PROVINCIA DI ALESSANDRIA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI ALESSANDRIA"

Transcript

1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA Programma di attività In.F.E.A Funzionario provinciale responsabile Antonella ARMANDO Descrizione dello SCENARIO PROVINCIALE, per la contestualizzazione delle azioni educative in campo ambientale. La Provincia di Alessandria, ormai da alcuni anni, sta focalizzando l attenzione, tramite un processo di pianificazione ambientale strategica in un contesto di sostenibilità ambientale, sottolineato anche dall adesione al progetto di Agenda 21, su interventi di coinvolgimento e di partecipazione alle scelte ambientali dei vari soggetti del territorio. Infatti, tenere conto delle peculiarità del territorio provinciale, tutelarne e valorizzare le caratteristiche paesaggistiche, naturalistiche e culturali rappresenta per l Amministrazione Provinciale un importante progetto rivolto non solo ad operazioni di conoscenza, di recupero della memoria storica e di promozione ma anche uno strumento per ricadute economiche, sociali e culturali. Sotto il profilo della valorizzazione dei beni naturalistici, nel 2008, continuerà il progetto relativo al Corridoio Ecologico del Torrente Orba - collegamento tra due Siti di Importanza Comunitaria (SIC), il Parco Capanne di Marcarolo e il Torrente Orba avviato nel 2007 e trasformato in Contratto di Fiume - per definire un Piano di gestione integrata del territorio provinciale e pervenire alla definizione di tre contratti di fiume relativi ai Torrenti Orba, Belbo e Curone. Gli ecosistemi fluviali sono alla base anche del progetto relativo alla riqualificazione dell ecosistema fluviale Tanaro-Bormida-Erro, che ha come obiettivo l analisi del territorio attraverso le matrici ambientali della zona per tutelare e ripristinarne la biodiversità, con la predisposizione di un piano d azione che consenta il mantenimento degli habitat in relazione alle attività antropiche presenti sul territorio, l eventuale messa in sicurezza delle sponde e l applicazione del Piano di Tutela delle Acque approvato dalla Regione. Tale complesso di azioni, volte ad un indagine conoscitiva del territorio ed all analisi dei vari ecosistemi, porterà allo sviluppo di iniziative tese a creare un sistema turistico-ricreativo caratterizzato da percorsi sul territorio che leghino strettamente le peculiarità ambientali e culturali di una determinata area, sviluppando, in tal senso, gli itinerari a molteplici dimensioni, già avviati lo scorso anno, con il percorso di S. Limbania tra le province di Alessandria e di Genova. Parallelamente, sarà ripreso il progetto di valorizzazione e fruizione di alcuni beni ambientali provinciali, quali il complesso del Guardamonte a Gremiasco e il Maglietto a Novi Ligure con la predisposizione di percorsi didattici. Nell ottica della sostenibilità ambientale l obiettivo dell Amministrazione Provinciale è quello di incentivare il più possibile la raccolta differenziata dei rifiuti, per raggiungere già nel 2009 gli obiettivi di raccolta differenziata del 65% imposti dalla normativa nazionale per il 2012, con il coordinamento dei Consorzi di bacino per la trasformazione dei servizi di raccolta anche attraverso un sostegno finanziario rivolto ai piccoli Comuni per incentivare le raccolte differenziate. Nel mese di settembre 2008, si svolgerà la terza settimana regionale di Ecolavori Settimana regionale della sostenibilità del recupero dei materiali e delle fonti energetiche rinnovabili che vuole sensibilizzare ed informare la popolazione e gli operatori economici sull importanza della raccolta differenziata, del recupero dei materiali, dello sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili. 1

2 Ci sarà un area espositiva dedicata alle pubblicazioni editoriali sulle tematiche ambientali, che costituirà anche motivo di implementazione per l area dedicata ai laboratori territoriali di educazione ambientale inseriti nel programma regionale INFEA. Obiettivi rivolti al risparmio energetico sono presenti nelle azioni volte a favorire l adozione di tecniche energetiche ecocompatibili e di progetti di mobilità sostenibile, con la costituzione di una agenzia energetica che funzioni anche da sportello per aiutare i cittadini e le imprese a cogliere le possibilità di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti sostenibili Fondamentale per la Provincia di Alessandria è anche l opera di sensibilizzazione rivolta ai maggiori strati possibili della popolazione - con il coinvolgimento della cittadinanza, delle scuole, delle associazione e delle istituzioni - ai temi dell ambiente e della qualità della vita. A ciò si rivolge sia il Programma Provinciale IN.F.E.A., articolato in progetti che vogliono contribuire ad offrire supporti e strumenti per una difesa dell ambiente, dello sviluppo sostenibile e della prevenzione dall inquinamento, stimolando cambiamenti nei comportamenti e nelle abitudini dei cittadini e delle istituzioni e promuovendo partecipazione e condivisione dei temi al fine di incentivare la partecipazione degli stessi ai processi decisionali riguardanti l ambiente, sia la riqualificazione del volontariato ambientale, prezioso strumento di supporto dell attività istituzionale. Il Programma Provinciale IN.F.E.A. è composto da progetti che vogliono contribuire, nell ambito della sopra riassunta politica ambientale provinciale e della qualità della vita, ad offrire supporti e strumenti per una difesa dell ambiente, dello sviluppo sostenibile e della prevenzione dall inquinamento, stimolando cambiamenti nei comportamenti e nelle abitudini dei cittadini e delle istituzioni e promuovendo partecipazione e condivisione dei temi al fine di incentivare la partecipazione degli stessi ai processi decisionali riguardanti l ambiente. Il coinvolgimento degli enti, della cittadinanza, delle istituzioni scolastiche, delle associazioni è basilare e condizione primaria per la realizzazione complessiva del Programma e per lo sviluppo dei progetti che rispondono alle politiche ambientali portate avanti della Provincia e condivise dai vari enti ed associazioni coinvolte. Tale percorso ha previsto necessariamente i seguenti passaggi: a) Impostazione ed avvio di un attività di monitoraggio ambientale permanente; b) Impostazione dell attività di osservatorio relativamente alle risposte locali; c) definire specifici obiettivi ambientali per la Provincia di Alessandria; d) integrare vincoli e opportunità ambientali nelle politiche di settore in un ottica di sviluppo economico sostenibile; e) definire uno strumento di azione, con caratteristiche di Piano/Programma. La Provincia di Alessandria, pertanto, intende contribuire ad un miglioramento significativo e verificabile della sostenibilità ambientale del territorio alessandrino, con propri criteri/obiettivo: confronto aperto sulla visione ambientale delle politiche pubbliche; riflessione sui nostri modelli di sviluppo e sulle loro conseguenze per l ambiente; progressiva integrazione, del nostro territorio, in un contesto europeo caratterizzato da una crescente attenzione ai problemi della sostenibilità; superamento della pianificazione come processo dall alto per favorire la programmazione negoziata dal basso; diffusione più ampia possibile dell Agenda 21 in contesti territoriali diversificati; crescita delle capacità da parte della popolazione (decisori politici, operatori economici, semplici cittadini, ecc.) di valutare la propria azione (comportamenti, scelte strategiche e quotidiane) nella prospettiva della sostenibilità, con i conseguenti necessari mutamenti di rotta, individuali e collettivi; capacità crescente di gestione dei conflitti, attraverso la diffusione delle strategie di mediazione, facilitazione, concertazione; introduzione di una maggiore creatività nella ricerca di soluzioni concrete ai problemi ambientali al di fuori degli schemi precostituiti; 2

3 valorizzazione e il coinvolgimento delle energie e delle risorse presenti nella società, come il settore delle O.N.L.U.S. e del volontariato in generale, il mondo giovanile e le categorie tradizionalmente ai margini dei meccanismi di formazione delle decisioni; trasformare le buone pratiche esemplari in buone abitudini comuni. Con provvedimento di indirizzo nr. 277/71394 del la Giunta Provinciale ha approvato requisiti e temi finalizzati alla predisposizione del Programma provinciale Tali temi fondamentali sono stati confermati anche per gli anni 2008 e 2009, con atto nr. 237/77878 del Essi sono: 1) mobilità ed energia riduzione delle emissioni di inquinanti in atmosfera; 2) rifiuti e consumi- politiche integrate di prodotto - riduzione della produzione di rifiuti alla fonte e incremento della raccolta differenziata, con valorizzazione del recupero di materiali; 3) valorizzazione e tutela del territorio, all interno di un più ampio progetto di valorizzazione ambientale 4) acqua come risorsa 5) economia locale sostenibile- educazione alla ruralità, agricoltura e sostenibilità. In tale contesto provinciale, il Programma provinciale 2008 e 2009, rispetterà requisiti idonei al consolidamento e rafforzamento del Sistema provinciale INFEA quali, ad esempio, la messa in rete di soggetti che operano su una stessa tematica, pur nel rispetto delle specificità locali, al fine di ottimizzare il numero di progetti proponendo anche programmi trasversali coniugati con gli obiettivi strategici del territorio attraverso il livello di co-progettazione avviato e la rispondenza a progetti, piani, processi territoriali ed obiettivi strategici perseguiti sia dalla Provincia di Alessandria che dalle amministrazioni presenti sul territorio. Breve descrizione della Rete dei soggetti (enti locali, scuole, Laboratori Territoriali, associazioni senza fini di lucro) che, operando sul territorio con continuità, ha un ruolo centrale nella predisposizione del presente Programma. I soggetti sotto elencati hanno un coinvolgimento e ruoli ben precisi in quanto responsabili di singoli progetti o co-realizzatori. In sintesi, i singoli soggetti partecipano a vario titolo: con finanziamenti; fornendo un supporto tecnico di propri esperti; realizzando percorsi ed uscite didattiche; mettendo a disposizione impianti e locali; partecipando alle varie fasi di progettazione, di monitoraggio e verifica dei tempi; partecipando alla realizzazione di articoli e materiale finale. LABORATORIO TERRITORIALE DI EDUCAZIONE AMBIENTALE COOP. GAIA LERMA AGRITURISMO LA ROSSA E GRUPPO LA ROSSA AMBIENTE MORSASCO OSSERVATORIO ASTRONOMICO NATURALISTICO DI CASASCO COMUNE DI CASALE M.TO COMUNE DI CASTELNUOVO BORMIDA COMUNE DI OCCIMIANO E COMUNI EMAS MONFERRATO UNIVERSITA AVOGADRO DI ALESSANDRIA ARPA PIEMONTE DIPARTIMENTO DI ALESSANDRIA ITIS ACQUI TERME E ASSOCIAZIONE AMICI DELL ITIS ACQUI TERME ITIS VOLTA ALESSANDRIA ISTIT. COMPRENSIVO VALCURONE VIGUZZOLO (AL) PARCO FLUVIALE DEL PO E DELL ORBA VALENZA (AL) PARCO REGIONALE CAPANNE DI MARCAROLO - BOSIO UNITRE UNIVERSITA DELLE TRE ETA DI ALESSANDRIA. Altri soggetti coinvolti nella predisposizione e realizzazione del Programma di attività Tali soggetti sono coinvolti nella predisposizione e realizzazione dei progetti che (alcuni sono presenti in più progetti) con ruoli di co-realizzatori oppure mettendo a disposizione locali idonei per lezioni o conferenze, offrendo professionalità tecniche oppure esperienze progettuali consolidate ed anche sostegno finanziario. 3

4 In particolare enti e comuni, associazioni ambientaliste, consorzi sono di supporto nelle fasi di realizzazione esterna dei percorsi didattici inseriti nel programma e di supporto alle scuole ed ai fruitori adulti. COMUNE DI ACQUI TERME CONSORZIO DI BACINO ALESSANDRINO CONSORZIO CASALESE RIFIUTI CONSORZIO SERVIZI DEL NOVESE,TORTONESE, ACQUESE ED OVADESE ATO 6 ALESSANDRIA REGIONE PIEMONTE SETTORE GESTIONE PROPRIETA FORESTALI REGIONALI E VIVAISTICHE CONFAGRICOLTURA - AGRITURIST - SEZ. PROVINCIALE COLDIRETTI ALESSANDRIA CIA - ALESSANDRIA ECOMUSEO CASCINA MOGLIONI - BOSIO MUSEO DI SCIENZE NATURALI DEL COMUNE DI STAZZANO COOP ALESSANDRIA E TORINO CENTRO EDUCAZIONE AI CONSUMI ASSOCIAZIONE AMICI DEL MONTE EBRO TORTONA (AL) COOPERATIVA BEA E COOPERATIVA FOREST ASSOCIAZIONE PIANETA TERRA - ALBA SCIENZE SHOP ECOLOGOS TORINO MUSEO A COME AMBIENTE TORINO COOP. AGRICOLA VALLI UNITE COSTA VESCOVATO ISTITUTI COMPRENSIVI DI OZZANO, TICINETO E VIGNALE M.TO 1 CIRCOLO DI VALENZA 5 CIRCOLO DI ALESSANDRIA Oltre ai soggetti sopra elencati, è importante sottolineare il supporto tecnicoscientifico messo in campo dal personale di vari Servizi della Provincia (Ambiente, Protezione Civile, Faunistico, Agricoltura). Descrizione del Programma provinciale Il Programma provinciale è stato costruito secondo lo scenario ambientale della provincia di Alessandria ed è orientato a proporre, come già indicato al punto 2) una lettura del territorio e dell ambiente in una chiave di integrazione e trasversalità, per cui i diversi ambiti progettuali sono descritti in relazione alle 6 aree tematiche ed ai contenuti indicati dalla deliberazione di indirizzo della Giunta provinciale. Più precisamente il Programma per il 2008 e 2009, ha quali obiettivi prioritari i seguenti temi: - valorizzazione e tutela del territorio, all interno di un più ampio progetto di valorizzazione ambientale; - rifiuti e consumi- politiche integrate di prodotto - riduzione della produzione di rifiuti alla fonte e incremento della raccolta differenziata, con valorizzazione del recupero di materiali; - mobilità ed energia riduzione delle emissioni di inquinanti in atmosfera; - acqua come risorsa - economia locale sostenibile educazione alla ruralità, agricoltura e sostenibilità In particolare la Provincia promuove politiche ambientali riferite a: - lotta all inquinamento atmosferico, con l utilizzo di mezzi di trasporto a basso impatto ambientale e diffusione di impianti termici poco inquinanti e ad alta efficienza energetica; - gestione delle risorse idriche e del ciclo dell acqua, con la fondamentale sensibilizzazione per evitare gli sprechi e considerare l acqua in tutte le fasi del ciclo come un bene pubblico; - ciclo integrato dei rifiuti, con il ruolo centrale della Raccolta Differenziata, del recupero e riciclo di una quota sempre maggiore di materiale, con le conoscenze di nuove tecnologie impiantistiche, che consentono di ridurre l impatto ambientale del sistema; - recupero di materia e delle energie rinnovabili; 4

5 - promozione della tutela della flora e delle fauna, anche attraverso la valorizzazione naturalistica di aree estese attraverso strumenti quali i corridoi ecologici, SIC ed aree protette, contratto di fiume oltre che la loro fruizione con percorsi didattici ed educazione alla ruralità. I progetti che compongono il Programma vogliono contribuire, nell ambito della politica ambientale sopraccitata e della qualità della vita, ad offrire supporti e strumenti per una difesa dell ambiente, dello sviluppo sostenibile e della prevenzione dall inquinamento, stimolando cambiamenti nei comportamenti e nelle abitudini dei cittadini e delle istituzioni e promuovendo partecipazione e condivisione dei temi al fine di incentivare la partecipazione degli stessi ai processi decisionali riguardanti l ambiente. Il coinvolgimento degli enti, della cittadinanza, delle istituzioni scolastiche, delle associazioni è basilare e condizione primaria per la realizzazione complessiva del Programma. Il Servizio Educazione Ambientale della Provincia, ha avviato ormai da anni un programma di educazione allo sviluppo sostenibile, finalizzato a costruire una rete di relazioni, conoscenze e contatti per favorire la nascita ed il consolidamento, sull intero territorio provinciale, di nuove sinergie tra soggetti diversi e la messa in rete di progetti e, come previsto dalle linee guida approvate dalla Giunta Regionale, ha avviato un tavolo tecnico con i soggetti indicati al punto 3) nel quale è stata sviluppata un attività di co-progettazione per condividere i percorsi e gli obiettivi progettuali. In quest ottica, i Programmi provinciali IN.F.E.A. per l anno 2008 e per il 2009, avranno una cadenza biennale e rispetteranno i requisiti idonei al consolidamento ed rafforzamento del Sistema provinciale con progetti trasversali coniugati con gli obiettivi strategici del territorio. Le varie iniziative verranno monitorate e valutate al fine di potenziare ed incentivare l orientamento ad una azione progettuale che preveda una qualità di processo con riferimento alle linee guida ed agli indicatori di qualità sopra richiamati. In particolare: sono stati convocati incontri del Tavolo provinciale nei mesi di febbraio e marzo 2008, presso la sede del Laboratorio Territoriale della Provincia di Alessandria, con la presenza del Consorzio Pracatinat con lo scopo di far capire ai presenti cosa voglia dire lavorare in gruppo, valutando tutti gli aspetti relativi alla dimensione sociale ed organizzativa. Altri incontri si sono svolti con vari soggetti. E stato incontrato il Parco Capanne di Marcarolo, oltre alle Comunità Montane, per definire attività di economia locale sostenibile educazione alla ruralità, agricoltura e sostenibilità, rivolte soprattutto a studenti delle scuole medie inferiori e superiori della provincia. Tale attività di co-progettazione è scaturita nel progetto Sulle orme dell uomo che piantava gli alberi - a)ecosistemi e biodiversità; Associazioni di volontariato provinciali, Comuni e sedi Museali di Scienze Naturali, hanno condiviso progetti relativi alla valorizzazione e tutela del territorio, all interno di un più ampio progetto di valorizzazione ambientale Conoscenza degli aspetti naturalistici ed ambientali di siti di interesse comunitario ed aree protette - a)ecosistemi e biodiversità; sono stati presi contatti con aziende ed operatori del settore, docenti e dirigenti scolastici di istituti provinciali di ogni ordine e grado e dirigenti dell ARPA provinciale, per approvare alcuni percorsi provinciali rivolti alle scuole, al fine di operare un educazione ambientale sostenibile e condivisa; relativamente a quanto già avviato lo scorso anno, circa le problematiche inerenti la raccolta differenziata porta a porta, si proseguirà il programma precedentemente avviato con Pensare ecologico..agire ecologico con il nuovo: Progetto recupero.dalla differenziata al nuovo prodotto d)politiche integrate di prodotto rivolto a studenti e cittadini residenti nei comuni che attuano la raccolta porta a porta, con la collaborazione dell Osservatorio provinciale e con il coinvolgimento concertato degli Enti, Aziende, Consorzi Smaltimento Rifiuti. In questo contesto esiste già un proficuo rapporto di collaborazioni con le Aziende interessate. Prosegue, inoltre, l attività con l Associazione A come Ambiente; Sono stati contattati dirigenti scolastici ed insegnanti per la loro partecipazione alla settimana regionale della Sostenibilità e del recupero di Materia - Ecolavori, 5

6 che verrà realizzata in Alessandria nel prossimo mese di settembre e che si inserisce nei progetti: Progetto recupero.dalla differenziata al nuovo prodotto d)politiche integrate di prodotto e I sentieri degli alberi monumentali - b)cambiamenti climatici, e)economia locale sostenibile; E stato organizzato un incontro con l Associazione Amici del Monte Ebro, che gestisce il rifugio CAI ORSI e con i colleghi del Servizio Centri di Soggiorno per il centro provinciale CALDIROLA, presso i quali si realizzano i percorsi naturalistici ed i campiscuola rivolti a bambini con particolari patologie (obesi e insulinodipendenti), con la collaborazione di ASO e ASL provinciali ed ARPA provinciale. Progetto: L Appennino delle Quattro regioni a)ecosistemi e biodiversità; Con l ITIS di Alessandria e l ITIS di Acqui, prosegue la collaborazione volta allo sviluppo di percorsi di comunicazione e sensibilizzazione ambientale su problematiche inerenti il risparmio energetico e la qualità delle acque e del suolo: Scuola, territorio e risorse e)economia locale sostenibile ; Le macrofite acquatiche: indice della qualità biologica delle acque f)ambiente e salute; Con alcuni Comuni della provincia (Casale, Acqui, Occimiano, Castelnuovo Bomida) si stanno consolidando progetti concertati sulla riduzione degli imballaggi, negozi leggeri, spesa consapevole: Bambini leggeri, Incomincio da me, AMICI del territorio, Gestione forestale sostenibile e)economia locale sostenibile; c)percorsi partecipati; f)ambiente e salute; Con il CEA La Rossa Ambiente è stato predisposto un Laboratorio didattico sperimentale L utilizzo delle energie rinnovabili per lo sviluppo sostenibile: l esempio delle aziende agricole alessandrine -b) cambiamenti climatici, e)economia locale sostenibile; Il Parco del Po e dell Orba, propone alle scuole del territorio, un progetto I rifiuti.quanta energia che si inserisce nel percorso iniziato lo scorso anno con il progetto Ti rifiuto d)politiche integrate di prodotto; L Osservatorio Naturalistico di Casasco realizzerà un progetto L inquinamento luminoso nella provincia di Alessandria - b) cambiamenti climatici, e)economia locale sostenibile, con la collaborazione degli alunni ed insegnanti dell istituto comprensivo Valcurone di Viguzzolo; Il Lab-Ter e il Servizio provinciale di Protezione Civile, con la consulta del volontariato di P.C. provinciale e la C.R.I., continueranno un percorso di sensibilizzazion, già avviato negli anni scorsi, relativo a La mitigazione del danno ed i cambiamenti climatici b)cambiamenti climatici. Oltre ai progetti sopra elencati, il Servizio preposto ed il Laboratorio Territoriale, hanno avviato un altra serie di incontri con le Associazioni del settore facenti parte del Tavolo tecnico allargato: Agriturist, ArTuRo, Gaia Coop., Associazione Podere La Rossa, Cooperativa Agricola Valli Unite, Coldiretti, CIA, e con gli Ecomusei riconosciuti, per la predisposizione di altri progetti relativi ad educazione alla ruralità, conoscenza ed utilizzo di canali a scopo irriguo, attività collegate all agricoltura, impatto dell uomo sulla natura, di sviluppo locale sostenibile e certificazione ambientale, inseriti nella pubblicazione annuale relativa alle proposte didattiche da inviarsi alle scuole provinciali. La Provincia di Alessandria, infatti, realizzerà, come consuetudine, un opuscolo contenente progetti e percorsi di educazione ambientale rivolti alle scuole di ogni ordine e grado. Dopo l approvazione dei singoli progetti, alle scuole partecipanti verrà erogato un contributo finanziario finalizzato all abbattimento delle spese di trasporto. Il Libretto si suddividerà in due parti: una contenente le proposte inserite nel Programma INFEA ed un altra contenente attività didattico-progettuali a livello locale. Si è realizzata una riunione con i responsabili dell UNITRE UNIVERSITA DELLE TRE ETA di Alessandria, per la prosecuzione del progetto quadriennale Passeggiando nella natura, che vede uscite e laboratori natura inseriti in alcuni progetti che compongono il Programma, preceduti da una serie di conferenze ed incontri preparatori con esperti provinciali. L UNITRE partecipa alla realizzazione del Programma producendo materiale fotografico e/o manuale da utilizzare come sussidio didattico e/o come materiale per la redazione di articoli. 6

7 Per maggior dettaglio, si segnala che ogni progetto, coordinato totalmente o parzialmente dal Laboratorio territoriale e dal Servizio provinciale, vede l intervento di più enti e/o associazioni, di CEA, di scolaresche e/o cittadinanza, con un piano di comunicazione specifico e modalità di animazione che consentono la partecipazione dei vari soggetti coinvolti. Alcuni progetti che compongono il Programma, definiti sperimentali, si propongono di avviare un modello da condividere, con uniformità di conoscenze, linguaggi e modalità da utilizzarsi sul territorio e da esportare in altre realtà. Altri, già monitorati e certificati, verranno sviluppati congiuntamente in più zone territoriali e in più comuni (ad esempio il progetto : Scuola, territorio e risorse che verrà realizzato dall ITIS di Acqui congiuntamente al Museo del Fiume di Alessandria, ed ai Comuni di Alice Bel Colle, Montechiaro d Acqui, Morsasco, Acqui T. oltre che da servizi della Provincia). Elenco titolato delle iniziative: a) Ecosistemi e biodiversità: 1) Conoscenza degli aspetti naturalistici ed ambientali di siti di interesse comunitario ed aree protette (Provincia - ITIS AL LabTer AL - Parchi Università Comune di Novi L. - ARPA) 2) L appennino delle Quattro Regioni (Provincia - Rif.Orsi Comunità M. Val Curone Centro Documentazione Brignano F.ta - ARPA) 3) Sulle orme dell uomo che piantava gli alberi (Parco naturale delle Capanne di Marcarolo) b) Cambiamenti climatici / (e) economia locale sostenibile: 1) Laboratorio didattico sperimentale L utilizzo delle energie rinnovabili per lo sviluppo sostenibile: l esempio delle aziende agricole alessandrine ( CEA Agriturismo La Rossa LabTer AL) 2) L inquinamento luminoso nella Provincia di Alessandria (Osservatorio Astronomico Naturalistico di Casasco Ist. Compr. Viguzzolo Provincia) 3) I sentieri degli alberi monumentali (Coop. Gaia Lab Ter AL- Coop.BEA e Soc. FOREST) 4) La mitigazione del danno ed i cambiamenti climatici (Provincia AL Servizio Prot. Civile e LabTer Al) c) Percorsi partecipati / (e) Economia locale sostenibile / (f) Ambiente e salute: 1) AM.I.C.I. del territorio: sviluppo e miglioramento ambientale (EMAS MONFERRATO Universita Avogadro Istituti Scolastici del Casalese CCIAA Parco Po) d) Politiche integrate di prodotto: 1) I rifiuti quanta energia (Parco Fluviale del Po e Orba) 2) Progetto recupero dalla differenziata al nuovo prodotto (Provincia LabTer AL Coop. Gaia ATO rifiuti ARPA) e) Economia locale sostenibile: 1) Scuola, territorio e risorse (Itis Acqui Provincia Comunità M. Suol d Aleramo Museo Fiume AL Comuni di Alice Bel Colle, Montechiaro, Acqui, Agriturismo Podere La Rossa 2) Bambini leggeri e Incomincio da me : piccole azioni quotidiane per avviarsi sulla strada dello sviluppo sostenibile (Comune di Casale Monferrato) 3) Gestione forestale sostenibile (Comune Castelnuovo Bormida - Assoc. Pianeta Terra - ) f) Ambiente e salute: 1) Le macrofite acquatiche:indice della qualità biologica delle acque (ITIS Alessandria - Provincia Labter AL) 7

8 PARTE TERZA: QUADRO FINANZIARIO COMPLESSIVO Aree Tematiche Denominazione Spesa Complessiva Prevista Risorse provenienti dalla Provincia Risorse provenienti da altri soggetti coinvolti Sostegno finanziario richiesto alla Regione max 70% costo totale a) Ecosistemi e biodiversità ( 3 progetti) b) Cambiamenti climatici (4 progetti) c) Percorsi partecipati (1 progetto) d) Politiche integrate di prodotto (2 progetti) e) Economia locale sostenibile (3 progetti) f) Ambiente e salute (1 progetto) , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,00 875, ,00 totale , , , ,34 Cofinanziamento Provincia e altri soggetti coinvolti totale

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Il menù l ho fatto io

Il menù l ho fatto io Città di Torino Provincia di Torino Regione Piemonte DorS MIUR Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte Camera di Commercio di Torino Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino ASL TO1 Dipartimento

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Menù partecipato Il progetto il menù l ho fatto io Un modello

Dettagli

ARPACAL EDUCAZIONE ORIENTATA ALLA SOSTENIBILITA

ARPACAL EDUCAZIONE ORIENTATA ALLA SOSTENIBILITA LINEE GUIDA EDUCAZIONE ORIENTATA ALLA SOSTENIBILITA GdL 10: Educazione Ambientale Direzione Generale: Fortunata Giordano Claudia Morabito Antonella Federico 1 INDICE PREMESSA 1. FINALITA 2. STRUMENTI OPERATIVI

Dettagli

Aggiornamento: maggio 2015

Aggiornamento: maggio 2015 BOLOGNA CONSUMI RESPONSABILI Aggiornamento: maggio 2015 Descrizione del progetto Diffusione di orientamenti e pratiche di consumerismo socialmente responsabile per promuovere il capitale sociale del territorio,

Dettagli

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia Gli obiettivi del Piano energetico regionale Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia 1 Il progetto del PER Il Servizio Energia è attualmente impegnato, attraverso un

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA Osservatorio del Paesaggio per il Monferrato Casalese Osservatorio del Paesaggio per il Monferrato e l Astigiano Osservatorio del Paesaggio Alessandrino Osservatorio del Paesaggio

Dettagli

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Roma 27 marzo 2008 workshop Financing Natura 2000 PROGRAMMA S.A.R.A. Sistema Aree Regionali

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Proposta formativa per gli insegnanti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie del Pinerolese

Proposta formativa per gli insegnanti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie del Pinerolese Il progetto La quarta e la quinta ERRE del Pinerolese: recupero, riuso, riciclo, responsabilità e risparmio! presenta: Proposta formativa per gli insegnanti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie

Dettagli

nell ambito del progetto

nell ambito del progetto FREE PA 2009 Informazione e formazione dei funzionari tecnici ed amministrativi degli Enti Pubblici in materia di fonti rinnovabili di energia, risparmio ed efficienza energetica nell ambito del progetto

Dettagli

La Strategia della Regione Sicilia Sergio Marino Direttore Generale di ARPA Sicilia

La Strategia della Regione Sicilia Sergio Marino Direttore Generale di ARPA Sicilia Tavola rotonda: L ISPRA e il Sistema Paese sui temi della Biodiversità La Strategia della Regione Sicilia Sergio Marino Direttore Generale di ARPA Sicilia Obiettivo strategico: tutelare la Biodiversità

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 PROTOCOLLO D INTESA TRA Regione del Veneto Ministero dell'istruzione,dell'università e della Ricerca - Ufficio Scolastico

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Dettagli

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Azione 4 Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Protocollo d intesa (Memorandum of Understanding) Comune di Reggio Emilia LIFE10 ENV/IT/307 NO.WA No Waste PROTOCOLLO

Dettagli

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico La Provincia di Lucca esercita le competenze in materia energetica assegnatele dalla normativa nazionale e regionale in materia sia nel

Dettagli

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space 2014-2020

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space 2014-2020 PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space 2014-2020 La presente scheda ha lo scopo di illustrare sinteticamente i contenuti del Programma di Cooperazione per il periodo 2014-2020, approvato dalla Commissione

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO VIA UGO BASSI Via U. Bassi n 30-62012 CIVITANOVA MARCHE Tel. 0733 772163- Fax 0733 778446 mcic83600n@istruzione.it, MCIC83600N@PEC.ISTRUZIONE.IT www.iscviaugobassi.gov.it

Dettagli

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Zona delle Politiche sociali dell Ambito territoriale

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 4.1.1- IL POLO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO SPECIALIZZAT O NEI SETTORI DELLE PRODUZIONI VITICOLE, ENOLOGICHE, DELLE GRAPPE E DELLE ACQUAVITI DI CONEGLIANO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

A scuola con il cigno. proposte per la scuola A.S. 2013 2014

A scuola con il cigno. proposte per la scuola A.S. 2013 2014 A scuola con il cigno proposte per la scuola A.S. 2013 2014 1 Centro di educazione ambientale Varese Ligure e Val di Vara Il Centro svolge attività educative in materia di educazione ambientale e sviluppo

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

1. Azioni di sistema. 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità. 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente. 4. Azioni di inclusione sociale

1. Azioni di sistema. 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità. 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente. 4. Azioni di inclusione sociale 1 AREE DI INTERVENTO E PROGETTI 1. Azioni di sistema Formazione Coordinamento e monitoraggio Trasporti 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità Moduli respiro 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente

Dettagli

Con il patrocinio di. Proposte didattiche di EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILTA per le Scuole dell Infanzia, A.S. 2015 2016

Con il patrocinio di. Proposte didattiche di EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILTA per le Scuole dell Infanzia, A.S. 2015 2016 Con il patrocinio di Proposte didattiche di EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILTA per le Scuole dell Infanzia, A.S. 2015 2016 Gentile insegnante, anche per il presente anno scolastico il Centro di Educazione alla

Dettagli

ECOSISTEMA URBANO 2015

ECOSISTEMA URBANO 2015 ECOSISTEMA URBANO 2015 L IDENTITA DELLA CITTA Macerata e un capoluogo di piccole dimensioni: 42.820 abitanti, che non ha subito recenti crescite demografiche Il consumo di suolo degli ultimi decenni è

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste La terra ci insegna Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari Singoli cittadini e famiglie residenti nei

Dettagli

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011 Bando con scadenza 22 aprile 2011 BANDI 2011 26 Piano di azione Promuovere la sostenibilità ambientale a livello locale Tutelare e valorizzare la biodiversità Il problema Lo sviluppo umano è oggi causa

Dettagli

Centro di Educazione al Consumo Sostenibile

Centro di Educazione al Consumo Sostenibile Centro di Educazione al Consumo Sostenibile Regione Liguria Ferrara, 19 ottobre 2007 - Chiara Scalabrino, ARPAL-CREA 1 Premessa Oggi il consumatore: - con le sue scelte contribuisce a costruire l offerta

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e ItaliaNostra onlus Associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale VISTO

Dettagli

IDENTIKIT delle FATTORIE DIDATTICHE della Regione EMILIA-ROMAGNA

IDENTIKIT delle FATTORIE DIDATTICHE della Regione EMILIA-ROMAGNA IDENTIKIT delle FATTORIE DIDATTICHE della Regione EMILIA-ROMAGNA Ottobre 2009 Sono passati dieci anni dall avvio del progetto regionale Fattorie Didattiche che ha creato nel periodo un apertura di dialogo

Dettagli

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni 2 Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni www.volontariatotrentino.it 1 1. Premessa L Associazione

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ;

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ; PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA PROMOZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO E STABILIZZAZIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO DI PERSONE IN STATO DI DISAGIO SOCIALE (PROGRAMMA PARI) VISTI Il Decreto Legislativo

Dettagli

COMUNE DI POSADA PROVINCIA DI NUORO

COMUNE DI POSADA PROVINCIA DI NUORO COMUNE DI POSADA PROVINCIA DI NUORO DELIBERAZIONE DEL GIUNTA COMUNALE N. 9 del 15.01.2014 Oggetto: ISTITUZIONE CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E ALLA SOSTENIBILITA (C.E.A.S.) L anno 2014 addì 15 del mese

Dettagli

La nuova logica di realizzazione dei progetti. Fabio Girotto Regione Lombardia

La nuova logica di realizzazione dei progetti. Fabio Girotto Regione Lombardia La nuova logica di realizzazione dei progetti Fabio Girotto Regione Lombardia LE SCELTE STRATEGICHE DEL NUOVO PROGRAMMA Obiettivo Tematico 1 Priorità d investimento 1b (rapporti tra imprese e mondo della

Dettagli

ATTIVITÀ E Piano di informazione e comunicazione

ATTIVITÀ E Piano di informazione e comunicazione PROVINCIA DI POTENZA Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Home PIANO D AZIONE ENEPOLIS Indice ATTIVITÀ E Piano di informazione e comunicazione L attività E comprende tre azioni specifiche;

Dettagli

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Progetto LA SOSTENIBILITÀ COME PERCORSO DI QUALITÀ PER LE AZIENDE TURISTICHE DEL PARCO DEL TICINO www.networksvilupposostenibile.it

