3HFXOLDULWjSHGLDWULFKH QHOODGLIIXVLRQHGHOOH LQIH]LRQLRVSHGDOLHUH

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3HFXOLDULWjSHGLDWULFKH QHOODGLIIXVLRQHGHOOH LQIH]LRQLRVSHGDOLHUH"

Transcript

1 / DXGLW HLOFRQWUROORGHOULVFKLRLQIHWWLYR QHOOHVWUXWWXUHDVVLVWHQ]LDOL 25 NOVEMBRE HFXOLDULWjSHGLDWULFKH QHOODGLIIXVLRQHGHOOH LQIH]LRQLRVSHGDO Per legger e le not e r elat ive alle singole slide, cliccar e su Per t or nar e alla pr esent azione, cliccar e su

2 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO 2

3 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO «PL DVWHUUzGDOUHFDU GDQQRHRIIHVD.,SSRFUDWH 460 a.c a.c. ca. «QRQ DUUHFDUH QHVVXQ GDQQRDOPDODWR«)ORUHQFH 1LJKWLQJDOH ULPR1RQIDUHGDQQR &DPSDJQD206 3

4 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO neminem nocer e 2.6. Nell agir e pr of essionale, l inf er mier e si impegna a non nuocer e, or ient a la sua azione all aut onomia e al bene dell assist it o, di cui at t iva le r isor se anche quando quest i si t r ova in condizioni di disabilit à o svant aggio. 4

5 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO 5

6 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO Ar t. 6 I l bambino ha dir it t o alla t ut ela del pr opr io sviluppo f isico, psichico e r elazionale zionale. I l bambino ha dir it t o alla sua vit a di r elazione anche nei casi in cui necessit i di isolament o. o I l bambino ha dir it t o a non esser e t r at t at o con mezzi di cont enzione. 6

7 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO &DWHQDGL,QIH]LRQH AGENTE OSPI TE ¾Pat ogenicit à ¾Vir ulenza ¾I nvasivit à ¾Dose ¾Ser bat oio ¾Font e ¾Alt r o ¾Meccanismi di Dif esa aspecif ici ¾I mmunit à nat ur ale ¾I mmunit à acquisit a 7

8 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO MODALI TA DI TRASMI SSI ONE ¾Cont at t o ¾Veicolo comune ¾Via aer ea AGENTE ¾Pat ogenicit à ¾Vir ulenza ¾I nvasivit à ¾Dose ¾Ser bat oio ¾Font e ¾Alt r o OSPI TE ¾Meccanismi di Dif esa aspecif ici ¾I mmunit à nat ur ale ¾I mmunit à acquisit a 8

9 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO 0HQLQJLWH, 3HUWRVVH, Malat t ie inf et t ive con evident e TXDGURHVDQWHPLFR Sot t ovalut azione segni clinici di pr obabile malat t ia inf et t iva per ché r it enut i meno impor t ant i $=,21, spesso codif icat e con specif ici pr ot ocolli &203257$0(17, che t r ascur ano il r ischio di dif f usione 9

10 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO 35(&$8=,21,$**,817,9( modalit à di t r asmissione (Cont at t o Dr oplet Via aer ea) 35(&$8=,21,67$1'$5' insieme di misur e e compor t ament i da adot t ar e dur ant e t ut t e le manovr e assist enziali, applicat i a t ut t i i pazient i indipendent ement e dalla diagnosi in quant o pot enziali por t at or i di micr or ganismi pat ogeni t r asmissibili,*,(1(',%$6( igiene per sonale, sanif icazione dell ambient e, mant eniment o del micr oclima ospedalier o in uno st at o di salubr it à, smalt iment o cor r et t o dei r if iut i 10

11 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO TI N Peso Et à gest ionale Sist ema immunit ar io I mmat ur it à or gani Pat ologia base Malf or mazioni ecc. 1 H R Q D W R Oper at or i sanit ar i At t r ezzat ur e Pr ocedur e adot t at e Visit at or i Spazi ecc. PS Mor billo Lat t ant i/ Divezzi I nf ezioni r espir at or ie I nf ezioni gast r oint est inali Par ot it e Var icella ecc. Ospedale a misur a di Bambino Ludot eche e At t ese con Baby-Ar r edi e Giochi, PC e Audiot eche Clown e Musicist i Pet Ther apy, ecc. 11

12 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO Caso: 2 casi di asper gillosi su pazient i r icover at i nelle st anze a bassa car ica micr obica dell U.O. di Oncoemat ologia pediat r ica bambino di 9 anni, neur oblast oma, seguit o dall UO da 4/ 5 anni r icover at o in quel per iodo per t r apiant o aploident ico bambino di 15 anni, Leucemia linf oide seguit o dall UO dal 2001 pr ovenient e dalla Romania con anamnesi di Asper gillosi polmonar e r isanat a 12

13 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO G.O. St udio Cart ella clinica Controllo I m pianto Aria I.O. 9 o.k. 9 Sopralluogo/ Osservazione Attività assistenziali e di supporto,srwhvlirqwhhohprgdolwjglwudvplvvlrqh FDPSLRQDWXUHDPELHQWDOL 13

14 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO Risult at o: HVFOXVR inquinament o st r ut t ur ale FRQIHUPDWR impor t azione del micet e at t r aver so r if or niment o di: pr esidi medico-chir ur gici ed economali biancher ia piana indument i e ogget t i (giocat t oli) per sonali dell ut ent e conf ezioni di aliment i int r odot t i nella st anza st er ile 14

15 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO I nt er vent o: ¾ ¾ ¾ ¾ ¾ Lavaggio delle mani Nor me e modalit à di accesso alle st anze st er ili St occaggio e t r at t ament o decont aminant e di t ut t o il mat er iale in ent r at a alla st anza st er ile (mat er iale medico-chir ur gico ed economale, biancher ia piana, indument i, ogget t i per sonali, aliment i, st oviglie, ecc) Regolament o compor t ament ale a cui gli ut ent i si devono at t ener e per limit ar e la cont aminazione della st anza st er ile Sanif icazione gior nalier a e per iodica e Sanit izzazione t er minale delle st anze st er ili. 15

16 %LEOLRJUDILD $JR]]LQR (*UDQLWR &9DVWROD 3I nf ezioni ospedalier e neonat ali: la qualit à delle pr ocedur e assist enziali. View&Review; No. 2, Mar zo/ Apr ile 1999 $$99 I nf ezioni ospedalier e-rappor t o t ecnico per la def inizione di obiet t ivi e st r at egie per la salut e Agenzia sanit ar ia r egionale dell Emilia-Romagna, Bologna. %DGRQ 3&HVDUR 6Manuale di nur sing pediat r ico Casa Edit r ice Ambr osiana, Milano. &LUFRODUH0LQLVWHURGHOOD6DQLWj 1R &RFFR0 Pr omozione e Valut azione della Qualit à delle cur e in Pediat r ia: Car t a dei dir it t i del bambino in ospedale e manuale di accr edit ament o; Cor so f or mat ivo, Br escia 'L1XFFLR$HD Quando la decisionalit à è non solo pr of essionale, ma anche deont ologica nelle scelt e assist enziali per la pr evenzione e cont eniment o delle I nf ezioni Ospedalier e XXI Congr esso Nazionale Aniar t i, Sor r ent o. ZZZHYLGHQFHEDVHGQXUVLQJLW *DPED'6SDJQROR* Linee di or ient ament o alla let t ur a del codice deont ologico degli inf er mier i. Feder azione nazionale I PASVI, Roma. +,&3$&Guideline f or I solat ion Pr ecaut ions in Hospit als (updat ed: Febr uar y 18, 1997) in ht t p:/ / ncidod/ hip/ isolat / isolat.ht m ZZZLVVLW 0HOLQR&HD L Ospedale- I giene, pr evenzione e sicur ezza, SEU; RUR0/. I nf ezioni ospedalier e- Pr evenzione e Cont r ollo Cent r o Scient if ico Edit or e, Tor ino. 0 KOHPDQQ.$HEL &7URLOOHW 1I nf ezioni nosocomiali in pediat r ia. Swiss-Noso; Vol. 6, No.3, Set t embr e ZZZSOJQLW 6WHLQVFKQHLGHU 5 Quader ni dell I nf er mier e No Pediat r ia Masson, Milano. KWWSZZZZKRLQWHQWLW\SDWLHQWVDIHW\KLJKOLJKWVGRBQRBKDUPHQ 16

17 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO L Ospedale dei Bambini, st or ico pr oget t o che accomuna la ret e degli ospedali pediat r ici it aliani con l obiet t ivo di r ender e l ospedale pediat r ico sempr e più a misur a di bambino, f a leva su iniziat ive mir at e e orient at e ai bisogni f ondament ali dell piccolo ut ent e (ludot eche, locali con ar r edi par t icolar i e r icchi di giochi, int r at t eniment i con clown e musicist i, "animali in cor sia", ecc.), at t ivit à che, nel cont empo, cr eano occasioni quot idiane che f avoriscono la dif f usione di inf ezioni nosocomiali. E spont aneo st abilir e un cont at t o f isico diret t o, sot t ovalut ando la pr esenza di secr ezioni r espir at or ie, l incont inenza di f eci e/ o ur ine che cont r addist ingue il piccolo; agli operat or i addet t i all'assist enza dei pazient i in et à evolut iva che f acilment e t endono ad abbassare i livelli di at t enzione nei compor t ament i assist enziali è per t ant o richiest o un'at t enzione par t icolare nell'er ogazione di pr est azioni r esponsabili e scient if icament e cor r et t e. Per af f r ont ar e t ale cr it icit à assist enziale occor r e in anzit ut t o conoscer e la specif icit à delle modalit à di dif f usione delle inf ezioni ospedaliere in ambit o pediat rico per individuare misure e compor t ament i at t i ad int er r omper e la cat ena di t r asmissione. 17

18 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO I l pr incipio di non ar r ecar e danno al malat o è una cr it icit à cont emplat a sino dall ant ichit à da chi si pr ende cura della salut e alt r ui e non ha solt ant o una valenza et ica in quant o è f or t ement e inf luenzat o dal progresso scient if ico e t ecnologico. I n quest i ult imi anni l Or ganizzazione Mondiale della Sanit à ha promosso insieme ai gover ni nazionali la campagna "Fir st do no harm". L'int ent o di det t a campagna è pr omuover e la sicur ezza negli ospedali, dove si cont r aggono molt e malat t ie, per non met t er e a r epent aglio l'obiet t ivo r aggiunt o negli ult imi cent o anni: l'incr ement o consist ent e dell'aspet t at iva di vit a. Pr evenir e gli event i avver si che colpiscono una media di un pazient e ogni dieci provocando danni che possono por t ar e anche alla disabilit à o alla mor t e non rispet t a solo il dir it t o della per sona alla pr opria salut e ma la r iduzione di quest i incident i hanno, come ben sappiamo, ef f et t i posit ivi anche sull'economia, r ispar miando cost i aggiunt i da r icover i pr olungat i, azioni legali e cur e delle disabilit à. Una not a dell I st it ut o Super ior e di Sanit à del 11 novembr e 2004 cit a che ogni anno dieci it aliani su cent o ricoverat i si ammalano di una inf ezione cont r at t a in ospedale. I dat i divulgat i sono del "Pr oget t o nazionale per la sorveglianza delle inf ezioni bat t eriche gravi in ambit o comunit ar io ospedalier o" coor dinat o dallo st esso ist it ut o. Pseudomonas aer uginosa, St aphylococcus aur eus ed Escherichia coli, r esist ent i come sappiamo a molt i ant ibiot ici, sono le specie bat t eriche maggiorment e r esponsabili di polmonit i, set t icemie e inf ezioni da cat et er e venoso. Lo st udio è st at o condot t o in 50 cent r i su pazient i di cui il 43% è ent r at o in ospedale per cur ar e un'inf ezione bat t erica. 18

19 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO QHPLQHP QRFHUH QRQQXRFHUHQRQDUUHFDUHGDQQRDQHVVXQR I l saper e scient if ico, il cr edo deont ologico e la nor mat iva di r if er iment o sono alla base dell oper ar e quot idiano del sanit ario di qualsiasi qualif ica di appar t enenza. Nel Codice Deont ologico dell I nf er mier e il pr incipio neminem nocer e è un impegno dell'agir e pr of essionale (ar t.2.6). Lo st esso principio è esplicit at o ult er ior ment e nel Pat t o I nf er mier e Cit t adino quando si legge: l'inf er mier e si impegna a gar ant ir e compet enza, abilit à e umanit à nell'esecuzione delle pr est azioni assist enziali e ancora a gar ant ire le miglior i condizioni igieniche e ambient ali. Pr evenir e la dif f usione delle I.O. r ispet t a il pr incipio del "NON ARRECARE DANNO" e l'aut onomia dell'oper are inf er mierist ico implica di valut ar e e decider e quali operazioni, compor t ament i e st r ument i sono più appr opriat i a salvaguar dia della salut e del pazient e. 19

20 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO La Car t a cost it uisce una specif icazione della Convenzione I nt er nazionale sui Dir it t i del Fanciullo del 1989 r at if icat a dal gover no it aliano nel 1991 ed, in par t icolar e, dell'ar t.24 t eso a gar ant ir e ad ogni bambino il più alt o livello possibile di salut e e l'accesso ai ser vizi sanit ar i. I quat t or dici ar t icoli enunciat i nella Car t a si pr opongono di pr omuover e il super ior e int er esse dei bambini r icover at i gar ant endo lor o i dir it t i di sopr avvivenza, sviluppo, pr ot ezione e par t ecipazione senza alcuna dist inzione o discr iminazione. Gli ospedali Bur lo Gar of olo, Bambin Gesù, Giannina Gaslini e Anna Meyer con il lor o per sonale si impegnano a r ispet t ar e i dir it t i enunciat i nella pr esent e car t a ed a gar ant ir li a t ut t i i bambini che f r uiscono delle pr est azioni sanit ar ie er ogat e. 20

21 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO $UW I l per sonale assicur a e pr omuove il r ispet t o delle esigenze af f et t ive, espr essive ed educat ive ed in par t icolar e la cont inuit à delle r elazioni f amiliar i. L'Ospedale of f r e la possibilit à di un cont at t o dir et t o e cont inuat ivo madr e-neonat a (r ooming-in) al f ine di f avor ir ne il r ecipr oco at t accament o. La f amiglia viene coinvolt a at t ivament e nel pr ocesso di cur a. Sar à gar ant it a la per manenza di un f amiliar e, o di un'alt r a f igur a di r if er iment o, anche nei ser vizi di cur e int ensive e nelle sit uazioni assist enziali in cui si pr evedono int er vent i invasivi, compat ibilment e con le esigenze cliniche. Un numer o maggior e di visit at or i al di f uor i degli or ar i def init i, è subor dinat o alle condizioni del bambino, alle car at t er ist iche del r epar t o/ ser vizio, e sopr at t ut t o al r ispet t o della pr ivacy di t ut t i i r icover at i. Viene f avor it o il collegament o con i ser vizi socio-educat ivi del t er r it or io e il coinvolgiment o con le associazioni di volont ar iat o r iconosciut e in conf or mit à alla nor mat iva vigent e, per gar ant ir e al bambino r elazioni signif icat ive, qualor a si dovesse t r ovar e in sit uazione di "abbandono" o di t empor anea dif f icolt à del nucleo f amigliar e. I l bambino può decider e di t ener e con sé i pr opr i giochi, il pr opr io vest iar io e qualsiasi alt r o ogget t o da lui desider at o pur ché quest i non r appr esent ino un per icolo od un ost acolo per il suo o l'alt r ui pr ogr amma di cur e. I n caso di r icover o pr olungat o, viene gar ant it a al bambino la cont inuit à del suo per cor so educat ivo - scolast ico. I l r icor so a mezzi limit ant i la liber t à di azione e di moviment o avviene nelle sit uazioni in cui si r avvisa un r ischio di compr omissione del pr ocesso diagnost ico-t er apeut ico, ovver o nelle sit uazioni in cui venga messa in per icolo l'incolumit à del bambino st esso o di alt r i. 21

22 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO &DWHQDGL,QIH]LRQH L insor genza di inf ezioni è il r isult at o dell int er azione f r a var i f at t or i che car at t er izzano l agent e inf et t ivo, la suscet t ibilit à dell ospit e e le modalit à di t r asmissione. Se si dovesse r omper e l'equilibr io f r a i f at t or i che car at t er izzano sia l'agent e che l'ospit e si ver if ica l'inf ezione ( endogena, per esempio in pazient i immunocompr omessi dove anche i micr or ganismi sapr of it i possano divent ar e vir ulent i, esogena in pazient i immunocompet ent i dove occor r e che l agent e venga t r asmesso all ospit e ). 22

23 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO E evident e che il sospet t o di det er minat e malat t ie inf et t ive induce immediat ament e ad azioni spesso codif icat e con specif ici prot ocolli come nel caso della meningit e, della per t osse o di malat t ie carat t er izzat e da un evident e quadr o esant emico. Talvolt a quest i compor t ament i possono esser e smisurat i rispet t o al reale rischio di cont agio come nel caso della meningit e, t r asmessa per dr oplet s, per ché sia il per sonale sanit ario sia i genit or i e visit at ori pr esent i sono inf luenzat i da inf or mazioni di t ipo mediat iche, prive di evidenza scient if ica, alt r e volt e segni clinici che f anno sospet t are una malat t ia inf et t iva vengono sot t ovalut at i per ché r it enut i meno impor t ant i e causano compor t ament i che t r ascur ano il rischio di dif f usione. Nell'assist enza dei pazient i in et à evolut iva è inolt r e più f acile che gli oper at ori abbassino i livelli di at t enzione nei compor t ament i assist enziali; è spont aneo spinger si olt r e la "dist accat a coccola", sot t ovalut ando la pr esenza di secr ezioni r espir at or ie, l incont inenza di f eci e/ o urine che cont r addist ingue il piccolo, e st abilir e un cont at t o f isico diret t o non solo con le mani dell'oper at or e ma anche con il viso e il camice, cr eando così occasioni quot idiane che f avor iscono la dif f usione di inf ezioni nosocomiali. 23

24 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO 3UHFDX]LRQL6WDQGDUG 0DODWWLHDWUDVPLVVLRQHDHUHD 3UHFDX]LRQLDJJLXQWLYHSHUSD]LHQWLDIIHWWLGDWXEHUFRORVLSROPRQDUH 0DODWWLHWUDVPHVVHDWWUDYHUVRGURSOHWJRFFLROLQH 0DODWWLHWUDVPLVVLELOLSHUFRQWDWWR 24

25 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO 3UHFDX]LRQL6WDQGDUG: Lavaggio delle mani Uso dei guant i Uso di mascher e, pr ot ezioni oculari o scher mi f acciali nelle pr ocedur e nelle quali si possono ver if icar e schizzi Pr ecauzioni nell ut ilizzo di aghi e t aglient i Uso di vest iario appr opriat o - scelt i in base alla quant it à di liquidi con i quali si può venire in cont at t o Pulizia disinf ezione dello st r ument ar io (decont aminazione, pulizia, isinf ezione/ st er ilizzazione) Cont r ollo ambient ale (pulizia/ disinf ezione di super f ici, suppellet t ili et c.) Tr at t ament o della biancher ia Sist emazione del pazient e Educazione sanit ar ia 25

26 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO 0DODWWLHDWUDVPLVVLRQHDHUHD I l degent e deve esser e collocat o in una camer a singola con ser vizi igienici che abbia i seguent i r equisit i: pr essione negat iva r ispet t o alle ar ee cir cost ant i da 6 a 12 r icambi di ar ia/ or a appr opr iat o def lusso di ar ia all est er no o f ilt r azione ad alt a ef f icienza dell ar ia pr ima della sua immissione in alt r e ar ee dell ospedale. Deve r imaner e in camer a e la por t a della st anza deve r imaner e chiusa. Se la camer a singola non è disponibile, più pazient i con la st essa pat ologia possono condivider e la st essa st anza. Le per sone a r ischio di inf ezioni non dovr ebber o ent r ar e nella st anza di un degent e con accer t at a o sospet t a var icella o mor billo, se sono disponibili alt r i oper at or i immuni. Se gli oper at or i non immuni devono ent r ar e nella st anza, devono indossar e una mascher ina chir ur gica; per le per sone immuni non sono necessar ie pr ot ezioni r espir at or ie. Limit ar e gli spost ament i del degent e dalla st anza ai soli scopi essenziali. Se lo spost ament o e il t r aspor t o sono indispensabili, è necessar io: inf or mar e il per sonale della st r ut t ur a pr esso la quale il degent e viene t r asf er it o e l'addet t o al t r aspor t o della diagnosi di malat t ia a t r asmissione aer ea f ar indossar e al degent e una mascher ina chir ur gica, al f ine di minimizzar e la disper sione ambient ale di micr or ganismi. 26

27 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO 3UHFDX]LRQLDJJLXQWLYHSHUSD]LHQWLDIIHWWLGDWXEHUFRORVLSROPRQDUH,QDJJLXQWDDOOH3UHFDX]LRQL6WDQGDUGHDTXHOOHSHUPDODWWLHWUDVPHVVHSHUYLDDHUHDXWLOL]]DUHOHVHJXHQWLSUHFDX]LRQLSHUL SD]LHQWLFRQWXEHUFRORVLSROPRQDUHDWWLYDDFFHUWDWDRVRVSHWWD &ROORFDUHLOSD]LHQWHSRVVLELOPHQWHLQXQDVWDQ]DGRWDWDGL]RQD ILOWUR 7XWWHOHSHUVRQHFKHHQWUDQRLQFRQWDWWRFRQLOGHJHQWHGHYRQRLQGRVVDUHLGRQHHSURWH]LRQLUHVSLUDWRULHLQGLYLGXDOLULVSRQGHQWL DOODQRUPDWLYDHXURSHD81,(1 IDFFLDOLILOWUDQWLGLFODVVH))3 SHUODFFHVVRDOODVWDQ]DGLGHJHQ]D IDFFLDOLILOWUDQWLGLFODVVH))3 SHUODVVLVWHQ]DDOGHJHQWHGXUDQWHSURFHGXUHFKHLQGXFRQRWRVVH RJHQHUDQRDHURVRO 3URFHGXUHFKHLQGXFRQRWRVVHRJHQHUDQRDHURVRO 7DOLSURFHGXUHHVDHURVROWHUDSLDEURQFRVFRSLDLQGX]LRQHGHOOHVSHWWRUDWRHFFQRQGRYUHEEHURHVVHUHHIIHWWXDWHDPHQR FKHFLzQRQVLDVWUHWWDPHQWHQHFHVVDULR,QTXHVWRFDVRGHYRQRHVVHUHULVSHWWDWHOHLQGLFD]LRQLGLVHJXLWRULSRUWDWH HIIHWWXDUH OH SURFHGXUH LQ ORFDOH LGRQHR FKH DEELD L VHJXHQWL UHTXLVLWL SUHVVLRQH QHJDWLYD ULVSHWWR DOOH DUHH FLUFRVWDQWL HOLPLQD]LRQH GHOODULD GLUHWWDPHQWH DOOHVWHUQR GHO IDEEULFDWR ORQWDQR GD ILQHVWUH R GD SUHVH GDULD R GRSR DGHJXDWD GHFRQWDPLQD]LRQHHXQQXPHURVXIILFLHQWHGLULFDPELGDULD,OSD]LHQWHQRQGHYHODVFLDUHLOORFDOHSULPDFKHDEELDVPHVVRGLWRVVLUH 6H q ULFKLHVWD OD SUHVHQ]D GHOORSHUDWRUH GXUDQWH OHVHFX]LRQH GHOOD SURFHGXUD HJOL GHYH LQGRVVDUH LGRQHD SURWH]LRQH UHVSLUDWRULDGLFODVVH))3 6H OD SURFHGXUD SXz HVVHUH HVHJXLWD VHQ]D OD SUHVHQ]D GHOORSHUDWRUH HJOL QRQ GHYH HQWUDUH QHO ORFDOH SULPD FKH VLD WUDVFRUVRXQWHPSRVXIILFLHQWHDOODULPR]LRQHGHOOHSDUWLFHOOHFRQWDPLQDQWL 3ULPD GHOOLQJUHVVR GL XQ DOWUR GHJHQWH QHO ORFDOH ODVFLDUH WUDVFRUUHUH XQ WHPSR VXIILFLHQWH SHU OD GHFRQWDPLQD]LRQH GHOODULD,Q FDVR GL SURFHGXUH PHGLFKH QRQ HVHJXLELOL LQ VWDQ]D IDUH LQGRVVDUH XQD PDVFKHULQD FKLUXUJLFD DO SD]LHQWH LQIRUPDUH JOL RSHUDWRULGHOODVWUXWWXUDGRYHGHYHHVVHUHWUDVSRUWDWRLOGHJHQWHHGHIIHWWXDUHLOWUDVSRUWRSUHVVRODVWUXWWXUDDFFHWWDQWH HYLWDQGRVHSRVVLELOHODFRQWHPSRUDQHDSUHVHQ]DGLDOWULGHJHQWLQHOODVWHVVDVDODG DWWHVD 27

28 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO 0DODWWLHWUDVPHVVHDWWUDYHUVRGURSOHWJRFFLROLQH Se non è disponibile una camera singola, più pazient i con la st essa pat ologia possono condivider e la st essa st anza. Se non è disponibile la camer a singola e non è possibile il r aggruppament o di pazient i con st essa pat ologia, è necessario mant ener e una separ azione spaziale di DOPHQRPHWUR t r a il degent e inf et t o e alt r i degent i o visit at or i. Non sono necessari speciali t r at t ament i dell'ar ia o par t icolari sist emi di vent ilazione. La por t a della st anza può r imanere DSHUWD I ndossar e una mascher ina chirur gica se si lavora a meno di un met r o di dist anza dal degent e. Limit ar e gli spost ament i del degent e dalla st anza ai soli scopi essenziali. Se lo spost ament o e il t r aspor t o sono indispensabili, è necessar io: inf or mar e il per sonale della st r ut t ura pr esso la quale il degent e viene t r asf er it o e l'addet t o al t r aspor t o della diagnosi di malat t ia t r asmissibile per dr oplet s f ar indossar e al degent e una mascher ina chirur gica, al f ine di minimizzar e la disper sione ambient ale di goccioline r espir at or ie. 28

29 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO 0DODWWLHWUDVPLVVLELOLSHUFRQWDWWR 6HQRQqGLVSRQLELOHXQDFDPHUDVLQJRODSLGHJHQWLFRQODVWHVVDSDWRORJLDSRVVRQRFRQGLYLGHUHODVWHVVDVWDQ]D 6H QRQ q GLVSRQLELOH OD FDPHUD VLQJROD H QRQ q SRVVLELOH LO UDJJUXSSDPHQWR GL GHJHQWL FRQ OD VWHVVD SDWRORJLD q QHFHVVDULR FRQVLGHUDUH OHSLGHPLRORJLDGHOPLFURUJDQLVPRHODSRSROD]LRQHGLSD]LHQWLSULPDGLSURFHGHUHDOODFROORFD]LRQHGHOGHJHQWH,QGRVVDUHXQSDLRGLJXDQWLWXWWHOHYROWHFKHVLHQWUDQHOODVWDQ]D,JXDQWLLPSLHJDWLQHOO DVVLVWHQ]DDOGHJHQWHGHYRQRHVVHUHVRVWLWXLWL VXELWRGRSRLOFRQWDWWRFRQPDWHULDOHFKHSXzFRQWHQHUHDOWHFRQFHQWUD]LRQLGLPLFURUJDQLVPLHVPDWHULDOHIHFDOHHGUHQDJJLGL IHULWH,JXDQWLGHYRQRHVVHUHULPRVVLSULPDGLODVFLDUHODVWDQ]DHVLHIIHWWXDWDLPPHGLDWDPHQWHLOODYDJJLRGHOOHPDQLFRQDQWLVHWWLFR3RUUHOD PDVVLPDDWWHQ]LRQHDIILQFKpOHPDQLSXOLWHQRQWRFFKLQRVXSHUILFLRDUWLFROLSRWHQ]LDOPHQWHFRQWDPLQDWLSUHVHQWLQHOODFDPHUDSHUHYLWDUH GLWUDVIHULUHLPLFURUJDQLVPLDGDOWULGHJHQWHRDOO DPELHQWH,QGRVVDUH XQ FDPLFH TXDQGR VL HQWUD QHOOD VWDQ]D VH VL SUHYHGH XQ LPSRUWDQWH FRQWDWWR GHJOL LQGXPHQWL FRQ LO GHJHQWH VWUXPHQWL R VXSHUILFLFRQWDPLQDWHRSSXUHTXDQGRLOGHJHQWHqLQFRQWLQHQWHR SUHVHQWDGLDUUHDLOHRVWRPLDFRORQVWRPLD RGUHQDJJLGLIHULWHQRQSURWHWWL GDXQDPHGLFD]LRQH5LPXRYHUHLOFDPLFHSULPDGLODVFLDUHODVWDQ]DHSRUUHODPDVVLPDDWWHQ]LRQHDIILQFKpODGLYLVDQRQYHQJDD FRQWDWWR FRQVXSHUILFLDPELHQWDOLSRWHQ]LDOPHQWHFRQWDPLQDWHSHUHYLWDUH GLWUDVIHULUHLPLFURUJDQLVPLDGDOWULGHJHQWHRDOODPELHQWH /LPLWDUHJOLVSRVWDPHQWLGHOGHJHQWHGDOODVWDQ]DDLVROLVFRSLHVVHQ]LDOL 6HORVSRVWDPHQWRHLOWUDVSRUWRVRQRLQGLVSHQVDELOLqQHFHVVDULR LQIRUPDUH LO SHUVRQDOH GHOOD VWUXWWXUD SUHVVR OD TXDOH LO GHJHQWH YLHQH WUDVIHULWR H ODGGHWWR DO WUDVSRUWR GHOOD GLDJQRVL GL PDODWWLD WUDVPLVVLELOHSHUFRQWDWWR DVVLFXUDUVL FKH YHQJDQR PDQWHQXWH OH SUHFDX]LRQL YROWH D SUHYHQLUH OD WUDVPLVVLRQH GL PLFURUJDQLVPL DG DOWUL GHJHQWL H OD FRQWDPLQD]LRQH GHOODPELHQWHHGHOOHDWWUH]]DWXUH 4XDQGR q SRVVLELOH DVVHJQDUH GLVSRVLWLYL H DUWLFROL QRQ FULWLFL HV VILJPRPDQRPHWUR IRQHQGRVFRSLR WHUPRPHWUR HFF DG XQ VLQJROR GHJHQWH 4XDORUD WDOH VLWXD]LRQH QRQ SRVVD UHDOL]]DUVL q QHFHVVDULR WUDWWDUH DGHJXDWDPHQWH LO PDWHULDOH SULPD GHOO XVR VX XQ DOWUR GHJHQWH $OOH PDQRYUH GD DGRWWDUH LQ WXWWH H WUH OH PRGDOLWj GL WUDVPLVVLRQH RFFRUUH HIIHWWXDUH XQD FRUUHWWD HGXFD]LRQH VDQLWDULD ULYROWD VLD DO EDPELQRHLOJHQLWRUHSUHVHQWHVLDDLYDULYLVLWDWRUL,VWUXLUH LO EDPELQR H LO JHQLWRUH FKH OR DVVLVWH VXOOH QRUPH LJLHQLFKH GD RVVHUYDUH SHU SUHYHQLUH OD GLIIXVLRQH GL PLFURUJDQLVPL DG DOWUL GHJHQWL R DOODPELHQWH HV FRSULUVL QDVR H ERFFD FRQ VDOYLHWWH PRQRXVR GXUDQWH JOL DFFHVVL GL WRVVH HOLPLQDUH OH VHFUH]LRQL UHVSLUDWRULH WUDPLWHSWLDORIRUD PRQRXVR 5HJRODPHQWDUHO DFFHVVRGHLYLVLWDWRULHLQIRUPDUOLVXOOHQRUPHLJLHQLFKHGDRVVHUYDUHGXUDQWHODYLVLWDDOGHJHQWHHVODYDJJLRPDQLXVR GHOODPDVFKHULQDHQHOODJHVWLRQHGHLVXRLHIIHWWLSHUVRQDOLHVWUDVSRUWRHODYDJJLRDGRPLFLOLRGHOODELDQFKHULDSHUVRQDOH 29

30 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO E dimost r at o che le TI N per le car at t er ist iche dei lor o ut ent i e la t ipologia di cur e er ogat e sono r epar t i ad alt o r ischio di complicanze dovut e a cause inf et t ive. I l r ischio è det er minat o da f at t or i e condizioni int r inseche al neonat o, quali possono esser e il peso, l et à gest ionale, l immat ur it à del suo sist ema immunit ar io e di diver si or gani come la pelle, i polmoni o il t r at t o int est inale, la pat ologia di base, malf or mazioni, ecc., nonché da condizioni est r inseche legat e alla complessit à delle pr ocedur e diagnost ico-t er apeut iche a cui il neonat o è sot t opost o dur ant e una degenza necessar iament e di maggior e dur at a (gli oper at or i sanit ar i, le at t r ezzat ur e ut ilizzat e e le pr ocedur e da lor o adot t at e, gli spazi, ecc.). Punt ualizzat a la cr it icit à assist enziale nel pr evenir e le inf ezioni nelle TI N, dobbiamo allar gar e la nost r a at t enzione al pazient e pediat r ico in gener ale ed est ender e le pr ecauzioni dovut e a t ut t a la popolazione inf ant ile pr esent e in ospedale per t ener e sot t o cont r ollo, per esempio, inf ezioni r espir at or ie e gast r oint est inali che di f r equent e si dif f ondono nei r epar t i di lat t ant i e divezzi; cosa dir e poi delle malat t ie t ipicament e inf ant ili e alt ament e cont agiose come mor billo, par ot it e, var icella di cui può esser e af f et t o sia il piccolo ut ent e in at t esa di diagnosi al Pr ont o Soccor so che il bambino r icover at o in r epar t i specif ici, se non vengono scr upolosament e osser vat e le pr ecauzioni st andar d e aggiunt ive. I l r ender e l ospedale pediat r ico sempr e più a misur a di bambino r ichiede da una par t e ludot eche, spazi di at t esa con ar r edi par t icolar i e r icchi di giochi, PC e audiot eche, int r at t eniment i con clown e musicist i, "animali in cor sia" (pet t her apy), ecc. e dall'alt r a un'at t enzione cost ant e nell'applicazione delle pr ecauzioni da par t e di oper at or i sanit ar i e non e la r ealizzazione di azioni di sor veglianza mir at e. 30

31 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO Dopo aver escluso una cont aminazione delle st r ut t ur e edilizie e degli impiant i all int er no delle st anze a bassa car ica micr obica è st at a ef f et t uat a una campionat ur a con piast r e cont act su t ut t i gli ar r edi nei quali vengono alloggiat i ogget t i per sonali (p.e. giocat t oli, indument i, pr odot t i per l igiene per sonale, aliment i, ecc.) sanit ar i (car r ello medicazioni all int er no della st anza), economali (p.e. car t a igienica, salviet t e monouso, ecc.), biancher ia piana e casacca/ pant aloni per i genit or i, conf ezioni di aliment ar i dist r ibuit i (p.e. t et r abr ik dell acqua miner ale, ecc.) e della r ubinet t er ia con par t icolar e at t enzione al dif f usor e della doccia (sospet t o di colonizzazione del micr of ilm all int er no delle t ubat ur e). Tut t e le colt ur e er ano posit ive per asper gillus f umigat us con esclusione di quelle r elat ive alla r ubinet t er ia e dif f usor e doccia. 31

32 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO A conclusione dell indagine epidemiologica si può const at ar e che l isolament o sul pazient e con neur oblast oma non è da imput ar e a una cont aminazione per inquinament o st r ut t ur ale bensì all impor t azione del micet e at t r aver so il r if or niment o di pr esidi medico-chir urgici, economali e della biancher ia piana, at t r aver so indument i e ogget t i per sonali dell ut ent e e at t r aver so le conf ezioni degli aliment i (acqua miner ale inclusa) int r odot t i nella st anza a bassa carica micr obica. Dur ant e i vari sopr alluoghi, ef f et t uat i dal G.O., sono st at e suggerit e modif iche pr ocedur ali ed or ganizzat ive come misur e di cont r ollo specif iche f inalizzat e ad evit ar e la cr osscont aminat ion delle super f ici ed degli ogget t i nelle st anze a bassa carica micr obica, invit ando i r esponsabili dell U.O. a pr odur r e le seguent i pr ocedur e/ ist r uzioni oper at ive: ¾ ¾ ¾ ¾ ¾ Lavaggio delle mani Nor me e modalit à di accesso alle st anze a bassa car ica micr obica St occaggio e t rat t ament o decont aminant e di t ut t o il mat eriale in ent r at a alla st anza a bc.m. (mat er iale medico-chir ur gico ed economale, biancheria piana, indument i, ogget t i per sonali, aliment i, st oviglie, ecc) Regolament o compor t ament ale a cui gli ut ent i si devono at t ener e per limit ar e la cont aminazione della st anza a b.c.m. Sanif icazione gior nalier a e per iodica e Sanit izzazione t er minale delle st anze a b.c.m. 32

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 352*(77$=,21(','$77,&$ 3UHVHQWD]LRQH: Consolidiamo la conoscenza dei numeri naturali, decimali e interi relativi, dei procedimenti

Dettagli

compr ese quelle r elat ive al f unzionament o del sist ema bibliot ecar io;

compr ese quelle r elat ive al f unzionament o del sist ema bibliot ecar io; &2081(',0('( 3URYLQFLDGL3DYLD 5(*2/$0(172 %,%/,27(&$&2081$/( $UW²&RPSLWLHVHUYL]LGHOOD%LEOLRWHFD La Bibliot eca di Mede è un ist it uzione cult ur ale che, ispir andosi ai pr incipi det t at i dal Manif

Dettagli

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD &2081(',&$625$7(6(03,21( 3URYLQFLDGL9DUHVH $UW5(*2/$0(172(',/,=,2±,QWHUYHQWLGLULVWUXWWXUD]LRQHHGLOL]LD La domanda di Permesso di Costruire dev essere corredata dai seguenti documenti in duplice copia:

Dettagli

Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord. Castiglione delle Stiviere, 22 e 23 m aggio 2004

Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord. Castiglione delle Stiviere, 22 e 23 m aggio 2004 Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord 5LOHYD]LRQHHFRQIURQWRVXOOHSUDVVLGHJOL8IILFLJLXGL]LDULLQUHOD]LRQH DGDOFXQLQRGLFULWLFLGHOGLULWWRHGHOODSURFHGXUDFLYLOHPLQRULOH Castiglione delle Stiviere,

Dettagli

IL METODO PERT ( PROGRAM EVALUATION AND REVIEW TECHNIQUE)

IL METODO PERT ( PROGRAM EVALUATION AND REVIEW TECHNIQUE) IL METODO PERT ( PROGRAM EVALUATION AND REVIEW TECHNIQUE) I l met odo PERT (PROGRAM EVALUATI ON AND REVI EW TECHNI QUE) ed alt r e t ecniche come il CPM hanno por t at o all analisi e alla soluzione di

Dettagli

*(67,21( ( 60$/7,0(172 '(, 5,),87, 63(&,$/,

*(67,21( ( 60$/7,0(172 '(, 5,),87, 63(&,$/, *(67,21( ( 60$/7,0(172 '(, 5,),87, 63(&,$/, 35(662/$)$&2/7$ ',0(',&,1$9(7(5,1$5,$ I l pr esent e document o def inisce le pr ocedur e per la gest ione, lo st occaggio e lo smalt iment o dei r if iut i

Dettagli

67$7872 3URYLQFLDGL0LODQR. (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11.

67$7872 3URYLQFLDGL0LODQR. (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11. 67$7872 '(/&2081(', &86$120,/$1,12 3URYLQFLDGL0LODQR (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11.1999 Modif icat o con deliber azioni di

Dettagli

23325781,7$ (69,/8332'(/7(55,725,2 *OLDFTXLVWLYHUGLGHO&2081(',)(55$5$ GDOODWHRULDDOODSUDWLFD

23325781,7$ (69,/8332'(/7(55,725,2 *OLDFTXLVWLYHUGLGHO&2081(',)(55$5$ GDOODWHRULDDOODSUDWLFD C O M U N E *5((138%/,&352&85(0(17² $&48,67,9(5', 23325781,7$ (69,/8332'(/7(55,725,2 *OLDFTXLVWLYHUGLGHO&2081(',)(55$5$ GDOODWHRULDDOODSUDWLFD Saler no 15 giugno 2007 VALERI A NARDO VALERIA NARDO 1 C O

Dettagli

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD 68//(3,67('(,%5,*$17, /,7,1(5$5,2ƒSHUFRUVR L it iner ar io descr it t o è uno dei t ant i possibili che at t r aver sano il 0RQWH 9XOWXUH, e r isult a par t icolar ment e int er essant e per ché consent

Dettagli

B.L.S.D. La Vener abile Ar ciconf r at er nit a. di Miser icor dia di SARTEANO

B.L.S.D. La Vener abile Ar ciconf r at er nit a. di Miser icor dia di SARTEANO La Vener abile Ar ciconf r at er nit a di Miser icor dia di SARTEANO a cur a del Coor dinament o delle Cent r ali Oper at ive della Regione Toscana pr opone il manuale di: B.L.S.D. 0$18$/(',683325729,7$/(',%$6(('()5,%5,//$=,21(35(&2&(%/6'

Dettagli

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE Sportello Unico Immigraione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE 38172&(175$/('(//$/(**(%266,),1,( &+(1(66812 675$1,(5262**,251,,1,7$/,$6(1=$815(*2/$5( &2175$772',/$9252('81$//2**,2$'(*8$72 '/JV1

Dettagli

Come si vede dalla figura precedente i campi da inserire sono i seguenti:

Come si vede dalla figura precedente i campi da inserire sono i seguenti: REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO BILANCIO E FINANZE Dipartimento Finanze e Credito Servizio Informatica Servizio Agevolazioni nelle Operazioni creditizie di garanzia Manuale per la compilazione

Dettagli

I nt r oduzione alle r et i di calcolat or i

I nt r oduzione alle r et i di calcolat or i I nt r oduzione alle r et i di calcolat or i Maur izio Masset i, Gianluca Vannuccini Cor so di Labor at or io di Telemat ica AA. 2003-2004 Copyright Università degli Studi di Firenze - Disponibile per

Dettagli

La dif f er enza dipende dal f at t o che nella classif icazione it aliana sono consider at i come gr uppi a sé st ant i i legumi e i gr assi da

La dif f er enza dipende dal f at t o che nella classif icazione it aliana sono consider at i come gr uppi a sé st ant i i legumi e i gr assi da *OLDOLPHQWL Per aliment o si int ende ogni sost anza che cont enga nut r ient i ut ilizzabili per il nost r o or ganismo. Gli aliment i possono esser e classif icat i in base a var i cr it er i: a seconda

Dettagli

Corriere tributario. Le Or igini. Come possono appar ir e i "Candlest icks"

Corriere tributario. Le Or igini. Come possono appar ir e i Candlest icks 1/8 Vi pr esent iamo un br eve lavor o int r odut t ivo alla conoscenza della t ecnica dei char t s con le candele giapponesi ed una veloce car r ellat a di f igur e e f or mazioni più comuni e signif

Dettagli

ASSUNZIONI AGEVOLATE

ASSUNZIONI AGEVOLATE ASSUNZIONI AGEVOLATE APPRENDISTATO L appr endist at o è un r appor t o di lavor o subor dinat o in f or za del quale l impr endit or e è obbligat o ad impar t ir e o f ar e impar t ir e all appr endist

Dettagli

I nit ial Public Of f ering")

I nit ial Public Of f ering) L' I PO (dall' inglese "I" I nit ial Public Of f ering") è l' of f ert a pubblica iniziale di sot t oscrizione e/ o di vendit a (OPS, OPV o OPVS) di t it oli di una societ à che per la prima volt a viene

Dettagli

P.B.L.S. La Vener abile Ar ciconf r at er nit a. di Miser icor dia di SARTEANO

P.B.L.S. La Vener abile Ar ciconf r at er nit a. di Miser icor dia di SARTEANO La Vener abile Ar ciconf r at er nit a di Miser icor dia di SARTEANO a cur a del Coor dinament o delle Cent r ali Oper at ive della Regione Toscana pr opone il manuale di: P.B.L.S. 1 3%/6 Pediat r ic Basic

Dettagli

&DUSL 95 100 127 117 155 175 190 190 168 0LUDQGROD 81 90 109 129 129 144 139 122 113 0RGHQD 375 491 537 472 546 524 520 537 546

&DUSL 95 100 127 117 155 175 190 190 168 0LUDQGROD 81 90 109 129 129 144 139 122 113 0RGHQD 375 491 537 472 546 524 520 537 546 / 87(1=$'(,6(57$=,(1'$/,1(/ 35(0(66$0(72'2/2*,&$*(1(5$/( All int er no della sede delle Relazioni di Ser vizio annuali dei Ser T modenesi, l Osser vat or io pr esent a una br eve e snella analisi dell

Dettagli

N D ottorato di R icerca in C ons erv az ione dei B eni A rch itettonici Chiesa di S. M ar ia dell A m m ir ag lio L a c h i e s a, e d i f i c a t a

N D ottorato di R icerca in C ons erv az ione dei B eni A rch itettonici Chiesa di S. M ar ia dell A m m ir ag lio L a c h i e s a, e d i f i c a t a U Giornate di Studio in Sicilia ~ 14 e 15 aprile 2005 Chiesa di San Cataldo La chiesa dopo la demolizione dell ufficio post ale e pr ima dell inizio dei r e- st aur i. La r ipr esa fot og r afica è del1

Dettagli

EVOLUZIONE DEI MECCANISMI PER LA SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATICI. Corso di: Storia dell informatica e del calcolo automatico.

EVOLUZIONE DEI MECCANISMI PER LA SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATICI. Corso di: Storia dell informatica e del calcolo automatico. SICSI VIII CICLO EVOLUZIONE DEI MECCANISMI PER LA SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATICI Corso di: Storia dell informatica e del calcolo automatico Esposito Vincenzo 1 Sommario Introduzione Hacker Sistemi multiutente

Dettagli

Tratto da SaluteInternazionale.info

Tratto da SaluteInternazionale.info Tratto da SaluteInternazionale.info La salute globale. Determinanti sociali e disuguaglianze 2014-10- 17 12:10:30 Redaz ione SI PUBBLICATO SU: www.sossanita.it Sant omauro Gavino Maciocco e Francesca Il

Dettagli

Tratto da SaluteInternazionale.info

Tratto da SaluteInternazionale.info Tratto da SaluteInternazionale.info La via cooperativa alla privatizzazione della sanità. Il caso di Modena 2015-03- 04 14:03:47 Redaz ione SI Gianluigi T rianni La convenzione tra Ausl di Modena e Coop

Dettagli

Matematica classe quinta. Incontro del 15 ottobre 2010. Annarita Monaco. annarita.monaco@tin.it

Matematica classe quinta. Incontro del 15 ottobre 2010. Annarita Monaco. annarita.monaco@tin.it 1 Matematica classe quinta Incontro del 15 ottobre 2010 Annarita Monaco annarita.monaco@tin.it,qglfh,qwurgx]lrqh/dfodvvhtxlqwd«txdolfdudwwhulvwlfkh3ulpdsduwh,vlvwhplglqxphud]lrqh/hsursulhwjghoohrshud]lrql

Dettagli

ark progetti + PROGETTO ESECUTIVO NUOVA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DEI COMUNI DI PADERNO D. G. E DI CRESPANO D. G.

ark progetti + PROGETTO ESECUTIVO NUOVA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DEI COMUNI DI PADERNO D. G. E DI CRESPANO D. G. ark progetti + mandatario a r c h i t e t t o c u n i a l g i a m p r i m o mandante a r c h i t e t t o f a b b i a n g i a m p a o l o mandante a r c h i t e t t o p a n d o l f o a n d r e a mandante

Dettagli

TRAVEL SPORTS San Jaime C/ ROMA PI ERA I ARCAL, 8 BAI XOS 08330 PREMI A DE MAR BARCELONA - SPAGNA www. travelsports. net inf o@t ravelsports.

TRAVEL SPORTS San Jaime C/ ROMA PI ERA I ARCAL, 8 BAI XOS 08330 PREMI A DE MAR BARCELONA - SPAGNA www. travelsports. net inf o@t ravelsports. TRAVEL SPORTS San Jaime C/ ROMA PI ERA I ARCAL, 8 BAI XOS 08330 PREMI A DE MAR BARCELONA - SPAGNA www. travelsports. net inf o@t ravelsports. net TEL. + 34 93 750 67 68 FAX. + 34 93 750 67 69 TROFEO SAN

Dettagli

Fondo Sociale Europeo Obiet t ivo 3 2000-2006 - Program m a Operat ivo Regionale POR - Regione Emilia-Romagna.

Fondo Sociale Europeo Obiet t ivo 3 2000-2006 - Program m a Operat ivo Regionale POR - Regione Emilia-Romagna. POR Obiettivo 3 FSE - periodo 2000-2006 Regione Em ilia- Rom agna 2**(772 Fondo Sociale Europeo Obiet t ivo 3 2000-2006 - Program m a Operat ivo Regionale POR - Regione Emilia-Romagna. &217(672(8523(2

Dettagli

Le istanze sono predisposte e presentate da singola im presa o da un VRJJHWWR

Le istanze sono predisposte e presentate da singola im presa o da un VRJJHWWR Legge 388/ 00 art.103 I ncentivi a favore del Commercio Elettronico 2**(772 Norme per lo sviluppo di attività di commercio elettronico %(1(),&,$5, Possono accedere alle agevolazioni i seguent i VRJJHWWL:

Dettagli

SETTIMA LEGISLATURA ',6326,=,21,68//(7(5$3,(&203/(0(17$5,7(5$3,$'(/6255,62( 3(77+(5$3<

SETTIMA LEGISLATURA ',6326,=,21,68//(7(5$3,(&203/(0(17$5,7(5$3,$'(/6255,62( 3(77+(5$3< &216,*/,25(*,21$/('(/9(1(72 SETTIMA LEGISLATURA 7(67281,),&$72'(,352*(77,',/(**(11± ',6326,=,21,68//(7(5$3,(&203/(0(17$5,7(5$3,$'(/6255,62( 3(77+(5$3< 7(672/,&(1=,$72'$//$9 &200,66,21(1(//$6('87$'(// 8/11/2004

Dettagli

7,72/2,,, $6/GHOOD3URYLQFLDGL0LODQRQ 7HVWR$JJLRUQDWRGDOO 8IILFLR7HFQLFR&RPXQDOH 'LFHPEUH

7,72/2,,, $6/GHOOD3URYLQFLDGL0LODQRQ 7HVWR$JJLRUQDWRGDOO 8IILFLR7HFQLFR&RPXQDOH 'LFHPEUH . &2081(',$66$*2 7,72/2,,, 5(*2/$0(172/2&$/( ',,*,(1( $6/GHOOD3URYLQFLDGL0LODQRQ 7HVWR$JJLRUQDWRGDOO 8IILFLR7HFQLFR&RPXQDOH 'LFHPEUH &DSLWROR1250(*(1(5$/,(352&('85$/, 3.0.0 Campo di applicazione delle

Dettagli

PERCORSO DI DATTI CO

PERCORSO DI DATTI CO Università degli studi di Ferrara PERCORSO DI DATTI CO L equilibr io dei cor pi, st at ica e idr ost at ica. Elementi di dinamica dei fluidi. 20 febbraio2008 SSIS - VIII ciclo, II anno Classe A049 - Matematica

Dettagli

Ogget t o: Ri f i ut i : modi f i che al decr et o Ronchi ( l egge 9 di cembr e 1998 n. 426).

Ogget t o: Ri f i ut i : modi f i che al decr et o Ronchi ( l egge 9 di cembr e 1998 n. 426). ALLE AZI ENDE I NDUSTRI ALI ASSOCI ATE L ORO SEDI AREA AMBI ENTE E SI CUREZZA L Aqui l a, 23 f ebbr ai o 1999 Ci r c. n. 26/ 1999 Pr ot. n. 137 Ogget t o: Ri f i ut i : modi f i che al decr et o Ronchi

Dettagli

Lezione 14: Il Sistema Operativo : Principi Generali 1P Venerdì 6 Novembre 2009

Lezione 14: Il Sistema Operativo : Principi Generali 1P Venerdì 6 Novembre 2009 Università di Salerno Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA Corso di Laurea Ingegneria Meccanica & Ingegneria Gestionale Mat. Pari Docente : Ing. Secondulfo Giovanni Anno Accademico 2009-2010 Lezione 14:

Dettagli

VALUTAZIONE DI UN METODO PER LA VALUTAZIONE EFFICACIA DEGLI INTERVENTI NELLA PRATICA. Dott Fiorino Mirabella Reparto Salute Mentale

VALUTAZIONE DI UN METODO PER LA VALUTAZIONE EFFICACIA DEGLI INTERVENTI NELLA PRATICA. Dott Fiorino Mirabella Reparto Salute Mentale VALUTAZIONE DI UN METODO PER LA VALUTAZIONE EFFICACIA DEGLI INTERVENTI NELLA PRATICA Dott Fiorino Mirabella Reparto Salute Mentale Istituto Superiore di Sanità 1 Come valutare l esito l di un intervento?

Dettagli

Conto Corrente. Offert a POS-sibile SFERA IMPRESA

Conto Corrente. Offert a POS-sibile SFERA IMPRESA Conto Corrente Offert a riservat a ai nuovi client i impresa, con fat t urat o annuo non superiore a 2.500.000, che richiedono cont est ualment e anche l at t ivazione del servizio POS. SEMPREPIU IMPRESA

Dettagli

CORREGGIAMO I LIBRI DI SCUOLA

CORREGGIAMO I LIBRI DI SCUOLA CORREGGIAMO I LIBRI DI SCUOLA I LIBRI DI TESTO SCOLASTICI SONO IL PRINCIPALE MEZZO DI DIFFUSIONE DELLA RETORICA RISORGIMENTALE Il Libro Cuore è stato per anni il sussidiario storico per eccellenza della

Dettagli

Gli istitut i superiori A cur a del gruppo di lavoro dell I s tituto T ecnico S tatale per Geometri N. Tartaglia di Brescia

Gli istitut i superiori A cur a del gruppo di lavoro dell I s tituto T ecnico S tatale per Geometri N. Tartaglia di Brescia Gli istitut i superiori A cur a del gruppo di lavoro dell I s tituto T ecnico S tatale per Geometri N. Tartaglia di Brescia I l segmento degli istituti superiori deve neces s ar iamente tener conto delle

Dettagli

Found what you searched for? LA STORI A DI

Found what you searched for? LA STORI A DI Found what you searched for? LA STORI A DI Maria Verde Google è un mot or e di r icer ca per I nt er net che non si limit a a cat alogar e il Wor ld Wide Web (WWW), ma si occupa anche di immagini, newsgr

Dettagli

Tratto da SaluteInternazionale.info

Tratto da SaluteInternazionale.info Tratto da SaluteInternazionale.info America latina. Le sfide dei sistemi sanitari 2015-11- 02 10:11:22 Redaz ione SI Giuseppe Aprile, Piet ro Bonaccorsi, Nicole Campese, Anna Marinaro, Paolo Sant ini e

Dettagli

Tratto da SaluteInternazionale.info

Tratto da SaluteInternazionale.info Tratto da SaluteInternazionale.info La salute al centro dell agenda post 2015 2014-09- 08 10:09:40 Redaz ione SI www.sossanita.it Osservat orio It aliano sulla Salut e Globale La comunità internazionale

Dettagli

1HZVOHWWHU6,7$' QXP 6HWWHPEUH 6RPPDULR 3UHVHQWD]LRQH. $WWLYLWjSURJHWWLGDWLVHUYL]LHLQL]LDWLYH pag. 3. 6,7$' pag. 4. 6WUDGDULR8QLFR pag.

1HZVOHWWHU6,7$' QXP 6HWWHPEUH 6RPPDULR 3UHVHQWD]LRQH. $WWLYLWjSURJHWWLGDWLVHUYL]LHLQL]LDWLYH pag. 3. 6,7$' pag. 4. 6WUDGDULR8QLFR pag. 1HZVOHWWHU6,7$' 6HWWHPEUH QXP 6RPPDULR 3UHVHQWD]LRQH Cosa è una newsletter pag. 2 Cosa è un groupware pag. 2 $WWLYLWjSURJHWWLGDWLVHUYL]LHLQL]LDWLYH pag. 3 6,7$' pag. 4 6WUDGDULR8QLFR pag. 6 $SSHQGLFH pag.

Dettagli

Concessioni gas e regolazione tecnicoeconomica

Concessioni gas e regolazione tecnicoeconomica Gare gas A marzo 2014 si parte siamo pronti? Concessioni gas e regolazione tecnicoeconomica delle infrastrutture Cesena, 10 febbraio 2014 Marco Delpero Vice Direttore Direzione Infrastrutture Unbundling

Dettagli

ar t Uso dell acqua

ar t Uso dell acqua 1 &2081(',7$,12 3URYLQFLDGL9DUHVH 5(*2/$0(1723(5/$)251,785$'(// $&48$,1',&( &$32,ƒ1250($00,1,675$7,9(',&$5$77(5(*(1(5$/( ar t. 1 - Uso dell acqua ar t. 2 - Ret e di dist r ibuzione ar t. 3 - Dir amazione

Dettagli

Par t e Second a. La d omand a di d r oghe nel t er r i t or i o pr ovi nci al e e a M odena d al 19 7 5 al 19 9 7.

Par t e Second a. La d omand a di d r oghe nel t er r i t or i o pr ovi nci al e e a M odena d al 19 7 5 al 19 9 7. Par t e Second a. La d omand a di d r oghe nel t er r i t or i o pr ovi nci al e e a M odena d al 19 7 5 al 19 9 7. I ndi ce: 1. Pr emesse met odol ogi che - Def i ni zi oni e concet t i - Un quad r o

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO LL.PP.

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO LL.PP. PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE OGGETTO: dgr 193/2013 "Approvaz ione programma "Energia ef f i c i e n t e - piano per promuovere e sos t enere l ' e f f i c i e n z a energe t i c a del l

Dettagli

Vincenzo Balzani. Ravenna, 25 set t embr e 2009

Vincenzo Balzani. Ravenna, 25 set t embr e 2009 Vincenzo Balzani Dipar t iment o di Chimica Giacomo Ciamician Facolt à di Scienze, Univer sit à di Bologna vincenzo.balzani@unibo.it Ravenna, 25 set t embr e 2009 Fot o scat t at a dalla sonda Cassini-

Dettagli

Convenzione INPS-SIAE - Legge 23 dicembre 2000, n.388, art.79, comma 2, per lo scambio dei dati e per l attività di lotta al sommerso.

Convenzione INPS-SIAE - Legge 23 dicembre 2000, n.388, art.79, comma 2, per lo scambio dei dati e per l attività di lotta al sommerso. Cir colar e 11-6 -2 0 0 2 n.109 - Convenz ione I NP S - S I AE P r eambolo, Convenzione, P r eambolo Dir ezione Centr ale Vigilanza s ulle Entr ate ed Economia S ommer s a R oma, 11 Giugno 2002 OGGETTO:

Dettagli

SETTIMA LEGISLATURA. PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa dei Consiglieri Braghetto e Scaravelli

SETTIMA LEGISLATURA. PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa dei Consiglieri Braghetto e Scaravelli &216,*/,25(*,21$/('(/9(1(72 SETTIMA LEGISLATURA 352*(772',/(**(1 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa dei Consiglieri Braghetto e Scaravelli 1250( 5(*,21$/,,1 0$7(5,$ ', ³3(7 7+(5$3< 2 7(5$3,$ $66,67,7$'$*/,$1,0$/,

Dettagli

3URFXUHPHQW7UDLQLQJ3URJUDP $QDOLVL(FRQRPLFDGHL0HUFDWL $UHDHFRQRPLFD

3URFXUHPHQW7UDLQLQJ3URJUDP $QDOLVL(FRQRPLFDGHL0HUFDWL $UHDHFRQRPLFD 3URFXUHPHQW7UDLQLQJ3URJUDP $QDOLVL(FRQRPLFDGHL0HUFDWL $UHDHFRQRPLFD 3HUFKp IRUPDUVLVXO3URFXUHPHQW", VLVWHPL GL 3URFXUHPHQW VWDQQR VXEHQGR SURIRQGH PRGLILFD]LRQL QHOOD 3XEEOLFD $PPLQLVWUD]LRQH DOOD OXFH

Dettagli

Tratto da SaluteInternazionale.info

Tratto da SaluteInternazionale.info Tratto da SaluteInternazionale.info La direttiva europea sul lavoro medico. Lavorare meglio! Lavorare tutti! 2015-11- 04 12:11:24 Redaz ione SI Marco Geddes da Filicaia La norma diverrà operat iva il prossimo

Dettagli

Tratto da SaluteInternazionale.info

Tratto da SaluteInternazionale.info Tratto da SaluteInternazionale.info La tosse pechinese. L inquinamento atmosferico in Cina 2014-10- 01 09:10:55 Redaz ione SI pubblicato su: www.sossanita.it Ersilia Sinisgalli Si st ima che nel 2010 le

Dettagli

Sviluppo Lazio S.p.A.

Sviluppo Lazio S.p.A. Sviluppo Lazio S.p.A. Bilancio al 31 dicembre 2012 1 BILANCIO CIVILISTICO AL 31.12.2012 2 PARTECIPANTI AL CAPITALE REGIONE LAZIO C.C.I.A.A. DI ROMA 3 ORGANI SOCIALI Consiglio di Amministrazione PRESIDENTE

Dettagli

Tratto da SaluteInternazionale.info

Tratto da SaluteInternazionale.info Tratto da SaluteInternazionale.info Capovolgere la facoltà di medicina? L eredità di Giulio A. Maccacaro 2014-04- 22 10:04:01 Redaz ione SI Angelo Stefanini L insegnament o medico rimane in gran part e

Dettagli

Tratto da SaluteInternazionale.info

Tratto da SaluteInternazionale.info Tratto da SaluteInternazionale.info Accesso alla cura per l epatite C 2014-07- 23 08:07:40 Redaz ione SI Enrico T agliaf erri Nel mondo le persone infette dal virus dell epatite C sono 185 milioni e i

Dettagli

La comunicazione green per le aziende vitivinicole

La comunicazione green per le aziende vitivinicole La comunicazione green per le aziende vitivinicole Skywine 13 ottobre 2013 Ala (Tn) Dot t oressa Ada Rosa Balzan Produt t ori di vino nel mondo Compet it ivit à del set t ore Vendemmia 2012-8% calo nazionale

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO PERCORSO DIDATTICO: Specializzanda Giovanna Bellino Supervisori di tirocinio Prof. Fabiano Minni Prof. Davide

Dettagli

Il Gruppo Idrodepurazione di Seregno porta in campo professionisti e stampa specializzata...

Il Gruppo Idrodepurazione di Seregno porta in campo professionisti e stampa specializzata... Il Gruppo Idrodepurazione di Seregno porta in campo professionisti e stampa specializzata... Il Gruppo Idrodepurazione di Seregno porta in campo professionisti e stampa specializzata in occasione della

Dettagli

CORSO ABILITANTE A042 SELLITTO GUGLIELMO 1

CORSO ABILITANTE A042 SELLITTO GUGLIELMO 1 SELLITTO GUGLIELMO 1 L' origine del t ermine L' espr essione "I nt elligenza Ar t if iciale" (Artificial I nt elligence) f u coniat a nel 1956 dal mat emat ico amer icano John McCarthy, dur ant e uno st

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L AMMISSIONE Al PERCORSI FORMATIVI PER OPERATORE SOCIO SANITARIO (DGRV n. 504 del 02/03/2010 e DDR n. 426 del 11/05/2010)

AVVISO PUBBLICO PER L AMMISSIONE Al PERCORSI FORMATIVI PER OPERATORE SOCIO SANITARIO (DGRV n. 504 del 02/03/2010 e DDR n. 426 del 11/05/2010) ALLEGATO 1 Regione del Veneto AZIENDA ULSS 16 DI PADOVA In esecuzione della Deliberazione del Direttore Generale n. del è indetto AVVISO PUBBLICO PER L AMMISSIONE Al PERCORSI FORMATIVI PER OPERATORE SOCIO

Dettagli

Art. 24. Gare informatiche e supporto ai programmi informatici delle pubbliche amministrazioni.

Art. 24. Gare informatiche e supporto ai programmi informatici delle pubbliche amministrazioni. /Q Disposizioni per la delegificazione di norme e per la semplificazione di procedimenti amministrativi - Legge di semplificazione 1999. Pubblicata nella Gazz. Uff. 24 novembre 2000, n. 275. Art. 24. Gare

Dettagli

Il sistema di gestione e controllo nel Programma transfrontaliero I PA Adr iat ic CBC

Il sistema di gestione e controllo nel Programma transfrontaliero I PA Adr iat ic CBC Il sistema di gestione e controllo nel Programma transfrontaliero I PA Adr iat ic CBC Lo st rument o f inanziario I PA IPA: I nst rument f or Pre- Accession Assist ance IPA 2007-2013 è diret t o a support

Dettagli

Cava di Ghiaia. Sintesi non tecnica. Committente : CO.GE.PA. s.r.l. Località : Piano Delfico. Comune : Teramo (TE)

Cava di Ghiaia. Sintesi non tecnica. Committente : CO.GE.PA. s.r.l. Località : Piano Delfico. Comune : Teramo (TE) Cava di Ghiaia Sintesi non tecnica Ai sensi della let t er a c) dell ar t. 2 del D.P.C.M. 27 dicembr e 1988 Committente : CO.GE.PA. s.r.l. Località : Piano Delfico Comune : Teramo (TE) Geologo Massucci

Dettagli

Telefono 02.99430.2095. Fax 02994302078. lpescarolo@aogarbagnate.lombardia.it. Sesso Maschio Data di Nascita 15/07/1960

Telefono 02.99430.2095. Fax 02994302078. lpescarolo@aogarbagnate.lombardia.it. Sesso Maschio Data di Nascita 15/07/1960 CURRICULUM VITAE DI LUIGINO PESCAROLO INFORMAZIONI PERSONALI LUIGINO PESCAROLO Telefono 02.99430.2095 Fax 02994302078 E-mail lpescarolo@aogarbagnate.lombardia.it Sesso Maschio Data di Nascita 15/07/1960

Dettagli

0RGDOLWj$VVXQWLYH $FFHUWDPHQWLVDQLWDULULFKLHVWL LQHXUR. Πesam e com pleto delle urine in laboratorio. test HIV

0RGDOLWj$VVXQWLYH $FFHUWDPHQWLVDQLWDULULFKLHVWL LQHXUR. Œ esam e com pleto delle urine in laboratorio. test HIV 0RGDOLWj$VVXQWLYH &DSLWDOLGDDVVLFXUDUH $FFHUWDPHQWLVDQLWDULULFKLHVWL LQHXUR Sino a 155.000,00 ¼ Œ Com pilazione del questionario sanit ario Olt re 155.000,00 ¼ Sino a 260.000,00 ¼ Œ Œ Œ visit a del m edico

Dettagli

SCI CLUB VOLVERA BIKE A.S.D. Polizza N.

SCI CLUB VOLVERA BIKE A.S.D. Polizza N. SCI CLUB VOLVERA BIKE A.S.D. Polizza N. 109497922 Nota informativa al Contraente Rami danni - Non Auto La presente Nota Informativa ha lo scopo di fornire al Contraente (persona fisica o giuridica che

Dettagli

/DSURGX]LRQHFRPSOHVVLYDGLULILXWLVROLGLXUEDQL

/DSURGX]LRQHFRPSOHVVLYDGLULILXWLVROLGLXUEDQL */,2%,(77,9,,&217(187,(/()$6,',/$9252 6L ULDVVXPRQR TXL GL VHJXLWR OH IDVL VHJXLWH SHU OR VYLOXSSR GHO VXSSRUWR WHFQLFR VFLHQWLILFRSHUODUHGD]LRQHGHO3LDQR3URYLQFLDOHSHUOHUDFFROWHGLIIHUHQ]LDWHGHLULILXWL,OODYRURVLqDUWLFRODWRSULQFLSDOPHQWHLQWUHIDVLHSUHFLVDPHQWH

Dettagli

Banca dati degli Indicatori Annuario (http://annuario.isprambiente.it/)

Banca dati degli Indicatori Annuario (http://annuario.isprambiente.it/) APPENDICE Banca dati degli Indicatori Annuario (http://annuario.isprambiente.it/) Introduzione La gestione e la dif fusione dell infor mazione ambientale sono tra le funzioni istituzionali più significative

Dettagli

MALATTIE RARE E IL PEDIATRA DI FAMIGLIA

MALATTIE RARE E IL PEDIATRA DI FAMIGLIA DOTT. ALBERTO FERRANDO Pediatra di Famiglia Presidente della Federazione Regionale degli Ordini dei Medici della Liguria MALATTIE RARE E IL PEDIATRA DI FAMIGLIA All interno del Sistema Sanitario Nazionale

Dettagli

Agevolazione per l acquist o o il leasing di nuove m acchine ut ensili o di produzione

Agevolazione per l acquist o o il leasing di nuove m acchine ut ensili o di produzione Legge 1329/ 65 Sabatini 2**(772 Agevolazione per l acquist o o il leasing di nuove m acchine ut ensili o di produzione %(1(),&,$5, Piccole e m edie im prese appart enent i a St at i m em bri dell Unione

Dettagli

Casa della salute Progetto per la medicina del territorio

Casa della salute Progetto per la medicina del territorio Casa della salute Progetto per la medicina del territorio CASA DELLA SALUTE PROGETTO PER LA MEDICINA DEL TERRITORIO CASA DELLA SALUTE 1 PROGETTO PER LA MEDICINA DEL TERRITORIO 2 S E Z I O N E 1 P R E ME

Dettagli

Tratto da SaluteInternazionale.info

Tratto da SaluteInternazionale.info Tratto da SaluteInternazionale.info Il secondo parere in oncologia 2014-11- 12 10:11:46 Redaz ione SI Francesca Bravi, Silvia Foglino, Anna Marcon, Raf f aella Angelini, Maria Pia Fant ini, T iziano Carradori

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

Mark Scheme (Result s) Summer 2007

Mark Scheme (Result s) Summer 2007 Mark Scheme (Result s) Summer 007 GCE GCE It alian (656/ 0) Edexcel Limited Registered in England and Wales No 4496750 Registered Office: One90 High Holborn, London W Unit Mark Scheme June 007 Question.

Dettagli

Il Gruppo di Acquisto Energia di Assoimprenditori Alto Adige TIS innovation park,

Il Gruppo di Acquisto Energia di Assoimprenditori Alto Adige TIS innovation park, Il Gruppo di Acquisto Energia di Assoimprenditori Alto Adige TIS innovation park, 12.12.2014 Decreto legislativo n 79/ 1999 (decreto Bersani) Recepisce la Diret t iva comunit aria 96/ 92/ CE e avvia la

Dettagli

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e.

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e. In m o l ti pa e s i po c o svil u p p a t i, co m p r e s o il M al i, un a dell a pri n c i p a l i ca u s e di da n n o alla sal u t e e, in ulti m a ista n z a, di m o r t e, risi e d e nell a qu al

Dettagli

CURRICULUM VITAE DI ALESSANDRO MUZI

CURRICULUM VITAE DI ALESSANDRO MUZI CURRICULUM VITAE DI ALESSANDRO MUZI INFORMAZIONI PERSONALI Nome Residenza Data di nascita essand o zi Roma 13/12/1954 ESPERIENZA LAVORATIVA Date da a da 1994 a 2 13 NN N N 2 13 / o i R N D N N R D N N

Dettagli

C.C.N.L. Area Comparto 20.09.2001 &$3 Mobilità interna art. 18 C.C.N.L. Area Comparto 20.09.01: 4

C.C.N.L. Area Comparto 20.09.2001 &$3 Mobilità interna art. 18 C.C.N.L. Area Comparto 20.09.01: 4 $FFRUGRGHO)(%%5$,2 5HJRODPHQWR$]LHQGDOHVXOO,VWLWXWRGHOOD02%,/,7$ 6200$5,2 3$* Quadro normativo di riferimento 1 Quadro riassuntivo delle Forme di Assegnazione 2 Premessa 2 &$3 Passaggio diretto ad altre

Dettagli

%RORJQD6$,( 5DFFROWDVHJQDOD]LRQL

%RORJQD6$,( 5DFFROWDVHJQDOD]LRQL (',),&,$'86238%%/,&2(&2&203$7,%,/, 02675$GL352*(77, %RORJQD6$,( 5DFFROWDVHJQDOD]LRQL Nell am bito del progetto 3HUFRUVLGL6RVWHQLELOLWj, (GLFRP(GL]LRQL organizza, in occasione della m anifestazione fieristica

Dettagli

5(*,21($872120$ )5,8/,9(1(=,$*,8/,$ /HJJHUHJLRQDOHIHEEUDLRQ 5,)250$'(// 85%$1,67,&$(',6&,3/,1$ '(// $77,9,7 (',/,=,$('(/3$(6$**,2 %85IHEEUDLRQ

5(*,21($872120$ )5,8/,9(1(=,$*,8/,$ /HJJHUHJLRQDOHIHEEUDLRQ 5,)250$'(// 85%$1,67,&$(',6&,3/,1$ '(// $77,9,7 (',/,=,$('(/3$(6$**,2 %85IHEEUDLRQ 5(*,21($872120$ )5,8/,9(1(=,$*,8/,$ /HJJHUHJLRQDOHIHEEUDLRQ 5,)250$'(// 85%$1,67,&$(',6&,3/,1$ '(// $77,9,7 (',/,=,$('(/3$(6$**,2 %85IHEEUDLRQ 7(672&225',1$72 0RGLILFKHHLQWHJUD]LRQLDLVHQVLGHOOD /5DJRVWR1%85DJRVWRƒVXSSORUGQDOQ

Dettagli

- WELC Map - Milano tiene a battesimo la prima mappa in Realtà Aumentata

- WELC Map - Milano tiene a battesimo la prima mappa in Realtà Aumentata comunicato stampa Milano, 4 ot t obre 2016 - WELC Map - Milano tiene a battesimo la prima mappa in Realtà Aumentata Facile, ut ile, int uit iva, grat uit a: ecco rivoluzionat o il concet t o di mappa Ti

Dettagli

I trasduttori di temperatura integrati

I trasduttori di temperatura integrati I trasduttori di temperatura integrati La m o der n a t ec n ol o gi a d ei cir cu it i i nt egr ati ha det er m i nat o, g ià da q u al c he an n o, l'im m is si o ne su l m er c ato di tr asd u tt or

Dettagli

Movimenti ripetitivi: Strumenti e supporti per il Medico competente

Movimenti ripetitivi: Strumenti e supporti per il Medico competente Movimenti ripetitivi: Strumenti e supporti per il Medico competente S. Nicola la Strada, 3 aprile 2012 r. Pietro Carm in Dr. Movimenti ripetitivi: Uno strumento mancante, la Legge NON PREVISTE NORME SPECIFICHE

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Coordinamento per l Educazione Motoria, Fisica e Sportiva

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Coordinamento per l Educazione Motoria, Fisica e Sportiva Bari, 05.12.2006 Prot. 5090/MP/ CONI Progetto Barilla Coordinatore regionale Prof. Marino Pellic E.mail: marino.pellico.ba@istruzione.it Al Presidente C.O.N.I. Ing. Raffaele Sannicandro Ai Dirigenti Scuola

Dettagli

Le bibliot eche per gli st udent i

Le bibliot eche per gli st udent i Le bibliot eche per gli st udent i La ricerca bibliograf ica: libri e rivist e nei cat aloghi, art icoli e not e di dot t rina Area giuridica - maggio 2013 Sistema Bibliotecario di Ateneo Universit à degli

Dettagli

www.ipospadia.it Dott:Giacinto Marrocco

www.ipospadia.it Dott:Giacinto Marrocco www.ipospadia.it Dott:Giacinto Marrocco Le Malformazioni dei Genitali nell'infanzia Un sito dedicato ai pediatri ed ai genitori di bambini con patologie acquisite o congenite degli organi genitali EPISPADIA

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI 1 ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI Il pr e s e n t e do c u m e n t o for ni s c e le info r m a z i o n i ne c e s s a r i e ed es s e n z i a l i a su p p o r t

Dettagli

FRQWUDHQWH LO SRWHUH GL FRQFOXGHUH FRQWUDWWL LQ QRPH GHOO LPSUHVD VL SXz FRQVLGHUDUH

FRQWUDHQWH LO SRWHUH GL FRQFOXGHUH FRQWUDWWL LQ QRPH GHOO LPSUHVD VL SXz FRQVLGHUDUH 3,$1,),&$=,21(),6&$/(352%/(0$7,&+(&21&(51(17,/,62/$ ',0$/7$ 6&(/7$'(/3$(6( In relazione alle problematiche per l implementazione della sua attività estera con specifico riferimento al traffico con la Cina

Dettagli

Lezione 14: Il Sistema Operativo : Principi Generali (2P) Venerdi 13 Novembre 2009

Lezione 14: Il Sistema Operativo : Principi Generali (2P) Venerdi 13 Novembre 2009 Università di Salerno Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA Corso di Laurea Ingegneria Meccanica & Ingegneria Gestionale Mat. Pari Docente : Ing. Secondulfo Giovanni Anno Accademico 2009-2010 Lezione 14:

Dettagli

Il Presidente della Giunta Regionale

Il Presidente della Giunta Regionale 'HFUHWR1 'HO $VVHVVRUDWR 6$1 'LUH]LRQH 6HWWRUH 2JJHWWR 3ULPHLQGLFD]LRQLWHFQLFRVDQLWDULHSHUOHVHFX]LRQHGHOODWWLYLWjGLWDWXDJJLRHGLSLHUFLQJ Il Presidente della Giunta Regionale Considerato che le pratiche

Dettagli

Seminario. Gestire il tempo e affrontare i problemi : alcune tecniche

Seminario. Gestire il tempo e affrontare i problemi : alcune tecniche Seminario Gestire il tempo e affrontare i problemi : alcune tecniche Sala Consiliare Comune di San Benedetto Po Comuni di San Benedetto Po, Moglia e Serravalle Po 0DU]R±0DJJLR Condotto da Dott. sa Cristiana

Dettagli

Viola Rinelli. Premessa a La memoria di un paziente/docente di Vincenzo Lombardo

Viola Rinelli. Premessa a La memoria di un paziente/docente di Vincenzo Lombardo Viola Rinelli Premessa a La memoria di un paziente/docente di Vincenzo Lombardo Da circa 4 anni mi occupo del supporto psicologico ai pazienti onco-ematologici ed alle loro famiglie, come Psico-Oncologa,

Dettagli

SHULOFGOLQ,QIRUPDWLFD SURI0DXUL]LR6SXULR VSXULR#ERLQIQLW

SHULOFGOLQ,QIRUPDWLFD SURI0DXUL]LR6SXULR VSXULR#ERLQIQLW SHULOFGOLQ,QIRUPDWLFD SURI0DXUL]LR6SXULR VSXULR#ERLQIQLW 1 I l Met odo Scient if ico La st or ia della Scienza moder na inizia in Gr ecia: nascit a della logica, della f ilosof ia, della mat emat ica e

Dettagli

Università degli studi di Bologna, polo scientifico didattico di Ravenna Ingegneria dei Sistemi Edilizi ed Urbani - Laurea Magistrale

Università degli studi di Bologna, polo scientifico didattico di Ravenna Ingegneria dei Sistemi Edilizi ed Urbani - Laurea Magistrale Pag. 1 di 3 DATA (Compilazione): 03/04/2009 Autore: Emiliano Panzavolta INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo di residenza Domicilio E MIL IA NO PA NZAV OL TA VIA LAMETTA, 10 RA VIA LAMETTA, 10 RA Telefono

Dettagli

Determinazione della s alinità dell acqua potabile attraverso la mis ur a della conducibilità elettr ica.

Determinazione della s alinità dell acqua potabile attraverso la mis ur a della conducibilità elettr ica. Determinazione della s alinità dell acqua potabile attraverso la mis ur a della conducibilità elettr ica. La s ituaz ione dell acqua potabile nel distretto di Batticaloa in S ri Lanka è molto pr ecar ia

Dettagli

La gestione del portafoglio Retail: strum enti efficaci e coerenti con i nuovi indirizzi norm ativi

La gestione del portafoglio Retail: strum enti efficaci e coerenti con i nuovi indirizzi norm ativi La gestione del portafoglio Retail: strum enti efficaci e coerenti con i nuovi indirizzi norm ativi )UDQFR0DJQHOOL*58332%$1&$&5),5(1=( *DLD&LRFL&5,)'(&,6,2162/87,216 ƒ)ruxpgldjjlruqdphqwrwhfqlfr$3% 6HVWUL/HYDQWHPDJJLR

Dettagli

3ULQFLSDOL QRYLWj LQ PDWHULD GL,PSRVWD VXO 9DORUH $JJLXQWR LQWURGRWWH QHO FRUVR GHO

3ULQFLSDOL QRYLWj LQ PDWHULD GL,PSRVWD VXO 9DORUH $JJLXQWR LQWURGRWWH QHO FRUVR GHO 3ULQFLSDOL QRYLWj LQ PDWHULD GL,PSRVWD VXO 9DORUH $JJLXQWR LQWURGRWWH QHO FRUVR GHO 81,1'8675,$± 5RDGVKRZ³1RYLWjILVFDOL 5RPDJHQQDLR 'RWWVVD0RQLFD9DOHQWLQR ZZZSLURODSHQQXWR]HLLW ZZZSLURODSHQQXWR]HLLW 3ULQFLSDOL

Dettagli

HFRFRPSDWLELOH GHOO ([0DFHOORGL5HJJLR&DODEULD

HFRFRPSDWLELOH GHOO ([0DFHOORGL5HJJLR&DODEULD 8QLYHUVLWjGHJOL6WXGL 0HGLWHUUDQHDµGL5HJJLR&DODEULD² )DFROWjGL$UFKLWHWWXUD (FRGHVLJQ GLXQHGLILFLRFRQLOPHWRGR/&$,SRWHVLSHUXQDULVWUXWWXUD]LRQHHFRFRPSDWLELOH HFRFRPSDWLELOH GHOO ([0DFHOORGL5HJJLR&DODEULD Una

Dettagli

$OOHJDWRQ. Modulo di adesione e Inform ativa ex. D. Lgs. 196/ 2003.

$OOHJDWRQ. Modulo di adesione e Inform ativa ex. D. Lgs. 196/ 2003. $OOHJDWRQ Modulo di adesione e Inform ativa ex. D. Lgs. 196/ 2003. Io Sottoscritto nato il sesso M F codice fiscale in qualità di della Società intendo aderire con effetto dalle ore 00 del al program

Dettagli

software cartografico per la pianificazione di emergenza e la gestione della Sala Operativa

software cartografico per la pianificazione di emergenza e la gestione della Sala Operativa =(52JLV$8*86786 software cartografico per la pianificazione di emergenza e la gestione della Sala Operativa Zerobyte Sistemi Srl Via Chimenti, 1 50142 Firenze www.zerobyte.it Tel. 055 707451 / 055 708161

Dettagli

LA RICERCA DI NUOVI MERCATI: TRA CAMBIAMENTO E TRADIZIONE FOCUS RAVENNA LA RICERCA DEI NUOVI MERCATI: 14 febbraio 2011 Ravenna ROMA 2 DICEMBRE 2010

LA RICERCA DI NUOVI MERCATI: TRA CAMBIAMENTO E TRADIZIONE FOCUS RAVENNA LA RICERCA DEI NUOVI MERCATI: 14 febbraio 2011 Ravenna ROMA 2 DICEMBRE 2010 LA RICERCA DI NUOVI MERCATI: LA SFIDA LA SFIDA DELLE PICCOLE DELLE IMPRESE PICCOLE TRA IMPRESE CAMBIAMENTO E TRADIZIONE TRA CAMBIAMENTO E TRADIZIONE FOCUS RAVENNA 14 febbraio 2011 Ravenna Rapporto Piccole

Dettagli