Monitoraggio in continuo delle emissioni. Normative: applicazioni e criticità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Monitoraggio in continuo delle emissioni. Normative: applicazioni e criticità"

Transcript

1 Il punto sulla direttiva IPPC Palazzo Medici Riccardi Firenze 27 novembre 2013 Monitoraggio in continuo delle emissioni. Normative: applicazioni e criticità Mauro Rotatori

2 Direttiva IED (2010/75/CE) La IED costituisce la revisione in un unica direttiva di sette direttive concernenti le emissioni industriali Dir. 2008/1/UE (IPPC) Dir. 2001/80/CE (LCP) Dir. 2000/76/CE (incenerimento rifiuti) Dir. 1999/13/CE (emissione di solventi organici) Dir. 92/112/CEE Dir. 82/883/CEE Dir. 78/176/CEE (industria produzione TiO 2 ) Il recepimento avverrà mediante l inserimento nel D. Lgs. 152/06 e s.m.i.

3 FUNZIONE DELLO SME Stabilire la funzione dello SME: se è uno strumento fiscale o se deve essere considerato gestionale GESTIONALE SME (controllo dei parametri operativi dell impianto) FISCALE (verifica della conformità con i limiti di legge)

4 UNI EN 14181:2005 1) definire un processo per la caratterizzazione dello SME in termini di linearità, stabilità, incertezza di misura attraverso il ricorso ad una serie di misure in parallelo realizzate tramite un metodo di riferimento 2) definire le attività necessarie a garantire che lo SME rimanga in uno stato di calibrazione al fine di poter garantire la qualità dei dati misurati (control chart) 3) definire le attività necessarie ad effettuare i controlli periodici annuali QAL 1 QAL 2 QAL3 AST Certificazione - Valutazione dell adeguatezza del sistema di monitoraggio e delle relative procedure di esercizio agli scopi che ci si è prefissi a monte dell installazione, mediante la determinazione dell incertezza di misura. Quality assurance dello SME - Verifica della corretta installazione, determinazione delle funzioni di taratura e dei relativi range di validità, determinazione della variabilità e confronto con i requisiti di legge Ongoing quality assurance during operation - Controllo periodico, durante l esercizio, di deriva e precisione, mediante prove di zero e span (stesse procedure utilizzate in QAL1) e seguente valutazione mediante carte di controllo, allo scopo di verificare che il sistema mantenga i requisiti di qualità determinati dai test di QAL1. Annual surveillance test - La procedura definisce la modalità dei controlli periodici annuali. E basata su misure in parallelo con metodi di riferimento

5 UNI EN 14181:2005 APPLICAZIONE DEI TEST PREVISTI DALLA UNI EN 14181:2005 PER TUTTI I PARAMETRI PER CUI E PRESCRITTO IL MONITORAGGIO IN CONTINUO DELLE EMISSIONI PREVIA DEFINIZIONE DI ELV METODO STANDARD DI RIFERIMENTO (SRM) Ic al 95%

6 UNI EN 14181:2005 campo di applicazione ALTRE TIPOLOGIE DI IMPIANTO ACCIAIERIE etc IMPIANTI CHIMICI Verifiche SME eseguite ai sensi dell All. VI alla parte V del D.Lgs 152/06 e s.m.i. Verifica di linearità Taratura Analizzatori a misura indiretta I.A.R.

7 PROBLEMATICHE GENERALI UNI EN 14181:2005 dispone verifica SME mediante SRM europei (norme tecniche EN) ove applicabile. Definizione a livello legislativo nazionale delle norme tecniche di riferimento (SRM europei, ove applicabili, o nazionali) per tutti i parametri oggetto di test QAL2.

8 METODO STANDARD DI RIFERIMENTO (SRM) Metodi di misura differenti di uno stesso parametro non sempre producono risultati comparabili. Per rendere le analisi il più possibile comparabili tra di loro bisogna ricorrere all uso di metodi standardizzati, riconosciuti da esperti e presi come riferimento per convenzione, che danno, o si presume dare, il valore di riferimento accettato della concentrazione del parametro da misurare in termini di precisione e accuratezza. Il metodo standard di riferimento (SRM) si applica per il controllo periodico e per la calibrazione o il controllo di sistemi automatici di misura (SME) installati in modo permanente su un impianto, a fini regolamentari. La CEN valuta l'srm effettuando prove di campo sugli impianti soggetti al monitoraggio in continuo delle emissioni

9 UNI EN 14181: 2005 QAL2 metodi di riferimento Parametro Metodo Monossido di carbonio (CO) UNI EN 15058:2006 Biossido di zolfo (SO 2 ) UNI EN 14791:2005 Ossidi di azoto (NO x ) espressi come NO 2 UNI EN :2006 Polveri UNI EN :2003 TOC espresso come C UNI EN :2013 UNI EN 13256:2005 Acido cloridrico (HCl) UNI EN 1911:2010 Acido fluoridrico (HF) ISO 15713:2006 Parametro Ammoniaca (NH 3 ) Metodo EPA CTM-027:1997 Mercurio (Hg) UNI EN 13211:2001 Protossido di azoto (N 2 O) UNI EN ISO 21258:2010

10 UNI EN 14181:2005 campo di applicazione (impianti di incenerimento e coincenerimento ) (Grandi impianti di combustione) Altri parametri monitorati in continuo: ammoniaca, mercurio, protossido di azoto, ENB..

11 Problematiche applicazione UNI EN Inquinanti per i quali la normativa non fissa uno specifico intervallo di confidenza E per strumenti con poche applicazioni (poco conosciuti) l incertezza deve essere la massima applicabile

12 VERIFICA DELLA GARANZIA QA e QC DELLE MISURAZIONI D.Lgs 133/05 e 152/06 EN 14181: 2005 Dove: IAR IAR X Ic Y X = media degli N valori X i Y = media degli N valori y i (misure del SRM) X i = y i Z i Ic S tn N N i 1 Xi X y i = misure dello SRM Z i = misure dello SME I c = valore assoluto dell'intervallo di confidenza calcolato per la media degli N valori X i ; t n = t di Student per un livello di fiducia al 95% e per N- 1 gradi di libertà 2 ( N 1) L accordo tra SRM e SME si basa sugli scarti dei valori da questi misurati. L accordo è positivo se IAR > 80% D D i y 1 N i,s N i 1 1 ŷ i,s D i QAL2 N 2 S D (D i D ) N 1 i 1 Dove: y i,s = misure dello SRM ŷ i,s = dati SME TARATI S D = VARIABILITÀ L accordo tra SRM e SME si basa su una correlazione dei due sistemi che modifica i dati del sistema installato (dati SME tarati). L accordo è positivo se S D < σ Kv

13 RAPPRESENTATIVITA DEL PUNTO DI CAMPIONAMENTO Valutazione dell omogeneità della distribuzione dei gas nella sezione di prelievo ai sensi della UNI EN 15259:2008.

14 UNI EN 14181:2005 FUNZIONE DI TARATURA Il Gestore deve verificare la possibilità di variare la marcia dell impianto al fine di simulare diversi livelli di concentrazione in emissione Elaborazione di tipo A È possibile variare i livelli emissivi (y s,max -y s,min ) >15%ELV intervallo delle concentrazioni (misurato con l SRM)

15 UNI EN 14181:2005 FUNZIONE DI TARATURA Elaborazione di tipo B Non è possibile variare i livelli emissivi (y s,max -y s,min ) <15% ELV intervallo delle concentrazioni (misurato con l SRM) dove Z è la differenza tra lo zero dello SME e lo zero

16 UNI EN 14181:2005 RANGE DI VALIDITÀ DELLA FUNZIONE DI TARATURA Qualora non sia possibile modificare sensibilmente le condizioni di marcia, e se le concentrazioni misurate sono molto al di sotto di ELV Estrapolazione al limite della funzione di taratura utilizzando opportuni materiali di riferimento (bombole a titolo noto e certificato) RANGE DI VALIDITA DELLA FUNZIONE DI TARATURA Compreso tra 0 e il massimo valore riscontrato in campo dallo SME, tarato ed espresso in condizioni standard incrementato del 10% (UNI EN 14181:2005)

17 UNI EN 14181:2005 RANGE DI VALIDITÀ DELLA FUNZIONE DI TARATURA Range di validità della funzione di taratura inferiore al limite in emissione UTILIZZO STANDARD GASSOSO - 15 punti ottenuti con prove in parallelo; - il 16 viene ottenuto mediante utilizzo di standard gassosi con concentrazioni prossime al limite di emissione Il punto trovato con la bombola deve far parte della retta di taratura? Il punto trovato con la bombola serve a verificare al limite la retta di taratura?

18 Limite SO 2 = 40 mg/nm 3 Range di validità 6,49 mg/nm 3

19 Livello emissivo ottenuto tramite bombola di gas standard a titolo noto Limite SO 2 = 40 mg/nm 3 Range di validità 43,87 mg/nm 3

20 UNI EN 14181:2005 RANGE DI VALIDITÀ DELLA FUNZIONE DI TARATURA Se le misure QAL2 < 50% ELV e la retta di taratura calcolata ha un errore attorno al limite superiore all incertezza specificata in legislazione, la curva può essere integrata con valori desunti dalle prove di linearità 1.96* 0 0,1 * Cmax( campo) 1,1* Cmax( campo)

21 Livello emissivo ottenuto tramite bombola di gas standard a titolo noto Limite SO 2 = 40 mg/nm 3 Range di validità 13,89 mg/nm 3

22 UNI EN 14181:2005 La validità della retta significa che si deve ripetere QAL2 se: 1) Oltre il 5% dei valori misurati dall AMS calcolati su tale periodo settimanale (basato sui valori tarati e normalizzati) non rientra nell intervallo di taratura valido per più di 5 settimane nel periodo tra due AST 2) Oltre il 40% dei valori misurati dall AMS calcolati su tale periodo settimanale (basato sui valori tarati e normalizzati) non rientra nell intervallo di taratura valido per una o più settimane Impone di fatto al Gestore dell impianto ripetizioni dei test QAL2 con frequenza superiore a quella prescritta

23 UNI EN 14181:2005 APPLICABILITA ALLE RAFFINERIE VALORI LIMITE IN EMISSIONE ED INCERTEZZE Limite di Bolla: limite unico valido per tutti i punti di raffineria che tiene conto di tutti i contributi alle emissioni derivanti dai camini censiti. Rapporto ponderato tra la sommatoria delle masse inquinanti emesse e la sommatoria dei volumi degli effluenti gassosi dell intera raffineria. Copre l intera gamma delle emissioni prodotte dalla raffineria poco rappresentativo delle reali condizioni emissive del singolo impianto

24 UNI EN 14181:2005 APPLICABILITA ALLE RAFFINERIE Problematiche Limiti di bolla Unità di combustione + unità si processo QAL 2 sul singolo camino SD σ 0 Kv Quale valore limite considerare? Valore medio dei dati rilevati durante prova di rilevabilità QAL2 o AST moltiplicato per un fattore da definire (es. 1,5 o 2)? 95 percentile dati storici impianto (es. ultimi 2 anni)?

25 UNI EN 14181:2005 APPLICABILITA ALLE RAFFINERIE L applicabilità della UNI EN 14181:2005 alle raffinerie È condizionata dalla natura stessa del Limite di Bolla Difficoltà ad estendere il il range di validità della retta al limite di bolla Livelli emissivi medi superiori al limite di bolla (SO 2 Clauss)

26 D.Lgs 11/05/2005 n 133 Allegato 1 - C D.Lgs 03/04/2006 n 152 Parte V Allegato II INTRODUZIONE DEL CONCETTO DI INTERVALLO DI CONFIDENZA NESSUN RIFERIMENTO DIRETTO ALLA NORMA UNI EN 14181:2005 Nella bozza del recepimento della direttiva IED si fa esplicito riferimento alla UNI EN 14181:2005

27 UNI EN 14181:2005 Interpretazione e decisione Quale valore di incertezza va sottratto alla misura? Il valore di incertezza che emerge dalle prove sul campo QAL2? La semilunghezza dell intervallo di confidenza del 95% (σ 0, ovvero incertezza associata all AMS) Il valore di incertezza che emerge in fase di taratura dello strumento QAL1?

28 CONCLUSIONI - Nel recepimento della Direttiva IED è auspicabile che vengano chiarite alcune questioni che generano interpretazioni - Il Ministero dell Ambiente dovrebbe emanare il decreto di aggiornamento e modifica dell Allegato VI alla Parte V del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. sui criteri e metodi per il monitoraggio delle emissioni industriali

29 GRAZIE PER L ATTENZIONE

I sistemi di monitoraggio in continuo delle emissioni (SMCE) Sandro Garro

I sistemi di monitoraggio in continuo delle emissioni (SMCE) Sandro Garro I sistemi di monitoraggio in continuo delle emissioni (SMCE) Sandro Garro Dal BREF Monitoring : 2.1 Perché monitorare? - per controllare che le emissioni rientrino nei VLE e quindi per la valutazione di

Dettagli

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ)

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ) Rapporto di prova n Descrizione Accettazione Data Inizio prove Impianto: Emissioni gassose 150599 18-giu-15 Data fine prove 30-lug-15 Pagina 1\7 Spettabile: AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE

Dettagli

Gestione e controllo del monitoraggio in continuo alle emissioni

Gestione e controllo del monitoraggio in continuo alle emissioni Cagliari, 25-26 marzo 2010 Caesar s Hotel Sala conferenze Gestione e controllo del monitoraggio in continuo alle emissioni a cura di Sandro Garro - ARPAT OBBLIGHI I SMCE si trovano presso: Grandi impianti

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL CONSULENTE E DEI GESTORI: CRITICITÀ NELL APPLICAZIONE DEL D.LGS. 46/14

IL PUNTO DI VISTA DEL CONSULENTE E DEI GESTORI: CRITICITÀ NELL APPLICAZIONE DEL D.LGS. 46/14 IL PUNTO DI VISTA DEL CONSULENTE E DEI GESTORI: CRITICITÀ NELL APPLICAZIONE DEL D.LGS. 46/14 Seminario Tecnico D.Lgs. 46/14, modifica del D.Lgs. 152/06 ed attuazione della Direttiva Europea 2010/75/UE:

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

CEMS. I SISTEMI di ANALISI EMISSIONI IN CONTINUO

CEMS. I SISTEMI di ANALISI EMISSIONI IN CONTINUO CEMS I SISTEMI di ANALISI EMISSIONI IN CONTINUO AGENDA OBIETTIVI DEL MONITORAGGIO IN CONTINUO IMPIANTI SOGGETTI AL CONTROLLO IN CONTINUO DELLE EMISSIONI NORMATIVE INGEGNERIZZAZIONE DI UN SISTEMA MONITORAGGIO

Dettagli

Allegato 1 al Titolo III-bis alla Parte Quarta. Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti

Allegato 1 al Titolo III-bis alla Parte Quarta. Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti Allegato 1 al Titolo III-bis alla Parte Quarta Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti A. VALORI LIMITE DI EMISSIONE IN ATMOSFERA 1. Valori limite di emissione

Dettagli

Linee Guida alla redazione di un Manuale di gestione SMCE

Linee Guida alla redazione di un Manuale di gestione SMCE Linee Guida alla redazione di un Manuale di gestione SMCE Redatto da: Gioia Bini, Chiara Collaveri, Sandro Garro con la collaborazione di Daniele Grechi, Guglielmo Tanganelli Lo schema del documento è

Dettagli

PROVINCIA DI SIENA COMUNE DI POGGIBONSI IMPIANTO DI TERMOUTILIZZAZIONE. Loc. Pian dei Foci Comune di POGGIBONSI

PROVINCIA DI SIENA COMUNE DI POGGIBONSI IMPIANTO DI TERMOUTILIZZAZIONE. Loc. Pian dei Foci Comune di POGGIBONSI Siena Ambiente spa Sede amministrativa: Strada Massetana Romana, 58/D 53100 SIENA Sede legale: Località Salceto, 55 53036 Poggibonsi (SI) Tel 0577/248011 fax 0577/248045 PROVINCIA DI SIENA COMUNE DI POGGIBONSI

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE. Criteri Elementi da valutare Punteggio max Macroambiti di valutazione

CRITERI DI VALUTAZIONE. Criteri Elementi da valutare Punteggio max Macroambiti di valutazione CRITERI DI VALUTAZIONE Criteri Elementi da valutare Punteggio max Macroambiti di valutazione 1.Sostenibilità economico-finanziaria 25 1.1 Copertura finanziaria del programma di investimento 15 1.2 Sostenibilità

Dettagli

VERIFICA IN CAMPO Sistemi di Monitoraggio in Continuo delle Emissioni (AMS/SME) IAR - LINEARITÀ - TARATURA POLVERIMETRO - QAL2 - AST NOTA INFORMATIVA

VERIFICA IN CAMPO Sistemi di Monitoraggio in Continuo delle Emissioni (AMS/SME) IAR - LINEARITÀ - TARATURA POLVERIMETRO - QAL2 - AST NOTA INFORMATIVA VERIFICA IN CAMPO Sistemi di Monitoraggio in Continuo delle Emissioni (AMS/SME) IAR - LINEARITÀ - TARATURA POLVERIMETRO - QAL2 - AST NOTA INFORMATIVA Assicurazione Qualità Sistemi di Monitoraggio in Continuo

Dettagli

ALLEGATO VI. Criteri per la valutazione della conformità dei valori misurati ai valori limite di emissione

ALLEGATO VI. Criteri per la valutazione della conformità dei valori misurati ai valori limite di emissione ALLEGATO VI Criteri per la valutazione della conformità dei valori misurati ai valori limite di emissione 1. Definizioni 1.1. Ai fini del presente allegato si intende per: a) misura diretta: misura effettuata

Dettagli

VERIFICA IN CAMPO Sistemi di Monitoraggio in Continuo delle Emissioni (AMS/SME) IAR - LINEARITÀ - TARATURA POLVERIMETRO - QAL2 - AST NOTA INFORMATIVA

VERIFICA IN CAMPO Sistemi di Monitoraggio in Continuo delle Emissioni (AMS/SME) IAR - LINEARITÀ - TARATURA POLVERIMETRO - QAL2 - AST NOTA INFORMATIVA VERIFICA IN CAMPO Sistemi di Monitoraggio in Continuo delle Emissioni (AMS/SME) IAR - LINEARITÀ - TARATURA POLVERIMETRO - QAL2 - AST NOTA INFORMATIVA VERIFICHE SISTEMI DI MONITORAGGIO IN CONTINUO EMISSIONI

Dettagli

Analisi in continuo della emissione di polveri. Gianantonio Favalessa Ital Control Meters srl www.italcontrol.it

Analisi in continuo della emissione di polveri. Gianantonio Favalessa Ital Control Meters srl www.italcontrol.it Analisi in continuo della emissione di polveri Gianantonio Favalessa Ital Control Meters srl www.italcontrol.it Perchè controllare le polveri Per noi stessi, per la nostra salute: Le polveri che respiriamo

Dettagli

Parametro Valore Unità misura

Parametro Valore Unità misura Parametro Valore Unità di misura Dimensione lotto 268.660 m 2 Potenza elettrica lorda 16,8 MWe Potenza elettrica netta 14,0 MWe Producibilità media lorda annua 126 GWh/anno Tensione di rete 150 kv Potenza

Dettagli

Disciplina dei metodi di controllo delle emissioni in atmosfera dagli impianti industriali

Disciplina dei metodi di controllo delle emissioni in atmosfera dagli impianti industriali D.M. 21 dicembre 1995 Disciplina dei metodi di controllo delle emissioni in atmosfera dagli impianti industriali Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 8 gennaio 1996, n. 5. Art. 1. Campo di applicazione.

Dettagli

ALLEGATO 1. 1 Generalità

ALLEGATO 1. 1 Generalità ALLEGATO 1 REQUISITI TECNICI E PRESCRIZIONI PER L ADESIONE ALL AUTORIZZAZIONE GENERALE RELATIVA AGLI IMPIANTI DI COMBUSTIONE RICADENTI NELL'AMBITO DI APPLICAZIONE DEL TITOLO I DEL DECRETO LEGISLATIVO 152/06

Dettagli

D. R. S. n. 317 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA IL DIRIGENTE

D. R. S. n. 317 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA IL DIRIGENTE D. R. S. n. 317 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO ED AMBIENTE SERVIZIO 3 - Tutela dall inquinamento atmosferico, elettromagnetico, acustico

Dettagli

TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA

TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA SINTESI DEI DATI RELATIVI ALLE EMISSIONI IN ATMOSFERA - ANNO 2012 1 ANALISI DELLA TIPOLOGIA, QUANTITÀ E PROVENIENZA GEOGRAFICA DEI RIFIUTI TRATTATI NELL IMPIANTO Analisi della

Dettagli

Linea guida per Sistemi di Monitoraggio delle Emissioni in atmosfera per impianti soggetti ad Autorizzazione Integrata Ambientale

Linea guida per Sistemi di Monitoraggio delle Emissioni in atmosfera per impianti soggetti ad Autorizzazione Integrata Ambientale Parte quarta: S.M.E. ALLEGATO Linea guida per Sistemi di Monitoraggio delle Emissioni in atmosfera per impianti soggetti ad Autorizzazione Integrata Ambientale INDICE 1 GENERALITA 1.1 Definizioni 1.2 Linee

Dettagli

Impianto civile con potenzialità inferiore a 35 KW. Impianto civile con potenzialità maggiore di 35 KW

Impianto civile con potenzialità inferiore a 35 KW. Impianto civile con potenzialità maggiore di 35 KW SUNTO LEGISLATIVO Impianto civile con potenzialità inferiore a 35 KW VALORI MISURATI E CALCOLATI OGNI DUE ANNI Temperatura aria comburente - Temperatura fumi - Rendimento - Ossigeno - Monossido di carbonio

Dettagli

NAVIGARE SENZA RISCHI EMISSIONI SEMPRE SOTTO CONTROLLO. Salvatore Squillaci Product manager Analyzer & Flow solutions

NAVIGARE SENZA RISCHI EMISSIONI SEMPRE SOTTO CONTROLLO. Salvatore Squillaci Product manager Analyzer & Flow solutions NAVIGARE SENZA RISCHI EMISSIONI SEMPRE SOTTO CONTROLLO Salvatore Squillaci Product manager Analyzer & Flow solutions DALLA MARPOL ALLA LEGGE ITALIANA AREE DI CONTROLLO E ACQUE TERRITORIALI IMO Regole per

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE. ARPA Sicilia PROCEDURA APERTA

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE. ARPA Sicilia PROCEDURA APERTA AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE ARPA Sicilia PROCEDURA APERTA PER LA REALIZZAZIONE DI UN LABORATORIO PER LA GARANZIA DELLA RIFERIBILITA DELLE MISURE EFFETTUATE DALLA RETE DI MONITORAGGIO

Dettagli

RETE DI MONITORAGGIO ATMOSFERICO DELLE PROVINCE DI CAGLIARI CARBONIA-IGLESIAS MEDIO-CAMPIDANO

RETE DI MONITORAGGIO ATMOSFERICO DELLE PROVINCE DI CAGLIARI CARBONIA-IGLESIAS MEDIO-CAMPIDANO AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS Direzione Tecnico Scientifica Servizio Valutazione, Controlli e Monitoraggio Ambientale RETE DI MONITORAGGIO ATMOSFERICO DELLE PROVINCE

Dettagli

Il trattamento delle emissioni in atmosfera prodotte dai termovalorizzatori

Il trattamento delle emissioni in atmosfera prodotte dai termovalorizzatori Università degli Studi di Palermo Il trattamento delle emissioni in atmosfera prodotte dai termovalorizzatori Prof. Ing. Giorgio Micale, Dott. Ing. Onofrio Scialdone Dipartimento di Ingegneria Chimica

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO Analizzatore FTIR

CAPITOLATO TECNICO Analizzatore FTIR CAPITOLATO TECNICO Analizzatore FTIR PER LA FORNITURA DI APPARECCHIATURE E MACCHINARI PER IL LABORATORIO TECNOLOGICO MULTIDISCIPLINARE AD ACCESSO APERTO CUP: J13J14000160006 CIG: 60127630FF INDICE INTRODUZIONE...

Dettagli

Guida tecnica per i gestori dei Sistemi di Monitoraggio in continuo delle Emissioni in atmosfera (SME)

Guida tecnica per i gestori dei Sistemi di Monitoraggio in continuo delle Emissioni in atmosfera (SME) Rev 6 Pagina 1 di 27 Guida tecnica per i gestori dei Sistemi di Monitoraggio in continuo delle Emissioni in atmosfera (SME) Indice Rev 6 Pagina 2 di 27 STORIA DELLE REVISIONI...3 CONTRIBUTI E RINGRAZIAMENTI...4

Dettagli

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC Seminario Tecnico Stabilimenti IPPC: Piano di Monitoraggio e Controllo (PMC) e Sistemi di Monitoraggio delle emissioni (SME) Provincia di

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA Produzione energetica da biomasse: aspetti tecnici, elementi gestionali, sostenibilità ambientale Cooperazione Trentina PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI

Dettagli

Il termovalorizzatore di Torino

Il termovalorizzatore di Torino Il termovalorizzatore di Torino Funzionamento Andamento 2015 13 febbraio 2016 La Società TRM S.p.A - Trattamento Rifiuti Metropolitani èlasocietà che ha progettato, costruito e, attualmente, gestisce il

Dettagli

LE ESPERIENZE DELL AUTORITA COMPETENTE REGIONALE E LA FUTURA GESTIONE DEGLI SME IN LOMBARDIA

LE ESPERIENZE DELL AUTORITA COMPETENTE REGIONALE E LA FUTURA GESTIONE DEGLI SME IN LOMBARDIA Presentazione della Guida Tecnica del sistema agenziale per la redazione dei manuali di gestione dei Sistemi di Monitoraggio in continuo alle Emissioni in atmosfera (SME) e con particolare riferimento

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it Il Consiglio Federale, istituito presso l ISPRA con il compito di promuovere lo sviluppo coordinato del Sistema Agenziale (ISPRA/ARPA/APPA) nonché per garantire omogeneità nello svolgimento dei compiti

Dettagli

BIOGAS: UN OPPORTUNITÀ PER LA GESTIONE SOSTENIBILE IN AGRICOLTURA Merigo Giambattista Dipartimento agricoltura, sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili CONAF Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze

Dettagli

Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony

Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony attività - studi & ricerche ssc Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony Stazione Sperimentale per i Combustibili Viale A. De Gasperi 3, 20097 S. Donato Milanese (MI) tel +39 02 516041; fax

Dettagli

APPROVAZIONE PROGETTO DEL PIROGASSIFICATORE NEL COMUNE DI CASTELFRANCO D/S DELLA WASTE RECYCLING E AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO

APPROVAZIONE PROGETTO DEL PIROGASSIFICATORE NEL COMUNE DI CASTELFRANCO D/S DELLA WASTE RECYCLING E AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO APPROVAZIONE PROGETTO DEL PIROGASSIFICATORE NEL COMUNE DI CASTELFRANCO D/S DELLA WASTE RECYCLING E AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO Effettuazione del collaudo dell impianto per il periodo

Dettagli

provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE SERVIZIO EMISSIONI IN ATMOSFERA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE SERVIZIO EMISSIONI IN ATMOSFERA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE SERVIZIO EMISSIONI IN ATMOSFERA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Oggetto: AUTORIZZAZIONE DI CARATTERE GENERALE PER LE EMISSIONI IN ATMOSFERA PROVENIENTI

Dettagli

Il Decreto AIA - Piano di Monitoraggio e Controllo scarichi idrici da raffineria

Il Decreto AIA - Piano di Monitoraggio e Controllo scarichi idrici da raffineria Plenaria UNICHIM Prodotti Petroliferi e Lubrificanti Raffineria eni di Livorno - 09 Aprile 2014 Il Decreto AIA - Piano di Monitoraggio e Controllo scarichi idrici da raffineria Mariangela Cozzolino eni

Dettagli

Verifica in Campo Sistemi di Monitoraggio in Continuo delle Emissioni (AMS/SME) IAR - LINEARITÀ - TARATURA POLVERIMETRI - QAL2 - AST NOTA INFORMATIVA

Verifica in Campo Sistemi di Monitoraggio in Continuo delle Emissioni (AMS/SME) IAR - LINEARITÀ - TARATURA POLVERIMETRI - QAL2 - AST NOTA INFORMATIVA Verifica in Campo Sistemi di Monitoraggio in Continuo delle Emissioni (AMS/SME) IAR - LINEARITÀ - TARATURA POLVERIMETRI - QAL2 - AST NOTA INFORMATIVA Assicurazione Qualità Sistemi di Monitoraggio in Continuo

Dettagli

INFORMAZIONI LEGALI. ISPRA Istituto Superiore per la protezione e la ricerca ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.

INFORMAZIONI LEGALI. ISPRA Istituto Superiore per la protezione e la ricerca ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente. INFORMAZIONI LEGALI L istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istituto non sono responsabili per l uso che può essere fatto delle informazioni

Dettagli

Le attività di monitoraggio: il caso dell acciaieria Valbruna di Vicenza

Le attività di monitoraggio: il caso dell acciaieria Valbruna di Vicenza Le attività di monitoraggio: il caso dell acciaieria Valbruna di Vicenza Dipartimento Provinciale di Vicenza Servizio Stato dell Ambiente dr chim. Ugo Pretto, p.i. Francesca Mello Il sito produttivo Acciaierie

Dettagli

Limiti di legge. 152/1999 ): 5 ug/l A. Superficiali nel 2008 (Decreto 367/2003): 0,2 ug/l

Limiti di legge. 152/1999 ): 5 ug/l A. Superficiali nel 2008 (Decreto 367/2003): 0,2 ug/l Limiti di legge Acque Potabili (D.Lgs 3/00): 5 ug/l A. Superficiali e Sotterranee(D.Lgs 5/999 ): 5 ug/l A. Superficiali nel 008 (Decreto 367/003): 0, ug/l La stima della ripetibilità intermedia (S I )

Dettagli

Amministrazioni comunali di Rezzato e Mazzano

Amministrazioni comunali di Rezzato e Mazzano C.F. n CRRRRT48B06D117X; Partita IVA n 0073846016 1 Amministrazioni comunali di Rezzato e Mazzano Adeguamento tecnologico della cementeria Italcementi di Rezzato-Mazzano Obiettivi di riduzione delle emissioni

Dettagli

Università degli Studi di Trento

Università degli Studi di Trento Università degli Studi di Trento Progetto Fuoco Le emissioni: quadro generale sulla misura degli inquinanti. Approfondimento sulle attività sperimentali di caratterizzazione delle emissioni 09/07/2009

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 21.12.2007 COM(2007) 844 definitivo 2007/0286 (COD) Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulle emissioni degli impianti industriali

Dettagli

I risultati del processo di ottimizzazione della rete di monitoraggio e il controllo qualità dei dati aria

I risultati del processo di ottimizzazione della rete di monitoraggio e il controllo qualità dei dati aria I risultati del processo di ottimizzazione della rete di monitoraggio e il controllo qualità dei dati aria Dr. Alessio De Bortoli, Dr. ssa Giovanna Marson onvegno finale Progetto DOUP 1 novembre 007 La

Dettagli

Controllo delle emissioni in atmosfera

Controllo delle emissioni in atmosfera Ordine degli Ingegneri Provincia di Modena Emissioni Industriali in Atmosfera: Normativa e Tecnologie di Abbattimento Modena, 5 Giugno 2010 Controllo delle emissioni in atmosfera Dr. Stefano Forti ARPA

Dettagli

APPROCCIO GESTIONALE INTEGRATO:GAP ANALYSIS, PMC, SISTEMI CERTIFICATI ED EFFICIENZA ENERGETICA

APPROCCIO GESTIONALE INTEGRATO:GAP ANALYSIS, PMC, SISTEMI CERTIFICATI ED EFFICIENZA ENERGETICA APPROCCIO GESTIONALE INTEGRATO:GAP ANALYSIS, PMC, SISTEMI CERTIFICATI ED EFFICIENZA ENERGETICA Seminario Tecnico Il punto sulla Direttiva IPPC: Autorizzazioni Integrate Ambientali (AIA), Piano di Monitoraggio

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Disponibilità dati *** 2007 / 2010 C

Disponibilità dati *** 2007 / 2010 C EMISSIONI IN ATMOSFERA 2010 Emissioni in atmosfera Inventario Regionale delle Emissioni in Atmosfera (INEMAR Puglia 2010) Nome indicatore DPSIR Fonte dati Inventario Regionale delle Emissioni in Atmosfera

Dettagli

Viale Francesco Restelli, 3/1, 20124 Milano Tel. 02.696661 - fax 026.9666.254 - sito web: www.arpalombardia.it

Viale Francesco Restelli, 3/1, 20124 Milano Tel. 02.696661 - fax 026.9666.254 - sito web: www.arpalombardia.it ALLEGATO 1 Modello di Manuale di Gestione per Sistemi di Monitoraggio in continuo delle Emissioni (SME) Acronimi ACC AC MA MG SME Autorità competente al controllo Autorità competente Misure alternative

Dettagli

CAPITOLO 4 - QUADRO NORMATIVO DI BASE IN MATERIA DI CONTROLLO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO

CAPITOLO 4 - QUADRO NORMATIVO DI BASE IN MATERIA DI CONTROLLO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO CAPITOLO 4 - QUADRO NORMATIVO DI BASE IN MATERIA DI CONTROLLO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO 4.1 ASPETTI GENERALI Il quadro normativo di riferimento per la tutela della qualità dell aria trova fondamento

Dettagli

Modulo della PGQ 13 Revisione: 13 Direzione Centrale Ricerca & Sviluppo e Direzione Laboratori Pagina 1 di 5

Modulo della PGQ 13 Revisione: 13 Direzione Centrale Ricerca & Sviluppo e Direzione Laboratori Pagina 1 di 5 Direzione Centrale Ricerca & Sviluppo e Direzione Laboratori Pagina 1 di 5 PREMESSA Il laboratorio metrologico della Direzione Centrale Ricerca & Sviluppo del CTG, di seguito denominato CENTRO, è accreditato

Dettagli

Marcegaglia energy Marcegaglia energy

Marcegaglia energy Marcegaglia energy Marcegaglia energy Marcegaglia energy è la business unit di Marcegaglia presente In Italia nel campo della Produzione di Energia Elettrica da Fonti Rinnovabili e leader nel mondo nel campo della Fornitura

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2

PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 Pag.: 1/9 INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI NORMATIVI...2 4. MODALITÀ OPERATIVE...3 4.2. Identificazione dei parametri da monitorare...3

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 10. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 10. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 10 Angelo Bonomi CONSIDERAZIONI SUL MONITORAGGIO Un monitoraggio ottimale dipende dalle considerazioni seguenti:

Dettagli

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Centro per la Salute Giulio A. Maccacaro via Roma 2-21053 Castellanza (VA) fax 0331/501792 - email : medicinademocratica@libero.it INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Mito 1. I CEMENTIFICI,

Dettagli

Relazione Tecnica. Allegato n 1. Valutazione Impatto Ambientale CENTRALE DI COGENERAZIONE. IMPIANTO DI POST COMBUSTIONE DEL CHP3 (Camino n 3)

Relazione Tecnica. Allegato n 1. Valutazione Impatto Ambientale CENTRALE DI COGENERAZIONE. IMPIANTO DI POST COMBUSTIONE DEL CHP3 (Camino n 3) Relazione Tecnica Allegato n 1 Valutazione Impatto Ambientale Impianto IPPC SEDAMYL S.p.A. AIA n.1018 del 12/10/2007 in fase di rinnovo Comune SALUZZO CENTRALE DI COGENERAZIONE IMPIANTO DI POST COMBUSTIONE

Dettagli

Processo di verifica che stabilisce se un metodo è adatto per lo scopo previsto ( ). Foggia, 15 febbraio 2012 1

Processo di verifica che stabilisce se un metodo è adatto per lo scopo previsto ( ). Foggia, 15 febbraio 2012 1 Processo di verifica che stabilisce se un metodo è adatto per lo scopo previsto ( ). 1 : misura in cui i dati prodotti da un processo di misurazione consentono a un utente di prendere tecnicamente ed amministrativamente

Dettagli

La Direttiva sulle emissioni degli impianti industriali: verso il nuovo quadro normativo europeo di riferimento Riassunto Summary 1.

La Direttiva sulle emissioni degli impianti industriali: verso il nuovo quadro normativo europeo di riferimento Riassunto Summary 1. La Direttiva sulle emissioni degli impianti industriali: verso il nuovo quadro normativo europeo di riferimento Nicoletta Valeria Trotta trotta.nicoletta@minambiente.it, Roberta Spinetti Istituto sull

Dettagli

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA.

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01 Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Finalità Fissare i limiti di emissione ed i criteri per le autorizzazione

Dettagli

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Schema di riferimento generale Raccolta rifiuti Controllo radioattività / allarme Ricevimento / Fossa di stoccaggio Sistema

Dettagli

IS0 50001. Che cosa apporta la ISO 50001? La ISO 14001 già esiste: perché, quindi, optare per la ISO 50001?

IS0 50001. Che cosa apporta la ISO 50001? La ISO 14001 già esiste: perché, quindi, optare per la ISO 50001? IS0 50001 INFORMAZIONI UTILI VOLTE A UNA PREPARAZIONE OTTIMALE PER L OTTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE Che cosa apporta la ISO 50001? La certificazione di un sistema di gestione dell energia secondo la

Dettagli

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006 Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 99-26 28 gennaio 29 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 6 4673.2243-2244 Centro di

Dettagli

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi.

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi. R&C Lab S.r.l. La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: rintracciabilità come garanzia di affidabilità dei risultati d analisi. Dr. Dino Celadon Responsabile Ricerca & Sviluppo Ambientale

Dettagli

Aggiornamenti normativi

Aggiornamenti normativi Aggiornamenti normativi Verona/Roma, ottobre 2013 INCONTRI DI AGGIORNAMENTO LABORATORI ACCREDITATI - ISPETTORI QUALIFICATI 1 / 13 Ottobre 2013 CHIARIMENTI: 1) La norma UNI EN 15763:2010 Determinazione

Dettagli

2. Metodologie e modelli

2. Metodologie e modelli Influenza dell Uso delle Migliori Tecnologie Disponibili sui Costi Ambientali alla luce della Direttiva Europea IPPC. Caso Studio: Termovalorizzatore Silla 2 Angelo Bonomi Consulente Ambientale, Verbania

Dettagli

Principali novità e criticità introdotte dal Dlgs n. 46/2014. Annalisa Oddone. Confindustria Marche, 11 giugno 2014

Principali novità e criticità introdotte dal Dlgs n. 46/2014. Annalisa Oddone. Confindustria Marche, 11 giugno 2014 Principali novità e criticità introdotte dal Dlgs n. 46/2014 Annalisa Oddone Confindustria Marche, 11 giugno 2014 IL RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA Direttiva 2010/75/UE: Direttiva relativa alle Emissioni

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA Direttiva n. 96/61/CE Le finalità: prevenire fenomeni di inquinamento ridurre l inquinamento attuale evitare di trasferire l inquinamento da un comparto all altro

Dettagli

Ordinanza contro l inquinamento atmosferico

Ordinanza contro l inquinamento atmosferico Ordinanza contro l inquinamento atmosferico (OIAt) Modifica del 23 giugno 2004 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 16 dicembre 1985 1 contro l inquinamento atmosferico è modificata

Dettagli

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO.

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. Allegato 2b VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. In questa memoria si analizzano le risultanze dello Studio di Impatto Ambientale

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Informazioni legali ISPRA - Elaborazione grafica Coordinamento editoriale: ISPRA ISPRA

Informazioni legali ISPRA - Elaborazione grafica Coordinamento editoriale: ISPRA ISPRA Informazioni legali Il Consiglio Federale, istituito presso l ISPRA con il compito di promuovere lo sviluppo coordinato del Sistema Agenziale (ISPRA/ARPA/APPA) nonché per garantire omogeneità nello svolgimento

Dettagli

Campagna di monitoraggio di Meina Verifica effetto del provvedimento di Deviazione traffico pesante (5 agosto 29 settembre 2008)

Campagna di monitoraggio di Meina Verifica effetto del provvedimento di Deviazione traffico pesante (5 agosto 29 settembre 2008) STRUTTURA COMPLESSA 11 DIPARTIMENTO DI NOVARA Struttura Semplice SS 11.2 Campagna di monitoraggio di Meina Verifica effetto del provvedimento di Deviazione traffico pesante (5 agosto 29 settembre 28) Redazione

Dettagli

CATALOGO 2015 BOMBOLE MONOUSO

CATALOGO 2015 BOMBOLE MONOUSO CATALOGO 2015 BOMBOLE MONOUSO Miscele di gas e gas puri per taratura, rilevazione gas, uso di laboratorio. Dispositivi di prelievo. Risam Gas srl Via Padova, 221-20127 Milano Uff.Comm./Operativo: Corso

Dettagli

Istruzione Operativa. Prescrizioni in materia di campionamento alle emissioni in atmosfera

Istruzione Operativa. Prescrizioni in materia di campionamento alle emissioni in atmosfera Pagina 1 di 7 Istruzione Operativa Prescrizioni in materia di Il presente documento in formato cartaceo privo del timbro di colore blu COPIA CONTROLLATA n è da ritenersi non valido come documento di riferimento.

Dettagli

FORNITURA IN OPERA DI UN GENERATORE DI VAPORE AUSILIARIO

FORNITURA IN OPERA DI UN GENERATORE DI VAPORE AUSILIARIO CENTRALE TERMOELETTRICA DI MONCALIERI FORNITURA IN OPERA DI UN GENERATORE DI VAPORE AUSILIARIO Allegato A112 Specifica tecnica sistema di monitoraggio emissioni INDICE 1 DESCRIZIONE DELLA FORNITURA...

Dettagli

PROVINCIA DI PERUGIA AREA AMBIENTE E TERRITORIO Servizio Gestione e Controllo Ambientale Ufficio Emissioni Atmosferiche e Verifiche Impianti Termici

PROVINCIA DI PERUGIA AREA AMBIENTE E TERRITORIO Servizio Gestione e Controllo Ambientale Ufficio Emissioni Atmosferiche e Verifiche Impianti Termici AREA AMBIENTE E TERRITORIO Ufficio Emissioni Atmosferiche e Verifiche Impianti Termici ALLEGATO EMISSIONI 1 Oggetto: Ditta Tibertarghe production s.r.l. - Autorizzazione Unica Ambientale Autorizzazione

Dettagli

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIRO L Landesagentur für Umwelt PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Agenzia provinciale per l ambiente Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici Nel

Dettagli

Gestione dei rifiuti solidi: trattamento gas da impianti di termovalorizzazione

Gestione dei rifiuti solidi: trattamento gas da impianti di termovalorizzazione Scuola Protezione Civile Ernesto Calcara Corso di Gestione Integrata dei Rifiuti Solidi Gestione dei rifiuti solidi: trattamento gas da impianti di termovalorizzazione prof. ing.. Umberto ARENA Dipartimento

Dettagli

Torrefazione di caffè ed altri prodotti tostati con produzione non superiore a 450 kg/g

Torrefazione di caffè ed altri prodotti tostati con produzione non superiore a 450 kg/g Allegato 1 Torrefazione di caffè ed altri prodotti tostati con produzione non superiore a 450 kg/g 1 Indicazioni generali Negli impianti e nelle attività di torrefazione di caffè, fave di cacao, mandorle,

Dettagli

RACCOMANDAZIONI. concernenti l'altezza minima dei camini sui tetti. del 15 dicembre 1989. Stato: maggio 2001

RACCOMANDAZIONI. concernenti l'altezza minima dei camini sui tetti. del 15 dicembre 1989. Stato: maggio 2001 Ambiente - Esecuzione RACCOMANDAZIONI concernenti l'altezza minima dei camini sui tetti del 15 dicembre 1989 Stato: maggio 2001 Ufficio federale dell'ambiente, delle foreste e del paesaggio (OFEFP) Editore

Dettagli

QUALITÀ, VERIFICA E VALIDAZIONE DEL DATO. Eleonora Beccaloni Reparto Suolo e Rifiuti Istituto Superiore di Sanità Roma Suolo@iss.

QUALITÀ, VERIFICA E VALIDAZIONE DEL DATO. Eleonora Beccaloni Reparto Suolo e Rifiuti Istituto Superiore di Sanità Roma Suolo@iss. QUALITÀ, VERIFICA E VALIDAZIONE DEL DATO Eleonora Beccaloni Reparto Suolo e Rifiuti Istituto Superiore di Sanità Roma Suolo@iss.it Qualità del dato Le risultanze ottenute da analisi chimiche sono spesso

Dettagli

!" # $ % # "!& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n..

! # $ % # !& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. Pagina 1 di 13 Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. CHECK-LIST PER L ESECUZIONE DELLA VISITA DI VALUTAZIONE DEI LABORATORI CHE DEVONO ESSERE AUTORIZZATI ALL ESECUZIONE DELLA VERIFICAZIONE

Dettagli

ISO/IEC 17025 :2005 Requisiti Tecnici

ISO/IEC 17025 :2005 Requisiti Tecnici Sistemi di gestione di Qualità: certificazione (UNI EN ISO 9001:2008) ed accreditamento (UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005) ISO/IEC 17025 :2005 Requisiti Tecnici Ferrara, 11 Maggio 2011 Rita Settimo Arpa Ferrara

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO Allegato A2.4 BILANCIO DELLE EMISSIONI INQUINANTI Riferimento al capitolo 2.6 della Relazione di sintesi PEAP GR A cura di CO.SVI.G., PIN SCRL.

Dettagli

5.9. Assicurazione qualità dei risultati Il laboratorio deve avere procedure di controllo qualità per monitorare la validità delle prove e o delle

5.9. Assicurazione qualità dei risultati Il laboratorio deve avere procedure di controllo qualità per monitorare la validità delle prove e o delle 5.9. Assicurazione qualità dei risultati Il laboratorio deve avere procedure di controllo qualità per monitorare la validità delle prove e o delle tarature eseguite. I dati risultanti devono essere registrati

Dettagli

6.1. Risultati simulazioni termovalorizzatore Osmannoro2000

6.1. Risultati simulazioni termovalorizzatore Osmannoro2000 pag. 217 6. Risultati Di seguito si riportano i risultati relativi alle diverse simulazioni di diffusione atmosferica degli inquinanti effettuate. In particolare sono riportati i risultati sotto forma

Dettagli

Banco Prova Caldaie. per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW

Banco Prova Caldaie. per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW Banco Prova Caldaie per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW 1 Generalità Il banco prova caldaie attualmente disponibile presso il nostro Laboratorio è stato realizzato

Dettagli

La nuova linea guida per le attività di assicurazione e controllo di qualità per le reti di monitoraggio per la qualità dell aria ambiente

La nuova linea guida per le attività di assicurazione e controllo di qualità per le reti di monitoraggio per la qualità dell aria ambiente La nuova linea guida per le attività di assicurazione e controllo di qualità per le reti di monitoraggio per la qualità dell aria ambiente F. Cadoni, D. Centioli, S. Barbizzi, S. Gaudino, M. Belli ISPRA

Dettagli

Rosemount Analytical Inc.

Rosemount Analytical Inc. Rosemount Analytical Inc. Analytic Business Unit Sistemi di analisi gas per ottimizzare i processi e tutelare l ambiente Roma, 30 Ottobre 2012 Augusto Quercia Product Specialist Analytical I Sistemi di

Dettagli

Tabella 1 - Coefficienti di prestazione minimi per pompe di calore elettriche. Bulbo secco all entrata: -7 (*) 2,7 (*)

Tabella 1 - Coefficienti di prestazione minimi per pompe di calore elettriche. Bulbo secco all entrata: -7 (*) 2,7 (*) ALLEGATO II - Criteri di ammissibilità e calcolo degli incentivi per gli interventi di produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed incremento dell efficienza energetica 1. Criteri di ammissibilità

Dettagli

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG )

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG ) Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE Sito di monitoraggio: Lucera ( FG ) Periodo di osservazione: 5/2/21-11/3/21

Dettagli

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca Bologna, 15 maggio 2006 Hera Bologna s.r.l. 1 COGEN OSPEDALE MAGGIORE RIVA CALZONI BARCA BECCACCINO 2 La rete 3 Le condotte Posa tubazioni

Dettagli

ALLEGATO 2 - REQUISITI TECNICI MINIMI DEGLI IMPIANTI

ALLEGATO 2 - REQUISITI TECNICI MINIMI DEGLI IMPIANTI BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DEI NUCLEI FAMILIARI PER L INSTALLAZIONE NELLA PRIMA CASA DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA DA FONTI RINNOVABILI E DI SISTEMI AD ALTA EFFICIENZA

Dettagli

QUADERNO N. 8 IMPIANTI BIOGAS GUIDA TECNICO NORMATIVA LE EMISSIONI IN ATMOSFERA. Aprile 2014. Rev. 1.00

QUADERNO N. 8 IMPIANTI BIOGAS GUIDA TECNICO NORMATIVA LE EMISSIONI IN ATMOSFERA. Aprile 2014. Rev. 1.00 QUADERNO N. 8 IMPIANTI BIOGAS GUIDA TECNICO NORMATIVA LE EMISSIONI IN ATMOSFERA Aprile 2014 Rev. 1.00 Consorzio Monviso Agroenergia Via del Gibuti, 1 10064 - Pinerolo (TO) Tel 0121/325901 - Fax 0121/3259103

Dettagli

ETS 2013-2020 Monitoraggio e comunicazione delle emissioni di CO2

ETS 2013-2020 Monitoraggio e comunicazione delle emissioni di CO2 ETS 2013-2020 Monitoraggio e comunicazione delle emissioni di CO2 Applicazione del Regolamento UE n. 601/2012 e determinazione del contenuto di carbonio del rottame Milano, 13 settembre 2012 Il Regolamento

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

1) Istanza prot. n. EP/P2002000119 del 16/01/2002 della ditta ENEL Produzione con allegati:

1) Istanza prot. n. EP/P2002000119 del 16/01/2002 della ditta ENEL Produzione con allegati: D. R. S. n. 308 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO ED AMBIENTE SERVIZIO 3 Tutela dall inquinamento atmosferico, elettromagnetico ed acustico

Dettagli

problematiche olfattive in Veneto

problematiche olfattive in Veneto La definizione di una Linea Guida per la gestione delle problematiche olfattive in Veneto Dr Alessandro Benassi Regione del Veneto Direttore e Dipartimento Ambiente Dr. Alessandro Benassi Direzione Ambiente

Dettagli

Laboratorio Ambientale Settore IAR

Laboratorio Ambientale Settore IAR Documento Informativo nr. 117 Data di emissione: 23/03/05 Revisione n. 0 Laboratorio Ambientale Settore IAR VERIFICA I CAMPO DELLE PRESTAZIOI DEI SISTEMI DI MOITORAGGIO I COTIUO (SME) Riferimento interno:

Dettagli