Selezione avversa, screening e segnalazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Selezione avversa, screening e segnalazione"

Transcript

1 Selezione avversa, screening e segnalazione

2 Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo soggetto, il principale, fa riferimento ad un altro soggetto: l agente, incaricandolo dello svolgimento di una certa attività o mansione

3 Selezione avversa I problemi di selezione avversa derivano dal fatto che, PRIMA dell inizio di una relazione contrattuale, l agente possiede migliori informazioni rispetto al principale sulle proprie caratteristiche, o sulla qualità del bene oggetto di scambio Esempi: i lavoratori conoscono le proprie capacità meglio dei datori di lavoro gli individui che stipulano un assicurazione dispongono di maggiori informazioni rispetto alle compagnie assicurative sul proprio stato di salute

4 Il principale ha difficoltà a individuare le effettive caratteristiche degli agenti, e queste caratteristiche influiscono sul benessere o sui profitti del principale

5 Selezione avversa Gli agenti possono essere classificati in TIPI a seconda delle caratteristiche possedute, e la classificazione va dal MIGLIORE al PEGGIORE dal punto di vista del principale L opportunismo dell agente si manifesta quando vuole rientrare nella categoria degli agenti migliori anche se non lo è Questo opportunismo, e la difficoltà del principale di acquisire informazioni, creano distorsioni nell economia e conducono a risultati inefficienti (fallimenti del mercato) Quando gli agenti sono eterogenei, il prezzo di scambio che si stabilisce determina la qualità degli agenti che partecipano al mercato Esempio: gli individui con bassa probabilità di subire un furto tendono a non assicurarsi se il premio richiesto dalla compagnia assicurativa è una media tra il premio dei soggetti ad alto e basso rischio

6 Vediamo le conseguenze derivanti dai fenomeni di selezione avversa per gli equilibri di mercato attraverso il modello di Akerlof (1970)

7 Selezione avversa e scomparsa del mercato: il modello di Akerlof Akerlof (1970) descrive una conseguenza particolarmente negativa della selezione avversa: la scomparsa del mercato Un esempio di selezione avversa con automobili di 2 qualità Hp: sul mercato esistono auto di 2 qualità: le macchine in buono stato, e i bidoni (lemons) Il valore attribuito dai potenziali acquirenti di auto buone è WTP= 8000 Il prezzo minimo al quale i venditori di auto buone sono disposti a venderle è 7200 Per le auto cattive: la WTP degli acquirenti è 4000, mentre i venditori sono disposti a cederle per un prezzo minino di 3600

8 Akerlof automobili di due qualità Si noti che se l informazione fosse perfetta, gli scambi sarebbero efficienti In presenza invece di informazione asimmetrica, i compratori non sono in grado di valutare la qualità Hp che sul mkt circoli il 50% di auto buone, e il 50% di lemons Hp che tutti gli agenti conoscano questa distribuzione di probabilità Il prezzo che si determina riflette il valore di queste probabilità: quindi il prezzo massimo che essi sono disposti a pagare è pari a: p c = 0,5 (8000) + 0,5 (4000) = 6000 Al prezzo di 6000, i venditori di auto buone non offrono auto perché p min = 7200 E QUINDI NESSUNA AUTO IN BUONO STATO SARA SCAMBIATA SUL MERCATO Alla fine di questo processo, rimangono in vendita solo le auto peggiori, e scompare il mercato delle auto di buona qualità

9 Akerlof: l assicurazione contro le malattie Supponiamo che le cure per una certa malattia comportino un costo di e che la compagnia offra la copertura di queste spese in cambio di un certo premio assicurativo Gli individui hanno diverse probabilità di ammalarsi e queste probabilità sono note ai soggetti stessi (es. dipendono da condizioni di vita o comportamenti) ma NON alla compagnia assicurativa che non riesce a distinguerli Hp: due tipi di individui, A e B Il tipo A ha una probabilità di ammalarsi del 2% Il tipo B ha una probabilità di ammalarsi del 6% Se i tipi A e B sono ugualmente rappresentati nella popolazione, il rischio medio di contrarre la malattia è 4% e quindi il premio sarebbe di 400 (il 4% di ) A quel prezzo, però, i tipi A, a basso rischio, non si assicurano perché il premio è eccessivamente costoso Questo processo potrebbe portare alla sparizione completa del mercato delle assicurazione per le persone con basso rischio

10 Razionamento del credito HP: esistono 2 tipi di imprese, con i rispettivi progetti da finanziare Tipo A: investimento = 100 ritorni = 120 prob prob. 05 Tipo B: investimento = 100 ritorni = 150 prob prob. 05 e (A)= e (B)= 15% Nei casi di successo la banca recupera la somma prestata e riscuote gli interessi Nei casi di insuccesso la banca si appropria del progetto e dei sui ricavi

11 Razionamento del credito Se il tasso di interesse r = 10% tutte le imprese si indebitano con la banca: Tipo A: si indebitano, dato sono comunque in grado di restituire il debito e fare profitti => e (A)= 5% Tipo B: si indibitano cmq. Infatti se il progetto ha successo restituiscono il debito e pagano l interesse; altrimenti il progetto fallisce e la banca si trattiene 80 di ritorni => e (B)= 20%

12 Razionamento del credito Immaginiamo che r = 20% Tipo A: si NON indebitano => e (A)= -5% Tipo B: si indibitano cmq. Infatti se il progetto ha successo restituiscono il debito e pagano l interesse; altrimenti il progetto fallisce e la banca si trattiene 80 di ritorni => e (B)= 15% All aumentare dei tasi di interesse i profitti attesi della banca si riducono

13 Fin ora abbiamo supposto che la qualità può assumere due valori, ad esempio la qualità delle automobili può essere buona o cattiva Supponiamo ora che la qualità può assumere un continuum di valori Vogliamo dimostrare come la valutazione della qualità da parte dei consumatori in presenza di asimmetria informativa dipende dal prezzo

14 La dipendenza della qualità dal prezzo Supponiamo che un certo bene sia disponibile in diversi livelli qualitativi La qualità s è una variabile continua distribuita uniformemente nell intervallo [0,s^] v s = valore attribuito al bene dal suo potenziale venditore c s = valore attribuito da un potenziale compratore le valutazioni di entrambi sono positivamente correlate alla qualità Si suppone inoltre c > v Problema: Asimmetria informativa Il venditore è perfettamente informato della qualità del bene venduto L acquirente non è in grado di osservare la qualità s al momento dell acquisto

15 Calcoliamo sotto quali condizioni avviene lo scambio in presenza di asimmetria informativa (cioè qual è la distanza tra la valutazione del venditore v e la valutazione del compratore c)

16 p = prezzo al quale avvengono gli scambi Il venditore trova vantaggioso lo scambio solo se p vs (se il prezzo che gli viene offerto e maggiore della valutazione che egli dà della merce in suo possesso) Ne deriva che il livello massimo di qualità che può essere scambiata al prezzo è s p/v (dato che il venditore vende al prezzo p merce che ha qualità pari, o inferiore a s)

17 l aspettativa del compratore circa la qualità è invece pari a s e = 1/2 (p/v) Dato che l acquirente è disposto ad acquistare solo se c s e > p sostituendo s e otteniamo che c > 2v cioè affinché la transazione abbia luogo è necessario che la valutazione del compratore sia almeno doppia rispetto a quella del venditore ( fallimento del mercato) NB: gli scambi sarebbero invece efficienti se c fosse di poco maggiore di v

18 Il funzionamento del mercato quando la qualità dipende dal prezzo Nei mercati con asimmetrie informative, il mancato funzionamento del mercato è da attribuire al fatto che la qualità è influenzata dal prezzo, cioè il prezzo non svolge solo la funzione di riequilibrio tra domanda e offerta, ma trasmette anche informazioni sulla qualità: a un prezzo più elevato corrisponde una qualità più elevata Formalmente: la domanda D è funzione del prezzo p e della qualità attesa s che a sua volta dipende dal prezzo D(p,s(p)) Per valutare l effetto del prezzo sulla domanda: dd D D s dp p s p Il primo termine a destra è negativo (normale effetto), gli altri due sono positivi Se l effetto di miglioramento della qualità prevale sull effetto diretto del prezzo, la curva di domanda (a tratti) può essere crescente il mercato non è in grado di funzionare in maniera efficiente

19 Le strategie di razionamento delle quantità Una strategia che limita gli effetti negativi della selezione avversa è il razionamento della quantità (gli scambi sono inferiori a quelli potenziali): Esempio: mercato del lavoro I lavoratori sono eterogenei per capacità, conoscenze, attitudini hanno diversi livelli di produttività Hp che l impresa è in grado di apprendere la produttività del lavoro solo dopo che quest ultimo è occupato presso l impresa per un certo periodo di tempo Hp inoltre che il salario di riserva, cioè il salario minimo che i lavoratori sono disposti a accettare, è correlato positivamente con le loro abilità (lavoratori con abilità elevate cercano impieghi remunerativi ecc)

20 Esempio: mercato del lavoro Ne deriva che ad ogni livello salariale offerto dall impresa, si candidano a lavorare presso di essa solo coloro che hanno un salario di riserva uguale o inferiore al salario offerto All aumentare del salario, i lavoratori più abili rinunciano alle occupazioni alternative e sono attratti presso l impresa Il salario che massimizza i dell impresa, che quindi tiene conto degli effetti sulla qualità dei lavoratori assunti, è il SALARIO DI EFFICIENZA Con i salari elevati, l impresa non è sicura che attirerà solo lavoratori abili, ma aumenta comunque la probabilità che dal gruppo dei lavoratori che si presentano, siano selezionati i lavoratori con elevate capacità

21 L obiettivo delle strategie di razionamento della quantità è limitare gli effetti negativi del prezzo sulla qualità I meccanismi che hanno come obiettivo l acquisizione di informazioni sugli agenti sono i meccanismi di screening

22 La scomparsa del mercato vista fin ora non considera che il principale possa acquisire informazioni prima della stipula del contratto Ci sono infatti meccanismi che consentono di ottenere informazioni rilevanti ( si raggiunge comunque un second best) Una strategia è quella di acquisire direttamente informazioni sull agente Esempi: nel mercato del lavoro tramite colloqui; i compratori di auto usate possono richiedere il parere di un esperto, ecc.. ma tutto ciò ha un costo e l informazione asimmetrica viene ridotta, non eliminata

23 Se le relazioni economiche sono ripetute nel tempo, allora c è la reputazione che consente di ridurre l asimmetria informativa gli agenti con caratteristiche migliori godono di buona reputazione e sono selezionati come tali gli agenti con caratteristiche peggiori hanno una cattiva reputazione e vengono considerati come tali Quindi la reputazione può superare i problemi di selezione avversa

24 I meccanismi di screening come soluzione contrattuale Che succede se le relazioni non sono ripetute nel tempo? L attività del principale diretta a acquisire informazioni per distinguere gli agenti è detta SCREENING (selezione): l operatore non informato induce negli operatori informati comportamenti tali da rivelare l effettiva qualità di questi ultimi Come? Attraverso la definizione di un menù di contratti DIVERSI da offrire agli agenti, il principale ha l obiettivo di individuare il tipo di agente sulla base della scelta del contratto fatta dall agente stesso (l agente si autoseleziona) le condizioni contrattuali portano l agente a svelare le informazioni in suo possesso

25 Screening e modello di agenzia Determiniamo il contratto ottimale in presenza di asimmetria informativa attraverso lo schema principale agente Sequenza temporale che caratterizza la selezione avversa con screening: 1. Le caratteristiche dell agente sono note all agente stesso 2. Il principale progetta un menu di contratti e lo propone all agente 3. L agente decide se accettare o rifiutare il contratto 4. L agente effettua una scelta osservabile dal menu dei contratti 5. Si realizza un evento casuale 6. Si osservano i risultati e ognuno riceve i rispettivi payoff

26 Screening e modello di agenzia L obiettivo del principale è la massimizzazione del profitto che deriva dal contratto proposto all agente I contratti devono rispettare 2 vincoli: 1) Vincoli di partecipazione: ciascun agente deve trovare conveniente accettare il contratto (u a u) 2) Vincoli di autoselezione: per ciascun agente, l utilità che deriva da quel contratto particolare deve essere maggiore dell utilità che deriva da un contratto disegnato per un altro tipo

27 Poiché nella pratica è costoso per il principale offrire un menù di contratti, il principale potrebbe scegliere di applicare le stesse condizioni contrattuali a tutti gli agenti otteniamo 2 diverse configurazioni di equilibrio 1. Equilibrio di separazione: quando c è un menu di contratti e i vincoli di autoselezione sono soddisfatti con disuguaglianza stretta 2. Equilibrio di aggregazione: il principale offre lo stesso contratto a tutti i tipi di agenti e i vincoli di autoselezione valgono con segno di uguaglianza

28 Lo screening è l attività intrapresa dal principale diretta ad acquisire informazioni per tentare di distinguere gli agenti e ridurre l asimmetria informativa pre-contrattuale Oltre all incentivo del principale non informato ad acquisire informazioni, esiste anche l incentivo dell agente di buona qualità a farsi riconoscere come tale dal mercato Ad esempio, il possessore di un automobile in buono stato ha convenienza a comunicare in qualche modo al mercato la qualità del bene che egli intende vendere

29 Segnalazione La segnalazione è un attività costosa intrapresa dall agente (non più dal principale), al fine di trasmettere le informazioni al principale, attraverso SEGNALI Quando c è asimmetria informativa pre-contrattuale, gli agenti con le caratteristiche migliori hanno interesse a segnalarsi al principale l obiettivo quindi è quello di identificare una caratteristica osservabile (il segnale) che permetta di inferire una caratteristica non osservabile

30 Esempi di segnalazione Mercato dei beni esperienza (beni valutabili attraverso il consumo): I produttori dei beni migliori hanno interesse a segnalarne la qualità offrendo agli acquirenti una garanzia di rimborso completo, o di sostituzione, in casi di cattivo funzionamento o se il prodotto non soddisfa il consumatore La garanzia è un meccanismo di segnalazione efficace costoso per i produttori di beni di bassa qualità Spese in pubblicità Solo un impresa che produce prodotti di buona qualità è in grado di recuperare le spese ingenti in pubblicità, attraverso gli acquisti ripetuti dei consumatori

31 Segnalazione Condizioni importanti affinché il segnale sia efficace per risolvere il problema della selezione avversa: 1. osservabile dal principale (e ben interpretato dal principale) 2. costoso per gli agenti con basso profilo Quindi il segnale deve essere usato solo da coloro che effettivamente possiedono la caratteristica non osservabile considerata Affinché ciò avvenga, il costo per i due gruppi (due tipi di agenti) deve essere differente

32 Esempio che rispetta le due condizioni Immaginiamo che un impresa intenda coprire un certo numero di posti vacanti ma non è in grado di identificare a priori gli aspiranti lavoratori di buona qualità, cioè quelli la cui produttività e il cui impegno sul lavoro sono più elevati Il segnale deve consentire di capire se Il lavoratore è ad alta produttività Il lavoratore è a bassa produttività Quale può essere un segnale?

33 l istruzione: 1. è osservabile dal principale 2. Studiare è costoso, nel senso che da un lato richiede un certo impegno, dall altro la rinuncia al guadagno che si potrebbe trarre accettando un impiego al termine della scuola obbligatoria

34 L investimento in istruzione come segnale di abilità il modello di Spence (1973) Nel mercato del lavoro le imprese non sono generalmente in grado di appurare ex ante le abilità e la produttività di un lavoratore I lavoratori più abili hanno l incentivo ad intraprendere delle strategie al fine di segnalare alle imprese le loro maggiori capacità Nel modello di Spence si considera la possibilità che come segnale gli individui con maggiori abilità acquisiscano un certo livello di istruzione, certificato da un titolo di studio facilmente osservabile dalle imprese Facciamo un esempio numerico

35 Il modello di Spence Esistono due gruppi di lavoratori: o i lavoratori del tipo I caratterizzati da una produttività pari a 1 o i lavoratori del tipo II caratterizzati da una produttività pari a 2 L impresa sa a priori che i lavoratori di tipo I costituiscono una frazione q del totale e che quindi quelli del tipo II una frazione (1-q) Indichiamo con y la lunghezza del periodo di tempo dedicato all istruzione da parte dei lavoratori Esiste una correlazione tra le produttività di ciascun individuo e l onere sopportato per l acquisizione dell istruzione: C I = y (costo del tipo I per raggiungere un istruzione y) C II = y/2 (costo sopportato dai lavoratori del tipo II)

36 Immaginiamo che esista un livello di istruzione y*, che sia in grado di fungere da segnale di elevata produttività, tale per cui ai lavoratori con un istruzione maggiore di y* viene riconosciuto un salario w 2 =2 (uguale alla produttività dei lavoratori più efficienti), pari a 2 al doppio di quello dato dei lavoratori meno efficienti Il livello y* costituisce un equilibrio con segnale se, sulla base di una valutazione dei benefici (maggior salario) e dei costi associati al raggiungimento di un livello y*, i lavoratori più produttivi decidono spontaneamente di acquisirlo, i meno produttivi di non acquisirlo Verifichiamo quali condizioni devono essere soddisfatte affinchè y* costituisca un equilibrio con segnale

37 1. I lavoratori di tipo II scelgono di acquisire un livello di istruzione y* se il beneficio (essere, in base al segnale, considerati ad alta produttività e quindi remunerati con maggior salario) è maggiore del costo di acquisizione di y*: benefici w 2 w 1 y * /2 costi C II ossia 1 y * /2 da cui y* 2

38 2. Parallelamente, i lavoratori di tipo I rinunciano ad acquisire y* se w 2 w 1 y* ossia 1 y* (cioè y* 1) Combinando le due condizioni otteniamo la seguente condizione 1 y* 2 Quindi se y* è compreso tra 1 e 2, sul mercato si realizza un equilibrio con segnale Un titolo di studio che ad esempio prevede almeno 1 anno di studi è troppo costoso da conseguire per gli individui meno abili, mentre è conveniente per i lavoratori più abili che così facendo possono ottenere un salario più alto

39 Le proprietà degli equilibri con segnale Nel modello di Spence l impresa discrimina il mercato, opera cioè uno screening, imponendo un valore soglia a un particolare segnale y* I lavoratori si auto-selezionano tra buoni e cattivi e questa autoselezione si manifesta nella scelta di emettere o meno il segnale richiesto dall impresa (segnalazione) 1. Nell analizzare le proprietà di un equilibrio con segnale, il primo aspetto da sottolineare è che tale equilibrio non discende necessariamente da una procedura di ottimizzazione Dire cioè che y* è un equilibrio con segnale non significa affatto sostenere che y* è la strategia ottimale dell impresa Stiamo solo affermando che il segnale y* è in grado di discriminare il mercato

40 Le proprietà degli equilibri con segnale 2. Un secondo aspetto riguarda l ottimalità sociale degli equilibri con segnale Una volta che il segnale sia stato definito dall impresa, ciascun lavoratore sceglie razionalmente (cioè massimizzando tra ricavi e costi) se acquisire o meno il segnale Individualmente la scelta di ciascun lavoratore è quella ottimale ma dal punto di vista complessivo l equilibrio con segnale non è ottimale

41 Screening e Segnalazione Quali sono gli strumenti per risolvere i problemi di selezione avversa? 1. Screening (selezione): Il principale può estrarre le informazioni in possesso degli agenti attraverso la predisposizione di termini contrattuali che inducono gli agenti a rivelare le informazioni in loro possesso, così da poter separare gli agenti e trattarli diversamente 2. Segnalazione La rivelazione delle informazioni private è interesse solo degli agenti migliori, perché sono quelli danneggiati dagli altri agenti peggiori Gli agenti migliori hanno convenienza a segnalare in maniera credibile al principale le proprie caratteristiche e ottenere contratti migliori

42 Le attività di screening e segnalazione riducono PARZIALMENTE le asimmetrie informative e aiutano le parti a superare il problema dell opportunismo pre-contrattuale

43 Interventi pubblici come rimedio alla selezione avversa In presenza di asimmetrie informative, l intervento dello Stato attraverso la regolazione può aumentare il benessere sociale Forme di intervento pubblico: 1. La responsabilità del produttore lo Stato impone al produttore di farsi carico di eventuali danni causati ai consumatori da prodotti di cattiva qualità le imprese sono obbligate a rivelare tutte le informazioni in loro possesso

44 Interventi pubblici come rimedio alla selezione avversa 2. Standard qualitativi e licenze Le imprese sono obbligate a rispettare standard qualitativi minimi (di qualità) e norme di sicurezza 3. Politiche di diffusione delle informazioni Lo Stato può rendere più agevole l acquisizione di informazioni sulla qualità dei beni

45 Ricapitolando Azzardo morale, selezione avversa, attività di screening e segnalazione sono termini usati per descrivere il funzionamento di mercati in cui si verificano asimmetrie informative Gli aspetti generali che descrivono i principali effetti delle imperfezioni informative possono essere sintetizzati come segue: 1. In presenza di asimmetria informativa, l equilibrio può non esistere. l esistenza dell equilibrio dipende in modo cruciale dal peso relativo della buona e della cattiva qualità presenti nel mercato 2. Se l equilibrio esiste, esso è generalmente inefficiente rispetto a quello teoricamente possibile sotto l ipotesi di piena informazione In generale infatti gli operatori di cattiva qualità esercitano un esternalità negativa su quelli di buona qualità

46 3. L inefficienza degli equilibri implica, per definizione, l esistenza di costi che devono essere sopportati anche nel caso in cui il mercato riesce a trasmettere l informazione rilevante Infatti i tentativi degli agenti in questo senso (segnalazione ecc) distorcono comunque l allocazione delle risorse 4. Un frequente effetto della presenza di asimmetrie informative è l esistenza di equilibri con razionamento, ossia caratterizzati da sottoutilizzazione delle risorse disponibili (gli scambi risultano inferiori a quelli potenziali)

Corso di Economia Applicata

Corso di Economia Applicata Corso di Economia Applicata a.a. 2007-08 II modulo 12 Lezione Asimmetrie informative e Adverse Selection Soluzioni per l Adverse Selection? selezione (screening ) segnalazione razionamento le soluzioni

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 7: Informazione incompleta Francesca Severini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) f.severini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

Selezione avversa. Informazione nascosta; Possibili conseguenze: Possibili rimedi: distruzione dei mercati; razionamento;

Selezione avversa. Informazione nascosta; Possibili conseguenze: Possibili rimedi: distruzione dei mercati; razionamento; Selezione avversa Informazione nascosta; Possibili conseguenze: distruzione dei mercati; razionamento; Possibili rimedi: Screening Signaling; Costi; Equilibri (pooling and screening) Selezione avversa

Dettagli

di informazione asimmetrica:

di informazione asimmetrica: Informazione asimmetrica In tutti i modelli che abbiamo considerato finora abbiamo assunto (implicitamente) che tutti gli agenti condividessero la stessa informazione (completa o incompleta) a proposito

Dettagli

Industrial organization e teoria dei giochi (II modulo) [Contratti, incentivi, impresa]

Industrial organization e teoria dei giochi (II modulo) [Contratti, incentivi, impresa] Industrial organization e teoria dei giochi (II modulo) [Contratti, incentivi, impresa] Lezion4 - Selezione avversa, screening e segnalazione Asimmetrie informative pre-contrattuali e selezione avversa

Dettagli

Informazione e mercati competitivi. Lezione 29. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica.

Informazione e mercati competitivi. Lezione 29. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Lezione 9 Informazione Asimmetrica Informazione e mercati competitivi Mercati perfettamente competitivi: tutti gli agenti sono pienamente informati circa i beni scambiati e sul funzionamento del mercato.

Dettagli

Dispensa 4. June 11, 2009

Dispensa 4. June 11, 2009 Dispensa 4 June 11, 2009 1 Il mercato dei bidoni Il problema della selezione avversa è dovuto al fatto che l agente detiene informazioni private (delle quali il principale non è a conoscenza) prima della

Dettagli

L INFORMAZIONE ASIMMETRICA

L INFORMAZIONE ASIMMETRICA Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2011/2012 L INFORMAZIONE ASIMMETRICA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale;

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Introduzione all informazione asimmetrica Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Informazione imperfetta Virtualmente ogni transazione economica

Dettagli

Politica economica: Lezione 16

Politica economica: Lezione 16 Politica economica: Lezione 16 II canale: M - Z Crediti: 9 Corsi di laurea: Nuovo Ordinamento (DM. 270) Vecchio ordinamento (DM. 590) Politica Economica - Luca Salvatici 1 Tipi di beni Beni di ricerca

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

INFORMAZIONE ASIMMETRICA

INFORMAZIONE ASIMMETRICA Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2010/2011 INFORMAZIONE ASIMMETRICA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative Capitolo 17 Mercati con asimmetrie informative Argomenti discussi Incertezza sulla qualità nel mercato dei bidoni Segnalazione Moral Hazard (azzardo morale) Micro F. Barigozzi 2 Perchè il mercato fallisce

Dettagli

Fallimenti del mercato

Fallimenti del mercato Fallimenti del mercato Il mercato fallisce quando non è in grado di raggiungere un ottimo socialmente soddisfacente in termini di efficienza ed equità Potere di mercato Esternalità Beni pubblici Asimmetria

Dettagli

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione. ELORTO DL PR ON LINE DI ECONOMI DEI CONTRTTI 5.7. ssicurazione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività di screening di una compagnia assicurativa (per definizione neutrale

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI

SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI Lo screening è un approccio per studiare i mercati caratterizzati da asimmetrie informative ed affrontare il problema connesso della selezione avversa Un applicazione interessante

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 6 I fallimenti del mercato Cap. 2. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Organizzazione aziendale Lezione 6 I fallimenti del mercato Cap. 2. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Organizzazione aziendale Lezione 6 I fallimenti del mercato Cap. 2 Ing. m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Le cause delle distorsioni Concorrenza insufficiente Rendimenti crescenti di scala

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza ECONOMIA DELL INFORMAZIONE L informazione è un fattore importante nel processo decisionale di consumatori e imprese Nella realtà,

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 6-7 Il capitale umano - La teoria dei segnali 1 Hip. base del modello di istruzione (teoria del capitale umano): istruzione => ( produttività del lavoratore) => w. Ragionamento

Dettagli

Edited by Foxit PDF Editor Copyright (c) by Foxit Software Company, 2004 For Evaluation Only.

Edited by Foxit PDF Editor Copyright (c) by Foxit Software Company, 2004 For Evaluation Only. In un mercato del lavoro competitivo esistono due tipi di lavoratori, quelli con alta produttività L A, che producono per 30 $ l'ora, e quelli con bassa produttività, L B, che producono per 5 $ l'ora.

Dettagli

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE Docente: Gatto Antonino Elaborazione: Dott.ssa Locantro Antonia Lucia I motivi dell intervento dello

Dettagli

L azzardo morale e il modello principale-agente

L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il problema principale agente Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate

Dettagli

Elementi di economia Economia dell informazione

Elementi di economia Economia dell informazione Elementi di economia Economia dell informazione Dott.ssa Michela Martinoia michela.martinoia@unimib.it Corso di laurea in Scienze del Turismo e Comunità Locale A.A. 2014/15 Informazione completa Significa

Dettagli

Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa

Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Outline Equilibrio di Nash

Dettagli

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Economia Pubblica Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline I Richiami di Economia del Benessere Economia di mercato e Intervento pubblico

Dettagli

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007 Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani AA. 2006-2007 Problemi del Coordinamento 3 Coordinamento Un coordinamento consiste in accordo preventivo con il quale 2 o più attori uniscono i propri

Dettagli

Le ragioni dell intervento pubblico

Le ragioni dell intervento pubblico Le ragioni dell intervento pubblico 1. COME VALUTARE GLI ESITI DEL MERCATO PRIVATO E DELL INTERVENTO PUBBLICO (L OTTIMO SOCIALE) 2. QUANDO IL MERCATO REALIZZA L OTTIMO SOCIALE 3. QUANTO IL MERCATO FALLISCE

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012 ESERCITAZIONE 1 Economia dell Informazione e dei Mercati Finanziari C.d.L. in Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari (8 C.F.U.) C.d.L. in Statistica per le decisioni finanziarie ed attuariali

Dettagli

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico?

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? Davide Natale Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? 1) Perché il mercato fallisce? Il mercato fallisce prevalentemente a causa della presenza di tre fenomeni, che

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 5 Informazione, organizzazione e mercato Cap. 3. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Organizzazione aziendale Lezione 5 Informazione, organizzazione e mercato Cap. 3. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Organizzazione aziendale Lezione 5 Informazione, organizzazione e mercato Cap. 3 Ing. m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Informazioni visita IPZS 9.30 Appuntamento in via Salaria n. 712,

Dettagli

Introduzione all economia

Introduzione all economia Introduzione all economia 4.X.2005 Macro e microeconomia La teoria economica è divisa in due sezioni principali: la microeconomia e la macroeconomia La microeconomia studia il comportamento dei singoli

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13 Domanda 1 (Problema 3. dal Cap. 11 del Libro di Testo) Curva di offerta degli stereo portatili

Dettagli

I COSTI DELL OPPORTUNISMO E I BENEFICI DELLA COOPERAZIONE

I COSTI DELL OPPORTUNISMO E I BENEFICI DELLA COOPERAZIONE Erasmo Santesso I COSTI DELL OPPORTUNISMO E I BENEFICI DELLA COOPERAZIONE Opportunismo Il governo dell impresa è imperniato: Nella definizione della strategia competitiva; Nella organizzazione dei contributi

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE Docente: Prof. Massimo Mariani SOMMARIO La creazione del valore Che cos è la finanza aziendale Obiettivi degli stakeholders Massimizzazione del valore Massimizzazione

Dettagli

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata CAPITOLO 1 Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata Esercizio 1.1. Si consideri un mercato per un determinato bene. La curva di offerta delle imprese è Q S = 60 + p, quella di domanda dei consumatori

Dettagli

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta Monopolio L assenza di condizioni di concorrenza perfetta è causa di fallimento del mercato per la difficoltà delle parti a trovare un accordo potenzialmente vantaggioso p Condizione di max profitto del

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 18: Informazione incompleta (moral hazard) David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica Capitolo 34: Informazione Asimmetrica 34.1: Introduzione Fino ad ora abbiamo assunto che tutti gli agenti abbiano accesso alle stesse informazioni sul bene scambiato nel mercato. In questo capitolo studiamo

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

Modulo: Scarsità e scelta

Modulo: Scarsità e scelta In queste pagine è presentato un primo modello di conversione di concetti, schemi e argomentazioni di natura teorica relativi all argomento le scelte di consumo (presentato preliminarmente in aula e inserito

Dettagli

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Dotazioni iniziali Il consumatore dispone ora non di un dato reddito monetario ma di un ammontare

Dettagli

D A D M D N D B. Quantità

D A D M D N D B. Quantità 4. Informazione asimmetrica (Adattato dal capitolo 8 di di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) L informazione posseduta da compratori e venditori

Dettagli

CAPITOLO 10 I SINDACATI

CAPITOLO 10 I SINDACATI CAPITOLO 10 I SINDACATI 10-1. Fate l ipotesi che la curva di domanda di lavoro di una impresa sia data da: 20 0,01 E, dove è il salario orario e E il livello di occupazione. Ipotizzate inoltre che la funzione

Dettagli

I fallimenti del mercato

I fallimenti del mercato Esternalità I fallimenti del mercato Esternalità Quando una transazione tra un compratore e un venditore condiziona direttamente una terza parte, l effetto che questa subisce viene detto esternalità. In

Dettagli

5.7. Assicurazione, selezione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione, selezione e equilibri di separazione. ELBORTO SULL BSE DEL PR ON LINE 5.7 DI NICIT-SCOPP, ECONOMI DEI CONTRTTI (versione CZ del 10.12.2012) 5.7. ssicurazione, selezione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività

Dettagli

La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità

La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità La La rappresenta il canale principale attraverso il quale i consumatori ottengono informazioni sui prodotti. Nel 2006, le spese pubblicitarie in USA sono state pari al 2,2% 2% del PIL. In Italia, nel

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila

Università degli Studi dell Aquila Università degli Studi dell Aquila Esame di Microeconomia 9 crediti 3 settembre 2014 Docente: Giuseppe Pace ISTRUZIONI Riempire i campi relativi a nome, cognome (IN STAMPATELLO) e matricola sulla griglia.

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

Capitolo 8. Struttura della presentazione. Tipi di dazio. Gli strumenti della politica commerciale

Capitolo 8. Struttura della presentazione. Tipi di dazio. Gli strumenti della politica commerciale Capitolo 8 Gli strumenti della politica commerciale preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Analisi dei dazi in equilibrio parziale: offerta,

Dettagli

004722 - Economia pubblica - II anno

004722 - Economia pubblica - II anno Corso di laurea di primo livello in Economia aziendale CLEA nuovo ordinamento 004722 - Economia pubblica - II anno 8 crediti, 60 ore insegnamento a.a. 2011-12 Stefano Toso e Alberto Zanardi Lezione 7 Carenze

Dettagli

L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1

L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1 L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1 Fausto Panunzi 2 Settembre 2009 Perché il mercato del credito è diverso da altri mercati? La crisi finanziaria emersa nell autunno 2008

Dettagli

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Introduzione - 1 Una delle idee più importanti della teoria economica è che i mercati sotto alcune condizioni- allocano i beni

Dettagli

Elementi di economia Domanda e Offerta

Elementi di economia Domanda e Offerta Elementi di economia Domanda e Offerta Dott.ssa Michela Martinoia michela.martinoia@unimib.it Corso di laurea in Scienze del Turismo e Comunità Locale A.A. 2014/15 1 Il Mercato Il Mercato èl insieme di

Dettagli

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione 1 PROBLEMI DI SCELTA Problemi di Scelta Campo di Scelta Funzione Obiettivo Modello Matematico Scelte in condizioni di Certezza Scelte in condizioni di Incertezza Effetti Immediati Effetti Differiti Effetti

Dettagli

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985):

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): Sull uso delle Garanzie. Tassonomia Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): a) Un mutuatario può impegnare come garanzia ( interna all impresa) un cespite che viene utilizzato nel

Dettagli

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010 Esercizi su domanda e offerta 24 novembre 2010 Domande Domanda 1* Cosa si intende per spesa totale di un consumatore per un dato bene? Descrivete come essa varia quando il prezzo del bene considerato aumenta

Dettagli

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) Le asimmetrie informative Alberto Zanardi Carenze

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

Il razionamento del credito

Il razionamento del credito Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il razionamento del credito Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Razionamento del credito Razionamento

Dettagli

Capitolo 3. La domanda e l'offerta

Capitolo 3. La domanda e l'offerta Capitolo 3 La domanda e l'offerta Domanda e offerta sono parte di un modello che punta a spiegare in che modo vengono determinati i prezzi in un sistema di mercato I mercati Un mercato è un gruppo di acquirenti

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

POLITICA ECONOMICA A.A. 2008/2009. Linda Meleo l.meleo@libero.it. lezione 4

POLITICA ECONOMICA A.A. 2008/2009. Linda Meleo l.meleo@libero.it. lezione 4 POLITICA ECONOMICA A.A. 2008/2009 Linda Meleo l.meleo@libero.it lezione 4 1 LA LEZIONE PRECEDENTE Esternalità Di produzione e di consumo; Negative e positive. Misure per internalizzare gli effetti delle

Dettagli

Il razionamento del credito

Il razionamento del credito Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il razionamento del credito Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Razionamento del credito Razionamento

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

Perchè un asta? Lezione 15. Tipi di aste. Tipi di aste. Tipi di aste. Tipi di aste. Aste

Perchè un asta? Lezione 15. Tipi di aste. Tipi di aste. Tipi di aste. Tipi di aste. Aste Perchè un asta? Lezione 15 Aste Una delle forme più antiche di mercato. Arte, immobili pubblici, licenze telefoniche, frutta, e-bay E spesso difficile scoprire quanto potenziali acquirenti valutino effettivamente

Dettagli

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA A.A. 2008-2009 ANNA TEMPIA 2 LEZIONE LE RAGIONI DELL INTERVENTO PUBBLICO (PARTE SECONDA) BIBLIOGRAFIA: P.

Dettagli

3. Asimmetrie informative

3. Asimmetrie informative Lezione seconda parte seconda Beni pubblici e altre cause di fallimento del mercato 1 3. Asimmetrie informative 3.1 rischio 3.2 assicurazione 3.3 asimmetrie informative 2 1 3.1 rischio Una situazione rischiosa

Dettagli

ASIMMETRIE INFORMATIVE. (Cap. 34 di Hey) Eppure si tratta di elementi piuttosto diffusi nella realtà di tutti i giorni:

ASIMMETRIE INFORMATIVE. (Cap. 34 di Hey) Eppure si tratta di elementi piuttosto diffusi nella realtà di tutti i giorni: ASIMMETRIE INFORMATIVE (Cap. 34 di Hey) Tener conto delle asimmetrie informative consente di evidenziare alcuni importanti elementi che la teoria standard - assumendo informazione completa e simmetrica

Dettagli

Lezione 1 Introduzione

Lezione 1 Introduzione Lezione 1 Introduzione Argomenti Cosa è l Economia politica I principi fondamentali dell Economia politica Cosa studia l Economia politica Perché studiare l Economia politica 1.1 COSA È L ECONOMIA POLITICA

Dettagli

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria. Supponete che la funzione di utilità di un agente sia u x. La remunerazione è rappresentata da un prospetto incerto, che prevede un reddito di 800 nel

Dettagli

Contratto di agenzia

Contratto di agenzia Contratto di agenzia Se l azione e non è osservabile (verificabile), il contratto di first best non è più utilizzabile. La scelta ottimale dell agente con salario fisso è esercitare sforzo nullo; La soluzione

Dettagli

Asimmetria delle informazioni

Asimmetria delle informazioni Asimmetria delle informazioni Definizione L informazione spesso non è diffusa identicamente tra i due lati del mercato Vantaggio informativo della domanda: mercato assicurativo Vantaggio informativo dell

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

Rischio, assicurazione e asimmetrie informative

Rischio, assicurazione e asimmetrie informative Rischio, assicurazione e asimmetrie informative RISCHIO Nei mercati reali non c è perfetta certezza e informazione La presenza di rischio modifica le condizioni di scelta degli individui Si crea una divergenza

Dettagli

ECONOMIA DEL LAVORO. Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro

ECONOMIA DEL LAVORO. Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro ECONOMIA DEL LAVORO Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro Offerta di lavoro - Le preferenze del lavoratore Il luogo delle combinazioni di C e L che generano lo stesso livello di U (e.g.

Dettagli

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Economia

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA MICRECNMI CLE.. 003-004 ssistente alla didattica: Elena rgentesi ESERCITZINE 8: GICHI SEUENZILI, SIMMETRIE INFRMTIVE E ESTERNLIT Esercizio : Giochi sequenziali e minacce credibili Si consideri un mercato

Dettagli

Economia del benessere

Economia del benessere Economia del benessere 1 Mercato e Stato Il problema principale che si pone è come e in quali condizioni i risultati economici che possono essere conseguiti attraverso il mercato garantiscono il rispetto

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale 1. IL VALORE ATTUALE La logica di investimento aziendale è assolutamente identica a quella adottata per gli strumenti finanziari. Per poter

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca I sistemi sanitari tra mercato e intervento pubblico Tutti i sistemi

Dettagli

Economia delle istituzioni Seconda settimana (5 febbraio 8 marzo 2007)

Economia delle istituzioni Seconda settimana (5 febbraio 8 marzo 2007) Economia delle istituzioni Seconda settimana (5 febbraio 8 marzo 2007) 1 Le asimmetrie informative Alcuni individui dispongono di informazioni private che altri non hanno Es: produttori/consumatori imprenditori/compagnia

Dettagli

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI 5-1. I politici ambientalisti spesso sostengono che è redditizio per le imprese perseguire una strategia amica dell ambiente (per esempio, costruendo fabbriche

Dettagli

Gli strumenti di base della Finanza

Gli strumenti di base della Finanza 27 Gli strumenti di base della Finanza ECONOMIA FINANZIARIA L Economia Finanziaria studia le decisioni degli individui sulla allocazione delle risorse e la gestione del rischio VALORE ATTUALE Con il termine

Dettagli

Scelte in condizione di incertezza

Scelte in condizione di incertezza Scelte in condizione di incertezza Tutti i problemi di decisione che abbiamo considerato finora erano caratterizzati dal fatto che ogni possibile scelta dei decisori portava a un esito certo. In questo

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

Equazione quantitativa della moneta

Equazione quantitativa della moneta Moneta e inflazione Equazione quantitativa della moneta Gli individui detengono moneta allo scopo di acquistare beni e servizi QUINDI la quantità di moneta è strettamente correlata alla quantità che viene

Dettagli

Le preferenze e la scelta

Le preferenze e la scelta Capitolo 3: Teoria del consumo Le preferenze e la scelta 1 Argomenti trattati in questo capitolo Usiamo le preferenze dei consumatori per costruire la funzione di domanda individuale e di mercato Studiamo

Dettagli