La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo?"

Transcript

1 Il Marketing Interno per valorizzare la Funzione Acquisti Milano, 6 Novembre 2014 PROCUREMENT HOUR La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo?

2 Indice 1 IMPORTANZA STRATEGICA DEGLI ACQUISTI 2 POSIZIONAMENTO ORGANIZZATIVO DEGLI ACQUISTI 3 IL MARKETING INTERNO DEGLI ACQUISTI 2

3 IMPORTANZA STRATEGICA DEGLI ACQUISTI Gli Acquisti generano Utile e Valore all azienda UTILE Ogni azione di riduzione dei costi d acquisto ha un impatto diretto sull utile dell azienda; a fronte di una riduzione minima del costo totale d acquisto il Commerciale, per garantire lo stesso incremento di utile, deve ottenere un elevato aumento di fatturato. AZIEN DA XXXX Fattu rato Incidenza Acquisti su fatturato 60% Utile 5% Riduzione dei Costi d'acquisto 2% Incremento % dell'utile 24% Per esempio, per garantire l incremento di utile del 24%, a fronte di una riduzione del 2% dei Costi d acquisto, l aumento di fatturato deve essere maggiore del 20%.

4 IMPORTANZA STRATEGICA DEGLI ACQUISTI Gli Acquisti generano Utile e Valore all azienda VALORE Il Valore è il Rapporto tra Prestazioni e Costi Totali. La Direzione Acquisti deve sviluppare una Strategia d Acquisto e dei Piani di riduzione dei Costi Totali e di massimizzazione del Valore d Acquisto. Per Ottenere Valore è necessario agire su tutto il Processo d Acquisto fin dall inizio Gli Acquisti possono e devono contribuire alla profittabilità delle aziende; ciò significa che gli Acquisti devono definire strategie per aiutare l azienda a competere con tutti, dovunque, in qualsiasi momento con l obiettivo di generare Vantaggio Competitivo.

5 IMPORTANZA STRATEGICA DEGLI ACQUISTI Gli Acquisti generano Utile e Valore all azienda VANTAGGIO COMPETITIVO: ACQUISTI E STRATEGIA AZIENDALE Dalla Strategia dell azienda al contributo degli Acquisti nel generare vantaggio competitivo. Gli obiettivi dell azienda e di conseguenza la strategia aziendale devono essere gli input per riorganizzare gli acquisti e definire una strategia a medio e lungo termine. TRE sono le fasi per integrare la strategia degli acquisti alla strategia aziendale. Mercato FCS (fattori critici di successo) Business Plan Purchasing Strategic Plan Riduzione dei Costi Totali d Acquisto (miglioramento della Redditività aziendale) Action Plan Queste3fasisonolabasedipartenzaperdefinirelapolitica, la strategia d acquisto e le azioni di miglioramento da intraprendere.

6 DOMANDE E RIFLESSIONI Alcune Domande 1. Gli Acquisti hanno una visione strategica (3 anni) coerente con il business dell azienda? 2. Gli Acquisti fanno parte del Board o Steering Committee dell azienda? 3. Investiamo nel considerare gli Acquisti come Centro di Profitto e non di Costo? 4. Il numero di persone è idoneo a svolgere le attività strategiche, tattiche e a valore aggiunto? 5. Le competenze presenti sono idonee ai Ruoli, Responsabilità ed obiettivi degli Acquisti? 6. Diamo obiettivi di miglioramento delle performance d Acquistomotivando ed incentivando le persone? 7. Lavoriamo sul processo d Acquisto coinvolgendo e corresponsabilizzando il Cliente Interno sugli stessi obiettivi? 8. Qual è la credibilità e visibilità degli Acquisti all interno dell azienda? 9. Come gli Acquisti sono percepiti all interno dellazienda? SVILUPPO PRODOTTO: Progettare a Costo Target ACQUISTI: Ridurre il Costo Totale d Acquisto MANUFACTURING: Produrre con flusso veloce ed efficiente LOGISTICA: Ottimizzare i costi di Magazzino e di Distribuzione PROJECT MANAGEMENT: migliorare le performance di Progetto 6

7 DOMANDE E RIFLESSIONI Esempio di percezione Clienti Interni COSA PENSA L'UFFICIO ACQUISTI: RICHIESTE DI TEMPI DI CONSEGNA TROPPO BREVI (66%) SPECIFICHE TROPPO RESTRITTIVE (54%) MODIFICHE TROPPO FREQUENTI (46%) INDISPONIBILITA' AD ACCETTARE SUGGERIMENTI SULL'ACQUISTO (40%) RICHIESTE DI PARTI SPECIALI QUANDO SONO DISPONIBILI STANDARD (30%) COSA PENSA L'UFFICIO TECNICO: SCARSA CONOSCENZA DEL PRODOTTO (57%) SVILUPPO ACQUISTO PRODOTTO: BASATO Progettare SOLO a Costo SUL PREZZO Target (51%) ASSENZA DI FEEDBACK (49%) ACQUISTI: Ridurre il Costo Totale d Acquisto RIGIDITA' DEGLI ACQUISITORI (40%) MANUFACTURING: INDISPONIBILITA' Produrre ALLA con flusso RICERCA veloce DIed NUOVI efficiente FORNITORI (26%) LOGISTICA: Ottimizzare i costi di Magazzino e di Distribuzione inchiesta della rivista PURCHASING (USA), 1995 PROJECT MANAGEMENT: migliorare le performance di Progetto 7

8 COERENZA ORGANIZZATIVA POSIZIONAMENTO ORGANIZZATIVO DEGLI ACQUISTI Anche se è ormai riconosciuto il ruolo strategico, in termini di redditività e competitività, della Direzione Acquisti ancora esistono difficoltà e resistenze da parte della Direzione Aziendale nel valorizzare il suo ruolo all interno dell azienda. Questa crescente consapevolezza dell importanza strategica non sempre è accompagnata, in modo coerente, da un posizionamento organizzativo in termini di dipendenza gerarchica, livelli, retribuzioni e sistemi di incentivazione. CONFRONTIAMOCI CON LE VENDITE

9 VENDITA ED ACQUISTO: OBIETTIVI DIVERSI E STRATEGIE COMUNI ACQUISTI 1. VANTAGGIO ECONOMICO (Risparmio: prezzi, costi) 2. QUALITA' 3. SERVIZIO (Affidabilità, precisione, puntualità,...) 4. FLESSIBILITA' (Time to market, quantità, mix) 5. AFFIDABILITA' DI COMPORTAMENTO 6. SICUREZZA CONTRATTUALE VENDITA 1. VANTAGGIO ECONOMICO (Utile: prezzi, costi) 2. IMMAGINE AZIENDALE 3. QUOTE DI MERCATO 4. SVILUPPO DEL BUSINESS 5. AFFIDABILITA' DI COMPORTAMENTO 6. SICUREZZA CONTRATTUALE STRATEGIE COMUNI 1. CONOSCERE E VALUTARE I MERCATI 2. SVILUPPARE L'IMMAGINE COMMERCIALE 3. CAPIRE E VALUTARE LA "CONTROPARTE" COMMERCIALE 4. GESTIRE I PARTNER "STRATEGICI" (CLIENTI O FORNITORI)

10 VENDITA ED ACQUISTO: OBIETTIVI DIVERSI E STRATEGIE COMUNI L'approccio al mercato tradizionalmente prescelto dalla maggior parte delle aziende per domanda ed offerta è sempre stato sostanzialmente diverso: 1. Oltre alle opportune differenze di obiettivi e strategie si possono quasi sempre riscontrare forti squilibri nei mezzi impiegati (persone, investimenti, strumenti, formazione,..) per vendere rispetto a quelli impiegati per acquistare 2. Molto diverso è inoltre l'atteggiamento verso il mercato: attivo ed aggressivo quello della vendita, passivo e statico quello degli acquisti 3. Vendite come Centro di Profitto, Acquisti come Cento di Costo 4. Investimenti nelle Vendite e Costi negli Acquisti Quale strategia per migliorare il Posizionamento Organizzativo degli Acquisti?

11 VENDITE ACQUISTI Dipendenza da Direzione Generale: primo livello manageriale Presenza nello Steering Committe Livello dirigenziale Ottimo livello retributivo Sistema incentivante: elevata quota variabile (su Fatturato e non sempre marginalità Forte coinvolgimento nelle attività manageriali di direzione d'impresa: Strategia(Business Plan) politiche commerciali ricerca tecnologica pianificazione di impresa sviluppo nuovi prodotti Ricerche di mercato Nuovi prodotti Comunicazione Dipendenza non sempreda Direzione Generale: secondo livello manageriale Spesso non presenti nello Steering Commite Livello spesso dirigenziale Livello Retributivo non sempre idoneo alle responsabilità e alla gestione del valore economico ed impatto su utile Assenza di sistemi di incentivazione per tutta la struttura Scarso coinvolgimento nelle attività manageriali di direzione d'impresa Pianificazionelimitata al solo budget degli acquisti e non al business plan dell azienda Quale strategia per migliorare il Posizionamento Organizzativo degli Acquisti?

12 Il posizionamento organizzativo, in termini di livello, retribuzione e sistema di incentivazione, è di solito legato ai livelli di responsabilità che la posizione prevede e alla gestione del valore economico ed impatto sull utile. Livelli Molti Direttori Acquisti non sono ancora inquadrati come Dirigenti ; questo vale soprattutto per le aziende di media dimensione e senza una cultura da multinazionale. Le cause possono essere molteplici; alcune sono riferite alla difficoltà di percezione che la Direzione ha del contributo strategico che possono generare gli Acquisti, altre sono invece legate alla necessità di sviluppo di competenze e capacità (leadership) delle persone che svolgono il ruolo di Direttore Acquisti (livello manageriale non sempre all altezza delle esigenze richieste dal nuovo ruolo). Retribuzioni Purtroppo i livelli retributivi fissi non sempre sono allineati ai livelli di responsabilità e al contributo di redditività ed utile che genera all interno dell azienda; questo vale soprattutto se ci confrontiamo per esempio con un Direttore Commerciale, Vendite, Stabilimento e Finanza e Controllo. Obiettivo della Direzione Acquisti è riuscire ad allineare i livelli retributivi alle responsabilità delle altre principali Funzioni Aziendali.

13 SISTEMA DI INCENTIVAZIONE MBO e sistemi di incentivazione Il sistema di incentivazione si base sempre su un sistema di valutazione delle prestazioni; la valutazione deve essere vista come una opportunità di miglioramento personale e professionale. Infatti la valutazione si basa sui principi del miglioramento continuo. Il sistema di retribuzione variabile per gli Acquisti (tipico per il Commerciali), quasi mai è presente, in particolare: i sistemi Mbo per i responsabili, se presenti arrivano mediamente ad un 20%. i sistemi di incentivazione per i buyers, se sono presenti arrivano a circa una mensilità (assimilabile al premio di risultato aziendale)

14 SISTEMA DI INCENTIVAZIONE Alcune considerazioni sul sistema di incentivo per la Direzione Acquisti 1. Il sistema di incentivo deve essere sempre giustificato economicamente: con riferimento agli obiettivi di miglioramento dei Costi Totali d'acquisto. 2. E' importante definire un massimo di incentivo per Posizioni presenti all'interno della Funzione Acquisti, legato ad una % sulla Retribuzione Fissa. 3. Non deve essere finalizzato solo alla Riduzione dei Costi d'acquisto: il rischio è di innescare una "pericolosa" caccia al prezzo più basso senza considerare la QUALITA' e il SERVIZIO. 4. L'incentivo economico è da legare al raggiungimento congiunto di più parametri: COSTI, TEMPO, QUALITA'; basta non raggiungere un obiettivo legato ai Parametri Qualità e Tempo per escludere quello legato alla riduzione di Costo; 5. L'incentivo deve, per non creare "rivalità interne", essere legato agli obiettivi del Gruppo di Lavoro, con una parte variabile legata alle capacità individuali. 6. La curva di incentivo deve spingere le persone al miglioramento continuo delle prestazioni. Per evitare di chiedere ed inserire sistemi di incentivazione specifici per gli acquisti, che presuppongono comunque un riferimento ed un cambiamento della politica retributiva aziendale, è meglio definire dei premi come una tantum al raggiungimento di specifici obiettivi di miglioramento delle performance d acquisto (non solo per la riduzione di costi, ma anche per il miglioramento della qualità e servizio).

15 VALORIZZARE GLI ACQUISTI ALL INTERNO DELLA AZIENDA Il Purchasing Mix del Marketing d Acquisto Product Price Una delle difficoltà più presenti in azienda è la capacità di rimuovere i vincoli d acquisto generati dai clienti interni e la capacità di dare visibilità, credibilità e valore degli Acquisti alla Direzione Generale. Nonostante la presa di coscienza dell importanza di questi aspetti, molto spesso, vengono sottovalutate le azioni che si possono effettuare per migliorarli; va quindi definito un piano di Marketing Interno con dei precisi obiettivi e delle azioni per poterli raggiungere. Market Communi cation Come sviluppare un piano di Marketing Interno degli Acquisti Fare Marketing degli Acquisti significa vendere positivamente il proprio ruolo, i risultati ottenuti e il contributo in termini di vantaggio competitivo per l azienda; significa sviluppare una leadership riconosciuta all interno dell azienda. Marketing Interno degli Acquisti Quali azioni e quali obiettivi la Direzione Acquisti deve prefissarsi nei confronti della Direzione Generale e dei Clienti interni?

16 QUAL E STRATEGIA PER MIGLIORARE IL POSIZIONAMENTO ORGANIZZATIVO? Il Marketing Interno della Funzione Acquisti si intende quel processo di leadership (Comunicazione) rivolto alla Direzione Generale, ai Clienti Interni e ai propri Collaboratori. Direzione Generale Obiettivi Condividere obiettivi strategici Aumentare la visibilità e la credibilità della Direzione Acquisti Ottenere il Commitment per un ruolo strategico degli Acquisti Azioni Definizione del Piano Strategico degli Acquisti Integrazione a Strategia Commerciale Reporting di avanzamento sui risultati ottenuti Presentazione su Processo Acquisti e Ruolo Clienti Interni Capacità di comunicazione e relazione

17 IL MARKETING INTERNO DEGLI ACQUISTI QUAL E STRATEGIA PER MIGLIORARE IL POSIZIONAMENTO ORGANIZZATIVO? Il Marketing Interno della Funzione Acquisti si intende quel processo di leadership (Comunicazione) rivolto alla Direzione Generale, ai Clienti Interni e ai propri Collaboratori. Per ottenere i migliori Risultati di massimizzazione del Valore d Acquisto dobbiamo con il nostro Cliente Interno: 1. Comunicare 2. Coinvolgere 3. Condividere 4. Collaborare 5. Corresponsabilizzare Clienti Interni Obiettivi Informare su andamenti, nuovi prodotti/servizi, su attività e criticità degli acquisti Coinvolgere su obiettivi comuni e collaborare Condividere e corresponsabilizzare i clienti interni su obiettivi comuni legati al processo d acquisto Soddisfare le esigenze del cliente interno Azioni Piano strategico acquisti Reporting sulle attività e i progetti della Direzione Acquisti Acquisti in team Riunioni interfunzionali Presentazione su Processo Acquisti e Ruolo Clienti Interni Capacità di comunicazione e relazione Il Valore d Acquisto si ottiene lavorando su tutto il processo d acquisto: più il prodotto è complesso e più le competenze risiedono a Monte (Cliente Interno) è fondamentale corresponsabilizzare tutte le figure del processo d acquisto ad obiettivi e risultati (Acquisto in Team).

18 QUAL E STRATEGIA PER MIGLIORARE IL POSIZIONAMENTO ORGANIZZATIVO? Alcune azioni principali da intraprendere, per migliorare il Posizionamento Organizzativo degli Acquisti, e aumentare la credibilità e visibilità: 1. Sviluppare il Piano Strategico degli Acquisti (su un orizzonte di 3 anni); 2. Creare una visione futura, con il consenso della Direzione, al fine di controllare e sviluppare il processo d acquisto; 3. Valutare la qualità e la capacità dell attuale funzione acquisti per supportare gli obiettivi ed i traguardi aziendali; 4. Riprogettare e reingegnerizzareil processo di acquisto (interfunzionale) con l obiettivo di massimizzare il contributo a livello aziendale, ristrutturando gli acquisti sia da un punto di vista tattico che strategico; 5. Identificare le persone chiave adatte ad assumere la leadership ed in grado di supportare il cambiamento continuo a livello acquisti azienda; 6. Stabilire piani di sviluppo professionale per le persone, in linea con le esigenze attuali e future dell azienda, ristrutturando, allo stesso tempo, sistemi di misura, di valutazione ed incentivazione

19 ALCUNE AZIONI PER MIGLIORARE IL POSIZIONAMENTO ORGANIZZATIVO Strategia: dal Budget al Piano Strategico Dal Budget al Target Dal Piano operativo al Piano Strategico Contributo al Commerciale per il posizionamento competitivo Negoziazione: dal Commercial al Technical Saving Sviluppare l early involvment Design/Specifications Review, Rengineering di prodotto/servizio, Process Improvement Implementare gli Acquisti in Team Reporting: Beyond Saving Impostazione KPI oltre il Saving Introdurre il TCO Introdurre il concetto di valore Visual Management La definizione del piano strategico ed operativo degli acquisti è il primo passo fondamentale per sviluppare in modo proattivo il Marketing Interno della Funzione Acquisti. Il REPORTING DIREZIONALE degli Acquisti è un ulteriore ed importante strumento di comunicazione interna sia nei confronti della Direzione Generale sia nei confronti dei Clienti Interni.

20 Il piano strategico degli Acquisti La definizione del Piano Strategico degliacquisti con una visione a 3 anni migliora e mantiene la competitività dell azienda nel breve, medio e lungo periodo

21 IL PIANO DICOMUNICAZIONE INTERNA: AUMENTARE CREDIBILITÀ, VISIBILITÀ E POSIZIONAMENTO ORGANIZZATIVO Il livello di importanza della funzione acquisti all interno della struttura organizzativa aziendale può crescere ulteriormente; è importante però che il management degli acquisti tenga presente alcuni aspetti: E necessario conoscere la posizione competitiva dell azienda al fine di capire come poter creare valore. Bisogna implementare strategie proattive che aggiungano valore al prodotto realizzato; tra queste la gestione dei costi totali, la collaborazione nello sviluppo di nuovi prodotti, la creazione di alleanze di lungo periodo e l outsourcing; Nella loro posizione di leadership, i manager degli acquisti dovrebbero: Avere la consapevolezza che gli acquisti possono dare un contributo importante alla competitività aziendale. Conoscere le nuove tendenze a livello di business. Introdurre dei cambiamenti che possano accrescere il valore della funzione acquisti all interno dell organizzazione. Dimostrare come la propria strategia supporti quella aziendale.

22 IL PIANO DICOMUNICAZIONE INTERNA: AUMENTARE CREDIBILITÀ, VISIBILITÀ E POSIZIONAMENTO ORGANIZZATIVO continua Rivedere la cultura degli acquisti per assicurarne la compatibilità con quella aziendale. Assumere e formare persone competenti che possiedano la conoscenza del business e dei prodotti, che abbiano attitudini a lavorare in team, a sviluppare le proprie conoscenze Avere elevata visibilità e gestione dell intero processo d acquisto per corresponsabilizzare il Cliente Interno e valorizzarlo alla Direzione Generale. Sviluppare la propriastrategia d acquisto coerentemente alle priorità del mercato di rifermento Sviluppare un nuovo sistema di Reporting (Beyond Saving)

23 Consulenza e Formazione nelle Operations MIGLIORIAMO LA COMPETITIVITA DELL AZIENDA SVILUPPO PRODOTTO: Progettare a Costo Target ACQUISTI: Ridurre il Costo Totale d Acquisto MANUFACTURING: Produrre con flusso veloce ed efficiente LOGISTICA: Ottimizzare i costi di Magazzino e di Distribuzione PROJECT MANAGEMENT: migliorare le performance di Progetto Grazie Contatti: Ing. Francesco Calì Managing Director E: M: under construction - 23

Francesco Calì. Value Purchasing. Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto. MANAGEMENT FrancoAngeli

Francesco Calì. Value Purchasing. Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto. MANAGEMENT FrancoAngeli Francesco Calì Value Purchasing Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto MANAGEMENT FrancoAngeli MANAGEMENT Visioni, esperienze, metodologie per potenziare competenze e capacità: proprie

Dettagli

ACQUISTI IN TEAM ACQUISTI IN TEAM PROCUREMENT HOUR. Corresponsabilizzare i Clienti Interni al miglioramento delle performance d acquisto

ACQUISTI IN TEAM ACQUISTI IN TEAM PROCUREMENT HOUR. Corresponsabilizzare i Clienti Interni al miglioramento delle performance d acquisto ACQUISTI IN TEAM PROCUREMENT HOUR ACQUISTI IN TEAM Corresponsabilizzare i Clienti Interni al miglioramento delle performance d acquisto 1 Indice 1 ACQUISTARE VALORE DAL MERCATO 2 IL PROCESSO D ACQUISTO

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale Le caratteristiche must have del software gestionale ideale ww.microsa Quali sono i principali elementi da tenere in considerazione per la scelta del Quali software sono i ottimale? principali elementi

Dettagli

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Corsi internazionali, corsi in house, master e convegni: la qualità dell insegnamento è sempre garantita da docenti selezionati,

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD di Davide Mondaini e Violante Battistella (*) I costi logistici rappresentano una voce rilevante all interno del Conto Economico aziendale.

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 5. STRATEGIA, PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione d azienda Pianificazione strategica Pianificazione

Dettagli

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE SALESFORCE EFFECTIVENESS 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ DISPORRE DI PROCESSI COMMERCIALI PIÙ COMPETITIVI? Realizzare nel tempo una crescita

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

Export Development Export Development

Export Development Export Development SERVICE PROFILE 2014 Chi siamo L attuale scenario economico nazionale impone alle imprese la necessità di valutare le opportunità di mercato offerte dai mercati internazionali. Sebbene una strategia commerciale

Dettagli

UN CASO AZIENDALE CASI AZIENDALI: N 00103/2008. Value Management System Un caso aziendale. Pagina n 1 Pagine totali 7

UN CASO AZIENDALE CASI AZIENDALI: N 00103/2008. Value Management System Un caso aziendale. Pagina n 1 Pagine totali 7 Pagina n 1 CASI AZIENDALI: N 00103/2008 UN CASO AZIENDALE SETTORE: COMMERCIO FORMA GIURIDICA: SNC PROBLEMA: SITUAZIONE DI INDEBITAMENTO FINANZIARIO OBIETTIVO: RIORGANIZZAZIONE SISTEMA DI GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato

SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato Firenze, 22 Febbraio 2008 Massimo Maraziti presentiamoci Process Factory

Dettagli

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price Pricing Strategy Approfondimenti tematici settembre 2013 Le informazioni contenute nel presente documento sono classificate riservate e confidenziali ad esclusivo

Dettagli

Il management cooperativo e l innovazione

Il management cooperativo e l innovazione AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle imprese venete Il management cooperativo e l innovazione DGR n. 784 del 14/05/2015 - Fondo Sociale Europeo in sinergia con

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELL INNOVAZIONE COME GESTIRE I PROGETTI IN MODO PIÙ SEMPLICE, VELOCE E COLLABORATIVO? COME RENDERE LA PROGETTAZIONE E LO SVILUPPO DEI PRODOTTI PIÙ VELOCE ED EFFICIENTE? COME RIDURRE LA COMPLESSITÀ DEI PRODOTTI GARANTENDO

Dettagli

Le caratteristiche distintive di Quick Budget

Le caratteristiche distintive di Quick Budget scheda prodotto QUICK BUDGET Mercato imprevedibile? Difficoltà ad adeguare le risorse a una domanda instabile e, di conseguenza, a rispettare i budget?tempi e costi troppo elevati per la creazione di budget

Dettagli

Chi siamo Vision, Mission Gli ambiti di intervento

Chi siamo Vision, Mission Gli ambiti di intervento > Gruppo Q&O MCS consulting Chi siamo Vision, Mission Gli ambiti di intervento Gli obiettivi per il Cliente Approccio metodologico www.qeoconsulting.com www.mcs-tv.com Chi siamo Con base a Reggio Emilia

Dettagli

Migliorare le performance negoziali d acquisto

Migliorare le performance negoziali d acquisto Migliorare le performance negoziali d acquisto IWIN lo strumento web-intranet per sviluppare il knowledge management negoziale Relatore Francesco Calì Azienda: Valeoin Indice: migliorare le performance

Dettagli

I fattori di successo nell industria dei fondi

I fattori di successo nell industria dei fondi Financial Services Banking I fattori di successo nell industria dei fondi Un marketing ed una commercializzazione strategici sono la chiave per l acquisizione ed il mantenimento dei clienti Jens Baumgarten,

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

CAPITALIZZARE DAL PASSATO PER ECCELLERE NEL FUTURO

CAPITALIZZARE DAL PASSATO PER ECCELLERE NEL FUTURO Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano IL VALORE DEL VIAGGIO NEL TEMPO Nuovo Museo del Duomo 22 Maggio 2014 LA STORIA E GLI ACQUISTI Procurement Hour CAPITALIZZARE DAL PASSATO PER ECCELLERE NEL FUTURO

Dettagli

Risultati. Competenze. Soluzioni. Catalogo Formazione

Risultati. Competenze. Soluzioni. Catalogo Formazione Risultati Competenze Soluzioni Catalogo Formazione Benvenuti! Mauro Nardon, Consulente di Direzione e di Organizzazione Aziendale, Manager e tecnico di azienda, dopo aver acquisito negli anni adeguate

Dettagli

Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento. Proverbio cinese

Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento. Proverbio cinese Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento Proverbio cinese Cogito ERGO sum Cartesio solutions s.r.l. è una società che vuole essere al servizio delle Aziende

Dettagli

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain State cercando di migliorare la gestione della supply chain della vostra organizzazione? Mappare i processi rappresenta una modalità

Dettagli

MARKETING VENDITE Confindustria Servizi Srl Ente di formazione accreditato dalla Regione Marche

MARKETING VENDITE Confindustria Servizi Srl Ente di formazione accreditato dalla Regione Marche MARKETING VENDITE Confindustria Servizi Srl Ente di formazione accreditato dalla Regione Marche legale: Corso Mazzini 151, Ascoli Piceno operativa: C.da S. Giovanni Scafa, San Benedetto del Tronto (centro

Dettagli

km brochure pdf cover documento aggiornato il 31.10.2004 Knowledge management Trasferire la conoscenza da chi la possiede a chi la richiede

km brochure pdf cover documento aggiornato il 31.10.2004 Knowledge management Trasferire la conoscenza da chi la possiede a chi la richiede km brochure pdf cover documento aggiornato il 31.10.2004 Knowledge management Trasferire la conoscenza da chi la possiede a chi la richiede km brochure pdf indice documento aggiornato il 31.10.2004 km

Dettagli

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia Analizzare e gestire il CAMBIAMENTO tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CAMBIAMENTO Le aziende sono sempre più di frequente poste di fronte al cambiamento. Oggi ai manager si richiede

Dettagli

PROTEO srl Consulenti di Direzione ed Organizzazione

PROTEO srl Consulenti di Direzione ed Organizzazione La missione Affiancare le aziende clienti nello sviluppo e controllo del loro business Servire il suo Cliente con una offerta illimitata e mirata a risolvere le Sue principali esigenze Selezionare Partners

Dettagli

Le idee per il tuo futuro: un business possibile!

Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Antonio Usai ausai@uniss.it Marketing strategico e sviluppo nuovi prodotti Dipartimenti di scienze economiche e aziendali Università degli Studi di Sassari

Dettagli

Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI. Marketing Mix - PREZZO

Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI. Marketing Mix - PREZZO Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI Marketing Mix - PREZZO Erika Pignatti Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie A.A. 2007-2008 30/11/2007 1 Le decisioni di prezzo Per

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Il nostro concetto di business

Il nostro concetto di business Il nostro concetto di business Il concetto di business GOANDPLY ruota attorno a tre elementi principali: la volontà di mettere a disposizione delle aziende le proprie idee, creatività, knowledge ed esperienza

Dettagli

Redditività aziendale: i sistemi incentivanti per migliorare le performance aziendali

Redditività aziendale: i sistemi incentivanti per migliorare le performance aziendali Redditività aziendale: i sistemi incentivanti per migliorare le performance aziendali Dott. Alberto Sesini Managing Director Sesini & Associati sas 21-22 maggio 2008 - Centro Congressi VeronaFiere Il contesto

Dettagli

La Pianificazione Operativa o Master Budget

La Pianificazione Operativa o Master Budget La Pianificazione Operativa o Master Budget Questo corso è destinato ai vari imprenditori e manager delle piccole e medie imprese, che desiderano conoscere un sistema pratico e semplice per fare il piano

Dettagli

Il processo di pianificazione e controllo

Il processo di pianificazione e controllo CONTROLLO METODI LA GESTIONE DI UN SISTEMA RETRIBUTIVO MERITOCRATICO PER LA CRESCITA INTERNA di Alberto Fochi Mario Fochi e Associati S.a.S., Torino 28 Il processo di pianificazione e controllo deve riuscire

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

Valori e Principi Rieter

Valori e Principi Rieter Valori e Principi Rieter Comfort thanks to Rieter Delight your customers Enjoy your work Fight for profits Rieter is a publicly-listed Swiss industrial group providing innovative solutions to the global

Dettagli

Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento*

Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento* Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento* *ma senza le note scritte in piccolo Allineare gli investimenti tecnologici con le esigenze in evoluzione dell attività Il finanziamento è una strategia

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

Incentive & La soluzione per informatizzare e gestire il processo di. Performance Management

Incentive & La soluzione per informatizzare e gestire il processo di. Performance Management Incentive & Performance Management La soluzione per informatizzare e gestire il processo di Performance Management Il contesto di riferimento La performance, e di conseguenza la sua gestione, sono elementi

Dettagli

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia ICT e strategie Information Systems Design L influenza delle ICT sulla strategia 1. Miglioramento dei processi decisionali strategici e di pianificazione e controllo 2. Strumento per perseguire la strategia

Dettagli

LA CREAZIONE DI VALORE PER L IMPRESA. L ottica tradizionale

LA CREAZIONE DI VALORE PER L IMPRESA. L ottica tradizionale LA CREAZIONE DI VALORE PER L IMPRESA L ottica tradizionale 1 L impresa si trova al centro di una complessa catena di giudizi di valore: Clienti Costo Qualità dei prodotti Fornitori Dipendenti Sopravvivenza

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

Global Professional System. La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda

Global Professional System. La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda Global Professional System La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda Il contesto di riferimento Le organizzazioni si trovano a fronteggiare

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

Edizione 2010. www.sovedi.it

Edizione 2010. www.sovedi.it Edizione 2010 www.sovedi.it SOVEDI s.r.l. Via Antica, 3-25080 Padenghe sul Garda (BS) email: info@sovedi.it tel: +39 0302076341 CAP.SOC. 51.480,00 - C.F. p.iva 00632180246 SOVEDI nasce nel 1978 a Vicenza.

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 7 gennaio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA

Dettagli

Organisational Approach of Self-controlled Instrument for qualification demand in SME QUESTIONARIO

Organisational Approach of Self-controlled Instrument for qualification demand in SME QUESTIONARIO 1 Organisational Approach of Self-controlled Instrument for qualification demand in SME QUESTIONARIO O A S I 2005 2 SESSIONI DEL QUESTIONARIO 1. Il processo di analisi 2. Informazioni sull'impresa ID 3.

Dettagli

INDICOD-ECR Istituto per le imprese di beni di consumo

INDICOD-ECR Istituto per le imprese di beni di consumo INDICOD-ECR Istituto per le imprese di beni di consumo GLOBAL SCORECARD Uno strumento di autovalutazione, linguaggio e concetti comuni Versione base - Entry Level Introduzione Introduzione La Global Scorecard

Dettagli

Sistemi di Pianificazione&Controllo nelle PMI Adeguamenti in relazione all evolversi della crisi

Sistemi di Pianificazione&Controllo nelle PMI Adeguamenti in relazione all evolversi della crisi S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Sistemi di Pianificazione&Controllo nelle PMI Adeguamenti in relazione all evolversi della crisi RICCARDO CODA WWW STUDIORICCARDOCODA.COM 28 novembre 2013

Dettagli

Via per Arona n. 46, 28021 Borgomanero (NO) Capitale Sociale 13.138.000,00 i.v. C.F./P. Iva/Registro Imprese di Novara 01415510039 www.mecaer.

Via per Arona n. 46, 28021 Borgomanero (NO) Capitale Sociale 13.138.000,00 i.v. C.F./P. Iva/Registro Imprese di Novara 01415510039 www.mecaer. Via per Arona n. 46, 28021 Borgomanero (NO) Capitale Sociale 13.138.000,00 i.v. C.F./P. Iva/Registro Imprese di Novara 01415510039 www.mecaer.com RELAZIONE SULLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE (Relazione approvata

Dettagli

- Getting better all the time -

- Getting better all the time - Aviva Italy Direzione Risorse Umane Roma, 10 dicembre 2008 PROGETTO ALBA PROGETTO ALBA - Getting better all the time - Scopi e finalità Il progetto Alba condiviso con l Alta Direzione e lanciato il 4 dicembre

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

corsi di formazione 2006-07 Organizzazione e Management

corsi di formazione 2006-07 Organizzazione e Management Al Polo Lionello Bonfanti corsi di formazione 2006-07 OM Organizzazione e Management OM ORG-MNG 01 Comunicazione aziendale Destinatari Durata ore / giornate Apprendere un modello della comunicazione non

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Il private equity al servizio delle imprese che vogliono crescere

Il private equity al servizio delle imprese che vogliono crescere Il private equity al servizio delle imprese che vogliono crescere AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Napoli, 25 febbraio 2015 1 INTERESSE PER IL PRIVATE EQUITY Nell ultimo ventennio

Dettagli

Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991

Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991 Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991 Fornisce soluzioni per una Supply Chain ad alte prestazioni e per un'efficace pianificazione della produzione Sede principale a Trieste. Filiali a Milano,

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

IL PATRIMONIO INTANGIBILE. Idee e metodologie per la direzione d impresa. Marzo 2004

IL PATRIMONIO INTANGIBILE. Idee e metodologie per la direzione d impresa. Marzo 2004 Marzo Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. IL PATRIMONIO INTANGIBILE COSA SI INTENDE PER PATRIMONIO INTANGIBILE?

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 8 L organizzazione dell impresa Cap. 6. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Organizzazione aziendale Lezione 8 L organizzazione dell impresa Cap. 6. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Organizzazione aziendale Lezione 8 L organizzazione dell impresa Cap. 6 Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 L organizzazione dell impresa Unità organizzative: raccolgono personale

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

THE ART OF BUSINESS PLANNING

THE ART OF BUSINESS PLANNING THE ART OF BUSINESS PLANNING La presentazione dei dati: realizzazione e presentazione di un Business Plan Francesca Perrone - Head of Territorial & Sectorial Development Plans Giusy Stanziola - Territorial

Dettagli

REGOLE DEL GRUPPO RELATIVE ALLE RISORSE UMANE

REGOLE DEL GRUPPO RELATIVE ALLE RISORSE UMANE REGOLE DEL GRUPPO RELATIVE ALLE RISORSE UMANE Sono fermamente convinto che nel nostro nuovo Gruppo Monier la performance del nostro staff sarà più importante che mai. I nostri ambiziosi obiettivi aziendali

Dettagli

IL REPORTING DIREZIONALE

IL REPORTING DIREZIONALE IL REPORTING DIREZIONALE Il Reporting Direzionale è uno degli strumenti chiave necessari al management per governare l azienda e rappresenta il momento di sintesi delle rilevazioni contabili che permettono

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE ENTE BILATERALE CONFESERCENTI MODENA CORSI GRATUITI PER CHI VERSA I CONTRIBUTI ALL ENTE BILATERALE CESCOT MODENA

CORSI DI FORMAZIONE ENTE BILATERALE CONFESERCENTI MODENA CORSI GRATUITI PER CHI VERSA I CONTRIBUTI ALL ENTE BILATERALE CESCOT MODENA 2012 CORSI DI FORMAZIONE ENTE BILATERALE CONFESERCENTI MODENA CORSI GRATUITI PER CHI VERSA I CONTRIBUTI ALL ENTE BILATERALE CESCOT MODENA COMPOSIZIONI DECORATIVE SPONTANEE SVILUPPO ULTIME TENDENZE FLOREALI

Dettagli

Per visionare i profili, utilizzare i seguenti link.

Per visionare i profili, utilizzare i seguenti link. Per visionare i profili, utilizzare i seguenti link. Direzione Brand Marketing e Merchandising Project Management e Sicurezza Prodotto Direttore di Stabilimento - Alimentare, Chimico Plastico Amministratore

Dettagli

La gestione dello Studio Odontoiatrico

La gestione dello Studio Odontoiatrico A cura di Daniele Rimini Pd For Consulenza Direzionale in collaborazione con il laboratorio Tridentestense è lieta di presentarvi la ricetta manageriale La gestione dello Studio Odontoiatrico Presidente

Dettagli

Evento di Apertura 11/6 dalle 15 alle 18. 1 Modulo: efficacia personale 12-13/06. 2 Modulo: analisi di mercato e posizionamento aziendale 17-18/07

Evento di Apertura 11/6 dalle 15 alle 18. 1 Modulo: efficacia personale 12-13/06. 2 Modulo: analisi di mercato e posizionamento aziendale 17-18/07 Training partners Calendario Modulo Data Evento di Apertura 11/6 dalle 15 alle 18 1 Modulo: efficacia personale 12-13/06 2 Modulo: analisi di mercato e posizionamento aziendale 17-18/07 3 Modulo: marketing

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Quando la destinazione di un viaggio è la crescita

Quando la destinazione di un viaggio è la crescita Quando la destinazione di un viaggio è la crescita destinazione sviluppo Quando la destinazione di un viaggio è la crescita, il cambiamento della propria organizzazione, anche il viaggiatore più avventuroso

Dettagli

Il Customer Relationship Management

Il Customer Relationship Management Il Customer Relationship Management In sintesi In sintesi il Customer Relationship Management può essere definito come una disciplina finalizzata a migliorare l'efficacia elle interazioni con i propri

Dettagli

L ERP COME STRUMENTO STRATEGICO DI GESTIONE D AZIENDA

L ERP COME STRUMENTO STRATEGICO DI GESTIONE D AZIENDA L ERP COME STRUMENTO STRATEGICO DI GESTIONE D AZIENDA CONTENUTI Background: lo scenario attuale La funzione degli ERP: che cosa sono e a che cosa servono Le caratteristiche e i vantaggi di un ERP I possibili

Dettagli

La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali

La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali Ermanno Dalla Libera Istituto Poster www.performancemonitor.eu 1 Introduzione Che cos è la ristrutturazione? La ristrutturazione, nell ampia accezione

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales L outsourcing nei processi di Marketing & Sales Eventi & Congressi Milano 18 novembre 2010 Copyright 2010 CWT CWT nel settore Healthcare Con un esperienza più che trentennale, CWT affianca alle attività

Dettagli

REVENUE MANAGEMENT REVENUE MANAGEMENT 08/05/2014 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DEL TURISMO

REVENUE MANAGEMENT REVENUE MANAGEMENT 08/05/2014 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DEL TURISMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DEL TURISMO Anno Accademico 2013 2014 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO PER LE IMPRESE TURISTICHE Revenue Management Miriam Berretta Programmazione miriam.berretta@gmail.com e controllo

Dettagli

Operations Management GIA-L03

Operations Management GIA-L03 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Operations Management Operations Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

ANTONELLA LAVAGNINO COMUNICAZIONE & MARKETING

ANTONELLA LAVAGNINO COMUNICAZIONE & MARKETING ANTONELLA LAVAGNINO COMUNICAZIONE & MARKETING CREARE OPPORTUNITÀ PER COMPETERE Oggi le imprese di qualsiasi settore e dimensione devono saper affrontare, singolarmente o in rete, sfide impegnative sia

Dettagli

Consulenza Direzionale www.kvalue.net. Presentazione Società. Key Value for high performance business

Consulenza Direzionale www.kvalue.net. Presentazione Società. Key Value for high performance business Key Value for high performance business Consulenza Direzionale www.kvalue.net KValue Srl Via E. Fermi 11-36100 Vicenza Tel/Fax 0444 149 67 11 info@kvalue.net Presentazione Società L approccio KValue KValue

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) CRM CRM CRM

CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) CRM CRM CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) Marco Pironti - Università di Torino 1 Executive summary Introduzione Obiettivi Fasi Architettura Tendenze evolutive Piano operativo Considerazioni Marco Pironti - Università

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

Una necessità per aumentare Velocità Qualità Motivazione Flessibilità di un organizzazione moderna. SKF Car Business Unit

Una necessità per aumentare Velocità Qualità Motivazione Flessibilità di un organizzazione moderna. SKF Car Business Unit Una necessità per aumentare Velocità Qualità Motivazione Flessibilità di un organizzazione moderna 1 Un approccio difficile perchè Il Team conta più del singolo Utilizza risorse condivise E trasversale

Dettagli

Una necessità per aumentare Velocità Qualità Motivazione Flessibilità di un organizzazione moderna. SKF Car Business Unit

Una necessità per aumentare Velocità Qualità Motivazione Flessibilità di un organizzazione moderna. SKF Car Business Unit Una necessità per aumentare Velocità Qualità Motivazione Flessibilità di un organizzazione moderna Un approccio difficile perchè Il Team conta più del singolo Utilizza risorse condivise E trasversale all

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE Non c è mai una seconda occasione per dare una prima impressione 1. Lo scenario Oggi mantenere le proprie posizioni o aumentare le quote di mercato

Dettagli

Quale servizio e quale consulente per il cliente private di domani

Quale servizio e quale consulente per il cliente private di domani Quale servizio e quale consulente per il cliente private di domani Simona Maggi Direzione Scientifica AIPB Milano, 10 aprile 2014 Il contributo di AIPB alla sfida della diffusione del servizio di consulenza

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli