CORPO DEL TITOLO. 1) Identificazione debitore. 2) Impegno a restituire - valore nominale - data - identificazione del/i "cassiere/i"

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORPO DEL TITOLO. 1) Identificazione debitore. 2) Impegno a restituire - valore nominale - data - identificazione del/i "cassiere/i""

Transcript

1 CORPO DEL TITOLO CEDOLA INTERTESSE (interesse semestre I) 1) Identificazione debitore (interesse semestre II) 2) Impegno a restituire - valore nominale - data - identificazione del/i "cassiere/i" (interesse semestre III). 1

2 PREZZO DI SCAMBIO: Indicato in percentuale sul valor nominale. Se un'obbligazione ha Valor Nominale pare a ed è scambiata a 98, significa che il prezzo effettivo di scambio è di: x 98% = 980 Euro INTERESSI: La misura percentuale è calcolata sempre con riferimento al Valor Nominale, qualunque sia stato il prezzo di scambio del titolo. È una misura a riferimento annuale Maturano, in via posticipata, ogni semestre. Le date in cui si pagano gli interessi si dicono in gergo 'date di godimento' 2

3 Modalità di scambio: TEL QUEL Il titolo viene trasferito congiuntamente alla cedola in corso di maturazione: l'acquirente acquisisce l'obbligazione con 'attaccata' la cedola in corso di maturazione. Il che significa che sarà l'acquirente che, alla data di godimento, incasserà gli interessi relativi all'intero semestre. Compreso il periodo in cui il titolo era sempre di proprietà del venditore. EX CEDOLA Il titolo viene trasferito privo della cedola in corso di maturazione: l'acquirente acquisisce l'obbligazione senza la cedola in corso di maturazione che rimane nella disponibilità del venditore. Il che significa che sarà il venditore che, alla data di godimento, incasserà gli interessi relativi all'intero semestre. Compreso il periodo in cui il titolo è stato di proprietà dell'acquirente. 3

4 Trattamento dei titoli: metodi di valutazione e di rilevazione contabile. TITOLI iscritti tra: le IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE l organo amministrativo decide di DETENERLI DUREVOLMENTE generalmente sono mantenuti sino alla scadenza naturale l ATTIVO CIRCOLANTE l organo amministrativo decide di NON DETENERLI DUREVOLMENTE disponibili per il trading o acquistati per un impiego temporaneo di liquidità CRITERIO DEL COSTO AMMORTIZZATO CRITERIO TRADIZIONALE (tecnica a costi e costi) 4

5 CRITERIO DEL COSTO AMMORTIZZATO Si applica se vi è una differenza tra il VALORE DI ACQUISTO di un titolo e il suo VALORE DI RIMBORSO (situazione ricorrente) La differenza emerge per la presenza di: costi di transazione; commissioni attive/passive; scarto di emissione Durante tutto il periodo di detenzione, questa differenza va PERIODICAMENTE RIPARTITA (ammortizzata, appunto) e portata a progressivo incremento del valore di acquisto del titolo in base al TASSO DI INTERESSE EFFETTIVO (T.I.R.) TASSO DI INTERESSE NOMINALE TASSO DI INTERESSE EFFETTIVO Remunerazione del capitale Remunerazione del capitale + Differenza tra il valore di acquisto e il valore di rimborso

6 Quali sono gli effetti contabili derivanti dall applicazione del criterio del costo ammortizzato? 1. I titoli sono inizialmente iscritti in contabilità al VALORE DI ACQUISTO (somma effettivamente pagata) 2. Periodicamente, si calcolano e rilevano gli interessi maturati applicando il T.I.R.. Il ricavo così calcolato va suddiviso in due componenti: a. La quota corrispondente all interesse nominale (remunerazione del capitale) che verrà incassata b. La quota corrispondente alla parte di differenza tra valore di acquisto e valore di rimborso del titolo maturata nel periodo di riferimento Questa quota (b.) va portata ad INCREMENTO del valore di iscrizione contabile del titolo (COSTO AMMORTIZZATO DEL TITOLO) 3. Alla fine del periodo di detenzione, in conseguenza del processo indicato al punto b., il valore del titolo iscritto in contabilità coinciderà con il suo VALORE DI RIMBORSO. In sede di recupero del capitale prestato, quindi, il titolo uscirà dalla contabilità proprio al valore di rimborso.

7 Procedura I fase: II fase: Iscrizione dei titoli in contabilità al valore di acquisto Calcolo del T.I.R.. A tal fine è necessario: IIa: IIb: IIc: Calcolare lo SCARTO tra valore di acquisto e valore di rimborso Calcolare la RATA NOMINALE di interessi Applicare la formula per il calcolo del T.I.R. Capitale iniziale + Int. x (1 + i) -1 + Int. x (1 + i) Int. x (1 + i) -(n-1) + Capitale finale x (1 + i) -n = 0 Dove: i = T.I.R. n = periodo di detenzione dei titoli III fase: IV fase: V fase: Calcolo del costo ammortizzato (può essere utile predisporre una tabella riepilogativa) Rilevazione contabile periodica degli interessi calcolati applicando il T.I.R. Rilevazione contabile del rimborso del titolo

8 Il giorno 1/1/n sottoscriviamo il prestito obbligazionario di durata quinquennale, emesso dalla ALFA spa, per nominali Euro, tasso di interesse 6% sul nominale, rimborso in un unica soluzione a scadenza. Il prezzo di acquisto è pari a Euro. 1 Passaggio Calcolo dello scarto tra valore di rimborso e valore di acquisto Scarto di emissione = valore rimborso valore di acquisto = Passaggio Calcolo del tasso effettivo (TIR) Dati: Capitale iniziale = flusso in uscita per la sottoscrizione = Interesse annuo nominale = x 6% = Capitale finale = V.N. + ultima cedola = =

9 Calcolo: Cap. iniziale + Int (1 + i) -1 + Int (1 + i) -2 + Int (1 + i) -3 + Int (1 + i) -4 + Cap. finale (1 + i) -5 = (1 + i) (1 + i) (1 + i) (1 + i) (1 + i) -5 = 0 Svolgendo i calcoli si ricava: i = 6,9999% (TIR). (N.B. ai fini della prova di esame il TIR verrà indicato nel testo) 3 Passaggio Calcoli annuali e rilevazioni contabili Esercizio n: obbligazioni iscritte al prezzo di acquisto. n parziale totale Obbligazioni ALFA a Banca c/c Obbligazioni ALFA (anno n) Sottoscrizione Saldo al 31/12/n 6

10 Esercizio n+1 Interesse maturato = costo ammortizzato anno n x TIR = ,00 x 6,9999% = 6.712,95 Scomposizione interesse maturato à interesse nominale à 712,95 amm.to scarto anno n+1 Costo ammortizzato = costo ammortizzato anno n + quota am.to anno n+1 = , ,95 = ,95 n+1 parziale totale Diversi a Interessi attivi obbligazioni 6.712,95 Banca c/c 6.000,00 Obbligazioni ALFA 712,95 OBBLIGAZIONI ALFA (anno n+1) ,00 712, ,95 Saldo al 31/12/n+1 7

11 Esercizio n+2 Interesse maturato = costo ammortizzato anno n+1 x TIR = ,95 x 6,9999% = 6.762,86 Scomposizione interesse maturato à interesse nominale à 762,86 amm.to scarto anno n+2 Costo ammortizzato = costo amm.zzato anno n+1 + quota am.to anno n+2 = , ,86 = ,81 n+2 parziale totale Diversi a Interessi attivi obbligazioni 6.762,86 Banca c/c 6.000,00 Obbligazioni ALFA 762,86 OBBLIGAZIONI ALFA (anno n+2) ,95 762, ,81 Saldo al 31/12/n+2 SI PROSEGUE COSÌ ANCHE PER GLI ANNI «N+3» E «N+4» 8

12 Tabella riepilogativa dei calcoli: flussi interesse quota amm.to costo anno entrata/uscita maturato * scarto ammortizzato n ,00 n ,95 712, ,95 n ,86 762, ,81 n ,26 816, ,07 n ,40 873, ,47 n ,53 934, ,00 TIR = 6,9999% Totale = Interesse maturato = costo ammortizzato anno precedente x TIR Quota amm.to scarto = interesse maturato interesse nominale Costo ammortizzato = costo ammortizzato anno preced. + quota amm.to scarto 9

13 Esercizio n+5 Interessi maturati nell esercizio n+5) n+5 parziale totale Diversi a Interessi attivi obbligazioni 6.934,53 Banca c/c 6.000,00 Obbligazioni ALFA 934,53 Rimborso delle obbligazioni giunte a scadenza: n+5 parziale totale Banca c/c a Obbligazioni ALFA ,00 OBBLIGAZIONI ALFA (anno n+5) , ,00 934,53 0 Saldo al 31/12/n+5 10

14 TITOLI ISCRITTI NELL AMBITO DELL ATTIVO CIRCOLANTE 3 semplici regole della contabilizzazione a «Costi & Costi» 1. Quando si acquista il Titolo lo si "carica" (inserisce) in contabilità al prezzo di acquisto 2. Quando si vende il Titolo lo si scarica (si fa 'uscire') dalla contabilità al prezzo di acquisto (NON quello di vendita o il V.N.) 3. La differenza che eventualmente si produce tra valore di scarico e il prezzo di vendita (o, se preferite, con il denaro che entra) lo si giustifica contabilmente quale utile o perdita. Ad esempio, pensiamo a un titolo acquistato a e venduto a Cosa accade a livello contabile? Escono ( ) titoli Entra (+) denaro (valore di carico/acquisto) (prezzo di vendita) La scrittura 'non bilancia' e quindi si inserisce a bilanciamento l'utile SU TITOLI per

15 ACQUISTO/VENDITA con Negoziazione Tel Quel Il 10/09/19 si acquistano Euro nominali di BTP, tasso 6% al corso di 98, godimento 01/02 01/08, negoziazione tel-quel. Commissioni 0,5% sul nominale. Prospettiva del COMPRATORE Valore di carico: x 0,98 = Calcoliamo il R.I.M. (Rateo Interessi Maturati) con il calendario commerciale: dal 01/08/19 al 10/09/19 = 40 giorni R.I.M.: *6*40 = 66, > x 6 x 40 = 66, Commissioni x 0,5% = 50 Somma da pagare (con commissioni) , = 9.916,67 12

16 10/09/19 Diversi a Banca c/c 9.916,67 Titoli BTP Interessi su titoli 66,67 Commissioni 50 Prospettiva del VENDITORE Il VENDITORE, ipotizzando un prezzo di carico di 99, registrerà: 10/09/19 Diversi a Diversi 9.966,67 Banca c/c 9.816,67 Commissioni 50 Perdite su titoli 100 a Titoli BTP a Interessi su titoli 66,67 13

17 Qualora invece si ipotizzasse un prezzo di carico di 95, la registrazione del VENDITORE sarà la seguente: 10/09/19 Diversi a Diversi 9.866,67 Banca c/c 9.816,67 Commissioni 50 a Titoli BTP a Utile su titoli 300 a Interessi su titoli 66,67 14

18 ASSESTAMENTO IN LINEA INTERESSI Prospettiva del COMPRATORE Al 31/12/19 dobbiamo rilevare un RATEO ATTIVO inerente agli interessi maturati dal 01/08/19 al 31/12/19 (pari a 150 giorni) Rateo attivo: x 6 x 150 = > x 6 x 150 = /12/19 Ratei attivi a Interessi su titoli 250 Il conto "interessi su titoli" presenta un'eccedenza in avere pari a 183,33 che corrisponde esattamente agli interessi di nostra competenza dal 10/09/19 al 31/12/19, cioè per il periodo in cui abbiamo posseduto i titoli. Interessi su Titoli 10/09/19 (Acquisto titoli) 66, /12/19 (Rateo attivo) Saldo Avere 183,33 (al 31/12/19) 15

19 Al 01/02/20 dobbiamo rilevare l'incasso (tenendo conto del rateo attivo rilevato al 31/12/19) dell'intera cedola di interessi maturati dal 01/08/19 al 01/02/20 (pari a 180 giorni) Cedola: x 6 x 180 = > x 6 x 180 = /02/20 Banca c/c a Diversi 300 a Ratei attivi 250 a Interessi su titoli 50 Il conto "interessi su titoli" presenta un'eccedenza in avere pari a 50 che corrisponde esattamente agli interessi di nostra competenza dal 01/01/20 al 01/02/20, cioè per il periodo in cui abbiamo posseduto i titoli. Interessi su Titoli 50 01/02/20 (Incasso cedola) Saldo Avere 50 (al 01/02/20) 16

20 Prospettiva del VENDITORE ASSESTAMENTO IN LINEA INTERESSI (sia nel caso di perdita che di utile) Al 31/12/19 non dobbiamo rilevare alcun rateo in quanto non possediamo più alcuna cedola in corso di maturazione. Quindi al 01/02/20, poiché non incasseremo alcuna cedola, non dobbiamo neppure rilevare alcuna registrazione 17

21 ACQUISTO/VENDITA con Negoziazione Ex Cedola Il 10/09/19 si acquistano Euro nominali di BTP, tasso 6%, al corso di 98, godimento 01/02 01/08. Negoziazione ex-cedola. Commissioni 0,5% sul nominale. Prospettiva del COMPRATORE Valore di carico: x 0,98 = Calcoliamo il Rateo di Interessi Futuri (calendario commerciale): 10/09/19 30/01/10 (compreso) = 140 giorni R.I.F.: x 6 x 140 = 233, > x 6 x 140 = 233, Commissioni: x 0,5% = 50 Somma da pagare (con commissioni) , = 9.616,67 18

22 10/09/19 Diversi a Diversi Titoli BTP Commissioni 50 a Banca c/c 9.616,67 a Interessi su titoli 233,33 Prospettiva del VENDITORE Il VENDITORE, ipotizzando un prezzo di carico di 99, registrerà: 10/09/19 Diversi a Titoli BTP Banca c/c 9.516,67 Commissioni 50 Perdite su titoli 100 Interessi su titoli 233,33 19

23 Qualora invece si ipotizzasse un prezzo di carico di 95, la registrazione del VENDITORE sarà la seguente: 10/09/19 Diversi a Diversi Banca c/c 9.516,67 Commissioni 50 Interessi su titoli 233,33 a Utile su titoli 300 a Titoli BTP

24 ASSESTAMENTO IN LINEA INTERESSI Prospettiva del COMPRATORE Al 31/12/19 non dobbiamo rilevare alcun rateo, in quanto non possediamo la cedola in corso di maturazione (infatti abbiamo acquistato con negoziazione ex cedola). Al 31/12/19 dobbiamo rilevare un risconto passivo (dal 01/01/20 al 01/02/20, pari a 30 giorni), in quanto al momento dell'acquisto abbiamo rilevato gli interessi attivi relativi al periodo dal 10/09/19 01/02/20. Risconto passivo: x 6 x 30 = x 6 x 30 = /12/19 Interessi su titoli a Risconti passivi 50 21

25 Il conto "Interessi su titoli" presenta un'eccedenza in avere pari a 183,33 che corrisponde esattamente agli interessi di nostra competenza dal 10/09/19 al 31/12/19 (110 giorni), cioè per il periodo in cui abbiamo posseduto i titoli. 31/12/19 (Risconti passivi) Interessi su Titoli ,33 10/09/19 (Acquisto titoli) Saldo Avere 183,33 (al 31/12/19) Al 01/01/20 dopo la riapertura dei conti, dobbiamo "chiudere" i risconti passivi ed imputarli ad interessi. 01/01/20 Risconti passivi a Interessi su titoli 50 22

26 Al 01/02/20 non incassiamo alcuna cedola, quindi non rileviamo alcuna registrazione, ed il conto "Interessi su Titoli" presenta un saldo Avere di 50, pari agli interessi maturati dal 01/01/20 al 01/02/20 (30 giorni). Interessi su Titoli 50 01/01/20 (Risconti passivi) Saldo Avere 50 (al 01/02/20) 23

27 Prospettiva del VENDITORE ASSESTAMENTO IN LINEA INTERESSI (sia nel caso di utile che di perdita) Al 31/12/19 dobbiamo rilevare un RATEO ATTIVO (dal 01/08/19 al 31/12/19 pari a 150 giorni) in quanto possediamo la cedola di interessi anche se non possediamo più i titoli Rateo attivo: x 6 x 150 = > x 6 x 150 = /12/19 Ratei attivi a Interessi su titoli

28 Al 31/12/19 dobbiamo rilevare anche un RISCONTO ATTIVO (dal 01/01/20 al 01/02/20, pari a 30 giorni) in quanto al momento della vendita abbiamo pagato all'acquirente gli interessi (passivi per noi) dal 10/09/19 al 01/02/20 (ossia 233,33). Risconto attivo: x 6 x 30 = > x 6 x 30 = /12/19 Risconti attivi a Interessi su titoli 50 25

29 Al 01/01/20 dopo la riapertura dei conti, dobbiamo "chiudere" i risconti passivi ed imputare gli interessi. 01/01/20 Interessi su titoli a Risconti attivi 50 Al 01/02/20 dobbiamo rilevare l'incasso (tenendo conto del rateo attivo rilevato al 31/12/19) dell'intera cedola di interessi maturati dal 01/08/19 al 01/02/20 (pari a 180 giorni) Cedola: x 6 x 180 = > x 6 x 180 = /02/20 Banca c/c a Diversi 300 Ratei attivi 250 Interessi su titoli 50 26

30 Al 31/12/19 il conto "Interessi su Titoli" presenta un'eccedenza in avere pari a 66,67 che corrisponde esattamente agli interessi di nostra competenza (ossia dal 01/08/19 al 10/09/19, cioè per 40 giorni), pari al periodo in cui abbiamo posseduto i titoli Interessi su Titoli 10/09/19 (vendita Titoli) Saldo Avere 66,67 (al 31/12/19) 233, /12/19 (Rateo Attivo) 50 31/12/19 (Risconto attivo) Al 01/02/20 il conto "Interessi su Titoli" ha saldo nullo, come è giusto: infatti, poiché nel 2010 non abbiamo posseduto titoli, è corretto che non risultino neppure interessi di competenza maturati. Interessi su Titoli 01/01/20 (Risconto attivo) /02/20 (Incasso cedola) Saldo pari a zero 27

31 SVALUTAZIONE PER PERDITA DI VALORE a) Titoli iscritti nelle immobilizzazioni In conformità a quanto dispone l art c.c., punto 3, se il titolo alla data di chiusura dell esercizio risulta durevolmente di valore inferiore al valore contabile, allora occorre effettuarne la svalutazione. L OIC 20 definisce la nozione di «perdita durevole», si rimanda alla sua lettura. La scrittura sarà: Svalutazione obbligazioni (titoli) immobilizzati Oppure: Svalutazione obbligazioni (titoli) immobilizzati n a n a Obbligazioni (titoli) immobilizzati Fondo svalutazione obbligazioni immobilizzate X X 28

32 b) Titoli iscritti nell attivo circolante Il valore dei titoli circolanti deve essere confrontato con il valore di realizzazione desumibile dal mercato. Se quest ultimo appare inferiore al valore contabile, occorre procedere con la svalutazione dei titoli. Se successivamente si ha un recupero del valore del titolo sul mercato, la rettifica stessa è annullata fino al ripristino dell originario valore del costo. La scrittura di svalutazione è la stessa vista in precedenza. Quella di rivalutazione sarà: Obbligazioni (titoli) circolanti n a Rivalutazione obbligazioni (titoli) circolanti X Oppure: Fondo svalutazione obbligazioni circolanti n a Rivalutazione obbligazioni (titoli) circolanti X 29

IL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO

IL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO IL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO NOZIONE: FINANZIAMENTO A MEDIO-LUNGO TERMINE RAPPRESENTATO DA TITOLI (OBBLIGAZIONI) SOGGETTI COINVOLTI: LA SOCIETÀ EMITTENTE (S.P.A., S.A.P.A. e S.R.L.) I RISPARMIATORI (OBBLIGAZIONISTI)

Dettagli

Università Telematica Pegaso. Indice

Università Telematica Pegaso. Indice ESERCITAZIONE PROF. GIANLUCA GINESTI Indice 1 APPLICAZIONE N. 1 --------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 APPLICAZIONE N. 2 ---------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Facoltà di Economia di Ferrara Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 8 giugno 2004

Facoltà di Economia di Ferrara Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 8 giugno 2004 Facoltà di Economia di Ferrara Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 8 giugno 2004 COGNOME: NOME: MATRICOLA: Al 30/11/2003 la situazione contabile dell'azienda di elettronica di consumo «B.B.M.»

Dettagli

Corso titoli senza cedola (es. BOT, zero coupon) e azioni corso t.q. sui generis

Corso titoli senza cedola (es. BOT, zero coupon) e azioni corso t.q. sui generis TITOLI E PARTECIPAZIONI Titoli quote di debito (es. BOT, CCT, BTP, obbligazioni). Partecipazioni quote di capitale (azioni - quote). Immobilizzazioni finanziarie se investimenti durevoli. Attivo circolante

Dettagli

Valore emissione , ,0 Bolli e commissioni 150,0 Costo titoli tot ,0

Valore emissione , ,0 Bolli e commissioni 150,0 Costo titoli tot ,0 N. obbligazioni Data sottoscrizione Data versamento sottoscrizione Emissione prestito Scadenza prestito Rimborso quote capitali Valore nominale di rimborso Valore di emissione unitario Scarto di emissione

Dettagli

OPERAZIONI IN TITOLI

OPERAZIONI IN TITOLI OPERAZIONI IN TITOLI Titoli (pubblici e privati) crediti fruttiferi in denaro o quote fruttifere di capitale Beni fungibili titoli della stessa emissione hanno le stesse caratteristiche e sono sostituibili

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Facoltà di Economia Corso di Ragioneria Generale ed Applicata a.a. 2010/2011 Dott.ssa Irene Gnani NOZIONE: - È UNA FORMA DI FINANZIAMENTO A MEDIO-LUNGO TERMINE - È RAPPRESENTATO

Dettagli

Prestiti obbligazionari

Prestiti obbligazionari Prestiti obbligazionari n Agenda n n n n n Introduzione Aspetti economico aziendali Aspetti giuridici Aspetti contabili Applicazioni Aspetti economico - aziendali La copertura di fabbisogni finanziari

Dettagli

OPERAZIONI IN VALUTA. Fabio Mongiardini. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

OPERAZIONI IN VALUTA. Fabio Mongiardini. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi Fabio Mongiardini 1 Posta in valuta: attività o passività, monetarie o non monetarie, rilevate in moneta diversa dalla moneta di conto Elementi monetari: attività e passività che comportano il diritto

Dettagli

Le attività finanziarie 2

Le attività finanziarie 2 Le attività finanziarie 2 La valutazione di Titoli e Crediti immobilizzati Università degli Studi di Bari- Ragioneria Applicata Prof.ssa Anna Lucia Muserra 1 Art.2426 Modifiche innovative - il criterio

Dettagli

Facoltà di Economia di Ferrara Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 26 giugno 2007

Facoltà di Economia di Ferrara Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 26 giugno 2007 Facoltà di Economia di Ferrara Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 26 giugno 2007 COGNOME: NOME: MATRICOLA: ESERCIZIO 1 Il candidato proceda a registrare in partita doppia tutte le rilevazioni

Dettagli

Facoltà di Economia di Ferrara Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 19 Giugno 2006

Facoltà di Economia di Ferrara Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 19 Giugno 2006 Facoltà di Economia di Ferrara Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 19 Giugno 200 COGNOME: NOME: MATRICOLA: Si effettuino le rilevazioni in partita doppia delle seguenti operazioni di gestione,

Dettagli

Costo ammortizzato: pratica

Costo ammortizzato: pratica IL COSTO AMMORTIZZATO ED I DERIVATI Teoria e pratica alla luce dei nuovi OIC Costo ammortizzato: pratica TIZIANO SESANA 13 dicembre 2016, Sala Convegni Corso Europa, 11 Milano Le immobilizzazioni rappresentate

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 5 /2017. OGGETTO: Il criterio del costo ammortizzato nella valutazione di crediti, debiti e titoli di debito

NOTA OPERATIVA N. 5 /2017. OGGETTO: Il criterio del costo ammortizzato nella valutazione di crediti, debiti e titoli di debito NOTA OPERATIVA N. 5 /2017 OGGETTO: Il criterio del costo ammortizzato nella valutazione di crediti, debiti e titoli di debito 1. INTRODUZIONE Il Decreto Legislativo n. 139 del 18 agosto 2015 ha recepito

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 44 23.11.2016 Le rilevazioni contabili dei mutui Categoria: Interessi Sottocategoria: Passivi A cura di Micaela Chiruzzi Capita nella generalità dei casi

Dettagli

ESERCITAZIONE - I finanziamenti ottenuti: prestito obbligazionario con rimborso finale

ESERCITAZIONE - I finanziamenti ottenuti: prestito obbligazionario con rimborso finale ESERCITAZIONE - I finanziamenti ottenuti: prestito obbligazionario con rimborso finale Redigere il piano di ammortamento contabile e presentare le scritture del 20X1 e del 20X2 relative ad una emissione

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara Facoltà di Economia Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 9 giugno 2010

Università degli Studi di Ferrara Facoltà di Economia Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 9 giugno 2010 Università degli Studi di Ferrara Facoltà di Economia Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 9 giugno 2010 COGNOME: NOME: MATRICOLA: ooooooooo Al 31/12/2009, dopo le scritture di assestamento,

Dettagli

OIC 32 - esemplificazioni

OIC 32 - esemplificazioni OIC 32 - esemplificazioni Bologna 14 marzo 2017 Giovanni Camerota Dottore Commercialista in Roma Silvia Fiesoli Dottore Commercialista in Bologna Partner di Ria Grant Thornton CONTABILIZZAZIONE COPERTURA

Dettagli

Aspetti definitori. Il diritto a ricevere determinate somme ad una scadenza da soggetti determinati Da un punto di vista contabile sono assimilati

Aspetti definitori. Il diritto a ricevere determinate somme ad una scadenza da soggetti determinati Da un punto di vista contabile sono assimilati CREDITI oaspetti definitori e rappresentazione in bilancio (effetti patrimoniali ed economici) secondo il codice civile oregole e metodi di valutazione secondo il codice civile con riferimento alle varie

Dettagli

ESERCITAZIONE - I finanziamenti ottenuti: prestito obbligazionario con rimborso ad estrazione

ESERCITAZIONE - I finanziamenti ottenuti: prestito obbligazionario con rimborso ad estrazione ESERCITAZIONE - I finanziamenti ottenuti: prestito obbligazionario con rimborso ad estrazione Redigere il piano di ammortamento contabile e presentare le scritture del 20X1 e del 20X2 relative ad una emissione

Dettagli

Il criterio del costo ammortizzato per la contabilizzazione dei titoli, dei crediti e dei debiti

Il criterio del costo ammortizzato per la contabilizzazione dei titoli, dei crediti e dei debiti Il criterio del costo ammortizzato per la contabilizzazione dei titoli, dei crediti e dei debiti Prof.ssa Silvia Fossati Docente di Contabilità e Bilancio Il nuovo bilancio d esercizio dopo il D.Lgs. 139/2015

Dettagli

Esercitazione su voci Attivo Stato Patrimoniale

Esercitazione su voci Attivo Stato Patrimoniale Esercitazione su voci Attivo Stato Patrimoniale Esercizi riguardanti collocazione in bilancio e valutazione di voci relative all Attivo dello Stato Patrimoniale Sono comprese voci riguardanti il Conto

Dettagli

RATEI E RISCONTI SOMMARIO 14/09/2016. Considerazioni generali. Ratei. Risconti. Esempi

RATEI E RISCONTI SOMMARIO 14/09/2016. Considerazioni generali. Ratei. Risconti. Esempi RATEI E RISCONTI A.A. 2016/2017 1 SOMMARIO Considerazioni generali Ratei Risconti Esempi A.A. 2016/2017 2 1 STATO PATRIMONIALE Schema di sintesi ATTIVO A) CREDITI VERSO SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI

Dettagli

Elementi di valutazione degli strumenti di debito

Elementi di valutazione degli strumenti di debito Elementi di valutazione degli strumenti di debito Ricevimento: giovedì 14:30 16:30 previa email (da vostro indirizzo istituzionale) marika.carboni@yahoo.it Agenda: Concetti di base Regimi finanziari Indicatori

Dettagli

LE AZIONI PROPRIE E GLI ALTRI TITOLI

LE AZIONI PROPRIE E GLI ALTRI TITOLI LE AZIONI PROPRIE E GLI ALTRI TITOLI OBIETTIVI DELLA LEZIONE I titoli Acquisto di azioni proprie Acquisto di partecipazioni Bot Operazioni pronti contro termine 2 I TITOLI I titoli vengono negoziati nel

Dettagli

Parte terza. Capitolo 18. La valutazione dei titoli e delle partecipazioni

Parte terza. Capitolo 18. La valutazione dei titoli e delle partecipazioni Parte terza Capitolo 18 La valutazione dei titoli e delle partecipazioni Contabilità e bilancio 2/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Titoli e partecipazioni - Che cosa sono I titoli sono

Dettagli

2. La prassi contabile: a. sostituisce la norma civile; b. integra la norma civile; c. in Italia è rappresentata dall O.I.C..

2. La prassi contabile: a. sostituisce la norma civile; b. integra la norma civile; c. in Italia è rappresentata dall O.I.C.. F. GIUNTA ECONOMIA AZIENDALE QUESITI DI AUTOVALUTAZIONE CAPITOLO XIV 1. Lo Stato Patrimoniale finale accoglie: a. investimenti e finanziamenti; b. costi e ricavi; c. informazioni utili sul mercato in cui

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 6 settembre 2016

Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 6 settembre 2016 Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 6 settembre 2016 COGNOME: NOME: MATRICOLA: Con riferimento alla UNICA S.p.A., società

Dettagli

SCRITTURE DI ASSESTAMENTO, CHIUSURA E RIAPERTURA

SCRITTURE DI ASSESTAMENTO, CHIUSURA E RIAPERTURA SCRITTURE DI ASSESTAMENTO, CHIUSURA E RIAPERTURA o Scritture di integrazione o Scritture di rettifica o di storno o Epilogo al conto del risultato economico e determinazione del reddito o Chiusura generale

Dettagli

Capitolo 16 Le poste in valuta

Capitolo 16 Le poste in valuta Capitolo 16 Le poste in valuta Riferimenti: V. Antonelli, G. Liberatore (a cura di), Il bilancio d esercizio. Teoria e casi, Franco Angeli, Milano, capitolo 16; OIC 26, Operazioni in valuta estera, bozza

Dettagli

THE POWER OF BEING UNDERSTOOD AUDIT TAX CONSULTING

THE POWER OF BEING UNDERSTOOD AUDIT TAX CONSULTING THE POWER OF BEING UNDERSTOOD AUDIT TAX CONSULTING LE NUOVE REGOLE CIVILISTICHE PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO Valutazione titoli immobilizzati, crediti e debiti a medio-lungo

Dettagli

RISCONTI: APPLICAZIONI IN CONTABILITÀ

RISCONTI: APPLICAZIONI IN CONTABILITÀ RATEI E RISCONTI PROF. GIANLUCA GINESTI Indice 1 INTRODUZIONE -------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 RISCONTI: APPLICAZIONI IN

Dettagli

LE SCRITTURE DI FINE ESERCIZIO

LE SCRITTURE DI FINE ESERCIZIO LE SCRITTURE DI FINE ESERCIZIO OBIETTIVI DELLA LEZIONE Successione scritture contabili Scritture di assestamento Scritture di integrazione 2 SUCCESSIONE SCRITTURE CONTABILI Scritture di COSTITUZIONE Scritture

Dettagli

Facoltà di Economia di Ferrara Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 5 giugno 2003

Facoltà di Economia di Ferrara Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 5 giugno 2003 Facoltà di Economia di Ferrara Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 5 giugno 2003 COGNOME: NOME: MATR.: Al 30/11/2003 la situazione contabile dell'azienda editoriale «Bianchi s.p.a.» presenta,

Dettagli

Le immobilizzazioni finanziarie II parte

Le immobilizzazioni finanziarie II parte Capitolo 8 Le immobilizzazioni finanziarie II parte Riferimenti: V. Antonelli, G. Liberatore (a cura di), Il bilancio d esercizio. Teoria e casi, Franco Angeli, Milano, capitolo 8 OIC 20, Titoli di debito,

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO DEI FLUSSI DI DISPONIBILITÀ' LIQUIDE. Classe quinta A a.s prof. Salvatore Nucci

IL RENDICONTO FINANZIARIO DEI FLUSSI DI DISPONIBILITÀ' LIQUIDE. Classe quinta A a.s prof. Salvatore Nucci IL RENDICONTO FINANZIARIO DEI FLUSSI DI DISPONIBILITÀ' LIQUIDE Classe quinta A a.s. 2016 2017 prof. Salvatore Nucci Alcune parti dei presenti appunti sono estratti da Telepass +, Le novità del bilancio,

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara Facoltà di Economia Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 11 giugno 2009

Università degli Studi di Ferrara Facoltà di Economia Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 11 giugno 2009 Università degli Studi di Ferrara Facoltà di Economia Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 11 giugno 2009 COGNOME: NOME: MATRICOLA: ooooooooo Al 31/12/2008, dopo le scritture di assestamento,

Dettagli

quindi la loro grande mobilità li rende adatti ad essere scambiati molto agevolmente. L insieme delle negoziazioni che li riguarda è chiamato

quindi la loro grande mobilità li rende adatti ad essere scambiati molto agevolmente. L insieme delle negoziazioni che li riguarda è chiamato Sono titoli di credito di massa e fungibili che rappresentano prestiti a medio lungo termine concessi a società per azioni, allo Stato o ad altri Enti pubblici: capitale di credito quote di capitale di

Dettagli

LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO

LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO Capitale di rischio Capitale di credito da soci, a titolo di capitale di rischio da terzi, a titolo di prestito da soci, a titolo di capitale

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. Rateo attivo manutenzione impianto «S.C.G. s.a.s.»

ESERCITAZIONE 1. Rateo attivo manutenzione impianto «S.C.G. s.a.s.» 1 ESERCITAZIONE 1 Al 31.12.2015, dopo le scritture di assestamento, la situazione contabile della «Elle.Ti S.p.A.», svolgente attività di costruzione e manutenzione apparati meccanici di precisione, presenta,

Dettagli

CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014

CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014 CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014 MODULO A LEZIONE N. 7 LE SCRITTURE CONTABILI I Finanziamenti Le obbligazioni Sono una fonte di finanziamento a medio e lungo termine a cui tipicamente ricorrono le S.p.A.

Dettagli

Le scritture di integrazione e rettifica

Le scritture di integrazione e rettifica Le scritture di integrazione e rettifica.. CONTO ECONOMICO COSTI RICAVI. ATTIVITÀ PASSIVITÀ APPLICAZIONE PRINCIPIO DI COMPETENZA ECONOMICA Ratei e risconti attivi Ratei e risconti passivi Le scritture

Dettagli

DARE AVERE 31.12... DENARO IN CASSA

DARE AVERE 31.12... DENARO IN CASSA RIAPERTURA DEI CONTI Siamo al primo gennaio, inizio del nuovo esercizio. Tutti i conti sono chiusi. Se guardiamo al passato notiamo che: - i conti accesi ai costi e ricavi dell esercizio precedente hanno

Dettagli

Lezione n. 2 - Le scritture di integrazione

Lezione n. 2 - Le scritture di integrazione Lezione n. 2 - Le scritture di integrazione Dopo avere analizzato le scritture di completamento, concentriamo ora la nostra attenzione su quelle di integrazione. Le scritture di integrazione rilevano costi

Dettagli

L introduzione del costo ammortizzato nei bilanci d esercizio. Antonella Portalupi

L introduzione del costo ammortizzato nei bilanci d esercizio. Antonella Portalupi L introduzione del costo ammortizzato nei bilanci d esercizio Antonella Portalupi Titoli immobilizzati Nuovo OIC 20 Crediti nuovo OIC 15 Debiti nuovo OIC 19 Criticità: Fattore temporale (attualizzazioni)

Dettagli

Università del Salento Facoltà di Economia Antonio de Viti de Marco ESERCIZI RIEPILOGATIVI PER II ESONERO

Università del Salento Facoltà di Economia Antonio de Viti de Marco ESERCIZI RIEPILOGATIVI PER II ESONERO ESERCIZI RIEPILOGATIVI PER II ESONERO N. 1 In data 31/10/n il Consiglio di Amministrazione della MAXIMA S.P.A. ha deliberato la distribuzione di un acconto sui dividendi nella misura di 150.000,00. Detto

Dettagli

La società Beta S.r.l. all'01/01/n, dopo le operazioni di riapertura dei conti, presenta le seguenti poste di bilancio:

La società Beta S.r.l. all'01/01/n, dopo le operazioni di riapertura dei conti, presenta le seguenti poste di bilancio: Esercitazione di contabilità generale Esercizio n. 1 La società Beta S.r.l. all'01/01/n, dopo le operazioni di riapertura dei conti, presenta le seguenti poste di bilancio: Impianti 160.000 Capitale Sociale

Dettagli

Le rettifiche di storno

Le rettifiche di storno Corso di Laurea Triennale in: Scienze Turistiche Corso di: Economia Aziendale www.fargroup.eu Ratei e risconti Fatturazione da emettere e da ricevere Le rettifiche di storno Stornano costi e ricavi che

Dettagli

La valutazione di crediti, debiti e titoli immobilizzati. Crediti e debiti in valuta

La valutazione di crediti, debiti e titoli immobilizzati. Crediti e debiti in valuta Ragioneria CLEM I canale a.a. 2016/2017 La valutazione di crediti, debiti e titoli immobilizzati. Crediti e debiti in valuta Prof. Francesco Ranalli 1 Crediti, debiti e titoli immobilizzati Art. 2426 8

Dettagli

RATEI E RISCONTI 19/11/2014 SOMMARIO. Considerazioni generali. Ratei. Risconti. Esempi. Schema di sintesi

RATEI E RISCONTI 19/11/2014 SOMMARIO. Considerazioni generali. Ratei. Risconti. Esempi. Schema di sintesi RATEI E RISCONTI 1 SOMMARIO Considerazioni generali Ratei Risconti Esempi 2 STATO PATRIMONIALE Schema di sintesi ATTIVO A) CREDITI VERSO SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI PASSIVO A) PATRIMONIO NETTO B)

Dettagli

LA RIAPERTURA DEI CONTI

LA RIAPERTURA DEI CONTI LA RIAPERTURA DEI CONTI 1 SOMMARIO La riapertura dei conti fasi La riapertura generale dei conti L epilogo delle rimanenze iniziali di magazzino L epilogo dei risconti attivi e passivi La chiusura dei

Dettagli

10/09/2014 RATEI E RISCONTI. Ragioneria A.A. 2014/2015 SOMMARIO. Considerazioni generali. Ratei. Risconti. Esempi

10/09/2014 RATEI E RISCONTI. Ragioneria A.A. 2014/2015 SOMMARIO. Considerazioni generali. Ratei. Risconti. Esempi RATEI E RISCONTI 1 SOMMARIO Considerazioni generali Ratei Risconti Esempi 2 1 STATO PATRIMONIALE Schema di sintesi ATTIVO A) CREDITI VERSO SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI PASSIVO A) PATRIMONIO NETTO

Dettagli

«I NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI» Il costo ammortizzato e l attualizzazione dei crediti e dei debiti: OIC 15 e OIC 19

«I NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI» Il costo ammortizzato e l attualizzazione dei crediti e dei debiti: OIC 15 e OIC 19 In collaborazione con «I NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI» Il costo ammortizzato e l attualizzazione dei crediti e dei debiti: OIC 15 e OIC 19 Dott. Leonardo Piombino Technical Principal OIC Mestre,

Dettagli

divisione B divisione C divisione D

divisione B divisione C divisione D ESERCIZIO N.1 tipo TX L impresa NNN dispone di tre unità produttive collocate nella medesima area geografica ma orientate a prodotti differenti per le quali è possibile stimare in modo autonomo i flussi

Dettagli

LA CONTABILIZZAZIONE DELLE ATTIVITA FINANZIARIE

LA CONTABILIZZAZIONE DELLE ATTIVITA FINANZIARIE LA CONTABILIZZAZIONE DELLE ATTIVITA FINANZIARIE Corso di Prof. E. Viganò Dott.ssa Donata Mussolino 5 Dicembre 2011 La rappresentazione in Bilancio delle Attività Finanziarie Titoli di Stato Titoli Obbligazionari

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO Dr. Reale Pierangelo (Catanzaro 17/03/2017) 1 Rendiconto parte del Bilancio d esercizio Art. 2423 co.1 c.c. Bilancio d esercizio costituito da stato patrimoniale, conto economico,

Dettagli

Roma, 25 gennaio RELATORE: Luca Provaroni

Roma, 25 gennaio RELATORE: Luca Provaroni Roma, 25 gennaio 2016 RELATORE: Luca Provaroni Strumento finanziario derivato (definizione ex IAS 39) E uno strumento finanziario (o altro contratto) che possiede, contemporaneamente, le seguenti tre caratteristiche:

Dettagli

Caso di manifestazione finanziaria posticipata rispetto alla competenza economica: i ratei.

Caso di manifestazione finanziaria posticipata rispetto alla competenza economica: i ratei. Caso di manifestazione finanziaria posticipata rispetto alla competenza economica: i ratei. Premessa: cosa sono i ratei. RATEO ATTIVO = CREDITO in corso di maturazione I ratei attivi sono quote di crediti

Dettagli

Corso di studi in Economia e Commercio ESERCITAZIONE N 4 RAGIONERIA

Corso di studi in Economia e Commercio ESERCITAZIONE N 4 RAGIONERIA Corso di studi in Economia e Commercio ESERCITAZIONE N 4 RAGIONERIA 1. Ottenuta apertura di credito in c/c per 70.000 euro. Prelevate dal c/c bancario 1.600 euro per esigenze di cassa. La banca successivamente

Dettagli

SISTEMA DEL REDDITO IL PRINCIPIO DELLA COMPETENZA

SISTEMA DEL REDDITO IL PRINCIPIO DELLA COMPETENZA SISTEMA DEL REDDITO IL PRINCIPIO DELLA COMPETENZA Reddito d esercizio = Ricavi - Costi Le scritture di esercizio contabili rilevano fenomeni con manifestazione numeraria nel periodo amministrativo: costi/ricavi

Dettagli

LA RILEVAZIONE DELLE OPERAZIONE DI REPERIMENTO DEI MEZZI FINANZIARI

LA RILEVAZIONE DELLE OPERAZIONE DI REPERIMENTO DEI MEZZI FINANZIARI LA RILEVAZIONE DELLE OPERAZIONE DI REPERIMENTO DEI MEZZI FINANZIARI OBIETTIVI DELLA LEZIONE Il reperimento dei mezzi finanziari I finanziamenti bancari Il prestito obbligazionario 2 REPERIMENTO DEI MEZZI

Dettagli

Il criterio del costo ammortizzato

Il criterio del costo ammortizzato Paola Costa Il criterio del costo ammortizzato Abstract: A partire dal bilancio 2016 debutta il nuovo criterio del costo ammortizzato per la valutazione dei debiti, dei crediti e dei titoli immobilizzati.

Dettagli

Esercizio TITOLI, PARTECIPAZIONI E CREDITI

Esercizio TITOLI, PARTECIPAZIONI E CREDITI Esercizio TITOLI, PARTECIPAZIONI E CREDITI Oggetto ed obiettivi: oggetto del caso sono le operazioni gestionali legate alla compravendita di titoli obbligazionari, all acquisto di partecipazioni strategiche

Dettagli

Dalla situazione contabile allo Stato patrimoniale e al Conto economico redatti in base alla nuova normativa di bilancio

Dalla situazione contabile allo Stato patrimoniale e al Conto economico redatti in base alla nuova normativa di bilancio Nome e cognome. Classe Data Dalla situazione contabile allo Stato patrimoniale e al Conto economico redatti in base alla nuova normativa di bilancio Esercitazione di economia aziendale per la classe IV

Dettagli

Assestamento II F. GIUNTA ECONOMIA AZIENDALE ESERCIZI

Assestamento II F. GIUNTA ECONOMIA AZIENDALE ESERCIZI F. GIUNTA ECONOMIA AZIENDALE ESERCIZI Assestamento II Lo svolgimento dell esercizio richiede le seguenti conoscenze: risconti attivi e passivi; fatture da ricevere; ratei passivi e attivi. Di seguito viene

Dettagli

Fila B. Economia Aziendale Economia e Commercio. Cognome... Nome... Matricola...

Fila B. Economia Aziendale Economia e Commercio. Cognome... Nome... Matricola... ANNO ACCADEMICO 2011/2012 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE FACOLTÀ DI ECONOMIA corso di CONTABILITÀ E BILANCIO 3 Prova intermedia del 14-5-2012 Fila B Corso di laurea (spuntare una delle seguenti

Dettagli

IL PROCESSO DI AMMORTAMENTO

IL PROCESSO DI AMMORTAMENTO L AMMORTAMENTO, LA SVALUTAZIONE E LA DISMISSIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI PROF. GIANLUCA GINESTI Indice 1 IL PROCESSO DI AMMORTAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

S.p.a.: operazioni caratteristiche

S.p.a.: operazioni caratteristiche Esercitazioni svolte 2015 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 4 S.p.a.: operazioni caratteristiche Giuliana Airaghi Masina COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Individuare le operazioni tipiche della s.p.a. e applicare

Dettagli

INTRODUZIONE DELLA COGE NELLE UNIVERSITA. Promemoria gestione contabile COGE contratti attivi: attività c/terzi e contributi

INTRODUZIONE DELLA COGE NELLE UNIVERSITA. Promemoria gestione contabile COGE contratti attivi: attività c/terzi e contributi ESEMPLIFICAZIONE RILEVAZIONI CONTABILI Prestazioni di servizi Riprendendo i dati dell esempio proposto nell incontro del 07/09/2012 in merito alle prestazioni di servizi rilevanti agli effetti commerciali

Dettagli

Prova scritta del 15/02/2017

Prova scritta del 15/02/2017 Università di Firenze Corso di Contabilità e Bilancio Cognome Nome e matricola Prova scritta del 15/02/2017 Domande chiuse (ciascuna risposta punti: 2 corretta, 0 assente, -1 errata) 1. Un azienda acquista

Dettagli

Esame di Ragioneria Generale e Applicata Prova scritta del 23 aprile 2013

Esame di Ragioneria Generale e Applicata Prova scritta del 23 aprile 2013 Esame di Ragioneria Generale e Applicata Prova scritta del 23 aprile 2013 Nome: Cognome: Matricola: Orale: Subito Rinviato ESERCIZIO 1 Il candidato proceda alla rilevazione in PD delle scritture di gestione

Dettagli

DEBITI SOMMARIO 14/09/2016

DEBITI SOMMARIO 14/09/2016 DEBITI 1 SOMMARIO Stato patrimoniale Passivo D) Debiti Criteri di iscrizione Partite da liquidare Fatture da ricevere Stato patrimoniale Passivo D.12) Debiti tributari 2 1 STATO PATRIMONIALE PASSIVO D)

Dettagli

Contabilità e bilancio

Contabilità e bilancio Lezione-online Contabilità e bilancio 9 Le immobilizzazioni Dott. Riccardo Russo LE IMMOBILIZZAZIONI Le immobilizzazioni sono fattori a fecondità ripetuta destinati, quindi, ad essere durevolmente impiegati

Dettagli

CREDITI SOMMARIO 14/09/2016

CREDITI SOMMARIO 14/09/2016 CREDITI 1 SOMMARIO I crediti di natura commerciale Le partite da liquidare I crediti dubbi e in contenzioso i crediti tributari I crediti verso altri 2 1 I CREDITI COLLOCAZIONE NELLO STATO PATRIMONIALE

Dettagli

FONDAZIONE PER SOPHIA. Nota Integrativa

FONDAZIONE PER SOPHIA. Nota Integrativa FONDAZIONE PER SOPHIA Sede Legale: Località Burchio snc INCISA IN VAL D'ARNO (FI) Codice fiscale: 94177760488 Nota Integrativa La presente Nota integrativa è parte integrante al bilancio chiuso al 31 dicembre

Dettagli

COSTO AMMORTIZZATO E VALORE TEMPORALE: DEBITI (OIC 19) CREDITI (OIC 15)

COSTO AMMORTIZZATO E VALORE TEMPORALE: DEBITI (OIC 19) CREDITI (OIC 15) COSTO AMMORTIZZATO E VALORE TEMPORALE: DEBITI (OIC 19) CREDITI (OIC 15) Alain Devalle, Ph.D. Professore Associato in Economia Aziendale Dottore Commercialista e Revisore Legale ODCEC Torino (Alain.Devalle@unito.it)

Dettagli

Compravendita e arbitraggio titoli

Compravendita e arbitraggio titoli Esercitazioni svolte 2013 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 9 Compravendita e arbitraggio titoli Roberto Bandinelli Riccardo Mazzoni Il signor Franco Gelli di Pisa, cliente della locale Cassa di Risparmio,

Dettagli

Analisi di caso: dall aumento di capitale della spa all emissione del prestito obbligazionario al calcolo del diritto di opzione.

Analisi di caso: dall aumento di capitale della spa all emissione del prestito obbligazionario al calcolo del diritto di opzione. Albez edutainment production Analisi di caso: dall aumento di capitale della spa all emissione del prestito obbligazionario al calcolo del diritto di opzione Classe IV ITC 1 Analisi di un caso La Matrix

Dettagli

Università Telematica Pegaso. Indice

Università Telematica Pegaso. Indice IL LEASING PROF. GIANLUCA GINESTI Indice 1 INTRODUZIONE -------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 1.1. IL LEASING OPERATIVO -------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Esame di Ragioneria Generale e Applicata Prova scritta del 23 settembre 2014

Esame di Ragioneria Generale e Applicata Prova scritta del 23 settembre 2014 Esame di Ragioneria Generale e Applicata Prova scritta del 23 settembre 2014 Nome: Cognome: Matricola: Orale: Subito Rinviato ESERCIZIO 1 Dalla situazione contabile dell azienda World spa in data 01.01.14

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE relative all OFFERTA di

CONDIZIONI DEFINITIVE relative all OFFERTA di Cassa di Risparmio di Cesena S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE relative all OFFERTA di "CASSA DI RISPARMIO DI CESENA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO" Cassa di Risparmio di Cesena S.p.A. 24/01/2007-24/07/2010

Dettagli

OIC 18 Ratei e Risconti

OIC 18 Ratei e Risconti OIC 18 Ratei e Risconti Revisione Principi Contabili Nazionali OIC ODCEC Novara 27 gennaio 2015 Francesco Bavagnoli Università del Piemonte Orientale Dottore Commercialista Agenda Principali novità rispetto

Dettagli

Facoltà di Economia di Ferrara Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 1 febbraio 2008

Facoltà di Economia di Ferrara Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 1 febbraio 2008 Facoltà di Economia di Ferrara Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 1 febbraio 2008 COGNOME: NOME: MATRICOLA: ESERCIZIO 1 Il candidato proceda a registrare in partita doppia tutte le rilevazioni

Dettagli

DEBITI 19/11/2014 SOMMARIO. Suddivisione della lettera D) Debiti. Criteri di iscrizione. Analisi Debiti v/fornitori. Analisi Debiti tributari

DEBITI 19/11/2014 SOMMARIO. Suddivisione della lettera D) Debiti. Criteri di iscrizione. Analisi Debiti v/fornitori. Analisi Debiti tributari DEBITI 1 SOMMARIO Suddivisione della lettera D) Debiti Criteri di iscrizione Analisi Debiti v/fornitori Analisi Debiti tributari 2 STATO PATRIMONIALE Schema di sintesi ATTIVO A) CREDITI VERSO SOCI PER

Dettagli

Il punto 2 della Nota Integrativa della Hermes S.p.A. presenta la seguente tabella: Terreni e fabbricati: importo al 31/12/n-1 acquisizioni dismission

Il punto 2 della Nota Integrativa della Hermes S.p.A. presenta la seguente tabella: Terreni e fabbricati: importo al 31/12/n-1 acquisizioni dismission PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE 25 MAGGIO 2011 Punteggio massimo: punti 30 Tenendo conto della Nota Integrativa della Hermes S.p.A. e delle informazioni aggiuntive: 1. Completare le tabelle delle Nota Integrativa,

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 1 febbraio 2016

Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 1 febbraio 2016 Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 1 febbraio 2016 COGNOME: NOME: MATRICOLA: PRIMA PARTE Con riferimento alla C.A.O.S.

Dettagli

Esercitazioni di contabilità

Esercitazioni di contabilità Esercitazioni di contabilità esercitazione n. 2.5 23-05-2016 capitoli 6 e 7 Dott. Francesco Badia Facoltà di Economia Corso di Economia Aziendale A.A. 2015-16 1 La determinazione del consumo delle materie

Dettagli

OIC 26 OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA. a cura di Andrea Soprani

OIC 26 OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA. a cura di Andrea Soprani OIC 26 OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA a cura di Andrea Soprani 1 DEFINIZIONI OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA Un operazione espressa in una valuta diversa dall euro. Tra le operazioni in valuta estera vi possono

Dettagli

Derivato IRS sottoscritto prima del 01/01/2016, non rilevato in bilancio, considerato di tipo speculativo o interamente inefficace per la copertura

Derivato IRS sottoscritto prima del 01/01/2016, non rilevato in bilancio, considerato di tipo speculativo o interamente inefficace per la copertura Contabilizzazione dei derivati in bilancio in applicazione della Direttiva 2013/34/EU recepita con D.lgs 139/2015 che introduce il punto 11-bis all art. 2426 del c.c Vengono presi in considerazione in

Dettagli

Valutazione degli strumenti finanziari

Valutazione degli strumenti finanziari Risk and Accounting Valutazione degli strumenti finanziari Marco Venuti 2017 Classificazione attività finanziarie Valutazione (costo ammortizzato o fair value) Costo ammortizzato Svalutazione su base analitica

Dettagli

1. OPERAZIONI DI COSTITUZIONE ED OPERAZIONI CONTINUATIVE DI ESERCIZIO DEL PRIMO PERIODO DI VITA DELLA DELTA SPA, CHE SVOLGE ATTIVITA INDUSTRIALE.

1. OPERAZIONI DI COSTITUZIONE ED OPERAZIONI CONTINUATIVE DI ESERCIZIO DEL PRIMO PERIODO DI VITA DELLA DELTA SPA, CHE SVOLGE ATTIVITA INDUSTRIALE. CASO DELTA 1. OPERAZIONI DI COSTITUZIONE ED OPERAZIONI CONTINUATIVE DI ESERCIZIO DEL PRIMO PERIODO DI VITA DELLA DELTA SPA, CHE SVOLGE ATTIVITA INDUSTRIALE. 1. Si costituisce una S.p.A. con capitale sociale

Dettagli

RI-MEDIA SRL. P.I., C.F. e Registro Imprese di Genova VIALE SAULI GENOVA. Capitale Sociale Euro ,00

RI-MEDIA SRL. P.I., C.F. e Registro Imprese di Genova VIALE SAULI GENOVA. Capitale Sociale Euro ,00 RI-MEDIA SRL P.I., C.F. e Registro Imprese di Genova 02032220994 VIALE SAULI 4-16100 GENOVA Capitale Sociale Euro 10.000,00 Signori Soci, NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CHIUSO IL 31 DICEMBRE 2015 il bilancio

Dettagli

PREZZO DI SOTTOSCRIZIONE

PREZZO DI SOTTOSCRIZIONE Caratteristiche principali del Prestito Obbligazionario Denominazione Strumento Finanziario Tipo investimento Emittente Rating Emittente Scheda prodotto Intesa Sanpaolo a Tasso variabile con Tasso Minimo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Facoltà di Economia Dipartimento di Studi sull Impresa I Ratei e i Risconti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Facoltà di Economia Dipartimento di Studi sull Impresa  I Ratei e i Risconti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Facoltà di Economia Dipartimento di Studi sull Impresa www.economia.uniroma2.it I Ratei e i Risconti 1. I Ratei e i Riscon. Scritture di chiusura Scritture di

Dettagli

Aprire tutti i mastri, stabilendo se le eccedenze sono in dare o in avere. (tot. Dare = Avere )

Aprire tutti i mastri, stabilendo se le eccedenze sono in dare o in avere. (tot. Dare = Avere ) ESERCIZIO 2: Riconoscere Attività, Passività, Costi, Ricavi, Vendita Bene Strumentale Versione 24 3 2009 Manca nel libro giornale epilogo singolo di ogni costo e ricavo Il giorno 31/12/2002 l'azienda Ricamo

Dettagli

E A SEZIONE DI RAGIONERIA G. FERRERO I CREDITI FONTI NORMATIVE: CODICE CIVILE; TUIR; OIC 15. L.Puddu, G.Giovando, C.Rainero

E A SEZIONE DI RAGIONERIA G. FERRERO I CREDITI FONTI NORMATIVE: CODICE CIVILE; TUIR; OIC 15. L.Puddu, G.Giovando, C.Rainero I CREDITI FONTI NORMATIVE: CODICE CIVILE; TUIR; OIC 15 1 ARGOMENTI TRATTATI I CREDITI RAGIONERIA DISCIPLINA CIVILISTICA; DISCIPLINA FISCALE; RAGIONERIA - Espressione di vendite non ancora incassate; -

Dettagli

CORSO DI ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE 2 Modulo (E-N)

CORSO DI ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE 2 Modulo (E-N) CORSO DI ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE 2 Modulo (E-N) ESERCITAZIONE 4 Esercizio 1 La Nora S.p.A. acquista in data 10 settembre n. 100 BTP al tasso di interesse del 6% annuo, con godimento 10/12 e 10/06,

Dettagli

Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 20/02/2013

Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 20/02/2013 Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 20/02/2013 Dott. PAOLO VITALI Università degli Studi di Bergamo Anno accademico 2012/2013 Esercitazioni FTA e Costo Ammortizzato

Dettagli

SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

SCRITTURE DI ASSESTAMENTO SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ESERCIZIO, OSSIA LE SCRITTURE MEDIANTE LE QUALI SI RILEVANO I FATTI DI GESTIONE COMPIUTI NEL CORSO DI UN PERIODO AMMINISTRATIVO, SONO COMPOSTE A PARTIRE DAL PRINCIPIO

Dettagli

Scheda prodotto. Obbligazioni domestiche senior a tasso variabile in euro

Scheda prodotto. Obbligazioni domestiche senior a tasso variabile in euro Caratteristiche principali del Prestito Obbligazionario Denominazione Strumento Finanziario Tipo investimento Emittente Rating Emittente Scheda prodotto Banca IMI S.p.A. Tasso Variabile 28.07.2015 28.07.2020

Dettagli