Dettagli

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Piano di Gestione delle Acque I Aggiornamento Rapporto tra PDGAcque e altri piani di indirizzo: PDGAlluvioni, Piano di Sviluppo Rurale, Piano di Indirizzo

Dettagli

PROGRAMMA DI EDUCAZIONE ALIMENTARE, AMBIENTALE E SULLA RURALITÀ

PROGRAMMA DI EDUCAZIONE ALIMENTARE, AMBIENTALE E SULLA RURALITÀ allegato A alla determinazione n. 139/SA del 18 marzo 2013 BANDO PUBBLICO CAMPU MAISTU DIDATTICA IN FATTORIA SULCIS IGLESIENTE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMA DI EDUCAZIONE ALIMENTARE, AMBIENTALE E

Dettagli

Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino

Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino budget disponibile: 200.000 euro termine per la presentazione dei progetti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa Promozione dei percorsi inerenti l educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della criminalità organizzata per il triennio 2013-2015 PREMESSO CHE: La Regione

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO la legge regionale n.1 del 5 gennaio 2001 recante Norme per la valorizzazione e lo sviluppo del litorale del Lazio ;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO la legge regionale n.1 del 5 gennaio 2001 recante Norme per la valorizzazione e lo sviluppo del litorale del Lazio ; OGGETTO: PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTI PER LO SVILUPPO DEL LITORALE DEL LAZIO, DI CUI ALLA LEGGE REGIONALE N.1 DEL 5 GENNAIO 2001 - AZIONE I.1.4. RAFFORZAMENTO DEGLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE E CONTROLLO

Dettagli

LA CARTA DEI PRINCIPI PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: CONTESTO ED OBIETTIVI DELL INIZIATIVA CONFEDERALE

LA CARTA DEI PRINCIPI PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: CONTESTO ED OBIETTIVI DELL INIZIATIVA CONFEDERALE LA CARTA DEI PRINCIPI PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: CONTESTO ED OBIETTIVI DELL INIZIATIVA CONFEDERALE Annalisa Oddone, Confindustria Confindustria Sardegna Meridionale 12 giugno 2012 CARTA DEI PRINCIPI

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI L UNEBA vuole sottolineare che l ambiente è sempre più al centro delle strategie di sviluppo della comunità

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 I Siti Natura 2000: esperienze a confronto Dott. Giorgio Occhipinti Task Force Rete Ecologica Regione Siciliana Il Piano

Dettagli

RIFIUTI, NUOVI PERCORSI DI RESPONSABILITA TRANSFRONTALIERA

RIFIUTI, NUOVI PERCORSI DI RESPONSABILITA TRANSFRONTALIERA Presentazione del Piano Integrato Transfrontaliero (P.I.T.) RIFIUTI, NUOVI PERCORSI DI RESPONSABILITA TRANSFRONTALIERA Dott. Paolo Landini Settore Ecologia ed Energia Attività Bilancio e Sviluppo Sostenibile

Dettagli

Contratti di fiume strategie e prospettive. Massimo Bastiani Coordinatore Tavolo Nazionale Contratti di Fiume

Contratti di fiume strategie e prospettive. Massimo Bastiani Coordinatore Tavolo Nazionale Contratti di Fiume Contratti di fiume strategie e prospettive Massimo Bastiani Coordinatore Tavolo Nazionale Contratti di Fiume Contratti di Fiume come Patti per i beni collettivi Agricoltura e prodotti tipici Fruizione

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

Linee guida finalizzate all'attuazione dei processi di mobilita' sostenibile per il personale della Regione Piemonte.

Linee guida finalizzate all'attuazione dei processi di mobilita' sostenibile per il personale della Regione Piemonte. REGIONE PIEMONTE BU51 24/12/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 30 novembre 2015, n. 38-2535 Linee guida finalizzate all'attuazione dei processi di mobilita' sostenibile per il personale della Regione

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 Attività di preparazione Ottobre 2010: La Commissione licenzia il Documento Europa 2020: per una crescita intelligente,

Dettagli

ANIMA MUNDI PER HERA RIMINI TOCCA A NOI!

ANIMA MUNDI PER HERA RIMINI TOCCA A NOI! Tocca a Noi! è il programma di educazione ambientale che Hera Rimini propone alle Scuole Infanzia e Primarie della Provincia di Rimini per l anno scolastico 2005/2006. Tocca a Noi! nasce in continuità

Dettagli

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA Protocollo d Intesa per l attuazione del Contratto del Lago di Bolsena PREMESSO CHE la Direttiva 2000/60/CE del Parlamento

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

CORSI FINANZIABILI TRAMITE VOUCHER For.Te

CORSI FINANZIABILI TRAMITE VOUCHER For.Te CORSI FINANZIABILI TRAMITE VOUCHER For.Te Da richiedere on line sul sito del fondo For.Te il giorno lunedì 21 gennaio 2013 secondo la procedura dell avviso 3/2012 SETTORE SCUOLA Titolo Progettare e valutare:

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE Tabella A. sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Fenomeno nuove povertà e precarizzazioni sociali Precarizzazione mercato del lavoro INSICUREZZA SOCIALE E SCENARI SOCIO- ECONOMICI E DEMOGRAFICI

Dettagli

Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013

Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 PO Italia-Francia Marittimo 2007-2013 Formulario Progetti Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 Programme de coopération transfrontalière Italie-France Maritime

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Sub 1

AVVISO PUBBLICO Sub 1 AVVISO PUBBLICO Sub 1 Per l'assegnazione di un contributo agli Istituti di Istruzione Secondaria di 2 grado della provincia di Pordenone per la realizzazione di progetti al supporto di giovani studenti

Dettagli

Il menù l ho fatto io Percorso partecipato sull Educazione Alimentare Proposta rivolta alle Scuole a.s. 2013/14

Il menù l ho fatto io Percorso partecipato sull Educazione Alimentare Proposta rivolta alle Scuole a.s. 2013/14 Città di Torino Provincia di Torino Lab. CCIAA ASL Dip. Int. Prevenzione Il menù l ho fatto io Percorso partecipato sull Educazione Alimentare Proposta rivolta alle Scuole a.s. 2013/14 PREMESSA Sulla base

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA Via Montesanto, 15/6 34170 Gorizia Centralino 0481-3861 E-mail ersa@ersa.fvg.it Codice fiscale e partita IVA 00485650311 Servizio divulgazione, assistenza Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE

Dettagli

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ Pagina 1 di 7 D.O.C. s.c.s., ai sensi della legge 381/91, è una cooperativa sociale di tipo A, che vede al centro della sua crescita organizzativa i valori cooperativi della centralità della persona, della

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE CENTRO DI ALFABETIZZAZIONE IN ITALIANO L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria di II grado Scuola Secondaria di I grado Scuola

Dettagli

ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO. 1) Ente proponente il progetto:

ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO. 1) Ente proponente il progetto: ENTE 1) Ente proponente il progetto: Ente Capofila: COMUNE DI CELLOLE Enti partecipanti: NZ0316 COMUNE DI PIETRAMELARA NZ007 COMUNE DI MARZANO APPIO NZ0492 CONSORZIO TURISTICO BALNEARE BAIA DOMIZIA NZ04736

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa Dott.ssa Elisabetta Grigoletto Sezione Formazione Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Berlino 2014 1 Il progetto interregionale Creazione

Dettagli

Progetto EST. Educare alla Scienza e alla Tecnologia

Progetto EST. Educare alla Scienza e alla Tecnologia Progetto EST Educare alla Scienza e alla Tecnologia Educare alla Scienza e alla Tecnologia (EST) è un progetto educativo pluriennale che si rivolge ai bambini e ai ragazzi delle scuole elementari e medie

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO

Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO PRINCIPI E FINALITA GENERALI 1. L Osservatorio Turistico di Destinazione del Comune di Chianciano Terme (SI) (di seguito

Dettagli

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno 1. Premessa ed obiettivi Nel mese di marzo 2007 con il Piano d Azione Una politica energetica per l Europa, l Unione

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca MOTIVAZIONI Educativa Metodologica Esistenziale Sociale Ambientale

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca MOTIVAZIONI Educativa Metodologica Esistenziale Sociale Ambientale Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale C. CARMINATI Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Via Dante 4 21015 - LONATE POZZOLO (VA) Tel 0331/66.81.62

Dettagli

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO Stradale. Procedura concorsuale per l'assegnazione di contributi finanziari ai Regione Campania Decreto Dirigenziale 54 del 25/03/2013 COMUNI AZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE PREMESSA...3 SETTORE A...3

Dettagli

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010 P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza Grazia Manca U.O.Informazione Comunitaria Dipartimento della Multifunzionalità dell Azienda Agricola e delle Filiere Agroalimentari per lo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRANCAVILLA DI SICILIA PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE VIVERE IL TERRITORIO A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRANCAVILLA DI SICILIA PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE VIVERE IL TERRITORIO A.S. 2013/14 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRANCAVILLA DI SICILIA PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE VIVERE IL TERRITORIO A.S. 2013/14 Referente del progetto: Rigano Salvatrice Gruppo del progetto: Tosto Graziella, Cantarella

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA 2011-2012 NELL AMBITO DEL PROTOCOLLO D INTESA FRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA 2011-2012 NELL AMBITO DEL PROTOCOLLO D INTESA FRA PROGRAMMA DI ATTIVITA 2011-2012 NELL AMBITO DEL PROTOCOLLO D INTESA FRA L ENTE DI GESTIONE DEL PARCO FLUVIALE DEL PO TRATTO TORINESE, L ENTE DI GESTIONE DEL PARCO NATURALE DELLA COLLINA TORINESE a cui

Dettagli

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1. CONTESTO 1.1 Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie Livello medio dell'indice ESCS 1.1.a degli studenti Prove

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. L Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio. Club Alpino Italiano Gruppo Regionale Lazio. in tema di Collaborazione formativa

PROTOCOLLO D INTESA TRA. L Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio. Club Alpino Italiano Gruppo Regionale Lazio. in tema di Collaborazione formativa PROTOCOLLO D INTESA TRA L Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio e Club Alpino Italiano in tema di Collaborazione formativa L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO, di seguito denominato USR Lazio,

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

- Corso introduttivo alla comunicazione interculturale, all associazionismo e politiche giovanili dell Unione Europea

- Corso introduttivo alla comunicazione interculturale, all associazionismo e politiche giovanili dell Unione Europea Percorsi di educazione non formale all Europa: - Corso introduttivo alla comunicazione interculturale, all associazionismo e politiche giovanili dell Unione Europea - Progettazione e realizzazione di uno

Dettagli

Comune di Cassano d Adda. Comuni interessati dal progetto. Parco Adda Nord. Comune di Pozzuolo Martesana. Comune di Trezzo d Adda

Comune di Cassano d Adda. Comuni interessati dal progetto. Parco Adda Nord. Comune di Pozzuolo Martesana. Comune di Trezzo d Adda Comune di Cassano d Adda Parco Adda Nord Comune di Pozzuolo Martesana Comune di Trezzo d Adda Comuni interessati dal progetto Inzago, Vaprio d Adda, Truccazzano Pozzo d Adda Busnago Grezzago Trezzano Rosa

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA VERSO EXPO 2015 OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015 LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: la Regione Piemonte ha

Dettagli

Gestione integrata e partecipata delle risorse idriche

Gestione integrata e partecipata delle risorse idriche Gestione integrata e partecipata delle risorse idriche Quadro legislativo Direttiva 2000/60/CE D.Lgs 152/2006, riportante Norme in materia ambientale Piano di Gestione del distretto idrografico del Fiume

Dettagli

10.3.1.5 Piano di fattibilità per impianti che utilizzano biomasse. Comune: Comuni del P.I.S.L.

10.3.1.5 Piano di fattibilità per impianti che utilizzano biomasse. Comune: Comuni del P.I.S.L. P.I.S.L. N.A.Tu.R.A. Valorizzazione della rete ecologica del Parco Fluviale del Po (tratto vercellese/alessandrino) e dell Orba e del Monferrato casalese, tramite la riqualificazione ambientale e la promozione

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli