Una ricerca sulle supply

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una ricerca sulle supply"

Transcript

1 SUPPLY CHAIN Una ricerca sulle supply chain globalizzate di R. Crippa Roberto Crippa, director, Italian Operations TruEconomy Consulting L obiettivo di questa ricerca è definire quale relazione scorra tra la value proposition e le strategie di gestione della supply chain adottate dalla aziende consultate nel corso dell indagine, quale l impatto sulle performance di business e, infine, quali le strategie che prediligono i best performer Introduzione Scopo della ricerca di seguito presentata, frutto di un lavoro congiunto tra il prestigioso Massachusetts Institute of Technology (MIT) di Boston e l olandese TruEconomy Consulting una delle principali società europee di consulenza sul supply chain management è l esplorazione dei legami tra: la value proposition d impresa e le strategie di supply chain atte a supportarla efficacemente; le strategie di business, finanziarie e di supply chain; le performance di business, finanziarie e delle operations al fine di identificare i modelli comportamentali vincenti in un contesto economico sempre più complesso e incerto. Come i risultati di ricerca hanno mostrato, le suddette correlazioni non solo esistono inequivocabilmente ma se correttamente impostate e gestite costituiscono una solida base per il conseguimento di robuste posizioni di dominanza. Resta dunque confermata l analogia delle supply chain come DNA delle imprese: portatrici di un codice genetico che determina le potenzialità (e i limiti) nel conseguimento armonioso di tutti gli obiettivi di azienda. È possibile e doveroso fare ingegneria genetica sulle supply chain, ridisegnandone strutture, meccanismi 1 0 > l u g l i o / a g o s t o < L o g i s t i c a M a n a g e m e n

2 Figura 1 Figura 2 organizzativi e processi di gestione di pari passo con l evoluzione del contesto di riferimento e della value proposition. Ma ciò richiede un costante allineamento tra le rispettive agende degli executive: amministratori delegati (CEO), direttori finanza (CFO) e direttori operations/supply chain (SCM), come le pagine seguenti evidenziano. La metodologia di ricerca Un tratto distintivo di questa ricerca è stato l intervista congiunta dei CEO, CFO e COO/supply chain manager di quasi duecento aziende europee di svariati settori, al fine di poter valutare in modo omogeneo ed esaustivo le correlazioni ricercate. Sotto la guida del prof. David Simchi- Levi (MIT), di James Paul Peruvankal (MIT) e del dott. Constantine Vassiliadis (TruEconomy), sono state esaminate le risposte pervenute, selezionando infine le ottantadue imprese che avevano completato in modo esaustivo tutte le sezioni del questionario di ricerca (CEO, CFO, COO/SCM) e raggruppandole secondo due macro-modelli di gestione delle operations: risposta flessibile ed Sono quindi state analizzate in dettaglio le rispettive aree di focalizzazione strategica e le performance di business, finanziarie e delle operations per identificare le correlazioni vincenti tra la value proposition e gli appropriati stili di gestione della supply chain. Incrementare la flessibilità Una prima importante risultanza è la crescente attenzione alla ricerca di flessibilità. Il più recente pensiero in materia di operations management pone l accento sulla distinzione tra quelle aziende le cui strategie di supply chain si focalizzano sull efficienza dei costi e quelle che mirano a elevati gradi flessibilità in risposta ai repentini cambiamenti di mercato. Il campione di aziende analizzate si è per la maggior parte connotato come rivolto alla ricerca di una strategia di risposta flessibile, con enfasi sulla massima reattività: cinquanta delle ottantadue società si caratterizzano come appartenenti al modello gestionale di risposta flessibile, mentre le restanti trentadue si riconoscono nel modello di Alcune differenze di comportamento si riscontrano inoltre osservando la stratificazione dei partecipanti per settore, come evidenziato in Fig.1. Si evidenzia una marcata tendenza verso l adozione di modelli a risposta flessibile nel settore Hi-Tech, caratterizzato da un elevato tasso di innovazione di prodotto. Tuttavia, anche in settori quali Consumer Packaged Goods, Health Care e Retail si riscontra come una significativa percentuale di imprese caratterizzano le loro strategie di supply chain con elementi di flessibilità. Una delle principali spiegazioni è che la rapidità nell innovazione dei prodotti sta aumentando negli ultimi anni anche nei settori più tradizionali. Inoltre, l incremento d instabilità sia della domanda che della fornitura e l accrescersi del rischio di supply chain forniscono ulteriori spinte verso l adozione di strategie a risposta flessibile. Le aree di focalizzazione per il top management Attraverso appositi questionari mirati, sono state esplorate le aree di focalizzazione degli executive: CEO, CFO e COO/direttori SCM, mettendo a fuoco le principali aree di rilevanza strategica, di conseguimento delle performance di business e di attuazione delle strategie di supply chain. La prospettiva dei CEO La Fig.2 mostra le principali aree di focalizzazione secondo la prospettiva dei CEO: crescita, differenziazione competitiva e ritorno per gli azionisti sono rispettivamente ai primi tre posti. La maggior parte degli intervistati concorda anche per quanto concerne le leve sulle quali agire: conseguire la crescita puntando sui ricavi dalle vendite, la profittabilità e l introduzione di nuovi prodotti/servizi; mantenere la differenziazione competitiva focalizzandosi sull innovazione, la soddisfazione dei clienti e lo sfruttamento del marchio; assicurare il ritorno per gli azionisti prestando attenzione ai costi operativi, alle politiche di prezzo e all allocazione delle risorse disponibili. L o g i s t i c a M a n a g e m e n t > l u g l i o / a g o s t o < 1 1

3 Figura 3 Figura 4 La prospettiva dei CFO Nell ottica dei CFO (cfr. Fig.3) i primi tre fattori da tenere in considerazione sono dati da: costi, redditività e liquidità. Il conseguimento degli obiettivi di costo passa attraverso il contenimento del costo del venduto, l efficienza operativa e la riduzione delle spese generali e amministrative. In maniera non certo inaspettata, secondo quanto emerso dall indagine i CFO che focalizzano la loro agenda sulla redditività enfatizzano gli obiettivi di EBIT (Earning Before Interest and Tax) e di margine operativo, mentre quelli che puntano a una maggiore liquidità danno maggiore rilevanza al cash flow operativo, al capitale d esercizio, al corporate cash e al ciclo cash-to-cash. La prospettiva dei COO/Supply Chain Manager Come evidenziato in Fig.4, i primi tre obiettivi per i responsabili della supply chain includono la soddisfazione della domanda, l organizzazione della supply chain e dei correlati processi/tecnologie a supporto, gli acquisti. La soddisfazione della domanda è principalmente raggiunta attraverso la riduzione dei tempi di risposta e delle rotture di stock. Il miglioramento dell organizzazione e della gestione della supply chain richiede la focalizzazione sui processi di Sales & Operations Planning (S&OP) e, a seguire, sugli strumenti IT a supporto della pianificazione e della collaborazione lungo la supply chain. Gli obiettivi sul fronte acquisti vertono infine sulla riduzione dei costi di fornitura, sulla qualità/affidabilità dei fornitori e sulla riduzione dei lead time di fornitura. Alla ricerca di un modello di eccellenza Un esame più approfondito e una lettura incrociata dei risultati della ricerca hanno inoltre consentito di approfondire le strategie adottate dalle imprese eccellenti facenti capo rispettivamente ai due modelli gestionali risposta flessibile ed Scopo di questo approfondimento è l identificazione, per le imprese best performer, delle correlazioni esistenti tra le strategie corporate, finanziarie e delle operations messe in campo, al fine stabilire un legame chiaro tra la value proposition d impresa e le proprie strategie di supply chain. Individuare i best performer Nella seconda parte dell indagine, ai partecipanti è stato chiesto di fornire una valutazione delle performance di business rispetto ad alcuni Key Performace Indicator (KPIs) largamente diffusi nella prassi. Tra quelli relativi alla supply chain: rotazione delle giacenze; costi di supply chain; livello di servizio; tempi di consegna; profittabilità e accuratezza previsionale. Ovviamente, ci si aspetterebbe che una strategia mirante all efficienza di costo ponesse maggior enfasi alla rotazione delle giacenze e al contenimento dei costi di supply chain, mentre una strategia di risposta flessibile mirasse al conseguimento di performance ottimali in termini di servizio e tempi di consegna. I parametri di cui sopra sono pertanto stati rispettivamente scelti come criteri di selezione delle imprese eccellenti all interno dei due macro-gruppi efficienza di costo e risposta flessibile. La Fig. 5 mostra la caratterizzazione dei best performer per i due gruppi sopraccitati: in tutto, trenta imprese. Comparando questo campione con le altre aziende della ricerca, è quindi stato possibile identificare le strategie delle operations maggiormente efficaci, nonché le correlazioni tra esse, le strategie di business e le performance finanziarie. Alcune considerazioni sulle strategie delle operations La Fig.6 mostra le aree di focalizzazione per le strategie delle operations relativamente alle trenta imprese eccellenti identificate come sopra descritto. Prendendo spunto da tali aree e analizzando nel dettaglio le risposte al questionario di ricerca, si possono trarre alcune interessanti considerazioni, di seguito sintetizzate. Prima considerazione: le imprese a risposta flessibile enfatizzano il servizio al Mercato Le risultanze della ricerca evidenziano come tutte le imprese di questo gruppo abbiano indicato che soddisfare la 1 2 > l u g l i o / a g o s t o < L o g i s t i c a M a n a g e m e n t

4 Figura 5 Figura 6 domanda sia al primo posto nei loro obiettivi. Ai vertici delle priorità si trovano anche la riduzione dei tempi di consegna e la minimizzazione delle rotture di stock. Un ulteriore aspetto emerso nel corso dell indagine suggerisce che per raggiungere tali obiettivo le aziende tendono a seguire queste linee-guida: Diversificazione competitiva e flessibilità attraverso la produzione e la distribuzione implementazione di strategie di differenziazione ritardata (postponement). Soluzioni IT per la pianificazione (previsione, disponibilità alla vendita, programmazione esecutiva) in modo da minimizzare i ritardi di informazione e gestire al meglio fornitura e produzione per soddisfare il ciclo delle vendite e una corretta datazione ordini Iniziative di collaborazione e visibilità a monte e a valle nella supply chain. Peraltro, la minimizzazione dei costi totali di supply chain è importante (quasi) allo stesso modo per tutte le aziende appartenenti ai due gruppi efficienza di costo e risposta flessibile. Seconda considerazione: La visibilità nelle operations è un elemento chiave per il modello strategico efficienza di costo L importanza per la visibilità nelle operations è tre volte più alta per le aziende caratterizzate da modelli strategici imperniati sull efficienza di costo. L attenzione di queste aziende per scorte contenute e per una lean supply chain riduce alcuni gradi di flessibilità ed espone maggiormente le operations ai rischi di supply chain. Per sopperire a ciò, le imprese che enfatizzano l efficienza di costo devono investire maggiormente sulla visibilità lungo la supply chain. In primis, sulla visibilità delle scorte di filiera. Terza considerazione: Le imprese a risposta flessibile e quelle ad efficienza di costo adottano differenti strategie innovative I risultati della ricerca mostrano che le aziende che hanno scelto l efficienza di costo tendono a dare particolare rilevanza al Design for Supply Chain. Ciò implica la progettazione dei prodotti e dei processi valutando contemporaneamente sia le caratteristiche di prodotto sia quelle della supply chain che sarà chiamata a realizzare detti prodotti. Questo solitamente porta a una riduzione del numero di componenti, alla razionalizzazione del catalogo e del Parco Fornitori, alla progettazione di prodotti generici personalizzabili nelle ultime fasi del processo di trasformazione (postponement). I concetti di risk pooling possono essere applicati per ridurre l incertezza e volatilità, e i tempi di consegna possono essere ridotti grazie all adozione di tecniche di postponement. Recenti iniziative in materia di Design for Supply Chain in diverse aziende hanno portato alla riduzione del capitale d esercizio immobilizzato riducendo le... le strategie di risposta flessibile sono spesso applicate da imprese operanti in Settori Hi-Tech e ad alta velocità di cambiamento, caratterizzati dalla frequente introduzione di nuovi prodotti e servizi... giacenze mantenendo o addirittura migliorando il livello di servizio. Queste azioni sono più frequenti nelle imprese che adottano modelli di efficienza di costo. L innovazione nelle aziende a risposta flessibile è invece focalizzata su elevati tassi di introduzione di nuovi prodotti e servizi. Ciò deriva probabilmente dal fatto che le strategie di risposta flessibile sono spesso applicate da imprese operanti in Settori Hi-Tech e ad alta velocità di cambiamento, caratterizzati L o g i s t i c a M a n a g e m e n t > l u g l i o / a g o s t o < 1 3

5 dalla frequente introduzione di nuovi prodotti e servizi che richiedono una continua integrazione tra i processi di innovazione e delle operations. Infine, le aziende caratterizzate da efficienza di costo pongono particolare rilevanza all innovazione nel canale distributivo, che può portare a significative riduzioni di costi di trasporto e stoccaggio, nonché alla mitigazione dei correlati rischi di supply chain. Quarta considerazione: Le imprese a risposta flessibile e quelle ad efficienza di costo adottano differenti strategie di acquisto Nell impostare le strategie di acquisto, le imprese ad efficienza di costo mirano alla minimizzazione dei Total Landed Cost, mentre quelle a risposta flessibile si focalizzano sulla minimizzazione del lead time di fornitura. Prestazioni finanziarie e di business Dopo aver completato tutte le sezioni del questionario di ricerca, ai partecipanti è stato chiesto di classificare la performance della loro azienda in base ai Figura 7 Figura 8 risultati conseguiti rispetto agli obiettivi prefissati per i principali KPIs finanziari. La Fig.7 illustra similarità e differenze riscontrate tra i best performer dei macro gruppi risposta flessibile e efficienza di costo. Come si può notare, le imprese che adottano strategie di risposta flessibile eccellono in quasi tutti i KPIs ad eccezione di due: rotazione delle giacenze (ove le aziende improntate all efficienza di costo primeggiano), e rotazione degli asset totali, ove le prestazioni si eguagliano. Parimenti (vedi Fig.8), c è poca differenza tra i due gruppi di imprese eccellenti per quanto concerne il conseguimento dei propri obiettivi di business, quali ad esempio i ricavi e il Return On Equity. Qualche differenza a favore delle imprese che adottano strategie di risposta flessibile si riscontra invece per quanto riguarda il livello di soddisfazione dei clienti e la quota di mercato. L agenda dei top manager e le strategie di supply chain Tenendo in considerazione de differenze comportamentali tra i due macro-gruppi di imprese, le trenta aziende eccellenti sono state ulteriormente analizzate al fine di identificare le correlazioni tra le azioni prioritarie degli executive e le strategie di supply chain. Certamente non è questa l unica ricerca che si focalizza sulla natura di tali correlazioni. Nel testo Operations Rules: Delivering Customer Value through Flexible Operations (MIT Press, settembre 2010), il prof. Simchi-Levi ha sviluppato uno schema di riferimento per supportare le aziende a collegare le proprie strategie delle operations alla value proposition offerta ai loro clienti. A tale proposito, Simchi-Levi fornisce diversi esempi: il primo riguarda Wal- Mart, multinazionale americana proprietaria dell omonima catena di negozi al dettaglio, la cui strategia consiste nel definire sistematicamente il prezzo minimo del giorno in armonia con il modello di efficienza di costo adottato. Al contrario, la strategia commerciale adottata dal retailer online Amazon si basa sulla scelta e la disponibilità immediata dei prodotti, con una strategia delle operations incentrata sulla efficiente e affidabile evasione degli ordini. Un altro esempio riguarda la strategia commerciale di Dell Computers per quanto riguarda la vendita dei prodotti online: in questo caso la parola d ordine è Customer Experience, offrendo al cliente ha la possibilità di scegliere il tipo di configurazione desiderata. La correlata strategia delle operations punta pertanto alla flessibilità attraverso una produzione legata all assemblaggio su ordine. Assai diversa è la sfida che Dell ha dovuto affrontare da quando si è affacciata sul canale di vendita Retail. In questo caso, infatti, la value proposition offerta non è tanto la selezione il numero di configurazioni possibili in un negozio è abbastanza limitato quanto un prezzo contenuto. Le strategie delle operations retrostanti il canale Retail devono pertanto enfatizzare modelli di efficienza di costo. Le risultanze emerse in questa ricerca sottolineano ulteriormente l importanza della correlazione tra le azioni prioritarie dei top manager e le strategie di supply chain. Ad esempio, suggeriscono come le aziende che puntano alla crescita hanno strategie di supply chain focalizzate 1 4 > l u g l i o / a g o s t o < L o g i s t i c a M a n a g e m e n t

6 Figura 9 definito: Business Performance Indicator (BPI). Si è provveduto a comparare i BPI dei trenta best performer con quelli delle rimanenti cinquantadue aziende partecipanti alla ricerca. Il risultato è mostrato in Fig.9. Figura 10 Come si può notare, gran parte delle migliori aziende mostra un alto BPI, mentre la percentuale delle altre aziende con analoghi livelli BPI è molto più piccola. Ad esempio, il 62% delle migliori aziende ha un BPI al di sopra della media rispetto al 43% delle restanti aziende. Parimenti, il 47% delle migliori aziende appare tra le prime posizioni nella classifica BPI rispetto al 25% delle altre imprese. sull organizzazione, sui processi e sulla tecnologie a supporto. Parimenti, quando nell agenda degli executive figura lo sviluppo di capacità, le strategie delle operations puntano all investimento in asset di supply chain e al loro efficace utilizzo. Di grande importanza è stata infine l identificazione di una forte corrispondenza tra la focalizzazione sulla corporate social responsibility e l innovazione nella supply chain. Ciò è plausibile in quanto la corporate social responsibility include, tra gli altri, i seguenti obiettivi: riduzione delle emissioni di CO²; eliminazione di sprechi; risparmio energetico e idrico. Tutti questi aspetti richiedono la progettazione di prodotti, processi manifatturieri e di supply chain innovativi. Alcune delle evidenti differenze tra i due macro-gruppi di aziende individuati dalla presente ricerca riguardano il ruolo giocato dall innovazione, che stimola la crescita nelle aziende a risposta flessibile mentre la ostacola in quelle ad Questo perché le strategie a risposta flessibile sono associate a Settori con alta velocità di evoluzione e alto contenuto tecnologico, laddove l innovazione gioca un ruolo predominante. D altro canto, l innovazione richiede spesso significativi investimenti che mal si attagliano in contesti ove l efficienza di costo è dominante. La ricerca si è infine focalizzata sulla quantificazione della rilevanza che l agenda dei Top Manager riveste per le performance di supply chain. A tal proposito, i quattro principali indicatori di business ricavi, quota di mercato, soddisfazione dei clienti, Return On Equity sono state sintetizzate mediante opportune tecniche in un singolo indicatore di performance In modo analogo, i parametri per la misurazione delle performance finanziarie Return On Equity, Return On Assets, rotazione degli asset totali, rotazione delle scorte, operating cash flow, net working capital to assets, margine operativo, debt to equity ratio e total debt ratio sono stati sintetizzati in un Financial Performance Indicator (FPI). Quest indicatore è mostrato in Fig.10 ove sono comparate le trenta aziende best performer e le restanti cinquantadue. Ancora una volta, appare la netta supremazia delle best performer anche in campo finanziario. Conclusioni La relazione tra le strategie di supply chain e quelle di business è stata esaminata con l obiettivo di stabilire le connessioni tra la gestione delle operations e la value proposition di impresa. Le risultanze della ricerca evidenziano non solo l importanza della correlazione tra gli obiettivi del top management e le strategie di supply chain, ma mostrano anche chiaramente come performance di supply chain, di business e finanziarie procedano di pari passo, assicurando una solida posizione di dominanza. Sebbene le relazioni analizzate nella presente ricerca ricoprano un vasto spettro di elementi strategici, molte sono ancora le aree inesplorate e di grande interesse scientifico e di business. Le metodologie sviluppate nel corso dell indagine qui presentata e le informazioni raccolte costituiscono una valida base di partenza per ulteriori approfondimenti in un prossimo futuro. L o g i s t i c a M a n a g e m e n t > l u g l i o / a g o s t o < 1 5

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Docente di Gestione dei Processi e dei Progetti La Sapienza Università di Roma Agenda Perché le ICT a supporto dei processi di gestione della

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

INDICE. Prefazione alla seconda edizione 9. Prefazione alla prima edizione 11

INDICE. Prefazione alla seconda edizione 9. Prefazione alla prima edizione 11 INDICE Prefazione alla seconda edizione 9 Prefazione alla prima edizione 11 Mappatura, analisi e ottimizzazione dei processi 15 1. Il miglioramento dei processi aziendali 15 1.1. Il Business Process Modelling

Dettagli

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE La valutazione dell efficienza aziendale EFFICIENZA E LA CAPACITA DI RENDIMENTO O L ATTITUDINE A SVOLGERE UNA DETERMINATA FUNZIONE. E MISURATA DAL RAPPORTO TRA I RISULTATI CONSEGUITI E LE RISORSE IMPIEGATE

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

Requisiti di riferimento per il successo

Requisiti di riferimento per il successo Requisiti di riferimento per il successo In questa seconda parte della nostra newsletter in cui si parla del recente report di Aberdeen sui fattori chiave di successo per la logistica di magazzino, si

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN OPERATIONS & SUPPLY CHAIN CORSI BREVI IN GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN GESTIONE E OTTIMIZZAZIONE DEI TRASPORTI www.mip.polimi.it/scm/trasporti OBIETTIVI Fornire un quadro d insieme delle

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN OPERATIONS & SUPPLY CHAIN CORSI BREVI IN GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN EXECUTIVE OPEN PROGRAMS La Divisione Executive Open Programs di MIP disegna ed eroga Programmi a catalogo, ovvero percorsi

Dettagli

Il controllo di gestione negli impianti a biogas

Il controllo di gestione negli impianti a biogas Il controllo di gestione negli impianti a biogas C è bisogno del controllo di gestione? Gli impianti a biogas hanno un ciclo produttivo apparentemente semplice che sulla carta consente agevolmente di realizzare

Dettagli

La scelta del livello ottimo della disponibilità del prodotto. La disponibilità del prodotto 1

La scelta del livello ottimo della disponibilità del prodotto. La disponibilità del prodotto 1 La scelta del livello ottimo della disponibilità del prodotto La disponibilità del prodotto 1 Linea guida Importanza della disponibilità del prodotto Fattori influenzanti il livello ottimo della disponibilità

Dettagli

Le caratteristiche distintive di Quick Budget

Le caratteristiche distintive di Quick Budget scheda prodotto QUICK BUDGET Mercato imprevedibile? Difficoltà ad adeguare le risorse a una domanda instabile e, di conseguenza, a rispettare i budget?tempi e costi troppo elevati per la creazione di budget

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Lezione 3: Introduzione all analisi e valutazione delle azioni. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri

Lezione 3: Introduzione all analisi e valutazione delle azioni. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Lezione 3: Introduzione all analisi e valutazione delle azioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Valutazione degli investimenti in azioni Intuitivamente si crea valore quando un azienda

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

Demand Planning Segmentation

Demand Planning Segmentation Introduzione Come abbiamo avuto modo di rilevare più volte, una buona pianificazione della domanda è una condizione assolutamente necessaria non solo per essere in grado di servire efficacemente quella

Dettagli

Sommario. 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio

Sommario. 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio 1.1. Premessa... 3 1.2. L evoluzione dell analisi di bilancio... 3 1.3. Utilità e limiti dell analisi di bilancio... 6 1.4. Gli strumenti di analisi...

Dettagli

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6)

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6) Schema 1 Gruppo di Prodotti/servizi Contributo alle vendite (percentuale) Contributo al profitto (percentuale) Attrattività del cliente (da1 a 6) Attrattività dei fornitori (da1 a 6) Attrattività della

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009 Insight N. 27 Ottobre 2009 Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) In uno scenario di business e finanziario sempre più volatile, il Chief Financial Officer (CFO) si trova

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004 Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari Giovanni Ciccone Stefania De Maria 080 5274824 Marketing Strategico Sistemi Informativi Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence I casi di successo dell Osservatorio Smau e School of Management del Politecnico di Milano * Il caso Brix distribuzione: monitorare le performance economicofinanziarie di una rete di supermercati attraverso

Dettagli

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD di Davide Mondaini e Violante Battistella (*) I costi logistici rappresentano una voce rilevante all interno del Conto Economico aziendale.

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELL INNOVAZIONE COME GESTIRE I PROGETTI IN MODO PIÙ SEMPLICE, VELOCE E COLLABORATIVO? COME RENDERE LA PROGETTAZIONE E LO SVILUPPO DEI PRODOTTI PIÙ VELOCE ED EFFICIENTE? COME RIDURRE LA COMPLESSITÀ DEI PRODOTTI GARANTENDO

Dettagli

GRUPPI DI IMPRESA: SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

GRUPPI DI IMPRESA: SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO http://www.sinedi.com ARTICOLO 63 LUGLIO/AGOSTO 2013 GRUPPI DI IMPRESA: SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO La letteratura dedicata al controllo di gestione è estremamente ampia e si è sviluppata largamente

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

CAMBIAMENTO ORGANIZZATIVO

CAMBIAMENTO ORGANIZZATIVO Consulenza direzionale Formazione Temporary Management Efficienza Organizzativa Due Diligence Equity Value Reporting e mappatura dei processi aziendali Cost Accountig Project Management Supply Chain Management

Dettagli

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Premessa Il metodo DCF Come noto il metodo DCF (Discounted cash flow) si è affermato da tempo, soprattutto nella prassi

Dettagli

FONDIRIGENTI Avviso 1 / 2013

FONDIRIGENTI Avviso 1 / 2013 CONFINDUSTRIA ALESSANDRIA Unione Industriale della provincia di Asti FONDIRIGENTI Avviso 1 / 2013 Corsi di alta formazione per dirigenti 1 LEAN MANUFACTURING L intervento formativo persegue l obiettivo

Dettagli

Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare

Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare M. Bettucci R. Secchi V. Veronesi Unit Produzione e Tecnologia Il libro è frutto del lavoro di ricerca svolto con il Gruppo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il programma si propone di fornire alle aziende indicazioni che possano essere di supporto al miglioramento delle prestazioni del loro processo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2017 DEL GRUPPO BPER

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2017 DEL GRUPPO BPER COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2017 DEL GRUPPO BPER BECOMING BPER 5 S : Solidità - Semplicità Specializzazione Selettività Stakeholders Linee Guida del Piano 1. Rafforzamento

Dettagli

MASTER IN OPERATIONS MANAGEMENT PER PMI

MASTER IN OPERATIONS MANAGEMENT PER PMI MASTER IN OPERATIONS MANAGEMENT PER PMI Innovation in Operations Management Un master dedicato alla piccola e media impresa, per consentire un approccio pratico ma nello stesso tempo metodico e strutturato,

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Raffaele Secchi Operations & Technology Management Unit Agenda Il progetto di ricerca Fashion e SCM: gli

Dettagli

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Opportunità per le PMI per ottimizzare la gestione della filiera logistico

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT POLITECNICO DI MILANO SCHOOL OF MANAGEMENT PERCORSI EXECUTIVE SUPPLY CHAIN MANAGEMENT Gestione Strategica degli Acquisti / Logistica Distributiva 11 EDIZIONE NOVEMBRE 2013 OTTOBRE 2014 PERCORSI EXECUTIVE

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

DIGITAL TRANSFORMATION. Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO

DIGITAL TRANSFORMATION. Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO DIGITAL TRANSFORMATION Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO AL VOSTRO FIANCO NELLA DIGITAL TRANSFORMATION Le nuove tecnologie, tra cui il cloud computing, i social

Dettagli

MICROSOFT DYNAMICS NAV: MISURAZIONE DEI BENEFICI

MICROSOFT DYNAMICS NAV: MISURAZIONE DEI BENEFICI MICROSOFT DYNAMICS NAV: MISURAZIONE DEI BENEFICI Indagine su un campione di PMI che utilizzano Microsoft Dynamics NAV A cura di: consulting Quali sono i principali vantaggi di Microsoft Dynamics NAV? CARATTERISTICHE

Dettagli

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso consente al partecipante di venire a conoscenza delle opportunità che la gestione del web marketing moderno

Dettagli

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza Il tema delle remunerazioni dei Vertici Aziendali continua a essere di grande attualità e oggetto di particolare

Dettagli

Operations Management GIA-L03

Operations Management GIA-L03 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Operations Management Operations Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione

Dettagli

COMPANY PROFILE. A cura di: ing. G. Graziadei Founder VALUEPro Tel.: 3939881243 E-mail: gianni.graziadei@valuepro.it

COMPANY PROFILE. A cura di: ing. G. Graziadei Founder VALUEPro Tel.: 3939881243 E-mail: gianni.graziadei@valuepro.it COMPANY PROFILE A cura di: ing. G. Graziadei Founder VALUEPro Tel.: 3939881243 E-mail: gianni.graziadei@valuepro.it 1 1 Il valore che offriamo FORMAZIONE IN AZIENDA - Personalizzazione - Applicazione sul

Dettagli

MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL

MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL Utilizzare la Location Intelligence come vantaggio competitivo L O C AT I O N L O C AT I O N L O C AT I O N! MapInfo fornisce soluzioni per l analisi spaziale e la visualizzazione

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 20 Sempre un passo avanti EXECUTIVE MASTER COURSE Production Manager OBIETTIVI Il corso mette in condizione i partecipanti

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

Gestione completa della distribuzione ai punti vendita attraverso la soluzione SAP Retail

Gestione completa della distribuzione ai punti vendita attraverso la soluzione SAP Retail Gruppo Fratelli Pietrini S.p.a - Scarpamondo. Utilizzata con concessione dell autore. Gestione completa della distribuzione ai punti vendita attraverso la soluzione SAP Retail Partner Nome dell azienda

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI

I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI Roma, 22 novembre 2011 Direzione Retail Funzione C.A.E. L EVOLUZIONE DEL SETTORE Gli ultimi cinque anni hanno

Dettagli

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI Edizione fuori commercio - Vietata la riproduzione anche parziale www.adaci adaci.itit A JOB RIGHT NOW! Anno accademico 2008-2009 2009 LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

Dettagli

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica ECCELLERE NELLA LOGISTICA Generare opportunità con la logistica INTRODUZIONE Il settore della logistica rappresenta una risorsa strategica per la competitività delle imprese e del territorio ed è attualmente

Dettagli

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012 . Milano, 21 novembre 2012 Agenda Presentazione risultati Survey Modalità operative e leading practices Tavola Rotonda Presentazione risultati Survey. - 2 - La Survey Obiettivo: La ricerca condotta da

Dettagli

L ATTENZIONE AL CLIENTE LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE CHI E IL CLIENTE? 07/10/2013

L ATTENZIONE AL CLIENTE LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE CHI E IL CLIENTE? 07/10/2013 L ATTENZIONE AL CLIENTE L approccio teorico. Gli strumenti di ascolto del cliente. I metodi di misurazione della customer satisfaction. 1 LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Lo stato in cui i bisogni, i desideri,

Dettagli

La gestione delle informazioni eccellente

La gestione delle informazioni eccellente La gestione delle informazioni eccellente Le fasi del processo decisionale, gli orizzonti di pianificazione, la verifica del budget nell organizzazione interna e nel rapporto con i fornitori La gestione

Dettagli

1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio. 3. La riclassificazione dello Stato patrimoniale

1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio. 3. La riclassificazione dello Stato patrimoniale 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio 1.1. Premessa... pag. 3 1.2. L evoluzione dell analisi di bilancio... pag. 3 1.3. Utilità e limiti dell analisi di bilancio... pag. 6 1.4. Gli strumenti

Dettagli

Fabbrica Futuro. Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO.

Fabbrica Futuro. Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO. Fabbrica Futuro Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani 27 giugno 2013 WEGE LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO. MCS, Q&O e PTM tre società di consulenza che,

Dettagli

Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends

Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends AGENDA Premessa : contesto e definizione di performance Metriche Impatti Conclusioni Il contesto "una provocazione" Quanto

Dettagli

LM Ingegneria Gestionale Orientamento Supply Chain Management

LM Ingegneria Gestionale Orientamento Supply Chain Management LM Ingegneria Gestionale Orientamento Supply Chain Management 2 Il progetto formativo e la figura professionale L obiettivo dell orientamento è formare un futuro manager in grado di affrontare le sfide

Dettagli

ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE?

ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE? ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE? INDICE GI GROUP 3 OD&M CONSULTING & ASSET MANAGEMENT 3 1. ASSESSMENT CENTER & COMPETENCE CENTER 4 2. LA SURVEY 9 2.1 ASSESSMENT CENTER: COSA PENSANO LE AZIENDE?

Dettagli

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP.

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2013/2014 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. 1, 2, 3) Unit 5 Slide 5.2.1 Lezioni del 29/30/31 ottobre 2013 IL

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

Lavorare per progetti investendo nelle risorse umane

Lavorare per progetti investendo nelle risorse umane Lavorare per progetti investendo nelle risorse umane 27 settembre 2002 Agenda Accenture Chi siamo Cosa facciamo Come siamo organizzati I nostri ruoli La complessità dei progetti L organizzazione di un

Dettagli

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010 Giugno 2010 Premessa L obiettivo dell indagine è stato quello di registrare il sentire delle Aziende Italiane rispetto alla situazione economica attuale e soprattutto quali sono le aspettative per gli

Dettagli

Fornitore leader di servizi logistici riduce i costi e migliora il servizio al cliente con Quintiq

Fornitore leader di servizi logistici riduce i costi e migliora il servizio al cliente con Quintiq Case study Fornitore leader di servizi logistici riduce i costi e migliora il servizio al cliente con Quintiq EWALS CARGO CARE In Ewals tutti i reparti di pianificazione adesso operano come un unico grande

Dettagli

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas Fondazione Sodalitas GfK Eurisko Le prospettive della Responsabilità Sociale in Italia Aprile 2010 Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione

Dettagli

CORSI A CATALOGO 2014 MIB SCHOOL OF MANAGEMENT

CORSI A CATALOGO 2014 MIB SCHOOL OF MANAGEMENT CORSI A CATALOGO 2014 MIB SCHOOL OF MANAGEMENT BUDGET E GESTIONE DEL CAPITALE CIRCOLANTE Mostrare le tecniche per la costruzione del budget economico, del budget patrimoniale, del budget finanziario e

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Più di venticinque anni fa Masaaki Imai, guru della strategia di miglioramento continuo, introduceva il mondo occidentale al concetto di Kai Zen e ai sistemi che nelle

Dettagli

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Il Modello di Soddisfazione-Loyalty consente alla banca di scoprire quali azioni mettere in campo per rendere concretamente più fedeli i clienti, incrementandone

Dettagli

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan Organizzazione aziendale e sistemi informativi Prof. Luca Gnan Agenda Una definizione Divisione del lavoro e coordinamento Le regole nella progettazione Gli ambiti della progettazione organizzativa Modelli

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance A CWT White Paper Una panoramica sui temi della travel policy e compliance Carlson Wagonlit Travel (CWT), l azienda leader mondiale nel settore

Dettagli

valori in milioni di Euro esercizio 2005 esercizio 2004 var. %

valori in milioni di Euro esercizio 2005 esercizio 2004 var. % Milano, 30 marzo 2006 TOD S S.p.A.: eccellenti risultati nell esercizio 2005 (Ricavi: +19,5%, EBITDA: +27%, EBIT: +34%, utile netto: +39%). Dividendo 2005: 1 Euro per azione, più che raddoppiato rispetto

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

Si Fides R7. Il top della tecnologia. Su misura per la tua azienda. Una metodologia consolidata. Un ERP completo per gestire tutta la tua azienda

Si Fides R7. Il top della tecnologia. Su misura per la tua azienda. Una metodologia consolidata. Un ERP completo per gestire tutta la tua azienda Si Fides R7 Si Fides è un extended ERP realizzato interamente da Sinfo One. Si Fides nasce dalla conoscenza e dal monitoraggio dei processi dei nostri clienti e con i quali interagiamo in maniera proattiva.

Dettagli

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made Chi Siamo Metodia nasce a Siena nel 2004 da un gruppo di consulenti e ricercatori, professionisti in discipline statistiche ed economiche, già impegnati da diversi anni in collaborazioni con l Università

Dettagli

LA CAR POLICY UNO STRUMENTO IN CONTINUA EVOLUZIONE

LA CAR POLICY UNO STRUMENTO IN CONTINUA EVOLUZIONE LA CAR POLICY UNO STRUMENTO IN CONTINUA EVOLUZIONE LA CAR POLICY UNO STRUMENTO IN CONTINUA EVOLUZIONE La presente pubblicazione è stata realizzata in collaborazione con Centro Studi Fleet & Mobility e

Dettagli

Roadmap per la ricerca e l innovazione

Roadmap per la ricerca e l innovazione Roadmap per la ricerca e l innovazione EXECUTIVE SUMMARY Questo documento ha l obiettivo di descrivere visioni e strategie per il futuro del manufacturing italiano. Il documento è il risultato dell'attività

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA ORIENTATA AL MERCATO

LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA ORIENTATA AL MERCATO LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA ORIENTATA AL MERCATO La pianificazione strategica può essere definita come il processo manageriale volto a mantenere una corrispondenza efficace tra gli obiettivi e le risorse

Dettagli

I Sistemi di Gestione per la Sicurezza

I Sistemi di Gestione per la Sicurezza I Sistemi di Gestione per la Sicurezza OHSAS 18001, Rischi Rilevanti, Antincendio, Sistemi di Gestione Integrati Luca Fiorentini TECSA Sommario Presentazione... 9 1. INTRODUZIONE 15 2. SCOPO E CAMPO DI

Dettagli

Il Modello di Orientamento Commerciale

Il Modello di Orientamento Commerciale Il Modello di Orientamento Commerciale Un importante strumento di indirizzo strategico che, classificando clienti e prospect in base alle loro potenzialità di sviluppo, supporta azioni mirate su segmenti

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Tax & Legal. Specialists in tax & legal recruitment www.michaelpage.it

SALARY SURVEY 2015. Tax & Legal. Specialists in tax & legal recruitment www.michaelpage.it SALARY SURVEY 2015 Tax & Legal Specialists in tax & legal recruitment www.michaelpage.it Tax & Legal Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione

Dettagli

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean :

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : Consulenza di Direzione Management Consulting Formazione Manageriale HR & Training Esperienza e Innovazione La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : un passo chiave nel percorso

Dettagli

Excellence Consulting. Company Profile

Excellence Consulting. Company Profile Excellence Consulting Company Profile Chi siamo L ECCELLENZA, l elemento principale della nostra value proposition non è solo il nostro brand ma fa parte anche del nostro DNA. Noi proponiamo eccellenza

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT METODOLOGIA DELL ASSESSMENT Chi siamo HR RiPsi nasce come divisione specializzata di Studio RiPsi grazie alla collaborazione di Psicologi e Direttori del Personale che hanno maturato consolidata esperienza

Dettagli