BILANCIO DI ESERCIZIOO BILANCIO CONSOLIDATO 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO DI ESERCIZIOO BILANCIO CONSOLIDATO 2013"

Transcript

1 BILANCIO DI ESERCIZIOO BILANCIO CONSOLIDATO 2013

2 Bilancio di esercizio 2013 Assemblea Generale 21 giugno 2014 Coop Consumatori Nordest Società Cooperativa Via Ragazzi del 99 n Reggio Emilia Codice Fiscale, Partita IVA e Registro delle Imprese: R.E.A.: n Iscrizione Albo Cooperative Sezione a Mutualità Prevalente: n.a Costituita il 05 luglio 1945, durata fino al 31 dicembre 2050

3 GGRUPPO COOP CONSUMATORI\ COOP CONSUMATORI NORDEST SC Coop Consumatori Nordest Sc

4 SOCIETÀ DEL GRUPPO GRUPPO COOP CONSUMATORI NORDEST SC Trento Sviluppo Srl 50% Immobiliare Nordest Spa 82,58% Hipermarketi Coop doo 10 0 % Aurora Srl 50% 10 0 % Panama Blu Spa Immobiliare P orta Nuova Spa 50% Nuova P lanetario Spa 83,33% Enercoop Srl 50% Silos Spa 40% Centro M eduna Scrl 72,40% Coop Sicilia Spa 50% Consorzio Centro Commerciale Cervignano 64,20% Supercoop Sicilia Srl 50% Virgilio Scrl 62,66% Comunicare Spa 49,49% Consorzio Centro Commerciale Eurosia 59,80% L' A riosto Scrl 55,48% Ipercoop Sicilia Spa 50% Fidenza Scrl 5 1% Fabricor doo 48,87% 2,27% Centro Commericale Gotico Scrl 46,10% 28,57% Librerie Coop Spa Centro Torri Srl 43% 25% Immobiliare Ragusa 2013 Srl Consorzio Centro Commerciale La Favorita 40,91% 25,70% Tangram Spa Benaco Scrl 37,98% 21,28% Lima Srl Centrale Adriatica Sc 30,03% Refincoop Spa 29,88% controllo diretto controllo indiretto collegate collegate indirettamente

5 GGRUPPO COOP CONSUMATORI\ COOP CONSUMATORI NORDEST SC Coop Consumatori Nordest Sc SOMMARIO BILANCIO DI ESERCIZIO - LA GOVERNANCE PAG. 1 - LETTERA AI SOCI PAG. 2 - RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. 5 - STATO PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO PAG NOTA INTEGRATIVA PAG ALLEGATI E PROSPETTI SUPPLEMENTARI PAG RELAZIONE DELLA SOCIETA DI REVISIONE PAG RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE PAG. 200 BILANCIO CONSOLIDATO - RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG SITUAZIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA PAG CONTO ECONOMICO PAG PROSPETTI SUPPLEMENTARI PAG NOTE ESPLICATIVE AL BILANCIO PAG RELAZIONE DELLA SOCIETA DI REVISIONE PAG RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE PAG. 286

6 LA GOVERNANCE CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PRESIDENTE VICEPRESIDENTE COLLEGIO SINDACALE PRESIDENTE COMMISSIONE VALORI E REGOLE PRESIDENTE VICEPRESIDENTE SOCIETA DI REVISIONE CATTABIANI PAOLO SGAVETTA ROBERTO BAGNATO CARMELA BARACCHI VITTORIO BENATI FABRIZIO BOCCHIA MAURO BON CARLA BORTOLINI MAURIZIO BORTOLOTTI MAURO CANTONI ROSSELLA CHERUBINI GIOVANNI CARLO CURIONI RAFFAELLA DAVOLI LORENZA DI DIO ALESSIO DRIGANTI SERGIO DRIGO IRINA GALLI GIOVANNA GRION MAURO LOSI LORETTA PARMEGGIANI FEDERICO RIGO DAMIANO SCOTTI DANIELE SEMENZATO MARIALENA SESSO ROBERTO TONDELLI MARCO VIO ENZA ZANICHELLI MASSIMO ZOCH NERINO ZONI LOREDANA ZOTTI OVIDIO SNAIDERO LORENZO CERIOLI ROBERTO MORARA PIER LUIGI LANDI PAOLO BORGHI CORRADO FRANZINI UBALDO LO SCIUTO FRANCESCO MIO CHIARA OLIVATI GIOVANNI PARMIGIANI MARISA PICCOLO RENZO SANTILLO PATRIZIA DELOITTE & TOUCHE SPA 1

