Tek divers Con il computer fuori curva di Stefano Ruia Il nostro computer d immersione può essere un compagno fidato anche quando superiamo il limite

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tek divers Con il computer fuori curva di Stefano Ruia Il nostro computer d immersione può essere un compagno fidato anche quando superiamo il limite"

Transcript

1 Tek divers Con il computer fuori curva di Stefano Ruia Il nostro computer d immersione può essere un compagno fidato anche quando superiamo il limite della curva di sicurezza. Nel numero scorso abbiamo visto come anche i subacquei che amano definirsi ricreativi svolgano spesso immersioni tecniche, in genere utilizzando la loro consueta configurazione di attrezzature e affidando al computer d immersione la gestione delle decompressione. È una procedura sicura? Certamente no. Infatti questo modo di agire è sicuro solo se ogni cosa va come previsto e se non sorgono problemi inconsueti. In caso contrario l improvvisazione di chi non è adeguatamente preparato a svolgere questo tipo di immersioni emerge immediatamente, trasformando situazioni solo fastidiose in problemi gravi, che conducono al panico e all incidente. Premesso quindi che è sempre necessario seguire un buon corso, parliamo di come gestire la decompressione nelle immersioni fuori curva. Non intendiamo occuparci di immersioni a profondità superiori alle consuete, ma proprio di quelle immersioni a metri che portano, soprattutto se ripetitive, a oltrepassare il limite della curva di sicurezza. Prima di tutto dobbiamo chiederci cosa sia questo limite e se la sua validità sia stata provata. Bene, oserei dire che la curva di sicurezza è uno dei concetti più certi che esiste nella teoria della decompressione. Non perché ne sia stata dimostrata la sua fondatezza scientifica, ma perché numerosissime prove sul campo (le immersioni svolte da tutti noi) hanno dimostrato che i limiti oggi utilizzati (che sono quasi gli stessi per tutti i tipi di algoritmi) sono ampiamente sicuri. Scrivo ampiamente e non totalmente in quanto non si ha una netta separazione fra immersioni in curva e fuori curva, come quella esistente fra numeri pari e numeri dispari, ma si ha un aumento continuo del rischio di contrarre una embolia, proporzionalmente al tempo passato sul fondo. Quindi la demarcazione è una linea artificiale, concepita dall uomo per mantenere dei rischi accettabili (peraltro la percentuale di rischio non è nemmeno calcolabile, come dimostrato dal parziale fallimento degli studi della U.S. Navy sulle tabelle probabilistiche). Restare nei limiti di curva permette di risalire direttamente in superficie, quando se ne ha bisogno, ed è quindi una procedura di sicurezza. Ma dal punto di vista fisiologico non è più tale se il subacqueo

2 si porta a pochi secondi dal limite e risale. In termini di decompressione rischia meno il subacqueo che, magari permanendo solo pochi secondi in più sul fondo, deve obbligatoriamente fare una tappa di decompressione in risalita. Chi rischia di più è il subacqueo che, usando un computer, risale solo quel tanto da permettergli di restare ancora qualche minuto senza superare il limite di curva. Con questo non vorrei certo apparire come un difensore delle tabelle. A mio avviso le tabelle d immersione sono un retaggio del passato. Chi conosce un poco di teoria della decompressione e sa come sono calcolate le tabelle comprende facilmente che esse siano, per le immersioni svolte oggi dai subacquei, troppo (e spesso inutilmente) restrittive, soprattutto nelle ripetitive. Ma non è solo questo: conviene usare il computer anche per motivi di sicurezza. Questa ultima affermazione appare in contrasto con quanto affermato poco prima ma solo alla luce della teoria della decompressione. Quando passiamo dalla teoria alla pratica tutto cambia! Già nel 1992 l'american Academy of Underwater Sciences annunciò i risultati di una ricerca basata su un campione di immersioni, svolte da subacquei dai 9 ai 72 anni di età (in proporzione 2:1 fra maschi e femmine). Il 43% dei subacquei aveva usato le tabelle della propria agenzia didattica mentre il restante 57% il computer d'immersione. Sebbene la profondità massima consentita nelle immersioni fosse di 40 metri, qualcuno si spinse fino a 60 (cambiano i luoghi ma non i comportamenti dei subacquei!); inoltre circa un quarto delle immersioni seguirono un profilo inverso (da profondità inferiori a superiori). Il risultato fu che si ebbero in tutto sette casi di embolia e due di embolia gassosa arteriosa. I sette casi di embolia furono tutti del tipo II (più gravi) ed evolsero positivamente dopo il trasporto in camera iperbarica. Di queste sette embolie, sei colsero subacquei che usavano le tabelle e una sola chi utilizzava il computer. Questo caso inoltre fu dovuto alla riemersione volontaria del subacqueo sebbene il computer, in allarme, indicasse che la sosta di decompressione non era ancora conclusa; non dovrebbe quindi essere considerato un incidente ma un atto di masochismo. Pur annoverando questo caso negli incidenti si ottiene che la percentuale di patologie decompressive fra coloro che usavano le tabelle è stata dieci volte più alta di quella riscontrabile fra coloro che usavano i computer. A cosa è dovuta questa differenza? È molto semplice: alla riduzione dell'errore umano, sia per eliminazione di

3 procedure (errori di calcolo, di lettura delle tabelle, di misura del tempo, ecc.) sia per avvertimento di comportamento errato (velocità di risalita eccessiva, ecc.). Il computer infatti può avvisarci acusticamente ogni volta che raggiungiamo una condizione critica, impedendo che l avere rivolto la nostra attenzione su altre cose ci faccia compiere errori. Usando il computer (bene) rischiamo quindi molto meno. Fuori curva Conoscendo il funzionamento del computer si rendono evidenti alcuni fatti importanti nella gestione delle immersioni fuori curva. Innanzitutto che non è proprio necessario risalire fino al ceiling della tappa indicata, a meno che non si voglia uscire prima o si abbia una scorta di aria ridotta. Invece di passare 5 minuti a 3 metri ne passeremo pochi di più a 4/5 metri, ma la situazione, soprattutto con mare mosso, sarà più confortevole. Unica precauzione è di porsi sopra al floor per tutti i compartimenti (o lo indica il computer oppure bisogna evitare di stare troppo profondi). Esasperando questo concetto si arriva ai deep stops già più volte descritti. Questa decompressione, più lunga ma meno esasperata come sovrasaturazione (più lontana dalla critica), ci aiuterà anche a compensare quei fattori che il computer non considera: raffreddamento, fatica (prima, durante e dopo l immersione), variazioni rapide di quota, ecc. Lasciare gestire l immersione fuori curva al computer ha qualche svantaggio? Certamente. Come sempre nell attività subacquea se si guadagna da una parte si perde da un altra. Per esempio il fatto che diventa assolutamente obbligatorio avere due computer a subacqueo. Nel caso in cui uno strumento abbia un guasto dobbiamo potere contare sull altro. Inoltre è ovvio che questa procedura può applicarsi solo per decompressioni di breve durata (10-15 minuti al massimo). Le immersioni con decompressioni più lunghe richiedono programmazione accurata, calcolo preciso del consumo e pianificazione di ogni evento potenziale. Infine è importante notare che non si può certo usare la consueta configurazione ricreativa, che ci sottoporrebbe a grossi rischi. Pensate se si esaurisse la bombola o si bloccasse l erogazione quando abbiamo ancora decompressione da fare e il compagno non è vicino. Come rimpiangeremmo di non avere una riserva di aria separata! Un simile rimpianto avremmo in caso di corrente se non avessimo con noi il reel, il pallone di risalita o una semplice jon-line. Il nostro consiglio resta quindi sempre lo stesso: prima di cimentarvi in una qualsiasi immersione fuoricurva seguite un buon corso iniziale di

4 subacquea tecnica. Nello scorso numero abbiamo fornito, a tal proposito, gli indirizzi giusti. Il limite di curva La curva di sicurezza è calcolata mediante degli algoritmi matematici, ovvero una descrizione matematica di un fenomeno fisico. Ma la descrizione oggi utilizzata è molto approssimativa. Non si tiene affatto conto della diffusione reale dei gas inerti, legata a molte variabili: grado di perfusione, distanza delle cellule dai capillari, composizione dei tessuti, velocità del sangue, caratteristiche chimiche del gas inerte, temperatura, solubilità del gas inerte nei diversi tessuti, ecc. Non sapendo cosa dire si ipotizza, con buona ragionevolezza, che il gas inerte diffonda nei e dai tessuti seguendo una legge del periodo di dimezzamento costante, come avviene per il decadimento radioattivo. Nell espressione matematica di questa legge compare solo la differenza di pressione parziale, il tempo e un valore T, detto periodo di emisaturazione (o, con brutta espressione, emitempo ), che corrisponde al tempo in cui la curva compie metà del salto che manca alla saturazione (definizione valida in ogni istante perché la curva è esponenziale). Per meglio simulare il corpo umano, non si usa un solo periodo T, ma diversi periodi, creando così dei compartimenti (definiti proprio dei 5 minuti, 10, 20, ecc.). Infine si ipotizzano dei valori massimi di sovrasaturazione permessa ( valori M ) accettabili per ogni compartimento (o si utilizzano quelli già definiti da altri ricercatori, come Bühlmann). A questo punto si possono calcolare i profili di diverse immersioni, determinare quali siano quelle in curva (che permettono il ritorno in superficie in ogni momento) e verificare sperimentalmente che siano sicure. La convergenza dei valori M riferiti alla riemersione in superficie (M0) nei diversi modelli (quando non si ha addirittura la loro uguaglianza) fa sì che le curve di sicurezza si assomiglino tutte, rendendo molto più certa e affidabile la loro indicazione. Il funzionamento del computer Ogni computer d immersione dispone di diversi compartimenti, ognuno caratterizzato dal proprio periodo di emisaturazione. In ogni istante il nostro strumento calcola la tensione del gas inerte nel compartimento. In questo modo può definire un punto su un piano cartesiano che ha per ascisse la pressione assoluta (proporzionale alla profondità) e su quello delle ordinate la pressione di inerte disciolto nel compartimento specifico (tensione tissutale). Su questo piano cartesiano è facile

5 tracciare (fig. 1) la retta della saturazione (in verde scuro, si ha quando la tensione tissutale è uguale alla pressione ambiente) e quella della sovrasaturazione critica (in rosso, retta che unisce i valori M). Permanere nella zona compresa fra l asse dell ascisse e la saturazione (area verde chiaro) è sicuro perché ci si trova in sottosaturazione. Permanere nella zona fra la saturazione e la retta dei valori M (area gialla) non dà problemi perché siamo ancora nel limite della sovrasaturazione permessa. Andare a finire nella zona fra la retta della sovrasaturazione critica e l asse delle ordinate (area in arancio) è pericoloso per via dell alta probabilità di subire una embolia. Immaginiamo ora di scendere a 36 metri. Mentre scendiamo la tensione tissutale aumenta lentamente fino al punto A (fig. 2). Restando a questa profondità la pressione ambiente non aumenta ma la tensione tissutale cresce fino a raggiungere il punto B. Se risalissimo alla velocità preimpostata dal computer seguiremmo la linea blu tratteggiata, arrivando in superficie senza necessità di decompressione perché resteremmo sempre nelle aree permesse (verde e gialla). Mentre se attendessimo più tempo, fino ad arrivare al punto C, risalendo alla velocità preimpostata giungeremmo proprio al limite della soprasaturazione permessa in superficie (valore M0). Il computer può quindi calcolare quanto tempo occorra prima che la tensione tissutale passi da B a C. Questo è il tempo no deco per il compartimento in esame. Ripetendo il calcolo per tutti i compartimenti, il computer individua quale è il tempo di no deco più breve (fra quelli dei vari compartimenti) e lo indica sul display. Immaginiamo di oltrepassare il punto C e di permanere a 36 metri fino quando la tensione tissutale nel compartimento in esame raggiunge D (fig. 3). Ora il computer sa che risalendo alla velocità preimpostata non possiamo arrivare fino in superficie perché transiteremmo nella zona proibita (arancione). Quindi dobbiamo fermarci prima alla profondità di 3 metri e attendere (linea blu tratteggiata) fino quando la tensione tissutale non sia ridiscesa tanto da permetterci di proseguire la risalita sulla curva che porta a M0. Il computer può così calcolare la durata della tappa di decompressione a tre metri per questo compartimento. Confrontandolo con quello degli altri può trovare la più lunga che ci indicherà come durata della tappa di decompressione. Notiamo altre tre cose importanti, indicate con le linee nere sottili tratteggiate. Fino a quando non si raggiunge in risalita la pressione assoluta 2,5 bar la tensione tissutale non può scendere, quindi la cessione di gas inerte per

6 questo compartimento inizia solo sopra i 15 metri. Per fare sì che la cessione di gas sia tale da permetterci di eliminare la quantità necessaria a potere risalire fino in superficie dobbiamo comunque arrivare almeno alla pressione assoluta di 2,2 bar; questo è il concetto di pavimento (floor) della tappa decompressiva. Possiamo anche risalire un poco più di tre metri, arrivando fino a 1,2 bar (2 metri) senza superare la linea della sovrasaturazioen critica; questo è il tetto (ceiling) della tappa decompressiva. Più ci avviciniamo al pavimento più lunga sarà la tappa (in quanto la differenza fra tensione tissutale e pressione assoluta è bassa circa 0,3 bar al floor). Più ci avviciniamo al ceiling più la durata della tappa sarà breve (la differenza fra tensione tissutale e pressione assoluta è alta circa 1,3 bar al ceiling). Tuttavia più sostiamo vicino al ceiling più andiamo verso la zona proibita. Effettuare delle tappe più profonde del ceiling, che saranno più lunghe, non è quindi affatto sbagliato ai fini della sicurezza, purché si disponga di una sufficiente riserva di gas. Il computer per semplicità adotta le profondità convenzionali (a metri 3, 6, 9 ecc.) ma ciò non toglie che possa calcolare le tappe anche se il subacqueo permane fra floor e ceiling, mentre se si supera il ceiling in genere lo strumento interrompe il calcolo della decompressione o va in errore. Restando in profondità (punto F di fig. 4) il processo si ripete in modo analogo per le tappe più profonde di 3 metri, come quella dei 6 metri. IL COMPUTER BALLERINO Un paio di volte degli amici (mai sperimentato direttamente, purtroppo!) mi hanno parlato di uno strano fenomeno: il computer che improvvisamente passava da no-deco a deco per poi ritornare a no-deco, ecc. Il fenomeno scompariva appena cambiata quota. Cerchiamo di capire come possa essere successo. Guardiamo nuovamente il nostro piano cartesiano tensione tissutale-pressione ambiente. Prendiamo la curva di risalita che porta a M0 (linea blu). Essa interseca la saturazione (linea verde scuro) nel punto G. Tracciamo la verticale di questo punto (linea nera). Il piano è ora idealmente diviso dalla linea blu e da quella nera in tre zone ben distinte. Quella in basso (sotto la linea blu) a sinistra (della verticale nera) è una zona in cui si può permanere liberamente. Se infatti ipotizziamo che il compartimento si trovi in un punto qualsiasi di questa area, con il passare del tempo esso tenderà sempre più a spostasi verso la saturazione, condizione di equilibrio finale. Poiché in questa area la saturazione è sempre sotto la linea di risalita a M0 non potremo mai

7 andare fuori curva, quindi la permanenza è illimitata (per questo compartimento). Nella zona in basso a destra siamo ancora in curva di sicurezza, ma non possiamo permanere a lungo perché spostandosi il punto verso la linea di saturazione si oltrepassa la risalita a M0 e si cade nella zona in alto, nella quale bisogna fare almeno una tappa di decompressione, perché risalendo in superficie direttamente si oltrepasserebbe la sovrasaturazione critica. Abbiamo così individuato che nella zona in basso a destra siamo ancora in curva di sicurezza ma il tempo non è più illimitato. In quella in alto siamo invece già fuori curva. Il punto G ha la straordinaria caratteristica di appartenere a tutte e tre queste aree. Quindi se il compartimento si trova esattamente su questo punto il computer non riesce a individuare con esattezza se il subacqueo ha un tempo di no-deco illimitato o limitato, oppure se non debba addirittura fare decompressione! Appena ci si sposta di poco tutto torna chiaro al nostro strumento che ha avuto la vista momentaneamente annebbiata. Affinché il fenomeno sia osservabile è necessario che sia proprio il compartimento sul punto G quello che in quel momento controlla l immersione (il più critico). Per questo l evento è molto raro. Se vi accadesse ritenetevi fortunati anche perché (permettete l ironia) avete toccato il punto G del vostro computer!

a cura di Nanni Cozzi COMPUTER SUBACQUEI GUIDA ALL UTILIZZO PRATICO foto di Massimo Inzaghi UTILIZZO DEL COMPUTER SUBACQUEO Le cose da fare

a cura di Nanni Cozzi COMPUTER SUBACQUEI GUIDA ALL UTILIZZO PRATICO foto di Massimo Inzaghi UTILIZZO DEL COMPUTER SUBACQUEO Le cose da fare a cura di Nanni Cozzi COMPUTER SUBACQUEI GUIDA ALL UTILIZZO PRATICO foto di Massimo Inzaghi UTILIZZO DEL COMPUTER SUBACQUEO Le cose da fare Dopo esserci dilettati a conoscere ed inquadrare i vari tipi

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

12 m. Istruzioni per l uso. 14 m. 16 m. 18 m. Recreational. Dive Planner. 20 m. Italian Edition DISTRIBUTED BY INTERNATIONAL PADI, INC.

12 m. Istruzioni per l uso. 14 m. 16 m. 18 m. Recreational. Dive Planner. 20 m. Italian Edition DISTRIBUTED BY INTERNATIONAL PADI, INC. 12 m Istruzioni per l uso 14 m 16 m Recreational Dive Planner Italian Edition DISTRIBUTED BY INTERNATIONAL PADI, INC. 18 m 20 m Recreational Dive Planner Istruzioni per l uso Distributed by International

Dettagli

1 Appunti a cura di prof.ssa MINA Maria Letizia integrati e pubblicati in data 12/10/10

1 Appunti a cura di prof.ssa MINA Maria Letizia integrati e pubblicati in data 12/10/10 FUNZIONE OMOGRAFICA ASINTOTO VERTICALE: ASINTOTO ORIZZONTALE: 1 abbiamo verificato che, applicando all iperbole equilatera base, la dilatazione verticale di coefficiente 7 e la traslazione di vettore di

Dettagli

Franco Taggi Reparto Ambiente e Traumi Dipartimento Ambiente e connessa Prevenzione Primaria Istituto Superiore di Sanità

Franco Taggi Reparto Ambiente e Traumi Dipartimento Ambiente e connessa Prevenzione Primaria Istituto Superiore di Sanità Il metodo del Rispondente Cancellato (ERM) per i controlli su strada della guida sotto l influenza di alcol o sostanze (e non solo): un paradigma illustrativo. Franco Taggi Reparto Ambiente e Traumi Dipartimento

Dettagli

Manuale d istruzioni My Custom Design

Manuale d istruzioni My Custom Design Manuale d istruzioni My Custom Design Leggere questo documento prima di utilizzare la macchina. Si consiglia di conservare questo documento nelle vicinanze per un eventuale riferimento futuro. Introduzione

Dettagli

Come scrivere una relazione di laboratorio completa sintetica

Come scrivere una relazione di laboratorio completa sintetica Come scrivere una relazione di laboratorio Premesso che durante l esperienza di laboratorio è necessario annotare tutto ciò che è utile per poter redigere la relazione, questa deve contenere: gli strumenti

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line LA PROSPETTIVA Indice Indice... 1 -Cenni sulla prospettiva e rispetto delle proporzioni.... 2 Amici del Presepe

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

EQUILIBRI - GENERALITA. Come si è visto trattando i tre princìpi della termodinamica, il criterio di spontaneità di una trasformazione è

EQUILIBRI - GENERALITA. Come si è visto trattando i tre princìpi della termodinamica, il criterio di spontaneità di una trasformazione è EQUILIBRI - GENERALIA Come si è visto trattando i tre princìpi della termodinamica, il criterio di spontaneità di una trasformazione è G < 0 Quando vale questo criterio, i reagenti si trasformano in prodotti.

Dettagli

Imposte ed efficienza economica

Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Nell immediato, ogni aumento delle imposte fa diminuire il benessere dei contribuenti. Nel lungo periodo, tale diminuzione è compensata dai

Dettagli

SWISS UNDERWATER AND HYPERBARIC MEDICAL SOCIETY

SWISS UNDERWATER AND HYPERBARIC MEDICAL SOCIETY SUHMS SWISS UNDERWATER AND HYPERBARIC MEDICAL SOCIETY INCIDENTE SUBACQUEO Valutazione e terapia per medici d urgenza e pronto soccorso RACCOMANDAZIONI 2012-2015 DELLA SOCIETÀ SVIZZERA DI MEDICINA SUBACQUEA

Dettagli

Valutare un test. Affidabilità e validità di un test. Sensibilità e specificità

Valutare un test. Affidabilità e validità di un test. Sensibilità e specificità Valutare un test 9 Quando si sottopone una popolazione ad una procedura diagnostica, non tutti i soggetti malati risulteranno positivi al test, così come non tutti i soggetti sani risulteranno negativi.

Dettagli

INVALSI. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

INVALSI. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca X MATEMATICA_COP_Layout 1 15/03/11 08:51 Pagina 2 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione

Dettagli

IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA.

IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA. CORSO DI CHIMICA E PROPEDEUTICA BIOCHIMICA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA. IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA. Un enzima è una proteina capace di catalizzare una specifica reazione

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

MISURAZIONI E MISURE

MISURAZIONI E MISURE MISURAZIONI E MISURE Nel momento in cui studiamo una proprietà di un corpo materiale, vediamo se questa risponde in modo positivo o negativo alla nostra considerazione. Possiamo includerlo o escluderlo

Dettagli

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 il Dribbling Lezione ideata da MAINI DANIELE Si ringraziano Gli Esordienti dell U.S.D. BORGONOVESE In collaborazione con BERNINI GIANNI RATAZZI

Dettagli

Prima di utilizzare Aladin 2G - è necessario leggere fino in fondo questo manuale. AVVERTENZA

Prima di utilizzare Aladin 2G - è necessario leggere fino in fondo questo manuale. AVVERTENZA Aladin 2G SICUREZZA D IMPIEGO Prima di utilizzare Aladin 2G - è necessario leggere fino in fondo questo manuale. L immersione subacquea presenta alcuni rischi. Anche seguendo attentamente le istruzioni

Dettagli

8 Elementi di Statistica

8 Elementi di Statistica 8 Elementi di Statistica La conoscenza di alcuni elementi di statistica e di analisi degli errori è importante quando si vogliano realizzare delle osservazioni sperimentali significative, ed anche per

Dettagli

Aero Circolo Centrale di Volo a Vela Ettore Muzi

Aero Circolo Centrale di Volo a Vela Ettore Muzi Sondaggi aggiornati ogni 6-12 ore. Sondaggi Termodinamici Atmosfera Si ringrazia il Il DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELL'ATMOSFERA DELLA FACOLTA' DI INGEGNERIA DELL' UNIVERSITÀ DEL WYOMING USA per consentirci

Dettagli

.y 6. .y 4. .y 5. .y 2.y 3 B C C B. B f A B f -1

.y 6. .y 4. .y 5. .y 2.y 3 B C C B. B f A B f -1 Funzioni FUNZIONI Una funzione è una relazione fra due insiemi non vuoti e, che associa ad ogni elemento uno e un solo elemento. In simboli si scrive: = oppure. x 1. x..y B C.y 5 x 4..y 4 L elemento è

Dettagli

Elementi di topologia della retta

Elementi di topologia della retta Elementi di topologia della retta nome insieme definizione l insieme è un concetto primitivo che si accetta come intuitivamente noto secondo George Cantor, il padre della teoria degli insiemi: Per insieme

Dettagli

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ Appunti di Elettronica Capitolo 3 Parte II Circuiti limitatori di tensione a diodi Introduzione... 1 Caratteristica di trasferimento di un circuito limitatore di tensione... 2 Osservazione... 5 Impiego

Dettagli

Lezione 2: come si descrive il trascorrere del tempo

Lezione 2: come si descrive il trascorrere del tempo Lezione 2 - pag.1 Lezione 2: come si descrive il trascorrere del tempo 2.1. Il tempo: un concetto complesso Che cos è il tempo? Sembra una domanda tanto innocua, eppure Sembra innocua perché, in fin dei

Dettagli

Note sull esperienza Misura di g versione 1, Francesco, 7/05/2010

Note sull esperienza Misura di g versione 1, Francesco, 7/05/2010 Note sull esperienza Misura di g versione 1, Francesco, 7/05/010 L esperienza, basata sullo studio di una molla a spirale in condizioni di equilibrio e di oscillazione, ha diversi scopi e finalità, tra

Dettagli

G3. Asintoti e continuità

G3. Asintoti e continuità G3 Asintoti e continuità Un asintoto è una retta a cui la funzione si avvicina sempre di più senza mai toccarla Non è la definizione formale, ma sicuramente serve per capire il concetto di asintoto Nei

Dettagli

Batti il tempo Reti di ordinamento

Batti il tempo Reti di ordinamento Attività 8 Batti il tempo Reti di ordinamento Sommario Anche se i computer sono veloci, c'è un limite a quanto rapidamente riescono a risolvere i problemi. Un modo per accelerare ulteriormente il tempo

Dettagli

TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011)

TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011) TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011) D1. Nella tabella che vedi sono riportati i dati relativi alla distribuzione di alunni e insegnanti nella scuola secondaria di primo grado

Dettagli

LE LEGGI DEI GAS. Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore

LE LEGGI DEI GAS. Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore LE LEGGI DEI GAS Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore alle Un video : Clic Un altro video : Clic Un altro video (in inglese): Clic Richiami sulle

Dettagli

SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11

SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11 SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11 Rapporto tecnico sulle caratteristiche delle prove INVALSI 2011 Scuola secondaria di secondo grado classe II MATEMATICA Domanda D1 item a D1. Nella tabella che

Dettagli

Traduzione dell articolo ACHIEVING THE BEST ANGLE di Ed Kolano tratto dalla rivista Sport Aviation di dicembre 2000.

Traduzione dell articolo ACHIEVING THE BEST ANGLE di Ed Kolano tratto dalla rivista Sport Aviation di dicembre 2000. Traduzione dell articolo ACHIEVING THE BEST ANGLE di Ed Kolano tratto dalla rivista Sport Aviation di dicembre 2000. Otteniamo il miglior angolo di salita. Riduzione dei dati di prestazione in salita,

Dettagli

Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce 3.1 Lampade ad incandescenza

Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce 3.1 Lampade ad incandescenza Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce Il Sole è sicuramente la sorgente più comune e facilmente disponibile. In realtà però al giorno d oggi molte attività sono svolte sotto sorgenti artificiali di tipo

Dettagli

Computer da Immersione

Computer da Immersione Puck Computer da Immersione Manuale d istruzioni Computer da Immersione Puck INDICE GENERALE Guida rapida 2 COMPUTER DA IMMERSIONE PUCK 3 AVVERTIMENTI IMPORTANTI 3 LE REGOLE DEL SUBACQUEO RESPONSABILE

Dettagli

Francesco Biccari (biccari@gmail.com) Maria Grazia Polidoro (mariagraziapolidoro@gmail.com) 24 gennaio 2013. Prerequisiti

Francesco Biccari (biccari@gmail.com) Maria Grazia Polidoro (mariagraziapolidoro@gmail.com) 24 gennaio 2013. Prerequisiti Schema dettagliato di una lezione rivolta a una classe di studenti del secondo biennio del liceo scientifico. Argomento: Studio di funzione. Dominio, insieme di positività, simmetrie. Francesco Biccari

Dettagli

Italiano. Software per immersioni tecniche. Manuale d'uso

Italiano. Software per immersioni tecniche. Manuale d'uso Italiano Software per immersioni tecniche Manuale d'uso INDICE GENERALE Informazioni generali 1 Avvertenze 1 Aggiornamento 2 1. Differenze tra il software standard e il Tec SW 2 1.1 Modello Uwatec ZH16-ADT

Dettagli

Istruzioni per l uso Instrucciones para el uso Handleiding. Italiano. Español. Nederlands. Smart PRO Smart COM SWISS MADE BY UWATEC AG

Istruzioni per l uso Instrucciones para el uso Handleiding. Italiano. Español. Nederlands. Smart PRO Smart COM SWISS MADE BY UWATEC AG Istruzioni per l uso Instrucciones para el uso Handleiding Nederlands Español Italiano Smart PRO Smart COM SWISS MADE BY UWATEC AG Considerazioni di Sicurezza Prima di utilizzare il computer è necessario

Dettagli

1.2 Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche

1.2 Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche . Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche Per le definizioni e teoremi si fa riferimento ad uno qualsiasi dei libri M.Bertsch - R.Dal Passo Lezioni di Analisi

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

risulta (x) = 1 se x < 0.

risulta (x) = 1 se x < 0. Questo file si pone come obiettivo quello di mostrarvi come lo studio di una funzione reale di una variabile reale, nella cui espressione compare un qualche valore assoluto, possa essere svolto senza necessariamente

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

P aria (livello del mare) = 760 mmhg. Composizione: O 2 : 20.84% N 2 : 78.62% CO 2 : 0.04% po 2 = 159 mmhg. pn 2 = 597mmHg. pco 2 = 0.

P aria (livello del mare) = 760 mmhg. Composizione: O 2 : 20.84% N 2 : 78.62% CO 2 : 0.04% po 2 = 159 mmhg. pn 2 = 597mmHg. pco 2 = 0. Scambi alveolari Aria atmosferica = miscela di gas (principalmente O 2, N 2, CO 2 ) La velocità di diffusione di un gas (quantità di gas che diffonde nell unità di tempo) è direttamente proporzionale alla

Dettagli

Computer subacqueo. Manuale d USO

Computer subacqueo. Manuale d USO Computer subacqueo AQUALAB Manuale d USO ATTENZIONE!! Leggere questo manuale nella sua integrità prima di usare il vostro AQUALAB. La mancata osservanza delle istruzioni fornite o degli avvertimenti dati,

Dettagli

LIVELLO 3. Guida subacquea

LIVELLO 3. Guida subacquea LIVELLO 3 Guida subacquea - pren 329.03.01-3, Servizi per attività Subacquea ricreativa - Requisiti minimi di sicurezza relativi all addestramento di un subacqueo ricreativo Parte 3: Livello 3 Dive Leader

Dettagli

FUNZIONE ESPONENZIALE e INTERESSE COMPOSTO. Ipotizziamo di avere a nostra disposizione all'inizio del primo anno (tempo in ascissa

FUNZIONE ESPONENZIALE e INTERESSE COMPOSTO. Ipotizziamo di avere a nostra disposizione all'inizio del primo anno (tempo in ascissa FUNZIONE ESPONENZIALE e INTERESSE COMPOSTO Ipotizziamo di avere a nostra disposizione all'inizio del primo anno (tempo in ascissa t o = 0 ) una somma C o (detta capitale iniziale ) e di volerla investire

Dettagli

LO STATO GASSOSO. Proprietà fisiche dei gas Leggi dei gas Legge dei gas ideali Teoria cinetico-molecolare dei gas Solubilità dei gas nei liquidi

LO STATO GASSOSO. Proprietà fisiche dei gas Leggi dei gas Legge dei gas ideali Teoria cinetico-molecolare dei gas Solubilità dei gas nei liquidi LO STATO GASSOSO Proprietà fisiche dei gas Leggi dei gas Legge dei gas ideali Teoria cinetico-molecolare dei gas Solubilità dei gas nei liquidi STATO GASSOSO Un sistema gassoso è costituito da molecole

Dettagli

Excel_2000 DataBase Capitolo 13. 13-1 - Introduzione

Excel_2000 DataBase Capitolo 13. 13-1 - Introduzione Capittol lo 13 DataBase 13-1 - Introduzione Il termine DATABASE è molto utilizzato, ma spesso in modo inappropriato; generalmente gli utenti hanno un idea di base di dati sbagliata: un database è una tabella

Dettagli

! "#$"%&! # %& " ' #$ ()! "#! #! %&! % %*! "" #!!& #!+#,#-./ ! &,#!!

! #$%&! # %&  ' #$ ()! #! #! %&! % %*!  #!!& #!+#,#-./ ! &,#!! ! "#$"%&! # %& " ' #$ ()! "#! #! %&! % %*! "" #!!& #!+#,#-./!"0"! &,#!! logo Criteridideirischiedesempidi Pagina1di16 Sommario 1 PREMESSA...2 2 CRITERIPERLAVALUTAZIONEDELRISCHIO...2 2.1 Elencopericoli...3

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è la colonscopia

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è la colonscopia Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Che cosa è la colonscopia INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 23-0 09/09/2012 INDICE Che cos è la "colonscopia? 4 Chi fa la colonscopia e a

Dettagli

~ Copyright Ripetizionando - All rights reserved ~ http://ripetizionando.wordpress.com STUDIO DI FUNZIONE

~ Copyright Ripetizionando - All rights reserved ~ http://ripetizionando.wordpress.com STUDIO DI FUNZIONE STUDIO DI FUNZIONE Passaggi fondamentali Per effettuare uno studio di funzione completo, che non lascia quindi margine a una quasi sicuramente errata inventiva, sono necessari i seguenti 7 passaggi: 1.

Dettagli

Dividendo si impara anche il pensiero dei bambini può tracciare un percorso matematico

Dividendo si impara anche il pensiero dei bambini può tracciare un percorso matematico Dividendo si impara anche il pensiero dei bambini può tracciare un percorso matematico Monica Falleri, Sandra Taccetti 2013 Argomenti da trattare la discussione come elemento centrale nell apprendimento

Dettagli

COME REALIZZARE UNA MUTA LISCIA-SPACCATA

COME REALIZZARE UNA MUTA LISCIA-SPACCATA COME REALIZZARE UNA MUTA LISCIA-SPACCATA OCCORRENTE: Foglio di neoprene dello spessore desiderato; Avanzi di lavorazione di neoprene spaccato/foderato, liscio/foderato o bifoderato; Un kit alamaro (borchia,

Dettagli

Corrispondenze e funzioni

Corrispondenze e funzioni Corrispondenze e funzioni L attività fondamentale della mente umana consiste nello stabilire corrispondenze e relazioni tra oggetti; è anche per questo motivo che il concetto di corrispondenza è uno dei

Dettagli

Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della

Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della CO 2 in direzione opposta. L aria che respiriamo è una

Dettagli

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè:

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè: 1 Limiti Roberto Petroni, 2011 Possiamo introdurre intuitivamente il concetto di limite dicendo che quanto più la x si avvicina ad un dato valore x 0 tanto più la f(x) si avvicina ad un valore l detto

Dettagli

CAPITOLO 10. Controllo di qualità. Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione

CAPITOLO 10. Controllo di qualità. Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione CAPITOLO 10 Controllo di qualità Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione STRUMENTI PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE DELLA QUALITÀ - DIAGRAMMI CAUSA/EFFETTO - DIAGRAMMI A BARRE - ISTOGRAMMI

Dettagli

Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza

Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza Lezione 1: Cosa significa confrontare due lunghezze? Attività n 1 DOMANDA N 1 : Nel vostro gruppo qual è la matita più lunga? DOMANDA N

Dettagli

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica...

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica... UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di variabile reale Indice Grafico di una funzione reale 2 Funzioni elementari 2 2. Funzione potenza................................................

Dettagli

ISTRUZIONI PER L'USO

ISTRUZIONI PER L'USO COMPUTER DA DECOMPRESSIONE ISTRUZIONI PER L'USO Italiano NO STOP SWISS MADE BY UWATEC AG Consigli importanti per la sicurezza Aladin Pro è un valido ausilio per il subacqueo. Osservando rigorosamente le

Dettagli

Corso Base di Scialpinismo PREPARAZIONE E CONDOTTA DI UNA GITA IN AMBIENTE INVERNALE

Corso Base di Scialpinismo PREPARAZIONE E CONDOTTA DI UNA GITA IN AMBIENTE INVERNALE Corso Base di Scialpinismo PREPARAZIONE E CONDOTTA DI UNA GITA IN AMBIENTE INVERNALE 29/10/2004 La pratica degli sport invernali al di fuori delle piste battute Che cosa si intende per sicurezza in montagna:

Dettagli

Terza Edizione Giochi di Achille (13-12-07) - Olimpiadi di Matematica Soluzioni Categoria M1 (Alunni di prima media)

Terza Edizione Giochi di Achille (13-12-07) - Olimpiadi di Matematica Soluzioni Categoria M1 (Alunni di prima media) Il Responsabile coordinatore dei giochi: Prof. Agostino Zappacosta Chieti tel. 087 65843 (cell.: 340 47 47 95) e-mail:agostino_zappacosta@libero.it Terza Edizione Giochi di Achille (3--07) - Olimpiadi

Dettagli

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari Capitolo 6 Funzioni 6. Concetto di funzione e definizioni preliminari Definizione 6. Dati due insiemi non vuoti D e C, si dice applicazione o funzione una qualsiasi legge (relazione) che associa ad ogni

Dettagli

I quesiti di Matematica per la classe di concorso A059

I quesiti di Matematica per la classe di concorso A059 I quesiti di Matematica per la classe di concorso A059 Prof. Michelangelo Di Stasio Liceo Scientifico Statale Galileo Galilei di Piedimonte Matese (CE) michelangelodistasio@tin.it SOMMARIO Si propone la

Dettagli

S*** CMAS.CH. CMAS.CH Formazione secondo CMAS International

S*** CMAS.CH. CMAS.CH Formazione secondo CMAS International S*** CMAS.CH CMAS.CH Formazione secondo CMAS International INDICE 1 SCOPO... 3 2 DEFINIZIONE... 3 Organizzazione e durata della formazione... 3 Ammissione ai corsi... 3 Brevetto S**PLUS... 4 Brevetto S***...

Dettagli

Test d ingresso di Fisica

Test d ingresso di Fisica Test d ingresso di Fisica o Come esprimeresti quanto è alta una montagna tipo l Everest? 1. in metri, come sugli atlanti 2. in centimetri: è più preciso 3. in kilometri: è l ordine di grandezza corretto

Dettagli

Analisi video intelligente

Analisi video intelligente Analisi video intelligente (versione 1.4) pag. 1 di 17 INDICE 1. PRESENTAZIONE ANALISI VIDEO... 3 2. PROSPETTIVA... 4 3. AREE DI INTERESSE... 6 4. PARAMETRI BASE... 7 5. PEOPLE DETECTOR... 10 6. PERCORSI...

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE A. A. 2014-2015 L. Doretti 1 Il concetto di derivata di una funzione è uno dei più importanti e fecondi di tutta la matematica sia per

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

Programma di Matematica

Programma di Matematica Programma di Matematica Modulo 1. Topologia in R 2. Funzioni in R 3. Limite e continuità di una funzione Unità didattiche Struttura algebrica di R Insiemi reali limitati e illimitati Intorno di un punto

Dettagli

Terza Edizione Giochi di Achille (13-12-07) - Olimpiadi di Matematica Soluzioni Categoria E4 (Alunni di quarta elementare)

Terza Edizione Giochi di Achille (13-12-07) - Olimpiadi di Matematica Soluzioni Categoria E4 (Alunni di quarta elementare) Il Responsabile coordinatore dei giochi: Prof. Agostino Zappacosta Chieti tel. 0871 6584 (cell.: 40 47 47 952) e-mail:agostino_zappacosta@libero.it Terza Edizione Giochi di Achille (1-12-07) - Olimpiadi

Dettagli

5. FLUIDI TERMODINAMICI

5. FLUIDI TERMODINAMICI 5. FLUIDI TERMODINAMICI 5.1 Introduzione Un sistema termodinamico è in genere rappresentato da una quantità di una determinata materia della quale siano definibili le proprietà termodinamiche. Se tali

Dettagli

Prof. F. Rota 2002-2003 ISS Romero Albino (Bg) Materiale di supporto alle lezioni ERRORI NELLE MISURE ERRORI NELLE MISURE

Prof. F. Rota 2002-2003 ISS Romero Albino (Bg) Materiale di supporto alle lezioni ERRORI NELLE MISURE ERRORI NELLE MISURE LA MATEMATICA E LA FISICA Sia la matematica che la fisica hanno a che fare con i numeri. Non lo fanno però allo stesso modo. Se pensiamo, per esempio, all'espressione 1 1 5 ( + ) 1 2 3 il risultato vale

Dettagli

TECHNO WITCHES PAGINA UNO

TECHNO WITCHES PAGINA UNO TECHNO WITCHES PAGINA UNO Un gioco da 2 a 4 potenti, magici, acrobatici aviatori da 10 anni in su. VISIONE GENERALE Nel gioco introduttivo, scuola di volo, il gatto è l obiettivo di tutti i novizi streghe

Dettagli

Soluzione di equazioni quadratiche

Soluzione di equazioni quadratiche Soluzione di equazioni quadratiche Soluzione sulla Retta Algebrica Inseriamo sulla Retta Algebrica le seguenti espressioni polinomiali x e x 3 e cerchiamo di individuare i valori di x per i quali i punti

Dettagli

Prova di auto-valutazione 2006

Prova di auto-valutazione 2006 Prova di auto-valutazione 2006 Questa prova permette ai candidati di valutare la propria abilità di risolvere problemi e di riconoscere le nozioni mancanti. La correzione sarà fatta dal proprio professore

Dettagli

Matematica Discreta 2005 Esercizi di preparazione

Matematica Discreta 2005 Esercizi di preparazione Matematica Discreta 2005 Esercizi di preparazione Esercizio 1. Supponiamo di avere un rettangolo di cartone di dimensioni intere n e m e di tagliarlo successivamente secondo la seguente regola: togliamo

Dettagli

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI Il punto materiale e il corpo rigido Un corpo è in equilibrio quando è fermo e continua a restare fermo. Si intende, per punto materiale, un oggetto così piccolo

Dettagli

COME CALCOLARE LE CALORIE

COME CALCOLARE LE CALORIE Vol.2 COME CALCOLARE LE CALORIE PER DIMAGRIRE Guida per calcolare le calorie e dimagrire Consigli per dimagrire contando le calorie! Esistono tanti modi differenti per perdere peso e dimagrire in modo

Dettagli

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero Nei motori endotermici (m.e.t.) l energia termica è prodotta mediante combustione di sostanze liquide o gassose, generalmente dette carburanti. Si tratta di motori a

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA UNIVARIATA

STATISTICA DESCRITTIVA UNIVARIATA Capitolo zero: STATISTICA DESCRITTIVA UNIVARIATA La STATISTICA è la scienza che si occupa di fenomeni collettivi che richiedono lo studio di un grande numero di dati. Il termine STATISTICA deriva dalla

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili:

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili: Incertezze di misura Argomenti: classificazione delle incertezze; definizione di incertezza tipo e schemi di calcolo; schemi per il calcolo dell incertezza di grandezze combinate; confronto di misure affette

Dettagli

GIOCHI DI SOCIALIZZAZIONE

GIOCHI DI SOCIALIZZAZIONE GIOCHI DI SOCIALIZZAZIONE CHI HA AVUTO, HA AVUTO Ciascun giocatore riceve cinque rettangoli di cartoncino delle dimensioni di una carta da gioco, su un lato dei quali scrive, in bella evidenza, il proprio

Dettagli

Capitolo 1 ( Cenni di chimica/fisica di base ) Pressione

Capitolo 1 ( Cenni di chimica/fisica di base ) Pressione PRESSIONE: La pressione è una grandezza fisica, definita come il rapporto tra la forza agente ortogonalmente 1 su una superficie e la superficie stessa. Il suo opposto (una pressione con verso opposto)

Dettagli

Matematica finanziaria: svolgimento della prova di esame del 4 settembre 2007 1

Matematica finanziaria: svolgimento della prova di esame del 4 settembre 2007 1 Matematica finanziaria: svolgimento della prova di esame del 4 settembre. Calcolare il montante che si ottiene dopo anni con un investimento di e in regime nominale al tasso annuale del % pagabile due

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

La somministrazione dell ossigeno

La somministrazione dell ossigeno La somministrazione dell ossigeno Considerazioni mediche e legali L ossigeno medicale è un farmaco di libera vendita, dietro presentazione di ricetta medica, normalmente acquistabile attraverso le farmacie.

Dettagli

In laboratorio si useranno fogli di carta millimetrata con scale lineari oppure logaritmiche.

In laboratorio si useranno fogli di carta millimetrata con scale lineari oppure logaritmiche. GRAFICI Servono per dare immediatamente e completamente le informazioni, che riguardano l andamento di una variabile in funzione dell altra. La Geometria Analitica c insegna che c è una corrispondenza

Dettagli

Lezione 15: Un po di cose in generale

Lezione 15: Un po di cose in generale Lezione 15: Un po di cose in generale Abbiamo visto come possiamo associare ad alcune forme del piano o dello spazio delle espressioni analitiche che le rappresentano. Come un equazione sia una relazione

Dettagli

Ipotesi sulle preferenze

Ipotesi sulle preferenze La teoria delle scelte del consumatore La teoria delle scelte del consumatore Descrive come i consumatori distribuiscono i propri redditi tra differenti beni e servizi per massimizzare il proprio benessere.

Dettagli

Indice. 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3

Indice. 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE II IL MERCATO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3 1.1. Applicazioni della

Dettagli

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier Quando si lavora in laboratorio spesso si osservano dei fenomeni che sono

Dettagli

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE 1 INFRASTRUTTURE FERROVIARIE TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE A.A. 2008-09 2 DISTANZIAMENTO DEI TRENI Criteri di sicurezza La tecnica della marcia guida vincolata si basa sul vincolo, imposto dalla via per la

Dettagli

PARTITE A TEMA. Introduzione

PARTITE A TEMA. Introduzione PARTITE A TEMA Introduzione Per partita a tema o anche gioco a tema s intende un confronto tra due o più squadre che, all interno di una sessione di allenamento, devono rispettare un vincolo, una restrizione

Dettagli

SAFETY-FLY 700 MANUALE UTENTE STRUMENTO DI BORDO PER AEREI ULTRALEGGERI NR.101700MIT

SAFETY-FLY 700 MANUALE UTENTE STRUMENTO DI BORDO PER AEREI ULTRALEGGERI NR.101700MIT SAFETY-FLY 700 STRUMENTO DI BORDO PER AEREI ULTRALEGGERI NR.101700MIT MANUALE UTENTE I Costruttore Prefazione : MC elettronica S.r.l. Indirizzo : Via E. fermi, 450/486 Fiesso Umbertiano (ROVIGO) - ITALIA

Dettagli

Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck

Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck Progetto A1e Un esperimento in prestito di Lauree Scientifiche G. Rinaudo Dicembre 2005 Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck Scopo dell esperimento Indagare il doppio comportamento corpuscolare

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli