LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY"

Transcript

1 LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della strategia aziendale. Non demordono, però, le grandi imprese e grande sensibilità risulta anche da parte delle aziende del settore energetico e alimentare. Invariati, comunque, gli investimenti previsti. Executive summary DNV BUSINESS ASSURANCE CReSV, UNIVERSITÀ BOCCONI OTTOBRE 2011: LA CORPORATE RESPONSIBILITY (CR) NELLE RELAZIONI DI FILIERA Sommario Obiettivi, metodologia e campione della ricerca L evoluzione della CR in Italia 3 Il livello di conoscenza In calo l orientamento strategico alla CR Le attività e gli strumenti di CR prediletti dalle imprese I benefici per il cliente finale e l intervento di un ente terzo Invariate le previsioni di investimento in CR da parte delle aziende La CR nelle dinamiche di filiera 9 Come le imprese cercano di diffondere lungo la filiera il proprio orientamento alla sostenibilità Aree di impatto delle strategie di CR nelle dinamiche di filiera Effettiva partecipazione alla definizione dei piani di CR Effettiva capacità di influenzare le relazioni di filiera, fornitori e distributori Ostacoli per la diffusione della CR lungo la filiera e future aree di intervento

2 Obiettivi, metodologia e campione della ricerca L obiettivo della ricerca condotta da DNV Business Assurance e il CReSV - Centro di Ricerca su Sostenibilità e Valore dell Università Bocconi è stato duplice. Da un lato si è proceduto con un aggiornamento dell indagine condotta nel 2009, volta alla comprensione del grado di conoscenza e divulgazione della Corporate Responsibility (CR) o Responsabilità Sociale nel tessuto imprenditoriale italiano. Dall altro lato, si è investigato il grado di diffusione e sviluppo di adeguate strategie di CR lungo la filiera produttiva, al fine di comprendere le aspettative del management e le prospettive di sviluppo delle attività di CR adeguate alle dinamiche relazionali di filiera. 2 La ricerca evidenzia che la CR - seppur con un raffreddamento - continua a essere un punto fermo nell agenda degli imprenditori e dei manager italiani. Il lavoro mette altresì in evidenza che ulteriori sforzi sono indispensabili nella costruzione di nuovi modelli di gestione responsabile della filiera produttiva. L indagine è stata svolta su un campione di 1361 imprese italiane, con un tasso di risposta del 17%, alle quali è stato somministrato un questionario con la metodologia CAWI (Computer Assisted Web Interview). Il campione utilizzato per l analisi può essere considerato significativamente rappresentativo della popolazione di imprese presenti in Italia per dimensione, distribuzione geografica e settore di attività. Figura 1. Le imprese italiane per dimensione Grande 6% PMI 94% Media 22% Piccola 52% Micro 2 Figura 2. Distribuzione per area geografica Figura 3. Distribuzione per settore di attività Nord Ovest 34% Sud Centro 19% Aut 27% Altro 1 Tra 8% Pub Ene Fin 1% Foo 9% ICT 1 Pro 2 Nord Est 35% Hea

3 L evoluzione della CR in Italia Analizzando i dati relativi al contesto italiano, risultanti dalle indagini del 2009 e 2011, emergono alcune caratteristiche interessanti. 3 Il livello di conoscenza Per quanto riguarda il livello di conoscenza delle tematiche di CR, i dati forniti dai rispondenti risultano significativamente invariati rispetto alla precedente ricerca. Si può rilevare, in particolare, una lieve diminuzione di imprese che dichiarano un livello buono di conoscenza dei temi di CR e un corrispondente lieve aumento di quelle imprese che dichiarano una conoscenza piuttosto bassa. I dati in generale confermano una distribuzione tipicamente gaussiana, già emersa nel 2009, laddove i risultati si polarizzavano sui valori centrali della distribuzione. Il settore finanziario, con il 7 delle imprese che dichiara livelli di conoscenza buoni, risulta essere quello maggiormente informato sul tema. Si rileva anche che la maggiore conoscenza dei temi di CR è prerogativa soprattutto delle grandi imprese (5). Figura 5. Grado di conoscenza per settore Figura 4. Grado di conoscenza dei temi di CR Aut 2% 1% 3 41% 35% 3 37% 37% Ene Fin Foo 28% 31% 25% 6% 17% 17% 4% 2 35% 32% 7% 56% 1% 2% 1 Trascurabile Scarso Piuttosto basso Abbastanza buono % Buono 4% Molto buono Hea 7% 5% 2 36% 32% Figura 6. Grado di conoscenza per dimensione ICT Pro Pub Tra Altro 4% 1 8% 1% 1 8% 21% 1 5% 16% 8% 47% 3 36% 36% 44% 3 34% 39% 37% Grande Media Piccola Micro 2% 1% 2% 4% 9% 1 22% 24% 3 35% 38% 3 38% 41% 4 Molto buono Buono Abbastanza buono Molto buono Buono Abbastanza buono Piuttosto basso Scarso Trascurabile Piuttosto basso Scarso Trascurabile

4 In calo l orientamento strategico alla CR Quasi la metà dei manager intervistati (48%) ritiene che la CR sia parte integrante della strategia di impresa. Tale dato è in calo rispetto al 2009, quando l 8 dei manager aveva indicato la CR come parte della strategia aziendale. I manager sembrano oggi considerare la CR più come un costo (2 nel 2011 contro il nel 2009), una modalità per migliorare l immagine aziendale (22% nel 2011 contro il nel 2009) o una moda passeggera (6% del 2011 contro il 2% nel 2009). 4 Figura 7. Evoluzione della CR % 2 6% 2% 22% Parte integrante della strategia aziendale Un costo Una moda passeggera Una modalità semplice per migliorare l immagine In controtendenza, le imprese del settore energetico dimostrano la maggiore propensione verso un approccio strategico alla CR, ritenendola nel 65% dei casi parte integrante della strategia aziendale. Medesima opinione anche per il 58% delle imprese operanti nel settore alimentare. Figura 8. La CR nei settori di attività Aut Ene Fin Foo Hea ICT Pro Pub Tra Altro Una moda passeggera Una modalità semplice per migliorare l immagine Un costo Parte integrante della strategia aziendale Dal punto di vista della dimensione aziendale, è interessante notare che il 7 delle grandi imprese considera la CR come parte integrante della strategia d impresa.

5 Le attività e gli strumenti di CR prediletti dalle imprese Analizzando gli strumenti e le attività che le imprese attuano e integrano all interno della strategia d impresa, è emersa una chiara preferenza per le attività relative alla gestione della governance d impresa, soprattutto attraverso l utilizzo di codici di condotta o codici etici, e per le attività di gestione della variabile ambientale, attraverso l utilizzo di strumenti quali la ISO o l Eco-Management and Audit Scheme (EMAS). 5 Tali strumenti, già utilizzati in passato dalle imprese, sono risultati essere in netto aumento rispetto all indagine del 2009: quasi raddoppiato l impiego di codici etici (35% vs. 16%) e in crescita di quasi dieci punti percentuali anche l utilizzo di sistemi di gestione ambientale come ISO e EMAS (29% vs. 21%). In calo, invece, il ricorso ad attività filantropiche (17% vs. 2). Tra le nuove attività di CR (non sottoposte alle aziende nell indagine 2009) è emerso un alto livello di utilizzo di pratiche e politiche a favore dei dipendenti (4 circa). Si evidenzia, inoltre, che le imprese che hanno dichiarato di non ricorrere ad alcuno strumento o attività di CR sono calate dal 38% al 16% del Figura 9. Strumenti e attività di CR % 38% 29% 25% 25% 21% 2 1 7% 14% 17% 16% 16% 8% 7% 4% 2%

6 L utilizzo di strumenti e attività di CR è molto variegato in base al settore di appartenenza. Le imprese operanti nel settore energia utilizzano soprattutto strumenti e attività orientati alla sostenibilità, come i codici di condotta e i sistemi di gestione della salute e sicurezza. Le imprese del settore pubblico rivelano il maggior utilizzo di sistemi di gestione ambientale (indicati dal 6 delle aziende) mentre le imprese operanti nel settore finanziario utilizzano soprattutto i codici di condotta (72%). 6 Figura 10. Strumenti e attività di CR per settore Aut Ene Fin Foo Hea ICT Pro Pub Tra Altro Bilanci di sostenibilità, sociale, ambientale Sistemi di gestione ambientale (es: ISO 14001, EMAS) Sistemi di gestione della salute e sicurezza (es: OHSAS 18001) Sistema di gestione etica della catena dei fornitori (es: SA8000, selezione dei fornitori e dei clienti basata sulle certificazioni) Formazione sulla responsabilità d impresa Codici di condotta (es: codici etici, codici di autodisciplina, carte dei valori, ) Attività filantropiche (es: donazioni) Programmi rivolti ai propri dipendenti (es: piani di formazione, benefici ai dipendenti, ) Attività di comunicazione e marketing associate a temi socio-ambientali (es: sponsorship di organizzazioni non profit, attività di cause-related marketing) Certificazioni di prodotto e marchi socio-ambientali (es: marchi green, certificazioni di sicurezza del prodotto, life cycle assessment) Coinvolgimento della comunità locale (es: programmi impianti aperti, coinvolgimento di rappresentanti del territorio nelle decisioni aziendali) Produzione e lancio di prodotti socio-ambientali Sistema di gestione dell efficienza energetica (UNI EN 16001) Schemi di certificazione tipo Sedex, WRAP, BSCI o analoghi Nessuno dei suddetti Inoltre, si rileva che le grandi imprese ricorrono per lo più ai codici di condotta (indicati dal 6 delle aziende) e ai sistemi di gestione ambientale (65%). Le piccole e medie imprese si focalizzano, invece, sull attuazione di programmi a favore dei dipendenti, con punte del 5 circa per le medie imprese.

