostrerà come il prodotto sia effettivamente di alta qualità e, conseguentemente, essi lo compreranno ancora in futuro. 9

10 Asimmetrie informative Al momento della stipulazione di un contratto uno dei contraenti dispone di maggiori informazioni su di un elemento che influenza la profittabilità del contratto Uno dei contraenti dopo la stipulazione del contratto può modificare con il suo comportamento la profittabilità del contratto: le sue azioni non sono osservabili o non sono verificabili. 10

11 Natura dell asimmetria informativa Informazione nascosta (hidden information): indica la disparità di informazione fra le parti relativamente alle caratteristiche del bene o servizio o relativamente a fatti che influenzano le prestazioni. Azione nascosta (hidden action): indica la disparità di informazioni fra le parti relativamente alle prestazioni. 11

12 Tempi dell asimmetria informativa L accordo di scambio di beni o prestazioni di servizi fra due agenti economici si indica con il termine contratto. Il contratto specifica il prezzo e descrive il bene o la prestazione oggetto di scambio. L asimmetria informativa può verificarsi prima o dopo l accordo contrattuale. Selezione avversa (adverse selection) indica la situazione di informazione nascosta pre-contattuale. Moral hazard indica l asimmetria informativa postcontrattuale moral hazard con azione nascosta moral hazard con informazione nascosta 12

13 NATURA E TEMPI DELL ASIMMETRIA INFORMATIVA 13

14 Problema della selezione avversa I Esempio: mercato delle auto usate Due tipi di auto: perfetta e bidone Valore perfetta: Venditore 90 Acquirente 100 Valore bidone: Venditore 50 Acquirente 60 Ottimo paretiano se il tipo di auto è noto a tutti: le auto perfette vengono vendute a un prezzo compreso fra 90 e 100 i bidoni per un prezzo compreso fra 50 e

15 Problema della selezione avversa II Cosa accade se l acquirente non sa valutare il tipo di auto? Supponiamo che l acquirente assegni il 50% di probabilità al fatto che l auto sia perfetta e il 50% che sia un bidone L acquirente è ora disposto a pagare un prezzo non superiore a 0, ,5 100 = 80 15

16 Problema della selezione avversa III Conseguenza: nessun venditore porrà in vendita auto perfette (per lui valgono 90 mentre l acquirente è disposto a pagare solo 80) sul mercato restano solo i bidoni che saranno venduti ad un prezzo compreso fra 50 e 60 16

17 Risposte alla selezione avversa Vi possono essere: COMPORTAMENTI PRIVATI: la presenza di una garanzia o il valore della reputazione del venditore possono ridurre il problema della selezione avversa. INTERVENTI PUBBLICI: a tutela degli acquirenti possono essere introdotti standard qualitativi minimi garantiti dai venditori. 17

18 Strategie di utilizzo dell informazione Entrambi i partecipanti allo scambio possono cercare di ridurre gli effetti della selezione avversa mediante l utilizzo di informazione aggiunta. Selezione dell informazione (screening). L individuo meno informato segue una strategia di acquisizione di ulteriori informazioni. I metodi di raccolta delle informazioni devono essere valutati in termini di costi e benefici. Anche la metodologia di selezione può incidere sull efficacia della selezione stessa. Segnalazione (signaling). L individuo più informato comunica alla controparte informazioni rilevanti per lo scambio. Quando la segnalazione diventa una strategia credibile di comunicazione dell informazione fra le parti si parla di equilibrio con separazione. 18

19 A.I. POST-CONTRATTUALE: AZZARDO MORALE Stipulato il contratto, la parte cui è richiesta una prestazione può sfruttare opportunisticamente l asimmetria informativa relativa al fatto che la prestazione non è verificabile dalla controparte o quando ottiene informazioni aggiuntive che influiscono sulla prestazione stessa. Il comportamento di moral hazard crea una distorsione nel contratto e porta a una perdita di efficienza in termini di benessere sociale. 19

20 Problema dell azzardo morale I Esempio: affitto appartamento Il proprietario è disposto ad affittare a 100 se l appartamento sarà ben tenuto oppure a 200 se l appartamento sarà trascurato L affittuario è disposto a pagare fino a 150 per l appartamento e sopporta un costo di 20 per tenerlo in ordine 20

21 Problema dell azzardo morale II Ottimo paretiano Se fosse possibile inserire nel contratto una clausola che vincoli l affittuario a tenere in ordine l appartamento le parti si accorderebbero per un prezzo compreso fra 100 e 130 (che risulta da ). 21

22 Problema dell azzardo morale III Cosa accade se non è possibile controllare il comportamento dell affittuario? L affittuario dopo aver stipulato il contratto non terrà in ordine l appartamento (gli costa 20) Il proprietario prevede questo e richiede un canone di 200 L accordo non si realizza 22

23 Esempio: MERCATO ASSICURATIVO Il beneficio marginale delle attività precauzionali adottate contro il rischio d incendio (o il furto) diminuisce una volta stipulata l assicurazione. Contro questo comportamento opportunistico l assicurazione può introdurre delle clausole contrattuali che riducano gli incentivi a comportamenti negligenti. 23

24 Chi ha paura delle polizze rosa? html Politica Economica - Luca Salvatici 24

25 Il problema principale-agente Si presenta quando un individuo (il principale) può realizzare un obiettivo (o realizzarlo più facilmente) attraverso l intervento di un altro (l agente) È caratterizzato dalla presenza di informazione asimmetrica tra le parti Per risolverlo Il principale deve poter controllare la performance dell agente L agente deve avere l incentivo ad agire nell interesse del principale Politica Economica - Luca Salvatici 25

26 Modello di agenzia Il modello principale-agente (o modello di agenzia) è uno strumento analitico per analizzare dal punto di vista economico le relazioni contrattuali in presenza di asimmetria informativa. Un individuo (l agente) deve scegliere un azione fra diverse alternative. Quest azione influenza sia il proprio livello di benessere che quello della controparte (il principale). Il principale ha la possibilità di fissare le regole di ripartizione del risultato che deriva dall azione scelta dall agente. Diventa importante, allora, definire le regole di divisione del risultato fra principale e agente. Politica Economica - Luca Salvatici 26

27 Esempio Relazione fra proprietari dell impresa (azionisti) e amministratore delegato (top manager). La partecipazione al contratto deve risultare economicamente conveniente per l agente. Questa condizione si definisce vincolo di partecipazione. Occorre tener conto che le decisioni di gestione vengono prese dal manager e non dagli azionisti ma che comunque la scelta dell agente sarà quella che massimizza la sua utilità. Questa condizione viene definita vincolo di incentivazione. Il contratto di remunerazione proposto dal principale deve tener conto di questi due vincoli. Essi riassumono un trade-off fra assicurazione del rischio sostenuto dall agente e incentivazione d impegno. Politica Economica - Luca Salvatici 27

Le ragioni dell intervento pubblico

Le ragioni dell intervento pubblico Le ragioni dell intervento pubblico 1. COME VALUTARE GLI ESITI DEL MERCATO PRIVATO E DELL INTERVENTO PUBBLICO (L OTTIMO SOCIALE) 2. QUANDO IL MERCATO REALIZZA L OTTIMO SOCIALE 3. QUANTO IL MERCATO FALLISCE

Dettagli

Fallimenti del mercato

Fallimenti del mercato Fallimenti del mercato Il mercato fallisce quando non è in grado di raggiungere un ottimo socialmente soddisfacente in termini di efficienza ed equità Potere di mercato Esternalità Beni pubblici Asimmetria

Dettagli

Elementi di economia Economia dell informazione

Elementi di economia Economia dell informazione Elementi di economia Economia dell informazione Dott.ssa Michela Martinoia michela.martinoia@unimib.it Corso di laurea in Scienze del Turismo e Comunità Locale A.A. 2014/15 Informazione completa Significa

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 7: Informazione incompleta Francesca Severini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) f.severini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Economia dell Informazione. Cap. 12

Economia dell Informazione. Cap. 12 Economia dell Informazione Cap. 12 Informazione completa Significa che non esistono gap informativi rispetto a nessuna delle situazioni connesse agli scambi: sui beni disponibili, sui loro prezzi, sulla

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 5 Informazione, organizzazione e mercato Cap. 3. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Organizzazione aziendale Lezione 5 Informazione, organizzazione e mercato Cap. 3. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Organizzazione aziendale Lezione 5 Informazione, organizzazione e mercato Cap. 3 Ing. m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Informazioni visita IPZS 9.30 Appuntamento in via Salaria n. 712,

Dettagli

I COSTI DELL OPPORTUNISMO E I BENEFICI DELLA COOPERAZIONE

I COSTI DELL OPPORTUNISMO E I BENEFICI DELLA COOPERAZIONE Erasmo Santesso I COSTI DELL OPPORTUNISMO E I BENEFICI DELLA COOPERAZIONE Opportunismo Il governo dell impresa è imperniato: Nella definizione della strategia competitiva; Nella organizzazione dei contributi

Dettagli

Economia delle istituzioni Seconda settimana (5 febbraio 8 marzo 2007)

Economia delle istituzioni Seconda settimana (5 febbraio 8 marzo 2007) Economia delle istituzioni Seconda settimana (5 febbraio 8 marzo 2007) 1 Le asimmetrie informative Alcuni individui dispongono di informazioni private che altri non hanno Es: produttori/consumatori imprenditori/compagnia

Dettagli

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica Capitolo 34: Informazione Asimmetrica 34.1: Introduzione Fino ad ora abbiamo assunto che tutti gli agenti abbiano accesso alle stesse informazioni sul bene scambiato nel mercato. In questo capitolo studiamo

Dettagli

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007 Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani AA. 2006-2007 Problemi del Coordinamento 3 Coordinamento Un coordinamento consiste in accordo preventivo con il quale 2 o più attori uniscono i propri

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

Informazione asimmetrica

Informazione asimmetrica Informazione asimmetrica L informazione posseduta dalle due parti di una relazione economica può essere distribuita in maniera diversa: parliamo in questo caso di informazione asimmetrica. È possibile,

Dettagli

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala Kreps: "Microeconomia per manager" 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE Questa lezione fornisce la principale motivazione economica dell esistenza

Dettagli

D A D M D N D B. Quantità

D A D M D N D B. Quantità 4. Informazione asimmetrica (Adattato dal capitolo 8 di di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) L informazione posseduta da compratori e venditori

Dettagli

Lezione XIII: La pubblicità

Lezione XIII: La pubblicità Lezione XIII: La pubblicità Le spese per la pubblicità (per la promozione delle vendite) sono ingenti in molti settori (per esempio quello farmaceutico, o quello delle bevande analcoliche), e si configurano

Dettagli

1. I costi di transazione e la dimensione dell impresa

1. I costi di transazione e la dimensione dell impresa 1. I costi di transazione e la dimensione dell impresa L esecuzione delle operazioni necessarie all impresa per svolgere il suo compito, cioè combinare fattori di produzione per ottenere un profitto, richiede

Dettagli

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Economia Pubblica Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline I Richiami di Economia del Benessere Economia di mercato e Intervento pubblico

Dettagli

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta Monopolio L assenza di condizioni di concorrenza perfetta è causa di fallimento del mercato per la difficoltà delle parti a trovare un accordo potenzialmente vantaggioso p Condizione di max profitto del

Dettagli

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE Docente: Gatto Antonino Elaborazione: Dott.ssa Locantro Antonia Lucia I motivi dell intervento dello

Dettagli

D A D M D N D B. Quantità

D A D M D N D B. Quantità 4. Informazione asimmetrica (Adattato dal capitolo 8 di di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) L informazione posseduta da compratori e venditori

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 18: Informazione incompleta (moral hazard) David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Economia Pubblica Informazione incompleta e Azzardo morale

Economia Pubblica Informazione incompleta e Azzardo morale Economia Pubblica Informazione incompleta e Azzardo morale Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline Asimmetrie Informative Giochi

