Ravenna maggio Workshop U - «Seminario e tavola rotonda sull'attuazione del PNPR»

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ravenna 2015 21 maggio Workshop U - «Seminario e tavola rotonda sull'attuazione del PNPR»"

Transcript

1 Ravea maggio Workshop U - «Semiario e tavola rotoda sull'attuazioe del PNPR» Esempi pratici di protocolli d'itesa co la GDO per la riduzioe dei rifiuti: è possibile u itesa azioale per proporre u programma attuativo del PNPR? Giovai Ferrari

2 Ifo geerali sul progetto Partecipati: beeficiario coordiatore: Comue di Reggio Emilia; beeficiari associati: Comue di Treto, Ambiete Italia, Reggio el Modo e Coop Cosumatori Nordest Budget: ,00 (% co-fiaziameto UE: 50%) Durata: 01/01/ /12/2014 Azioi pricipali: - mappatura delle migliori esperieze di riduzioe dei rifiuti ella Grade Distribuzioe già realizzate a livello azioale - elaborazioe di u piao di riduzioe dei rifiuti, partedo dall esperieza già maturata da Treto, da sperimetare ella GDO locale di Reggio Emilia e di Treto - realizzazioe di uo studio di fattibilità/aalisi di mercato per la realizzazioe di u Cetro del riuso

3 Lo sviluppo del progetto Azioe 1 Gestioe progetto Azioe 2 Moitoraggio efficacia progetto Azioe 3 Mappatura BP riduzioe rifiuti GDO Azioe 4 Piao riduzioe rifiuti Azioe 5 Studio fattibilità cetro riuso Azioe 6 Comuicazioe start up amm.vo e tecico icotri di progetto iceptio report mid-term report fial report protocolli di moitoraggio sistema di idicatori ricerca BP icotri di facilitazioe aalisi e revisioe del Piao di Treto itegrazioe co azioe 3 sperimetazioe del Piao moitoraggio attività didattiche redazioe di liee guida raccolta dati per aalisi di mercato raccolta dati per studio di fattibilità stesura dello studio di fattibilità redazioe di liee guida regolameto prodotti di comuicazioe (brochure, otice boards, roll up, ) sito web campaga di comuicazioe

4 Azioe 2 - Moitoraggio dell efficacia del progetto Valutare l'efficacia di ogi azioe del progetto i termii di riduzioe dei rifiuti prodotti Azioe 4 - Sperimetazioe di u Piao per la Riduzioe dei Rifiuti ella GDO Defiizioe di u protocollo d itesa di attuazioe sperimetale per l'applicazioe del Piao per la Riduzioe dei Rifiuti ella GDO: il protocollo d'itesa stabilirà gli impegi da itrapredere da parte di tutti i soggetti coivolti

5 Protocollo d itesa co la GDO Protocollo firmato tra Comui e GDO: obiettivo di promuovere e sosteere azioi cocrete per la prevezioe e la riduzioe dei rifiuti all itero dei puti vedita che aderiscoo al progetto imballaggi (lavorazioe itera e verso i cittadii) campage di sesibilizzazioe (itera ed estera) impegi della GDO e delle Ammiistrazioi comuali moitoraggio

6 Protocollo di moitoraggio delle azioi L attività di moitoraggio è u aspetto chiave del progetto, i quato la verifica dell efficacia di riduzioe dei rifiuti di ogi sigola azioe e di tutto il Piao di prevezioe e riduzioe dei rifiuti ella Grade Distribuzioe Orgaizzata è esseziale per il perfezioameto delle azioi e per la loro dissemiazioe i altri cotesti territoriali. La strategia di moitoraggio ha tre scopi pricipali: Moitoraggio del progetto: misurare e valutare la riduzioe dei rifiuti prodotti e avviati a smaltimeto fiale ei Comui che partecipao al progetto (Comue di Reggio Emilia e Comue di Treto), i rapporto alla situazioe iiziale e agli obiettivi e ai risultati attesi; Moitoraggio della azioi: valutare il cotributo di ciascua azioe ai risultati geerali di riduzioe dei rifiuti raggiuti dal progetto; Bechmarkig: valutare l efficacia delle azioi di progetto i termii di riduzioe dei rifiuti rispetto a stadard di riferimeto per le tipologie di azioi previste dal progetto e i comparazioe co altri casi studio italiai o europei.

7 Protocollo di moitoraggio delle azioi Il moitoraggio delle azioi si poe l obiettivo di misurare e valutare come ogi azioe del Piao per la riduzioe dei rifiuti ella GDO cotribuisca alla riduzioe della produzioe di rifiuti, sia all itero di ogi sigolo esercizio commerciale che applica il Piao, sia a livello comuale. Il moitoraggio delle azioi defiisce duque gli idicatori da utilizzare per valutare il cotributo alla riduzioe dei rifiuti di ogi sigola azioe di prevezioe e riduzioe dei rifiuti prevista el Piao, specificado i dati ecessari, che devoo essere foriti da ogi esercizio commerciale, e le modalità di calcolo. Il calcolo si basa su stime della riduzioe dei rifiuti coseguibile, defiite sulla base di dati di letteratura o di risultati osservati i casi studio applicativi.

8 Protocollo di moitoraggio delle azioi Per il moitoraggio dell efficacia delle azioi di Piao ogi esercizio commerciale ha iazitutto forito, co periodicità auale ed etro il primo trimestre di ogi ao, i segueti parametri, ecessari a caratterizzare il volume d affari auo e a ormalizzare il valore di alcui degli idicatori di moitoraggio: Numero di scotrii emessi Fatturato auo Questi parametri soo stati utilizzati per ormalizzare il valore di alcui degli idicatori e cosetire su tali idicatori il cofroto co le prestazioi raggiute da altri puti vedita ell applicazioe delle azioi di Piao.

9 Protocollo di moitoraggio delle azioi Per quato riguarda le sigole azioi di Piaosoo elecati gli idicatori di moitoraggio idividuati per valutare l efficacia ai fii della riduzioe dei rifiuti e soo forite ote esplicative di descrizioe delle modalità di calcolo degli idicatori e dei relativi dati da acquisire. Ciascu esercizio commerciale aderete al progetto ha compilato due schede, ua riguardate le azioi obbligatorie, che devoo essere implemetate come livello miimo di adesioe, e ua per le azioi facoltative. I dati richiesti soo di tipo quatitativo e soo ecessari per la poter stimare il rifiuto o prodotto e per ricavare alcui idicatori di comuicazioe.

10 Protocollo di moitoraggio delle azioi I valori degli idicatori di moitoraggio soo stati foriti da ogi esercizio commerciale che applica il Piao, co periodicità auale, etro il primo trimestre di ogi ao. Per il calcolo del cotributo delle azioi alla riduzioe dei rifiuti, a partire dagli idicatori di moitoraggio rilevati da ogi esercizio commerciale, è stato utilizzato u foglio di calcolo Excel preimpostato, che costituisce parte itegrate del protocollo di moitoraggio e che è stato forito agli adereti al Piao. La compilazioe del foglio di calcolo è uo degli impegi obbligatori per gli esercizi commerciali che aderiscoo al Piao d Azioe. Ogi esercizio commerciale ha potuto decidere se forire il valore degli idicatori di moitoraggio o solo il calcolo del cotributo alla riduzioe dei rifiuti, per ogi azioe, così come calcolato dal foglio Excel.

