Atti del Corso residenziale di farmacoeconomia in reumatologia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Atti del Corso residenziale di farmacoeconomia in reumatologia"

Transcript

1 Suppl. al n. 5/2011 di NEWS Atti del Corso residenziale di farmacoeconomia in reumatologia Firenze ottobre 2011 Segreteria Scientifica Dr. Maurizio Benucci Dr. Alessandro Mannoni iv parte

2 Indice iv parte L uso del QALY nelle valutazioni economiche in Italia 90 Andrea Messori I costi delle Malattie Reumatiche nelle regioni italiane: un modello di simulazione 98 A. Cicchetti, M. Ruggeri, F. Gori Trattamento Appropriato delle Rifratture Geriatriche in Toscana 105 Prisco Piscitelli Dotnet: un software per il controllo della spesa 112 Teresa Brocca Vivere la malattia tra bisogni e ristrettezze economiche: il ruolo dell Associazione dei Malati 115 Renato Giannelli

3 L uso del QALY nelle valutazioni economiche in Italia Andrea Messori Constatazione di fatto: sono pochissimi i casi in cui l utilità e i QALYs sono direttamente misurati nei trial registrativi.. Dati di spesa : l unità di misura (euro) è la stessa al variare della patologia Dati di efficacia: l unità di misura (QALY= quality-adjusted life year) deve rimanere la stessa al variare della patologia HTA: ponte tra scienza e decisioni Batista (2005) TESI: costruire/rafforzare il ponte tra HTA e EBM Studi Analisi clinici costoutilità Assegnare ex-post i rispettivi valori di utilità ai principali outcome clinici tradizionali (es: u di ACR20, u di ACR50, u di ACR70, etc) HTA Evidence based medicine 90

4 L uso del QALY nelle valutazioni economiche in Italia Andrea Messori Le due anime dell HTA Le due anime dell HTA Clinici (EBM) Economisti (modelli) Clinici Economisti I loro rispettivi strumenti HTA livello intermedio digiuni in materia Clinici: strumento = le revisioni sistematiche, le metanalisi Economisti: strumento = i modelli di simulazione (es. Markov, Montecarlo) super esperti E B M Evidence-based medicine (studi sperimentali+studi osservazionali) Operatività sul campo strategie: 1. incorporare la QdV/utilità nel disegno degli studi registrativi ed RCT in generale 2. condurre studi ex post sulla sola utilità e agganciare tali valori di utilità ai risultati dei trial registrativi 91

5 L uso del QALY nelle valutazioni economiche in Italia Andrea Messori Cominciamo con la sopravvivenza ed il costo per anno di vita guadagnato. Studi sulla QOL finalizzati ad una valutazione farmacoeconomica Vissuti Guadagnati UTILITA range: > 1 morte benessere L utilità è una modalità di misurazione della QOL che consente il confronto tra costi e risultati clinici n QALYs un paziente = anno i x utilità ESEMPIO: Paziente adulto che vive 20 anni dopo la diagnosi di COPD i=1 LYs del pz. = 20 x 1 = 20 QALYs del pz. = 20 x 0.80 = 16 (per Utilità COPD = 0.80) Aggiustare ( comprimere il valore ) in base alla qualità della vita (alias utilità ) QALYs = anni x utilità QALYs = 4 (per 4 anni a utilità=1) QALYs = 3 (per 4 anni a utilità=0.75) QALYs = 2 (per 4 anni a utilità=0.50) QALYs = 1 (per 4 anni a utilità=0.25) QdV, QUESITO PRINCIPALE: ESISTONO OPPURE NO DATI DI QdV (leggasi: utilità)? Metodo Q-TWIST RISPOSTA: Sì, ci sono dati di QdV (cioè di utilità) QUESITO SUCCESSIVO: se i dati ci sono, da quali e da quanti pazienti provengono? QUESITO SUCCESSIVO: con quale tecnica/strumento è stata misurata l utilità? RISPOSTA: No, non ci sono dati di QdV (cioè di utilità). ALTERNATIVE ALLA MANCANZA DI DATI: a) usare utilità=1 e misurare solo la OS b) usare utilità=0.5 per pesare la progressionfree survival (metodo QTWIST e similari) utilità = 1 (se senza sintomi) utilità = 0,5 (se con sintomi) 92

6 L uso del QALY nelle valutazioni economiche in Italia Andrea Messori Studi sulla QOL finalizzati ad una valutazione farmacoeconomica UTILITA range: > 1 morte benessere MISURAZIONE DELL UTILITA Chi la misura? caso 1: paziente (autovalutazione) caso 2: osservatore esterno (parente, infermiere, medico, pannello degli esperti, etc.) UTILITA (simil-qtwist) range: > 1 con senza sintomi sintomi /progressione /progressione Con quale tecnica? caso 1: metodo del time trade-off, metodo dell'analogovisivo, EuroQol caso 2: stesse tecniche oppure valutazione empirica TIPOLOGIA DEGLI STUDI CHE VALUTANO LA QUALITA' DELLA VITA (QOL) CLINICA ECONOMICA Quality adjusted life years simple concept: 1 a Tipologia: studi sulla QOL non finalizzati ad una analisi farmacoeconomica. La stima della QOL costituisce il risultato della ricerca. QALYs = quality adjusted life years 2 a Tipologia: studi sulla QOL finalizzati ad una valutazione farmacoeconomica. La misura della QOL costituisce il punto di partenza per la stima dei QALYs ed eventualmente per la conduzione di una analisi di costo/utilità. Health care should improve the quality of your life and/or increased your life expectancy. Therefore an index which combined quality of life with life expectancy could be used to compare the benefit of all health care interventions. TIPOLOGIA DEGLI STUDI CHE VALUTANO LA QUALITA' DELLA VITA (QOL) J Rheumatol Oct 1 Improvement and Longterm Maintenance of Quality of Life During Treatment with Adalimumab in Severe Rheumatoid Arthritis. Mittendorf T, Dietz B, Sterz R, Kupper H, Cifaldi MA, von der Schulenburg JM. CLINICA 1 a Tipologia: studi sulla QOL non finalizzati ad una analisi farmacoeconomica. La stima della QOL costituisce il risultato della ricerca. QALYs = quality adjusted life years 2 a Tipologia: studi sulla QOL finalizzati ad una valutazione farmacoeconomica. La misura della QOL costituisce il punto di partenza per la stima dei QALYs ed eventualmente per la conduzione di una analisi di costo/utilità. From the Center for Health Economics, Leibniz University Hannover, Hannover; OBJECTIVE: In patients with longstanding severe rheumatoid arthritis (RA) receiving chronic treatment with adalimumab, health related quality of life (HRQOL) was assessed using new instruments [Functional Assessment of Chronic Illness Therapy-Fatigue scale (FACIT-Fatigue) and Health Utilities Index Mark 3 (HUI3)] and a more conventional instrument [Medical Outcomes Study Short Form-36 Health Survey (SF-36)].METHODS: Different measures for collecting patient-reported outcomes were applied simultaneously during the 3-year study period. Sociodemographic and medical history data were assessed at the baseline visit. Clinical examinations (e.g., joint examination and morning stiffness), disease assessments, and HRQOL data were recorded every 8 weeks. For dichotomous and categorical variables, absolute and relative frequencies were calculated... HRQOL data were analyzed using observed cases. RESULTS: All assessed measures (FACIT-Fatigue, HUI3, SF-36) showed a rapid and statistically significant improvement from baseline following initiation of adalimumab therapy. This effect was maintained over the study period for a mean of 1.6 years in all applied measures. HRQOL data from all tested instruments were significantly correlated with each other 93

7 L uso del QALY nelle valutazioni economiche in Italia Andrea Messori J Clin Oncol 2002 Jul 15;20(14): Effects on quality of life of combined trastuzumab and chemotherapy in women with metastatic breast cancer. Osoba D, Slamon DJ, Burchmore M, Murphy M. Quality of Life Consulting, West Vancouver, British Columbia, Canada. PURPOSE: The study was designed to compare the effects of treatment with a combination of trastuzumab (Herceptin; Genentech, Inc, South San Francisco, CA) and chemotherapy versus chemotherapy alone on health-related quality of life (HRQL) in patients with HER-2/neu overexpressing, metastatic breast cancer. PATIENTS AND METHODS: A sample of 400 patients,.. completed the European Organization for Research and Treatment Care Quality of Life Questionnaire at baseline and on at least one subsequent occasion at 8, 20, 32, 44, and 56 weeks... RESULTS:. Higher proportions of patients receiving the combined therapy achieved improvement in global QOL (P <.05) than did patients treated with chemotherapy alone... CONCLUSION: Statistically significantly higher proportions of patients treated with a combination of trastuzumab and chemotherapy reported improved global QOL than did patients treated by chemotherapy alone. Studi sulla QOL non finalizzati ad una analisi farmacoeconomica MISURARE LA QUALITA' DELLA VITA 1. SF-36 (Short Form 36) 2. SIP (Sickness Impact Profile) 3. NHP (Nottingham Health Profile) Questionari generici Questionari specifici 1. EORTC (European Organization for the Research and Therapy of Cancer) 2. QLMI (Quality of Life after Myocardial Infarction) 3. DQoL (Diabetes Quality of Life questionnaire) 4. Asthma TyPE (Technology of Patients Experience) 5. IBDQ (Inflammatory Bowel Disease Quality of Life) SF-36 Versione 1.6 Italiana SF-36 SF-36 Legend: PF: Physical Functioning RP: Role Physical BP: Bodily Pain GH: General Health VT: Vitality SF: Social Functioning RE: Role Emotional MH: Mental Health PCS:PhysicalComponentScore MCS:MentalComponentScore _ :averagevaluesofu.s.population Questionario sullo Stato di Salute SF-36 Indirizzo: crc.marionegri.it/qdv/questionari/sf36/sf36v1ita.htm 94

8 L uso del QALY nelle valutazioni economiche in Italia Andrea Messori TIPOLOGIA DEGLI STUDI CHE VALUTANO LA QUALITA' DELLA VITA (QOL) Eur J Cancer Sep 29 The cost-effectiveness of bevacizumab in the first-line treatment of metastatic colorectal cancer in England and Wales. 1 a Tipologia: studi sulla QOL non finalizzati ad una analisi farmacoeconomica. La stima della QOL costituisce il risultato della ricerca. QALYs = quality adjusted life years ECONOMICA 2 a Tipologia: studi sulla QOL finalizzati ad una valutazione farmacoeconomica. La misura della QOL costituisce il punto di partenza per la stima dei QALYs ed eventualmente per la conduzione di una analisi di costo/utilità. Tappenden P, Jones R, Paisley S, Carroll C. School of Health and Related Research, University of Sheffield, Regent Court, 30 Regent Street, Sheffield UK. BACKGROUND: Bevacizumab is a humanised monoclonal antibody, which has demonstrated significant activity in metastatic colorectal cancer. The aim ofthis study is to estimate the costeffectiveness of adding bevacizumab to chemotherapy for patients with untreated metastatic colorectal cancer. METHODS: A decision-analytic model was developed to estimate the lifetime costs and benefits of adding bevacizumab to irinotecan plus FU/LV (IFL) or 5-FU/LV alone. Effectiveness outcomes, health utilities and resource use data were derived from recent bevacizumab RCTs and from the literature. RESULTS: Adding bevacizumab toifl costs approximately pound62,857 per QALY gained. Adding bevacizumab to5-fu/lv costs approximately pound88,436 per QALY gained. The acquisition cost of bevacizumab is a key determinant of its cost-effectiveness. The probability that bevacizumab has a cost-effectiveness ratio that is better than pound30,000 perqaly gained is close to zero. CONCLUSIONS: Given high acquisition costs in relation to clinical benefits, bevacizumab is unlikely to represent a cost-effective use of NHS resources. Studi sulla QOL finalizzati ad una valutazione farmacoeconomica Utilità UTILITA range: > 1 morte benessere L utilità è una modalità di misurazione della QOL che consente il confronto tra costi e risultati clinici n QALYs un paziente = anno i x utilità ESEMPIO: Paziente adulto che vive 20 anni dopo la diagnosi di COPD i=1 LYs del pz. = 20 x 1 = 20 QALYs del pz. = 20 x 0.80 = 16 (per Utilità COPD = 0.80) MISURAZIONE DELL UTILITA Chi la misura? caso 1: paziente (autovalutazione) caso 2: osservatore esterno (parente, infermiere, medico, pannello degli esperti, etc.) Con quale tecnica? caso 1: metodo del time trade-off, metodo dell'analogovisivo, EuroQol caso 2: stesse tecniche oppure valutazione empirica 95

9 L uso del QALY nelle valutazioni economiche in Italia Andrea Messori EuroQol Indicare quale delle seguenti affermazioni descrive meglio il suo stato di salute oggi, segnando con una crocetta (X cosi) una sola casella di ciascun gruppo. Capacità di Movimento Non ho difficoltà nel camminare Ho qualche difficoltà nel camminare Sono costrettola a letto Cura della Persona Non ho difficoltà nel prendermi cura di me stesso Ho qualche difficoltà nel lavarmi o vestirmi Non sono in grado di lavarmi o vestirmi Attività Abituali (per es. lavoro, studio, lavori domestici, attività familiari o di svago) Non ho difficoltà nello svolgimento delle attività abituali Ho qualche difficoltà nello svolgimento delle attività abituali Non sono in grado di svolgere le mie attività abituali Dolore o Fastidio Non provo alcun dolore o fastidio Provo dolore o fastidio moderati Provo estremo dolore o fastidio Ansia o Depressione Non sono ansioso o depresso Sono moderatamente ansioso o depresso Sono estremamente ansioso o depresso Il mio stato di salute oggi paragonato a quello degli ultimi 12 mesi è: Migliore ---- Più o meno uguale ---- Peggiore ---- TIM E TRADE-OFF: ESEM PIO Paziente di 60 anni con attesa di vita di 20 anni D O M A N D A : A quanti di questi 20 anni di vita è disposto a rinunciare per ottenere: una guarigione im m ediata e la g a ra n z ia d i sta r b e n e p e r il re sto d ei su o i a n n i d i v ita POSSIBILI RISPOSTE: - rinuncia ad 1 anno: S Q O L = (20-1) / 20 = 19/20 = rinuncia a 5 anni: S Q O L = (20-5)/20 = 15/20 = e tc M E T O D O L O G IA O T T IM A L E ( raccom andazioni più autorevoli): M e g lio le in te rv iste a i p a zie n ti c h e le v a lu taz io n i d e g li e sp e rti. Chest Oct;130(4): Does quality of life of COPD patients as measured by the generic EuroQol five-dimension questionnaire differentiate between COPD severity stages? Rutten-van Mölken MP, Oostenbrink JB, Tashkin DP, Burkhart D, Monz BU. Erasmus MC, Institute for Medical Technology Assessment (IMTA) OBJECTIVE: To assess the discriminative properties of the EuroQol five-dimension questionnaire (EQ-5D) with respect to COPD severity. in a largemultinational study. METHODS: Baseline EQ-5D visual analog scale (VAS) scores,eq-5d utility scores, 4-year placebo-controlled trial designed to assess the effect of tiotropium on the rate of decline infev(1) in COPD patients aged > or = 40 years, an FEV(1) of < 70% predicted, anfev(1)/fvc ratio of < or = 70%, and a smoking history of >/= 10 pack-years. RESULTS: A total of 1,235 patients (mean post bronchodilator FEV(1), 48.8%predicted) from 13 countries completed the EQ-5D. The EQ-5D VAS and utility scores differed significantly among patients in GOLD stages 2, 3, and 4, also after correction for age, sex, smoking, body mass index (BMI), and comorbidity (p < 0.001). The mean EQ-5D VAS scores for patients in GOLD stages 2, 3, and 4 were 68 (SD, 16), 62 (SD, 17), and 58 (SD, 16), respectively. The mean utility scores were 0.79 (SD, 0.20) for patients in GOLD stage 2, 0.75 (SD, 0.21) for patients in GOLD stage 3, and 0.65 (SD, 0.23) for patients in GOLD stage 4. Utility scores calculated with the US value set were on average 5% higher than those calculated with the UK value set. CONCLUSIONS: Increasing severity of COPD was associated with a significant decline in EQ-5D VAS scores and utility scores. These results demonstrate that a generic instrument can assess COPD impact on quality of life and that the scores discriminate between patient groups of known severity. These utility scores will be useful in cost-effectiveness assessments. 96

10 L uso del QALY nelle valutazioni economiche in Italia Andrea Messori HTA: ponte tra scienza e decisioni Batista (2005) IL CONTESTO ATTUALE: -mancano i soldi per la sanità -non siamo abituati a decidere dei NO Tetti della farmaceutica 2010* Territoriale 13,3% Ospedaliera 2,4% Totale SSN 15,7% 600 milioni di euro Reale = 5% *Espressi come percentuale sul Fondo del SSN (pari a circa 105 miliardi di euro). Corrispondente dato della spesa reale = circa 5% (con entità assoluta dello sforamento nazionale pari a quasi 3 miliardi di euro). 97

11 I costi delle Malattie Reumatiche nelle regioni italiane: un modello di simulazione A. Cicchetti, M. Ruggeri, F. Gori Agenda I costi delle Malattie Reumatiche nelle regioni italiane: un modello di simulazione A.Cicchetti, M. Ruggeri, F.Gori Introduzione Obiettivi Metodi Risultati Agenda Un quadro generale Introduzione Obiettivi Metodi Risultati Le malattie reumatiche sono più di cento e sono molto diverse fra loro sia per la sintomatologia sia per i segni con cui si presenta la malattia. Esse colpiscono il 10% della popolazione mondiale ed hanno un evoluzione cronica dal 20% all 80% di casi; negli Stati Uniti sono già oltre 40 milioni le persone che ne soffrono Si distinguono due tipi di malattie reumatiche: quelle infiammatorie e quelle non infiammatorie. I reumatismi infiammatori si distinguono clinicamente dalle altre malattie perché sono caratterizzati da una cronica evolutività che porta, se non prontamente trattati, al rapido instaurarsi di danni irreversibili alle strutture articolari con conseguente disabilità e invalidità. Interessano, nel loro insieme, più dell' 1% della popolazione italiana. 98

12 I costi delle Malattie Reumatiche nelle regioni italiane: un modello di simulazione A. Cicchetti, M. Ruggeri, F. Gori Agenda Obiettivi Introduzione Obiettivi Metodi Risultati Costruire un modello previsionale basato sulla storia naturale della malattia per stimare l impatto economico dell AR nel tempo Caratterizzazione per regioni Caratterizzazione per categoria professionale Sommare ai costi stimati con il modello previsionale i costi diretti ed indiretti attualizzati delle spondiloartropatie (Osservatorio Sanità e Salute, 2008) Agenda Dati sull Artrite Reumatica (AR) e sulle Spondiloartropatie (SA) Introduzione Obiettivi Metodi Risultati 10 milioni le persone colpite nel mondo Italia: (AR) (SA) nuovi casi all anno ogni abitanti 6 (AR) 3,7 (SA) l età di esordio della malattia 4 a 1 il rapporto donna-uomo Fonti disponibili Esistono molti studi che stimano l impatto dell AR in termini economici (Leardini, ANMAR, FIR, Osservatorio salute e Sanità) Difficoltà nel reperimento dei dati Stime non basate su un modello che descriva l evoluzione della malattia nel tempo Stime non prospettiche Per l AR è stato possibile ricostruire un modello prospettico a partire dai dati di Leardini (2002) Per le SA non sono state reperite sufficienti informazioni per la ricostruzione della storia naturale della malattia. Stime ricostruite proiettando nel tempo quelle esistenti (Osservatorio Sanità e Salute, 2008) AR: Decorso clinico Classi funzionali di Steinbrocker Stadio 1: Paziente autonomo. Attività quotidiane non compromesse Stadio 2: Paziente con lieve limitazione funzionale. Attività quotidiane di poco limitate. Stadio 3: Paziente con moderata limitazione funzionale. Attività quotidiane compromesse. Stadio 4: Paziente non autonomo. Attività quotidiane altamente compromesse. 99

13 I costi delle Malattie Reumatiche nelle regioni italiane: un modello di simulazione A. Cicchetti, M. Ruggeri, F. Gori AR: Disegno dello studio Ricostruzione della storia naturale della malattia modello di Markov basato su dati epidemiologici e clinici Passaggio degli individui da stadio I a stadio IV Stima dei costi diretti ed indiretti Dati economici Proiezione dei risultati nel tempo Dati macroeconomici AR: Fonti dei dati Dati epidemiologici SDO 2005 ANMAR, FIR, CENSIS (2008) Dati clinici Leardini et al. (2002) Dati di assorbimento risorse Leardini et al (2002) SDO 2005 ISTAT (2006) Dati macroeconomici ISTAT (2006) OECD (2009) Banca d Italia (2008) Dati epidemiologici - prevalenza Artride reumatoide (diagnosi pricipale da 714 a 714.9) Numero di ricoveri per Regione di dimesssione Descrizione Ord. DH. Totale Piemonte V. Aosta Lombardia P.A.Bolzano P.A.Trento Veneto Friuli V. Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Italia Regione Stim a prevalenza Prevalenza per 100 ab Piemonte ,64 V. Aosta 327 0,26 Lombardia ,76 P.A.Bolzano ,79 P.A.Trento ,83 Veneto ,43 Friuli V. Giulia ,60 Liguria ,15 Emilia Romagna ,57 Toscana ,63 Umbria ,49 Marche ,50 Lazio ,94 Abruzzo ,99 Molise ,00 Campania ,66 Puglia ,48 Basilicata ,65 Calabria ,93 Sicilia ,80 Sardegna ,72 Italia ,70 Altri dati (Censis, Anmar, SIR, 2008) Genere per area geografica NO NE C S ITALIA M 0,287 0,286 0,25 0,273 0,274 F 0,713 0,714 0,75 0,727 0,726 Condizione occupazionale M F TOTALE Casalinga 0 0,516 0,378 Contadino 0,017 0,004 0,008 Operaio 0,102 0,021 0,043 Impiegato/insegnante 0,136 0,164 0,156 Professionista/dirigente 0,028 0,015 0,019 artigiano/commerciante 0,079 0,017 0,034 Imprenditore 0,017 0,002 0,006 Pensionato 0,58 0,237 0,333 Disoccupato 0,017 0,017 0,017 Altro 0,01 0,004 0,003 Studente 0,005 0,003 0,003 Dati clinici (Leardini et al, 2002) Distribuzione della casistica: Stadio I: 24,5% Stadio II: 26,5% Stadio III: 27% Stadio IV: 22% Storia naturale della malattia (anni): Stadio I: 6,1 (+/- 5,6) Stadio II: 9,9 (+/- 7,2) Stadio III: 13,4 (+/- 8) Stadio IV: 20,8 (+/- 11,6) Dati di assorbimento risorse (Leardini et al. 2002) Giorni di lavoro persi stadio Giorni I 21 II 48 III 83 IV 77 Costo ricovero ordinario: 95 euro Costo DH: 58,85 euro % costo Abbandoni lavorativi I 4% 744,50 II 20% 3.894,70 III 11% 2.278,20 IV 16% 3.042,80 Cure Informali I 14% 739,30 II 45% 3.457,40 III 57% 5.985,50 IV 82% 7.159,00 Caregiver I 4% 88,30 II 15% 149,20 III 31% 1.167,30 IV 27% 1.033,00 100

14 I costi delle Malattie Reumatiche nelle regioni italiane: un modello di simulazione A. Cicchetti, M. Ruggeri, F. Gori Costi lavoro orario (ISTAT, 2006) Costi diretti (Leardini et al. 2002) Piemonte 19,46 Val d'aosta 19,46 Liguria 19,46 Lombardia 19,94 Veneto 17,25 Trentino 17,25 Friuli 17,25 Emilia Romagna 18,89 Toscana 17,1 Marche 17,1 Umbria 17,1 Lazio 21,8 Abruzzo 16,34 Molise 16,34 Campania 17,1 Puglia 15,89 Basilicata 15,89 Calabria 15,89 Sicilia 18,91 Sardegna 16,54 ITALIA 17,748 Stadio 1 Stadio 2 Stadio 3 Stadio 4 Esami diagnostici 61,40 79,00 105,30 114,60 Esami strumentali 55,80 88,80 77,00 73,30 Esami di laboratorio 130,60 162,60 177,60 206,50 Fisioterapia 43,40 65,60 89,80 157,00 Farmaci 558, , , ,70 Ricoveri routine 399,60 751, , ,50 Ric.Riabilitaz 106,40 94, Day hospital 60,90 101,70 59,40 13,40 Trasporti 113,10 110,50 247,80 134,70 aiuti domestici 50,10 222,00 840, ,70 Ausili 64,00 160,00 121,80 236,40 Totale 1.643, , , ,80 Ospedalizzazioni (SDO 2005) Cod_reg Descrizione giornate di ricovero ord. Accessi in DH 10 Piemonte Dati macroeconomici 20 V. Aosta Lombardia P.A.Bolzano P.A.Trento Tasso inflazione (ISTAT): 2% 50 Veneto Friuli V. Giulia Liguria Emilia Romagna Tasso di sconto: 5% 90 Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Tasso disoccupazione: 6,1% (M); 9,9% (F) caratterizzato anche su base regionale 140 Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Italia Agenda AR: Italia Introduzione Costi Indiretti Perdite produttività , , , ,01 Care giver , , , ,11 Obiettivi Cure informali , , , ,90 totale costi indiretti , , , ,03 Metodi Risultati Costi diretti Diagnostica , , , ,92 Terapie , , , ,71 Ospedalizzazioni , , , ,76 DH , , , ,67 Altro , , , ,13 Totale costi diretti , , , ,19 TOTALE , , , ,22 101

15 I costi delle Malattie Reumatiche nelle regioni italiane: un modello di simulazione A. Cicchetti, M. Ruggeri, F. Gori AR: Italia AR: Lombardia , , , , ,00 Costi Indiretti Perdite produttività , , , ,40 Care giver , , , ,42 Cure informali , , , ,78 totale costi indiretti , , , , , , , Perdite produttività Care giver Cure informali totale costi indiretti Diagnostica Terapie Ospedalizzazioni DH Altro Totale costi diretti Costi diretti Diagnostica , , , ,03 Terapie , , , ,20 Ospedalizzazioni , , , ,13 DH , , , ,28 Altro , , , ,93 Totale costi diretti , , , ,56 TOTALE , , , ,17 AR: Lombardia AR: Emilia Romagna , , , , ,00 Costi Indiretti Perdite produttività , , , ,07 Care giver , , , ,15 Cure informali , , , ,55 totale costi indiretti , , , , , , , , , Perdite produttività Care giver Cure informali totale costi indiretti Diagnostica Terapie Ospedalizzazioni DH Altro Totale costi diretti Costi diretti Diagnostica , , , ,68 Terapie , , , ,61 Ospedalizzazioni , , , ,33 DH , , , ,39 Altro , , , ,73 Totale costi diretti , , , ,75 TOTALE , , , ,52 AR: Emilia Romagna AR: Toscana , , , , , , , , , , Perdite produttività Care giver Cure informali totale costi indiretti Diagnostica Terapie Ospedalizzazioni DH Altro Totale costi diretti Costi Indiretti Perdite produttività , , , ,82 Care giver , , , ,50 Cure informali , , , ,30 totale costi indiretti , , , ,62 Costi diretti Diagnostica , , , ,80 Terapie , , , ,10 Ospedalizzazioni , , , ,96 DH , , , ,24 Altro , , , ,44 Totale costi diretti , , , ,55 TOTALE , , , ,16 102

16 I costi delle Malattie Reumatiche nelle regioni italiane: un modello di simulazione A. Cicchetti, M. Ruggeri, F. Gori AR: Toscana AR: Lazio , , , , , , , , , , Perdite produttività Care giver Cure informali totale costi indiretti Diagnostica Terapie Ospedalizzazioni DH Altro Totale costi diretti Costi Indiretti Perdite produttività , , , ,45 Care giver , , , ,60 Cure informali , , , ,51 totale costi indiretti , , , ,57 Costi diretti Diagnostica , , , ,66 Terapie , , , ,22 Ospedalizzazioni , , , ,60 DH , , , ,75 Altro , , , ,53 Totale costi diretti , , , ,77 TOTALE , , , , , , , ,00 AR: Lazio AR: Sicilia Costi Indiretti Perdite produttività , , , ,84 Care giver , , , ,41 Cure informali , , , ,25 totale costi indiretti , , , , , , , Perdite produttività Care giver Cure informali totale costi indiretti Diagnostica Terapie Ospedalizzazioni DH Altro Totale costi diretti Costi diretti Diagnostica , , , ,76 Terapie , , , ,40 Ospedalizzazioni , , , ,10 DH , , , ,49 Altro , , , ,56 Totale costi diretti , , , ,31 TOTALE , , , , ,00 AR: Sicilia AR: Ripartizione costi per settore produttivo , , , , , , , , , , , , ,00 Casalinghe Servizi Industria Perdite produttività Care giver Cure informali totale costi indiretti Diagnostica Terapie Ospedalizzazioni DH Altro Totale costi diretti , ,

17 I costi delle Malattie Reumatiche nelle regioni italiane: un modello di simulazione A. Cicchetti, M. Ruggeri, F. Gori Stima dei costi delle SA (Osservatorio Sanità e Salute, 2008) Costi indiretti annui: 758 mln di euro in Italia Costi diretti: 950 mln di euro Stima: 1 mld e 708 mln di euro annui Conclusioni I costi dell Artrite Reumatoide a livello nazionale sono variabili fra i 3,3 mdl e i 4 mld di euro (picco atteso al 2029). Se a ciò si aggiungono i costi stimati per le Spondiloartropatie si stima un costo annuo fra i 5 ed i 6 mld di euro (picco al 2029) A livello cumulato i costi totali al 2039 arriverebbero a circa 114 mld di euro per l AR. Attualizzando i costi delle SA i costi toali salirebbero a 130 mld di euro. La regioni che sosterrebbero i costi maggiori sono: Lombardia (13,25% dei costi totali nazionali); Lazio (9,4% dei costi totali nazionali); Sicilia (7,3% dei costi toali nazionali) Solo per l AR le perdite di produttività sostenute dalla previdenza sociale (INPS) sarebbero variabili fra lo 0,67% (al 2009) e lo 0,7% (al 2029) del totale della spesa previdenziale. I costi diretti a carico del SSN sono invece pari all 1% della spesa sanitaria totale (valori del 2006 proiettati al 2039) 104

18 Trattamento Appropriato delle Rifratture Geriatriche in Toscana Prisco Piscitelli PROGETTO TARGET Le Fratture Femorali in Italia Trattamento Appropriato delle Rifratture Geriatriche in Toscana Dr. Prisco Piscitelli Università di Firenze Le fratture di femore degli anziani hanno raggiunto ricoveri all anno e costi d ospedalizzazione e riabilitazione di circa 1 miliardo di Euro annui. (Toscana 96 milioni). Escludendo i doppi ricoveri dello stesso paziente, le fratture femorali negli >65 in Italia erano: nel nel nel 2008 Le Fratture Femorali in Italia Ben il 67,5% di tutte le fratture femorali degli anziani si verificano oltre gli 80 anni di età (su totale di nel 2008) e che il 16,5% riguarda gli ultranovantenni (1.1% della popolazione)! fratture tra anni ( F M) fratture negli >90 anni ( F M) - il 40% delle fratture femorali si verifica in donne >85 (4.4% della popolazione italiana) Le Fratture Femorali in Italia In Italia si sono verificate oltre mezzo milione di fratture femorali negli anziani ( ) in meno di 10 anni ( ), responsabili di circa ricoveri; i decessi si stimano in circa e oltre sono i casi d invalidità permanente. I costi diretti totali per il SSN sono pari a circa 8,5 miliardi di euro (più 1 miliardo di euro pagato dal INPS per le pensioni d invalidità): quasi 10 miliardi di Euro in meno di 10 anni ( )! 105

19 Trattamento Appropriato delle Rifratture Geriatriche in Toscana Prisco Piscitelli Fratture femorali IMA e Ictus Le fratture femorali in Toscana Anno Totale anziani >65 frattura femorale Costi Diretti Milioni Euro Totale adulti >45 con IMA Costi Diretti Milioni Euro Totale anziani >65 con IMA Costi Diretti Milioni Euro Totale adulti >45 con ictus cerebrale Costi Diretti Milioni Euro Totale adulti >45 con TIA Costi Diretti Milioni Euro CLASSE DI ETA' RICOVERI UTENTI e TOTALE Le fratture femorali in Toscana AZIENDA RICOVERI RICOVERI con INTERVENTO USL 1 - Massa e Carrara USL 2 - Lucca USL 3 - Pistoia USL 4 - Prato USL 5 - Pisa USL 6 - Livorno USL 7 - Siena USL 8 - Arezzo USL 9 - Grosseto USL 10 - Firenze USL 11 - Empoli USL 12 - Viareggio Az. Osp. Pisana Az. Osp. Senese Az. Osp. Careggi TOTALE Proge&o T.A.R.Ge.T. Età dei fratturati di Femore in Toscana nel triennio ,03% 23,87% 23,70% 37,70% 37,60% 37,57% ,17% 24,98% 24,11% 1,93% 1,90% 1,81% Le fratture femorali in Toscana Le fratture femorali in Toscana L analisi dei database SDO toscani per le fratture femorali ha evidenziato un forte impatto per gli anziani e un costo sanitario rilevante: - Oltre fratture di femore da fragilità nel solo Circa il 20% anziani muore entro il primo anno. - Oltre il 50% dei fratturati di femore non recupera più la capacità di movimento e l autosufficienza. - Circa il 20% subisce una ri- frattura di femore entro 4 anni milioni di Euro i costi diretti totali per il SSR nel Meno di 1000 anziani con frattura femorale in Toscana venivano avviati a terapie antifratturative nel 2007; Per di più il 60% di questo già esiguo numero di pazienti interrompeva quasi subito la cura vanificandone l efficacia: in tal modo la Toscana spreca almeno euro all anno per terapie in Nota 79 troppo brevi nei fratturati di femore per essere efficaci. 106

20 Trattamento Appropriato delle Rifratture Geriatriche in Toscana Prisco Piscitelli PROGETTO TARGET: Obiettivi Ridurre l incidenza delle fratture femorali ed in particolare delle ri- fratture di femore su base osteoporotica nei soggetti anziani; Diminuire l inappropriatezza derivante dal mancato avviamento dei pazienti con frattura femorale a terapie farmacologiche preventive di provata efficacia antifratturativa Ridurre lo spreco di risorse legato ad una cattiva adesione alla terapia. Quadriennio PROGETTO TARGET: Obiettivi Per raggiungere questi obiettivi, la Regione Toscana ha chiesto agli ortopedici, ai medici di medicina generale e a tutti gli specialisti coinvolti nella gestione del paziente osteoporotico di avviare tutti i pazienti con frattura femorale ad un efficace trattamento dell osteoporosi. L obiettivo è garantire una terapia rimborsata almeno all 80% degli anziani fratturati, con massima attenzione alla persistenza in terapia (lo scopo è raggiungere una compliance di almeno un anno nell 80% dei pazienti e di almeno il 50% a due anni). PROGETTO TARGET: Metodi PROGETTO TARGET: Linee guida E sempre potenzialmente utile per l ortopedico avvalersi di uno specialista di area medica (qualora presente nella stessa struttura ospedaliera) in regime di consulenza durante il ricovero ospedaliero per meglio definire il quadro clinico in relazione allo stato di demineralizzazione e la migliore strategia terapeutica per il paziente anziano con frattura femorale. Ci si aspetta che questo tipo di attenzione agevoli i medici di famiglia nella gestione dei loro pazienti anziani con frattura di femore (solo 2-3 per MMG ogni anno). E consigliabile richiedere durante la degenza del paziente anziano con frattura femorale alcuni esami di primo livello, sulla cui base il consulente clinico possa indicare una terapia alla dimissione: Calcemia Fosforemia Fosfatasi Alcalina ossea 25- OH- Vitamina D *Proposta di linee guida per l adozione da parte Otodi PROGETTO TARGET: Linee guida PROGETTO TARGET: Linee guida Garantire a tutti supplementazione di Vitamina D Scegliere la terapia antifratturativa (da iniziare dopo giorni) in modo personalizzato e in funzione della prevedibile adesione alla terapia (compliance) da parte del/la paziente: - in relazione al suo stato di salute generale (effetti collaterali) e allo stato cognitivo - alla presenza di eventuali care- givers (familiari, badanti, personale delle case di riposo). 1) Paziente relativamente giovane (65-70 anni) o paziente in buone condizioni psico- fisiche anche se >70: - possibilità di prescrivere una terapia orale (a giorni) se è prevedibile buona compliance in base alla situazione clinica e sociale del paziente (a meno che non si ritenga necessaria, per esigenze cliniche, una terapia s.c. o infusionale). 107

Dossier sulla non autosufficienza

Dossier sulla non autosufficienza 1 Dossier sulla non autosufficienza Tanti soldi (quasi 30 mld) ma spesi male E al Sud boom di invalidità ma niente servizi La spesa, la domanda di assistenza, le strutture e i servizi. La situazione nelle

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti

Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti Prof. Sergio Pecorelli Presidente, Agenzia Italiana del Farmaco Relazione tra consumo di farmaci e aspettativa di vita in

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Enrico Bollero Direttore Generale, Fondazione Policlinico Tor Vergata Coordinatore Forum Direttori Generali FEDERSANITÀ - Anci 1 Il problema La continuità

Dettagli

DIPARTIMENTO DIABETE

DIPARTIMENTO DIABETE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITÀ A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO DIABETE FederAnziani

Dettagli

Analisi costo-utilità (CUA)

Analisi costo-utilità (CUA) Analisi costo-utilità (CUA) ASPETTI FONDAMENTALI La CUA nasce per ovviare ai limiti della CEA, per analizzare i risultati dei possibili interventi di salute prendendo come riferimento la qualità in termini

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

ULTRA SESSANTACINQUENNI (%)

ULTRA SESSANTACINQUENNI (%) SUD/ISOLE CENTRO NORD ITA LIA SARDEGNA SICILIA CALABRIA BASILICATA PUGLIA CAMPANIA MOLISE A BRUZZO LAZIO MARCHE UMBRIA TOSCANA EMILIA ROM LIGURIA FRIULI VG VENETO TRENTINO AA LOMBARDIA V AOSTA PIEMONTE

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Il Servizio sanitario nazionale: quale sistema, quale governance, quali prospettive per il bisogno e la risposta assistenziale.

Il Servizio sanitario nazionale: quale sistema, quale governance, quali prospettive per il bisogno e la risposta assistenziale. Il Servizio sanitario nazionale: quale sistema, quale governance, quali prospettive per il bisogno e la risposta assistenziale Davide Croce A che punto siamo? 2015: -4 miliardi? La spending review nella

Dettagli

Gli standard del personale nel servizio residenziale per l anziano l non autosufficiente

Gli standard del personale nel servizio residenziale per l anziano l non autosufficiente ARAT (Associazione Residenze Anziani Toscana) Gli standard del personale nel servizio residenziale per l anziano l non autosufficiente Firenze 24 Febbraio 2014 A cura di Giancarlo Girolami Chiara Bartolini

Dettagli

La valutazione economica dei farmaci (I dati di costo) (claudio.jommi@pharm.unipmn.it)

La valutazione economica dei farmaci (I dati di costo) (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) La valutazione economica dei farmaci (I dati di costo) (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) pag. 1 Categorie di costo Costi diretti sanitari Terapie farmacologiche Visite specialistiche, Esami di laboratorio,

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Piemonte: la Regione in cui le donne muoiono meno per malattie cardiache Ma è tra le

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

La Health Related Quality of Life (HRQoL): analisi dell evoluzione di un concetto

La Health Related Quality of Life (HRQoL): analisi dell evoluzione di un concetto La Health Related Quality of Life (HRQoL): analisi dell evoluzione di un concetto F. Ierardi*, L. Gnaulati*, F. Maggino^, S. Rodella*, E. Ruviglioni^ *Agenzia Regionale di Sanità della Toscana Osservatorio

Dettagli

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE VENETO LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE [ fonte: Agenas Novembre 2013 e ricerche aggiornate a Giugno 2014] Dipartimento Contrattazione Sociale

Dettagli

158 infosalute 08. 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente

158 infosalute 08. 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente La spesa corrente del Servizio sanitario nazionale si è attestata per l anno 2008 a 106.621.951 migliaia di euro (nel 2007=103.095.707 migliaia di euro; nel 2006=99.231.005

Dettagli

Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it)

Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) pag. 1 Agenda Il concetto di market access ed i suoi quattro elementi base Il ruolo dell Health Technology Assessmemt

Dettagli

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO Il medico di medicina generale nelle cure a casa: quale ruolo? Antonio Calicchia, Responsabile Nazionale FIMMG per

Dettagli

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche Cooperativa Sociale Nòmos onlus Bagno a Ripoli, 2011 Convegno L evoluzione dei bisogni degli anziani: Le risposte dei servizi alle esigenze emergenti L innovazione dei servizi per la cura delle malattie

Dettagli

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari VI Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONE ALZHEIMER (UVA)NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA Roma 16 novembre 2012 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ADI PER PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER

Dettagli

1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord

1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord GLI STILI DI VITA DEL BEL PAESE RESTANO IL TALLONE D ACHILLE DELLA NOSTRA SALUTE 1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord Si conferma elevata la

Dettagli

Tecniche di valutazione economica in sanità. Dr.ssa Cecilia Quercioli

Tecniche di valutazione economica in sanità. Dr.ssa Cecilia Quercioli Tecniche di valutazione economica in sanità Dr.ssa Cecilia Quercioli Perché sono necessarie valutazioni economiche in sanità? Razionale: scarsità delle risorse a disposizione È necessario fare delle scelte

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1. del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO) VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1 del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO)

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE IL PUNTO DI NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE PISTOIA 6 GIUGNO OSTEOPOROSI: DIFETTO SISTEMICO A CARICO DELLO SCHELETRO CARATTERIZZATO DA UNA

Dettagli

III CONGRESSO NAZIONALE COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA

III CONGRESSO NAZIONALE COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA

Dettagli

L uso dei farmaci generici in Italia prima e dopo il decreto Balduzzi. Laura Gatti, Senior Manager, Offering - IMS Health

L uso dei farmaci generici in Italia prima e dopo il decreto Balduzzi. Laura Gatti, Senior Manager, Offering - IMS Health L uso dei farmaci generici in Italia prima e dopo il decreto Balduzzi Laura Gatti, Senior Manager, Offering - IMS Health Torino 28 Novembre 2013 Agenda Introduzione e definizioni Il Mercato dei farmaci

Dettagli

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN?

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? Evidenze dal Eventuale Rapporto OASI sottotitolo 2013 Prof. Francesco Nome Cognome Longo Università Carica istituzionale Bocconi Milano, 20.01.2014 I principali trend evolutivi

Dettagli

9. Assistenza ospedaliera

9. Assistenza ospedaliera 9. Assistenza ospedaliera Keystone LaPresse Assistenza ospedaliera 9.1. Assistenza ospedaliera per acuti e lungodegenti Il sistema SSN si avvale per l assistenza ospedaliera di 1.410 Istituti di ricovero

Dettagli

La disomogeneitàdelle politiche regionali per il governo della spesa nel settore dei dispositivi medici

La disomogeneitàdelle politiche regionali per il governo della spesa nel settore dei dispositivi medici La disomogeneitàdelle politiche regionali per il governo della spesa nel settore dei dispositivi medici Fulvio Moirano Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali 1 Introduzione Il ruolo dei dispositivi

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

Linee Guida Cure Domiciliari AIL

Linee Guida Cure Domiciliari AIL Linee Guida Cure Domiciliari AIL In data 21 Novembre 2008, l AIL ha realizzato il Convegno nazionale Cure Domiciliari in Ematologia: una sfida del terzo millennio,a Roma presso la sala Spazio Novecento

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Continuità Ospedale-territorio in Pronto Soccorso: una esperienza nella Azienda USL 3 Pistoia. Dott.ssa Turco Lucia Direttore Sanitario Azienda USL 3

Continuità Ospedale-territorio in Pronto Soccorso: una esperienza nella Azienda USL 3 Pistoia. Dott.ssa Turco Lucia Direttore Sanitario Azienda USL 3 Continuità Ospedale-territorio in Pronto Soccorso: una esperienza nella Azienda USL 3 Pistoia Dott.ssa Turco Lucia Direttore Sanitario Azienda USL 3 Continuità Ospedale -Territorio in Pronto Soccorso Obiettivo

Dettagli

Identificazione di un set di indicatori relativi alla qualità dell assistenza agli anziani

Identificazione di un set di indicatori relativi alla qualità dell assistenza agli anziani Gli indicatori di salute e di performance del sistema sanitario in Italia Identificazione di un set di indicatori relativi alla qualità dell assistenza agli anziani L. Roti, R. Gini I. Il processo di selezione

Dettagli

SET DI INDICATORI PROXY PER L INQUINAMENTO INDOOR

SET DI INDICATORI PROXY PER L INQUINAMENTO INDOOR SET DI INDICATORI PROXY PER L INQUINAMENTO INDOOR A. LEPORE, V. UBALDI APAT Dipartimento Stato dell Ambiente e Metrologia Ambientale La conoscenza delle problematiche relative all inquinamento indoor,

Dettagli

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia.

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia. IL TUMORE AL SENO in PUGLIA I dati epidemiologici. La rete di assistenza 1. EPIDEMIOLOGIA del tumore al seno Lo scenario in italia Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di

Dettagli

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 9 dicembre 2008 Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat raccoglie informazioni

Dettagli

I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato?

I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato? I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato? Firenze 29 novembre 2007 Ketty Vaccaro Perché tornare a parlare di Alzheimer A sette anni dalla realizzazione dell indagine Censis

Dettagli

Dott. Nicola Balestrieri

Dott. Nicola Balestrieri CENTRO DI SENOLOGIA ULSS 9 TREVISO LILT SEZ. TREVISO Dott. Nicola Balestrieri le chance di guarigione di una paziente dipendono sempre di più dal livello di competenza del centro presso il quale viene

Dettagli

FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA

FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA 25 maggio 2012 Contributo tecnico alla riflessione di Fiammetta Fabris (Direttore Operativo UniSalute S.p.A) 1 INDICE NON AUTOSUFFICIENZA

Dettagli

Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza

Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza Laura Tibaldi, Tiziana Lavalle Lo sviluppo del ragionamento Caratteristiche

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità

Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità Congresso Regionale Congiunto SID - AMD Padova 25 novembre 2006 Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità Paolo Spolaore Scenario Contesto demografico crescente invecchiamento della popolazione

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI Giovan Francesco Nagli detto il Centino (not. 1638-1675) Sant Ubaldo libera un ossessa Azienda USL Rimini Stefano De Carolis Dal CeDeM alla ReteDem Responsabile Aziendale del Progetto Demenze per il territorio

Dettagli

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI N.57 MARZO 2014 I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI E PRIVATI AUTORIZZATI OVERVIEW Analizzare i canali attraverso cui i lavoratori trovano un, costituisce un esercizio di grande interesse per la conoscenza

Dettagli

Le strutture territoriali nelle regioni:

Le strutture territoriali nelle regioni: 2014 MOTORE SANITA' Il nuovo patto stato-regioni: tra tagli ed efficienza 1 Marzo 2014 Le strutture territoriali nelle regioni: luoghi La e strumenti fantasia al innovativi potere di integrazione e di

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

SVILUPPARE LE CURE DOMICILIARI SOCIO-SANITARIE RICOMPONENDO LE RISORSE

SVILUPPARE LE CURE DOMICILIARI SOCIO-SANITARIE RICOMPONENDO LE RISORSE CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale SVILUPPARE LE CURE DOMICILIARI SOCIO-SANITARIE RICOMPONENDO LE RISORSE Francesco Longo Bologna, 29 maggio 2015 1 Struttura della

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

The Silver Tsunami. Il mondo invecchia. Dati epidemiologici di incidenza e prevalenza della demenza in provincia di Bergamo. Il contesto demografico

The Silver Tsunami. Il mondo invecchia. Dati epidemiologici di incidenza e prevalenza della demenza in provincia di Bergamo. Il contesto demografico Dati epidemiologici di incidenza e prevalenza della demenza in provincia di Bergamo Alberto Zucchi Servizio Epidemiologia Aziendale-Dipartimento PAC ASL di Bergamo COMITATO SCIENTIFICO INTERAZIENDALE DELLE

Dettagli

Stili di vita e salute in Italia: alcuni dati sull attività fisica

Stili di vita e salute in Italia: alcuni dati sull attività fisica Stili di vita e salute in Italia: alcuni dati sull attività fisica Gianluigi Ferrante Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute, Istituto Superiore di Sanità Razionale I

Dettagli

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi e le Aziende Ospedaliere, IRCCS, ASP(Aziende di Servizi alla Persona), Università elencate nel Documento Integrale Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE Dati Ridi (0-29 anni) Anno 2013 Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento giugno 2014 A cura di Silvano Piffer

Dettagli

Il Telefono Verde contro il Fumo

Il Telefono Verde contro il Fumo Il Telefono Verde contro il Fumo Dott.ssa Luisa Mastrobattista Osservatorio Fumo Alcol e Droga OSSFAD Istituto Superiore di Sanità XVII Convegno Tabagismo e Servizio Sanitario Nazionale AGGIORNAMENTO DEI

Dettagli

RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio. Fabio SAMANI

RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio. Fabio SAMANI RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio Fabio SAMANI RESPONSABILE NAZIONALE AREA DELLA RICERCA SOCIETÀ ITALIANA DI MEDICINA GENERALE Il

Dettagli

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale OSSERVATORIO SULLA SANITÀ PRIVATA IN ITALIA E IN LOMBARDIA Ricerca del CERGAS Bocconi per il Gruppo Sanità di Assolombarda Francesco

Dettagli

GNOCCHI» IL PROGETTO E LE MODALITÀ DI MISURAZIONE DEI

GNOCCHI» IL PROGETTO E LE MODALITÀ DI MISURAZIONE DEI EHEALTH 4 ALL «PREVENZIONE DELLA DISABILITÀ NELL ANZIANO: L APPROCCIO INNOVATIVO INTEGRATO DI FONDAZIONE DON GNOCCHI» IL PROGETTO E LE MODALITÀ DI MISURAZIONE DEI RISULTATI PROGETTUALI ING. G. POZZA DIRETTORE

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. Raccomandazioni circa le linee guida praticabili in ambito BPCO

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. Raccomandazioni circa le linee guida praticabili in ambito BPCO Raccomandazioni circa le linee guida praticabili in ambito BPCO Introduzione Il lavoro è proseguito con l indicazione di una Esistono diverse Linee Guida che prendono serie di premesse che preludono alle

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 Definizione (da Flussi informativi ministeriali per la costruzione degli indicatori LEA) Per ADI

Dettagli

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

Dettagli

Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano

Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano DONATO Giuseppe*, FURNARI Giacomo, ZACCARI Clara ^ *medico di Medicina Generale (MMG) presso ASL RmF-distretto 2, medico referente

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

Il punto di vista del Medico di famiglia

Il punto di vista del Medico di famiglia Comprendere e tutelare i diritti dei pazienti con BPCO Il punto di vista del Medico di famiglia G. Bettoncelli Il malato è padrone e colui che lo assiste è suo servitore Antica Regola dell Ospedale Santo

Dettagli

"Attualità e prospettive del Dipartimento di Salute Mentale (DSM) nelle Aziende Sanitarie

Attualità e prospettive del Dipartimento di Salute Mentale (DSM) nelle Aziende Sanitarie 19 giugno 2015 Milano, Auditorium Testori, Palazzo Lombardia "Attualità e prospettive del Dipartimento di Salute Mentale (DSM) nelle Aziende Sanitarie Enrico Zanalda Direttore Dipartimento Funzionale Salute

Dettagli

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia.

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia. IL TUMORE AL SENO in EMILIA ROMAGNA I dati epidemiologici. La rete di assistenza 1. EPIDEMIOLOGIA del tumore al seno Lo scenario in italia Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione

Dettagli

SCHEDA FARMACO. (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro)

SCHEDA FARMACO. (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Dabrafenib (Tafinlar)

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Introduzione al Disease Management. 2008 Pfizer Italy. TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Introduzione al Disease Management. 2008 Pfizer Italy. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Introduzione al Disease Management 2008 Pfizer Italy. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Il costo delle condizioni croniche. Medical Expenses by Patient Condition 100% 80% 60% 40% 20% 0% % Population % Total Costs

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Associazione Trastuzumab e chemioterapia nel carcinoma mammario metastatico e localmente avanzato. Nostra casistica. Carlo Floris

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

IL RICORSO ALLE CURE ODONTOIATRICHE E LA SALUTE DEI DENTI IN ITALIA Anno 2013

IL RICORSO ALLE CURE ODONTOIATRICHE E LA SALUTE DEI DENTI IN ITALIA Anno 2013 6 luglio 2015 IL RICORSO ALLE CURE ODONTOIATRICHE E LA SALUTE DEI DENTI IN ITALIA Anno 2013 Le cure odontoiatriche hanno subìto una flessione negli anni della crisi economica. La quota di popolazione che

Dettagli

MATTONE INTERNAZIONALE PROJECT. WORKSHOP Coopera'on between Member States for the implementa'on of the Direc've on cross border healthcare

MATTONE INTERNAZIONALE PROJECT. WORKSHOP Coopera'on between Member States for the implementa'on of the Direc've on cross border healthcare MATTONE INTERNAZIONALE PROJECT WORKSHOP Coopera'on between Member States for the implementa'on of the Direc've on cross border healthcare Bruxelles, 26 Febbraio 2013 Ing. Paolo Di Loreto Representative

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

L Italia dei libri. Un anno, le stagioni, due trimestri a confronto. Gian Arturo Ferrari. 23 marzo 2012 Roma, Biblioteca Casanatense

L Italia dei libri. Un anno, le stagioni, due trimestri a confronto. Gian Arturo Ferrari. 23 marzo 2012 Roma, Biblioteca Casanatense L Italia dei libri Un anno, le stagioni, due trimestri a confronto Gian Arturo Ferrari 23 marzo 2012 Roma, Biblioteca Casanatense Il metodo L affidamento a L inserimento dei libri nel Panel Consumer 3000

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Metodologia per la stima dell impatto delle patologie in termini di mortalità e disabilità (Burden of Disease- BoD)

Metodologia per la stima dell impatto delle patologie in termini di mortalità e disabilità (Burden of Disease- BoD) Metodologia per la stima dell impatto delle patologie in termini di mortalità e disabilità (Burden of Disease- BoD) Sergio Mariotti Istituto Superiore di Sanità Laboratorio di Epidemiologia e Biostatistica

Dettagli

le malattie reumatiche: attualità e prospettive

le malattie reumatiche: attualità e prospettive gallarate, 9.11. 2013 le malattie reumatiche: attualità e prospettive marco broggini L impatto delle patologie muscoloscheletriche nel nuovo millennio Le patologie muscoloscheletriche rappresentano la

Dettagli

Implementazione strumento interrai- Home Care

Implementazione strumento interrai- Home Care Implementazione strumento interrai- Home Care Francesco Landi Dipartimento di Scienze Gerontologiche-Geriatriche Geriatriche e Fisiatriche Università Cattolica Sacro Cuore - Roma MODELLI INNOVATIVI PER

Dettagli

Considerazioni sull attuazione del programma di assistenza extra ospedaliera ai malati di AIDS

Considerazioni sull attuazione del programma di assistenza extra ospedaliera ai malati di AIDS Boll. Farmacodip. e Alcoolis., XXV (1-2) 2002 Considerazioni sull attuazione del programma di assistenza extra ospedaliera ai malati di AIDS Natalia Magliocchetti 1, Marco Spiniello 1, Maria Novella Cordone

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Le persone affette da demenza al domicilio

Le persone affette da demenza al domicilio Azienda di Servizi alla Persona ISTITUTI MILANESI MARTINITT E STELLINE E PIO ALBERGO TRIVULZIO LE CURE DOMICILIARI PER L ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE Brescia, 15 dicembre 2012 Le persone affette da demenza

Dettagli

Linking hospital payment to innovation and value. Giuditta Callea and Aleksandra Torbica

Linking hospital payment to innovation and value. Giuditta Callea and Aleksandra Torbica Linking hospital payment to innovation and value Giuditta Callea and Aleksandra Torbica XVII Convegno Nazionale AIES Roma, 15-16 novembre 2012 Background Il sistema di rimborso degli ospedali è un fattore

Dettagli

Gli interventi delle professioni sanitarie

Gli interventi delle professioni sanitarie Gli interventi delle professioni sanitarie 19 febbraio 2015 Dott. BALDINI CLAUDIO Direttore UOC Direzione Professioni Sanitarie Territoriali ASL 11 EMPOLI 23/02/2015 1 Secondo me la missione delle cure

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

Aborto: Ru468, circa 10 mila confezioni vendute nel 2012, +30% rispetto a 2011

Aborto: Ru468, circa 10 mila confezioni vendute nel 2012, +30% rispetto a 2011 Aborto: Ru468, circa 10 mila confezioni vendute nel 2012, +30% rispetto a 2011 - Ad... http://www.adnkronos.com/ign/daily_life/benessere/aborto-ru468-circa-10-mila-c... Page 1 of 2 08/01/2013 Daily_Life

Dettagli

I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute

I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute 02 LUGLIO 2015 Roma Il contesto di riferimento sul quale, nei suoi 5 anni di attività, il PMI ha costruito

Dettagli

from cure to care patient support program Home Care network

from cure to care patient support program Home Care network from cure to care patient support program Home Care network disease management disease management Dal 1993 siamo il punto di riferimento dell assistenza domiciliare privata in Italia. italiassistenza privatassistenza

Dettagli

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del Progetto di un ambulatorio multidisciplinare di oncologia - cure palliative per pazienti in fase avanzata di malattia gestito dalla Associazione di Cure Palliative della Zona Elba Dott. A. Massaro Premessa

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

SERVIZIO DI REUMATOLOGIA

SERVIZIO DI REUMATOLOGIA SERVIZIO DI REUMATOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA I REUMATISMI COME PREVENIRLI E CURARLI Le malattie reumatiche, denominate con varie terminologie (reumatismi,

Dettagli