Dettagli

Moral hazard e incentivi

Moral hazard e incentivi Moral hazard e incentivi Da: Milgrom e Roberts Capitolo 6 1 Ricorda: Adverse selection. Informazione rilevante, acquisita prima o subito dopo l inizio della transazione, non viene trasmessa. Causa danno

Dettagli

ASIMMETRIA INFORMATIVA

ASIMMETRIA INFORMATIVA ASIMMETRIA INFORMATIVA Equilibrio domanda offerta Il prezzo e la quantità di mercato di un certo bene dipendono dall interazione fra domanda e offerta La domanda indica la disponibilità ad acquistare un

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative Capitolo 17 Mercati con asimmetrie informative Argomenti discussi Incertezza sulla qualità nel mercato dei bidoni Segnalazione Moral Hazard (azzardo morale) Micro F. Barigozzi 2 Perchè il mercato fallisce

Dettagli

Moral hazard e incentivi

Moral hazard e incentivi Moral hazard e incentivi Da: Milgrom e Roberts Capitolo 6 1 Ricorda: Adverse selection. Informazione rilevante, acquisita prima o subito dopo l inizio della transazione, non viene trasmessa. Causa danno

Dettagli

Rischio, assicurazione e asimmetrie informative

Rischio, assicurazione e asimmetrie informative Rischio, assicurazione e asimmetrie informative RISCHIO Nei mercati reali non c è perfetta certezza e informazione La presenza di rischio modifica le condizioni di scelta degli individui Si crea una divergenza

Dettagli

Fallimenti del mercato: Aspetti microeconomici

Fallimenti del mercato: Aspetti microeconomici Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Fallimenti del mercato: Aspetti microeconomici Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Fallimenti micro Fallimenti nel ottenere l efficienza

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 8: Informazione incompleta (moral hazard) Francesca Severini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) f.severini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

FALLIMENTI DEL MERCATO

FALLIMENTI DEL MERCATO FALLIMENTI DEL MERCATO L efficienza del Mercato Il benessere economico garantito dal Mercato è misurato in termini di efficienza paretiana. Secondo il primo teorema dell economia del benessere ogni EGC

Dettagli

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Introduzione - 1 Una delle idee più importanti della teoria economica è che i mercati sotto alcune condizioni- allocano i beni

Dettagli

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale;

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Introduzione all informazione asimmetrica Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Informazione imperfetta Virtualmente ogni transazione economica

Dettagli

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza ECONOMIA DELL INFORMAZIONE L informazione è un fattore importante nel processo decisionale di consumatori e imprese Nella realtà,

Dettagli

Economia dell'organizzazione. Capitolo 6 Moral Hazard e Incentivi. Ennio Bilancini. email: bilancini@unisi.it

Economia dell'organizzazione. Capitolo 6 Moral Hazard e Incentivi. Ennio Bilancini. email: bilancini@unisi.it Economia dell'organizzazione Capitolo 6 Moral Hazard e Incentivi Ennio Bilancini email: bilancini@unisi.it Sommario Il concetto di Moral Hazard (opportunismo post-contrattuale) Il modello principale-agente

Dettagli

Moral hazard e incentivi

Moral hazard e incentivi Moral hazard e incentivi Da: Milgrom e Roberts Capitolo 6 1 Ricorda: Adverse selection. Informazione rilevante, acquisita prima o subito dopo l inizio della transazione, non viene trasmessa. Causa danno

Dettagli

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA MICRECNMI CLE.. 003-004 ssistente alla didattica: Elena rgentesi ESERCITZINE 8: GICHI SEUENZILI, SIMMETRIE INFRMTIVE E ESTERNLIT Esercizio : Giochi sequenziali e minacce credibili Si consideri un mercato

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Allineamento degli incentivi. Prof. Ilaria Giannoccaro

Allineamento degli incentivi. Prof. Ilaria Giannoccaro Allineamento degli incentivi Prof. Ilaria Giannoccaro Il problema dell agenzia Nelle SC si configura un problema principaleagente Principale = SC nel suo complesso Agente = singolo attore della SC Disallineamento

Dettagli

Imprese e reti di imprese

Imprese e reti di imprese Imprese e reti di imprese 3. Asimmetrie informative e selezione avversa Giuseppe Vittucci Marzetti 1 Corso di laurea triennale in Scienze dell Organizzazione Facoltà di Sociologia Università degli Studi

Dettagli

Sociologia dell organizzazione Sociologia economica e dell organizzazione

Sociologia dell organizzazione Sociologia economica e dell organizzazione Corso di laurea SAM Corso di laurea ORU Sociologia dell organizzazione Sociologia economica e dell organizzazione Professor Lorenzo Bordogna Dipartimento di Studi del Lavoro e del Welfare Università degli

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 6 I fallimenti del mercato Cap. 2. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Organizzazione aziendale Lezione 6 I fallimenti del mercato Cap. 2. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Organizzazione aziendale Lezione 6 I fallimenti del mercato Cap. 2 Ing. m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Le cause delle distorsioni Concorrenza insufficiente Rendimenti crescenti di scala

Dettagli

Il razionamento del credito

Il razionamento del credito Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il razionamento del credito Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Razionamento del credito Razionamento

Dettagli

Essendo volontario, lo scambio avviene se almeno un certo numero di partecipanti ottiene un certo grado di soddisfazione.

Essendo volontario, lo scambio avviene se almeno un certo numero di partecipanti ottiene un certo grado di soddisfazione. Giuseppe Bertola Il mercato Il Mulino 2011 Cap.1 Gli ingredienti del mercato Lo scambio volontario tra persone è fonte di enormi benefici. Essendo volontario differisce nelle motivazioni dal furto e dal

Dettagli

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) Le asimmetrie informative Alberto Zanardi Carenze

Dettagli

004722 - Economia pubblica - II anno

004722 - Economia pubblica - II anno Corso di laurea di primo livello in Economia aziendale CLEA nuovo ordinamento 004722 - Economia pubblica - II anno 8 crediti, 60 ore insegnamento a.a. 2011-12 Stefano Toso e Alberto Zanardi Lezione 7 Carenze

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca I sistemi sanitari tra mercato e intervento pubblico Tutti i sistemi

Dettagli

Imprese e reti d impresa

Imprese e reti d impresa Imprese e reti d impresa 3. Asimmetrie informative e selezione avversa Giuseppe Vittucci Marzetti 1 Corso di laurea triennale in Scienze dell Organizzazione Facoltà di Sociologia Università degli Studi

Dettagli

Microeconomia Settima edizione

Microeconomia Settima edizione Robert S. Pindyck Daniel L. Rubinfeld Microeconomia Settima edizione Edizione italiana a cura di Emanuele Bacchiega Sommario breve PARTE I Introduzione: mercati e prezzi Capitolo 1 Concetti di base 3 Capitolo

Dettagli

Il razionamento del credito

Il razionamento del credito Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il razionamento del credito Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Razionamento del credito Razionamento

Dettagli

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria. Supponete che la funzione di utilità di un agente sia u x. La remunerazione è rappresentata da un prospetto incerto, che prevede un reddito di 800 nel

Dettagli

INFORMAZIONE ASIMMETRICA

INFORMAZIONE ASIMMETRICA INFORMAZIONE ASIMMETRICA Finora si sono viste situazioni nelle quali non c erano problemi di informazione. La qualità dei beni era nota sia ai produttori che ai consumatori. Questa assunzione va bene se

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Il problema dell investimento innovativo SCHEMA DELLA LEZIONE Cosa si intende per investimento

Dettagli

Esame di Politica Economica 1 appello Sessione Estiva A.A. 2009-2010

Esame di Politica Economica 1 appello Sessione Estiva A.A. 2009-2010 Esame di Politica Economica 1 appello Sessione Estiva A.A. 2009-2010 NOME E MATRICOLA: ISTRUZIONI: Utilizzate gli spazi indicati per le risposte Fogli addizionali possono essere consegnati solo con indicazione

Dettagli

Razionalità limitata e informazioni private

Razionalità limitata e informazioni private Razionalità limitata e informazioni private Milgrom e Roberts: Capitolo 5 1 L informazione è una risorsa fondamentale, per lo scambio e la pianificazione, ma costosa da raccogliere ed elaborare. Le comunicazioni

Dettagli

Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia

Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia Il ruolo delle banche nel sistema finanziario Nella realtà i mercati non sono perfettamente concorrenziali e non vale il teorema di Modigliani-Miller.

Dettagli

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale)

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio In Oligopolio le imprese possono produrre beni sostanzialmente omogenei, oppure differenziati (automobili, bibite, giornali)

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Stabilità di un accordo collusivo Fattori

Dettagli

L impresa. a) Cosa è un impresa? b) Comportamento. c) La diversità delle imprese. a1) confini dell impresa a2) contratti

L impresa. a) Cosa è un impresa? b) Comportamento. c) La diversità delle imprese. a1) confini dell impresa a2) contratti L impresa a) Cosa è un impresa? a1) confini dell impresa a2) contratti b) Comportamento c) La diversità delle imprese (a) Impresa e costi di transazione Contrapposizione impresa-mercato (Coase): se i mercati

Dettagli

1. Esternalità 2. Beni pubblici 3. Costi di transaz. e asimmetrie informative. B. Mercati non completi. 1. Equità dell equilibrio 2.

1. Esternalità 2. Beni pubblici 3. Costi di transaz. e asimmetrie informative. B. Mercati non completi. 1. Equità dell equilibrio 2. CAUSE DI FALLIMENTO DEL MERCATO 1. Scarsa numerosità degli operatori 2. Rendimenti di scala crescenti 3. Barriere o costi di entrata e uscita A. Mercati non concorrenziali 4. Presenza di accordi e intese

Dettagli

SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI

SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI Lo screening è un approccio per studiare i mercati caratterizzati da asimmetrie informative ed affrontare il problema connesso della selezione avversa Un applicazione interessante

Dettagli

NOME STUDENTE: @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@

NOME STUDENTE: @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ Universita' Politecnica delle Marche Corso di laurea di primo livello in Economia, Mercati e Gestione d'impresa Anno accademico 2008-2009 ESAME DI POLITICA ECONOMICA - Appello_3 [1] NOME STUDENTE: ******************************************************************************

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012 ESERCITAZIONE 1 Economia dell Informazione e dei Mercati Finanziari C.d.L. in Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari (8 C.F.U.) C.d.L. in Statistica per le decisioni finanziarie ed attuariali

Dettagli

Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere

Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere 1.1 Antonio (A) e Bice (B) consumano due beni, yogurt (y) e wafer (w). I due beni

Dettagli

Lezione 1. Dove eravamo rimasti Dove andremo Aspetti di teoria dell informazione e dell incertezza

Lezione 1. Dove eravamo rimasti Dove andremo Aspetti di teoria dell informazione e dell incertezza Lezione 1 Dove eravamo rimasti Dove andremo Aspetti di teoria dell informazione e dell incertezza Scopo delle lezioni di questo sottoperiodo è approfondire il ruolo di limiti informativi a livello macroeconomico

Dettagli

Gli strumenti di base della Finanza

Gli strumenti di base della Finanza 27 Gli strumenti di base della Finanza ECONOMIA FINANZIARIA L Economia Finanziaria studia le decisioni degli individui sulla allocazione delle risorse e la gestione del rischio VALORE ATTUALE Con il termine

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria. Corso di ECONOMIA INDUSTRIALE. Introduzione

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria. Corso di ECONOMIA INDUSTRIALE. Introduzione Corso di ECONOMIA INDUTRIALE roff Gianmaria Martini, Giuliano Masiero UNIVERITÀ DEGLI TUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria Lezione 13: Effetti della spesa pubblicitaria Ve 19 Nov 2004 Introduzione er

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

8. ESTERNALITÀ, BENI PUBBLICI, ASIMMETRIA INFORMATIVA

8. ESTERNALITÀ, BENI PUBBLICI, ASIMMETRIA INFORMATIVA 8. ESTERNALITÀ, BENI UBBLICI, ASIMMETRIA INFORMATIVA 8.1. Un fenomeno di esternalità positiva può essere segnalato, in equilibrio di concorrenza perfetta, dal fatto che 1) Il beneficio marginale sociale

Dettagli

Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa

Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline Un semplice mercato

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Introduzione Discriminazione di prezzo Tipologie di discriminazione Prezzi

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

CORSO DI ANALISI ECONOMICA DEL DIRITTO

CORSO DI ANALISI ECONOMICA DEL DIRITTO Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali CORSO DI ANALISI ECONOMICA DEL DIRITTO MATERIALI INTEGRATIVI (a cura del Docente) PARTE SECONDA: RESPONSABILITA CIVILE, CONTRATTI, IMPRESA, ILLECITI E CONTROVERSIE

Dettagli

Mercati assicurativi, Adverse selection e Moral hazard

Mercati assicurativi, Adverse selection e Moral hazard 5/0/05 Università degli Studi di Perugia Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e dell'amministrazione COOMIA FIAZA PUBBLICA nza Caruso Lezione n. 3 I fallimenti del mercato: lo Stato può

Dettagli

CAUSE DI FALLIMENTO DEL MERCATO

CAUSE DI FALLIMENTO DEL MERCATO CAUSE DI FALLIMENTO DEL MERCATO A. Mercati non concorrenziali 1. Scarsa numerosità degli operatori 2. Rendimenti di scala crescenti 3. Barriere o costi di entrata e uscita 4. Presenza di accordi e intese

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13 Domanda 1 (Problema 3. dal Cap. 11 del Libro di Testo) Curva di offerta degli stereo portatili

Dettagli

5.7. Assicurazione, selezione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione, selezione e equilibri di separazione. ELBORTO SULL BSE DEL PR ON LINE 5.7 DI NICIT-SCOPP, ECONOMI DEI CONTRTTI (versione CZ del 10.12.2012) 5.7. ssicurazione, selezione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività

Dettagli

IL RUOLO DELL INFORMAZIONE NELL EQUILIBRIO DI MERCATO

IL RUOLO DELL INFORMAZIONE NELL EQUILIBRIO DI MERCATO UNIVERSITÀ DELLA SVIZZERA ITALIANA FACOLTÀ DI SCIENZE ECONOMICHE IL RUOLO DELL INFORMAZIONE NELL EQUILIBRIO DI MERCATO Diego Medici Gli investitori e gli analisti in questi mesi non ritengono più sufficienti

Dettagli

Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani

Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università

Dettagli

II 2004 Q U A D E R N I C O N S I P

II 2004 Q U A D E R N I C O N S I P Q U A D E R N I C O N S I P Ricerche, analisi, prospettive II 2004 Meccanismi reputazionali e mercati elettronici: problematiche economiche e possibili soluzioni per il public procurement Ricerche, analisi,

Dettagli

Lezione 4: l'approccio economico tradizionale ai diritti di proprietà intellettuale. Il confronto tra gli incentivi in concorrenza e in monopolio.

Lezione 4: l'approccio economico tradizionale ai diritti di proprietà intellettuale. Il confronto tra gli incentivi in concorrenza e in monopolio. Lezione 4: l'approccio economico tradizionale ai diritti di proprietà intellettuale. Il confronto tra gli incentivi in concorrenza e in monopolio. 1) Approccio economico tradizionale alla questione della

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 2

Economia monetaria e creditizia. Slide 2 Economia monetaria e creditizia Slide 2 Le attività e i mercati finanziari Oltre alla moneta, un altra istituzione consente di ridurre i costi di transazione negli scambi: i mercati Si tratta dei contesti

Dettagli

Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato

Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato Sommario Mappa grafica dei contenuti proposti dalla scheda Abstract Obiettivi d apprendimento specifici alla scheda 1. Equilibrio di mercato 2.

Dettagli

La teoria dell offerta

La teoria dell offerta La teoria dell offerta Tecnologia e costi di produzione In questa lezione approfondiamo l analisi del comportamento delle imprese e quindi delle determinanti dell offerta. In particolare: è possibile individuare

Dettagli

Efficienza, carenze dei mercati e implicazioni per l intervento pubblico. (la prospettiva costruttivistica) (parte 2) Manuale 1: cap. 5 (par.

Efficienza, carenze dei mercati e implicazioni per l intervento pubblico. (la prospettiva costruttivistica) (parte 2) Manuale 1: cap. 5 (par. Efficienza, carenze dei mercati e implicazioni per l intervento pubblico (la prospettiva costruttivistica) (parte 2) Manuale 1: cap. 5 (par. 4) Le carenze informative Diverse tipologie di carenze informative

Dettagli

Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase

Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase COSA ABBIAMO IMPARATO FINORA (PARTE TERZA) Un economia perfettamente concorrenziale è in grado di raggiungere l ottimalità-paretiana (=una

Dettagli

Il Sistema Sanitario

Il Sistema Sanitario Anno Accademico 2008-2009 Struttura della lezione Introduzione L attivitá di regolazione svolta dall operatore pubblico La domanda di assicurazione L offerta di assicurazione I limiti del mercato assicurativo

Dettagli

Programma delle Lezioni

Programma delle Lezioni UniversitàdegliStudidi Bologna Facoltà di Scienze Politiche Corsodi Laureain ScienzePolitiche, Socialie Internazionali Microeconomia (A-E) Matteo Alvisi Parte 7 EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE E COMMERCIO

Dettagli

TECNICHE DI VENDITA. ESIGENZE GENERALI: diminuire lo sforzo impiegato nella vendita interpersonale e aumentare la propria capacità di persuasione.

TECNICHE DI VENDITA. ESIGENZE GENERALI: diminuire lo sforzo impiegato nella vendita interpersonale e aumentare la propria capacità di persuasione. TECNICHE DI VENDITA Essere in grado di affrontare con successo le diverse tipologie di clienti realizzando proficue vendite dipende, soprattutto, da come viene affrontato il colloquio interpersonale con

Dettagli

Assicurazione Auto. Diritti del consumatore. Campagna di informazione in tema di RC Auto e Conciliazione

Assicurazione Auto. Diritti del consumatore. Campagna di informazione in tema di RC Auto e Conciliazione Assicurazione Auto Diritti del consumatore Campagna di informazione in tema di RC Auto e Conciliazione GLOSSARIETTO ANIA: è l'associazione che rappresenta le imprese di assicurazione operanti in Italia.

Dettagli

Capitolo 3. La domanda e l'offerta

Capitolo 3. La domanda e l'offerta Capitolo 3 La domanda e l'offerta Domanda e offerta sono parte di un modello che punta a spiegare in che modo vengono determinati i prezzi in un sistema di mercato I mercati Un mercato è un gruppo di acquirenti

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 1 Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali

Dettagli

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata CAPITOLO 1 Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata Esercizio 1.1. Si consideri un mercato per un determinato bene. La curva di offerta delle imprese è Q S = 60 + p, quella di domanda dei consumatori

Dettagli

Il Marketing Concetti Introduttivi

Il Marketing Concetti Introduttivi Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del

Dettagli

Giochi e decisioni strategiche

Giochi e decisioni strategiche Teoria dei Giochi Giochi e decisioni strategiche Strategie dominanti L equilibrio di Nash rivisitato Giochi ripetuti Giochi sequenziali Minacce impegni e credibilità Deterrenza all entrata 1 Giochi e decisioni

Dettagli

Il Mercato del Farmaco: Potere di Mercato e Asimmetrie Informative. Cinzia Di Novi *

Il Mercato del Farmaco: Potere di Mercato e Asimmetrie Informative. Cinzia Di Novi * Il Mercato del Farmaco: Potere di Mercato e Asimmetrie Informative Cinzia Di Novi * L industria farmaceutica comprende research-based e generics-based companies. Mentre le prime investono in ricerca e

Dettagli