11 Moitoraggio delle azioi PARAMETRI PER LA NORMALIZZAZIONE DEGLI INDICATORI Fatturato auo 2012 Fatturato auo 2013 Numero totale scotrii 2012 Numero totale scotrii 2013 uità di misura Euro Euro AZIONI OBBLIGATORIE uità di misura 1 - ECOSHOPPERS Numero di sacchetti i materiale compostabile veduti, ao 2012 Numero di sacchetti i materiale compostabile veduti, ao PRESENZA E PROMOZIONE PRODOTTI CON "RICARICHE" Numero dei prodotti da bago veduti (detergeti liquidi, bagoschiuma) ricarica seza ricarica Numero dei prodotti cosmesi uomo veduti (rasoi) cofezioi testie ricaricabili per rasoi cofezioi rasoi 3. CONTENITORI PER LE PILE PRESSO IL PUNTO VENDITA E VENDITA DI PILE RICARICABILI Numero di cofezioi di pile vedute (tutte le tipologie di cofezioi) cofezioi pile ricaricabili cofezioi pile o ricaricabili 4. RIDUZIONE DEGLI SPRECHI DI PRODOTTI IN SCADENZA Quatità di prodotti alimetari ceduti ad associazioi beefiche kg Quatità di prodotti alimetari ceduti a caili kg 5. SCELTA DI PRODOTTI CON RIDOTTO PESO DELL'IMBALLAGGIO PRIMARIO Numero di prodotti seza astuccio estero i carta veduti - Prodotto 1 DENTIFRICIO seza astuccio i carta co astuccio i carta Numero di prodotti seza astuccio estero i carta veduti - Prodotto 2 DETERGENTE INTIMO seza astuccio i carta co astuccio i carta Numero di prodotti seza astuccio estero i carta veduti - Prodotto 3 [specificare] seza astuccio i carta co astuccio i carta 6 - VENDITA PRODOTTI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Numero risme A4 di carta "ecologica" (marchio ecolabel, FSC o PEFC, carta riciclata) vedute Numero complessivo di risme A4 vedute Numero di cofezioi di fazzoletti di carta "ecologica" (marchio ecolabel, FSC o PEFC, carta riciclata) vedute Numero complessivo di cofezioi di fazzoletti di carta vedute Numero di cofezioi di carta igieica "ecologica" (marchio ecolabel, FSC o PEFC, carta riciclata) vedute Numero complessivo di cofezioi di carta igieica vedute 7. USO DI CASSETTE RIUTILIZZABILI PER ORTOFRUTTA E RESO DEI BANCALI Quatità aua di cassette riutilizzabili rese Quatità aua di bacali resi dato dato AZIONI FACOLTATIVE 1 - VUOTO A RENDERE Co riferimeto all'acqua mierale: Numero di bottiglie i vetro rese Numero di bottiglie i plastica rese Peso bottiglie i plastica rese Totale di acqua i bottiglia (seza vuoto a redere) veduta 2 - DETERSIVI SFUSI/ALLA SPINA Quatità i litri di detersivo sfuso/alla spia veduto Numero di coteitori per detersivo sfuso/alla spia veduti Quatità i litri di detersivo (o sfuso) complessivamete veduto 3 - ALIMENTI SFUSI Quatità i kg di prodotto 1 veduto (specificare il prodotto) Quatità i kg di prodotto 2 veduto (specificare il prodotto) Quatità i kg di prodotto 3 veduto (specificare il prodotto) Totale frutta e verdura veduta sfusa Totale frutta e verdura veduta precofezioata 4 - IMBALLAGGI POCO IMPATTANTI PER FORMAGGI Numero di cofezioi di formaggi precofezioati solo co pellicola veduti Numero di cofezioi di formaggi precofezioati co pellicola e vaschetta veduti 5 - VINO E LATTE SFUSI Numero di litri di vio sfuso veduti Numero di litri di latte sfuso veduti Numero di bottiglie riutilizzabili per l'acquisto di vio sfuso vedute Numero di bottiglie riutilizzabili per l'acquisto di latte sfuso vedute 6 - ACQUA PUBBLICA Numero di fotaelle pubbliche per la distribuzioe di acqua (collocate egli spazi esteri del puto vedita) Numero di gasatori veduti Numero di caraffe co filtro vedute Numero cofezioi di ricariche per gasatori Numero cofezioe di ricariche per caraffe 7 - VENDITA DI PANNOLINI LAVABILI PER I BAMBINI Numero di kit di paolii riutilizzabili veduti 8 - CORRETTA RACCOLTA E SMALTIMENTO Numero coteitori per la raccolta raccolta di plastica Numero coteitori per la raccolta raccolta di carta e cartoe Numero coteitori per la raccolta di pile esauste Numero di RAEE ritirati 9 - STOVIGLIE COMPOSTABILI Numero cofezioi di piatti i materiale compostabile vedute Numero cofezioi di bicchieri i materiale compostabile vedute Numero cofezioi di posate i materiale compostabile vedute Numero cofezioi di piatti i plastica vedute Numero cofezioi di bicchieri i plastica vedute Numero cofezioi di posate i plastica vedute uità di misura kg l l l kg kg kg kg kg l l dato Idicatori di comuicazioe Idicatori per la stima della riduzioe della produzioe dei rifiuti Idicatori di comuicazioe Idicatori per la stima della riduzioe della produzioe dei rifiuti

12 Moitoraggio delle azioi Scheda rifiuto evitato Azioe STIMA - AZIONI OBBLIGATORIE Frazioe merceologica peso uitario umero rifiuto evitato g kg 1 sacchetti orgaico 6 =+ASS(Azioi_Obb=+F5*E5/ cofezioe ricarica - prodotti bago plastica 30 =+Azioi_Obb_GDO=+E6*F6/ cofezioe ricarica - cosmesi uomo plastica 10 =+Azioi_Obb_GDO=+E7*F7/ pile o ricaricabili - cofezioi totali RUP 20 =+Azioi_Obb_GDO=+E8*F8*5/1000 prodotti alimetari prossimi a orgaico scadeza 4 =(+Azioi_Obb_GDO!D27 5 scatole prodotti carta 10 =+Azioi_Obb_GDO=+(F10*$E$10)/ cassette riutilizzabili plastica 480 =+Azioi_Obb_GDO=+(F11*$E$11)/ bacali lego =+Azioi_Obb_GDO=+(F12*$E$12)/1000 Azioe 1 bottiglie vuoto a redere vetro STIMA - AZIONI FACOLTATIVE Frazioe merceologica vetro peso uitario umero rifiuto evitato g kg 400 =+Azioi_Fac_GDO=+E17*F17/ bottiglie vuoto a redere plastica plastica 25 =+Azioi_Fac_GDO=+(E18*F18)/ Flacoi detersivo plastica 80 =+((Azioi_Fac_GD=(E19*F19)/ Frutta e verdura plastica 15 =Azioi_Fac_GDO =F20*E20/ vaschette formaggi plastica plastica 15 =+Azioi_Fac_GDO=+E21*F21/ vio vetro 500 =+Azioi_Fac_GDO=+E22*F22/ latte plastica 35 =+Azioi_Fac_GDO=+E23*F23/ acqua vetro 400 =+((Azioi_Fac_GD=+F24*$E$24/ acqua plastica 25 =+((Azioi_Fac_GD=+F25*$E$25/ paolii usa e getta idiffereziato 250 =Azioi_Fac_GDO =+($E$26*F26)/ piatti compostabili orgaico 15 =Azioi_Fac_GDO =+($E$27*F27)/ bicchieri compostabili orgaico 5 =Azioi_Fac_GDO =+($E$28*F28)/ posate orgaico 7 =Azioi_Fac_GDO =+($E$29*F29)/1000

13 Azioe 6 - Comuicazioe e dissemiazioe Campaga di comuicazioe

14 Azioe 6 - Comuicazioe e dissemiazioe La Piattaforma virtuale del progetto mira a dare ua cotiuità di cotatti e di possibili siergie tra gli attori, ua bacheca dedicata allo scambio di iformazioi, di progetti, di buoe pratiche, di idee per il futuro e permette approfodimeti su varie tematiche relative a Riciclaggio, Riuso e Prevezioe.

15 Comue di Reggio ell Emilia - Servizio Ambiete Via Emilia Sa Pietro, Reggio Emilia rif. Giovai Ferrari

16 Progetto per la istituzioe di u Marchio regioale per la qualificazioe ambietale dei Puti Vedita della Distribuzioe Orgaizzata La Regioe Emilia Romaga, i coereza co il Piao regioale di gestioe dei rifiuti i fase di approvazioe, sta sviluppado u progetto per la creazioe di u sistema di qualificazioe ambietale delle attività commerciali tramite il rilascio di u Marchio che cotraddistiguere i PV che adottao soluzioi atte a migliorare le proprie prestazioi ambietali. L attività rietra ell ambito dell accordo sottoscritto lo scorso giugo da Regioe, Atersir e Legacoop, e fializzato all elaborazioe di progetti per la prevezioe della produzioe e il recupero dei rifiuti el settore della Distribuzioe Orgaizzata.

17 Progetto per la istituzioe di u Marchio regioale per la qualificazioe ambietale dei Puti Vedita della Distribuzioe Orgaizzata Partedo dai risultati di alcue esperieze simili già realizzate a livello locale (quali il progetto Io riduco promosso al Comue di Cesea e il progetto La spesa verde del Comue di Reggio Emilia), la Regioe itede elaborare u sistema a cui possao aderire tutti i puti vedita del territorio regioale che abbiao determiati requisiti (alcui obbligatori e altri facoltativi) e che facciao richiesta di rilascio del marchio.

18 Progetto per la istituzioe di u Marchio regioale per la qualificazioe ambietale dei Puti Vedita della Distribuzioe Orgaizzata Il progetto mira ad ialzare le prestazioi ambietali dei puti vedita, o solo riducedo gli impatti collegati alla gestioe dello stesso puto vedita (i termii soprattutto di rifiuti e cosumi eergetici), ma ache qualificado l offerta al cosumatore attraverso il tipo di prodotto (certificati, locali, ecc..), le modalità di vedita (vedig, sosteibilità imballaggi della vedita al baco, ecc.) o i servizi offerti al cliete (coteitori raccolta differeziata, coteitori per la spesa messi a disposizioe, iformazioe e sesibilizzazioe, ecc.).

19 Progetto per la istituzioe di u Marchio regioale per la qualificazioe ambietale dei Puti Vedita della Distribuzioe Orgaizzata Obiettivi dell accordo firmato: promuovere la prevezioe e il recupero dei rifiuti tramite il coivolgimeto del modo della produzioe e della distribuzioe commerciale; far emergere uove proposte ed idee progettuali di riduzioe e recupero dei rifiuti ella forma di accordi di dettaglio e progetti sperimetali; valorizzare i puti vedita come luogo privilegiato di sesibilizzazioe dei cosumatori verso scelte d acquisto meo impattati i termii di rifiuti prodotti, attraverso campage di comuicazioe coordiate a livello regioale; icetivare la produzioe e la vedita di prodotti che miimizzao gli impatti ambietali associati al cofezioameto, alla distribuzioe, all utilizzo e al fie vita dei bei; migliorare la gestioe dei rifiuti prodotti presso i puti vedita.

20 Progetto per la istituzioe di u Marchio regioale per la qualificazioe ambietale dei Puti Vedita della Distribuzioe Orgaizzata Nell ambito dell accordo: è prevista l istituzioe di specifici gruppi di lavoro per la defiizioe e la gestioe di accordi di dettaglio; è ioltre istituito u gruppo di lavoro trasversale per approfodire alcui aspetti di tipo ecoomico/fiscale collegati alle azioi di prevezioe e recupero sosteute dall accordo.

21 Progetto per la istituzioe di u Marchio regioale per la qualificazioe ambietale dei Puti Vedita della Distribuzioe Orgaizzata Eleco o esaustivo delle iiziative allo studio come oggetto di specifici accordi di dettaglio: valorizzazioe della merce o commercializzabile presso i puti vedita qualificazioe dei puti vedita sotto il profilo ambietale, compresi gli aspetti legati ai rifiuti recupero degli olii vegetali esausti di origie domestica presso i puti vedita

22 Progetto per la istituzioe di u Marchio regioale per la qualificazioe ambietale dei Puti Vedita della Distribuzioe Orgaizzata Il discipliare, i fase di elaborazioe, prevede u sistema di migliorameto cotiuo: il marchio è ifatti articolato su 3 categorie di qualità ambietale che sottitedoo ua prestazioe ambietale del PV via via migliore e quidi u impego sempre maggiore i termii di requisiti posseduti. Questa strutturazioe cosete di differeziare i PV a secoda del diverso livello di performace ambietale raggiuto e permette di valorizzare gli sforzi migliorativi tramite il passaggio alle categorie superiori. Ioltre il sistema di qualificazioe sarà aggiorato el tempo: i requisiti per l acquisizioe del marchio sarao ifatti sottoposti a revisioe sulla base dei risultati raggiuti, delle evetuali orme iterveute oché delle coosceze scietifiche e delle teciche subetrate dopo l avvio del sistema.

23 rif. Regioe Emilia-Romaga Servizio Rifiuti e boifica siti, servizi pubblici ambietali e sistemi iformativi

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Partnership pubblico-private per la riduzione dei rifiuti: l esperienza del LIFE+ «No Waste»

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Partnership pubblico-private per la riduzione dei rifiuti: l esperienza del LIFE+ «No Waste» Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA «No Waste» Partership pubblico-private per la riduzioe dei rifiuti: l esperieza del LIFE+ «No Waste» Ecomodo - Rimii, 07 Novembre 2013 1 Ifo geerali sul progetto NO.WA

Dettagli

Giugno 2013 June 2013

Giugno 2013 June 2013 Azione 2 Monitoraggio dell efficacia del progetto Protocollo di monitoraggio del progetto e delle azioni e identificazione delle performance obiettivo Project s and Action s Monitoring Protocol and identification

Dettagli

FONDO CRESCO. Elementi di sintesi. Milano 24 gennaio 2013. Riservato e confidenziale

FONDO CRESCO. Elementi di sintesi. Milano 24 gennaio 2013. Riservato e confidenziale FONDO CRESCO Elemeti di sitesi Milao 24 geaio 2013 Riservato e cofideziale Premessa ed obiettivi del documeto. L obiettivo del presete documeto è quello di presetare il Fodo CRESCO che affiacherà il Fodo

Dettagli

Il Progetto LIFE+ del mese

Il Progetto LIFE+ del mese Il Progetto LIFE+ del mese LIFE10 ENV/IT/000307 Beneficiario coordinatore: Comune di Reggio Emilia Via Emilia San Pietro, 12 42121 Reggio Emilia Referente progetto: Laura Montanari Tel. 0522-456251 Email

Dettagli

Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina

Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina SCHEDE DELLE AZIONI 1 di 8 INDICE DELLE AZIONI Nota: nella individuazione dei criteri obbligatori e nell assegnazione dei punteggi

Dettagli

I Sistemi ERP e l innovazione aziendale: dalle Funzioni ai Processi, aspetti innovativi ed aspetti progettuali

I Sistemi ERP e l innovazione aziendale: dalle Funzioni ai Processi, aspetti innovativi ed aspetti progettuali I Sistemi ERP e l iovazioe aziedale: dalle Fuzioi ai Processi, aspetti iovativi ed aspetti progettuali Uiversità di L Aquila, 14 maggio 2004 Ig. Nicola Pace I Sistemi ERP e l iovazioe aziedale Uiversità

Dettagli

Statistica (Prof. Capitanio) Alcuni esercizi tratti da prove scritte d esame

Statistica (Prof. Capitanio) Alcuni esercizi tratti da prove scritte d esame Statistica (Prof. Capitaio) Alcui esercizi tratti da prove scritte d esame Esercizio 1 Il tempo (i miuti) che Paolo impiega, i auto, per arrivare i ufficio, può essere modellato co ua variabile casuale

Dettagli

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. «No Waste» Gestione integrata dei rifiuti Azione 4 - Comune di Trento

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. «No Waste» Gestione integrata dei rifiuti Azione 4 - Comune di Trento Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA «No Waste» Gestione integrata dei rifiuti Azione 4 - Comune di Trento Gestione integrata dei rifiuti nel Comune di Trento Introduzione nuove modalità di raccolta: sistema

Dettagli

PROGRAMMA RISPARMIO ENERGETICO EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI PRIVATI

PROGRAMMA RISPARMIO ENERGETICO EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI PRIVATI COMUNE DI VIGGIANO Provicia di Poteza 0975 61142 Fax 0975 61137 Partita IVA 00182930768 C.C.P. 14378855 PROGRAMMA RISPARMIO ENERGETICO EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI PRIVATI Azioe A2 BANDO PER

Dettagli

FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. nuove iniziative d impresa

FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. nuove iniziative d impresa regioe puglia il lavoro e l iovazioe PO FESR 2007-2013 Asse VI Azioe 6.1.5. idi uove iiziative d impresa Regioe Puglia cosa trovo i questa scheda? Questa scheda cotiee alcue iformazioi sulla Misura Nidi

Dettagli

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA INTRODUZIONE Apputi sulla ATEATIA FINANZIARIA La matematica fiaziaria si occupa delle operazioi fiaziarie. Per operazioe fiaziaria si itede quella operazioe ella quale avviee uo scambio di capitali, itesi

Dettagli

La stima per capitalizzazione dei redditi

La stima per capitalizzazione dei redditi La stima per capitalizzazioe dei redditi 24.X.2005 La stima per capitalizzazioe La capitalizzazioe dei redditi è l operazioe matematico-fiaziaria che determia l ammotare del capitale - il valore di mercato

Dettagli

FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE

FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE PO FESR 2007-2013 Asse VI Azioe 6.1.5. idi uove iiziative d impresa cosa trovo i questa scheda? Questa scheda cotiee alcue iformazioi sulla Misura Nidi - Nuove Iiziative d Impresa della Regioe Puglia i

Dettagli

Presentazione Convenzione Corpo Volontari Garibaldini e Blu Energy Srl per la promozione delle Energie Rinnovabili www.blu-energy.

Presentazione Convenzione Corpo Volontari Garibaldini e Blu Energy Srl per la promozione delle Energie Rinnovabili www.blu-energy. Presetazioe Covezioe Corpo Volotari Garibaldii e Blu Eergy Srl per la promozioe delle Eergie Riovabili Le pricipali caratteristiche del progetto www.blu-eergy.it Diamo il ostro cotributo Blu Eergy e il

Dettagli

COMUNE DI SARDARA - SETTORE TECNICO

COMUNE DI SARDARA - SETTORE TECNICO Atti e documeti da allegare all'istaza e (per i procedimeti ad istaza di parte) Strutture itere ed evetuali soggetti esteri coivolti Termii di coclusioe del procedimeto Silezio asseso/coclusioe mediate

Dettagli

La matematica finanziaria

La matematica finanziaria La matematica fiaziaria La matematica fiaziaria forisce gli strumeti ecessari per cofrotare fatti fiaziari che avvegoo i mometi diversi Esempio: Come posso cofrotare i ricavi e i costi legati all acquisto

Dettagli

LIFE10 ENV/IT/307. Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata. LIFE10 ENV/IT/307 NO.

LIFE10 ENV/IT/307. Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata. LIFE10 ENV/IT/307 NO. Azione 4 Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata LIFE10 ENV/IT/307 NO.WA No Waste SOMMARIO SOMMARIO... 2 1 PREMESSA... 3 2 MODALITÀ DI ATTUAZIONE DEL PIANO D

Dettagli

Capitolo 27. Elementi di calcolo finanziario EEE 2015-2016

Capitolo 27. Elementi di calcolo finanziario EEE 2015-2016 Capitolo 27 Elemeti di calcolo fiaziario EEE 205-206 27. Le diverse forme dell iteresse Si defiisce capitale (C) uo stock di moeta dispoibile i u determiato mometo. Si defiisce iteresse (I) il prezzo d

Dettagli

Medici Specialisti e Odontoiatri

Medici Specialisti e Odontoiatri ALLEGATO B BOLLO 16,00 P A R T E P R I M A DOMANDA DI INCLUSIONE NELLA GRADUATORIA art. 21 dell Accordo Collettivo Nazioale per la disciplia dei rapporti co i Medici specialisti ambulatoriali, Medici Veteriari

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: Ecoacquisti Trentino Promotore/i: Provincia autonoma di Trento Soggetti partner: Ente Ente

Dettagli

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione Ecoomia Iterazioale - Soluzioi alla IV Esercitazioe 25/03/5 Esercizio a) Cosa soo le ecoomie di scala? Come cambia la curva di oerta i preseza di ecoomie di scala? Perchè queste oroo u icetivo al commercio

Dettagli

technical focus on ceramic tiles

technical focus on ceramic tiles techical focus o ceramic tiles Iteratioal traiig workshop di approfodimeto e aggiorameto sulla tecologia e tecica ceramica 22-23-24 settembre 2014 i collaborazioe co: focus o ceramic tiles INTERNATIONAL

Dettagli

Le carte di controllo

Le carte di controllo Le carte di cotrollo Dott.ssa Bruella Caroleo 07 dicembre 007 Variabilità ei processi produttivi Le caratteristiche di qualsiasi processo produttivo soo caratterizzate da variabilità Le cause di variabilità

Dettagli

SISTEMA D'IMPRESA GESTIONE GESTIONE SISTEMA DELLE OPERAZIONI SIMULTANEE E SUCCESSIVE SI DISPIEGANO DINAMICAMENTE

SISTEMA D'IMPRESA GESTIONE GESTIONE SISTEMA DELLE OPERAZIONI SIMULTANEE E SUCCESSIVE SI DISPIEGANO DINAMICAMENTE SISTEMA D'IMPRESA ORGAIZZAZIOE GESTIOE 1 GESTIOE SISTEMA DELLE OPERAZIOI SIMULTAEE E SUCCESSIVE SI DISPIEGAO DIAMICAMETE PER IL RAGGIUGIMETO DEI FII DELL IMPRESA 2 ORGAIZZAZIOE I SESO AMPIO LA RIUIOE DI

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

Marketing della destinazione per meeting, congressi ed eventi

Marketing della destinazione per meeting, congressi ed eventi GENOVA 2-5 SETTEMBRE 2012 IV CORSO RESIDENZIALE FOCUS ON Marketig della destiazioe per meetig, cogressi ed eveti Associazioe azioale delle Imprese pubbliche, private e dei Professioisti della meetig idustry

Dettagli

Allegato Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina

Allegato Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina Allegato Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina Schede delle azioni 1 Nota: nella individuazione dei criteri obbligatori e nell assegnazione dei punteggi a quelli facoltativi,

Dettagli

VAIO-Link Guida Cliente

VAIO-Link Guida Cliente VAIO-Lik Guida Cliete "Cosideriamo ogi sigola domada del cliete co la massima attezioe e il dovuto rispetto e facciamo del ostro meglio perché il cliete abbia u'ottima impressioe del cetro di assisteza

Dettagli

Selezione avversa e razionamento del credito

Selezione avversa e razionamento del credito Selezioe avversa e razioameto del credito Massimo A. De Fracesco Dipartimeto di Ecoomia politica e statistica, Uiversità di Siea May 3, 013 1 Itroduzioe I questa lezioe presetiamo u semplice modello del

Dettagli

Master in Management Pubblico per la Regione Calabria MMP-RC. MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO 12 mesi 2 a edizione a.a.

Master in Management Pubblico per la Regione Calabria MMP-RC. MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO 12 mesi 2 a edizione a.a. Master i Maagemet Pubblico per la Regioe Calabria MMP-RC MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO 12 mesi 2 a edizioe a.a. 2013-2014 2 Master i Maagemet Pubblico MMP-RC 2 a Edizioe MMP-RC asce dall'esperieza

Dettagli

Ecoacquisti Trentino. Accordo fra la Provincia autonoma di Trento e la Distribuzione Organizzata per la riduzione dei rifiuti

Ecoacquisti Trentino. Accordo fra la Provincia autonoma di Trento e la Distribuzione Organizzata per la riduzione dei rifiuti Ecoacquisti Trentino Accordo fra la Provincia autonoma di Trento e la Distribuzione Organizzata per la riduzione dei rifiuti Sommario 1. Premesse 2. l Accordo Ecoacquisti 2003 3. l Accordo Ecoacquisti

Dettagli

Master in Management per le Aziende Sanitarie per la Regione Calabria MIMAS-RC. MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO 12 mesi 2 a edizione a.a.

Master in Management per le Aziende Sanitarie per la Regione Calabria MIMAS-RC. MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO 12 mesi 2 a edizione a.a. Master i Maagemet per le Aziede Saitarie per la Regioe Calabria MIMAS-RC MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO 12 mesi 2 a edizioe a.a. 2013-2014 2 Master Uiversitario i Maagemet per le Aziede Saitarie MIMAS-RC

Dettagli

Corso di Elementi di Impianti e macchine elettriche Anno Accademico 2014-2015

Corso di Elementi di Impianti e macchine elettriche Anno Accademico 2014-2015 Corso di Elemeti di Impiati e mahie elettriche Ao Aademico 014-015 Esercizio.1 U trasformatore moofase ha i segueti dati di targa: Poteza omiale A =10 kva Tesioe omiale V 1 :V =480:10 V Frequeza omiale

Dettagli

Il valore della Fatturazione Elettronica: i risultati dell Osservatorio del Politecnico di Milano

Il valore della Fatturazione Elettronica: i risultati dell Osservatorio del Politecnico di Milano www.osservatori.et Il valore della Fatturazioe Elettroica: i risultati dell Osservatorio del Politecico di Milao CBI2, Fattura Elettroica e Fiacial Value Chai: dalla teoria alla pratica Roma 20 ovembre

Dettagli

Di cosa parliamo. Europa 2020: passare dall inverno della crisi. alla crisi dell inverno

Di cosa parliamo. Europa 2020: passare dall inverno della crisi. alla crisi dell inverno Elemeti esseziali per ua buoa piaificazioe/progettazioe dei fo strutturali europei 2020 per il settore Salute u caso stuo Assessorato della Salute Regioe Siciliaa Miistero della Salute, 19-20 ovembre 2014

Dettagli

Informazioni e monitoring. Informazioni commerciali e di solvibilità su imprese e privati.

Informazioni e monitoring. Informazioni commerciali e di solvibilità su imprese e privati. Iformazioi e moitorig. Iformazioi commerciali e di solvibilità su imprese e privati. INSIEME CONTRO LE PERDITE. Iformazioi Creditreform. Per ua migliore traspareza. Chi coclude trasazioi commerciali va

Dettagli

Quale futuro per i rifiuti?

Quale futuro per i rifiuti? Utilities Luglio 2013 Quale futuro per i rifiuti? Il percorso e le sfide degli operatori verso il 2020 R ita p oma, ost-m 2 icog A2A Ambiete prota all igresso di privati per crescere 1 Giu 19 Dicembre

Dettagli

Soluzione del tema di Informatica Progetto Mercurio Esame di Stato AS 2010-2011 1 Prof. Mauro De Berardis Itis Teramo Mercurio 2011 Prova scritta di

Soluzione del tema di Informatica Progetto Mercurio Esame di Stato AS 2010-2011 1 Prof. Mauro De Berardis Itis Teramo Mercurio 2011 Prova scritta di Soluzioe del tema di Iformatica Progetto Mercurio Esame di Stato AS 2010-2011 1 Sessioe ordiaria Esame di Stato 2011 Tema di Iformatica - Progetto: Mercurio Soluzioe proposta da: Co il termie Web 2.0 si

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagia Giovaa Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secodaria di secodo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioi del Quadrifoglio à t i U 2 Radicali I questa Uità affrotiamo

Dettagli

LA GESTIONE DELLA QUALITA : IL TOTAL QUALITY MANAGEMENT

LA GESTIONE DELLA QUALITA : IL TOTAL QUALITY MANAGEMENT LA GESTIONE DELLA QUALITA : IL TOTAL QUALITY MANAGEMENT La gestioe, il cotrollo ed il migliorameto della qualità di u prodotto/servizio soo temi di grade iteresse per l azieda. Il problema della qualità

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 GENERALITÀ Azione 3 Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura Denominazione della buona pratica: EFFECORTA: un negozio alla spina e a km 0 nel Comune di Capannori (LU) Promotore/i: Ente gestore/società

Dettagli

Quando lo studente è un lavoratore Gli obblighi e gli adempimen8 a carico della scuola

Quando lo studente è un lavoratore Gli obblighi e gli adempimen8 a carico della scuola Quado lo studete è u lavoratore Gli obblighi e gli adempime8 a carico della scuola A cura di Claudio Zai lombardia-prevezioe@iail.it 1 Articolo 2 - Defiizioi 1. Ai fii ed agli effetti delle disposizioi

Dettagli

Spazio per timbri. DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ (insegne, targhe, affissi pubblicitari e tende)

Spazio per timbri. DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ (insegne, targhe, affissi pubblicitari e tende) Spazio per timbri DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ (isege, targhe, affissi pubblicitari e tede) Al Servizio Edizia Privata del Comue di PAVIA DI UDINE La D.I.A. va presetata i bollo ( 14,62) quado costituisca

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: ELBA PLASTIC FREE Promotore/i: Provincia di Livorno Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

Appunti su rendite e ammortamenti

Appunti su rendite e ammortamenti Corso di Matematica I Facoltà di Ecoomia Dipartimeto di Matematica Applicata Uiversità Ca Foscari di Veezia Fuari Stefaia, fuari@uive.it Apputi su redite e ammortameti 1. Redite Per redita si itede u isieme

Dettagli

D Conversione in MJ 4. 87.5 sostenibile 3 : Parte bio

D Conversione in MJ 4. 87.5 sostenibile 3 : Parte bio Formato per la trasmissioe delle iformazioi ai sesi dell articolo 7bis comma 2 del decreto legislativo 21 marzo 2005,.66, come itrodotto dal comma 6 dell articolo 1 del decreto legislativo 31 marzo 2011.55

Dettagli

Snam e i mercati finanziari

Snam e i mercati finanziari NATURA FINANZIARIO INTELLETTUALE Sam e i mercati fiaziari 51 Nel corso del 2015 i mercati azioari europei si soo cofermati molto volatili. Ad u primo semestre i forte rialzo, supportato dalle attese e

Dettagli

contributo di maternità (quota fissa non frazionabile)

contributo di maternità (quota fissa non frazionabile) EPPI 03/2011 Comuicazioe obbligatoria ai sesi del Decreto Legislativo 103/96 da trasmettere all'ete etro e o oltre il 31.07.2012 Piazza della Croce Rossa 3-00161 ROMA Codice Iscritto COGNOME NOME CODICE

Dettagli

BANDO E DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA FISCALE, SOCIETARIA E CONTABILE DELLA SOCIETA. Delibera del C.d.A.

BANDO E DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA FISCALE, SOCIETARIA E CONTABILE DELLA SOCIETA. Delibera del C.d.A. BANDO E DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA FISCALE, SOCIETARIA E CONTABILE DELLA SOCIETA Distretto tecologico Sicilia Micro e Nao Sistemi società cosortile a r.l ZONA INDUSTRIALE

Dettagli

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R.

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R. 70 Capitolo Terzo i cui α i rappreseta la rata di ammortameto del debito di u capitale uitario. Si tratta di risolvere u equazioe lieare ell icogita R. SIANO NOTI IL MONTANTE IL TASSO E IL NUMERO DELLE

Dettagli

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA «No Waste» Azione 2 Monitoraggio dell efficacia del progetto Azione 3 - Mappatura dei progetti di riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Reggio

Dettagli

Modifica del regolamento della Cassa pensione Novartis

Modifica del regolamento della Cassa pensione Novartis Modifica del regolameto della Cassa pesioe Novartis Agli assicurati della Cassa pesioe Novartis Il Cosiglio di fodazioe della Cassa pesioe Novartis ha emaato importati modifiche del cocetto e delle prestazioi

Dettagli

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica ELT A-Z Docete: dott. F. Zucca Esercitazioe # 4 1 Distribuzioe Espoeziale Esercizio 1 Suppoiamo che la durata della vita di ogi membro di

Dettagli

1 Limiti di successioni

1 Limiti di successioni Esercitazioi di matematica Corso di Istituzioi di Matematica B Facoltà di Architettura Ao Accademico 005/006 Aa Scaramuzza 4 Novembre 005 Limiti di successioi Esercizio.. Servedosi della defiizioe di ite

Dettagli

ALLEGATO C ELENCO PREZZI UNITARI QUANTITA PREVISTA. Cassonetti Intervento. Cestini Intervento. 231 Interventi. Cassonetti Intervento.

ALLEGATO C ELENCO PREZZI UNITARI QUANTITA PREVISTA. Cassonetti Intervento. Cestini Intervento. 231 Interventi. Cassonetti Intervento. ART. 1 2 3 DESCRIZIONE Svuotaeto autoatizzato di coteitori portarifiuti da 1,1 3 istallati dall'ipresa presso le Stazioi Autostradali, i Posti di Mautezioe ediate ipiego di attrezzatura specifica e secodo

Dettagli

APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE. (tratti da A. MONTE Elementi di Impianti Industriali Cortina)

APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE. (tratti da A. MONTE Elementi di Impianti Industriali Cortina) ITIS OMAR Dipartimeto di Meccaica APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE (tratti da A. MONTE Elemeti di Impiati Idustriali Cortia) Si defiisce iteresse il dearo pagato per l'uso di u capitale otteuto i prestito

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioi di Statistica Il modello di Regressioe Prof. Livia De Giovai statistica@dis.uiroma.it Esercizio Solitamete è accertato che aumetado il umero di uità prodotte, u idustria possa ridurre i costi

Dettagli

DISPENSE DI MATEMATICA FINANZIARIA

DISPENSE DI MATEMATICA FINANZIARIA SPENSE MATEMATA FNANZAA 3 Piai di ammortameto. 3. osiderazioi geerali. U piao di ammortameto cosiste ella restituzioe di u importo preso a prestito mediate il versameto d'importi distribuiti el tempo.

Dettagli

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln DOMINIO FUNZIONE Determiare il domiio della fuzioe f = l e e + e + e Deve essere e e + e + e >, posto e = t si ha t e + t + e = per t = e e per t = / Il campo di esisteza è:, l, + Determiare il domiio

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: GreenEvent Promotore/i: Agenzia provinciale per l ambiente della Provincia autonoma di Bolzano

Dettagli

(per i cittadini stranieri) Il sottoscritto dichiara di essere titolare di carta di soggiorno ovvero di permesso di soggiorno

(per i cittadini stranieri) Il sottoscritto dichiara di essere titolare di carta di soggiorno ovvero di permesso di soggiorno Al Sidaco del Comue di OSTUNI ATTIVITA FUNEBRE SEGNALAZIONE PER SEDE PRINCIPALE L.R. 34/2008 e L.R. 4/2010 Il sottoscritto Codice fiscale Data di ascita Sesso M F Luogo di ascita: Stato Provicia Comue

Dettagli

Stima di un immobile a destinazione alberghiera APPROFONDIMENTI

Stima di un immobile a destinazione alberghiera APPROFONDIMENTI APPROFONDIMENTI www.shutterstock.com/vladitto Stima di u immobile a destiazioe alberghiera di Maria Ciua (Ricercatore di Estimo Facoltà di Igegeria dell Uiversità di Palermo) I geere ell expertise immobiliare

Dettagli

Campionamento stratificato. Esempio

Campionamento stratificato. Esempio ez. 3 8/0/05 Metodi Statiici per il Marketig - F. Bartolucci Uiversità di Urbio Campioameto ratificato Ua tecica molto diffusa per sfruttare l iformazioe coteuta i ua variabile ausiliaria (o evetualmete

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia per maager. Prima versioe, marzo 2013; versioe aggiorata, marzo 2014) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea March 14, 2014 1 Prezzo

Dettagli

Progetto ecoschool: raccolta differenziata

Progetto ecoschool: raccolta differenziata Progetto ecoschool: raccolta differenziata Chi semina. raccoglie? 23/06/2010 progetto raccolta differenziata 1 Introduzione Conoscere le diverse tipologie di rifiuti Cosa fare per migliorare la raccolta?

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

ESEMPIO 1. Immaginiamo come si distribuirebbero le stime campionarie se l operazione di campionamento venisse ripetuta più volte.

ESEMPIO 1. Immaginiamo come si distribuirebbero le stime campionarie se l operazione di campionamento venisse ripetuta più volte. ESEMPIO Prima dell esplosioe di ua cetrale ucleare, i terrei di ua certa regioe avevao ua produzioe media di grao pari a 00 quitali co uo scarto di 5. Dopo la catastrofe si selezioao 00 uità di superficie

Dettagli

Campi vettoriali conservativi e solenoidali

Campi vettoriali conservativi e solenoidali Campi vettoriali coservativi e soleoidali Sia (x,y,z) u campo vettoriale defiito i ua regioe di spazio Ω, e sia u cammio, di estremi A e B, defiito i Ω. Sia r (u) ua parametrizzazioe di, fuzioe della variabile

Dettagli

LISTE DI CONTROLLO VOLUME 1 ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO

LISTE DI CONTROLLO VOLUME 1 ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO LISTE DI CONTROLLO VOLUME 1 ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO LISTE DI CONTROLLO VOLUME 1 ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO 1 2

Dettagli

Successioni. Grafico di una successione

Successioni. Grafico di una successione Successioi Ua successioe di umeri reali è semplicemete ua sequeza di ifiiti umeri reali:, 2, 3,...,,... dove co idichiamo il termie geerale della successioe. Ad esempio, discutedo il sigificato fiaziario

Dettagli

IL SISTEMA DEL DSU IN ITALIA: COME (E PERCHÉ NON) FUNZIONA?

IL SISTEMA DEL DSU IN ITALIA: COME (E PERCHÉ NON) FUNZIONA? Sala Covegi IresPiemote Via Nizza 18 Torio 25 Novembre 2015 CRISI ECONOMICA E BARRIERE ALL ACCESSO UNIVERSITARIO: COME INTERVENIRE? IL SISTEMA DEL DSU IN ITALIA: COME (E PERCHÉ NON) FUNZIONA? FEDERICA

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea December 18, 2013 1 ichiami su utilità attesa e avversioe al rischio Prima di cosiderare il

Dettagli

Prova scritta di Statistica per Biotecnologie. 29 Aprile Programma Cristallo 1

Prova scritta di Statistica per Biotecnologie. 29 Aprile Programma Cristallo 1 Prova scritta di Statistica per Biotecologie 9 Aprile Programma Cristallo. Uo dei processi di purificazioe impiegati i ua certa sostaza chimica prevede di metterla i soluzioe e di filtrarla co ua resia

Dettagli

IL NUOVO BILANCIO DELL ENTE PUBBLICO: CONTABILITÀ FINANZIARIA ED ECONOMICA. 17-19 giugno 2013. www.sdabocconi.it/pa

IL NUOVO BILANCIO DELL ENTE PUBBLICO: CONTABILITÀ FINANZIARIA ED ECONOMICA. 17-19 giugno 2013. www.sdabocconi.it/pa Milao Italy IL NUOVO BILANCIO DELL ENTE PUBBLICO: CONTABILITÀ FINANZIARIA ED ECONOMICA 17-19 giugo 2013 www.sdaboccoi.it/pa Empower your visio sigifica allargare i propri orizzoti e acquisire solide prospettive

Dettagli

Dipartimento di Economia

Dipartimento di Economia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING MANAGEMENT (LM-77) Articolo 1 Deomiazioe PARTE PRIMA Il Corso di laurea Magistrale i Marketig Maagemet, attivato presso il Dipartimeto

Dettagli

SCHEMI DI BILANCIO, TABELLE DELLA NOTA INTEGRATIVA E INDICI

SCHEMI DI BILANCIO, TABELLE DELLA NOTA INTEGRATIVA E INDICI SCHEMI DI BILANCIO, TABELLE DELLA NOTA INTEGRATIVA E INDICI di Massimo FANTINI e Roberto TONELLO MATERIE: ECONOMIA AZIENDALE (classe 5 IT Idirizzo AFM; Articolazioe SIA; Articolazioe RIM; 5 IP Servizi

Dettagli

Approfondimenti di statistica e geostatistica

Approfondimenti di statistica e geostatistica Approfodimeti di statistica e geostatistica APAT Agezia per la Protezioe dell Ambiete e per i Servizi Tecici Cos è la geostatistica? Applicazioe dell aalisi di Rischio ai siti Cotamiati Geostatistica La

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA

STATISTICA DESCRITTIVA STATISTICA DESCRITTIVA La statistica descrittiva serve per elaborare e sitetizzare dati. Tipicamete i dati si rappresetao i tabelle. Esempio. Suppoiamo di codurre u idagie per cooscere gli iscritti al

Dettagli

RIDURRE I COSTI DELLA PA: RECUPERARE RISORSE ED EFFICIENZA, GOVERNANDO I TAGLI. 2-4 ottobre 2013. www.sdabocconi.it/pa

RIDURRE I COSTI DELLA PA: RECUPERARE RISORSE ED EFFICIENZA, GOVERNANDO I TAGLI. 2-4 ottobre 2013. www.sdabocconi.it/pa Milao Italy RIDURRE I COSTI DELLA PA: RECUPERARE RISORSE ED EFFICIENZA, GOVERNANDO I TAGLI 2-4 ottobre 2013 www.sdaboccoi.it/pa Empower your visio sigifica allargare i propri orizzoti e acquisire solide

Dettagli

empower YoUR vision PUBLIC ADMINISTRATION HUMAN RESOURCE COMMUNITY

empower YoUR vision PUBLIC ADMINISTRATION HUMAN RESOURCE COMMUNITY Milao Italy empower YoUR visio PUBLIC ADMINISTRATION HUMAN RESOURCE COMMUNITY La comuità di pratiche per il migliorameto della performace e la valorizzazioe del persoale La PA che vogliamo: protagoisti

Dettagli

TESEO 7 Enterprise Resource Planning

TESEO 7 Enterprise Resource Planning TESEO 7 Eterprise Resource Plaig Zucchetti Cetro Sistemi SpA Cosa è TESEO è la risposta di Zucchetti Cetro Sistemi alla richiesta di u ERP i liea co le uove esigeze che ogi azieda oggi si trova ad avere:

Dettagli

Indici COMIT Metodologia di calcolo

Indici COMIT Metodologia di calcolo Il presete documeto riassume le regole fodametali per il calcolo e la gestioe degli idici elaborati da Itesa Sapaolo per l itero Mercato Telematico Azioario italiao (MTA) ed il vecchio Nuovo Mercato. Gli

Dettagli

Rendita perpetua con rate crescenti in progressione aritmetica

Rendita perpetua con rate crescenti in progressione aritmetica edita perpetua co rate cresceti i progressioe aritmetica iprediamo l'esempio visto ella scorsa lezioe di redita perpetua co rate cresceti i progressioe arimetica: Questa redita può ache essere vista come

Dettagli

Calcolo della risposta di un sistema lineare viscoso a più gradi di libertà con il metodo dell Analisi Modale

Calcolo della risposta di un sistema lineare viscoso a più gradi di libertà con il metodo dell Analisi Modale Calcolo della risposta di u sistema lieare viscoso a più gradi di libertà co il metodo dell Aalisi Modale Lezioe 2/2 Prof. Adolfo Satii - Diamica delle Strutture 1 La risposta a carichi variabili co la

Dettagli

Principi base di Ingegneria della Sicurezza

Principi base di Ingegneria della Sicurezza Pricipi base di Igegeria della Sicurezza L aalisi delle codizioi di Affidabilità del sistema si articola i: (i) idetificazioe degli sceari icidetali di riferimeto (Eveti critici Iiziatori - EI) per il

Dettagli

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI Apputi di Statistica Sociale Uiversità ore di Ea LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUATITATIVI La variabilità di u isieme di osservazioi attiee all attitudie delle variabili studiate ad assumere modalità

Dettagli

Incrementare le performance e ridurre i costi, nuove sfide nella gestione degli asset per il settore Power & Utility

Incrementare le performance e ridurre i costi, nuove sfide nella gestione degli asset per il settore Power & Utility Icremetare le performace e ridurre i costi, uove sfide ella gestioe degli asset per il settore Power & Utility Doato Camporeale Executive Director Eergy Utilities & Miig Nel corso degli ultimi ai, co il

Dettagli

Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale

Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale fare la raccolta differenziata non è solo un obbligo di legge è un segno di rispetto e di grande civiltà!

Dettagli

Dipartimento di Economia

Dipartimento di Economia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE (L-18) Articolo 1 - Deomiazioe PARTE PRIMA Il Corso di laurea i Ecoomia aziedale, attivato presso il Dipartimeto di Ecoomia dell Uiversità

Dettagli

ICT e Sistemi informativi Aziendali. ICT e Sistemi informativi Aziendali. Sommario. Materiale di supporto alla didattica

ICT e Sistemi informativi Aziendali. ICT e Sistemi informativi Aziendali. Sommario. Materiale di supporto alla didattica ICT e Sistemi iformativi Aziedali Materiale di supporto alla didattica ICT e Sistemi iformativi Aziedali CAPITOLO IV base e warehouse Sommario Modelli dei dati Modello relazioale DBMS La progettazioe di

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

Progetto Cinisellese Sostenibile Indagine conoscitiva Iniziale

Progetto Cinisellese Sostenibile Indagine conoscitiva Iniziale Progetto Cinisellese Sostenibile Indagine conoscitiva Iniziale Il presente questionario fa parte di una fase molto importante del progetto Cinisellese Sostenibile promosso dall Assessorato all Agenda 21

Dettagli

COMUNI RICICLONI 2014

COMUNI RICICLONI 2014 La ewsletter di ECOSPORTELLO SEMESTRALE DI LEGAMBIENTE ANNO 24 NUMERO 1 6 EURO Poste Italiae SpA - Spedizioe i abboameto postale - 70% CN/AN COMUNI RICICLONI 2014 Co il patrociio del Miistero dell Ambiete

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

Metodi statistici per l analisi dei dati

Metodi statistici per l analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due ttameti Motivazioi ttameti Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ttameti) per cui soo stati codotti gli esperimeti. due ttameti Esempio itroduttivo

Dettagli

ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE STELLA - TURGNANO SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE Comune di

ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE STELLA - TURGNANO SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE Comune di NON SERVE MARCA DA BOLLO ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE STELLA - TURGNANO SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE Comue di SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AFFITTACAMERE (1) l sottoscritto:

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Idice Corso di Iermediari iaziari e Microcredio Iroduzioe I crieri radizioali di valuazioe dei progei di ivesimeo; La valuazioe dei progei di ivesimeo I crieri fiaziari di valuazioe dei progei d ivesimeo

Dettagli

Valutazione e certificazione degli edifici: Enerbuild Tool e Protocollo ITACA

Valutazione e certificazione degli edifici: Enerbuild Tool e Protocollo ITACA Valutazioe e certificazioe degli edifici: Eerbuild Tool e Protocollo ITACA Torio, 25 maggio 2012 Arch. Adrea Moro Eergia Emissioi Acqua Rifiuti Materiali Source: DETR 1998 Azioe di sistema STANDARD DI

Dettagli

evohome RISPARMIO ENERGETICO E NON SOLO Un obiettivo comune a milioni di famiglie: risparmiare energia senza rinunciare al comfort.

evohome RISPARMIO ENERGETICO E NON SOLO Un obiettivo comune a milioni di famiglie: risparmiare energia senza rinunciare al comfort. evohome RISPARMIO ENERGETICO E NON SOLO U obiettivo comue a milioi di famiglie: risparmiare eergia seza riuciare al comfort. evohome Risparmiare eergia o è mai stato così Esistoo molte soluzioi per otteere

Dettagli