PIANO PROVINCIALE PER L ATTUAZIONE DELLE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MANTOVA 2004/2005. Premessa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO PROVINCIALE PER L ATTUAZIONE DELLE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MANTOVA 2004/2005. Premessa"

Transcript

1 PROVINCIA DI MANTOVA Area Istruzione, Lavoro e Formazione Servizio Provinciale del Lavoro PIANO PROVINCIALE PER L ATTUAZIONE DELLE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MANTOVA 2004/2005 Premessa A far data dal 31 luglio 2003, come disposto dalla dgr 1876/2000 e successive modifiche, la Provincia di Mantova ha confermato lo svuotamento del bacino locale degli LSU transitati (lavoratori in difficoltà occupazionale che hanno preso servizio presso enti locali e pubblici entro il 31/12/1997 per svolgere per almeno 12 mesi attività di pubblica utilità). L art. 45 della legge 144/99, sul riordino degli incentivi all occupazione, dispone che le risorse del Fondo Nazionale per l Occupazione - FNO - non impegnate per iniziative a favore dei Lavoratori Socialmente Utili possano essere eventualmente destinate alla realizzazione di misure di politica attiva del lavoro. In virtù di tale premessa e secondo quanto disposto dalla legge richiamata, con ddg del 20/10/2003 è stata destinata una quota del residuo FNO a favore delle Province lombarde per la realizzazione di interventi di politiche attive del lavoro attraverso la predisposizione dei Piani Provinciali. Azioni di Politica Attiva Nel corso del 2003 il Servizio Provinciale del Lavoro della Provincia di Mantova ha attivato alcuni progetti di supporto a categorie di lavoratori svantaggiati mediante l utilizzo di fondi altri rispetto al Fondo Nazionale per l Occupazione. Dopo la crisi che ha investito il settore tessile ed altri comparti del mantovano è stato avviato un progetto che ha visto coinvolti n 55 lavoratori da ricollocare in altre realtà produttive della zona attraverso un azione di outplacement sostenuta dalla Provincia di Mantova e dalle Associazioni di categoria locali. Il progetto di ricollocamento dei lavoratori è stato finanziato dalla Regione Lombardia che ha attinto ai finanziamenti del Fondo Sociale Europeo. L'iniziativa ha coinvolto lavoratori in mobilità o in cassaintegrazione che hanno prestato la loro opera in aziende della provincia di Mantova.

2 Provincia e Sindacati hanno preso contatti con Promos Consulting Srl, società milanese leader nell'outplacement, per concordare le modalità indispensabili per attuare il progetto e risolvere il problema dei suddetti lavoratori. L'iniziativa, utile per il mercato del lavoro dell'intero territorio, è terminata lo scorso 31 luglio ed è stata suddivisa in tre momenti fondamentali: l'orientamento, l'accompagnamento al lavoro e il job-scouting. L iniziativa ha portato al reinserimento occupazionale dell 80% dei lavoratori coinvolti (la maggior parte dei quali con contratti a tempo determinato). Un progetto analogo è stato attivato dal Servizio Provinciale del Lavoro, attraverso la collaborazione con l operatore UPAL (Unità Provinciale per le Politiche Attive del Lavoro), per la crisi che ha coinvolto la ditta Alfieri di Gonzaga del settore legname. Successivamente il progetto è stato esteso ai lavoratori iscritti alla lista di mobilità interessati all iniziativa (per un numero massimo di 20 soggetti). La richiesta di finanziamento per tale azione di politica attiva del lavoro è stata presentata facendo riferimento ai fondi disponibili, per le crisi aziendali, nel capitolo n 908 del Bilancio Regionale. L iniziativa ha ufficialmente preso il via il 20 gennaio scorso, con un incontro che ha visto protagoniste le parti sociali e la Provincia. I lavoratori coinvolti nell iniziativa sono stati contattati ed invitati a sostenere un colloquio di orientamento con un esperto individuato dalla Provincia. In seconda battuta è stato organizzato un incontro con i lavoratori, alla presenza del sindacato, presso la Scuola Bertazzoni di Suzzara, nel quale sono state presentate le varie ipotesi di corsi formativi da attivare per il reinserimento occupazionale di queste persone. A completamento del progetto, nel caso in cui i fondi a disposizione lo rendessero possibile, è prevista un azione conclusiva di outplacement per n 10/15 soggetti interessati. Con la collaborazione dalla Provincia, nell ambito della logica progettuale complessiva, si segnalano inoltre, per i cittadini extracomunitari residenti a Mantova, azioni di sostegno promosse da enti che operano nell ambito del sociale. Da ultimo si sottolinea l impegno della Provincia, in compartecipazione con la Regione, sul versante delle politiche attive del lavoro, attraverso la promozione di azioni positive, anche grazie alla progettualità ed ai finanziamenti derivanti dall FSE - OB 3, rivolte alle fasce deboli o svantaggiate, alle donne, ai giovani, ai soggetti disabili inoccupati o disoccupati, ai lavoratori in mobilità o cassaintegrati ed alle aziende come incentivo all occupazione o come sostegno a stati di crisi.

3 Azioni da avviare con i fondi FNO Breve premessa: tutte le azioni, dal momento della progettazione a quello dell implementazione, si svilupperanno attraverso il coordinamento ed il monitoraggio forniti dall UPAL, che garantirà una collaborazione continua fra Provincia e Regione. Nota: in sede di esecuzione delle varie azioni, verranno valutate le richieste della Consigliera di Parità per attribuire maggiori spazi alle differenze di genere. LE AZIONI: 1. Azioni mirate a facilitare l inserimento occupazionale di lavoratori disabili Su segnalazione del Collocamento Mirato Provinciale, di concerto con le Parti Sociali e con le Amministrazioni Comunali locali, si è individuato un pacchetto di azioni finalizzate all inserimento lavorativo di soggetti disabili e/o svantaggiati, mediante la collaborazione con enti preposti alla concessione di servizi nel campo dei trasporti. Questo pacchetto nasce dall evidenza, riscontrata dai soggetti sopra menzionati, del fatto che la possibilità di raggiungere il luogo di lavoro risulti essere, per un disabile, condizione primaria nell accettare o meno un offerta di impiego. 2. Inserimento e mantenimento occupazionale di lavoratori disabili; monitoraggio e ricerca statistica In riferimento a precedenti esperienze similari saranno attivate azioni di sostegno finalizzate all inserimento lavorativo di soggetti disabili. Per una migliore gestione del progetto, si è reputato opportuno attivare un sistema di monitoraggio e di ricerca statistica che sarà finalizzato alla prevenzione mirata al mantenimento dei suddetti soggetti all interno del circuito occupazionale locale. 3. Attivazione di borse-lavoro per disoccupati over 40 Le azioni saranno indirizzate all organizzazione di tirocini in azienda (n 680 ore), preceduta da formazione orientativa (n 30 ore), e di attività di accompagnamento. Di concerto con le parti sociali e con la Consigliera di Parità verranno individuati e concordati i criteri attuativi relativi alla specifica azione.

