CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO"

Transcript

1 CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO 1 Prodotto, azienda, cliente Prodotto: bene che viene venduto da un azienda ad un cliente Impresa: attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o di servizi (art c.c.) Azienda: il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa (art c.c.) Cliente: persona, impresa o ente che acquista beni o servizi da altra persona, impresa o ente. Progettazione e sviluppo prodotto 2 1

2 Obiettivi di un azienda Sviluppo di prodotti che possono essere fabbricati e venduti con profitto. Identificare i bisogni dei clienti per creare prodotti che li soddisfino, siano fabbricabili a costi contenuti e siano differenziabili dalla concorrenza. Progettazione e sviluppo prodotto 3 Caratteristiche di un efficace sviluppo prodotto Qualità. Caratteristiche del prodotto sviluppato. Soddisfazione del cliente. Robustezza, affidabilità, etc. Costo. È determinato da vari fattori: capitale investito, costo delle materie prime, manodopera, attrezzature. Deve permettere margini di profitto. Tempo di sviluppo. Tempo che intercorre dall ideazione al lancio sul mercato. Quanto minore, tanto maggiore la risposta dell azienda nei confronti della concorrenza. Costo di sviluppo. Il costo sostenuto dall azienda per sviluppare un nuovo prodotto Know-how. Il ritorno, in termini di conoscenze acquisite, derivante dallo sviluppo di un nuovo prodotto. Progettazione e sviluppo prodotto 4 2

3 Cosa si intende con nuovo prodotto? Prodotti nuovi per il mercato. Prodotti mai apparsi prima, quindi prodotti da nessun altra azienda Prodotti nuovi per l azienda. Prodotti già presenti sul mercato, ma nuovi per l azienda. Prodotti riposizionanti. Prodotti in cui l azienda sfrutta le proprie conoscenze per occupare altre zone di mercato. Esempio: azienda produttrice di sonde biomedicali che passa a produrre sistemi di controllo per banchi frigoriferi. Miglioramento di prodotto. Miglioramento su prodotti già realizzati dall azienda e presenti sul mercato Riduzione dei costi. Realizzazione dello stesso prodotto ma con costi più bassi. Estensione della linea. Realizzazione dello stesso prodotto per altre fasce di mercato Progettazione e sviluppo prodotto 5 Le quattro dimensioni del prodotto Dimensione fisica. Comprende le caratteristiche, geometriche meccaniche e funzionali del prodotto. Dimensione del servizio. Comprende i servizi di pre e post-vendita, come garanzia, assistenza, etc. Dimensione della rappresentazione. Comprende tutto ciò che viene utilizzato per identificare e differenziare il prodotto, es: nome, logo, confezione, parole e frasi utilizzate nella pubblicità. Dimensione emotiva. Comprende quelle caratteristiche materiali ed immateriali che rendono il prodotto particolarmente desiderato (es. fresatrice Dino ) Progettazione e sviluppo prodotto 6 3

4 Funzioni aziendali coinvolte nello sviluppo prodotto Area commerciale. Funzione di intermediazione tra l azienda ed il mercato. Identifica i bisogni dei clienti, definisce i segmenti di mercato, il prezzo, i fattori di differenziazione dalla concorrenza. Area tecnica. Definisce le caratteristiche estetiche e funzionali che meglio rispondono ai requisiti del cliente. Area della produzione Progetta e gestisce il sistema produttivo per la fabbricazione del prodotto. Tradizionalmente queste aree lavoravano separatamente e sequenzialmente, es.: ideazione del prodotto, progettazione, definizione del ciclo produttivo. Negli ultimi venti anni la tendenza è stata quella di una collaborazione stretta sin dalle prime fasi (ingegneria concorrente). Progettazione e sviluppo prodotto 7 Durata dello sviluppo prodotto (time-to-market) Sono pochi i prodotti che richiedono meno di un anno per lo sviluppo. Molti richiedono dai tre ai cinque anni. Progettazione e sviluppo prodotto 8 4

5 Esempi di innovazioni recenti COMPACT DISC POST IT TELEFONINO (telefonia mobile) PATTINI ROLLER BLADE VIDEO AL PLASMA ABS Sistema controllo frenata MOUNTAIN - BIKE MICRO/NANO TECNOLOGIE NAVIGATORE SATELLITARE RIPRODUTTORI MP3 / I POD TAC Sistemi di diagnostica Progettazione e sviluppo prodotto 9 Come si crea l innovazione? DIETRO OGNI INNOVAZIONE ESISTE SEMPRE UN ORGANIZZAZIONE CHE HA: IDENTIFICATO, SVILUPPATO, COMMERCIALIZZATO UN PRODOTTO, UN SERVIZIO, UN PROCESSO. Progettazione e sviluppo prodotto 10 5

