Sviluppo e coinvolgimento delle risorse umane

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sviluppo e coinvolgimento delle risorse umane"

Transcript

1 Sviluppo e coinvolgimento delle risorse umane 1

2 SVILUPPO E COINVOLGIMENTO DELLE RISORSE UMANE Sommario 1. Background del progetto EQUABENCH 2. I partner nel progetto 3. Sviluppo e partecipazione delle risorse umane Il concetto 4. Prassi innovative 4.1 Sviluppo delle risorse umane : conoscenza; qualificazione; innovazione; informazione e comunicazione, Josefsheim Bigge 4.2 Peculiarità del coinvolgimento e della formazione degli operatori nel campo dei servizi per le persone con disabilità, Centro Studi 4.3 Sviluppo delle risorse umane: processo di revisione dello sviluppo del personale attuato internamente, NLN 4.4 SIGPC: Sistema integrato per la gestione del personale per competenze, CRPG 4.5 La conoscenza delle esperienze : come imparare gli uni dagli altri (dipendenti e clienti), Pluryn 4.6 Investire nelle risorse umane: come la Cedar Foundation riconosce e valorizza i propri dipendenti e li coinvolge in un processo di miglioramento permanente, Cedar 4.7 Strategia per lo sviluppo professionale e personale dello staff: ricognizione di buone prassi, IRRS 2

3 1. Background del progetto EQUABE CH Nell ottobre 2008 otto organizzazioni operanti nel campo dell educazione e formazione professionale (EFP), con alle spalle una provata storia nel settore dell innovazione e del miglioramento permanente, si misero insieme per dar vita al progetto EQUABENCH. I partner, provenienti dall Italia, dalla Slovenia, dall Irlanda del Nord, dalla Repubblica Irlandese, dal Belgio, dalla Germania, dal Portogallo e dall Olanda seguiranno un programma biennale di condivisione dell expertise e delle buone prassi attraverso laboratori, attività di benchmarking e eventi a scopo disseminativo. EQUABENCH consoliderà un network di organizzazioni EFP a livello europeo, a- gevolando così l import export di buone prassi, con l obiettivo di migliorare la qualità della formazione per le persone con disabilità o con svantaggi di altro tipo. Ciascun membro del network potrà importare e applicare nella propria organizzazione almeno uno tra gli aspetti innovativi di buone prassi. EQUABENCH identificherà e adatterà le prassi qualitativamente valide dei membri del network, dalle quali nasceranno sei Guide a prassi innovative strutturate seguendo i Concetti Fondamentali di Eccellenza della EFQM (Fondazione Europea per la Gestione della Qualità). Le Guide saranno disponibili gratuitamente presso tutte le organizzazioni EFP in tutta Europa. Questa è la quarta guida prodotta da EQUBENCH, il cui argomento è Sviluppo e coinvolgimento delle risorse umane. Altre Guide di questa serie tratteranno i seguenti argomenti: Leadership e costanza di obiettivo L approccio centrato sul cliente La gestione per processi e fatti Orientamento ai risultati Apprendimento permanente, innovazione e miglioramento Così EQUABENCH; con questo lavoro, faciliterà la strada a tutte le organizzazioni EFP europee per un sicuro raggiungimento di obiettivi di qualità attraverso sistemi focalizzati sull azienda e orientati ai risultati, nella ricerca di uno standard di qualità riconosciuto a livello internazionale. EQUABENCH è supportato dal programma europeo Leonardo Transfer of innovation Trasferimento dell Innovazione attraverso l Agenzia Nazionale del Regno Unito Ecotec 3

4 SVILUPPO E COINVOLGIMENTO DELLE RISORSE UMANE 2. I partner nel progetto The Cedar Foundation 31 Ulsterville Avenue Belfast BT9 7AS Irlanda del Nord Telefono: Sito web: Persona da contattare: Stella Maguire, Capo dello Sviluppo dell Organizzazione e dei Servizi La Cedar Foundation, nata nel 1941, è una organizzazione di volontariato leader nel campo dei servizi per le persone con disabilità in tutta l Irlanda del Nord. Ha uno staff di oltre 250 dipendenti e soddisfa una clientela di più di 1600 unità all anno. I suoi servizi sono raggruppati in 4 aree di intervento: formazione, traumi cranici, bambini e giovani, opzioni di vita. Questa associazione ha una vasta esperienza nella conduzione di progetti europei, compresi i progetti Leonardo. Ha anche un alto grado di expertise e di competenza professionale su vasta scala per quanto riguarda l eccellenza a- ziendale, la garanzia della qualità e gli sviluppi innovativi. L organizzazione è investitore del programma televisivo americano People Champion, è stata insignita dell ISO per tutte le sue aree di intervento e nel 2007 ha ricevuto l European Excellence Award e uno speciale riconoscimento per la valutazione dell approccio centrato sul cliente secondo il Modello di Eccellenza della EFQM European Platform for Rehabilitation 15, Rue de Spa 1000 Brussels Belgio Telefono: Sito web: Persona da contattare: Jana Kukuckova, Coordinatrice EQUASS La Piattaforma Europea per la Riabilitazione (EPR) è un network di provider europei leader nel campo dei servizi di riabilitazione per le persone con disabilità e per altri gruppi con svantaggi diversi. Le organizzazioni membri della piattaforma sono ONG no profit con una grande influenza nei rispettivi Paesi grazie 4

5 all alta qualità dei loro servizi e alla cura che applicano nella ricerca di pari opportunità per la loro clientela. L EPR si pregia di rappresentare la miglior prassi nel settore della riabilitazione a livello europeo, missione che ha perseguito negli anni attraverso un importante azione di partnership, le sue attività di gestione della conoscenza, e le migliaia di figure professionali che operano nelle organizzazioni membri di questo network. Si tratta di 28 organizzazioni appartenenti a 17 paesi europei (dati 2009). Grazie al ruolo chiave che svolge nello scenario europeo, la EPR garantirà alle attività di EQUABENCH una vasta disseminazione e sicuramente saprà trasformare i risultati del progetto in prodotti sostenibili, dai quali la clientela di tutta Europa potrà trarre giovamento. Josefsheim ggmbh Heinrich- Sommer- Straße Olsberg Germania Telefono: +49 (0) Sito web: Persona da contattare: Martin Künemund, Project Manager Corporate Development Il Josefsheim Bigge offre servizi nel campo della riabilitazione per le persone con disabilità fisiche. Al momento circa 770 persone usufruiscono di questi servizi, che coprono una gamma di interventi indipendenti dall età dei gruppi target e spaziano nell area dei servizi residenziali per minori, giovani e adulti, compreso un kindergarten speciale, un centro per la formazione professionale e un laboratorio protetto. I formatori del centro per la formazione professionale collaborano strettamente con la scuola professionale collegata, con la scuola residenziale e con i servizi speciali (integrazione sociale e psicologica, servizi medici). Il loro scopo è supportare i giovani a livello individuale e inserirli nel mercato del lavoro. Il servizio per l integrazione assiste e accompagna i giovani diplomati nella ricerca di un lavoro. Il Josefsheim Bigge è stato il primo istituto tedesco per la riabilitazione a guadagnare il riconoscimento di Eccellenza EQUASS nel La sua gestione della qualità si basa sul modello della EFQM. Il Josefsheim ha una pluriennale esperienza in progetti e cooperazioni a livello europeo. 5

6 SVILUPPO E COINVOLGIMENTO DELLE RISORSE UMANE National Learning Network Roslyn Park, Sandymount Dublin 4 Irlanda Telefono: Sito web: Persona da contattare: David Muldoon, Capo Accreditamento, Standard & Supporto Il National Learning Network è una divisione del Rehab Group che fornisce servizi nel campo della formazione professionale e evolutiva a persone con disabilità e altre forme di svantaggio in 50 località nella Repubblica Irlandese. Si tratta di una gamma di servizi in centri, per il lavoro, a casa e a scuola o al college, di cui usufruiscono ogni anno circa 4500 persone. Lo staff è formato da 650 elementi. Tutti i programmi di formazione sono conformi agli standard di qualità nazionali e sottoposti a valutazione interna ed esterna. Il National Learning Network ha ricevuto il riconoscimento di Eccellenza EFQM, il riconoscimento di Eccellenza EQUASS (qualità europea nei servizi sociali) e il riconoscimento Excellence through People (Gold Standard) ed ha alle spalle una lunga storia di attivo coinvolgimento in azioni e progetti a livello europeo. Centro Studi Opera Don Calabria Viale Don Calabria 13 Cap Ferrara Italia Telefono: Sito web: Persona da contattare: Giuseppe Sarti, Coordinatore L Associazione Centro Studi Opera Don Calabria fu fondata nel 1994; la sede nazionale, che si trova a Verona, coordina tutte le attività a livello europeo, nazionale e regionale. Ha ottenuto il riconoscimento di Centro Nazionale per la Formazione Professionale (legge 40 del 1987) ed il riconoscimento di istituto privato per la Formazione Professionale dalle Regioni Veneto, Emilia Romagna e Sicilia. E inoltre iscritta 6

7 all anagrafe dell Ufficio Nazionale Italiano per la Ricerca. Si occupa infatti anche di ricerca, promozione e coordinamento di attività sociali, indirizzate soprattutto alle persone svantaggiate. Sviluppa attività nel campo della formazione professionale, principalmente per persone svantaggiate, e fornisce supporto per il reinserimento lavorativo e il mantenimento del posto di lavoro. Svolge anche azioni nei settori della giustizia minorile, per i minori stranieri, gli istituti di correzione, le carceri e come mediatore nei processi di riabilitazione Pluryn Arbeid Nijmeegsebaan KE Groesbeek Olanda Telefono: Sito web: Persona da contattare: Birgit Grimbergen, Quality Professional Il settore principe in cui opera il Pluryn Arbeid è quello della qualificazione/ educazione, ma l obiettivo principale è comunque l inserimento lavorativo. Scopo dell organizzazione è (re)integrare le persone disabili lontane dal mercato del lavoro. I servizi offerti sono: presa in carico, valutazione dei bisogni e scelta della carriera, formazione job oriented, educazione professionale, azioni di supporto per il raggiungimento delle abilità sociali, supporto psicologico e counselling, formazione per l empowerment, supporto per la vita indipendente (assistenza domestica), supporto nei percorsi educativi tradizionali, esperienze lavorative in simulazioni aziendali e in aziende vere e proprie, ricerca di lavoro, inserimento lavorativo e coaching lavorativo. Il Pluryn ha 50 dipendenti che lavorano nelle sue tre sedi: Groesbeek, Groningen e Hoensbroek..I prodotti offerti spaziano in una gamma vasta e articolata: alcuni sono disponibili in tutte e tre le sedi, altri sono specifici di una sede o dell altra. Il Pluryn vanta un riconoscimento di qualità nazionale (Blik op Werk) e uno internazionale (EQRM). Un suo prodotto particolare è lo strumento per l empowerment sia dei clienti che dello staff. 7

8 SVILUPPO E COINVOLGIMENTO DELLE RISORSE UMANE CRPG Centro de Reabilitação Profissional de Gaia Avenida João Paulo II, Arcozelo, Vila Nova de Gaia Portogallo Telefono: Sito web: Persona da contattare: António Rilho, Quality Professional La mission del CRPG è fornire servizi di riabilitazione integrati ed individuali di pregio e di alta qualità, secondo i bisogni e le aspettative della clientela, sempre alla ricerca del massimo grado di soddisfazione da parte degli stakeholder, perseguito attraverso miglioramento e innovazione permanenti. Il suo obiettivo principale è l inclusione sociale delle persone con disabilità, per perseguire il quale implementa piani di riabilitazione globale individuali, che si basano su interventi bio-psico-sociali, e fornisce servizi di consulenza a datori di lavoro, aziende, ospedali, compagnie di assicurazione e altri partner sociali. Vanta più di 1500 clienti all anno, e fornisce circa 3067 servizi, soprattutto nel campo della formazione professionale. Il CRPG ha ricevuto il riconoscimento della EQRM e ha partecipato allo sviluppo sia della EQRM che dell EQUASS. Inštitut Republike S lovenije za rehabilitacijo Linhartova 51, 1000 Ljubljana Slovenia Telefono: Sito web: Persona da contattare: Jurij Svajger, Direttore amministrativo Clinica Ospedaliera per la Fisiatria e la Riabilitazione Questo Istituto per la Riabilitazione della Repubblica Slovena è la principale organizzazione per la riabilitazione nel Paese ed implementa programmi di riabilitazione complessa per persone con disabilità fisica, programmi di ricerca e programmi educativi nel campo della riabilitazione. Le sue attività possono essere raggruppate come segue: Riabilitazione e Cura; Ricerca; Educazione e Settore Amministrativo. 8

9 Il Centro di Riabilitazione Professionale (CPR) è uno dei servizi di riabilitazione offerti nel settore Riabilitazione e Cura. Il CPR fu fondato nel 1948 come parte dell Istituto per la Riabilitazione. E una istituzione centrale in Slovenia nell ambito della riabilitazione professionale e dell inserimento lavorativo di persone con disabilità fisiche. Il suo scopo è sviluppare le abilità e le capacità dei clienti fino a metterli in grado di trovare e mantenere un lavoro e progredire nel loro percorso lavorativo. 9

10 SVILUPPO E COINVOLGIMENTO DELLE RISORSE UMANE 3. Sviluppo e partecipazione delle risorse umane Il concetto Massimizzare il contributo delle risorse umane attraverso il loro sviluppo e la loro partecipazione costituisce un fattore di eccellenza. Come mettere in pratica il concetto Per implementare le loro politiche, strategie, obiettivi e piani, le organizzazioni eccellenti sanno identificare e comprendere le competenze di cui hanno bisogno, sia per il presente che per il futuro. Assumono e sviluppano personale che ricopra tali competenze, fornendogli un supporto attivo e positivo. Lo sviluppo del personale viene promosso e supportato permettendo allo staff di realizzarsi e di sviluppare il suo potenziale. Le organizzazioni eccellenti preparano il personale a soddisfare i cambiamenti che l organizzazione richiede, sia in termini di cambiamenti operativi che di capacità personali. Riconoscono la crescente importanza del capitale intellettuale dei propri dipendenti e usano le loro conoscenze per il beneficio dell organizzazione. Cercano di prendersi cura del proprio personale, di revisionarlo e riconoscerlo, in modo da guadagnarne la fiducia e incoraggiarlo a comportamenti leali verso l organizzazione. Massimizzano il potenziale del personale e il suo coinvolgimento attivo attraverso valori condivisi e una cultura di valori di fiducia, apertura ed empowerment. Utilizzano questo coinvolgimento per generare ed implementare idee per migliorare. I benefici Condivisione degli scopi e obiettivi dell organizzazione Una forza lavorativa affidabile, leale e motivata Un capitale intellettuale di alto valore Un continuo coinvolgimento delle capacità e performance individuali Aumentata competitività attraverso un miglioramento dell immagine Potenziale raggiunto 10

11 4. Prassi innovative 4.1 Sviluppo delle risorse umane : conoscenza; qualificazione; innovazione; informazione e comunicazione, Josefsheim Bigge Processo Far conoscenza con i nuovi membri del personale Il Josefsheim riconosce che è di vitale importanza fare in maniera che i nuovi assunti inizino nella migliore maniera possibile: perché ciò avvenga soddisfano e gestiscono le loro aspettative e forniscono loro le necessarie informazioni sull organizzazione e sui loro ruoli lavorativi. Perciò il Josefsheim dedica ai nuovi assunti un programma di accesso che mira a far loro conoscere l etica dell organizzazione e le richieste inerenti al loro nuovo lavoro. E la maniera in cui l organizzazione dà il benvenuto alle new entries, spianando la strada per una collaborazione duratura, di successo, e arricchente per entrambe le parti.la procedura di accesso è parte del sistema di gestione della qualità del Josefsheim e costituisce uno degli step del processo di conoscenza per la selezione di personale adatto, nell ambito dello sviluppo delle risorse umane. Il processo avviene nel modo seguente: 1. Il dipendente riceve il benvenuto dell organizzazione, gli viene mostrata la sua area di lavoro e viene presentato al personale chiave dal supervisore o da un membro del personale con esperienza. 2. Il dipendente può fare domande sull organizzazione e ricevere le risposte desiderate, come pure sulle regole di comportamento, sui contenuti lavorativi e riceve una spiegazione sulla struttura organizzativa. 3. Dopo tre mesi verrà fatta un intervista per rivedere i target posti e decidere azioni di rimedio se necessarie. Questa intervista comprende la verifica delle conoscenze acquisite dal dipendente e qualsiasi azione correttiva che si riveli necessaria in caso di insufficienze in questo campo. 4. Vengono posti poi con il dipendente nuovi target, per ampliare la sua conoscenza del Josefsheim e delle competenze inerenti al suo lavoro. 5. Dopo cinque mesi si tiene un altra intervista che comprende una nuova verifica per mezzo di una griglia di punteggio. Se la performance è stata 11

12 SVILUPPO E COINVOLGIMENTO DELLE RISORSE UMANE ritenuta sufficiente, viene offerto un contratto di lavoro permanente alla fine del periodo di prova. Questo processo permette al Josefsheim di integrare il dipendente nella migliore maniera possibile nel suo posto di lavoro, facendo chiarezza insieme a lui /lei sulla sua performance. Da quando il processo è stato adottato alcuni anni fa, i nuovi dipendenti hanno preso velocemente familiarità con il proprio lavoro ed hanno espresso livelli più alti di soddisfazione e inserimento. Qualificazione: un network per una ulteriore formazione riabilitativopedagogica del nuovo personale Nel 1995, il Josefsheim si è messo in un network con diversi Centri di Formazione Professionale per migliorare nell organizzazione dei propri servizi e fornire riabilitazione accreditata e formazione educativa per il personale nuovo del settore. Queste azioni erano rivolte sia al personale completamente nuovo, sia a quello che cambiava ruolo all interno dei centri di Formazione professionale e che aveva un esperienza limitata in nel nuovo ambito. Questo network ha offerto vantaggi considerevoli. Innanzitutto un pronto accesso all expertise ha reso possibile acquistare la formazione, risparmiando tempo e costi. In secondo luogo, i corsi offerti dal network hanno facilitato il supporto alla pari tra i partecipanti appartenenti a centri di formazione professionale diversi. In terzo luogo i corsi mantengono e consolidano le conoscenze dei partecipanti. La formazione è organizzata secondo 5 temi principali accreditati attraverso l Associazione Federale dei Centri di Formazione Professionale. I partecipanti che completano con successo le 200 ore di studio ricevono un Certificato in Riabilitazione Professionale riconosciuto a livello nazionale. Al momento si sta sviluppando un corso più compatto per soddisfare le esigenze del personale con contratti a breve termine. 1. Autodeterminazione e partecipazione Questo tema fa riferimento alla formazione professionale e allo sviluppo personale e sociale di giovani con disabilità; facilita la loro integrazione nel mercato del lavoro e il raggiungimento delle pari opportunità. Tra gli argomenti trattati: elementi di base di etica e legge, l impatto della disabilità, come fornire supporto e incoraggiamento. 2. Luogo di apprendimento Centro di Formazione Professionale Questo tema si focalizza sulle abilità richieste al personale che lavora nei Centri di Formazione Professionale, tra cui: il lavoro di squadra interdisciplinare, il decision making, responsabilità e competenze. 3. Metodologia e didattica Questa parte riguarda le tecniche richieste per fornire programmi di riabilitazione, tra cui: psicologia dell apprendimento (giochi educativi, target e processi di apprendimento); e apprendimento di squadra (gestione dei conflitti e dello stress, progetti, comportamento di ruolo, conflitto di ruolo e adolescenza). 12

13 4. Gestione totale della qualità Comprende i concetti base di qualità e garanzia della qualità e del flusso di informazioni nelle organizzazioni sociali. Tra gli argomenti: gestione dei progetti (vantaggi, svantaggi e sfide) e fattori di successo (costi, occupazionalità, risultati e soddisfazione). 5. Elementi di base su argomenti specifici Questa parte copre servizi e argomenti del Centro di Formazione Professionale come: curriculum e piani di formazione, programma di sviluppo, integrazione nel mercato del lavoro, come descrivere, valutare, assegnare un punteggio; formazione sul comportamento sociale, prevenzione della violenza e delle dipendenze, supporto nella formazione e comportamento colloquiale. La formazione viene riaggiornata con cicli di 5 anni. Inoltre è disponibile u- na formazione avanzata opzionale e cioè: equilibrio vita-lavoro e formazione nella lingua dei segni. Sviluppi in atto nel programma formativo vengono comunicati attraverso meeting regolari dei partecipanti al network. Innovazione: il Riconoscimento per l innovazione Nel 2008, il Josefsheim ha ideato il Riconoscimento annuale per l innovazione, che mira a promuovere presso il personale e gli utenti una innovazione che superi l attività quotidiana. Il riconoscimento può essere attribuito a tutti i dipendenti e gli utenti (ad eccezione dei senior manager). Il Riconoscimento viene tributato a chi mostra apprezzamento per nuove e buone idee e a chi motiva gli altri ad accettare suggerimenti innovativi. I concorrenti possono presentare suggerimenti che riguardino: i servizi, gli aspetti economici, il personale, l organizzazione, la gestione delle politiche e della qualità, che si colleghino direttamente all agenda di sviluppo aziendale. I suggerimenti vengono presentati riempiendo un formulario su intranet o semplicemente presentando un breve riassunto del suggerimento stesso. Vengono poi valutati da un Comitato di Valutazione formato da una gamma di dipendenti e di utenti. Il Comitato si riunisce una volta all anno per valutare le domande secondo una lista pre-selezionata di criteri. Ogni proposta riceve comunque un feedback. Il Riconoscimento viene consegnato il 19 marzo, giorno di San Giuseppe, nel corso di un evento appositamente organizzato. Il Fondo per il Riconoscimento è di 2000 euro (1 premio=1000, 2 premio=600, 3 premio=400) per il personale e di 2000 euro per gli utenti. Con questa cifra vengono finanziate attività di tempo libero. Finora il Riconoscimento per l innovazione ha avuto successo. Il concetto è stato introdotto nel 2008 e il primo Riconoscimento è stato assegnato nel marzo Nel 2007 sono stati presentati 48 suggerimenti, e nel : un aumento dell 89% che tendenzialmente sembra orientato a mantenersi per gli anni a venire. 13

14 SVILUPPO E COINVOLGIMENTO DELLE RISORSE UMANE Informazione e comunicazione : Congresso regolare della holding JG Il Josefsheim Bigge fa parte della Josefs-Gesellschaft, che fornisce una ampia e varia gamma di servizi, interconnessi tra loro. Nei 50 diversi tipi di servizi di riabilitazione lavorano circa dipendenti in 15 località disseminate in tutta la nazione. Questa situazione crea diversi ostacoli all informazione e alla comunicazione. Dal 1996 l organizzazione tiene un Congresso ogni due anni con l obiettivo di: impartire e discutere target strategico/operativi con i dipendenti e gli utenti dei servizi, facilitare la comunicazione fra le varie sedi della JG; facilitare l incontro tra i manager dei settori individuali della JG; rinforzare l identità dell organizzazione. Dal 1998 ad ogni Congresso viene fornito un titolo per porre l attenzione su un tema in particolare e cioè: nel 1998: per l amor del cielo, focalizzatevi sul personale! ; nel 2000: Attenzione, cambio tutto! ; nel 2002: Incoraggiamo la partecipazione- vivete la vita come vi pare! ; nel 2004: Mantenere e organizzare ; nel 2006: Impostare il corso e nel 2008: Essere orientati al personale. Ciascun tema/motto viene sviluppato durante il Congresso grazie all indirizzo chiave di un esperto e ai laboratori che ne conseguono. Per e- sempio sotto il motto del 2006 Impostare il corso fu introdotta l EQRM (oggi denominato Equass Excellence). I partecipanti al Congresso impararono e- sattamente come avveniva la presentazione, l implementazione e la valutazione dei risultati, quali erano le aspettative pre-esistenti e quali potevano o non potevano essere soddisfatte. Così le varie sedi poterono trattare i vari argomenti ed essere incoraggiate per il loro lavoro. Oggi (2009) 4 sedi della JG stanno richiedendo la certificazione Equass. Dato il nutrito numero di dipendenti, non tutti possono partecipare al Congresso della JG, perciò si usa una procedura di selezione per la scelta dei rappresentanti. La procedura tiene conto delle qualifiche significative in relazione al tema trattato, fornisce una sezione incrociata dei campi occupazionali nelle varie sedi e fa una ricognizione delle posizioni gerarchiche. In pratica il Congresso è presieduto da un moderatore, in maniera che i membri del comitato di gestione della JG sono liberi di partecipare al Congresso come tutti gli altri. Il congresso dura 1 giorno e mezzo e la serata del primo giorno viene usata per rinforzare l identità dell organizzazione. Si organizza e discute l agenda delle attività che si tengono durante il giorno. In questo modo si stabiliscono relazioni con i colleghi delle altre sedi. La fine ufficiale del Congresso è una celebrazione liturgica, durante la quale vengono nuovamente riassunti i punti principali del Congresso da un punto di vista pastorale. Per ogni Congresso è stata stesa una relazione finale e i dipendenti che vi hanno partecipato hanno riportato nelle rispettive sedi tutte 14

15 le informazioni ricevute. Qui, usando vari metodi, le idee vengono ulteriormente comunicate e sviluppate. Ci sono ad esempio giornate di riflessione o forum su intranet. L esperienza del Josefsheim ha mostrato che, oltre a fornire una forte pubblicità verso l esterno, il Congresso è anche uno strumento importante per la discussione di temi vari e per lo sviluppo e il coinvolgimento del personale. 15

16 SVILUPPO E COINVOLGIMENTO DELLE RISORSE UMANE 4.2 Peculiarità del coinvolgimento e della formazione degli operatori nel campo dei servizi per le persone con disabilità, Centro Studi Questo articolo descrive il servizio integrato per supportare il personale interno coinvolto nel campo dei servizi per persone con disabilità. Il Centro Studi fa parte della più vasta organizzazione denominata Opera Don Calabria, e coordina i Centri di Formazione Professionale. Il Centro di Formazione Professionale a Verona è stato il primo a fornire un programma di apprendimento strutturato e permanente per supportare e motivare in maniera continua e sistematica gli operatori che forniscono servizi alle persone con disabilità. Il programma fu sviluppato attraverso un processo dalla base al vertice, partendo da alcune riflessioni ed analisi interne che portarono la gestione del Centro Don Calabria a realizzare il servizio. La riflessione iniziale si focalizzò su 2 aree chiave, e cioè: 1. Qualità del servizio Venne esplorata la qualità pianificata, programmata, fornita e ricevuta in relazione alla fornitura del servizio in termini di: Qualità percepita nei servizi; Qualità interpretata per le persone con disabilità; Qualità acquisita per il personale. 2. L operatore: un attore della qualità In quest area ci si focalizzò sul ruolo e sui bisogni specifici dei formatori che lavorano con persone disabili facendo il paragone con i formatori di persone non disabili. Furono identificati per gli operatori i seguenti bisogni: Reinventare le competenze tecniche e professionali; Reintegrare le loro competenze educative, relazionali e trasversali; Integrarsi con gli altri professionisti; Prevenire lo stress e il disagio; Sentirsi protagonisti e non vittime del proprio lavoro sociale. Per far fronte a quanto emerso, l Opera Don Calabria ha creato un supporto interno specifico e un sistema di formazione permanente per i propri dipendenti, attuata con i seguenti accorgimenti: a. Un piano annuale di formazione integrata per acquisire e integrare competenze tecniche, professionali, educative, relazionali e personali (il piano sarà sviluppato partendo da i bisogni specifici di un gruppo focus). 16

17 b. Supervisione e supporto pedagogico (per esempio Analisi del Caso) per per il personale che lavora con le persone disabili. c. Supporto psicologico per il personale (punto sanitario interno) per il benessere individuale e la prevenzione del burn-out. d. Partecipazione e contributo di tutto lo staff nella pianificazione annuale dei corsi di formazione. Il piano di formazione integrato annuale comprende i seguenti principali argomenti: Mission e Visione (2-3 ore; 12 ore per i nuovi dipendenti); Integrazione e reinterpretazione delle competenze tecniche (24 ore; per trattare competenze in pedagogia speciale ecc); Formazione residenziale (12-18 ore; per trattare la costruzione di un team, la gestione del cambiamento, la comunicazione, ecc). Uno degli aspetti più innovativi della formazione del personale è la formazione esterna che dura 2-3 giorni, in una località di montagna (Boscochiesanuova, vicino Verona). Presentiamo qui di seguito il programma tipico. Giorno 1 Giorno 2 Giorno 3 Mattina Introduzione all adventure Escursione Pranzo Pranzo all aperto Pranzo Revisione dell esperienza dell escursione Pomeriggio Bioenergetica Escursione Sessione comparativa e saluti Sera Cena Tipica cena di montagna I passaggi principali di queste giornate di formazione sono: Introduzione all adventure: Concetti base sull adventure: la natura come luogo ideale per vivere l adventure. Quali argomenti potrebbero essere sviluppati e trattati in situazioni di adventure. Bioenergetica: Che cosa è la bioenergetica, i principi basilari, come la 17

18 SVILUPPO E COINVOLGIMENTO DELLE RISORSE UMANE bioenergetica entra nelle sessioni di adventure, esperimenti con alcuni esercizi di bioenergetica in natura. Questa sessione viene facilitata da un esperto in bioenergetica. Escursione esterna: Escursione nella natura con alcune esperienze di bioenergetica, giochi nella natura. Durante la gita i partecipanti sperimenteranno situazioni di adventure. Questa sessione è condotta da 1 guida alpina, 1 pedagogista, 1 psicologo (osservatore). Revisione dell esperienza: Nel corso della mattinata vengono riviste, discusse ed elaborate le esperienze, e si cerca di identificare le relazioni con la situazione che i partecipanti vivono durante la giornata nel loro ruolo formativo. In questo modo i partecipanti possono capire quale strategia risolutiva si può attivare. Questa sessione è facilitata da uno psicologo. Sessione comparata sull adventure: Come mettere in pratica situazioni di adventure con gruppi di adolescenti. Questa sessione è condotta dal responsabile del Servizio di Formazione. In conclusione la qualità del servizio per persone con disabilità dipende dalla partecipazione consapevole dell operatore mentre fornisce il servizio e dal supporto dato agli operatori per acquisire tutte le competenze necessarie, sia quelle professionali che quelle personali. 18

19 4.3 Sviluppo delle risorse umane: processo di revisione dello sviluppo del personale attuato internamente, L Scopi e obiettivi Il National Learning Network ha sviluppato la Revisione dello Sviluppo dello Staff (SDR) per facilitare il consolidamento della fiducia e dell empowerment, riconoscendo che il coinvolgimento del personale a tutti i livelli nell organizzazione è fondamentale per una cultura dell eccellenza. Gli obiettivi del sistema sono: 1. promuovere la Visione, la Mission e i Valori del National Learning Network. 2. Fornire la maniera per discutere e valutare i contributi individuali al raggiungimento di performance chiave a livello di unità aziendale, di centro e di organizzazione. 3. Incoraggiare l apertura di efficaci canali bidirezionali di comunicazione tra i manager e il personale. 4. Identificare necessità ed opportunità di apprendimento e di sviluppo. Sviluppo del processo I dipendenti dell organizzazione a tutti I livelli sono stati coinvolti nello sviluppo del processo SDR attraverso un gruppo di lavoro rappresentativo, attraverso analisi del personale e gruppi focus. Un volta concordato il processo, alcuni facilitatori formati hanno impartito la formazione ai revisori e al personale revisionato. Il processo SDR è in linea con gli obiettivi aziendali generali del NLN che sono stati stabiliti nel piano strategico. Tra questi l essere un datore di lavoro di qualità e supportare l attenzione sul miglioramento permanente. Il processo SDR Lo scopo e gli obiettivi sopra descritti vengono raggiunti attraverso le fasi seguenti: 19

20 SVILUPPO E COINVOLGIMENTO DELLE RISORSE UMANE Scopi ed obiettivi dell Organizzazione/della Regione/del Centro/dell Unità aziendale Feedback informale Revisione annuale dello sviluppo e precisazione degli obiettivi Scopi professionali e personali e ambizioni individuali 6 Revisioni mensili Feedback informale Scopi ed obiettivi dell Organizzazione/della Regione/del Centro/dell Unità aziendale Un meeting annuale di revisione dello sviluppo si tiene tra il dipendente e il suo manager diretto. Questi incontri di revisione vengono concordati e messi in calendario con anticipo, e tutti e due i partecipanti vi si preparano usando una serie di domande predisposte. Nel processo vengono inclusi i dipendenti a tutti i livelli. L incontro tratta i seguenti elementi: 1. Si revisionano le attività dell anno trascorso considerando che cosa è andato bene, che cosa avrebbe potuto andare meglio e i fattori che hanno influenzato le attività. 2. Si identificano gli esempi di performance efficaci e si concorda sulla maniera di superare gli ostacoli e di migliorare le performance future. 3. Si fissano gli obiettivi e un piano di azione per l anno prossimo sulla base degli obiettivi individuali e delle finalità e delle ambizioni dell organizzazione. 20

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci L Autovalutazione con il Modello CAF Questa presentazione L autovalutazione e il miglioramento Il processo di autovalutazione La scelta dell approccio all autovalutazione Alcuni approfondimenti sull autovalutazione

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale International Association of Social Educators Association Internationale des Éducateurs Sociaux Asociación Internacional de Educadores Sociales www.aieji.net Le competenze professionali dell educatore

Dettagli

PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI

PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI La formazione docente per l inclusione PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI TE I I European Agency for Development in Special Needs Education La formazione docente per l inclusione PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

APPRENDERE DAI MIGLIORI

APPRENDERE DAI MIGLIORI APPRENDERE DAI MIGLIORI QUADERNI MANAGERIALI 2008 - NO. 2 Apprendere dai migliori QUADERNI MANAGERIALI 2008 - NO. 2 Indice AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDI 2007 Capitolo I pag. 6 Capitolo II pag.10

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli