conoscere per competere anno 34 - numero 309 giugno 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "conoscere per competere anno 34 - numero 309 giugno 2009"

Transcript

1 giugno 2009 EDITRICE: PROMAPLAST SRL - CENTRO DIREZIONALE MILANOFIORI - PALAZZO F/ ASSAGO (MILANO) CESAP, dal 1983, offre servizi tecnici alle industrie trasforatrici di aterie plastiche. Gestito da Associazioni di categoria e territoriali, CESAP si è specializzato in corsi di forazione per tecnici italiani e stranieri nella propria sede e presso aziende italiane trasforatrici e utilizzatrici finali di anufatti plastici. Un altro abito di attività di CESAP è la consulenza tecnica per l ottiizzazione dei progetti, in funzione degli obiettivi applicativi, per la risoluzione di problei o difettosità legate ai anufatti, per l attività di ricerca sulle proprietà dei ateriali plastici, per la loro scelta in funzione delle applicazioni, per la progettazione di stapi, filiere ecc. Nel proprio laboratorio, CESAP effettua prove fisico-eccaniche, teriche, di fluidità, chiiche, spettroscopiche ecc., su aterie plastiche e anufatti per individuarne la atrice polierica, per studiare le possibili difettosità e per deterinare le proprietà di un ateriale. Oltre 600 ditte ogni anno fruiscono dei servizi CESAP. CESAP srl consortile Via Vienna, Verdellino-Zingonia (BG) Tel Fax e-ail: RIVISTA MENSILE PER LʼINDUSTRIA DELLE MATERIE PLASTICHE E DELLA GOMMA anno 34 - nuero 309 giugno 2009 pr i o in acplas 309 pi an o PROMAPLAST SRL per copetere 䊐 pa D gina EI PR 10 EZ B D IL EC I? ZI 䊐 EN ST 䊐 N p ag IO EN pa IB gin ina D D A a I L IN 22 R G E 䊐 23 SE ICO C 䊐 LA pa ON RV R ZI pa g T O DA i gi R O IB NO RE na na N M U 2 EN E 8 TO MA 䊐 䊐 39 T L T pa DO INE AL ER pag 䊐 O in SA E LO IA gi pa E a n LI I P G LL a ER S 11 G B PO g i n V 4 U I I O IL A SI a 6 MI 4 A O C D U L O N E TI E P 7 R A G TA P M M S R LE R T ʼ A P C O ZIO ED IS PO O A N S U D C N 09 LA M A A O N A E E conoscere ISSN

2 Innovazione ed esperienza al servizio di uno sviluppo sostenibile. Da 15 anni Ceplast produce fil in Mater-Bi per la realizzazione di sacchi e shoppers per la raccolta della frazione organica del rifiuto, copletaente biodegradabili e copostabili in accordo alle norative europee. Il Mater-Bi prodotto dalla Novaont è un ateriale unico e adatto a varie applicazioni nel settore del fil flessibile. Disponibilità di bobine in Mater-Bi Anche piccoli lotti su diensioni a richiesta. Lic. 05 Contact Strada di Recentino, TERNI Tel Fax copostabile

3

4 ORIGINALITÀ ESPERIENZA AFFIDABILITÀ PROMAPLAST SRL MADE IN ITALY Assocoaplast ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI DI MACCHINE E STAMPI PER MATERIE PLASTICHE E GOMMA Centro Direzionale Milanofiori Palazzo F/ Assago (Milano) tel fax e-ail:

5 acplas 309 soario 5 IN QUESTO NUMERO Argoenti del ese... pag. 7 Spunti di attenzione...» 9 Un decennio da ricordare...» 10 L altalena dei prezzi...» 11 Pausa di riflessione...» 12 Asseblea federativa...» 12 Rinnovo al vertice...» 12 Plastica d artista...» 12 Forare al design...» 13 Corsi e seinari...» 13 Plastlab cresce...» 15 Osservatorio congiunturale...» 16 Mercato ondiale in cifre...» 18 Annunci econoici...» 21 Servono davvero ateriali biodegradabili?...» 22 Contributo allo sviluppo sostenibile...» 23 Strategia ipossibile?...» 24 Capagna associativa...» 24 Punto verde...» 26 Tassa e cauzione...» 26 Sviluppo in linea...» 26 Linee per copounding...» 28 Macchine per coponenti d arredo...» 33 Stapaggio rapido di anufatti a parete sottile...» 36 Capsule da record...» 38 Estrusione diretta...» 38 Sistea integrato...» 38 Dosaggio e iscelazione...» 39 Poliuretano sul fondo...» 40 Sandwich a olle...» 40 Elettroidraulica per soffiaggio...» 41 Granuli per tutti...» 42 Teperatura digitale...» 42 Brevetti italiani...» 43 Durezza isurata...» 43 Arredaento e illuinazione...» 44 Notiziario UNIPLAST...» 57 Biblioteca tecnica...» 58 Norativa tecnica...» 59 Assistenza finanziaria...» 59 Convegni e congressi...» 60 Esposizioni e fiere...» 61 Brevetti europei...» 63 Goe a terra...» 64 Capagna proozionale...» 64 Sulle ore del PUR... pag. 64 Estrazione facilitata...» 65 Sculture siliconiche...» 65 Magica goa...» 65 Poliurea fantastica...» 66 Cornici per ontanti...» 66 Notiziario dei copositi...» 67 Carbonio in are...» 70 Micro antifalsari...» 70 Ingresso in federazione...» 70 PATROCINIO Assocoaplast ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI DI MACCHINE E STAMPI PER MATERIE PLASTICHE E GOMMA ASSORIMAP ASSOCIAZIONE NAZIONALE RICICLATORI E RIGENERATORI MATERIE PLASTICHE AIPE ASSOCIAZIONE ITALIANA POLISTIRENE ESPANSO CIPAD COUNCIL OF INTERNATIONAL PLASTICS ASSOCIATIONS DIRECTORS FEDERAZIONE GOMMA PLASTICA - UNIONPLAST ENTE ITALIANO DI UNIFICAZIONE DELLE MATERIE PLASTICHE SOCIETY OF PLASTICS ENGINEERS ISTITUTO ITALIANO DEI PLASTICI direttore Gino Delvecchio redazione Luca Mei Raffaella Fuagalli pubblicità Giuseppe Augello segreteria di redazione Veronica Zucchi servizio lettori e abbonati Giapiero Zazzaro ainistrazione Alessandro Cerizza rivista ensile anno 34 - nuero 309 giugno 2009 coitato di direzione Riccardo Coerio - Mauro Drappo - Alessandro Grassi - Arando Motta - Eraldo Peccetti La direzione della rivista declina ogni responsabilità per quanto riguarda l attendibilità degli articoli e delle note redazionali di fonte varia. editore Proaplast srl Assago (Milano) tel fax e-ail: registrazione presso Tribunale di Milano N. 68 del iscrizione presso Ufficio Nazionale Stapa n del direttore responsabile Claudio Celata fotocoposizione e stapa Editrice L Aonitore (Varese) inoltro postale Tipleco (Piacenza) PREZZO COPIA: 5 EURO Inforativa ex Dlgs 196/03 - Proaplast srl, tratta i dati personali liberaente conferiti per fornire i servizi indicati. Per i diritti di cui all articolo 7 del Dlgs. 196/03 e per l elenco di tutti i responsabili del trattaento, rivolgersi al direttore responsabile. I dati potranno essere trattati da incaricati preposti agli abbonaenti, al arketing, all ainistrazione e potranno essere counicati a società esterne per la spedizione della rivista e per l invio di ateriale proozionale.

6 1967 K anipolatore per presse ad iniezione più di 40 anni di storia 1977 MHY 1 anipolatore elettropneuatico 1987 TWS-1200IIA 1 anipolatore elettropneuatico e telescopico 1997 TW-1000EM III 1 robot con servo-otori digitali oltre unità installate nel solo dipendenti Questi sono i nueri che rassicurano i nostri clienti nel ondo. STAR AUTOMATION EUROPE S.p.A. Via Salgari 2R/2S Caselle di S. Maria di Sala Venezia - Italy - Tel Fax Uxe-1000 estrazione a vuoto 0,39 sec ciclo totale a vuoto 2,60 sec

7 acplas 309 soario 7 Argoenti del ese arketing Un decennio da ricordare... pag. 10 L altalena dei prezzi...» 11 Pausa di riflessione...» 12 Asseblea federativa...» 12 Rinnovo al vertice...» 12 Plastica d artista...» 12 Forare al design...» 13 Corsi e seinari...» 13 Plastlab cresce...» 15 Osservatorio congiunturale...» 16 Mercato ondiale in cifre...» 18 MACCHINE IN ORIENTE ECHI DA OLTRALPE OTTIMISMO DAL BRASILE ISOLAMENTO MONDIALE - COMPOUND EUROPEI Annunci econoici...» 21 plastica e abiente Servono davvero ateriali biodegradabili?...» 22 Contributo allo sviluppo sostenibile...» 23 Strategia ipossibile?...» 24 Capagna associativa...» 24 Punto verde...» 26 Tassa e cauzione...» 26 Sviluppo in linea...» 26 acchine e attrezzature Linee per copounding...» 28 Macchine per coponenti d arredo...» 33 Stapaggio rapido di anufatti a parete sottile...» 36 Capsule da record...» 38 Estrusione diretta...» 38 Sistea integrato...» 38 Dosaggio e iscelazione...» 39 Poliuretano sul fondo...» 40 Sandwich a olle...» 40 Elettroidraulica per soffiaggio...» 41 Granuli per tutti...» 42 Teperatura digitale...» 42 Brevetti italiani...» 43 Durezza isurata...» 43 ateriali e applicazioni Arredaento e illuinazione... pag. 44 SUPERFICI ANIMATE STILE E COLORE RIGENERATA PER POUF FINITURA ESTETICA NATURALI IN BAGNO UNIVERSO ERGO- NOMICO ISPIRATA ALLA NATURA ECO-ICONE DAL RICICLO MO- DERNA E TRADIZIONALE RITARDANTI ALLO STADIO MATTONELLE LUMINOSE LUCE DA ORIENTE CLESSIDRA CELEBRATIVA INSE- GNE IN AEROPORTO PORTALAMPADA PER LED SUPPORTO AL DESIGN rubriche e varie Notiziario UNIPLAST...» 57 IMBALLAGGI TUBAZIONI NON IN PRESSIONE MATERIALI DI RECUPERO SCARICHI NEI FABBRICATI POZZETTI BIODEGRA- DABILI E COMPOSTABILI SACCHI E SACCHETTI Biblioteca tecnica...» 58 Norativa tecnica...» 59 PROGETTI DI NORMA Assistenza finanziaria...» 59 INTERESSI PASSIVI RISPOSTE AI LETTORI Convegni e congressi...» 60 Esposizioni e fiere...» 61 ORIZZONTI CINESI E OLTRE TRASLOCO STORICO SAN PAOLO TIENE Brevetti europei...» 63 elastoeri e poliuretani Goe a terra...» 64 Capagna proozionale...» 64 Sulle ore del PUR...» 64 Estrazione facilitata...» 65 Sculture siliconiche...» 65 Magica goa...» 65 Poliurea fantastica...» 66 Cornici per ontanti...» 66 rinforzati e copositi Notiziario dei copositi...» 67 COMPOSITI A PLAST 09 BREVI DAL MONDO Carbonio in are...» 70 Micro antifalsari...» 70 Ingresso in federazione...» 70 Diffusione di questo nuero Industria trasforatrice 6540 Pieonte-Val d Aosta 627 Liguria 96 Lobardia 2708 Veneto 837 Trentino 60 Friuli 152 Eilia Roagna 675 Toscana 302 Marche 258 Ubria 46 Lazio 150 Abruzzo 89 Molise 9 Capania 192 Puglia 170 Basilicata 20 Calabria 33 Sicilia 89 Sardegna 27 Soci ASSOCOMAPLAST 200 Macchine e attrezzature 200 Materie prie e additivi 100 Varie 460 Estero 500 Diffusione totale La tiratura di questo nuero è di copie ASSOCIATO A UNIONE STAMPA PERIODICA ITALIANA Testata associata Testata volontariaente sottoposta a certificazione di tiratura e diffusione in conforità al regolaento Per il periodo 1/1/ /12/2008 Tiratura edia n copie Diffusione edia n copie Certificato CSST del 26/2/2009 Società di revisione RSM RIA & PARTNERS Tiratura del presente nuero: n copie tel fax

8

9 acplas 309 editoriale 9 Spunti di attenzione... TEMPO DI ASSEMBLEE Anche nel nostro settore il biestre aggio-giugno offre una tradizionale collocazione teporale alle asseblee annuali delle associazioni di categoria. E così anche quest anno ci troviao a coentare sui due nueri estivi (giugno e luglio/agosto) i diversi appuntaenti che hanno coinvolto le tre coponenti della filiera aterie plastiche-goa, a pochi giorni di distanza da quelle dei diversi enti operanti nel settore, quali Corepla, U- niplast e Istituto Italiano dei Plastici. PINA INFERRERA La sequenza è iniziata il 21 aggio con i produttori di aterie prie (PlasticsEurope Italia), la cui asseblea ha proceduto al rinnovo dei vertici associativi. L 11 giugno è stata poi la volta dei costruttori di acchine e attrezzature (Assocoaplast), la cui asseblea ha concesso al consiglio direttivo un anno di proroga per la essa a punto di un piano di riorganizzazione. Infine, il 19 giugno il cerchio si è chiuso con i trasforatori (Federazione Goa Plastica), i quali dal canto loro hanno voluto ettere in evidenza il ruolo priario svolto a vari livelli dal coparto nel quadro industriale nazionale. Ovviaente gli appuntaenti citati - cui sarà dato seguito in dettaglio sui prossii nueri - hanno offerto l occasione per ribadire lo stato di disagio in cui versa l intera industria italiana delle aterie plastiche e per constatare che, a livello generale - a parte qualche fortunata eccezione - i tiidi segnali di speranza che erano affiorati alla conclusione di Plast 09 hanno trovato un seguito concreto piuttosto liitato, tale da non legittiare le aspettative di una rapida ripresa. PRIMO PIANO L articolo di apertura di questo nuero cerca di rinverdire i fasti del recente passato - in palese contrasto con la dura realtà degli ultii esi - dell industria italiana costruttrice di acchine per aterie plastiche e goa, assoluta protagonista in terini di export a livello ondiale nell ultio decennio. Subito dopo viene pubblicata la consueta analisi biestrale dei prezzi delle aterie plastiche, in costante altalena nella pria parte nell anno. Nella rubrica plastica e abiente trovano spazio due articoli firati, rispettivaente di fonte industriale e accadeica. Il prio lancia una provocazione evidente, ettendo in dubbio la necessità iprescindibile dei polieri biodegradabili, entre il secondo si soffera sul contributo a tutto capo delle aterie plastiche allo sviluppo sostenibile del pianeta. Nella rubrica riservata a acchine e attrezzature la rassegna tecnologica prende in esae lo sviluppo delle linee di e- strusione per produzione di copound. La stessa rubrica ospita due ini-rassegne, dedicate rispettivaente alle acchine per produzione di coponenti d arredo e alle apparecchiature per dosaggio e iscelazione. Per quanto riguarda ateriali e applicazioni, questo ese la rubrica è riservata totalente a una nuerosa serie di applicazioni dei ateriali polierici nell abito dell arredaento e illuinazione. Nella rubrica elastoeri e poliuretani viene segnalato il lancio di una capagna europea irata a prouovere l iagine del poliuretano presso l opinione pubblica e l avviaento della produzione industriale di un particolare tipo di goa in grado di auto-ripararsi. Infine, nei rinforzati e copositi, viene pubblicata la pria parte del resoconto dettagliato del congresso sui ateriali copositi a- vanzati svoltosi nell abito di Plast 09. IN COPERTINA La foto in copertina - riprodotta anche qui sopra - ostra un opera di Pina Inferrera in esposizione dal 6 giugno al 22 novebre prossio alla Cà d Oro di Venezia, in occasione della ostra Ania dell Acqua. L artista - che fin dal 2000 ha curato le varie edizioni della rassegna Plastica d Artista proossa da Assocoaplast - già negli anni Ottanta aveva coinciato a realizzare opere con ateriali plastici provenienti dagli scarti industriali. L opera dal titolo Aedicula con Thecae - Mutae Mutabilis (di cui si parla nell articolo a pagina 12 di questo stesso nuero) è costituita da un altare rigorosaente in etacrilato trasparente e da alcune piccole teche dello stesso ateriale con all interno olio e glitter. La figura feinile soersa nella natura denota assenza di corporeità e la leggerezza delle asse che si dilatano in uno spazio liquido evoca un espansione dello spirito verso l universo.

10 10 arketing acplas 309 Passato e presente dell export italiano di acchine e attrezzature UN DECENNIO DA RICORDARE In questo oento - orai piuttosto lungo - di crisi profonda può esser consolatorio dare uno sguardo all indietro sofferandosi in particolare sull ultio decennio, che rappresenta un periodo olto interessante e altresì probleatico per olti versi. Un tepo ricco di grandi cabiaenti e sconvolgienti geopolitici nonché econoici (coe quelli più attuali che stiao, ahiè, vivendo), caratterizzato altresì dal fatidico passaggio al nuovo Millennio e dall ingresso dell euro. Questo è il presupposto che, a copleento dell analisi econoico-statistica 2008 pubblicata sul nuero di aprile della nostra rivista, ha stiolato la stessa Assocoaplast (associazione di categoria dei costruttori italiani di acchinari per aterie plastiche e goa) a un analisi ulteriorente approfondita dell export settoriale, andando cioè a onitorare l andaento dei principali ercati di destinazione del ade in Italy del coparto dal 1999 a tutto lo scorso anno. La lettura dei dati riportati nella tabella a fondo pagina evidenzia un increento quasi costante dell export totale di acchine italiane nell arco del decennio in esae. In particolare la tabella riporta la graduatoria top 10 dei paesi di destinazione per ciascun anno e, a tale riguardo, qui di seguito vengono sottolineati alcuni aspetti salienti. I dieci sbocchi coerciali prioritari che - più spesso - rientrano nella graduatoria annuale nel periodo sono 13, nuero contenuto che denota una sostanziale stabilità dei ercati stessi. La aggioranza (9) è europea, ancorché i relativi trend siano altalenanti e in buona parte decrescenti, soprattutto negli anni più recenti. I paesi-ercato costanteente presenti nella classifica dei top 10, fatti salvi gli avvicendaenti di posizione, sono 5; di questi, in neretto nella tabella, coe si nota 3 sono partner counitari, entre gli altri 2 sono esattaente agli estrei orientale e occidentale. La Gerania si rivela la destinazione più costante per l export italiano di settore nel periodo, risultando peraltro al vertice sin dal 1991, con la quota percentuale edia annua nettaente più elevata. Viceversa, la Svizzera risulta la più scostante : solo un 10 posto nel Da ultio, prescindendo dal (liitato) ricabio dei paesi rientranti nelle classifiche top 10 del decennio in esae, la soa delle relative quote percentuali si è antenuta costanteente e decisaente sopra il 60% sino al 2005, registrando il picco assio (quasi 2/3 del globale) nel Di contro, negli ultii tre anni, il totale si è assottigliato progressivaente e, in tutti i casi, la edia annuale nel decennio risulta del 61,2%. Tornando purtroppo al presente - o eglio al passato prossio - la stessa fonte associativa segnala un ulteriore peggioraento dell'export italiano nei prii due esi di quest anno: dal -26,5% di gennaio 2009 (sul gennaio 2008) si è passati al -31,8% dei prii due esi (sepre a confronto con l analogo periodo dell anno scorso). Peraltro tale dato non sorprende, anche alla luce delle indagini condotte fra i costruttori che hanno evidenziato un drastico rallentaento della doanda a partire dallo scorso autunno. Non è di olta consolazione il fatto che anche le iportazioni (in altri terini, le vendite dei concorrenti esteri in Italia) siano sensibilente diinuite: -8% a gennaio e -13,7% a febbraio (sepre a confronto con gli analoghi periodi del 2008). Per quanto riguarda i prossii esi, sebbene la situazione appaia quanto eno stabilizzata, a livello statistico l'andaento delle vendite all'estero sebra destinato a rianere di segno negativo. EXPORT ITALIANO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER MATERIE PLASTICHE E GOMMA - TOP ANNO PAESI QUOTA (%) POSI QUOTA ZIONE (%) POSI QUOTA ZIONE (%) POSI QUOTA ZIONE (%) POSI QUOTA ZIONE (%) POSI QUOTA ZIONE (%) POSI QUOTA ZIONE (%) POSI QUOTA ZIONE (%) POSI QUOTA ZIONE (%) POSI QUOTA ZIONE (%) POSI ZIONE QUOTA MEDIA (%) BENELUX 2,9 8 3,8 8 2,9 10 2,5 NC 2,5 NC 2,4 NC 3 NC 2,2 NC 2,5 NC 2,2 NC 2,7 BRASILE 4,6 7 3,3 9 3,4 9 2,9 9 1,8 NC 1,6 NC 2,3 NC 1,9 NC 1,9 NC 3,0 9 2,7 CINA 4,6 6 4,3 6 8,2 3 7,5 3 7,4 3 5,3 5 6,7 3 6,1 4 5,0 6 4,6 6 6,0 FRANCIA 9,3 2 8,8 3 9,1 2 8,7 2 7,5 2 7,7 2 5,6 6 5,8 5 5,7 3 6,6 3 7,5 GERMANIA 13,8 1 12, ,9 1 19,4 1 18,8 1 13,5 1 13,2 1 14,5 1 11,7 1 14,8 MESSICO 2,0 NC 3,9 7 3,6 8 4,6 7 3,4 9 2,3 NC 3,6 9 3,0 10 2,6 10 3,1 8 3,2 POLONIA 2,7 10 2,6 NC 2,3 NC 1,4 NC 2,6 10 3,2 9 3,2 10 4,8 7 4,4 7 4,8 5 3,2 REGNO UNITO 6,0 5 5,2 5 4,7 6 5,5 6 4,4 6 4,4 7 4,0 7 3,8 8 3,3 9 2,6 NC 4,4 SPAGNA 7,5 4 7,4 4 6,2 4 6,6 4 6,8 4 6, ,6 6 5,2 5 4,5 7 6,2 STATI UNITI 7,8 3 9,6 2 5,9 5 5,9 5 6,1 5 5,2 6 7,6 2 6,3 3 5,5 4 5,4 4 6,5 SVIZZERA 2,0 NC 2,0 NC 2,2 NC 2,0 NC 1,8 NC 3,0 10 2,4 NC 2,4 NC 2,5 NC 2,8 NC 2,3 TURCHIA 2, ,8 NC 2,6 10 3,6 8 4,1 8 3,7 8 3,5 9 3,6 8 3,0 10 3,3 FEDERAZIONE RUSSA 2,3 NC 2,4 NC 4,1 7 3,6 8 4,2 7 6,2 4 6,1 4 6,4 2 8,9 2 9,1 2 5,3 TOTALE TOP 10 (%) 62,0 62,0 62,1 63,8 65,4 64,1 60,0 58,5 58,7 55,8 61,2 TOTALE EXPORT (MILIONI DI EURO) 2.034, , , , , , , , , ,4 NC = NON CLASSIFICATO TRA I TOP 10

11 acplas 309 arketing 11 A cura di Mario Ferrari L ALTALENA DEI PREZZI Un esperto di arketing coenta ogni due esi l evoluzione del ercato delle aterie plastiche sulla base del listino prezzi italiano e dell osservatorio internazionale - pubblicati entrabi dalla Federazione Goa Plastica - oltre che dei counicati eessi dai produttori di aterie prie. Sebra strano a le sensazionali posizioni al rialzo o al ribasso delle aterie prie sono copensate da una parziale stabilità. Le variazioni sono inie, coe risulta dalla rilevazione di età aggio effettuata coe di consueto dalla Caera di Coercio e coparata con quella di età aprile. Se escludiao il rialzo significativo della poliaide (+8%), per il resto non ci sono particolari scossoni. Passi anche il polistirene antiurto che segna un +5% e il policarbonato in calo del 3,85%, poiché non si tratta di valori significativi, di polieri stressati dall effetto crisi. In effetti la crisi non ha diostrato nulla dal punto di vista puraente statistico. Probabilente tutti si sono resi conto, utilizzatori e fornitori di aterie prie, di avere esagerato. I fornitori nel chiedere troppo al cliente, i clienti nel non pagare abbastanza sfruttando, se così si può dire, l andaento ciclico della acroevidenza econoica, alla quale tutti in questo oento, volenti o nolenti, ci stiao aggrappando. Certo arrivano ancora counicati che, sul fronte delle aterie prie, non proettono nulla di buono. Ma il osaico che le rispettive ultinazionali dei polieri stanno coponendo, a colpi di elargizioni, sinergie e acquisizioni, ci consente di considerare il ercato dei polieri aleno per trarne possibili deduzioni. Dal 1 giugno Dow Europe ha annunciato di aver auentato il prezzo dell ABS Magnu e del SAN Tyril di 90 euro/ton, in pratica sulle posizioni dei copolieri. Nel contepo DSM ha annunciato di avere quadruplicato la produzione di poliaide Stanyl ForTii per dare sfogo alla doanda sepre più evidente di tale prodotto, utilizzato soprattutto nel settore elettronico e nelle applicazioni olto tecniche. Dow Cheical inoltre ha annunciato il copletaento dell acquisizione di Roh & Haas. Questa operazione rappresenta un passo iportante nella strategia volta al rafforzaento del portfolio di prodotti ad alte prestazioni e di specialità allo scopo di ottenere una crescita più costante della redditività. A seguito dell acquisizione, le tecnologie all avanguardia, l estesa presenza geografica e le consolidate reti coerciali RIFRA delle due organizzazioni creeranno un business diversificato da 14 iliardi di dollari che sarà denoinato Dow Advanced Materials. Insoa, possiao parlare di crisi a non possiao certaente negare che il ondo dei polieri non si sia dato da fare per reagire a questa crisi dalle previsioni indeterinate. Intanto le strategie si oltiplicano. Basf odifica le sue strutture nel Sud Europa per increentare efficacia operativa ed efficienza. A partire dal 1 luglio i business center Italy (responsabile per le attività in Italia, Grecia, Malta e Cipro) e Iberia (per Spagna e Portogallo) - che attualente offrono servizi a tutte le società Basf presenti in tali paesi - si uniranno in un unica struttura che si chiaerà Business Center Europe South. Lo scopo di questo accorpaento è quello di rafforzare e supportare una crescita sostenibile dei business del gruppo attraverso strutture di servizi ancor più efficaci ed efficienti, in particolare in ercati chiave coe quello italiano e quello spagnolo. Cobinare le due strutture in un unica organizzazione, dovrebbe consentire il raggiungiento di questo obiettivo. Snellire, far eergere sinergie in varie fore di aggregazione per ottenere odelli di operatività sepre più funzionali, efficaci a non rigidi: anche da questo parte la riscossa del ondo dei polieri, della quale tutti abbiao bisogno. Ma le novità non sono finite. Sarlik (DSM) ha ufficialente aperto un nuovo sito a Genk (Belgio) per potenziare la produzione di goa teroplastica vulcanizzata. Vi sono poi alcune note dolenti. Borealis annuncia una perdita netta di 56 ilioni di euro per il prio triestre 2009, un 54% in più e una riduzione di 98 ilioni di euro del debito netto rispetto all ultio triestre del Nonostante perangano condizioni di ercato estreaente ipegnative, i volui delle vendite e i prezzi hanno ostrato qualche recupero nel corso il prio triestre del Infine una sottile nota per intenditori: non consultate i prezzi dei polieri se pria non avete dato uno sguardo all andaento dei costi delle aterie prie che servono alla produzione di siffatti polieri. Una regola seplice a efficace. Certaente anche le resine di base dovrebbero essere traguardate con questo etodo, fino ad arrivare ad affondare le radici di questa analisi nel territorio delle pure aterie prie di base: petrolio, greggio e derivati. Per una volta non ci confrontiao con il prezzo del petrolio. Inutile. Di fronte al osaico descritto vi è già ateria sufficiente per una solida tutela della qualità delle applicazioni e delle strategie che si oltiplicheranno, a buon diritto, nel ondo dei polieri. Senza la plastica non si può più vivere. Cerchiao quanto eno di calcolarne l estensione del valore. Prezzi in auento per i prodotti di base. Elastogran, con effetto iediato, ha deciso di auentare i prezzi per MDI e TDI, prodotti di base in Europa che richiedevano un adeguaento dovuto all insoddisfacente crescita dei profitti per entrabi. E attualente non è chiaro se saranno necessari ulteriori adeguaenti.

12 12 arketing acplas 309 Pausa di riflessione Si è svolta l 11 giugno, presso il Cesap di Verdellino-Zingonia, l asseblea annuale di Assocoaplast, l associazione nazionale di categoria dei costruttori di acchine e attrezzature per aterie plastiche e goa. In tale occasione è stata approvata la proposta di prorogare, in via straordinaria, fino a giugno 2010 la presidenza di Riccardo Coerio e tutte le altre cariche associative, per procedere agli approfondienti relativi all organizzazione e alle attività dell associazione alla luce dell attuale realtà del coparto industriale. Coe è stato chiarito e deliberato nel corso dell asseblea - a cui ha partecipato circa il 63% dei soci ordinari - l ipotesi di lavoro affidata alla presidenza non è dettata da problei finanziari o patrioniali a dall esigenza di esainare l attualità degli investienti in attività editoriali, proozionali e fieristiche dell associazione e della società di gestione Proaplast, allo scopo di ottiizzare le risorse, individuando le priorità ed eventualente creando sinergie con altre associazioni. Le linee guida - tutte ancora da analizzare e discutere del piano di riorganizzazione riguardano la possibile condivisione della segreteria organizzativa con altre anifestazioni fieristiche settoriali, pur antenendo ognuna la propria autonoia, oppure - ispirandosi al odello della VDMA tedesca - di alcune strutture operative con altre associazioni di categoria appartenenti a Federacchine. Le consultazioni avviate nei esi scorsi in tal senso hanno riscontrato un certo interesse in erito. A partire dalle prossie settiane il presidente Riccardo Coerio darà l avvio alla forazione di gruppi di lavoro per gli approfondienti del caso. Asseblea federativa Il valore dellʼindustria della produzione di anufatti in goa e aterie plastiche era il tea centrale dellʼasseblea generale della Federazione Goa Plastica, tenutasi a Milano il 19 giugno. È stato affidato allʼeconoista Marco Fortis, vice-presidente della Fondazione Edison, il copito di illustrare gli iportanti risultati raggiunti dal sistea PGMS (Plastica-Goa- Macchine-Stapi) nel quadro industriale nazionale. Quando si parla di eccellenze del ade in Italy, il pensiero coune si soffera su abbigliaento e oda, su industria alientare e arredaento. Pochi sanno, anche tra gli addetti ai lavori, che il sistea PGMS genera un export di 20 iliardi di euro, dei quali quasi 13 sono costituiti da anufatti in aterie plastiche e goa. Un sistea industriale costituito, nel suo coplesso, da iprese e dipendenti, pari al 4,5% degli Rinnovo al vertice occupati, prevalenteente collocato nellʼarea padana a che si è insediato con interessanti risultati anche nelle Marche, in Puglia e Sicilia. Inevitabili però anche i richiai allo stato di difficoltà in cui si trova il sistea PGMS: le applicazioni nel settore auto, in edilizia e nellʼiballaggio industriale stanno dando filo da torcere a questo sistea industriale trascurato dalle istituzioni, ignorato dal sistea bancario e torentato da una cattiva e disinforatissia stapa. Sebra iportare a pochi il fatto che ricerca e innovazione tecnologica siano il pane quotidiano di questi coparti. Assai più facile, per esepio, scagliarsi contro le aterie plastiche per supposte otivazioni abientali e dienticare che il sistea degli iballaggi plastici questʼanno etterà a disposizione della collettività quasi 300 ilioni di euro per operazioni di raccolta differenziata, recupero e riciclo. A parere di Nicola Centonze, neo-presidente della Federazione Goa Plastica, occorre un riposizionaento istituzionale. Farsi conoscere, farsi apprezzare, farsi ascoltare: unʼoperazione lunga e coplessa che parte dai dati econoici di Fondazione Edison. Inquadrare il valore econoico, e sociale, di queste Iprese è il prio passo per una rivalutazione di questi geniali e insostituibili ateriali. Allʼasseblea sono intervenuti i In occasione dellʼasseblea annuale, tenutasi a Milano il 21 aggio scorso, PlasticsEurope Italia, lʼassociazione di Federchiica che raggruppa i produttori di aterie plastiche presenti nel nostro paese, ha rinnovato i propri vertici. A ricoprire la carica di presidente per il biennio è stato chiaato Alberto Maria Alberti, ainistratore delegato di Polieri Europa, che subentra a Giuseppe Rossi (Basell), in carica dal Alberti, che attualente ricopre la carica di vice-presidente di Federchiica, è laureato in ingegneria chiica e ha aturato la propria esperienza professionale allʼinterno del Gruppo ENI. Il neo-presidente ha conferato di voler concentrare le attività dellʼassociazione su alcuni iportanti nodi strutturali dellʼindustria delle aterie plastiche, a livello nazionale e internazionale, in particolare quelli connessi al fine vita dei anufatti in plastica. Ha inoltre ribadito la volontà di rafforzare il coordinaento con le altre associazioni della filiera delle aterie plastiche, per attivare le opportune sinergie. Nellʼoccasione è stato approvato, in via straordinaria, lo stanziaento di alcune borse di studio per studenti e laureandi dellʼuniversità dellʼaquila. rappresentanti dellʼintera filera industriale, tra cui Riccardo Coerio, presidente di Assocoaplast (costruttori di acchine e attrezzature), e Giuseppe Rossi in rappresentanza di PlasticsEurope Italia (produttori di aterie prie). Plastica d artista La rassegna d arte conteporanea Plastica d Artista - che prosegue orai dal 2000 per volontà di Assocoaplast - dopo essere stata presentata anche nell abito delle ostre regionali PlasTech (Ancona) e Sauplast (Pordenone), quest anno è tornata nel quartiere di FieraMilano a Rho a Milano in occasione di Plast 09, riscuotendo notevole successo. Dal pubblico affluito nueroso e dagli stessi espositori è giunta una pioggia di coenti positivi e addirittura coplientosi, tutti felici d ibattersi, dopo aver lungaente girato fra gli stand, in un piacevole spazio di opere d arte, pur restando nello stesso abito di produzione visto che si tratta di opere realizzate con ateriali plastici. Il io incontro con la plastica - racconta Pina Infererra, l artista che fin dagli inizi ha curato la rassegna - è diventato d interesse artistico negli anni Ottanta, quando questo ateriale era olto bistrattato dai ass edia e dall opinione pubblica perché ritenuto ingobrante e inquinante. Sepre negli anni Ottanta Inferrera ha coinciato a realizzare opere con ateriali plastici provenienti dagli scarti industriali. I prii recuperi hanno avuto inizio con pezzi stapati deforati che diventavano affascinanti e poetiche fore antropoorfe. Dai cascai industriali e dai filati di poliestere di Radici, Inferrera ha realizzato

13 acplas 309 arketing 13 le Chaise Longue, dedicate alle figure feinili più proropenti del cinea e dei cartoon, coe Anita Ekberg e Jessica Rabbit. Nelle precedenti anifestazioni l associazione culturale Idea di Vita per l Arte Conteporanea, di cui Pina Inferera è il direttore artistico, ha invitato a partecipare a Plastica d Artista artisti provenienti da varie parti d Italia e anche dall estero. In occasione di Plast 09 Inferrera ha condiviso lo stand con l artista Claus Joans, che con i ateriali plastici realizza suggestive e coloratissie lapade dall aspetto toteico. Dal 6 giugno fino al 22 novebre prossio un opera in PMMA della stessa Pina Inferrera è esposta al palazzo Cà d Oro di Venezia, in occasione della ostra Ania dell Acqua, in concoitanza con la 53 Biennale. L opera dal titolo Aedicula con Thecae - Mutae Mutabilis (illustrata anche in copertina di questo nuero) è costituita da un altare rigorosaente in PMMA trasparente e da alcune piccole teche dello stesso ateriale con all interno olio e glitter. Le Thecae sono ispirate ai santini che i nostri nonni tenevano sui coodini e che giocosaente venivano capovolti per far venire giù la neve. Le figure sulle Thecae fanno parte della serie di iagini Mutae Mutabilis, che hanno una valenza sibolica in quanto riprendono il tea delle ninfe e del sogno. INFERRERA Corso di alta forazione al Politecnico di Milano Forare al design POLI.design, consorzio del Politecnico di Milano, con il patrocinio di Assocoaplast, presenta la 4ª edizione di Design for Plastics, un corso di alta forazione dedicato alla gestione e allo sviluppo progettuale del prodotto da realizzare in ateria plastica. Ispirato ai principi del design for X - concetto dal quale sono nate le più oderne strategie di produzione industriale - il corso ha l obiettivo di costruire una figura di elevata professionalità. Il design anager che verrà forato sarà in grado di gestire autonoaente le fasi di progettazione e sviluppo del prodotto in ateriale polierico sul piano sia culturale sia tecnico-scientifico, nonché di seguirne i processi di prototipazione e fabbricazione. La didattica, pur riferendosi costanteente agli aspetti progettuali e produttivi, si basa su un approfondita analisi dei contesti culturali, quindi sociali e abientali, che hanno peresso alla plastica di divenire la ateria d eccellenza del prodotto dei giorni nostri. Un adeguata professionalità, in questo capo così coplesso, può essere acquisita solaente ediante insegnaenti specifici, talvolta estreaente diversi, che dotino il professionista di appropriati struenti interdisciplinari. Le aterie d insegnaento che verranno trattate riguardano la storia e la cultura dell oggetto in plastica - ove necessario, traite l esposizione di case history - gli scenari socioabientali indotti dall uso delle aterie plastiche, la scienza dei polieri, i ateriali polierici e le relative tecnologie di trasforazione - anche ediante le indispensabili analisi di capioni - i copositi polierici, la progettazione dei coponenti e del loro asseblaggio, la prototipazione rapida (argoento quest ultio che POLIDESIGN sarà oggetto di uno specifico seinario esterno). Il corso, che avrà inizio il 15 gennaio 2010, prevede 140 ore di attività, suddivise in oduli didattici: 1) Cultura delle Materie Plastiche, 2) Workshop Plastics Design, 3) CAD for Plastics. Il prograa si sviluppa a partire da un odulo culturale, dei fondaenti teorico-tecnici relativi al design dell oggetto in plastica. A esso seguiranno attività di laboratorio, in cui si identificherà un contesto progettuale e nel cui abito si potranno sperientare le conoscenze acquisite attraverso esercitazioni progettuali ed esperienze sul capo. Presso i laboratori Cesap di verdellino-zingonia sarà per esepio possibile avere riscontri con specialisti di elevatissia esperienza che guideranno alcune visite ostrando apparecchiature di prova, le tecnologie di fabbricazione degli stapi e alcuni processi di produzione. Il terzo odulo sarà orientato all acquisizione di capacità di odellazione di superfici coplesse ediante l uso del software Rhinoceros V.4. La didattica potrà essere integrata da ulteriori attività esterne quali visite a usei, esposizioni di settore, odellerie e attrezzerie, siti produttivi. DISEGNO CAD - PROCESSI E CRITERI PER LA PROGETTAZIONE DI PRODOTTI INDUSTRIALI A MEDIA COMPLESSITÀ - WORKSHOP - LABORATORIO SVILUPPO PRODOTTI PROCESSI E METODI DELLA PRODUZIONE VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PROGETTO CONTROLLO QUALITÀ E CERTIFICAZIONE MATERIALI E TECNOLOGIE IMPRESA E INNOVAZIONE - STRUMENTI PER LʼINNOVAZIONE DESIGN-DRIVEN - BREVETTAZIONE Corsi e seinari SCHEMA DIDATTICO DEL CORSO Di seguito segnaliao ai lettori il prograa provvisorio dei corsi e seinari di carattere tecnicopratico (suddivisi per argoento) che si svolgeranno fino a dicebre presso il CESAP di Verdellino-Zingonia (Bergao), centro di assistenza alle iprese trasforatrici e utenti di aterie plastiche gestito da associazioni di categoria e territoriali. Materie prie e laboratorio

14 Made in Italy Play It Plastic! Nell arco del 2009, l Istituto per il Coercio Estero (ICE) e ASSOCOMAPLAST partecipano con stand inforativi sul Made in Italy settoriale alle ostre specializzate di: Bangkok, Calcutta, Canton, Chicago, Dubai, Francoforte, Istanbul, Kuala Lupur, Lione, Mosca, Nuova Delhi, Riyadh, San Paolo. Inoltre, vengono svolti seinari tecnologici e corsi di forazione riservati a operatori: algerini, egiziani, giordani, indiani, arocchini, polacchi, russi, sauditi, serbi, slovacchi, tailandesi e venezuelani. Per ulteriori inforazioni: oppure: Assocoaplast ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI DI MACCHINE E STAMPI PER MATERIE PLASTICHE E GOMMA ICE - Istituto nazionale per il Coercio Estero Via Liszt, Roa EUR Tel: Fax: web:

15 acplas 309 arketing 15 1 luglio - Polipropilene, un poliero in crescente espansione luglio - Le poliaidi (PA): criteri di scelta e odalità applicative 23 settebre - Analisi delle proprietà fondaentali delle aterie plastiche con lettura di un bollettino tecnico 1 ottobre - Struttura e identificazione dei polieri ottobre - Conoscenza e criteri di scelta delle aterie plastiche 29 ottobre - Additivi per aterie plastiche: classificazioni e funzioni 3 novebre - Applicazioni tipiche ottiali delle principali faiglie di polieri teroplastici 1 dicebre - Reologia: prove di laboratorio e applicazioni tecnologiche 2 dicebre - Polietilene, il poliero dalle olteplici applicazioni calde per stapi a iniezione: evoluzione, criteri di scelta e dettagli costruttivi Estrusione 7-9 luglio - Analisi del processo di estrusione luglio - Estrusore bivite: principi fondaentali e analisi del processo 3-5 novebre - Analisi del processo di estrusione 20 novebre - Difettosità nell'estrusione di tubi e profili: cause e riedi Altre tecnologie 8 ottobre - Teroforatura - progettazione e tecnologia 10 novebre - Stapaggio Attività in laboratorio rotazionale: applicazioni e sviluppi Seinari di aggiornaento 16 ottobre - Novità della nuova edizione della nora UNI EN ISO9001:2008 per aziende trasforatrici di aterie plastiche 20 ottobre - Tecnologia dello stapaggio con gas: applicazioni e sviluppi 10 novebre - Materiali plastici biodegradabili: proprietà e capi di applicazione Oltre ai corsi svolti nella propria sede, Cesap organizza anche corsi aziendali in base a specifici prograi concordati con le iprese. Inoltre il centro offre consulenza nella progettazione di anufatti, una banca-dati per la scelta dei ateriali, assistenza nella certificazione e prove di laboratorio sui anufatti. Per ulteriori inforazioni e quotazioni per servizi e consulenze su isura gli interessati possono: telefonare ( ), inviare un fax ( ) o una e-ail oppure consultare il sito Stapaggio a iniezione 16 settebre - Difettosità dei anufatti nello stapaggio a iniezione: cause e riedi 17 settebre - Tolleranze diensionali: distorsioni e ritiri 24 settebre - Valutazione del costo di un anufatto stapato a iniezione 26 settebre - Corso pratico di stapaggio a bordo acchina 7-9 ottobre - Stapaggio a iniezione: conoscenze di base con prove pratiche 24 ottobre - Corso pratico di stapaggio a bordo acchina novebre - Approfondienti sullo stapaggio a iniezione: teoria e pratica 11 novebre - Difettosità dei anufatti nello stapaggio a iniezione: cause e riedi Progettazione e ingegnerizzazione novebre - Principi di progettazione di un anufatto in plastica Stapi 29 settebre - Stapi per iniezione: le parti filettate nei pezzi stapati, problei e soluzioni 14 ottobre - Raffreddaento stapi: iportanza del controllo della teperatura ottobre - Stapi per iniezione: funzioni eccaniche di base 12 novebre - Valutazione econoica-funzionale di uno stapo in relazione alle variabili di processo novebre - Caere Plastlab cresce Plastlab è un laboratorio con sede a Orbassano (Torino), che opera con finalità tecnicoscientifiche nellʼabito dei ateriali polierici in generale, eseguendo le principali prove di caratterizzazione su aterie prie, seilavorati e articoli finiti. Tra i soci del laboratorio rientra anche Assocoaplast. Accanto alla struttura principale è stato di recente allestito un capannone di nel quale è collocata una cella ultifunzionale - realizzata da RTM - per lo studio e la sperientazione della tecnologia di saldatura laser su ateriali polierici. Progettata per prove di lavorazione in due iportanti applicazioni - arcatura e saldatura - la cella Copact MJ1X è equipaggiata con una sorgente Nd YAG popata da diodi laser, con potenza fino a 200 W, in grado di operare in due diversi regii di funzionaento: ipulsato in regie di Q-switch per eseguire operazioni di arcatura (con energia per ipulso fino a 16 a 10kHz con durata dʼipulso da 27 nanosecondi) oppure continuo per applicazioni di saldatura. In questo odo, con una sola sorgente, è possibile avere rispettivaente unʼelevata potenza di picco in ipulsi olto brevi, che vaporizza e riuove il ateriale da arcare, oppure una potenza continua per interazioni di tipo puraente terico necessaria per la saldatura da 100 per arcatura e incisione. Il capo di arcatura è noralente copreso tra 50 x 50 e 150 x 150 a può arrivare anche a 400 x 400. Gli assi rotativi degli specchi consentono di ottenere velocità di arcatura fino a /sec, anche se noralente non viene superata la soglia di /s. Lʼinterazione tra sistea e operatore avviene grazie allʼutilizzo di un software traite il quale si possono regolare tutte le variabili per effettuare sia la arcatura sia la saldatura. Il prograa perette sia di effettuare una lavorazione anuale, traite lʼutilizzo di un software di grafica, sia di ipostare un prograa che peretta di svolgere un ciclo produttivo precedenteente creato. Grazie a ciò, una volta ipostato il prograa e preparata lʼattrezzatura necessaria, allʼoperatore resta PLASTLAB soltanto il copito di provvedere al carico e scarico dei pezzi. Segnaliao infine che, dallʼinizio di aggio fino a età giugno, presso Plastlab si sono svolti i seguenti corsi e seinari di forazione (alcuni dei quali organizzati con la collaborazione di Cesap): Incollaggio e saldatura di anufatti (7 aggio) Stapaggio a iniezione (12 aggio) Introduzione ai ateriali copositi a atrice polierica (18 aggio) Goe siliconiche e fluorosiliconiche (22 aggio) Difetti dei anufatti di stapaggio: cause e riedi (25 aggio) Additivi per aterie plastiche: classificazione e funzione (9 giugno) Conoscenze e criteri di scelta delle aterie plastiche di pria scelta e riciclate (11-12 giugno).

16 16 arketing acplas 309 A cura di Alberto Colnago (ASSOCOMAPLAST) OSSERVATORIO CONGIUNTURALE Queste due pagine, pubblicate orai da alcuni anni all interno della rubrica arketing, tendono a veicolare un ix di inforazioni su attualità (anche se le statistiche sono retrodatate, di pochi esi, per ovvi otivi di raccolta e conseguente elaborazione dei dati) e prospettive delle industrie di riferiento. L obiettivo è sepre quello di offrire ai lettori una panoraica - che si è andata integrando nel tepo - di indicatori settoriali, volutaente in sintesi, attinenti a situazioni pregresse e a breve terine per i diversi coparti industriali che concorrono alla filiera di aterie plastiche e goa: aterie prie, acchinari per la loro lavorazione e trasforazione. Le indicazioni che eergono sono volte a offrire spunti o eleenti di riflessione finalizzati a orientare, possibilente, business plan, investienti, prograi produttivi e quant altro, perettendo di tarare le attività di arketing e coerciali delle aziende. Fatta questa preessa, nel precisare che tabelle e grafici a seguito pubblicati sono frutto di rilevazioni, elaborazioni e proiezioni di fonti diverse (associazioni di categoria, aziende, Caere di Coercio, Istat ecc.), si puntualizza quanto segue. Nella tabella 1 sono riportati i risultati dell indagine ensile svolta direttaente da Assocoaplast presso un capione ristretto e selezionato di iprese trasforatrici italiane operanti sull intero territorio nazionale e nei diversi segenti produttivi. Lo scopo della rilevazione è di enfatizzare la situazione del coparto in terini di attualità, confrontando i risultati dell ultio ese disponibile rispetto a quelli del precedente, e di prospettive a breve, proponendo l una e le altre sotto fora di indici relativaente a raccolta ordini sui ercati interni ed esteri, produzione, prezzi di vendita per i anufatti e di acquisto delle aterie prie. In subordine, le stesse previsioni a 3-4 esi forulate dalle iprese trasforatrici intervistate danno luogo alle cosiddette curve dell ottiiso, ovvero i tre grafici della pagina a fronte, che rendono in qualche isura visibili le sinusoidi circa le attese dei predetti fattori. Le tabelle 2 e 3 forniscono prezzi inii e assii rilevati per le principali resine teroplastiche e teroindurenti, nonché di alcuni anufatti, estrapolati dal listino ufficiale pubblicato dalla Caera di Coercio di Milano in collaborazione con Federchiica/PlasticsEurope- Italia e Federazione Goa- Plastica. Nella tabella 4 viene ripreso l indice ensile grezzo Istat relativo alla produzione di anufatti e seilavorati in aterie plastiche e goa. Tale indicatore, per convenzione in abito UE, è ispirato alla noenclatura generale in vigore; l anno base (= 100) considerato è il 2005 (conforeente all aggiornaento del aggio 2009). Infine le tabelle 5 e 6 riproducono i dati del coercio estero italiano, pubblicati ensilente dall Istituto nazionale di statistica (Istat), ovvero iport ed export di interedi e prodotti finiti in aterie plastiche e acchinari per la lavorazione di polieri e goa. TABELLA 1 - INDAGINE CONGIUNTURALE SULLʼINDUSTRIA TRASFORMATRICE (1/5/2009) SITUAZIONE RISPETTO AL MESE PRECEDENTE SCOSTAMENTO SITUAZIONE PORTAFOGLIO ORDINI ITALIA PORTAFOGLIO ORDINI ESTERO PREZZI DI ACQUISTO DELLE MATERIE PRIME PREZZI DI VENDITA DEI MANUFATTI PRODUZIONE PREVISIONE A 3-4 MESI SCOSTAMENTO TREND ACQUISIZIONE ORDINI ITALIA ACQUISIZIONE ORDINI ESTERO PREZZI DI ACQUISTO DELLE MATERIE PRIME PREZZI DI VENDITA DEI MANUFATTI PRODUZIONE INCREMENTO >10% INCREMENTO 0-10% STABILITÁ RIBASSO 0-10% RIBASSO >10% TABELLA 2 - PREZZI DI LISTINO DEI POLIMERI IN ITALIA (euro/ton) PREZZI AL 15/5/2009 SCOSTAMENTO (%) SU MESE PRECEDENTE MIN MAX MIN MAX PA ,7 8,0 PA 6, = = POLICARBONATO ,3-3,8 LDPE (RESINA BASE) ,2 1,1 LLDPE (BUTENE) ,2 1,1 LLDPE (OTTENE) ,9 1,7 HDPE (STAMPAGGIO) ,2 1,1 HDPE (SOFFIAGGIO) ,3 1,1 HDPE = = HDPE = = HDPE (FILM) ,2 1,1 HDPE (MONOFILI) = = PET = = PBT ,3-4,0 POM ,1-5,7 PMMA = = PP (OMOPOLIMERO) = = PP (COPOLIMERO ETEROFASICO) = = PP (COPOLIMERO RANDOM) = = PS (CRISTALLO) ,0 5,7 PS (ANTIURTO) ,6 5,3 PS (ESPANDIBILE) ,9-1,9 PVC (SOSPENSIONE) = = PVC (EMULSIONE PER PASTE) = = PVC (ACETATO COPOLIMERO 90/10) = = SAN = = ABS ,7 0,8 RESINA EPOSSIDICA LIQUIDA nd nd nd nd RESINA POLIESTERE ISOFTALICA = = RESINA POLIESTERE ORTOFTALICA = =

17 acplas 309 arketing INDUSTRIA TRASFORMATRICE ITALIANA - CURVE DELLʼOTTIMISMO PRODUZIONE ACQUISIZIONE ORDINI ITALIA ACQUISIZIONE ORDINI ESTERO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE 2008 GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE 2009 GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO 2007 GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE 2008 GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE 2009 GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO 2007 GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE 2008 GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE 2009 GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO TABELLA 3 - PREZZI DI LISTINO DI PRODOTTI IN PLASTICA (euro) PREZZI AL 15/5/2009 SCOSTAMENTO (%) SU MESE PRECEDENTE MIN MAX MIN MAX TUBI RIGIDI IN PVC (al etro) ø 50 SPESSORE 1,2 0,68 0,74 = = ø 100 SPESSORE 1,7 1,48 1,66 = = ø 200 SPESSORE 3,2 5,98 6,66 = = TUBI IN PP AUTOESTINGUENTI (al etro) ø 50 SPESSORE 1,8 1,96 2,09 = = ø 110 SPESSORE 2,7 4,54 4,87 = = TUBI IN HDPE (al etro) ø 50 SPESSORE 3 1,13 1,27 = = ø 110 SPESSORE 4,3 3,89 4,13 = = LASTRE DI COPERTURA IN PRFV (al 2 ) - ONDULATE NORMALI 3,10 3,28 = = - ONDULATE PESANTI 3,72 4,00 = = - PIANE NORMALI 2,42 2,65 = = - PIANE PESANTI 3,10 3,28 = = TABELLA 4 - INDICE MENSILE GREZZO MANU- FATTI IN PLASTICA E GOMMA (BASE 2005=100)* INDICE A B C MARZO ,8-10,2-2,7-4,3 APRILE 112,6 7,6-0,3-4,5 MAGGIO 116,2-5,9-1,5 3,2 GIUGNO 113,6-6,7-2,5-2,2 LUGLIO 126,0 3,3-1,6 10,9 AGOSTO 53,1-18,2-2,8-57,9 SETTEMBRE 118,2 1,7-2,3 122,6 OTTOBRE 108,8-9,5-3,1-8,0 NOVEMBRE 85,2-19,7-4,5-21,7 DICEMBRE ,0-22,6-5,6-31,9 MEDIA ANNO ,3 1,0 = = GENNAIO ,0-30,3-30,3 24,1 FEBBRAIO 78,3-30,5-30,4 8,8 A = VARIAZIONE % SULLO STESSO MESE DELL ANNO PRECEDENTE B = VARIAZIONE % SU MEDIE MENSILI CUMULATE C = VARIAZIONE % SUL MESE PRECEDENTE * VARIAZIONE BASE DA 2000 A CLASSIFICAZIONE ATECO 2007 TABELLA 5 - IMPORT-EXPORT ITALIANO DI MACCHINE PER PLASTICA E GOMMA (GENNAIO-FEBBRAIO - MIGLIAIA DI EURO) IMPORT EXPORT CALANDRE E LAMINATOI STAMPATRICI FLESSOGRAFICHE IMPIANTI PER MONO E MULTIFILAMENTI MACCHINE A INIEZIONE ESTRUSORI MACCHINE PER SOFFIAGGIO TERMOFORMATRICI PRESSE PER PNEUMATICI E CAMERE D ARIA PRESSE MACCHINE PER FORMARE O MODELLARE, ALTRE MACCHINE PER RESINE REATTIVE MACCHINE PER MATERIALI ESPANSI ATTREZZATURE PER RIDUZIONE DIMENSIONALE MESCOLATORI, IMPASTATORI E AGITATORI TAGLIERINE E MACCHINE PER TAGLIO ALTRE MACCHINE PARTI E COMPONENTI STAMPI TOTALE TABELLA 6 - IMPORT-EXPORT ITALIANO DI PRODOTTI IN PLASTICA (GENNAIO-FEBBRAIO) IMPORT EXPORT MIGLIAIA DI EURO TON MIGLIAIA DI EURO TON TUBI RIGIDI E FLESSIBILI ECC RIVESTIMENTI PER PAVIMENTI E PARETI LASTRE, FOGLIE E FILM VASCHE DA BAGNO, LAVABI ECC BOTTIGLIE, SACCHI E CONTENITORI VASELLAME E ALTRI ARTICOLI CASALINGHI SERRAMENTI E COMPONENTI EDILI ALTRI PRODOTTI IN PLASTICA TOTALE

18 18 arketing acplas 309 Statistiche, proiezioni, indagini di ercato riguardanti l industria delle aterie plastiche MERCATO MONDIALE IN CIFRE MACCHINE IN ORIENTE Giappone Continua la contrazione dell export giapponese di acchine per aterie plastiche e goa, alla luce del calo di oltre il 15% delle vendite di acchine a iniezione, che rappresentano circa il 30% del totale, e del 3% per gli stapi (33%). Di conseguenza il surplus della bilancia coerciale a fine 2008 si è ridotto del 2% rispetto al Per quanto concerne i principali ercati di destinazione dell export, orai saldaente al prio posto ritroviao la Cina, che rappresenta il 29% sul totale, in crescita del 2% rispetto al 2007, fino a sfiorare 117 iliardi di yen (766 ilioni di euro). Le vendite a questo paese sono costituite per il 34% da acchine a iniezione a si rileva un calo del 6% rispetto al valore del 2007; al contrario risultano in auento le forniture di presse per pneuatici e caere d aria, acchine per soffiaggio e teroforatrici (rispettivaente %). Nelle posizioni successive della classifica si conferano, nell ordine, Stati Uniti, Tailandia, Hong Kong e Corea del Sud. Le e- sportazioni verso gli Stati Uniti, che rappresentano il 12% sul totale, risultano inori rispetto al 2007, soprattutto coe conseguenza delle diinuite (-11%) vendite di acchine a iniezione; non sono sufficienti le più che raddoppiate forniture di stapi a sostenere il flusso verso gli USA. Positive le vendite a Tailandia, Indonesia, Vietna entre frenano quelle verso Hong Kong, Corea del Sud e Arabia Saudita (che a fine 2007 aveva ostrato un forte increento sul 2006). L Italia, con lo 0,6% sul totale e un controvalore di 15,7 ilioni di euro, si colloca al 25 posto della graduatoria, con un auento del 51% delle esportazioni, in funzione dell andaento delle forniture di acchine a iniezione (+74%). La Cina è anche il principale fornitore dei trasforatori giapponesi, consolidandosi in pria posizione con una quota del 34% sul totale e una progressione di 3 punti sul 2007; tale andaento non particolarente brillante si riconduce al rallentaento dell iport di acchine a iniezione cinesi da parte del Giappone. Al secondo posto si confera la Corea del Sud con il 31% del totale e al terzo la Gerania, con il 7% e un controvalore di circa 59 ilioni di euro, ovvero il 30% in eno rispetto al 2007; i costruttori tedeschi forniscono al Giappone soprattutto acchine per soffiaggio (9,5 ilioni di euro; -29% rispetto al 2007), estrusori-linee di estrusione (7,6 ilioni; -50%) e acchine a iniezione (6,4; +34%). L Italia passa in nona posizione (era tredicesia nel 2007), a- vendo fornito acchinari per un controvalore di quasi 10 ilioni di euro, cioè l 88% in più di un anno pria, soprattutto grazie a aggiori forniture di estrusori-linee di estrusione (da 61 a 174 ilioni di yen) e acchine per forare e odellare (+83%, fino a 216 ilioni di yen). Taiwan L ufficio di statistica di Taiwan ha recenteente pubblicato i dati del coercio estero relativi allo scorso anno, che ettono in evidenza una stagnazione di entrabe le correnti di scabio, riconducibile alla contrazione registrata dalla voce doganale acchine a iniezione che, sia all iport sia all export, rappresenta una percentuale considerevole sul totale. In particolare, per quanto riguarda le iportazioni di tali acchinari, si registra un nuovo consistente calo rispetto al valore del 2007, fino a raggiungere un nuovo inio di poco più di 1,5 iliardi di dollari taiwanesi (circa 32 ilioni di euro); il 72% del totale è fornito dal Giappone, il 10% dalla Cina e il 9% dalla Gerania. In controtendenza, invece, gli acquisti di estrusori-linee di e- strusione, che risultano di nuovo in ripresa (+36%) dopo la flessione registrata nel 2007 sul Anche in questo caso il Giappone è il prio fornitore, con il 38% sul totale; seguono Gerania (34%), Svizzera (7%) e Cina (6%). Da sottolineare il fatto che la Cina ha rapidaente e apiaente ripiazzato il Giappone quale prio fornitore del paese in esae: infatti, se a fine 2007 in vetta alla classifica si trovava ancora il Giappone con il 29% sul totale e la Cina seguiva con il 27%, a dicebre 2008 quest ultia si era portata al 35%, a fronte del 28% detenuto dai fornitori giapponesi. Al gradino più basso del podio si riconfera la Gerania, con un calo però del 38% rispetto al 2007, entre l Italia si colloca nuovaente in sesta posizione a con il 58% in più. Gli acquisti dai costruttori del nostro paese, che aontano a circa 6,7 ilioni di euro, sono costituiti per il 17% da estrusori. Anche per quanto riguarda l export si rileva un calo alla voce acchine a iniezione ; la relativa principale area di destinazione è quella dell Estreo Oriente, verso cui è destinato il 70% del totale. In tale abito, dei 7,7 iliardi di dollari taiwanesi di acchine a iniezione esportati in Asia, quasi 4 sono stati forniti ai trasforatori cinesi. Peraltro la Cina si confera prio ercato di riferiento delle vendite taiwanesi, con un apio argine sui successivi: infatti si tratta di oltre 11 iliardi di NT$ rispetto ai 2-3 di Tailandia, Vietna e Indonesia, che seguono nell ordine. Andaento analogo all iport per quanto riguarda le esportazioni di estrusori-linee di estrusione: infatti si registra un +30% sul 2007, grazie al trend crescente delle forniture a paesi quali Vietna e Indonesia e alla tenuta di quelle, sepre rilevanti, alla Cina. Considerevole altresì l auento degli acquisti di presse per pneuatici e caere d aria, principalente di provenienza cinese. In base ai dati Istat, Taiwan, con una quota dello 0,17% sul totale, occupa il 64 posto della graduatoria dell export italiano 2008 di acchine per plastica e goa. Sud Corea Dai dati resi noti dall ufficio di statistica coreano si rileva un cediento dell iport e un contenuto auento dell export e dall analisi delle singole voci doganali si evidenziano alcuni scostaenti rilevanti, in un senso o nell altro, rispetto al Per esepio, gli acquisti di calandre e lainatoi sono più che raddoppiati e Gerania e Giappone, nell ordine risultano i prii fornitori di tali acchinari con, rispettivaente, il 51 e il 27% del totale e un increento sul 2007 del 214 e del 122%. Al contrario, l iport di estrusori ha subito una contrazione del 29% e le forniture dall Italia, che nel 2007 aontavano a oltre 9 ilioni di dollari, con una quota del 13% sul totale, sono crollate a poco più di un ilione, pari al 2,4% sul totale. Per questo tipo di acchina, Stati Uniti e Cina invece registrano un auento delle proprie forniture. Forte increento per le iportazioni di presse per pneuatici a caere d aria: in questo caso troviao solo tre fornitori e cioè Gerania, con il 76% del totale, Giappone (17%) e Cina (il rianente 7%). Analizzando il totale dell iport

19 acplas 309 arketing 19 coreano si evince che la classifica dei principali paesi di provenienza è la seguente: Giappone (45% sul totale; -8% sul 2007), Gerania (17%; +7%), Cina (15%; +24%). L Italia si colloca in settia posizione, perdendone una a soprattutto registrando un calo del 71%, ferandosi a 5,3 ilioni di dollari, cioè l 1,2% del totale. Quanto all export, si osserva il calo dell 11% delle acchine a i- niezione e, analizzando i principali partner dei costruttori coreani, si rileva soprattutto la contrazione delle vendite a Cina (-17%), Russia (-22%), India (-12%) e Stati Uniti (-41%). Al contrario, è evidente la buona progressione delle teroforatrici e delle presse per pneuatici e caere d aria: in entrabi i casi sono più che raddoppiate le forniture alla Cina. Relativaente agli stapi, che ostrano un +9%, si osserva che sono auentate le vendite a Giappone, Cina e Stati Uniti. Per quanto riguarda il totale delle esportazioni coreane di acchine per aterie plastiche e goa, si nota che il Giappone si colloca in vetta alla classifica dei più iportanti ercati di destinazione (con il 23% del totale, cioè 336 ilioni di dollari), dopo che nei precedenti 5 anni tale posizione era detenuta dalla Ci- na, che ora segue al secondo posto (con circa 329 ilioni). Successivaente, troviao Stati Uniti, India e Messico. L Italia è solo trentottesia, con 3,6 ilioni di dollari. ECHI DA OLTRALPE OTTIMISMO DAL BRASILE ENGEL I dati pubblicati dallʼufficio di statistica austriaco relativaente al coercio estero di acchine per aterie plastiche e goa nel 2008, a confronto con il 2007, ostrano una decisa ripresa dellʼiport, in funzione del trend particolarente sostenuto registrato da alcuni dei principali tipi di acchine. In particolare, si segnala che il valore degli acquisti di soffiatrici è passato da 7,7 a poco eno di 25 ilioni di euro e, in questo caso, lʼ88% del totale è stato fornito dalla Svizzera. In crescita anche le acchine a iniezione, da 27,8 a 34,2 ilioni di euro, con la Gerania saldaente al prio posto tra i fornitori, in auento del 43% sul 2007; però anche gli acquisti dallʼitalia, seppure eno consistenti, sono cresciuti notevolente, ovvero da 1,5 a 5,5 ilioni di euro. Al contrario risulta in contrazione lʼiport di estrusori e linee di estrusione, passato da 34 a 27 ilioni; piuttosto contenuto, seppure in progressione, lʼapporto dellʼitalia, per un valore di 2,7 ilioni di euro (+36% sul 2007). Il prio paese fornitore dellʼaustria è la Gerania, con il 39% del totale, seguita da Svizzera (22%), Cekia (9%) e Italia (8%, cioè 45 ilioni di euro). Quanto allʼexport, si rileva un altrettanto sensibile calo delle vendite di estrusori (-20%) a non è possibile acquisire ulteriori dettagli in erito ai paesi di destinazione, in quanto lʼufficio di statistica austriaco rende noto solo il valore aggregato di al- cune voci doganali (nella fattispecie, acchine a iniezione ed estrusori), in funzione del ridotto nuero di costruttori locali di tali tipi di acchine, di cui si vuole tutelare la riservatezza. Stagnanti le esportazioni di acchine a iniezione - attestatesi intorno ai 125 ilioni di euro - entre in crescita esponenziale sono quelle di acchine per soffiaggio, da 18 a più di 48 ilioni, forse riconducibile anche alla ri-esportazione di parte del surplus iportato a cui si è fatto cenno in precedenza. Il 26% circa delle vendite è destinato allʼitalia. Escludendo dallʼanalisi lʼexport di acchine a iniezione ed e- strusori (per i enzionati otivi di riservatezza), la classifica dei paesi di destinazione vede nuovaente al vertice la Gerania, con il 22% del totale, e a seguire Svizzera (6%), Stati Uniti (4%) e Italia (poco eno del 4%, in auento del 69% rispetto al 2007). I dati relativi al coercio estero svizzero di acchine e attrezzature per aterie plastiche e goa ostrano, a consuntivo 2008, una battuta dʼarresto rispetto ai risultati di fine 2007, quando era stata registrata una progressione di circa 8 punti percentuali allʼiport e di 5,6 allʼexport. Infatti, se le iportazioni risultano in odesto auento, allʼexport si evidenzia un andaento piatto, riconducibile anche al ripiegaento delle vendite di acchine a iniezione, tra le principali voci doganali. Per quanto riguarda la classifica dei principali paesi fornitori della Svizzera, si confera la pria posizione e la quota (47%) della Gerania, nonché la seconda dellʼitalia (17% sul totale, pari a 108 ilioni di franchi, ovvero un controvalore di oltre 68 ilioni di euro, in calo però sul 2007) e la terza dellʼaustria con il 13%. Gli acquisti dallʼitalia riguardano soprattutto gli stapi (circa 49 ilioni di franchi) e, trascurando le voci doganali più generiche, stapatrici flessografiche (5,7 ilioni di SFR, in auento del 163% sul 2007) ed estrusori-linee di estrusione (3,7 ilioni, +15%). Riprende quota, invece, la Cina, che passa dal tredicesio al decio posto, ovvero da 3,5 ilioni di franchi a oltre 6,8 costituiti, però, per il 65% da stapi. Quanto alle esportazioni, anche in questo caso la Gerania si riconfera prio partner coerciale dei costruttori svizzeri, avendone acquistato acchine, attrezzature e stapi per oltre 363 ilioni di franchi (229 ilioni di euro). In calo le vendite allʼitalia, al secondo posto in classifica, per un controvalore di circa 82 ilioni di euro, pari al 9% circa sul totale delle esportazioni settoriali svizzere. Di una certa consistenza e in auento rispetto al 2007 le forniture di teroforatrici (oltre 14 ilioni di SFR), estrusori (13,6) e stapatrici flessografiche (addirittura 12,5 ilioni contro circa franchi). Le ipressioni fornite a caldo da alcuni operatori italiani e brasiliani presenti a Brasilplast (Saõ Paulo, 4-8 aggio) sono concordeente positive anche relazione al ercato brasiliano, che finora non è stato toccato dalla crisi ondiale così pesanteente coe gli Stati Uniti e l Europa. In particolare è stato osservato un proettente ottiiso da parte degli operatori locali di tutta la filiera con una certa propensione agli investienti in beni struentali. Nonostante la crisi econoica e finanziaria abbia inciso negativaente sulla produzione nazionale, il Brasile registra una crescita della propria econoia superiore alla edia dei cosiddetti paesi eergenti. Grazie a un sistea finanziario regolato e piuttosto ben capitalizzato, alla stabilità econoica, al conteniento del debito estero, a rilevanti investienti nei trasporti e nel risanaento delle infrastruttura, il paese continuerà a essere un iportante punto di riferiento nel ercato ondiale. Nel 2008 l industria locale dei acchinari e stapi per aterie plastiche e goa ha registrato vendite per un valore superiore ai 290 ilioni di euro, con una crescita del 18,2% sul Di certo tale crescita non potrà essere replicata nel 2009 a causa della flessione che il coparto ha subito nei prii esi dell anno a, con un ercato poco orientato all export e più concentrato a soddisfare la doanda interna, il Brasile sta già pen-

20 20 arketing acplas 309 sando positivaente al futuro. A fronte di una popolazione di circa 190 ilioni di persone, l attuale consuo pro-capite brasiliano di aterie plastiche è di 27,5 kg, contro gli oltre 100 della edia europea e i 150 degli Stati Uniti. La cifra, secondo l industria petrolchiica locale, è destinata ad auentare nei prossii anni, in particolar odo grazie allo sviluppo di nuove applicazioni per le resine prodotte da fonti rinnovabili. L industria trasforatrice locale ha chiuso il 2008 con un fatturato coplessivo di circa 14,3 ilioni di euro, con una crescita superiore al 10% rispetto al Per quanto riguarda il settore iballaggio i risultati appaiono confori alle proiezioni di crescita del paese, dove anche l attenzione alla qualità del confezionaento sta auentando. In linea con l industria edile (una delle più rappresentative dell econoia nazionale), anche l industria produttrice di tubi e profili dovrebbe beneficiare del flusso regolare della doanda per quanto riguarda i progetti in infrastrutture. Infatti la forte partecipazione del governo brasiliano nell edilizia civile dovrebbe attenuare gli strascichi della crisi e per tutto il 2009 non si prevedono riduzioni dei fondi destinati a tali opere. Dopo la crisi argentina che ha in qualche odo condizionato tutto il Sudaerica, gli ultii cinque anni hanno segnato un costante increento delle esportazioni italiane di acchine per aterie plastiche e goa in Brasile. Infatti, dai 36,5 ilioni di euro del 2004 si è passati agli oltre 74 del 2008, con un increento del 102% che ha più che raddoppiato le esportazioni italiane in questo paese. Con una quota del 3% sul totale, il Brasile occupa il 9 posto nella graduatoria dell export italiano ISOLAMENTO MONDIALE Il consuo ondiale di ateriali per lʼisolaento terico e a- custico è destinato a crescere del 3,8% allʼanno fino a raggiungere nel 2012 i 21,5 iliardi di etri quadri. In terini econoici la doanda ondiale di i- solanti sfiorerà i 37 iliardi di dollari, evidenziando in prio luogo increenti quantitativi insiee a oderati auenti dei prezzi unitari. Queste e altre tendenze sono presentate in un nuovo studio condotto da Freedonia Group. La crescita più rapida si verificherà nei paesi asiatici in via di sviluppo, ove sono in atto una forte attività edilizia e unʼincalzante produzione di beni, quali refrigeratori e congelatori, che includono ateriali isolanti. In particolare in Cina gli investienti nel settore edilizio non subiranno alcun arresto, registrando anzi notevoli tassi annuali di crescita della doanda entro il Il rallentaento dellʼedilizia residenziale in Europa Occidentale, Canada e Messico frenerà tale andaento. Tuttavia, una ricaduta dellʼedilizia residenziale statunitense, uscita da un 2007 debole, contribuirà a controbilanciare la crescita rallentata del Nordaerica. In Europa il quinquennio ha registrato un calo della doanda, coe conseguenza del rallentaento dellʼattività e- dile, oderata in parte dalle direttive eesse dallʼunione Europea in ateria di energia e di riduzione delle eissioni di carbonio. Il ercato giapponese di ateriali isolanti, invece, dovrebbe capovolgere il trend negativo (in terini di valore di isolaento terico), che ha caratterizzato il decennio Gli isolanti a base di polieri e- spansi rappresenteranno fino al 2012 la porzione più apia del ercato, in terini econoici. riferiento 3750 COMPOUND EUROPEI Secondo una recente indagine di Applied arket Inforation sull industria europea dei copound teroplastici, il nuero dei produttori è cresciuto da 680 a 707 negli ultii due anni, sebbene continui l inesorabile dislocaento verso Est dei nuovi ipianti produttivi, olti dei quali sono sorti in Europa Centrale, entre in Europa Occidentale si sono verificati pochi cabiaenti, eccezion fatta per il calo dei siti produttivi in Italia e Regno Unito. Negli ultii due anni l industria dei copound ha registrato una discreta crescita, stiolata dalla doanda di poliolefine e copound tecnici in sostituzione di etalli e altri ateriali tradizionalente ipiegati nel settore autoobilistico ed elettrico. Questo andaento è particolarente evidente in Europa Centrale in conseguenza dei consistenti investienti nell industria autoobilistica ed elettronica, sebbene anche la doanda in Europa Occidentale sia auentata costanteente. Il settore dei copound di PVC è cresciuto odestaente, trainato dall auento della doanda di copound per profili. L unico neo per il ercato è rappresentato dal calo della produzione di copound colorati, ripiazzati dai asterbatch. Mentre i copound colorati sono ancora utilizzati con i tecnopolieri e i gradi di poliolefine destinati alla produzione di tubi e cavi, il ercato continua a essere eroso dai prodotti più concorrenziali quali appunto i asterbatch e coloranti liquidi così coe dalla tendenza dei produttori di resine ad abbandonare la fornitura dei diversi tipi di copound a favore di quella di gradi standard cui abbinare i asterbatch. La distribuzione geografica della produzione europea di copound teroplastici vede in testa la Gerania con una quota del 25%, seguita da Italia (18,8%), Benelux (14,4%), Francia (12,3%) e Regno Unito (9,4%). I paesi dell Europa Centrale - Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia e Roania - assorbono circa il 6% dell intero volue prodotto in Europa. Tale ercato è sostanzialente diverso da quello dell Europa Occidentale, con la forte preponderanza di copound di PVC prodotti rispetto ad altri. Circa la età dei copound prodotti in Europa Centrale rientra nei gradi di PVC e la aggior parte è controllata direttaente dagli stessi produttori del poliero, entre i restanti sbocchi di ercato appaiono relativaente ristretti e sottosviluppati se paragonati a quelli dell Europa Occidentale. La produzione di copound colorati, coe detto, è liitata entre la doanda di copound tecnici è spinta verso l alto dagli investienti nell industria autoobilistica, degli elettrodoestici e dell elettronica realizzati nell area. In generale la distribuzione della produzione di copound in Europa segue la doanda di polieri, con Gerania e Italia che guidano la classifica in terini di volui prodotti, sebbene siano degni di nota anche i paesi del Benelux, dove sono concentrati nuerosi grandi gruppi del settore e produttori di polieri e relativi copound. Circa 100 dei siti produttivi citati nell indagine sono integrati nella produzione di polieri, entre i restanti producono soltanto copound. I produttori di resine sono orai attivi anche nel coparto dei copound per supportare lo sviluppo del prodotto, aggiungervi valore e antenerne elevata la qualità. Generalente tali aziende forniscono soprattutto i produttori di fil e tubi e di articoli soffiati. Mentre i produttori integrati detengono solo il 14% delle attività europee, in terini di volue sono olto più rilevanti, con una quota di ercato che nel 2007 era pari al 50% circa. E secondo le previsioni la loro quota di ercato crescerà ancora in tutti i settori a spese dei produttori di soli copound. La natura dell industria del copound rispecchia esigenze e richieste degli utilizzatori finali, che stanno diventando sepre più internazionali e necessitano di una catena di fornitura globale. riferiento 3751

COSTO DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE

COSTO DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE Trasporti e noli Materiali Mano d'opera 7 aggio 202 202 I triestre 202 COSTO DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE Nel prio triestre 202 il costo di costruzione di un fabbricato residenziale auenta

Dettagli

primo piano anno 35 - numero 316 aprile-maggio 2010 ISSN 0394-3453 RIVISTA BIMESTRALE PER LʼINDUSTRIA DELLE MATERIE PLASTICHE E DELLA GOMMA

primo piano anno 35 - numero 316 aprile-maggio 2010 ISSN 0394-3453 RIVISTA BIMESTRALE PER LʼINDUSTRIA DELLE MATERIE PLASTICHE E DELLA GOMMA ISSN 0394-3453 EDITRICE: PROMAPLAST SRL - CENTRO DIREZIONALE MILANOFIORI - PALAZZO F/3-20090 ASSAGO (MILANO) RIVISTA BIMESTRALE PER LʼINDUSTRIA DELLE MATERIE PLASTICHE E DELLA GOMMA prio piano CONFEZIONAMENTO

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEGLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE GENNAIO 2005-DICEMBRE 2009

RICOSTRUZIONE DEGLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE GENNAIO 2005-DICEMBRE 2009 16 ottobre 2015 RCOSTRUZONE DEGL NDC DE PREZZ ALL MPORTAZONE GENNAO 2005-DCEMBRE 2009 A partire dal counicato stapa del 16 ottobre 2015 l stituto nazionale di statistica pubblica le serie storice ricostruite

Dettagli

M A R O C C O SCHEDA MERCATO. Accordi di integrazione regionale: UMA (Economic Union of Maghreb); GAFTA (Greater Arab Free Trade Area)

M A R O C C O SCHEDA MERCATO. Accordi di integrazione regionale: UMA (Economic Union of Maghreb); GAFTA (Greater Arab Free Trade Area) M A R O C C O SCHEDA MERCATO Popolazione (2012): 32.649.000 abitanti Prodotto interno lordo (2012): 171 miliardi di US$ Tasso di crescita del PIL (2012): 2,9% Reddito medio pro-capite (2012): 5.300 US$

Dettagli

CENTRA SOGE-PARTNERS REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FLEXIBLE SUNRISE PROTECTION

CENTRA SOGE-PARTNERS REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FLEXIBLE SUNRISE PROTECTION Regolaento del fondo interno Flexible Sunrise Protection A) OBIETTIVI E DESCRIZIONE DEL FONDO Il fondo Flexible Sunrise Protection è un fondo interno di tipo N (vale a dire accessibile a una pluralità

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

CENTRA SOGE-PARTNERS REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FLEXIBLE SUNRISE PROTECTION DOUBLE PREMIUM

CENTRA SOGE-PARTNERS REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FLEXIBLE SUNRISE PROTECTION DOUBLE PREMIUM REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FLEXIBLE SUNRISE PROTECTION DOUBLE PREMIUM Regolaento del fondo interno Flexible Sunrise Protection Double Preiu A) OBIETTIVI E DESCRIZIONE DEL FONDO Il fondo Flexible Sunrise

Dettagli

IL MERCATO ITALIANO DEI POLIMERI COMPOSTABILI. Preparato per: Assobioplastiche

IL MERCATO ITALIANO DEI POLIMERI COMPOSTABILI. Preparato per: Assobioplastiche IL MERCATO ITALIANO DEI POLIMERI COMPOSTABILI Preparato per: Assobioplastiche Plastic Consult Le due anime aziendali Dal 1979 Consulenza e business intelligence nel settore petrolchimico / materie plastiche

Dettagli

REVISIONE 0 APRILE 2000 Pag. 1 di 10

REVISIONE 0 APRILE 2000 Pag. 1 di 10 SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LAORATORI DT-000/4 ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI CHIMIICHE INDICE parte sezione pagina Esepio n. 1: Analisi del ercurio in

Dettagli

UNI EN 12215 Impianti di verniciatura

UNI EN 12215 Impianti di verniciatura Dipartiento di Sanità Pubblica U.O. Prevenzione e Sicurezza Abienti di Lavoro UNI EN 12215 Ipianti di verniciatura Cabine di verniciatura per l applicazione prodotti vernicianti liquidi Requisiti di sicurezza

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa PROSPETTIVE FUTURE I temi di approfondimento I consumi

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

BILANCIO ECONOMICO DEL RICICLO DELLE MATERIE PLASTICHE

BILANCIO ECONOMICO DEL RICICLO DELLE MATERIE PLASTICHE UNIONpLAST Gruppo riciclatori BILANCIO ECONOMICO DEL RICICLO DELLE MATERIE PLASTICHE MARINO LAMPERTI FEDERAZIONE GOMMA PLASTICA CONVEGNO ENEA 19 NOVEMBRE 2013 Bilancio economico del riciclo di Materie

Dettagli

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione.

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione. Il rapporto dell OCSE intitolato Education at a Glance: OECD Indicators è una fonte autorevole d inforazioni accurate e pertinenti sullo stato dell istruzione nel ondo. Il rapporto presenta dati sulla

Dettagli

PRASSI DI RIFERIMENTO. Una risposta tempestiva per mercati che cambiano

PRASSI DI RIFERIMENTO. Una risposta tempestiva per mercati che cambiano PRASSI DI RIFERIMENTO Una risposta tepestiva per ercati che cabiano UNI - Ente Nazionale Italiano di Unif icazione Via Sannio 2-20137 Milano tel. 02 700241 - www.uni.co - uni@uni.co Tutti i diritti sono

Dettagli

SALONE INTERNAZIONALE DELLE MATERIE PLASTICHE E DELLA GOMMA MILANO, 24-28 MARZO 2009

SALONE INTERNAZIONALE DELLE MATERIE PLASTICHE E DELLA GOMMA MILANO, 24-28 MARZO 2009 concoitante con pi an o www.plast09.org in pr i o EDITRICE: PROMAPLAST SRL - CENTRO DIREZIONALE MILANOFIORI - PALAZZO F/3-20090 ASSAGO (MILANO) RIVISTA MENSILE PER LʼINDUSTRIA DELLE MATERIE PLASTICHE E

Dettagli

I dati della ricerca

I dati della ricerca Relazioni con i Media Tel. 02/8515.5288/5224 Comunicati www.mi.camcom.it I dati della ricerca Il mercato fotovoltaico in Europa e nel mondo. È l Europa il mercato di sbocco principale per il fotovoltaico,

Dettagli

g Chi è Iscom E.R. M i s s i o n I n u m e r i 12 Iscom territoriali dell Emilia Romagna

g Chi è Iscom E.R. M i s s i o n I n u m e r i 12 Iscom territoriali dell Emilia Romagna Chi è Isco E.R. M i s s i o n Isco E.R. (Istituto per lo Sviluppo del Coercio e del Turiso dell Eilia Roagna) è l ente di orazione proosso dalla Concoercio - Iprese per l Italia dell Eilia Roagna, nonchè

Dettagli

I.T.I. Modesto PANETTI B A R I

I.T.I. Modesto PANETTI B A R I I.T.I. Modesto PAETTI B A R I Via Re David, 86-705 BARI 080-54.54. - Fa 080-54.64.3 Intranet http://0.0.0. - Internet http://www.itispanetti.it eail : BATF05000C@istruzione.it Introduzione Analisi statistica

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1782 del 06 luglio 2010 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1782 del 06 luglio 2010 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGAOA alla Dgr n. 1782 del 06 luglio 2010 pag. 1/8 FONDO DI ROAZIONE PER IL SEORE PRIMARIO Regolaento recante la definizione dei coparti produttivi di intervento, i criteri

Dettagli

GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE

GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE 21 arzo 2013 GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE La nuova base 2010 A partire dal ese di arzo 2013, l Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione dei nuovi indici

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

Tabella 1 Consumo di materie plastiche in Canada: 2000 2014

Tabella 1 Consumo di materie plastiche in Canada: 2000 2014 Tabella 1 Consumo di materie plastiche in Canada: 2000 2014 Anno Tonnellate Indice 2000 = 100 2000 5.650.000 100 2003 5.825.000 103,1 2004 5.960.000 105,5 2005 6.354.000 112,5 2006 6.235.000 110,3 2007

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Maggio 2015 L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Presentazione Rapporto UNIDI definitivo sul mercato 2013 e stima 2014 Il progetto KEY-STONE Presentazione rapporto sul periodo

Dettagli

GRAFITI ELLOR. Per la lavorazione mediante elettroerosione. MERSEN Esperti al vostro servizio

GRAFITI ELLOR. Per la lavorazione mediante elettroerosione. MERSEN Esperti al vostro servizio GRAFITI ELLOR Per la lavorazione ediante elettroerosione MERSEN Esperti al vostro servizio 2 Una gaa copleta di grafiti per la lavorazione ediante elettroerosione Applicazioni olto diversificate Fabbricazione

Dettagli

ENERGINDUSTRIA. Il mercato dell energia elettrica e la. Vicenza, 18 maggio 2012

ENERGINDUSTRIA. Il mercato dell energia elettrica e la. Vicenza, 18 maggio 2012 ENERGINDUSTRIA Il ercato dell energia elettrica e la contrattualistica Vicenza, 18 aggio 2012 IL SISTEMA ELETTRICO ITALIANO LA STRUTTURA DEL MERCATO ELETTRICO IN ITALIA Produttori di energia elettrica/

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

Area del Centro Commerciale. Centro commerciale

Area del Centro Commerciale. Centro commerciale Area del Centro Coerciale L area interessata alla realizzazione del suddetto piano di lottizzazione, si trova in Sicilia e precisaente a Castelvetrano (Tp) in prossiità dello svincolo autostradale che

Dettagli

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008 La situazione dell'import/export della provincia di Ancona del 1 semestre 2008 fotografata dalla Camera di Commercio di Ancona IN FLESSIONE LE ESPORTAZIONI PROVINCIALI (-13,9%) IN DIFFICOLTA LA MECCANICA,

Dettagli

Indagine sui costi dei servizi bancari VADEMECUM PER LA PARTECIPAZIONE ALL!INDAGINE

Indagine sui costi dei servizi bancari VADEMECUM PER LA PARTECIPAZIONE ALL!INDAGINE ! Indagine sui costi dei servizi bancari VADEMECUM PER LA PARTECIPAZIONE ALL!INDAGINE Coe anticipato nella lettera di presentazione dell!iniziativa, l!indagine proossa dalla Caera di Coercio di Milano

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

Misure elettriche circuiti a corrente continua

Misure elettriche circuiti a corrente continua Misure elettriche circuiti a corrente continua Legge di oh Dato un conduttore che connette i terinali di una sorgente di forza elettrootrice si osserva nel conduttore stesso un passaggio di corrente elettrica

Dettagli

FORMAGGI DURI E SEMIDURI

FORMAGGI DURI E SEMIDURI ERCATO FORMAGGI DURI E SEMIDURI I pareri di Siga, Tuo (Despar), Conad Categoria di prodotti tradizionale e trasversale, i foraggi duri e seiduri vivono una fase di ercato interlocutoria, con crescite nelle

Dettagli

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 Prosegue la corsa dell export di settore anche nella parte finale del 2012: + 21,8% nei primi 10 mesi dell anno. La conferma del dato a

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

L'INDUSTRIA ITALIANA DELLE MACCHINE PER MATERIE PLASTICHE

L'INDUSTRIA ITALIANA DELLE MACCHINE PER MATERIE PLASTICHE settembre 2006 AV/lb L'INDUSTRIA ITALIANA DELLE MACCHINE PER MATERIE PLASTICHE L'industria italiana delle macchine per materie plastiche e gomma, nel più grande contesto di quella dei beni strumentali,

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

OGGETTO: Domanda di PARERE PREVENTIVO.

OGGETTO: Domanda di PARERE PREVENTIVO. Spett.le COMUNE DI CASTELLO MOLINA DI FIEMME Via Roa, 38 38030 CASTELLO DI FIEMME (TN) Mod. ParPrev OGGETTO: Doanda di PARERE PREVENTIVO. N.B. Questo odello dovrà essere copilato in ogni sua parte in stapatello

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Coatings tecnologici a risparmio energetico, Cool Roof e altri tipi di prodotti riflettenti e funzionali di nuova generazione. www.watergyitalia.

Coatings tecnologici a risparmio energetico, Cool Roof e altri tipi di prodotti riflettenti e funzionali di nuova generazione. www.watergyitalia. Coatings tecnologici a rispario energetico, Cool Roof e altri tipi di prodotti riflettenti e funzionali di nuova generazione Coatings tecnologici a rispario energetico, Cool Roof e altri tipi di prodotti

Dettagli

Fabbisogni formativi delle Aziende aderenti ad Asstra, Federambiente e FederUtility

Fabbisogni formativi delle Aziende aderenti ad Asstra, Federambiente e FederUtility Fabbisogni formativi delle Aziende aderenti ad Asstra, Federambiente e FederUtility 31 Ottobre 2014 Indice Indice... 2 Indice delle Tabelle Sezione I Trasporto Pubblico Locale... 5 Indice delle Tabelle

Dettagli

GLI INVESTIMENTI RISK FREE: UNA

GLI INVESTIMENTI RISK FREE: UNA 16 Maggio 2012 GLI INVESTIMENTI RISK FREE: UNA SPECIE ESTINTA. QUALI IMPLICAZIONI PER GLI INVESTITORI? PREMESSA Lo scorso 19 Aprile abbiao avuto l opportunità di partecipare a Milano, all incontro istituzionale,

Dettagli

etallurgico Anno 24 - n 1

etallurgico Anno 24 - n 1 il etallurgico Anno 24 - n 1 Luglio 2009 ilano oviento anifestazioni iglioraenti ondo olteplicità odalità otivazioni estieri eoria etodi utaenti Bollettino della Fio Cgil di Milano, fondato nel 1898. Nuova

Dettagli

L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro: l 84% del totale

L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro: l 84% del totale Il commercio con l estero dell Italia: I vini Doc-Docg e PREVISIONI Igt nel 2014 di PRODUZIONE Il commercio con l estero dell Italia 14 aprile 2015 L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro:

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a Unioncamere, made in Italy: 59mila marchi e 44mila brevetti depositati in 12 anni Roma 11 maggio 2012 Prodotti di largo consumo, sistema moda, dispositivi elettronici, elettrici,

Dettagli

Versione integrata e modificata dalla deliberazione ARG/elt 107/08, 5/10 e 127/10

Versione integrata e modificata dalla deliberazione ARG/elt 107/08, 5/10 e 127/10 Versione integrata e odificata dalla deliberazione ARG/elt 107/08, 5/10 e 127/10 MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER IL RITIRO DELL ENERGIA ELETTRICA AI SENSI DELL ARTICOLO 13, COMMI 3 E 4, DEL

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

Export manager per il settore della nautica da diporto

Export manager per il settore della nautica da diporto PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica da diporto FORMAZIONE SUPERIORE Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica

Dettagli

EASY COMFORT Sistemi radianti in rame

EASY COMFORT Sistemi radianti in rame Caratteristiche tecniche e costruttive EASY COMFORT rappresenta una gaa di sistei radianti che utilizzano esclusivaente tubi in rae per il trasporto del fluido vettore all interno del corpo riscaldante.

Dettagli

Listino Prezzi. Novembre 2015. Insulation for a better tomorrow

Listino Prezzi. Novembre 2015. Insulation for a better tomorrow Listino Prezzi Novebre 2015 Insulation for a better toorrow Nuovo stabiliento, nuove perforance Grazie alle avanzate tecnologie di cui si avvale il nuovo polo produttivo di Bondeno, URSA Italia è in grado

Dettagli

Parte 2 Approfondimenti settoriali dedicati alle singole filiere del riciclo e recupero

Parte 2 Approfondimenti settoriali dedicati alle singole filiere del riciclo e recupero .1 Valutazione del contesto di mercato internazionale.1.1 La gestione dei PFU nei Paesi europei Un analisi esaustiva e aggiornata dei flussi di pneumatici usati e in Europa, riferita a statistiche ufficiali

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese

Dettagli

CATALOGO CLIMATIZZAZIONE

CATALOGO CLIMATIZZAZIONE CATALOGO CLIMATIZZAZIONE Gree nel ondo Gree Electrical Appliances Inc. di Zhuhai, fondata nel 1991, è la più grande azienda di condizionaento al ondo che integra Ricerca & Sviluppo, Produzione, Marketing

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Come costruire il piano commerciale

Come costruire il piano commerciale Come costruire il piano commerciale Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l azione di vendita viene sviluppata in modo

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Investimenti Esteri Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 3 INVESTIMENTI ESTERI La Russia ha ricevuto negli ultimi anni ingenti investimenti esteri. Nel 2013 gli investimenti

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

La Stampa in Italia 2008 2010

La Stampa in Italia 2008 2010 FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia 2008 2010 Roma 13 aprile 2011 Le ricadute della crisi economica sul settore dell editoria giornalistica nel biennio 2008-2009 sono state pesanti.

Dettagli

ANALISI CONGIUNTURALE INTERSCAMBIO ITALIA RUSSIA

ANALISI CONGIUNTURALE INTERSCAMBIO ITALIA RUSSIA ANALISI CONGIUNTURALE INTERSCAMBIO ITALIA RUSSIA GIUGNO 2014 CONTENUTI E NOTE METODOLOGICHE Lo studio che segue, curato dall Agenzia ICE di Mosca, e di tipo congiunturale e analizza in dettaglio, per tavole

Dettagli

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro relativo al personale del Comparto Scuola per il biennio economico 2008-2009

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro relativo al personale del Comparto Scuola per il biennio economico 2008-2009 AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGQZtALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro relativo al personale del Coparto Scuola per il biennio econoico 2008-2009 A seguito del

Dettagli

Appendice 1 - Generalità sui metodi di misura

Appendice 1 - Generalità sui metodi di misura Appunti di Misure Elettriche Appendice 1 - Generalità sui etodi di isura Introduzione: isure relative ed assolute...1 Classificazione dei etodi di isura...1 Metodi a deviazione...2 Metodi di zero...3 Siboli

Dettagli

Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007

Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007 Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007 luglio 2008 1 IL SETTORE DELLA ROBOTICA NEL 2007 1.1 L andamento del settore nel 2007 Il 2007 è stato un anno positivo per

Dettagli

Le prime 75 aziende italiane operanti nel settore dei lapidei. a cura di Alessandra Graziani

Le prime 75 aziende italiane operanti nel settore dei lapidei. a cura di Alessandra Graziani Centro Studi OSSERVATORIO FILLEA GRANDI IMPRESE E LAVORO 13 Resoconto dell Osservatorio Materiali Le prime 75 aziende italiane operanti nel settore dei lapidei a cura di Alessandra Graziani Lucca, 26 marzo

Dettagli

Unità Didattica N 16. Il comportamento dei gas perfetti

Unità Didattica N 16. Il comportamento dei gas perfetti Unità Didattica N 16 Il coportaento dei gas perfetti Unità Didattica N 16 Il coportaento dei gas perfetti 1) Alcune considerazioni sullo studio dei sistei gassosi 2) Dilatazione terica degli aerifori 3)

Dettagli

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia.

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia. IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015 I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia Vittorio D Ermo Direttore Osservatorio Energia AIEE Aprile 2015 Sommario n

Dettagli

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita Facoltàdi Economia, Università degli studi di Trento 19 novembre 2009 Anagni, Istituto Tecnico Commerciale G. Marconi IL MONDO E CAMBIATO

Dettagli

RADIOPROTEZIONE DALLE RADIAZIONI IONIZZANTI D. LGS. 230/95 E S.M. I. - D. LGS. 187/00 VERBALE DI SOPRALLUOGO

RADIOPROTEZIONE DALLE RADIAZIONI IONIZZANTI D. LGS. 230/95 E S.M. I. - D. LGS. 187/00 VERBALE DI SOPRALLUOGO RADIOPROTEZIONE DALLE RADIAZIONI IONIZZANTI D. LGS. 230/95 E S.M. I. - D. LGS. 187/00 VERBALE DI SOPRALLUOGO Il giorno del ese di 201, il personale dell ASLCN1, nelle/a persone/a di, ha/hanno effettuato

Dettagli

Catalogo TEC Formazione Tecnologica

Catalogo TEC Formazione Tecnologica TEC Bosch Training Esperienze Copetenze Robert Bosch S.p.A. Via M.A. Colonna, 35 20149 Milano tel +39 02 3696 2830 fax +39 02 3696 2397 tec@it.bosch.co www.bosch-tec.it Catalogo TEC Forazione Tecnologica

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

ERGUP Enterprise Piattaforma di audit energetico per le aziende

ERGUP Enterprise Piattaforma di audit energetico per le aziende ERGUP Enterprise Piattafora di audit energetico per le aziende WWW.ERGUP.IT info@ergup.it Il problea energetico nelle aziende Negli audit energetici presso le aziende talvolta capita di riscontrare: Poca

Dettagli

murali Meteo Caldaie murali combinate istantanee da esterno e da incasso

murali Meteo Caldaie murali combinate istantanee da esterno e da incasso Anche sulla gaa coe su tutte le caldaie Beretta è possibile ottenere il Servizio 5 anni Forula Kasko*. * Per aderire al servizio si rianda al depliant inforativo disponibile presso la Rete di Assistenza

Dettagli

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti Facoltà di Ingegneria - Polo di Rieti Corso di " Ipianti Tecnici per l'edilizia" Ipianti di Condizionaento: Ipianti a tutt'aria e isti Prof. Ing. Marco Roagna INTRODUZIONE Una volta noti i carichi sensibili

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO SINTESI OSSERVATORIO MEDIA NIMBY FORUM - III EDIZIONE Dall analisi dell Osservatorio

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 Nel IV trimestre del 2010 le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 15.041,15 milioni di euro. Rispetto allo stesso trimestre del

Dettagli

agroalimentare I trimestre 2014

agroalimentare I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare La bilancia commerciale agroalimentare I trimestre 2014 A 8 LA BILANCIA COMMERCIALE AGROALIMENTARE A differenza di quanto riscontrato nel corso del 2013,

Dettagli

accelerazione al posto di velocità. Ecco quello che otteniamo:

accelerazione al posto di velocità. Ecco quello che otteniamo: Lezione 5 - pag.1 Lezione 5: L accelerazione 5.1. Velocità e accelerazione Sappiao che la velocità è una grandezza essenziale per descrivere il oviento: quando la posizione di un corpo cabia nel tepo,

Dettagli

Pur interessando tutte le principali aree industrializzate, l incremento della domanda di macchine utensili non sarà distribuita in modo uniforme.

Pur interessando tutte le principali aree industrializzate, l incremento della domanda di macchine utensili non sarà distribuita in modo uniforme. PRESENTATA OGGI A ROMA EMO MILANO 2015 COSTRUIAMO IL FUTURO. 150.000 VISITATORI ATTESI A OTTOBRE PER LA MONDIALE DEDICATA ALL INDUSTRIA DELLE MACCHINE UTENSILI, ROBOTICA E AUTOMAZIONE. NEL 2018 IL CONSUMO

Dettagli

LAVORO ED ENERGIA Corso di Fisica per Farmacia, Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2006

LAVORO ED ENERGIA Corso di Fisica per Farmacia, Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2006 LAVORO ED ENERGIA INTRODUZIONE L introduzione dei concetto di lavoro, energia cinetica ed energia potenziale ci perettono di affrontare i problei della dinaica in un odo nuovo In particolare enuncereo

Dettagli

INTRODUZIONE alle TRASMISSIONI

INTRODUZIONE alle TRASMISSIONI INTRODUZIONE alle TRASMISSIONI Una trasissione eccanica è il coplesso degli organi che servono per trasettere potenza in un sistea eccanico. Alcuni di tali organi, coe alberi, giunti e innesti, trasettono

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013 Il turismo a Bologna nel 213 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

In altre parole, non può esservi raccolta senza riciclo, né riciclo senza trasformazione finale.

In altre parole, non può esservi raccolta senza riciclo, né riciclo senza trasformazione finale. PLASTICA ASSORIMAP - Associazione Nazionale Riciclatori e Rigeneratori di Materie Plastiche - che dal 1978 rappresenta le aziende che riciclano o rigenerano materie plastiche pre-consumo e post-consumo,

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015 Le esportazioni di Vicenza e la dinamica del cambio nei mercati del made in Vicenza Tra i primi 20 mercati di destinazione dei prodotti

Dettagli

I. CONTROLLO E GESTIONE DEL SISTEMA

I. CONTROLLO E GESTIONE DEL SISTEMA - La presenza di cavi elettrici scaldanti interrati deve essere chiaraente segnalata (nora CEI 11-17) e una copia della geoetria di posa deve essere in possesso del responsabile della anutenzione dell

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2012

Il turismo a Bologna nel 2012 Il turismo a Bologna nel 212 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli