Compliance e Business L evoluzione della Compliance in BNL: esperienze operative in un contesto internazionale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Compliance e Business L evoluzione della Compliance in BNL: esperienze operative in un contesto internazionale"

Transcript

1 Compliance e Business L evoluzione della Compliance in BNL: esperienze operative in un contesto internazionale Paola Sassi Responsabile Compliance BNL BC Gruppo BNP Paribas Direzione Compliance Vice Presidente AICOM Milano, 15 ottobre 2009

2 I fattori di cambiamento COMPLESSITÀ REGOLAMENTARE COMPLESSITÀ DIMENSIONALE COMPLESSITÀ GESTIONALE COMPLESSITÀ OPERATIVA 2

3 La reputazione aziendale BENE DA TUTELARE, DA VALORIZZARE COMPONENTE DEL SUCCESSO AZIENDALE GARANZIA DI STABILITA DEI RISULTATI NEL MEDIO/LUNGO PERIODO 3

4 Obiettivi di Compliance TUTELA DEI CLIENTI TUTELA DEL BANKING FACE VALUE TUTELA ALTRI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO AZIENDALE 4

5 La Compliance INSIEME DI PRINCIPI, REGOLE DI COMPORTAMENTO VALORI FINALIZZATI INSIEME DI A PRINCIPI, SALVAGUARDARE REGOLE DI LA COMPORTAMENTO REPUTAZIONE E L IMMAGINE E VALORI FINALIZZATI A SALVAGUARDARE LA REPUTAZIONE E L IMMAGINE DEL DEL GRUPPO E DEI SUOI COLLABORATORI ATTRAVERSO IL GRUPPO E DEI SUOI COLLABORATORI ATTRAVERSO IL RISPETTO DELLE NORME RISPETTO E DELLE DELLE REGOLAMENTAZIONI NORME E DELLE INTERNE REGOLAMENTAZIONI ED ESTERNE INTERNE ED ESTERNE 5

6 I principi di compliance COMPLIANCE RESPONSABILITA INDIVIDUALE ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE E GRUPPO GOVERNATI DA PRINCIPI ETICO DEONTOLOGICI OMOGENEI INDIPENDENZA DELLE ATTIVITA DI COMPLIANCE NEI GIUDIZI E NELLE AZIONI REGOLA DELLO STANDARD ELEVATO PREVALENZA DELLE REGOLE DEONTOLOGICHE PIU RESTRITTIVE (TERRITORIO/ GRUPPO) 6

7 Rapporti con le Business Line - Le azioni di compliance (1 di 7) CONSULENZA SUPPORTO INTERPRETATIVO FINALIZZATO A GARANTIRE CHE I PROCESSI OPERATIVI E LE PROCEDURE AZIENDALI SIANO COERENTI ALLE NORME COGENTI E NON, DI ETEROREGOLAMENTAZIONE E AI CODICI DI CONDOTTA ATTIVITA FINALIZZATA A GARANTIRE IL RECEPIMENTO E LA DIFFUSIONE DEI PRINCIPI ETICO/DEONTOLOGICI PROMOSSI DALL AZIENDA E DAL GRUPPO, IN PARTICOLARE IN AMBITI PROGETTUALI 7

8 Rapporti con le Business Line - Le azioni di compliance (2 di 7) ASSURANCE ATTIVITA DI REVISIONE E VALUTAZIONE DELLE PROCEDURE OPERATIVE E DEI PROCESSI AZIENDALI NEL CONTINUO FINALIZZATA A GARANTIRE CHE GLI STESSI SIANO ADERENTI ALLE NORME DI ETEROREGOLAMENTAZIONE LEGGI E REGOLAMENTI ED AUTOREGOLAMENTAZIONE CODICI DI CONDOTTA, CODICI ETICI - E CHE CONTENGANO I PRESIDI NECESSARI A PREVENIRNE LA VIOLAZIONE PROCESSO D IDENTIFICAZIONE, VALUTAZIONE E MONITORAGGIO DEI RISCHI DI NON CONFORMITA E DI REPUTAZIONE NEL CONTINUO. SI SVILUPPA UTILIZZANDO TECNICHE DI - RISK ASSESSMENT GARANZIA NEL CONTINUO DELLA DEFINIZIONE E DEL MIGLIORAMENTO DEI DISPOSITIVI DI COMPLIANCE 8

9 Rapporti con le Business Line - Le azioni di compliance (3 di 7) CONTROLLO AZIONE DI COORDINAMENTO DEI CONTROLLI DI NATURA COMPLIANCE SVOLGIMENTO DIRETTO DI CONTROLLI PERMANENTI DI NATURA COMPLIANCE, IN PARTICOLARE SU AREE DI ATTIVITA PARTICOLARMENTE SENSIBILI AZIONE DI MITIGAZIONE NEL CONTINUO DEI RISCHI DI NON CONFORMITA E DI REPUTAZIONE 9

10 Rapporti con le Business Line - Le azioni di compliance (4 di 7) FORMAZIONE DEFINIZIONE DEI PIANI E DEI CONTENUTI FORMATIVI AZIONE DI COORDINAMENTO SI ACCOMPAGNA AD INIZIATIVE DI SENSIBILIZZAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE LA FORMAZIONE PUO ESSERE: GENERICA SPECIALISTICA 10

11 Rapporti con le Business Line - Le azioni di compliance (5 di 7) COMUNICAZIONE INTERNA ALL ATTIVITA DI FORMAZIONE SI AFFIANCA L ATTIVITA DI COMUNICAZIONE INTERNA PER PERSONALE DIPENDENTE TOP MANAGEMENT ORGANI AZIENDALI 11

12 Rapporti con le Business Line - Le azioni di compliance (6 di 7) COMUNICAZIONE ESTERNA SUPPORTO OFFERTO DALLA FUNZIONE PER LE INIZIATIVE CHE RICHIAMANO I VALORI DELLA CONFORMITA E DELLA REPUTAZIONE DESTINATE A: CLIENTI ALTRI STAKEHOLDER 12

13 Rapporti con le Business Line - Le azioni di compliance (7 di 7) RELAZIONI CON LE AUTORITÀ DI VIGILANZA GESTIONE DEI RAPPORTI CON I REGULATOR CONFRONTO FINALIZZATO ANCHE AD ASSICURARE LA CORRETTA ANALISI DEGLI IMPATTI DEI NUOVI SVILUPPI REGOLAMENTARI SU PROCESSI, FUNZIONI E ATTIVITA AZIENDALI 13

14 Il ruolo della Compliance CONTRIBUZIONE ALLA DEFINIZIONE DI REGOLE E PROCESSI STANDARD, TRAMITE FORMULAZIONE DI RISPOSTE CHIARE AI QUESITI POSTI DALLA ORGANIZZAZIONE AZIENDALE E DALLE LINEE DI BUSINESS DEFINIZIONE DI NORME DI ETICA PROFESSIONALE, COERENTI CON LA CULTURA AZIENDALE E ADEGUATE ALL AMBIENTE CIRCOSTANTE SUPERVISIONE DIRETTA DELLE AREE A FORTE RISCHIO REPUTAZIONALE, PER GARANTIRE LA TUTELA DEL RAPPORTO FIDUCIARIO CON LA CLIENTELA (ES. CONFLITTI DI INTERESSE) 14

15 La Compliance e le attività progettuali NELLE ATTIVITA PROGETTUALI FINALIZZATE AD INTRODURRE NUOVE NORMATIVE LA COMPLIANCE É : ATTORE PRINCIPALE NELLE SCELTE APPLICATIVE DEGLI OBBLIGHI DI LEGGE (SOLUZIONI MANDATORY ) SUPPORTO CONSULTIVO AL BUSINESS PER L ATTUAZIONE DI SCELTE STRATEGICHE NON CONNESSE STRETTAMENTE A SPECIFICI OBBLIGHI DI LEGGE VALIDATORE DELLE SOLUZIONI ORGANIZZATIVE ADOTTATE 15

16 Le aree di intervento CLIENTI E MERCATI MiFID SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO MARKET ABUSE TRASPARENZA USURA ETICA E DEONTOLOGIA D.LGS 231/01 e SUPPORTO ORGANISMO DI VIGILANZA CODICE ETICO WHISTLEBLOWING PRIVACY CONFLITTI DI INTERESSE SICUREZZA FINANZIARIA ANTIRICICLAGGIO EMBARGHI 16

17 L organizzazione nel Gruppo BNL ( 1 di 2) DIREZIONE COMPLIANCE Compliance: governa le attività finalizzate alla prevenzione dei rischi di non conformità e di reputazione Coordinamento dei controlli permanenti e dei rischi operativi: gestione degli incidenti operativi e delle frodi BANCA SOCIETÀ CONTROLLATE Strutture dedicate per materia Compliance Officer dedicati per Mestiere/Business Line Referenti Compliance con dipendenza funzionale dalla Funzione Compliance Capogruppo 17

18 L organizzazione nel Gruppo BNL (2 di 2) DIREZIONE COMPLIANCE STRUTTURA SEPARATA DALLE ALTRE STRUTTURE AZIENDALI PARTECIPAZIONE NEGLI ORGANI COLLEGIALI FUNZIONE CONSULTIVA/DECISIONALE 18

19 L organizzazione nel Gruppo BNP PARIBAS (1 di 2) COMPLIANCE DI GRUPPO COMPLIANCE ADVISORY - ETICA PROFESSIONALE MERCATI - RAPPORTI CON I REGULATOR - SICUREZZA FINANZIARIA COORDINAMENTO CONTROLLI PERMANENTI DEFINISCE LE REGOLE DI ORGANIZZAZIONE E I MEZZI ATTRIBUITI ALLA FUNZIONE NELLE DIVERSE ENTITA DEL GRUPPO DEFINISCE LE POLICY DI COMPLIANCE VALUTA E MONITORA I RISCHI DI COMPLIANCE DEL GRUPPO DEFINISCE STANDARD E TOOL PER LA COMPLIANCE E GARANTE DELLA QUALITA DEL SISTEMA DEI CONTROLLI PERMANENTI 19

20 L organizzazione nel Gruppo BNP PARIBAS (1 di 2) COMPLIANCE PER MACRO AREE DI ATTIVITÀ E PER BUSINESS LINE RETAIL BANKING, CORPORATE INVESTMENT BANKING, INVESTMENT SOLUTION ORGANIZZA LA COMPLIANCE NELL AMBITO DEL PERIMETRO DI RESPONSABILITA, GARANTENDO UN APPLICAZIONE COERENTE ALLE REGOLE DI GRUPPO GARANTISCE LA DEFINZIONE E L IMPLEMENTAZIONE DELLE PROCEDURE DI COMPLIANCE, DEI DISPOSITIVI E DEI CONTROLLI PERMANENTI SPECIALISTA DEI BUSINESS ALL INTERNO DEI QUALI E INTEGRATA 20

21 L organizzazione nel Gruppo BNP PARIBAS (2 di 2) COMPLIANCE TERRITORIO GARANTISCE LA CORRETTA APPLICAZIONE DELLE NORMATIVE LOCALI E COERENZA CON LE POLICY DI GRUPPO E RESPONSABILE DELL IMPLEMENTAZIONE DEL DISPOSITIVO DI COMPLIANCE DI GRUPPO, NEL RISPETTO DELLE NORME LOCALI E IN COERENZA CON LE ATTIVITA SVOLTE OFFRE UNA VISIONE TRASVERSALE DEI RISCHI DI TERRITORIO 21

22 Fattori di successo (1di 2) MODELLO COERENTE CON L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE E CON LE ESIGENZE DI PRESIDIO DELLE DIVERSE AREE DI ATTIVITA RISPETTO DELLE REALTA LOCALI E TERRITORIALI SINERGIE TRASVERSALI TRA STRUTTURE DI COMPLIANCE DEI DIVERSI TERRITORI ADEGUATI FLUSSI INFORMATIVI TRA FUNZIONI DEL SISTEMA DEI CONTROLLI 22

23 Fattori di successo (2 di 2) FORMALIZZAZIONE DEL RUOLO POTERI REALI E PIENA AUTONOMIA DI INTERVENTO AUTOREVOLEZZA RAPPORTO AUTONOMO CON ORGANI E STRUTTURE AZIENDALI INDIPENDENZA DALLE FUNZIONI DI BUSINESS SEPARAZIONE DA ALTRE FUNZIONI DI CONTROLLO RISORSE E COMPETENZE NECESSARIE PER LO SVOLGIMENTO DEI COMPITI ATTRIBUITI BUDGET ACCESSO INCONDIZIONATO A DATI, INFORMAZIONI, ARCHIVI, PERSONE E BENI AZIENDALI 23

24 Compliance e Business (1 di 4) LA COMPLIANCE É BUSINESS INTERVENTO NEL PROCESSO DI VALIDAZIONE DEI NUOVI PRODOTTI, ATTIVITA E DELLE TRANSAZIONI NON STANDARD RIFERIMENTO AI PRINCIPI DI COMPLIANCE NELLA DEFINIZIONE DELLE POLITICHE COMMERCIALI E DELLE POLITICHE DI INCENTIVAZIONE DEL PERSONALE CONDIVISIONE DI PIANI DI FORMAZIONE E DEI RELATIVI CONTENUTI FORMATIVI PER I DIVERSI TARGET AZIENDALI SVILUPPO DI ATTIVITA DI COMUNICAZIONE INTERNA E DI SENSIBILIZZAZIONE 24

25 Compliance e Business (2 di 4) NELL AMBITO DEL PROCESSO DI VALIDAZIONE NUOVI PRODOTTI E SERVIZI LE MATERIE OGGETTO DI TRATTAZIONE: ANTIRICICLAGGIO ANTITERRORISMO, EMBARGHI E ARMAMENTI CONFLITTI DI INTERESSE PRIVACY VALIDAZIONE NUOVI PRODOTTI E SERVIZI ABUSI DI MERCATO MODELLO 231 E CODICE ETICO SUITABILITY FINANZIARIA E BANCARIA 25

26 Compliance e Business (3 di 4) LA COMPLIANCE É BUSINESS DEFINIZIONE DI UN SISTEMA DEI VALORI AZIENDALI COMPRENSIVO DEI PRINCIPI DI COMPLIANCE PER GARANTIRE PROTEZIONE DEL CLIENTE E TUTELA DEL CORRETTO FUNZIONAMENTO DEL MERCATO A CUI DESTINARE ANCHE INFORMAZIONI TRASPARENTI E CORRETTE PROTEZIONE DEL MARCHIO E DELLA REPUTAZIONE 26

27 Compliance e Business (4 di 4) UN ADEGUATA ATTIVITA DI COMPLIANCE GARANTISCE ANCHE: MINIMIZZAZIONE DEI COSTI DI COMPLIANCE SVILUPPO DEI BUSINESS - UN PRONTO ED EFFICACE INTERVENTO EVITA PERDITE/RALLENTAMENTI NEGLI AFFARI STABILITA ED EQUITA - L AZIONE DELLA COMPLIANCE PUO CONTRIBUIRE A PREVENIRE CONFLITTI INTERNI ED ESTERNI ALL AZIENDA 27

28 Gestione del Compliance Risk UTILIZZO DI MODELLI DI STIMA DEL COMPLIANCE RISK IDENTIFICAZIONE E MAPPATURA DEI FATTORI DI RISCHIO STIMA DI FREQUENCY, SEVERITY, EXPECTED LOSS ES: AREA SERVIZI DI INVESTIMENTO E DELLA SUITABILITY FINANZIARIA E BANCARIA FATTORI DI RISCHIO: MANCATA TUTELA DEGLI INTERESSI DEI CLIENTI E MANCATO ADEGUAMENTO DEI PROCESSI AZIENDALI A NORME REGOLAMENTI E CODICI PER LA GESTIONE DEL COMPLIANCE RISK: SVILUPPO DI UN TABLEAU DE BORD e UTILIZZO DI STRUMENTI DI RISK ASSESSMENT A LIVELLO DI GRUPPO 28

29 Prossimi passi RUOLO DELLA FUNZIONE COMPLIANCE SEMPRE PIU STRATEGICO E RILEVANTE FOCUS SU: INTEGRAZIONE E SVILUPPO DEI PRESIDI DI CONFORMITÀ RAFFORZAMENTO ULTERIORE DEL DISPOSITIVO DEI CONTROLLI PERMANENTI 29

Internal Audit e Compliance in Banca Intesa

Internal Audit e Compliance in Banca Intesa Internal Audit e Compliance in Banca Intesa RENATO DALLA RIVA Responsabile Direzione Auditing Interno Workshop CeTIF 15 giugno 2006 La presentazione è stata realizzata da Banca Intesa ed è riservata esclusivamente

Dettagli

Banca Popolare di Milano

Banca Popolare di Milano Banca Popolare di Milano DOTT.SSA PAOLA SASSI RESPONSABILE STAFF TECNICO DIREZIONE CONTROLLI TECNICO OPERATIVI L evoluzione del sistema dei controlli interni: la funzione di compliance MILANO, 15 Giugno

Dettagli

XIX CONVEGNO NAZIONALE DI INFORMATION SYSTEMS AUDITING

XIX CONVEGNO NAZIONALE DI INFORMATION SYSTEMS AUDITING XIX CONVEGNO NAZIONALE DI INFORMATION SYSTEMS AUDITING Firenze 19, 20 maggio 2005 I QUATTRO SCENARI DELL IT AUDITING Ruolo dell Auditor e del Compliance Officer Claudio Cola RISCHIO OPERATIVO E il rischio

Dettagli

L evoluzione della Compliance in AXA Assicurazioni

L evoluzione della Compliance in AXA Assicurazioni L evoluzione della Compliance in AXA Assicurazioni Milano, 23 settembre 2009 1 S.Ciceri Compliance Officer L evoluzione della Compliance in AXA Assicurazioni Agenda 1. Il Gruppo AXA 3 2. La funzione di

Dettagli

IL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI E SINERGIE CON LA FUNZIONE DI COMPLIANCE

IL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI E SINERGIE CON LA FUNZIONE DI COMPLIANCE IL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI E SINERGIE CON LA FUNZIONE DI COMPLIANCE Paola Sassi Vice Presidente AICOM Deputy Head Compliance CIB, IRS AMS for Italy Gruppo BNP Paribas - BNL CETIF - MILANO, 17 giugno

Dettagli

LA FUNZIONE COMPLIANCE DI UNICREDIT

LA FUNZIONE COMPLIANCE DI UNICREDIT LA FUNZIONE COMPLIANCE DI UNICREDIT Evoluzione e nuove sfide Graziella Capellini, Head of Italy Roma, 11 Novembre 2010 La in UniCredit è A il frutto di una evoluzione B che continua nel tempo C Business

Dettagli

Offerta di servizi in outsourcing e di consulenza e assistenza in materia di controlli interni

Offerta di servizi in outsourcing e di consulenza e assistenza in materia di controlli interni Offerta di servizi in outsourcing e di consulenza e assistenza in materia di controlli interni CHI SIAMO Moderari s.r.l. è una società di consulenza regolamentare per banche, intermediari ed enti pubblici,

Dettagli

Compliance in Banks 2010

Compliance in Banks 2010 2010 in Banks 2010, Legale e Controlli Interni in BMPS Leandro Polidori Responsabile Area e Customer Care Banca Monte dei Paschi di Siena Agenda Il sistema dei Controlli Interni in BMPS Evoluzione delle

Dettagli

L approccio alla MiFID della Compliance nel Gruppo UniCredit

L approccio alla MiFID della Compliance nel Gruppo UniCredit L approccio alla MiFID della Compliance nel Gruppo UniCredit Antonio La Rocca, Head of Compliance Services, Unicredit Group Milano, 16 Aprile 2008 OBIETTIVI DELLA PRESENTAZIONE MIFID la grande sfida della

Dettagli

Pianificazione delle attività di Compliance nel gruppo Deutsche Bank SpA

Pianificazione delle attività di Compliance nel gruppo Deutsche Bank SpA Pianificazione delle attività di Compliance nel gruppo SpA ABI Compliance in Banks, 12 Novembre 2010 Carlo Appetiti Country Head of Compliance Regional Head PBC Compliance Europe (excl. Germany) Agenda

Dettagli

COMPLIANCE PROCESS IN BANKING GROUPS

COMPLIANCE PROCESS IN BANKING GROUPS PROCESS IN BANKING GROUPS Analisi e organizzazione dei processi e degli strumenti organizzativi per le Funzioni di Compliance nei gruppi bancari Sommario 1 Il Framework della Compliance Il supporto offerto

Dettagli

Etica e regole ASSETTI ORGANIZZATIVI DELLA FUNZIONE DI COMPLIANCE. nella Finanza La funzione di Compliance

Etica e regole ASSETTI ORGANIZZATIVI DELLA FUNZIONE DI COMPLIANCE. nella Finanza La funzione di Compliance Etica e regole nella Finanza La funzione di Compliance ASSETTI ORGANIZZATIVI DELLA FUNZIONE DI COMPLIANCE Claudio Cola Presidente AICOM - Associazione Italiana Compliance Responsabile Compliance ROMA 5

Dettagli

Aspetti evolutivi dei sistemi di controllo: l'esperienza di BancoPosta e Poste Italiane

Aspetti evolutivi dei sistemi di controllo: l'esperienza di BancoPosta e Poste Italiane Aspetti evolutivi dei sistemi di controllo: l'esperienza di BancoPosta e Poste Italiane Milano 17 giugno 2008 Roberto Russo Responsabile Revisione Interna BancoPosta Versione:1.0. Premessa 2 L evoluzione

Dettagli

LE NUOVE REGOLE SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI, SISTEMI INFORMATIVI E CONTINUITA OPERATIVA (Circolare n. 263 del 27 dicembre Aggiornamento)

LE NUOVE REGOLE SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI, SISTEMI INFORMATIVI E CONTINUITA OPERATIVA (Circolare n. 263 del 27 dicembre Aggiornamento) LE NUOVE REGOLE SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI, SISTEMI INFORMATIVI E CONTINUITA OPERATIVA (Circolare n. 263 del 27 dicembre 2006 15 Aggiornamento) LE NOVITA PER LA FUNZIONE COMPLIANCE E LA GESTIONE

Dettagli

GOVERNANCE DEI CONTROLLI: LA FUNZIONE COMPLIANCE

GOVERNANCE DEI CONTROLLI: LA FUNZIONE COMPLIANCE LE IMPRESE DI ASSICURAZIONI OLTRE SOLVENCY II PRESIDIO DEI RISCHI, ORGANIZZAZIONE, SISTEMI DI CONTROLLO GOVERNANCE DEI CONTROLLI: LA FUNZIONE COMPLIANCE Avv. Claudio Cola, Roma 15 marzo 2016 0 Qualità

Dettagli

IL SISTEMA DEI CONTROLLI E LA FUNZIONE COMPLIANCE

IL SISTEMA DEI CONTROLLI E LA FUNZIONE COMPLIANCE GLI INTERMEDIARI SPECIALIZZATI: MODELLI DI BUSINESS E NUOVE REGOLE DI FUNZIONAMENTO IL SISTEMA DEI CONTROLLI E LA FUNZIONE COMPLIANCE Milano, 11 Aprile 2013 Claudio Cola 1 Organizzazione e controlli Il

Dettagli

Nino Balistreri. Percorso Professionalizzante per la Compliance in banca Modulo 2 Compliance risk management: metodologia e strumenti

Nino Balistreri. Percorso Professionalizzante per la Compliance in banca Modulo 2 Compliance risk management: metodologia e strumenti Percorso Professionalizzante per la Compliance in banca Modulo 2 Compliance risk management: metodologia e strumenti Le relazioni tra le attività di controllo svolte dalla Funzione Compliance e le attività

Dettagli

Modello Organizzativo D.Lgs 231/01. di Poste Italiane

Modello Organizzativo D.Lgs 231/01. di Poste Italiane Modello Organizzativo D.Lgs 231/01 di Poste Italiane Roma 14 dicembre 2005 Dott.ssa Dittmeier 1 Il Modello Organizzativo D.Lgs. 231 quale sistema di controllo interno Il Modello di Organizzazione Gestione

Dettagli

La mitigazione del rischio operativo:

La mitigazione del rischio operativo: La mitigazione del rischio operativo: L utilizzo del framework di ORM per la gestione e attribuzione del rischio Giugno 2012 Agenda 2 1. Premessa 2. Il modello organizzativo di ORM in Bancoposta 3. Gli

Dettagli

L orientamento della cultura aziendale verso gli obiettivi di compliance.

L orientamento della cultura aziendale verso gli obiettivi di compliance. L orientamento della cultura aziendale verso gli obiettivi di compliance. La leva della formazione per promuovere una cultura improntata ai principi di onestà, correttezza e rispetto delle norme Carlo

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA. La funzione di conformità (compliance)

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA. La funzione di conformità (compliance) VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA, NORMATIVA E AFFARI GENERALI (843) DIVISIONE NORMATIVA (015) N. 688006 del 10-07-2007 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA La funzione di conformità (compliance)

Dettagli

Tecnica bancaria programma II modulo

Tecnica bancaria programma II modulo Tecnica bancaria programma II modulo Università degli Studi di Trieste Facoltà di Economia e Commercio Deams Dipartimento di Economia Aziendale Matematica e Statistica Tecnica Bancaria 520EC Marco Galdiolo

Dettagli

NORMATIVA DI VIGILANZA IN MATERIA DI CONFORMITA ALLE NORME (COMPLIANCE)

NORMATIVA DI VIGILANZA IN MATERIA DI CONFORMITA ALLE NORME (COMPLIANCE) Vigilanza Creditizia e Finanziaria NORMATIVA DI VIGILANZA IN MATERIA DI CONFORMITA ALLE NORME (COMPLIANCE) Il presente documento fornisce un primo schema di Istruzioni di vigilanza inerenti al rischio

Dettagli

IL REFERENTE INTERNO PER LA FUNZIONE INTERNAL AUDITING - LINK AUDITOR

IL REFERENTE INTERNO PER LA FUNZIONE INTERNAL AUDITING - LINK AUDITOR 2017 IL REFERENTE INTERNO PER LA FUNZIONE INTERNAL AUDITING - LINK AUDITOR SP Consulting Srl www.spconsulting.name Chi siamo SP CONSULTING e IUS CONSULTING SP Consulting e IUS Consulting offrono consulenza

Dettagli

Offerta di servizi consulenziali alle società di calcio professionistico Labet Srl. All rights reserved.

Offerta di servizi consulenziali alle società di calcio professionistico Labet Srl. All rights reserved. Offerta di servizi consulenziali alle società di calcio professionistico 1 Labet: i settori di intervento nel calcio professionistico 1. ASSISTENZA NEGLI ADEMPIMENTI RELATIVI ALL OTTENIMENTO DELLA LICENZE

Dettagli

Compliance in Banks 2010

Compliance in Banks 2010 Compliance 2010 Compliance in Banks 2010 La ripartizione tra Compliance e Legale delle attività di consulenza e di validazione dei processi Edoardo Pronello Responsabile Funzione Compliance Banca del Piemonte

Dettagli

ATTIVITA DI CONFORMITA Relazione di Consuntivo Anno 2012

ATTIVITA DI CONFORMITA Relazione di Consuntivo Anno 2012 ATTIVITA DI CONFORMITA Relazione di Consuntivo Anno 2012 Indice I. Premessa... 3 II. Obiettivi... 3 III. Perimetro normativo di riferimento... 3 IV. Attività svolta... 4 4.1 Consulenza... 4 4.2 Controlli...

Dettagli

LA REVISIONE DEGLI STATUTI DELLE BANCHE QUOTATE E NON QUOTATE

LA REVISIONE DEGLI STATUTI DELLE BANCHE QUOTATE E NON QUOTATE LA REVISIONE DEGLI STATUTI DELLE BANCHE QUOTATE E NON QUOTATE di Angelo Busani, notaio in Milano PARADIGMA Milano, 16 DICEMBRE 2008 STATUTI DELLE BANCHE - 1 SISTEMI DI AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO (in generale)

Dettagli

COMPLIANCE PENALE Adozione ed Aggiornamento del Modello 231 Approccio Operativo

COMPLIANCE PENALE Adozione ed Aggiornamento del Modello 231 Approccio Operativo COMPLIANCE PENALE Adozione ed Aggiornamento del Modello 231 Approccio Operativo Avv. Luigi Pecorario Pagina2 La Compliance nel settore del diritto Penale, intesa come conformità alle disposizioni normative,

Dettagli

LA CONFORMITA ED IL SISTEMA DEI CONTROLLI

LA CONFORMITA ED IL SISTEMA DEI CONTROLLI LA CONFORMITA ED IL SISTEMA DEI CONTROLLI LE NUOVE SFIDE PER I CONFIDI Luiss Business School - Roma, 21 novembre 2012 1 Rischio di non conformità La funzione di conformità (compliance) ha avvio nel settore

Dettagli

Nuovo Assetto Organizzativo della Capogruppo Area Organizzazione Siena, 24 gennaio 2017

Nuovo Assetto Organizzativo della Capogruppo Area Organizzazione Siena, 24 gennaio 2017 Strettamente riservato Nuovo Assetto Organizzativo della Capogruppo Organizzazione Siena, 24 gennaio 2017 Chief Commercial Officer (CCO): Old Direzione Chief Commercial Officer Direzione Retail e Rete

Dettagli

XX CONVEGNO NAZIONALE AIIA. Compliance Function nel settore finanziario Stato dell Arte

XX CONVEGNO NAZIONALE AIIA. Compliance Function nel settore finanziario Stato dell Arte XX CONVEGNO NAZIONALE AIIA Compliance Function nel settore finanziario Stato dell Arte Comitato di Basilea: The compliance function in banks La funzione ha lo scopo di assistere l intermediario nella gestione

Dettagli

Privacy e attività bancaria: evoluzione normativa, sicurezza e innovazione

Privacy e attività bancaria: evoluzione normativa, sicurezza e innovazione www.abiformazione.it Privacy e attività bancaria: evoluzione normativa, sicurezza e innovazione Normativa / Privacy Il nuovo Regolamento Europeo sulla privacy detta nuove regole direttamente applicabili

Dettagli

WORKSHOP IL REFERENTE INTERNO PER LA FUNZIONE INTERNAL AUDITING LINK AUDITOR. SP Consulting Srl

WORKSHOP IL REFERENTE INTERNO PER LA FUNZIONE INTERNAL AUDITING LINK AUDITOR. SP Consulting Srl A T I V O N IL REFERENTE INTERNO PER LA FUNZIONE INTERNAL AUDITING LINK AUDITOR 23 Ottobre 2014 SP Consulting Srl www.spconsulting.name Chi siamo SP CONSULTING e IUS CONSULTING SP Consulting e IUS Consulting

Dettagli

Compliance in Banks 2010

Compliance in Banks 2010 Compliance 2010 Compliance in Banks 2010 L evoluzione del ruolo della Funzione Compliance nei servizi di investimento David Sabatini Responsabile Settore Finanza ABI L'evoluzione del ruolo della Funzione

Dettagli

Coordinamento tra funzioni di controllo

Coordinamento tra funzioni di controllo Coordinamento tra funzioni di controllo Opportunità e punti aperti Convegno annuale ABI Fabio Arnaboldi, Head of Country Italy Audit UniCredit Roma, 24 giugno 2015 AGENDA q La Banca come realtà integrata

Dettagli

Progetto di adeguamento alle Disposizioni di vigilanza in materia di organizzazione e governo societario delle banche

Progetto di adeguamento alle Disposizioni di vigilanza in materia di organizzazione e governo societario delle banche Progetto di adeguamento alle Disposizioni di vigilanza in materia di organizzazione e governo societario delle banche senza l espresso consenso di LABET Srl. 1 di 25 1. Le disposizioni di Banca d Italia

Dettagli

Banca Popolare di Milano

Banca Popolare di Milano Banca Popolare di Milano Dott.ssa Paola Sassi Responsabile Staff Tecnico Direzione Controlli Tecnico Operativi PRESENTAZIONE INTERNAL AUDIT: da funzione di controllo a funzione di business MILANO, 22 GIUGNO

Dettagli

OBIETTIVI Programma per la Trasparenza e l Integrità

OBIETTIVI Programma per la Trasparenza e l Integrità Allegato 5 OBIETTIVI Programma per la Trasparenza e l Integrità -2017 Riferimenti normativi: decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150 (attuazione della legge 4 marzo 2009, n.15, in materia di ottimizzazione

Dettagli

- evoluzioni normative che hanno comportato l inclusione di nuove fattispecie di reato all interno del Decreto Legislativo n.231 del 2001.

- evoluzioni normative che hanno comportato l inclusione di nuove fattispecie di reato all interno del Decreto Legislativo n.231 del 2001. Premessa [1] Rai Com ha deciso di procedere alla predisposizione e adozione del Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 (di seguito, il Modello ) in quanto consapevole che tale

Dettagli

POSTA, COMUNICAZIONE E LOGISTICA

POSTA, COMUNICAZIONE E LOGISTICA POSTA, COMUNICAZIONE E LOGISTICA Con riferimento all Ordine di Servizio n. 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione POSTA, COMUNICAZIONE E LOGISTICA e ad attribuire e/o

Dettagli

GRUPPO POSTE ITALIANE - STRUTTURA ORGANIZZATIVA

GRUPPO POSTE ITALIANE - STRUTTURA ORGANIZZATIVA GRUPPO POSTE ITALIANE - STRUTTURA ORGANIZZATIVA Il Gruppo Poste Italiane ha avviato un processo di sviluppo e trasformazione in cui è oggi fortemente impegnata tutta la sua organizzazione centrale e territoriale.

Dettagli

I consiglieri di amministrazione e Sovency II

I consiglieri di amministrazione e Sovency II I consiglieri di amministrazione e Sovency II Prof. Avv. Fabio Maniori General Counsel and Chief Compliance Officer Università di Trieste Solvency II Gestione olistica e dinamica della compagnia di assicurazioni

Dettagli

La costruzione del Repository dei processi a supporto dello sviluppo organizzativo

La costruzione del Repository dei processi a supporto dello sviluppo organizzativo La costruzione del Repository dei processi a supporto dello sviluppo organizzativo Banca Popolare di Milano Milano, 18 maggio 2004 Agenda La costruzione del Repository Gli obiettivi Perchè un Modello aziendale

Dettagli

Diana Capone ABI - 30 ottobre 2008

Diana Capone ABI - 30 ottobre 2008 Gli organi di governo e l armonizzazione dei flussi informativi in tema di controlli e rischi Diana Capone ABI - 30 ottobre 2008 Ratio della regolamentazione dei flussi informativi Le organizzazioni aziendali

Dettagli

MERCATO PRIVATI. Referente AR

MERCATO PRIVATI. Referente AR MERCATO PRIVATI Referente AR Aprile 2014 Scenario di riferimento 2 La normativa antiriciclaggio impone obblighi di collaborazione e adempimenti volti a fronteggiare i crescenti rischi legali e reputazionali

Dettagli

Valutare il Compliance Risk: spunti per un approccio integrato

Valutare il Compliance Risk: spunti per un approccio integrato Valutare il Compliance Risk: spunti per un approccio integrato. Copyright 2010 Accenture All Rights Reserved. Accenture, its logo, and High Performance Delivered are trademarks of Accenture. Agenda I.

Dettagli

Dalle attività ispettive alla creazione di valore: l internal audit. Dott. Gianfranco Ruggiero Resp. Internal Audit MPS Capital Services

Dalle attività ispettive alla creazione di valore: l internal audit. Dott. Gianfranco Ruggiero Resp. Internal Audit MPS Capital Services Dalle attività ispettive alla creazione di valore: l internal audit Dott. Gianfranco Ruggiero Resp. Internal Audit MPS Capital Services Dal rischio al sistema dei controlli Internal controls are designed,

Dettagli

La nostra storia inizia nel 1992, anno in cui Nova Systems Roma viene costituita e muove i primi passi nel mercato dei servizi informatici.

La nostra storia inizia nel 1992, anno in cui Nova Systems Roma viene costituita e muove i primi passi nel mercato dei servizi informatici. COMPANY PROFILE La nostra storia inizia nel 1992, anno in cui Nova Systems Roma viene costituita e muove i primi passi nel mercato dei servizi informatici. In risposta alla veloce evoluzione delle tecnologie

Dettagli

ORDINE DI SERVIZIO n. 22/16 BANCOPOSTA

ORDINE DI SERVIZIO n. 22/16 BANCOPOSTA BANCOPOSTA Si comunica che, in ambito BANCOPOSTA, ferme restando le posizioni organizzative e le connesse assegnazioni di responsabilità non modificate dalla presente comunicazione: risulta superata la

Dettagli

Piano di Formazione del personale. Allegato al Modello Organizzativo e funzionamento PON Città Metropolitane CCI 2014IT16M2OP004

Piano di Formazione del personale. Allegato al Modello Organizzativo e funzionamento PON Città Metropolitane CCI 2014IT16M2OP004 Piano di Formazione del personale Allegato al Modello Organizzativo e funzionamento PON Città Metropolitane 2014-2020 CCI 2014IT16M2OP004 a cura della Direzione Generale U.O.A. Struttura di Supporto per

Dettagli

Composizione quali quantitativa ottimale dell organo amministrativo Comunicazione agli azionisti in vista della nomina di un Amministratore

Composizione quali quantitativa ottimale dell organo amministrativo Comunicazione agli azionisti in vista della nomina di un Amministratore Composizione quali quantitativa ottimale dell organo amministrativo Comunicazione agli azionisti in vista della nomina di un Amministratore Aprilia, 8 marzo 2012 CdA 9 marzo 2012 Sommario 1 PREMESSA...3

Dettagli

ASSEMBLEA DEI SOCI 2016

ASSEMBLEA DEI SOCI 2016 ASSEMBLEA DEI SOCI 2016 NOMINA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE E COMPITI MODELLO TEORICO RELATIVO AL PROFILO DEGLI AMMINISTRATORI Estratto dal Regolamento del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

MODULO 2 ex D.Lgs. n.231/2001 MODELLO ORGANIZZATIVO

MODULO 2 ex D.Lgs. n.231/2001 MODELLO ORGANIZZATIVO MODULO 2 ex D.Lgs. n.231/2001 MODELLO ORGANIZZATIVO 1 1 Il D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 in materia di responsabilità delle imprese per reati commessi da dipendenti, amministratori o collaboratori 2 2

Dettagli

Evoluzione Struttura Commerciale

Evoluzione Struttura Commerciale 1 Evoluzione Struttura Commerciale Nuovo assetto organizzativo di AT e Filiale Aprile 2015 Agenda 2 Razionali di Intervento Evoluzione della Struttura Commerciale Evoluzione dei Flussi Commerciali Nuovi

Dettagli

Conferenza dei Servizi di Prevenzione della Regione Piemonte

Conferenza dei Servizi di Prevenzione della Regione Piemonte Conferenza dei Servizi di Prevenzione della Regione Piemonte Villa Gualino, Torino, 9 dicembre 2009 Area della sicurezza: prevenzione incidenti Laura Marinaro Rosa D Ambrosio Piano Regionale della Prevenzione

Dettagli

L organizzazione del servizio di internal audit in una banca di credito cooperativo

L organizzazione del servizio di internal audit in una banca di credito cooperativo L organizzazione del servizio di internal audit in una banca di credito cooperativo CETIF - Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano 17 apr. 03 bernasconi annibale ufficio ctrl. gestione e rischi banca

Dettagli

Banca Popolare di Milano

Banca Popolare di Milano Banca Popolare di Milano Dott.ssa Paola Sassi Responsabile Staff Tecnico Direzione Controlli Tecnico Operativi PRESENTAZIONE L'approccio metodologico in Banca Popolare di Milano MILANO, 15 GIUGNO 2005

Dettagli

Approccio integrato. al Sistema di Controllo Interno

Approccio integrato. al Sistema di Controllo Interno Approccio integrato 0 al Sistema di Controllo Interno Giuseppe Cerasoli Responsabile Comitato P.A. Roma, 15 luglio 2008 0 I nuovi meccanismi di governance introdotti dalla Legge 262 Il dirigente preposto

Dettagli

Percorso Professionalizzante per la Compliance in banca. Modulo 4 La relazione di annuale di compliance e i flussi informativi. Milano, 31 maggio 2012

Percorso Professionalizzante per la Compliance in banca. Modulo 4 La relazione di annuale di compliance e i flussi informativi. Milano, 31 maggio 2012 Percorso Professionalizzante per la Compliance in banca Modulo 4 La relazione di annuale di compliance e i flussi informativi Milano, 31 maggio 2012 Sede ABI - Via Olona, 2 La Delibera Consob 17297 Gli

Dettagli

Compliance in Banks 2011

Compliance in Banks 2011 Compliance in Banks 2011 Stato dell arte e prospettive di evoluzione 10 e 11 novembre 2011 Roma, Palazzo Altieri Prima giornata - 10 novembre 9,30 Registrazione dei partecipanti SESSIONE DI APERTURA :

Dettagli

AIM Italia/Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia/Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia/Mercato Alternativo del Capitale - funzioni aziendali di controllo (nominated adviser) M a r zo 2 0 1 2 Introduzione Le presenti linee guida dettano principi di carattere generale in tema di

Dettagli

La compliance alle regole sui servizi di investimento: aspetti rilevanti

La compliance alle regole sui servizi di investimento: aspetti rilevanti CONVEGNO ABI COMPLIANCE IN BANKS 2009 DALLE REGOLE ALLE STRATEGIE DI BUSINESS La compliance alle regole sui servizi di investimento: aspetti rilevanti Giuseppe D AGOSTINO CONSOB Responsabile Divisione

Dettagli

INTERNAL AUDIT. Giorgio Ventura CETIF, 22 giugno 2004

INTERNAL AUDIT. Giorgio Ventura CETIF, 22 giugno 2004 INTERNAL AUDIT Giorgio Ventura CETIF, 22 giugno 2004 La presentazione è stata realizzata da ENI ed è riservata esclusivamente ai soci CeTIF. La riproduzione e la diffusione anche parziale della stessa

Dettagli

Le società pubbliche tra anticorruzione e D.Lgs. 231/01: coordinamento del Piano Triennale Prevenzione Corruzione e Modello 231

Le società pubbliche tra anticorruzione e D.Lgs. 231/01: coordinamento del Piano Triennale Prevenzione Corruzione e Modello 231 Le società pubbliche tra anticorruzione e D.Lgs. 231/01: coordinamento del Piano Triennale Prevenzione Corruzione e Modello 231 Milano, 30 gennaio 2015 Dott. Massimo Proietti Direttore Internal Auditing

Dettagli

Composizione quali-quantitativa ottimale dell Organo amministrativo Comunicazione ai Soci in vista del rinnovo parziale del Consiglio di

Composizione quali-quantitativa ottimale dell Organo amministrativo Comunicazione ai Soci in vista del rinnovo parziale del Consiglio di Composizione quali-quantitativa ottimale dell Organo amministrativo Comunicazione ai Soci in vista del rinnovo parziale del Consiglio di Amministrazione Modena, febbraio 2014 Sommario 1 PREMESSA...3 2

Dettagli

ORDINE DEGLI ATTUARI

ORDINE DEGLI ATTUARI La Funzione Attuariale in ottica Solvency 2 Coordinamento, gestione e controllo in materia di riserve tecniche A. Chiricosta Roma, 1 luglio 2014 Agenda Indicazioni dalla Lettera al mercato applicazione

Dettagli

La Compliance in Arval Service Lease Italia SpA

La Compliance in Arval Service Lease Italia SpA La Compliance in Arval Service Lease Italia SpA Milano 18 Marzo 2008 Sergio Arcuri Compliance Officer - Arval Service Lease Italia SpA La Compliance in Arval Service Lease Italia SpA: Indice La Conformità

Dettagli

Progetto di adeguamento alle «Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche»

Progetto di adeguamento alle «Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche» Progetto di adeguamento alle «Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche» Circolare n. 263 del 27 dicembre 2006-15 aggiornamento del 2 luglio 2013 Copyright 2013 - LABORATORIO ETICO D IMPRESA

Dettagli

La funzione antiriciclaggio nel sistema di controllo interno: ruolo, responsabilità e rendicontazione delle attività svolte

La funzione antiriciclaggio nel sistema di controllo interno: ruolo, responsabilità e rendicontazione delle attività svolte La funzione antiriciclaggio nel sistema di controllo interno: ruolo, responsabilità e rendicontazione delle attività svolte S T U D I O R E T T E R S R L A S O C I O U N I C O VIA CORRIDONI, 11-20122 MILANO

Dettagli

Business Continuity: criticità e best practice

Business Continuity: criticità e best practice Business Continuity: criticità e best practice Workshop CeTIF: la gestione dell operatività bancaria Milano, 13 aprile 2005 Chiara Frigerio, CeTIF - Università Cattolica di Milano www.cetif.it 1 Dipartimento

Dettagli

La compliance integrata per la governance d impresa

La compliance integrata per la governance d impresa Convegno Confindustria - Le moderne esigenze di compliance delle PMI La compliance integrata per la governance d impresa Direttore Master Auditing e controllo interno- Università di Pisa Membro del comitato

Dettagli

Percorso professionalizzante per la Compliance in banca

Percorso professionalizzante per la Compliance in banca www.abiformazione.it Percorso professionalizzante per la Compliance in banca Compliance / Corsi Professionalizzanti La nuova edizione del Percorso Professionalizzante è stata riformulata secondo l orientamento

Dettagli

BANCA LEONARDO S.P.A.

BANCA LEONARDO S.P.A. BANCA LEONARDO S.P.A. POLICY SINTETICA PER L INDIVIDUAZIONE, LA PREVENZIONE, IL CONTENI- MENTO E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NEL- LA PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI INVESTIMENTO E/O ACCESSORI MILANO,

Dettagli

ESPERIENZA NEI SISTEMI DI CONTROLLO DELLA POLITICA AGRICOLA COMUNE

ESPERIENZA NEI SISTEMI DI CONTROLLO DELLA POLITICA AGRICOLA COMUNE ESPERIENZA NEI SISTEMI DI CONTROLLO DELLA POLITICA AGRICOLA COMUNE ABSTRACT Relatori: Dott. Antonio Cocco (Partner Responsabile Risk Services della PA di Ernst & Young) Dott. Alberto Girardi (Partner Responsabile

Dettagli

Composizione quali quantitativa ottimale dell Organo amministrativo Comunicazione ai Soci in vista del rinnovo parziale del Consiglio di

Composizione quali quantitativa ottimale dell Organo amministrativo Comunicazione ai Soci in vista del rinnovo parziale del Consiglio di Composizione quali quantitativa ottimale dell Organo amministrativo Comunicazione ai Soci in vista del rinnovo parziale del Consiglio di Amministrazione Sassari, 28 febbraio 2014 1 Sommario 1 PREMESSA...

Dettagli

Funzioni di Audit e Sistema Duale Workshop Cetif Il sistema dei controlli interni alla luce delle nuove prospettive di gestione del rischio

Funzioni di Audit e Sistema Duale Workshop Cetif Il sistema dei controlli interni alla luce delle nuove prospettive di gestione del rischio 1 Pag. 1 Funzioni di Audit e Sistema Duale Workshop Cetif Il sistema dei controlli interni alla luce delle nuove prospettive di gestione del rischio La presentazione è stata realizzata da Banca Popolare

Dettagli

La gestione del rischio di corruzione: dalla norma alla sua applicazione. Napoli, 01 Ottobre 2013

La gestione del rischio di corruzione: dalla norma alla sua applicazione. Napoli, 01 Ottobre 2013 1 La gestione del rischio di corruzione: dalla norma alla sua applicazione Napoli, 01 Ottobre 2013 Innovazione per la Pubblica Amministrazione Economia e gestione delle imprese pubbliche Dipartimento di

Dettagli

Avvisi relativi ai profili ricercati ed esiti - Anno 2016 Aggiornato al 7 settembre 2016

Avvisi relativi ai profili ricercati ed esiti - Anno 2016 Aggiornato al 7 settembre 2016 Assistant Fund Manager (Impiegato) Avvisi relativi ai profili ricercati ed esiti - Anno 206 Supporto ai Fund Manager nell attività di gestione dei fondi immobiliari. Gestione tecnica ed amministrativa

Dettagli

Compliance in Banks 2010 La sfida di integrazione dei controlli interni

Compliance in Banks 2010 La sfida di integrazione dei controlli interni Compliance 2010 La sfida di integrazione dei controlli interni Compliance in Banks 2010 La sfida di integrazione dei controlli interni Claudio Cola Roma, 12 Novembre 2010 www.assoaicom.org LA FUNZIONE

Dettagli

Incontro con le OO.SS. 6 marzo 2014

Incontro con le OO.SS. 6 marzo 2014 Incontro con le OO.SS. 6 marzo 2014 Milano, 6 marzo 2014 Contenuti Risultati 2013 Principali iniziative 2013 Formazione finanziata 2013 Linee guida 2014 Alcune iniziative 2014 2 I RISULTATI DEL 2013: Confronto

Dettagli

I PRINCIPI GUIDA DELLA COOPERAZIONE ITALIANA PER LA SALUTE GLOBALE. Enrico Materia

I PRINCIPI GUIDA DELLA COOPERAZIONE ITALIANA PER LA SALUTE GLOBALE. Enrico Materia I PRINCIPI GUIDA DELLA COOPERAZIONE ITALIANA PER LA SALUTE GLOBALE Enrico Materia Padova, 2 dicembre 2016 ARCHITETTURA DELLA COOPERAZIONE ITALIANA (Lg. 125/2014) Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione

Dettagli

Il valore aggiunto della consulenza Private e i trend evolutivi verso il Wealth Management

Il valore aggiunto della consulenza Private e i trend evolutivi verso il Wealth Management Il valore aggiunto della consulenza Private e i trend evolutivi verso il Wealth Management Elena Mainini Research Analyst - Ufficio Studi AIPB Docente di Laboratorio statistico-informatico per le decisioni

Dettagli

Alta Formazione. per il Collegio Sindacale. L impresa bancaria: i doveri e le responsabilità degli Organi di Vertice. Alta Formazione.

Alta Formazione. per il Collegio Sindacale. L impresa bancaria: i doveri e le responsabilità degli Organi di Vertice. Alta Formazione. Divisione di ABIServizi S.p.A. Via delle Botteghe Oscure, 4 00186 Roma Via Olona, 2 20123 Milano www.abiformazione.it Alta Formazione e Master Edizione 5/2016 L impresa bancaria: i doveri e le responsabilità

Dettagli

Il Presidio Antiriciclaggio negli Intermediari Finanziari ex Art.106

Il Presidio Antiriciclaggio negli Intermediari Finanziari ex Art.106 Il Presidio Antiriciclaggio negli Intermediari Finanziari ex Art.106 ROBERTO BRAMATO D O T T O R E I N E C O N O M I A D E L L E I S T I T U Z I O N I E D E I M E R C A T I F I N A N Z I A R I H T T P

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E RISCHI BREMBO

LINEE GUIDA PER IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E RISCHI BREMBO LINEE GUIDA PER IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E RISCHI BREMBO Elaborato dal Comitato di Controllo Interno e Rischi G. Cavallini Presidente Comitato Controllo e Rischi Firma: Approvato dal Consiglio di

Dettagli

La Compliance e la Governance: un framework per la gestione integrata

La Compliance e la Governance: un framework per la gestione integrata La Compliance e la Governance: un framework per la gestione integrata M. Nicoletta De Bonis - Direttore Sviluppo Prodotti, Opentech Società di Servizi Certificata in Qualità per Tecnologia dell Informazione

Dettagli

CORSO DI CORPORATE GOVERNANCE A.A

CORSO DI CORPORATE GOVERNANCE A.A CORSO DI CORPORATE GOVERNANCE A.A.2012-2013 D.Lgs. 231 / 2001 La responsabilità degli enti per gli illeciti amministrativi dipendenti da reato Prof. Alberto Nobolo 1 FINALITA DEL D.LGS.231/2011 PREVENZIONE.

Dettagli

Risk Governance: disegno e funzionamento

Risk Governance: disegno e funzionamento Risk Governance: disegno e funzionamento Enzo Rocca Vice Direttore Generale Credito Valtellinese ABI Basilea 3, 27-28 Giugno 2013 Partecipazione attiva al processo decisionale Le banche che hanno meglio

Dettagli

Indice. pag. xiii. Presentazione della terza edizione, di Roberto Ruozi » 1» 1» 4

Indice. pag. xiii. Presentazione della terza edizione, di Roberto Ruozi » 1» 1» 4 Indice Presentazione della terza edizione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro

Dettagli

Percorso professionalizzante Risk management in banca

Percorso professionalizzante Risk management in banca www.abiformazione.it Percorso professionalizzante Risk management in banca Risk management / Percorso professionalizzante La capacità di individuare, valutare e gestire i rischi sottesi al business bancario

Dettagli

COMPETENZE E METODOLOGIE

COMPETENZE E METODOLOGIE COMPETENZE E METODOLOGIE Chiara e formalizzata individuazione e distinzione di ruoli e responsabilità ai fini della gestione del rischio a tutti i livelli dell organizzazione aziendale; Istituzione di

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO DI APPLICAZIONE DEL CODICE ETICO. AZIENDA OSPEDALIERA TREVIGLIO CARAVAGGIO di TREVIGLIO

MODELLO ORGANIZZATIVO DI APPLICAZIONE DEL CODICE ETICO. AZIENDA OSPEDALIERA TREVIGLIO CARAVAGGIO di TREVIGLIO Cod. MOD-ORG Rev.: 2 Data: 04/03/15 pag. 1 di: 5 MODELLO ORGANIZZATIVO DI APPLICAZIONE DEL CODICE ETICO AZIENDA OSPEDALIERA TREVIGLIO CARAVAGGIO di TREVIGLIO pag. 2 di: 5 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 STRUTTURA

Dettagli

Approccio operativo per la redazione del Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231

Approccio operativo per la redazione del Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 STUDIO FABIO FADA BUSINESS RISK SERVICES REVIND Approccio operativo per la redazione del Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 Dott. Fabio Fada Dottore

Dettagli

Corporate Governance. Tecnica Industriale e Commerciale 2008/09

Corporate Governance. Tecnica Industriale e Commerciale 2008/09 Corporate Governance Esercitazione I Quesito Sulla base dei caratteri contenuti nella politica di Corporate Governance attuata dal gruppo MPS, valutare la coerenza tra gli obiettivi indicati e gli strumenti

Dettagli

RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE. Settembre 2009

RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE. Settembre 2009 Disposizioni di vigilanza in materia di Poteri di direzione e coordinamento della capogruppo di un gruppo bancario nei confronti delle società di gestione del risparmio appartenenti al gruppo RESOCONTO

Dettagli

Le relazioni tra CdA, Comitato Rischi e Funzioni di Controllo. Elisabetta Gualandri

Le relazioni tra CdA, Comitato Rischi e Funzioni di Controllo. Elisabetta Gualandri Sessione I: Governance e controlli Le relazioni tra CdA, Comitato Rischi e Funzioni di Controllo Elisabetta Gualandri BPER: Banca Università di Modena e Reggio Emilia Roma, 24 giugno 2015 1 Governance

Dettagli

I compiti degli Organi di amministrazione e controllo nell ottica della Banca d Italia. Luigi Mariani Banca d Italia Ispettorato Vigilanza

I compiti degli Organi di amministrazione e controllo nell ottica della Banca d Italia. Luigi Mariani Banca d Italia Ispettorato Vigilanza I compiti degli Organi di amministrazione e controllo nell ottica della Banca d Italia Luigi Mariani Banca d Italia Ispettorato Vigilanza Roma, 27 gennaio 2010 1 L importanza della governance Una governance

Dettagli