Principi di base dell HTA: una overview metodologica Marzia Bonfanti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Principi di base dell HTA: una overview metodologica Marzia Bonfanti"

Transcript

1 WORKSHOP: "Implementazione di un modello regionale di HB-HTA: istruzioni per l'uso " Principi di base dell HTA: una overview metodologica Marzia Bonfanti

2 Agenda Valutazioni economico sanitarie e limiti Clinical governance e HTA - Cenni storici - I processi di introduzione delle tecnologie sanitari - Gli step dell HTA I modelli di HTA Gli organismi di HTA L Hospital-based HTA

3 VALUTAZIONI ECONOMICO SANITARIE E LIMITI

4 Come valutare le tecnologie sanitarie? I diversi tipi di analisi nella Ves Tutte le tecniche misurano i costi in termini monetari, la differenza risiede nella valutazione delle conseguenze Alternative a confronto (confronto statistico) se risultato A = risultato B se risultato A risultato B risultato in unità fisiche risultato in QALY risultato in unità monetarie Analisi di minimizzazione dei costi (CMA) Analisi di costi efficacia (CEA) Analisi di costi utilità (CUA) Analisi di costi beneficio (CBA)

5 Limiti delle principali valutazioni economico sanitarie Metodologie di valutazione economica Analisi di Minimizzazione dei Costi Costi-efficacia Costi-beneficio Costi-utilità Limite Gli approcci tradizionali non sono più sufficienti in quanto considerano solamente UN UNICO CRITERIO DI VALUTAZIONE, UN UNICO INDICATORE e le metodologie rappresentano esclusivamente uno strumento di natura "tecnica"

6 CLINICAL GOVERNANCE E HTA

7 Una premessa 3 Variabili esercitano una pressione sempre maggiore sui servizi sanitari di tutto il mondo (Stevens et al., 1999; Joppi et al., 2009): i. Cambiamento demografico invecchiamento della popolazione e aumento dei pazienti cronici e comorbosi ii. Aumento delle aspettative di salute da parte dei cittadini evoluzione dei bisogni Variabili difficili da presidiare iii. Sviluppo di nuove tecnologie sanitarie che giungono sempre più rapidamente sul mercato Variabile più facile da gestire e controllare

8 Il decision making in Sanità

9 Evidence- Based Practice and Policy Systems for Quality Risk Managemen t Accountability and Performance Audit and Evaluation Technology Assessment Organization Training Rielaborazione CREMS da G. Ricciardi, 2004 Co- Ordinated Clinical Governance Management will Managing Resources and Services Reliable Data Learning Culture Research and Development

10 Cosa è l HTA? La risposta alla domanda: DI COSA ABBIAMO BISOGNO? Io sono un Frigorifero! Io sono un Frigorifero con distributore di acqua, ghiaccio e TV al plasma incorporato euro euro

11 Processo di valutazione di una tecnologia Health Technology Assessment (Canadian Agency for Drugs and Technologies in Health, 2006) Multi Criteria Decision Analysis (Thokala, 2011) Approccio EVIDEM (EVIDEM Framework, 2012)

12 Cosa si intende con Technology In sintesi, le tecnologie sanitarie comprendono: Farmaci Dispositivi medici Apparecchiature Procedure mediche e chirurgiche per la prevenzione, la diagnosi e la cura Strutture, sistemi organizzativi e di supporto all interno dei quali si provvede alle cure Ogni elemento che modifica in qualche modo l organizzazione sanitaria è una tecnologia, una innovazione Office for Technology Assessment

13 Cosa è l HTA L HTA rappresenta uno strumento multidisciplinare in grado di studiare le implicazioni cliniche, sociali, etiche ed economiche dello sviluppo, diffusione e utilizzo di una tecnologia sanitaria (International Network for Technology Assessment)

14 Obiettivi dell HTA Migliorare la salute della popolazione, analizzando con metodo scientifico le implicazioni cliniche, sociali, etiche ed economiche dello sviluppo, diffusione e utilizzo di una tecnologia sanitaria Fornire ai decisori politici e di spesa la conoscenza delle potenzialità, dei vantaggi e degli svantaggi tecnici e generali delle diverse tecnologie sanitarie, in modo che essi possano valutare il beneficio effettivo derivante dall utilizzo

15 HTA: le origini A livello internazionale le origini applicative dell HTA, come metodica, non si devono al settore sanitario. Fu proprio per richiesta del Senatore Daddario, di origine italiana, che, presso il Senato degli Stati Uniti, nel 1972 si crea l Office for Technology Assessment (OTA), ufficio deputato a fornire ai senatori chiarimenti su tematiche tecniche di grande complessità a supporto di decisioni delicate come gli investimenti per la NASA, alle prese con la corsa verso la Luna solo poi diventa Health - HTA

16 L HTA come un motore Industria Ricerca HTA Istituzioni Fonte: Cicchetti A., Dibidino R., Marchetti M., Polistena J., Corio M., paper sottoposto a International Journal of TA in Healthcare, 2008

17 La metafora del PONTE Un ponte Fonte: R. N. Battista, 2005

18 I PROCESSI DI INTRODUZIONE DELLE TECNOLOGIE SANITARIE

19 I processi di introduzione delle tecnologie sanitarie 1 Scenario: sistema fuori controllo tecnologie disponibili PARTI INTERESSATE tecnologie nei processi assistenziali

20 I processi di introduzione delle tecnologie sanitarie 2 Scenario: sistema «clientelare» tecnologie disponibili decisione PARTI INTERESSATE tecnologie nei processi assistenziali

21 I processi di introduzione delle tecnologie sanitarie 3 Scenario: amministrazione del sistema tecnologie disponibili decisione responsabile PARTI INTERESSATE tecnologie nei processi assistenziali

22 I processi di introduzione delle tecnologie sanitarie 4 Scenario: governance del sistema tecnologie disponibili quesiti decisione informata e responsabile PARTI INTERESSATE valutazione di impatto tecnologie nei processi assistenziali risposte

23 GLI STEP DELL HTA

24 Step di analisi della valutazione di HTA 1. Scelta delle alternative significative da valutare 2. Valutazione economica sanitaria completa (principalmente costi-efficacia o costi-utilità) 3. Valutazione di impatto sul budget 4. Valutazione di impatto sull organizzazione 5. Etica ed equità 6. Generalizzabilità

25 LE DIMENSIONI DI VALUTAZIONE

26 EUnetHTA Core Model, 2008

27 Come selezionare le alternative o i comparator? 1. Valutazione della popolazione di riferimento 2. Ciò che avviene nella prassi clinica 3. Rispetto alle indicazioni di utilizzo

28 1 e 2. Descrizione della tecnologia Letteratura Primaria (RCT, studi di coorte, studi caso-controllo) Letteratura Secondaria (studi integrativi: revisioni sistematiche (con o senza metanalisi), linee guida evidence-based, report di HTA; riassunti strutturati o CAT (Critical Appraisal Topic) Letteratura Terziaria (schede tecniche)

29 3. Sicurezza Rispondenza alle normative in tema di sicurezza Rispondenza agli standard di accreditamento per la specifica tecnologia Rispondenza alle linee guida di utilizzo della tecnologia o ai protocolli Analisi delle conseguenze legate all'uso della tecnologia

30 4. Efficacia nella ricerca Analisi dei dati di efficacy reperibili in letteratura - Studi di rilievo nazionale - RCT - Arruolamento di coorti italiane di pazienti

31 4. Efficacia nella pratica Due modalità di procedere per questa dimensione Reperimento di dati di efficacia (effectiveness) direttamente all interno del contesto aziendale di riferimento (solo laddove la tecnologia e i comparator siano entrambi utilizzati) Validazione dei dati di efficacy reperiti mediante review della letteratura, attraverso la contestualizzazione all interno della realtà di riferimento (supporto di consulenti clinici esperti)

32 5. Analisi di processo Macro Fasi Quantità Fase 1 Fase 2 Fase 3 Fase 4 Fase 5 Totale Tempo (min) Quantità Tempo (min) Quantità Tempo (min) Quantità Tempo (min) Quantità Tempo (min) Risorse Umane Totale Risorse Umane 0 0 Apparecchiature e attrezzature Totale apparecchiature e attrezzature Materiali di consumo Totale Totale Materiali di consumo Altro Totale Altro 0 0 Totale x Fase e x Processo

33 5. Valutazione economica sanitaria completa Analisi costi-benefici (anni 50): tutti gli impieghi di risorse e gli outcome (benefici) vengono misurati in termini monetari Analisi costi-efficacia (anni 60): permette di prendere in considerazione i costi (come input) e correlarli con le conseguenze degli interventi sanitari (come output) misurati in unità di efficacia naturali. Essa rappresenta la metodica più utilizzata nel campo sanitario Analisi costi-utilità (anni 70): si configura per essere una estensione dell analisi costi-efficacia e mette in relazione l impiego di risorse con outcome di efficacia espressi in termini di qualità di vita del paziente (Quality Adjusted Life Years QALY)

34 5. Valutazione di impatto sul budget CANADA CADTH - Canadian Agency for Drugs and Technologies in Health: «Guidelines for the Economic Evaluation of Health Technologies: Canada» (2006) La valutazione di impatto sul budget serve a comprendere se una determinata tecnologia è sostenibile dal punto di vista economico (impatto finanziario). A differenza di una valutazione economica, la BIA viene sviluppata su un orizzonte temporale di breve periodo (<3 anni), non comprende gli outcome né l efficacia. La prospettiva adottata per la BIA è sempre quella del budget holder REGNO UNITO NICE - National Institute for Health and Clinical Excellence, Guide to the Methods of Technology Appraisal (2008) La valutazione di impatto sul budget non è inclusa nella valutazione di HTA dell Appraisal Committee del NICE. Tuttavia il Comitato ritiene che le sue valutazioni possano consentire un uso più efficiente delle risorse disponibili. L IVA deve essere esclusa da tutte le valutazioni economiche ma inclusa nella BIA quando le risorse in questione sono soggette a questa tassa DANIMARCA DACEHTA - Danish Centre for Health Technology Assessment, National Board of Health - Health Technology Assessment Handbook, 2007 La valutazione di impatto sul budget deve essere condotta in modo complementare alla valutazione socio-economica. L obiettivo è quello di valutare l impatto dell introduzione della nuova tecnologia sul budget (a diversi livelli: regionale, aziendale, etc ). A differenza dell analisi socio-economica, si basa su concetti come entrate, e uscite e non su costi e utilità, e tiene conto dei trasferimenti monetari

35 5. Valutazione di impatto sul budget Applicazione di metodiche volte a stimare l utilizzo delle risorse pianificate e le spese legate al budget in un orizzonte temporale stabilito, che tecnicamente è quello annuale o pluriennale programmazione o pianificazione sanitaria

36 6 e 8 Dimensione etica e sociale Dimensione etica Privacy/trasparenza Analisi della customer satisfaction Dimensione equità Verifica della disponibilità/accessibilità all'uso di tecnologia a livello locale Tempestività in termini di tempi di attesa legati alla tecnologia Analisi dell'invasività della procedura Impatto su categorie protette Dimensione sociale Mancata produttività per assenza sul posto di lavoro Segnalazioni della stampa locale Richieste da parte di associazioni/cittadini

37 7. Dimensione organizzativa Valutazione dell impatto organizzativo su una struttura dell introduzione di una nuova tecnologia: personale aggiuntivo corsi di formazione per il personale nuove tecnologie nuovi macchinari nuove strutture cambiamenti nelle pratiche cliniche cambiamenti nel tasso di utilizzo di una tecnologia

38 9. Dimensione legale Livello di autorizzazione (nazionale, europeo e internazionale) Inserimento in registro nazionale/europeo Soddisfacimento dei requisiti di sicurezza richiesti Garanzia di produzione Legislazione specifica per determinate categorie di pazienti

39 MODELLI DI HTA

40 EUnetHTA: Core Model

41 EUnetHTA: Un esempio Clinical Effectivenss Topic Issue Mortality What is the effect of the intervention on overall mortality? What is the effect of the intervention on the mortality caused by the target disease? What is the effect of the intervention on the mortality due to other causes than the target disease? Etc Morbidity How does the intervention modify the progression of disease? How does the intervention modify the severity and frequency of symptoms and findings? How does the technology modify the effectiveness of subsequent interventions? Etc Function What is the effect of the intervention on global function? What is the effect of the technology on return to work? What is the effect of the technology on return to previous living conditions? Etc HRQL What is the effect of the technology on generic health-related quality of life? What is the effect of the technology on disease specific quality of life? Etc Patient satisfaction Was the use of technology worthwhile? Is the patient willing to use the technology? Change-in-management Does use of the technology lead to improved detection of the condition? How does the use of the technology change physicians management decision? Etc

42 EVIDEM: MCDA Logica a punteggio

43 MCDA

44 Modelli qualitativi e modelli a punteggio che fare? 188 quesiti da richiedere a una struttura sono forse eccessivi I modelli basati invece su pochi quesiti, ma di tipo qualitativo, probabilmente possono ingenerare delle possibilità di cattiva lettura del dato Perché perdere la possibilità di prioritizzare le dimensioni? Perché non effettuare una analisi decisionale a criteri multipli, ma di facile e immediata applicazione? Attività da svolgere isorisorse Importante infatti è la possibilità di rispondere nelle tempistiche necessarie per le Direzioni, non in tempi biblici BENCHMARKING

45 HOSPITAL-BASED HTA

46 Livelli di lettura dell HTA Ricerca scientifica Produzione delle evidenze (Linee guida) Livello sistemico Disseminazione delle evidenze (Educazione continua, aggiornamento) Tecnologie Competenze Risorse Livello organizzativo (HTA & GC) Pratica clinica Pratica clinica Pratica clinica Pratica clinica Livello individuale

47 Perché l HB-HTA? - 1 Tradizionalmente l HTA è stato impiegato in tutto il mondo per "supportare" i decisori politici a livello macro nel processo di formazione delle decisioni attraverso la produzione di informazioni sugli effetti clinici, economici, organizzativi, etici e sociali delle tecnologie sanitarie La recente esigenza di adottare le metodologie di valutazione anche nell ambito delle singole organizzazioni sanitarie ha imposto l esigenza di una revisione delle metodiche utilizzate a livello istituzionale/sistemico

48 Perché l HB-HTA? - 2 Sebbene indiscutibile sia l efficacia delle metodiche di valutazione della tecnologia attualmente utilizzate, nel momento in cui si adotta una prospettiva Hospital-Based, le strategie aziendali impongono la ricerca di modelli che, coerentemente con gli step propri del processo valutativo e con le dimensioni di analisi già validate dalla letteratura (CADTH, 2006) sappiano fornire in modo oggettivo e informato un supporto alle scelte di allocazione inerenti la tecnologia La valutazione delle tecnologie sanitarie a livello micro deve tener conto sia delle necessità di presa di decisioni coerenti in tempi brevi e in contesti di limitate disponibilità di risorse, sia dell effettivo contesto organizzativo in cui la tecnologia opera/funziona

49 Criticità iniziali La sola valutazione tecnico ingegneristica non è sufficiente per migliorare l appropriatezza, per scegliere le migliori tecnologie per il contesto ospedaliero in esame, conoscere e ottimizzare i processi sanitari, ridurre i costi Necessità di valutazione multidisciplinare delle richieste di tecnologia Definizione di una scala di priorità negli ambiti di sostituzione, potenziamento e innovazione

50 Obiettivo dell Hospital-Based HTA L Hospital-Based HTA ha lo scopo di costruire un processo decisionale condiviso tra: Unità Operative, Laboratori e Servizi Diagnostici, Ingegneria Clinica, altri Servizi (logistica, immobili, approvvigionamenti, prevenzione e protezione,...) e la Direzione Aziendale (Favaretti, 2007)

51 I fattori alla base dello sviluppo dell Hospital-Based HTA Ricerca di un miglioramento del livello di efficienza ed efficacia Necessità di contestualizzazione delle analisi Necessità di trasferire le evidenze scientifiche in modo tempestivo nella pratica clinica e nei processi organizzativi

52 Take home message 1. L HTA serve per riallineare tutta l organizzazione verso un comportamento, una ritualità 2. L ottimale sarebbe poter collegare queste attività con il budget per una ottimale programmazione degli investimenti 3. L HTA consente di creare un confronto multidisciplinare e aiuta a risparmiare risorse, anche di tempo/uomo

Il ruolo dell Health Technology Assessment (HTA) nell allocazione delle risorse

Il ruolo dell Health Technology Assessment (HTA) nell allocazione delle risorse AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 23 - Gesundheitswesen Amt 23.0.2 Operative Einheit Clinical Governance (Akkreditierung, Qualität, Risk Management und HTA) PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO

Dettagli

TECNOLOGIE SANITARIE

TECNOLOGIE SANITARIE Corso di aggiornamento in cardiologia nucleare ULSS n.6 Vicenza, 18 settembre 2004 Technology assessment: aspetti metodologici Paolo Spolaore Regione Veneto Definizioni TECNOLOGIE SANITARIE Dispositivi

Dettagli

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Documento elaborato dall Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari Nell ambito

Dettagli

INTRODUZIONE ALL HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT. Marzia Bonfanti ed Emanuela Foglia

INTRODUZIONE ALL HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT. Marzia Bonfanti ed Emanuela Foglia INTRODUZIONE ALL HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT Marzia Bonfanti ed Emanuela Foglia Agenda Fondamenti e Principi di HTA La nascita dell HTA Le agenzie di HTA nel contesto internazionale L HTA in Italia: le

Dettagli

sponsor unico econilpatrociniodi Comune di Pesaro Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord

sponsor unico econilpatrociniodi Comune di Pesaro Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord sponsor unico econilpatrociniodi Comune di Pesaro Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord PREMESSA Il quadro economico, sociale e demografico attuale è caratterizzato in maniera oramai strutturale

Dettagli

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE Corso residenziale di aggiornamento a cura del Laboratorio HTA della SIFO HTA PER LA VALUTAZIONE DEI FARMACI Codice 313-122539 Verona, c/o Centro Culturale Marani 8 maggio 2015 Con il patrocinio di Sihta

Dettagli

ALLEGATO N. 1 LINEE ATTUATIVE E METODOLOGICHE DELLA RETE REGIONALE HTA

ALLEGATO N. 1 LINEE ATTUATIVE E METODOLOGICHE DELLA RETE REGIONALE HTA ALLEGATO N. 1 LINEE ATTUATIVE E METODOLOGICHE DELLA RETE REGIONALE HTA 1. Definizione di Health Technology Assessment (HTA). L HTA si basa su attività scientifiche multidisciplinari rivolte alla continua

Dettagli

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE Standard Generali di Qualità per l Assistenza Ospedaliera Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 Bologna, settembre 2015 febbraio 2016 MANAGEMENT & policy making Il Patto

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale Arezzo, Centro Affari e Convegni 28 novembre 1 dicembre 2007 II FORUM RISK MANAGEMENT IN SANITÀ GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale C. Favaretti Presidente SIHTA Direttore Generale

Dettagli

Mirco Magnani Modelli di HTA nell'acquisizione dei sistemi digitali Loreto (AN) 19 Novembre 2011

Mirco Magnani Modelli di HTA nell'acquisizione dei sistemi digitali Loreto (AN) 19 Novembre 2011 Diagnostica per immagini e Radioterapia nel 2011: Fare sistema L amministrazione dei sistemi complessi di diagnostica per immagini nei contesti aggiornati e le nuove tecnologie Mirco Magnani Modelli di

Dettagli

Modalità di acquisizione delle grandi apparecchiature elettromedicali in ambito sanitario Padova, 21.4.2010

Modalità di acquisizione delle grandi apparecchiature elettromedicali in ambito sanitario Padova, 21.4.2010 Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Modalità di acquisizione delle grandi apparecchiature elettromedicali in ambito sanitario Padova, 21.4.2010 Il ruolo della Regione e dell ARSS sul tema degli

Dettagli

Fondazione Pinna Pintor sabato 17 novembre 2007

Fondazione Pinna Pintor sabato 17 novembre 2007 Fondazione Pinna Pintor sabato 17 novembre 2007 L errore medico Alla ricerca delle procedure di provata efficacia per prevenirlo Dr.ssa Grace Rabacchi Agenzia Regionale per i Servizi Sanitari (A.Re.S.S.)

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

Il Percorso continua e si sviluppa. Il POA definisce nuove competenze Applicazione POA. Necessità di risorse Coinvolgimento singoli

Il Percorso continua e si sviluppa. Il POA definisce nuove competenze Applicazione POA. Necessità di risorse Coinvolgimento singoli POLITICA AZIENDALE SCELTE E PROSPETTIVE Il Percorso continua e si sviluppa Il POA definisce nuove competenze Applicazione POA Necessità di risorse Coinvolgimento singoli 2.2 Il controllo della Qualità

Dettagli

Governance assistenziale

Governance assistenziale Governance assistenziale Dr.ssa Barbara Mangiacavalli Una premessa La crescita esponenziale del volume e della complessità della conoscenza biomedica che ha reso sempre più difficile l aggiornamento professionale

Dettagli

Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance. Bologna, 27 novembre 2009. Il Piano formativo a misura di ECM

Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance. Bologna, 27 novembre 2009. Il Piano formativo a misura di ECM Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance Bologna, 27 novembre 2009 GIMBEducation 2010 Il Piano formativo a misura di ECM Nino Cartabellotta GIMBEducation 1. Obiettivi

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

L asset più importante, l investimento più remunerativo? La governance, è tempo di investire nel «governance budget»

L asset più importante, l investimento più remunerativo? La governance, è tempo di investire nel «governance budget» Authorized and regulated by the Financial Services Authority L asset più importante, l investimento più remunerativo? La governance, è tempo di investire nel «governance budget» Il processo di investimento

Dettagli

La valutazione economica dei farmaci biologici in reuma, gastro e derma

La valutazione economica dei farmaci biologici in reuma, gastro e derma La valutazione economica dei farmaci biologici in reuma, gastro e derma Sergio Iannazzo ISBEM - Istituto Scientifico Biomedico Euro Mediterraneo SIHS Health Economics Consulting SCELTA COLLETTIVITA SCELTA

Dettagli

Tecniche di valutazione economica in sanità. Dr.ssa Cecilia Quercioli

Tecniche di valutazione economica in sanità. Dr.ssa Cecilia Quercioli Tecniche di valutazione economica in sanità Dr.ssa Cecilia Quercioli Perché sono necessarie valutazioni economiche in sanità? Razionale: scarsità delle risorse a disposizione È necessario fare delle scelte

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA L AMBIENTE ESTERNO E IL CONTESTO NORMATIVO

INDICE PARTE PRIMA L AMBIENTE ESTERNO E IL CONTESTO NORMATIVO INDICE AUTORI PRESENTAZIONE INTRODUZIONE XIII XVII XIX PARTE PRIMA L AMBIENTE ESTERNO E IL CONTESTO NORMATIVO Capitolo Primo Scenari e modelli di competizione in Sanità 1.1 Premessa 1.2 Tipologie e caratteristiche

Dettagli

HTA: FATTORE DI CFESCITA O OSTACOLO ALL INNOVAZIONE?

HTA: FATTORE DI CFESCITA O OSTACOLO ALL INNOVAZIONE? Dott. GEORGES PAIZIS Health Policy Director sanofi - aventis HTA: FATTORE DI CFESCITA O OSTACOLO ALL INNOVAZIONE? L Health Technology Assessment (HTA) è un processo multidisciplinare con ben documentate

Dettagli

Health Technology Assessment

Health Technology Assessment Health Technology Assessment Strumento strategico per la valutazione delle Tecnologie Sanitarie 1 Tecnologia e Sanita Lo sviluppo di spazi e strutture a supporto dei percorsi assistenziali deve tenere

Dettagli

HTA e farmaci: il ruolo dell AIFA

HTA e farmaci: il ruolo dell AIFA HTA e farmaci: il ruolo dell AIFA Simona Montilla 12 luglio 2013 Dichiarazione di trasparenza/interessi* Le opinioni espresse in questa presentazione sono personali e non impegnano in alcun modo l AIFA

Dettagli

Accordo Regionale MMG del 24 aprile 2007 per il controllo della spesa;

Accordo Regionale MMG del 24 aprile 2007 per il controllo della spesa; 1. ANALISI DEL FABBISOGNO FORMATIVO La Regione Puglia, concentrata come molte altre Regioni sulla necessità di contenere i costi del settore sanitario intervenendo sugli assetti gestionali ed organizzativi,

Dettagli

Fornitori d Eccellenza

Fornitori d Eccellenza Fornitori d Eccellenza Dal 1994 Consulenza e Formazione Aziendale www.gestaonline.it Sistemi gestionali Sicurezza sul lavoro Ambiente Modelli 231 Direzione aziendale La nostra missione è quella di aiutare

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli

CORSO DI PERFEZIONAMENTO UNIVERSITARIO IN HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT - COPHTA

CORSO DI PERFEZIONAMENTO UNIVERSITARIO IN HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT - COPHTA CORSO DI PERFEZIONAMENTO UNIVERSITARIO IN HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT - COPHTA QUARTA EDIZIONE 2015/2016 CON IL PATROCINIO DI: 1 INTRODUZIONE I servizi sanitari dei Paesi evoluti stanno assistendo a tre

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

Priorità di Governo Clinico

Priorità di Governo Clinico Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 Survey Priorità di Governo Clinico

Dettagli

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report LE PUBBLICAZIONI SECONDARIE Sono così definite perché i ricercatori prendono i dati da studi già pubblicati (o anche non pubblicati), ne riassumono ed analizzano i risultati combinati, traggono conclusioni

Dettagli

La Valutazione delle tecnologie sanitarie (Health Technology Assessment, HTA)

La Valutazione delle tecnologie sanitarie (Health Technology Assessment, HTA) Sulle modalità di remunerazione dei dispositivi medici nell ambito di un sistema di pagamento a prestazione. Analisi di alcune esperienze internazionali Luca Lorenzoni, OCSE (17 maggio 2010) Questa breve

Dettagli

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Convegno sulla Sicurezza delle Informazioni La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Giambattista Buonajuto Lead Auditor BS7799 Professionista indipendente Le norme

Dettagli

METIDE/RUBENS. dei servizi per l impiego. e per l orientamento. Roma, febbraio 2005. CESOS Centro di Studi Economici Sociali e Sindacali

METIDE/RUBENS. dei servizi per l impiego. e per l orientamento. Roma, febbraio 2005. CESOS Centro di Studi Economici Sociali e Sindacali METIDE/RUBENS Modello integrato per la gestione in qualità dei servizi per l impiego e per l orientamento CESOS Centro di Studi Economici Sociali e Sindacali Roma, febbraio 2005 IL CONTESTO POLITICO ED

Dettagli

IT Risk-Assessment. Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. Davide SUSA - ACSec AIIA - Consigliere del Chapter di Roma

IT Risk-Assessment. Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. Davide SUSA - ACSec AIIA - Consigliere del Chapter di Roma IT Risk-Assessment Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. AIIA - Consigliere del Chapter di Roma Agenda Overview sul Risk-Management Il processo di Risk-Assessment Internal Auditor e Risk-Management

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 4 - STRUMENTI DI GESTIONE Art. 26 - Pianificazione strategica e controllo strategico Art. 27 - Sistema di budget Art. 28.1 - Bilancio

Dettagli

ARTICOLO SCIENTIFICO: ANALISI E VALUTAZIONE CRITICA DELLE INFORMAZIONI. critical appraisal BOSCARO GIANNI 1

ARTICOLO SCIENTIFICO: ANALISI E VALUTAZIONE CRITICA DELLE INFORMAZIONI. critical appraisal BOSCARO GIANNI 1 ARTICOLO SCIENTIFICO: ANALISI E VALUTAZIONE CRITICA DELLE INFORMAZIONI critical appraisal BOSCARO GIANNI 1 BOSCARO GIANNI 2 Analisi Statistica analisi descrittiva: descrizione dei dati campionari con grafici,

Dettagli

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO Data: Ottobre, 2013 UniCredit Group - Public MISSION E AMBITO DI COMPETENZA L Internal Audit è una funzione indipendente nominata dagli Organi di Governo della Società ed è parte

Dettagli

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia Le verifiche di qualità 1) Obiettivi della qualità 2) Dimensioni correlate alla qualità 3) Concetto di quality assurance 4) Metodologie di approccio alla qualità 5) Audit clinico nel percorso stroke 6)

Dettagli

Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Claudio Jommi @ Università del Piemonte Orientale, Economia e Regolazione del Farmaco pag.

Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Claudio Jommi @ Università del Piemonte Orientale, Economia e Regolazione del Farmaco pag. Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) pag. 1 Confronto tra CEA e BIA La CEA stima i costi e l efficacia incrementali lifetime di una nuova terapia, rispetto ai trattamenti attualmente

Dettagli

Corsi Nazionali Itineranti a cura del Laboratorio HTA di SIFO

Corsi Nazionali Itineranti a cura del Laboratorio HTA di SIFO Corsi Nazionali Itineranti a cura del Laboratorio HTA di SIFO in collaborazione con ALTEMS Alta Scuola di Economia e Management Sanitario INTRODUZIONE ALL HTA. COME FARNE UNO STRUMENTO OPERATIVO: DALL

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

DCR consulting email: info@dcrconsulting.it website: www.dcrconsulting.it - cellulare: 345.502.0019 - telefono: 0824.42.969 Partiva iva 01559270622

DCR consulting email: info@dcrconsulting.it website: www.dcrconsulting.it - cellulare: 345.502.0019 - telefono: 0824.42.969 Partiva iva 01559270622 PROGRAMMA CORSO MARKETING ED INNOVAZIONE NEL MERCATO FARMACEUTICO TITOLO RAZIONALE PRINCIPALI ARGOMENTI ORE Modulo 1 Modulo 2 Marketing strategico Marketing operativo Questo modulo introduce gli aspetti

Dettagli

Presentazione. agili e flessibili; costantemente aderenti al business model ed alla sua evoluzione geografica e temporale;

Presentazione. agili e flessibili; costantemente aderenti al business model ed alla sua evoluzione geografica e temporale; Presentazione Blu Consulting è una società di consulenza direzionale certificata ISO 9001:2008, fondata da Mauro Masciarelli nel 2009, specializzata nella revisione delle strategie di business, adeguamento

Dettagli

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona La norma ISO 50001 Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona I problemi dell energy management Fondamentalmente l EM è richiesto per risparmiare sui costi aziendali. Costi sempre

Dettagli

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE - 1 - Il SSN è un valore per tutti gli italiani. Concorrere a migliorarlo continuamente è un impegno di tutti: Medici, Pazienti,

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano!

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! 2013 Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! Nel mondo economico dei nostri tempi, la maggior parte delle organizzazioni spende migliaia (se non milioni) di euro per

Dettagli

LUISS GUIDO CARLI IL FORUM DELLA SANITA DIGITALE ROMA, 10/12.9.2015

LUISS GUIDO CARLI IL FORUM DELLA SANITA DIGITALE ROMA, 10/12.9.2015 Tre giorni di incontri e appuntamenti sulla trasformazione del sistema della salute in chiave digitale UN PROGETTO DI CON IL PATROCINIO DI IN COLLABORAZIONE CON CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCIE

Dettagli

GIMBEducation 2010 Il Piano formativo a misura di ECM

GIMBEducation 2010 Il Piano formativo a misura di ECM Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance Bologna, 7 novembre 009 GIMBEducation GIMBEducation 010 Il Piano formativo a misura di ECM. Aree didattiche Nino Cartabellotta

Dettagli

Life Sciences Industry: il futuro è oggi. I Dispositivi Medici Lo scenario italiano criticità e proposte

Life Sciences Industry: il futuro è oggi. I Dispositivi Medici Lo scenario italiano criticità e proposte Life Sciences Industry: il futuro è oggi I Dispositivi Medici Lo scenario italiano criticità e proposte Marco Campione Vice Presidente Elettromedicali Assobiomedica Presidente e Amministratore Delegato

Dettagli

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE Sviluppare competenze manageriali innovative per il mondo della Sanità Health Care Management School Il Sistema Sanitario rappresenta uno dei settori

Dettagli

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Introduzione alla ISO 27001 La metodologia Quality Solutions Focus on: «L analisi

Dettagli

BANDO PER L ISCRIZIONE ALLA SUMMER SCHOOL PER LEADER CIVICI SULL HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT (HTA)

BANDO PER L ISCRIZIONE ALLA SUMMER SCHOOL PER LEADER CIVICI SULL HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT (HTA) BANDO PER L ISCRIZIONE ALLA SUMMER SCHOOL PER LEADER CIVICI SULL HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT (HTA) Premessa L Health Tecnology Assessment è la complessiva e sistematica valutazione multidisciplinare (descrizione,

Dettagli

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Anno 2014-2015 Un Sistema qualità per l eccellenza socio-sanitaria I piani ed i documenti di governo del sistema

Dettagli

Il recepimento dell innovazione tecnologica: tra sostenibilità ed evoluzione organizzativa

Il recepimento dell innovazione tecnologica: tra sostenibilità ed evoluzione organizzativa Il recepimento dell innovazione tecnologica: tra sostenibilità ed evoluzione organizzativa L importanza della valutazione dell impatto organizzativo nel recepimento delle tecnologie Prof. Giuseppe Turchetti,

Dettagli

Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale (PNPV) 2012 2014. Angela Testi. testi@economia.unige.it. Università di Genova 20 novembre 2013

Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale (PNPV) 2012 2014. Angela Testi. testi@economia.unige.it. Università di Genova 20 novembre 2013 Angela Testi Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale (PNPV) 2012 2014 testi@economia.unige.it Università di Genova 20 novembre 2013 L OMS ha pubblicato nel 2005 un documento che rappresenta un punto di riferimento

Dettagli

L Ingegnere Clinico nella Sanità Italiana. Lorenzo Leogrande Presidente AIIC

L Ingegnere Clinico nella Sanità Italiana. Lorenzo Leogrande Presidente AIIC L Ingegnere Clinico nella Sanità Italiana Lorenzo Leogrande Presidente AIIC 1 L AIIC ASSOCIAZIONE ITALIANA INGEGNERI CLINICI Fondata nel 1993 MISSION: Promuovere l'ingegnere Clinico e l'ingegneria Clinica

Dettagli

IL MODELLO EFQM IN APSS

IL MODELLO EFQM IN APSS Auditorium del Centro per i Servizi Sanitari giovedì 13.12.2007 IL MODELLO EFQM IN APSS Carlo Favaretti, direttore generale Ospedale S.Chiara la governance il modello EFQM l approccio APSS IL MODELLO EFQM

Dettagli

Il case management, metodologia che consente il governo dell intero processo di cura dell uremico cronico D.ssa Cesarina Prandi

Il case management, metodologia che consente il governo dell intero processo di cura dell uremico cronico D.ssa Cesarina Prandi Il case management, metodologia che consente il governo dell intero processo di cura dell uremico cronico D.ssa Cesarina Prandi Infermiera Consulente Formazione e Organizzazione in Sanità In Italia è 10

Dettagli

VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO.

VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO. dott. Antonio Compostella Direttore ARSS del Veneto Verona, 15.12.2008 Contesto

Dettagli

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata SINTESI S.r.l 1 SINTESI S.r.l. è una società di servizi che opera nel settore della formazione

Dettagli

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento ISO 45001 il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione Comprendere il cambiamento Premessa L art. 30 del Testo Unico della Sicurezza dice chiaramente che i modelli di organizzazione aziendale definiti conformemente

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

Maintenance & Energy Efficiency

Maintenance & Energy Efficiency Industrial Management School Maintenance & Conoscenze, metodi e strumenti per operare nel campo della gestione dell energia - Integrare le politiche di manutenzione con quelle legate all energia - Ottimizzare

Dettagli

Il GiISCi ed il Controllo di qualità nello screening citologico cervico-vaginale: Cosa è cambiato.

Il GiISCi ed il Controllo di qualità nello screening citologico cervico-vaginale: Cosa è cambiato. Il GiISCi ed il Controllo di qualità nello screening citologico cervico-vaginale: Cosa è cambiato. Paolo Dalla Palma Trento Indicatori screening Cervico-vaginale 1. Estensione Teorica o estensione dei

Dettagli

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia Argomenti trattati Evoluzione delle figura professionale: da EM a EGE L Esperto in Gestione dell Energia Requisiti, compiti e competenze secondo UNI CEI 11339 Opportunità Schema di certificazione L Energy

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI SISTEMI SANITARI E DEI SERVIZI DI INGEGNERIA CLINICA (10 CFU) Prof.Diego BRAVAR

ORGANIZZAZIONE DEI SISTEMI SANITARI E DEI SERVIZI DI INGEGNERIA CLINICA (10 CFU) Prof.Diego BRAVAR ORGANIZZAZIONE DEI SISTEMI SANITARI E DEI SERVIZI DI INGEGNERIA CLINICA (10 CFU) Prof.Diego BRAVAR Modulo A1: ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI INGEGNERIA CLINICA ESTERNI (3CFU) PROF. DIEGO BRAVAR Definizione

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

Normativa UNI CEI EN 16001:2009 Energy efficiency tramite un sistema di gestione per l energia. ABB Group September 29, 2010 Slide 1

Normativa UNI CEI EN 16001:2009 Energy efficiency tramite un sistema di gestione per l energia. ABB Group September 29, 2010 Slide 1 Normativa UNI CEI EN 16001:2009 Energy efficiency tramite un sistema di gestione per l energia September 29, 2010 Slide 1 Sommario La norma UNI CEI EN 16001:2009 Definizioni Approccio al sistema di gestione

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

WORKSHOP. competenze, risorse e strumenti HPH. Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna

WORKSHOP. competenze, risorse e strumenti HPH. Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna WORKSHOP Modelli e strumenti per lo sviluppo del progetto HPH elaborati nel Laboratorio interreti HPH Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna Ricerca in promozione della salute: competenze, risorse e strumenti

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Logistici e della Produzione

Laboratorio di Sistemi Logistici e della Produzione Laboratorio di Sistemi Logistici e della Produzione LA SIMULAZIONE AD EVENTI DISCRETI PER LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEI SISTEMI SANITARI RELATORE: PROF. ANTONIO GRIECO Cos è la simulazione? Definizione

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA

LA VALUTAZIONE ECONOMICA LA VALUTAZIONE ECONOMICA IN SANITÀ OBIETTIVI DIDATTICI Introdurre il concetto di valutazione economica Definire le principali caratteristiche di una corretta analisi economica Acquisire le conoscenze delle

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

LABORATORIO DI MANAGEMENT SANITARIO

LABORATORIO DI MANAGEMENT SANITARIO Lean Production Lean Thinking Volume sul Sistema Toyota Caccia e lotta agli sprechi KAIZEN LAB Accreditamento Fondi Interprofessionali Provider ECM Intesa Listino Corsi accreditati ECM FORMAZIONE ECM Corsi

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli

Genova 28/11/2012. Avv. Tiziana Rumi

Genova 28/11/2012. Avv. Tiziana Rumi Genova 28/11/2012 Avv. Tiziana Rumi 1 Decreto Balduzzi: D.L. 13/09/12 n. 158 (C.5440 del 13.09.12) ART. 3-bis (Unità di risk management, osservatori per il monitoraggio dei contenziosi e istituzione dell'osservatorio

Dettagli

Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale

Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale pag. 1 Confronto tra CEA e BIA La CEA stima i costi e l efficacia incrementali

Dettagli

Ruolo organizzativo del coordinatore

Ruolo organizzativo del coordinatore Ruolo organizzativo del coordinatore C orrado De S anctis Direttore Breast Unit, C ittà della salute e della scienza di Torino I CENTRI DI S ENOLOGIA IN RETE: per migliorare la qualità delle cure. Torino,

Dettagli

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Company profile Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole Business Consultant S.r.l. Via La Cittadella, 102/G 93100 Caltanissetta

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Making clinical governance work. Il Governo Clinico nelle Aziende Sanitarie il Position Statement GIMBE. 1. Definizione

Making clinical governance work. Il Governo Clinico nelle Aziende Sanitarie il Position Statement GIMBE. 1. Definizione Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 il Nino Cartabellotta 3. Strumentiti

Dettagli

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità IL RISCHIO Il rischio è la distribuzione dei possibili scostamenti dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni

Dettagli

TECNICHE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

TECNICHE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Per conto di AICQ CN 1 - Autore Giovanni Mattana - Consigliere di Giunta AICQ CN Presidente della Commissione UNI per i Sistemi di Qualità La norma è intesa come un supporto per la Iso 31000 e fornisce

Dettagli

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati Il caso della Azienda Sanitaria della Valle d Aosta A cura di Clemente Ponzetti, Massimo Farina

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it)

Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) pag. 1 Agenda Il concetto di market access ed i suoi quattro elementi base Il ruolo dell Health Technology Assessmemt

Dettagli

Un azienda di qualità ISO 9001, lo standard più diffuso al mondo

Un azienda di qualità ISO 9001, lo standard più diffuso al mondo Un azienda di qualità ISO 9001, lo standard più diffuso al mondo BSI aiuta le organizzazioni a raggiungere l eccellenza. BSI aiuta a migliorare le organizzazioni per farle crescere e funzionare al meglio.

Dettagli

L innovazione nella logistica ospedaliera

L innovazione nella logistica ospedaliera L innovazione nella logistica ospedaliera Trasporto paziente Movimentazione interna Milano, 28 settembre 2009 Maurizio Da Bove La logistica in sanità Il concetto di logistica in sanità riguarda due tipi

Dettagli

Allegato 1 DOCUMENTO DESCRITTIVO

Allegato 1 DOCUMENTO DESCRITTIVO Allegato 1 DOCUMENTO DESCRITTIVO 1. TITOLO PROVVISORIO DEL PROGETTO Bilancio di Genere per le Pubbliche Amministrazioni (GeRPA) A valere sul Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o COMUNE DI STABIO MUNICIPIO Stabio, 07 maggio 2014 Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o MESSAGGIO MUNICIPALE No. 04/2014 Chiedente lo stanziamento di un credito d investimento di 50 000 Chf (iva esclusa)

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico.

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. Allegato alla Delib.G.R. n. 46/17 del 22.9.2015 Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. 1. Modello organizzativo 1.1 Introduzione Il presente documento fonda ogni azione prevista sull importanza

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Paolo Palliola Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.a. Roma, 28 giugno 2013 Agenda Cosa ci ha portato di nuovo Basilea

Dettagli

GLI STRUMENTI DELL HTA

GLI STRUMENTI DELL HTA Corso in HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT IN SANITA 1 Milano, 14 giugno 2014 Dott. Responsabile Servizio HTA presso U.O. Ingegneria Clinica Fondazione IRCCS Ca Granda Ospedale Maggiore Policlinico Email: paolo.cassoli@policlinico.mi.it

Dettagli

MASTER ESPERTO IN GESTIONE INTEGRATI: QUALITA, AMBIENTE E SICUREZZA - VI EDIZIONE 27 NOVEMBRE 2015

MASTER ESPERTO IN GESTIONE INTEGRATI: QUALITA, AMBIENTE E SICUREZZA - VI EDIZIONE 27 NOVEMBRE 2015 MASTER ESPERTO IN GESTIONE INTEGRATI: QUALITA, AMBIENTE E SICUREZZA - VI EDIZIONE 27 NOVEMBRE 2015 CORSO QUALIFICATO TIME VISION Nata nel 2001, TIME VISION è: AGENZIA FORMATIVA accreditata in Regione Campania

Dettagli