4 4. Attivazione di moduli professionalizzanti per donne in difficoltà occupazionale Organizzazione di moduli professionalizzanti per donne in difficoltà occupazionale, finalizzati a fornire competenze verso mansioni e profili professionali che verranno individuati mediante la collaborazione con i Centri per l Impiego e con l Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. Il percorso formativo sarà di n 100 ore. 5. Lista di mobilità La proposta prende spunto dall idea di voler valorizzare e promuovere a livello territoriale la lista dei lavoratori della provincia di Mantova posti in mobilità dalle aziende locali in crisi. L obiettivo prioritario di questa azione è quello di favorire ulteriori possibilità di match domanda/offerta per i lavoratori iscritti alla lista di mobilità. Attraverso la collaborazione con le parti sociali locali e con la Consigliera di Parità verrà istituito un organismo preposto al coordinamento ed all attuazione degli interventi previsti. Per individuare le potenzialità occupazionali presenti sul territorio sarà necessaria un indagine conoscitiva mirata alla rilevazione delle potenzialità socio-economiche e dei fabbisogni professionali della provincia. Una volta individuato il contesto territoriale, tutti gli iscritti alla lista di mobilità verranno contattati per richiederne l adesione o meno a progetti di riqualificazione professionale o di outplacement. In prima battuta verranno coinvolti soggetti in piccola mobilità, dando la precedenza agli over-40 ed alle donne. Mediante il software job channel verrà costituito un catalogo delle professionalità dei lavoratori in mobilità, interessati al progetto, accessibile alle aziende mediante selezione on-line. Attraverso incontri, seminari e sito web della Provincia, il catalogo verrà promosso fra le aziende locali per favorire l incrocio domanda/offerta. Il progetto verrà attivato di concerto con i Centri per l Impiego locali e con le Parti Sociali. L incarico verrà affidato ad uno o più soggetti esterni. 6. Riqualificazione professionale e outplacement per lavoratori posti in mobilità e per disoccupati di lunga durata Finanziamento di progetti di riqualificazione e di outplacement per lavoratori e lavoratrici posti in mobilità e per disoccupati di lunga durata. Le azioni riferite ai lavoratori posti in mobilità verranno programmate ed attuate nel momento in cui si verificheranno situazioni di crisi aziendali sul territorio. Per i disoccupati di lungo periodo si attiveranno azioni di concerto con i Centri per l Impiego e con i Centri di Formazione Professionale presenti sul territorio.

5 Visto l evolversi di alcune crisi di forte impatto sociale, soprattutto nel comparto tessile, si presume che buona parte di queste risorse verranno indirizzate verso queste situazioni che richiedono rapidità e priorità di intervento da parte delle parti sociali e delle istituzioni. L Unità Provinciale Politiche Attive per il Lavoro fungerà da riferimento e da soggetto coordinatore per le suddette azioni. Tale azione verrà attivata a sostegno ed integrazione di interventi con finalità similari nell ambito del capitolo di bilancio regionale n Percorsi sul tema salute e sicurezza sul luogo di lavoro Tra le azioni di politica attiva del lavoro attivabili all interno dei Piani Provinciali, viene contemplato anche il tema della sicurezza e della salute sul luogo di lavoro. Tale azione è trasversale rispetto a tutte le altre sin qui individuate all interno del Piano Provinciale; questo perché la valenza e la finalità che essa ricopre sono di più ampio respiro, andando ad interessare, nel breve periodo, la formazione dello studente, mentre, a lungo termine, andrà poi a ricadere positivamente sul futuro lavorativo dello stesso. Poiché l indice di incidenza degli infortuni sul lavoro è particolarmente elevato nelle piccole imprese, e poiché la realtà imprenditoriale mantovana fa leva in maniera preponderante su tali aziende, la Provincia di Mantova ritiene opportuno avviare una campagna di sensibilizzazione sulla cultura della sicurezza nelle ultime classi delle scuole secondarie superiori ad indirizzo professionale presenti sul territorio. A tale scopo l Agenzia Regionale per il Lavoro ha attivato dei contatti per stipulare, al più presto, un accordo con le Associazioni degli invalidi del lavoro considerate maggiormente rappresentative sul territorio lombardo. Di concerto con la Provincia, sarà cura delle suddette Associazioni mettere a disposizione degli istituti scolastici interessati i soggetti più adatti a trasferire agli studenti conoscenze ed esperienze in merito a questo importante tema. Verranno attivate collaborazioni anche con le parti sociali, con gli organismi competenti in materia sul territorio e con gli enti bilaterali provinciali. 8. Diffusione e sensibilizzazione delle azioni sul territorio Il Piano Provinciale per le Politiche Attive del Lavoro e le attività ad esso connesse verranno resi pubblici attraverso varie metodologie, a seconda delle esigenze, per una miglior fruizione da parte dell utenza. Una delle attività sopra menzionate già attivate è la Rassegna Stampa Lavoro. Essa avrà una duplice finalità: a) raccolta delle ultime notizie in materia di crisi aziendali locali conclamante o in divenire; b) divulgazione di informazioni sul mondo del lavoro, locale e non, di varia tipologia, in favore dell utenza. Per una maggior divulgazione sul territorio delle singole azioni che verranno poi a concretizzarsi sono previste spese di: cartellonistica per diffusione bandi, volantinaggio, pubblicazioni web e sui quotidiani locali, depliant e quant altro possa ritenersi utile alla promozione ed alla diffusione delle iniziative.

INTESA TRA. Provincia di Mantova rappresentata dall Assessore al Lavoro e alla Formazione Professionale, Carlo Grassi

INTESA TRA. Provincia di Mantova rappresentata dall Assessore al Lavoro e alla Formazione Professionale, Carlo Grassi INTESA PER L INTEGRAZIONE DELLE POLITICHE TERRITORIALI E DELLE AZIONI PER CONTRASTARE LE CONSEGUENZE SULL OCCUPAZIONE E SUL SISTEMA PRODUTTIVO DELLA CRISI ECONOMICA nell ambito territoriale del distretto

Dettagli

PIANO PROVINCIALE PER L INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI

PIANO PROVINCIALE PER L INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI PROVINCIA DI SONDRIO Settore Formazione, Lavoro e Politiche sociali Servizio Mercato del Lavoro U.O. Ufficio Provinciale per il diritto al lavoro dei disabili PIANO PROVINCIALE PER L INSERIMENTO MIRATO

Dettagli

I NUMERI E LE ATTIVITA DEI CENTRI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI TORINO

I NUMERI E LE ATTIVITA DEI CENTRI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI TORINO 1 I NUMERI E LE ATTIVITA DEI CENTRI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI TORINO 13 CENTRI PER L IMPIEGO su 15 SEDI, di cui 2 integrate con INPS (Torino e Carmagnola) 233 unità di personale impiegate nei CPI

Dettagli

Formazione Professionale 10

Formazione Professionale 10 Formazione Professionale 10 Come per gli scorsi anni si riporta di seguito la tabella delle attività formative programmate nel corso del 2006. Il volume di attività e soprattutto la quantità di risorse

Dettagli

1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO

1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO Allegato 1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO 2011/2012 1. Obiettivi dell intervento Obiettivo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DEGLI INVALIDI DEL LAVORO TRA L I.N.A.I.L. SEDE DI ROVIGO E LA PROVINCIA DI ROVIGO

PROTOCOLLO D INTESA PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DEGLI INVALIDI DEL LAVORO TRA L I.N.A.I.L. SEDE DI ROVIGO E LA PROVINCIA DI ROVIGO PROTOCOLLO D INTESA PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DEGLI INVALIDI DEL LAVORO TRA L I.N.A.I.L. SEDE DI ROVIGO E LA PROVINCIA DI ROVIGO L I.N.A.I.L. sede di ROVIGO nella persona della Dottoressa Patrizia

Dettagli

AZIONE DI SISTEMA FILO. Formazione Imprenditorialità Lavoro Orientamento

AZIONE DI SISTEMA FILO. Formazione Imprenditorialità Lavoro Orientamento AZIONE DI SISTEMA FILO Formazione Imprenditorialità Lavoro Orientamento Azione di sistema: FILO- Formazione, imprenditorialità, lavoro e orientamento Il ruolo delle Camere di Commercio sui temi dello sviluppo

Dettagli

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO Allegato alla deliberazione n. 43/1 del 25.10.2007 PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO LEGGE REGIONALE 29 MAGGIO 2007, N. 2 - (LEGGE

Dettagli

FORMAZIONE. Newsletter FORMAZIONE, ISTRUZIONE, LAVORO n.1. 10 Maggio 2009 NEWS DELLA SETTIMANA

FORMAZIONE. Newsletter FORMAZIONE, ISTRUZIONE, LAVORO n.1. 10 Maggio 2009 NEWS DELLA SETTIMANA FORMAZIONE NEWS DELLA SETTIMANA SEMINARIO: Si terrà il prossimo 15 maggio alle ore 16.00 presso Irecoop Toscana, Piazza San Lorenzo 1, piano secondo, il seminario dal titolo: FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE

Dettagli

OT 10 - INVESTIRE NELL ISTRUZIONE, FORMAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE, PER LE COMPETENZE E L APPRENDIMENTO PERMANENTE

OT 10 - INVESTIRE NELL ISTRUZIONE, FORMAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE, PER LE COMPETENZE E L APPRENDIMENTO PERMANENTE La formazione continua nella programmazione FSE 2014-2020 di Franco Silvestri Insieme con i Fondi Interprofessionali è il Fondo Sociale Europeo la principale fonte di finanziamento per gli interventi di

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Allegato A PROVINCIA DI COMO SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

Allegato A PROVINCIA DI COMO SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO Allegato A PROVINCIA DI COMO SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE FORMALE ESTERNA DEGLI APPRENDISTI A FINANZIAMENTO PUBBLICO IN PROVINCIA

Dettagli

PROGETTO: INTERVENTI INTEGRATI PER LA FORMAZIONE E LA RICOLLOCAZIONE PROFESSIONALE DI LAVORATORI/LAVORATRICI IN CIGS O MOBILITÀ.

PROGETTO: INTERVENTI INTEGRATI PER LA FORMAZIONE E LA RICOLLOCAZIONE PROFESSIONALE DI LAVORATORI/LAVORATRICI IN CIGS O MOBILITÀ. PROGETTO: INTERVENTI INTEGRATI PER LA FORMAZIONE E LA RICOLLOCAZIONE PROFESSIONALE DI LAVORATORI/LAVORATRICI IN CIGS O MOBILITÀ. SOGGETTO PROPONENTE/CAPOFILA: ITALIAINDUSTRIA s.r.l. SOGGETTI PARTNER ATTUATORI:

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI OCCUPAZIONE E MERCATO DEL LAVORO. TITOLO I - Disposizioni generali. CAPO I - Finalità e competenze

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI OCCUPAZIONE E MERCATO DEL LAVORO. TITOLO I - Disposizioni generali. CAPO I - Finalità e competenze DISPOSIZIONI IN MATERIA DI OCCUPAZIONE E MERCATO DEL LAVORO TITOLO I - Disposizioni generali CAPO I - Finalità e competenze Art. 1 - Finalità e campo di applicazione. 1. La Regione del Veneto promuove

Dettagli

Bollettino mensile N. 10. A cura della redazione

Bollettino mensile N. 10. A cura della redazione Bollettino mensile N. 10 Ultime dal progetto L esperienza della visita al CPI di Torino A cura della redazione Nel mese di novembre (18-19), nell ambito del progetto di assistenza tecnica attivato dall

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

ALLEGATO A PROVINCIA DI TORINO SCHEDE INTERVENTO

ALLEGATO A PROVINCIA DI TORINO SCHEDE INTERVENTO ALLEGATO A PROVINCIA DI TORINO SCHEDE INTERVENTO Azioni preventive e curative della disoccupazione di lunga durata nelle aree territoriali della provincia di Torino ad esclusione del Comune di Torino,

Dettagli

SERVIZIO COLLOCAMENTO DISABILI DI LECCO PIANO PROVINCIALE DISABILI ANNO 2014-2016. Oltre la crisi

SERVIZIO COLLOCAMENTO DISABILI DI LECCO PIANO PROVINCIALE DISABILI ANNO 2014-2016. Oltre la crisi ALLEGATO A) SERVIZIO COLLOCAMENTO DISABILI DI LECCO PIANO PROVINCIALE DISABILI ANNO 2014-2016 Oltre la crisi (Approvato con deliberazione di Giunta Provinciale n. 43 del 25.02.2014) 1) RIFERIMENTI NORMATIVI

Dettagli

TABELLA D ESPERIENZA DEGLI OPERATORI CHE CHIEDONO DI ACCREDITARSI. di cui all art. 6

TABELLA D ESPERIENZA DEGLI OPERATORI CHE CHIEDONO DI ACCREDITARSI. di cui all art. 6 TABELLA D ESPERIENZA DEGLI OPERATORI CHE CHIEDONO DI ACCREDITARSI di cui all art. 6 1 Tabella D: ESPERIENZA SERVIZI PER IL LAVORO GENERALI OBBIGATORI Aree Funzionali I, II, III e IV (i contenuti indicati

Dettagli

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P.

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P. I.P. ampania! prospettive FUTURO informazione crescita produttività Capitale umano LAVORO azione crescita OCCUPAZIONE programmione azione prospettive INTEGRAZIONE giovani I inserimento INCLUSIONE sicurezza

Dettagli

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P.

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P. I.P. ampania! prospettive FUTURO informazione crescita produttività Capitale umano LAVORO azione crescita OCCUPAZIONE programmione azione prospettive INTEGRAZIONE giovani I inserimento INCLUSIONE sicurezza

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO Fondo Regionale per l occupazione dei disabili di cui all art. 14 della Legge 12 marzo 1999, n.68 TIROCINI L.68/1999 IL DIRIGENTE AREA PERSONALE

Dettagli

PROGRAMMA DI SOSTEGNO AL RAFFORZAMENTO DELLE COMPETENZE ED ALLA RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI ISCRITTI AI CPI PROVINCIALI

PROGRAMMA DI SOSTEGNO AL RAFFORZAMENTO DELLE COMPETENZE ED ALLA RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI ISCRITTI AI CPI PROVINCIALI PROGRAMMA DI SOSTEGNO AL RAFFORZAMENTO DELLE COMPETENZE ED ALLA RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI ISCRITTI AI CPI PROVINCIALI FABBISOGNI RILEVATI, PRIORITÀ' DI INTERVENTO Il documento di ricognizione tecnica

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Viale Postumia, 37 37069 Villafranca di Verona (VR) Tel. 045/6304651 Fax 045/6300786 C.F. e P.IVA 02468430232

CARTA DEI SERVIZI. Viale Postumia, 37 37069 Villafranca di Verona (VR) Tel. 045/6304651 Fax 045/6300786 C.F. e P.IVA 02468430232 Iscritto all elenco regionale dei soggetti accreditati ai sensi dell art. 25 della Legge Regionale n. 3 del 13 marzo 2009 Disposizioni in materia di occupazione e mercato del lavoro Codice accreditamento:

Dettagli

Borsa continua nazionale del lavoro pag. 16

Borsa continua nazionale del lavoro pag. 16 RICERCA ATTIVA DEL LAVORO 2 sommario Introduzione pag. 4 Centri per l impiego pag. 6 Agenzie per il lavoro pag. 12 Informagiovani pag. 14 Altri operatori pag. 15 Borsa continua nazionale del lavoro pag.

Dettagli

Rete per il Lavoro. Piano esecutivo. Modello Sperimentale di Collaborazione Pubblico-Privato per la Gestione delle Politiche del Lavoro

Rete per il Lavoro. Piano esecutivo. Modello Sperimentale di Collaborazione Pubblico-Privato per la Gestione delle Politiche del Lavoro Convenzione Italia Lavoro S.p.A. Agenzia per l Inclusione Sociale per la sperimentazione di modelli di collaborazione pubblico-privato nelle politiche attive del lavoro e la costituzione della Rete Locale

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 Linee di Indirizzo Programmazione biennio 2011-2012 1 INDICE Premessa... 3 1. Dati di contesto provinciale... 4 2. Priorità e obiettivi provinciali:... 6 3. Le risorse

Dettagli

ANDAMENTO OCCUPAZIONALE E AZIONI DI POLITICA ATTIVA DELLA PROVINCIA DI TRIESTE

ANDAMENTO OCCUPAZIONALE E AZIONI DI POLITICA ATTIVA DELLA PROVINCIA DI TRIESTE ASSESSORATO ALLE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO E COLLOCAMENTO MIRATO, PROGRAMMAZIONE SCOLASTICA E DIRITTO ALLO STUDIO, COOPERAZIONE SOCIALE Assessore Adele Pino ANDAMENTO OCCUPAZIONALE E AZIONI DI POLITICA

Dettagli

ENTE NAZIONALE DON ORIONE - FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PRESENTAZIONE DELL E.N.D.O. F.A.P.

ENTE NAZIONALE DON ORIONE - FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PRESENTAZIONE DELL E.N.D.O. F.A.P. E. N. D. O. F.A. P. ENTE NAZIONALE DON ORIONE - FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PRESENTAZIONE DELL E.N.D.O. F.A.P. L ENDO-FAP (Ente Nazionale Don Orione Formazione Aggiornamento Professionale)

Dettagli

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEGLI ESITI OCCUPAZIONALI DEGLI INTERVENTI FORMATIVI ATTUATI DALL AGENZIA DEL LAVORO 1

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEGLI ESITI OCCUPAZIONALI DEGLI INTERVENTI FORMATIVI ATTUATI DALL AGENZIA DEL LAVORO 1 MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEGLI ESITI OCCUPAZIONALI DEGLI INTERVENTI FORMATIVI ATTUATI DALL AGENZIA DEL LAVORO 1 Premessa L Agenzia del Lavoro della Provincia autonoma di Trento (PaT), presso cui si incardina

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Metodologie e strumenti. Il sistema di accreditamento e gli standard minimi dei Servizi per il lavoro in Lombardia

Metodologie e strumenti. Il sistema di accreditamento e gli standard minimi dei Servizi per il lavoro in Lombardia Metodologie e strumenti Il sistema di accreditamento e gli standard minimi dei Servizi per il lavoro in Lombardia Lombardia (pag. 1/5) Al fine di perseguire gli obiettivi dichiarati dalla Strategia europea

Dettagli

Servizi. per le aziende. Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003

Servizi. per le aziende. Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003 Servizi per le aziende Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003 L applicativo studiato per la trasmissione delle comunicazioni obbligatorie

Dettagli

PATTI TERRITORIALI: INCONTRI CON I SINDACI DEI COMUNI CAPOFILA DEI PIANI DI ZONA. a cura di Donata Orlati

PATTI TERRITORIALI: INCONTRI CON I SINDACI DEI COMUNI CAPOFILA DEI PIANI DI ZONA. a cura di Donata Orlati PATTI TERRITORIALI: INCONTRI CON I SINDACI DEI COMUNI CAPOFILA DEI PIANI DI ZONA a cura di Donata Orlati Sono stati avviati i primi incontri con i Sindaci dei Comuni capofila dei Piani di Zona, anche laddove,

Dettagli

SERVIZI AL LAVORO CARTA DEI SERVIZI

SERVIZI AL LAVORO CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AL LAVORO CARTA DEI SERVIZI Sedi: BELLUNO e FELTRE 1 INDICE Premessa generale pag. 1 Obiettivi del servizio pag. 1 Soggetti destinatari pag. 1 Aree di prestazione pag. 4 Organizzazione dei Servizi

Dettagli

Progetto SVI.S.PO. Intervento integrato di sviluppo e innovazione del sistema pontino. POR Obiettivo 2 FSE 2007-2013 Regione Lazio

Progetto SVI.S.PO. Intervento integrato di sviluppo e innovazione del sistema pontino. POR Obiettivo 2 FSE 2007-2013 Regione Lazio Progetto SVI.S.PO. Intervento integrato di sviluppo e innovazione del sistema pontino POR Obiettivo 2 FSE 2007-2013 Regione Lazio Agenda dell incontro Anagrafica del progetto Soggetto attuatore Valore

Dettagli

Area Sviluppo Economico Settore Lavoro. PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 Annualità 2012 DOTE 4

Area Sviluppo Economico Settore Lavoro. PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 Annualità 2012 DOTE 4 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 Annualità 2012 DOTE 4 Azioni finalizzate all autoimprenditorialità delle persone disabili ai sensi della legge 68/99 Aggiornato

Dettagli

Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo della Toscana. investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani

Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo della Toscana. investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo della Toscana investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Codice fiscale Caruso Vincenzo CRSVCN71P07G964X ESPERIENZA LAVORATIVA 07/2009 - in corso ITALIA LAVORO SPA - Napoli (Napoli) Operatore

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

ASSESSORATO LAVORO E FORMAZIONE

ASSESSORATO LAVORO E FORMAZIONE ASSESSORATO LAVORO E FORMAZIONE Redatto con il contributo di Italia Lavoro SpA attraverso il Programma "Qualificazione dei servizi per il lavoro e supporto alla governance regionale", finanziato dal PON

Dettagli

Fondo MICROCREDITO FSE

Fondo MICROCREDITO FSE Napoli 29 maggio 2012 Fondo MICROCREDITO FSE P.O. Campania FSE 2007-2013 Asse I Adattabilità Ob. Spec. c) Ob. Op. c.2 Asse II Occupabilità Ob. Spec. e) Ob. Op. e.3, e.4 Asse III Inclusione sociale Ob.

Dettagli

Lombardia 2011: occupazione e politiche del lavoro dopo tre anni di crisi. Risultati e prospettive

Lombardia 2011: occupazione e politiche del lavoro dopo tre anni di crisi. Risultati e prospettive Fondazione Anna Kuliscioff Lombardia 2011: occupazione e politiche del lavoro dopo tre anni di crisi. Risultati e prospettive ALESSANDRO BORGIALLI Responsabile Nazionale Politiche del Lavoro ADECCO Agenda

Dettagli

SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO

SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 01 Titolo: Sistemi E-Commerce per l Agricoltura SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 02 Acronimo: Agri@ 03 Soggetto proponente capofila e partenariato operativo 03.1. Denominazione soggetto proponente

Dettagli

(Associazione riconosciuta ai sensi della Legge Regionale N. 7/54, con delibera della Giunta Provinciale n. 2998 del 28 agosto 2006)

(Associazione riconosciuta ai sensi della Legge Regionale N. 7/54, con delibera della Giunta Provinciale n. 2998 del 28 agosto 2006) A.G.C.I. Alto Adige Südtirol soc. coop. Sede Legale Via Siemens, 23 39100 Bolzano Tel 0471 061360 / Fax 0471 061361 / EMAIL info@agci.bz.it P.Iva: 02525450215 CF: 02525450215 (Associazione riconosciuta

Dettagli

PROGRAMMA 7 ISTRUZIONE, FORMAZIONE LAVORO E SICUREZZA LAVORO

PROGRAMMA 7 ISTRUZIONE, FORMAZIONE LAVORO E SICUREZZA LAVORO PROGRAMMA 7 ISTRUZIONE, FORMAZIONE LAVORO E SICUREZZA LAVORO Responsabile: Silvano Gherardi INIZIATIVE ED ATTIVITÀ PIANO DEI SERVIZI DEL SISTEMA EDUCATIVO Definizione dell offerta formativa nelle istituzioni

Dettagli

FEG AGILE Regione Lombardia ALLEGATO

FEG AGILE Regione Lombardia ALLEGATO ALLEGATO Azioni proposte da a favore dei lavoratori in esubero dell azienda Agile con sede di lavoro in, Pregnana (Milano) 1 Premessa...2 Parte F - Azioni proposte...3 A. La Rete degli attori per il Reimpiego...3

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA La Regione Siciliana in collaborazione con Italia Lavoro ha destinato 19.250.000 euro per l avviamento di percorsi di tirocinio per

Dettagli

Istituto Regionale per l Educazione e Studi Cooperativi

Istituto Regionale per l Educazione e Studi Cooperativi IRECOOP VENETO, Associazione Riconosciuta con D.G.R. 2004 del 07 maggio 1996, è un Ente di formazione promosso dalla Confcooperative Unione Regionale del Veneto e dalla Federazione Veneta delle Banche

Dettagli

Modalità di accesso e criteri di valutazione

Modalità di accesso e criteri di valutazione Autonome Provinz Bozen-Südtirol Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige Legge Provinciale 10 agosto 1977, n. 29 Modalità di accesso e criteri di valutazione (Delibera G.P. n. 3238 del 17 settembre 2001)

Dettagli

Garanzia Giovani IL PIANO DI ATTUAZIONE ITALIANO. A cura dell'area Lavoro Ital Uil

Garanzia Giovani IL PIANO DI ATTUAZIONE ITALIANO. A cura dell'area Lavoro Ital Uil Garanzia Giovani IL PIANO DI ATTUAZIONE ITALIANO IL PROGRAMMA La GARANZIA GIOVANI è un PROGRAMMA EUROPEO per il contrasto al fenomeno della disoccupazione giovanile IL CONTESTO LA RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

- Lo stato di disoccupazione

- Lo stato di disoccupazione Indice La disoccupazione - Lo stato di disoccupazione - Che cos è - Disoccupati: una categoria trasversale - La dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro - Immediatamente disponibili - La perdita

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 18 - Martedì 28 aprile 2015

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 18 - Martedì 28 aprile 2015 Bollettino Ufficiale 5 D.g.r. 24 aprile 2015 - n. X/3453 Determinazione in ordine alle iniziative in favore dell inserimento socio-lavorativo delle persone con disabilità e integrazione delle linee di

Dettagli

5LODQFLR GHL 6HUYL]L SHU O,PSLHJR LQ SURYLQFLD GL %ULQGLVL SHU 3ROLWLFKH$WWLYHSHUO,PSLHJR

5LODQFLR GHL 6HUYL]L SHU O,PSLHJR LQ SURYLQFLD GL %ULQGLVL SHU 3ROLWLFKH$WWLYHSHUO,PSLHJR 5LODQFLR GHL 6HUYL]L SHU O,PSLHJR LQ SURYLQFLD GL %ULQGLVL SHU 3ROLWLFKH$WWLYHSHUO,PSLHJR Al 31 dicembre 2005, n. 62.709 lavoratori avevano presentato ai Centri per l Impiego della nostra provincia la

Dettagli

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n. GARANZIA GIOVANI Riferimenti normativi Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 Decreto legge n. 76/2013 legge n. 99/2013 Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Dettagli

CARTA ILA CHE COS'È PERCHE

CARTA ILA CHE COS'È PERCHE CARTA ILA CHE COS'È La Carta ILA, la carta di credito formativa individuale La carta ILA è uno strumento sperimentale per la formazione individuale; consiste in una carta di credito prepagata che offre

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE. Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza

POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE. Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza (Catanzaro, 31 luglio

Dettagli

ALLEGATO. SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino

ALLEGATO. SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino ALLEGATO SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE DEL FONDO REGIONALE DISABILI ULTERIORMENTE ASSEGNATE AL PIANO PROVINCIALE FRD 2008-10 CON LA

Dettagli

DOCUMENTO ANTICRISI Associazioni Autonomie Locali, Organizzazioni sindacali CGIL-CISL-UIL e Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

DOCUMENTO ANTICRISI Associazioni Autonomie Locali, Organizzazioni sindacali CGIL-CISL-UIL e Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Unione delle Province del Friuli Venezia Giulia Segreterie Regionali Friuli Venezia Giulia DOCUMENTO ANTICRISI Associazioni Autonomie Locali, Organizzazioni sindacali CGIL-CISL-UIL e Regione Autonoma Friuli

Dettagli

DOTE UNICA LAVORO 2013-2015

DOTE UNICA LAVORO 2013-2015 DOTE UNICA LAVORO 2013-2015 DGR 748 del 04/10/2013 Regione Lombardia Segretaria Dip. MdL, Formazione, Ricerca e Scuola - Fulvia Colombini Dip. MdL, Formazione, Ricerca e Scuola Annalisa Radice Paolo Vieri

Dettagli

PROGETTO S.O.L. STRATEGIE A SOSTEGNO DELL OCCUPABILITA LAVORATIVA DELLE FASCE DEBOLI AMBITO TERRITORIALE DI COMO

PROGETTO S.O.L. STRATEGIE A SOSTEGNO DELL OCCUPABILITA LAVORATIVA DELLE FASCE DEBOLI AMBITO TERRITORIALE DI COMO PROGETTO S.O.L. STRATEGIE A SOSTEGNO DELL OCCUPABILITA LAVORATIVA DELLE FASCE DEBOLI AMBITO TERRITORIALE DI COMO PREMESSA I Comuni dell, attraverso l Ufficio di Coordinamento del Piano di Zona, hanno promosso

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO DELLA TOSCANA INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA, DELL OCCUPAZIONE E DEL FUTURO DEI GIOVANI

PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO DELLA TOSCANA INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA, DELL OCCUPAZIONE E DEL FUTURO DEI GIOVANI PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO DELLA TOSCANA INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA, DELL OCCUPAZIONE E DEL FUTURO DEI GIOVANI PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO

Dettagli

ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51

ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51 ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51 Campania al Lavoro, un piano di azione per favorire l, occupazione Qualità e innovazione per l occupazione.

Dettagli

10. Le politiche attive del lavoro e i centri per l impiego

10. Le politiche attive del lavoro e i centri per l impiego 10. Le politiche attive del lavoro e i centri per l impiego a cura della Provincia di Treviso, Settore Lavoro, Sociale e Formazione Professionale 1. I servizi a supporto del territorio provinciale, erogati

Dettagli

La nuova iniziativa sarà denominata Sostegno prima Impresa mentre l iniziativa in essere sarà denominata Sostegno Sociale

La nuova iniziativa sarà denominata Sostegno prima Impresa mentre l iniziativa in essere sarà denominata Sostegno Sociale Allegato alla convenzione del 4/11/2011, modificato in data 25 settembre 2014 e in data 19 marzo 2015 FONDO DI GARANZIA FINALIZZATO A SOSTENERE LA NASCITA DI NUOVE IMPRESE E DI NUOVE ATTIVITÀ DI LAVORO

Dettagli

INDICE 1. I SERVIZI PER LE PERSONE PRESENTAZIONE PREMESSA FORMAZIONE 2. I SERVIZI PER LE IMPRESE E GLI ENTI PUBBLICI

INDICE 1. I SERVIZI PER LE PERSONE PRESENTAZIONE PREMESSA FORMAZIONE 2. I SERVIZI PER LE IMPRESE E GLI ENTI PUBBLICI CARTA DEI SERVIZI INDICE PRESENTAZIONE PREMESSA - CHE COS'E' E A CHE COSA SERVE LA CARTA DEI SERVIZI - FINALITA' E PRINCIPI DELL AREA SERVIZI PER IL LAVORO DI SCALIGERA FORMAZIONE 1. I SERVIZI PER LE PERSONE

Dettagli

FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE DEL LAVORO, DELLE SUE

FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE DEL LAVORO, DELLE SUE ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE DEL LAVORO, DELLE SUE SOTTOCOMMISSIONI E DEL COMITATO TECNICO PROVINCIALE PER IL DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI. Indice

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO "LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO"

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO Regione Calabria REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO "LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO" REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO POLITICHE DEL LAVORO,

Dettagli

SERVIZI FORMATIVI OFFERTI

SERVIZI FORMATIVI OFFERTI CARTA DELLA QUALITA La Carta della Qualità della ISEAF ha come obiettivo quello di rendere note le caratteristiche dei servizi offerti ai propri clienti ed è ispirata ai criteri e principi di uguaglianza,

Dettagli

DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO

DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO 2011 2013 II parte INTERVENTI testo approvato dalla Commissione provinciale per l impiego con deliberazione n. 373 del 26 luglio 2011 ed adottato dalla

Dettagli

LEGGI REGIONALI. Inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

LEGGI REGIONALI. Inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati 10 FEBBRAIO 2005 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE ANNO XXXVI N. 14 LEGGI REGIONALI Legge regionale 25 gennaio 2005, n. 2. Norme regionali per l occupazione, la tutela e la qualità del lavoro.

Dettagli

Regione Campania Assessorato al Lavoro e alla Formazione con l assistenza tecnica dell Agenzia per il lavoro e l istruzione e di ItaliaLavoro

Regione Campania Assessorato al Lavoro e alla Formazione con l assistenza tecnica dell Agenzia per il lavoro e l istruzione e di ItaliaLavoro Unione Europea Regione Campania Assessorato al Lavoro e alla Formazione con l assistenza tecnica dell Agenzia per il lavoro e l istruzione e di ItaliaLavoro Campania al lavoro! Piano straordinario per

Dettagli

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO ASSESSORATO AI CENTRI PER L IMPIEGO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, ATTIVITA PRODUTTIVE, ENERGIA E SICUREZZA Servizio Lavoro, Collocamento e Formazione GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO GLI STRUMENTI MESSI IN

Dettagli

1) Obiettivi e priorità

1) Obiettivi e priorità Dispositivo 1 Interventi per la riqualificazione e la ricollocazione di lavoratori disoccupati, inoccupati e percettori di ammortizzatori sociali (dote training to the job dote training to the stage -

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 27 dicembre 2012, n. 34. 1. I soggetti legittimati; 2. I requisiti minimi per l accreditamento dei servizi

REGOLAMENTO REGIONALE 27 dicembre 2012, n. 34. 1. I soggetti legittimati; 2. I requisiti minimi per l accreditamento dei servizi 10 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 188 suppl. del 28-12-2012 REGOLAMENTO REGIONALE 27 dicembre 2012, n. 34 Modifiche al Regolamento Regionale recante Disposizioni concernenti le procedure

Dettagli

IL COLLOCAMENTO MIRATO. a cura di Alessandra Bezzecchi

IL COLLOCAMENTO MIRATO. a cura di Alessandra Bezzecchi IL COLLOCAMENTO MIRATO a cura di Alessandra Bezzecchi Quante volte abbiamo sentito parlare di collocamento mirato delle persone disabili? Negli ultimi dieci anni credo spesso e se all inizio non se ne

Dettagli

Expo 2015 e imprenditoria giovanile. (30 ottobre 2013)

Expo 2015 e imprenditoria giovanile. (30 ottobre 2013) Expo 2015 e imprenditoria giovanile (30 ottobre 2013) Novità rilevanti in materia di lavoro Il Parlamento ha convertito in legge (Legge 99/2013) il D.L. 76 del 28 giugno 2013 che apporta importanti modifiche

Dettagli

Sei stato sospeso, ti trovi in mobilità, hai perso il lavoro? Fai la mossa giusta.

Sei stato sospeso, ti trovi in mobilità, hai perso il lavoro? Fai la mossa giusta. UNIONE EUROPEA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Investiamo nel vostro futuro

Dettagli

la legge regionale del 28 settembre 2006, n. 22 "Il mercato del lavoro in Lombardia" e ss.mm.ii.;

la legge regionale del 28 settembre 2006, n. 22 Il mercato del lavoro in Lombardia e ss.mm.ii.; Deliberazione Giunta Regionale 18 febbraio 2015 n. 10/3144 Misure volte a promuovere l'occupazione in occasione dell'evento EXPO 2015. (Lombardia, BUR 20 febbraio 2015, n. 8) LA GIUNTA REGIONALE Visti:

Dettagli

PASSO DOPO PASSO. Progetti per il Reinserimento sociale e lavorativo di persone appartenenti a categorie fragili

PASSO DOPO PASSO. Progetti per il Reinserimento sociale e lavorativo di persone appartenenti a categorie fragili PASSO DOPO PASSO 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Esclusione Sociale 5. Macrotipologia Progetti per il Reinserimento sociale

Dettagli

provincialavoroeformazione

provincialavoroeformazione provincialavoroeformazione A cura di Giorgio Santarello, Dirigente del Settore Lavoro e Formazione della Provincia di Padova, con la consulenza di Simone Chigliaro della Direzione Lavoro della Regione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO

CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO APPIANO GENTILE CANTU COMO ERBA MENAGGIO COLLOCAMENTO MIRATO DISABILI 0 L DELLA PROVINCIA DI COMO Dal 1999

Dettagli

Ridurre l abbandono precoce, con attenzione particolare a specifici target

Ridurre l abbandono precoce, con attenzione particolare a specifici target Obiettivo tematico 10 Istruzione e Formazione Risultati attesi Obiettivi Specifici Azioni Interventi di sostegno agli studenti caratterizzati da particolari fragilità (azioni di tutoring e mentoring, attività

Dettagli

Carta dei Servizi FOURSTARS IMPRESA SOCIALE SRL

Carta dei Servizi FOURSTARS IMPRESA SOCIALE SRL Carta dei Servizi FOURSTARS IMPRESA SOCIALE SRL 1. Premessa 2. Principi fondamentali 3. Presentazione azienda 4. Servizi offerti 5. Comunicazione con l esterno 6. Risorse umane 7. Locali 8. La struttura

Dettagli

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO 1 Di cosa parliamo! 1. Il FSE nella Politica di Coesione 2. Cos è il Fondo Sociale Europeo? 3. Il FSE in Sardegna 4. Le priorità del FSE 2 1. Il

Dettagli

Provincia di Rieti Carta dei Servizi per l Impiego SERVIZI PER I LAVORATORI SERVIZI PER I DATORI DI LAVORO PROGETTI

Provincia di Rieti Carta dei Servizi per l Impiego SERVIZI PER I LAVORATORI SERVIZI PER I DATORI DI LAVORO PROGETTI Provincia di Rieti Carta dei Servizi per l Impiego SERVIZI PER I LAVORATORI SERVIZI PER I DATORI DI LAVORO PROGETTI Centri per l Impiego della Provincia di Rieti Centro per l'impiego Rieti Via M. Rinaldi

Dettagli

Legge Regionale Liguria 11 maggio 2009, n. 18

Legge Regionale Liguria 11 maggio 2009, n. 18 Legge Regionale Liguria 11 maggio 2009, n. 18 Sistema educativo regionale di istruzione, formazione e orientamento Bollettino Ufficiale della Regione Liguria del 20 maggio 2009 n. 8 Il Consiglio Regionale

Dettagli

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014.

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014. La Garanzia Giovani è un progetto che intende assicurare ai ragazzi e alle ragazze tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano opportunità per acquisire nuove competenze e per entrare nel mercato

Dettagli

SOMMARIO. Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi

SOMMARIO. Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi Regolamento per il funzionamento dell Ufficio relazioni con il Pubblico Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale N.128 del 15.09.2005 SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni

Dettagli

REGIONE CALABRIA. Regolamento Regionale 5 febbraio 2003, n. 2

REGIONE CALABRIA. Regolamento Regionale 5 febbraio 2003, n. 2 REGIONE CALABRIA Regolamento Regionale 5 febbraio 2003, n. 2 Norme per la promozione e lo sviluppo del diritto al lavoro delle persone con disabilità. Testo coordinato con le modifiche ed integrazioni

Dettagli

Progetto Equal fase II OPPORTUNITY. Europ.A. - Fiera Rimini - 16 giugno 2006

Progetto Equal fase II OPPORTUNITY. Europ.A. - Fiera Rimini - 16 giugno 2006 Progetto Equal fase II OPPORTUNITY IT-G2 G2-LOM-056 Europ.A. - Fiera Rimini - 16 giugno 2006 Indice 1. Il contesto di riferimento 2. Il territorio 3. Il progetto 4. Gli obiettivi 5. Le Macrofasi 6. I Beneficiari

Dettagli

Il giorno XX, presso la sede della Provincia di Lecco, P.zza Lega Lombarda, 4 Lecco, TRA

Il giorno XX, presso la sede della Provincia di Lecco, P.zza Lega Lombarda, 4 Lecco, TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI LECCO, LA CAMERA DI COMMERCIO DI LECCO E L ASSOCIAZIONE NETWORK OCCUPAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI FORMATIVI PROGETTATI SULLA BASE DELL ANALISI DEI FABBISOGNI

Dettagli

Carta dei Servizi. FDE srl. Via Sandro Pertini n. 6 46100 MANTOVA Tel. +039 0376.415683 e-mail: info@istitutofde.it Web: www.istitutofde.

Carta dei Servizi. FDE srl. Via Sandro Pertini n. 6 46100 MANTOVA Tel. +039 0376.415683 e-mail: info@istitutofde.it Web: www.istitutofde. 2010 Carta dei Servizi FDE srl Via Sandro Pertini n. 6 46100 MANTOVA Tel. +039 0376.415683 e-mail: info@istitutofde.it Web: www.istitutofde.it CARTA DEI SERVIZI Approvata dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

LE PRATICHE DI GENERE NELLA PROGRAMMAZIONE FSE 2007-2013 Il progetto In Pratica Idee alla pari

LE PRATICHE DI GENERE NELLA PROGRAMMAZIONE FSE 2007-2013 Il progetto In Pratica Idee alla pari LE PRATICHE DI GENERE NELLA PROGRAMMAZIONE FSE 2007-2013 Il progetto In Pratica Idee alla pari Roma, 15 Maggio 2015 Dott.ssa Flavia Pesce - IRS Istituto per la Ricerca Sociale BRIGHT.LY LE FASI DEL PROGETTO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER L ORIENTAMENTO E AL LAVORO

CARTA DEI SERVIZI PER L ORIENTAMENTO E AL LAVORO CARTA DEI SERVIZI PER L ORIENTAMENTO E AL LAVORO Edizione 01 settembre 2013 1 Sommario Premessa...3 Api formazione s.c.r.l...3 Struttura della Carta dei Servizi...4 1. Principi fondamentali e valori...4

Dettagli

Allegato 2 AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI

Allegato 2 AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI Allegato 2 AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO 2011/2012 1. Obiettivi e principi dell intervento Il presente Avviso è finalizzato a migliorare le possibilità

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO INTERISTITUZIONALE PROVINCIALE PER L HANDICAP DI MILANO (G.L.I.P.)

GRUPPO DI LAVORO INTERISTITUZIONALE PROVINCIALE PER L HANDICAP DI MILANO (G.L.I.P.) MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI MILANO AREE DI SUPPORTO AGLI ISTITUTI SCOLASTICI Formazione, Politiche Giovanili e Sostegno alla Persona via

Dettagli

Incontro a Matera sulle azioni di sistema per il turismo

Incontro a Matera sulle azioni di sistema per il turismo Approfondimento Trimestrale Azioni di sistema per il turismo e avvio della Garanzia Giovani N. 5 Aprile 2014 Ultime dal progetto Incontro a Matera sulle azioni di sistema per il turismo A cura della redazione

Dettagli

Politiche sociali del lavoro

Politiche sociali del lavoro Politiche sociali del lavoro L elevato livello di disoccupazione costituisce uno dei più gravi problemi socioeconomici non solo in Sardegna ma per quasi tutti gli Stati membri dell UE. Il tasso di occupazione

Dettagli