Atti del Corso residenziale di farmacoeconomia in reumatologia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Atti del Corso residenziale di farmacoeconomia in reumatologia"

Transcript

1 Suppl. al n. 5/2011 di NEWS Atti del Corso residenziale di farmacoeconomia in reumatologia Firenze ottobre 2011 Segreteria Scientifica Dr. Maurizio Benucci Dr. Alessandro Mannoni iv parte

2 Indice iv parte L uso del QALY nelle valutazioni economiche in Italia 90 Andrea Messori I costi delle Malattie Reumatiche nelle regioni italiane: un modello di simulazione 98 A. Cicchetti, M. Ruggeri, F. Gori Trattamento Appropriato delle Rifratture Geriatriche in Toscana 105 Prisco Piscitelli Dotnet: un software per il controllo della spesa 112 Teresa Brocca Vivere la malattia tra bisogni e ristrettezze economiche: il ruolo dell Associazione dei Malati 115 Renato Giannelli

3 L uso del QALY nelle valutazioni economiche in Italia Andrea Messori Constatazione di fatto: sono pochissimi i casi in cui l utilità e i QALYs sono direttamente misurati nei trial registrativi.. Dati di spesa : l unità di misura (euro) è la stessa al variare della patologia Dati di efficacia: l unità di misura (QALY= quality-adjusted life year) deve rimanere la stessa al variare della patologia HTA: ponte tra scienza e decisioni Batista (2005) TESI: costruire/rafforzare il ponte tra HTA e EBM Studi Analisi clinici costoutilità Assegnare ex-post i rispettivi valori di utilità ai principali outcome clinici tradizionali (es: u di ACR20, u di ACR50, u di ACR70, etc) HTA Evidence based medicine 90

4 L uso del QALY nelle valutazioni economiche in Italia Andrea Messori Le due anime dell HTA Le due anime dell HTA Clinici (EBM) Economisti (modelli) Clinici Economisti I loro rispettivi strumenti HTA livello intermedio digiuni in materia Clinici: strumento = le revisioni sistematiche, le metanalisi Economisti: strumento = i modelli di simulazione (es. Markov, Montecarlo) super esperti E B M Evidence-based medicine (studi sperimentali+studi osservazionali) Operatività sul campo strategie: 1. incorporare la QdV/utilità nel disegno degli studi registrativi ed RCT in generale 2. condurre studi ex post sulla sola utilità e agganciare tali valori di utilità ai risultati dei trial registrativi 91

5 L uso del QALY nelle valutazioni economiche in Italia Andrea Messori Cominciamo con la sopravvivenza ed il costo per anno di vita guadagnato. Studi sulla QOL finalizzati ad una valutazione farmacoeconomica Vissuti Guadagnati UTILITA range: > 1 morte benessere L utilità è una modalità di misurazione della QOL che consente il confronto tra costi e risultati clinici n QALYs un paziente = anno i x utilità ESEMPIO: Paziente adulto che vive 20 anni dopo la diagnosi di COPD i=1 LYs del pz. = 20 x 1 = 20 QALYs del pz. = 20 x 0.80 = 16 (per Utilità COPD = 0.80) Aggiustare ( comprimere il valore ) in base alla qualità della vita (alias utilità ) QALYs = anni x utilità QALYs = 4 (per 4 anni a utilità=1) QALYs = 3 (per 4 anni a utilità=0.75) QALYs = 2 (per 4 anni a utilità=0.50) QALYs = 1 (per 4 anni a utilità=0.25) QdV, QUESITO PRINCIPALE: ESISTONO OPPURE NO DATI DI QdV (leggasi: utilità)? Metodo Q-TWIST RISPOSTA: Sì, ci sono dati di QdV (cioè di utilità) QUESITO SUCCESSIVO: se i dati ci sono, da quali e da quanti pazienti provengono? QUESITO SUCCESSIVO: con quale tecnica/strumento è stata misurata l utilità? RISPOSTA: No, non ci sono dati di QdV (cioè di utilità). ALTERNATIVE ALLA MANCANZA DI DATI: a) usare utilità=1 e misurare solo la OS b) usare utilità=0.5 per pesare la progressionfree survival (metodo QTWIST e similari) utilità = 1 (se senza sintomi) utilità = 0,5 (se con sintomi) 92

6 L uso del QALY nelle valutazioni economiche in Italia Andrea Messori Studi sulla QOL finalizzati ad una valutazione farmacoeconomica UTILITA range: > 1 morte benessere MISURAZIONE DELL UTILITA Chi la misura? caso 1: paziente (autovalutazione) caso 2: osservatore esterno (parente, infermiere, medico, pannello degli esperti, etc.) UTILITA (simil-qtwist) range: > 1 con senza sintomi sintomi /progressione /progressione Con quale tecnica? caso 1: metodo del time trade-off, metodo dell'analogovisivo, EuroQol caso 2: stesse tecniche oppure valutazione empirica TIPOLOGIA DEGLI STUDI CHE VALUTANO LA QUALITA' DELLA VITA (QOL) CLINICA ECONOMICA Quality adjusted life years simple concept: 1 a Tipologia: studi sulla QOL non finalizzati ad una analisi farmacoeconomica. La stima della QOL costituisce il risultato della ricerca. QALYs = quality adjusted life years 2 a Tipologia: studi sulla QOL finalizzati ad una valutazione farmacoeconomica. La misura della QOL costituisce il punto di partenza per la stima dei QALYs ed eventualmente per la conduzione di una analisi di costo/utilità. Health care should improve the quality of your life and/or increased your life expectancy. Therefore an index which combined quality of life with life expectancy could be used to compare the benefit of all health care interventions. TIPOLOGIA DEGLI STUDI CHE VALUTANO LA QUALITA' DELLA VITA (QOL) J Rheumatol Oct 1 Improvement and Longterm Maintenance of Quality of Life During Treatment with Adalimumab in Severe Rheumatoid Arthritis. Mittendorf T, Dietz B, Sterz R, Kupper H, Cifaldi MA, von der Schulenburg JM. CLINICA 1 a Tipologia: studi sulla QOL non finalizzati ad una analisi farmacoeconomica. La stima della QOL costituisce il risultato della ricerca. QALYs = quality adjusted life years 2 a Tipologia: studi sulla QOL finalizzati ad una valutazione farmacoeconomica. La misura della QOL costituisce il punto di partenza per la stima dei QALYs ed eventualmente per la conduzione di una analisi di costo/utilità. From the Center for Health Economics, Leibniz University Hannover, Hannover; OBJECTIVE: In patients with longstanding severe rheumatoid arthritis (RA) receiving chronic treatment with adalimumab, health related quality of life (HRQOL) was assessed using new instruments [Functional Assessment of Chronic Illness Therapy-Fatigue scale (FACIT-Fatigue) and Health Utilities Index Mark 3 (HUI3)] and a more conventional instrument [Medical Outcomes Study Short Form-36 Health Survey (SF-36)].METHODS: Different measures for collecting patient-reported outcomes were applied simultaneously during the 3-year study period. Sociodemographic and medical history data were assessed at the baseline visit. Clinical examinations (e.g., joint examination and morning stiffness), disease assessments, and HRQOL data were recorded every 8 weeks. For dichotomous and categorical variables, absolute and relative frequencies were calculated... HRQOL data were analyzed using observed cases. RESULTS: All assessed measures (FACIT-Fatigue, HUI3, SF-36) showed a rapid and statistically significant improvement from baseline following initiation of adalimumab therapy. This effect was maintained over the study period for a mean of 1.6 years in all applied measures. HRQOL data from all tested instruments were significantly correlated with each other 93

7 L uso del QALY nelle valutazioni economiche in Italia Andrea Messori J Clin Oncol 2002 Jul 15;20(14): Effects on quality of life of combined trastuzumab and chemotherapy in women with metastatic breast cancer. Osoba D, Slamon DJ, Burchmore M, Murphy M. Quality of Life Consulting, West Vancouver, British Columbia, Canada. PURPOSE: The study was designed to compare the effects of treatment with a combination of trastuzumab (Herceptin; Genentech, Inc, South San Francisco, CA) and chemotherapy versus chemotherapy alone on health-related quality of life (HRQL) in patients with HER-2/neu overexpressing, metastatic breast cancer. PATIENTS AND METHODS: A sample of 400 patients,.. completed the European Organization for Research and Treatment Care Quality of Life Questionnaire at baseline and on at least one subsequent occasion at 8, 20, 32, 44, and 56 weeks... RESULTS:. Higher proportions of patients receiving the combined therapy achieved improvement in global QOL (P <.05) than did patients treated with chemotherapy alone... CONCLUSION: Statistically significantly higher proportions of patients treated with a combination of trastuzumab and chemotherapy reported improved global QOL than did patients treated by chemotherapy alone. Studi sulla QOL non finalizzati ad una analisi farmacoeconomica MISURARE LA QUALITA' DELLA VITA 1. SF-36 (Short Form 36) 2. SIP (Sickness Impact Profile) 3. NHP (Nottingham Health Profile) Questionari generici Questionari specifici 1. EORTC (European Organization for the Research and Therapy of Cancer) 2. QLMI (Quality of Life after Myocardial Infarction) 3. DQoL (Diabetes Quality of Life questionnaire) 4. Asthma TyPE (Technology of Patients Experience) 5. IBDQ (Inflammatory Bowel Disease Quality of Life) SF-36 Versione 1.6 Italiana SF-36 SF-36 Legend: PF: Physical Functioning RP: Role Physical BP: Bodily Pain GH: General Health VT: Vitality SF: Social Functioning RE: Role Emotional MH: Mental Health PCS:PhysicalComponentScore MCS:MentalComponentScore _ :averagevaluesofu.s.population Questionario sullo Stato di Salute SF-36 Indirizzo: crc.marionegri.it/qdv/questionari/sf36/sf36v1ita.htm 94

8 L uso del QALY nelle valutazioni economiche in Italia Andrea Messori TIPOLOGIA DEGLI STUDI CHE VALUTANO LA QUALITA' DELLA VITA (QOL) Eur J Cancer Sep 29 The cost-effectiveness of bevacizumab in the first-line treatment of metastatic colorectal cancer in England and Wales. 1 a Tipologia: studi sulla QOL non finalizzati ad una analisi farmacoeconomica. La stima della QOL costituisce il risultato della ricerca. QALYs = quality adjusted life years ECONOMICA 2 a Tipologia: studi sulla QOL finalizzati ad una valutazione farmacoeconomica. La misura della QOL costituisce il punto di partenza per la stima dei QALYs ed eventualmente per la conduzione di una analisi di costo/utilità. Tappenden P, Jones R, Paisley S, Carroll C. School of Health and Related Research, University of Sheffield, Regent Court, 30 Regent Street, Sheffield UK. BACKGROUND: Bevacizumab is a humanised monoclonal antibody, which has demonstrated significant activity in metastatic colorectal cancer. The aim ofthis study is to estimate the costeffectiveness of adding bevacizumab to chemotherapy for patients with untreated metastatic colorectal cancer. METHODS: A decision-analytic model was developed to estimate the lifetime costs and benefits of adding bevacizumab to irinotecan plus FU/LV (IFL) or 5-FU/LV alone. Effectiveness outcomes, health utilities and resource use data were derived from recent bevacizumab RCTs and from the literature. RESULTS: Adding bevacizumab toifl costs approximately pound62,857 per QALY gained. Adding bevacizumab to5-fu/lv costs approximately pound88,436 per QALY gained. The acquisition cost of bevacizumab is a key determinant of its cost-effectiveness. The probability that bevacizumab has a cost-effectiveness ratio that is better than pound30,000 perqaly gained is close to zero. CONCLUSIONS: Given high acquisition costs in relation to clinical benefits, bevacizumab is unlikely to represent a cost-effective use of NHS resources. Studi sulla QOL finalizzati ad una valutazione farmacoeconomica Utilità UTILITA range: > 1 morte benessere L utilità è una modalità di misurazione della QOL che consente il confronto tra costi e risultati clinici n QALYs un paziente = anno i x utilità ESEMPIO: Paziente adulto che vive 20 anni dopo la diagnosi di COPD i=1 LYs del pz. = 20 x 1 = 20 QALYs del pz. = 20 x 0.80 = 16 (per Utilità COPD = 0.80) MISURAZIONE DELL UTILITA Chi la misura? caso 1: paziente (autovalutazione) caso 2: osservatore esterno (parente, infermiere, medico, pannello degli esperti, etc.) Con quale tecnica? caso 1: metodo del time trade-off, metodo dell'analogovisivo, EuroQol caso 2: stesse tecniche oppure valutazione empirica 95

9 L uso del QALY nelle valutazioni economiche in Italia Andrea Messori EuroQol Indicare quale delle seguenti affermazioni descrive meglio il suo stato di salute oggi, segnando con una crocetta (X cosi) una sola casella di ciascun gruppo. Capacità di Movimento Non ho difficoltà nel camminare Ho qualche difficoltà nel camminare Sono costrettola a letto Cura della Persona Non ho difficoltà nel prendermi cura di me stesso Ho qualche difficoltà nel lavarmi o vestirmi Non sono in grado di lavarmi o vestirmi Attività Abituali (per es. lavoro, studio, lavori domestici, attività familiari o di svago) Non ho difficoltà nello svolgimento delle attività abituali Ho qualche difficoltà nello svolgimento delle attività abituali Non sono in grado di svolgere le mie attività abituali Dolore o Fastidio Non provo alcun dolore o fastidio Provo dolore o fastidio moderati Provo estremo dolore o fastidio Ansia o Depressione Non sono ansioso o depresso Sono moderatamente ansioso o depresso Sono estremamente ansioso o depresso Il mio stato di salute oggi paragonato a quello degli ultimi 12 mesi è: Migliore ---- Più o meno uguale ---- Peggiore ---- TIM E TRADE-OFF: ESEM PIO Paziente di 60 anni con attesa di vita di 20 anni D O M A N D A : A quanti di questi 20 anni di vita è disposto a rinunciare per ottenere: una guarigione im m ediata e la g a ra n z ia d i sta r b e n e p e r il re sto d ei su o i a n n i d i v ita POSSIBILI RISPOSTE: - rinuncia ad 1 anno: S Q O L = (20-1) / 20 = 19/20 = rinuncia a 5 anni: S Q O L = (20-5)/20 = 15/20 = e tc M E T O D O L O G IA O T T IM A L E ( raccom andazioni più autorevoli): M e g lio le in te rv iste a i p a zie n ti c h e le v a lu taz io n i d e g li e sp e rti. Chest Oct;130(4): Does quality of life of COPD patients as measured by the generic EuroQol five-dimension questionnaire differentiate between COPD severity stages? Rutten-van Mölken MP, Oostenbrink JB, Tashkin DP, Burkhart D, Monz BU. Erasmus MC, Institute for Medical Technology Assessment (IMTA) OBJECTIVE: To assess the discriminative properties of the EuroQol five-dimension questionnaire (EQ-5D) with respect to COPD severity. in a largemultinational study. METHODS: Baseline EQ-5D visual analog scale (VAS) scores,eq-5d utility scores, 4-year placebo-controlled trial designed to assess the effect of tiotropium on the rate of decline infev(1) in COPD patients aged > or = 40 years, an FEV(1) of < 70% predicted, anfev(1)/fvc ratio of < or = 70%, and a smoking history of >/= 10 pack-years. RESULTS: A total of 1,235 patients (mean post bronchodilator FEV(1), 48.8%predicted) from 13 countries completed the EQ-5D. The EQ-5D VAS and utility scores differed significantly among patients in GOLD stages 2, 3, and 4, also after correction for age, sex, smoking, body mass index (BMI), and comorbidity (p < 0.001). The mean EQ-5D VAS scores for patients in GOLD stages 2, 3, and 4 were 68 (SD, 16), 62 (SD, 17), and 58 (SD, 16), respectively. The mean utility scores were 0.79 (SD, 0.20) for patients in GOLD stage 2, 0.75 (SD, 0.21) for patients in GOLD stage 3, and 0.65 (SD, 0.23) for patients in GOLD stage 4. Utility scores calculated with the US value set were on average 5% higher than those calculated with the UK value set. CONCLUSIONS: Increasing severity of COPD was associated with a significant decline in EQ-5D VAS scores and utility scores. These results demonstrate that a generic instrument can assess COPD impact on quality of life and that the scores discriminate between patient groups of known severity. These utility scores will be useful in cost-effectiveness assessments. 96

10 L uso del QALY nelle valutazioni economiche in Italia Andrea Messori HTA: ponte tra scienza e decisioni Batista (2005) IL CONTESTO ATTUALE: -mancano i soldi per la sanità -non siamo abituati a decidere dei NO Tetti della farmaceutica 2010* Territoriale 13,3% Ospedaliera 2,4% Totale SSN 15,7% 600 milioni di euro Reale = 5% *Espressi come percentuale sul Fondo del SSN (pari a circa 105 miliardi di euro). Corrispondente dato della spesa reale = circa 5% (con entità assoluta dello sforamento nazionale pari a quasi 3 miliardi di euro). 97

11 I costi delle Malattie Reumatiche nelle regioni italiane: un modello di simulazione A. Cicchetti, M. Ruggeri, F. Gori Agenda I costi delle Malattie Reumatiche nelle regioni italiane: un modello di simulazione A.Cicchetti, M. Ruggeri, F.Gori Introduzione Obiettivi Metodi Risultati Agenda Un quadro generale Introduzione Obiettivi Metodi Risultati Le malattie reumatiche sono più di cento e sono molto diverse fra loro sia per la sintomatologia sia per i segni con cui si presenta la malattia. Esse colpiscono il 10% della popolazione mondiale ed hanno un evoluzione cronica dal 20% all 80% di casi; negli Stati Uniti sono già oltre 40 milioni le persone che ne soffrono Si distinguono due tipi di malattie reumatiche: quelle infiammatorie e quelle non infiammatorie. I reumatismi infiammatori si distinguono clinicamente dalle altre malattie perché sono caratterizzati da una cronica evolutività che porta, se non prontamente trattati, al rapido instaurarsi di danni irreversibili alle strutture articolari con conseguente disabilità e invalidità. Interessano, nel loro insieme, più dell' 1% della popolazione italiana. 98

12 I costi delle Malattie Reumatiche nelle regioni italiane: un modello di simulazione A. Cicchetti, M. Ruggeri, F. Gori Agenda Obiettivi Introduzione Obiettivi Metodi Risultati Costruire un modello previsionale basato sulla storia naturale della malattia per stimare l impatto economico dell AR nel tempo Caratterizzazione per regioni Caratterizzazione per categoria professionale Sommare ai costi stimati con il modello previsionale i costi diretti ed indiretti attualizzati delle spondiloartropatie (Osservatorio Sanità e Salute, 2008) Agenda Dati sull Artrite Reumatica (AR) e sulle Spondiloartropatie (SA) Introduzione Obiettivi Metodi Risultati 10 milioni le persone colpite nel mondo Italia: (AR) (SA) nuovi casi all anno ogni abitanti 6 (AR) 3,7 (SA) l età di esordio della malattia 4 a 1 il rapporto donna-uomo Fonti disponibili Esistono molti studi che stimano l impatto dell AR in termini economici (Leardini, ANMAR, FIR, Osservatorio salute e Sanità) Difficoltà nel reperimento dei dati Stime non basate su un modello che descriva l evoluzione della malattia nel tempo Stime non prospettiche Per l AR è stato possibile ricostruire un modello prospettico a partire dai dati di Leardini (2002) Per le SA non sono state reperite sufficienti informazioni per la ricostruzione della storia naturale della malattia. Stime ricostruite proiettando nel tempo quelle esistenti (Osservatorio Sanità e Salute, 2008) AR: Decorso clinico Classi funzionali di Steinbrocker Stadio 1: Paziente autonomo. Attività quotidiane non compromesse Stadio 2: Paziente con lieve limitazione funzionale. Attività quotidiane di poco limitate. Stadio 3: Paziente con moderata limitazione funzionale. Attività quotidiane compromesse. Stadio 4: Paziente non autonomo. Attività quotidiane altamente compromesse. 99

13 I costi delle Malattie Reumatiche nelle regioni italiane: un modello di simulazione A. Cicchetti, M. Ruggeri, F. Gori AR: Disegno dello studio Ricostruzione della storia naturale della malattia modello di Markov basato su dati epidemiologici e clinici Passaggio degli individui da stadio I a stadio IV Stima dei costi diretti ed indiretti Dati economici Proiezione dei risultati nel tempo Dati macroeconomici AR: Fonti dei dati Dati epidemiologici SDO 2005 ANMAR, FIR, CENSIS (2008) Dati clinici Leardini et al. (2002) Dati di assorbimento risorse Leardini et al (2002) SDO 2005 ISTAT (2006) Dati macroeconomici ISTAT (2006) OECD (2009) Banca d Italia (2008) Dati epidemiologici - prevalenza Artride reumatoide (diagnosi pricipale da 714 a 714.9) Numero di ricoveri per Regione di dimesssione Descrizione Ord. DH. Totale Piemonte V. Aosta Lombardia P.A.Bolzano P.A.Trento Veneto Friuli V. Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Italia Regione Stim a prevalenza Prevalenza per 100 ab Piemonte ,64 V. Aosta 327 0,26 Lombardia ,76 P.A.Bolzano ,79 P.A.Trento ,83 Veneto ,43 Friuli V. Giulia ,60 Liguria ,15 Emilia Romagna ,57 Toscana ,63 Umbria ,49 Marche ,50 Lazio ,94 Abruzzo ,99 Molise ,00 Campania ,66 Puglia ,48 Basilicata ,65 Calabria ,93 Sicilia ,80 Sardegna ,72 Italia ,70 Altri dati (Censis, Anmar, SIR, 2008) Genere per area geografica NO NE C S ITALIA M 0,287 0,286 0,25 0,273 0,274 F 0,713 0,714 0,75 0,727 0,726 Condizione occupazionale M F TOTALE Casalinga 0 0,516 0,378 Contadino 0,017 0,004 0,008 Operaio 0,102 0,021 0,043 Impiegato/insegnante 0,136 0,164 0,156 Professionista/dirigente 0,028 0,015 0,019 artigiano/commerciante 0,079 0,017 0,034 Imprenditore 0,017 0,002 0,006 Pensionato 0,58 0,237 0,333 Disoccupato 0,017 0,017 0,017 Altro 0,01 0,004 0,003 Studente 0,005 0,003 0,003 Dati clinici (Leardini et al, 2002) Distribuzione della casistica: Stadio I: 24,5% Stadio II: 26,5% Stadio III: 27% Stadio IV: 22% Storia naturale della malattia (anni): Stadio I: 6,1 (+/- 5,6) Stadio II: 9,9 (+/- 7,2) Stadio III: 13,4 (+/- 8) Stadio IV: 20,8 (+/- 11,6) Dati di assorbimento risorse (Leardini et al. 2002) Giorni di lavoro persi stadio Giorni I 21 II 48 III 83 IV 77 Costo ricovero ordinario: 95 euro Costo DH: 58,85 euro % costo Abbandoni lavorativi I 4% 744,50 II 20% 3.894,70 III 11% 2.278,20 IV 16% 3.042,80 Cure Informali I 14% 739,30 II 45% 3.457,40 III 57% 5.985,50 IV 82% 7.159,00 Caregiver I 4% 88,30 II 15% 149,20 III 31% 1.167,30 IV 27% 1.033,00 100

14 I costi delle Malattie Reumatiche nelle regioni italiane: un modello di simulazione A. Cicchetti, M. Ruggeri, F. Gori Costi lavoro orario (ISTAT, 2006) Costi diretti (Leardini et al. 2002) Piemonte 19,46 Val d'aosta 19,46 Liguria 19,46 Lombardia 19,94 Veneto 17,25 Trentino 17,25 Friuli 17,25 Emilia Romagna 18,89 Toscana 17,1 Marche 17,1 Umbria 17,1 Lazio 21,8 Abruzzo 16,34 Molise 16,34 Campania 17,1 Puglia 15,89 Basilicata 15,89 Calabria 15,89 Sicilia 18,91 Sardegna 16,54 ITALIA 17,748 Stadio 1 Stadio 2 Stadio 3 Stadio 4 Esami diagnostici 61,40 79,00 105,30 114,60 Esami strumentali 55,80 88,80 77,00 73,30 Esami di laboratorio 130,60 162,60 177,60 206,50 Fisioterapia 43,40 65,60 89,80 157,00 Farmaci 558, , , ,70 Ricoveri routine 399,60 751, , ,50 Ric.Riabilitaz 106,40 94, Day hospital 60,90 101,70 59,40 13,40 Trasporti 113,10 110,50 247,80 134,70 aiuti domestici 50,10 222,00 840, ,70 Ausili 64,00 160,00 121,80 236,40 Totale 1.643, , , ,80 Ospedalizzazioni (SDO 2005) Cod_reg Descrizione giornate di ricovero ord. Accessi in DH 10 Piemonte Dati macroeconomici 20 V. Aosta Lombardia P.A.Bolzano P.A.Trento Tasso inflazione (ISTAT): 2% 50 Veneto Friuli V. Giulia Liguria Emilia Romagna Tasso di sconto: 5% 90 Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Tasso disoccupazione: 6,1% (M); 9,9% (F) caratterizzato anche su base regionale 140 Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Italia Agenda AR: Italia Introduzione Costi Indiretti Perdite produttività , , , ,01 Care giver , , , ,11 Obiettivi Cure informali , , , ,90 totale costi indiretti , , , ,03 Metodi Risultati Costi diretti Diagnostica , , , ,92 Terapie , , , ,71 Ospedalizzazioni , , , ,76 DH , , , ,67 Altro , , , ,13 Totale costi diretti , , , ,19 TOTALE , , , ,22 101

15 I costi delle Malattie Reumatiche nelle regioni italiane: un modello di simulazione A. Cicchetti, M. Ruggeri, F. Gori AR: Italia AR: Lombardia , , , , ,00 Costi Indiretti Perdite produttività , , , ,40 Care giver , , , ,42 Cure informali , , , ,78 totale costi indiretti , , , , , , , Perdite produttività Care giver Cure informali totale costi indiretti Diagnostica Terapie Ospedalizzazioni DH Altro Totale costi diretti Costi diretti Diagnostica , , , ,03 Terapie , , , ,20 Ospedalizzazioni , , , ,13 DH , , , ,28 Altro , , , ,93 Totale costi diretti , , , ,56 TOTALE , , , ,17 AR: Lombardia AR: Emilia Romagna , , , , ,00 Costi Indiretti Perdite produttività , , , ,07 Care giver , , , ,15 Cure informali , , , ,55 totale costi indiretti , , , , , , , , , Perdite produttività Care giver Cure informali totale costi indiretti Diagnostica Terapie Ospedalizzazioni DH Altro Totale costi diretti Costi diretti Diagnostica , , , ,68 Terapie , , , ,61 Ospedalizzazioni , , , ,33 DH , , , ,39 Altro , , , ,73 Totale costi diretti , , , ,75 TOTALE , , , ,52 AR: Emilia Romagna AR: Toscana , , , , , , , , , , Perdite produttività Care giver Cure informali totale costi indiretti Diagnostica Terapie Ospedalizzazioni DH Altro Totale costi diretti Costi Indiretti Perdite produttività , , , ,82 Care giver , , , ,50 Cure informali , , , ,30 totale costi indiretti , , , ,62 Costi diretti Diagnostica , , , ,80 Terapie , , , ,10 Ospedalizzazioni , , , ,96 DH , , , ,24 Altro , , , ,44 Totale costi diretti , , , ,55 TOTALE , , , ,16 102

16 I costi delle Malattie Reumatiche nelle regioni italiane: un modello di simulazione A. Cicchetti, M. Ruggeri, F. Gori AR: Toscana AR: Lazio , , , , , , , , , , Perdite produttività Care giver Cure informali totale costi indiretti Diagnostica Terapie Ospedalizzazioni DH Altro Totale costi diretti Costi Indiretti Perdite produttività , , , ,45 Care giver , , , ,60 Cure informali , , , ,51 totale costi indiretti , , , ,57 Costi diretti Diagnostica , , , ,66 Terapie , , , ,22 Ospedalizzazioni , , , ,60 DH , , , ,75 Altro , , , ,53 Totale costi diretti , , , ,77 TOTALE , , , , , , , ,00 AR: Lazio AR: Sicilia Costi Indiretti Perdite produttività , , , ,84 Care giver , , , ,41 Cure informali , , , ,25 totale costi indiretti , , , , , , , Perdite produttività Care giver Cure informali totale costi indiretti Diagnostica Terapie Ospedalizzazioni DH Altro Totale costi diretti Costi diretti Diagnostica , , , ,76 Terapie , , , ,40 Ospedalizzazioni , , , ,10 DH , , , ,49 Altro , , , ,56 Totale costi diretti , , , ,31 TOTALE , , , , ,00 AR: Sicilia AR: Ripartizione costi per settore produttivo , , , , , , , , , , , , ,00 Casalinghe Servizi Industria Perdite produttività Care giver Cure informali totale costi indiretti Diagnostica Terapie Ospedalizzazioni DH Altro Totale costi diretti , ,

17 I costi delle Malattie Reumatiche nelle regioni italiane: un modello di simulazione A. Cicchetti, M. Ruggeri, F. Gori Stima dei costi delle SA (Osservatorio Sanità e Salute, 2008) Costi indiretti annui: 758 mln di euro in Italia Costi diretti: 950 mln di euro Stima: 1 mld e 708 mln di euro annui Conclusioni I costi dell Artrite Reumatoide a livello nazionale sono variabili fra i 3,3 mdl e i 4 mld di euro (picco atteso al 2029). Se a ciò si aggiungono i costi stimati per le Spondiloartropatie si stima un costo annuo fra i 5 ed i 6 mld di euro (picco al 2029) A livello cumulato i costi totali al 2039 arriverebbero a circa 114 mld di euro per l AR. Attualizzando i costi delle SA i costi toali salirebbero a 130 mld di euro. La regioni che sosterrebbero i costi maggiori sono: Lombardia (13,25% dei costi totali nazionali); Lazio (9,4% dei costi totali nazionali); Sicilia (7,3% dei costi toali nazionali) Solo per l AR le perdite di produttività sostenute dalla previdenza sociale (INPS) sarebbero variabili fra lo 0,67% (al 2009) e lo 0,7% (al 2029) del totale della spesa previdenziale. I costi diretti a carico del SSN sono invece pari all 1% della spesa sanitaria totale (valori del 2006 proiettati al 2039) 104

18 Trattamento Appropriato delle Rifratture Geriatriche in Toscana Prisco Piscitelli PROGETTO TARGET Le Fratture Femorali in Italia Trattamento Appropriato delle Rifratture Geriatriche in Toscana Dr. Prisco Piscitelli Università di Firenze Le fratture di femore degli anziani hanno raggiunto ricoveri all anno e costi d ospedalizzazione e riabilitazione di circa 1 miliardo di Euro annui. (Toscana 96 milioni). Escludendo i doppi ricoveri dello stesso paziente, le fratture femorali negli >65 in Italia erano: nel nel nel 2008 Le Fratture Femorali in Italia Ben il 67,5% di tutte le fratture femorali degli anziani si verificano oltre gli 80 anni di età (su totale di nel 2008) e che il 16,5% riguarda gli ultranovantenni (1.1% della popolazione)! fratture tra anni ( F M) fratture negli >90 anni ( F M) - il 40% delle fratture femorali si verifica in donne >85 (4.4% della popolazione italiana) Le Fratture Femorali in Italia In Italia si sono verificate oltre mezzo milione di fratture femorali negli anziani ( ) in meno di 10 anni ( ), responsabili di circa ricoveri; i decessi si stimano in circa e oltre sono i casi d invalidità permanente. I costi diretti totali per il SSN sono pari a circa 8,5 miliardi di euro (più 1 miliardo di euro pagato dal INPS per le pensioni d invalidità): quasi 10 miliardi di Euro in meno di 10 anni ( )! 105

19 Trattamento Appropriato delle Rifratture Geriatriche in Toscana Prisco Piscitelli Fratture femorali IMA e Ictus Le fratture femorali in Toscana Anno Totale anziani >65 frattura femorale Costi Diretti Milioni Euro Totale adulti >45 con IMA Costi Diretti Milioni Euro Totale anziani >65 con IMA Costi Diretti Milioni Euro Totale adulti >45 con ictus cerebrale Costi Diretti Milioni Euro Totale adulti >45 con TIA Costi Diretti Milioni Euro CLASSE DI ETA' RICOVERI UTENTI e TOTALE Le fratture femorali in Toscana AZIENDA RICOVERI RICOVERI con INTERVENTO USL 1 - Massa e Carrara USL 2 - Lucca USL 3 - Pistoia USL 4 - Prato USL 5 - Pisa USL 6 - Livorno USL 7 - Siena USL 8 - Arezzo USL 9 - Grosseto USL 10 - Firenze USL 11 - Empoli USL 12 - Viareggio Az. Osp. Pisana Az. Osp. Senese Az. Osp. Careggi TOTALE Proge&o T.A.R.Ge.T. Età dei fratturati di Femore in Toscana nel triennio ,03% 23,87% 23,70% 37,70% 37,60% 37,57% ,17% 24,98% 24,11% 1,93% 1,90% 1,81% Le fratture femorali in Toscana Le fratture femorali in Toscana L analisi dei database SDO toscani per le fratture femorali ha evidenziato un forte impatto per gli anziani e un costo sanitario rilevante: - Oltre fratture di femore da fragilità nel solo Circa il 20% anziani muore entro il primo anno. - Oltre il 50% dei fratturati di femore non recupera più la capacità di movimento e l autosufficienza. - Circa il 20% subisce una ri- frattura di femore entro 4 anni milioni di Euro i costi diretti totali per il SSR nel Meno di 1000 anziani con frattura femorale in Toscana venivano avviati a terapie antifratturative nel 2007; Per di più il 60% di questo già esiguo numero di pazienti interrompeva quasi subito la cura vanificandone l efficacia: in tal modo la Toscana spreca almeno euro all anno per terapie in Nota 79 troppo brevi nei fratturati di femore per essere efficaci. 106

20 Trattamento Appropriato delle Rifratture Geriatriche in Toscana Prisco Piscitelli PROGETTO TARGET: Obiettivi Ridurre l incidenza delle fratture femorali ed in particolare delle ri- fratture di femore su base osteoporotica nei soggetti anziani; Diminuire l inappropriatezza derivante dal mancato avviamento dei pazienti con frattura femorale a terapie farmacologiche preventive di provata efficacia antifratturativa Ridurre lo spreco di risorse legato ad una cattiva adesione alla terapia. Quadriennio PROGETTO TARGET: Obiettivi Per raggiungere questi obiettivi, la Regione Toscana ha chiesto agli ortopedici, ai medici di medicina generale e a tutti gli specialisti coinvolti nella gestione del paziente osteoporotico di avviare tutti i pazienti con frattura femorale ad un efficace trattamento dell osteoporosi. L obiettivo è garantire una terapia rimborsata almeno all 80% degli anziani fratturati, con massima attenzione alla persistenza in terapia (lo scopo è raggiungere una compliance di almeno un anno nell 80% dei pazienti e di almeno il 50% a due anni). PROGETTO TARGET: Metodi PROGETTO TARGET: Linee guida E sempre potenzialmente utile per l ortopedico avvalersi di uno specialista di area medica (qualora presente nella stessa struttura ospedaliera) in regime di consulenza durante il ricovero ospedaliero per meglio definire il quadro clinico in relazione allo stato di demineralizzazione e la migliore strategia terapeutica per il paziente anziano con frattura femorale. Ci si aspetta che questo tipo di attenzione agevoli i medici di famiglia nella gestione dei loro pazienti anziani con frattura di femore (solo 2-3 per MMG ogni anno). E consigliabile richiedere durante la degenza del paziente anziano con frattura femorale alcuni esami di primo livello, sulla cui base il consulente clinico possa indicare una terapia alla dimissione: Calcemia Fosforemia Fosfatasi Alcalina ossea 25- OH- Vitamina D *Proposta di linee guida per l adozione da parte Otodi PROGETTO TARGET: Linee guida PROGETTO TARGET: Linee guida Garantire a tutti supplementazione di Vitamina D Scegliere la terapia antifratturativa (da iniziare dopo giorni) in modo personalizzato e in funzione della prevedibile adesione alla terapia (compliance) da parte del/la paziente: - in relazione al suo stato di salute generale (effetti collaterali) e allo stato cognitivo - alla presenza di eventuali care- givers (familiari, badanti, personale delle case di riposo). 1) Paziente relativamente giovane (65-70 anni) o paziente in buone condizioni psico- fisiche anche se >70: - possibilità di prescrivere una terapia orale (a giorni) se è prevedibile buona compliance in base alla situazione clinica e sociale del paziente (a meno che non si ritenga necessaria, per esigenze cliniche, una terapia s.c. o infusionale). 107

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Patient Details. Section to be completed by the RITAZAREM Participant

Patient Details. Section to be completed by the RITAZAREM Participant EQ5D FORM-MONTH 0 Section to be completed by the RITAZAREM Participant Indicare quale delle seguenti affermazioni descrive meglio il suo stato di salute oggi, segnando con una crocetta (così) una sola

Dettagli

Indicatori positivi: Misurare la salute e la Qualità di vita legata alla Salute

Indicatori positivi: Misurare la salute e la Qualità di vita legata alla Salute Indicatori positivi: Misurare la salute e la Qualità di vita legata alla Salute Prof. Giovanni Capelli Cattedra di Igiene Dipartimento di Scienze Motorie e della Salute Università di Cassino Salute e Qualità

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI Rapporto annuale sull attività di ricovero ospedaliero Dati SDO 2012 Dicembre 2013 Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE luglio 14 TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE Anno 13 Quella italiana è una popolazione che invecchia, in cui le patologie croniche sono sempre più diffuse. Rispetto al 5, diminuiscono malattie respiratorie

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari 2 marzo 2007 Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat rileva presso i cittadini

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO Rif. Organizzatore 8568-10035201 IN COLLABORAZIONE CON ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA Esenzione dalla spesa farmaceutica Tabella Riepilogativa - Modalità di compilazione della a partire dal 1 luglio 2011 ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA a carico Esenzione Totale e quota E03 E04

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti. Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp.

Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti. Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp. Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp. Fontanellato San Secondo Nel 2009 nei Nuclei di Cure Primarie (NCP) di Fontanellato

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Il presente rapporto è frutto di un lavoro di ricerca dello Staff SSRMdL di Italia Lavoro, coordinato da Maurizio Sorcioni,

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

IL SISTEMA SANITARIO IN ITALIA (SSN) e IL SUO PROCESSO DI EVOLUZIONE

IL SISTEMA SANITARIO IN ITALIA (SSN) e IL SUO PROCESSO DI EVOLUZIONE IL SISTEMA SANITARIO IN ITALIA (SSN) e IL SUO PROCESSO DI EVOLUZIONE La storia del SSN Ante 883/78 Legge 833/78 (Compromesso storico) (Creazione del SSN) Decreti Legislativi 502/92 (De Lorenzo) e 517/93

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli