BILANCIO DI ESERCIZIOO BILANCIO CONSOLIDATO 2013

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO DI ESERCIZIOO BILANCIO CONSOLIDATO 2013"

Transcript

1 BILANCIO DI ESERCIZIOO BILANCIO CONSOLIDATO 2013

2 Bilancio di esercizio 2013 Assemblea Generale 21 giugno 2014 Coop Consumatori Nordest Società Cooperativa Via Ragazzi del 99 n Reggio Emilia Codice Fiscale, Partita IVA e Registro delle Imprese: R.E.A.: n Iscrizione Albo Cooperative Sezione a Mutualità Prevalente: n.a Costituita il 05 luglio 1945, durata fino al 31 dicembre

3 GGRUPPO COOP CONSUMATORI\ COOP CONSUMATORI NORDEST SC Coop Consumatori Nordest Sc

4 SOCIETÀ DEL GRUPPO GRUPPO COOP CONSUMATORI NORDEST SC Trento Sviluppo Srl 50% Immobiliare Nordest Spa 82,58% Hipermarketi Coop doo 10 0 % Aurora Srl 50% 10 0 % Panama Blu Spa Immobiliare P orta Nuova Spa 50% Nuova P lanetario Spa 83,33% Enercoop Srl 50% Silos Spa 40% Centro M eduna Scrl 72,40% Coop Sicilia Spa 50% Consorzio Centro Commerciale Cervignano 64,20% Supercoop Sicilia Srl 50% Virgilio Scrl 62,66% Comunicare Spa 49,49% Consorzio Centro Commerciale Eurosia 59,80% L' A riosto Scrl 55,48% Ipercoop Sicilia Spa 50% Fidenza Scrl 5 1% Fabricor doo 48,87% 2,27% Centro Commericale Gotico Scrl 46,10% 28,57% Librerie Coop Spa Centro Torri Srl 43% 25% Immobiliare Ragusa 2013 Srl Consorzio Centro Commerciale La Favorita 40,91% 25,70% Tangram Spa Benaco Scrl 37,98% 21,28% Lima Srl Centrale Adriatica Sc 30,03% Refincoop Spa 29,88% controllo diretto controllo indiretto collegate collegate indirettamente

5 GGRUPPO COOP CONSUMATORI\ COOP CONSUMATORI NORDEST SC Coop Consumatori Nordest Sc SOMMARIO BILANCIO DI ESERCIZIO - LA GOVERNANCE PAG. 1 - LETTERA AI SOCI PAG. 2 - RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. 5 - STATO PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO PAG NOTA INTEGRATIVA PAG ALLEGATI E PROSPETTI SUPPLEMENTARI PAG RELAZIONE DELLA SOCIETA DI REVISIONE PAG RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE PAG. 200 BILANCIO CONSOLIDATO - RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG SITUAZIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA PAG CONTO ECONOMICO PAG PROSPETTI SUPPLEMENTARI PAG NOTE ESPLICATIVE AL BILANCIO PAG RELAZIONE DELLA SOCIETA DI REVISIONE PAG RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE PAG. 286

6 LA GOVERNANCE CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PRESIDENTE VICEPRESIDENTE COLLEGIO SINDACALE PRESIDENTE COMMISSIONE VALORI E REGOLE PRESIDENTE VICEPRESIDENTE SOCIETA DI REVISIONE CATTABIANI PAOLO SGAVETTA ROBERTO BAGNATO CARMELA BARACCHI VITTORIO BENATI FABRIZIO BOCCHIA MAURO BON CARLA BORTOLINI MAURIZIO BORTOLOTTI MAURO CANTONI ROSSELLA CHERUBINI GIOVANNI CARLO CURIONI RAFFAELLA DAVOLI LORENZA DI DIO ALESSIO DRIGANTI SERGIO DRIGO IRINA GALLI GIOVANNA GRION MAURO LOSI LORETTA PARMEGGIANI FEDERICO RIGO DAMIANO SCOTTI DANIELE SEMENZATO MARIALENA SESSO ROBERTO TONDELLI MARCO VIO ENZA ZANICHELLI MASSIMO ZOCH NERINO ZONI LOREDANA ZOTTI OVIDIO SNAIDERO LORENZO CERIOLI ROBERTO MORARA PIER LUIGI LANDI PAOLO BORGHI CORRADO FRANZINI UBALDO LO SCIUTO FRANCESCO MIO CHIARA OLIVATI GIOVANNI PARMIGIANI MARISA PICCOLO RENZO SANTILLO PATRIZIA DELOITTE & TOUCHE SPA 1

7 LETTERA AI SOCI Lettera ai soci Care Socie e cari Soci, il 2013 è stato ancora una volta un anno difficile per l economia italiana. Siamo in una recessionee durissima che, dopoo aver colpito le imprese e lo Stato, nell ultimo biennio si è pesantemente abbattuta sulle famiglie italiane. Pressione fiscale ai massimi storici, disoccupazione in drammatico aumento, elevata inflazione e perduranti difficoltà di accesso al credito sono le cause della drastica riduzione del reddito degli italiani che ha segnato un - 10% dal Quasi un terzo degli italiani sono a rischio di esclusione sociale e oltre il 12% delle famiglie nonn può permettersi una dieta proteica adeguata. In questo contesto, gli italiani hanno compresoo appieno come fare per adeguaree la spesa alla cadutaa del reddito, rivoluzionando il proprio stile di vita e rivedendo profondamente i modelli di consumoo utilizzati. Così, crollano le compravendite di abitazioni, si rinvia anche l acquisto del cappotto, si riducono le auto in circolazione nelle città, si rimanda l acquisto del divano e del frigo nuovo, si rinuncia ad andare in vacanza, allo stadio, al cinema in pizzeria. La spesa alimentare pro-capite ritorna agli anni 60 grazie allaa razionalizzazione del carrello, sempre più composto da private label, articoli in promozione, con una contestuale lotta agli sprechi e taglio del superfluo. Una crisi di tale portata non poteva non avere effetti sul dettaglio italiano. La Gdo italiana vedee un appesantimento ulteriore dei bilancii e le performance si collocanoo oramai a grande distanza dalle medie europee. Coop Consumatori Nordest Sc agisce su territorii pienamente coinvoltii dalla crisii economica e ha registrato un calo di vendite del 2,6% %. Grazie a un lavoro straordinario, che dimostra la capacità reattiva dell impresa a condizioni di mercato più difficili, il risultato del 2013 è il migliore degli ultimi 5 anni, pari a euro dopoo aver sostenuto imposte per euro È un risultato molto positivo, soprattutto se lo si guarda nel quadro di difficoltà che le imprese, non solo cooperative, stanno attraversando nel chiudere gli esercizi La missione primaria della Cooperativa nel difenderee il potere d acquisto dei soci consumatori è stata svolta pienamente. Nel corso del 2013 l inflazione Istat è stata del 1,98%; i prezzi all acquisto sono cresciutii dell 0,75% aumento che non è stato riversato completamente sui prezzi al consumatore salitii solo dello 0,25%, includendo le numerosee promozioni. L offerta commerciale di Coop è stataa fortemente caratterizzata dallaa promozionalità periodica che ha visto aumentare il valore dei vantaggi complessivi assicurati sia i soci che a tutti i consumatori dello 0,7% rispetto all anno precedente, arrivando al valore di euro. Questa scelta di convenienza ha premuto sui marginii commerciali della Cooperativa, ma grazie a importanti recuperi sul piano della gestione dei punti vendita, degli acquisti e della logistica la gestione caratteristica ha raggiunto un risultato positivo per euro, migliorando o significativamente il dato del

8 Il 2013 è stato un anno positivo per la base sociale, con un numero di nuovi soci (quasi ) che racconta di come l adesione alla cooperativa sia ancora un valore per i consumatori in termini di tutela del proprio potere d acquisto e in termini di partecipazione, come dimostrano i soci che hanno preso parte alle assemblee. La fiducia riposta in Coop Consumatori Nordest Sc da parte dei soci è confermata ulteriormente dall andamento del prestito sociale. Dopo l andamento negativo della prima parte del 2012, in linea con le difficoltà del risparmio delle famiglie, nel 2013 il prestito sociale torna a salire fino ad un valore medio di 1 miliardo e 343 milioni di euro: il 4% in più dell anno precedente. È il risultato delle azioni di rilancio e innovazione del prestito attivate già dal 2012, ma è soprattutto un risultato di fiducia nell istituto, sottolineata da un rapporto prestito-patrimonio netto di 1,75, ben lontano da quel 1 a 3 imposto come limite dalla normativa. Mentre nel paese gli investimenti crollano, Coop Consumatori Nordest Sc continua lo sviluppo, inaugurando nel 2013 il nuovo importante Ipercoop Tiare di Villesse (GO) e il supermercato di Udine via Bassi. A questi si aggiunge la ristrutturazione del supermercato di Rubiera (RE). La linea definita dal piano d impresa , è quella di continuare con politiche di sviluppo attente, che rispondano ad opportunità vere e realistiche per i territori già molto affollati di grande distribuzione. Sono le persone che lavorano in Coop Consumatori Nordest Sc e nel 94,2% dei casi a tempo indeterminato. Per il lavoro in Cooperativa il 2013 è stato un anno importante con il risultato per niente scontato della sottoscrizione del nuovo contratto integrativo aziendale, approvato da tutto il sindacato e validato da una consultazione dei lavoratori che ha visto oltre il 70% dei consensi. L impegno di Coop Consumatori Nordest Sc per tutelare i lavoro è dimostrato, inoltre, da un risultato importante: nel 2013 si è registrato il minimo storico di infortuni sia per frequenza che per gravità, a conferma dell efficacia delle attività svolte per la sicurezza. Le altre gestioni contribuiscono per oltre 8 milioni di euro al risultato d esercizio. All interno di queste però troviamo luci e ombre. A una gestione finanziaria estremamente positiva con un risultato di oltre 20 milioni di euro, realizzati con prudenza e attenzione, si contrappone un risultato complessivamente negativo delle società partecipate per oltre 11 milioni di euro segnando comunque un miglioramento di oltre 2 milioni di euro rispetto al Questo risultato ancora non positivo per la Cooperativa è dovuto al costo dell uscita da partecipazioni non più strategiche, ad esempio nel canale discount, e da andamenti ancora difficoltosi in settori e territori, ad esempio la Sicilia, che devono proseguire il loro percorso di miglioramento in un ottica di medio periodo. Proprio per Ipercoop Sicilia Spa e Supercoop Sicilia Srl, il 2013 è stato un anno importante con l acquisizione di nuovi punti vendita che rendono più importante la presenza sull isola e più forte la leva gestionale per ottenere risultati positivi in futuro. 3

9 LETTERA AI SOCI Lettera ai soci Care Socie e cari Soci, Continua un percorso tracciato nel 2012 con il piano d impresa che guardava ai tre anni successivi. Coop Consumatori Nordest Sc ha raggiunto il primo degli obiettivi ambiziosi contenuti nel piano, che, pur avendo delineato uno scenario di consumi più favorevole rispetto alla dura realtà che ci ha consegnato il 2013, ci portava a un sostanziale pareggio della gestione caratteristica un anno dopo. Purtroppo però, il 2014 non è l anno della ripresa dei consumi ma si sta delineando come un ulteriore periodo di flessione di questi, con andamenti per le vendite alimentari ancora in netto calo. Non solo rimane valido, ma va perseguito, il disegno che guarda a una maggiore integrazione fra le cooperative di consumo come scelta responsabile e necessaria per affrontare, con dimensioni e volumi economici e sociali più elevati, le sfide di un mercato durissimo e di un consumatore molto più attento che vuole risparmiare e che spesso non può spendere. Ora non è più il tempo di fare affidamento semplicemente sul grande patrimonio che generazioni di cooperatrici e cooperatori hanno costituito, ma è il tempo che noi cooperatrici e cooperatori di oggi ne creiamo uno nuovo, con l ambizione di essere protagonisti del futuro delle nostre comunità e del nostro paese come lo siamo stati dal dopoguerra ad oggi. Ci guidino in ciò coraggio, generosità e senso di responsabilità non solo imprenditoriale e sociale, ma anche la costante e coerente pratica quotidiana del buon esempio etico e morale di cui si sente un gran bisogno. Il Presidente Paolo Cattabiani 4

10 RELAZIONE SUL CARATTERE MUTUALISTICO DELLA COOPERATIVA Signore socie, Signori soci, il Consiglio di Amministrazione sottopone all esame e all approvazione dell Assemblea il bilancio dell esercizio chiuso al 31 dicembre Il bilancio è corredato dalla Relazione sulla gestione che illustra i risultati conseguiti nell esercizio, sia sotto l aspetto economico-patrimoniale che finanziario che sotto gli aspetti istituzionali e sociali. L analisi istituzionale e sociale viene raggruppata in cinque capitoli che costituiscono una coerente rielaborazione e segmentazione dell insieme delle finalità statutarie. I cinque gruppi di portatori di interesse, rappresentano la distintività di Coop Consumatori Nordest Sc, cioè quei tratti che sono propri e peculiari della cooperazione di consumatori e precisano la responsabilità sociale della Cooperativa. Nel loro complesso consentono di mettere a fuoco e di valutare ciò che la Cooperativa ha fatto nell anno trascorso per il consolidamento e lo sviluppo dell impresa e a favore di soci, consumatori, dipendenti, comunità locale e internazionale, ambiente. Viene in questo modo sottoposta a verifica la coerenza tra l azione svolta e la funzione sociale che la Cooperativa è chiamata a esercitare nell interesse dei suoi soci e consumatori e della società nel suo complesso. Si ritiene di ottemperare così compiutamente a quanto richiesto dall art. 2 della Legge 59/92 e dall art del Codice Civile che stabilisce che Gli amministratori e i sindaci della società, in occasione della approvazione del bilancio di esercizio debbono, nelle relazioni previste dagli articoli 2428 e 2429 indicare specificamente i criteri seguiti nella gestione sociale per il conseguimento dello scopo mutualistico. Si segnala inoltre che la Cooperativa si è avvalsa della facoltà prevista dall art.20 dello Statuto Sociale di convocare l assemblea entro i 180 giorni dalla chiusura dell esercizio in quanto tenuta alla redazione del bilancio consolidato. Chi siamo Coop Consumatori Nordest Sc è una delle nove grandi Cooperative di consumatori del sistema Coop, gruppo leader della moderna distribuzione italiana. Nata nel 1995 dall unificazione di Coop Nordemilia e di Coop Consumatori Friuli-Venezia Giulia, opera in ampie aree dell Emilia, della Lombardia, del Trentino, del Veneto, del Friuli Venezia Giulia. Attraverso la Cooperativa centinaia di migliaia di consumatori associati sono oggi in grado di essere attori sul mercato della distribuzione. Quella cui partecipano è un originale esperienza di mutualità, partecipazione e democrazia economica, per tutelare e promuovere i propri diritti e assicurare a se stessi e alle proprie famiglie convenienza, qualità e sicurezza dei prodotti che acquistano. Le finalità statutarie Tutela dei consumatori, responsabilità sociale, partecipazione democratica dei soci alla vita 5

11 RELAZIONE SULLA GESTIONE Relazione sulla gestione della Cooperativa: sono questi i fondamentali scopi statutari che orientano l azione di Coop Consumatori Nordest Sc e che contribuiscono a delinearne i caratteri distintivi. Le finalità che Coop Consumatori Nordest Sc persegue con la propria attività, sono chiaramente definite dallo statuto sociale. L articolo 2 (punto 1) stabilisce che la Cooperativa si propone di assolvere la funzione sociale di difesa dei consumatori, soci e non soci, fornendo loro beni alle migliori condizioni possibili, erogando servizi e assumendo iniziative idonee a tutelare i loro interessi, a proteggere la loro salute, ad accrescere la loro informazione e la loro educazione, onde favorire la piena libertà di scelta e per evitare danni e sprechi nei comportamenti di consumo, nell uso dei beni, dei servizi e delle risorse naturali. Lo stesso articolo 2 (punto 5) afferma inoltre che la Cooperativa si propone di stimolare un attiva e democratica partecipazione, diretta e delegata, dei soci alla vita della Cooperativa. La Cooperativa e le società controllate e collegate La sede centrale di Coop Consumatori Nordest Sc si trova a Reggio Emilia, in via Ragazzi del 99 n.51, la sede secondaria a Pordenone, in via Musile, n.9. La rete di vendita della Cooperativa è diffusa in quattro regioni e dodici province: Emilia: province di Reggio Emilia, Parma e Piacenza; Lombardia: province di Mantova e Brescia; Veneto: province di Rovigo, Venezia e Treviso; Friuli-Venezia Giulia: province di Pordenone, Udine, Gorizia e Trieste. Coop Consumatori Nordest Sc opera anche attraverso alcune società controllate o partecipate: nella distribuzione alimentare ed extra-alimentare in Trentino (Trento Sviluppo Srl), in Lazio (Distribuzione Roma Srl) e Sicilia (Ipercoop Sicilia Spa e Supercoop Sicilia Srl); nel settore immobiliare con Immmobiliare Nordest Spa in Italia e con Fabricor doo in Croazia; in altri settori, in particolare nei settori viaggi e turismo (Nuova Planetario Spa), nella vendita di prodotti finanziari (Simgest Spa), nella distribuzione dei farmaci (Pharmacoop Spa), nelle librerie (Librerie Coop Spa), nella distribuzione di carburanti (Enercoop Srl), nel settore radiotelevisivo (Comunicare Spa), nel lavoro interinale (Tangram Spa/Obiettivo Lavoro Spa). Coop Consumatori Nordest Sc si configura perciò come la Capogruppo, sia con partecipazioni di controllo che di minoranza, cui sono affidate le scelte strategiche e il governo d insieme. La Cooperativa aderisce a Coop Italia Sc, centrale di acquisto e di marketing del sistema Coop a livello nazionale, e a Centrale Adriatica Sc, centrale di acquisto, di marketing e di logistica delle Cooperative di consumatori del Distretto Adriatico. L organizzazione sociale La Cooperativa si articola con 23 Distretti Sociali e con 71 Presìdi locali. Ogni distretto ha un ruolo di coordinamento e di indirizzo delle attività e fa riferimento a più Presìdi che sono promossi e gestiti grazie ai componenti del Distretto e del Presidio. Per la sua flessibilità sul territorio questa organizzazione consente di allargare la partecipazione e permette di aggiungere nuovi Presìdi nel tempo, non solo legati ai punti vendita, ma anche alla presenza significativa di soci in alcune aree che ne sono, oggi, sprovviste. 6

12 I Distretti Sociali continuano a mantenere il rapporto profondo con la Cooperativa, attraverso la partecipazione ai Comitati Territoriali, garantendo l alto livello di progettualità e innovazione che caratterizza le attività sociali di Coop Consumatori Nordest Sc. 1. La responsabilità sociale in Coop Consumatori Nordest Sc La visione etica fa riferimento alla Carta dei Valori della cooperazione di consumatori, approvata nel 1997 e aggiornata nel 2008, che definisce i valori, l identità e la missione della Cooperativa. Il Codice di responsabilità etica e sociale rende espliciti e trasparenti gli impegni che Coop Consumatori Nordest Sc si assume verso tutti i portatori d interesse che sono cioè interessati a vario titolo alla sua attività: soci, consumatori, dipendenti, comunità, ambiente. Il Codice di responsabilità etica e sociale, riassume e definisce: 1 - Missione e principi di Coop Consumatori Nordest Sc.; 2 - Chi sono gli stakeholder coinvolti nell attività della Cooperativa; 3 - Le norme etiche e gli standard di comportamento che regolano i rapporti tra la Cooperativa e i diversi portatori d interesse; 4 -Gli strumenti, le procedure e le sanzioni che assicurano il rispetto delle norme quali gli organi di attuazione e di controllo e le eventuali sanzioni. Tra le norme di attuazione il Codice prevede la formazione etica aziendale rivolta a soci, dipendenti e altri portatori d interesse. L organismo di controllo, previsto dallo statuto, è la Commissione Valori e Regole (CVR), rinnovata nel 2011 per il triennio Fanno parte della commissione, oltre a 5 rappresentanti dei soci e al presidente delegato dall Accda (Associazione delle Cooperative di consumatori del distretto adriatico), anche tre rappresentanti di interessi collettivi esterni (rappresentanti delle associazioni dei consumatori, del mondo del volontariato, del mondo universitario, ecc) e come invitato permanente il Presidente nazionale di Legacoop o suo delegato. Il confronto nell ambito della CVR con i portavoce degli interessi dei cittadini, dei consumatori e del terzo settore, esplicita il dialogo della Cooperativa con interlocutori esterni e rappresenta un importante opportunità per aggiornare l identità sociale di Coop Consumatori Nordest Sc. La commissione è chiamata a verificare la rispondenza dei comportamenti della Cooperativa con la Carta dei Valori e il Codice di Responsabilità Etica e Sociale. Per svolgere efficacemente questo compito ha approntato, in accordo con gli organi sociali e la direzione aziendale, gli strumenti necessari per impostare un sistema di misurazione della responsabilità etica e sociale verificabile periodicamente. La CVR redige annualmente il Rapporto sulla Responsabilità Etica e Sociale di Coop Consumatori Nordest Sc e relaziona alle assemblee dei soci sull attuazione delle indicazioni e delle norme contenute nel Codice di Responsabilità Etica e Sociale. Il processo di programmazione e rendicontazione è contenuto nel Bilancio di responsabilità sociale, fondamentale per valutare e conseguentemente comunicare i risultati sia all interno che all esterno dell organizzazione. 1.1 I primi portatori di interesse: i soci La crescita della Cooperativa e il rafforzamento del suo patrimonio sociale sono la condizione per continuare ad assicurare nel tempo vantaggi a tutti i portatori di interesse ma in particolare per consegnare un impresa solida e vitale alle future generazioni di soci. L attività svolta nel 2013 rimane particolarmente significativa perché ha dovuto misurarsi con il persistere e l aggravarsi della crisi economica e finanziaria che ha investito le economie mondiali sta interessando sia la capogruppo che le partecipate. 7

13 RELAZIONE SULLA GESTIONE Relazione sulla gestione Coop Consumatori Nordest Sc è riuscita, in questo difficile scenario, a rafforzare il patrimonio della Cooperativa ed all unisono a tutelare potere d acquisto e risparmio dei soci. Vendite e reddito operativo netto Le vendite della Cooperativa nel 2013 raggiungono i milioni di euro con una flessione del 2,6% sul dato L'andamento negativo delle vendite è legato fortemente alla crisi dei consumi che l'attuale ciclo economico ha imposto nel corso dell'anno. L andamento è in linea con il calo delle vendite della GDO nazionale, che ha visto cali del 3,9% per gli ipermercati e del 2,1% per i super. VENDITE COOP CONSUMATORI NORDEST SC - valore (in migliaia di euro) variaz.% a.p. -0,9% -2,6% La difficoltà nelle vendite è stata però compensata con attività sia sul piano gestionale che in importanti recuperi di marginalità legata alla centralità degli acquisti e della logistica che hanno permesso un importante recupero di redditività operativa rispetto al E un risultato importante che dimostra reazione nella gestione a fronte di consumi in netto calo. R.O.N COOP CONSUMATORI NORDEST SC - valore (in migliaia di euro) inc.% vendite -0,02% 0,05% All interno del gruppo, le criticità congiunturali non hanno aiutato i risultati delle partecipate siciliane, anche se i volumi di vendite nella regione hanno goduto dell acquisizione di 4 super e 2 iper dal gruppo Aligrup. In linea con le attese i risultati delle altre società, compresa Nuova Planetario oggetto di una forte ristrutturazione aziendale. VENDITE DEL GRUPPO (in migliaia di euro) Coop Consumatori Nordest Sc 100,00% Ipercoop Sicilia Spa 50,00% Nuova Planetario 83,33% Trento Sviluppo Srl 50,00% Distribuzione Roma Spa 16,45% Enercoop Srl 50,00% Supercoop Sicilia Srl 50,00% Librerie Coop Spa 25,00% totale Risultato netto aziendale La Cooperativa ottiene un risultato ante imposte positivo per 8,511 milioni di euro che porta ad 8

14 un risultato netto di un utile di 8,321 milioni di euro. Il risultato delle altre gestioni (immobiliare finanziariaa e di gruppo e sistema) ha prodotto un utile di 8,054 milioni di euro. RISULTATO NETTO AZIENDALE (in migliaia di euro) Risultato Area Commerciale Risultato Altre Gestioni RISULTATO ANTE IMPOSTE IMPOSTE RISULTATO NETTO AZIENDALE % ,32% ,92% Sviluppo della retee di vendita Coop Consumatori Nordest Sc ha rispettato anche nel 2013 gli obiettivi per la crescita della retee di vendita, continuando a investire in un momentoo in cui molti operatori disinvestono. Nel mercato della distribuzione commerciale le condizioni dello sviluppo sono sempre più complesse, sia per gli elevati costi di acquisizione delle aree e di costruzione, che per la forte concorrenza. Occorre sempre più essere rigorosi nell esame delle opportunità à, per individuare quelle in grado di creare un ritorno degli investimenti in tempi ragionevoli. Le nuove aperture del 2013 sonoo state quelle del supermercato di Udine in via Bassi e del nuovo Iper Tiare di Villesse, che hanno la contestuale chiusura di Udine via Forni e dell Ipercoop di Gradisca. La ristrutturazione più significativa è stata quella di Rubiera (RE). NUOVE APERTURE COOP CONSUMATORI NORDEST SC - numero - mq area vendita RISTRUTTURAZIONI completate COOP CONSUMATORI NORDEST SC - numero - mq area vendita Sviluppo della base sociale I nuovi soci del 2013 sono stati dato in forte crescita rispetto agli andamenti degli ultimi anni, portando il totale dei soci sottoscrittori a La convenienza riservata ai soci nel 2013, la nuova carta sociocoop+ e soprattutto campagne di adesione con vantaggi per i nuovi iscritti, hanno permesso un risultato importante. Si registrano inoltre nuovi soci prestatori che portano ad un saldo molto positivo delle posizioni, a conferma della bontà delle nuove politiche di rilancio del Prestito Sociale e dei servizi collegati. Tu utte le domande di ammissione pervenute sono state accolte dal Consiglio di Amministrazione, verificato la sussistenza dei requisiti stabiliti dallo Statuto Sociale. 9

15 RELAZIONE SULLA GESTIONE Relazione sulla gestione SVILUPPO BASE SOCIALE Nuovi soci sottoscrittori - Variazione soci sottoscrittori - Nuovi soci prestatori - Variazione soci prestatori Partecipazione sociale La partecipazione allaa vita della Cooperativa si esprime: attraverso la partecipazione dei soci alle assemblee separate; attraverso l attività degli organi sociali. Le assemblee separate procedono - assieme ad altri importanti adempimenti come l approvazione del bilancio consuntivo - all elezione degli organi sociali, sulla base della procedura democratica stabilita dallo statuto, e alla nomina dei delegati all assembleaa generale. L attività degli organi sociali si svolge con finalità di governo dell impresa (consiglio di amministrazione), di controllo (commissione valori e regole), partecipative a livello provinciale e interprovinciale (comitati territoriali) e locale (consigli distrettuali). Sale la partecipazione dei soci alle assemblee, con partecipanti ed un incremento del 7,5% sul dato del In crescita la partecipazione ai momenti di partecipazione e attività dei soci volontari. PARTECIPAZIONE SOCIALE Partecipanti alle assembleee Soci - Numero incontri soci volontari - Partecipanti ai corsi di responsabilità sociale Prestito sociale Il valore medio del prestito sociale, registra una crescita del 4% rispetto al 2012, invertendo una tendenza al ribasso del periodo precedente e raggiungendo un valore medio pari a 1.343,9 milionii di euro. Il buon risultato del valore medio del prestito sociale nel corsoo del 2013 è legato ad un'azione di rilancio del prestito che ha presentato tassi di remunerazione articolati e un pacchetto di servizi innovativo. La crisi del risparmio delle famiglie è molto profonda, il livello del prestito sociale di Coop Consumatori Nordest Sc è ancora un significativo indice della fiducia che i soci avvertono nei confronti della Cooperativa. L intervento sui tassi di interesse ha portato ad una remunerazione media lorda del prestito in aumento all 2,17% %. L istituto del prestito di Coop Consumatori Nordest Sc si conferma uno strumento ben tutelato dalla Cooperativa e nel 2013 vede il rapporto con il patrimonio netto attestarsi a 1,75 ben lontano dal rapporto di 1 a 3 previsto come limite dalla normativa nazionale. Si sono riconfermate le caratteristiche peculiari dell istituto: tutela il risparmio dei soci; gratuità delle operazioni senza oneri per giornii di valuta o spese di gestione; praticità e comodità di accesso al servizio negli orari di apertura dei punti di vendita; 10

16 chiara esposizione di tutte le operazioni che rendono semplice il controllo e il calcoloo degli interessi maturati; impieghi sempre normati dalla prudenza espressa dai regolamenti di Cooperativa e del sistema Coop. PRESTITO SOCIALE Valore medio prestito sociale in migliaia di euro - variazione % - Rapporto Prestito sociale su Patrimonio netto - Remunerazione media lorda prestito sociale - Media annuale Euribor a tre mesi ,4% 1,68 1,86% 0,57% ,0% 1,75 2,17% 0,22% Valore dei vantaggi assicurati ai soci Le politiche a favore dei soci, rappresentate dal le promozioni in terminii di conve- nienza e dalle premialità e ser- vizi offerte dal collezionamento dei punti cartaa socio-coop, ammontano a 88,932 milioni di euro in leggero incremento rispetto al già elevato dato del In tutto l'anno sono state perseguite attività che hanno ulteriormentee rafforzatoo la convenienza e i vantaggi innanzitutto per i soci. I soci hanno potuto usufruire di promozioni dedicate in tutti i settori merceologicii ed hanno beneficiato dell offerta di premi e servizi del catalogoo punti carta sociocoop. Fra le offerte più significative troviamo: offerte commerciali riservate; sconto 15% sui libri di testo; sconto 15% sui materiali per la scuola; sconto del 20% su un prodotto non alimentare a scelta. Vendite ai soci La forte prevalenza mutualisticaa della Cooperativa è confermata nel con una percentuale e del valore di vendite verso i soci pari al 76,,8%, ancoraa in crescita. VALORE dei VANTAGGI assicurati ai SOCI Valore totale dei vantaggi assicurati ai soci (unità di euro) % VENDITE AI SOCI (mantenere elevata la quota di vendite ai soci sul totale) ,1% ,8% 11

17 RELAZIONE SULLA GESTIONE Relazione sulla gestione Raccolta punti carta sociocoop La raccolta punti di cartaa sociocoop, ha visto il ritornoo ad un collezionamento su base annuale con la novità di non avere più periodi di sospensione per l accumulo dei punti, con obiettivo di redemption sempre significa-tivi e superiori al 75%. Grande attenzione ricevono i prodotti da acquistare tutti i giorni con i punti e l integrazione fra i punti e l offerta telefonica di Coopvoce. Sempre distintiva è la quota di soci che devolvono i punti nei vari progetti di solidarietà. 1.2 Gli impegni verso tutti i consumatori Obiettivo primario della Cooperativa e quello di fornire convenienza diffusa per tutti i consumatori, funzione che calmiera i mercati e percorre la finalità più estesa e consumeristica della Cooperativa. Convenienza e posizionamento sul mercato Nel corso del 2012 si è registrata un'inflazione all'acquisto dello 0,75% che non è stata riversataa completamente sui prezzi al consumatore saliti, comprendendo i prezzi promozionali, dello 0,27%. L'offerta commercialee di Coop è stata fortemente caratterizzata dalla promozionalità periodica che ha visto l aumento di prodotti scontati di uso quotidiano rispetto al Il rispetto della primaria funzione della Cooperativa nell'offrire convenienza è testimoniato dall'andamento di crescita inferiore dei prezzi praticati rispetto ai dati Istat di riferimento che registrano un'inflazione ponderata del 1,98% su base annua. POSIZIONAMENTO SUL MERCATO INFLAZIONE TOTALE Coop Consumatori Nordest Sc acquisto Coop Consumatori Nordest Sc vendita Benchmark da Istat 1,56% 1,21% 2,30% 0,75% 0,27% 1,98% Il valore dei vantaggi complessivi, assicurati a soci consumatori, arriva così a 102,874 milioni di euro,rappresentando l 11,3% delle vendite totali. POSIZIONAMENTO SUL MERCATO Valore dei vantaggi assicurati a soci e consumatori (unità di euro) % su vendite totali ,9% ,3% Nonostante scelte di forte convenienza che hanno ridotto un potenziale maggiore di ricavii commerciali, la Cooperativa preserva sostanzialmente le sue quote di mercato che si attestano al 9,8%. 12

18 POSIZIONAMENTO SUL MERCATO Vendite rete omogenee Quote di mercato -2,1% 10,0% -3,7% 9,8% Sviluppo delle lineee dei prodotti a marchio Coop I prodotti a marchio occupano un ruolo centrale nelle politiche rivolte alla convenienza, alla qualità, alla sicurezza e all eticità dell offerta. L articolazione dell offerta per lineee o mondi risponde all obiettivoo di soddisfare le diverse esigenze e bisognii dei consumatori, e i diversi modi di effettuaree l atto di acquisto. Nel 2013 il prodotto a marchio ha rappresentato una delle levee più significative della distintività commerciale e competitiva di Coop, grazie soprattutto all'operazione Coop dà una mano allaa tua spesa, che per ogni 10 euro spesi distribuiva buoni scontoo per il prodotto Coop, con risultati di redenzione di oltre l'80% Le vendite di prodotto a marchio Coop della Cooperativa hanno raggiunto i 194,105 milioni di euro toccando il 21,4% sulle vendite totali della Cooperativa a (+4% sul 2012). CONSUMERISMO PRODOTTOO COOP - TOTALE ASSORTIMENTO (vendite totale assortimento Food / Non food) - valore fatturato in unità di euro - % su vendite totali di Cooperativa - variazione % - atti di acquisto - variazione % Origini trasparenti ,0% 0,6% ,2% ,4% 4,0% ,4% "Origini Trasparenti" è la nuova campagna consumerista di Coop il cui scopo èrenderee disponibile in tempo reale l' informazione relativaa all'origine dellee materie prime dei prodotti alimentari confezionati. Una campagna, unico esempio in Europa, che punta alla trasparenza a dell' 'informazione, per quanto attiene ai prodotti a marchio confezionati; in totale oltre 1400 di uso quotidiano. Creato un sito dedicato dove il consumatore, digitando il codice a barre o il nome del prodotto, avrà subito disponibili le informazionii relative alle principali materie prime impiegate nelle produzioni, quelle più consistenti dal punto di vista quantitativo e quellee caratterizzanti il prodotto. Realizzata anche un App (disponibile su piattaforma ios ed Android) che consente, semplicementee fotografando il codice a barre, di ottenere le stesse informazionii offerte dal sito 13

19 RELAZIONE SULLA GESTIONE Relazione sulla gestione ViviVerdee I prodotti biologici sono una linea a marchio Coop rilevantee in termini di numero referenze, alla fine del 2013 erano complessivamente più di400. Il marchio Vivi verdee comprende anche prodotti ecologici non alimentari come pile ricaricabili, piatti e bicchieri monouso in Pla IngeoTM un materiale biodegradabile derivato dal mais. Vivi verdee nel 2013 archiviaa un altro anno in crescita a doppia cifra. Conferma di una forza del brand non troppo condizionata e dipendente da promozioni. Un esempio importante di come valori e valore non siano antieticima possono integrarsi a beneficio di tutti: soci, cittadini, imprese, ambientee e territori. Fior Fiore Da quando nel 2009 è stataa lanciata, Fior Fiore porta in tavola il meglio della tradizione gastronomica italiana ma anche squisite specialità d oltre confine, preparate con materiee prime sceltee scrupolosamente e lavorate con attenzione.la linea Fior Fiore chiude ancora una volta con segno positivo (+14,8 %). Un risultato che premia la qualità e la distintività di una variegataa proposta continuamente aggiornata e arricchita da nuovi lanci (30 nuove referenze nel 2013) ).Importante ricordare il lancio della rivista fior fiore in cucina che è diventata in 12 mesi il mensile di cucina più venduto nel segmento premium di riferimento (es. La cucina Italiana, Sale e Pepe). Bene.sì La linea Bene.sì è costituita da prodotti funzionali con caratteristiche nutrizionali di valore indicate sulla confezione di ciascun prodotto che, nata nel 2009, ha avuto un forte potenziamento fino ad annoverare 36 tipologie di prodotti al termine del La linea comprende prodotti dedicati a che vuole trattarsi bene ogni giorno attraverso un alimentazionee adeguata alle proprie specifiche esigenze, studiataa per nonn rinunciare al gusto e con l obiettivo di: svolgere una specifica funzione benefica per l organismo, ridurre l apportoo di grassi, zuccheri e sodio. Beneficio/equilibrio/ leggerezza rappresentano le parole chiave per identificare i prodotti. 14

20 Club 4-10 Coop ha deciso di promuovere concretamente un corretto stile di vita per prevenire il sovrappesoo e l'obesità infantile, un fenomeno che in Italia riguarda addirittura un bambino su tre. Cosìè nata Club 4-10, una linea di prodotti innovativi e gustosi particolarmentee adatti a comporre una dieta bilanciata per bambini. Questi prodotti sonoo pensati e studiati proprio per i Vostri bambini con il contributo e la supervisione di un comitatoo scientifico costituitoo da ECOG (european Childhood Obesity Group, il più autorevole organismo europeo nel campo dell'obesità infantile) e SIO (Società Italiana dell'obesità). Farmaci da banco Dopo l acido acetilsalicilico, l acido ascorbico e il paracetamolo Coop, nel 2013 è continuato lo sviluppo nel campo degli integratorii multivitaminici Eukappa. con Eufyr e Prodotti senza glutine E proseguita anche per il 2013 la collaborazione con AIC (Associazione Italiana Celiachia). La linea senza glutine a marchio Coop a fine 2013 contava 18 referenze e 264 prodotti Coop, presenti nel Prontuario degli Alimentii edito da AIC, con una quota intorno al 30% sul totale alimenti senza glutine. CoopVoce Coop Consumatori Nordest Sc, attraverso Coop Voce, offre anche nella telefonia mobile opportunità di risparmio con tariffe convenienti, semplici e trasparenti. Nel 2013, forte è stato il successo della possibilità di utilizzare i punti carta socio-coop per ricaricare il telefono. Al 31 dicembre 2013 le attivazioni e le portabilità totali sono state il 67% in più rispetto 15

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

BILANCIO 2014 e relazioni

BILANCIO 2014 e relazioni BILANCIO 2014 e relazioni Bilancio di esercizio 2014 assemblea generale 20 giugno 2015 a Coop Consumatori nordest società Cooperativa Via ragazzi del 99 n.51 42124 reggio emilia Codice Fiscale, partita

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

La figura del socio lavoratore nella cooperazione di servizi. Bellacoopia Impresa University Reggio Emilia, 10 febbraio 2014

La figura del socio lavoratore nella cooperazione di servizi. Bellacoopia Impresa University Reggio Emilia, 10 febbraio 2014 La figura del socio lavoratore nella cooperazione di servizi Bellacoopia Impresa University Reggio Emilia, 10 febbraio 2014 1 CHI SIAMO Coopservice nasce nel 1991 dalla fusione di due cooperative reggiane

Dettagli

Sei stato sospeso, ti trovi in mobilità, hai perso il lavoro? Fai la mossa giusta.

Sei stato sospeso, ti trovi in mobilità, hai perso il lavoro? Fai la mossa giusta. UNIONE EUROPEA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Investiamo nel vostro futuro

Dettagli

IL CONSORZIO ANALISI DI BILANCIO ED ELEMENTI DI RIFLESSIONE PER LA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE 2008-2011

IL CONSORZIO ANALISI DI BILANCIO ED ELEMENTI DI RIFLESSIONE PER LA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE 2008-2011 IL CONSORZIO ANALISI DI BILANCIO ED ELEMENTI DI RIFLESSIONE PER LA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE 2008-2011 Nell ambito di un orientamento strategico fortemente indirizzato all innovazione e allo sviluppo

Dettagli

Milano, 30 marzo 2004

Milano, 30 marzo 2004 Milano, 30 marzo 2004 Gruppo TOD S: crescita del fatturato (+8.1% a cambi costanti). Continua la politica di forte sviluppo degli investimenti. 24 nuovi punti vendita nel 2003. TOD S Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Progetto: Il radicamento nel territorio come posizionamento distintivo di Coop

Progetto: Il radicamento nel territorio come posizionamento distintivo di Coop Progetto: Il radicamento nel territorio come posizionamento distintivo di Coop IL CONTESTO Coop è inserita, per base sociale e rete di vendita, in territori differenti dal punto di vista culturale, sociale

Dettagli

"Pure Performance" per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune

Pure Performance per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune "Pure Performance" per i Partner Una direzione chiara per una crescita comune 2 "Pure Performance" per i Partner "Pure Performance" per i Partner 3 Alfa Laval + Partner Valore per il Cliente Partner per

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI INTEGRAZIONE, ORIENTAMENTO E BUONE PRASSI RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI L iscrizione degli alunni con certificazione L.104

Dettagli

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Comunicato stampa GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA: I RISULTATI DI BILANCIO 2008 CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Dati economici consolidati riclassificati Proventi Operativi Netti

Dettagli

Informazione per i media

Informazione per i media Mobiliare Svizzera Holding SA Bundesgasse 35 Casella postale 3001 Berna Telefono 031 389 61 11 Telefax 031 389 68 52 lamobiliare@mobi.ch www.mobi.ch Informazione per i media Risultato semestrale 2014 della

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

Il confidi nazionale della cooperazione italiana. Sosteniamo lo sviluppo delle imprese cooperative

Il confidi nazionale della cooperazione italiana. Sosteniamo lo sviluppo delle imprese cooperative Il confidi nazionale della cooperazione italiana Sosteniamo lo sviluppo delle imprese cooperative chi siamo Cooperfidi Italia è il confidi nazionale della cooperazione italiana ed è sostenuto da Agci,

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Rapporto dei presidenti

Rapporto dei presidenti Rapporto dei presidenti Nonostante le difficili condizioni quadro economiche, nel 2015 il Gruppo Migros ha ottenuto un fatturato pari a CHF 27.4 miliardi, con una crescita dello 0.1 %. Inoltre è riuscita

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013-2015 Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 29/01/2013 con delibera n. 9 SOMMARIO Premessa Trasparenza come libertà di informazione

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009.

COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. Fatturato oltre le attese e marginalità in forte miglioramento. Il quarto trimestre è in forte

Dettagli

I CONTENUTI DELL ACCORDO 30 DICEMBRE 2014 TRA FEDERMANAGER E CONFINDUSTRIA DI RINNOVO DEL CCNL DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI

I CONTENUTI DELL ACCORDO 30 DICEMBRE 2014 TRA FEDERMANAGER E CONFINDUSTRIA DI RINNOVO DEL CCNL DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2492 Roma 31 dicembre 2014 ALLE ALLE ALLE ASSOCIAZIONI E SINDACATI TERRITORIALI UNIONI REGIONALI COMPONENTI DELLA GIUNTA ESECUTIVA COMPONENTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE COMPONENTI

Dettagli

specialisti ALMAS RETE MUTUI E PRESTITI

specialisti ALMAS RETE MUTUI E PRESTITI specialisti ALMAS RETE MUTUI E PRESTITI ALMAS, anima, cuore, passione: un gruppo di lavoro che ha scelto la lealtà come obbligo primario nei confronti dei partner e dei clienti, in un momento in cui la

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE GIOVANILI CONVENZIONE 2015 2017 Testo approvato con deliberazioni consiliari di Martellago del, n., Mirano del, n., Noale del,

Dettagli

Gestioni, consulenze e soluzioni innovative per aziende alberghiere.

Gestioni, consulenze e soluzioni innovative per aziende alberghiere. Gestioni, consulenze e soluzioni innovative per aziende alberghiere. Da oltre dieci anni il mercato turistico mondiale ha cambiato aspetto. L'avvento del web come canale di distribuzione, i portali online,

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I DATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2008

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I DATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2008 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I DATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2008 Parmalat consegue un EBITDA di 330,5 milioni di euro al lordo delle differenze cambio e 316,3 milioni di

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

Coopstartup FarmAbility

Coopstartup FarmAbility Coopstartup FarmAbility Bando per la selezione di idee di impresa cooperativa innovativa nell agroalimentare Art. 1 Contesto e obiettivi Coopstartup FarmAbility è un progetto sperimentale per favorire

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

WELFARE AZIENDALE. Ottimizzare il costo del lavoro migliorando il clima aziendale

WELFARE AZIENDALE. Ottimizzare il costo del lavoro migliorando il clima aziendale WELFARE AZIENDALE Ottimizzare il costo del lavoro migliorando il clima aziendale L esperienza di Muoversi nella gestione di piani benefit e work life balance: il caso concreto di BPER Milano, 15 Aprile

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Protocollo d Intesa tra Le Scuole Nazionali di formazione della Pubblica Amministrazione su Diffusione, impiego e qualità dei sistemi di formazione a distanza e di

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI DALLE IMPRESE DEL SISTEMA INDUSTRIALE INTEGRATO DI SERVIZI TESSILI E MEDICI AFFINI

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI DALLE IMPRESE DEL SISTEMA INDUSTRIALE INTEGRATO DI SERVIZI TESSILI E MEDICI AFFINI PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI DALLE IMPRESE DEL SISTEMA INDUSTRIALE INTEGRATO DI SERVIZI TESSILI E MEDICI AFFINI (Lavanderie Industriali) Premessa Il contesto nel quale

Dettagli

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione Missione valutativa Attuazione e risultati delle misure regionali di sostegno all affitto e all acquisto della prima casa Relazione finale 1. L ambito di

Dettagli

Il management cooperativo e l innovazione

Il management cooperativo e l innovazione AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle imprese venete Il management cooperativo e l innovazione DGR n. 784 del 14/05/2015 - Fondo Sociale Europeo in sinergia con

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE l Unione Europea incoraggia la partecipazione delle donne

Dettagli

Premessa. Relazioni Industriali

Premessa. Relazioni Industriali Piattaforma per il rinnovo contrattuale del CCNL Trasporti e Onoranze Funebri private (FENIOF) 2012 2014 1 Premessa Il settore delle imprese esercenti attività di servizi e trasporto funebre composto da

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA ROTALIANA KÖNIGSBERG TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA ROTALIANA KÖNIGSBERG, IL COMUNE DI LAVIS, IL COMUNE

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

SISTEMA METODOLOGICO DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE

SISTEMA METODOLOGICO DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE CATANZARO *** SISTEMA METODOLOGICO DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE INDICE 1) Sistema degli incentivi 2) Sistema di valutazione 3) Misurazione della performance

Dettagli

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su CNEL Consiglio nazionale dell economia e del lavoro Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su Disposizioni in materia di statistiche di genere Assemblea 26 giugno

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

PER EUROCONS UN ANNO DI FOCALIZZAZIONE VERSO I CLIENTI

PER EUROCONS UN ANNO DI FOCALIZZAZIONE VERSO I CLIENTI PER EUROCONS UN ANNO DI FOCALIZZAZIONE VERSO I CLIENTI Nel 2011, il fatturato consolidato è stato di 38 milioni di euro Eurocons S.c. a r.l. ha chiuso con un risultato netto di 838 mila euro Euroenergy

Dettagli

Il Progetto «Freschi e Freschissimi» : una sfida (vinta) di Change Management. 04 giugno2015

Il Progetto «Freschi e Freschissimi» : una sfida (vinta) di Change Management. 04 giugno2015 Il Progetto «Freschi e Freschissimi» : una sfida (vinta) di Change Management 04 giugno2015 La COOP : Il Distretto Nord Ovest Il Sistema Coop si presenta come un insieme articolato di Cooperative e Consorzi

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari

Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari TESTO PRESENTATO DAI PROPONENTI Art. 1 (Finalità)

Dettagli

Comitato Tecnico Assofondipensione. 4 giugno 2012

Comitato Tecnico Assofondipensione. 4 giugno 2012 Comitato Tecnico Assofondipensione «Disposizioni sulla politica di investimento» 4 giugno 2012 1 Gestione finanziaria nei fondi pensione Normativa e modello operativo ante Deliberazione Covip 16/03/2012;

Dettagli

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole continua a generare redditività malgrado

Dettagli

Perché nessuno si perda

Perché nessuno si perda Perché nessuno si perda L istruzione e formazione professionale (IeFP) risorsa strategica per combattere gli abbandoni scolastici e aiutare i giovani a entrare nel mondo del lavoro. Programma in dieci

Dettagli

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI PREMESSA Anche se il settore della coibentazione termoacustica risente, inevitabilmente, delle difficoltà relative alle produzioni industriali ed alle realizzazioni

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 16 Presentata dal Consigliere Baiutti Presentata il 3 settembre

Dettagli

ipotesi di piattaforma rinnovo c.c.n.l. legno/arredo - industria

ipotesi di piattaforma rinnovo c.c.n.l. legno/arredo - industria ipotesi di piattaforma rinnovo c.c.n.l. legno/arredo - industria Vigenza contrattuale: 2010 / 2012 FILCA CISL - federazione italiana lavoratori costruzioni e affini 00184 ROMA Via del Viminale, 43 tel.

Dettagli

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 Chi siamo Il Forum nasce con l assemblea di Firenze il 21 maggio 2011. Il Forum sta raccogliendo le idealità, il lavoro, le esperienze, maturate in tutta Italia negli ultimi 10

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

Schede di approfondimento sulle nuove Società del Gruppo

Schede di approfondimento sulle nuove Società del Gruppo Schede di approfondimento sulle nuove Società del Gruppo Il profilo Fondiaria-Sai è una compagnia assicurativa specializzata nel settore Danni, con una posizione di rilievo nei rami Auto. È frutto della

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 54/2008 (Atti del Consiglio) Norme in materia di sostegno alla innovazione delle attività professionali intellettuali. *************** Approvata dal

Dettagli

PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014

PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014 PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014 (Art. 123 ter, D.Lgs. 58/1998) (Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 19/03/2015) (Sito web: www.pininfarina.com) 2 SEZIONE I a) Per quanto

Dettagli

La mission. Creare una vita quotidiana migliore per la maggioranza della gente

La mission. Creare una vita quotidiana migliore per la maggioranza della gente La mission Creare una vita quotidiana migliore per la maggioranza della gente L idea commerciale Offrire un vasto assortimento d articoli d arredamento funzionali e di buon design a prezzi così vantaggiosi

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato JANNONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato JANNONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2680 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato JANNONE Disposizioni per favorire l avvio di nuove attività imprenditoriali da parte dei

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario RUOLO E PROSPETTIVE DELLA MUTUALITÀ NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario Placido Putzolu - Presidente FIMIV Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria

Dettagli

Crisi economica e prospettive dei consumi

Crisi economica e prospettive dei consumi Crisi economica e prospettive dei consumi Le difficoltà di una filiera estremamente importante Angelo Massaro Amministratore Delegato - Italia e Grecia 11 Dicembre, 2013 Il Largo Consumo Confezionato:

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

CENTRO TURISTICO STUDENTESCO E GIOVANILE IL NETWORK CTS

CENTRO TURISTICO STUDENTESCO E GIOVANILE IL NETWORK CTS CENTRO TURISTICO STUDENTESCO E GIOVANILE IL NETWORK CTS I partecipanti all Assemblea Generale CTS del 2004 ad Atene PROTAGONISTI CON CTS Il Centro Turistico Studentesco e giovanile (CTS) è l associazione

Dettagli

Bilancio 2014 Car Server S.p.A.

Bilancio 2014 Car Server S.p.A. Car Server S.p.A. Sede legale 42124 Reggio Emilia, Via G. B. Vico, 10/c Capitale sociale: Euro 11.249.859 P. IVA e numero di Iscrizione Registro Imprese RE N 01610670356 Il presente bilancio è stato approvato

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Azione 4 Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Protocollo d intesa (Memorandum of Understanding) Comune di Reggio Emilia LIFE10 ENV/IT/307 NO.WA No Waste PROTOCOLLO

Dettagli

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009)

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Articolo 1 Finalità e oggetto della legge 1. La Regione,

Dettagli

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Formazione Permanente Milano, 24 ottobre - 29 novembre 2012 In collaborazione con: Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia ha costituito quattro Fondi

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

PROGRAMMA N. 13: UDINE CITTA SOLIDALE

PROGRAMMA N. 13: UDINE CITTA SOLIDALE PROGRAMMA N. 13: UDINE CITTA SOLIDALE 211 212 PROGETTO 13.1: CONTRASTO ALLA POVERTA E ALL ESCLUSIONE SOCIALE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016 Titolo obiettivo 1: Contributi economici erogati per bisogni

Dettagli

Proposta di Legge LIPPIT

Proposta di Legge LIPPIT Documento aggiornato al 03/05/2013 Proposta di Legge LIPPIT 1 Premessa Ritorno ad una gestione diretta del settore dopo i danni creati dalle leggi D.P.R. 169/98 - D.P.R. 33/2002 D.L. 449/99 scommesse sottratte

Dettagli

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA Studio generale 2008 a cura di Federico Della Puppa con la collaborazione di Dem.Co Indice Risultati principali, 3 Presentazione,

Dettagli

Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 16 settembre 2014. Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa

Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 16 settembre 2014. Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 16 settembre 2014 Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa 2 POSITIVI NEGATIVI INVARIATI Aumento costante della domanda di mutui

Dettagli

Artigiancassa Progetto Key Woman. Roma, 5 Dicembre 2012

Artigiancassa Progetto Key Woman. Roma, 5 Dicembre 2012 Artigiancassa Progetto Key Woman Roma, 5 Dicembre 2012 Malgrado l attuale congiuntura economica le imprese a guida femminile fanno registrare una sostanziale tenuta nella dinamica anagrafica Le imprese

Dettagli

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE ANNUALITA 2011/2012 Master e Corsi di Specializzazione per Laureati finanziati dalla Regione Campania attraverso Voucher Formativi individuali www.altaformazioneinrete.it

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE. OGGETTO: Osservatorio Politiche Sociali della Provincia di Udine : DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE

PROVINCIA DI UDINE. OGGETTO: Osservatorio Politiche Sociali della Provincia di Udine : DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 07 MARZO 2011 Presente Assente FONTANINI PIETRO Presidente X MARCHETTI FABIO Vicepresidente X DECORTE ENIO Assessore X FALESCHINI

Dettagli

Uniamo i punti per disegnare imprese di successo FEDERAZIONE ITALIANA FRANCHISING

Uniamo i punti per disegnare imprese di successo FEDERAZIONE ITALIANA FRANCHISING Uniamo i punti per disegnare imprese di successo FEDERAZIONE ITALIANA FRANCHISING ASSOCIARSI CHI SIAMO STRUMENTI SERVIZI Federazione Italiana Franchising Confesercenti Via Nazionale, 60 00184 Roma T +

Dettagli