7 I benefici per il cliente finale e l intervento di un ente terzo Dall analisi dei dati emerge altresì che seppur si registri un calo a livello dello scenario generale quasi il 4 delle aziende del settore energetico, pubblico e alimentare, riconosce che le strategie di CR determinino benefici per la clientela. In quest ottica la certificazione da parte di un ente terzo continua a rappresentare un elemento di garanzia forte, in grado di aumentare la riconoscibilità del valore aggiunto offerto al cliente. 7 Figura 11. Percezione dei benefici della CR per il cliente Figura 12. Importanza della verifica esterna della CR % 19% 19% 28% 28% 25% % 17% 18% 17% 22% % 14% 14% 9% Non so / Non applicabile No Pochi Alcuni Molto Non so / Non applicabile No Poco Abbastanza Molto Figura 13. Benefici per il cliente finale per settore 4 35% 3 25% 2 1 5% Aut Ene Fin Foo Hea ICT Pro Pub Tra Altro No Pochi Alcuni Molto Non so / Non applicabile

8 Invariate le previsioni di investimento in CR da parte delle aziende Invariate, rispetto al 2009, le previsioni di investimento in attività di CR. Il 7 dei manager dichiara di voler mantenere costanti i livelli di investimento, solo il 18% manifesta l intenzione di volerli incrementare. Trattasi in particolare delle imprese del settore energetico (25%) e alimentare (2). Si evidenzia, inoltre, che il 41% delle grandi imprese ha dichiarato di voler incrementare gli investimenti per gli anni successivi. 8 Figura 14. L'orientamento futuro alla CR Figura 15. L'orientamento futuro alla CR per dimensione Come prima Meno importante Più importante 68% 68% Grande 5 6% 41% Media 66% 22% 14% 18% 18% Piccola 7 14% Come prima Meno importante Più importante Micro 68% 18% 14%

9 Adozione di processi e tecnologie volti a minimizzare impatti ambientali e sociali Sviluppo congiunto di nuovi prodotti e/o processi Coinvolgimento del cliente finale (es: politiche di sensibilizzazione sociale e ambientale nei confronti dei clienti finali) Inclusione di criteri sociali e ambientali nel processo di selezione dei fornitori (es: possesso di certificazioni socio-ambientali) Implementazione di strumenti di comunicazione e coordinamento specifici Partecipazione a corsi di formazione su tematiche sociali e ambientali Coinvolgimento delle autorità locali e istituzionali Definizione congiunta di obiettivi e strategie che includano aspetti sociali e ambientali Incentivazione dei processi di trasferimento di conoscenze e competenze lungo la filiera Sviluppo di un sistema di controllo e monitoraggio dei risultati socio-ambientali dei fornitori Inclusione di criteri sociali e ambientali nel processo di selezione dei distributori (es: possesso di certificazioni socio-ambientali) Sviluppo di un sistema di controllo e monitoraggio dei risultati socio-ambientali dei distributori La CR nelle dinamiche di filiera Il lavoro si concentra inoltre sull analisi dell implementazione, da parte delle imprese italiane, di comportamenti strategici orientati alla CR che vadano oltre i confini aziendali e si estendano a tutti gli attori coinvolti nelle filiera produttiva. 9 È emersa, innanzitutto, una spaccatura del campione: il 4 delle imprese ritiene che le relazioni di filiera nel proprio settore di appartenenza siano state influenzate dai temi di responsabilità sociale e ambientale, a fronte di un 44% contrario a tale percezione. Il 16% delle imprese è incapace di indicare se la CR possa in qualche modo influenzare le dinamiche della filiera produttiva. Come le imprese cercano di diffondere lungo la filiera il proprio orientamento alla sostenibilità Analizzando le strategie di CR, che le imprese prediligono per cercare di diffondere il proprio orientamento alla sostenibilità anche nelle relazioni con i propri partner di filiera, emerge una preferenza per l adozione di processi tecnologici volti alla minimizzazione degli impatti ambientali e sociali (indicato dal 5 delle imprese). È particolarmente interessante notare che le imprese operanti nel settore energetico e alimentare hanno dichiarato di ricorrere a tale strategia nel 67% dei casi. Per quanto riguarda le strategie collaborative dello sviluppo congiunto di nuovi prodotti e/o processi e del coinvolgimento del cliente finale (per esempio attraverso politiche di sensibilizzazione sociale e ambientale) si rileva che sono rispettivamente attuate dalle imprese nel 36% e 3 dei casi. Lo sviluppo di un sistema di controllo e monitoraggio dei risultati socio-ambientali dei fornitori e distributori non sembra, invece, essere una strategia particolarmente perseguita dalle imprese (rispettivamente, solo il 18% e delle imprese la attua). Figura 16. Le strategie di CR lungo la filiera Sicuramente no No Si Sicuramente Si

10 Aree di impatto delle strategie di CR nelle dinamiche di filiera Dall analisi delle risposte emerge inoltre che le imprese ritengono che, per quanto riguarda le dinamiche di filiera, le strategie di CR vadano principalmente a impattare positivamente sulla creazione di valore legate a risorse di tipo intangibile, quali le relazioni e la fiducia. In particolare, le principali aree di impatto per la performance di un orientamento strategico alla CR sono la reputazione aziendale (55%), l impatto ambientale (51%), la fiducia (47%) e la soddisfazione (48%) del cliente finale. 10 Effettiva partecipazione alla definizione dei piani di CR Emerge una posizione di sostanziale prudenza da parte delle imprese italiane. Il 6 delle imprese ha dichiarato di svolgere poco un ruolo attivo nella definizione di attività di CR lungo la filiera produttiva. Solo il 7% delle imprese riconosce di possedere una forte capacità di influenza e si tratta principalmente di grandi imprese (il 6 circa delle grandi imprese ritiene infatti di poter svolgere un ruolo attivo nella definizione dei piani). Altresì è interessante notare che meno del 4 delle imprese dichiara di adeguarsi a piani e programmi definiti da terzi. Figura 17. Partecipazione attiva delle imprese ai piani di CR Figura 18. Adeguamento a piani e programmi definiti da terzi Molto 7% Molto 6% Abbastanza 32% Per nulla 21% Abbastanza 31% Per nulla 29% Poco 4 Poco 34% Effettiva capacità di influenzare le relazioni di filiera, fornitori e distributori Si è inoltre indagato quanto le imprese si sentano effettivamente in grado di influenzare le dinamiche di filiera in merito alle relazioni con fornitori e distributori. Il 6 delle imprese ha dichiarato una limitata capacità di influenzare le dinamiche di filiera, giacché non in grado di condizionare il comportamento degli attori né a monte né a valle della filiera. Solo il 6% delle imprese ha manifestato una forte capacità di influenzare tali dinamiche. L eccezione è costituita dalle grandi imprese che nel 7 dei casi hanno dichiarato di essere in grado di influenzare il comportamento dei partner di filiera.

11 Limitatezza delle risorse a disposizione Bassa riconoscibilità sul mercato finale Scarsa informazione Pressioni da parte dei fornitori contro la riduzione dei prezzi Mancanza di tempo Pressioni da parte dei distributori alla riduzione dei prezzi Competizione internazionale Mancanza di competenze professionali specifiche Mancanza di trasparenza nella diffusione delle informazioni Mancanza di canali strutturati di comunicazione e cooperazione con i distributori Mancanza di canali strutturati di comunicazione e cooperazione con i fornitori Elevata scomposizione del ciclo produttivo Figura 19. Il grado di influenza delle relazioni di filiera 11 Per nulla Poco Abbastanza Molto 6% % Ostacoli per la diffusione della CR lungo la filiera e future aree di intervento In conclusione, l indagine ha mirato a comprendere quali siano i principali ostacoli per le imprese italiane per l attuazione di strategie di CR lungo la filiera produttiva e a individuare le aree di investimento futuro. Le imprese considerano la limitatezza delle risorse a disposizione l ostacolo principale (6 dei casi). A ciò si aggiunge lo scarso riconoscimento di cui le strategie di CR ancora godono sul mercato finale (58%). Figura 20. Gli ostacoli alla CR nelle relazioni di filiera Per nulla Poco Abbastanza Molto

12 Trasparenza Semplificazione della filiera produttiva Valorizzazione del legame con il territorio locale di riferimento Comunicazione con i fornitori Stabilità dei rapporti di fornitura Comunicazione con i distributori Riequilibrio dei poteri decisionali lungo la filiera Stabilità dei rapporti di distribuzione Gestione congiunta dell innovazione lungo la filiera Coinvolgimento in processi decisionali congiunti Coordinamento con i fornitori Coordinamento con i distributori Per quanto concerne, infine, le aree di investimento futuro per lo sviluppo della CR nelle dinamiche di filiera, le imprese intervistate hanno manifestato la necessità di incrementare gli sforzi lungo la filiera produttiva in termini di trasparenza (8), di semplificazione della filiera produttiva e di valorizzazione del legame con il territorio locale di riferimento (65% in entrambi i casi). Un ulteriore dato ha evidenziato l importanza di incrementare gli investimenti nella comunicazione con i fornitori nel 75% dei casi e con i distributori nel 65% dei casi. 12 Figura 21. Le aree future di intervento per la CR Per nulla Poco Abbastanza Molto

DNV GL - BUSINESS ASSURANCE

DNV GL - BUSINESS ASSURANCE Executive summary DNV GL - BUSINESS ASSURANCE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Sommario Introduzione Metodologia e campione della ricerca Analisi dello scenario attuale Gestione della salute e sicurezza sul

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA. Ricerca a cura di Confcommercio Format

ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA. Ricerca a cura di Confcommercio Format ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA Ricerca a cura di Confcommercio Format Milano 22 maggio 2009 Il 73,7% delle imprese avverte un peggioramento della situazione economica

Dettagli

Questionario sul Manuale per la sostenibilità

Questionario sul Manuale per la sostenibilità Questionario sul Manuale per la sostenibilità Deliverable 4.1 Deliverable Progetto I.M.A.G.I.N.E. MAde Green IN Europe Il progetto IMAGINE Il progetto IMAGINE è finalizzato alla sperimentazione e diffusione

Dettagli

LE IMPRESE E LA SOSTENIBILITÀ INDAGINE CONDOTTA DA GFK EURISKO PER CONTO DI SODALITAS

LE IMPRESE E LA SOSTENIBILITÀ INDAGINE CONDOTTA DA GFK EURISKO PER CONTO DI SODALITAS LE IMPRESE E LA SOSTENIBILITÀ INDAGINE CONDOTTA DA GFK EURISKO PER CONTO DI SODALITAS 1 QUESTA INDAGINE Questa indagine è stata condotta nella prima metà di aprile 2012 su un campione di 153 imprese/enti/associazioni

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Perugia NetConsulting 2012 1

Dettagli

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane In collaborazione con UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Centro Studi Qualità Ambiente Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

ROADSHOW PMI TURISMO E PMI

ROADSHOW PMI TURISMO E PMI ROADSHOW PMI TURISMO E PMI Cagliari, 29 maggio 2009 Per il 67,2% delle Pmi del turismo la situazione economica del Paese è peggiorata nei primi cinque mesi del 2009 rispetto al secondo semestre del 2008.

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas Fondazione Sodalitas GfK Eurisko Le prospettive della Responsabilità Sociale in Italia Aprile 2010 Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione

Dettagli

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010 Giugno 2010 Premessa L obiettivo dell indagine è stato quello di registrare il sentire delle Aziende Italiane rispetto alla situazione economica attuale e soprattutto quali sono le aspettative per gli

Dettagli

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Rapporto di ricerca Luglio 2010 (Rif. 1215v110) Indice 2 Capitolo I - L andamento dell economia e del credito al consumo oggi pag. 3 Capitolo

Dettagli

VI RAPPORTO SULL IMPEGNO SOCIALE DELLE AZIENDE ITALIANE

VI RAPPORTO SULL IMPEGNO SOCIALE DELLE AZIENDE ITALIANE VI RAPPORTO SULL IMPEGNO SOCIALE DELLE AZIENDE ITALIANE Abstract del rapporto statistico QUANTE SONO LE AZIENDE CHE SI IMPEGNANO PER IL SOCIALE E LA SOSTENIBILITA IN ITALIA? E PERCHE INVESTONO? Nel 2011,

Dettagli

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Cisalpina Research è il centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità e sfide del mercato dei viaggi d affari.

Dettagli

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Armando De Crinito Direttore Generale Vicario DG Attività produttive, Ricerca e Innovazione Regione

Dettagli

Sintesi dei risultati

Sintesi dei risultati Sintesi dei risultati La ricerca commissionata dal Dipartimento della Funzione pubblica e realizzata da Datamedia si compone di due sezioni: a una prima parte indirizzata, tramite questionario postale,

Dettagli

UTILIZZO E LIVELLO DI SODDISFAZIONE VERSO I PRINCIIPALI STRUMENTI DI E-GOVERNEMENT TRA I CONSUMATORI ITALIANI.

UTILIZZO E LIVELLO DI SODDISFAZIONE VERSO I PRINCIIPALI STRUMENTI DI E-GOVERNEMENT TRA I CONSUMATORI ITALIANI. 29 marzo 2012 Anno 2011 USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE L Istat, in collaborazione con il Dipartimento per l innovazione tecnologica (Dit), ha svolto nel 2011 un indagine sull utilizzo

Dettagli

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Obiettivi L Indagine sull attività delle Agenzie Immobiliari realizzata nel 2010 ha come obiettivo principale la verifica

Dettagli

Osservatorio sui SGSL nel settore di Igiene Ambientale

Osservatorio sui SGSL nel settore di Igiene Ambientale Osservatorio sui SGSL nel settore di Igiene Ambientale Presentazione del Rapporto di Ricerca Dott.ssa Valentina Albano, Ph.D. valentina.albano@uniroma3.it Bologna, 22 Ottobre 2014 Osservatorio sperimentale

Dettagli

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione.

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione. ISO 9001 Con la sigla ISO 9001 si intende lo standard di riferimento internazionalmente riconosciuto per la Gestione della Qualità, che rappresenta quindi un precetto universale applicabile all interno

Dettagli

Insight. Gli scettici della qualità.

Insight. Gli scettici della qualità. Insight N. 30 Febbraio 2010 Gli scettici della qualità. Una fotografia della Quality Assurance Review in Italia: una pratica ancora poco diffusa, spesso a causa di preconcetti su costi e tempi di realizzazione,

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

La CSR in Italia. Alcune tendenze in atto

La CSR in Italia. Alcune tendenze in atto La CSR in Italia. Alcune tendenze in atto Sodalitas Social Solution www.sodalitas.socialsolution.it Sodalitas Social Solution è l Osservatorio on line sulla Responsabilità e la Sostenibilità delle Aziende,

Dettagli

OSSERVATORIO ECO-MEDIA

OSSERVATORIO ECO-MEDIA OSSERVATORIO ECO-MEDIA Indice Scenario Istituzione e Missione Organizzazione Attività Ricerca teorica Monitoraggio Divulgazione e promozione Iniziative editoriali Credits Scenario I temi dell ambiente

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari dell imprenditorialità sociale in Italia. Marzo 2015

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari dell imprenditorialità sociale in Italia. Marzo 2015 IV Indagine sui fabbisogni finanziari dell imprenditorialità sociale in Italia Executive summary Marzo 2015 Con il contributo scientifico di 1 Finalità dell Osservatorio 5 Contenuto e metodologia dell

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE 9 maggio 2013 Anno 2012 USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE L Istat, in collaborazione con il Dipartimento per l innovazione tecnologica (Dit), ha svolto a luglio 2012 la seconda indagine

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici L esperienza DNV come Ente di Certificazione ISO 20000 di Cesare Gallotti e Fabrizio Monteleone La ISO/IEC 20000-1:2005 (che recepisce la BS 15000-1:2002

Dettagli

Indagine sulla diffusione del wireless nelle università italiane

Indagine sulla diffusione del wireless nelle università italiane Indagine sulla diffusione del wireless nelle università italiane - A cura di Massimo Carfagna - Finanziato nell ambito della convenzione siglata il 19 luglio 2007 tra il Dipartimento per l Innovazione

Dettagli

L intervento pubblico nell economia locale per lo sviluppo dei territori: le imprese pubbliche locali. giovanni.valotti@sdabocconi.

L intervento pubblico nell economia locale per lo sviluppo dei territori: le imprese pubbliche locali. giovanni.valotti@sdabocconi. L intervento pubblico nell economia locale per lo sviluppo dei territori: le imprese pubbliche locali giovanni.valotti@sdabocconi.it 1. Il rilievo del tema Lo sviluppo delle imprese pubbliche locali Crescente

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Economia dell ambiente

Economia dell ambiente Economia dell ambiente Impresa e ambiente Elisa Montresor 2008-2009 1 Ambito aziendale L integrazione dell ambiente con gli obiettivi dell impresa Strategie d acquisto e produzione Bilancio ambientale

Dettagli

Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini

Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini Risultati dell indagine 2014 Ricerca commissionata dalla Presidente Giovani Albergatori Trentini dott. Francesca Maffei a cura dell Ufficio Marketing

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Marketing, competitività e sviluppo sostenibile: la parola al management

Marketing, competitività e sviluppo sostenibile: la parola al management Marketing, competitività e sviluppo sostenibile: la parola al management V Convegno Annuale Società Italiana Marketing Milano, 3 e 4 Ottobre 2008 Struttura del campione 20,64 9,96 5,34 5,34 12,1 27,05

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa

Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa Il presente documento riporta gli Indicatori per la Responsabilità Sociale d Impresa, individuati dal Comitato Tecnico Operativo e approvati

Dettagli

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Rapporto di ricerca Ottobre 2011 (Rif. 1810v111) Indice 2 Capitolo I - La situazione attuale dei dealer e le previsioni per il prossimo futuro

Dettagli

www.anesdigital.it ANES DIGITAL OUTLOOK Osservatorio sui media digitali specializzati Assemblea ANES Milano, 23 Marzo 2015

www.anesdigital.it ANES DIGITAL OUTLOOK Osservatorio sui media digitali specializzati Assemblea ANES Milano, 23 Marzo 2015 www.anesdigital.it 2015 ANES DIGITAL OUTLOOK Osservatorio sui media digitali specializzati Assemblea Digital Outlook 2015 Metodologia Metodologia La ricerca è stata effettuata attraverso la somministrazione

Dettagli

Pratiche socialmente responsabili

Pratiche socialmente responsabili Pratiche socialmente responsabili I risultati di un indagine tra 28 multinazionali europee Milano, 3 dicembre 2003 EUROPEAN UNION European Social Fund Article 6 Innovative Measures Prime evidenze dalla

Dettagli

AXA COMUNICATO STAMPA

AXA COMUNICATO STAMPA AXA COMUNICATO STAMPA ROMA, 10 OTTOBRE 2013 Indagine AXA - IPSOS 2013 sulla percezione di Piccole e Medie Imprese e autonomi su indicatori economici e protezione assicurativa: il caso Italia PMI E AUTONOMI:

Dettagli

Il Management Consulting in Italia

Il Management Consulting in Italia Il Management Consulting in Italia Sesto Rapporto 2014/2015 Università di Roma Tor Vergata Giovanni Benedetto Corrado Cerruti Simone Borra Andrea Appolloni Stati Generali del Management Consulting Roma,

Dettagli

OSSERVATORIO ECO-MEDIA. onlus

OSSERVATORIO ECO-MEDIA. onlus OSSERVATORIO ECO-MEDIA onlus Indice Scenario Istituzione e Missione Organizzazione Attività Ricerca teorica Monitoraggio Divulgazione e promozione Iniziative editoriali Credits Scenario I temi dell ambiente

Dettagli

La misurazione degli investimenti nel turismo

La misurazione degli investimenti nel turismo OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE Novembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: ottobre 2013 Casi: 352 Periodo

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY IL VALORE DELLA FIDUCIA STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY SOSTENIBILITA La sostenibilità rappresenta una grande opportunità per le imprese,

Dettagli

Demand leverage. Le dinamiche di influenza e interdipendenza fra i consumatori

Demand leverage. Le dinamiche di influenza e interdipendenza fra i consumatori Demand leverage Le dinamiche di influenza e interdipendenza fra i consumatori Scenario strategico 2 L indagine ha come obiettivo primario, la comprensione delle dinamiche che permettono alla domanda di

Dettagli

I servizi di job placement nelle Università italiane

I servizi di job placement nelle Università italiane I servizi di job placement nelle Università italiane Un indagine della Fondazione CRUI Aprile 2010 1 L indagine La partecipazione all indagine La Fondazione CRUI, nel dicembre 2009, ha realizzato un indagine

Dettagli

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza Il tema delle remunerazioni dei Vertici Aziendali continua a essere di grande attualità e oggetto di particolare

Dettagli

Bilancio di Sostenibilità 2009 - SINTESI

Bilancio di Sostenibilità 2009 - SINTESI Bilancio di Sostenibilità 2009 - SINTESI 1 PERCHÉ ABBIAMO FATTO IL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ? (1/2) Perché operiamo in un settore che ha impatti significativi su Ambiente naturale Comunità di cui Passeggeri

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

RISCHIO CLINICO ED RC PROFESSIONALE. Indagine presso i Chirurghi Ospedalieri italiani

RISCHIO CLINICO ED RC PROFESSIONALE. Indagine presso i Chirurghi Ospedalieri italiani RISCHIO CLINICO ED RC PROFESSIONALE Indagine presso i Chirurghi Ospedalieri italiani Metodologia Tipologia d'indagine: Indagine ad hoc su questionario semi-strutturato Modalità di rilevazione: interviste

Dettagli

POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE

POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Questo documento descrive le responsabilità della Direzione. Responsabilità che si esplicano nel comunicare

Dettagli

Politiche Gruppo Biesse. Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica

Politiche Gruppo Biesse. Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica Politiche Gruppo Biesse Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica 1 INDICE 1. INTRODUZIONE, PREMESSE E OBIETTIVI... 3 2. FINALITÀ DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO... 5 2.1 POLITICHE DELLA QUALITÀ... 6 2.3

Dettagli

M-Payment, il futuro nei sistemi di pagamento

M-Payment, il futuro nei sistemi di pagamento ITALIA, il futuro nei sistemi di pagamento All alba di una nuova tecnologia nei sistemi di pagamento, indagine sulla propensione all utilizzo del telefonino come strumento d acquisto. 90 Nuove frontiere

Dettagli

effetto evento Indagine conoscitiva sulla diffusione degli strumenti di comunicazione nelle aziende italiane Focus sull organizzazione di eventi

effetto evento Indagine conoscitiva sulla diffusione degli strumenti di comunicazione nelle aziende italiane Focus sull organizzazione di eventi effetto evento Indagine conoscitiva sulla diffusione degli strumenti di comunicazione nelle aziende italiane Focus sull organizzazione di eventi INTRODUZIONE I risultati che riportiamo nelle pagine seguenti

Dettagli

SUMMARY REPORT MOPAmbiente. I principali risultati della ricerca

SUMMARY REPORT MOPAmbiente. I principali risultati della ricerca SUMMARY REPORT MOPAmbiente I principali risultati della ricerca VI Rapporto Periodo di rilevazione: 3 9 Novembre 2010 Metodologia: CATI; campione n=1000 casi, rappresentativo degli italiani dai 18 anni

Dettagli

ABSTRACT. V Rapporto nazionale SWG per l'osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione "L impegno sociale delle aziende in Italia"- 2012

ABSTRACT. V Rapporto nazionale SWG per l'osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione L impegno sociale delle aziende in Italia- 2012 ABSTRACT V Rapporto nazionale SWG per l'osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione "L impegno sociale delle aziende in Italia"- 2012 INDICE Con il contributo di Dompé Farmaceutici, Novartis e Pfizer

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Indagine su: L approccio delle aziende e delle associazioni nei confronti dell accessibilità dei siti web

Indagine su: L approccio delle aziende e delle associazioni nei confronti dell accessibilità dei siti web Indagine su: L approccio delle aziende e delle associazioni nei confronti dell accessibilità dei siti web Gennaio 2005 Indice Introduzione Obiettivo e metodologia dell indagine Composizione e rappresentatività

Dettagli

LE PICCOLE IMPRESE E IL CREDITO. Il volto poco amico delle banche

LE PICCOLE IMPRESE E IL CREDITO. Il volto poco amico delle banche LE PICCOLE IMPRESE E IL CREDITO Il volto poco amico delle banche Metodologia Indagine quantitativa condotta mediante somministrazione telefonica (sistema C.A.T.I. Computer Assisted Telephone Interview)

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE Le attese delle P.M.I. MARZO 2014

INTERNAZIONALIZZAZIONE Le attese delle P.M.I. MARZO 2014 INTERNAZIONALIZZAZIONE Le attese delle P.M.I. MARZO 2014 Obiettivi della ricerca 2 L Istituto di ricerca Quaeris ha condotto una WEB Survey per raccogliere i dati utili per l analisi sull internazionalizzazione

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

16 Rapporto Nazionale sulla Formazione Indagine su Comuni e Province. Nicoletta Bevilacqua Responsabile Ufficio Monitoraggio e ricerca FormezPA

16 Rapporto Nazionale sulla Formazione Indagine su Comuni e Province. Nicoletta Bevilacqua Responsabile Ufficio Monitoraggio e ricerca FormezPA 16 Rapporto Nazionale sulla Formazione Indagine su Comuni e Province Nicoletta Bevilacqua Responsabile Ufficio Monitoraggio e ricerca FormezPA Obiettivi della presentazione Illustrare i principali risultati

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni INTRODUZIONE BilanciaRSI è una società di formazione e consulenza specializzata nei temi della Legalità, della Sostenibilità, della Responsabilità d Impresa e degli Asset Intangibili. Da più di 10 anni

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia Indagine conoscitiva tra le Organizzazioni registrate EMAS in Friuli Venezia Giulia a cura della SOS Promozione e Controllo qualità di ARPA FVG L Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente, oltre

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION

CUSTOMER SATISFACTION PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA Denominata Libero Consorzio comunale ai sensi della LR n. 8/214 I Dipartimento 2 Servizio Bilancio e Partecipate Indagine di ricerca condotta tra il personale dipendente

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

ROSSANA REVELLO CHIAPPE REVELLO RELATORE AGENZIA GENOVA, 16 SETTEMBRE 2014

ROSSANA REVELLO CHIAPPE REVELLO RELATORE AGENZIA GENOVA, 16 SETTEMBRE 2014 COMUNICARE LA SOSTENIBILITÀ STRUMENTI, STANDARD E MODELLI PER RENDICONTARE E VALORIZZARE L IMPEGNO DI UN ORGANIZZAZIONE IN MATERIA DI RESPONSABILITÀ AMBIENTALE, SOCIALE ED ECONOMICA. GENOVA, 16 SETTEMBRE

Dettagli

Sistema di Gestione Integrata Qualità/Ambiente/Sicurezza Doc.3 Politiche aziendale. Qualità/Ambiente

Sistema di Gestione Integrata Qualità/Ambiente/Sicurezza Doc.3 Politiche aziendale. Qualità/Ambiente Pag. 1 di 5 Qualità/Ambiente L azienda Di Leo Nobile S.p.A. è nata nel 1956 a Castel San Giorgio (Sa) ed è uno stabilimento di circa m² 16.591 di cui 10.000 m² coperti, nel quale è concentrata l attività

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

7.2 Indagine di Customer Satisfaction

7.2 Indagine di Customer Satisfaction 7.2 Indagine di Customer Satisfaction Il campione L indagine è stata condotta su un campione a più stadi di 373 clienti di Tiemme Spa sede operativa di Piombino (errore di campionamento +/- 2%) rappresentativo

Dettagli

Il settore estrattivo in Italia

Il settore estrattivo in Italia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Sala del Consiglio 9 aprile 2013 Il settore estrattivo in Italia Analisi e valutazione delle strategie competitive per lo sviluppo sostenibile Francesca CERUTI

Dettagli

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY I requisiti per la certificazione del sistema di gestione sicurezza Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY Seminario La gestione ed il controllo del Rischio Industriale Bergamo, 20 dicembre 2005

Dettagli

Sostenibilità nella Supply Chain end-to-end: innovazione e competitività

Sostenibilità nella Supply Chain end-to-end: innovazione e competitività Sostenibilità nella Supply Chain end-to-end: innovazione e competitività Davide Barbato, A&S Board Provincia di Milano, 12 Luglio 2011 1 Chi è e cosa propone Acquisti & Sostenibilità è una organizzazione

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 10 Problematiche di gestione delle risorse umane nelle imprese internazionalizzate La gestione internazionale delle risorse umane L International

Dettagli

Gruppo di ricerca: Andrea Ganzaroli Luciano Pilotti Ivan De Noni Luigi Orsi

Gruppo di ricerca: Andrea Ganzaroli Luciano Pilotti Ivan De Noni Luigi Orsi 09 Novembre 2012 Università degli Studi di Milano Milano. Convegno: Imprese e imprenditorialità multiculturali tra varietà e innovazione nei sistemi produttivi locali e metropolitani Gruppo di ricerca:

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli