CORSO DI PIANIFICAZIONE FINANZIARIA EVA E VALUE-BASED MANAGEMENT. Nota didattica. Di Alberto Lanzavecchia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO DI PIANIFICAZIONE FINANZIARIA EVA E VALUE-BASED MANAGEMENT. Nota didattica. Di Alberto Lanzavecchia"

Transcript

1 CORSO DI PIANIFICAZIONE FINANZIARIA EVA E VALUE-BASED MANAGEMENT Nota didattica Di Alberto Lanzavecchia Indice 1. Il legame tra EVA e il valore di impresa 2. Dal piano pluriennale al valore di impresa (e viceversa) 1. IL LEGAME TRA EVA E IL VALORE DI IMPRESA Cos è il valore di impresa? Quando si può dire che una impresa sta creando valore? Potremmo dare una prima risposta affermando che per la Finanza Aziendale il valore economico di una qualsiasi attività, finanziaria o reale, è dato dalla capitalizzazione dei flussi di cassa attesi nel futuro ad un tasso appropriato per il rischio dell attività. 1 Chi ha un po di familiarità con il mercato obbligazionario conosce bene tale regola, essendo disposto a comprare oggi un titolo, offrendo un certo prezzo, proprio in funzione degli incassi delle cedole future e dell opportuno rendimento atteso nel periodo. Anche il prezzo di acquisto di una azione potrebbe essere visto come il valore attuale dei dividendi che verranno distribuiti in futuro. 2 Flussi di cassa e tassi di sconto sono i due elementi imprescindibili nelle valutazioni finanziarie. Il solo flusso di cassa, per quanto stimato con la massima precisione, da solo non è sufficiente. Un euro pagato domani non ha lo stesso valore di un euro pagato fra un anno: se domani fosse già disponibile in banca genererebbe fin da subito interessi attivi; diversamente, se occorre aspettare un anno per averlo a disposizione, si rinuncia agli interessi attivi di un anno. Gli interessi di cui stiamo parlando non sono altro che un esempio del tasso di sconto (e di capitalizzazione) necessario a spostare i flussi di cassa nel tempo, mantenendone immutato il valore finanziario. 3 Più in generale, tale tasso deve tenere conto della rischiosità dell operazione ovvero deve essere in equilibrio nella relazione rischio-rendimento. Dal momento che una qualsiasi attività (impresa, immobile, titoli o altro) può essere finanziata facendo ricorso ai mezzi propri e ai mezzi forniti da terzi (debiti), l utilizzo di un costo medio ponderato della raccolta (Wacc) 4 sarebbe preferibile. Ricapitolando, il valore di una attività è dato dal valore attuale dei flussi di cassa disponibili (c.d. free cash flow) liberati, attualizzati ad un opportuno tasso che sia espressione del rischio e del rendimento atteso dall investimento. 5 EVA, COV, FGV sono marchi registrati da Stern Stewart & Co. in Europa, Stati Uniti e in altri paesi nel mondo. Tutti i diritti riservati. 1 Questa definizione riprende la nota affermazione di Modigliani e Miller: The market value of any firm is independent of its capital structure and is given by capitalizing its expected return at the rate r appropriate to its risk class. Fonte: F. Modigliani - M.H.Miller The cost of capital, corporation finance,and the theory of investment, American Economic Review, Vol 48, June, pg Il tema della valutazione delle attività finanziarie è indubbiamente ben più complesso, ma ai nostri fini attuali è più importante il suo inquadramento, non già l esposizione di una sua soluzione. Per approfondimenti si veda, A. Damodaran, Valutazione delle aziende, Apogeo, Attualizzazione o sconto sono usati come sinonimi. L anticipazione di una entrata o la posticipazione di una uscita generano una operazione di finanziamento (o di raccolta) il cui costo (il costo del capitale) è il tasso da utilizzare nelle note formule dell attualizzazione o capitalizzazione. 4 Acronimo della sua traduzione anglosassone weighted average cost of capital. E appena il caso di accennare qui al fatto che l uso del Wacc presuppone la definizione di una struttura finanziaria (rapporto di indebitamento) obiettivo (target). Se così non fosse, è preferibile scontare separatamente i flussi per l azionista utilizzando il costo dei mezzi propri e i flussi finanziari al costo del debito. Tale tecnica prende il nome di APV. Per un esempio concreto si veda: M.Massari, L.Zanetti Valutazione della società gas, La Valutazione delle aziende, n.27, Finanza e valore, Per una definizione dei flussi di cassa della gestione operativa di veda: F.Ielasi, L analisi della dinamica finanziaria, in Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di), McGraw-Hill, 22. In realtà il valore di una attività non si ripartisce solo fra azionisti e finanziatori, ma, in primis, viene aggredito dallo Stato attraverso la tassazione. Nel calcolo di W, i flussi di cassa operativi saranno quindi al netto dalle imposte pagate e il costo della raccolta (Wacc) al netto del beneficio fiscale associato alla deducibilità degli oneri finanziari. Inoltre, si ricorda che per le imprese quotate è possibile procede- Pagina 1 di 12

2 Figura 1 Valore di una attività e sue determinanti Valore dell attivo Flussi di cassa PFN: Acronimo di Posizione Finanziaria Netta W Valore Attività Valore della PFN E Valore mezzi propri Flussi finanziari Flussi per l azionista Valore del debito Valore dei mezzi propri Valore di mercato (prezzo) e valore economico sono due concetti distinti: il primo è un dato, il secondo è un opinione, un interpretazione di una realtà complessa. 6 La vera creazione del valore è quella che si riferisce al capitale economico, non essendo soggetta alle distorsioni indotte da altri fenomeni esterni non controllabili. In altri termini, la crescita dei corsi azionari è solo un indizio, ma non una prova, che l impresa stia aumentando il proprio valore. Per semplicità, nel prosieguo della trattazione ipotizziamo, che i due valori coincidano. Per tenere conto delle variazioni del capitale investito (CI) e del contemporaneo andamento del valore dei mezzi propri (E) è sufficiente introdurre il concetto di Market Value Added (MVA ): 7 Valore di mercato dell impresa PFN: Acronimo di Posizione Finanziaria Netta W Attività MVA Mezzi Propri PFN Valore aggiunto dal mercato Capitale investito contabile (CI) Se MVA è positivo, significa che il valore dell attività di impresa è superiore a quanto è stato apportato nel tempo da azionisti e finanziatori, ovvero è stato creato valore. La crescita di MVA potrebbe allora diventare un obiettivo manageriale, perché maggiore è l incremento di MVA, maggiore è la creazione di valore. 8 Chi governa l impresa dovrebbe dunque avere come obiettivo la crescita dell MVA? Pur essendo un obiettivo giustamente condivisibile dall azionista, l MVA non può essere utilizzato per la fissazione degli obiettivi strategici pluriennali, per due motivi: 1. presuppone la quotazione delle azioni in un mercato regolamentato; 9 re anche in modo inverso: la somma del valore di mercato dei mezzi propri (E), ossia la sua la capitalizzazione di Borsa, con la posizione finanziaria netta (PFN) fornisce il valore di impresa (W), ma con alcune semplificazioni non di poco conto: la capitalizzazione così calcolata è il valore di mercato delle azioni di minoranza valutate ad un prezzo di pronta liquidazione, la posizione finanziaria netta dovrebbe essere calcolata a valori di mercato (obbligazioni quotate), occorre dedurre i minority interest dal patrimonio netto, ecc. 6 Il prezzo proposto dal mercato dei capitali esprime il valore di pronta liquidazione delle azioni di minoranza (non include il valore del controllo), non include il valore delle informazioni private (ad es.: piani industriali, operazioni in corso, ecc.) e delle possibili sinergie realizzabili da un particolare acquirente, ecc. La valutazione del capitale economico di una azienda di fonda su concetti, criteri e metodi, aventi le caratteristiche della razionalità, la dimostrabilità, l oggettività e la stabilità. Cfr. L. Guatri, La valutazione delle aziende, Egea, Da un indagine condotta in Italia da Hewitt Associates, società americana di consulenza nell area risorse umane, su un campione di 81 aziende e- merge che la creazione di valore viene maggiormente misurata con gli indicatori EVA e MVA. Cfr. su internet: 8 A ben vedere, nemmeno un incremento qualsiasi di MVA sarebbe sufficiente, perché ogni anno l investitore ha un attesa di crescita del valore del proprio investimento, ossia una remunerazione adeguata al rischio associato al proprio investimento. C è chi infatti ha già coniato il nuovo acronimo che accoglie tale osservazione: il VPN (Valore Percepito Netto). Algebricamente, l equazione che definisce il VPN nell anno, è la seguente: MVA + d + s MV (1 + Wacc) = VPN; dove: d: dividendi staccati nell anno; s: shares buy back; MV: valore dell impresa; Wacc: costo medio ponderato del capitale. Il VPN è dunque il saldo tra la crescita annua attesa dal proprio investimento e il valore creato e/o distribuito nell anno. Per approfondimenti, si veda E. Pavarani, in Stock option e incentivazione del management, M. Regalli (a cura di), il Sole 24 ore libri, 23. Pagina 2 di 12

3 2. il suo valore non è direttamente gestibile dai manager. Nelle imprese si gestiscono costi, ricavi, capitale circolante, investimenti, quindi il valore di impresa, ma non il prezzo delle azioni! La misurazione del valore creato dalla gestione dovrebbe allora partire dai fondamentali di impresa, ma senza perdersi in una sequenza complicata di indicatori pur tra loro concatenati. Alcuni indicatori di sintesi deducono dal risultato della gestione un costo che per motivi contabili e fiscali non viene rilevato: il costo opportunità dei mezzi propri (c.d. residual income measures ). Il costo dei mezzi propri è il rendimento atteso dall investimento, stimato confrontando l impiego del denaro con un investimento alternativo, avente parità di rischio e durata. Il profitto economico (EP) di cui stiamo parlando non è altro che: EP = Utile netto (costo dei mezzi propri * valore contabile dei mezzi propri) (1) La seconda parte della sottrazione indica quanto l azionista si aspetta di guadagnare a fine anno in considerazione del rischio e del rendimento atteso dal proprio investimento. Tuttavia, come già anticipato, occorre considerare che i mezzi propri sono solo una delle due macro fonti di finanziamento: la seconda sono i debiti finanziari. Poiché è sempre meglio analizzare separatamente la gestione operativa dalla gestione finanziaria, è consigliabile risommare all utile netto il saldo della gestione finanziaria (al netto dell effetto fiscale indotto) e utilizzare come rendimento minimo atteso un costo medio ponderato della raccolta, al posto del solo costo dei mezzi propri. Pertanto la (1) diventa: EP* = (Utile netto + saldo gestione finanziaria +/- imposte figurative sulla gestione finanziaria) [Wacc* Capitale Investito] (2) Capital charge Il costo del capitale (capital charge) rappresenta l asticella da superare ogni anno affinché l EP* sia positivo. Se EP* è positivo, significa che tutti i portatori di capitale (finanziatori e soci) sono stati remunerati dal loro investimento: ciò che residua è valore in più, valore economico aggiunto (ovvero Economic Value Added, EVA). Figura 3 La differenza tra sviluppo e crescita dall ottica del valore ROCE Costo del capitale (Wacc) VALORE CREATO VALORE DISTRUTTO CI L intuizione dell EVA non è tanto l aver individuato (e registrato un marchio) l ennesimo indicatore di performance o di valutazione di impresa, ma aver trovato un indicatore che sia in grado di legare aspettative degli azionisti, obiettivi annuali e remunerazione variabile del management. EVA, infatti, risponde a quattro requisiti del value based management: 9 L utilizzo della capitalizzazione di borsa dei mezzi propri in luogo della valutazione ad hoc rende più oggettivo e più difendibile il metodo di calcolo. Questa, tuttavia, non è una difficoltà insuperabile. Abbiamo già detto che noi siamo interessati al valore economico dell attività e che ogni attività ha un proprio valore. Nel prosieguo del capitolo supereremo il limite di non disporre del valore di mercato dei mezzi propri introducendo la valutazione per multipli di mercato o la DCF valuation. Pagina 3 di 12

4 1. è direttamente gestibile dal management; 2. è direttamente collegato al valore di impresa; 3. è utilizzabile anche nelle imprese non quotate (o unità gestionali differenti); 4. è utilizzabile ai fini dell incentivazione. Il primo punto è una diretta conseguenza della sua definizione. E da notare che la formula (2) può anche essere vista come: EVA = (ROCE - Wacc ) * CI (3) Spread gestionale dove: ROCE (acronimo di return on capital employed): Risultato gestionale al netto delle imposte (NOPAT)/ capitale investito La (3) è utile perché molte imprese sono già abituate a ragionare sulla crescita del risultato operativo (Ebit), del Roi e le sue determinanti (efficienza e rotazione) o del Roe (soprattutto nelle Banche). EVA aggiunge una sola nuova informazione: il risultato minimo da superare (il rendimento atteso dai finanziatori). Fin tanto che lo spread (ROCE Wacc) è positivo, ogni nuovo euro investito nel business accresce il valore complessivo di impresa. Quanto al punto 2 è sufficiente accennare alla relazione matematica per cui il valore attuale degli EVA futuri è pari al MVA: 1 MVA = n i= 1 EVA i, ossia, graficamente: Valore di impresa MVA EVA 2 Capitale investito CI EVA 1 EVA n Attualizzare al tasso WACC Questa evidenza è del tutto coerente con la metodologia del valore attuale dei flussi di cassa (discounted cash flow) utilizzata nell analisi degli investimenti o nella valutazione d azienda. Se infatti, come accennato in precedenza, il valore di impresa non è altro che il valore attuale dei flussi di cassa (FCF) futuri, allora, rimaneggiando un po le formule, si deduce che il valore di impresa può anche essere visto come la somma del valore attuale degli EVA futuri e il Capitale Investito (Esempio 1): EV = n t= 1 FCF t = CI + n t= 1 EVA t Esempio 1 L equivalenza tra MVA e valore attuale netto dei flussi di cassa Un azienda decide di investire in un nuovo prodotto la cui domanda potenziale è di 2 pezzi in 5 anni. Per lo sviluppo di tale progetto é necessario un esborso iniziale di 1.5, pertanto la quota di ammortamento per unità di prodotto é di 7,5 (1.5/2). I costi operativi unitari sono pari a 5, le imposte sul reddito operativo al 41,25%, Wacc al 1%. La tabella sottostante espone i valori associati al progetto. 1 Per approfondimenti si veda: La ricerca del valore, G. Bennet Stewart III, Egea 2. Pagina 4 di 12

5 Metodo Discounted Cash Flow (DCF) Volumi Prezzi futuri Fatturato Ammortamenti Costi Operativi = Reddito Lordo Imposte = Reddito netto Cash flow Fattore di sconto,91,83,75,68,62 Valore attuale dei flussi di cassa Valore attuale netto dei flussi di cassa (NPV) 24 Metodo EVA Volumi Prezzi futuri Fatturato Ammortamenti Costi Operativi = Reddito Lordo Imposte = Reddito gestionale netto (NOPAT) Calcolo del Capital Charge Capitale investito a inizio anno Wacc (1%) * Capitale investito a inizio anno EVA futuri Fattore di sconto,91,83,75,68,62 Valore attuale EVA futuri Somma valori attuali EVA futuri (MVA) 24 Il valore attuale dei flussi di cassa futuri di 1.74 al netto dell esborso iniziale, genera un valore attuale netto (NPV) di 24, ma anche la somma dei valori attuali degli EVA futuri é esattamente pari a 24. Il modello di attualizzazione dell EVA fornisce i medesimi risultati del metodo del DCF, ma possiede il considerevole vantaggio di spalmare il valore attuale netto lungo tutto il periodo di osservazione, quindi consente di avere una misura di performance periodale che il DCF non è in grado di fornire (perché basato su una sola data di valutazione). Con la metodologia EVA è possibile apprezzare il contributo di ciascun anno al valore complessivo di impresa. Capite queste relazioni, è possibile portare l analisi finanziaria di un ulteriore passo avanti. Quanto varrebbe l impresa per la sua performance finanziaria attuale? Qual è il contributo al valore dell impresa apportato dal miglioramento atteso dei risultati finanziari? In altri termini, vogliamo capire quanta parte del valore complessivo dell impresa è una scommessa, in quanto basato su risultati finanziari ancora da conseguire, e quanta parte del valore di impresa è da conservare, in quanto basato su risultati finanziari già raggiunti. Ancora una volta, la metodologia EVA fornisce una chiave di lettura per questa esigenza dell analista finanziario. Infatti: il valore delle attività già in essere (valore degli asset in place o Current Operation Value COV ) potrebbe essere stimato dalla somma del valore contabile del capitale investito con il valore attuale di una rendita perpetua posticipata che paga un flusso di reddito annuale pari all ultima performance finanziaria (EVA) conseguita e ripaga un rischio pari a Wacc; per differenza, la restante parte del valore di impresa fornisce la stima del valore attuale dei miglioramenti alla performance finanziaria già conseguita, ovvero il valore della scommessa sul futuro sviluppo dell impresa (Future Growth Value FGV ). EV = Valore performance finanziaria già conseguita + n EVA COV + FGV = CI + + EVA Wacc t= 1 t,t-1 valore dei miglioramenti di performance =, Pagina 5 di 12

6 EVA e la pianificazione finanziaria ossia, graficamente: Attese battute Valore di impresa MVA Capitale investito CI EVA / WACC Capitale investito CI Valore della crescita Valore delle attività correnti Attese raggiunte Attese deluse Solo se i risultati attesi saranno effettivamente conseguiti nel futuro, allora il valore dell azienda stimato oggi sarà stato stimato in modo corretto. Diversamente, l azionista andrà in contro a perdite di valore o incrementi di valore inattesi. Tali passaggi non sono di rilevanza marginale. Se è vero che il valore di impresa dipende dal valore attuale dei flussi di cassa futuri e che tale risultato coincide con l attualizzazione degli EVA futuri, allora la pianificazione strategica pluriennale implicitamente trasforma gli obiettivi aziendali in un valore di impresa atteso e periodicamente la misura dell EVA consente di apprezzare la quota di competenza dell anno del valore complessivamente pianificato. La pianificazione strategica, inoltre, può fungere da supporto critico per un test di sostenibilità di un valore di impresa stimato: sono credibili le ipotesi di crescita sottostanti? Quali miglioramenti di performance, rispetto ai risultati oggi già conseguiti, sono impliciti in un valore di impresa stimato? Pagina 6 di 12

7 2. DAL PIANO PLURIENNALE AL VALORE DI IMPRESA (E VICEVERSA) 2.1. Dal piano industriale al valore di impresa Dalla redazione dei bilanci previsionali (il c.d. business plan o piano industriale) è possibile ottenere tutti i dati necessari per stimare il valore di impresa alla data di valutazione ed effettuare la scomposizione del valore nelle due componenti COV e FGV. In particolare, dallo stato patrimoniale riclassificato con il metodo finanziario, è possibile ottenere i dati per il calcolo del Capitale investito: la posizione finanziaria netta e il patrimonio netto. Dal conto economico previsionale invece è possibile ottenere i dati per il calcolo del NOPAT. Infine, sostituendo tali valori nella (2) o nella (3), è possibile ottenere i valori di EVA pianificati (Figura 6). Figura 6 Il percorso logico dell analisi previsionale del valore Sulla base dell analisi strategica, del posizionamento competitivo relativo e delle linee-guida di sviluppo del piano industriale (key driver di sviluppo dei ricavi e dell efficienza operativa, piano degli investimenti e disinvestimenti, ecc.), l alta direzione approva il proprio piano industriale pluriennale (ad esempio, 5 anni): EVA La redazione dei bilanci previsionali, consente di disporre di tutti gli elementi utili per il calcolo degli EVA, con l eccezione del costo medio ponderato del capitale (Wacc) che dovrà essere stimato a parte, a cura della direzione finanziaria. Attraverso il meccanismo dell attualizzazione dei flussi di EVA futuri, si calcola per dapprima il Valore di impresa (dato dalla somma del valore attuale degli EVA pianificati e del capitale investito iniziale). Successivamente, l analista opera la scomposizione del valore di impresa nelle due componenti: COV (come somma fra il valore attuale della rendita perpetua dell ultimo EVA consuntivato e il capitale investito iniziale) e FGV (come differenza fra il valore dell impresa e il COV): COV FGV 1% 8% 22% 6% 4% 78% 2% % Rostra L analista di impresa dispone ora di una tabella di sintesi del valore (di impresa finanche di una sua singola azione) pianificato nel piano strategico, potendone apprezzare la composizione del valore, in particolare, il valore attribuito alla crescita (FGV): Rostra 2 Prezzo implicito (Euro),78 Valore dei mezzi propri Valore di impresa Market Value Added Current Operations Value (COV ) Future Growth Value (FGV ) Pagina 7 di 12

8 La parola passa ora agli azionisti: il piano strategico è credibile nelle sue ipotesi? In altri termini, il mercato recepirà il valore implicitamente pianificato? 2.2. Dal valore di impresa al piano strategico implicito Anche in assenza di un piano strategico di impresa il mercato (gli azionisti) effettua le proprie stime sul valore dell impresa. Ciò è vero anche per le imprese non quotate, in particolare quando sono oggetto di operazioni di finanza straordinaria: fusioni e acquisizioni. In tutte queste circostanze, il mercato stima un valore dell attività e su queste stime avvengono le compravendite di intere imprese, rami di azienda o singole frazioni del capitale economico (le azioni). Quali sono le ipotesi di performance finanziaria implicite in un prezzo di compravendita? Per rispondere a questa domanda, dobbiamo procedere nel modo inverso, sfruttando sempre lo stesso impianto metodologico appena illustrato. Abbiamo detto che il valore di impresa (EV) è scomponibile nelle due compenti valore delle attività correnti e valore delle attività future: EV = COV + FGV e dal momento che i portatori di capitale (finanziatori e azionisti) si aspettano sull EV una remunerazione media pari al Wacc (il costo medio ponderato del capitale), allora: Wacc * EV = Wacc * COV + Wacc*FGV = Wacc * (CI + Eva/Wacc) + Wacc*FGV = Wacc * CI + Eva + Wacc*FGV = Wacc * CI + (Reddito gestionale netto Wacc * CI) + Wacc * FGV = Reddito gestionale netto + Wacc*FGV ovvero il risultato gestionale netto è in grado di coprire solamente la remunerazione attesa sul COV, ma non è in grado di ripagare la remunerazione attesa sull FGV. In altri termini, guadagnare un rendimento pari al Wacc su un capitale investito contabile potrebbe non essere sufficiente a remunerare il rendimento atteso sul valore di mercato di quel capitale: 11 tanto maggiore è il divario tra valori contabili e valori di mercato (quindi l MVA), tanto maggiore deve essere la correzione da apportare alla performance contabile per poter essere in grado di esprimere un giudizio sulla reale performance del valore. Il correttivo è applicato determinando un preciso valore di EVA pur calcolato su valori contabili, ma che sia adeguato a remunerare il valore di mercato di quel capitale. Se sviluppiamo allora il secondo membro dell equazione, otteniamo: 12 Wacc*FGV = EVA 1 + ( EVA 1 /Wacc) + FGV 1 ovvero, la remunerazione attesa sul FGV deve necessariamente essere fornita o dall incremento della performance EVA e/o dall ulteriore variazione di FGV ( nuove aspettative pagano le vecchie aspettative ). 11 Il vero investimento degli azionisti è il valore di mercato delle azioni, cioè quel denaro che otterrebbero se vendessero la partecipazione azionaria, a prescindere dalle evidenze contabili sul patrimonio netto. 12 La dimostrazione della formula è la seguente. Posto che: EV = CI + EVA /Wacc + FGV ; EV 1= CI 1+EVA 1/Wacc + FGV 1; FCF 1= RGN 1 - CI 1 = EVA 1 + Wacc * CI - CI 1, sostituendoli nell equazione: EV 1 + FCF 1 EV = Wacc * EV, si ottiene: [CI 1+EVA 1/Wacc + FGV 1] + [EVA 1 + Wacc * CI - CI 1 ] [ CI + EVA /Wacc + FGV ] = Wacc * [CI + EVA /Wacc + FGV ]; quindi: CI 1 + EVA 1/Wacc + FGV 1 + EVA 1 - CI 1 CI EVA /Wacc FGV = EVA + Wacc*FGV ; da cui, sommando algebricamente, si ottiene: EVA 1/Wacc + FGV 1 + EVA 1 EVA /Wacc FGV = EVA + Wacc*FGV, quindi raccogliendo e semplificando: Wacc*FGV = EVA 1 + ( EVA 1/Wacc) + FGV 1, c.v.d. Per approfondimenti si veda: M. Sirower, S. O Byrne, The measurement of post-acquisition performance: toward a value-based methodology, Journal of applied corporate finance, summer 1998, volume 11, nr. 2. Pagina 8 di 12

9 Se dunque si formano sul mercato (dei capitali o delle imprese) dei prezzi, implicitamente si stanno fissando dei profili di miglioramento (o peggioramento) delle performance finanziarie. Chi è chiamato a gestire il valore pagato (il management o i nuovi azionisti), ha sulle proprie spalle un debito (D), relativo alla remunerazione attesa sul maggior prezzo pagato, quantificabile in: D = (FGV * (1+Wacc)-1) * Wacc D è un debito che genera interessi al costo del capitale (Wacc) e, come tale, può essere ammortizzato in n anni, dove n sono gli anni di conseguimento del piano industriale pluriennale o l orizzonte di riferimento dell investitore. In ipotesi di ammortamento lineare, la rata costante (EI) di rimborso del debito nei confronti degli investitori non è altro che il miglioramento atteso della performance annuale ( EVA): EI = rata di rimborso = EVA = D α n wacc. Naturalmente, con semplici equivalenze e passaggi tipici della matematica finanziaria, è possibile ripagare D anche attraverso piani di ammortamento crescenti, decrescenti, variabili, ecc. Cambiando nuovamente prospettiva, EI può anche essere visto proprio come quel correttivo che cercavamo da applicare alla performance finanziaria (EVA) calcolata su valori contabili, affinché anche il valore di mercato del capitale investito sia stato adeguatamente remunerato: EVA EI = effettiva creazione di valore sul valore di mercato del capitale investito In conclusione, se il valore di impresa (EV) è superiore al valore delle attività attualmente in essere (COV), incorpora ( sconta ) delle aspettative di crescita e di miglioramento della performance attuale. In tale circostanza, non è sufficiente mantenere l attuale livello della performance (EVA), perché da sola non è in grado di ripagare le attese implicite degli investitori che sarebbero così vanificate (FGV scenderebbe a zero). Il valore delle aspettative, e la remunerazione attesa su tale valore, determinano uno stock di valore che deve essere rimborsato nel tempo. L EI è esattamente quel valore atteso di incremento alla performance corrente, entro un certo intervallo di tempo, necessario a sostenere il valore della crescita, e quindi il valore dell impresa di oggi. Figura 7 Il percorso logico per l analisi di sostenibilità di un valore stimato Fase 1: Il mercato (di borsa o delle aziende) si orienta su un certo prezzo (ad es.: e,9 per azione). Da qui, l analista opera la scomposizione del valore nelle due componenti COV e FGV: COV FGV Rostra 2 1% Prezzo azione (Euro),9 3% 8% Valore di mercato dei mezzi propri 9. Valore di impresa Market Value Added Current Operations Value (COV) Future Growth Value (FGV) % 4% 2% % 7% Rostra Fase 2: Fissazione dell orizzonte di riferimento dell investimento: ad es. 5 anni Fase 3: Calcolo dell incremento di performance necessario a sostenere il prezzo: es., con Wacc al 9,2%, implica una rata annuale costante posticipata (EI) di 73. Fase 4: verifica del piano industriale e confronto con le ipotesi implicite: è sostenibile? Pagina 9 di 12

10 EVA Delta EVA Fase 5: La ricerca delle leve del valore. Dalla lettura della (3) si capisce che EVA può essere aumentato seguendo quattro filoni: 1) Diminuendo il WACC (modifica della struttura finanziaria, riduzione del costo finanziario della raccolta, ecc.). 2) Migliorando la redditività operativa ROCE (efficienza, sviluppo del fatturato, riduzione del capitale circolante o delle attività immobilizzate, ecc.). 3) Investendo -aumentare il capitale- ogniqualvolta il rendimento dell investimento supera il costo finanziario della raccolta (spread positivo). 4) Disinvestendo se l attività non rende il costo del capitale Analisi comparata del valore (benchmarking e posizionamento relativo) E possibile utilizzare l impianto metodologico di EVA anche per confrontare una impresa, o un settore, con altre imprese, o settori, sulla base delle ipotesi implicite sulla crescita. Ad esempio, è possibile mettere in relazione il rapporto: EV/CI (ossia isolare il peso dell MVA che sappiamo contenere anche il FGV) con lo spread gestionale (ROCE-WACC, ossia EVA/CI): GIOVANI PROMESSE CAMPIONI DEL VALORE Zona di EV/CI 1 equilibrio 19/3 IN CONVALESCENZA CAUSE PERSE Spread (EVA/CI) GIOIELLI NASCOSTI Maggiore è la redditività, maggiore è la possibilità di incrementare ulteriormente il valore, purchè sia possibile espandere ulteriormente la dimensione del business (quadrante in altro a destra). In presenza di redditività elevata, ma multiplo del valore modesto, il mercato sconta contrazioni dell attività (es. da mercato protetto a libero mercato, come, ad esempio, è stato per l Enel Spa) oppure non si è accorto dell opportunità nascosta; situazione questa destinata a scomparire in breve in un mercato perfetto (quadrante in basso a destra). L area delle crisi industriali senza possibilità di uscita concrete nell immediato, è quello raccolto nel quadrante in basso a sinistra. Infine, le imprese che pur in presenza di risultati finanziari modesti presentano elevati multipli del valore sono quelle che maggiormente alimentano le aspettative su miglioramenti delle performance. Pagina 1 di 12

11 Nel 1998, il mercato azionario italiano presentava la seguente relazione tra spread gestionale e multiplo del capitale investito (EV/CI): Sulla base della successiva tabella, provate ad individuarne alcune (con un po di attenzione scoprirete di disporre di tutti i dati necessari.)! Tabella Una recente classifica delle imprese italiane quotate sulla base dell MVA ed efficienza gestionale Ranking MVA t 3 Ranking MVA t 2 Ranking MVA t 1 Società MVA t 3 MVA t 2 MVA t 1 EVA t 1 ROCE t 1 (%) WACC t 1 (%) ROCE/ WACC Tim ,5 1,2 4, Bulgari ,3 8,3 3, Olivetti ,7 6,5 3,3 26 Tecnost ,2 5,9 2, Banca Pop. di Brescia ,8 1,8 2, Generali ,2 2,8 38 Class ,1 11,5 2, Banca Fideuram ,7 11,1 1, Alleanza Assicurazione ,6 11,1 1, La Fondiaria Spa ,3 1, Eni ,9 8,7 1, Mediaset ,3 8,6 1, Rolo Banca ,8 1,4 1, Banca Intesa ,4 12,6 1, Seat ,1 8,7 1, Edison ,4 1, Ras ,4 1,7 1, Autogrill ,7 7,8 1, Adr ,1 1,4 1, Benetton ,4 8,4 1, Unicredit ,7 11,5 1, Ina ,7 1, Pirelli Spa ,2 8,9 1, Comit ,4 1,7 1,25 47 Auto To-Mi ,5 6,8 1, Mediolanum ,7 1,3 1, Banca Lombarda ,6 9,6 1, Ericsson ,6 1,8 1, Telecom italia ,8 9,3 1, Autostrade C ,6 9,2 1, E. L Espresso ,9 9,99 5 Enel ,2 9,4, Mondadori Edit ,1 8,4, San Paolo Imi ,5 11, Cir ,3 8,7,96 23 Monte Paschi Siena ,9 1,4, Aem ,4 9,3, Italgas ,7 8,7,88 43 Acea ,7 1,2, Banca Pop. di Verona ,5 1,2, Banca Pop. Comm. Industria ,1 1,5,77 49 Buffetti ,5,67 16 Tiscali ,5 12,3, Toro Assicurazioni ,1 1,6, Mediobanca ,7 12,7, La Rinascente ,5 7,3, Finmeccanica ,4 8,7, Alitalia ,1 9,5, Hdp ,9 1,1, Banca Nazionale Lavoro ,4 1,8,4 Fonte: Il Sole 24 Ore, 25/9/2. Dati in milioni di Euro. Pagina 11 di 12

12 BIBLIOGRAFIA G. Bennet Stewart III, La ricerca del valore, Egea, 2. R.A. Brealy, S.C. Myers, Principi di finanza aziendale, McGraw-Hill, 199 A. Damodaran, Valutazione delle aziende, Apogeo, 22. B. Dunford, J. Boudreau, W. Boswell, The dark side of stock options: downside risk and employee separation, CAHRS / Connel University, Working paper 1-9. A. Ehrbar, EVA. The real key to creating wealth, John Wiley & Sons, M. Jensen, Corporate budgeting is broken? Let s fix it!, Harvard Business Review, november 21. J. Knight, Value based management, McGraw-Hill, J. Martin - J. W. Petty, Value based management, Oxford university press, 2. A. Nyberg, B. Birchard, Do EVA and other value metrics still offer a good mirror of company performance?, CFO Magazine, March 1, 21. E. Pavarani (a cura di), Analisi Finanziaria, McGraw-Hill, 22. A. Rappaport, Creating shareholder value, Free Press, S. Riceman, S. Cahan, M. Lal Do Managers Perform Better Under EVA Bonus Schemes?, Massey University, M. Sirower, S. O Byrne, The measurement of post-acquisition performance: toward a value-based methodology, Journal of applied corporate finance, summer 1998, volume 11, nr. 2. J. Stern, J. Shiely, The EVA Challange, John Wiley & Sons, 21. D. Young, EVA in Europe, Journal of applied corporate finance, winter 1999, Vol. 11, n. 4. S. Young, S. O Byrne, EVA and value-based management, McGraw-Hill, 21. J. Zimmerman, EVA and divisional performance measurement: Capturing synergies and other issues, Journal of Applied Corporate Finance, n.1, Summer 1997, Bank of America. Per approfondimenti sul sistema EVA e l incentivazione del management si veda: M. Regalli (a cura di), Stock Option e incentivazione del management, Il Sole 24 ore libri, 23. A. Lanzavecchia, Stock option e valore d impresa, gli interessi degli azionisti sono da tutelare, Amministrazione & Finanza, n.8/21, Ipsoa. Pagina 12 di 12

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI CORPORATE BANKING SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Qual è il fine dell impresa nella logica della finanza aziendale? Massimizzare la creazione del valore per

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA -

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - CORSO DI PIANIFICAZIONE FINANZIARIA SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2002 Cap. 9 (Dottor

Dettagli

Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo 9

Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo 9 UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria A.a. 2002/2003 Parma, 27 novembre 2002 Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI CORPORATE BANKING AND FINANCE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Qual è il fine dell impresa nella logica della finanza aziendale? Massimizzare la creazione del

Dettagli

valutazione delle aziende; EVA.

valutazione delle aziende; EVA. Oggi parliamo di: valutazione delle aziende; calcolo del capitale economico; EVA. Quando è necessario stimare il valore di un azienda? GARANZIE SOCIETARIE STRATEGIE DI SVILUPPO VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Dettagli

I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI

I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI I CRITERI DI ANALISI TECNICO-FINANZIARIA. Le practice tecniche Alessio Di Angelantonio 1. IL VALORE ATTUALE NETTO (VAN o NPV). Il criterio del VAN è uno degli

Dettagli

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Capitolo 19 Indice degli argomenti 1. Condizioni per un sano sviluppo

Dettagli

I metodi di valutazione di azienda

I metodi di valutazione di azienda I metodi di valutazione di azienda 2 parte A cura del prof. Michele Rutigliano 1 I metodi finanziari: logica sottostante I metodi finanziari sono generalmente ritenuti i più razionali ai fini della valutazione

Dettagli

LA CREAZIONE DEL VALORE: IL METODO EVA

LA CREAZIONE DEL VALORE: IL METODO EVA LA CREAZIONE DEL VALORE: IL METODO EVA Del Dott. Stefano Setti EVA: definizione e formula EVA (Economic Value Added) è un indicatore studiato negli anni 90 dall economista americano Bennet Stewart (Stern

Dettagli

Valutazione d aziende. Flussi finanziari e flussi reddituali: differenza di valore. di Pasquale De Luca (*)

Valutazione d aziende. Flussi finanziari e flussi reddituali: differenza di valore. di Pasquale De Luca (*) Flussi finanziari e flussi reddituali: differenza di valore di Pasquale De Luca (*) Un azienda che intenda accedere a fonti di finanziamento esterne, sia che si tratti di accedere a capitale di debito

Dettagli

ANALISI DEI FLUSSI RILEVANTI E INCENTIVI ALLA CREAZIONE DI VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani

ANALISI DEI FLUSSI RILEVANTI E INCENTIVI ALLA CREAZIONE DI VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani ANALISI DEI FLUSSI RILEVANTI E INCENTIVI ALLA CREAZIONE DI VALORE Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO determinazione dei flussi rilevanti; definizione di flussi monetari; definizione di flussi differenziali;

Dettagli

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci. L approccio del valore. Cos è la creazione di valore? Questo livello, nella logica del valore, è

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci. L approccio del valore. Cos è la creazione di valore? Questo livello, nella logica del valore, è L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dei flussi di cassa l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio del valore l approccio

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

Analisi degli Investimenti Capitolo 10

Analisi degli Investimenti Capitolo 10 Analisi degli Investimenti Capitolo 10 1 Criteri di valutazione degli investimenti 1. Criteri finanziari di valutazione degli investimenti - Valore Attuale Netto (VAN) - Tasso Interno di Rendimento (TIR)

Dettagli

IL RUOLO DELLE ASPETTATIVE NELLA DETERMINAZIONE DEL PREZZO DI BORSA. MODELLO TEORICO ED EVIDENZE EMPIRICHE

IL RUOLO DELLE ASPETTATIVE NELLA DETERMINAZIONE DEL PREZZO DI BORSA. MODELLO TEORICO ED EVIDENZE EMPIRICHE IL RUOLO DELLE ASPETTATIVE NELLA DETERMINAZIONE DEL PREZZO DI BORSA. MODELLO TEORICO ED EVIDENZE EMPIRICHE di M. Visani e M. Tinessa 1 Premessa Il tema della corretta valutazione dei titoli azionari è

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Corso di Corporate Banking a.a. 2010 2011 (Professor Eugenio Pavarani)

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Corso di Corporate Banking a.a. 2010 2011 (Professor Eugenio Pavarani) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di Corporate Banking a.a. 2010 2011 (Professor Eugenio Pavarani) 1 L impostazione dell analisi finanziaria: 5 approcci Equilibrio Finanziario cap.

Dettagli

I TITOLI AZIONARI LE CATEGORIE DI AZIONI I PRINCIPI DI VALUTAZIONE E I DIVERSI MODELLI UTILIZZABILI CAPITOLO 13. Lezione 7 1

I TITOLI AZIONARI LE CATEGORIE DI AZIONI I PRINCIPI DI VALUTAZIONE E I DIVERSI MODELLI UTILIZZABILI CAPITOLO 13. Lezione 7 1 I TITOLI AZIONARI LE CATEGORIE DI AZIONI I PRINCIPI DI VALUTAZIONE E I DIVERSI MODELLI UTILIZZABILI CAPITOLO 13 1 PUNTI PRINCIPALI DELLA LEZIONE Le categorie di azioni Principi e modelli di valutazione

Dettagli

Valutazione d Azienda. Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO

Valutazione d Azienda. Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO Valutazione d Azienda Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO 1 Il modello finanziario Il modello finanziario è stato molto dibattuto in dottrina a partire dalla prima metà degli anni novanta. Impostazioni metodologiche:

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE

LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE Dott. Lorenzo Batacchi Banca popolare dell Emilia Romagna lorenzo.batacchi@bper.it METODI DI VALUTAZIONE DELLE AZIENDE I più utilizzati nella pratica: Metodo finanziario: DCF,

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V Indice XI Introduzione 3 CAPITOLO 1 Il valore come sintesi degli obiettivi aziendali 3 1.1 Evoluzione e contenuti della funzione finanziaria d

Dettagli

Valutazione degli investimenti

Valutazione degli investimenti Valutazione degli investimenti Mutina Profit Consulting S.r.l. affianca l imprenditore nella valutazione degli investimenti sia in termini di sostenibilità economica, mediante la predisposizione di Business

Dettagli

Valutazione d azienda: aspetti applicativi. Docente: Prof. Massimo Mariani

Valutazione d azienda: aspetti applicativi. Docente: Prof. Massimo Mariani Docente: Prof. Massimo Mariani 1 METODI FINANZIARI - Durata del periodo di previsione analitica La scelta della durata del periodo di previsione analitica è principalmente legata a: Settore aziendale di

Dettagli

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio dei flussi di cassa l approccio del valore l approccio

Dettagli

I flussi finanziari strutturati secondo lo schema del flusso di cassa disponibile: Obiettivo principale

I flussi finanziari strutturati secondo lo schema del flusso di cassa disponibile: Obiettivo principale L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci [3] L approccio dei flussi di cassa l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio dei flussi di

Dettagli

Indice della lezione. La finanza aziendale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

Indice della lezione. La finanza aziendale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di Corporate Banking a.a. 2010-2011 (Professor Eugenio Pavarani) La stima del costo del capitale 1 Indice della lezione Il costo del capitale (=

Dettagli

I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI

I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI I CRITERI DI ANALISI TECNICO-FINANZIARIA. Le componenti base Alessio Di Angelantonio PREMESSA. Che cos è un investimento? Tante, troppe volte, all interno delle

Dettagli

Impairment test: la valutazione di una partecipazione

Impairment test: la valutazione di una partecipazione Impairment test: la valutazione di una partecipazione 1 Finalità e limitazioni dell incarico 2 La metodologia valutativa 3 La valutazione della società 4 Criticità riscontrate nella valutazione 5 Verifiche

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale stima del costo del capitale stima del costo del capitale di aziende operanti

Dettagli

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci. L approccio del valore. Quale risultato sarebbe soddisfacente? Cos è la creazione di valore?

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci. L approccio del valore. Quale risultato sarebbe soddisfacente? Cos è la creazione di valore? L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci L approccio del valore l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dei flussi di cassa l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio

Dettagli

INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5. 3. LA RAI RADIO TELEVISIONE ITALIANA S.p.A. 29

INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5. 3. LA RAI RADIO TELEVISIONE ITALIANA S.p.A. 29 INDICE INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5 1.1 Il ruolo dell impresa nella società 5 1.2 Gli Stakeholders 6 1.3 Breve excursus sulla teoria della creazione e diffusione del valore

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI. testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill, 2001 cap. 10.

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI. testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill, 2001 cap. 10. ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill, 2001 cap. 10. Indice Introduzione I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti

Dettagli

La valutazione d azienda i metodi finanziari e dei multipli. Carlo Savazzi

La valutazione d azienda i metodi finanziari e dei multipli. Carlo Savazzi La valutazione d azienda i metodi finanziari e dei multipli Agenda Metodi di valutazione in generale Il metodo dei multipli Il DCF (Discounted Cash Flow) Un esempio concreto Gli elementi extra-contabili

Dettagli

Lezione 9 Analisi fondamentale dell investimento in capitale di rischio I metodi di valutazione. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri

Lezione 9 Analisi fondamentale dell investimento in capitale di rischio I metodi di valutazione. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Lezione 9 Analisi fondamentale dell investimento in capitale di rischio I metodi di valutazione Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri La valutazione La valutazione rappresenta il processo

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

Le scelte di investimento: concetti introduttivi

Le scelte di investimento: concetti introduttivi Le scelte di investimento: concetti introduttivi La valutazione degli investimenti Obiettivo: misurare il valore creato da un iniziativa di investimento supponendo, per il momento, che la struttura finanziaria

Dettagli

RENDIMENTO E RISCHIO DEI TITOLI AZIONARI. Prof. Marco Di Antonio

RENDIMENTO E RISCHIO DEI TITOLI AZIONARI. Prof. Marco Di Antonio RENDIMENTO E RISCHIO DEI TITOLI AZIONARI Prof. Marco Di Antonio PROBLEMATICITA Per i titoli azionari la costruzione di indicatori di rendimento è ancora più complessa rispetto ai titoli obbligazionari

Dettagli

GLI EQUILIBRI AZIENDALI

GLI EQUILIBRI AZIENDALI GLI EQUILIBRI AZIENDALI Il fine ultimo dell azienda è se stessa, ossia la sua capacità di sopravvivere e svilupparsi, operando in condizioni di «equilibrio». Le condizioni di equilibrio aziendale sono

Dettagli

Lezione 6 Analisi finanziaria: le determinanti della performance degli azionisti. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri

Lezione 6 Analisi finanziaria: le determinanti della performance degli azionisti. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Lezione 6 Analisi finanziaria: le determinanti della performance degli azionisti Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Introduzione Esiste una differenza tra analisi finanziaria e analisi

Dettagli

Indice della lezione. Per fare scelte coerenti in termini di Finanza Aziendale. La finanza aziendale. La stima del costo del capitale

Indice della lezione. Per fare scelte coerenti in termini di Finanza Aziendale. La finanza aziendale. La stima del costo del capitale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria Il costo del capitale è un tasso di attualizzazione Quale tasso di attualizzazione? Il Wacc La stima del costo del

Dettagli

Valutazione d impresa quando cambia la struttura di capitale: un caso, due approcci

Valutazione d impresa quando cambia la struttura di capitale: un caso, due approcci Valutazione d impresa quando cambia la struttura di capitale: un caso, due approcci di J. Nicolàs Ubago Vivas (*) e Marco Ubago Leardini (**) L obiettivo di quest articolo è presentare ed applicare al

Dettagli

Le società italiane creano ancora valore? L indagine 2013 sulle principali Società Italiane per Capitalizzazione di borsa

Le società italiane creano ancora valore? L indagine 2013 sulle principali Società Italiane per Capitalizzazione di borsa Le società italiane creano ancora valore? L indagine 2013 sulle principali Società Italiane per Capitalizzazione di borsa Indice LE SOCIETÀ ITALIANE CREANO ANCORA VALORE? L indagine 2013 sulle principali

Dettagli

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci. L approccio del valore. Cos è la creazione di valore? l approccio del valore

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci. L approccio del valore. Cos è la creazione di valore? l approccio del valore L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dei flussi di cassa l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio del valore l approccio

Dettagli

INFORMATIVA SINTETICA SULL ATTIVITÀ DI RICERCA

INFORMATIVA SINTETICA SULL ATTIVITÀ DI RICERCA INFORMATIVA SINTETICA SULL ATTIVITÀ DI RICERCA RATING SYSTEM Le raccomandazioni si conformano al seguente rating system, avendo come riferimenti il prezzo di mercato e il target price: BUY: se il target

Dettagli

Sommario. 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio

Sommario. 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio 1.1. Premessa... 3 1.2. L evoluzione dell analisi di bilancio... 3 1.3. Utilità e limiti dell analisi di bilancio... 6 1.4. Gli strumenti di analisi...

Dettagli

Titoli azionari. Università di Teramo - Teoria del portafoglio finanziario - Prof. Paolo Di Antonio

Titoli azionari. Università di Teramo - Teoria del portafoglio finanziario - Prof. Paolo Di Antonio Titoli azionari I modelli DDM (Dividend Discount Model) Calcolo del rendimento ex-post di un titolo azionario; Modelli basati sulla profittabilità dell impresa; Modello dei flussi di cassa; Gli indici

Dettagli

UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. L analisi degli investimenti industriali

UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. L analisi degli investimenti industriali UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA L analisi degli investimenti industriali Lezioni per il Corso di Diploma Universitario Economia e amministrazione delle imprese Anno Accademico 2000/2001 ASSI -

Dettagli

2. DAI PROSPETTI CONTABILI AI PROSPETTI GESTIONALI - FINANZIARI 3. ANALISI DELLA PERFORMANCE FINANZIARIA PASSATA

2. DAI PROSPETTI CONTABILI AI PROSPETTI GESTIONALI - FINANZIARI 3. ANALISI DELLA PERFORMANCE FINANZIARIA PASSATA SOMMARIO 1. I PROSPETTI CONTABILI 1.1. Introduzione... 3 1.2. Prospetto della situazione patrimoniale - finanziaria... 3 1.3. Conto economico... 6 1.4. Rendiconto finanziario... 7 1.5. Prospetto delle

Dettagli

Sommario. Presentazione dell edizione italiana... xi. efazione... xiii

Sommario. Presentazione dell edizione italiana... xi. efazione... xiii Sommario Presentazione dell edizione italiana... xi Prefazione efazione... xiii Capitolo 1 Il lato oscuro o della valutazione... 1 Definizione di un impresa tecnologica... 2 La crescita del settore tecnologico...

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI testo di riferimento: Analisi inanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill, 2001 cap. 10. Indice Introduzione I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti

Dettagli

Lezione 10 Il metodo dei multipli.

Lezione 10 Il metodo dei multipli. Lezione 10 Il metodo dei multipli. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri 1 Il metodo dei multipli L obiettivo della valutazione basata sui multipli di mercato (valutazione relativa) è la stima

Dettagli

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Indice Prefazione Autori XI XV Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Capitolo 1 Compiti ed evoluzione della funzione finanziaria 3 1.1 Compiti e finalità della funzione finanziaria

Dettagli

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014 IL BUSINESS PLAN PER TUTTI 25 giugno 2014 Elaborazione del Modello di Greitner Esempio di Mappa strategica Massimizzazione del profitto Remunerazione adeguata dei soci Economico Finanziaria Aumento della

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

Mario Parisi BUSINESS PLANNING. Eurilink

Mario Parisi BUSINESS PLANNING. Eurilink CAMPUS 24 Mario Parisi BUSINESS PLANNING Eurilink Copyright 2012 Eurilink Eurilink Edizioni Srl Via Nomentana, 335, 00162 Roma www.eurilink.it - info@eurilink.it ISBN: 978 88 95151 748 Prima edizione,

Dettagli

L IMPATTO FINANZIARIO CORRELATO ALL ACQUISTO DI UN AUTOVEICOLO

L IMPATTO FINANZIARIO CORRELATO ALL ACQUISTO DI UN AUTOVEICOLO Secondo Incontro Giovedì 14 Aprile 2011 L IMPATTO FINANZIARIO CORRELATO ALL ACQUISTO DI UN AUTOVEICOLO Interviene: Prof. Adriano Gios SOMMARIO LA SOSTENIBILITA FINANZIARIA DELL INVESTIMENTO IL DIVERSO

Dettagli

Obiettivi della lezione #4

Obiettivi della lezione #4 Obiettivi della lezione #4 La lezione oggi affronta i seguenti temi: modelli DCF: valore attuale netto e rendimento (saggio di rendimento interno) di un progetto il ruolo delle modalità di finanziamento

Dettagli

Il Roe è il migliore indicatore di performance? Il Roe è il migliore indicatore di performance? Le alternative al reddito sono molto significative.

Il Roe è il migliore indicatore di performance? Il Roe è il migliore indicatore di performance? Le alternative al reddito sono molto significative. Il Roe è il migliore indicatore di performance? Gli schemi di analisi si basano sull assunto che il Roe sia un valido indicatore sintetico della performance. In realtà, il Roe è solamente uno degli indicatori

Dettagli

La valutazione delle azioni. Corso di Economia del mercato mobiliare a.a. 2014/15

La valutazione delle azioni. Corso di Economia del mercato mobiliare a.a. 2014/15 La valutazione delle azioni Corso di Economia del mercato mobiliare a.a. 2014/15 1 La natura dell investimento in titoli azionari INVESTIMENTO IN AZIONI CAPITALE DI RISCHIO NELL ASPETTO SOGGETTIVO: STATUS

Dettagli

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 Indice Prefazione Introduzione XIII XV Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 1.1 Definizione e tipologie di investimento 1 1.1.1 Caratteristiche degli investimenti produttivi 3 1.1.2 Caratteristiche

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006 Contenuti, logiche ed effetti di Basilea 2 sulle PMI Le informazioni qualitative rilevanti ai fini del rating qualitativo: il controllo di gestione aziendale come elemento importante dei dati qualitativi

Dettagli

STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI

STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI Le due principali categorie in cui si dividono le opzioni sono: opzioni call, assegna la facoltà di acquistare o non acquistare l'attività sottostante

Dettagli

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009 DEFS01 II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009 Prova D FS 1 KNOWLEDGE 1 Il rischio specifico di un titolo azionario: 1. è quantificabile

Dettagli

di Giampaolo Calori Produzione e logistica >> Sistemi di management www.intesasanpaoloimprese.com

di Giampaolo Calori Produzione e logistica >> Sistemi di management www.intesasanpaoloimprese.com IL VALORE DELLA SINERGIA di Giampaolo Calori Produzione e logistica >> Sistemi di management Sommario Le fonti di sinergia...3 La valutazione delle sinergie operative...4 La valutazione delle sinergie

Dettagli

1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio. 3. La riclassificazione dello Stato patrimoniale

1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio. 3. La riclassificazione dello Stato patrimoniale 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio 1.1. Premessa... pag. 3 1.2. L evoluzione dell analisi di bilancio... pag. 3 1.3. Utilità e limiti dell analisi di bilancio... pag. 6 1.4. Gli strumenti

Dettagli

Analisi finanziaria e valore dell impresa

Analisi finanziaria e valore dell impresa Analisi finanziaria e valore dell impresa Metodi ed analisi di casi concreti (parte seconda) 1 Società: Software Alfa Spa consuntivo consuntivo budget piano 1 piano 2 piano 3 2010 2011 2012 2013 2014 2015

Dettagli

Allianz Bank Financial Advisors S.p.A. Metodologie utilizzate per la produzione delle raccomandazioni

Allianz Bank Financial Advisors S.p.A. Metodologie utilizzate per la produzione delle raccomandazioni Allianz Bank Financial Advisors S.p.A. Metodologie utilizzate per la produzione delle raccomandazioni INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. PRINCIPI GENERALI... 3 3. METODI BASATI SUI FLUSSI... 3 3.1. DCF UNLEVERED

Dettagli

Stock option e valore d impresa, gli interessi degli azionisti sono da tutelare

Stock option e valore d impresa, gli interessi degli azionisti sono da tutelare Stock option e valore d impresa, gli interessi degli azionisti sono da tutelare di Alberto Lanzavecchia, ASSI, The EVA 1 company - Docente a contratto Università di Parma. I l disegno dominante che sta

Dettagli

ROI, WACC e EVA: strumenti di pianificazione economico finanziaria Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato

ROI, WACC e EVA: strumenti di pianificazione economico finanziaria Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Articolo pubblicato sul n 22 / 2004 di Amministrazione e Finanza edito da Ipsoa. ROI, WACC e EVA: strumenti di pianificazione economico finanziaria Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Premessa

Dettagli

Lezione 3: Introduzione all analisi e valutazione delle azioni. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri

Lezione 3: Introduzione all analisi e valutazione delle azioni. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Lezione 3: Introduzione all analisi e valutazione delle azioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Valutazione degli investimenti in azioni Intuitivamente si crea valore quando un azienda

Dettagli

Banca Valsabbina Tasso Misto 01/07/2011-2016 ISIN IT0004739048

Banca Valsabbina Tasso Misto 01/07/2011-2016 ISIN IT0004739048 BANCA VALSABBINA S.C.p.A. Sede Legale: Vestone (Bs) via Molino, 4 Direzione Generale: Brescia via XXV Aprile, 8 Tel. 030 3723.1 Fax 030 3723.430 - Iscritta al Registro Imprese e CCIAA di Brescia REA n.9187

Dettagli

NEL MODELLO MICROECONOMICO

NEL MODELLO MICROECONOMICO NEL MODELLO MICROECONOMICO 1 solo periodo Output: flusso Input: flusso Decisioni dell impresa: raffrontare ricavi correnti con costi correnti Questo si adatta bene ad alcuni fattori (il LAVORO) Meno soddisfacente

Dettagli

TEST FINANZA OTTOBRE 2013

TEST FINANZA OTTOBRE 2013 TEST FINANZA OTTOBRE 03. Si consideri la funzione f ( ) ln( e ). Determinare l espressione corretta della derivata seconda f ( ). e f( ) ( e ) A B f( ) e f( ) ln ( e ) C D f( ). Dati i tre vettori (, 3,

Dettagli

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Premessa Il metodo DCF Come noto il metodo DCF (Discounted cash flow) si è affermato da tempo, soprattutto nella prassi

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli

Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli Martin Hoesli Giacomo Morri Capitolo 2 RENDIMENTO E RISCHIO DI UN INVESTIMENTO IMMOBILIARE Agenda Rendimento - Rendimenti immediati -

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

I criteri di giudizio della convenienza dei progetti

I criteri di giudizio della convenienza dei progetti Corso di laurea specialistica in architettura Indirizzo architettura per la città Laboratorio integrato ClaMARCH 3 - Cattedra B Valutazione economica del progetto I criteri di giudizio della convenienza

Dettagli

Banca Valsabbina T.F. 3,50% 14/12/2012-2015 ISIN IT0004874324

Banca Valsabbina T.F. 3,50% 14/12/2012-2015 ISIN IT0004874324 BANCA VALSABBINA S.C.p.A. iscritta al registro delle Imprese di Brescia e CCIAA di Brescia REA n.9187 Capitale Sociale 107.390.481 i.v. Sede Legale: via Molino, 4-25078 Vestone (BS) Direzione Generale:

Dettagli

Parte prima - Il costo del capitale per la determinazione del rendimento finanziario obiettivo

Parte prima - Il costo del capitale per la determinazione del rendimento finanziario obiettivo Indice Presentazione, di Gilberto Gabrielli Introduzione Significato dei simboli e degli acronimi XI XII XXI Parte prima - Il costo del capitale per la determinazione del rendimento finanziario obiettivo

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni IL BUSINESS PLAN Il Business Plan definizioni Il business plan, o piano di impresa, riassume i contenuti, le caratteristiche e le aspettative future di un iniziativa, di un progetto o di un attività Può

Dettagli

Analisi di bilancio 2007-2008

Analisi di bilancio 2007-2008 Analisi di bilancio 2007-2008 1 L analisi di bilancio Svilupperemo l analisi di bilancio sulla base di un sistema integrato di indicatori Obiettivo 1) 1) Valutare andamento dell impresa nel nel suo suo

Dettagli

Angela Gemma Giada Pivotto Luca Rossi Sigrid Rauch Vanessa Dedola CORSO DI ANALISI DEGLI EQUILIBRI GESTIONALI DELLA BANCA PROJECT WORK

Angela Gemma Giada Pivotto Luca Rossi Sigrid Rauch Vanessa Dedola CORSO DI ANALISI DEGLI EQUILIBRI GESTIONALI DELLA BANCA PROJECT WORK * Angela Gemma Giada Pivotto Luca Rossi Sigrid Rauch Vanessa Dedola CORSO DI ANALISI DEGLI EQUILIBRI GESTIONALI DELLA BANCA PROJECT WORK 1) PARTE INTRODUTTIVA equity research cosa è, scopo metodi per l'equity

Dettagli

Corso di Corporate e Investment Banking

Corso di Corporate e Investment Banking Anno Accademico 2010/2011 Corso di Corporate e Investment Banking Appello del 6 settembre 2011 Il tempo a disposizione è di 120 minuti. Scrivere subito su ogni pagina nome, cognome e numero di matricola.

Dettagli

Shareholder Value Theory e Corporate Social Responsibility. Docente: Michela Pellicelli

Shareholder Value Theory e Corporate Social Responsibility. Docente: Michela Pellicelli Shareholder Value Theory e Corporate Social Responsibility. Docente: Michela Pellicelli La funzione e il fine delle imprese Alcune definizioni Gino Zappa (1927) proponeva che la funzione principale delle

Dettagli

Le decisioni di investimento

Le decisioni di investimento DISPENSA 6 Economia ed Organizzazione Aziendale Le decisioni di investimento 1 Le decisioni di investimento Una introduzione 2 Come è possibile misurare, attraverso grandezze economico-finanziarie, l impatto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA PRIMA SEZIONE DELLA RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE INTEGRAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE PER IL BIENNIO 2013-2014

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA PRIMA SEZIONE DELLA RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE INTEGRAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE PER IL BIENNIO 2013-2014 COMUNICATO STAMPA RIUNITA L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI TELECOM ITALIA APPROVATO IL BILANCIO 2012 APPROVATA LA PRIMA SEZIONE DELLA RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE INTEGRAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE PER IL

Dettagli

Banca Valsabbina Step-Up 01/07/2011-2017 IT0004739766

Banca Valsabbina Step-Up 01/07/2011-2017 IT0004739766 BANCA VALSABBINA S.C.p.A. Sede Legale: Vestone (Bs) via Molino, 4 Direzione Generale: Brescia via XXV Aprile, 8 Tel. 030 3723.1 Fax 030 3723.430 - Iscritta al Registro Imprese e CCIAA di Brescia REA n.9187

Dettagli

LA GESTIONE BANCARIA ORIENTATA AL VALORE. INDICATORI, VERIFICHE, METODOLOGIE D APPLICAZIONE.

LA GESTIONE BANCARIA ORIENTATA AL VALORE. INDICATORI, VERIFICHE, METODOLOGIE D APPLICAZIONE. LA GESTIONE BANCARIA ORIENTATA AL VALORE. INDICATORI, VERIFICHE, METODOLOGIE D APPLICAZIONE. Fabio Santorum ed Eugenio Pavarani 1 - Bancaria, n.9 / 2001 Indice 1. Introduzione 1.1 Struttura e contenuti

Dettagli

IL VALORE FINANZIARIO DEL TEMPO. Docente: Prof. Massimo Mariani

IL VALORE FINANZIARIO DEL TEMPO. Docente: Prof. Massimo Mariani IL VALORE FINANZIARIO DEL TEMPO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il concetto di tempo Il valore finanziario del tempo Le determinanti del tasso di interesse La formula di Fisher I flussi di cassa

Dettagli

La strategia d impresa ed i beni di proprietà industriale: gli operatori d azienda tra problematiche valutative, finanziarie e fiscali

La strategia d impresa ed i beni di proprietà industriale: gli operatori d azienda tra problematiche valutative, finanziarie e fiscali La strategia d impresa ed i beni di proprietà industriale: gli operatori d azienda tra problematiche valutative, finanziarie e fiscali Angelo Cattaneo Milano, 22 febbraio 2010 INDICE Pirelli RE Immobilizzazioni

Dettagli

UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Lo sviluppo dell impresa e il ruolo dei soggetti esterni: Consulenti e finanziatori

UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Lo sviluppo dell impresa e il ruolo dei soggetti esterni: Consulenti e finanziatori UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Lo sviluppo dell impresa e il ruolo dei soggetti esterni: Consulenti e finanziatori Lezioni per il Corso di Diploma Universitario Economia e amministrazione delle

Dettagli

Appendice 17A L approccio del valore attuale rettificato per valutare i leveraged buyout 1

Appendice 17A L approccio del valore attuale rettificato per valutare i leveraged buyout 1 Appendice 17A L approccio del valore attuale rettificato per valutare i leveraged buyout 1 Introduzione Il leveraged buyout (LBO) è l acquisizione, da parte di un piccolo gruppo di investitori, di un azienda

Dettagli

LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI La società Delta S.p.A. redige il proprio Bilancio d esercizio in conformità ai principi contabili internazionali Ias/Ifrs. In relazione ad

Dettagli

Introduzione. La parte introduttiva affronta gli obiettivi della funzione finanza dal punto di vista teorico.

Introduzione. La parte introduttiva affronta gli obiettivi della funzione finanza dal punto di vista teorico. Introduzione L aspetto finanziario della gestione aziendale riveste un ruolo strategico nella conduzione della moderna impresa ed è argomento di rilevante interesse anche dal punto di vista scolastico.

Dettagli

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Newsletter Phedro dicembre 2007 La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Prof. Roberto Cappelletto 2 e Dott. Gabriele Toniolo 3 1) Dalla Logica Contabile all Analisi dei Flussi Come si è potuto

Dettagli