6 Qual è lo scopo dell innovazione? SCOPO DELL INNOVAZIONE CREARE UN VANTAGGIO COMPETITIVO STRATEGICO Progettazione e sviluppo prodotto 11 Livello di innovazione LIVELLO D INNOVAZIONE PERCEZIONE DEL CAMBIAMENTO RADICALE COMPACT- DISK TAC INCREMENTALE TELEFONINO AIR-BAG LATERALI PC PORTATILE Progettazione e sviluppo prodotto 12 6

7 Vantaggi strategici dell innovazione TIPO DI INNOVAZIONE VANTAGGI STRATEGICI RADICALE OFFRIRE QUALCOSA CHE NESSUN ALTRO PUÒ OFFRIRE INNOVAZIONE INCREMENTALE SPOSTAMENTO DELLA FRONTIERA PERFORMANCE/COSTO CAMBIAMENTO DELLE REGOLE (es. Bticino Magic > Living > Axolute) RISCRIVERE LE REGOLE DEL GIOCO COMPETITIVO COMPLESSITÀ DEL PRODOTTO LA DIFFICOLTÀ DI APPRENDIMENTO COSTITUISCE UNA POTENTE BARRIERA ALL INGRESSO Progettazione e sviluppo prodotto 13 Peso medio dell innovazione Ricerca Booz, Allen e Hamilton su 700 imprese USA e nuovi prodotti LINEA PRODOTTO NUOVA PER L IMPRESA: 20% AMPLIAMENTI A LINEE ESISTENTI: 26% RIFACIMENTO DI PRODOTTI ESISTENTI: 26% RIPOSIZIONAMENTO DI PRODOTTI: 7% COST REDUCTION PROCESS: 11% PRODOTTI NUOVI PER IL MONDO: 10% TOTALE NUOVI PRODOTTI SVILUPPATI 100% Progettazione e sviluppo prodotto 14 7

8 Il processo di innovazione (1/2) COSA E L INNOVAZIONE? E UN PROCESSO AZIENDALE CHE COINVOLGE L INTERA STRUTTURA E CHE TERMINA CON L IMMISSIONE DELL INNOVAZIONE SUL MERCATO Progettazione e sviluppo prodotto 15 Il processo di innovazione (2/2) L INNOVAZIONE É UN PROCESSO CHIAVE CHE RIGUARDA CIÒ CHE L AZIENDA OFFRE ( PRODOTTI / SERVIZI) ED I MODI IN CUI PRODUCE E VENDE. IN PRIMA ANALISI, SI POSSONO DEFINIRE 5 MACRO FASI NEL PROCESSO DI GESTIONE DELL INNOVAZIONE: 1 2 ANALISI SELEZIONE MONITORAGGIO DEL PROPRIO AMBIENTE PER COGLIERE TUTTI I SEGNALI DI INNOVAZIONI POTENZIALI SELEZIONE, STRATEGICA, DELLE OPPORTUNITÀ DA SFRUTTARE FATTIBILITA SVILUPPO COMMERCIALIZZAZIONE TROVARE LE RISORSE NECESSARIE (INTERNE O ESTERNE) SVILUPPO TECNICO DELL INNOVAZIONE LANCIO DELL INNOVAZIONE SUL MERCATO Progettazione e sviluppo prodotto 16 8

9 L origine dell innovazione 85 90% DA OSSERVAZIONI DI MERCATO ORIGINE DELLE INNOVAZIONI (SETTORE INDUSTRIALE) 10 15% DA RICERCHE DI LABORATORIO Progettazione e sviluppo prodotto 17 Ruolo dell innovazione INNOVAZIONE = UNICA POSSIBILITÀ DI RISPOSTA EFFICACE IN UN MERCATO GLOBALE FORTEMENTE ETEROGENEO, CARATTERIZZATA DA UNA CAPACITÀ DI COPIARE VELOCEMENTE ASSENZA DI COSTI DI R&S MINOR INVESTIMENTO CAPACITÀ DI PRODURRE CON BASSI COSTI DI M.O. MINOR COSTO DEL PRODOTTO MAGGIORE COMPETITIVITÀ CAPACITÀ DI COMUNICARE VELOCE COMPRENSIONE DAI MERCATI MAGGIORI QUOTE DI MERCATO Progettazione e sviluppo prodotto 18 9

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Facoltà di Ingegneria Corso di Marketing Industriale Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Pianificazione e sviluppo di un nuovo

Dettagli

EasyMACHINERY ERPGestionaleCRM. partner

EasyMACHINERY ERPGestionaleCRM. partner ERPGestionaleCRM partner La soluzione software per le aziende di produzione di macchine Abbiamo trovato un software e un partner che conoscono e integrano le particolarità del nostro settore. Questo ci

Dettagli

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo Capitolo XVII La gestione del processo innovativo Il ruolo dell innovazione nell economia dell immateriale L innovazione ha assunto un ruolo particolarmente significativo come variabile esplicativa della

Dettagli

Le strategie di prodotto

Le strategie di prodotto Le strategie di prodotto Strategia Gamma Michela Floris micfloris@unica.it Le strategie di prodotto Strategia Prodotto Valutazione del mercato Alfa Stesso prodotto del mercato di origine Il mercato di

Dettagli

GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI

GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI a.a. 2009-10 Prof. Corrado lo Storto DIEG, Dipartimento di Ingegneria Economico-gestionale Facoltà di Ingegneria, Università di Napoli Federico

Dettagli

Strategie di produzione

Strategie di produzione Strategie di produzione Strategie di produzione 1 Aspetti generali Nel contesto industriale una strategia è in estrema sintesi un piano finalizzato al raggiungimento di un obiettivo. Il piano deve esplicitare

Dettagli

Innovazione di Prodotto e Processo. Progetto PROMETEO

Innovazione di Prodotto e Processo. Progetto PROMETEO Innovazione di Prodotto e Processo Contesto È sempre più condiviso il concetto che l innovazione è uno degli strumenti chiave per il mantenimento e la crescita della competitività delle imprese, ma poche

Dettagli

STRATEGIA COMPETITIVA. Gestione strategica ed operativa. Obiettivi strategici

STRATEGIA COMPETITIVA. Gestione strategica ed operativa. Obiettivi strategici STRATEGIA COMPETITIVA Nei confronti dell evoluzione dell ambiente esterno, l imprenditore può adottare differenti atteggiamenti: atteggiamento di attesa: risposta al verificarsi di cambiamenti ambientali;

Dettagli

degli investimenti in uno studio odontoiatrico _Abstract Autore_Franco Cellino, Italia

degli investimenti in uno studio odontoiatrico _Abstract Autore_Franco Cellino, Italia L analisi degli investimenti in uno studio odontoiatrico Autore_Franco Cellino, Italia _Abstract La nota vuole fornire alcune linee guida che il dentista imprenditore dovrebbe seguire per valutare la fattibilità

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Marketing Agroalimentare Marketing mix

Marketing Agroalimentare Marketing mix Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari Corso di Valutazione qualitativa e promozione dei prodotti agroalimentari Marketing Agroalimentare Marketing mix Prof.ssa Agata Nicolosi Dott. Marco Strazzulla

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE CONOSCENZE La strategia di espansione internazionale rientra nelle strategie corporate di sviluppo

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

Azienda: Mission e Vision

Azienda: Mission e Vision Azienda: Mission e Vision Apple è l azienda che negli anni Settanta ha rivoluzionato il mercato informatico e che ha reinventato il personal computer con il suo Macintosh, introducendo l interfaccia grafica

Dettagli

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI SOGGETTI BENEFICIARI Piccole e medie imprese con unità produttiva ubicata nella Regione Marche PROGETTI AGEVOLABILI 1) Progetti relativi

Dettagli

CORSI! MICROPIGMENTAZIONE! 2012 1 Livello Intensivo

CORSI! MICROPIGMENTAZIONE! 2012 1 Livello Intensivo CORSI! MICROPIGMENTAZIONE! 2012 1 Livello Intensivo Per chi è adatto Questo corso è indicato per principianti che desiderano approcciare la micropigmentazione estetica in modo professionale. Durante il

Dettagli

Consulenza e formazione nel Turismo e nella Ristorazione

Consulenza e formazione nel Turismo e nella Ristorazione Consulenza e formazione nel Turismo e nella Ristorazione GP.Studios è attiva nel settore del Turismo e della Ristorazione realizzando soluzioni per i propri clienti. Le soluzioni si raggiungono attraverso

Dettagli

QUANDO CRISI E CONCORRENZA AUMENTANO, COSA BISOGNA FARE PER MIGLIORARE I RISULTATI AZIENDALI? PER REAGIRE CON SUCCESSO BISOGNA SAPERE PER DECIDERE

QUANDO CRISI E CONCORRENZA AUMENTANO, COSA BISOGNA FARE PER MIGLIORARE I RISULTATI AZIENDALI? PER REAGIRE CON SUCCESSO BISOGNA SAPERE PER DECIDERE QUANDO CRISI E CONCORRENZA AUMENTANO, COSA BISOGNA FARE PER MIGLIORARE I RISULTATI AZIENDALI? PER REAGIRE CON SUCCESSO BISOGNA SAPERE PER DECIDERE Da sempre nascono periodicamente problemi che riguardano

Dettagli

La fase di Ricerca: caratteristiche delle imprese eccellenti. SEMINARIO FINALE Roma 26 novembre 2008 - CLAUDIO BIASETTI

La fase di Ricerca: caratteristiche delle imprese eccellenti. SEMINARIO FINALE Roma 26 novembre 2008 - CLAUDIO BIASETTI La fase di Ricerca: caratteristiche delle imprese eccellenti SEMINARIO FINALE Roma 26 novembre 2008 - Dal disegno di ricerca alle implicazioni formative Finalità e limiti della ricerca Definizione di eccellenza

Dettagli

Innovazioni tecnologiche di processo e di prodotto

Innovazioni tecnologiche di processo e di prodotto www.unifg.it Innovazioni tecnologiche di processo e di prodotto Valeria Spada Dipartimento di Scienze Economico-Aziendali, Giuridiche, Merceologiche e Geografiche Università degli Studi di Foggia v.spada@unifg.it

Dettagli

Strategie e percorsi alternativi di sviluppo aziendale

Strategie e percorsi alternativi di sviluppo aziendale Lezione 7 Strategie e percorsi alternativi di sviluppo aziendale prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2005-2006 I percorsi di sviluppo: la formulazione delle strategie

Dettagli

Di Antonio Ferrandina. Marketing e vendite>> Marketing e management

Di Antonio Ferrandina. Marketing e vendite>> Marketing e management COME SI SCRIVE IL MARKETING PLAN (PARTE IV) Di Antonio Ferrandina Marketing e vendite>> Marketing e management STRATEGIE DI SEGMENTAZIONE E TARGETIZZAZIONE In questa sezione si può cominciare ad introdurre

Dettagli

RELAZIONE E COMUNICAZIONE. Sviluppare la gestione delle relazioni con i clienti grazie a:

RELAZIONE E COMUNICAZIONE. Sviluppare la gestione delle relazioni con i clienti grazie a: RELAZIONE E COMUNICAZIONE Sviluppare la gestione delle relazioni con i clienti grazie a: Microsoft Office System 2007 Windows Vista Microsoft Exchange Server 2007 è ancora più potente ed efficace, grazie

Dettagli

Crescere attraverso la rete di vendita e le attività commerciali La crescita attraverso le attività commerciali

Crescere attraverso la rete di vendita e le attività commerciali La crescita attraverso le attività commerciali Crescere attraverso la rete di vendita e le attività commerciali La crescita attraverso le attività commerciali Antonio Catalani Indice Le tipologie di azienda: il prodotto, il mercato e le risorse la

Dettagli

Le strategie di marketing

Le strategie di marketing Stampa Le strategie di marketing admin in Professione Consulente Con l analisi di mercato è possibile mettere a punto i prodotti o servizi corrispondenti alle esigenze di ogni segmento di mercato. Essa

Dettagli

GUIDA - Business Plan Piano d impresa a 3/5 anni

GUIDA - Business Plan Piano d impresa a 3/5 anni GUIDA - Business Plan Piano d impresa a 3/5 anni 1 Executive summary...2 2 Business idea...2 3 Analisi di mercato...2 4 Analisi dell ambiente competitivo...2 5 Strategia di marketing...3 5.1 SWOT Analysis...3

Dettagli

Programmazione e controllo

Programmazione e controllo Programmazione e controllo Capitolo 8 Le informazioni economiche a supporto dei processi decisionali di breve periodo Capitolo 8: Le informazioni economiche a supporto dei processi decisionali di breve

Dettagli

Servizi e soluzioni in outsourcing, elaborazione dati, data entry per le PMI

Servizi e soluzioni in outsourcing, elaborazione dati, data entry per le PMI Siamo ancora in tempo Questo è l anno in cui lo scenario competitivo nel quale si muovono le PMI italiane è difficile come non mai in passato. L affiancamento di un Partner qualificato qual è implica per

Dettagli

Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti

Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti 30.X.2013 La metodologia estimativa La metodologia estimativa rappresenta l insieme delle tecniche e degli strumenti attraverso cui si formula

Dettagli

Innovazione e cambiamento

Innovazione e cambiamento ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Innovazione e cambiamento 2 Contenuti del capitolo Innovare o perire: il ruolo strategico del cambiamento Cambiamento tecnologico Nuovi prodotti e servizi Cambiamenti strategici

Dettagli

Il piano di marketing

Il piano di marketing Il piano di marketing I benefici di un piano aziendale (1) Il piano può essere uno strumento di comunicazione: nei confronti dei livelli superiori nei confronti dei livelli inferiori (perché possano capire

Dettagli

ICT: le leve nella creazione del valore

ICT: le leve nella creazione del valore ICT: le leve nella creazione del valore di Alessio Piccioni Consulente Mondaini Partners Srl Le soluzioni ICT rappresentano un investimento sempre più di rilevanza strategica, che incide profondamente

Dettagli

Lezione 15 30 APRILE 2010

Lezione 15 30 APRILE 2010 Lezione 15 30 APRILE 2010 Concetti visti Differenziazione Posizionamento su concorrenza e su valore per il cliente (attributo, beneficio, occasione d uso, categoria di utilizzatori, dissociazione) Unique

Dettagli

www.pitagora.it www.pitagora.it La terza dimensione del controllo di gestione www.pitagora.it

www.pitagora.it www.pitagora.it La terza dimensione del controllo di gestione www.pitagora.it www.pitagora.it www.pitagora.it www.pitagora.it Via Fiume Giallo, 3-00144 Roma tel 06.52244040 - fax 06.52244427 - info@alfagroup.it La filosofia di Pitagora Fornire gli strumenti che permettono di misurare

Dettagli

Creare Valore con il Supply Chain Management

Creare Valore con il Supply Chain Management Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani Settembre - Novembre 2013 Creare Valore con il Supply Chain Management Bologna 26 settembre Fabbrica Futuro - Il settore Moda Firenze 10 ottobre

Dettagli

lucisull impresa2010>>2011

lucisull impresa2010>>2011 lucisull impresa 2010>>2011 lucisull impresa2010>>2011 C è un enorme bisogno di Cultura, di qualità come l intelligenza, il piacere di pensare e ragionare con la propria testa, di esplorare con curiosità,

Dettagli

Andrea Pichetto easitec S.r.l. Parma, 16 Settembre 2010

Andrea Pichetto easitec S.r.l. Parma, 16 Settembre 2010 Soft Control facile con RTX e Windows Embedded Standard 7 Architetture Soft Control Andrea Pichetto easitec S.r.l. Parma, 16 Settembre 2010 Innovazioni nelle architetture x86 Oggi calcolatori PC compatibili

Dettagli

LA NATURA E LE FONTI DEL VANTAGGIO COMPETITIVO. CAPITOLO SETTIMO Grant R. L analisi strategica per le decisioni aziendali, Il Mulino, Bologna, 1999 1

LA NATURA E LE FONTI DEL VANTAGGIO COMPETITIVO. CAPITOLO SETTIMO Grant R. L analisi strategica per le decisioni aziendali, Il Mulino, Bologna, 1999 1 LA NATURA E LE FONTI DEL VANTAGGIO COMPETITIVO CAPITOLO SETTIMO Grant R. L analisi strategica per le decisioni aziendali, Il Mulino, Bologna, 1999 1 IL VANTAGGIO COMPETITIVO E la capacità dell impresa

Dettagli

1.3. LE POSSIBILITA DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI

1.3. LE POSSIBILITA DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI 1.3. LE POSSIBILITA DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI Il Cobianchi, Verbania 1993, pp. 20-27 (*) INTRODUZIONE La necessità assoluta di innovazione, e in particolare

Dettagli

/ Sistemi caricabatterie / Tecniche di saldatura / Energia solare. / Il programma Fronius Service Partner.

/ Sistemi caricabatterie / Tecniche di saldatura / Energia solare. / Il programma Fronius Service Partner. / Sistemi caricabatterie / Tecniche di saldatura / Energia solare / Il programma Fronius Service Partner. / Sapete installare a regola d arte gli impianti fotovoltaici. E dopo? Offrite ai vostri clienti

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

DELMIA PLM Express Soluzioni per le vostre esigenze

DELMIA PLM Express Soluzioni per le vostre esigenze DELMIA PLM Express Soluzioni per le vostre esigenze DELMIA PLM Express Basata sui cinque ruoli operativi più comuni nell industria manifatturiera, la soluzione DELMIA PLM Express trasforma la vostra attività

Dettagli

Informazioni preliminari per la stesura di un BUSINESS PLAN

Informazioni preliminari per la stesura di un BUSINESS PLAN Informazioni preliminari per la stesura di un BUSINESS PLAN 2 Principali argomenti trattati Le funzioni del Business Plan Come scrivere un Business Plan La struttura del Business Plan I fattori di successo

Dettagli

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali ANALISI DELLE FORZE CONCORRENZIALI Un impresa detiene un vantaggio competitivo sui concorrenti quando ha una redditività più elevata (o, a seconda dei casi, quando può conseguire una maggiore quota di

Dettagli

TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI

TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI LO SVILUPPO DELLA DISCIPLINA DI MARKETING 1. Le origini 1920-1940 2. Lo sviluppo 1950-1965 3. La maturità 1965-1980 4. Il riorientamento

Dettagli

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Parte III : R&S nella piccola e media impresa Angelo Bonomi PICCOLE E MEDIE IMPRESE E R&S Esistono varie definizioni di piccole e

Dettagli

L analisi degli investimenti in uno studio odontoiatrico

L analisi degli investimenti in uno studio odontoiatrico 03. L analisi degli investimenti in uno studio odontoiatrico Franco Cellino - Lessicom srl Abstract La nota vuole fornire alcune linee guida che il dentista imprenditore dovrebbe seguire per valutare la

Dettagli

ex HERION Incubatore d impresa Giudecca - Venezia - Business Plan - (schema di riferimento)

ex HERION Incubatore d impresa Giudecca - Venezia - Business Plan - (schema di riferimento) ex HERION Incubatore d impresa Giudecca - Venezia - Business Plan - (schema di riferimento) DENOMINAZIONE IMPRESA REGIONE COMUNE Dati anagrafici del proponente e sintesi del Business Plan Nome impresa

Dettagli

13.9.2. Metodologia di controllo dei costi per centro di costo. 13.9.3. Un esempio di budget in un azienda di servizi alberghieri

13.9.2. Metodologia di controllo dei costi per centro di costo. 13.9.3. Un esempio di budget in un azienda di servizi alberghieri 1. L IMPRENDITORE E IL GOVERNO DELLA GESTIONE 1.1. L impresa e l ambiente in cui opera pag. 3 1.2. L impatto dei fattori esterni pag. 5 1.3. Il controllo dei fattori aziendali pag. 8 2. IL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE

Dettagli

INDICE. Abitazioni Hotel & Residence Ambiente ufficio Comunità Il soffio della luce Componenti

INDICE. Abitazioni Hotel & Residence Ambiente ufficio Comunità Il soffio della luce Componenti INDICE 2 4 6 8 10 11 Marco Polo, l azienda Servizi Progettazione Logistica Project Management Post vendita 13 17 21 25 29 31 Abitazioni Hotel & Residence Ambiente ufficio Comunità Il soffio della luce

Dettagli

I processi esistenti di pubblicazione della documentazione di manutenzione sono obsoleti e non scalabili

I processi esistenti di pubblicazione della documentazione di manutenzione sono obsoleti e non scalabili P T C. c o m Approfondimento Servizio migliore grazie a migliori informazioni di manutenzione Pagina 1 di 5 Fornitura di manutenzione a costi inferiori Le informazioni di manutenzione coerenti e aggiornate,

Dettagli

L INNOVAZIONE NELLE IMPRESE

L INNOVAZIONE NELLE IMPRESE 4 dicembre 2014 Anni 2010-2012 L INNOVAZIONE NELLE IMPRESE Nel triennio 2010-2012, il 51,9% delle imprese italiane con 10 o più addetti ha svolto attività finalizzate all introduzione di innovazioni. Rispetto

Dettagli

Soluzioni green oggi per vivere meglio domani.

Soluzioni green oggi per vivere meglio domani. Soluzioni green oggi per vivere meglio domani. Enel è la più grande azienda di energia elettrica d Italia e la seconda utility quotata d Europa per capacità installata. È un operatore integrato, attivo

Dettagli

La nostra missione? Dare la possibilità a tutti di vendere online

La nostra missione? Dare la possibilità a tutti di vendere online La nostra missione? Dare la possibilità a tutti di vendere online Ci occupiamo di realizzare progetti per aziende produttrici grazie ai quali distribuire e vendere prodotti e servizi. Con gli anni abbiamo

Dettagli

2 Workshop. Osservatorio ICT & Professionisti. 16 Dicembre 2014

2 Workshop. Osservatorio ICT & Professionisti. 16 Dicembre 2014 2 Workshop Osservatorio ICT & Professionisti 16 Dicembre 2014 Tecnologia, Organizzazione e Formazione: Tre investimenti che garantiscono il successo dello Studio professionale Sandra Paserio Titolare Studio

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER GLI ESERCIZI DI MACELLERIA

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER GLI ESERCIZI DI MACELLERIA MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER GLI ESERCIZI DI MACELLERIA (a norma dell art. 8 del Regolamento CE 852/2004 sull igiene dei prodotti alimentari) SOMMARIO Presentazione... 4 1.0 Scopo e campo di

Dettagli

L IMPRENDITORE E IL GOVERNO DELLA GESTIONE

L IMPRENDITORE E IL GOVERNO DELLA GESTIONE 1. L IMPRENDITORE E IL GOVERNO DELLA GESTIONE 1.1. L impresa e l ambiente in cui opera pag. 3 1.2. L impatto dei fattori esterni pag. 5 1.3. Il controllo dei fattori aziendali pag. 8 2. IL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONI N. 9 e 10 Le Politiche di Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE SPIEGARE IN COSA CONSISTE UN PRODOTTO E ILLUSTRARE LE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONI

Dettagli

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO www.aslavellino.it

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO www.aslavellino.it Prot.n.../AV del REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO www.aslavellino.it U.O. C. GUM ECONOMATO Tel. 0825.292153 Fax 0825.292022 ELENCO E SCHEDE AUTOMEZZI OGGETTO DELL APPALTO Tutte le auto

Dettagli

analisi informazione assistenza l organizzazione di eventi formativi (anche non convenzionali), monitorare

analisi informazione  assistenza l organizzazione di eventi formativi (anche non convenzionali), monitorare Ministero dello sviluppo economico Altroconsumo/Acu/ Codici/La Casa del Consumatore CHECK- UP DIRITTI DESCRIZIONE DEGLI OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Da un importante studio qualitativo - pubblicato

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Competenze Materie Competenze associate C1 C2 SENSIBILIZZAZIONE DEI GRUPPI DI INTERESSE ORGANIZZAZIONE DI CONGRESSI, SEMINARI, MEETING, CONVENTION,

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA ORIENTATA AL MERCATO

LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA ORIENTATA AL MERCATO LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA ORIENTATA AL MERCATO La pianificazione strategica può essere definita come il processo manageriale volto a mantenere una corrispondenza efficace tra gli obiettivi e le risorse

Dettagli

BUSINESS PLAN NATURAL...MENTE SCUOLA

BUSINESS PLAN NATURAL...MENTE SCUOLA NATURAL...MENTE SCUOLA BUSINESS PLAN Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia e per la Campania Direzione Generale Cosa è? Criteri di I livello

Dettagli

Economia e Gestione delle imprese e dei servizi. Domenico Barricelli Sociologo del Lavoro Esperto di politiche e interventi nei sistemi di PMI

Economia e Gestione delle imprese e dei servizi. Domenico Barricelli Sociologo del Lavoro Esperto di politiche e interventi nei sistemi di PMI PRINCIPI DI SERVICE MANAGEMENT R. Normann La gestione strategica dei servizi Economia e Gestione delle imprese e dei servizi Università dell Aquila, Facoltà di Economia Domenico Barricelli Sociologo del

Dettagli

Capitolo 2. L impresa e la strategia di marketing finalizzata alla relazione di clientela. Capitolo 2- slide 1

Capitolo 2. L impresa e la strategia di marketing finalizzata alla relazione di clientela. Capitolo 2- slide 1 Capitolo 2 L impresa e la strategia di marketing finalizzata alla relazione di clientela Capitolo 2- slide 1 L impresa e la strategia di marketing Obiettivi di apprendimento La pianificazione strategica

Dettagli

Linea Inverter Fotovoltaici xxxxxx per la connessione in Rete

Linea Inverter Fotovoltaici xxxxxx per la connessione in Rete Linea Inverter Fotovoltaici xxxxxx per la connessione in Rete Conferenza Stampa - Marzo 2010 Milano, 30 Marzo 2010 Indice 1.1. Gefran & Il mercato fotovoltaico Ennio Franceschetti Presidente - Gruppo Gefran

Dettagli

Esercizi Capitolo 8. Convenienza economica ad eliminare o aggiungere un segmento

Esercizi Capitolo 8. Convenienza economica ad eliminare o aggiungere un segmento Decisioni in condizioni di certezza Esercizi Capitolo 8 Convenienza economica ad eliminare o aggiungere un segmento 8.1 Esercizio Beauty Dati Volumi Prezzi Provvigioni Mascara 1.250.000,00 4,50 5,0% Rossetti

Dettagli

Risorse, capacità e competenze per fare impresa

Risorse, capacità e competenze per fare impresa Risorse, capacità e competenze per fare impresa Renato Fiocca Parma - 21 marzo 2014 Gli argomenti di oggi: Le relazioni impresa-mercato e la centralità del cliente Individuare e generare valore per il

Dettagli

INNOVARE? Si deve, si può, si fa:

INNOVARE? Si deve, si può, si fa: come ottenere i finanziamenti ed i contributi per fare ricerca & sviluppo MILANO 27 APRILE 2015 RICERCA & SVILUPPO Cos è la Ricerca & Sviluppo nel Nostro tessuto imprenditoriale? INNOVAZIONE DI PRODOTTO

Dettagli

Lo studente consapevole io sono un tipo originale

Lo studente consapevole io sono un tipo originale Ministero Dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la lotta alla contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi Lo studente consapevole io sono un tipo originale COM-PA Milano XVI edizione 3-5

Dettagli

Le barriere all entrata

Le barriere all entrata Le barriere all entrata Derivano da: maggiori i costi minori ricavi della nuova entrante rispetto alle imprese già presenti nel settore Le nuove entranti devono considerare: Condizioni d ingresso: ostacoli

Dettagli

SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA

SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA SAP Solution Brief SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA SAP Business One è una soluzione semplice ed efficace, che soddisfa le esigenze specifiche delle piccole e medie imprese.

Dettagli

APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI. (ModuloTECNICA DELLA COMUNICAZIONE) CFU 5 Prof. Bruno Buzzo

APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI. (ModuloTECNICA DELLA COMUNICAZIONE) CFU 5 Prof. Bruno Buzzo APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI Gli studenti della laurea specialistica in General Management dovranno scegliere due moduli tra i cinque moduli (da 5 CFU ciascuno) sotto

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL B

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL B Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL B Francesco Clabot 1 Responsabile erogazione servizi tecnici francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione

Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione Un percorso dedicato Riduzione costi Qualità Oobeya Room Product Development Value Stream Map

Dettagli

ANALISI E GESTIONE DEI COSTI

ANALISI E GESTIONE DEI COSTI ANALISI E GESTIONE DEI COSTI Dott.ssa Francesca Mandanici LIFE CYCLE COSTING: Target e kaizen Costing 4 e 5 DICEMBRE 2013 Gli scopi conoscitivi del Life Cycle Costing SCOPI TRADIZIONALI SCOPI EMERGENTI

Dettagli

L innovazione finanziata: strumenti di finanziamento della proprietà

L innovazione finanziata: strumenti di finanziamento della proprietà L innovazione finanziata: strumenti di finanziamento della proprietà Inserire industriale Titolo Environment Park 26 settembre 2014 Rebecca Boasso Dragotti & Associati 20121 Milano Via Nino Bixio, 7 milano@dragotti.com

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE Beirut, dicembre 2013 Il mercato libanese dell IT sta ancora procedendo a piccoli passi verso la piena realizzazione di una tecnologia

Dettagli

Il tuo specialista in soluzioni per il condizionamento del segnale e interfacce di comunicazione

Il tuo specialista in soluzioni per il condizionamento del segnale e interfacce di comunicazione Il tuo specialista in soluzioni per il condizionamento del segnale e interfacce di comunicazione PERFORMANCE MADE SMARTER TEMPERATURA INTERFACCE I.S INTERFACCE DI COMUNICAZIONE MULTIFUNZIONE ISOLAMENTO

Dettagli

Report n 1 «Il processo strategico d internazionalizzazione delle imprese»

Report n 1 «Il processo strategico d internazionalizzazione delle imprese» Un caso di studio nel settore dell abbigliamento: l intervento di Orga 1925 a supporto dell impresa nella proiezione verso i mercati esteri. A cura di Ezio Nicola e Silvano Magnabosco 1 Introduzione L

Dettagli

Perché rivolgersi a Orisol

Perché rivolgersi a Orisol Perché rivolgersi a Orisol Orisol, macchinari per l industria calzaturiera: Globalizzazione, concept, tecnologia e benefici. Il settore calzaturiero e la globalizzazione Il settore calzaturiero si basa

Dettagli

GHPPEditor è un software realizzato per produrre in modo rapido e guidato un part program per controlli numerici Heidenhain.

GHPPEditor è un software realizzato per produrre in modo rapido e guidato un part program per controlli numerici Heidenhain. *+33(GLWRU GHPPEditor è un software realizzato per produrre in modo rapido e guidato un part program per controlli numerici Heidenhain. Il programma si basa su un architettura di tasti funzionali presenti

Dettagli

Questo opuscolo di Würth Solergy vi è stato dato da:

Questo opuscolo di Würth Solergy vi è stato dato da: Questo opuscolo di Würth Solergy vi è stato dato da: DIENECKARPRINZEN.6/07/5 /LAN Würth Elektronik Italia s.r.l Würth Solergy Via Stazione 51 I - 39044 Egna (BZ) Tel. +39 (0471) 82 83 80 Fax. +39 (0471)

Dettagli

ebiz: perché conviene?

ebiz: perché conviene? Milano, 12 luglio 2012 ebiz: perché conviene? Marco Ricchetti ebiz project team ebiz-tcf I vantaggi dell utilizzo di ebiz Efficienza: riduzione dei costi di gestione per le imprese Efficacia: accorciamento

Dettagli

Business Plan. Sommario. Introduzione

Business Plan. Sommario. Introduzione Business Plan Sommario 1. Introduzione 2. Definizione di Business Plan (BP) cos è? 3. Le esigenze che spingono alla redazione del BP perchè? 4. 5. Dall idea all idea di business 6. Requisiti del BP 7.

Dettagli

La scelta della strategia di marketing

La scelta della strategia di marketing LA SCELTA DELLA STRATEGIA DI L obiettivo che l impresa deve perseguire in questa fase è quello di individuare la strategia di marketing che sia in grado di offrire all impresa il mezzo per realizzare i

Dettagli

PATENT FOR BEGINNERS. A cura dell avvocato MARIA LUISA MANIS

PATENT FOR BEGINNERS. A cura dell avvocato MARIA LUISA MANIS PATENT FOR BEGINNERS A cura dell avvocato MARIA LUISA MANIS INDICE 1 Che cosa è un Brevetto? 2 Cosa Garantisce un Brevetto d Invenzione? 3 Brevetto o Segreto Aziendale? 4 L imprenditore ha 2 alternative

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico L Associazione Bancaria Italiana (ABI) Il Presidente dell ABI La CONFINDUSTRIA Il Presidente di CONFINDUSTRIA La Conferenza dei

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Profilo Aziendale. L energia del sole e l esperienza di un grande gruppo

Profilo Aziendale. L energia del sole e l esperienza di un grande gruppo Profilo Aziendale. L energia del sole e l esperienza di un grande gruppo Un percorso radioso che guarda al futuro L energia rinnovabile è un investimento per il futuro prossimo e per chi sceglie di avvicinarsi

Dettagli

SCon-PO-0004-002-00 Schema di Business Plan 1/8. - Business Plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA

SCon-PO-0004-002-00 Schema di Business Plan 1/8. - Business Plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA SCon-PO-0004-002-00 Schema di Business Plan 1/8 - Business Plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA Schema_businessplan Schema di Business Plan 2/8 Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma

Dettagli

Nel seguito, viene presentato il punto di vista di UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE sul tema new business model Articolazione dell intervento

Nel seguito, viene presentato il punto di vista di UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE sul tema new business model Articolazione dell intervento MODELLI DI BUSINESS E MACCHINE UTENSILI UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE 1 Razionale Nel seguito, viene presentato il punto di vista di UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE sul tema new business model Articolazione dell

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli