Tutori: Giovanni Corradi e Paolo Ciambrone. 1. Analisi nel dominio della frequenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tutori: Giovanni Corradi e Paolo Ciambrone. 1. Analisi nel dominio della frequenza"

Transcript

1 INDICE: Filtri RC e CR 1. Analisi nel dominio della frequenza 1.1. Filtro PASSA BASSO 1.2. Filtro PASSA ALTO 1.3. Filtro PASSA ALTO + PASSA BASSO 1.4. Filtri PASSA BASSO IN CASCATA 2. Analisi nel dominio del tempo 2.1. Filtro PASSA ALTO with PULSE 2.2. Filtro PASSA BASSO with PULSE 2.3. Filtro PASSA BASSO + PASSA ALTO with pulse Circuiti risonanti e antirisonanti: filtri RLC 3. Circuiti risonanti: RLC serie 1

2 3.1. RLC nel dominio della frequenza (analisi parametrica) 3.2. RLC nel dominio del tempo 3.3. RLC analizzato con tre segnali di input nel dominio del tempo 3.4. RLC with PULSE (analisi parametrica) 4. Circuiti antirisonanti: RLC parallelo 4.1. RLC nel dominio della frequenza Amplificatori Operazionali 5. Analisi di circuiti operazionali 5.1. OP_AMP invertente 5.2. OP_AMP non invertente 5.3. OP_AMP integratore ORCAD 6. SW di simulazione 6.1. Pspice INTRODUZIONE: In introduzione a questo corso, è stato effettuato un ripasso generale del corso di elettronica affrontato durante l anno scolastico. Sono stati analizzati in particolare i filtri, i circuiti risonanti, gli amplificatori operazionali e i transistor. 2

3 L analisi di questi circuiti, è stata effettuata con l`ausilio del simulatore (ORCAD Pspice), con il quale è stato possibile ricostruire i segnali di uscita dei circuiti in esame, affrontando l`nalisi sia nel dominio del tempo, sia nel dominio della frequenza La simulazione in ogni caso è stata preceduta da una veloce spiegazione introduttiva al circuito da analizzare. Filtri RC e CR I filtri sono dei quadripoli che hanno la proprieta` di lasciare passare i segnali di determinate frequenze e di eliminare quelli di altre frequenze. La banda entro cui si ha trasmissione di segnale, viene chiamata banda passante,e viene determinata dal progettista. La transizione dalla banda passante alla banda di frequenza in cui il segnale risulta attenuato, non e` immediata ma avviene secondo delle curve ben definite; la pendenza di tali curve, viene anche essa determinata dal progettista. Esistono tre tipologie di filtri, che si differiscono tra di loro per la banda di frequenza che lasciano passare: filtri passa basso, filtri passa banda, filtri passa alto. Questi quadripoli, sono caratterizzati da una frequenza di taglio che determina la banda passante, ovvero la frequenza entro cui la funzione di trasferimento non scende al di sotto del 7,7% del suo valore massimo. ( OUT / IN = 1/ 2 =.77); cio`equivale anche a dire che il guadagno entro l`intervallo considerato, non diminuisce di piu` di 3dB rispetto al valore massimo (2 log 1/ 2 = -3dB). I filtri del primo ordine, ossia con un solo polo, sono inoltre caratterizzati da un`attenuazione di 2dB per decade. Questa pendenza, e` data proprio dal fattore di compressione 2 che compare nella formula per il calcolo dell attenuazione del filtro in db. L`analisi di questi filtri, viene effettuata su scala logaritmica, cosi` da poter apprezzare l`andamento completo della funzione di trasferimento. 3

4 1 Analisi nel dominio della frequenza 1.1 R1 1ac dc 1 1k C1 1n -d -25d -5d SEL>> -9d 1. P((R1:2)).5 1.Hz 1Hz 1Hz 1.KHz 1KHz 1KHz 1.MHz 1MHz 1MHz (R1:2) / (1:+) Frequency Si e` voluto analizzare l`andamento della funzione di trasferimento di un filtro passa basso. Si nota come vengono lasciate passare solo le frequenza al di sotto della frequenza di taglio, mentre le altre vengono attenuate di 2dB per decade. E possibile calcolare la frequenza di taglio utilizzando la seguente formula: f t = (2πRC) -1 Avendo R= 1kΩ, e C= 1ηF, risulta che f t ~ 16KHz. Nel primo grafico, è possibile osservare la variazione della fase all aumentare della frequenza, e come a f = f t P = E possibile calcolare il valore della fase per qualsiasi valore della frequenza tramite questa formula: ϕ = - arctg (ωrc) 4

5 1.2 C2 1ac dc 2 1p R2 1k 9d SEL>> d 1. P((C2:2)).5 1.Hz 1Hz 1Hz 1.KHz 1KHz 1KHz 1.MHz 1MHz 1MHz 1.GHz (R2:2) / (2:+) Frequency Si nota come nei filtri passa alto vengono lasciate passare soltanto le frequenze ad di sopra della frequenza di taglio, mentre quelle al di sotto vengono attenuate di 2dB per decade. La frequenza di taglio può essere calcolata come nei filtri passa basso con la seguente formula: f t = (2πRC) -1 Quindi, nel nostro caso, f t = 16KHz. Da notare il differente andamento della fase che varia da a +9, e che af = f t, ϕ = Infatti in questo caso la fase vale: ϕ = arctg (ωrc). 5

6 1.3 C6 1p R5 1ac dc 4 1k C5 1n R6 1k 9d d SEL>> -9d 1. P((C5:2)) P((R6:2)).5 1.Hz 1Hz 1Hz 1.KHz 1KHz 1KHz 1.MHz 1MHz 1MHz 1.GHz (R5:2) / (C6:1) (C6:2) / (C6:1) Frequency In questa simulazione, sono stati analizzati contemporaneamente un filtro passa alto, e un filtro passa basso. Essendo i due filtri caratterizzati dalla stessa frequenza di taglio, le due funzioni di trasferimento si intersecano proprio ad f= f t. Questo punto di incrocio, viene chiamato punto di corner. 6

7 1.4 R3 R4 1ac dc 3 1k C3 1n 1k C4 1p -d -5d -1d SEL>> -18d 1. P((R4:2)) P((R3:2)).5 1.Hz 1Hz 1Hz 1.KHz 1KHz 1KHz 1.MHz 1MHz 1MHz (R4:2) / (R3:1) (R3:2) / (R3:1) Frequency In questo caso, di due filtri RC posti in cascata si ottiene una attenuazione doppia rispetto ai precedenti casi, paria a 4dB per decade, in quanto il fattore di compressione di uscita, equivale alla somma di quello del primo filtro, con quello del secondo. Si noti il valore della resistenza R4 molto maggiore di R3 per evitare che i due filtri possano influenzarsi tra di loro. Si osservi i diversi andamenti della fase: il segnale in uscita al secondo filtro, risulta sfasato di 18, in quanto il segnale subisce un primo sfasamento di 9 in ritardo all`uscita del primo stadio, per poi subire un`ulteriore sfasamento di 9 sempre in ritardo all`uscita dal secondo filtro. Infine, quindi, il segnale risulta sfasato di ben 18. 7

8 2 Analisi nel dominio del tempo 2.1 C3 1 = v 2 = 1v TD = TR = 1n TF = 1n PW = 5us PER = 1 3 1n R3 1k 1. Si puo` vedere in grossetto la tensione di ingresso applicata, e in verde la tensione ai capi della resistenza s 1us 2us 3us 4us 5us 6us 7us 8us 9us 1us (C3:1) (3:+) Time In questo grafico, e` possibile osservare l`andamento della tensione sulla resistenza, in funzione del tempo. Si puo` vedere come t= s la tensione sulla resistenza e` uguale a PULSE, in quanto la tensione sul condensatore e` C =, mentre a t= 5µs (tempo di carica del circuito: τ 5RC = 5µs), la tensione sulla resistenza si porta a zero. Questo, accade perche` a t= 5µs la tensione sul condensatore raggiunge il valore di PULSE, e quindi tutta la tensione del generatore cade tutta sul condensatore stesso. Si puo` vedere, invece, come per t> 5µs la tensione su R3 diventi negativa. Questo accade perche` termina l`impulso del generatore e la corrente scorre nel verso opposto in quanto il condensatore tende a scaricarsi sulla resistenza: la tensione su R3 assume un valore massimo negativo (la tensione sul condensatore che ha raggiunto la 8

9 tensione del generatore), per poi tendere di nuovo a zero man mano che il condensatore si scarica. Analisi analitica dell`andamento della tensione d`uscita in funzione del tempo: per < t >5µs: v u = 3 - v c = 3 3 (1 e -t/rc )= 3 e -t/rc per t >5µs: v u = - v c = - 3 e -t/rc Si osservi anche dal grafico, come la curva di carica e quella di scarica del condensatore siano uguali ed opposte. 2.2 R5 1 = v 2 = 1v TD = s TR = 1ns TF = 1ns PW = 1us PER = 1 1ac dc 6 5 1k C5 1n 1..5 s 1us 2us 3us 4us 5us 6us 7us 8us 9us 1us (C5:2) (R5:1) Time 9

10 Con questa simulazione, è stato possibile osservare l andamento di una curva di carica di un condensatore. La funzione rappresentata in verde, infatti, mostra l andamento della tensione sul condensatore nel tempo. Come si puo` osservare, il condensatore, non si carica completamente. Questo è dovuto al fatto che il tempo (PW) per il quale il segnale pulse è stato attivo, non è sufficiente ad effettuare la completa carica del condensatore. Il tempo necessario per effettuare completamente la carica della capacità, è pari ad almeno 5τ. Essendo τ la costante di tempo del circuito, uguale a RC, risulta facile calcolare il tempo necessario al condensatore per caricarsi: T > 5RC = 5 (1 4 ) (1-9 ) = 5µs Risulta evidente la differenza tra il tempo impostato (PW =1µs) e il tempo necessario ( T > 5µs). Se avessimo voluto quindi visualizzare l`andamento della tensione sul condensatore fino alla sua completa carica, avremmo dovuto impostare un PW relativo al generatore PULSE pari a 5µs. 2.3 C2 1p R1 1 = v 2 = 1v TD = 1ns TR = 1ns TF = 1ns PW = 1us PER = 1 1ac dc 2 1 1k C1 1n R2 1k 1

11 s.5us 1.us 1.5us 2.us 2.5us 3.us (R1:2) (R2:2) (2:+) Time Qui vengono analizzati contemporaneamente i due circuiti precedenti. algono le osservazioni precedentemente fatte. Circuiti risonanti e antirisonanti: filtri RLC Sono dei filtri composti da tre elementi: un induttore, una capacita` e un componente sesistivo. Sono dei filtri molto selettivi, in quanto ci permettono di selezionare determinate frequenze del segnale presente in ingresso. Esisto due tipi di circuiti RLC: RLC serie (circuiti risonanti), e RLC parallelo (circuiti antirisonanti). La differenza tra i due, sta nel fatto che alla frequenza di risonanza, hanno un comportamento opposto: - per f= f r, i circuiti risonanti l`impedenza e` minima. - per f= f r, i circuiti antirisonanti l`impedenza e` massima. 11

12 3 Circuiti risonanti: RLC serie 3.1 I 1ac dc PARAMETERS: R1 = 1k R4 {R1} 6 L uH C4 1n 1mA 5mA A 1.Hz 1Hz 1Hz 1.KHz 1KHz 1KHz 1.MHz 1MHz 1MHz I(6) Frequency Analizziamo ora un circuito risonante. E possibile vedere come l andamento della corrente, sia caratterizzato da una forma a campana, tanto più stretta quanto più piccolo è il valore di R4. Questo andamento, è dovuto al fatto che a f= f r (frequenza di risonanza), la reattanza capacitiva, e la reattanza induttiva si compensano tra di loro. In questa condizione l unica impedenza vista dal generatore, e` soltanto il carico resistivo. E possibile calcolare la frequenza di risonanza tramite la seguente formula: 12

13 f r = (2π LC) -1 Il comportamento del circuito risonante può essere spiegato dal fatto che alle alte frequenza predomina la reattanza induttiva e quindi la corrente è piccola ed è in ritardo di 9 rispetto alla tensione applicata; alle basse frequenza predomina la reattanza capacitiva e quindi la corrente è piccola ed è in anticipo di 9 rispetto alla tensione applicata. Alla frequenza di risonanza, invece la corrente e` massima, e vale: i /R. 3.2 OFF = AMPL = 1 FREQ = 5 1 R1 5 L m C1 5u 1. Andamento della tensione d`ingresso Andamento delle tensioni sull`induttor e (in grassetto) e sul condensatore (tratto fine) SEL>> -1. (1:+) 2-2 s 5ms 1ms 15ms 2ms 25ms 3ms 35ms 4ms (C1:2) (L1:1,L1:2) Time Si può osservare l andamento nel tempo delle tensioni sul condensatore e sull induttanza. Si vede subito come le due tensioni siano sfasate tra loro di 18, in quanto la tensione sul condensatore e` di 9 in ritardo, mentre la tensione sull`induttanza e` di 9 in anticipo. 13

14 Alla frequenza di risonanza, le tensioni L e C (tensione sull induttore e sul condensatore) sono apprezzabilmente superiori a 1, infatti: Lr = Cr = Q 1 il parametro Q, è detto coefficiente di sovratensione. I valori di Lr e Cr molto maggiori della tensione di ingresso 1 sono possibili in quanto Lr e Cr sono sfasati di 18 tra di loro ed hanno la stessa ampiezza: la loro somma pertanto, è nulla. Il transitorio iniziale, è dovuto alla carica del condensatore e dell`induttore. 3.3 FREQ = 1 AMPL = 1 OFF = 4 1 R2 5 OFF = AMPL = 1 FREQ = 1 3 L2 22m 2 OFF = AMPL = 1 FREQ = 5 2 C2 5u Andamento delle tre tensioni di ingresso a frequenze diverse Andamen to della tensione d`uscita. 1. SEL>> (2:+) (3:+,3:-) (4:+,4:-) -2 s 5ms 1ms 15ms 2ms 25ms 3ms (C2:2) Time Si noti come il segnale di uscita abbia la stessa frequenza del generatore 2 con frequenza di risonanza 14

15 In questa simulazione, si sono voluti verificare i concetti espressi sui circuiti risonanti. Si è realizzato un circuito inserendo in serie tre generatori di tensione sinusoidali a frequenze diverse tra di loro. Si è calcolata la frequenza di risonanza del circuito, e abbiamo impostato questo valore come frequenza di lavoro del generatore 2. Si può ora osservare come la tensione di uscita del circuito, abbia la stessa frequenza del generatore 2, ossia la frequenza di risonanza: questo significa che le altre tensioni a frequenze diverse da quella di risonanza sono state fortemente attenuate. 3.4 PARAMETERS: R = 1k R3 L3 1 2 {R} 1uH 1 = 2 = 1 TD = TR = 1n TF = 1n PW = 1u PER = 1 5 C3 1n 1m 5m s 5us 1us 15us 2us 25us 3us 35us 4us 45us 5us (C3:2) Time 15

16 A regime impulsivo, il circuito risonante può essere paragonato ad un più semplice circuito RC, in quanto in regime continuo la reattanza induttiva ha valore zero. Con questa analisi parametrica, osserviamo l andamento della tensione di carica e scarica del condensatore per valori diversi della resistenza R 3. Si nota come al diminuire della costante di tempo del circuito (5RC), il valore della tensione sul condensatore assume valori sempre più vicini a 2 di PULSE. Questo perché τ si avvicina al valore PW (Pulse Width: larghezza d impulso) del generatore, così da permettere la completa carica della capacità. 4 Circuiti antirisonanti: RLC parallelo 4.1 R1 R ac dc 1 1 L1 I 22m C1 I 5u 2 Andamento dell`imped enza 5 25 Andamento della corrente SEL>> 2mA 1mA (1:+) / I(1) A 1.Hz 3.Hz 1Hz 3Hz 1Hz 3Hz 1.KHz 2.5KHz I(1) Frequency 16

17 In questo circuito antirisonante, è stato messo in evidenza l andamento della corrente e dell impedenza, in maniera tale da mettere in contrasto il differente comportamento di questo circuito rispetto ai circuiti risonanti. L analisi viene effettuata come per il circuito risonante serie, analizzando il comportamento dei componenti reattivi al variare della frequenza. Abbiamo che alle alte frequenze la reattanza induttiva è alta, e la reattanza capacitiva è circa zero: la corrente in questo caso è alta e vale i /R 2. Alle basse frequenza, invece, la reattanza capacitiva è alta, e la reattanza induttiva è circa zero: la corrente anche in questo caso è alta e vale i /R 1. La frequenza di risonanza, viene calcolata come per il circuito RLC serie: f r = (2π LC) -1 A questa frequenza, l impedenza complessiva è massima, e la corrente risulta essere bassa: da qui il nome antirisonante. Amplificatori Operazionali 5 Analisi di circuiti operazionali In questa parte verranno analizzati alcuni circuiti con amplificatori operazionali. Questi integrati, sono degli amplificatori a transistor che presentano un amplificazione molto elevata, una resistenza d ingresso anche essa molto elevata, un ampia larghezza di banda, ecc errà introdotto per l analisi di questi circuiti, il concetto di feedback negativo: parte del segnale di uscita amplificato, viene riportato in ingresso tramite una resistenza al morsetto -. Questa configurazione risulta a noi molto utile, in quanto potremo variare l amplificazione semplicemente variando il valore della resistenza di reazione. Concetto molto importante per analizzare i circuiti con amplificatore operazionale, è il fatto che la tensione differenziale tra i due morsetti è uguale a zero, e che i due ingressi non assorbono corrente. 17

18 5.1 OFF = AMPL = 1 FREQ = 5 4 R6 1k 3 2 ua741 U CC_CIRCLE CC_ARROW OS2 OUT OS R5 {Rr1} PARAMETERS: Rr1 = 1k 1. Andamento della tensione di ingresso Andamento (in controfase) delle tensioni di uscita per diversi valori dell`amplificazion e (analisi parametrica) SEL>> -1. (R6:1) 1-1 s 1ms 2ms 3ms 4ms 5ms 6ms 7ms 8ms (R5:2) Time In questo caso, viene analizzato un amplificatore operazionale in configurazione invertente. Possiamo determinare la tensione di uscita, applicando semplicemente il secondo teorema di Kirchhoff. U = -(R R /R I ) i. Osservando il grafico, risulta evidente come il segnale di uscita sia sfasato di 18 rispetto all ingresso. 18

19 5.2 15dc 15dc CC_CIRCLE 1 2 OFF = AMPL = 1 FREQ = 5 3 ua741 U CC_CIRCLE + - OS2 OUT OS CC_ARROW R1 1k 4 CC_ARROW R2 {Rr} PARAMETERS: Rr = 2k 1. SEL>> (3:+) -2 s 1ms 2ms 3ms 4ms 5ms 6ms 7ms 8ms (U1:OUT) Time Nella configurazione non invertente, si può osservare la corrispondenza tra le fasi del segnale di ingresso, e di quello di uscita. In questo circuito, la determinazione del segnale di uscita, risulta: (R I + R R ) I R I + R R R R A = U / I = = = 1 + R I I R I R I U = A i 19

20 5.3 ua741 U2 7 CC_CIRCLE 1 = 2 = 2 TD = 1n TR = 1n TF = 1n PW = 2u PER = 2 6 R4 1k CC_ARROW OS2 OUT OS C1 1n R3 1k s 5us 1us 15us 2us 25us 3us 35us 4us 45us 5us (R3:2) (6:+) Time Si puo` notare il segnale a gradino posto in ingresso al circuito, ed il relativo integrale che si ha in uscita. Il circuito integratore, è caratterizzato dal fatto che la resistenza di reazione viene sostituita da una capacità. R R = (jωc) -1 Questo cambiamento, comporta un diverso comportamento del circuito in frequenza: il circuito, esegue un integrale della tensione di ingresso. U = (RC) -1 vi dt Abbiamo quindi che la tensione di uscita è l integrale della tensione di ingresso, moltiplicato per un fattore (RC) -1. 2

21 ORCAD 6 SW di simulazione 6.1 Il software di simulazione Pspice, ci ha permesso di effettuare accurate analisi per studiare il comportamento dei circuiti analizzati. Sono state possibili effettuare simulazioni nel dominio della frequenza e nel dominio del tempo. E stata introdotta poi l analisi parametrica, grazie alla quale è stato possibile analizzare il comportamento dei circuiti al variare di alcuni parametri indicati da noi. Analisi nel dominio del tempo Con questa analisi, sono stati osservati i comportamenti dei vari circuiti nel tempo. In particolare, sono stati possibile visualizzare i transitori dei circuiti RC, CR e RLC. Questa modalità, viene impostata dal SW Capture CIS, che ci ha permesso in particolar modo la realizzazione dei circuiti. Analisi nel dominio della frequenza Con questa analisi è stato possibile visualizzare il comportamento dei circuiti al variare della frequenza. Questa analisi ci ha consentito in particolare di osservare l andamento delle impedenze e delle correnti e di calcolare le funzioni di trasferimento nei circuiti risonanti e antirisonanti. Questa modalità di analisi, viene anche essa impostata sul SW Capture CIS. E possibile determinare il range di analisi, è in particolare la risoluzione (il numero di punti per decade necessari per tracciare il grafico della funzione). Analisi parametrica L`analisi parametrica, ci permette di eseguire delle simulazioni nel tempo e nella frequenza al variare di alcuni parametri da noi impostati. E` possibile ad esempio, eseguire un`analisi parametrica di un circuito risonante al variare della resistenza, e quindi vedere su un grafico, l`andamento della corrente per diversi valori del parametro R. Le operazioni necessarie ad impostare l`analisi parametrica, vengono eseguite dal SW Capture CIS. 21

22 Per eseguire questo tipo di analisi, e` necesserio per prima cosa, rinominare il valore del vomponente del quale si vuole variare il valore durante la simulazione, impostando il nome tra parentesi graffe: es. {R}. A questo punto verra` inserito nel circuito, il componente PARAM presente nella libreria SPECIAL di Pspice. Questo componente, ci permettera` di definire il parametro che noi vogliamo fa variare. Bisogna ora sulle proprieta` del componente PARAM inserire una nuova colonna, impostando il nome del parametro senza le parentesi graffe, ed il suo valore di default qualora non si ritenga piu` necessaria l`analisi parametrica. Fatto cio`, basta spuntare sulla finestra < Pspice Edit Simulation Profile > l`opzione Parametric Sweep. Impostiamo ora il tipo di variabile (nel caso della resistenza impostiamo Global parameter), ed il suo nome senza parentesi graffe. E` possibile a questo punto impostare i valori di start, di end e l`incremento relativi al parametro. 22

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

FILTRI PASSIVI. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso in base alla frequenza.

FILTRI PASSIVI. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso in base alla frequenza. FILTRI PASSIVI Un filtro è un sistema dotato di ingresso e uscita in grado di operare una trasmissione selezionata di ciò che viene ad esso applicato. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso

Dettagli

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI INTEGRATORE E DERIVATORE REALI -Schemi elettrici: Integratore reale : C1 R2 vi (t) R1 vu (t) Derivatore reale : R2 vi (t) R1 C1 vu (t) Elenco componenti utilizzati : - 1 resistenza da 3,3kΩ - 1 resistenza

Dettagli

L amplificatore operazionale 1. Claudio CANCELLI

L amplificatore operazionale 1. Claudio CANCELLI L amplificatore operazionale Claudio CANCELLI L amplificatore operazionale Indice dei contenuti. L'amplificatore...3. L'amplificatore operazionale - Premesse teoriche....5 3. Circuito equivalente... 5

Dettagli

Fig. 3: Selezione dell analisi: Punto di polarizzazione. Fig. 4: Errori riscontrati nell analisi

Fig. 3: Selezione dell analisi: Punto di polarizzazione. Fig. 4: Errori riscontrati nell analisi Elettronica I - Sistemi Elettronici I/II Esercitazioni con PSPICE 1) Amplificatore di tensione con componente E (file: Amplificatore_Av_E.sch) Il circuito mostrato in Fig. 1 permette di simulare la classica

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

5 Amplificatori operazionali

5 Amplificatori operazionali 5 Amplificatori operazionali 5.1 Amplificatore operazionale: caratteristiche, ideale vs. reale - Di seguito simbolo e circuito equivalente di un amplificatore operazionale. Da notare che l amplificatore

Dettagli

Applicazioni dell amplificatore operazionale

Applicazioni dell amplificatore operazionale Capitolo 10 Applicazioni dell amplificatore operazionale Molte applicazioni dell amplificatore operazionale si basano su circuiti che sono derivati da quello dell amplificatore non invertente di fig. 9.5

Dettagli

T3 CIRCUITI RISONANTI E AMPLIFICATORI SELETTIVI

T3 CIRCUITI RISONANTI E AMPLIFICATORI SELETTIVI T3 CICUITI ISONANTI E AMPLIFICATOI SELETTIVI T3. Il fattore di merito di una bobina è misurato in: [a] henry. [b] ohm... [c] è adimensionale.. T3. Il fattore di perdita di un condensatore è misurato in:

Dettagli

BLOCCO AMPLIFICATORE. Amplificatore ideale. ELETTRONICA 1 per Ingegneria Biomedica Prof. Sergio Cova

BLOCCO AMPLIFICATORE. Amplificatore ideale. ELETTRONICA 1 per Ingegneria Biomedica Prof. Sergio Cova ELETTRONIC per Ingegneria Biomedica Prof. Sergio Cova BLOCCO MPLIFICTORE v i È un circuito integrato v i v v v i quindi v i mplificatore ideale resistenza di ingresso corrente assorbita dagli ingressi

Dettagli

Risposta RLC serie Analisi nel dominio del tempo. Laboratorio di Sistemi. Classe IV - Risposta dei circuiti: RLC serie con gradino di tensione

Risposta RLC serie Analisi nel dominio del tempo. Laboratorio di Sistemi. Classe IV - Risposta dei circuiti: RLC serie con gradino di tensione 12/02/09 IPSIA Antonio Pacinotti - Pistoia Risposta RLC serie Analisi nel dominio del tempo Laboratorio di Sistemi Classe IV - Risposta dei circuiti: RLC serie con gradino di tensione Gualtiero Lapini

Dettagli

Capitolo. La funzione di trasferimento. 2.1 Funzione di trasferimento di un sistema. 2.2 L-trasformazione dei componenti R - L - C

Capitolo. La funzione di trasferimento. 2.1 Funzione di trasferimento di un sistema. 2.2 L-trasformazione dei componenti R - L - C Capitolo La funzione di trasferimento. Funzione di trasferimento di un sistema.. L-trasformazione dei componenti R - L - C. Determinazione delle f.d.t. di circuiti elettrici..3 Risposta al gradino . Funzione

Dettagli

2 Qual è il guadagno totale di due stadi amplificatori da 6 db e da 3 db : A 4,5 db B 9 db C 6 db

2 Qual è il guadagno totale di due stadi amplificatori da 6 db e da 3 db : A 4,5 db B 9 db C 6 db 3.- CIRCUITI 3.1.- Combinazione dei componenti: Circuiti in serie e in parallelo di resistori, bobine, condensatori, trasformatori e diodi - Corrente e tensione nei circuiti Impedenza. 3.2.- Filtri: Filtri

Dettagli

Lab 4 Filtri con amplificatori operazionali

Lab 4 Filtri con amplificatori operazionali Aggiungendo alcuni condensatori e resistenze ad un semplice circuito con amplificatore operazionale (Op Amp) si possono ottenere molti circuiti analogici interessanti come filtri attivi, integratori e

Dettagli

Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni 1. Seconda Prova

Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni 1. Seconda Prova Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni Si consiglia di leggere attentamente il testo proposto prima di segnare la risposta. Seconda Prova La prova

Dettagli

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Davide Giglio Introduzione alle eti Elettriche e reti elettriche costituite da resistori, condensatori e induttori (bipoli),

Dettagli

Circuiti elettrici lineari

Circuiti elettrici lineari Circuiti elettrici lineari Misure con l oscilloscopio e con il multimetro Edgardo Smerieri Laura Faè PLS - AIF - Corso Estivo di Fisica Genova 009 Elenco delle misurazioni. Circuito resistivo in corrente

Dettagli

Lez. 17/12/13 Funzione di trasferimento in azione e reazione, pulsazione complessa, introduzione alla regolazione

Lez. 17/12/13 Funzione di trasferimento in azione e reazione, pulsazione complessa, introduzione alla regolazione Lez. 7/2/3 unzione di trasferimento in azione e reazione, pulsazione complessa, introduzione alla regolazione consideriamo il risultato del filtro passa alto che si può rappresentare schematicamente nel

Dettagli

Funzioni di trasferimento. Lezione 14 2

Funzioni di trasferimento. Lezione 14 2 Lezione 14 1 Funzioni di trasferimento Lezione 14 2 Introduzione Lezione 14 3 Cosa c è nell Unità 4 In questa sezione si affronteranno: Introduzione Uso dei decibel e delle scale logaritmiche Diagrammi

Dettagli

Corso di orientamento. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI

Corso di orientamento. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI M320 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Corso di orientamento Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI Tema di: ELETTRONICA (Testo valevole per i corsi di ordinamento e per i corsi sperimentali

Dettagli

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1)

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1) Transitori Analisi nel dominio del tempo Ricordiamo che si definisce transitorio il periodo di tempo che intercorre nel passaggio, di un sistema, da uno stato energetico ad un altro, non è comunque sempre

Dettagli

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Catene di Misura Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

Rappresentazione grafica di un sistema retroazionato

Rappresentazione grafica di un sistema retroazionato appresentazione grafica di un sistema retroazionato La f.d.t. di un.o. ha generalmente alcune decine di poli Il costruttore compensa il dispositivo in maniera da dotarlo di un singolo polo (polo dominante).

Dettagli

ELETTRONICA. L amplificatore Operazionale

ELETTRONICA. L amplificatore Operazionale ELETTRONICA L amplificatore Operazionale Amplificatore operazionale Un amplificatore operazionale è un amplificatore differenziale, accoppiato in continua e ad elevato guadagno (teoricamente infinito).

Dettagli

I Filtri - Tipi di risposte in frequenza

I Filtri - Tipi di risposte in frequenza I Filtri - Tipi di risposte in frequenza Sommario argomenti trattati Appunti di Elettronica - Pasquale Altieri - I Filtri - Tipi di risposte in frequenza... Risposta alla Butterworth... Risposta alla Bessel...

Dettagli

Elettronica I - Laboratorio Didattico - BREVE INTRODUZIONE AGLI STRUMENTI DEL BANCO DI MISURA

Elettronica I - Laboratorio Didattico - BREVE INTRODUZIONE AGLI STRUMENTI DEL BANCO DI MISURA Elettronica I - Laboratorio Didattico - BREVE INTRODUZIONE AGLI STRUMENTI DEL BANCO DI MISURA Generatore di Funzioni T T i - TG2000 Generatore di Funzioni T T i - TG2000 Genera i segnali di tensione Uscita

Dettagli

Potenza elettrica nei circuiti in regime sinusoidale

Potenza elettrica nei circuiti in regime sinusoidale Per gli Istituti Tecnici Industriali e Professionali Potenza elettrica nei circuiti in regime sinusoidale A cura del Prof. Chirizzi Marco www.elettrone.altervista.org 2010/2011 POTENZA ELETTRICA NEI CIRCUITI

Dettagli

Filtri attivi del primo ordine

Filtri attivi del primo ordine Filtri attivi del primo ordine Una sintesi non esaustiva degli aspetti essenziali (*) per gli allievi della 4 A A T.I.E. 08-09 (pillole per il ripasso dell argomento, da assumere in forti dosi) (*) La

Dettagli

OSCILLATORI SINUSOIDALI. Generalità

OSCILLATORI SINUSOIDALI. Generalità OSCILLATORI SINUSOIDALI Generalità Per comprendere il principio di funzionamento di un oscillatore, si consideri un amplificatore reazionato privo del segnale esterno d ingresso, e quindi privo del nodo

Dettagli

MISURE CON L OSCILLOSCOPIO

MISURE CON L OSCILLOSCOPIO MISURE CON L OSCILLOSCOPIO Misure di ampiezza (1/4) Per effettuare misure di ampiezza con l oscilloscopio l di norma si eseguono in sequenza i seguenti passi: 1. Si procede innanzitutto alla predisposizione

Dettagli

A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO

A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO Sono stati trattati gli elementi base per l'analisi e il dimensionamento dei sistemi di controllo nei processi continui. E' quindi importante:

Dettagli

LEZIONE DI ELETTRONICA per la classe 5 TIM/TSE

LEZIONE DI ELETTRONICA per la classe 5 TIM/TSE LEZIONE DI ELETTRONICA per la classe 5 TIM/TSE MODULO : Analisi dei circuiti lineari in regime sinusoidale PREMESSA L analisi dei sistemi elettrici lineari, in regime sinusoidale, consente di determinare

Dettagli

L'amplificatore operazionale - principi teorici

L'amplificatore operazionale - principi teorici L'amplificatore operazionale - principi teorici Cos'è? L'amplificatore operazionale è un circuito integrato che produce in uscita una tensione pari alla differenza dei suoi due ingressi moltiplicata per

Dettagli

Raccolta di esercizi di elettronica

Raccolta di esercizi di elettronica Raccolta di esercizi di elettronica Esercitazione 1 1) Rappresentare analiticamente il segnale costituito da un impulso trapezoidale con fronte di salita di 1 s e fronte di discesa di 4 s, che mantiene

Dettagli

Programmazione modulare a. s. 2014-2015

Programmazione modulare a. s. 2014-2015 Programmazione modulare a. s. 201-2015 Indirizzo:Informatica Disciplina : Telecomunicazioni Classe: A B Informatica Ore settimanali previste:3 (di cui 2 di laboratorio) Libro di testo: TELECOMUNICAZIONI-Ambrosini,

Dettagli

Circuiti Elettrici. Un introduzione per studenti di Fisica. Giulio D Agostini. Dipartimento di Fisica, Università La Sapienza, Roma

Circuiti Elettrici. Un introduzione per studenti di Fisica. Giulio D Agostini. Dipartimento di Fisica, Università La Sapienza, Roma Circuiti Elettrici Un introduzione per studenti di Fisica Giulio D Agostini Dipartimento di Fisica, Università La Sapienza, Roma 6 marzo 2015 ii Indice 1 Forze gravitazionali e forze elettriche 1 1.1 Forze

Dettagli

E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali

E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali hanno però caratteristiche che approssimano molto bene il

Dettagli

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO a.s. 2010/2011 -classe III- Materia: Telecomunicazioni ---- Oscillatori ---- alunna Serafini Rossella prof. Ing. Zumpano Luigi L'oscillatore L'oscillatore è l'elemento fondamentale

Dettagli

Esercitazioni di Laboratorio III di Fisica in ambiente Pspice. I. Ortosecco

Esercitazioni di Laboratorio III di Fisica in ambiente Pspice. I. Ortosecco Esercitazioni di Laboratorio III di Fisica in ambiente Pspice I. Ortosecco ottobre 2008 I. Ortosecco Esercitazioni Pspice di Lab. III 1 Quanto segue è un promemoria per coloro che hanno seguito la lezione_lab

Dettagli

Circuiti amplificatori

Circuiti amplificatori Circuiti amplificatori G. Traversi Strumentazione e Misure Elettroniche Corso Integrato di Elettrotecnica e Strumentazione e Misure Elettroniche 1 Amplificatori 2 Amplificatori Se A V è negativo, l amplificatore

Dettagli

Nome e Cognome. 2 Calcolare il valore efficace di una tensione sinusoidale con Vmax = 18 V

Nome e Cognome. 2 Calcolare il valore efficace di una tensione sinusoidale con Vmax = 18 V VERIFICA SCRITTA DI ELETTRONICA Classe IVME A. S. 2013/2014 27 ottobre 2013 [1,5 punti per gli esercizi 1-5-7-8; 1 punto per gli esercizio (2, 3, 4, 6)] Nome e Cognome. 1 Calcolare il valore di Vx nel

Dettagli

Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori

Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori Esercizio T T V V on riferimento al circuito di figura, si assumano i seguenti valori: = = kω, =. µf, = 5 V. Determinare

Dettagli

Appendice Circuiti con amplificatori operazionali

Appendice Circuiti con amplificatori operazionali Appendice Circuiti con amplificatori operazionali - Appendice Circuiti con amplificatori operazionali - L amplificatore operazionale Il componente ideale L amplificatore operazionale è un dispositivo che

Dettagli

GRMN VCO Rev 0 - Thermidor Technologies - Pagina 1. Note sul dimensionamento dei VCO Per sintetizzatore Germinimal

GRMN VCO Rev 0 - Thermidor Technologies - Pagina 1. Note sul dimensionamento dei VCO Per sintetizzatore Germinimal GRMN VCO Rev 0 - Thermidor Technologies - Pagina 1 Note sul dimensionamento dei VCO Per sintetizzatore Germinimal GRMN VCO Rev 0 - Thermidor Technologies - Pagina 1 Indice INDICE INDICE... 1 1. DESCRIZIONE...

Dettagli

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione 0.0. 3.2 Diagrammi di Bode Possibili rappresentazioni grafiche della funzione di risposta armonica F (ω) = G(jω) sono: i Diagrammi di Bode, i Diagrammi di Nyquist e i Diagrammi di Nichols. I Diagrammi

Dettagli

Transitori del primo ordine

Transitori del primo ordine Università di Ferrara Corso di Elettrotecnica Transitori del primo ordine Si consideri il circuito in figura, composto da un generatore ideale di tensione, una resistenza ed una capacità. I tre bipoli

Dettagli

Le reti elettriche possono contenere i componenti R, C, L collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi.

Le reti elettriche possono contenere i componenti R, C, L collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi. e reti elettriche in alternata (- ; - ; --) e reti elettriche possono contenere i componenti,, collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi. l loro studio in alternata parte dall analisi

Dettagli

30 RISONANZE SULLE LINEE DI TRASMISSIONE

30 RISONANZE SULLE LINEE DI TRASMISSIONE 3 RISONANZE SULLE LINEE DI TRASMISSIONE Risuonatori, ovvero circuiti in grado di supportare soluzioni risonanti( soluzioni a regime sinusoidali in assenza di generatori) vengono largamente utilizzati nelle

Dettagli

Fr = 1 / [ ( 2 * π ) * ( L * C ) ]

Fr = 1 / [ ( 2 * π ) * ( L * C ) ] 1.6 I circuiti risonanti I circuiti risonanti, detti anche circuiti accordati o selettivi, sono strutture fondamentali per la progettazione dell elettronica analogica; con essi si realizzano oscillatori,

Dettagli

Studio nel dominio del tempo. Le correnti sulla resistenza e sul condensatore, considerando che il punto M è a massa virtuale, valgono:

Studio nel dominio del tempo. Le correnti sulla resistenza e sul condensatore, considerando che il punto M è a massa virtuale, valgono: INTEGRATORE E DERIVATORE Oltre le quattro operazioni matematiche (addizione, sottrazione, moltiplicazione, divisione) l A.O. è in grado di compiere anche altre operazioni tra le quali parecchio importanti

Dettagli

Elettronica per le telecomunicazioni

Elettronica per le telecomunicazioni POLITECNICO DI TORINO Elettronica per le telecomunicazioni Relazione di laboratorio Gruppo: A08 Antona Maria Gabriella Matricola: 148211 Degno Angela Rita Matricola: 148155 Fiandrino Claudio Matricola:

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte V)

Analisi in regime sinusoidale (parte V) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte ) Teorema sul massimo trasferimento di potenza attiva... alore della massima potenza attiva assorbita: rendimento del circuito3 Esempio...3

Dettagli

Corso di preparazione esame di radiooperatore 2015. Radiotecnica 2. valvole e classi di funzionamento. Carlo Vignali, I4VIL

Corso di preparazione esame di radiooperatore 2015. Radiotecnica 2. valvole e classi di funzionamento. Carlo Vignali, I4VIL A.R.I. - Sezione di Parma Corso di preparazione esame di radiooperatore 2015 Radiotecnica 2 valvole e classi di funzionamento Carlo Vignali, I4VIL TRIODO AMPLIFICATORE TRIODO AMPLIFICATORE Esempio. TRIODO

