Indagine di Mercato Golfo di Patti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indagine di Mercato Golfo di Patti"

Transcript

1 UNIONE EUROPEA exz ÉÇx f v Ä tçt Consorzio Ripopolamento Ittico Golfo di Patti Indagine di Mercato Golfo di Patti P.O.R. Sicilia Azioni a Sostegno della Pesca dell Acquacoltura Codice attività: A310 Indagine Aggregata sul campo e Conclusioni Committente: Consorzio Golfo di Patti per lo sviluppo del patrimonio ittico Esecuzione : 3T Blue Line S.r.l. 18 Febbraio 2004

2 Premessa Il comprensorio del Consorzio Ripopolamento Ittico Golfo di Patti comprende un area costiera ricca di risorse che si estende lungo la costa da capo Calava e capo Milazzo, dove si sono esercitate nel tempo molteplici professioni di pesca. Le specie ittiche presenti in questo territorio sono prevalentemente: Grandi Pelagici Pesce azzurro Pesce Coda Crostacei Cefalopodi Altri demersiali Altri pelagici Le caratteristiche peculiari dell ambiente marino del comprensorio fanno sì che tutte le specie ittiche catturate in quest area possano vantare un alto livello qualitativo, qualità che ha reso gli ittici provenienti dal Golfo di Patti fra i più pregiati prodotti del Mediterraneo. Nell ultimo decennio però, a causa di un inadeguata politica di pesca praticata in tutto il Mediterraneo, e quindi anche nelle acque del comprensorio, si è assistito ad un progressivo impoverimento delle risorse della zona il quale, unito alla crisi che ha coinvolto le marinerie locali, ha contribuito ad abbassare la valenza produttiva del territorio in senso qualitativo. Solo di recente con l istituzione del Consorzio Golfo di Patti per il Ripopolamento Ittico si sono messe a punto alcune strategie di protezione della fauna locale e di ripopolamento. Pagina 1

3 La costante pressione operata nell ultimo ventennio dalla marineria locale sugli stock di pesca insieme ad uno sviluppo ed alla crescita degli insediamenti abitativi e turistici sull areale in questione ha innescato un progressivo impoverimento delle ponderanti risorse che nel passato rendeva le acque del golfo fra le più ricche e pregiate del mediterraneo. In particolare sono praticamente scomparsi alcune specie (crostacei e cefalopodi) mentre le altre pregiate sottoposte ad un continuo stillicidio di catture sono a rischio di estinzione. Al momento la situazione in fase di stallo in attesa di un riordinamento di tutta la materia, magari col piano delle coste, adeguato a consentire l esercizio proficuo di alcuni mestieri di pesca e nel contempo la salvaguardia della peculiare biodiversità del comprensorio Solo di recente con l istituzione del Consorzio di ripopolamento Golfo Patti si sono messe a punto alcune strategie di protezione della fauna locale e di ripopolamento. In particolare, il Consorzio, che ha fra i compiti istituzionali appunto la salvaguardia delle risorse locali, approfittando dell opportunità dei P.O.R. Pesca Sicilia ha potuto realizzare un progetto di valorizzazione riguardo alla filiera ittica articolato in diverse azioni con l intento di avviare un circolo virtuoso della qualità su tutto il comprensorio. Nell ambito di tali azioni generali, la nostra azienda ha assunto l incarico di sviluppare l area oggetto della promozione occupandosi della pianificazione di azioni di marketing rivolte alla valorizzazione della produzione del comprensorio. Il progetto di marketing e di valorizzazione sarà realizzato attraverso i seguenti stadi: 1. Indagine di mercato 2. Tracciabilità del prodotto Pagina 2

4 Indice Sommario 1 Indagine di mercato : Generalità Percorrenze metodologiche Ambito geografico dell indagine Risorse Esterne Problematiche e limiti del sondaggio Modalità e metodologia Percorrenze analitiche della ricerca Metodologia e percorrenze Analisi situazionale del bacino di riferimento Schede Prodotto delle Specie Minori del Comprensorio Aziende di produzione, condizionamento e commerciali che insistono sul territorio Conclusioni Risultanze complessive dell indagine Indagine di mercato per la rilevazione delle abitudini d acquisto ed i consumi dei prodotti ittici del Golfo di Patti Errore. Il segnalibro non è definito. Analisi dello studio su campo dell indagine di mercato per la rilevazione delle abitudini d acquisto ed i consumi dei prodotti ittici del Golfo di Patti Errore. Il segnalibro non è definito. Indagine su Panel Fisso (Portale 3T Blue Line) --- Errore. Il segnalibro non è definito. Indagine Telefonica Errore. Il segnalibro non è definito. Indagine nel comprensorio di Roma Errore. Il segnalibro non è definito. Indagine nel comprensorio di Palermo----Errore. Il segnalibro non è definito. Indagine nel comprensorio di Milano Errore. Il segnalibro non è definito. Indagine nel comprensorio del Golfo di Patti Errore. Il segnalibro non è definito. Indagine di mercato per la rilevazione dei prodotti ittici minori Pregiati e Dimenticati del Golfo di Patti Analisi dello studio su campo per l indagine di mercato per la rilevazione dei prodotti tipici minori Pregiati e Dimenticati del Golfo di Patti Pagina 3

5 1 INDAGINE DI MERCATO : GENERALITÀ Attraverso tale lavoro abbiamo perseguito l obiettivo di studiare accuratamente le abitudini d acquisto dei consumatori italiani riguardo ad alcune specie ittiche di diverso valore provenienti dal Mediterraneo, con uno specifico riferimento a quelle pescate nel bacino del Consorzio di Patti. Tale studio farà da corollario alla definizione di una strategia di sviluppo e valorizzazione delle risorse del territorio, che si propone di fornire agli addetti ai lavori uno strumento efficace a supporto della filiera ittica. L indagine prende in considerazione sia le risorse ittiche presenti nell area del comprensorio che vengono commercializzate fresche, pescate o allevate, sia quelle che prima subiscono un processo di conservazione. La rilevazione è stata preceduta da un censimento operato sulla marineria locale, e sulle aziende di trasformazione del bacino afferente, per comprenderne le produzioni ittiche più tipiche. Dall analisi delle imprese operanti sul territorio si sono tratte tutte le informazioni relative a: massa delle risorse disponibili, varietà delle risorse, disponibilità distinta per periodo, vendibilità ecc. Nel computo delle risorse disponibili, per le motivazioni meglio esplicitate in la tra parte del presente studio, si è avuto un particolare riguardo delle specie di minor pregio di cattura massiva. Pagina 4

6 1.1 PERCORRENZE METODOLOGICHE L indagine oggetto del presente studio appartiene, dal punto di vista metodologico, ai sondaggi di tipo descrittivo e si pone l obiettivo di conoscere la percentuale di consumatori nazionali che mostrano una rilevante propensione al consumo di prodotti ittici, distinti tra quelli considerati di pregio e quelli non di pregio; inoltre, quando possibile, si vuole verificare la presenza di una eventuale una propensione al consumo correlata alle referenze provenienti dal bacino considerato. Per ottenere le informazioni necessarie si è fatto ricorso a fonti primarie e secondarie d analisi. Le fonti secondarie (interne ed esterne) cioè le informazioni già disponibili alla consultazione sono state rappresentate da: Rapporti di vendita delineati puntualmente da aziende specializzate del settore; Pubblicazioni specialistiche del settore; Fonti istituzionali. I dati secondari hanno fornito il punto di partenza della nostra ricerca, offrendo il vantaggio di una più rapida disponibilità. La consultazione di tali informazioni ci ha permesso di comprendere la necessità di un proseguimento delle indagini attraverso una ricerca più approfondita basata su fonti primarie; tale consultazione ha consentito, inoltre, l individuazione puntuale del metodo di verifica più indicato alle esigenze esplorative. Le fonti primarie utilizzate, cioè le informazioni originali raccolte specificamente allo scopo della ricerca, hanno avuto come strumento principale d analisi il metodo d indagine tipico delle ricerche descrittive ossia il sondaggio, esplicitato attraverso lo strumento del questionario. Il questionario offre una particolare flessibilità nella gestione delle domande da sottoporre agli intervistati e consente, quindi, una maggiore adattabilità delle stesse ai fini dell indagine. Pagina 5

7 La categorie di domande utilizzate sono state quelle di tipo chiuse queste sono state formulate in modo da sottoporre l intervistato ad una situazione-stimolo apparentemente obiettiva. Quasi la totalità delle domande del questionario sono di tipo semplice, cioè formulate in modo da prevedere una singola risposta. Quando necessario si è fatto ricorso a domande filtro e di controllo per precisare o verificare l attendibilità delle risposte ottenute in un primo momento. I questionari cosi predisposti sono stati sottoposti ad un campione totale di 489 individui, attraverso l utilizzo di strumenti diversi come di seguito specificato: Interviste telefoniche n. 80 di cui utilizzati n. 65 random (le domande sono state poste attraverso l assistenza di intervistatore); Inchieste elettroniche sottoposto ad un panel standard (attraverso questionari autocompilati) n. 151 di cui utilizzati n. 100; Interviste individuali svolte alle porte di tre grandi supermercati localizzati sul territorio nazionale n. 258 di cui utilizzati n. 223; Interviste operate attraverso mezzi multimediali agli operatori Ho.re.ca n. 170 di cui utilizzate n. 130 Le modalità sopra descritte hanno permesso di ottenere una serie rilevante di vantaggi nella estrapolazione dei risultati, vantaggi di rilevante utilità per il buon esito dello studio. In particolare la seconda modalità e le altre di tipo multimediale possiedono alcuni pregi non indifferenti ai fini del lavoro. Pagina 6

8 Innanzitutto, permettono di considerare un campione di pertinenza più esteso rispetto alle altre forme di raccolta di dati; in secondo luogo, consentono di far abbassare notevolmente i tempi di risposta del campione dei rispondenti; infine, rendono possibile una presentazione delle domande totalmente standardizzata ove non vi è rischio di distorsioni legate all interazione tra intervistato ed intervistatore. I possibili svantaggi di queste procedure, dovuti in parte a possibili distorsioni legate all assenza dell intervistatore e in parte all impossibilità di controllare le modalità di compilazione dei questionari, sono stati minimizzati completando la ricerca con la modalità dell intervista telefonica che ha potuto garantire una maggiore attendibilità delle informazioni ottenute. Bisogna far presente che l intervista per mezzo di un questionario auto-compilato comprende il rischio di un alto tasso di non risposta ed è da considerarsi non attendibile se la percentuale di contatti che risponde è inferiore al 40-50% degli intervistati. Nel nostro caso la percentuale di ritorno è stata del 65%. Per quanto riguarda l intervista telefonica bisogna rilevare alcuni aspetti caratterizzanti e vantaggiosi rispetto ad altre modalità di ricerca come: La tempestività nella raccolta dei dati; I costi piuttosto bassi d esecuzione. l eliminazione di distorsioni legate alla presenza fisica dell intervistatore nel caso di soggetti restii al contatto fisico; la possibilità per l intervistatore di controllare che l intervistato risponda alle domande seguendo la sequenza prevista; L impressione dell anonimato che porta l intervistato ad una maggiore disponibilità a fornire informazioni riservate. Inoltre, la compresenza di tutti gli intervistatori nel medesimo ambiente (call center) ha facilitato la supervisione del lavoro. Pagina 7

9 Per quanto concerne il terzo strumento utilizzato, cioè le interviste individuali alle porte di tre supermercati, esso si prefigge lo scopo di indagare sull universo di nostro interesse, attraverso interviste condotte direttamente nei luoghi di consumo oggetto dell indagine, in modo da sfruttare eventuali influenze positive legate alla vicinanza con tale ambiente. L intervista tramite mailing list presenta normalmente un notevole grado di dispersione, tuttavia nella fattispecie si tratta di una mailing list ponderata, cioè di un indirizzario ragionato messo a punto dallo scrivente nel corso degli ultimi due anni proprio per rispondere alle esigenze moderne dei sondaggi di marketing. In questo modo, facendo ricorso ad un forum di specialistici del settore gestito direttamente da 3T Blue Line Srl e da Progest Srl (società specializzata nell area marketing), si è messo a punto un campione molto puntuale ed esteso (con una presenza media di mille individui), composto per buona parte da addetti ai lavori ed in particolare da: Buyers (gdo e ho.re.ca), Sellers (aziende della filiera, grossisti, intermediari); Professionisti della ristorazione tradizionale; Professionisti della ristorazione veloce; Professionisti della ristorazione non veloce (slow food); Esperti di gastronomia ( della professione); Esperti di gastronomia (non della professione); Esperti di marketing. Le risposte raccolte tramite questa lista, vengono utilizzate sovente nei focus group e/o nei sondaggi sviluppati da 3T Blue Line o da altre aziende che ne fanno richiesta come quadro di raffronto che assume di volta in volta un peso diverso per la definizione delle indagini (survey) nell area considerata. Nello studio in corso, tale strumento è servito in particolare ad incrementare il livello di conoscenza sulle abitudini di consumo riguardo la parte più complessa del questionario, che fa riferimento alle specie ittiche definite non di pregio. Dunque le modalità di ricerca, condotte congiuntamente, hanno permesso la riduzione al minimo dei margini di errore nella raccolta ed hanno consentito di Pagina 8

10 ottenere un valore di informazioni superiore alla somma dei risultati delle stesse modalità non integrate. 1.2 AMBITO GEOGRAFICO DELL INDAGINE L indagine, è stata attuata sia considerando rilevazioni a carattere nazionale sia facendo riferimento a specifiche realtà locali, tale distinzione ha caratterizzato le diverse modalità d indagine, in particolare ha interessato: A. Le aree geografiche nazionali più rappresentative, per quanto riguarda la indagine alle porte dei supermercati B. L intero territorio nazionale, per quanto riguarda l attività svolta attraverso i mezzi multimediali. Il censimento delle aziende è stato attuato in ambito locale nei limiti prefissati dal comprensorio di riferimento. Pagina 9

11 COORDINAMENTO E CENTRO ORGANIZZATIVO In fase di organizzazione delle risorse si è ritenuto indispensabile costituire un centro progettuale e decisionale unico. In tal modo, è stato possibile correlare in maniera coerente e produttiva non solo le azioni svolte dai partecipanti dello studio ma anche le informazioni provenienti dalle aziende che sono state impegnate a realizzare altre fasi del progetto complessivo del consorzio. Un siffatto metodo ha permesso di eliminare poi le possibili ridondanze riscontrabili nella ricerca e di ottimizzare le risorse in funzione dei risultati attesi. Le attività su campo sono state precedute da incontri operativi attraverso i quali i promotori della ricerca insieme ai manager delle aziende coinvolte hanno potuto determinare ed ottimizzare la definizione delle aree di studio, del lay-out della ricerca, delle logiche d approccio e dei singoli ruoli, della progressione delle azioni e delle sotto-azioni da intraprendere, come qui di seguito sinteticamente indicato: Sintesi delle azioni 1. Processo informativo 2. Ricerca Esplorativa 3. Progressione delle Fasi 4. Scelta delle fonti primarie e secondarie 5. Questionari 6. Raccolta dati 7. Imputazione dati 8. Elaborazione dati 9. Analisi dei dati 10. Definizione dell Output 1.3 RISORSE ESTERNE Pagina 10

12 Allo scopo di ottimizzare le attività di ricerca su campo, si è fatto ricorso a professionalità esterne specializzate in indagini statistiche di settore. Anche in questo caso, ci si è riproposti di non creare ridondanze fra le rilevazioni provenienti dalle varie aree della ricerca e di disporre di dati omogenei. Si sono dunque affidate le attività su campo ad un gruppo di lavoro che disponesse di una struttura organizzativa adeguata a garantire, nelle aree geografiche della ricerca, una buona esecuzione del progetto. 1.4 PROBLEMATICHE E LIMITI DEL SONDAGGIO L attenta analisi operata a monte dell indagine non ha impedito il verificarsi di una serie di imprevisti, derivanti, in buona parte, dai seguenti motivi: A. COINCIDENZE DI DATE L avvio dei lavori d indagine ha coinciso con un periodo di festività; ciò ha rallentato le attività su campo e ostacolato in maniera rilevante la pianificazione degli incontri con i responsabili di settore oggetto delle interviste nonché ha impedito di partecipare ad alcuni eventi fieristici rilevanti per il settore. B. RESISTENZA DEGLI OPERATORI A FORNIRE INFORMAZIONI Nonostante la natura istituzionale dell indagine, un eccessiva riservatezza riscontrata presso gli operatori del settore ittico, che da sempre si mostrano poco disponibili nei confronti degli operatori esterni, ha rappresentato un altro fattore limitativo all attività di rilevazione. Tale atteggiamento si è accentuava in fase di censimento soprattutto allorquando le domande dell intervista entravano nel merito delle tecnologie produttive, ambiti considerati come estremamente critici per le aziende che, proprio sull innovazione tecnologia, fondano le proprie politiche produttive e strategie di mercato. Allo scopo di trovare soluzione a tali difficoltà e di conseguire in maniera efficace gli obiettivi di progetto è stato necessario: Pagina 11

13 A. Ricorrere ad altre risorse esterne non previste in fase di pianificazione delle risorse. 1.5 MODALITÀ E METODOLOGIA L ampiezza dell area di ricerca e la pluralità degli obiettivi qualitativi posti dall indagine hanno reso necessario predisporre di modalità e tecniche di rilevazione atipiche, adeguate a garantire l efficace perseguimento degli obiettivi. In questo senso, la metodologia utilizzata ha inteso privilegiare la qualità dell osservazione e la corretta percezione e definizione delle opportunità che i differenti ambiti di mercato lasciavano intravedere più che un asettico rapporto matematico. A tale scopo è stata necessaria la definizione analitica, ex ante, del progetto di indagine, che è stata effettuata nelle tre fasi: analisi esplorativa, valutazione e predisposizione delle fonti. Si è mostrato utile, inoltre, rendere le percorrenze operative sul campo flessibili, con diversi gradi di autonomia, in modo da consentire specifici adeguamenti alle necessità che parallelamente andavano presentandosi. Nel contempo, è stato necessario l intervento di un coordinatore specializzato ed in grado di apportare, in progressione, le modifiche e gli affinamenti necessari per l ottimizzazione delle rilevazioni. Una simile procedura si rivela estremamente appropriata specialmente durante la ricerca di informazioni nelle aree di mercato nuove e poco esplorate, come nel caso oggetto della presente ricerca, i cui obiettivi miravano a pervenire ad una corretta visione dell evoluzione del fenomeno per lo sviluppo di una formulazione strategica adeguata alle opportunità della filiera. Pagina 12

14 RICERCA ESPLORATIVA L indagine, propriamente detta, per i fini di cui sopra, è stata preceduta e supportata da una ampia e approfondita ricerca qualitativa ed esplorativa operata da esperti del settore ittico allo scopo di focalizzare prioritariamente gli ambiti di azione dei due fattori predominanti del comparto: mercato ed area tecnologica. La ricerca è stata determinante per la definizione di un panel che, pur non corrispondendo ad un modello rigidamente determinato attraverso criteri statistici canonici, si è dimostrato efficace per rappresentare verosimilmente l universo oggetto dello studio. Le interviste ad operatori e osservatori privilegiati (dirigenti dei settori della produzione, del commercio e della distribuzione) hanno consentito di verificare le ipotesi di progetto e di trarre le informazioni indispensabili per l ottimizzazione della ricerca. È stato possibile, in tal modo, ottenere un prodotto fruibile, uno strumento operativo e strategico concretamente a disposizione degli operatori della filiera. CONCLUSIONI In sostanza, la flessibilità del metodo adoperato ha consentito di cogliere le dinamiche interne al segmento e di ampliare adeguatamente la ricerca e la base dati, anche in presenza di fattori non prevedibili. I risultati, pur essendo in linea con le macro tendenze di comparto, hanno evidenziato alcune nuove specificità del settore che saranno utilizzate in fase di strategia per la formulazione dello strumento informativo a guida della filiera. Pagina 13

15 1.6 PERCORRENZE ANALITICHE DELLA RICERCA FONTI DELLA RICERCA La strategia di raccolta e d analisi dei dati è stata di tipo integrato; sviluppata prioritariamente sulle fonti secondarie ed implementata opportunamente da fonti primarie, le quali sono state utilizzate per la definizione puntuale delle aree d analisi in modo coerente con gli obbiettivi che si intendono perseguire. FONTI SECONDARIE Costituite dalle pubblicazioni e dai dati raccolti in momenti e per scopi diversi dalle esigenze specifiche della ricerca, si elencano: Fonti bibliografiche acquisite ed originali; Manuali, monografie e periodici; Fonti governative Annuari statistici economici e scientifici; Annuari di statistiche industriali; Fonti secondarie interne. FONTI PRIMARIE Costituite da: Interviste agli addetti ai lavori ( trasformatori di referenze ittiche); Interviste agli operatori della distribuzione organizzata; Indagini sul campo; Survey attraverso mailing list. Pagina 14

16 1.7 METODOLOGIA E PERCORRENZE PIANIFICAZIONE DELLA RICERCA Le fasi che hanno costituito l avanzamento ed il processo operativo dello studio sono state le seguenti: 1. Definizione puntuale del processo informativo Tale fase, che nella fattispecie è in parte delineata dagli obiettivi medesimi evidenziati nei capitoli precedenti, è stata dedicata all analisi approfondita delle esigenze informative al fine di stabilire una connessione efficace tra il processo decisionale e quello della ricerca. 2. Valutazione e predisposizione degli strumenti: Fase rivolta a: Indicare le fonti secondarie; Individuare i dati disponibili (fonti esterne); Determinare fonti secondarie alternative, qualora quelle disponibili non si mostrassero soddisfacenti o sufficientemente affidabili; Individuare, tramite indagine esplorativa, i campioni oggetto dell indagine presso il settore produttivo, la distribuzione organizzata e le aziende di ricerca. Sviluppare i moduli di raccolta e acquisizione delle informazioni da fonti primarie, in particolare facendo riferimento a: Predisposizione dei questionari; Selezione degli intervistatori; Formazione degli intervistatori. 3. Raccolta dei dati Pagina 15

17 Tale fase è stata attuata sul campo direttamente da personale che collabora con la società designata alla ricerca e/o da personale esterno specializzato. 4. Imputazione dati Trattasi dell attività materiale di trasferimento dati dal supporto cartaceo o magnetico al supporto informatico. 5. Elaborazione dei dati Revisione e codifica dei dati registrati nel riesame dei formulari e nella valutazione della consistenza e della completezza degli elaborati, coerentemente con gli obiettivi della ricerca. 6. Analisi dei dati Estrapolazione dei risultati rilevanti dai dati raccolti supportata da un apposito software, utilizzato per operare differenti elaborazioni in fase d Output. 7. Rapporto ed emissione dei risultati Esposizione e riepilogo dei risultati della ricerca Pagina 16

18 PRESENTAZIONE DEI RISULTATI Per consentire la migliore leggibilità anche ai non addetti ai lavori, la presentazione dei risultati è stata fatta, sia su supporto cartaceo che informatico, in forma semplificata ed avendo cura che le esposizioni rispondano alle esigenze informative della situazione decisionale. Allo stesso scopo di favorire una più veloce comunicazione delle informazioni si è fatto uso di supporti grafici e tavole di report. La struttura di presentazione della ricerca è stata realizzata con il seguente lay-out: Frontespizio; Indice generale; Indice delle tavole (grafici, etc.); Sommario per gli usi decisionali; Obiettivi; Risultati; Conclusioni. Pagina 17

19 ANALISI SINTETICA SITUAZIONALE La filiera ittica: generalità Nel corso degli ultimi anni, importanti cambiamenti hanno coinvolto la filiera dei prodotti del mare. In particolare si è assistito ad un progressivo mutamento nelle abitudini d acquisto del consumatore nazionale ed europeo in conseguenza del fenomeno della mucca pazza ma anche per timori generato dai rumori sugli effetti dell Ogm. Tale scenario, ha spostato i consumi sul versante dei prodotti più salubri ed in specie sui prodotti del mare che fanno della salubrità una connotazione peculiare. La tavola ed i grafici che seguono mostrano tale tendenza di periodo e sottolineano il rapporto fra le variazioni a valore ed a quantità; si rileva, comunque, che in Italia questa tendenza assume una valenza differente anche in contrapposizione ai valori di consumo delle altre nazioni europee. La preferenza dei consumatori nazionali per gli ittici freschi prevale anche sulle referenze condizionate a regime di freddo. Tabella 1 Consumi prodotti ittici periodo Periodo Fresco (quantità in tonnellate) Fresco (valori in ml. di euro) , Pagina 18

20 Tabella 2 Importazione in volume ed in valore dei prodotti ittici nel 2002 Prodotti Prezzo medio Volume (tonnellate) Valore (migliaia di euro) (euro/kg) Var.% Var.% Var.% 2002 Peso% 2002 Peso% /01 02/01 02/01 Pesce Fresco Pesce Congelato Pesce Conservato Totale Pesce Molluschi e Crostacei Prodotti ittici vari Totale Fonte : Elaborazione Ismea su dati Istat Figura Fresco Tonnellate Fresco e Valori Come è possibile notare dalla tavola 3, si assiste ad una andamento altalenante dei consumi nei periodi considerati, ciò nonostante, si nota come le referenze fresche nel loro insieme subiscono una calo minore nei consumi rispetto ai segmenti congelati e surgelati, confermando la tendenza del consumatore italiano a preferire i prodotti freschi riconoscendogli una salubrità superiore agli altri. Pagina 19

21 Tabella 3 Acquisti domestici di pesce in Italia (t) PRODOTTI ITTICI /00 00/99 99/98 98/97 Tutti 100-1,2 1,5 6,8-1,2 Fresco 54,8-1,9 1,8 7,3-4 Congelato sfuso 8,8-0,9-8 -1,2-10,2 Surgelato 12,9-5 6,4 15,8 14,4 Figura Tutti Fresco Congelato sfuso Surgelato /00 00/99 99/98 98/97 Conseguentemente alla crescita della domanda è cresciuto anche il settore distributivo, specialmente della distribuzione organizzata che ha consentito una collocazione degli ittici capillare sul territorio nazionale. Tuttavia l aumento della domanda non ha comportato rilevanti benefici per la filiera nazionale. Se analizziamo la bilancia dell import/export nazionale, infatti, ci si rende conto che rilevanti percentuali della domanda sono state presidiate dall importazione, specialmente nel segmento del fresco e che, mentre i prezzi medi nazionali rimangono pressoché invariati, i prezzi delle importazioni di specie pregiate aumentano in maniera rilevante, anche in presenza di una situazione di recessione come quelle che sta vivendo il nostro paese. Pagina 20

22 In questo segmento, ma non solo, il bacino afferente del consorzio ha notevoli risorse da mettere in gioco come: produzioni ittiche di pregio trattate a regime di freddo produzioni ittiche considerate minori eppure di particolare qualità intrinseca ed estrinseca le quali sono trattate a regime di fresco; produzioni ittiche da acquacoltura condizionate con speciali protocolli di allevamento; produzioni ittiche condizionate con diversi metodi di conservazione (sottosale, olio, secchi, in liquido di coltura). Il mix di queste produzioni è attualmente commercializzato a livello locale attraverso canali distributivi lunghi che includono: Il produttore; Il 1 intermediario commerciale; Il distributore piattaforma commerciale; L utenza intermedia; L utenza finale. Un sistema, questo, che, oltre ad aggiungere costi rilevanti di intermediazioni ed a creare notevoli problematiche riguardo alla logistica della distribuzione fisica delle referenze, disperde il patrimonio di qualità originario insito di questi prodotti. Ciò vale sia per i prodotti considerati di pregio che per quelli meno apprezzati dal punto di vista del valore commerciale, nonché per quelli da acquacoltura e/o conservati. In particolare si rileva che: Per le referenze ittiche definite di pregio, queste produzioni del bacino giungono all utenza finale in maniera indifferenziata e prive di quelle connotazioni di riconoscibilità indispensabili per differenziarle da tutte le altre provenienti da produzioni nazionali ed estere. Conseguentemente anche al livello medio del prezzi relativi a tali prodotti essi si allineano a quelle referenze di valore medio e/o d importazione deprimendo, in Pagina 21

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Mangia pesce! Il pesce è un alimento che, secondo le linee guida dei nutrizionisti, dovrebbe

Dettagli

La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia. Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico

La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia. Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico 1 Lavoro realizzato dall Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. È

Dettagli

Disciplinare di produzione del "NASELLO SAPORE DI CAMPANIA"

Disciplinare di produzione del NASELLO SAPORE DI CAMPANIA Disciplinare di produzione del "NASELLO SAPORE DI Art. 1 denominazione del prodotto la dicitura "NASELLO SAPORE DI CAMPANIA è riservata agli esemplari adulti della specie Merluccius merluccius L. provenienti

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna

La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico 1 Lavoro realizzato dall Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. È consentita

Dettagli

METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI

METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI Per il monitoraggio degli acquisti di prodotti ittici delle famiglie italiane, l Ismea si avvale di un Panel famiglie gestito

Dettagli

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare Milena TEMPESTA & Francesco ZUPPA C.E.A.M. - Centro di Educazione

Dettagli

Filiera della Pesca e dell industria di trasformazione

Filiera della Pesca e dell industria di trasformazione Filiera della Pesca e dell industria di trasformazione Milano, 28 ottobre 2015 Sala Meeting Padiglione Commissione Europea Giovanni Tumbiolo Mazara del Vallo - Italy Distretto Produttivo della Pesca -

Dettagli

RAZZA STELLATA Raja asterias Delaroche, 1809

RAZZA STELLATA Raja asterias Delaroche, 1809 RAZZA STELLATA Raja asterias Delaroche, 1809 Toscana: razza; Veneto: baracola bianca; Lazio: arzillla; Sicilia: picara Principali caratteristiche: è un pesce cartilagineo con il corpo depresso e suddiviso

Dettagli

Invito a partecipare all ITINERARIO DEL PESCE DIMENTICATO Percorso gastronomico-culturale dedicato alle specie ittiche di minor valore commerciale

Invito a partecipare all ITINERARIO DEL PESCE DIMENTICATO Percorso gastronomico-culturale dedicato alle specie ittiche di minor valore commerciale Invito a partecipare all ITINERARIO DEL PESCE DIMENTICATO Percorso gastronomico-culturale dedicato alle specie ittiche di minor valore commerciale L iniziativa L iniziativa, rivolta ai ristoratori la cui

Dettagli

IREPA Onlus, Via S. Leonardo 73, 84131 Salerno tel. 089/338978 - fax 089/330835 - e-mail irepa@irepa.org - sito web http://www.irepa.

IREPA Onlus, Via S. Leonardo 73, 84131 Salerno tel. 089/338978 - fax 089/330835 - e-mail irepa@irepa.org - sito web http://www.irepa. L Irepa Onlus, Istituto di ricerche economiche per la pesca e l acquacoltura, è un organizzazione non lucrativa di utilità sociale, dotata di personalità giuridica, ed opera in convenzione con l Università

Dettagli

BAMPE. Bambini e Prodotti di Eccellenza. P.O. Marittimo Italia Francia IL MARE E I SUOI PRODOTTI. Scuola ELEMENTARE SACRO CUORE 3 B

BAMPE. Bambini e Prodotti di Eccellenza. P.O. Marittimo Italia Francia IL MARE E I SUOI PRODOTTI. Scuola ELEMENTARE SACRO CUORE 3 B P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza BAMPE IL MARE E I SUOI PRODOTTI Dr. Agr. Paolo Rosatelli Dipartimento per le Produzioni Zootecniche Servizio Risorse Ittiche Scuola ELEMENTARE

Dettagli

II 2007 NEWSLETTER TRIMESTRALE SULLA PESCA PUGLIESE

II 2007 NEWSLETTER TRIMESTRALE SULLA PESCA PUGLIESE NEWSLETTER TRIMESTRALE SULLA PESCA PUGLIESE II 2007 Caratteristiche tecniche della flotta Questa sezione viene, di norma, aggiorna una volta all anno, nella newsletter relativa al quarto trimestre. Riportiamo

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO PRODOTTI ITTICI DEL LAGO DI BOLSENA Ottobre 2014 Disposizioni generali Il presente disciplinare, ad integrazione del Regolamento per l'accesso

Dettagli

Il traffico crocieristico in Italia nel 2012

Il traffico crocieristico in Italia nel 2012 1 Il traffico crocieristico in Italia nel 2012 IL TRAFFICO CROCIERISTICO IN ITALIA NEL 2012 Risposte Turismo realizza per il terzo anno uno speciale dedicato al turismo crocieristico, dedicato in particolare

Dettagli

LA MARINERIA DI TRIESTE

LA MARINERIA DI TRIESTE LE MARINERIE DI RIMINI E CATTOLICA LA MARINERIA DI TRIESTE Sommario La marineria di Trieste...... 2 La flotta...... 3 Le imprese........... 4 Occupati e retribuzioni...... 5 Il mercato ittico...........

Dettagli

Il traffico crocieristico in Italia nel 2011

Il traffico crocieristico in Italia nel 2011 IL TRAFFICO CROCIERISTICO IN ITALIA NEL 2011 Risposte Turismo realizza per il secondo anno uno speciale dedicato al turismo crocieristico, dedicato in particolare all analisi dell andamento del settore

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI REGIONE PUGLIA UNIONE EUROPEA. Guida al consumatore. Azzurro, principe del nostro mare

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI REGIONE PUGLIA UNIONE EUROPEA. Guida al consumatore. Azzurro, principe del nostro mare UNIONE EUROPEA MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI REGIONE PUGLIA Guida al consumatore Azzurro, principe del nostro mare ALICE O ACCIUGA engraulis encrasicolus SARDINA O SARDA Sardina

Dettagli

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Consumo consapevole benefici nutrizionali Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Proprietà nutrizionali Proteine I prodotti della pesca, come

Dettagli

IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA

IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA Studi di settore IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA Analisi dell offerta, della domanda e della distribuzione al dettaglio Il settore ittico in Italia I principali indicatori del settore

Dettagli

Il traffico crocieristico in Italia nel 2013

Il traffico crocieristico in Italia nel 2013 IL TRAFFICO CROCIERISTICO IN ITALIA NEL 2013 Risposte Turismo realizza per il quarto anno lo speciale dedicato al turismo crocieristico, in particolare all analisi dell andamento del settore in Italia

Dettagli

Facoltà di Economia Università degli Sudi di Firenze

Facoltà di Economia Università degli Sudi di Firenze Facoltà di Economia Università degli Sudi di Firenze Firenze, mercoledì 27 Novembre 2002 Incontro con Vincenzo Freni L incalzante progredire delle nuove tecnologie, ogni giorno più sofisticate e complesse,

Dettagli

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311 VALUTAZIONE DELL INCIDENZA DELLE MISURE DI SVILUPPO RURALE SULLE SCELTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI E DEI LORO FAMILIARI CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA PROPENSIONE VERSO LA DIVERSIFICAZIONE. Premessa In

Dettagli

PROGETTO POSEIDON PROMOZIONE

PROGETTO POSEIDON PROMOZIONE CONSORZIO DI RIPOPOLAMENTO ITTICO GOLFO DI PATTI Piano Operativo Regionale 2000-2006 Misura 4.17. sottomisura A Promozione PROGETTO POSEIDON PROMOZIONE Attività A500 Azioni volte all attivazione di campagne

Dettagli

QUALI TRAFFICI PER IL PORTO DI CHIOGGIA RAPPORTO FINALE

QUALI TRAFFICI PER IL PORTO DI CHIOGGIA RAPPORTO FINALE SISTEMI OPERATIVI QUALI TRAFFICI PER IL PORTO DI CHIOGGIA RAPPORTO FINALE Venezia, settembre 1997 INDICE SINTESI DEI CONTENUTI 0 PREMESSA 1 IL PORTO DI CHIOGGIA OGGI E DOMANI 1.1 LE INFRASTRUTTURE E LE

Dettagli

termini tecnici semplici; i principali sono riassunti nel disegno qui sotto e poi specificati direttamente nelle diverse voci del glossario:

termini tecnici semplici; i principali sono riassunti nel disegno qui sotto e poi specificati direttamente nelle diverse voci del glossario: GLOSSARIO Morfologia: I pesci hanno una morfologia/struttura descrivibile con parole comuni o con termini tecnici semplici; i principali sono riassunti nel disegno qui sotto e poi specificati direttamente

Dettagli

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia Maurizio Canavari e Nicola Cantore Unità di Ricerca: Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria Università degli Studi di Bologna

Dettagli

Sezione 1. Note metodologiche e dati generali

Sezione 1. Note metodologiche e dati generali Sezione 1 Note metodologiche e dati generali Note metodologiche Il questionario è stato rivolto a tutti i Presidenti di Tribunale ed ai Capi delle Corti d Appello che, nella compilazione, si sono potuti

Dettagli

LE INDAGINI STATISTICHE

LE INDAGINI STATISTICHE LE INDAGINI STATISTICHE Una indagine statistica può essere assimilata ad un processo di produzione che sinteticamente può essere individuato nelle seguenti fasi: 1. Definizione degli obiettivi e ipotesi

Dettagli

Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi

Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi Premessa In sede di programmazione degli obiettivi specifici dei sistemi produttivi occorre focalizzarsi sulla creazione di un sistema locale

Dettagli

L inflazione nel 2004

L inflazione nel 2004 L inflazione nel 2004 Un quadro generale In Italia l inflazione media annua per l anno 2004 si è attestata intorno al 2,2%, un risultato di gran lunga migliore rispetto al 2003 quando il valore medio di

Dettagli

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI LEZIONE 6/10/05 STATISTICA Antigone Marino LE FASI DI REALIZZAZIONE DI UNA RICERCA 1. Definizione del tipo di informazioni attese

Dettagli

Business Questionnaire

Business Questionnaire Allegato B Transnational Networking and Cooperation Initiatives for the Development of coastal SMEs in the Balkan Adriatic Region - CONNECT PROJECT L. 84/01 Business Questionnaire Rivolto alle PMI locali

Dettagli

Il salva acquisto. Mini guida all acquisto di prodotti ittici

Il salva acquisto. Mini guida all acquisto di prodotti ittici Il salva acquisto Mini guida all acquisto di prodotti ittici Calendario ittico i prodotti ittici di stagione Gennaio:nasello, sardina, sogliola, spigola, triglia Febbraio:nasello, sardina, sgombro, sogliola,

Dettagli

DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA RAPPORTO ANNUALE 2009 SULLA PESCA E SULL ACQUACOLTURA IN SICILIA

DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA RAPPORTO ANNUALE 2009 SULLA PESCA E SULL ACQUACOLTURA IN SICILIA DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA OSSERVATORIO DELLA PESCA DEL MEDITERRANEO RAPPORTO ANNUALE 2009 SULLA PESCA E SULL ACQUACOLTURA IN SICILIA ABSTRACT DEL RAPPORTO CAPITOLO I - Quadro generale socio-economico

Dettagli

Rapporto Annuale sulla Pesca e sull Acquacoltura in Sicilia 2009

Rapporto Annuale sulla Pesca e sull Acquacoltura in Sicilia 2009 DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA OSSERVATORIO DELLA PESCA DEL MEDITERRANEO Rapporto Annuale sulla Pesca e sull Acquacoltura in Sicilia 2009 Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari

Dettagli

Progetto a carattere nazionale. Azione Pilota sulla

Progetto a carattere nazionale. Azione Pilota sulla Al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Dipartimento delle Politiche di Mercato Direzione Generale Pesca e Acquacoltura Progetto a carattere nazionale Azione Pilota sulla Implementazione e certificazione

Dettagli

Il Diporto Nautico in Italia

Il Diporto Nautico in Italia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per i Trasporti, la Navigazione ed i Sistemi Informativi e Statistici Direzione Generale per i Sistemi Informativi, Statistici e la Comunicazione

Dettagli

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO INFORMAZIONI SUL PESCE È impostante scegliere un buon pescivendolo. Questo implica una serie di considerazioni sul locale: pulizia, ordine, odore di mare, non di ammoniaca o avariato; badate che chi serve

Dettagli

CONFEDERAZIONE COOPERATIVE ITALIANE FEDERCOOPESCA. Via de Gigli d Oro n. 21 00186 ROMA Tel. 066893450

CONFEDERAZIONE COOPERATIVE ITALIANE FEDERCOOPESCA. Via de Gigli d Oro n. 21 00186 ROMA Tel. 066893450 ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE A.G.C.I. PESCA Via A. Bargoni n. 78 00153 ROMA Tel. 0658328.1 CONFEDERAZIONE COOPERATIVE ITALIANE FEDERCOOPESCA Via de Gigli d Oro n. 21 00186 ROMA Tel. 066893450

Dettagli

Monitoraggio delle tecnologie per il riscaldamento nel segmento residenziale

Monitoraggio delle tecnologie per il riscaldamento nel segmento residenziale Monitoraggio delle tecnologie per il riscaldamento nel segmento residenziale Donatella Bobbio Mario Cirillo Tommaso Franci Matteo Leonardi Cristina Rocca - REF-E L indagine REF-E mostra un mercato del

Dettagli

Problematiche di approvvigionamento e commercializzazione delle aziende di prima trasformazione del comparto oleario

Problematiche di approvvigionamento e commercializzazione delle aziende di prima trasformazione del comparto oleario Panel agroalimentare Indagini monografiche Panel Agroalimentare Ismea Problematiche di approvvigionamento e commercializzazione delle aziende di prima trasformazione del comparto oleario Novembre 2006

Dettagli

2.3 Risorse ittiche marine

2.3 Risorse ittiche marine 2.3 Risorse ittiche marine La politica per la pesca dell Unione Europea richiede di assicurare uno sfruttamento delle risorse acquatiche viventi realizzato in modo tale da garantire condizioni di sostenibilità

Dettagli

FIG. 2.3 $QGDPHQWRGHOOHYHQGLWHGLROLG ROLYDFRQIH]LRQDWLW

FIG. 2.3 $QGDPHQWRGHOOHYHQGLWHGLROLG ROLYDFRQIH]LRQDWLW ,&2168,',2/,2',2/,9,1,7/, E importante, prima di tutto, fare una macro distinzione tra due aree principali: quella a tradizionale produzione e consumo di olio di oliva, e quella a non tradizionale produzione

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Il prezzo del gasolio a febbraio 2011 ha raggiunto livelli simili a quelli della primavera 2008, anno in cui il sostenuto aumento del prezzo dei

Il prezzo del gasolio a febbraio 2011 ha raggiunto livelli simili a quelli della primavera 2008, anno in cui il sostenuto aumento del prezzo dei Introduzione Nei primi mesi del 2011, l incremento del costo del gasolio sui livelli del 2008 ha compromesso la profittabilità del settore peschereccio, ponendo gli operatori in una situazione di incertezza

Dettagli

Il Diporto Nautico in Italia

Il Diporto Nautico in Italia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per i Trasporti, la Navigazione ed i Sistemi Informativi e Statistici Direzione Generale per i Sistemi Informativi, Statistici e la Comunicazione

Dettagli

Manuale di identità. AZIONE 550 Marchio Consortile CONSORZIO RIPOPOLAMENTO ITTICO GOLFO DI PATTI

Manuale di identità. AZIONE 550 Marchio Consortile CONSORZIO RIPOPOLAMENTO ITTICO GOLFO DI PATTI Manuale di identità relativo al marchio consortile del Consorzio ripopolamento ittico Golfo di Patti AZIONE 550 Marchio Consortile Manuale di identità relativo al marchio consortile del Consorzio ripopolamento

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

Arianna. Attivazione Rete nazionale antiviolenza

Arianna. Attivazione Rete nazionale antiviolenza Arianna Attivazione Rete nazionale antiviolenza Il progetto sperimentale Arianna Si propone come azione di sistema volta a fornire un servizio nazionale di accoglienza telefonica alle donne vittime di

Dettagli

Progetto di educazione alimentare Un amico di nome Pesce

Progetto di educazione alimentare Un amico di nome Pesce DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE U.O. Igiene Alimenti Origine Animale Progetto di educazione alimentare Un amico di nome Pesce REFERENTI Dr. Valter Dini - Direttore Unita Operativa Igiene degli Alimenti di

Dettagli

Il Portale Web del Comune di Roma

Il Portale Web del Comune di Roma IL PORTALE WEB DEL COMUNE DI ROMA on line PREMESSA Le trasformazioni conseguenti alla diffusione delle tecnologie della comunicazione e dell'informazione (I.C.T.) contribuiscono in maniera sempre più determinante

Dettagli

I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta

I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta LA FILIERA DEL PESCE I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta Stampa Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana LA FILIERA DEL PESCE I prodotti della pesca: dall acqua

Dettagli

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI LEZIONE 10/10/05 STATISTICA Antigone Marino La costruzione del questionario Il questionario di indagine è lo strumento di misura

Dettagli

Osservatorio nazionale della pesca

Osservatorio nazionale della pesca LA PESCA INN NEL MEDITERRANEO Ripercussioni sociali, economiche e ambientali Avoid By Catch FONDO EUROPEO PESCA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Osservatorio nazionale della pesca UNIONE EUROPEA FAI FEDERPESCA

Dettagli

STATISTICA e STATISTICO

STATISTICA e STATISTICO STATISTICA e STATISTICO Aggiornato il 17 dicembre 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Che cosa deve essere in grado di

Dettagli

Taranto confermata sede dell' Autorità portuale

Taranto confermata sede dell' Autorità portuale Taranto confermata sede dell' Autorità portuale Con sfida in tre mosse il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio vuole far recuperare alla portualità italiana il tempo perso, per cogliere l opportunità

Dettagli

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Analisi delle aree funzionali produzione e marketing PRODUZIONE: Nelle precedenti lezioni abbiamo inteso

Dettagli

Report finale sul 3 anno di gestione (01.04.2011 31.03.2012)

Report finale sul 3 anno di gestione (01.04.2011 31.03.2012) RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI IMMOBILI IN PROPRIETÀ ED IN GESTIONE ALLA PROVINCIA DI MANTOVA (GLOBAL SERVICE) Report finale sul 3 anno di gestione

Dettagli

LA SPESA DELLE FAMIGLIE PER CONSUMI IN SICILIA

LA SPESA DELLE FAMIGLIE PER CONSUMI IN SICILIA SOCIALE NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA ED ANALISI ECONOMICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 7 N.3/2015 I consumi privati rappresentano, in economia,

Dettagli

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Introduzione alla direttiva del Dipartimento della Funzione Pubblica I principali campi di indagine Le fasi del processo di rilevazione (c) IdWeb S.r.l. Ottobre

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE

TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE

Dettagli

produzione raccolta differenziata dei rifiuti urbani 317

produzione raccolta differenziata dei rifiuti urbani 317 4. RIFIUTI 315 316 I dati relativi alla produzione ed alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani vengono rilevati da ISPRA mediante la predisposizione e l invio di appositi questionari alle Sezioni

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Osservatorio turistico della regione Sardegna LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Ottobre 2012 A cura di La performance di vendita delle imprese del ricettivo Periodo di riferimento:

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane In collaborazione con UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Centro Studi Qualità Ambiente Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le

Dettagli

Concorso Marketing sociale e comunicazione per la salute

Concorso Marketing sociale e comunicazione per la salute Concorso Marketing sociale e comunicazione per la salute V edizione Schema per la presentazione del progetto Allegato n. 1 Sezione per Aziende/Enti/Associazioni/Scuole 1. Generalità: titolo del progetto

Dettagli

WP7 IMPLEMENTAZIONE A REGIME SISTEMA DI MONITORAGGIO QUALITATIVO- QUANTITATIVO DEI SERVIZI EROGATI. Deliverable di Progetto # (cod.

WP7 IMPLEMENTAZIONE A REGIME SISTEMA DI MONITORAGGIO QUALITATIVO- QUANTITATIVO DEI SERVIZI EROGATI. Deliverable di Progetto # (cod. WP7 IMPLEMENTAZIONE A REGIME SISTEMA DI MONITORAGGIO QUALITATIVO- QUANTITATIVO DEI SERVIZI EROGATI Deliverable di Progetto # (cod. A7P2) Versione 1.0 del 26.03.10 1 Indice 1. Premessa 3 2. Qualità e miglioramento

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI SETTORE AGRICOLTURA TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

EXECUTIVE SUMMARY. Maggio 2013

EXECUTIVE SUMMARY. Maggio 2013 Maggio 2013 EXECUTIVE SUMMARY Il check up del settore ittico nazionale per il 2012 mostra tutti i segni di una difficoltà che, se già di per sé sembra assumere carattere strutturale, è stata aggravata

Dettagli

03.11.00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03.12.00 Pesca in acque dolci e servizi connessi

03.11.00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03.12.00 Pesca in acque dolci e servizi connessi 04 03..00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03..00 Pesca in acque dolci e servizi connessi barrare la casella corrispondente al codice di attività prevalente (vedere istruzioni) DOMICILIO

Dettagli

Reti per la pesca di alici, sarde, costardelle, cicerelli e alaccie: il cianciolo

Reti per la pesca di alici, sarde, costardelle, cicerelli e alaccie: il cianciolo SELETTIVITA' DEGLI ATTREZZI DA PESCA CARATTERISTICHE DEI SISTEMI DI PESCA: CIRCUIZIONE I più usati attrezzi da circuizione sono: il cianciolo per il pesce azzurro (acciughe e sardine) e la tonnara volante

Dettagli

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIONE GAC Gruppo di Azione Costiera GAC Nord Sardegna PSL Pesca e sviluppo sostenibile nel Nord Sardegna CUP H86D13000190007 Numero Azione (riferimento PSL) 2.4.1-2.4.9 Titolo

Dettagli

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA REPORT RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE DI CAGLIARI e pertinenze (CARBONIA) ANNO 2013 RISULTATI FINALI DEL QUESTIONARIO SULLA SODDISFAZIONE

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 16 maggio 2102 Comune di Cosenza RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO Ufficio Relazioni con il Pubblico Strumento n 9: modello report

Dettagli

II WORKSHOP ANNUALE PROGETTO V.E.C.T.O.R. 25-26 FEBBRAIO 2009 Roma, Sede Centrale Enea

II WORKSHOP ANNUALE PROGETTO V.E.C.T.O.R. 25-26 FEBBRAIO 2009 Roma, Sede Centrale Enea II WORKSHOP ANNUALE PROGETTO V.E.C.T.O.R. 25-26 FEBBRAIO 2009 Roma, Sede Centrale Enea ANDAMENTO DELLE CATTURE DI MEDI E GRANDI PELAGICI E VARIABILITÀ DELLE TEMPERATURE SUPERFICIALI NEL TIRRENO MERIDIONALE

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

La cheppia (Alosa fallax), tra Adda e Po.

La cheppia (Alosa fallax), tra Adda e Po. Dipartimento V Agricoltura ed ambiente rurale U.O. Ambiente rurale e gestione faunistica La cheppia (Alosa fallax), tra Adda e Po. A cura di Simone Rossi Citazione bibliografica consigliata: Rossi S. (2014).

Dettagli

Formare i formatori al tempo della crisi

Formare i formatori al tempo della crisi Settembre 2013, anno VII N. 8 Formare i formatori al tempo della crisi di Giusi Miccoli 1 La situazione della formazione e confronto con l Europa La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni colpisce

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

L uso dei dati territoriali per la valutazione del mercato e la definizione dei target

L uso dei dati territoriali per la valutazione del mercato e la definizione dei target Banca Popolare di Vicenza L uso dei dati territoriali per la valutazione del mercato e la definizione dei target Filippo Catturi, Alfredo Pastega Roma, 14 dicembre 2005 Agenda Premessa La valutazione del

Dettagli

Tecniche di rilevazione statistica

Tecniche di rilevazione statistica Tecniche di rilevazione statistica Il disegno di ricerca Indagini censuarie e campionarie Indagini campionarie basate su questionario Introduzione al campionamento Il disegno di ricerca Con il termine

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DEI PRODOTTI DI ACQUACOLTURA NELL UE

LE IMPORTAZIONI DEI PRODOTTI DI ACQUACOLTURA NELL UE LE IMPORTAZIONI DEI PRODOTTI DI ACQUACOLTURA NELL UE I principali flussi commerciali nell Unione Europea e in Italia Convegno «Qualità e sicurezza dei prodotti d acquacoltura: regolamenti, controlli e

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria. Provincia di Reggio Calabria MANIFESTO. Piano Strategico della Città Metropolitana

Provincia di Reggio Calabria. Provincia di Reggio Calabria MANIFESTO. Piano Strategico della Città Metropolitana Provincia di Reggio Calabria MANIFESTO Piano Strategico della Città Metropolitana Reggio Calabria - Novembre 2013 Provincia di Reggio Calabria INDICE Perché un Piano Strategico Quale visione del futuro

Dettagli

FORMARE I FORMATORI AL TEMPO DELLA CRISI. INTERVISTA A GIUSI MICCOLI 1

FORMARE I FORMATORI AL TEMPO DELLA CRISI. INTERVISTA A GIUSI MICCOLI 1 FORMARE I FORMATORI AL TEMPO DELLA CRISI. INTERVISTA A GIUSI MICCOLI 1 (A CURA DI PAOLO VIEL 2 ) QUALE È LA SITUAZIONE DELLA FORMAZIONE OGGI IN ITALIA? La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni

Dettagli

Il pesce a miglio zero

Il pesce a miglio zero Il pesce a miglio zero E A COSTI SOCIALI E AMBIENTALI ZERO Vademecum per un consumo responsabile del pesce Quando l eccellenza del cibo e l emozione, che ne consegue, si misurano dalla capacità di identità

Dettagli

Il controllo di gestione negli impianti a biogas

Il controllo di gestione negli impianti a biogas Il controllo di gestione negli impianti a biogas C è bisogno del controllo di gestione? Gli impianti a biogas hanno un ciclo produttivo apparentemente semplice che sulla carta consente agevolmente di realizzare

Dettagli

Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale LIFE12NAT/IT/000937

Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale LIFE12NAT/IT/000937 Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale LIFE12NAT/IT/000937 Azione C1 Riduzione delle catture accidentali di tartarughe marine nella pesca con i palangari:

Dettagli

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Maggio 2015 L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Presentazione Rapporto UNIDI definitivo sul mercato 2013 e stima 2014 Il progetto KEY-STONE Presentazione rapporto sul periodo

Dettagli

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Realizzata da CNA Produzione In collaborazione con Centro Studi CNA MANIFATTURA

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

Dal punto di vista gastronomico è importante la distinzione tra i: a) PESCI AFFUSOLATI b) PESCI PIATTI

Dal punto di vista gastronomico è importante la distinzione tra i: a) PESCI AFFUSOLATI b) PESCI PIATTI Modulo integrativo per le classi seconde i prodotti ittici PESCI DI MARE, D ACQUA DOLCE E MISTA I pesci I pesci sono prodotti ittici, sono vertebrati e non vanno confusi con i crostacei e molluschi, che

Dettagli

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA 3.4 - PROGRAMMA N. 08 ATTIVITÀ PRODUTTIVE, TURISMO, ATTIVITÀ GIOVANILI E POLITICHE MONTANE AMMINISTRATORE COMPETENTE: GIORGIO BONASSOLI RESPONSABILE: MARIAGRAZIA FRESCURA 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

Dettagli

Sfop PROVINCIA REGIONALE DI SIRACUSA. Progetto POR Sicilia 2000/2006 misura 4.17 codice provvisorio 108 un atlante per il mare D.O.P.

Sfop PROVINCIA REGIONALE DI SIRACUSA. Progetto POR Sicilia 2000/2006 misura 4.17 codice provvisorio 108 un atlante per il mare D.O.P. CostardellA AgugliA NasellO TonnO Trigli GamberO Pesce PilotA TombarellO Aguglia ImperialE TotanO LanzardO PolpO Pesce SpadA OcchiatA AcciugA TrigliA Atlante per il mare D.O.P. Guida al consumo sostenibile

Dettagli