DISAGIO SOCIALE E POLITICHE DELLA CASA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISAGIO SOCIALE E POLITICHE DELLA CASA"

Transcript

1 DISAGIO SOCIALE E POLITICHE DELLA CASA Comunicazione di: Gaetano Lamanna Coordinatore Dip.to Ambiente e Territorio Cgil nazionale alla 1^ Conferenza Nazionale CGIL Per il diritto alla salute un sistema di qualità Roma, gennaio 2004

2 Il diritto alla casa è tornato ad essere un tema di riflessione e di lavoro. Per molti anni questo tema era scomparso dall agenda del sindacato e dall attenzione della sinistra. Il dato statistico sulle case in proprietà (l 80% circa), benchè basato sulla famosa media di Trilussa, era tale da considerare la casa un problema sostanzialmente risolto. Per chi non aveva la casa in proprietà c era l equo canone o, se il suo reddito era particolarmente basso, l alloggio popolare o, ancora per le i redditi medi, gli immobili degli enti previdenziali o delle assicurazioni o delle banche. La casa in proprietà utilizzando la 167 (l edilizia agevolata in cooperativa), l equo canone, l edilizia residenziale pubblica, sono stati grandi conquiste sociali, frutto di lotte che risalgono agli anni sessanta e che culminarono con lo sciopero generale delle tre confederazioni sulla casa che si svolse il La politica della casa, dunque, pur tra contraddizioni e limiti (non dimentichiamo che la crisi della mobilità urbana deriva per molti aspetti da uno sviluppo distorto e non programmato delle città e del territorio), fino agli anni novanta, sotto l impulso del movimento sindacale, ha conseguito risultati non disprezzabili dal punto di vista sociale, è stata un elemento non secondario del Welfare italiano. Negli anni novanta inizia un processo riformatore che ha finito col gettare, insieme all acqua sporca, anche il bambino. Nel 96, con l accordo tra governo e parti sociali sulla riduzione del costo del lavoro, si decideva di eliminare i contributi Gescal, con i quali si finanziava l edilizia sociale. Nel 98 si chiudeva la fase dell equo canone (che si basava sostanzialmente sul concetto di prezzo amministrato, scaricando sul proprietario della casa il costo sociale dell intervento) e si approvava la legge 431 sulla regolamentazione degli affitti, introducendo sia il regime del doppio canale di contrattazione del canone sia il fondo sociale di sostegno all affitto per le famiglie più disagiate. Infine, con il titolo V, le competenze relative alla politica della casa sono passate in via esclusiva alle Regioni e al sistema delle autonomie locali. Ma il passaggio di competenze è avvenuto a zero lire. Infatti, essendo stati i finanziamenti per la politica sociale della casa garantiti dal fondo Gescal, nel bilancio dello Stato non esisteva una spesa storica dedicata alla casa (come per la sanità o per i trasporti). Se le riforme del centro-sinistra in tema di casa sono risultate inadeguate e hanno creato più problemi, in termini di incertezza e precarietà, di quanti non ne abbiano risolto, l attuale governo sta procedendo a un radicale smantellamento di ogni tipo di intervento pubblico. Nessun finanziamento per l ERP, svuotamento del Fondo sociale per l affitto a livelli insignificanti, promesse di agevolazioni alle giovani coppie da finanziare con le risorse destinate all assistenza. Tutto ciò avviene al di fuori di qualsiasi concertazione non 2

3 solo con le parti sociali, ma anche con gli altri livelli istituzionali. Per l attuale governo il discorso è chiuso. D altra parte, Il viceministro Martinat, che ha la delega sulla casa, non perde occasione per ripetere che la materia è esclusiva competenza delle Regioni e, quindi, non spetta al governo trovare le risorse. Se i comuni vogliono mantenere o incrementare il Fondo per l affitto, dice Martinat, se lo finanzino da soli tramite l aumento dell Ici. Per il governo, dunque, la casa non è un diritto da garantire, né un problema sociale che si collega strettamente alla politica dei redditi, alle politiche del lavoro, alla politica dei servizi. Quali sono i cambiamenti, intervenuti nell ultimo decennio, che fanno assumere una nuova centralità alle politiche dell abitare? Perché in un paese che ha sulla carta un numero di abitazioni di gran lunga superiore al numero delle famiglie esiste, poi, questo grande divario tra domanda e offerta abitativa? Tre sono, a mio avviso, le ragioni fondamentali che hanno determinato l insorgere, nel nostro paese, di una questione abitativa con caratteristiche diverse rispetto al passato: una ragione demografica, messa in evidenza dall ultimo censimento Istat. Dal 1991 al 2001 il numero delle famiglie è aumentato di un milione e mezzo (passando da circa venti milioni a circa ventuno milioni e mezzo). Aumenta il numero di famiglie ma diminuisce la composizione dei nuclei familiari: più anziani soli, più single, più famiglie monogenitore; una ragione legata al mondo del lavoro. I lavoratori in mobilità nelle aree produttive del Nord-Est, ma anche i giovani, con contratti a tempo determinato o di collaborazione, costretti a spostarsi in continuazione da una città all altra, hanno messo in evidenza l estrema rigidità del mercato abitativo rispetto alla flessibilità e alle nuove dinamiche del mercato del lavoro; infine, la forte crescita dei valori immobiliari, soprattutto nelle grandi città, che ha comportato un considerevole aumento degli affitti. E saltato, negli ultimi anni, come dimostrano le indagini condotte dal Sunia nelle grandi città, qualsiasi rapporto tra reddito dei lavoratori e canone. I livelli di canone richiesti sul mercato privato dell' affitto sono del tutto incompatibili con i redditi da pensione o con quelli di una famiglia in cui lavora solo il capofamiglia o con quelli di un giovane che cerca la sua autonomia. Se questa è la situazione, c è bisogno di un insieme di interventi, ovvero di una politica capace di dare una risposta ad una platea sociale vasta che vive 3

4 drammaticamente il problema della casa. Si tratta di anziani, giovani, lavoratori in mobilità, immigrati, single, divorziati, studenti universitari, per i quali la casa si presenta non già come un bene d investimento o un bene rifugio (come è stato per più di una generazione dal dopoguerra in poi), bensì come un bene d uso, funzionale ai percorsi di vita e di lavoro di ciascuno. Rispetto a questa visione, nuova e moderna, della funzione della casa, si registra un ritardo intollerabile della cultura di sinistra e dello stesso movimento sindacale. La vicenda delle dismissioni del patrimonio residenziale pubblico degli enti previdenziali (e, in una certa misura, anche dell Erp), con l accelerazione avuta con i processi di cartolarizzazione, è emblematica di una politica che alle esigenze di cassa ha sacrificato bisogni sociali fondamentali. Da questo punto di vista, il ministro Tremonti sta portando avanti, certamente in modo più brutale, una politica che ha mosso i primi passi col centrosinistra. Si sta completando la vendita di circa abitazioni pubbliche (che erano affittate a canone moderato) senza tenere in alcun conto le ripercussioni negative sul mercato degli affitti e, complessivamente, sul tessuto delle nostre città, destinate a diventare facile preda degli interessi e delle speculazioni di grandi immobiliari, che spingono per cambiare la destinazione d uso degli immobili collocati nelle aree centrali e di maggior pregio, costringendo la popolazione residente, che non è in grado di sopportare certi costi, a spostarsi in periferia. Cgil,Cisl e Uil hanno predisposto un documento unitario sul rilancio della politica della casa, che deve servire da base per il confronto col governo in sede di finanziaria e, comunque, per avviare una vertenzialità a livello regionale e territoriale. Nei mesi scorsi abbiamo aperto un tavolo con la Conferenza delle Regioni e con l Anci, e abbiamo chiesto al governo una conferenza nazionale sulla casa. La stessa proposta hanno fatto, autonomamente, i sindacati degli inquilini, Federcasa, il movimento cooperativo, le associazioni dei proprietari e dei costruttori. Sulla questione casa si gioca, insomma, una partita importante non solo sul piano dei diritti e delle politiche sociali, ma anche su quello delle politiche d investimento e delle politiche urbanistiche. Il nostro impegno è rivolto, a partire dai prossimi mesi, a: porre al centro delle politiche abitative la questione della sostenibilità degli affitti. Ciò presuppone il rilancio degli investimenti nel campo dell edilizia sociale e dell edilizia agevolata in affitto permanente (o per almeno venti anni). L aumento di un offerta abitativa - adeguata, per tipologia e costi alla nuova domanda sociale richiede una voce di bilancio non inferiore, come chiedono anche 4

5 Regioni e Comuni, a mille milioni di euro annui. I finanziamenti pubblici, al fine di assicurare la massima produttività degli investimenti, dovrebbero essere variabili (sul modello della legge 21/ 01 sul disagio abitativo ), cioè tali, da un lato, da garantire la copertura dei costi al 100% per gli alloggi destinati alle fasce più deboli e, dall altro, da prevedere il concorso dei privati per soddisfare la domanda di coloro che non hanno i requisiti per accedere all alloggio popolare ma, al tempo stesso, non sono nelle condizioni di accedere al mercato privato dell affitto. Inoltre, invece di costruire ex novo (se non in casi in cui sia impossibile altrimenti), i Comuni in via prioritaria dovrebbero indicare, direttamente o d accordo con i privati, immobili vuoti e aree degradate da recuperare; mantenere e potenziare, con un finanziamento di 500 milioni di euro il Fondo sociale per l affitto, una forma essenziale d intervento quando il divario tra reddito e canone colloca il nucleo familiare nella fascia di povertà. L integrazione al reddito per l affitto (il bonus casa), allo stato attuale, è lo strumento più flessibile ed efficace a disposizione dei comuni per fronteggiare il disagio abitativo; rafforzare il secondo canale (il contratto d affitto concordato ), prevedendo una modifica alla legge 431/ 98 al fine di dare maggiori incentivi fiscali ai proprietari immobiliari, che oggi preferiscono il canale libero o affittare in nero ; puntare al rifinanziamento dei contratti di quartiere che, alla luce dell esperienza, hanno dimostrato di essere validi strumenti di riqualificazione urbana attraverso interventi (nel campo dei servizi e delle infrastrutture), in grado di riconnettere le periferie al tessuto complessivo della città. 5

NUOVI TRATTI DELLA QUESTIONE ABITATIVA IN ITALIA: LA FASCIA GRIGIA. ATTORI E STRUMENTI OPERATIVI. Torino, 4 febbraio 2010

NUOVI TRATTI DELLA QUESTIONE ABITATIVA IN ITALIA: LA FASCIA GRIGIA. ATTORI E STRUMENTI OPERATIVI. Torino, 4 febbraio 2010 NUOVI TRATTI DELLA QUESTIONE ABITATIVA IN ITALIA: LA FASCIA GRIGIA. ATTORI E STRUMENTI OPERATIVI Torino, 4 febbraio 2010 LA QUESTIONE ABITATIVA IN ITALIA: FRENO ALLO SVILUPPO DISTORSIONE DEL MERCATO DELLE

Dettagli

CGIL SPI FILLEA SUNIA LEGAMBIENTE PIU CASE IN AFFITTO: UN PROGRAMMA POSSIBILE

CGIL SPI FILLEA SUNIA LEGAMBIENTE PIU CASE IN AFFITTO: UN PROGRAMMA POSSIBILE CGIL SPI FILLEA SUNIA LEGAMBIENTE PIU CASE IN AFFITTO: UN PROGRAMMA POSSIBILE PREMESSA IL PROGRAMMA PIU CASE IN AFFITTO VUOLE RISPONDERE: AD UN PROBLEMA SOCIALE PRIMARIO AL BISOGNO DI CITTA SOSTENIBILI

Dettagli

Negli ultimi anni, complice la crisi economica globale, si sono riproposte prepotentemente le seguente tematiche:

Negli ultimi anni, complice la crisi economica globale, si sono riproposte prepotentemente le seguente tematiche: AZIENDA TERRITORIALE EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMUNE DI ROMA Negli ultimi anni, complice la crisi economica globale, si sono riproposte prepotentemente le seguente tematiche: DISAGIO ABITATIVO

Dettagli

POLITICHE ABITATIVE IN LOMBARDIA Le proposte del Gruppo PD Lombardia

POLITICHE ABITATIVE IN LOMBARDIA Le proposte del Gruppo PD Lombardia POLITICHE ABITATIVE IN LOMBARDIA Le proposte del Gruppo PD Lombardia Milano, 15 aprile 2016 LA SITUAZIONE ATTUALE Rapporto annuale sulle politiche abitative in Regione Lombardia (Delibera regionale 4949/21.03.2016)

Dettagli

Dimensioni e caratteristiche del disagio abitativo in Italia

Dimensioni e caratteristiche del disagio abitativo in Italia Dimensioni e caratteristiche del disagio abitativo in Italia BOLOGNA, 4 aprile 2016 Contenuti PREMESSA CONDIZIONI SOCIO- ECONOMICHE DELLE FAMIGLIE STIMA DEL DISAGIO ABITATIVO IN ITALIA DISAGIO ABITATIVO

Dettagli

Il mercato della locazione in Lombardia

Il mercato della locazione in Lombardia Il mercato della locazione in Lombardia Milano, 29 Gennaio 2009 Circolo della Stampa Gualtiero Tamburini Presidente Nomisma Abitazioni occupate per forma di godimento (in % sul totale delle occupate) Titolo

Dettagli

CGIL. L offerta di abitazioni in affitto nelle aree metropolitane SUNIA

CGIL. L offerta di abitazioni in affitto nelle aree metropolitane SUNIA CGIL L offerta di abitazioni in affitto nelle aree metropolitane SUNIA Roma 10 febbraio 2009 CGIL SUNIA L offerta di abitazioni in affitto nelle aree metropolitane L indagine effettuata sull offerta del

Dettagli

Potenzialità del Social Housing in Provincia di Pordenone

Potenzialità del Social Housing in Provincia di Pordenone 17 Ottobre 2014 Provincia di Pordenone Osservatorio Politiche Abitative Questioni Abitative per la Provincia di Pordenone Potenzialità del Social Housing in Provincia di Pordenone Tesi di: Laurea in Management

Dettagli

I VERI NUMERI DELL IMU

I VERI NUMERI DELL IMU a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 65 I VERI NUMERI DELL IMU Chi ci guadagna e chi ci perde 7 maggio 2013 L imposta comunale sugli immobili

Dettagli

IL QUADRO DEL DISAGIO ABITATIVO NELLA CITTA METROPOLITANA DI TORINO

IL QUADRO DEL DISAGIO ABITATIVO NELLA CITTA METROPOLITANA DI TORINO IL QUADRO DEL DISAGIO ABITATIVO NELLA CITTA METROPOLITANA DI TORINO arch. Stefania Falletti Osservatorio Sistema Insediativo Residenziale Città Metropolitana di Torino Membro ANCI commissione regionale

Dettagli

abitare l edilizia residenziale pubblica e l housing sociale che cos è e come accedervi

abitare l edilizia residenziale pubblica e l housing sociale che cos è e come accedervi 4. abitare l edilizia residenziale pubblica e l housing sociale che cos è e come accedervi l edilizia residenziale pubblica e l housing sociale che cos è e come accedervi 1. 2. 3. 4. 5. 6. CHE COS E L

Dettagli

Libro bianco sul degrado edilizio e sociale delle città calabresi

Libro bianco sul degrado edilizio e sociale delle città calabresi Libro bianco sul degrado edilizio e sociale delle città calabresi a cura del consigliere regionale Carlo Guccione INDICE 1. Premessa 2. Le città calabresi 2.1 Catanzaro 2.2 Cosenza 2.3 Reggio Calabria

Dettagli

Il Sistema abitativo nella provincia di Reggio Emilia

Il Sistema abitativo nella provincia di Reggio Emilia R e g g i o E m i l i a 28 Settembre 2007 C o n f e r e n z a d i P i a n i f i c a z i o n e Il Sistema abitativo nella provincia di Reggio Emilia Dati desunti dal Rapporto 2006 dell Osservatorio Regionale

Dettagli

Alessandra Mennella Ginevra R. Romanetti Marina Block N14/1185 N14/155 N14/763

Alessandra Mennella Ginevra R. Romanetti Marina Block N14/1185 N14/155 N14/763 Alessandra Mennella Ginevra R. Romanetti Marina Block N14/1185 N14/155 N14/763 HOUSING SOCIALE La domanda di housing sociale riguarda nuove fasce sociali con esigenze specifiche: - GIOVANI COPPIE - ANZIANI

Dettagli

Legge 8 febbraio 2007, n. 9. "Interventi per la riduzione del disagio abitativo per particolari categorie sociali "

Legge 8 febbraio 2007, n. 9. Interventi per la riduzione del disagio abitativo per particolari categorie sociali Indici delle leggi Legge 8 febbraio 2007, n. 9 "Interventi per la riduzione del disagio abitativo per particolari categorie sociali " pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 37 del 14 febbraio 2007 Art.

Dettagli

ART. 11 DECRETO LEGGE N. 112/2008 PIANO NAZIONALE PER L EDILIZIA ABITATIVA IL CIPE

ART. 11 DECRETO LEGGE N. 112/2008 PIANO NAZIONALE PER L EDILIZIA ABITATIVA IL CIPE ART. 11 DECRETO LEGGE N. 112/2008 PIANO NAZIONALE PER L EDILIZIA ABITATIVA IL CIPE VISTO l articolo 11 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008,

Dettagli

L AGENDA STRATEGICA. Appunti per. Presentazione dell Agenda Strategica per il Social Housing a Reggio Emilia

L AGENDA STRATEGICA. Appunti per. Presentazione dell Agenda Strategica per il Social Housing a Reggio Emilia Presentazione dell Agenda Strategica per il Social Housing a Reggio Emilia Tecnopolo Reggio Emilia, 23 Aprile 2015 ore 10.00 Appunti per L AGENDA STRATEGICA Ugo Baldini e Giampiero Lupatelli La ricerca

Dettagli

PIANO STRATEGICO FANO DINAMICHE SOCIODEMOGRAFICHE

PIANO STRATEGICO FANO DINAMICHE SOCIODEMOGRAFICHE PIANO STRATEGICO FANO DINAMICHE SOCIODEMOGRAFICHE ANALISI SOCIO-ECONOMICA 2016 DIMENSIONE SPAZIO/TEMPORALE I dati del comune di Fano sono stati confrontati con Sistema locale del lavoro Provincia Regione

Dettagli

i dossier IMU L impatto della sospensione per la prima casa a cura di Renato Brunetta

i dossier IMU L impatto della sospensione per la prima casa   a cura di Renato Brunetta 398 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com IMU L impatto della sospensione per la prima casa 17 maggio 2013 a cura di Renato Brunetta 2 IMU/BRUNETTA: DA GIUGNO 2,1 MILIARDI IN PIÙ NELLE

Dettagli

IL FABBISOGNO ABITATIVO RINNOVATA EMERGENZA

IL FABBISOGNO ABITATIVO RINNOVATA EMERGENZA IL FABBISOGNO ABITATIVO RINNOVATA EMERGENZA 6 Rapporto UIL famiglia-reddito-casa A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Maggio 2011 INDICE DEI CONTENUTI Nota introduttiva pag. 3 La spesa delle

Dettagli

SFRATTI PER MOROSITÁ 2016: FENOMENO SEMPRE PREOCCUPANTE

SFRATTI PER MOROSITÁ 2016: FENOMENO SEMPRE PREOCCUPANTE Servizio AREE URBANE CASA Politiche abitative IX Rapporto UIL SFRATTI PER MOROSITÁ 2016: FENOMENO SEMPRE PREOCCUPANTE 54.829 provvedimenti di sfratto per morosità Canone medio mensile di 605 euro Incidenza

Dettagli

SFRATTI PER MOROSITA : FENOMENO SEMPRE ALLARMANTE

SFRATTI PER MOROSITA : FENOMENO SEMPRE ALLARMANTE Servizio AREE URBANE CASA Politiche abitative Rapporto UIL SFRATTI PER MOROSITA : FENOMENO SEMPRE ALLARMANTE L AFFITTO INCIDE OLTRE IL 40% SUL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE E IL 50% SU QUELLO DA PENSIONE

Dettagli

DISTRIBUZIONE DELLE FAMIGLIE PER NUMERO DI COMPONENTI

DISTRIBUZIONE DELLE FAMIGLIE PER NUMERO DI COMPONENTI LA DOMANDA ABITATIVA Ufficio Studi del Sunia Elaborazioni su dati Banca d Italia (I bilanci delle famiglie italiane nell anno 2004) e Istat (Censimento 2001) Dagli ultimi dati relativi al Censimento 2001

Dettagli

CGIL SUNIA. La crisi economica acuisce il fenomeno degli sfratti per morosità. Roma

CGIL SUNIA. La crisi economica acuisce il fenomeno degli sfratti per morosità. Roma CGIL La crisi economica acuisce il fenomeno degli sfratti per morosità SUNIA Roma L indagine sull andamento delle procedure di sfratto è stata effettuata su dati del Ministero dell Interno e sui risultati

Dettagli

L offerta di abitazioni in affitto nelle aree metropolitane SUNIA

L offerta di abitazioni in affitto nelle aree metropolitane SUNIA L offerta di abitazioni in affitto nelle aree metropolitane SUNIA L indagine è stata effettuata su un campione di circa 5.000 offerte di locazione attraverso la rilevazione e classificazione dell offerta

Dettagli

Servizi integrati per l abitare sostenibile e solidale

Servizi integrati per l abitare sostenibile e solidale Servizi integrati per l abitare sostenibile e solidale Perché un agenzia per la casa? Obiettivo di mandato: un piano straordinario contro il disagio abitativo da realizzarsi con la collaborazione di tutte

Dettagli

Nuovo regolamento IMU. Comune di Asti

Nuovo regolamento IMU. Comune di Asti Nuovo regolamento IMU Comune di Asti Prima casa L aliquota per la prima casa rimane invariata. Ad esempio, una prima casa con tre pertinenze (garage, tettoia, magazzino) continua a pagare l aliquota dello

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LO STOCK ABITATIVO IN ITALIA

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LO STOCK ABITATIVO IN ITALIA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LO STOCK ABITATIVO IN ITALIA 5 Maggio 2015 INDICE SINTESI... 3 ABITAZIONI... 4 ABITAZIONI OCCUPATE DA PERSONE RESIDENTI... 6 POPOLAZIONE E FAMIGLIE... 9 ABITAZIONI

Dettagli

Firma della Convenzione progetto EmergenzaCasa 6

Firma della Convenzione progetto EmergenzaCasa 6 Firma della Convenzione progetto EmergenzaCasa 6 Fondazione CRC 20 marzo 2017 LA RETE 17 Comuni: Alba, Borgo San Dalmazzo, Boves, Bra, Busca, Caraglio, Cervasca, Ceva, Cuneo, Dronero, Fossano, Mondovì,

Dettagli

Comune di Villa Guardia Provincia di Como

Comune di Villa Guardia Provincia di Como FONDO SOSTEGNO AFFITTO GRAVE DISAGIO ECONOMICO D.G.R. - Lombardia - n. X/3495 del 30/04/2015, - D.G.C. n. 55 del 13.05.2015. Il Fondo, costituito da risorse Regionali e risorse Comunali, sostiene coloro

Dettagli

Andamento mercato immobiliare

Andamento mercato immobiliare Andamento mercato immobiliare Saluti del Presidente dell ANCE AIES Salerno Vincenzo Russo 18 maggio 2017 Camera di Commercio di Salerno Il mercato Immobiliare italiano Il mercato immobiliare residenziale

Dettagli

Casa e politiche della residenza

Casa e politiche della residenza Alcuni numeri Lavori pubblici Impegni per il futuro Tra il 2008 e il 2009 la popolazione residente a livello comunale è aumentata dello 0,26%, passando dai 270.098 abitanti del 2008 ai 270.801 del 2009.

Dettagli

LA DOMANDA ABITATIVA NEL VENETO

LA DOMANDA ABITATIVA NEL VENETO ANCE VENETO ASSOCIAZIONE REGIONALE COSTRUTTORI EDILI LA DOMANDA ABITATIVA NEL VENETO 2006-2015 LE DINAMICHE REGIONALI, PROVINCIALI E DEI CAPOLUOGHI DI PROVINCIA Roma, Giugno 2006 PROGETTAZIONE E DIREZIONE

Dettagli

Le Qualità della Città 13 Marzo 2007

Le Qualità della Città 13 Marzo 2007 Le Qualità della Città 13 Marzo 2007 Politiche dell Abitare Il Bisogno Casa: Vecchi e Nuovi Soggetti Ceti medio-bassi con le punte di bisogno delle famiglie monoreddito tra cui: lavoratori precari, giovani

Dettagli

PIANO CASA. Bando F555 Pietralata

PIANO CASA. Bando F555 Pietralata PIANO CASA Bando F555 Pietralata Bando per la realizzazione di un quartiere di Housing Sociale nell area F di Pietralata ATTUAZIONE MISURE PIANO CASA Delibera di Consiglio 23/2010: approvazione degli indirizzi

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 18 DEL REGIONE SICILIA

LEGGE REGIONALE N. 18 DEL REGIONE SICILIA Legge 1994018 Pagina 1 di 5 LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 7-06-1994 REGIONE SICILIA Fissazione dei canoni di locazione per gli alloggi di edilizia residenziale pubblica. Integrazioni alla legge regionale 31

Dettagli

La domanda di abitazione e le mutate condizioni economiche e finanziarie delle famiglie

La domanda di abitazione e le mutate condizioni economiche e finanziarie delle famiglie La domanda di abitazione e le mutate condizioni economiche e finanziarie delle famiglie Milano, 15 settembre 2015 Condizioni abitative delle famiglie italiane Milano, 15 settembre 2015 1 L Italia è, insieme

Dettagli

Dossier 6 La situazione delle famiglie con riguardo agli affitti e ai mutui per la casa

Dossier 6 La situazione delle famiglie con riguardo agli affitti e ai mutui per la casa Dossier 6 La situazione delle famiglie con riguardo agli affitti e ai mutui per la casa Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni riunite V Commissione

Dettagli

CHE COS E LA MOROSITÀ INCOLPEVOLE? A CHI PUO ESSERE RICONOSCIUTO LO STATUS DI MOROSO INCOLPEVOLE?

CHE COS E LA MOROSITÀ INCOLPEVOLE? A CHI PUO ESSERE RICONOSCIUTO LO STATUS DI MOROSO INCOLPEVOLE? CHE COS E LA MOROSITÀ INCOLPEVOLE? Il Decreto Legge n. 102 del 31 agosto 2013 - convertito nella legge n. 124 del 28 ottobre 2013 - ha istituito presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Dettagli

Incontro. OTRANTO 28 ottobre pubblico

Incontro. OTRANTO 28 ottobre pubblico Incontro OTRANTO 28 ottobre 2011 pubblico Incontro pubblico Il disagio abitativo (definizioni ORCA) Disagio Estremo: esclusione abitativa in senso stretto; è la condizione dei senza dimora, di chi non

Dettagli

IL NUOVO PATTO SOCIALE PER PARMA DOVE SIAMO ARRIVATI L ASSESSORE LAURA ROSSI INCONTRA LA CITTÀ

IL NUOVO PATTO SOCIALE PER PARMA DOVE SIAMO ARRIVATI L ASSESSORE LAURA ROSSI INCONTRA LA CITTÀ IL NUOVO PATTO SOCIALE PER PARMA DOVE SIAMO ARRIVATI L ASSESSORE LAURA ROSSI INCONTRA LA CITTÀ IL WELFARE PER GLI ANZIANI LA FAMIGLIA E I MINORI LE PERSONE VULNERABILI LE TUTELE PER LE DISABILITÀ LE POLITICHE

Dettagli

RASSEGNA STAMPA 03_08_2006

RASSEGNA STAMPA 03_08_2006 RASSEGNA STAMPA 03_08_2006 LA MARGHERITA TOSCANA Casa dolce casa Per il problema abitazione va diversificata l offerta Lunedì 31 luglio 2006 Giovanni Pecchioli Presidente Casa Spa - Firenze Il tema della

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI. Mario Breglia. Presidente di Scenari Immobiliari

SCENARI IMMOBILIARI. Mario Breglia. Presidente di Scenari Immobiliari Mario Breglia Presidente di Scenari Immobiliari Firenze, 19 maggio 2016 Fatturato immobiliare europeo: andamento e previsioni (milioni di euro, valori nominali) Paese 2012 2013 2014 2015 2016* Var % 2015/2014

Dettagli

SOCIAL HOUSING E AGENZIE PUBBLICHE PER LA CASA

SOCIAL HOUSING E AGENZIE PUBBLICHE PER LA CASA 9 Incontro Finanziario dell Autonomia Locale SOCIAL HOUSING: RIORDINO URBANO E VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO SOCIAL HOUSING E AGENZIE PUBBLICHE PER LA CASA Giuseppe Roma direttore CENSIS IL RITORNO D ATTENZIONE

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI SVILUPPO URBANO PUC3 destinati ai Comuni con popolazione non superiore a abitanti

PROGRAMMI INTEGRATI DI SVILUPPO URBANO PUC3 destinati ai Comuni con popolazione non superiore a abitanti REGIONE UMBRIA GIUNTA REGIONALE DIREZIONE PROGRAMMAZIONE INNOVAZIONE COMPETITIVITA DELL UMBRIA SERVIZIO POLITICHE DELLA CASA E RIQUALIFICAZIONE URBANA SEZIONE RIQUALIFICAZIONE URBANA PROGRAMMI INTEGRATI

Dettagli

Deliberazione di Giunta Regionale n. 594 del 24 giugno 2005

Deliberazione di Giunta Regionale n. 594 del 24 giugno 2005 Deliberazione di Giunta Regionale n. 594 del 24 giugno 2005 OGGETTO:Approvazione con integrazioni e modificazioni del Protocollo d intesa tra la Regione Lazio e il Comune di Roma sull emergenza casa. Modificazioni

Dettagli

ENERGIA, SOCIAL HOUSING, RIQUALIFICAZIONE:

ENERGIA, SOCIAL HOUSING, RIQUALIFICAZIONE: ENERGIA, SOCIAL HOUSING, RIQUALIFICAZIONE: LE BUONE PRATICHE DI FOSSANO Francesco Balocco Sindaco TELERISCALDAMENTO CENTRALE DI COGENERAZIONE PRESSO STABILIMENTO MICHELIN VANTAGGIO PER L AZIENDA (CONSERVAZIONE

Dettagli

ANCE MERCATO ABITATIVO INVESTIMENTI, PERMESSI DI COSTRUIRE,COMPRAVENDITE E PREZZI

ANCE MERCATO ABITATIVO INVESTIMENTI, PERMESSI DI COSTRUIRE,COMPRAVENDITE E PREZZI ANCE MERCATO ABITATIVO INVESTIMENTI, PERMESSI DI COSTRUIRE,COMPRAVENDITE E PREZZI Aprile 2012 ABITAZIONI: PROSEGUE LA FLESSIONE DELLE NUOVE INIZIATIVE, IN CONTROTENDENZA GLI INVESTIMENTI DI RECUPERO; ANCORA

Dettagli

DA DIRITTO ALLA CASA A DIRITTO ALL ABITARE LA CASA COME AMMORTIZZATORE SOCIALE

DA DIRITTO ALLA CASA A DIRITTO ALL ABITARE LA CASA COME AMMORTIZZATORE SOCIALE DA DIRITTO ALLA CASA A DIRITTO ALL ABITARE LA CASA COME AMMORTIZZATORE SOCIALE l nostro paese deve percorrere ancora molta strada per dare dignità al diritto alla casa. Il diritto all'abitare deve diventare

Dettagli

Il progetto di housing sociale della Immobiliare Veneziana

Il progetto di housing sociale della Immobiliare Veneziana Il progetto di housing sociale della Immobiliare Veneziana Venezia, 26.06.07 La Immobiliare Veneziana srl Il progetto social housing Lo scopo dell intervento consiste nella presentazione del progetto di

Dettagli

SVIMEZ. Roma, 14 marzo 2016. 1. Le analisi della SVIMEZ (cenni)

SVIMEZ. Roma, 14 marzo 2016. 1. Le analisi della SVIMEZ (cenni) Roma, 14 marzo 2016 SVIMEZ Note al ddl Delega recante norme relative al contrasto alla povertà, al riordino delle prestazioni e al sistema degli interventi e dei servizi sociali 1. Le analisi della SVIMEZ

Dettagli

DUEMILA INTERVENTI, UN AGENDA.

DUEMILA INTERVENTI, UN AGENDA. DUEMILA INTERVENTI, UN AGENDA. I NUMERI DEL BANDO PERIFERIE 120 PROGETTI 22.913.218 cittadini residenti nei Comuni coinvolti 445 Comuni interessati di cui 348 nelle 13 Città Metropolitane Di questi ultimi,

Dettagli

COMO 15 dicembre 2016 Stati Generali Cgil Lombardia. il Piano del Lavoro Cgil e le sue trasformazioni. Gaetano Sateriale

COMO 15 dicembre 2016 Stati Generali Cgil Lombardia. il Piano del Lavoro Cgil e le sue trasformazioni. Gaetano Sateriale COMO 15 dicembre 2016 Stati Generali Cgil Lombardia il Piano del Lavoro Cgil e le sue trasformazioni Gaetano Sateriale Piano del Lavoro Cgil due percorsi attuativi: politica nazionale contrattazione territoriale

Dettagli

Progetto 1 Abitare in Borgo

Progetto 1 Abitare in Borgo Progetto 1 Abitare in Borgo Modello innovativo per la riqualificazione urbana e la risposta ai bisogni abitativi. Recupero e adeguamento impiantistico su immobili inagibili del patrimonio comunale al fine

Dettagli

Smart Pisa. BUILDING Ridurre i consumi e riqualificare il costruito Obiettivi, strategie e piani del Comune di Pisa

Smart Pisa. BUILDING Ridurre i consumi e riqualificare il costruito Obiettivi, strategie e piani del Comune di Pisa Smart Pisa BUILDING Ridurre i consumi e riqualificare il costruito Obiettivi, strategie e piani del Comune di Pisa Ylenia Zambito Assessore all'urbanistica Recupero e Riuso del Patrimonio Edilizio Esistente

Dettagli

DOCUMENTO FINALE. VI Conferenza di Organizzazione UILA Aprile 2017

DOCUMENTO FINALE. VI Conferenza di Organizzazione UILA Aprile 2017 DOCUMENTO FINALE VI Conferenza di Organizzazione UILA Aprile 2017 La VI Conferenza di Organizzazione della UILA, riunita a Verona dal 10 al 12 aprile 2017, approva la relazione del Segretario Organizzativo

Dettagli

LA QUESTIONE ABITATIVA E LE POLITICHE PER LA CASA IN TOSCANA

LA QUESTIONE ABITATIVA E LE POLITICHE PER LA CASA IN TOSCANA LA QUESTIONE ABITATIVA E LE POLITICHE PER LA CASA IN TOSCANA Sabrina Iommi LIVORNO, 27 GIUGNO 2011 STRUTTURA DELLA RELAZIONE L INTERVENTO TRATTA I SEGUENTI ASPETTI: condizioni abitative dei toscani (confronti

Dettagli

L EMERGENZA ABITATIVA A PISA. Avv. Pietro Pescatore Dirigente Ufficio Politiche Abitative

L EMERGENZA ABITATIVA A PISA. Avv. Pietro Pescatore Dirigente Ufficio Politiche Abitative L EMERGENZA ABITATIVA A PISA Avv. Pietro Pescatore Dirigente Ufficio Politiche Abitative IL COMUNE DI PISA IN CIFRE La popolazione del Comune di Pisa continua a aumentare nel 2010 gli abitanti sono 88.217

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 46 DELIBERAZIONE 4 novembre 2013, n. 900

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 46 DELIBERAZIONE 4 novembre 2013, n. 900 98 13.11.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 46 DELIBERAZIONE 4 novembre 2013, n. 900 Approvazione Schema di Protocollo d Intesa tra la Regione Toscana, il Comune di Siena e Siena Casa

Dettagli

OGGETTO: Circolare 7a.2017 Seregno, 5 aprile 2017

OGGETTO: Circolare 7a.2017 Seregno, 5 aprile 2017 OGGETTO: Circolare 7a.2017 Seregno, 5 aprile 2017 PROMEMORIA ONERI DETRAIBILI MOD 730 UNICO 2017 PER ANNO 2016 Dichiarazione dei redditi anno 2017 per anno 2016 Cognome Nome Oneri detraibili Oneri per

Dettagli

LA QUESTIONE ABITATIVA E LE POLITICHE PER LA CASA IN TOSCANA

LA QUESTIONE ABITATIVA E LE POLITICHE PER LA CASA IN TOSCANA LA QUESTIONE ABITATIVA E LE POLITICHE PER LA CASA IN TOSCANA Sabrina Iommi LIVORNO, 27 GIUGNO 2011 STRUTTURA DELLA RELAZIONE L INTERVENTO TRATTA I SEGUENTI ASPETTI: condizioni abitative dei toscani (confronti

Dettagli

LE DETRAZIONI PER CANONI DI LOCAZIONE CARATTERISTICHE COMUNI DELLE DETRAZIONI IN ESAME

LE DETRAZIONI PER CANONI DI LOCAZIONE CARATTERISTICHE COMUNI DELLE DETRAZIONI IN ESAME LE DETRAZIONI PER CANONI DI LOCAZIONE Nell ambito della dichiarazione dei redditi, sono previste una serie di specifiche detrazioni ai fini IRPEF spettanti agli inquilini titolari di un contratto di locazione

Dettagli

DALLE POLITICHE AI SERVIZI. UNA VALUTAZIONE DEGLI INTERVENTI IN ATTO

DALLE POLITICHE AI SERVIZI. UNA VALUTAZIONE DEGLI INTERVENTI IN ATTO LORENZO LUSIGNOLI Dipartimento Politiche Sociali, salute e Riforma P.A. della Cisl DALLE POLITICHE AI SERVIZI. UNA VALUTAZIONE DEGLI INTERVENTI IN ATTO COSA SUCCEDE IN EUROPA Spesa per la protezione sociale

Dettagli

Progetto Housing Sociale. Verbania, 26 ottobre 2016

Progetto Housing Sociale. Verbania, 26 ottobre 2016 Progetto Housing Sociale Verbania, 26 ottobre 2016 Indice 1. Edilizia Residenziale Sociale 2. Fondazione Housing Sociale 3. Fondi immobiliari e Sistema Integrato dei Fondi 4. Elementi per la definizione

Dettagli

Città a confronto 2008

Città a confronto 2008 Comune di - Servizio Statistica e Ricerca a confronto 2008 un analisi sulle 14 maggiori città italiane Novembre 2009 Studi ed elaborazione dati per la programmazione Servizio Statistica e Ricerca Comune

Dettagli

MIGLIORA LA SITUAZIONE DEL MERCATO DEL LAVORO PIACENTINO NEL 2016: CALA LA DISOCCUPAZIONE, AUMENTA L OCCUPAZIONE.

MIGLIORA LA SITUAZIONE DEL MERCATO DEL LAVORO PIACENTINO NEL 2016: CALA LA DISOCCUPAZIONE, AUMENTA L OCCUPAZIONE. MIGLIORA LA SITUAZIONE DEL MERCATO DEL LAVORO PIACENTINO NEL 2016: CALA LA DISOCCUPAZIONE, AUMENTA L OCCUPAZIONE. Piacenz@economia pubblica i dati ufficiali sul mercato del lavoro recentemente diffusi

Dettagli

Nel territorio della provincia di Reggio Emilia

Nel territorio della provincia di Reggio Emilia Nel territorio della provincia di Reggio Emilia Analisi del contesto Il disagio abitativo coinvolge anche famiglie a medio reddito che non trovano una risposta nell edilizia residenziale pubblica (a canone

Dettagli

Comune di Bisceglie acquisirà la disponibilità di suoli localizzati in Via Padre Kolbe, che consentirà la realizzazione di circa 120 alloggi di

Comune di Bisceglie acquisirà la disponibilità di suoli localizzati in Via Padre Kolbe, che consentirà la realizzazione di circa 120 alloggi di Città di Bisceglie Protocollo d intesa per la programmazione di interventi di edilizia residenziale pubblica e l adozione di misure urgenti per fronteggiare l emergenza abitativa nella Città di Bisceglie

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 645 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore SERVELLO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 GIUGNO 1996 Modifica all articolo

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. Contributo affitti 2013 (FSDA).

CONFERENZA STAMPA. Contributo affitti 2013 (FSDA). CONFERENZA STAMPA Contributo affitti 2013 (FSDA). Il Comune di Milano quest anno non fa il proprio Bando integrativo. Oltre 2.000 famiglie non avranno il contributo per pagare l affitto nelle case private.

Dettagli

Comune di Milano Assessorato allo Sviluppo del Territorio

Comune di Milano Assessorato allo Sviluppo del Territorio Milano Comune di Milano Assessorato allo Sviluppo del Territorio INNOVAZIONE NEL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI: DISPONIBILITA DI TERRENI PER GLI INTERVENTI DI HOUSING SOCIALE Ing. Gianni Verga Assessore allo

Dettagli

Nuovi canoni di locazione per l edilizia residenziale pubblica

Nuovi canoni di locazione per l edilizia residenziale pubblica Nuovi canoni di locazione per l edilizia residenziale pubblica Presentazione della Nota Informativa n. 19 al Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione seduta del 7 luglio 2011 Servizio Studi e Valutazione

Dettagli

CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE REPUBBLICA ITALIANA

CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE REPUBBLICA ITALIANA CONFERENZA INTERNAZIONALE SPOPOLAMENTO E RIPOPOLAMENTO NELLE AREE DEL MEDITERRANEO. ESPERIENZE A CONFRONTO. UNA STRATEGIA PER CONTRASTARE L ABBANDONO DEI COMUNI INTERNI 26-27 marzo 2009, Cosenza IL CONTRASTO

Dettagli

IPOTESI DI ACCORDO TRA. FONDAZIONE ENASARCO, rappresentata dal Presidente Brunetto Boco e dal Direttore Generale Carlo Felice Maggi;

IPOTESI DI ACCORDO TRA. FONDAZIONE ENASARCO, rappresentata dal Presidente Brunetto Boco e dal Direttore Generale Carlo Felice Maggi; IPOTESI DI ACCORDO TRA FONDAZIONE ENASARCO, rappresentata dal Presidente Brunetto Boco e dal Direttore Generale Carlo Felice Maggi; SUNIA, rappresentato da Daniele Barbieri e Piero Ranieri; SICET, rappresentato

Dettagli

Il mercato immobiliare nell area metropolitana di Milano

Il mercato immobiliare nell area metropolitana di Milano Il mercato immobiliare nell area metropolitana di Milano MILANO CITTÀ Mercato della compravendita Il mercato milanese della compravendita delle case chiude il 2016 con un tono finalmente più vivace, tempi

Dettagli

I BISOGNI SOCIALI PRIORITARI A CINISELLO BALSAMO

I BISOGNI SOCIALI PRIORITARI A CINISELLO BALSAMO MISURE D.G.R. 2207 I BISOGNI SOCIALI PRIORITARI A CINISELLO BALSAMO Emergono nuove fasce di bisogno la principale causa è la perdita o la forte riduzione del lavoro l'aumento dei lavori in nero I servizi

Dettagli

una casa è una casa La delibera è a cura del Comitato Popolare di Lotta per la Casa.

una casa è una casa La delibera è a cura del Comitato Popolare di Lotta per la Casa. Migliaia di giovani e famiglie non possono pagare l'affitto e chi ha avuto la possibilità di comprare una casa ha pagato un prezzo troppo alto. A Roma ci sono 250.000 case vuote ma se una casa una casa

Dettagli

OSSERVATORIO PROFESSIONE ARCHITETTO CNAPPC-CRESME QUESTIONARIO PER GLI ISCRITTI

OSSERVATORIO PROFESSIONE ARCHITETTO CNAPPC-CRESME QUESTIONARIO PER GLI ISCRITTI OSSERVATORIO PROFESSIONE ARCHITETTO CNAPPC-CRESME Versione 2014 Domanda. 1 Può descrivere la sua qualifica. QUALIFICA ARCHITETTO PIANIFICATORE PAESAGGISTA Esclude sezione B CONSERVATORE DEI BENI ARCHITETTONICI

Dettagli

OSSERVATORIO PROFESSIONE ARCHITETTO CNAPPC-CRESME QUESTIONARIO PER GLI ISCRITTI

OSSERVATORIO PROFESSIONE ARCHITETTO CNAPPC-CRESME QUESTIONARIO PER GLI ISCRITTI OSSERVATORIO PROFESSIONE ARCHITETTO CNAPPC-CRESME Versione 2014 Domanda. 1 Può descrivere la sua qualifica. QUALIFICA ARCHITETTO PIANIFICATORE PAESAGGISTA Esclude sezione B CONSERVATORE DEI BENI ARCHITETTONICI

Dettagli

Quanto è redistributiva la finanziaria 2008? Poco

Quanto è redistributiva la finanziaria 2008? Poco LA VOCE.INFO 3 GENNAIO 2008 Quanto è redistributiva la finanziaria 2008? Poco di Simone Pellegrino Nella legge finanziaria 2008 c è un sostegno alle famiglie numerose. Ma l effetto redistributivo della

Dettagli

PATTI TERRITORIALI: IL FONDO ANTICRISI DEL COMUNE DI SUZZARA. a cura di Donata Orlati

PATTI TERRITORIALI: IL FONDO ANTICRISI DEL COMUNE DI SUZZARA. a cura di Donata Orlati PATTI TERRITORIALI: IL FONDO ANTICRISI DEL COMUNE DI SUZZARA a cura di Donata Orlati Per sostenere le famiglie coinvolte in processi di crisi occupazionali, nell anno precedente ed anche in quello in corso,

Dettagli

Piano di intervento per il sostegno abitativo

Piano di intervento per il sostegno abitativo Piano di intervento per il sostegno abitativo Conferenza stampa 23 maggio 2014 La Delibera approvata ieri dalla Giunta capitolina dà il via libera al nuovo Piano di intervento per il sostegno abitativo

Dettagli

Un piano per la riqualificazione dell edilizia. edilizia residenziale pubblica. Indice. Anna Maria Pozzo. Federcasa

Un piano per la riqualificazione dell edilizia. edilizia residenziale pubblica. Indice. Anna Maria Pozzo. Federcasa Un piano per la riqualificazione dell edilizia edilizia residenziale pubblica Anna Maria Pozzo Federcasa Indice Gli impegni dell edilizia edilizia sociale in Europa La situazione dell edilizia edilizia

Dettagli

Popolazione per età Viterbo (2011)

Popolazione per età Viterbo (2011) VITERBO Viterbo ha una popolazione di oltre 320mila abitanti, di cui circa l 8% è compreso nella fascia di età entro i 9 anni (circa 27mila ragazzi); circa la metà degli abitanti ha un età tra i 35 e i

Dettagli

#APPELLOGIOVANE.

#APPELLOGIOVANE. #APPELLOGIOVANE http://www.change.org/petitions/appello-giovane-unasfida-per-i-giovani La disoccupazione e l emigrazione all estero dei giovani italiani stanno aumentando ad un ritmo allarmante. A gennaio

Dettagli

GLI INTERVENTI PER LE COOPERATIVE EDILIZIE GLI ALTRI INTERVENTI

GLI INTERVENTI PER LE COOPERATIVE EDILIZIE GLI ALTRI INTERVENTI IL FONDO DI HOUSING SOCIALE TRENTINO GLI INTERVENTI PER LE COOPERATIVE EDILIZIE GLI ALTRI INTERVENTI Il Fondo di Housing Sociale Trentino è un patrimonio autonomo raccolto, mediante una o più emissioni

Dettagli

Estratto della LEGGE REGIONALE n. 65/2010 Legge finanziaria per l'anno 2011 testo coordinato, come modifcato dalla L.R. 29 giugno 2011 n.

Estratto della LEGGE REGIONALE n. 65/2010 Legge finanziaria per l'anno 2011 testo coordinato, come modifcato dalla L.R. 29 giugno 2011 n. Estratto della LEGGE REGIONALE n. 65/2010 Legge finanziaria per l'anno 2011 testo coordinato, come modifcato dalla L.R. 29 giugno 2011 n. 25 Art. 118 bis - Finalità e oggetto (54) 1. Le disposizioni del

Dettagli

Bando contributi economici per la locazione anno 2015 Comune di Forlì

Bando contributi economici per la locazione anno 2015 Comune di Forlì Bando contributi economici per la locazione anno 2015 Comune di Forlì Dal giorno 03/12/2015 sarà possibile presentare domanda al Comune di Forlì per ottenere un contributo rivolto agli inquilini in locazione

Dettagli

L importanza della rigenerazione urbana per il rilancio dell industria delle costruzioni e lo sviluppo del comparto immobiliare

L importanza della rigenerazione urbana per il rilancio dell industria delle costruzioni e lo sviluppo del comparto immobiliare L importanza della rigenerazione urbana per il rilancio dell industria delle costruzioni e lo sviluppo del comparto immobiliare Ing. Vincenzo Landi Coordinatore Commissione Mercato Immobiliare Ordine degli

Dettagli

Sintesi del Rapporto a cura di Cristiano Gori

Sintesi del Rapporto a cura di Cristiano Gori Sintesi del Rapporto a cura di Cristiano Gori Roma, 11 luglio 2014 www.caritas.it Cos è la povertà Povertà: una molteplicità di definizioni Povertà = povertà assoluta «La vive chi non può sostenere la

Dettagli

Il quadro di contesto e le politiche regionali di welfare abitativo. Milano Palazzo Lombardia, 13 luglio 2017

Il quadro di contesto e le politiche regionali di welfare abitativo. Milano Palazzo Lombardia, 13 luglio 2017 Il quadro di contesto e le politiche regionali di welfare abitativo Milano Palazzo Lombardia, 13 luglio 2017 Il quadro di contesto Il contesto: l offerta abitativa In Lombardia nel 2011* risultano circa

Dettagli

Reddito 2008 (euro) Data di nascita. Cognome e nome Parentela (d) Condizione Professionale (e) Reddito complessivo 2008(euro)

Reddito 2008 (euro) Data di nascita. Cognome e nome Parentela (d) Condizione Professionale (e) Reddito complessivo 2008(euro) COMUNE DI LEVONE Richiesta di contributo per il sostegno alla locazione di cui all art. 11 L. 431/98 e s.m.i. Esercizio finanziario 2009 (canone anno 2008) Il sottoscritto, intestatario di contratto di

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 43 DEL REGIONE SICILIA

LEGGE REGIONALE N. 43 DEL REGIONE SICILIA Legge 1994043 Pagina 1 di 6 LEGGE REGIONALE N. 43 DEL 3-11-1994 REGIONE SICILIA Norme in materia di alienazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica e per il riequilibrio finanziario degli Istituti

Dettagli

FONDAZIONE WELFARE AMBROSIANO

FONDAZIONE WELFARE AMBROSIANO FONDAZIONE WELFARE AMBROSIANO Via Felice Orsini, 21 02157 - Milano Tel 02.33202118 Fax 02.39003743 info@fwamilano.org www.fwamilano.org Report 2016 A cura di Samuel Awosika Compagine Sociale: Comune di

Dettagli

LA DOMANDA DI CASA POPOLARE: CARATTERISTICHE E DIMENSIONE

LA DOMANDA DI CASA POPOLARE: CARATTERISTICHE E DIMENSIONE LA DOMANDA DI CASA POPOLARE: CARATTERISTICHE E DIMENSIONE arch. STEFANIA FALLETTI Osservatorio Sistema Insediativo Residenziale Città Metropolitana di Torino Membro ANCI commissione regionale assegnazione

Dettagli

LO SCENARIO DI RIFERIMENTO: POVERTÀ E DISOCCUPAZIONE Tiziano Barone Direttore Veneto Lavoro

LO SCENARIO DI RIFERIMENTO: POVERTÀ E DISOCCUPAZIONE Tiziano Barone Direttore Veneto Lavoro LO SCENARIO DI RIFERIMENTO: POVERTÀ E DISOCCUPAZIONE Tiziano Barone Direttore Veneto Lavoro Pubblica utilità e cittadinanza attiva Venezia, 11 aprile 2017 SCENARIO ECONOMICO Nel 2016 i Paesi dell area

Dettagli

REDDITI IRPEF PER PROVINCIA

REDDITI IRPEF PER PROVINCIA LA VERTENZIALITA SOCIALE TERRITORIALE sarà nel nostro immediato futuro la strada maestra per tutelare le fasce più deboli della popolazione. A questo proposito la FNP CISL, attraverso il suo ufficio studi,

Dettagli

LE RETRIBUZIONI DEI DIPENDENTI PUBBLICI. ANDAMENTI DAL 1992 AL 2007 E CONFRONTI CON IL PRIVATO

LE RETRIBUZIONI DEI DIPENDENTI PUBBLICI. ANDAMENTI DAL 1992 AL 2007 E CONFRONTI CON IL PRIVATO Ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione LE RETRIBUZIONI DEI DIPENDENTI PUBBLICI. ANDAMENTI DAL 1992 AL 2007 E CONFRONTI CON IL PRIVATO 11 LUGLIO 2008 DAL 1992 AL 2007 170 160 150 140 Retribuzioni

Dettagli

OSSERVATORIO FIAIP 2015 BOLOGNA E PROVINCIA

OSSERVATORIO FIAIP 2015 BOLOGNA E PROVINCIA OSSERVATORIO FIAIP 2015 BOLOGNA E PROVINCIA % Oggi, rispetto a un anno fa (maggio 2014), la sua famiglia riesce a risparmiare? 50 45 40 35 30 25 20 15 10 5 0 4,2 5,8 3,9 20,1 40,8 29,6 31,2 30,1 23,3 44,3

Dettagli

CGIL CISL UIL. Per il rilancio della politica abitativa

CGIL CISL UIL. Per il rilancio della politica abitativa CGIL Per il rilancio della politica abitativa Premessa Il mercato abitativo in Italia, caratterizzato dal forte prevalere della casa in proprietà rispetto all affitto, presenta una problematica complessa

Dettagli