Formare all e-learning: contenuto, metodologia e valutazione nelle relazioni didattiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Formare all e-learning: contenuto, metodologia e valutazione nelle relazioni didattiche"

Transcript

1 Formare all e-learning: contenuto, metodologia e valutazione nelle relazioni didattiche Milena Casagranda 1, Andrea Molinari 2, Sara Tomasini 3 1 Università degli Studi di Trento Laboratorio di Maieutiche Via Inama, 5 (Trento 38100) 2 Università degli Studi di Trento Dipartimento di Informatica e Studi Aziendali Via Inama, 5 (Trento 38100) 3 Università degli Studi di Trento Laboratorio di Maieutiche Via Inama, 5 (Trento 38100) In questo articolo presentiamo i risultati di un progetto nell ambito della formazione professionale per la Pubblica Amministrazione, mettendo in evidenza l approccio metodologico basato su un modello formativo blended. Particolare attenzione è dedicata a cogliere degli elementi di riprogettazione per future azioni formative in questo contesto, fondate sull intreccio di momenti d aula e FAD nelle dimensioni di contenuto, metodologia e valutazione. L obiettivo è quello di identificare un modello di apprendimento connesso anche all utilizzo degli strumenti tecnologici e strutturato nelle dinamiche di accompagnamento da parte di docenti e tutor. 1. Introduzione Esperto E-learning per lo sviluppo dell e-procurement del Trentino è un progetto formativo per la Pubblica Amministrazione, riconosciuto dal CNIPA (Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione) nell ambito della realizzazione di progetti finalizzati alla promozione dell utilizzo delle metodologie e delle tecnologie di e-learning per la formazione di dipendenti pubblici (Contratto Provincia Autonoma di Trento e Università di Trento n /335). Ha previsto l erogazione di 5 percorsi formativi sulla tematica dell e-procurement a circa 100 dipendenti della Pubblica Amministrazione trentina, e si è concluso a dicembre L approccio metodologico sperimentato è di tipo blended, basato sulla costruzione di un modello che prevede la copresenza di momenti d aula con sessioni in FAD progettate per essere collegate l una all altra, non solo dalla dimensione del contenuto ma anche dal punto di vista delle metodologie didattiche e della valutazione. Gli obiettivi del modello formativo adottato sono i seguenti: A. Andronico, L. Colazzo (Eds.): DIDAMATICA 2009 ISBN

2 DIDAMATICA 2008 utilizzo di tecnologie di e-learning non come meri supporti tecnologici, ma come elementi consistenti e portanti di un modello di apprendimento in cui il singolo soggetto trasforma la conoscenza codificata reperibile on-line in conoscenza contestualizzata nel proprio ambiente lavorativo; concentrazione non solo sugli aspetti corsuali o sui sistemi di verifica e di controllo dell apprendimento, ma sulla sperimentazione metodologica con l obiettivo di realizzare un apprendimento continuativo nel tempo; progettazione dei processi valutativi in cui la responsabilità dei risultati dell apprendimento è distribuita in modo uguale tra il docente e coloro che apprendono, e in cui i soggetti formati sono membri attivi e partecipi delle pratiche valutative. Il focus progettuale è la sperimentazione di un modello formativo in un ottica di lifelong learning fondato sui seguenti elementi: coinvolgimento attivo dei partecipanti in tutte le fasi del processo formativo: nella fase di ascolto, attraverso l analisi del fabbisogno formativo; durante l attività corsuale, stimolandoli a mettere costantemente in campo le proprie esperienze professionali, auto valutando le proprie conoscenze e competenze, utilizzando la valutazione come feedback del docente su cui trovare aree di miglioramento, e infine in un azione di follow-up raccogliendo elementi di valutazione sull efficacia dell intervento; sperimentazione di un approccio fondato sull apprendimento collaborativo accanto a quello individuale attraverso attività di gruppo svolte sia in aula sia in FAD. Il lavoro di gruppo utilizzato durante le esercitazioni e le simulazioni permette di confrontarsi su possibilità di sviluppo di nuove pratiche professionali, ma anche di cercare aree di condivisione che possono trovare collocazione anche al di fuori dell aula, in prassi di confronto e di scambio tra ruoli professionali e tra organizzazioni diverse [Casagranda e Tomasini 2008]. impiego della formazione a distanza secondo un approccio blended che ha previsto l erogazione dei corsi per un 70% in aula e per un 30% in FAD attraverso l utilizzo della video-conferenza e la messa a disposizione di una piattaforma di e-learning. Come vedremo anche in seguito la scelta della ripartizione fra aula e FAD è delicata, non sempre facilmente standardizzabile, in quanto deve tener conto sia delle esperienze e delle abitudini dei partecipanti sia di quelle dei docenti che devono rivedere le loro metodologie di insegnamento e costruire una relazione didattica rinnovata ; 2

3 Formare all e-learning: contenuto, metodologia e valutazione nelle relazioni didattiche impiego di un modello di valutazione in tutte le fasi di sviluppo del progetto (pre, inizio, itinere, fine e nel post a distanza di alcuni mesi dalla conclusione-) [Trinchero 2006] [Casagranda e Tomasini 2008]. La formazione a distanza si è concretizzata principalmente attraverso la video-conferenza, mediante la creazione di stazioni dislocate in alcuni punti nodali sul territorio trentino, chiamati centri di raccolta. Ciò ha permesso la possibilità di dividere l aula in sottogruppi, in modo da evitare gli spostamenti sul territorio e supportare ulteriormente la creazione di comunità di apprendimento (accentuate anche dalla possibilità di un confronto diretto), unita alla sperimentazione di nuove tecnologie, con l opportunità di integrare le diverse conoscenze e mitigare attraverso l ausilio di uno strumento che permette il contatto visivo continuativo- alcune resistenze di chi non ha mai utilizzato queste tecnologie. Inoltre, la scelta di effettuare la video-conferenza in gruppi ha risposto anche all esigenza di staccarsi dalla sede lavorativa e di dedicarsi completamente all attività formativa, diversamente da quanto accade in ambienti di formazione a distanza usufruibili dalla propria postazione di lavoro (video-conferenza punto a punto), dove spesso non è facile ritagliare del tempo specifico ed essere immuni da disturbi [Casagranda e Tomasini 2008]. Accanto alla video-conferenza abbiamo utilizzato a supporto della didattica una piattaforma tecnologica chiamata Comunità On Line che rappresenta un estensione del sistema di e-learning della facoltà di Economia dell Università di Trento. Comunità On Line è un applicazione web dinamica basata sulla metafora delle comunità virtuali d apprendimento in un approccio blended, che garantisce l organizzazione cooperativa del lavoro in gruppi di utenti chiamati Comunità [Colazzo e Molinari 2007]. La piattaforma supporta diversi servizi collaborativi, rivolti agli utenti registrati al sistema. In particolare: servizi di e- Learning tradizionali asincroni (upload e download di materiale didattico, forum, bacheca, diario lezioni, raccolta link, etc.) e sincroni (chat, streaming audio/video). Questi servizi fanno parte della tradizione dei sistemi di e- Learning basati su Learning Management Systems (LMS), ma nel nostro caso vengono coniugati ad una logica di comunità virtuali, con maggiore valore basato sulla collaborazione tra i soggetti appartenenti alle comunità. Vi sono inoltre servizi per la fruizione di lezioni in modalità offline, ovvero lezioni videoregistrate, digitalizzate e messe a disposizione di comunità, attraverso un servizio di video-cast che sincronizza il filmato con le slide utilizzate. Il materiale didattico infine, e tutti i learning objects (LO) presenti nella comunità, sono creati adottando lo standard SCORM. Nel nostro modello, FAD e aula non sono collegate solo dal punto di vista dei contenuti e delle metodologie utilizzate ma anche dal punto di vista della valutazione. In Esperto ad esempio alcuni momenti di valutazione degli apprendimenti sono stati effettuati sia in aula che in FAD attraverso la 3

4 DIDAMATICA 2008 restituzione e l elaborazione di attività svolte dai partecipanti come ad esempio analisi di casi, esercitazioni, simulazioni e test individuali. 2. Risultati del progetto Esperto Come premesso, lo strumento a distanza prevalentemente utilizzato nell ambito del progetto è stata la video-conferenza (VC) a gruppi, impiegata sia durante le lezioni frontali sia durante docenze che prevedevano modalità interattive come: lavori in sottogruppo, analisi di caso e simulazioni. La videoconferenza è inoltre stata utilizzata massicciamente anche grazie alle condizioni infrastrutturali particolarmente favorevoli in Trentino: ad ogni stazione di VC era garantita una larghezza di banda minima di 2 Mbits, con videocamere e impianti di registrazione e riproduzione di eccellente qualità. In tutte le sessioni di video-conferenza abbiamo riscontrato un buon livello di interazione che è stato particolarmente elevato durante i lavori in sottogruppo dove i corsisti, suddivisi per centri di raccolta, hanno avuto la possibilità di lavorare inizialmente in modo autonomo e di confrontarsi poi con gli altri corsisti, a distanza, coordinati dal docente e dal tutor. Tale metodologia è stata riconosciuta come efficace da quasi tutti i partecipanti, soprattutto da quelli che si trovavano presso i centri di raccolta dislocati sul territorio. In particolare quasi tutti i corsisti l hanno considerata una valida alternativa alla formazione in presenza in cui sperimentare una diversa interazione con il docente. Non da tutti invece è stato riconosciuto il valore della video-conferenza come occasione per confrontarsi a distanza con gli altri partecipanti, questo perché l utilizzo della video-conferenza in sessioni interattive può risultare più complicato rispetto all aula se non si adottano alcuni accorgimenti. Ciò non toglie, comunque, che quasi tutti abbiano individuato le potenzialità dello strumento in occasioni formative più interattive, in quanto tutti i corsisti -sia quelli in aula sia quelli nei centri di raccolta- sono riusciti a partecipare attivamente alla lezione interattiva anche se con un po di più impegno e difficoltà rispetto a una lezione svolta solo in aula. Uno degli elementi fondamentali emerso dalle analisi sul campo e dai feedback dei docenti stessi impegnati nelle lezioni e che va considerato in future riprogettazioni, è la necessità di tenere in debita considerazione la poca dimestichezza da parte del docente nell affrontare una lezione interattiva in video-conferenza. Questa problematica è stata affrontata in itinere stimolando il docente a ripensare alcuni passaggi della propria modalità didattica, considerando con più attenzione l importanza di un tempo dedicato a darsi regole di comunicazione con i partecipanti e dando meno per scontato che la fruibilità del materiale prodotto in aula sia trasmissibile con uguale efficacia anche a chi si trova in remoto (ma di questo tratteremo anche nel paragrafo conclusivo). 4

5 Formare all e-learning: contenuto, metodologia e valutazione nelle relazioni didattiche 2.1 Piattaforma di e-learning Tra i molti servizi presenti nella piattaforma collaborativa a disposizione del progetto, quelli principalmente utilizzati dai corsisti sono: la bacheca degli avvisi, il download del materiale, il diario delle lezioni e il servizio di video-cast. Meno utilizzati servizi classici come il forum: le ragioni che abbiamo identificato, oltre una resistenza iniziale dovuta alla poca o nulla esperienza di utilizzo dello strumento, sono le seguenti: da parte dei corsisti l aver privilegiato la video-conferenza come modalità di formazione a distanza che, se da una parte ha stimolato la modalità collaborativa (anche perché rafforzata dal contatto visivo), dall altra non ha contribuito a rafforzare la ricerca di vie diverse di comunicazione da quelle solitamente sperimentate in altre attività formative; lo scarso utilizzo da parte dei docenti dei servizi offerti dalla piattaforma di e-learning per supportare il post-lezione (forum principalmente) derivante da un lato dal fatto che la maggior parte dei docenti non è abituata a utilizzarli, dall altro dal fatto che i docenti stessi non avevano previsto ore di interazione e completamento delle attività didattiche da svolgersi in autoformazione attraverso questi strumenti FAD. Chi ha utilizzato la piattaforma ha evidenziato complessivamente la sua efficacia in termini di semplicità e intuitività e ne ha riconosciuto la valenza come strumento per supportare l attività formativa ed eventuali attività di approfondimento. Da sottolineare infatti che alcuni partecipanti delle prime edizioni si sono attivati nelle loro richieste al tutor e ai docenti per poter fare un lavoro di autoformazione su alcuni contenuti ritenuti di maggior interesse. Sulla base di queste richieste è stata inserita una raccolta link utilizzando l apposito servizio, raccolta messa poi a disposizione anche dei partecipanti delle edizioni successive. Durante la fase di monitoraggio ex-post è stata indagata la possibilità di utilizzare la piattaforma come strumento di lavoro dopo la fine del percorso. Sebbene quasi tutti gli interpellati abbiamo dichiarato di non aver utilizzato lo strumento dopo la conclusione del percorso, molti ne hanno riconosciuto le potenzialità; in particolare il servizio dei video cast è considerato utile per la formazione di colleghi e responsabili che non hanno partecipato ai corsi, oppure per avere a disposizione una base di conoscenza che può risultare utile per riprendere alcuni aspetti di conoscenza o di metodo trattati nel percorso. Abbiamo rilevato una complessiva curiosità verso un utilizzo più collaborativo dello strumento, come luogo di scambio di esperienze e buone pratiche fra i soggetti partecipanti, ma senza un sostegno costante durante e dopo la conclusione del percorso formativo [Trentin 2004b], abbiamo ragione di ritenere che sia difficile si inneschi un utilizzo spontaneo e autonomo della piattaforma, 5

6 DIDAMATICA 2008 e soprattutto costante e duraturo, come del resto è noto in bibliografia specialmente per quanto riguarda i forum. Per tale ragione nel prossimo paragrafo presenteremo le basi che stiamo considerando per la progettazione di altri percorsi blended sempre rivolti alla Pubblica Amministrazione, tenendo conto delle osservazioni emerse in Esperto, e soprattutto delle considerazioni dei partecipanti nelle fasi successive alla conclusione dell attività corsuale (vale a dire nei 4 mesi successivi al termine del percorso formativo). 3. Evoluzioni del modello formativo Un indicazione fondamentale di miglioramento per future attività è il rafforzamento tra il collegamento di momenti d aula e momenti in FAD in tutte e tre le dimensioni: contenuto, metodologia e valutazione. L ipotesi emergente è quella di sfruttare fin dalle fasi iniziali dell attività formativa tutte le potenzialità offerte dagli strumenti tecnologici come la video-conferenza e la piattaforma di e-learning, creando un modello di accompagnamento al loro utilizzo visibile e strutturato, da parte dei docenti e del tutor. In questo modo si incentiva la costituzione di comunità di apprendimento che sia di supporto alla creazione di reti che possano sostenersi anche dopo la conclusione del percorso formativo. In Esperto questo obiettivo è stato raggiunto in parte, attraverso la creazione di una comunità di apprendimento durante l attività formativa svolta in aula e a distanza, non è non si è realizzato il consolidamento di questa comunità dopo la conclusione dell attività formativa. Di seguito quindi proponiamo una modellizzazione delle fasi di creazione di una comunità di apprendimento, provando a personalizzare il lavoro di Gongola e Rizzato [Gongola e Rizzato 2001] semplificato e adattato alle nostre esigenze. Da un lato proponiamo cosa è accaduto in Esperto e dall altro quali elementi di riprogettazione, anche secondo il parere dei partecipanti al percorso stesso, si potrebbero apportare per raggiungere un obiettivo più costante, duraturo, anche dopo la fine del percorso, nell utilizzo degli strumenti e nella consultazione/costruzione delle informazioni presenti sulla piattaforma di e-learning. La fase iniziale del percorso (Fase di Initial) è fondamentale per porre le basi per la nascita della comunità virtuale, creare le condizioni perché la comunità in potenza possa trasformarsi in comunità in atto. Per questo motivo è necessario sostenere la creazione di un identità di gruppo e creare le basi per la costituzione della rete di interconnessioni tra i membri. Tale passaggio transita attraverso la possibilità di creare momenti di conoscenza reciproca sia in aula sia in FAD e stimola i partecipanti a trovare interconnessioni e interessi in comune con gli altri partecipanti al percorso formativo. In Esperto questa fase è stata curata attraverso un momento di presentazione reciproca in aula basato sul ruolo, sulle esperienze formative pregresse in termini di e-procurement e FAD, sulle aspettative nei confronti del 6

7 Formare all e-learning: contenuto, metodologia e valutazione nelle relazioni didattiche percorso e sulle pratiche professionali. La piattaforma di collaboration è stata presentata nelle sue potenzialità in un momento formativo specifico, ma questi due momenti non sono stati interconnessi con attività dedicate. Nella gestione delle prossime progettazioni è preferibile curare più approfonditamente la presentazione reciproca in termini di attività attualmente svolte e aspettative future di utilizzo delle conoscenze oggetto del percorso formativo. Inoltre, questa attività sarà supportata dalla costruzione di un proprio profilo professionale da inserire in Piattaforma fin dal primo giorno e da tenere aggiornato man mano che si procede con l attività di approfondimento delle prassi di acquisto (il tutor si ricaverà dei momenti per supportare tale attività). In questa fase diviene cruciale quindi: l approfondimento della conoscenza reciproca, che dovrebbe essere curata in particolare fin dalla prima docenza e proseguire nelle sessioni successive attraverso approfondimenti mirati, in modo poi da creare on-line un proprio profilo professionale. lo stimolo costante del tutor nella progettazione di un proprio profilo (che quindi dovrà studiare e progettare un possibile standard di riferimento) e il supporto del docente per riportare pratiche in uso, a partire da discussioni, confronti e approfondimenti fatti in aula; l utilizzo nella comunicazione con tutor, docenti e altri partecipanti di forum fin dalle prime battute del percorso e in (quasi) tutti i moduli didattici. La conoscenza reciproca e l identificazione nell altro sono le chiavi di lettura della nascita della comunità (Fase della nascita). Si passa dal chi sei al chi siamo e tale dinamica è costantemente rafforzata dall intreccio di attività in aula, in FAD, in gruppo vis a vis e in autonomia con successiva messa in comune delle attività, delle informazioni, delle domande e anche dei dubbi. L obiettivo è quello di dare senso all appartenenza a una comunità. In Esperto questa fase è avvenuta soprattutto attraverso la messa in comune di esperienze fra i partecipanti durante le esercitazioni e i lavori in sottogruppo effettuati in aula e durante le sessioni in video-conferenza. E stato poco incentivato l utilizzo di strumenti collaborativi disponibili in piattaforma. In un ottica futura strumenti come forum, chat, wiki etc. saranno introdotti gradualmente, dopo un attenta progettazione delle attività collaborative al fine di favorire la costruzione della comunità. In questa fase appare cruciale dunque: la trasposizione di dinamiche collaborative anche con strumenti FAD a partire dall inizio del percorso e per tutti i moduli proposti; la costruzione di un repository, dapprima con la facilitazione del tutor e dei docenti, e successivamente sempre più in autonomia. L attività prevede un momento di progettazione e costruzione attiva dei partecipanti. La gestione delle conoscenze all interno della comunità dovrebbe portare all apprendimento reciproco tra i partecipanti (Fase del consolidamento). Si passa quindi dalla domanda chi siamo alla domanda 7

8 DIDAMATICA 2008 cosa costruiamo assieme. Queste dinamiche di apprendimento si sono solo in parte sviluppate nel percorso Esperto, che a detta dei partecipanti è stato sicuramente utile per ampliare le conoscenze nel confronto con il docente, ha permesso di confrontarsi con alcune pratiche in uso degli altri corsisti, ma ne ha lasciato l eventuale approfondimento fuori dal contesto aula, senza per altro guidarlo o supportarlo con una forte strutturazione condivisa e costruita tra tutti i docenti e il tutor. Questo ci induce a pensare a una futura progettazione più densa di momenti di confronto tra i partecipanti e fortemente basata su analisi di casi e autocasi via via proposti dai corsisti stessi, senza lasciare questo momento a un fase necessariamente più avanzata, o magari in fase di postcorso. Riteniamo che tali attività possano generare un passaggio importante tra la percezione di appartenere a una comunità di pratica anziché meramente a una comunità di apprendimento legata al contesto corso. In questa fase diviene fondamentale: la responsabilizzazione dei partecipanti nel produrre conoscenza e nel generare feedback per gli altri appartenenti alla comunità. Perciò basilare è l individuazione di momenti dedicati alla riflessione sul senso e sul valore della messa in comune di esperienze; l implementazione di un repository diventa il bagaglio riconoscibile da cui attingere possibilità di apprendimento e contemporaneamente generarle. Mantenere attive le possibilità di confronto implica progettare fin dalla partenza dell attività formativa: attività di follow up in aula o in video-conferenza dopo la conclusione dei moduli per stimolare il confronto continuo e per incentivare la ricerca di pratiche da condividere, successivamente anche in piattaforma; la presenza di un tutor esperto di contenuti che incentivi il confronto e rimanga per un periodo di alcuni mesi dopo il termine del percorso formativo- come supporto per la facilitazione di processi di collaborazione. 4. Conclusioni È evidente che attraverso l excursus proposto con le fasi sopra riportate, il ruolo del docente e del tutor continuano a essere cruciali, anche se le loro funzioni vanno a modificarsi, così come evidentemente quello del partecipante stesso. Il docente che fa uso dell ICT a supporto della propria didattica ha quindi la necessità di comprendere fino in fondo ciò che sta dietro l e-learning e il cambio di paradigma che questo sottende. L aspetto è particolarmente critico, in quanto il docente dovrebbe rimuovere la confusione che l utilizzo dell e-learning sia riconducibile al riproporre sulla rete gli stessi materiali didattici utilizzati nelle attività in aula, senza tener conto delle caratteristiche del mezzo scelto per buona parte del percorso formativo e comunque nel suo collegamento in sinergia con tutta la proposta di 8

9 Formare all e-learning: contenuto, metodologia e valutazione nelle relazioni didattiche apprendimento. Dunque, nella valutazione dei risultati di Esperto ci siamo interrogati su quali conoscenze e competenze richiediamo a docente e tutor per poter gestire efficacemente un percorso blended in un ottica di life long learning, Inoltre ci stiamo attrezzando per supportare attraverso attività di affiancamento e formazione tali competenze. Prima di tutto l individuazione dei docenti per i prossimi percorsi formativi che realizzeremo si basa su tre premesse fondamentali: 1. togliersi da un interpretazione meramente centrata sulla conoscenza disciplinare e disporsi in una dimensione di accompagnamento e facilitazione in tutte le fasi di vita del percorso; 2. avere il desiderio di innovare il proprio modo di fare didattica e la disponibilità a sperimentarsi; 3. essere disposti a considerare la tecnologia un mezzo per stimolare e amplificare il processo di apprendimento. La formazione e l assistenza che, preparandoci a future attività formative, stiamo portando avanti con i docenti, tendono a realizzare le seguenti azioni: partecipazione del docente alle fasi progettuali del percorso online, non solo erogative: la traduzione della propria expertise in qualcosa di fruibile in e-learning richiede, dal nostro punto di vista, una forte attenzione alla progettazione -è il momento in cui si riflette rispetto a quanto l e-learning porta valore aggiunto al percorso- dove si combina e si collega l e-learning ad altre parti del processo formativo, si mettono in relazione i diversi media, si struttura il processo di valutazione. La fase erogativa permette di monitorare l efficacia delle ipotesi progettuali, e di avere più strumenti per auto valutare la propria efficacia didattica in un contesto corsuale; la concezione di un intervento flessibile nella didattica, non solo rispetto ai momenti e agli strumenti, ma capace alternativamente di rispondere quando interpellato e contemporaneamente essere proattivo e di stimolo, centrato non solo sul raggiungimento degli obiettivi dei diversi moduli, ma in grado di spingere il partecipante all attivazione, all approfondimento, all autoformazione, alla ricerca di spunti di trasferibilità e collegamento tra aula e lavoro. Da questo punto di vista la scelta di strumenti, la dimestichezza nel loro utilizzo (precedente alla gestione del corso, magari non solo in azioni dedicate di formazione ad hoc, ma anche come partecipante e fruitore di attività formative) sono elementi importanti, ma anche la progettazione di una didattica basata su esercizi applicativi, riflessivi, che richiedano ricerca di gruppo e individuale. interpretazione di una didattica attenta alla personalizzazione, spinta al sostegno dell autoformazione continua [Kearskey e Blomeyer 2004]; attenzione alla gestione delle dinamiche collaborative e a svolgere un ruolo di facilitatore nello scambio [Trentin 2004a]. 9

10 DIDAMATICA 2008 Il tutor integra le proprie competenze e il proprio ruolo con la docenza, facilitando il più possibile le metodiche scelte nell attività formativa, fornendo in particolare: assistenza metodologica nelle fasi progettuali ed erogative, assistenza tecnologica durante il percorso [Bruschi e Perissinotto 2003] e formazione ai docenti e ai partecipanti rispetto all utilizzo e alle potenzialità della piattaforma di e-learning. 5. Bibliografia [Casagranda e Tomasini 2008] Casagranda M., Tomasini S., "Esperto: sperimentazione di un modello blended nella Pubblica Amministrazione, In: Atti del V Congresso Annuale della Società Italiana di e-learning, Trento, 2008 [Colazzo e Molinari 2007] Colazzo L., Molinari A. (2007), Corsi on line vs. comunità on line: l'evoluzione di un esperimento di didattica universitaria. In: Atti Didamatica 2007: informatica per la didattica, vol. 2, a cura di Andronico A., Casadei G., Cesena:AICA, p Atti del convegno: "Didamatica 2007", Cesena, maggio 2007 [Bruschi e Perissinotto 2003] Bruschi B.; Perissinotto A., Come creare corsi on line, Carocci, 2003 [Gongla e Rizzato 2001] Gongla P., Rizzato C. R., Evolving Community of practice: IBM Global Services experience, IBM System Journal, [Kearsley e Blomeyer 2004] Kearsley G, Blomeyer R., Preparing teachers to teach online, Educational Technology, vol. 44, n.1, 2004 [Trentin 2004a] Trentin G., Il tutor in rete, FOR-Rivista per la formazione, Franco Angeli, n.58, 2004 [Trentin 2004b] Trentin G., Apprendimento in rete e condivisione delle conoscenze: ruolo, dinamiche e tecnologie delle comunità professionali online, Franco Angeli, Milano, 2004 [Trentin 2008] Trentin G., La sostenibilità didattico-formativa dell e-learning. Social networking e apprendimento attivo, Franco Angeli, [Trinchero 2006] Trinchero R., Valutare l apprendimento nell e-learning, Erickson, Trento,

LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE

LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE Edutech Vi Offre Un Ambiente Dedicato Per La Formazione A Distanza Cosa vi offre EduTech EduTech, grazie alla collaborazione con il Dipartimento

Dettagli

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa MODULO I TRODUTTIVO Indice Premessa Obiettivo del modulo Didattica blended Ragioni dell adozione del blended e-learning - Ragioni didattiche - Ragioni del lifelong learning Finalità e obiettivi Risultati

Dettagli

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio )

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Fino ad ora, l istituzione scolastica ha basato la sua azione,

Dettagli

e-learning per l internazionalizzazione delle PMI italiane

e-learning per l internazionalizzazione delle PMI italiane e-learning per l internazionalizzazione delle PMI italiane Il progetto e-learning ICE nasce da un indagine dei fabbisogni formativi delle piccole e medie imprese italiane, interessate a progetti di internazionalizzazione,

Dettagli

CPS1 Linee guida per l uso dei sistemi di e- learning nella didattica

CPS1 Linee guida per l uso dei sistemi di e- learning nella didattica learning nella didattica Il presente documento propone la struttura e i contenuti di un possibile documento relativo alle linee guida sull uso dell elearning nell ambito delle attività didattiche con riferimento

Dettagli

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo 1. Elementi generali Le attività didattiche del Master

Dettagli

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 FORMAZIONE BLENDED LEARNING http://puntoeduri.indire.it/neoassunti2008/in dex.php DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 e-tutor Lorelle Carini 1 AMBIENTE ON-LINE PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI NEOASSUNTI CON CONTRATTO

Dettagli

Istituto Tecnologie Didattiche

Istituto Tecnologie Didattiche Didattica a Distanza e/o Apprendimento in Rete trentin @ itd.ge.cnr.it Istituto Tecnologie Didattiche Consiglio Nazionale delle Ricerche, Genova http://www.itd.ge.cnr.it App.to in rete Web - Interattivo

Dettagli

Comunità virtuali e strumenti collaborativi come elemento di innovazione organizzativa: un caso di studio

Comunità virtuali e strumenti collaborativi come elemento di innovazione organizzativa: un caso di studio Comunità virtuali e strumenti collaborativi come elemento di innovazione organizzativa: un caso di studio Luigi Colazzo 1, Francesco Conte 2, Alessio Comai 2, Andrea Molinari 1, Nicola Villa 2 1 Dipartimento

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

Modello formativo DIDATEC avanzato

Modello formativo DIDATEC avanzato Pagina1 Modello formativo DIDATEC avanzato La formazione DIDATEC livello avanzato consiste in 90 ore di formazione, articolate in 20 ore da svolgersi in aula presso le scuole presidio e 70 ore da svolgersi

Dettagli

Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale

Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale Pagina 1 di 8 Indice 1. Gli obiettivi del corso...3 2. I contenuti del corso...3 3. Il percorso didattico...4 3.1 Studio individuale...4

Dettagli

Il modello formativo dei progetti PON docenti

Il modello formativo dei progetti PON docenti Il modello formativo dei progetti PON docenti Scuola- Presidio Comunità Tutor Blended Collaborazione Laboratorio Peer- Educa5on Competenze Sperimentazione Personalizzazione Ricerca- azione Innovazione

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor

Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor Indire Didattica e formazione Seminario formatori di Lingue 2006 L e-tutor una figura centrale nell intero percorso formativo Per la gestione dei gruppi

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL MODULO DI PROGETTAZIONE

RELAZIONE FINALE DEL MODULO DI PROGETTAZIONE RELAZIONE FINALE DEL MODULO DI PROGETTAZIONE -prof. Rocco Italiano: collaborazione come progettista, autore dei materiali e delle schede di attivazione, e-tutor. -dir. scol. Blandina Santoianni: direttore

Dettagli

Integrare l e-learning nell offerta formativa delle organizzazioni: un opportunità per valorizzare il know-how interno

Integrare l e-learning nell offerta formativa delle organizzazioni: un opportunità per valorizzare il know-how interno Peer Reviewed Papers Integrare l e-learning nell offerta formativa delle organizzazioni: un opportunità per valorizzare il know-how interno Cinzia Bianchino 1, Antonio Campanella 1, Giada Marinensi 2,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti Percorso Abilitante Speciale P.A.S. a.a. 2014-2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu, 18 ore d aula + 18 ore online) Prof. Giancarlo Gola ggola@units.it Syllabus a.a. 2014-15, versione 01 BREVE

Dettagli

Corso di Formazione in modalità blended Interlingua e Analisi degli Errori

Corso di Formazione in modalità blended Interlingua e Analisi degli Errori Corso di Formazione in modalità blended Interlingua e Analisi degli Errori Schema di progettazione corso e-learning in modalità blended Titolo Destinatari numero corsisti Lingue coinvolte Tipo di corso

Dettagli

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008)

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Regolamento del servizio di tutorato (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Sommario Articolo 1 - L istituto del tutorato... 3 Articolo 2 - Obiettivi generali e specifici... 3 Articolo 3 - I tutor...

Dettagli

IL PROGETTO DIONE IMPLEMETANZIONE DI UN SISTEMA INFORMATICO PER IL SUPPORTO ALLA DIDATTICA DELLA MARINA MILITARE

IL PROGETTO DIONE IMPLEMETANZIONE DI UN SISTEMA INFORMATICO PER IL SUPPORTO ALLA DIDATTICA DELLA MARINA MILITARE IL PROGETTO DIONE IMPLEMETANZIONE DI UN SISTEMA INFORMATICO PER IL SUPPORTO ALLA DIDATTICA DELLA MARINA MILITARE TV (AN) Filippo PONTIL Accademia Navale Livorno Ufficio Informatica/TLC filippo.pontil@marina.difesa.it

Dettagli

SCUOLA DI ORGANIZZAZIONE Modello metodologico e metodologie per la formazione Approccio metodologico Il modello formativo messo a punto e utilizzato dalla Scuola di Studi Socio-economici e Organizzativi

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Indice: 1 Social Learning 2 Social Learning per E.T.I.CA. 3 RiusaLO 4 Percorsi integrati 5 Community 6 Best, la Banca dati delle Esperienze Trasferibili 7 Social

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA

INDICAZIONI OPERATIVE PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA Programma Operativo Nazionale 2007/2013 INDICAZIONI OPERATIVE PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA del corso PON Didatec base D-5-FSE-2010-1 a.s. 2012-2013 Con la presente nota si vogliono fornire al Dirigente

Dettagli

Avvio del progetto Formazione Facilitatori Digitali Biblioteche Provincia di Bologna

Avvio del progetto Formazione Facilitatori Digitali Biblioteche Provincia di Bologna Avvio del progetto Formazione Facilitatori Digitali Biblioteche Provincia di Bologna 17 Aprile 2012 Presso l Auditorium Enzo Biagi - Sala Borsa, Via Nettuno 3, Bologna Programma 10.30 11.00 Progetto Pane

Dettagli

7. SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LOCALE

7. SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LOCALE SCHEDE DESCRITTIVE DELLE SCUOLE E DEGLI ORGANISMI FORMATIVI PER LA PA ALLEGATO I 7. SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LOCALE La legge 127/97 ha istituito unitamente l Agenzia per la Gestione

Dettagli

METHODY: l unica one stop shop solution per i vostri progetti di e- learning

METHODY: l unica one stop shop solution per i vostri progetti di e- learning METHODY: l unica one stop shop solution per i vostri progetti di e- learning 1 METHODY: the one stop shop solution for your e-learning projects La FAD (Formazione a Distanza) dopo anni di sperimentazione

Dettagli

Il Tirocinio on line nell Università di Padova. Ettore Felisatti, Pietro Tonegato Università di Padova

Il Tirocinio on line nell Università di Padova. Ettore Felisatti, Pietro Tonegato Università di Padova + Il Tirocinio on line nell Università di Padova Ettore Felisatti, Pietro Tonegato Università di Padova + Il tirocinio 2 Ricomposizione teoria-pratica Apprendimento sul campo Ricerca sulla pratica Orientamento

Dettagli

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning.

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning. La sezione del modulo dedicata ai Learning Management System elenca diverse funzioni di gestione, comunicazione e valutazione che possono essere utilizzate per l erogazione di formazione online. Sulla

Dettagli

IAMP ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI

IAMP ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI E-LEARNING + ON LINE - costi + RISULTATI PROGETTO PRESENTAZIONE GENERALE è un marchio commerciale di Studio Mandelli S.r.l., società specializzata in servizi

Dettagli

indice Blended Learning 1

indice Blended Learning 1 Blended Learning La proposta formativa IAMA Consulting si suddivide in differenti aree: Blended Learning 1 Formazione Manageriale e Comportamentale IAMA accompagna lo sviluppo delle risorse in azienda

Dettagli

Comunità di ricerca a scuola e tecnologie digitali

Comunità di ricerca a scuola e tecnologie digitali IV Congresso di Psicologia e Scuola: A scuola ho un bambino che Firenze 6-7 febbraio 2015 Comunità di ricerca a scuola e tecnologie digitali Stefano Cacciamani Università della Valle d Aosta Il piano del

Dettagli

Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale

Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale Workshop SVEA Torino, 20 Ottobre 2011 Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto Tecnologie Didattiche Genova Workshop SVEA Torino, 20

Dettagli

Progetto ESPERTO - E-learning per lo SviluPpo dell E-procuRement del TrentinO

Progetto ESPERTO - E-learning per lo SviluPpo dell E-procuRement del TrentinO Progetto ESPERTO - E-learning per lo SviluPpo dell E-procuRement del TrentinO Contesto promozione dell utilizzo delle metodologie e delle tecnologie di e-learning Obiettivi realizzazione di un sistema

Dettagli

Strumenti E learning. Presentazione tecnica

Strumenti E learning. Presentazione tecnica Strumenti E learning Presentazione tecnica Luglio 2008 Grazie all esperienza del proprio management e alla propria struttura tecnologica, InterAteneo è riuscito a creare un sistema di integrazione, tra

Dettagli

Integrare la formazione in presenza e a distanza nella didattica curricolare delle scuole superiori

Integrare la formazione in presenza e a distanza nella didattica curricolare delle scuole superiori Integrare la formazione in presenza e a distanza nella didattica curricolare delle scuole superiori a cura di Patrizia Vayola Moodlemoot Italia 2006, Alessandria, 6-7 aprile 2006 Alcuni dati Cosa: utilizzo

Dettagli

La cultura della gestione della conoscenza è diventata

La cultura della gestione della conoscenza è diventata RAGONAMENT 41 La rete per insegnare D FABRZO EMER Tecnologie e modelli per l e-teaching La cultura della gestione della conoscenza è diventata il punto focale dell apprendimento. Questa innovazione comporta

Dettagli

Moodle al Formez, Imma Citarelli

Moodle al Formez, Imma Citarelli Moodle al Formez Dott.ssa Imma Citarelli Formez - Centro di Formazione e Studi Centro di competenza e-learning e Knowledge management Apprendimento autonomo Libri, riviste, convegni Risorse on line Il

Dettagli

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti http://moodlevarrone.netsons.org/moodle/

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS PROGETTO DI TIROCINIO L istituzione del nuovo Corso di Laurea in Scienze

Dettagli

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate.

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Cl@sse2.0 Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Progetto di due anni disegnato per la 1Ac. (2010-2012) Cl@sse2.0 Perché questo progetto nazionale? 1. Per rispondere a

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Scuola Primaria e Secondaria di I Grado e Biennio Secondaria di II Grado D-5-FSE-2010-1

Dettagli

Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning

Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning Approvate dal Senato Accademico nella seduta del 23/01/2013 1. Introduzione: modelli ISA e blended learning... 2 2. Linee guida... 3 2.1.

Dettagli

Associazione per la Professionalità Docente. formazione. Educommunity Educational Community

Associazione per la Professionalità Docente. formazione. Educommunity Educational Community Associazione per la Professionalità Docente formazione Educommunity Educational Community 2 OFFERTA SCUOLE 3 la nostra offerta Educational Community, grazie all esperienza maturata nel contesto scolastico

Dettagli

LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DEI CENTRI PER L IMPIEGO Soluzioni avanzate di e-learning a supporto dei processi di riforma del mercato del lavoro

LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DEI CENTRI PER L IMPIEGO Soluzioni avanzate di e-learning a supporto dei processi di riforma del mercato del lavoro RISORSE COMUNI Milano, 22 gennaio 2003 LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DEI CENTRI PER L IMPIEGO Soluzioni avanzate di e-learning a supporto dei processi di riforma del mercato del lavoro Rosanna Lisco Euform.it

Dettagli

Si appoggia a Internet come canale per veicolare le informazioni. Un LMS permette di:

Si appoggia a Internet come canale per veicolare le informazioni. Un LMS permette di: Compito I settimana del II modulo Fagnani Lorena classe E13 1. La sezione del modulo dedicata ai Learning Management System elenca diverse funzioni di gestione, comunicazione e valutazione che possono

Dettagli

E-learning: un esperienza di didattica on-line V. Arienti, C. Dellacasa

E-learning: un esperienza di didattica on-line V. Arienti, C. Dellacasa 8 Congresso Nazionale FADOI Bologna, 14-17 Maggio 2003 E-learning: un esperienza di didattica on-line V. Arienti, C. Dellacasa Centro di Ricerca e Formazione in Ecografia Internistica ed Interventistica

Dettagli

C018 Corso di formazione per lavoratori IL RISCHIO ELETTRICO

C018 Corso di formazione per lavoratori IL RISCHIO ELETTRICO C018 Corso di formazione per lavoratori IL RISCHIO ELETTRICO durata 3 ore Artt. 36-37 del D.Lgs 81/2008 e s.m.i. Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 DESTINATARI DEL CORSO Il corso di formazione è destinato

Dettagli

FORMARE I FORMATORI AL TEMPO DELLA CRISI. INTERVISTA A GIUSI MICCOLI 1

FORMARE I FORMATORI AL TEMPO DELLA CRISI. INTERVISTA A GIUSI MICCOLI 1 FORMARE I FORMATORI AL TEMPO DELLA CRISI. INTERVISTA A GIUSI MICCOLI 1 (A CURA DI PAOLO VIEL 2 ) QUALE È LA SITUAZIONE DELLA FORMAZIONE OGGI IN ITALIA? La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni

Dettagli

Gianluca Cicognani. La piattaforma FAD Chronos: demo e metodologia formativa

Gianluca Cicognani. La piattaforma FAD Chronos: demo e metodologia formativa Gianluca Cicognani La piattaforma FAD Chronos: demo e metodologia formativa Il progetto Osservatorio RRHH Spin-Off Formazione a distanza Evoluzione FAD Prima generazione: materiale cartaceo inviato per

Dettagli

Corso e-learning Formazione generale dei lavoratori

Corso e-learning Formazione generale dei lavoratori Corso e-learning Formazione generale dei lavoratori Premessa L Accordo Conferenza Stato Regioni del 21 dicembre 2011, dando attuazione all articolo 37 del D.Lgs. 81/08, ha definito la durata, i contenuti

Dettagli

A Le piattaforme e-learning

A Le piattaforme e-learning A Le piattaforme e-learning Paolo Fusero obiettivo didattico della lezione: introdurre lo studente all utilizzo delle piattaforme e-learning e delle nuove metodologie didattiche che utilizzano la rete

Dettagli

L e-learning nel supporto alla didattica in presenza: motivazioni per l apprendimento e riprogettazione dei percorsi didattici

L e-learning nel supporto alla didattica in presenza: motivazioni per l apprendimento e riprogettazione dei percorsi didattici L e-learning nel supporto alla didattica in presenza: motivazioni per l apprendimento e riprogettazione dei percorsi didattici Graziella Di Blasi, Agostino Lorenzi ITC B.Belotti, Via Azzano 5, 24126 Bergamo

Dettagli

La piattaforma etwinning: modalità d uso, potenzialità e limiti

La piattaforma etwinning: modalità d uso, potenzialità e limiti La piattaforma etwinning: modalità d uso, potenzialità e limiti Franco Di Cataldo La piattaforma etwinning costituisce un riferimento importante per la valorizzazione ed il potenziamento di progetti europei

Dettagli

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI Paolo Rigo LA SCUOLA DIGITALE Il progetto di alfabetizzazione digitale della popolazione è ambizioso e la sua realizzazione non può che partire dalla scuola. Occorre potenziare

Dettagli

AMBIENTI DI APPRENDIMENTO: SPERIMENTAZIONE DI WebCeM COME STRUMENTO DI SUPPORTO ALLO STUDIO E ALLA CREAZIONE DI MATERIALE DIDATTICO

AMBIENTI DI APPRENDIMENTO: SPERIMENTAZIONE DI WebCeM COME STRUMENTO DI SUPPORTO ALLO STUDIO E ALLA CREAZIONE DI MATERIALE DIDATTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO TESI DI LAUREA TRIENNALE IN COMUNICAZIONE DIGITALE AMBIENTI DI APPRENDIMENTO: SPERIMENTAZIONE DI WebCeM COME STRUMENTO DI SUPPORTO ALLO STUDIO E ALLA CREAZIONE DI MATERIALE

Dettagli

Modello per la progettazione di un percorso formativo. A cura di Novella Caterina

Modello per la progettazione di un percorso formativo. A cura di Novella Caterina A cura di Novella Caterina 1 RACCOLTA DELLE INFORMAZIONI 1.1 Premessa di scenario 1.2 Finalità 1.3 Destinatari del corso 1.4 Obiettivi 1.5 Target di riferimento 1.6 Referenti di progetto manager (Pm) si

Dettagli

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi E-learning Vantaggi e svantaggi vantaggi Abbattimento delle barriere spazio-temporali Formazione disponibile sempre (posso connettermi quando voglio e tutte le volte che voglio) e a bassi costi di accesso

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO AFFARI GENERALI UFFICIO CONTRATTI APPALTI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO AFFARI GENERALI UFFICIO CONTRATTI APPALTI REGIONE PUGLIA ASSESSORATO AFFARI GENERALI UFFICIO CONTRATTI APPALTI Documento di Programmazione INFEA della Regione Puglia 2003/2004 (ex deliberazione di G.R. 860/02) - Definizione della strategia complessiva

Dettagli

Progetto Lingua e cittadinanza

Progetto Lingua e cittadinanza Progetto Lingua e cittadinanza Insegnamento di Italiano L2 per cittadini stranieri Introduzione Lingua e cittadinanza viene elaborato in attuazione dell accordo di programma tra Ministero del Lavoro, della

Dettagli

PROGETTO ASCOLTO DOCENTI PAD 4

PROGETTO ASCOLTO DOCENTI PAD 4 PROGETTO ASCOLTO DOCENTI PAD 4 PREMESSA Il corso di formazione a distanza PAD (Progetto Ascolto Docenti) in collaborazione con l Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia, è giunto alla sua quarta

Dettagli

E-LEARNING. Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento.

E-LEARNING. Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E-LEARNING Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E-LEARNING Electronic Learning E- LEARNING EXPERIENCE: possibilità di interazione,

Dettagli

E-LEARNING E- LEARNING E-LEARNING. Learning. Electronic. Perché E-learning? EXPERIENCE: possibilità di interazione, partecipazione e

E-LEARNING E- LEARNING E-LEARNING. Learning. Electronic. Perché E-learning? EXPERIENCE: possibilità di interazione, partecipazione e E-LEARNING E-LEARNING Electronic Learning Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E- LEARNING EXPERIENCE: possibilità di interazione,

Dettagli

http:www.e-oncology.it

http:www.e-oncology.it http:www.e-oncology.it Il prototipo e-oncology strumento operativo di Rete di interconnessione tra gli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Oncologici costituita per iniziativa del Ministero

Dettagli

Proposta di moduli formativi per lo sviluppo della funzione formazione nelle P.A.

Proposta di moduli formativi per lo sviluppo della funzione formazione nelle P.A. sviluppiamo le competenze! Progetto Una rete per la formazione di qualità RFQ 2014 Proposta di moduli formativi per lo sviluppo della funzione formazione nelle P.A. Roma, 3 marzo 2014 1 I moduli aree di

Dettagli

La didattica a distanza in ambito universitario: indicazioni ministeriali e nuove prospettive Padova 20-21 Giugno 2014

La didattica a distanza in ambito universitario: indicazioni ministeriali e nuove prospettive Padova 20-21 Giugno 2014 Moodlemoot 2014 La didattica a distanza in ambito universitario: indicazioni ministeriali e nuove prospettive Padova 20-21 Giugno 2014 DM 47 30 Gennaio 2013 Art. 1 1. Le disposizioni di cui al presente

Dettagli

Azienda,prodotti e servizi

Azienda,prodotti e servizi Azienda,prodotti e servizi 2013 AZIENDA:MISSION E OBIETTIVI Conoscenza è : potere e libertà. FormaWorld ha interpretato queste parole definendo la propria mission: Fornire strumenti e tecnologie per la

Dettagli

Allegato A. 1. Dati della scuola che presenta il progetto (scuola capofila) Istituto. Ic Nino Rota. Codice meccanografico. Rmic842002.

Allegato A. 1. Dati della scuola che presenta il progetto (scuola capofila) Istituto. Ic Nino Rota. Codice meccanografico. Rmic842002. SCHEDA PROGETTO Progetti per l integrazione scolastica degli alunni con disabilità. Legge 440/97 Fondo per l arricchimento e l ampliamento dell offerta formativa e per gli interventi perequativi. 1. Dati

Dettagli

Mattone 3 - Evoluzione del sistema DRG nazionale

Mattone 3 - Evoluzione del sistema DRG nazionale Mattone 3 - Evoluzione del sistema DRG nazionale Portale web e Corso FAD Roma 25 ottobre 2006 MATTONI SSN Nolan, Norton Italia Attività Portale web predisposto nell ambito delle Attività di Manutenzione

Dettagli

Strumenti per il supporto alla formazione a distanza e la didattica

Strumenti per il supporto alla formazione a distanza e la didattica Sommario Strumenti per il supporto alla formazione a distanza e la didattica Introduzione al portale SSIS infofactory - Laboratorio di Intelligenza Artificiale - Univ. degli Studi di Udine 3-4 Dicembre

Dettagli

Crea un Corso P R O G E T T O F L E M I N G W W W. B E S T C O M M U N I T Y. B I Z. Carica i file tramite il form

Crea un Corso P R O G E T T O F L E M I N G W W W. B E S T C O M M U N I T Y. B I Z. Carica i file tramite il form Crea un Corso P R O G E T T O F L E M I N G W W W. B E S T C O M M U N I T Y. B I Z Carica i file tramite il form Allestimento del corso Leggi le indicazioni Progetta il corso, produci i contenuti Ricevi

Dettagli

PROFILI DELLA FORMAZIONE

PROFILI DELLA FORMAZIONE Allegato 1d.2 PROFILI DELLA FORMAZIONE Nota Bene: Fermo restando i profili di formazione già sanciti da specifiche regolamentazioni (ad esempio i profili presenti nell ambito della formazione in medicina

Dettagli

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2015/2016: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2015/2016: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2015/2016: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova Ing. Davide D Amico MIUR- DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE SCOLASTICO Dirigente Ufficio

Dettagli

LMS ERUDIO. E-learning Formazione a distanza. www.sgslweb.it SISTEMI. 20 febbraio 2014 Autore: L.albanese. powered by

LMS ERUDIO. E-learning Formazione a distanza. www.sgslweb.it SISTEMI. 20 febbraio 2014 Autore: L.albanese. powered by LMS ERUDIO E-learning Formazione a distanza powered by SISTEMI 0 febbraio 01 Autore: L.albanese www.sgslweb.it Che cos è l E- Learning? L' e-learning sfrutta le potenzialità rese disponibili da Internet

Dettagli

Corsi di formazione in e-learning integrato : linee guida

Corsi di formazione in e-learning integrato : linee guida Documento tecnico 1 allegato alla nota, prot. n. 7953/P del 17.04.04, della Direzione Generale U.S.R. Campania Corsi di formazione in e-learning integrato : linee guida 1 Il presente documento è una rielaborazione

Dettagli

REPORT FINALE SUL PROGETTO CLUSTER OPEN SOURCE

REPORT FINALE SUL PROGETTO CLUSTER OPEN SOURCE REPORT FINALE SUL PROGETTO CLUSTER OPEN SOURCE Premessa Il presente report illustra il progetto Cluster Open Source, progetto che mira a sviluppare dinamiche distrettuali all interno del sistema produttivo

Dettagli

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A PROGETTO PER LA SCUOLA. PROGETTARE E OPERARE NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA PARTE II - CAPITOLO 7 P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A

Dettagli

E-LEARNING NELLA FORMAZIONE DEI PROFESSIONISTI DELLA NUTRIZIONE I CORSI A.I.N.UT. A cura del Gruppo di Formazione A.I.Nut

E-LEARNING NELLA FORMAZIONE DEI PROFESSIONISTI DELLA NUTRIZIONE I CORSI A.I.N.UT. A cura del Gruppo di Formazione A.I.Nut E-LEARNING NELLA FORMAZIONE DEI PROFESSIONISTI DELLA NUTRIZIONE A cura del Gruppo di Formazione A.I.Nut L AMBIENTE DI E-LEARNING DEI CORSI A.I.Nut Multimedialità, interattività, personalizzazione e differenziazione

Dettagli

LA SCUOLA PER LO SVILUPPO

LA SCUOLA PER LO SVILUPPO UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali Direzione Generale Politiche Regionali MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Dipartimento dell Istruzione Direzione Generale per gli Affari

Dettagli

DIDAMATICA 2006 Cagliari, 11-13 maggio 2006

DIDAMATICA 2006 Cagliari, 11-13 maggio 2006 DIDAMATICA 2006 Cagliari, 11-13 maggio 2006 dr. Antonio Cartelli cartan@unicas.it Laboratorio di Tecnologie dell istruzione e dell apprendimento FORMAZIONE IN SERVIZIO DEI DOCENTI E TRASPARENZA DEI PROCESSI

Dettagli

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze Il CORSO L uso delle nuove tecnologie a scuola ha trasformato la relazione comunicativa tra studenti ed insegnanti, modificando gli stili di apprendimento, le strategie formative e le metodologie educative.

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI 2012/2013 DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Fotografia di Giuseppe Moscato Scuola primaria e secondaria di primo grado e biennio

Dettagli

Il modello ECM CPD lombardo per l innovazione nel sistema sanitario regionale

Il modello ECM CPD lombardo per l innovazione nel sistema sanitario regionale Il modello ECM CPD lombardo per l innovazione nel sistema sanitario regionale 20 settembre 2007 Politecnico di Milano Mariangela Devercelli Funzionario I.Re.F. U.O. Servizi alla Persona Coordinatore modello

Dettagli

Sistema di erogazione didattica Organizzata attraverso Piattaforme L.C.M.S. (Learning Content Management System)

Sistema di erogazione didattica Organizzata attraverso Piattaforme L.C.M.S. (Learning Content Management System) Learning and Management System Sistema di erogazione didattica Organizzata attraverso Piattaforme L.C.M.S. (Learning Content Management System) Linee guida: 1. StartUp sistema videoconferenza in piattaforma

Dettagli

Indice. 01. Presentazione generale. 02. Team. 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community

Indice. 01. Presentazione generale. 02. Team. 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community Indice 01. Presentazione generale 02. Team 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community 04. E-learning 1. Learning Object 2. Piattaforme LMS 3. Business

Dettagli

Intesa sul sistema di formazione del personale A.T.A.

Intesa sul sistema di formazione del personale A.T.A. Intesa sul sistema di formazione del personale A.T.A. L anno 2004, il giorno 20 del mese di luglio, presso il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito indicato Miur), ai sensi

Dettagli

Capitolo 11 Un esempio concreto

Capitolo 11 Un esempio concreto Capitolo 11 Un esempio concreto Questa è una storia vera e narra di come da un corso in presenza con un supporto su Web si è arrivati ad un corso completamente online, i problemi affrontati nel passaggio

Dettagli

Mariella Proietta. Introduzione

Mariella Proietta. Introduzione Mariella Proietta maripro@yahoo.it Joomla per una scuola secondaria superiore: una piattaforma per integrare l insegnamento della lingua straniera e migliorare la professionalità docente Introduzione L

Dettagli

PROGETTO PER LA FORMAZIONE PERMANENTE SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

PROGETTO PER LA FORMAZIONE PERMANENTE SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PROGETTO PER LA FORMAZIONE PERMANENTE SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO 1 INDICE 1. Premessa... 2 2. I NOSTRI CORSI... 4 3. OBIETTIVI... 6 4. MODALITÀ DI EROGAZIONE... 7 4.1. E-Learning... 7 4.2. In

Dettagli

Virginia Alberti Porte Aperte sul Web Giornata Aperta 2009

Virginia Alberti Porte Aperte sul Web Giornata Aperta 2009 Virginia Alberti Porte Aperte sul Web Giornata Aperta 2009 IT Gentileschi 11 maggio 2009 Lo scenario della scuola ospedale Sempre piu spesso ogni istituto scolastico si trova a dover gestire casi di studenti

Dettagli

documento di progettazione Pagina 1

documento di progettazione Pagina 1 documento di progettazione Pagina 1 MASTER UNIVERSITARIO IN E-LEARNING Sommario 1. Introduzione e contesto - Finalità generali del corso - Titolo - Tema 2. Obiettivi - Macroobiettivo 3. Contenuti - Destinatari

Dettagli

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Prot. MIUR AOODRLO R.U. 1817 del 31/01/2013 Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Dentro il cambiamento L introduzione delle tecnologie e la transizione al

Dettagli

elearnit propone una modalità di e-learning efficace, integrabile nei processi aziendali e semplice da usare.

elearnit propone una modalità di e-learning efficace, integrabile nei processi aziendali e semplice da usare. Gestire la conoscenza nell'era del web elearnit: un network di consulenti per la crescita della tua azienda Piattaforma di formazione via web senza costi di licenza Oggi molte aziende utilizzano la formazione

Dettagli

L offerta formativa della Scuola Master F.lli Pesenti per l A.A.2013/2014. Il Rinnovamento della Tradizione didattica

L offerta formativa della Scuola Master F.lli Pesenti per l A.A.2013/2014. Il Rinnovamento della Tradizione didattica Presidente Prof. Ing. Antonio Migliacci Direttore Prof.ssa Arch. Ing. Paola Ronca L offerta formativa della Scuola Master F.lli Pesenti per l A.A.2013/2014 Il Rinnovamento della Tradizione didattica Scuola

Dettagli

Le Pelagie in videoconferenza un esempio di assolvimento dell obbligo di istruzione in un contesto isolato.

Le Pelagie in videoconferenza un esempio di assolvimento dell obbligo di istruzione in un contesto isolato. un esempio di assolvimento dell obbligo di istruzione in un contesto isolato. Maria Angela Marramaldo, Paola Dragonetti 1 dirigente scolastico dell Istituto Onnicomprensivo di Lampedusa e Linosa via Enna,

Dettagli

La presenza di questo strumento in classe modifica l ambiente di apprendimento. La possibilità di andare alla

La presenza di questo strumento in classe modifica l ambiente di apprendimento. La possibilità di andare alla IV edizione Anno Accademico 2009/2010 Il CORSO L uso delle nuove tecnologie a scuola ha trasformato la relazione comunicativa tra studenti ed insegnanti, modificando gli stili di apprendimento, le strategie

Dettagli

LABORATORIO a cura di Pier Cesare Rivoltella e Andrea Garavaglia

LABORATORIO a cura di Pier Cesare Rivoltella e Andrea Garavaglia LABORATORIO a cura di Pier Cesare Rivoltella e Andrea Garavaglia La Formazione a distanza di Terza Generazione Laboratorio 1 - La Formazione a distanza La formazione a distanza Premessa Obiettivo Il senso

Dettagli

Master di I livello LA SCUOLA NUOVA DELLA CONOSCENZA: FORMAZIONE, COMUNICAZIONE E NUOVE TECNOLOGIE. a.a. 2014-2015.

Master di I livello LA SCUOLA NUOVA DELLA CONOSCENZA: FORMAZIONE, COMUNICAZIONE E NUOVE TECNOLOGIE. a.a. 2014-2015. Master di I livello LA SCUOLA NUOVA DELLA CONOSCENZA: FORMAZIONE, COMUNICAZIONE E NUOVE TECNOLOGIE 60 CFU 1500 ore PRESENTAZIONE La scuola non può più essere vista come un luogo dominato da un modello

Dettagli

I SERVIZI BIBLIOTECARI E LA FORMAZIONE A DISTANZA. Dott. Patrizia Lùperi Corso sull informazione bibliografica Seminario 2 Ottobre 2006

I SERVIZI BIBLIOTECARI E LA FORMAZIONE A DISTANZA. Dott. Patrizia Lùperi Corso sull informazione bibliografica Seminario 2 Ottobre 2006 I SERVIZI BIBLIOTECARI E LA FORMAZIONE A DISTANZA Dott. Patrizia Lùperi Corso sull informazione bibliografica Seminario 2 Ottobre 2006 Formazione a distanza Con l espressione Formazione a distanza (FAD)

Dettagli