Dettagli

Comportamento in frequenza degli amplificatori

Comportamento in frequenza degli amplificatori Comportamento in degli amplificatori Il guadagno e tutte le grandezze che caratterizzano un amplificatore sono funzione della (cioè AA(f ), in in (f ), out out (f ), etc.). Questo perché con il crescere

Dettagli

Programmazione modulare

Programmazione modulare Programmazione modulare Indirizzo: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Disciplina: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Docenti: Erbaggio Maria Pia e Iannì Gaetano Classe: IV A e settimanali previste: 6 Prerequisiti

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE DI BARONISSI IND. TECNICO INDUSTRIALE INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI. Programmazione A. S. 2012-2013 ELETTRONICA

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE DI BARONISSI IND. TECNICO INDUSTRIALE INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI. Programmazione A. S. 2012-2013 ELETTRONICA Classi quarte 1. Reti elettriche in a. c. Periodo: settembre/ottobre novembre/dicembre ore 60 1. La funzione sinusoidale. 2. Rappresentazione vettoriale della grandezze sinusoidali. 3. I componenti passivi

Dettagli

M049 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE. Indirizzo: TECNICO DELLE INDUSTRIE ELETTRONICHE CORSO DI ORDINAMENTO

M049 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE. Indirizzo: TECNICO DELLE INDUSTRIE ELETTRONICHE CORSO DI ORDINAMENTO M049 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE Indirizzo: TECNICO DELLE INDUSTRIE ELETTRONICHE CORSO DI ORDINAMENTO Tema di: ELETTRONICA, TELECOMUNICAZIONI E APPLICAZIONI Il candidato, formulando eventuali

Dettagli

Le Antenne Verticali

Le Antenne Verticali Le Antenne Verticali principi e funzionamento illustrati da Gioacchino IW9DQW Generalità. S intende per antenna un organo atto ad irradiare nello spazio energia elettromagnetica, quando venga percorso

Dettagli

Amplificatori in classe B

Amplificatori in classe B Amplificatori in classe B Lo schema semplificato di un amplificatore in classe B è mostrato in figura. Si tratta di una classica configurazione push-pull a simmetria complementare, nella quale i due componenti

Dettagli

Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica. Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) a.a. 20I2/2013. Stefano Bifaretti

Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica. Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) a.a. 20I2/2013. Stefano Bifaretti Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) a.a. 20I2/2013 Stefano Bifaretti Ad ogni commutazione degli interruttori statici di un convertitore è associata una dissipazione

Dettagli

Ambiente di apprendimento

Ambiente di apprendimento ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA MAIO LINO, PALUMBO GAETANO 3EET Settembre novembre Saper risolvere un circuito elettrico in corrente continua, e saperne valutare i risultati. Saper applicare i teoremi dell

Dettagli

Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale. 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito

Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale. 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito I fenomeni energetici connessi al passaggio della corrente in un circuito, possono essere distinti

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Progetto di controllo e reti correttrici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 053 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale 2. Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale Un amplificatore è realizzato con un LM74, con Ad = 00 db, polo di Ad a 0 Hz. La controreazione determina un guadagno ideale pari a 00.

Dettagli

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo Generatori di segnale Generatore sinusoidale BF Generatori di funzione Generatori sinusoidali a RF Generatori a battimenti Generatori di segnale sintetizzati Generatori per sintesi indiretta 2 2006 Politecnico

Dettagli

Elettronica e Telecomunicazioni Classe Quinta. La trasformata di Laplace

Elettronica e Telecomunicazioni Classe Quinta. La trasformata di Laplace Elettronica e Telecomunicazioni Classe Quinta La trasformata di Laplace ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE QUINTA A INFORMATICA INDICE Segnali canonici Trasformata di Laplace Teoremi sulla trasformata

Dettagli

Impariamo ad usare PSPICE Student Edition.

Impariamo ad usare PSPICE Student Edition. Impariamo ad usare PSPICE Student Edition. 2002 Giorgio Fontana Università di Trento. Installazione. Procurarsi una copia di: Attenti, è una cosa grossa: 27.2 MB. eventualmente da: http://www.orcad.com/product/simulation/pspice/eval.asp

Dettagli

ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO NAUTICO C.COLOMBO. CLASSE 3 A sez. 3CI

ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO NAUTICO C.COLOMBO. CLASSE 3 A sez. 3CI CLASSE 3 A sez. 3CI MATERIA: Elettrotecnica, laboratorio 1. Contenuti del corso DOCENTI: SILVANO Stefano FERRARO Silvano Unità didattica 1: Gli strumenti di misura Il concetto di misura, errori di misura

Dettagli

Un sistema di controllo può essere progettato fissando le specifiche:

Un sistema di controllo può essere progettato fissando le specifiche: 3. Specifiche dei Sistemi Un sistema di controllo può essere progettato fissando le specifiche: nel dominio del tempo (tempo di salita, tempo di assestamento, sovraelongazione, ecc.); nel dominio della

Dettagli

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014 Tracking ADC M. De Vincenzi 1 Introduzione La digitalizzazione di segnali analogici si realizza tramite dispositivi che vengono detti ADC (acronimo per Analog

Dettagli

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA Risposta al quesito a Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA (A CURA DEL PROF. Giuseppe SPALIERNO docente di Elettronica

Dettagli

Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale.

Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale. Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale. Il segnale generato dai trasduttori in genere non è idoneo per la diretta elaborazione da parte dell unità di governo che realizza un algoritmo di controllo,

Dettagli

Corso Elettronica Industriale Anno Accademico 2005-2006. Prof Ing Lorenzo Capineri

Corso Elettronica Industriale Anno Accademico 2005-2006. Prof Ing Lorenzo Capineri AMPLIFICATORI IN CLASSE D Corso Elettronica Industriale Anno Accademico 25-26 Prof Ing Lorenzo Capineri Indice 1. Generalità degli amplificatori in Classe D 1.1 Risposta in frequenza 2. Principio di funzionamento

Dettagli

Azionamenti elettronici PWM

Azionamenti elettronici PWM Capitolo 5 Azionamenti elettronici PWM 5.1 Azionamenti elettronici di potenza I motori in corrente continua vengono tipicamente utilizzati per imporre al carico dei cicli di lavoro, nei quali può essere

Dettagli

L USO DI SPICE PER LE ESERCITAZIONI DI ELETTRONICA DIGITALE

L USO DI SPICE PER LE ESERCITAZIONI DI ELETTRONICA DIGITALE CAPITOLO 1 L USO DI SPICE PER LE ESERCITAZIONI DI ELETTRONICA DIGITALE Questo capitolo sull uso del programma di simulazione SPICE (Simulation Program with Integrated Circuit Emphasis) è lungi dal voler

Dettagli

Y (s) X(s) = H(s) 1 + G(s)H(s) H(s) e la funzione di transfert open loop e Y (s)/x(s) indica la funzione di transfert closed loop.

Y (s) X(s) = H(s) 1 + G(s)H(s) H(s) e la funzione di transfert open loop e Y (s)/x(s) indica la funzione di transfert closed loop. 1 Cenni introduttivi sulle proprieta elementari del Feedback La tecnica del feedback e applicata molto estesamente nei circuiti analogici, ad es. il feedback negativo permette eleborazioni i segnali con

Dettagli

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO Può essere espressa sia nel dominio della s che nel dominio della j Definizione nel dominio della s. è riferita ai soli sistemi con un ingresso ed un uscita 2. ha per oggetto

Dettagli

ELETTRONICA II. Circuiti misti analogici e digitali 2. Riferimenti al testo. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino

ELETTRONICA II. Circuiti misti analogici e digitali 2. Riferimenti al testo. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino ELETTRONICA II Circuiti misti analogici e digitali 2 Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino Parte E: Circuiti misti analogici e digitali Lezione n. 20 - E - 2: Oscillatori e generatori di segnale

Dettagli

Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit

Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit ingressi analogici Conversione A/D Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit Ogni codice binario rappresenta il

Dettagli

( a ) ( ) ( Circuiti elettrici in corrente alternata. I numeri complessi. I numeri complessi in rappresentazione cartesiana

( a ) ( ) ( Circuiti elettrici in corrente alternata. I numeri complessi. I numeri complessi in rappresentazione cartesiana I numeri complessi I numeri complessi in rappresentazione cartesiana Un numero complesso a è una coppia ordinata di numeri reali che possono essere pensati come coordinate di un punto nel piano P(a,a,

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso INFORMAZIONE AGLI UTENTI ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 15 Attuazione delle Direttive 2002/95/ CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell uso di sostanze

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

Misure di frequenza e di tempo

Misure di frequenza e di tempo Misure di frequenza e di tempo - 1 Misure di frequenza e di tempo 1 - Contatori universali Schemi e circuiti di riferimento Per la misura di frequenza e di intervalli di tempo vengono diffusamente impiegati

Dettagli

Complementi di Analisi per Informatica *** Capitolo 2. Numeri Complessi. e Circuiti Elettrici. a Corrente Alternata. Sergio Benenti 7 settembre 2013

Complementi di Analisi per Informatica *** Capitolo 2. Numeri Complessi. e Circuiti Elettrici. a Corrente Alternata. Sergio Benenti 7 settembre 2013 Complementi di Analisi per nformatica *** Capitolo 2 Numeri Complessi e Circuiti Elettrici a Corrente Alternata Sergio Benenti 7 settembre 2013? ndice 2 Circuiti elettrici a corrente alternata 1 21 Circuito

Dettagli

Retroazione In lavorazione

Retroazione In lavorazione Retroazione 1 In lavorazione. Retroazione - introduzione La reazione negativa (o retroazione), consiste sostanzialmente nel confrontare il segnale di uscita e quello di ingresso di un dispositivo / circuito,

Dettagli

PROVA SCRITTA DI ELETTRONICA Prof. Luca Salvini 4Ae Nome 22/10/2011

PROVA SCRITTA DI ELETTRONICA Prof. Luca Salvini 4Ae Nome 22/10/2011 4Ae 22/10/2011 Saper rappresentare un segnale periodico nel dominio del tempo e della frequenza 1. Disegna, all'interno dei riquadri sottostanti, il grafico dei segnali indicati nel dominio del tempo (a

Dettagli

OSCILLATORI AL QUARZO: CONTASECONDI

OSCILLATORI AL QUARZO: CONTASECONDI ... OSCILLATORI AL QUARZO: CONTASECONDI di Maurizio Del Corso m.delcorso@farelettronica.com Come può un cristallo di quarzo oscillare ad una determinata frequenza? Quale spiegazione fisica c è dietro a

Dettagli

Basetta per misure su amplificatori

Basetta per misure su amplificatori Basetta per misure su amplificatori Per le misure viene utilizzata una basetta a circuito stampato premontata, che contiene due circuiti (amplificatore invertente e noninvertente). Una serie di interruttori

Dettagli

I RICEVITORI IN FM Lo schema di principio di un semplice ricevitore è il seguente:

I RICEVITORI IN FM Lo schema di principio di un semplice ricevitore è il seguente: I RICEVITORI IN FM Lo schema di principio di un semplice ricevitore è il seguente: Questo sistema elementare si chiama ricevitore radio ad amplificazione accordata (TRF) o ad amplificazione diretta ed

Dettagli

Programma svolto nel laboratorio di elettronica

Programma svolto nel laboratorio di elettronica Classi 4ª B inf. e 4ª C inf. as 2008/09 Programma svolto nel laboratorio di elettronica Ripasso: circuiti in continua studiati con Thevenin Porte logiche OR e AND a diodi Circuiti RC e CR in regime sinusoidale

Dettagli

Tensioni variabili nel tempo e Oscilloscopio

Tensioni variabili nel tempo e Oscilloscopio ensioni variabili nel tempo e Oscilloscopio RIASSUNO: ensioni variabili e periodiche Ampiezza, valor medio, ed RMS Generatori di forme d onda ensioni sinusoidali Potenza : valore medio e valore efficace

Dettagli

Alcune applicazioni delle equazioni differenziali ordinarie alla teoria dei circuiti elettrici

Alcune applicazioni delle equazioni differenziali ordinarie alla teoria dei circuiti elettrici Alcune applicazioni delle equazioni differenziali ordinarie alla teoria dei circuiti elettrici Attilio Piana, Andrea Ziggioto 1 egime variabile in un circuito elettrico. Circuito C. 1.1 Carica del condensatore

Dettagli

Amplificatori di potenza

Amplificatori di potenza Amplificatori di potenza Gli amplificatori di potenza sono quegli amplificatori che trasferiscono al carico una potenza rilevante; orientativamente da alcuni decimi di Watt in su. Di solito essi sono costituiti

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Analisi armonica e metodi grafici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 053 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. Analisi

Dettagli

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83 I convertitori c.c.-c.c. monodirezionali sono impiegati per produrre in uscita un livello di tensione diverso da quello previsto per la sorgente. Verranno presi in considerazione due tipi di convertitori

Dettagli

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL.

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL. P5 CONVERSIONE DI REQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. P. P5. Un segnale modulato in ampiezza con portante e banda di modulazione B=9 khz centrata su, deve essere convertito in frequenza su una portante

Dettagli

Esercitazione n 5: Stadi di uscita

Esercitazione n 5: Stadi di uscita Esercitazione n 5: Stadi di uscita 1) Per il circuito in Fig. 1 sostituire il generatore di corrente con uno specchio di corrente. Dimensionare quest'ultimo in modo tale da ottenere la massima dinamica

Dettagli