Consensus. Le aree sviluppate fuori da dollaro ed euro. Sempre più importanti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consensus. Le aree sviluppate fuori da dollaro ed euro. Sempre più importanti"

Transcript

1 Consensus Le aree sviluppate fuori da dollaro ed euro Sempre più importanti Alcuni paesi, come l Australia, gli scandinavi e il Canada, rappresentano alternative molto interessanti agli investimenti nelle valute più tradizionali e negli emergenti. Molti fra loro hanno una forte presenza nelle materie prime, fatto che li rende esposti alla ripresa globale, e sono fortemente dipendenti dalle economie più industrializzate. Ma i conti degli stati sono in ordine e le strutture finanziarie spesso di ottimo livello Non esistono solo i mercati in euro, in dollari o nelle valute emergenti: sono spesso interessanti anche altri mercati sviluppati al di fuori di queste aree, in particolare i paesi nordici, il Canada e l Australia. Abbiamo lasciato fuori il Regno Unito, perché presenta caratteristiche e problemi per certi versi simili all Eurozona, e la Svizzera, in quanto è un caso particolare di safe haven degli investitori internazionali. di Boris Secciani e David Tonello Le aree in questione invece presentano alcune caratteristiche in comune: dimensioni non eccessive, una forte apertura e ciclicità dei propri sistemi e una tenuta (meglio una reazione) nei confronti della crisi finanziaria superiore a quella di economie di grandi dimensioni. Queste economie tendono ad avere (Danimarca a parte) anche una ricca dotazione di materie prime, un forte focus sull innovazione tecnologica, finanze pubbliche in condizioni più decenti rispetto alla media occiden- Il panel dei gestori e degli analisti Roberto Brasca, vicepresidente di AcomeA sgr; Edoardo Chiozzi Millelire, responsabile sviluppo internazionale di Convictions Asset Management; Thomas Fallon, fund manager di La Française Asset Management; Pascal Gilbert, fund manager di La Française Asset Management; Thomas Harter, responsabile strategie di investimento di Swisscanto Asset Management; Hans Hurschler, head portfolio management multimanager business di Man Investments; Thomas Liebi, chief economist di Swisscanto Asset Management; Monica Lira, institutional business development di Saint George Capital Management; Roberto Malnati, director, fund manager di Global Opportunity Asset Management; Herbert Perus, head of global equities di Raiffeisen Capital Management; Research team di Hsbc Global Asset Management; Gianmarco Stanga, responsabile gestioni collettive di Mc Gestioni sgr; Laura Tardino, strategist di Bnp Paribas; Team di gestione di Norvega sgr; Team di ricerca di Edmond de Rothschild Asset Management; Team di ricerca di Invest Banca; Team strategy di Amundi; Erik Weisman, investment officer di Mfs Investment Management. 52 FONDI&SICAV/Gennaio 2012

2 «La sovraperformance dovrebbe continuare,anche se l impatto della recessione si farà sentire comunque» Non per caso Roberto Malnati, director, fund manager di Global Opportunity Asset Management, afferma: «La sovraperformance dovrebbe continuare, anche se l impatto della recessione si farà sentire comunque; penso che questi paesi potranno ancora trarre vantaggio dalla crisi dell euro, che con ogni probabilità dovrà fare i conti a breve con la resa della Grecia. Il Canada continuerà a godere della domanda energetica proveniente dagli Stati Uniti che non hanno, nonostante le promesse di Obama, investito significativamente in fonti energetiche alternative a quelle fossili. L Australia inoltre sta già scontando il rallentamentale e un sistema finanziario non scevro da un uso elevato della leva. Si tratta dunque di mercati che presentano aspetti nettamente migliori, ma anche problemi comuni a molte altre economie più criticate. Nonostante fondamentali migliori, infatti, il 2011 non è stato un anno facile per queste piazze finanziarie, con il benchmark dell Australia che ha perso (in valuta locale e senza contare i dividendi) circa il 15%, così come la Svezia. Capire che cosa potrà succedere su queste borse appare dunque importante per comprendere se vi sono ancora opportunità inesplorate e se vi si può contare come un rifugio relativamente sicuro per gli anni a venire. Finora le economie di alcuni paesi occidentali fuori dal blocco euro/dollaro hanno mostrato performance nettamente superiori: questo andamento si ripeterà nel 2012? Saranno ancora migliori In questo ambito un certo ottimismo sembra che si manifesti: questi paesi hanno comunque fondamentali migliori rispetto alle maggiori e più fragili economie occidentali. Indicativo il parere di Gianmarco Stanga, responsabile delle gestioni collettive di Mc Gestioni sgr: «Pensiamo che la sovraperformance continuerà e confermiamo la previsione di una lunga fase di bassi livelli di crescita anziché di una recessione globale». L esistenza di rischi, soprattutto legati alla natura ciclica di queste economie dipendenti da materie prime e/o export di manufatti, non viene comunque sottovalutata. Sì 67% 33% No FONDI&SICAV/Gennaio

3 Consensus Le aree sviluppate fuori da dollaro ed euro to cinese». Eaggiunge il team strategy di Amundi: «Questi mercati (Australia, Canada e paesi nordici) sono molto ciclici e in gran parte legati alle commodity. In generale si può dire che sono meno influenzati dalla crisi europea e più esposti al tema della crescita degli emergenti. Di conseguenza sono strutturalmente meglio posizionati rispetto all'euro o agli Usa e possono continuare a sovraperformare». Un quadro non molto diverso viene delineato anche da Monica Lira, institutional business development di Saint George Capital Management: «Sono economie molto aperte e legate ad aree geografiche specifiche. Per i paesi del Nord Europa l aggravarsi della crisi europea rappresenta una minaccia per la propria crescita economica e per la stabilità del sistema bancario, ma, al contempo, l effetto safe haven li preserva dalle fughe di capitale e dagli aspetti peggiori della crisi che potrebbe coinvolgere l Europa. Viceversa una stabilizzazione della situazione europea non potrebbe che rappresentare un vantaggio per questi paesi. Il Canada è legato soprattutto all economia Usa e all andamento di alcune commodity. Un rallentamento meno marcato del previsto in Usa favorirebbe dunque il Canada. D altra parte una frenata Usa e globale sarebbe deleteria per questo paese. L Australia per contro è molto influenzata dalle economie asiatiche». Interessante infine il parere di Roberto Brasca, vicepresidente di AcomeA sgr, che si concentra sul relativo andamento dei mercati finanziari: «Posto che i mercati finanziari non necessariamente riflettono passo per passo l andamento delle economie sottostanti, ma spesso ne anticipano gli esiti, forse fa riflettere la variazione percentuale realizzata nel 2011 dai mercati azionari di Canada (-11,07%), Australia (-14,51%) e Svezia (-14,51%), confrontati a quelli di Spagna (-13,11%) e Germania (-14,69%), mentre si distinguono le performance di Uk (-5,55%) e Usa (0%)». Alcuni mercati azionari di queste realtà sono altamente ciclici; che cosa si possono ragionevolmente aspettare gli investitori nel 2012? Non solo isole felici Rischi di difficoltà Buona performance dei ciclici di questi listini 25% 25% Sottoperformance Non sorprende trovare in questo ambito un forte livello di incertezza e un ampia gamma di risposte. Non manca chi ritiene le azioni sottovalutate e con alte potenzialità. In particolare raccolgono consensi i titoli cilici che caratterizzano questi mercati. Herbert Perus, head of global equities di Raiffeisen Capital Management, sostiene: «Riteniamo che le azioni saranno la migliore asset class del 2012 e in particolare a sovraperformare saranno i titoli ciclici». All estremo opposto troviamo invece il team di gestione di Norvega sgr: «Meglio stare fuori dall azionario. Molto interessante è invece l obbligazionario». Scarso entusiasmo sui ciclici si trova anche da parte del team di ricerca di Edmond de Rothschild Asset Management: «Rimaniamo sottopesati sui ciclici, specialmente se presentano un elevato livello di leva e hanno un eccessivo focus sul mercato domestico di riferimento». Non vede forti possibilità di decoupling, a causa delle difficoltà generali dell azionario anche Erik Weisman, investment officer di Mfs Investment Management: «Le borse di questi paesi difficilmente rimarranno sganciate dalla situazione generale. Solo in una situazione globale migliore di quella del 2011 e di quella che si prospetta all inizio del 2012, questi mercati saliranno o scenderanno in base ai loro soli meriti». Nel mezzo si trovano molte risposte che vedono sia rischi sia opportunità. Interessante il quadro proposto da Laura Tardino, strategist di Bnp Paribas: «Non sarà facile, perché la ciclicità di queste aree le renderà vulnerabili rispetto al rallentamento economico globale che non lascia pensare al momento a un aumento della domanda di metalli di base. La chiave è tuttavia nella ricerca di isole felici e ancora sicure o percepite come tali almeno nella prima parte dell anno da parte degli investitori». Edoardo Chiozzi Millelire, responsabile sviluppo internazionale di Convictions Am, ricorda come comunque tantissimo dipenderà dall evoluzione della crisi europea: «Siamo in un periodo di rallentamento della crescita globale e quindi è probabile che i paesi più ciclici ne risentano (in particolare sulle valute), ma alla fine gli scenari su cui potere fare previsioni dipendono soprattutto dall evoluzione della crisi europea». Il team di ricerca di Invest Bank invita a distinguere fra il breve e il lungo periodo: «Le prospettive sono comunque positive nel medio termine (il trend secolare delle commodity è intatto e le finanze pubbliche di questi paesi sono in condizioni molto buone), ma nel 54 FONDI&SICAV/Gennaio 2012

4 breve la volatilità e i margini di caduta potrebbero essere importanti». Infine interessante l analisi di Malnati di Global Opportunity, che si concentra sui fondamentali finanziari relativamente più solidi di queste aree: «Il mercato azionario australiano è strettamente correlato all andamento della piazza cinese, che a questi livelli incorpora già il peggiore scenario recessivo possibile. Potrebbe profilarsi una bolla immobiliare o quanto meno un rallentamento, ma è un mercato scarsamente collateralizzato, con solide garanzie reali che si estendono agli averi personali dei debitori. Il Canada dispone di un sistema pensionistico robusto e sta spingendo decisamente su estrazioni petrolifere alternative. Potrebbe anche godere di un ritorno agli acquisti di oro che sosterrebbe le quotazioni dei titoli auriferi. I nordici, invece, sono troppo piccoli per resistere a una bufera borsistica e alla riduzione drastica dell interscambio legato al mercato europeo, ma hanno strutture finanziarie resistenti». Dove si trovano in queste aree le migliori occasioni? Meglio se lontani dall Europa Pur nella diversità delle opinioni, un trend di fondo generale sembra emergere: una marcata preferenza per quei mercati e settori meno correlati alla crisi europea. Ciò si traduce in un deciso orientamento ai listini di Canada e Australia, ricchi di titoli legati alle risorse naturali. È questo il parere di Hans Hurschler, head portfolio management multimanager business di Man Investments: «I paesi scandinavi hanno profondi legami con l Europa e rischiano dunque di essere coinvolti nella crisi del Vecchio continente, che probabilmente non verrà risolta in tempi così brevi. All opposto, Canada e Australia non sarebbero particolarmente esposte a default europei e probabilmente mostreranno una maggiore tenuta». Le commodity sembrano sospinte da trend di medio-lungo periodo ancora favorevoli e valutazioni convenienti dopo un 2011 difficile, per il research team di Hsbc Global Asset Management: «Se i prezzi di molte materie prime hanno subito una flessione nel 2011, rispecchiando il rallentamento della crescita economica globale, dovrebbero essere favoriti, su un orizzonte più lungo, dalle apparentemente inarrestabili pressioni di una crescente domanda legata a progetti infrastrutturali e da un offerta in molti casi limitata». Interessante il parere di Malnati di Global Opportunity Am, che invita a distinguere fra petrolio e risorse minerarie: «Ritengo che il perdurare della crisi iraniana e la fame di materie prime che l Asia emergente continuerà ad avere per i prossimi decenni, favoriscano in particolar modo le società operanti nel settore delle commodity e nel settore energetico che presentino un basso indebitamento e cash flow positivo. Rimarrei per il momento lontano dalle società che si occupano di esplorazione mineraria o che siano troppo indebitate». Non manca comunque chi vede opportunità anche nell area nordica su altri comparti. Ad esempio Brasca, di AcomeA sgr, sostiene: «Con il nostro approccio fuori consenso, le nostre preferenze di investimento in mercati come Canada e Australia sono per settori totalmente slegati dalla loro tipicità (materie prime) e privilegiano invece abbigliamento e linee aeree. Su Svezia e Danimarca la nostra attenzione è soprattutto verso società appartenenti al settore tecnologico». Non dissimile l analisi espressa da Edoardo Chiozzi Millelire, di Convictions Am: «Noi preferiamo i settori ad alto valore aggiunto, meno legati alle materie prime, escluso il petrolio. Per esempio ci piacciono in Svezia i comparti della sanità e della tecnologia e in Norvegia l esplorazione petrolifera». Fiducia nei nordici viene espressa infine da Perus di Raiffeisen Capital Management: «Abbiamo una forte esposizione alla Norvegia e alla Svezia» % 10 0 Risorse naturali Tecnologia nordica Altro FONDI&SICAV/Gennaio

5 Consensus Le aree sviluppate fuori da dollaro ed euro Finora i sistemi bancari di questi paesi hanno tenuto molto meglio; in futuro potranno essere coinvolti nella crisi finanziaria? Sicuramente forti, ma non immuni Rischi sostanziali solo in caso di recessione acuta 67% 33% Rischi sostanziali di contagio I n generale, pure con tutta la prudenza del caso, l opinione più comune è che i sistemi finanziari di queste aree siano in condizioni un po meno fragili rispetto a Usa ed Eurozona, grazie a fondamentali economici locali migliori. È questo il quadro delineato da Tardino, di Bnp Paribas: «Nulla è impossibile, data l elevata globalizzazione raggiunta dal sistema finanziario nel suo complesso, ma non credo che le banche di queste aree soffriranno particolarmente, anzi potrebbero guadagnare quote di mercato a scapito dei grandi istituti di credito internazionali, costretti a tagli significativi di buz e personale. L ultimo annuncio in ordine temporale (almeno credo) è quello di Morgan Stanley». Netta l'opinione del research team di Norvega sgr: «Pensiamo che siano fra i paesi nel mondo che possano reggere meglio una crisi finanziaria». Sulla stessa lunghezza d onda anche l articolato ragionamento del research team di Invest Banca: «Il legame finanziario tra istituti bancari è comunque elevato e quindi il rischio è in realtà sistemico: se si dovesse verificare una nuova ondata di dissesti e fallimenti bancari, tutti gli istituti, anche quelli più virtuosi, ne sarebbero intaccati, ma probabilmente le banche meno direttamente coinvolte riuscirebbero a superare la fase più critica. Il caso del Canada in questo senso è eclatante: rispetto al vicino americano le banche canadesi non hanno avuto bisogno di nessun salvataggio, né del continuo foraggiamento di aiuti speciali o deroghe normative che invece tengono in vita le omologhe Usa. Tutto ciò è implicito nelle quotazioni: le banche canadesi trattano a 1,3 volte il valore di libro, mentre le consorelle Usa viaggiano a 0,5-0,7, valore che quindi gli investitori ritengono meno certo di quello delle banche canadesi». Va da sé, comunque, che in uno scenario di forte recessione e acuta crisi finanziaria pressoché nessuno in occidente sarebbe immune. Stanga, di Mc Gestioni sgr, esprime qualche dubbio: «Difficile dare un parere definitivo, ma finora questi sistemi hanno dato una prova di forza. Riteniamo invece in assoluto e a livello globale che il sistema bancario maggiormente solido e in grado di difendersi da un eventuale peggioramento del sistema risieda nei paesi emergenti». In questo ambito, comunque, qualche preoccupazione in più sembra destarla l Australia, il cui sistema bancario è stato caratterizzato da una forte crescita nell ultimo decennio. Per Lira, di Saint George Capital Management, «come già si è potuto vedere in un sistema interconnesso, la crisi ha ripercussioni ovunque. Questi paesi però all aggravarsi della crisi finanziaria hanno mostrato di potere beneficiare di afflussi di capitali in cerca di porti sicuri. Questo aspetto è molto importante. È presumibile però che questo aspetto abbia più valore per i paesi nordici in una ipotetica fuga di capitali dal resto d Europa, che non per l Australia, tendenzialmente più legata a scenari di crescita». Una visione non dissimile arriva anche da Thomas Liebi, chief economist di Swisscanto: «I settori bancari di queste economie sono più sani di quelli di Eurozona o Stati Uniti. Ovviamente, non sono immuni a ciò che accade nel resto del mondo, per cui se il settore collassasse in generale, le ripercussioni le subirebbero tutti. Ma non è questo il nostro scenario. L Australia presenta qualche rischio in più, data l alta dipendenza dalla crescita cinese, che ci attendiamo rallenti nei prossimi mesi. Se la 56 FONDI&SICAV/Gennaio 2012

6 Cina sperimentasse un hard landing, l Australia ne patirebbe le conseguenze». Non manca infine anche chi vede a rischio il sistema bancario nordico in caso di crisi dell Eurozona. Pascal Gilbert, fund manager di La Française Asset Management, afferma: «Il rischio sistemico è sempre presente e per quanto questi sistemi bancari abbiano ridotto la loro esposizione alla zona euro, il pericolo di effetto domino è tuttora presente in caso di forte turbolenza in Europa». Pensate che le valute delle tre aree appena menzionate siano sopravvalutate e possano costituire un rischio per gli investitori? Un rifugio, ma non troppo A nche in questo caso c è una situazione di ambivalenza. Da una parte infatti le valute delle aree nordiche e i dollari canadesi e australiani sembrano svolgere un ruolo di bene rifugio, favorite dai migliori fondamentali economici di queste aree e da più elevati tassi di interesse. Dall altra parte vi è il rischio di una nuova bolla e di disallineare sostanzialmente il tasso di queste divise. Il 2012 è stato un anno interlocutorio nei confronti dell euro e del dollaro da parte di queste monete, pur con le loro differenze. L anno però ha visto un finale (e un apertura di 2012) di forte debolezza da parte dell euro, le cui prospettive appaiono più incerte che mai. In questo ambito appare interessante il commento di Weisman di Mfs Investment Management: «Considerando ancora una volta la pessima situazione a livello mondiale, direi che queste divise sono sopravvalutate. Ma si tratta di una spada a due tagli. Da una parte, in simili condizioni, si sente l esigenza di trovare rifugi sicuri in queste divise, ma dall altra, proprio per l avversità della situazione, si prova anche il bisogno di non allontanarsi troppo da dimensioni più familiari, a maggior ragione considerando che hanno mercati poco liquidi. In definitiva, se si riesce a evitare le calamità e a sopravvivere, queste valute dovrebbero restare più forti di quello che i loro fondamentali lascerebbero pensare». Ancora più netto il giudizio di Hurschler di Man Investments: «Credo che le currency di Canada, Australia e Scandinavia siano tutt altro che sopravvalutate». In questo ambito non dispiacciono le valute nordiche, grazie al differenziale di tassi di interesse e, come detto, al loro ruolo di esposizione verso l Europa, fuori dal travagliato euro. Ad esempio per Thomas Liebi, di Swisscanto, «il dollaro australiano è più instabile, dato che è ciclico e costoso, oltre che a rischio di essere condizionato da un eventuale rallentamento cinese. Il dollaro canadese, anche se è anch esso una commodity currency, beneficia di una rinvigorita economia Usa. La corona svedese è attraente e dovrebbe essere favorita dal suo ruolo di rifugio sicuro, a maggior ragione adesso che il franco svizzero ha smesso di svolgere la stessa funzione». Sulla stessa lunghezza d onda, anche se lievemente diverso, il commento del suo collega Thomas Harter, responsabile delle strategie di investimento di Swisscanto Asset Management: «In sostituzione del dollaro canadese (Cad) deteniamo ora una nuova posizione di lungo periodo in corone svedesi (Sek) a scapito dello yen giapponese. La Sek è nettamente sottovalutata rispetto al Cad e produce il quarto maggior carry trade fra le valute principali». Resta il fatto che, come le economie e i mercati azionari di questi paesi, anche le loro divise presentano caratteristiche cicliche, tipiche di economie aperte e legate a blocchi economici più consistenti. Thomas Fallon, fund manager di La Française Asset Management, spiega: «Sul medio periodo i modelli di analisi fondamentale tipicamente considerano le valute di Australia, Canada, Norvegia e Svezia fra il sottovalutato e il fair value. Elementi che sostengono queste divise sono tassi di crescita più elevati, tassi di interesse più alti nei paesi esportatori di materie prime (Canada e Australia), finanze pubbliche in ordine e forti attivi commerciali (nel caso di Norvegia e Svezia). Nel 2011 le valute scandinave sono rimaste stabili nei confronti dell euro, mentre il dollaro australiano e quello canadese sono calati nei confronti del dollaro. Per quanto riguarda il 2012, l outlook per queste valute non dipenderà solo da fattori locali, ma senz altro anche dagli sviluppi dei partner commerciali più importanti: gli Usa per quanto riguarda il Canada, la Cina per l Australia e l Eurozona per le scandinave, in particolare la corona svedese». Anche in questo caso tanta incertezza. Rischi connessi al rallentamento economico globale Possibilità di crescita ulteriore FONDI&SICAV/Gennaio

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS ARCA FOCUS Outlook dei mercati I Trimestre 2015 Ad uso esclusivo dei Soggetti Collocatori, vietata la diffusione alla clientela. Il presente documento ha semplice scopo informativo. 1 Indice Outlook di

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015

L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015 COMUNICATO STAMPA L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015 Le azioni mantengono la fiducia degli investitori

Dettagli

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati Analisi mensile dei principali eventi e previsioni sui mercati globali 22 ottobre 2014 Analisi dei Mercati Crediamo che i mercati stiano reagendo in modo esagerato considerato lo stato di salute dei fondamentali.

Dettagli

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI COMUNICATO STAMPA PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI 2014 Cresce la propensione al risparmio. Le famiglie

Dettagli

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti:

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: MARKET OUTLOOK 2016 Cosa ci lascia in eredità il 2015 L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: - La fine della politica dei tassi zero in USA - L avvio del QE in Europa

Dettagli

Quali strategie per superare la crisi dei mercati finanziari Il ruolo degli investitori e quello dei gestori. Novembre 2007

Quali strategie per superare la crisi dei mercati finanziari Il ruolo degli investitori e quello dei gestori. Novembre 2007 Quali strategie per superare la crisi dei mercati finanziari Il ruolo degli investitori e quello dei gestori Novembre 2007 Premessa L ipotesi che l economia americana debba conoscere alcuni trimestri di

Dettagli

NEL 2012, RENDIMENTO, QUALITÀ E DIVERSIFICAZIONE SARANNO LA CHIAVE DEGLI INVESTIMENTI IN UN QUADRO ECONOMICO MONDIALE IN PROGRESSO MA ANCORA DEBOLE

NEL 2012, RENDIMENTO, QUALITÀ E DIVERSIFICAZIONE SARANNO LA CHIAVE DEGLI INVESTIMENTI IN UN QUADRO ECONOMICO MONDIALE IN PROGRESSO MA ANCORA DEBOLE Comunicato stampa Bank of America Merrill Lynch Financial Centre 2 King Edward Street London EC1A 1HQ Per ulteriori informazioni: Ana Iris Reece Gonzalez Donatella Cifarelli Brunswick tel: 02 9288 6200

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti - Responsabile Strategia Eurizon Capital SGR; Luca Mezzomo - Responsabile

Dettagli

AGORA VALORE PROTETTO

AGORA VALORE PROTETTO Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA VALORE PROTETTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati IV Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5 Outlook

Dettagli

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015 Presentazione ai nuovi consiglieri 2011-2015 Comitato Nazionale dei Delegati Roma, 14-15 ottobre 2010 Protocollo: DFI/10/267 Indice Asset Allocation Strategica 2010: le deliberazioni del CND del 12-13

Dettagli

Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità

Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità Logo azienda Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità Nicola Carcano, Chief Investment Officer, MVC & Partners e Docente presso l Università

Dettagli

Investment Insight. Il segmento High Yield in Europa nel 2016. Dal team European High Yield di AXA IM Dicembre 2015

Investment Insight. Il segmento High Yield in Europa nel 2016. Dal team European High Yield di AXA IM Dicembre 2015 Investment Insight Dal team European High Yield di AXA IM Dicembre 2015 Il segmento High Yield in Europa nel 2016 I mercati continuano ad essere nervosi a fine 2015, a causa di una serie di eventi risk-off.

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa. Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015

CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa. Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015 CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015 Cfa Society: +56,8 pt Italy sentiment in maggio, fiducia confermata 2015-05-04

Dettagli

GP Benchmark GP Quantitative

GP Benchmark GP Quantitative Servizio d'investimento commercializzato da: GP Benchmark GP Quantitative Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.313111 www.cassacentrale.it Messaggio pubblicitario.

Dettagli

Il ritorno del rischio Una situazione di instabilità

Il ritorno del rischio Una situazione di instabilità Pag. Pag. 18 18N.77 N.77 - settembre - settembre 2015 2015 Il ritorno del rischio Una situazione di instabilità È il new normal, baby! Dopo molti segnali di allarme lanciati da diversi analisti, i mercati

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Gennaio/Febbraio 2015 Si preferiscono gli USA L inizio dell anno è cautamente positivo se parliamo dei

Dettagli

Fondo AcomeA ETF attivo

Fondo AcomeA ETF attivo Articolo pubblicato su Borsa Italiana il 28 giugno 2012 http://www.borsaitaliana.it/speciali/trading/inside-markets/23/etf-fondoacomeaetfattivo.htm Fondo AcomeA ETF attivo Il fondo AcomeA ETF Attivo è

Dettagli

L OPINIONE DEI COMPETITOR

L OPINIONE DEI COMPETITOR L OPINIONE DEI COMPETITOR 11 A cura della Direzione Studi. L Opinione dei Competitor Sintesi e Indicazioni Tattiche SINTESI MACRO E ASSET ALLOCATION Pictet - AGGIORNATO A SETTEMBRE QUADRO MACRO: Timori

Dettagli

Relazione finanziaria 1 trimestre. Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 2015

Relazione finanziaria 1 trimestre. Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 2015 Relazione finanziaria 1 trimestre Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 3 Osservazioni sull andamento della gestione Vendite e consumi interni 1 trimestre

Dettagli

I Differenziali di rendimento

I Differenziali di rendimento I Differenziali di rendimento continuano ad orientare il mercato FX 14 Febbraio 2011 Durante la scorsa settimana abbiamo avuto un attività di trading favorevole sul Dollaro USA in quanto i differenziali

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 08 La crisi argentina (cap. 2) La crisi giapponese (cap. 2) La crisi argentina - 1 L Argentina negli ultimi decenni ha attraversato diversi periodi

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

ILR con. Posizione. attuale.

ILR con. Posizione. attuale. ILR con il gestore G. Spinola del 16/04/15 Trend vs. Msci World Dal lancio ( 15/02/93 ) al 16/04/15. Posizione attuale. 63% %* in Azioni (profilo di rischio teoricoo del portafoglio mediamente in lineaa

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere.

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. 30 Novembre 2015 Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. Tutto è iniziato lo scorso novembre con la riunione dell OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio), durante la quale è

Dettagli

Aggiornamento sui mercati valutari

Aggiornamento sui mercati valutari 9 luglio 2014 Aggiornamento sui mercati valutari A cura di: Peter Butler, Emanuele Del Monte e Pietro Calati Il quadro di riferimento Il mercato dei cambi, dopo l introduzione del pacchetto di misure da

Dettagli

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI 60 Victoria Embankment London EC4Y 0JP ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI Economie divergenti

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Immobiliare, asset class vincente

Immobiliare, asset class vincente I MERCATI INTERNAZIONALI DEL REAL ESTATE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche che valutano le alternative di impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati III Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze. Maggio 2014

Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze. Maggio 2014 Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze Maggio 2014 1 Sommario 1. IL CONSUMO DI VINO 3 2. TENDENZE DEL COMMERCIO MONDIALE DI VINO NEL 2013 6 3. PRINCIPALI ESPORTATORI NEL 2013 8 4. PRINCIPALI IMPORTATORI

Dettagli

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA:

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA: Istituto nazionale per il Commercio Estero PROMETEIA S.R.L. Evoluzione del commercio con l estero per aree e settori Gennaio 2005 PROMETEIA S.R.L. Via G. Marconi, 43 40122 Bologna 051-6480911 fax 051-220753

Dettagli

Aggiornamento sui mercati valutari

Aggiornamento sui mercati valutari 14 novembre 2014 Aggiornamento sui mercati valutari A cura di: Peter Butler, Emanuele Del Monte e Pietro Calati Il quadro di riferimento Il mercato dei cambi resta molto influenzato dalle diverse politiche

Dettagli

GP Private. Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.

GP Private. Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461. GP Private Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.313111 www.cassacentrale.it Messaggio pubblicitario. Non costituisce offerta

Dettagli

Credit Suisse Bond Fund (Lux) Inflation Linked

Credit Suisse Bond Fund (Lux) Inflation Linked Credit Suisse Bond Fund (Lux) Inflation Linked Giugno 2009 Alexandre Bouchardy, senior portfolio manager del Credit Suisse, ci offre una carrellata sul mercato delle obbligazioni inflation-linked e sull

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Newsletter Novembre 2012

Newsletter Novembre 2012 Newsletter Novembre 2012 Milano, 12 novembre 2012 Gent. IRO, con l avvicinarsi della fine di un anno che ha visto perdurare forti difficoltà nel contesto economico e finanziario, abbiamo ritenuto interessante

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 13 gennaio 2015 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

AZIMUT SGR SpA PARTE I DEL PROSPETTO INFORMATIVO CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

AZIMUT SGR SpA PARTE I DEL PROSPETTO INFORMATIVO CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE AZIMUT SGR SpA AZIMUT GARANZIA AZIMUT REDDITO EURO AZIMUT REDDITO USA AZIMUT TREND TASSI AZIMUT SOLIDITY AZIMUT SCUDO AZIMUT BILANCIATO AZIMUT STRATEGIC TREND AZIMUT TREND AMERICA AZIMUT TREND EUROPA AZIMUT

Dettagli

10 MOTIVI PER INVESTIRE IN EUROPA

10 MOTIVI PER INVESTIRE IN EUROPA 10 MOTIVI PER INVESTIRE IN EUROPA Agosto 2012 In questo momento l'europa va tutt'altro che evitata e riteniamo che l'attenzione che gravita intorno ai problemi fiscali abbia creato un'opportunità d'investimento,

Dettagli

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi.

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi. SCENARIO 2009 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Vicini a voi. Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Aprile - giugno 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Aprile - giugno 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Aprile - giugno 2015 Euro/dollaro Dopo aver toccato il livello minimo negli ultimi dodici anni, nel secondo trimestre

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

PIAZZA AFFARI NON E PIU UN AFFARE? (29/11/2010)

PIAZZA AFFARI NON E PIU UN AFFARE? (29/11/2010) PIAZZA AFFARI NON E PIU UN AFFARE? (29/11/2010) L Italia potrebbe essere la prossima vittima dei mercati dopo Grecia, Irlanda, Portogallo e Spagna se non cresce scrive il Wall Street Journal e basta il

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

L OUTLOOK DEL SETTORE ETF/ETP SECONDO BLACKROCK:

L OUTLOOK DEL SETTORE ETF/ETP SECONDO BLACKROCK: L OUTLOOK DEL SETTORE ETF/ETP SECONDO BLACKROCK: IL PATRIMONIO GESTITO IN ETF/ETP A LIVELLO INTERNAZIONALE POTREBBE SUPERARE LA SOGLIA DEI 2.000 MILIARDI DI DOLLARI ENTRO L INIZIO DEL 2012 Gli ETF si impongono

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

La classe media americana non è più la più ricca del mondo

La classe media americana non è più la più ricca del mondo RESeT INTERNAZIONALE The New York Times DAVID LEONHARDT E KEVIN QUEALY ED. IT. DI MARIA CARANNANTE 22 aprile 2014 La classe media americana non è più la più ricca del mondo La classe media americana, a

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 febbraio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Il programma di Quantitative Easing finalmente

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato 2014 Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.06.03 POLITICA FINANZIARIA E RATING

Dettagli

Rapporto Export SACE 2014-2017 / Executive Summary

Rapporto Export SACE 2014-2017 / Executive Summary executive summary Il Rapporto Export di quest anno si compone di due sezioni. Nella prima si analizzano le evoluzioni nella struttura dell export italiano tra il 2007 e il 2012, per valutare l impatto

Dettagli

Un Quadro Contrastato

Un Quadro Contrastato Il 2010 ha Dipinto Un Quadro Contrastato 3 Gennaio, 2011 Anche se Venerdì 31 l attività di trading si è conclusa con una nota positiva, con la fiducia degli investitori costantemente in crescita, il 2010

Dettagli

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 12 maggio 2016 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Dopo la revisione al ribasso apportata alle stime

Dettagli

L investimento immobiliare all estero: strategie per una diversificazione geografica

L investimento immobiliare all estero: strategie per una diversificazione geografica 32 L investimento immobiliare all estero: strategie per una diversificazione geografica An international diversification strategy for Italian real estate investors Maurizio Grilli, Simone Roberti, Bnp

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Euro/dollaro Le dinamiche divergenti delle politiche monetarie di FED e BCE hanno portato nei primi

Dettagli

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010, Forbes

Dettagli

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 4 settembre 2015 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico A cura del CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale) n. 18 - Ottobre 2010 ABSTRACT - L economia messicana era in difficoltà già prima della

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 22 maggio 2014 Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 Un modello economico basato su bassi costi, massicci afflussi di capitali ma anche politiche monetarie molto espansive messe in

Dettagli

View. Fideuram Investimenti. 12 ottobre 2015

View. Fideuram Investimenti. 12 ottobre 2015 12 ottobre 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Confermiamo di non aver apportato revisioni significative

Dettagli

2006 2007) 500 - -. L

2006 2007) 500 - -. L COMUNICATO STAMPA I Rapporto sul Mercato Immobiliare 27 Tempi più lunghi per vendere o affittare ma i prezzi tengono. I prezzi crescono meno velocemente che in passato: nelle città di medie dimensioni,

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente Cosa ci dobbiamo aspettare dai mercati obbligazionari nel 2015? Intervista a Paul Read (Co-Head di Invesco Fixed Interest Henley Gestore di Invesco Euro Corporate Bond, Invesco Pan European High Income

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto 29 Settembre 2015 Fonditalia Core MERCATO Azionario Da metà aprile gli indici azionari hanno corretto al ribasso dopo il rialzo di inizio anno (prima a causa dell acuirsi della crisi greca, poi per via

Dettagli

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5 maggio 2015 Mantenere la rotta in mezzo alla volatilità Nonostante il paracadute della Bce nelle ultime settimane sui mercati è tornato il nervosismo. A medio termine lo scenario resta favorevole alle

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Tenuta del consumo di prodotti per la cura del corpo e per il benessere personale. Anche nel periodo a cavallo tra il 2009 e i primi

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA EUROPEAN OUTLOOK 2014 Motori accesi, manca lo "start" SETTEMBRE 2013 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna parte

Dettagli

Azioni: la nuova opzione sicura

Azioni: la nuova opzione sicura 6 Azioni Update II/2014 Azioni: la nuova opzione sicura In un orizzonte d investimento di lungo periodo le azioni sono più sicure rispetto alle obbligazioni governative con rating elevati. Tutto dipende

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Marzo 2015 Rischio? Quale rischio? Le prime settimane dell anno nuovo sono state caratterizzate dai temi

Dettagli