7 LETTERA AI SOCI Lettera ai soci Care Socie e cari Soci, il 2013 è stato ancora una volta un anno difficile per l economia italiana. Siamo in una recessionee durissima che, dopoo aver colpito le imprese e lo Stato, nell ultimo biennio si è pesantemente abbattuta sulle famiglie italiane. Pressione fiscale ai massimi storici, disoccupazione in drammatico aumento, elevata inflazione e perduranti difficoltà di accesso al credito sono le cause della drastica riduzione del reddito degli italiani che ha segnato un - 10% dal Quasi un terzo degli italiani sono a rischio di esclusione sociale e oltre il 12% delle famiglie nonn può permettersi una dieta proteica adeguata. In questo contesto, gli italiani hanno compresoo appieno come fare per adeguaree la spesa alla cadutaa del reddito, rivoluzionando il proprio stile di vita e rivedendo profondamente i modelli di consumoo utilizzati. Così, crollano le compravendite di abitazioni, si rinvia anche l acquisto del cappotto, si riducono le auto in circolazione nelle città, si rimanda l acquisto del divano e del frigo nuovo, si rinuncia ad andare in vacanza, allo stadio, al cinema in pizzeria. La spesa alimentare pro-capite ritorna agli anni 60 grazie allaa razionalizzazione del carrello, sempre più composto da private label, articoli in promozione, con una contestuale lotta agli sprechi e taglio del superfluo. Una crisi di tale portata non poteva non avere effetti sul dettaglio italiano. La Gdo italiana vedee un appesantimento ulteriore dei bilancii e le performance si collocanoo oramai a grande distanza dalle medie europee. Coop Consumatori Nordest Sc agisce su territorii pienamente coinvoltii dalla crisii economica e ha registrato un calo di vendite del 2,6% %. Grazie a un lavoro straordinario, che dimostra la capacità reattiva dell impresa a condizioni di mercato più difficili, il risultato del 2013 è il migliore degli ultimi 5 anni, pari a euro dopoo aver sostenuto imposte per euro È un risultato molto positivo, soprattutto se lo si guarda nel quadro di difficoltà che le imprese, non solo cooperative, stanno attraversando nel chiudere gli esercizi La missione primaria della Cooperativa nel difenderee il potere d acquisto dei soci consumatori è stata svolta pienamente. Nel corso del 2013 l inflazione Istat è stata del 1,98%; i prezzi all acquisto sono cresciutii dell 0,75% aumento che non è stato riversato completamente sui prezzi al consumatore salitii solo dello 0,25%, includendo le numerosee promozioni. L offerta commerciale di Coop è stataa fortemente caratterizzata dallaa promozionalità periodica che ha visto aumentare il valore dei vantaggi complessivi assicurati sia i soci che a tutti i consumatori dello 0,7% rispetto all anno precedente, arrivando al valore di euro. Questa scelta di convenienza ha premuto sui marginii commerciali della Cooperativa, ma grazie a importanti recuperi sul piano della gestione dei punti vendita, degli acquisti e della logistica la gestione caratteristica ha raggiunto un risultato positivo per euro, migliorando o significativamente il dato del

8 Il 2013 è stato un anno positivo per la base sociale, con un numero di nuovi soci (quasi ) che racconta di come l adesione alla cooperativa sia ancora un valore per i consumatori in termini di tutela del proprio potere d acquisto e in termini di partecipazione, come dimostrano i soci che hanno preso parte alle assemblee. La fiducia riposta in Coop Consumatori Nordest Sc da parte dei soci è confermata ulteriormente dall andamento del prestito sociale. Dopo l andamento negativo della prima parte del 2012, in linea con le difficoltà del risparmio delle famiglie, nel 2013 il prestito sociale torna a salire fino ad un valore medio di 1 miliardo e 343 milioni di euro: il 4% in più dell anno precedente. È il risultato delle azioni di rilancio e innovazione del prestito attivate già dal 2012, ma è soprattutto un risultato di fiducia nell istituto, sottolineata da un rapporto prestito-patrimonio netto di 1,75, ben lontano da quel 1 a 3 imposto come limite dalla normativa. Mentre nel paese gli investimenti crollano, Coop Consumatori Nordest Sc continua lo sviluppo, inaugurando nel 2013 il nuovo importante Ipercoop Tiare di Villesse (GO) e il supermercato di Udine via Bassi. A questi si aggiunge la ristrutturazione del supermercato di Rubiera (RE). La linea definita dal piano d impresa , è quella di continuare con politiche di sviluppo attente, che rispondano ad opportunità vere e realistiche per i territori già molto affollati di grande distribuzione. Sono le persone che lavorano in Coop Consumatori Nordest Sc e nel 94,2% dei casi a tempo indeterminato. Per il lavoro in Cooperativa il 2013 è stato un anno importante con il risultato per niente scontato della sottoscrizione del nuovo contratto integrativo aziendale, approvato da tutto il sindacato e validato da una consultazione dei lavoratori che ha visto oltre il 70% dei consensi. L impegno di Coop Consumatori Nordest Sc per tutelare i lavoro è dimostrato, inoltre, da un risultato importante: nel 2013 si è registrato il minimo storico di infortuni sia per frequenza che per gravità, a conferma dell efficacia delle attività svolte per la sicurezza. Le altre gestioni contribuiscono per oltre 8 milioni di euro al risultato d esercizio. All interno di queste però troviamo luci e ombre. A una gestione finanziaria estremamente positiva con un risultato di oltre 20 milioni di euro, realizzati con prudenza e attenzione, si contrappone un risultato complessivamente negativo delle società partecipate per oltre 11 milioni di euro segnando comunque un miglioramento di oltre 2 milioni di euro rispetto al Questo risultato ancora non positivo per la Cooperativa è dovuto al costo dell uscita da partecipazioni non più strategiche, ad esempio nel canale discount, e da andamenti ancora difficoltosi in settori e territori, ad esempio la Sicilia, che devono proseguire il loro percorso di miglioramento in un ottica di medio periodo. Proprio per Ipercoop Sicilia Spa e Supercoop Sicilia Srl, il 2013 è stato un anno importante con l acquisizione di nuovi punti vendita che rendono più importante la presenza sull isola e più forte la leva gestionale per ottenere risultati positivi in futuro. 3

9 LETTERA AI SOCI Lettera ai soci Care Socie e cari Soci, Continua un percorso tracciato nel 2012 con il piano d impresa che guardava ai tre anni successivi. Coop Consumatori Nordest Sc ha raggiunto il primo degli obiettivi ambiziosi contenuti nel piano, che, pur avendo delineato uno scenario di consumi più favorevole rispetto alla dura realtà che ci ha consegnato il 2013, ci portava a un sostanziale pareggio della gestione caratteristica un anno dopo. Purtroppo però, il 2014 non è l anno della ripresa dei consumi ma si sta delineando come un ulteriore periodo di flessione di questi, con andamenti per le vendite alimentari ancora in netto calo. Non solo rimane valido, ma va perseguito, il disegno che guarda a una maggiore integrazione fra le cooperative di consumo come scelta responsabile e necessaria per affrontare, con dimensioni e volumi economici e sociali più elevati, le sfide di un mercato durissimo e di un consumatore molto più attento che vuole risparmiare e che spesso non può spendere. Ora non è più il tempo di fare affidamento semplicemente sul grande patrimonio che generazioni di cooperatrici e cooperatori hanno costituito, ma è il tempo che noi cooperatrici e cooperatori di oggi ne creiamo uno nuovo, con l ambizione di essere protagonisti del futuro delle nostre comunità e del nostro paese come lo siamo stati dal dopoguerra ad oggi. Ci guidino in ciò coraggio, generosità e senso di responsabilità non solo imprenditoriale e sociale, ma anche la costante e coerente pratica quotidiana del buon esempio etico e morale di cui si sente un gran bisogno. Il Presidente Paolo Cattabiani 4

10 RELAZIONE SUL CARATTERE MUTUALISTICO DELLA COOPERATIVA Signore socie, Signori soci, il Consiglio di Amministrazione sottopone all esame e all approvazione dell Assemblea il bilancio dell esercizio chiuso al 31 dicembre Il bilancio è corredato dalla Relazione sulla gestione che illustra i risultati conseguiti nell esercizio, sia sotto l aspetto economico-patrimoniale che finanziario che sotto gli aspetti istituzionali e sociali. L analisi istituzionale e sociale viene raggruppata in cinque capitoli che costituiscono una coerente rielaborazione e segmentazione dell insieme delle finalità statutarie. I cinque gruppi di portatori di interesse, rappresentano la distintività di Coop Consumatori Nordest Sc, cioè quei tratti che sono propri e peculiari della cooperazione di consumatori e precisano la responsabilità sociale della Cooperativa. Nel loro complesso consentono di mettere a fuoco e di valutare ciò che la Cooperativa ha fatto nell anno trascorso per il consolidamento e lo sviluppo dell impresa e a favore di soci, consumatori, dipendenti, comunità locale e internazionale, ambiente. Viene in questo modo sottoposta a verifica la coerenza tra l azione svolta e la funzione sociale che la Cooperativa è chiamata a esercitare nell interesse dei suoi soci e consumatori e della società nel suo complesso. Si ritiene di ottemperare così compiutamente a quanto richiesto dall art. 2 della Legge 59/92 e dall art del Codice Civile che stabilisce che Gli amministratori e i sindaci della società, in occasione della approvazione del bilancio di esercizio debbono, nelle relazioni previste dagli articoli 2428 e 2429 indicare specificamente i criteri seguiti nella gestione sociale per il conseguimento dello scopo mutualistico. Si segnala inoltre che la Cooperativa si è avvalsa della facoltà prevista dall art.20 dello Statuto Sociale di convocare l assemblea entro i 180 giorni dalla chiusura dell esercizio in quanto tenuta alla redazione del bilancio consolidato. Chi siamo Coop Consumatori Nordest Sc è una delle nove grandi Cooperative di consumatori del sistema Coop, gruppo leader della moderna distribuzione italiana. Nata nel 1995 dall unificazione di Coop Nordemilia e di Coop Consumatori Friuli-Venezia Giulia, opera in ampie aree dell Emilia, della Lombardia, del Trentino, del Veneto, del Friuli Venezia Giulia. Attraverso la Cooperativa centinaia di migliaia di consumatori associati sono oggi in grado di essere attori sul mercato della distribuzione. Quella cui partecipano è un originale esperienza di mutualità, partecipazione e democrazia economica, per tutelare e promuovere i propri diritti e assicurare a se stessi e alle proprie famiglie convenienza, qualità e sicurezza dei prodotti che acquistano. Le finalità statutarie Tutela dei consumatori, responsabilità sociale, partecipazione democratica dei soci alla vita 5

11 RELAZIONE SULLA GESTIONE Relazione sulla gestione della Cooperativa: sono questi i fondamentali scopi statutari che orientano l azione di Coop Consumatori Nordest Sc e che contribuiscono a delinearne i caratteri distintivi. Le finalità che Coop Consumatori Nordest Sc persegue con la propria attività, sono chiaramente definite dallo statuto sociale. L articolo 2 (punto 1) stabilisce che la Cooperativa si propone di assolvere la funzione sociale di difesa dei consumatori, soci e non soci, fornendo loro beni alle migliori condizioni possibili, erogando servizi e assumendo iniziative idonee a tutelare i loro interessi, a proteggere la loro salute, ad accrescere la loro informazione e la loro educazione, onde favorire la piena libertà di scelta e per evitare danni e sprechi nei comportamenti di consumo, nell uso dei beni, dei servizi e delle risorse naturali. Lo stesso articolo 2 (punto 5) afferma inoltre che la Cooperativa si propone di stimolare un attiva e democratica partecipazione, diretta e delegata, dei soci alla vita della Cooperativa. La Cooperativa e le società controllate e collegate La sede centrale di Coop Consumatori Nordest Sc si trova a Reggio Emilia, in via Ragazzi del 99 n.51, la sede secondaria a Pordenone, in via Musile, n.9. La rete di vendita della Cooperativa è diffusa in quattro regioni e dodici province: Emilia: province di Reggio Emilia, Parma e Piacenza; Lombardia: province di Mantova e Brescia; Veneto: province di Rovigo, Venezia e Treviso; Friuli-Venezia Giulia: province di Pordenone, Udine, Gorizia e Trieste. Coop Consumatori Nordest Sc opera anche attraverso alcune società controllate o partecipate: nella distribuzione alimentare ed extra-alimentare in Trentino (Trento Sviluppo Srl), in Lazio (Distribuzione Roma Srl) e Sicilia (Ipercoop Sicilia Spa e Supercoop Sicilia Srl); nel settore immobiliare con Immmobiliare Nordest Spa in Italia e con Fabricor doo in Croazia; in altri settori, in particolare nei settori viaggi e turismo (Nuova Planetario Spa), nella vendita di prodotti finanziari (Simgest Spa), nella distribuzione dei farmaci (Pharmacoop Spa), nelle librerie (Librerie Coop Spa), nella distribuzione di carburanti (Enercoop Srl), nel settore radiotelevisivo (Comunicare Spa), nel lavoro interinale (Tangram Spa/Obiettivo Lavoro Spa). Coop Consumatori Nordest Sc si configura perciò come la Capogruppo, sia con partecipazioni di controllo che di minoranza, cui sono affidate le scelte strategiche e il governo d insieme. La Cooperativa aderisce a Coop Italia Sc, centrale di acquisto e di marketing del sistema Coop a livello nazionale, e a Centrale Adriatica Sc, centrale di acquisto, di marketing e di logistica delle Cooperative di consumatori del Distretto Adriatico. L organizzazione sociale La Cooperativa si articola con 23 Distretti Sociali e con 71 Presìdi locali. Ogni distretto ha un ruolo di coordinamento e di indirizzo delle attività e fa riferimento a più Presìdi che sono promossi e gestiti grazie ai componenti del Distretto e del Presidio. Per la sua flessibilità sul territorio questa organizzazione consente di allargare la partecipazione e permette di aggiungere nuovi Presìdi nel tempo, non solo legati ai punti vendita, ma anche alla presenza significativa di soci in alcune aree che ne sono, oggi, sprovviste. 6

12 I Distretti Sociali continuano a mantenere il rapporto profondo con la Cooperativa, attraverso la partecipazione ai Comitati Territoriali, garantendo l alto livello di progettualità e innovazione che caratterizza le attività sociali di Coop Consumatori Nordest Sc. 1. La responsabilità sociale in Coop Consumatori Nordest Sc La visione etica fa riferimento alla Carta dei Valori della cooperazione di consumatori, approvata nel 1997 e aggiornata nel 2008, che definisce i valori, l identità e la missione della Cooperativa. Il Codice di responsabilità etica e sociale rende espliciti e trasparenti gli impegni che Coop Consumatori Nordest Sc si assume verso tutti i portatori d interesse che sono cioè interessati a vario titolo alla sua attività: soci, consumatori, dipendenti, comunità, ambiente. Il Codice di responsabilità etica e sociale, riassume e definisce: 1 - Missione e principi di Coop Consumatori Nordest Sc.; 2 - Chi sono gli stakeholder coinvolti nell attività della Cooperativa; 3 - Le norme etiche e gli standard di comportamento che regolano i rapporti tra la Cooperativa e i diversi portatori d interesse; 4 -Gli strumenti, le procedure e le sanzioni che assicurano il rispetto delle norme quali gli organi di attuazione e di controllo e le eventuali sanzioni. Tra le norme di attuazione il Codice prevede la formazione etica aziendale rivolta a soci, dipendenti e altri portatori d interesse. L organismo di controllo, previsto dallo statuto, è la Commissione Valori e Regole (CVR), rinnovata nel 2011 per il triennio Fanno parte della commissione, oltre a 5 rappresentanti dei soci e al presidente delegato dall Accda (Associazione delle Cooperative di consumatori del distretto adriatico), anche tre rappresentanti di interessi collettivi esterni (rappresentanti delle associazioni dei consumatori, del mondo del volontariato, del mondo universitario, ecc) e come invitato permanente il Presidente nazionale di Legacoop o suo delegato. Il confronto nell ambito della CVR con i portavoce degli interessi dei cittadini, dei consumatori e del terzo settore, esplicita il dialogo della Cooperativa con interlocutori esterni e rappresenta un importante opportunità per aggiornare l identità sociale di Coop Consumatori Nordest Sc. La commissione è chiamata a verificare la rispondenza dei comportamenti della Cooperativa con la Carta dei Valori e il Codice di Responsabilità Etica e Sociale. Per svolgere efficacemente questo compito ha approntato, in accordo con gli organi sociali e la direzione aziendale, gli strumenti necessari per impostare un sistema di misurazione della responsabilità etica e sociale verificabile periodicamente. La CVR redige annualmente il Rapporto sulla Responsabilità Etica e Sociale di Coop Consumatori Nordest Sc e relaziona alle assemblee dei soci sull attuazione delle indicazioni e delle norme contenute nel Codice di Responsabilità Etica e Sociale. Il processo di programmazione e rendicontazione è contenuto nel Bilancio di responsabilità sociale, fondamentale per valutare e conseguentemente comunicare i risultati sia all interno che all esterno dell organizzazione. 1.1 I primi portatori di interesse: i soci La crescita della Cooperativa e il rafforzamento del suo patrimonio sociale sono la condizione per continuare ad assicurare nel tempo vantaggi a tutti i portatori di interesse ma in particolare per consegnare un impresa solida e vitale alle future generazioni di soci. L attività svolta nel 2013 rimane particolarmente significativa perché ha dovuto misurarsi con il persistere e l aggravarsi della crisi economica e finanziaria che ha investito le economie mondiali sta interessando sia la capogruppo che le partecipate. 7

13 RELAZIONE SULLA GESTIONE Relazione sulla gestione Coop Consumatori Nordest Sc è riuscita, in questo difficile scenario, a rafforzare il patrimonio della Cooperativa ed all unisono a tutelare potere d acquisto e risparmio dei soci. Vendite e reddito operativo netto Le vendite della Cooperativa nel 2013 raggiungono i milioni di euro con una flessione del 2,6% sul dato L'andamento negativo delle vendite è legato fortemente alla crisi dei consumi che l'attuale ciclo economico ha imposto nel corso dell'anno. L andamento è in linea con il calo delle vendite della GDO nazionale, che ha visto cali del 3,9% per gli ipermercati e del 2,1% per i super. VENDITE COOP CONSUMATORI NORDEST SC - valore (in migliaia di euro) variaz.% a.p. -0,9% -2,6% La difficoltà nelle vendite è stata però compensata con attività sia sul piano gestionale che in importanti recuperi di marginalità legata alla centralità degli acquisti e della logistica che hanno permesso un importante recupero di redditività operativa rispetto al E un risultato importante che dimostra reazione nella gestione a fronte di consumi in netto calo. R.O.N COOP CONSUMATORI NORDEST SC - valore (in migliaia di euro) inc.% vendite -0,02% 0,05% All interno del gruppo, le criticità congiunturali non hanno aiutato i risultati delle partecipate siciliane, anche se i volumi di vendite nella regione hanno goduto dell acquisizione di 4 super e 2 iper dal gruppo Aligrup. In linea con le attese i risultati delle altre società, compresa Nuova Planetario oggetto di una forte ristrutturazione aziendale. VENDITE DEL GRUPPO (in migliaia di euro) Coop Consumatori Nordest Sc 100,00% Ipercoop Sicilia Spa 50,00% Nuova Planetario 83,33% Trento Sviluppo Srl 50,00% Distribuzione Roma Spa 16,45% Enercoop Srl 50,00% Supercoop Sicilia Srl 50,00% Librerie Coop Spa 25,00% totale Risultato netto aziendale La Cooperativa ottiene un risultato ante imposte positivo per 8,511 milioni di euro che porta ad 8

14 un risultato netto di un utile di 8,321 milioni di euro. Il risultato delle altre gestioni (immobiliare finanziariaa e di gruppo e sistema) ha prodotto un utile di 8,054 milioni di euro. RISULTATO NETTO AZIENDALE (in migliaia di euro) Risultato Area Commerciale Risultato Altre Gestioni RISULTATO ANTE IMPOSTE IMPOSTE RISULTATO NETTO AZIENDALE % ,32% ,92% Sviluppo della retee di vendita Coop Consumatori Nordest Sc ha rispettato anche nel 2013 gli obiettivi per la crescita della retee di vendita, continuando a investire in un momentoo in cui molti operatori disinvestono. Nel mercato della distribuzione commerciale le condizioni dello sviluppo sono sempre più complesse, sia per gli elevati costi di acquisizione delle aree e di costruzione, che per la forte concorrenza. Occorre sempre più essere rigorosi nell esame delle opportunità à, per individuare quelle in grado di creare un ritorno degli investimenti in tempi ragionevoli. Le nuove aperture del 2013 sonoo state quelle del supermercato di Udine in via Bassi e del nuovo Iper Tiare di Villesse, che hanno la contestuale chiusura di Udine via Forni e dell Ipercoop di Gradisca. La ristrutturazione più significativa è stata quella di Rubiera (RE). NUOVE APERTURE COOP CONSUMATORI NORDEST SC - numero - mq area vendita RISTRUTTURAZIONI completate COOP CONSUMATORI NORDEST SC - numero - mq area vendita Sviluppo della base sociale I nuovi soci del 2013 sono stati dato in forte crescita rispetto agli andamenti degli ultimi anni, portando il totale dei soci sottoscrittori a La convenienza riservata ai soci nel 2013, la nuova carta sociocoop+ e soprattutto campagne di adesione con vantaggi per i nuovi iscritti, hanno permesso un risultato importante. Si registrano inoltre nuovi soci prestatori che portano ad un saldo molto positivo delle posizioni, a conferma della bontà delle nuove politiche di rilancio del Prestito Sociale e dei servizi collegati. Tu utte le domande di ammissione pervenute sono state accolte dal Consiglio di Amministrazione, verificato la sussistenza dei requisiti stabiliti dallo Statuto Sociale. 9

15 RELAZIONE SULLA GESTIONE Relazione sulla gestione SVILUPPO BASE SOCIALE Nuovi soci sottoscrittori - Variazione soci sottoscrittori - Nuovi soci prestatori - Variazione soci prestatori Partecipazione sociale La partecipazione allaa vita della Cooperativa si esprime: attraverso la partecipazione dei soci alle assemblee separate; attraverso l attività degli organi sociali. Le assemblee separate procedono - assieme ad altri importanti adempimenti come l approvazione del bilancio consuntivo - all elezione degli organi sociali, sulla base della procedura democratica stabilita dallo statuto, e alla nomina dei delegati all assembleaa generale. L attività degli organi sociali si svolge con finalità di governo dell impresa (consiglio di amministrazione), di controllo (commissione valori e regole), partecipative a livello provinciale e interprovinciale (comitati territoriali) e locale (consigli distrettuali). Sale la partecipazione dei soci alle assemblee, con partecipanti ed un incremento del 7,5% sul dato del In crescita la partecipazione ai momenti di partecipazione e attività dei soci volontari. PARTECIPAZIONE SOCIALE Partecipanti alle assembleee Soci - Numero incontri soci volontari - Partecipanti ai corsi di responsabilità sociale Prestito sociale Il valore medio del prestito sociale, registra una crescita del 4% rispetto al 2012, invertendo una tendenza al ribasso del periodo precedente e raggiungendo un valore medio pari a 1.343,9 milionii di euro. Il buon risultato del valore medio del prestito sociale nel corsoo del 2013 è legato ad un'azione di rilancio del prestito che ha presentato tassi di remunerazione articolati e un pacchetto di servizi innovativo. La crisi del risparmio delle famiglie è molto profonda, il livello del prestito sociale di Coop Consumatori Nordest Sc è ancora un significativo indice della fiducia che i soci avvertono nei confronti della Cooperativa. L intervento sui tassi di interesse ha portato ad una remunerazione media lorda del prestito in aumento all 2,17% %. L istituto del prestito di Coop Consumatori Nordest Sc si conferma uno strumento ben tutelato dalla Cooperativa e nel 2013 vede il rapporto con il patrimonio netto attestarsi a 1,75 ben lontano dal rapporto di 1 a 3 previsto come limite dalla normativa nazionale. Si sono riconfermate le caratteristiche peculiari dell istituto: tutela il risparmio dei soci; gratuità delle operazioni senza oneri per giornii di valuta o spese di gestione; praticità e comodità di accesso al servizio negli orari di apertura dei punti di vendita; 10

16 chiara esposizione di tutte le operazioni che rendono semplice il controllo e il calcoloo degli interessi maturati; impieghi sempre normati dalla prudenza espressa dai regolamenti di Cooperativa e del sistema Coop. PRESTITO SOCIALE Valore medio prestito sociale in migliaia di euro - variazione % - Rapporto Prestito sociale su Patrimonio netto - Remunerazione media lorda prestito sociale - Media annuale Euribor a tre mesi ,4% 1,68 1,86% 0,57% ,0% 1,75 2,17% 0,22% Valore dei vantaggi assicurati ai soci Le politiche a favore dei soci, rappresentate dal le promozioni in terminii di conve- nienza e dalle premialità e ser- vizi offerte dal collezionamento dei punti cartaa socio-coop, ammontano a 88,932 milioni di euro in leggero incremento rispetto al già elevato dato del In tutto l'anno sono state perseguite attività che hanno ulteriormentee rafforzatoo la convenienza e i vantaggi innanzitutto per i soci. I soci hanno potuto usufruire di promozioni dedicate in tutti i settori merceologicii ed hanno beneficiato dell offerta di premi e servizi del catalogoo punti carta sociocoop. Fra le offerte più significative troviamo: offerte commerciali riservate; sconto 15% sui libri di testo; sconto 15% sui materiali per la scuola; sconto del 20% su un prodotto non alimentare a scelta. Vendite ai soci La forte prevalenza mutualisticaa della Cooperativa è confermata nel con una percentuale e del valore di vendite verso i soci pari al 76,,8%, ancoraa in crescita. VALORE dei VANTAGGI assicurati ai SOCI Valore totale dei vantaggi assicurati ai soci (unità di euro) % VENDITE AI SOCI (mantenere elevata la quota di vendite ai soci sul totale) ,1% ,8% 11

17 RELAZIONE SULLA GESTIONE Relazione sulla gestione Raccolta punti carta sociocoop La raccolta punti di cartaa sociocoop, ha visto il ritornoo ad un collezionamento su base annuale con la novità di non avere più periodi di sospensione per l accumulo dei punti, con obiettivo di redemption sempre significa-tivi e superiori al 75%. Grande attenzione ricevono i prodotti da acquistare tutti i giorni con i punti e l integrazione fra i punti e l offerta telefonica di Coopvoce. Sempre distintiva è la quota di soci che devolvono i punti nei vari progetti di solidarietà. 1.2 Gli impegni verso tutti i consumatori Obiettivo primario della Cooperativa e quello di fornire convenienza diffusa per tutti i consumatori, funzione che calmiera i mercati e percorre la finalità più estesa e consumeristica della Cooperativa. Convenienza e posizionamento sul mercato Nel corso del 2012 si è registrata un'inflazione all'acquisto dello 0,75% che non è stata riversataa completamente sui prezzi al consumatore saliti, comprendendo i prezzi promozionali, dello 0,27%. L'offerta commercialee di Coop è stata fortemente caratterizzata dalla promozionalità periodica che ha visto l aumento di prodotti scontati di uso quotidiano rispetto al Il rispetto della primaria funzione della Cooperativa nell'offrire convenienza è testimoniato dall'andamento di crescita inferiore dei prezzi praticati rispetto ai dati Istat di riferimento che registrano un'inflazione ponderata del 1,98% su base annua. POSIZIONAMENTO SUL MERCATO INFLAZIONE TOTALE Coop Consumatori Nordest Sc acquisto Coop Consumatori Nordest Sc vendita Benchmark da Istat 1,56% 1,21% 2,30% 0,75% 0,27% 1,98% Il valore dei vantaggi complessivi, assicurati a soci consumatori, arriva così a 102,874 milioni di euro,rappresentando l 11,3% delle vendite totali. POSIZIONAMENTO SUL MERCATO Valore dei vantaggi assicurati a soci e consumatori (unità di euro) % su vendite totali ,9% ,3% Nonostante scelte di forte convenienza che hanno ridotto un potenziale maggiore di ricavii commerciali, la Cooperativa preserva sostanzialmente le sue quote di mercato che si attestano al 9,8%. 12

18 POSIZIONAMENTO SUL MERCATO Vendite rete omogenee Quote di mercato -2,1% 10,0% -3,7% 9,8% Sviluppo delle lineee dei prodotti a marchio Coop I prodotti a marchio occupano un ruolo centrale nelle politiche rivolte alla convenienza, alla qualità, alla sicurezza e all eticità dell offerta. L articolazione dell offerta per lineee o mondi risponde all obiettivoo di soddisfare le diverse esigenze e bisognii dei consumatori, e i diversi modi di effettuaree l atto di acquisto. Nel 2013 il prodotto a marchio ha rappresentato una delle levee più significative della distintività commerciale e competitiva di Coop, grazie soprattutto all'operazione Coop dà una mano allaa tua spesa, che per ogni 10 euro spesi distribuiva buoni scontoo per il prodotto Coop, con risultati di redenzione di oltre l'80% Le vendite di prodotto a marchio Coop della Cooperativa hanno raggiunto i 194,105 milioni di euro toccando il 21,4% sulle vendite totali della Cooperativa a (+4% sul 2012). CONSUMERISMO PRODOTTOO COOP - TOTALE ASSORTIMENTO (vendite totale assortimento Food / Non food) - valore fatturato in unità di euro - % su vendite totali di Cooperativa - variazione % - atti di acquisto - variazione % Origini trasparenti ,0% 0,6% ,2% ,4% 4,0% ,4% "Origini Trasparenti" è la nuova campagna consumerista di Coop il cui scopo èrenderee disponibile in tempo reale l' informazione relativaa all'origine dellee materie prime dei prodotti alimentari confezionati. Una campagna, unico esempio in Europa, che punta alla trasparenza a dell' 'informazione, per quanto attiene ai prodotti a marchio confezionati; in totale oltre 1400 di uso quotidiano. Creato un sito dedicato dove il consumatore, digitando il codice a barre o il nome del prodotto, avrà subito disponibili le informazionii relative alle principali materie prime impiegate nelle produzioni, quelle più consistenti dal punto di vista quantitativo e quellee caratterizzanti il prodotto. Realizzata anche un App (disponibile su piattaforma ios ed Android) che consente, semplicementee fotografando il codice a barre, di ottenere le stesse informazionii offerte dal sito 13

19 RELAZIONE SULLA GESTIONE Relazione sulla gestione ViviVerdee I prodotti biologici sono una linea a marchio Coop rilevantee in termini di numero referenze, alla fine del 2013 erano complessivamente più di400. Il marchio Vivi verdee comprende anche prodotti ecologici non alimentari come pile ricaricabili, piatti e bicchieri monouso in Pla IngeoTM un materiale biodegradabile derivato dal mais. Vivi verdee nel 2013 archiviaa un altro anno in crescita a doppia cifra. Conferma di una forza del brand non troppo condizionata e dipendente da promozioni. Un esempio importante di come valori e valore non siano antieticima possono integrarsi a beneficio di tutti: soci, cittadini, imprese, ambientee e territori. Fior Fiore Da quando nel 2009 è stataa lanciata, Fior Fiore porta in tavola il meglio della tradizione gastronomica italiana ma anche squisite specialità d oltre confine, preparate con materiee prime sceltee scrupolosamente e lavorate con attenzione.la linea Fior Fiore chiude ancora una volta con segno positivo (+14,8 %). Un risultato che premia la qualità e la distintività di una variegataa proposta continuamente aggiornata e arricchita da nuovi lanci (30 nuove referenze nel 2013) ).Importante ricordare il lancio della rivista fior fiore in cucina che è diventata in 12 mesi il mensile di cucina più venduto nel segmento premium di riferimento (es. La cucina Italiana, Sale e Pepe). Bene.sì La linea Bene.sì è costituita da prodotti funzionali con caratteristiche nutrizionali di valore indicate sulla confezione di ciascun prodotto che, nata nel 2009, ha avuto un forte potenziamento fino ad annoverare 36 tipologie di prodotti al termine del La linea comprende prodotti dedicati a che vuole trattarsi bene ogni giorno attraverso un alimentazionee adeguata alle proprie specifiche esigenze, studiataa per nonn rinunciare al gusto e con l obiettivo di: svolgere una specifica funzione benefica per l organismo, ridurre l apportoo di grassi, zuccheri e sodio. Beneficio/equilibrio/ leggerezza rappresentano le parole chiave per identificare i prodotti. 14

20 Club 4-10 Coop ha deciso di promuovere concretamente un corretto stile di vita per prevenire il sovrappesoo e l'obesità infantile, un fenomeno che in Italia riguarda addirittura un bambino su tre. Cosìè nata Club 4-10, una linea di prodotti innovativi e gustosi particolarmentee adatti a comporre una dieta bilanciata per bambini. Questi prodotti sonoo pensati e studiati proprio per i Vostri bambini con il contributo e la supervisione di un comitatoo scientifico costituitoo da ECOG (european Childhood Obesity Group, il più autorevole organismo europeo nel campo dell'obesità infantile) e SIO (Società Italiana dell'obesità). Farmaci da banco Dopo l acido acetilsalicilico, l acido ascorbico e il paracetamolo Coop, nel 2013 è continuato lo sviluppo nel campo degli integratorii multivitaminici Eukappa. con Eufyr e Prodotti senza glutine E proseguita anche per il 2013 la collaborazione con AIC (Associazione Italiana Celiachia). La linea senza glutine a marchio Coop a fine 2013 contava 18 referenze e 264 prodotti Coop, presenti nel Prontuario degli Alimentii edito da AIC, con una quota intorno al 30% sul totale alimenti senza glutine. CoopVoce Coop Consumatori Nordest Sc, attraverso Coop Voce, offre anche nella telefonia mobile opportunità di risparmio con tariffe convenienti, semplici e trasparenti. Nel 2013, forte è stato il successo della possibilità di utilizzare i punti carta socio-coop per ricaricare il telefono. Al 31 dicembre 2013 le attivazioni e le portabilità totali sono state il 67% in più rispetto 15

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN PREMESSO CHE: nell ambito delle rispettive competenze, hanno promosso la costituzione

PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN PREMESSO CHE: nell ambito delle rispettive competenze, hanno promosso la costituzione PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN OSSERVATORIO REGIONALE DEI PREZZI DEL MERCATO IMMOBILIARE E DEI COSTI DI MANUTENZIONE RISTRUTTURAZIONE E RESTAURO DELLE OPERE EDILI PREMESSO CHE: - La Camera

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Banca Popolare Friuladria

Banca Popolare Friuladria La Voce Banca Popolare Friuladria Comunicato d informazione sindacale per gli iscritti - settembre 2007 SOMMARIO Aumento di capitale Credit Agricole 1 Conclusa la bozza Staututo FIM 3 18 settembre primo

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE)

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) Sono pervenuti in merito al Bando riservato alle P.M.I. pubblicato sul sito dell ASI in data 11 agosto 2010

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

La carta dei servizi al cliente

La carta dei servizi al cliente La carta dei servizi al cliente novembre 2013 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi dell ICE Agenzia si ispira alle direttive nazionali ed europee in tema di qualità dei servizi e rappresenta

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli