Formare all e-learning: contenuto, metodologia e valutazione nelle relazioni didattiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Formare all e-learning: contenuto, metodologia e valutazione nelle relazioni didattiche"

Transcript

1 Formare all e-learning: contenuto, metodologia e valutazione nelle relazioni didattiche Milena Casagranda 1, Andrea Molinari 2, Sara Tomasini 3 1 Università degli Studi di Trento Laboratorio di Maieutiche Via Inama, 5 (Trento 38100) 2 Università degli Studi di Trento Dipartimento di Informatica e Studi Aziendali Via Inama, 5 (Trento 38100) 3 Università degli Studi di Trento Laboratorio di Maieutiche Via Inama, 5 (Trento 38100) In questo articolo presentiamo i risultati di un progetto nell ambito della formazione professionale per la Pubblica Amministrazione, mettendo in evidenza l approccio metodologico basato su un modello formativo blended. Particolare attenzione è dedicata a cogliere degli elementi di riprogettazione per future azioni formative in questo contesto, fondate sull intreccio di momenti d aula e FAD nelle dimensioni di contenuto, metodologia e valutazione. L obiettivo è quello di identificare un modello di apprendimento connesso anche all utilizzo degli strumenti tecnologici e strutturato nelle dinamiche di accompagnamento da parte di docenti e tutor. 1. Introduzione Esperto E-learning per lo sviluppo dell e-procurement del Trentino è un progetto formativo per la Pubblica Amministrazione, riconosciuto dal CNIPA (Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione) nell ambito della realizzazione di progetti finalizzati alla promozione dell utilizzo delle metodologie e delle tecnologie di e-learning per la formazione di dipendenti pubblici (Contratto Provincia Autonoma di Trento e Università di Trento n /335). Ha previsto l erogazione di 5 percorsi formativi sulla tematica dell e-procurement a circa 100 dipendenti della Pubblica Amministrazione trentina, e si è concluso a dicembre L approccio metodologico sperimentato è di tipo blended, basato sulla costruzione di un modello che prevede la copresenza di momenti d aula con sessioni in FAD progettate per essere collegate l una all altra, non solo dalla dimensione del contenuto ma anche dal punto di vista delle metodologie didattiche e della valutazione. Gli obiettivi del modello formativo adottato sono i seguenti: A. Andronico, L. Colazzo (Eds.): DIDAMATICA 2009 ISBN

2 DIDAMATICA 2008 utilizzo di tecnologie di e-learning non come meri supporti tecnologici, ma come elementi consistenti e portanti di un modello di apprendimento in cui il singolo soggetto trasforma la conoscenza codificata reperibile on-line in conoscenza contestualizzata nel proprio ambiente lavorativo; concentrazione non solo sugli aspetti corsuali o sui sistemi di verifica e di controllo dell apprendimento, ma sulla sperimentazione metodologica con l obiettivo di realizzare un apprendimento continuativo nel tempo; progettazione dei processi valutativi in cui la responsabilità dei risultati dell apprendimento è distribuita in modo uguale tra il docente e coloro che apprendono, e in cui i soggetti formati sono membri attivi e partecipi delle pratiche valutative. Il focus progettuale è la sperimentazione di un modello formativo in un ottica di lifelong learning fondato sui seguenti elementi: coinvolgimento attivo dei partecipanti in tutte le fasi del processo formativo: nella fase di ascolto, attraverso l analisi del fabbisogno formativo; durante l attività corsuale, stimolandoli a mettere costantemente in campo le proprie esperienze professionali, auto valutando le proprie conoscenze e competenze, utilizzando la valutazione come feedback del docente su cui trovare aree di miglioramento, e infine in un azione di follow-up raccogliendo elementi di valutazione sull efficacia dell intervento; sperimentazione di un approccio fondato sull apprendimento collaborativo accanto a quello individuale attraverso attività di gruppo svolte sia in aula sia in FAD. Il lavoro di gruppo utilizzato durante le esercitazioni e le simulazioni permette di confrontarsi su possibilità di sviluppo di nuove pratiche professionali, ma anche di cercare aree di condivisione che possono trovare collocazione anche al di fuori dell aula, in prassi di confronto e di scambio tra ruoli professionali e tra organizzazioni diverse [Casagranda e Tomasini 2008]. impiego della formazione a distanza secondo un approccio blended che ha previsto l erogazione dei corsi per un 70% in aula e per un 30% in FAD attraverso l utilizzo della video-conferenza e la messa a disposizione di una piattaforma di e-learning. Come vedremo anche in seguito la scelta della ripartizione fra aula e FAD è delicata, non sempre facilmente standardizzabile, in quanto deve tener conto sia delle esperienze e delle abitudini dei partecipanti sia di quelle dei docenti che devono rivedere le loro metodologie di insegnamento e costruire una relazione didattica rinnovata ; 2

3 Formare all e-learning: contenuto, metodologia e valutazione nelle relazioni didattiche impiego di un modello di valutazione in tutte le fasi di sviluppo del progetto (pre, inizio, itinere, fine e nel post a distanza di alcuni mesi dalla conclusione-) [Trinchero 2006] [Casagranda e Tomasini 2008]. La formazione a distanza si è concretizzata principalmente attraverso la video-conferenza, mediante la creazione di stazioni dislocate in alcuni punti nodali sul territorio trentino, chiamati centri di raccolta. Ciò ha permesso la possibilità di dividere l aula in sottogruppi, in modo da evitare gli spostamenti sul territorio e supportare ulteriormente la creazione di comunità di apprendimento (accentuate anche dalla possibilità di un confronto diretto), unita alla sperimentazione di nuove tecnologie, con l opportunità di integrare le diverse conoscenze e mitigare attraverso l ausilio di uno strumento che permette il contatto visivo continuativo- alcune resistenze di chi non ha mai utilizzato queste tecnologie. Inoltre, la scelta di effettuare la video-conferenza in gruppi ha risposto anche all esigenza di staccarsi dalla sede lavorativa e di dedicarsi completamente all attività formativa, diversamente da quanto accade in ambienti di formazione a distanza usufruibili dalla propria postazione di lavoro (video-conferenza punto a punto), dove spesso non è facile ritagliare del tempo specifico ed essere immuni da disturbi [Casagranda e Tomasini 2008]. Accanto alla video-conferenza abbiamo utilizzato a supporto della didattica una piattaforma tecnologica chiamata Comunità On Line che rappresenta un estensione del sistema di e-learning della facoltà di Economia dell Università di Trento. Comunità On Line è un applicazione web dinamica basata sulla metafora delle comunità virtuali d apprendimento in un approccio blended, che garantisce l organizzazione cooperativa del lavoro in gruppi di utenti chiamati Comunità [Colazzo e Molinari 2007]. La piattaforma supporta diversi servizi collaborativi, rivolti agli utenti registrati al sistema. In particolare: servizi di e- Learning tradizionali asincroni (upload e download di materiale didattico, forum, bacheca, diario lezioni, raccolta link, etc.) e sincroni (chat, streaming audio/video). Questi servizi fanno parte della tradizione dei sistemi di e- Learning basati su Learning Management Systems (LMS), ma nel nostro caso vengono coniugati ad una logica di comunità virtuali, con maggiore valore basato sulla collaborazione tra i soggetti appartenenti alle comunità. Vi sono inoltre servizi per la fruizione di lezioni in modalità offline, ovvero lezioni videoregistrate, digitalizzate e messe a disposizione di comunità, attraverso un servizio di video-cast che sincronizza il filmato con le slide utilizzate. Il materiale didattico infine, e tutti i learning objects (LO) presenti nella comunità, sono creati adottando lo standard SCORM. Nel nostro modello, FAD e aula non sono collegate solo dal punto di vista dei contenuti e delle metodologie utilizzate ma anche dal punto di vista della valutazione. In Esperto ad esempio alcuni momenti di valutazione degli apprendimenti sono stati effettuati sia in aula che in FAD attraverso la 3

4 DIDAMATICA 2008 restituzione e l elaborazione di attività svolte dai partecipanti come ad esempio analisi di casi, esercitazioni, simulazioni e test individuali. 2. Risultati del progetto Esperto Come premesso, lo strumento a distanza prevalentemente utilizzato nell ambito del progetto è stata la video-conferenza (VC) a gruppi, impiegata sia durante le lezioni frontali sia durante docenze che prevedevano modalità interattive come: lavori in sottogruppo, analisi di caso e simulazioni. La videoconferenza è inoltre stata utilizzata massicciamente anche grazie alle condizioni infrastrutturali particolarmente favorevoli in Trentino: ad ogni stazione di VC era garantita una larghezza di banda minima di 2 Mbits, con videocamere e impianti di registrazione e riproduzione di eccellente qualità. In tutte le sessioni di video-conferenza abbiamo riscontrato un buon livello di interazione che è stato particolarmente elevato durante i lavori in sottogruppo dove i corsisti, suddivisi per centri di raccolta, hanno avuto la possibilità di lavorare inizialmente in modo autonomo e di confrontarsi poi con gli altri corsisti, a distanza, coordinati dal docente e dal tutor. Tale metodologia è stata riconosciuta come efficace da quasi tutti i partecipanti, soprattutto da quelli che si trovavano presso i centri di raccolta dislocati sul territorio. In particolare quasi tutti i corsisti l hanno considerata una valida alternativa alla formazione in presenza in cui sperimentare una diversa interazione con il docente. Non da tutti invece è stato riconosciuto il valore della video-conferenza come occasione per confrontarsi a distanza con gli altri partecipanti, questo perché l utilizzo della video-conferenza in sessioni interattive può risultare più complicato rispetto all aula se non si adottano alcuni accorgimenti. Ciò non toglie, comunque, che quasi tutti abbiano individuato le potenzialità dello strumento in occasioni formative più interattive, in quanto tutti i corsisti -sia quelli in aula sia quelli nei centri di raccolta- sono riusciti a partecipare attivamente alla lezione interattiva anche se con un po di più impegno e difficoltà rispetto a una lezione svolta solo in aula. Uno degli elementi fondamentali emerso dalle analisi sul campo e dai feedback dei docenti stessi impegnati nelle lezioni e che va considerato in future riprogettazioni, è la necessità di tenere in debita considerazione la poca dimestichezza da parte del docente nell affrontare una lezione interattiva in video-conferenza. Questa problematica è stata affrontata in itinere stimolando il docente a ripensare alcuni passaggi della propria modalità didattica, considerando con più attenzione l importanza di un tempo dedicato a darsi regole di comunicazione con i partecipanti e dando meno per scontato che la fruibilità del materiale prodotto in aula sia trasmissibile con uguale efficacia anche a chi si trova in remoto (ma di questo tratteremo anche nel paragrafo conclusivo). 4

5 Formare all e-learning: contenuto, metodologia e valutazione nelle relazioni didattiche 2.1 Piattaforma di e-learning Tra i molti servizi presenti nella piattaforma collaborativa a disposizione del progetto, quelli principalmente utilizzati dai corsisti sono: la bacheca degli avvisi, il download del materiale, il diario delle lezioni e il servizio di video-cast. Meno utilizzati servizi classici come il forum: le ragioni che abbiamo identificato, oltre una resistenza iniziale dovuta alla poca o nulla esperienza di utilizzo dello strumento, sono le seguenti: da parte dei corsisti l aver privilegiato la video-conferenza come modalità di formazione a distanza che, se da una parte ha stimolato la modalità collaborativa (anche perché rafforzata dal contatto visivo), dall altra non ha contribuito a rafforzare la ricerca di vie diverse di comunicazione da quelle solitamente sperimentate in altre attività formative; lo scarso utilizzo da parte dei docenti dei servizi offerti dalla piattaforma di e-learning per supportare il post-lezione (forum principalmente) derivante da un lato dal fatto che la maggior parte dei docenti non è abituata a utilizzarli, dall altro dal fatto che i docenti stessi non avevano previsto ore di interazione e completamento delle attività didattiche da svolgersi in autoformazione attraverso questi strumenti FAD. Chi ha utilizzato la piattaforma ha evidenziato complessivamente la sua efficacia in termini di semplicità e intuitività e ne ha riconosciuto la valenza come strumento per supportare l attività formativa ed eventuali attività di approfondimento. Da sottolineare infatti che alcuni partecipanti delle prime edizioni si sono attivati nelle loro richieste al tutor e ai docenti per poter fare un lavoro di autoformazione su alcuni contenuti ritenuti di maggior interesse. Sulla base di queste richieste è stata inserita una raccolta link utilizzando l apposito servizio, raccolta messa poi a disposizione anche dei partecipanti delle edizioni successive. Durante la fase di monitoraggio ex-post è stata indagata la possibilità di utilizzare la piattaforma come strumento di lavoro dopo la fine del percorso. Sebbene quasi tutti gli interpellati abbiamo dichiarato di non aver utilizzato lo strumento dopo la conclusione del percorso, molti ne hanno riconosciuto le potenzialità; in particolare il servizio dei video cast è considerato utile per la formazione di colleghi e responsabili che non hanno partecipato ai corsi, oppure per avere a disposizione una base di conoscenza che può risultare utile per riprendere alcuni aspetti di conoscenza o di metodo trattati nel percorso. Abbiamo rilevato una complessiva curiosità verso un utilizzo più collaborativo dello strumento, come luogo di scambio di esperienze e buone pratiche fra i soggetti partecipanti, ma senza un sostegno costante durante e dopo la conclusione del percorso formativo [Trentin 2004b], abbiamo ragione di ritenere che sia difficile si inneschi un utilizzo spontaneo e autonomo della piattaforma, 5

6 DIDAMATICA 2008 e soprattutto costante e duraturo, come del resto è noto in bibliografia specialmente per quanto riguarda i forum. Per tale ragione nel prossimo paragrafo presenteremo le basi che stiamo considerando per la progettazione di altri percorsi blended sempre rivolti alla Pubblica Amministrazione, tenendo conto delle osservazioni emerse in Esperto, e soprattutto delle considerazioni dei partecipanti nelle fasi successive alla conclusione dell attività corsuale (vale a dire nei 4 mesi successivi al termine del percorso formativo). 3. Evoluzioni del modello formativo Un indicazione fondamentale di miglioramento per future attività è il rafforzamento tra il collegamento di momenti d aula e momenti in FAD in tutte e tre le dimensioni: contenuto, metodologia e valutazione. L ipotesi emergente è quella di sfruttare fin dalle fasi iniziali dell attività formativa tutte le potenzialità offerte dagli strumenti tecnologici come la video-conferenza e la piattaforma di e-learning, creando un modello di accompagnamento al loro utilizzo visibile e strutturato, da parte dei docenti e del tutor. In questo modo si incentiva la costituzione di comunità di apprendimento che sia di supporto alla creazione di reti che possano sostenersi anche dopo la conclusione del percorso formativo. In Esperto questo obiettivo è stato raggiunto in parte, attraverso la creazione di una comunità di apprendimento durante l attività formativa svolta in aula e a distanza, non è non si è realizzato il consolidamento di questa comunità dopo la conclusione dell attività formativa. Di seguito quindi proponiamo una modellizzazione delle fasi di creazione di una comunità di apprendimento, provando a personalizzare il lavoro di Gongola e Rizzato [Gongola e Rizzato 2001] semplificato e adattato alle nostre esigenze. Da un lato proponiamo cosa è accaduto in Esperto e dall altro quali elementi di riprogettazione, anche secondo il parere dei partecipanti al percorso stesso, si potrebbero apportare per raggiungere un obiettivo più costante, duraturo, anche dopo la fine del percorso, nell utilizzo degli strumenti e nella consultazione/costruzione delle informazioni presenti sulla piattaforma di e-learning. La fase iniziale del percorso (Fase di Initial) è fondamentale per porre le basi per la nascita della comunità virtuale, creare le condizioni perché la comunità in potenza possa trasformarsi in comunità in atto. Per questo motivo è necessario sostenere la creazione di un identità di gruppo e creare le basi per la costituzione della rete di interconnessioni tra i membri. Tale passaggio transita attraverso la possibilità di creare momenti di conoscenza reciproca sia in aula sia in FAD e stimola i partecipanti a trovare interconnessioni e interessi in comune con gli altri partecipanti al percorso formativo. In Esperto questa fase è stata curata attraverso un momento di presentazione reciproca in aula basato sul ruolo, sulle esperienze formative pregresse in termini di e-procurement e FAD, sulle aspettative nei confronti del 6

7 Formare all e-learning: contenuto, metodologia e valutazione nelle relazioni didattiche percorso e sulle pratiche professionali. La piattaforma di collaboration è stata presentata nelle sue potenzialità in un momento formativo specifico, ma questi due momenti non sono stati interconnessi con attività dedicate. Nella gestione delle prossime progettazioni è preferibile curare più approfonditamente la presentazione reciproca in termini di attività attualmente svolte e aspettative future di utilizzo delle conoscenze oggetto del percorso formativo. Inoltre, questa attività sarà supportata dalla costruzione di un proprio profilo professionale da inserire in Piattaforma fin dal primo giorno e da tenere aggiornato man mano che si procede con l attività di approfondimento delle prassi di acquisto (il tutor si ricaverà dei momenti per supportare tale attività). In questa fase diviene cruciale quindi: l approfondimento della conoscenza reciproca, che dovrebbe essere curata in particolare fin dalla prima docenza e proseguire nelle sessioni successive attraverso approfondimenti mirati, in modo poi da creare on-line un proprio profilo professionale. lo stimolo costante del tutor nella progettazione di un proprio profilo (che quindi dovrà studiare e progettare un possibile standard di riferimento) e il supporto del docente per riportare pratiche in uso, a partire da discussioni, confronti e approfondimenti fatti in aula; l utilizzo nella comunicazione con tutor, docenti e altri partecipanti di forum fin dalle prime battute del percorso e in (quasi) tutti i moduli didattici. La conoscenza reciproca e l identificazione nell altro sono le chiavi di lettura della nascita della comunità (Fase della nascita). Si passa dal chi sei al chi siamo e tale dinamica è costantemente rafforzata dall intreccio di attività in aula, in FAD, in gruppo vis a vis e in autonomia con successiva messa in comune delle attività, delle informazioni, delle domande e anche dei dubbi. L obiettivo è quello di dare senso all appartenenza a una comunità. In Esperto questa fase è avvenuta soprattutto attraverso la messa in comune di esperienze fra i partecipanti durante le esercitazioni e i lavori in sottogruppo effettuati in aula e durante le sessioni in video-conferenza. E stato poco incentivato l utilizzo di strumenti collaborativi disponibili in piattaforma. In un ottica futura strumenti come forum, chat, wiki etc. saranno introdotti gradualmente, dopo un attenta progettazione delle attività collaborative al fine di favorire la costruzione della comunità. In questa fase appare cruciale dunque: la trasposizione di dinamiche collaborative anche con strumenti FAD a partire dall inizio del percorso e per tutti i moduli proposti; la costruzione di un repository, dapprima con la facilitazione del tutor e dei docenti, e successivamente sempre più in autonomia. L attività prevede un momento di progettazione e costruzione attiva dei partecipanti. La gestione delle conoscenze all interno della comunità dovrebbe portare all apprendimento reciproco tra i partecipanti (Fase del consolidamento). Si passa quindi dalla domanda chi siamo alla domanda 7

8 DIDAMATICA 2008 cosa costruiamo assieme. Queste dinamiche di apprendimento si sono solo in parte sviluppate nel percorso Esperto, che a detta dei partecipanti è stato sicuramente utile per ampliare le conoscenze nel confronto con il docente, ha permesso di confrontarsi con alcune pratiche in uso degli altri corsisti, ma ne ha lasciato l eventuale approfondimento fuori dal contesto aula, senza per altro guidarlo o supportarlo con una forte strutturazione condivisa e costruita tra tutti i docenti e il tutor. Questo ci induce a pensare a una futura progettazione più densa di momenti di confronto tra i partecipanti e fortemente basata su analisi di casi e autocasi via via proposti dai corsisti stessi, senza lasciare questo momento a un fase necessariamente più avanzata, o magari in fase di postcorso. Riteniamo che tali attività possano generare un passaggio importante tra la percezione di appartenere a una comunità di pratica anziché meramente a una comunità di apprendimento legata al contesto corso. In questa fase diviene fondamentale: la responsabilizzazione dei partecipanti nel produrre conoscenza e nel generare feedback per gli altri appartenenti alla comunità. Perciò basilare è l individuazione di momenti dedicati alla riflessione sul senso e sul valore della messa in comune di esperienze; l implementazione di un repository diventa il bagaglio riconoscibile da cui attingere possibilità di apprendimento e contemporaneamente generarle. Mantenere attive le possibilità di confronto implica progettare fin dalla partenza dell attività formativa: attività di follow up in aula o in video-conferenza dopo la conclusione dei moduli per stimolare il confronto continuo e per incentivare la ricerca di pratiche da condividere, successivamente anche in piattaforma; la presenza di un tutor esperto di contenuti che incentivi il confronto e rimanga per un periodo di alcuni mesi dopo il termine del percorso formativo- come supporto per la facilitazione di processi di collaborazione. 4. Conclusioni È evidente che attraverso l excursus proposto con le fasi sopra riportate, il ruolo del docente e del tutor continuano a essere cruciali, anche se le loro funzioni vanno a modificarsi, così come evidentemente quello del partecipante stesso. Il docente che fa uso dell ICT a supporto della propria didattica ha quindi la necessità di comprendere fino in fondo ciò che sta dietro l e-learning e il cambio di paradigma che questo sottende. L aspetto è particolarmente critico, in quanto il docente dovrebbe rimuovere la confusione che l utilizzo dell e-learning sia riconducibile al riproporre sulla rete gli stessi materiali didattici utilizzati nelle attività in aula, senza tener conto delle caratteristiche del mezzo scelto per buona parte del percorso formativo e comunque nel suo collegamento in sinergia con tutta la proposta di 8

9 Formare all e-learning: contenuto, metodologia e valutazione nelle relazioni didattiche apprendimento. Dunque, nella valutazione dei risultati di Esperto ci siamo interrogati su quali conoscenze e competenze richiediamo a docente e tutor per poter gestire efficacemente un percorso blended in un ottica di life long learning, Inoltre ci stiamo attrezzando per supportare attraverso attività di affiancamento e formazione tali competenze. Prima di tutto l individuazione dei docenti per i prossimi percorsi formativi che realizzeremo si basa su tre premesse fondamentali: 1. togliersi da un interpretazione meramente centrata sulla conoscenza disciplinare e disporsi in una dimensione di accompagnamento e facilitazione in tutte le fasi di vita del percorso; 2. avere il desiderio di innovare il proprio modo di fare didattica e la disponibilità a sperimentarsi; 3. essere disposti a considerare la tecnologia un mezzo per stimolare e amplificare il processo di apprendimento. La formazione e l assistenza che, preparandoci a future attività formative, stiamo portando avanti con i docenti, tendono a realizzare le seguenti azioni: partecipazione del docente alle fasi progettuali del percorso online, non solo erogative: la traduzione della propria expertise in qualcosa di fruibile in e-learning richiede, dal nostro punto di vista, una forte attenzione alla progettazione -è il momento in cui si riflette rispetto a quanto l e-learning porta valore aggiunto al percorso- dove si combina e si collega l e-learning ad altre parti del processo formativo, si mettono in relazione i diversi media, si struttura il processo di valutazione. La fase erogativa permette di monitorare l efficacia delle ipotesi progettuali, e di avere più strumenti per auto valutare la propria efficacia didattica in un contesto corsuale; la concezione di un intervento flessibile nella didattica, non solo rispetto ai momenti e agli strumenti, ma capace alternativamente di rispondere quando interpellato e contemporaneamente essere proattivo e di stimolo, centrato non solo sul raggiungimento degli obiettivi dei diversi moduli, ma in grado di spingere il partecipante all attivazione, all approfondimento, all autoformazione, alla ricerca di spunti di trasferibilità e collegamento tra aula e lavoro. Da questo punto di vista la scelta di strumenti, la dimestichezza nel loro utilizzo (precedente alla gestione del corso, magari non solo in azioni dedicate di formazione ad hoc, ma anche come partecipante e fruitore di attività formative) sono elementi importanti, ma anche la progettazione di una didattica basata su esercizi applicativi, riflessivi, che richiedano ricerca di gruppo e individuale. interpretazione di una didattica attenta alla personalizzazione, spinta al sostegno dell autoformazione continua [Kearskey e Blomeyer 2004]; attenzione alla gestione delle dinamiche collaborative e a svolgere un ruolo di facilitatore nello scambio [Trentin 2004a]. 9

10 DIDAMATICA 2008 Il tutor integra le proprie competenze e il proprio ruolo con la docenza, facilitando il più possibile le metodiche scelte nell attività formativa, fornendo in particolare: assistenza metodologica nelle fasi progettuali ed erogative, assistenza tecnologica durante il percorso [Bruschi e Perissinotto 2003] e formazione ai docenti e ai partecipanti rispetto all utilizzo e alle potenzialità della piattaforma di e-learning. 5. Bibliografia [Casagranda e Tomasini 2008] Casagranda M., Tomasini S., "Esperto: sperimentazione di un modello blended nella Pubblica Amministrazione, In: Atti del V Congresso Annuale della Società Italiana di e-learning, Trento, 2008 [Colazzo e Molinari 2007] Colazzo L., Molinari A. (2007), Corsi on line vs. comunità on line: l'evoluzione di un esperimento di didattica universitaria. In: Atti Didamatica 2007: informatica per la didattica, vol. 2, a cura di Andronico A., Casadei G., Cesena:AICA, p Atti del convegno: "Didamatica 2007", Cesena, maggio 2007 [Bruschi e Perissinotto 2003] Bruschi B.; Perissinotto A., Come creare corsi on line, Carocci, 2003 [Gongla e Rizzato 2001] Gongla P., Rizzato C. R., Evolving Community of practice: IBM Global Services experience, IBM System Journal, [Kearsley e Blomeyer 2004] Kearsley G, Blomeyer R., Preparing teachers to teach online, Educational Technology, vol. 44, n.1, 2004 [Trentin 2004a] Trentin G., Il tutor in rete, FOR-Rivista per la formazione, Franco Angeli, n.58, 2004 [Trentin 2004b] Trentin G., Apprendimento in rete e condivisione delle conoscenze: ruolo, dinamiche e tecnologie delle comunità professionali online, Franco Angeli, Milano, 2004 [Trentin 2008] Trentin G., La sostenibilità didattico-formativa dell e-learning. Social networking e apprendimento attivo, Franco Angeli, [Trinchero 2006] Trinchero R., Valutare l apprendimento nell e-learning, Erickson, Trento,

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

PIATTAFORMA E-LEARNING SCORM 2004

PIATTAFORMA E-LEARNING SCORM 2004 Piattaforma e-learning certificata SCORM 2004 A te la scelta... DynDevice LCMS fa parte della Suite di Applicazioni Web DynDevice ECM, un prodotto Mega Italia Media. PIATTAFORMA E-LEARNING SCORM 2004 Basata

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

8. Le scelte che determinano impatti sui costi

8. Le scelte che determinano impatti sui costi 8. Le scelte che determinano impatti sui costi 8.1 INTRODUZIONE Per valutare e controllare i costi di una soluzione e-learning è necessario conoscere in maniera approfondita i fattori da cui dipendono

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

Dall istruzione programmata all e-learning

Dall istruzione programmata all e-learning Dall istruzione programmata all e-learning L ausilio delle tecnologie informatiche e dell intelligenza artificiale per l insegnamento degli allievi è un binomio che ha visto un progressivo sviluppo di

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

DIDATTICA ATTIVA SU MOODLE: PROSPETTIVE PER IL FREQUENTANTE ONLINE

DIDATTICA ATTIVA SU MOODLE: PROSPETTIVE PER IL FREQUENTANTE ONLINE DIDATTICA ATTIVA SU MOODLE: PROSPETTIVE PER IL FREQUENTANTE ONLINE Alessio Ceccherelli 1, Andrea Volterrani 2 1 Scuola Istruzione a Distanza, Università di Roma Tor Vergata ceccherelli@scuolaiad.it 2 Dipartimento

Dettagli

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master 2009 Executive Master PMI e Competitività Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master Universitario di primo livello, III edizione Marzo 2009

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0

ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0 Congresso Nazionale SIREM Milano, 5-6 giugno 2012 ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0 Valentina Pennazio, Andrea Traverso, Davide Parmigiani Università

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo)

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Si intende per progetto l insieme di un numero, generalmente elevato, di attività che, pur connotate da diverse natura e da specifiche finalità, concorrono

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

Il Progetto Orient@mente

Il Progetto Orient@mente Il Progetto Orient@mente Presentazione, 25 marzo 2015 Marina Marchisio Dipartimento di Matematica G. Peano Orient@mente Progetto di UNITO che ha come scopo la realizzazione di un orientamento in ingresso

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

DETERMINA DELLA CNFC 23 LUGLIO 2014-10 OTTOBRE 2014 IN MATERIA DI CREDITI FORMATIVI ECM. Art. 1 (Obbligo formativo triennio 2014-2016)

DETERMINA DELLA CNFC 23 LUGLIO 2014-10 OTTOBRE 2014 IN MATERIA DI CREDITI FORMATIVI ECM. Art. 1 (Obbligo formativo triennio 2014-2016) DETERMINA DELLA CNFC 23 LUGLIO 2014-10 OTTOBRE 2014 IN MATERIA DI CREDITI FORMATIVI ECM Art. 1 (Obbligo formativo triennio 2014-2016) 1. L obbligo formativo standard per il triennio 2014-2016 è pari a

Dettagli

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE Arianna Danelon 1 1 Università degli Studi di Torino, Scuola di Dottorato in Scienze del Linguaggio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Provincia di Viterbo

Provincia di Viterbo E-FORM Formazione per Formatori in ambiente e-learning Talent School Provincia di Grosseto Provincia Di Viterbo Domenico Capano Stage: 13-02-2006 17-03-2006 Domenico Capano Provincia di Viterbo Assessorato

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

Servizi e soluzioni per Elearning e Knowledge Management. http://www.elearnit.net http://elearnit.wordpress.com

Servizi e soluzioni per Elearning e Knowledge Management. http://www.elearnit.net http://elearnit.wordpress.com Servizi e soluzioni per Elearning e Knowledge Management http://www.elearnit.net http://elearnit.wordpress.com E-learning Ridurre i costi Più efficienza Tracciare i risultati La formazione web-based può

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

DALLA FORMAZIONE DEI DOCENTI ALL INNOVAZIONE DI SISTEMA

DALLA FORMAZIONE DEI DOCENTI ALL INNOVAZIONE DI SISTEMA ED Educare Digitale DALLA FORMAZIONE DEI DOCENTI ALL INNOVAZIONE DI SISTEMA p. 1 Testimonianze ore 15:20 15:30 Corso Pia7aforma Dida;ca (Learning Management System) M A in Direzione aziendale e Ges;one

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli