3HFXOLDULWjSHGLDWULFKH QHOODGLIIXVLRQHGHOOH LQIH]LRQLRVSHGDOLHUH

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3HFXOLDULWjSHGLDWULFKH QHOODGLIIXVLRQHGHOOH LQIH]LRQLRVSHGDOLHUH"

Transcript

1 / DXGLW HLOFRQWUROORGHOULVFKLRLQIHWWLYR QHOOHVWUXWWXUHDVVLVWHQ]LDOL 25 NOVEMBRE HFXOLDULWjSHGLDWULFKH QHOODGLIIXVLRQHGHOOH LQIH]LRQLRVSHGDO Per legger e le not e r elat ive alle singole slide, cliccar e su Per t or nar e alla pr esent azione, cliccar e su

2 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO 2

3 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO «PL DVWHUUzGDOUHFDU GDQQRHRIIHVD.,SSRFUDWH 460 a.c a.c. ca. «QRQ DUUHFDUH QHVVXQ GDQQRDOPDODWR«)ORUHQFH 1LJKWLQJDOH ULPR1RQIDUHGDQQR &DPSDJQD206 3

4 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO neminem nocer e 2.6. Nell agir e pr of essionale, l inf er mier e si impegna a non nuocer e, or ient a la sua azione all aut onomia e al bene dell assist it o, di cui at t iva le r isor se anche quando quest i si t r ova in condizioni di disabilit à o svant aggio. 4

5 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO 5

6 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO Ar t. 6 I l bambino ha dir it t o alla t ut ela del pr opr io sviluppo f isico, psichico e r elazionale zionale. I l bambino ha dir it t o alla sua vit a di r elazione anche nei casi in cui necessit i di isolament o. o I l bambino ha dir it t o a non esser e t r at t at o con mezzi di cont enzione. 6

7 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO &DWHQDGL,QIH]LRQH AGENTE OSPI TE ¾Pat ogenicit à ¾Vir ulenza ¾I nvasivit à ¾Dose ¾Ser bat oio ¾Font e ¾Alt r o ¾Meccanismi di Dif esa aspecif ici ¾I mmunit à nat ur ale ¾I mmunit à acquisit a 7

8 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO MODALI TA DI TRASMI SSI ONE ¾Cont at t o ¾Veicolo comune ¾Via aer ea AGENTE ¾Pat ogenicit à ¾Vir ulenza ¾I nvasivit à ¾Dose ¾Ser bat oio ¾Font e ¾Alt r o OSPI TE ¾Meccanismi di Dif esa aspecif ici ¾I mmunit à nat ur ale ¾I mmunit à acquisit a 8

9 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO 0HQLQJLWH, 3HUWRVVH, Malat t ie inf et t ive con evident e TXDGURHVDQWHPLFR Sot t ovalut azione segni clinici di pr obabile malat t ia inf et t iva per ché r it enut i meno impor t ant i $=,21, spesso codif icat e con specif ici pr ot ocolli &203257$0(17, che t r ascur ano il r ischio di dif f usione 9

10 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO 35(&$8=,21,$**,817,9( modalit à di t r asmissione (Cont at t o Dr oplet Via aer ea) 35(&$8=,21,67$1'$5' insieme di misur e e compor t ament i da adot t ar e dur ant e t ut t e le manovr e assist enziali, applicat i a t ut t i i pazient i indipendent ement e dalla diagnosi in quant o pot enziali por t at or i di micr or ganismi pat ogeni t r asmissibili,*,(1(',%$6( igiene per sonale, sanif icazione dell ambient e, mant eniment o del micr oclima ospedalier o in uno st at o di salubr it à, smalt iment o cor r et t o dei r if iut i 10

11 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO TI N Peso Et à gest ionale Sist ema immunit ar io I mmat ur it à or gani Pat ologia base Malf or mazioni ecc. 1 H R Q D W R Oper at or i sanit ar i At t r ezzat ur e Pr ocedur e adot t at e Visit at or i Spazi ecc. PS Mor billo Lat t ant i/ Divezzi I nf ezioni r espir at or ie I nf ezioni gast r oint est inali Par ot it e Var icella ecc. Ospedale a misur a di Bambino Ludot eche e At t ese con Baby-Ar r edi e Giochi, PC e Audiot eche Clown e Musicist i Pet Ther apy, ecc. 11

12 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO Caso: 2 casi di asper gillosi su pazient i r icover at i nelle st anze a bassa car ica micr obica dell U.O. di Oncoemat ologia pediat r ica bambino di 9 anni, neur oblast oma, seguit o dall UO da 4/ 5 anni r icover at o in quel per iodo per t r apiant o aploident ico bambino di 15 anni, Leucemia linf oide seguit o dall UO dal 2001 pr ovenient e dalla Romania con anamnesi di Asper gillosi polmonar e r isanat a 12

13 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO G.O. St udio Cart ella clinica Controllo I m pianto Aria I.O. 9 o.k. 9 Sopralluogo/ Osservazione Attività assistenziali e di supporto,srwhvlirqwhhohprgdolwjglwudvplvvlrqh FDPSLRQDWXUHDPELHQWDOL 13

14 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO Risult at o: HVFOXVR inquinament o st r ut t ur ale FRQIHUPDWR impor t azione del micet e at t r aver so r if or niment o di: pr esidi medico-chir ur gici ed economali biancher ia piana indument i e ogget t i (giocat t oli) per sonali dell ut ent e conf ezioni di aliment i int r odot t i nella st anza st er ile 14

15 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO I nt er vent o: ¾ ¾ ¾ ¾ ¾ Lavaggio delle mani Nor me e modalit à di accesso alle st anze st er ili St occaggio e t r at t ament o decont aminant e di t ut t o il mat er iale in ent r at a alla st anza st er ile (mat er iale medico-chir ur gico ed economale, biancher ia piana, indument i, ogget t i per sonali, aliment i, st oviglie, ecc) Regolament o compor t ament ale a cui gli ut ent i si devono at t ener e per limit ar e la cont aminazione della st anza st er ile Sanif icazione gior nalier a e per iodica e Sanit izzazione t er minale delle st anze st er ili. 15

16 %LEOLRJUDILD $JR]]LQR (*UDQLWR &9DVWROD 3I nf ezioni ospedalier e neonat ali: la qualit à delle pr ocedur e assist enziali. View&Review; No. 2, Mar zo/ Apr ile 1999 $$99 I nf ezioni ospedalier e-rappor t o t ecnico per la def inizione di obiet t ivi e st r at egie per la salut e Agenzia sanit ar ia r egionale dell Emilia-Romagna, Bologna. %DGRQ 3&HVDUR 6Manuale di nur sing pediat r ico Casa Edit r ice Ambr osiana, Milano. &LUFRODUH0LQLVWHURGHOOD6DQLWj 1R &RFFR0 Pr omozione e Valut azione della Qualit à delle cur e in Pediat r ia: Car t a dei dir it t i del bambino in ospedale e manuale di accr edit ament o; Cor so f or mat ivo, Br escia 'L1XFFLR$HD Quando la decisionalit à è non solo pr of essionale, ma anche deont ologica nelle scelt e assist enziali per la pr evenzione e cont eniment o delle I nf ezioni Ospedalier e XXI Congr esso Nazionale Aniar t i, Sor r ent o. ZZZHYLGHQFHEDVHGQXUVLQJLW *DPED'6SDJQROR* Linee di or ient ament o alla let t ur a del codice deont ologico degli inf er mier i. Feder azione nazionale I PASVI, Roma. +,&3$&Guideline f or I solat ion Pr ecaut ions in Hospit als (updat ed: Febr uar y 18, 1997) in ht t p:/ / ncidod/ hip/ isolat / isolat.ht m ZZZLVVLW 0HOLQR&HD L Ospedale- I giene, pr evenzione e sicur ezza, SEU; RUR0/. I nf ezioni ospedalier e- Pr evenzione e Cont r ollo Cent r o Scient if ico Edit or e, Tor ino. 0 KOHPDQQ.$HEL &7URLOOHW 1I nf ezioni nosocomiali in pediat r ia. Swiss-Noso; Vol. 6, No.3, Set t embr e ZZZSOJQLW 6WHLQVFKQHLGHU 5 Quader ni dell I nf er mier e No Pediat r ia Masson, Milano. KWWSZZZZKRLQWHQWLW\SDWLHQWVDIHW\KLJKOLJKWVGRBQRBKDUPHQ 16

17 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO L Ospedale dei Bambini, st or ico pr oget t o che accomuna la ret e degli ospedali pediat r ici it aliani con l obiet t ivo di r ender e l ospedale pediat r ico sempr e più a misur a di bambino, f a leva su iniziat ive mir at e e orient at e ai bisogni f ondament ali dell piccolo ut ent e (ludot eche, locali con ar r edi par t icolar i e r icchi di giochi, int r at t eniment i con clown e musicist i, "animali in cor sia", ecc.), at t ivit à che, nel cont empo, cr eano occasioni quot idiane che f avoriscono la dif f usione di inf ezioni nosocomiali. E spont aneo st abilir e un cont at t o f isico diret t o, sot t ovalut ando la pr esenza di secr ezioni r espir at or ie, l incont inenza di f eci e/ o ur ine che cont r addist ingue il piccolo; agli operat or i addet t i all'assist enza dei pazient i in et à evolut iva che f acilment e t endono ad abbassare i livelli di at t enzione nei compor t ament i assist enziali è per t ant o richiest o un'at t enzione par t icolare nell'er ogazione di pr est azioni r esponsabili e scient if icament e cor r et t e. Per af f r ont ar e t ale cr it icit à assist enziale occor r e in anzit ut t o conoscer e la specif icit à delle modalit à di dif f usione delle inf ezioni ospedaliere in ambit o pediat rico per individuare misure e compor t ament i at t i ad int er r omper e la cat ena di t r asmissione. 17

18 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO I l pr incipio di non ar r ecar e danno al malat o è una cr it icit à cont emplat a sino dall ant ichit à da chi si pr ende cura della salut e alt r ui e non ha solt ant o una valenza et ica in quant o è f or t ement e inf luenzat o dal progresso scient if ico e t ecnologico. I n quest i ult imi anni l Or ganizzazione Mondiale della Sanit à ha promosso insieme ai gover ni nazionali la campagna "Fir st do no harm". L'int ent o di det t a campagna è pr omuover e la sicur ezza negli ospedali, dove si cont r aggono molt e malat t ie, per non met t er e a r epent aglio l'obiet t ivo r aggiunt o negli ult imi cent o anni: l'incr ement o consist ent e dell'aspet t at iva di vit a. Pr evenir e gli event i avver si che colpiscono una media di un pazient e ogni dieci provocando danni che possono por t ar e anche alla disabilit à o alla mor t e non rispet t a solo il dir it t o della per sona alla pr opria salut e ma la r iduzione di quest i incident i hanno, come ben sappiamo, ef f et t i posit ivi anche sull'economia, r ispar miando cost i aggiunt i da r icover i pr olungat i, azioni legali e cur e delle disabilit à. Una not a dell I st it ut o Super ior e di Sanit à del 11 novembr e 2004 cit a che ogni anno dieci it aliani su cent o ricoverat i si ammalano di una inf ezione cont r at t a in ospedale. I dat i divulgat i sono del "Pr oget t o nazionale per la sorveglianza delle inf ezioni bat t eriche gravi in ambit o comunit ar io ospedalier o" coor dinat o dallo st esso ist it ut o. Pseudomonas aer uginosa, St aphylococcus aur eus ed Escherichia coli, r esist ent i come sappiamo a molt i ant ibiot ici, sono le specie bat t eriche maggiorment e r esponsabili di polmonit i, set t icemie e inf ezioni da cat et er e venoso. Lo st udio è st at o condot t o in 50 cent r i su pazient i di cui il 43% è ent r at o in ospedale per cur ar e un'inf ezione bat t erica. 18

19 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO QHPLQHP QRFHUH QRQQXRFHUHQRQDUUHFDUHGDQQRDQHVVXQR I l saper e scient if ico, il cr edo deont ologico e la nor mat iva di r if er iment o sono alla base dell oper ar e quot idiano del sanit ario di qualsiasi qualif ica di appar t enenza. Nel Codice Deont ologico dell I nf er mier e il pr incipio neminem nocer e è un impegno dell'agir e pr of essionale (ar t.2.6). Lo st esso principio è esplicit at o ult er ior ment e nel Pat t o I nf er mier e Cit t adino quando si legge: l'inf er mier e si impegna a gar ant ir e compet enza, abilit à e umanit à nell'esecuzione delle pr est azioni assist enziali e ancora a gar ant ire le miglior i condizioni igieniche e ambient ali. Pr evenir e la dif f usione delle I.O. r ispet t a il pr incipio del "NON ARRECARE DANNO" e l'aut onomia dell'oper are inf er mierist ico implica di valut ar e e decider e quali operazioni, compor t ament i e st r ument i sono più appr opriat i a salvaguar dia della salut e del pazient e. 19

20 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO La Car t a cost it uisce una specif icazione della Convenzione I nt er nazionale sui Dir it t i del Fanciullo del 1989 r at if icat a dal gover no it aliano nel 1991 ed, in par t icolar e, dell'ar t.24 t eso a gar ant ir e ad ogni bambino il più alt o livello possibile di salut e e l'accesso ai ser vizi sanit ar i. I quat t or dici ar t icoli enunciat i nella Car t a si pr opongono di pr omuover e il super ior e int er esse dei bambini r icover at i gar ant endo lor o i dir it t i di sopr avvivenza, sviluppo, pr ot ezione e par t ecipazione senza alcuna dist inzione o discr iminazione. Gli ospedali Bur lo Gar of olo, Bambin Gesù, Giannina Gaslini e Anna Meyer con il lor o per sonale si impegnano a r ispet t ar e i dir it t i enunciat i nella pr esent e car t a ed a gar ant ir li a t ut t i i bambini che f r uiscono delle pr est azioni sanit ar ie er ogat e. 20

21 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO $UW I l per sonale assicur a e pr omuove il r ispet t o delle esigenze af f et t ive, espr essive ed educat ive ed in par t icolar e la cont inuit à delle r elazioni f amiliar i. L'Ospedale of f r e la possibilit à di un cont at t o dir et t o e cont inuat ivo madr e-neonat a (r ooming-in) al f ine di f avor ir ne il r ecipr oco at t accament o. La f amiglia viene coinvolt a at t ivament e nel pr ocesso di cur a. Sar à gar ant it a la per manenza di un f amiliar e, o di un'alt r a f igur a di r if er iment o, anche nei ser vizi di cur e int ensive e nelle sit uazioni assist enziali in cui si pr evedono int er vent i invasivi, compat ibilment e con le esigenze cliniche. Un numer o maggior e di visit at or i al di f uor i degli or ar i def init i, è subor dinat o alle condizioni del bambino, alle car at t er ist iche del r epar t o/ ser vizio, e sopr at t ut t o al r ispet t o della pr ivacy di t ut t i i r icover at i. Viene f avor it o il collegament o con i ser vizi socio-educat ivi del t er r it or io e il coinvolgiment o con le associazioni di volont ar iat o r iconosciut e in conf or mit à alla nor mat iva vigent e, per gar ant ir e al bambino r elazioni signif icat ive, qualor a si dovesse t r ovar e in sit uazione di "abbandono" o di t empor anea dif f icolt à del nucleo f amigliar e. I l bambino può decider e di t ener e con sé i pr opr i giochi, il pr opr io vest iar io e qualsiasi alt r o ogget t o da lui desider at o pur ché quest i non r appr esent ino un per icolo od un ost acolo per il suo o l'alt r ui pr ogr amma di cur e. I n caso di r icover o pr olungat o, viene gar ant it a al bambino la cont inuit à del suo per cor so educat ivo - scolast ico. I l r icor so a mezzi limit ant i la liber t à di azione e di moviment o avviene nelle sit uazioni in cui si r avvisa un r ischio di compr omissione del pr ocesso diagnost ico-t er apeut ico, ovver o nelle sit uazioni in cui venga messa in per icolo l'incolumit à del bambino st esso o di alt r i. 21

22 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO &DWHQDGL,QIH]LRQH L insor genza di inf ezioni è il r isult at o dell int er azione f r a var i f at t or i che car at t er izzano l agent e inf et t ivo, la suscet t ibilit à dell ospit e e le modalit à di t r asmissione. Se si dovesse r omper e l'equilibr io f r a i f at t or i che car at t er izzano sia l'agent e che l'ospit e si ver if ica l'inf ezione ( endogena, per esempio in pazient i immunocompr omessi dove anche i micr or ganismi sapr of it i possano divent ar e vir ulent i, esogena in pazient i immunocompet ent i dove occor r e che l agent e venga t r asmesso all ospit e ). 22

23 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO E evident e che il sospet t o di det er minat e malat t ie inf et t ive induce immediat ament e ad azioni spesso codif icat e con specif ici prot ocolli come nel caso della meningit e, della per t osse o di malat t ie carat t er izzat e da un evident e quadr o esant emico. Talvolt a quest i compor t ament i possono esser e smisurat i rispet t o al reale rischio di cont agio come nel caso della meningit e, t r asmessa per dr oplet s, per ché sia il per sonale sanit ario sia i genit or i e visit at ori pr esent i sono inf luenzat i da inf or mazioni di t ipo mediat iche, prive di evidenza scient if ica, alt r e volt e segni clinici che f anno sospet t are una malat t ia inf et t iva vengono sot t ovalut at i per ché r it enut i meno impor t ant i e causano compor t ament i che t r ascur ano il rischio di dif f usione. Nell'assist enza dei pazient i in et à evolut iva è inolt r e più f acile che gli oper at ori abbassino i livelli di at t enzione nei compor t ament i assist enziali; è spont aneo spinger si olt r e la "dist accat a coccola", sot t ovalut ando la pr esenza di secr ezioni r espir at or ie, l incont inenza di f eci e/ o urine che cont r addist ingue il piccolo, e st abilir e un cont at t o f isico diret t o non solo con le mani dell'oper at or e ma anche con il viso e il camice, cr eando così occasioni quot idiane che f avor iscono la dif f usione di inf ezioni nosocomiali. 23

24 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO 3UHFDX]LRQL6WDQGDUG 0DODWWLHDWUDVPLVVLRQHDHUHD 3UHFDX]LRQLDJJLXQWLYHSHUSD]LHQWLDIIHWWLGDWXEHUFRORVLSROPRQDUH 0DODWWLHWUDVPHVVHDWWUDYHUVRGURSOHWJRFFLROLQH 0DODWWLHWUDVPLVVLELOLSHUFRQWDWWR 24

25 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO 3UHFDX]LRQL6WDQGDUG: Lavaggio delle mani Uso dei guant i Uso di mascher e, pr ot ezioni oculari o scher mi f acciali nelle pr ocedur e nelle quali si possono ver if icar e schizzi Pr ecauzioni nell ut ilizzo di aghi e t aglient i Uso di vest iario appr opriat o - scelt i in base alla quant it à di liquidi con i quali si può venire in cont at t o Pulizia disinf ezione dello st r ument ar io (decont aminazione, pulizia, isinf ezione/ st er ilizzazione) Cont r ollo ambient ale (pulizia/ disinf ezione di super f ici, suppellet t ili et c.) Tr at t ament o della biancher ia Sist emazione del pazient e Educazione sanit ar ia 25

26 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO 0DODWWLHDWUDVPLVVLRQHDHUHD I l degent e deve esser e collocat o in una camer a singola con ser vizi igienici che abbia i seguent i r equisit i: pr essione negat iva r ispet t o alle ar ee cir cost ant i da 6 a 12 r icambi di ar ia/ or a appr opr iat o def lusso di ar ia all est er no o f ilt r azione ad alt a ef f icienza dell ar ia pr ima della sua immissione in alt r e ar ee dell ospedale. Deve r imaner e in camer a e la por t a della st anza deve r imaner e chiusa. Se la camer a singola non è disponibile, più pazient i con la st essa pat ologia possono condivider e la st essa st anza. Le per sone a r ischio di inf ezioni non dovr ebber o ent r ar e nella st anza di un degent e con accer t at a o sospet t a var icella o mor billo, se sono disponibili alt r i oper at or i immuni. Se gli oper at or i non immuni devono ent r ar e nella st anza, devono indossar e una mascher ina chir ur gica; per le per sone immuni non sono necessar ie pr ot ezioni r espir at or ie. Limit ar e gli spost ament i del degent e dalla st anza ai soli scopi essenziali. Se lo spost ament o e il t r aspor t o sono indispensabili, è necessar io: inf or mar e il per sonale della st r ut t ur a pr esso la quale il degent e viene t r asf er it o e l'addet t o al t r aspor t o della diagnosi di malat t ia a t r asmissione aer ea f ar indossar e al degent e una mascher ina chir ur gica, al f ine di minimizzar e la disper sione ambient ale di micr or ganismi. 26

27 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO 3UHFDX]LRQLDJJLXQWLYHSHUSD]LHQWLDIIHWWLGDWXEHUFRORVLSROPRQDUH,QDJJLXQWDDOOH3UHFDX]LRQL6WDQGDUGHDTXHOOHSHUPDODWWLHWUDVPHVVHSHUYLDDHUHDXWLOL]]DUHOHVHJXHQWLSUHFDX]LRQLSHUL SD]LHQWLFRQWXEHUFRORVLSROPRQDUHDWWLYDDFFHUWDWDRVRVSHWWD &ROORFDUHLOSD]LHQWHSRVVLELOPHQWHLQXQDVWDQ]DGRWDWDGL]RQD ILOWUR 7XWWHOHSHUVRQHFKHHQWUDQRLQFRQWDWWRFRQLOGHJHQWHGHYRQRLQGRVVDUHLGRQHHSURWH]LRQLUHVSLUDWRULHLQGLYLGXDOLULVSRQGHQWL DOODQRUPDWLYDHXURSHD81,(1 IDFFLDOLILOWUDQWLGLFODVVH))3 SHUODFFHVVRDOODVWDQ]DGLGHJHQ]D IDFFLDOLILOWUDQWLGLFODVVH))3 SHUODVVLVWHQ]DDOGHJHQWHGXUDQWHSURFHGXUHFKHLQGXFRQRWRVVH RJHQHUDQRDHURVRO 3URFHGXUHFKHLQGXFRQRWRVVHRJHQHUDQRDHURVRO 7DOLSURFHGXUHHVDHURVROWHUDSLDEURQFRVFRSLDLQGX]LRQHGHOOHVSHWWRUDWRHFFQRQGRYUHEEHURHVVHUHHIIHWWXDWHDPHQR FKHFLzQRQVLDVWUHWWDPHQWHQHFHVVDULR,QTXHVWRFDVRGHYRQRHVVHUHULVSHWWDWHOHLQGLFD]LRQLGLVHJXLWRULSRUWDWH HIIHWWXDUH OH SURFHGXUH LQ ORFDOH LGRQHR FKH DEELD L VHJXHQWL UHTXLVLWL SUHVVLRQH QHJDWLYD ULVSHWWR DOOH DUHH FLUFRVWDQWL HOLPLQD]LRQH GHOODULD GLUHWWDPHQWH DOOHVWHUQR GHO IDEEULFDWR ORQWDQR GD ILQHVWUH R GD SUHVH GDULD R GRSR DGHJXDWD GHFRQWDPLQD]LRQHHXQQXPHURVXIILFLHQWHGLULFDPELGDULD,OSD]LHQWHQRQGHYHODVFLDUHLOORFDOHSULPDFKHDEELDVPHVVRGLWRVVLUH 6H q ULFKLHVWD OD SUHVHQ]D GHOORSHUDWRUH GXUDQWH OHVHFX]LRQH GHOOD SURFHGXUD HJOL GHYH LQGRVVDUH LGRQHD SURWH]LRQH UHVSLUDWRULDGLFODVVH))3 6H OD SURFHGXUD SXz HVVHUH HVHJXLWD VHQ]D OD SUHVHQ]D GHOORSHUDWRUH HJOL QRQ GHYH HQWUDUH QHO ORFDOH SULPD FKH VLD WUDVFRUVRXQWHPSRVXIILFLHQWHDOODULPR]LRQHGHOOHSDUWLFHOOHFRQWDPLQDQWL 3ULPD GHOOLQJUHVVR GL XQ DOWUR GHJHQWH QHO ORFDOH ODVFLDUH WUDVFRUUHUH XQ WHPSR VXIILFLHQWH SHU OD GHFRQWDPLQD]LRQH GHOODULD,Q FDVR GL SURFHGXUH PHGLFKH QRQ HVHJXLELOL LQ VWDQ]D IDUH LQGRVVDUH XQD PDVFKHULQD FKLUXUJLFD DO SD]LHQWH LQIRUPDUH JOL RSHUDWRULGHOODVWUXWWXUDGRYHGHYHHVVHUHWUDVSRUWDWRLOGHJHQWHHGHIIHWWXDUHLOWUDVSRUWRSUHVVRODVWUXWWXUDDFFHWWDQWH HYLWDQGRVHSRVVLELOHODFRQWHPSRUDQHDSUHVHQ]DGLDOWULGHJHQWLQHOODVWHVVDVDODG DWWHVD 27

28 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO 0DODWWLHWUDVPHVVHDWWUDYHUVRGURSOHWJRFFLROLQH Se non è disponibile una camera singola, più pazient i con la st essa pat ologia possono condivider e la st essa st anza. Se non è disponibile la camer a singola e non è possibile il r aggruppament o di pazient i con st essa pat ologia, è necessario mant ener e una separ azione spaziale di DOPHQRPHWUR t r a il degent e inf et t o e alt r i degent i o visit at or i. Non sono necessari speciali t r at t ament i dell'ar ia o par t icolari sist emi di vent ilazione. La por t a della st anza può r imanere DSHUWD I ndossar e una mascher ina chirur gica se si lavora a meno di un met r o di dist anza dal degent e. Limit ar e gli spost ament i del degent e dalla st anza ai soli scopi essenziali. Se lo spost ament o e il t r aspor t o sono indispensabili, è necessar io: inf or mar e il per sonale della st r ut t ura pr esso la quale il degent e viene t r asf er it o e l'addet t o al t r aspor t o della diagnosi di malat t ia t r asmissibile per dr oplet s f ar indossar e al degent e una mascher ina chirur gica, al f ine di minimizzar e la disper sione ambient ale di goccioline r espir at or ie. 28

29 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO 0DODWWLHWUDVPLVVLELOLSHUFRQWDWWR 6HQRQqGLVSRQLELOHXQDFDPHUDVLQJRODSLGHJHQWLFRQODVWHVVDSDWRORJLDSRVVRQRFRQGLYLGHUHODVWHVVDVWDQ]D 6H QRQ q GLVSRQLELOH OD FDPHUD VLQJROD H QRQ q SRVVLELOH LO UDJJUXSSDPHQWR GL GHJHQWL FRQ OD VWHVVD SDWRORJLD q QHFHVVDULR FRQVLGHUDUH OHSLGHPLRORJLDGHOPLFURUJDQLVPRHODSRSROD]LRQHGLSD]LHQWLSULPDGLSURFHGHUHDOODFROORFD]LRQHGHOGHJHQWH,QGRVVDUHXQSDLRGLJXDQWLWXWWHOHYROWHFKHVLHQWUDQHOODVWDQ]D,JXDQWLLPSLHJDWLQHOO DVVLVWHQ]DDOGHJHQWHGHYRQRHVVHUHVRVWLWXLWL VXELWRGRSRLOFRQWDWWRFRQPDWHULDOHFKHSXzFRQWHQHUHDOWHFRQFHQWUD]LRQLGLPLFURUJDQLVPLHVPDWHULDOHIHFDOHHGUHQDJJLGL IHULWH,JXDQWLGHYRQRHVVHUHULPRVVLSULPDGLODVFLDUHODVWDQ]DHVLHIIHWWXDWDLPPHGLDWDPHQWHLOODYDJJLRGHOOHPDQLFRQDQWLVHWWLFR3RUUHOD PDVVLPDDWWHQ]LRQHDIILQFKpOHPDQLSXOLWHQRQWRFFKLQRVXSHUILFLRDUWLFROLSRWHQ]LDOPHQWHFRQWDPLQDWLSUHVHQWLQHOODFDPHUDSHUHYLWDUH GLWUDVIHULUHLPLFURUJDQLVPLDGDOWULGHJHQWHRDOO DPELHQWH,QGRVVDUH XQ FDPLFH TXDQGR VL HQWUD QHOOD VWDQ]D VH VL SUHYHGH XQ LPSRUWDQWH FRQWDWWR GHJOL LQGXPHQWL FRQ LO GHJHQWH VWUXPHQWL R VXSHUILFLFRQWDPLQDWHRSSXUHTXDQGRLOGHJHQWHqLQFRQWLQHQWHR SUHVHQWDGLDUUHDLOHRVWRPLDFRORQVWRPLD RGUHQDJJLGLIHULWHQRQSURWHWWL GDXQDPHGLFD]LRQH5LPXRYHUHLOFDPLFHSULPDGLODVFLDUHODVWDQ]DHSRUUHODPDVVLPDDWWHQ]LRQHDIILQFKpODGLYLVDQRQYHQJDD FRQWDWWR FRQVXSHUILFLDPELHQWDOLSRWHQ]LDOPHQWHFRQWDPLQDWHSHUHYLWDUH GLWUDVIHULUHLPLFURUJDQLVPLDGDOWULGHJHQWHRDOODPELHQWH /LPLWDUHJOLVSRVWDPHQWLGHOGHJHQWHGDOODVWDQ]DDLVROLVFRSLHVVHQ]LDOL 6HORVSRVWDPHQWRHLOWUDVSRUWRVRQRLQGLVSHQVDELOLqQHFHVVDULR LQIRUPDUH LO SHUVRQDOH GHOOD VWUXWWXUD SUHVVR OD TXDOH LO GHJHQWH YLHQH WUDVIHULWR H ODGGHWWR DO WUDVSRUWR GHOOD GLDJQRVL GL PDODWWLD WUDVPLVVLELOHSHUFRQWDWWR DVVLFXUDUVL FKH YHQJDQR PDQWHQXWH OH SUHFDX]LRQL YROWH D SUHYHQLUH OD WUDVPLVVLRQH GL PLFURUJDQLVPL DG DOWUL GHJHQWL H OD FRQWDPLQD]LRQH GHOODPELHQWHHGHOOHDWWUH]]DWXUH 4XDQGR q SRVVLELOH DVVHJQDUH GLVSRVLWLYL H DUWLFROL QRQ FULWLFL HV VILJPRPDQRPHWUR IRQHQGRVFRSLR WHUPRPHWUR HFF DG XQ VLQJROR GHJHQWH 4XDORUD WDOH VLWXD]LRQH QRQ SRVVD UHDOL]]DUVL q QHFHVVDULR WUDWWDUH DGHJXDWDPHQWH LO PDWHULDOH SULPD GHOO XVR VX XQ DOWUR GHJHQWH $OOH PDQRYUH GD DGRWWDUH LQ WXWWH H WUH OH PRGDOLWj GL WUDVPLVVLRQH RFFRUUH HIIHWWXDUH XQD FRUUHWWD HGXFD]LRQH VDQLWDULD ULYROWD VLD DO EDPELQRHLOJHQLWRUHSUHVHQWHVLDDLYDULYLVLWDWRUL,VWUXLUH LO EDPELQR H LO JHQLWRUH FKH OR DVVLVWH VXOOH QRUPH LJLHQLFKH GD RVVHUYDUH SHU SUHYHQLUH OD GLIIXVLRQH GL PLFURUJDQLVPL DG DOWUL GHJHQWL R DOODPELHQWH HV FRSULUVL QDVR H ERFFD FRQ VDOYLHWWH PRQRXVR GXUDQWH JOL DFFHVVL GL WRVVH HOLPLQDUH OH VHFUH]LRQL UHVSLUDWRULH WUDPLWHSWLDORIRUD PRQRXVR 5HJRODPHQWDUHO DFFHVVRGHLYLVLWDWRULHLQIRUPDUOLVXOOHQRUPHLJLHQLFKHGDRVVHUYDUHGXUDQWHODYLVLWDDOGHJHQWHHVODYDJJLRPDQLXVR GHOODPDVFKHULQDHQHOODJHVWLRQHGHLVXRLHIIHWWLSHUVRQDOLHVWUDVSRUWRHODYDJJLRDGRPLFLOLRGHOODELDQFKHULDSHUVRQDOH 29

30 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO E dimost r at o che le TI N per le car at t er ist iche dei lor o ut ent i e la t ipologia di cur e er ogat e sono r epar t i ad alt o r ischio di complicanze dovut e a cause inf et t ive. I l r ischio è det er minat o da f at t or i e condizioni int r inseche al neonat o, quali possono esser e il peso, l et à gest ionale, l immat ur it à del suo sist ema immunit ar io e di diver si or gani come la pelle, i polmoni o il t r at t o int est inale, la pat ologia di base, malf or mazioni, ecc., nonché da condizioni est r inseche legat e alla complessit à delle pr ocedur e diagnost ico-t er apeut iche a cui il neonat o è sot t opost o dur ant e una degenza necessar iament e di maggior e dur at a (gli oper at or i sanit ar i, le at t r ezzat ur e ut ilizzat e e le pr ocedur e da lor o adot t at e, gli spazi, ecc.). Punt ualizzat a la cr it icit à assist enziale nel pr evenir e le inf ezioni nelle TI N, dobbiamo allar gar e la nost r a at t enzione al pazient e pediat r ico in gener ale ed est ender e le pr ecauzioni dovut e a t ut t a la popolazione inf ant ile pr esent e in ospedale per t ener e sot t o cont r ollo, per esempio, inf ezioni r espir at or ie e gast r oint est inali che di f r equent e si dif f ondono nei r epar t i di lat t ant i e divezzi; cosa dir e poi delle malat t ie t ipicament e inf ant ili e alt ament e cont agiose come mor billo, par ot it e, var icella di cui può esser e af f et t o sia il piccolo ut ent e in at t esa di diagnosi al Pr ont o Soccor so che il bambino r icover at o in r epar t i specif ici, se non vengono scr upolosament e osser vat e le pr ecauzioni st andar d e aggiunt ive. I l r ender e l ospedale pediat r ico sempr e più a misur a di bambino r ichiede da una par t e ludot eche, spazi di at t esa con ar r edi par t icolar i e r icchi di giochi, PC e audiot eche, int r at t eniment i con clown e musicist i, "animali in cor sia" (pet t her apy), ecc. e dall'alt r a un'at t enzione cost ant e nell'applicazione delle pr ecauzioni da par t e di oper at or i sanit ar i e non e la r ealizzazione di azioni di sor veglianza mir at e. 30

31 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO Dopo aver escluso una cont aminazione delle st r ut t ur e edilizie e degli impiant i all int er no delle st anze a bassa car ica micr obica è st at a ef f et t uat a una campionat ur a con piast r e cont act su t ut t i gli ar r edi nei quali vengono alloggiat i ogget t i per sonali (p.e. giocat t oli, indument i, pr odot t i per l igiene per sonale, aliment i, ecc.) sanit ar i (car r ello medicazioni all int er no della st anza), economali (p.e. car t a igienica, salviet t e monouso, ecc.), biancher ia piana e casacca/ pant aloni per i genit or i, conf ezioni di aliment ar i dist r ibuit i (p.e. t et r abr ik dell acqua miner ale, ecc.) e della r ubinet t er ia con par t icolar e at t enzione al dif f usor e della doccia (sospet t o di colonizzazione del micr of ilm all int er no delle t ubat ur e). Tut t e le colt ur e er ano posit ive per asper gillus f umigat us con esclusione di quelle r elat ive alla r ubinet t er ia e dif f usor e doccia. 31

32 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKHQHOODGLIIXVLRQHGHOOHLQIH]LRQLRVSHGDO A conclusione dell indagine epidemiologica si può const at ar e che l isolament o sul pazient e con neur oblast oma non è da imput ar e a una cont aminazione per inquinament o st r ut t ur ale bensì all impor t azione del micet e at t r aver so il r if or niment o di pr esidi medico-chir urgici, economali e della biancher ia piana, at t r aver so indument i e ogget t i per sonali dell ut ent e e at t r aver so le conf ezioni degli aliment i (acqua miner ale inclusa) int r odot t i nella st anza a bassa carica micr obica. Dur ant e i vari sopr alluoghi, ef f et t uat i dal G.O., sono st at e suggerit e modif iche pr ocedur ali ed or ganizzat ive come misur e di cont r ollo specif iche f inalizzat e ad evit ar e la cr osscont aminat ion delle super f ici ed degli ogget t i nelle st anze a bassa carica micr obica, invit ando i r esponsabili dell U.O. a pr odur r e le seguent i pr ocedur e/ ist r uzioni oper at ive: ¾ ¾ ¾ ¾ ¾ Lavaggio delle mani Nor me e modalit à di accesso alle st anze a bassa car ica micr obica St occaggio e t rat t ament o decont aminant e di t ut t o il mat eriale in ent r at a alla st anza a bc.m. (mat er iale medico-chir ur gico ed economale, biancheria piana, indument i, ogget t i per sonali, aliment i, st oviglie, ecc) Regolament o compor t ament ale a cui gli ut ent i si devono at t ener e per limit ar e la cont aminazione della st anza a b.c.m. Sanif icazione gior nalier a e per iodica e Sanit izzazione t er minale delle st anze a b.c.m. 32

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 352*(77$=,21(','$77,&$ 3UHVHQWD]LRQH: Consolidiamo la conoscenza dei numeri naturali, decimali e interi relativi, dei procedimenti

Dettagli

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD &2081(',&$625$7(6(03,21( 3URYLQFLDGL9DUHVH $UW5(*2/$0(172(',/,=,2±,QWHUYHQWLGLULVWUXWWXUD]LRQHHGLOL]LD La domanda di Permesso di Costruire dev essere corredata dai seguenti documenti in duplice copia:

Dettagli

Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord. Castiglione delle Stiviere, 22 e 23 m aggio 2004

Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord. Castiglione delle Stiviere, 22 e 23 m aggio 2004 Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord 5LOHYD]LRQHHFRQIURQWRVXOOHSUDVVLGHJOL8IILFLJLXGL]LDULLQUHOD]LRQH DGDOFXQLQRGLFULWLFLGHOGLULWWRHGHOODSURFHGXUDFLYLOHPLQRULOH Castiglione delle Stiviere,

Dettagli

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD 68//(3,67('(,%5,*$17, /,7,1(5$5,2ƒSHUFRUVR L it iner ar io descr it t o è uno dei t ant i possibili che at t r aver sano il 0RQWH 9XOWXUH, e r isult a par t icolar ment e int er essant e per ché consent

Dettagli

67$7872 3URYLQFLDGL0LODQR. (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11.

67$7872 3URYLQFLDGL0LODQR. (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11. 67$7872 '(/&2081(', &86$120,/$1,12 3URYLQFLDGL0LODQR (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11.1999 Modif icat o con deliber azioni di

Dettagli

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE Sportello Unico Immigraione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE 38172&(175$/('(//$/(**(%266,),1,( &+(1(66812 675$1,(5262**,251,,1,7$/,$6(1=$815(*2/$5( &2175$772',/$9252('81$//2**,2$'(*8$72 '/JV1

Dettagli

P.B.L.S. La Vener abile Ar ciconf r at er nit a. di Miser icor dia di SARTEANO

P.B.L.S. La Vener abile Ar ciconf r at er nit a. di Miser icor dia di SARTEANO La Vener abile Ar ciconf r at er nit a di Miser icor dia di SARTEANO a cur a del Coor dinament o delle Cent r ali Oper at ive della Regione Toscana pr opone il manuale di: P.B.L.S. 1 3%/6 Pediat r ic Basic

Dettagli

I nit ial Public Of f ering")

I nit ial Public Of f ering) L' I PO (dall' inglese "I" I nit ial Public Of f ering") è l' of f ert a pubblica iniziale di sot t oscrizione e/ o di vendit a (OPS, OPV o OPVS) di t it oli di una societ à che per la prima volt a viene

Dettagli

Corriere tributario. Le Or igini. Come possono appar ir e i "Candlest icks"

Corriere tributario. Le Or igini. Come possono appar ir e i Candlest icks 1/8 Vi pr esent iamo un br eve lavor o int r odut t ivo alla conoscenza della t ecnica dei char t s con le candele giapponesi ed una veloce car r ellat a di f igur e e f or mazioni più comuni e signif

Dettagli

Matematica classe quinta. Incontro del 15 ottobre 2010. Annarita Monaco. annarita.monaco@tin.it

Matematica classe quinta. Incontro del 15 ottobre 2010. Annarita Monaco. annarita.monaco@tin.it 1 Matematica classe quinta Incontro del 15 ottobre 2010 Annarita Monaco annarita.monaco@tin.it,qglfh,qwurgx]lrqh/dfodvvhtxlqwd«txdolfdudwwhulvwlfkh3ulpdsduwh,vlvwhplglqxphud]lrqh/hsursulhwjghoohrshud]lrql

Dettagli

Vincenzo Balzani. Ravenna, 25 set t embr e 2009

Vincenzo Balzani. Ravenna, 25 set t embr e 2009 Vincenzo Balzani Dipar t iment o di Chimica Giacomo Ciamician Facolt à di Scienze, Univer sit à di Bologna vincenzo.balzani@unibo.it Ravenna, 25 set t embr e 2009 Fot o scat t at a dalla sonda Cassini-

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

RAI FICTION: RAINVENTARAI IL NUOVO RACCONTO PER IL WEB INCONTRA L ARCHIVIO DELLE TECHE RAI

RAI FICTION: RAINVENTARAI IL NUOVO RACCONTO PER IL WEB INCONTRA L ARCHIVIO DELLE TECHE RAI RAI FICTION: RAINVENTARAI IL NUOVO RACCONTO PER IL WEB INCONTRA L ARCHIVIO DELLE TECHE RAI Le serie web incontrano l archivio delle Teche Rai attr aver so la cr eatività dei giovani talenti e le tecnologie

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

D icembre 08 M A GA Z IN E

D icembre 08 M A GA Z IN E D icembre 08 M A GA Z IN E L avventura nel sorprendente paese carioca ha inizio, con il suo verde ed il suo giallo e con mille altri colori che vanno dal bianco pallido della conquista e della ricchezza

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni VBA Il Visual Basic for Application Le funz ioni Le procedure Funz ioni µ E pos s ibile (e cons igliato) s comporre un problema i n sotto- problemi e combinar e poi assieme le s oluz i oni per ottenere

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 8 LEGGE 3 luglio 2014, n. 99 Ratifica ed esecuzione dell'accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo degli Stati Uniti d'america sul rafforzamento della cooperazione nella

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

Numero telefonico d emergenza GARIGLIO CLA UDIO s.r.l. +39(011) 785380 / +39(011) 785366

Numero telefonico d emergenza GARIGLIO CLA UDIO s.r.l. +39(011) 785380 / +39(011) 785366 Sezione 1. IDENTIFICA ZIONE DEL PRODOT TO E DELL A ZIENDA Codice del prodotto MEC-POL FO 500 S Nome del prodo tto Ossido di terra rara Nome del produ ttore: Numero telefonico d emergenza GARIGLIO CLA UDIO

Dettagli

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie C o rs o d i L a u re a in In fe rm ie ris tic a Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROG E T T O DI AP P RE N DIME N T O IN AMB

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Medical devices -------

Medical devices ------- Master in discipline regolatorie Medical devices ------- 1 a edizione Presentazione Il mercato dei dispositivi medici risulta sempre piu complesso e richiede alle aziende che operano nel settore di possedere

Dettagli

CONTRATTO di prestazione di servizi

CONTRATTO di prestazione di servizi CONTRATTO di prestazione di servizi tra CLENEAR S ROSY di Nappi Maria Rosaria con sede in Via Moncenisio, 27-20031 Cesano Maderno (MI) E Nome Cognome. luogo e data di nascita residenza o domicilio.. codice

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

ATTI DEL SEMINARIO Semplicità, innovazione e risparmio nella gestione dell assistenza domiciliare: il caso Domiphone (a cura di Accor Services)

ATTI DEL SEMINARIO Semplicità, innovazione e risparmio nella gestione dell assistenza domiciliare: il caso Domiphone (a cura di Accor Services) Sala Toscanini Palazzo delle Stelline Milano 19 aprile ore 10.00 13.00 ATTI DEL SEMINARIO Semplicità, innovazione e risparmio nella gestione dell assistenza domiciliare: il caso Domiphone (a cura di Accor

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

GLI SPECIALISTI NELLA PROTEZIONE CONTRO FULMINI E SOVRATENSIONI I PIONIERI NELLA PROTEZIONE UN AMPIA GAMMA DI SOLUZIONI SOLUZIONI INTEGRALI

GLI SPECIALISTI NELLA PROTEZIONE CONTRO FULMINI E SOVRATENSIONI I PIONIERI NELLA PROTEZIONE UN AMPIA GAMMA DI SOLUZIONI SOLUZIONI INTEGRALI PROTEZIONE CONTRO I FULMINI E LE Cirprotec PROTEZIONE ESTERNA Gli specialisti nella Protezione contro Fulmini e Sovratensioni Gamma completa di sis temi per la pr otezione esterna contro i fulmini: Parafulmini

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI \ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOL AMENTO EDI L I ZI O E RI CHI AMO AL L E DI SPOSI ZI ONI DI L EGGE E REGOL AMENTI - TITOLO SECONDO - DISCIPLINA DEGLI

Dettagli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli IL PIANETA TERRA IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli all a r e a su. EQUATORE: piano perpendic lare all i rotazione,

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Le Infezioni nosocomiali nella realtà degli Ospedali liguri: un up to date con il contributo di casistiche personali ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Dott.. G. CALCAGNO Responsabile S.S. Prevenzione rischio

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI Premessa La presente relazione fornisce i criteri e le modalità mediante i quali verranno valutate le dosi efficaci per lavoratori dipendenti,

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO modulo & componenti ANNO 1 - LIVELLO 4 - YEAR 1BSc Scienze di base/mediche 1A: BIOSCIENZE Codice OS401 BAS1A-BIO Ore lezione, tirocinio, ricerca Ore di apprendimento Crediti UK 164 300 30 15 Crediti ECTS

Dettagli

PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI

PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI GENERAZIONE ARCHIVI Per generazione archivi si intende il riportare nel nuovo anno scolastico tutta una serie di informazioni necessarie a preparare il lavoro

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l.

LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l. LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l. t " : SULUPPO PER VIA GRAFICA n mpionamento del segnale analogico x(t) produce una sequenza xsgts) il cui spettro nel dominio della frequ enza è periodico, sicché

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Va, pensiero Chorus of Hebrew Slaves from Verdi s Nabucco

Va, pensiero Chorus of Hebrew Slaves from Verdi s Nabucco a, pensiero Chorus of Hebre Slaves from erdi s Nabuo a, pensiero, sull ali dorate; a, ti posa sui livi, sui olli, Ove olezzano tepide e molli L aure doli del suolo natal! Del Giordano le rive saluta, Di

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr.

Dettagli

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente - indirizzo postale:

Dettagli

Partner unico, vantaggi infiniti.

Partner unico, vantaggi infiniti. Partner unico, vantaggi infiniti. Affidabilità, la nostra missione. Un unico interlocutore per molteplici servizi: è questa la forza di Tre Sinergie, azienda che opera nel settore del global service e

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento Ing. GianPiero Pavirani Bologna, 21 Novembre 2012 Sommario 1. Le attività di manutenzione 2. La normativa di riferimento: 1. 2. 3. Istruzione

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN PAOLO MILANO - Via A. Di Rudinì, 8 U.O. Amministrazione risorse umane/pd BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER

Dettagli

n 36 Dicembre 2010 Social Housing e Riqualificazione Urbana

n 36 Dicembre 2010 Social Housing e Riqualificazione Urbana Regione Emilia-Romagna n 36 Dicembre 2010 Informazioni sulla Riqualificazione Urbana e Territoriale Social Housing e Riqualificazione Urbana Matrice della rigenerazione urbana: parametri e indicatori condivisi

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

CODICI ALLARME CALDAIA HERMANN EURA

CODICI ALLARME CALDAIA HERMANN EURA CODICI ALLARME CALDAIA HERMANN EURA Quali sono le anomalie che possono riguardare la caldaia Hermann Eura e i codici di allarme che identificano i guasti. Un'utile guida per risalire ai guasti tecnici

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014.

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014. ROMA CAPITALE Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici. Giovani e Pari Opportunità Direzione de i Se rvizi Educativi e Sco lastici U.O. Serv,zi d, Supporto al sist ema educativo e scolastico RO M A

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla II I RELAZIONE TECNICA t relativa alla PROTEZIONE CONTRO I FULMINI di struttura adibita a Ufficio. sita nel comune di AF.EZZO (AR) PROPRIET A' AP{EZZO MULTISERVIZI SRL Valutazione del rischio dovuto al

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE corso di aggiornamento GESTIONE DELLA CARDIOPATIA ISCHEMICA CRONICA STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare Direttore scientifico: 18 aprile 2015 Sala Rosangelo Mazzarino (CL) edizione 1 PROGRAMMA

Dettagli

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI!

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI! Le ALL ITALIANA CREA LA TUA ALL ITALIANA Decidi di essere oriin le, cre tivo e diverso d i tuoi concorrenti : Cre le tue person lissime cup c kes ll it li n, LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO,

Dettagli

Accordo Stato Regioni 27 luglio 2011. Genova, 1 dicembre 2011

Accordo Stato Regioni 27 luglio 2011. Genova, 1 dicembre 2011 uadro normativo sistema IeFP Accordo Stato Regioni 27 luglio 2011 Genova, 1 dicembre 2011 Contenuti Repertorio Nazionale dell offerta di IFP Figure di differente livello articolabili in specifici profili

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI FORLì-CESENA

PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI FORLì-CESENA Servizio Istruzione, Formazione e Politiche del Lavoro Ufficio Pianificazione Azioni di sistema, formazione per utenze svantaggiate e femminili PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI

Dettagli

I Regione. ASL Lecco. Lombardia. DELIBERAZIONE N. 145 flfj 27 MARZO 2013. Finanziamento

I Regione. ASL Lecco. Lombardia. DELIBERAZIONE N. 145 flfj 27 MARZO 2013. Finanziamento Finanziamento I Regione Lombardia ASL Lecco DELIBERAZIONE N. 145 flfj 27 MARZO 2013 OGGETTO: DIPARTIMENTo DI PREVENZIONE VETERINARIA dei progetti concernenti l attuazione delle azioni programmate dalla

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad Attraverso questo applicativo è possibile visualizzare tutti gli ingressi del DVR attraverso il cellulare. Per poter visionare le immagini

Dettagli

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren.

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren. Cari lettori Oggi della pulizia del nostro paese vi voglio parlare, che per come funziona, troppo cara ce la fanno pagare. Pe quanda solt co senec ne fasce pagà de rummat, Putignan er a iess nu paes, splendente

Dettagli

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 MOD.COM/VIT COMUNE di VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 1 SEMESTRE (scrivere a macchina o in stampatello) 2 SEMESTRE 01 Denominazione del Villaggio Turistico

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Malattia da Virus Ebola (MVE) Approfondimento sui dispositivi di protezione individuale: caratteristiche tecniche ed uso

Malattia da Virus Ebola (MVE) Approfondimento sui dispositivi di protezione individuale: caratteristiche tecniche ed uso Aggiornamento: 20 Ottobre 2014 Malattia da Virus Ebola (MVE) Approfondimento sui dispositivi di protezione individuale: caratteristiche tecniche ed uso 1. Introduzione Il presente aggiornamento tecnico

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità 1 Introduzione La riscossione delle imposte è un attività che risale ai tempi antichi. Richiami al pagamento delle imposte si trovano anche nell Antico Testamento.

Dettagli

SJ. /.;j.,/!1f l.9-,ç; Prot. D.3Wledel

SJ. /.;j.,/!1f l.9-,ç; Prot. D.3Wledel SJ. '. :! I. l i,... ". ' ~i"ne 'Cumj'oniu f/$eddén&e Prot. D.3Wledel /.;j.,/!1f l.9-,ç; Ai Commissari Straordinari delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere Ai Direttori

Dettagli

Un spazio vegan dedicato alla sperimentazione sociale ed ecologica

Un spazio vegan dedicato alla sperimentazione sociale ed ecologica Un spazio vegan dedicato alla sperimentazione sociale ed ecologica Siamo un gruppo di persone provenienti da ambienti diversi che condividono un sogno comune: vivere in armonia con la natura e di tutti

Dettagli