UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA DIPARTIMENTO DI ISTITUZIONI LINGUISTICO- LETTERARIE, COMUNICAZIONALI E STORICO- GIURIDICHE DELL EUROPA DISTU Corso di laurea in Scienza della Pubblica Amministrazione INNOVAZIONE SOCIALE E AZIONE IN UNA THINK TANK DEL LAZIO Cattedra Psicologia delle organizzazioni RELATORE Gianluca Biggio CANDIDATO Diego Bevilacqua matr ANNO ACCADEMICO 2012/2013

2 INDICE INTRODUZIONE LE ORGANIZZAZIONI NONPROFIT Sviluppo del nome Cenni storici delle ONP : la tradizione inglese Cenni storici delle ONP: l esperienza americana Cenni storici delle ONP: il contesto italiano L importanza sociale del settore nonprofit Fonti di finanziamento del settore nonprofit Conclusioni sulle ONP I THINK TANK Storia delle TT negli anni I TT nel trentennio conservatore Il mercato delle idee I prodotti offerti dai TT I TT e i rapporti con l esecutivo Conclusioni sui TT... 45

3 3.... I THINK TANK INGRANAGGIO DELL INNOVAZIONE SOCIALE Sull innovazione sociale: come si rigenera la società civile Nonprofit e TT nel ruolo di innovatori sociali TT nel concetto di social innovation: Young Foundation TT nel concetto di social innovation: Kennisland IL CENTRO DI SVILUPPO POLITICO E SOCIALE Introduzione Staff L aspetto psicologico Legittimarsi nei confronti delle istituzioni I social network Spazi di intervento e progetti SINTESI E CONCLUSIONI ABSTRACT BIBLIOGRAFIA SITOGRAFIA

4 INTRODUZIONE L argomento di trattazione presenta un progetto che si prefigge di essere innovativo e caratteristico di un cambiamento di idee e approcci alle public policy. La tesi ha riguardo lo sviluppo di un think tank locale nato a Civitavecchia, composto da ragazzi con competenze diversificate e con titolo di laurea o laureandi. Si tratta di introdurre, nel contesto sociale attuale, un elemento innovativo di non appartenenza al sistema costituito. In una realtà politico-istituzionale formata da membri di maggioranza e membri di disturbo che spesso si autoproclamano come dissidenti, è ben visibile come il sistema di riferimento si basi su due entità politicamente contrapposte ed individuabili in ideologie e programmi. Il progetto del think tank qui proposto, invece, sfrutta l innovazione apportata da studi e freschezza di pensiero ragionato, che propone o cerca di proporre le idee migliori e valevoli per lo sviluppo sociale della comunità. Il think tank in questione prende il nome di Centro di Sviluppo Politico e Sociale (CSPS). 4

5 L argomentazione si svilupperà in capitoli che percorreranno differenti tipologie di organizzazioni fino alla trattazione finale del think tank di riferimento. Nel primo capitolo verrà analizzato il settore del non profit e delle organizzazioni che vi rientrano, secondo un analisi storica, sociale ed economica del loro sviluppo. Il secondo capitolo verte invece sulla tipologia principale della trattazione: il think tank. Dopo un primo excursus storico e la differenziazione tra le università senza studenti e i think tank politici conservatori, saranno esaminati il concetto di mercato delle idee e i prodotti impiegati dai think tank, spendibili all interno del mercato di riferimento. Successivamente a questo argomento, si torna sulla generalizzazione del tema con l analisi dell innovazione sociale e di come i think tank possano considerarsi ingranaggi fondamentali della trasformazione del sistema. La trattazione dell innovazione sociale prevede, in primis, la trattazione del concetto classico di innovazione sociale secondo la teoria di Merton, seguito da una rapida illustrazione su come la società civile è in grado di 5

6 rinnovarsi. In seguito sarà poi affrontato il concetto dell innovazione sociale nel contesto contemporaneo e di come i think tank possono influire su di essa. In merito, saranno portati due esempi molto interessanti di think tank incentrati sulla social innovation: la Young Foundation e Kennisland. L ultimo capitolo vedrà l analisi del progetto in studio, di come è nato e delle difficoltà iniziali. Saranno illustrati lo staff che compone il CSPS, i fattori di difficoltà personali riscontrabili nell andamento del progetto da un punto di vista psicologico da parte dei membri stessi e i diversi compiti che essi assolvono. La trattazione avrà poi termine con lo studio circa le difficoltà riscontrate con il livello amministrativo di Civitavecchia, con l analisi della comunicazione via web e con l esposizione di progetti futuri e ambizioni a lungo termine. In chiusura, sintesi e conclusioni saranno importanti per sostenere la tesi e la linea di pensiero che hanno condotto alla nascita del CSPS. 6

7 1. LE ORGANIZZAZIONI NONPROFIT Per organizzazione nonprofit (di prosieguo nel testo ONP) si fa riferimento alla tipologia di organizzazioni accomunate dalla caratteristica di non distribuire a soci o dipendenti gli eventuali profitti derivati dall amministrazione dell attività. Questi profitti vengono invece investiti per aumentare la qualità e la quantità di servizi erogati, contraddistinti da peculiarità che rendono ben identificabile il settore di intervento della nonprofit. La qui presente sezione tratta delle ONP nei dettagli generali, partendo dai cenni storici e dalla terminologia di queste specifiche organizzazioni per poi arrivare ad illustrare l impatto sociale e il rapporto con l economia e gli attori economici. 1.1 Sviluppo del nome. Al fine di evitare confusione nell ambito della trattazione storica è utile ripercorrere come si è arrivati alla terminologia oggi largamente diffusa per intendere le organizzazioni senza scopo di lucro. 7

8 In passato veniva adottato il termine volontariato, di origine sociologica. Usato agli inizi degli anni Ottanta, si riferisce ad un atteggiamento individuale o collettivo nei confronti dei bisogni sociali. Ne sono caratteristiche fondamentali la gratuità dell attività e la solidarietà investita nei confronti dei soggetti sociali più deboli, portando al contempo i volontari a ricercare quel senso di identità e di appartenenza al gruppo e alle attività di servizio del volontariato che caratterizzano la vita di chi vi partecipa (Biggio, 2011). Le associazioni di volontariato (e con esse tutte le altre tipologie di nonprofit), quindi, sono considerabili a tutti gli effetti come soggetti sociali con una dimensione psicologica propria e bisogni diversi dai singoli individui (Lewin, 1951). Con l avvento del termine associazionismo si fa riferimento a gruppi di persone organizzate nell impegno di attività differenti dalla natura lucrativa. Nel complesso, l espressione indica semplicemente quel mondo di organismi espressione della società civile organizzata e collettiva, 8

9 quella stessa di cui parlò ampiamente Alexis de Tocqueville nel libro La democrazia in America 1. Fu intorno alla metà degli anni Novanta che si affacciò il termine impresa sociale, connubio tra due attività che sembrano essere lontane, ma presentano in realtà tratti comuni da prendere in considerazione. Nella pratica, il termine cerca di coniugare la solidarietà dei diritti (che queste organizzazioni hanno sempre professato) con l esercizio di un azione economica diretta a produrre beni e servizi, che possano sia essere distribuiti gratuitamente, sia venduti a soggetti pubblici o privati previa pagamento. È così che si è giunti alle odierne definizioni di un settore venuto alla luce in maniera tanto innovativa da esser preso fortemente in considerazione dagli attori sociali. Affatto dissociati dalla volontà di dare un ordine alle definizioni, si sono individuati progressivamente anche i caratteri che fanno parte della nozione di nonprofit. 1 Nel testo dell autore, frutto dell esperienza in America tra il 1835 e il 1840, si può leggere: «Se si tratta di occuparsi di attività di intrattenimento della collettività, subito vengono create associazioni per dare carattere continuativo e splendore all intrattenimento». 9

10 Debbono essere considerate in tal modo quelle organizzazioni che: - sono formalmente costituite; - hanno natura giuridica privata; - si autogovernano; - non possono distribuire profitti a soci dirigenti; - sono volontarie. Concludendo questa sezione nozionistica a proposito di un settore così ampio, che prevede diverse tipologie di enti nonprofit, è necessario realizzare specifiche esclusioni, basate su criteri differenti. In primo luogo, sono da escludersi tutte quelle organizzazioni informali prive di uno statuto, di un atto costitutivo o di qualunque altro documento ufficiale che dimostri la consistenza organizzativa dell istituzione e la sua stabilità nel tempo. La seconda esclusione, invece, riguarda le società cooperative che violano il vincolo di non distribuzione dei profitti. 1.2 Cenni storici delle ONP: la tradizione inglese. Le ONP poggiano le basi nella cultura anglosassone. Comunemente chiamate nella tradizione inglese charitable organisation, si è rinunciato a 10

11 dare una normativa dettagliata e precisa di questo tipo di organizzazioni, preferendo indicare nella legge le finalità da esse perseguite. Riguardo la quantità legislativa che ad esse si riferisce, il diritto britannico fa affidamento su ben poca normazione, tanto da poter individuare soltanto due testi legislativi di fondo: - Statute of charitable law del 1601, in cui sono stabiliti gli scopi caritatevoli perseguiti dalle charitable organisation, come il sostegno dei poveri e degli anziani, la riparazione dei ponti e delle strade, la protezione delle scuole libere e molto altro ancora. - L atto del 1891, che non fa altro che interpretare il precedente statuto del 1601 e tramite cui vengono prese decisioni sulla natura di un organizzazione. In merito alle charitable law, sono previste attività caritatevoli come: il soccorso della povertà, il progresso della religione, il progresso dell educazione e tutte le altre attività dalle quali la comunità tragga beneficio. 1.3 Cenni storici delle ONP: l esperienza americana. Cambiando continente, l esperienza americana può considerarsi simile a quella inglese, con un processo di sviluppo molto più ampio in termini di diversificazione delle ONP. 11

12 Una testimonianza fondamentale ci viene dal già citato Alexis de Tocqueville. Il magistrato e sociologo francese ha interamente dedicato un libro di grande portata sulla società americana, in cui illustra quanto importante fosse il sistema associazionistico americano. La democrazia in America è frutto di un viaggio realizzato per conoscere le istituzioni democratiche americane, durante il quale rimase impressionato dalla capacità di quella società di costituire associazioni di cittadini. Tocqueville stesso afferma come: in nessun paese del mondo il principio associativo è stato usato con maggiore successo o applicato ad un maggior numero di casi rispetto agli Stati Uniti e prosegue: [ ] le associazioni vengono create per promuovere la sicurezza pubblica, i commerci, l industria, la moralità e la religione. Non c è fine che gli uomini non pensino di poter raggiungere attraverso la forza combinata degli individui uniti in società. Gli Stati Uniti presentano dunque una radicata esperienza associativa di ampio respiro e grande forza, supportata da innumerevoli esempi storici che mostrano l unione tra solidarietà sociale e patriottismo nei cittadini americani. Nel tempo il nonprofit americano ha mutato volto, trasformandosi per far fronte alle diverse necessità che i cambiamenti storici e sociali hanno 12

13 comportato. Alle associazioni si sono affiancate numerose organizzazioni il cui elemento costitutivo è rappresentato dal patrimonio e dove la natura associativa è meno evidente: le fondazioni, che non svolgono altra attività che erogare contributi a soggetti terzi (dette anche grant-making foundations). Queste sono la derivazione di un periodo di intensa industrializzazione, con l accumulo di ricchezze immense concentrate nelle mani di pochi. Industriali come Andrew Carnegie, John Rockefeller o Henry Ford, hanno così dato vita a istituzioni filantropiche, mettendo a disposizione il loro patrimonio per attività solidali e fungendo da fondazioni grantmaking. 1.4 Cenni storici delle ONP: il contesto italiano. Se il settore nonprofit nella realtà anglosassone è di derivazione sociale e culturale (come afferma anche Tocqueville), lo stesso non può dirsi per il contesto italiano. Esso può essere considerato, in un primo periodo, come l esito di una battaglia tra la nuova élite politica nata con il governo nazionale e la Chiesa cattolica, mentre in seguito sarà il partito socialista a fare pressione sull arena pubblica e a contribuire allo sviluppo delle ONP. 13

14 La prima parte del conflitto si aprì nel In quegli anni molti servizi sanitari e assistenziali erano amministrati da istituzioni religiose. L assistenza sociale era fornita principalmente dalle Opere pie il cui patrimonio consisteva soprattutto di lasciti e donazioni accumulate nel tempo, tutte sotto il controllo diretto delle congregazioni religiose. L attacco dello Stato si fece sentire tra il 1866 e il 1890 sotto il profilo giuridico con le c.d. «leggi eversive». In questo periodo, lo Stato italiano mirò a confiscare i patrimoni di diversi ordini e congregazioni religiose, obbligando le Opere pie a sottomettersi al controllo pubblico. Nel 1866 il r.d previse la soppressione di circa 1800 ordini e congregazioni religiose, finalizzata alla confisca dei loro beni. L anno successivo, con la legge 3848 per la liquidazione dell Asse ecclesiastico, altre istituzioni religiose di matrice assistenziale e sanitaria si videro confiscare e vendere all asta i propri patrimoni. L ultimo colpo fu poi assestato con la l. 6972/1890 (nota anche come Legge Crispi ), con cui si sottomettevano al controllo pubblico le Opere pie che fornivano servizi di tipo assistenziale, sanitario, educativo 2 La sigla sta per «Regio decreto». 14

15 e di formazione professionale, imponendo ad ogni istituzione di assistenza che avesse rilevanza economica di assumere natura giuridica pubblica. Queste misure, tuttavia, non abbatterono completamente l autonomia religiosa del settore nonprofit, che anzi ottenne nuova autonomia sull onda della secolarizzazione e dei rapporti con l istituzione durante e dopo il periodo fascista. Al contrasto tra istituzione statale ed ecclesiastica seguì un altro fenomeno sociale di grande importanza che contribuì alla formazione del settore nonprofit in Italia: l integrazione della classe operaia. Essa può essere considerata come la seconda sfida cui dovette far fronte l élite del governo post-unitario, in particolare con l avvio dell industrializzazione. Il periodo storico in questione ( ) vide una delicata ponderazione degli interessi coinvolti a livello sociale, economico e lavorativo, tanto da decidere l individuazione di un punto di accordo tra l aumento della protesta sociale da un lato e il processo di industrializzazione dall altro. Fu così che vennero costituite le società operaie di mutuo soccorso, che nel lungo periodo ebbero l effetto di far sparire progressivamente le istituzioni assistenziali e sanitarie 15

16 autonomamente create dai lavoratori per sostituirle con istituzioni pubbliche, oltre che assumersi la responsabilità di soddisfare bisogni collettivi con prime misure di welfare state. 1.5 L importanza sociale del settore nonprofit. Nel seguente capitolo verrà discusso l apporto che dà il terzo settore al sociale in termini di attività, occupazione, produzione di prodotti e di servizi offerti alla persona. Prima di intraprendere le diverse tematiche è opportuno però illustrare qualche numero a titolo statistico, preso da una pionieristica ricerca sulle ONP condotta da Lester Salamon ed Helmut Anheier, della John Hopkins University di Baltimora (USA) 3. Questa ricerca ha coinvolto anche studi sul versante italiano, raccogliendo dati curati dall Istat e dei quali si hanno stime più recenti a partire dal 1999, dalle quali emerge come lavoratori trovassero un impiego retribuito nel terzo settore. È proprio da questo dato che il nonprofit può definirsi come creatore di lavoro, nonostante l offerta lavorativa non sia la priorità finale delle 3 È possibile trovare riferimenti della ricerca nel libro The emerging nonprofit sector: An overview ; Salamon e Anheier, 1996, Manchester University Press. 16

17 organizzazioni. È un settore che ogni anno aumenta notevolmente l occupazione rispetto al sistema economico generale, tanto che la percentuale arriva al 4% in paesi come la Francia, la Germania, la Gran Bretagna e l Olanda (dati della John Hopkins University). La miscela vincente sembra risiedere nella specializzazione settoriale richiesta che il settore nonprofit è in grado di dare e il vincolo alla distribuzione dei profitti. Se quest ultimo è considerabile come garanzia per i consumatori e dona un aria di onestà e solidarietà al contesto delle ONP, la specializzazione settoriale consente al terzo settore di rispondere adeguatamente alla crescente domanda di servizi alla persona che soltanto le nonprofit possono dare. Tuttavia esiste un altro elemento meno intuitivo, ma di grande importanza e ricchezza: la possibilità di fungere da palestra di formazione e viatico per altre professioni. Il terzo settore è in grado di mettere in risalto la motivazione delle persone e la capacità di cooperare con altri individui per gestire situazioni complesse, adeguando le scelte ad analisi dei rischi e a strategie di problem solving. Il nonprofit, inoltre, è anche un laboratorio di autoimprenditorialità, in grado di far lavorare le persone su 17

18 loro stesse e permettendo di coltivare determinati aspetti che potrebbero essere rilevanti nel contesto lavorativo futuro. Nonostante le positività date al settore lavorativo, l Italia ha ancora una percentuale bassa di peso occupazionale rispetto ad altri paesi dell Unione 4. Le ragioni di fondo risiedono, con grande probabilità, nel complesso normativo complessivamente sfavorevole e una tradizione politica che ha sempre fatto coincidere il servizio pubblico con le pubbliche amministrazioni, dimenticando spesso quanto fondamentali siano le ONP in queste aree di intervento. 1.6 Fonti di finanziamento del settore nonprofit. Prima di affrontare le diverse fonti d entrata, è opportuno distinguere tra diverse «dicotomie» di ONP che contribuiscono a creare una diversificata varietà interna. La prima dicotomia mostra come il settore nonprofit sia spaccato tra un numero elevato di organizzazioni piccole o piccolissime, gestite 4 Si parla del 2,7% dell occupazione complessiva contro il 12,4% dell Olanda, o l 11,5% dell Irlanda e il 10,4% del Belgio. Anche nei confronti di Francia (4,9%), Gran Bretagna (6,2%), Spagna e Germania (4,5%), paesi europei simili al nostro, abbiamo una percentuale piuttosto bassa di peso occupazionale. 18

19 prevalentemente da volontari, e un numero ridotto di enti di grandi dimensioni, gestite perlopiù da personale retribuito 5. La seconda dicotomia riguarda le fonti di finanziamento, ove si contraddistinguono casi di ONP in cui le entrate pubbliche prevalgono sulle private. È il caso del settore sanitario o dell inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati. Una terza dicotomia, infine, corre lungo l asse di demarcazione tra le organizzazioni identificabili come vere e proprie imprese e quelle fondate sul carattere prevalentemente distributivo. Le prime presentano un processo produttivo caratterizzato da un valore aggiunto sotto forma di retribuzioni di lavoratori dipendenti e di creazione di un utile da riutilizzare nell organizzazione, derivante dalla vendita di servizi. Le altre si limitano invece a redistribuire ai soggetti beneficiari le donazioni ricevute sotto diverse forme. Conclusosi il distinguo tra le varie organizzazioni secondo criteri finanziari ed organizzativi, è ora il momento di illustrare le diverse categorie di entrate finanziarie 5 Dai dati Istat emerge che il 70% delle ONP censite ha entrate complessive annue < , mentre il 9% delle ONP censite ha entrate medie > La forza lavoro delle organizzazioni minori è composta dal 90% di volontari, mentre le organizzazioni più grandi retribuiscono circa l 80% della propria forza lavoro. 19

20 Le entrate private si distinguono in due tipologie. La prima riguarda quelle entrate derivanti da beni e servizi venduti a soggetti privati e provenienti da contratti e convenzioni stipulati con enti pubblici (e sono il 54% delle entrate di natura privata). La seconda tipologia comprende le donazioni private, che tuttavia sono una parte esigua delle entrate di tal fattura (solo il 3%). Il finanziamento pubblico riveste un importanza rilevante per il sostegno e la sopravvivenza delle nonprofit, ma, come già illustrato nella seconda dicotomia, si concentra in particolari aree specifiche. In questo contesto è visibile lo stretto legame tra terzo settore e politiche pubbliche, che mirano a fornire specifici servizi ai cittadini grazie alle organizzazioni non lucrative. La contrapposizione tra enti pubblici e ONP è, in conclusione, errata e fuorviante. Traducibile come «raccolta fondi», il fund raising si rivela uno strumento complesso e di difficile attuazione. Le cause di queste difficoltà sono molteplici e possono andare da una legislazione poco incentivante o una scarsa cultura della donazione, fino ad una limitata professionalità da parte degli enti nonprofit nell esercizio della raccolta. 20

21 La complessità che coinvolge il mondo del fund raising e il sentito bisogno di effettuare un marketing delle donazioni, ha portato nel tempo la nascita di figure professionali specializzate nelle raccolte fondi che prendono il nome di fund raiser, veri e propri esperti per ONP. Affinché si possa realizzare una buona raccolta fondi, è necessario fugare ogni dubbio circa il trasparente uso dei soldi, alimentando la buona reputazione dell organizzazione; l esternalizzazione di un immagine etica e pulita è di fondamentale importanza per raggiungere traguardi vantaggiosi. In merito, la Carta della donazione è uno degli strumenti più interessanti. Essa è un incentivo alla diffusione delle informazioni necessarie per conoscere e valutare tutte le attività poste in essere dalle organizzazioni nonprofit che aderiscono a questo c.d. codice di autoregolamentazione, che va a vantaggio dei cittadini donatori e crea al contempo una buona immagine organizzativa, essenziale per il successo della raccolta. Ci sono, infine, le fondazioni di erogazione (grant-making foundation, già trattate in precedenza), enti che amministrano il proprio patrimonio per finanziare il terzo settore. 21

22 Sono organizzazioni che alla realizzazione in prima persona preferiscono «far fare agli altri», esercitando la funzione di mecenati che fanno crescere il settore nonprofit attraverso il vaglio di progetti alternativi e suggerendo le strade più opportune e professionali. 1.7 Conclusioni sulle ONP. Il terzo settore ha acquisito un peso rilevante nel corso del tempo che va via via aumentando nei momenti di difficoltà e di crisi. Le azioni di volontariato, la solidarietà, i tentativi di superare condizioni gravi e di depressione, sono le armi principali che hanno condotto allo sviluppo di enti del genere. Laddove il mercato for-profit sembra aver fallito, il mercato delle nonprofit cerca in questi tempi di ergersi a possibile via risolutoria, che vede nel comportamento etico e nella bontà degli uomini un potente fertilizzante. La situazione italiana del terzo settore è però ancora poco sfruttata e sviluppata, colpa di preconcetti culturali e di una legislazione che non offre le giuste tutele e prerogative di crescita. Il rallentamento del settore trova riscontro nelle percentuali presentate in precedenza, mostrando 22

23 come l Italia abbia il tasso di investimento nel terzo settore tra i più bassi, anche rispetto quelle nazioni che più gli si avvicinano. Eccezion fatta per alcune tipologie di ONP, spesso anche strettamente legate al contesto religioso, possiamo concludere che il motore di sviluppo è lento nel mettersi in moto, per cause addebitabili a numerose variabili e contesti spesso diversissimi. Eppure vi sono altre istituzioni simili che si differenziano per scopi e strumenti dalle organizzazioni fin qui descritte e che andremo di seguito ad illustrare: i think tank. 23

24 2. I THINK TANK Non c è da attendersi che i re filosofeggino o che i filosofi diventino re, e neppure è da desiderarlo, perché il possesso della forza corrompe il libero giudizio della ragione. Ma che un re o un popolo sovrano non lascino ridurre al silenzio la classe dei filosofi, ma la lascino pubblicamente parlare, è indispensabile agli uni e agli altri per avere luce sui loro affari. (Per la pace perpetua. Un progetto filosofico. Immanuel Kant) La seconda sezione della tesi vede al centro della trattazione una peculiare tipologia di ONP tipica del mondo anglosassone e diffusasi con il tempo nel resto dell Europa, assumendo delle volte caratteri diversi. Queste nonprofit prendono il nome di think tank (di prosieguo TT). In sede, l attenzione si concentrerà maggiormente sul modello americano, in cui si ritrovano tutti quei caratteri e quelle diversificazioni che permetteranno di estrapolare al meglio i concetti, le idee, i contesti storico-sociali in grado di evidenziare l innovazione sociale che hanno comportato nel tempo e perché esse sono di fondamentale importanza nel policy process. 24

25 Il termine think tank deriva dal gergo militare, indicante l istituzione di sezioni speciali da parte del Dipartimento della Difesa per l analisi dell andamento della guerra. Solo in seguito fu affiancato alla nascita di centri di ricerca creati per aiutare il governo a pensare (non a caso il nome può tradursi con la locuzione «serbatoio di pensiero») e divenuti con gli anni veri e propri strumenti per la promozione delle idee nell arena pubblica. Questi istituti sono divenuti dei punti di riferimento per molti presidenti americani e, in seguito, anche di leader europei, che si dotarono di propri pensatoi personali. È così che sono divenuti noti al mondo TT quali l American Enterprise Institute (di prosieguo Aei), il Project for the New American Century, l Heritage Foundation e l attuale Centre for the American Progress, punto di riferimento di Obama. Il TT si rivela come la forma storica e la speranza che la conoscenza, la dottrina, il sapere e la razionalità influenzino l azione dei sovrani e delle istituzioni (Diletti, 2009). 25

26 2.1 Storia dei TT negli anni 20. L attività dei primi TT prese piede grazie a due fattori essenziali: il nascente movimento progressista americano del 1890 e il contributo di Lester Ward, che lanciò la sociologia scientifica. Primo presidente della American Sociological Association, Ward sostenne l importanza di una scienza nuova guidata dal metodo sperimentale, con l obiettivo di migliorare le condizioni di vita dell uomo. La teorizzazione della sociologia scientifica culminò nel 1883 con il libro Dynamic Sociology, nel quale si sosteneva l intervento governativo nella vita collettiva e del ruolo degli scienziati sociali in qualità di pianificatori 6. Dovettero passare venti anni per vedere la nascita di una nuova cultura civica e scientifica che fosse in grado di mettere a disposizione del 6 «To overcome [the] manifold hindrances to human progress, to check this enormous waste of resources, to calm these rhythmic billows of hyper-action and reaction, to secure the rational adaptation of means to remote ends, to prevent the natural forces from clashing with the human feelings, to make the current of physical phenomena flow in the channels of human advantage - these are some of the tasks which belong to the great art which forms the final or active department of the science of society - this, in brief, is DYNAMIC SOCIOLOGY» dal libro di Lester Ward, Dynamic Sociology,

27 governo il metodo di ricerca sperimentale ed il pragmatismo di risoluzione dei problemi sociali ed istituzionali. Tutto ciò coincise con nuovi fabbisogni della classe politica, la quale necessitava di idee e proposte per rendere operativa l amministrazione pubblica e dotarsi al contempo di risorse intellettuali. Fu con questi requisiti che iniziò il periodo dei TT. Nati con il contributo della prima ricchissima generazione dei filantropi americani, si possono annoverare nel primo periodo centri quali la Russel Sage Foundation e la Brookings Institution. La Russel Sage Foundation fu fondata nel 1907 con la finalità di «sostenere il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro negli Stati Uniti», grazie ad un finanziamento iniziale di 10 milioni di dollari donati da Margaret Olivia Slocum Sage, vedova di Russel Sage e ai tempi borghese più ricca del mondo. Il punto di vista tenuto dalla Sage era quello dell Età progressista, occupandosi di sanità pubblica, condizione carceraria, infanzia, lavoro femminile e promozione degli operatori sociali esperti in questi problemi, tanto da avere un ruolo di rilievo nel processo di professionalizzazione di ricercatori e operatori che si occupavano di disagio sociale. 27

28 La Brookings Institution ha seguito tutto un altro percorso. Tralasciando gli slums urbani, i ricercatori della Brookings si occuparono del bilancio federale, fino a quel momento definito in assenza di regole e procedure standardizzate, sostenendo al contrario la riforma dei procedimenti di approvazione del bilancio e di una burocrazia che fosse composta da esperti in discipline economiche. L obiettivo in questo caso era duplice: razionalizzare la spesa pubblica da un lato e indebolire il controllo legislativo su di essa dall altro. Il board della Brookings era costituito da alcune delle menti più brillanti del paese, con ampia rappresentazione di posizioni politiche. Fu grazie all elevata competenza che riuscì a dimostrare e all indipendenza dalle posizioni partitiche che la Brookings ha giocato un ruolo di primo piano nelle diverse fasi storiche degli US, rimanendo tutt oggi uno dei primi TT al mondo in fatto di studi e competenze. In una rapida digressione cronologica, essa si oppose alla politica del New Deal professata dal presidente F. D. Roosevelt, partecipò alla stesura della proposta di istituzione delle Nazioni Unite avanzata proprio dallo stesso presidente, contribuì al progetto del Piano Marshall, supportò il presidente Kennedy e i programmi della Great Society di Lyndon Johnson, fino all inclusione nella lista nera di Nixon. 28

Fund raising e Crowdfunding: denaro etico ed importanza del terzo settore nel sociale

Fund raising e Crowdfunding: denaro etico ed importanza del terzo settore nel sociale Fund raising e Crowdfunding: denaro etico ed importanza del terzo settore nel sociale Relatore: Diego Bevilacqua Centro di Sviluppo Politico e Sociale 1. Fund raising: una definizione Il fund rainsing

Dettagli

Presentazione Perché i donatori investono?

Presentazione Perché i donatori investono? Presentazione Il fund raising è il carburante che alimenta il motore delle aziende nonprofit, permettendo loro di raggiungere la mission. Tuttavia, rappresenta soltanto un mezzo, non un fine. Il fine è

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

RASSEGNA STAMPA 2014

RASSEGNA STAMPA 2014 RASSEGNA STAMPA 2014 Indice: 10.01.2014 LegaCoop Fundraising strumento su misura per la cooperazione 3 06.02.2014 Tiscali Social Il fundraiser figura chiave del non profit e non solo 4 07.02.2014 Avvenire

Dettagli

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR)

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) CALL FOR PAPERS X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) Fondazione Scuola di Alta Formazione per il Terzo Settore (ForTeS) Siena ( Italy) 10 13 luglio 2012 Democratizzazione,

Dettagli

RICERCA COMPARATIVA: IL FUND E PEOPLE RAISING POLITICO IN ITALIA, STATI UNITI D AMERICA E REGNO UNITO. (Ricerca completata in data 01/12/2010)

RICERCA COMPARATIVA: IL FUND E PEOPLE RAISING POLITICO IN ITALIA, STATI UNITI D AMERICA E REGNO UNITO. (Ricerca completata in data 01/12/2010) 1 RICERCA COMPARATIVA: IL FUND E PEOPLE RAISING POLITICO IN ITALIA, STATI UNITI D AMERICA E REGNO UNITO (Ricerca completata in data 01/12/2010) di Raffaele Picilli con la collaborazione di Flavio Giordano

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali

Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali IL FUND RAISING PER LE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT Principi, strumenti e tecniche Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali Spesso, di fronte al tema delle risorse, chi

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

Settore di appartenenza

Settore di appartenenza Impresa e filantropia III^ edizione curata da Osservatorio IID di Sostegno al Non Profit Sociale settembre 2009 1 Anche per il 2009 l Istituto ha ripetuto la sua indagine sull universo di Aziende Socie

Dettagli

Luca Zarri. Che cosa sono le Organizzazioni Non Profit?

Luca Zarri. Che cosa sono le Organizzazioni Non Profit? Luca Zarri Che cosa sono le Organizzazioni Non Profit? Le domande fondamentali: Che cosa è il "settore non profit"? Perché esiste il settore non profit? Qual è il ruolo delle organizzazioni non profit

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito Delega Assessorile in materia di Servizi Sociali, Rapporti con Azienda Ospedaliera e A.S.L., Casa Comunale di Soggiorno Anziani, La legge 328 del 2000, attesa per oltre un secolo, ha dotato il sistema

Dettagli

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali di Giosué Pasqua L appromento Le cooperative sociali, protagoniste nella creazione della coesione sociale e del welfare state, avvertono sempre

Dettagli

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Indice Presentazione 4 Norme per il Corso di laurea specialistica in Disegno industriale del prodotto

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese 3.1 La comunicazione istituzionale Il Dipartimento della Funzione Pubblica si propone

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO

MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO Per diventare professionisti del microcredito Perché un Master in Finanza per lo Sviluppo? Per offrire un percorso di specializzazione che mette insieme due mondi apparentemente

Dettagli

1. Comitato consultivo del CSDU

1. Comitato consultivo del CSDU Centro svizzero di competenza per i diritti umani (CSDU) Fase pilota 2011 2015 Parere e raccomandazioni del Comitato consultivo del CSDU del 29 aprile 2015 Compendio La valutazione conferma quanto sostenuto

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

APPUNTI - LE RIFORME DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LA CENTRALITÀ DELLA LEGGE 241/90.

APPUNTI - LE RIFORME DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LA CENTRALITÀ DELLA LEGGE 241/90. APPUNTI - LE RIFORME DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LA CENTRALITÀ DELLA LEGGE 241/90. Definire l efficienza non è compito semplice perché non esiste una sua definizione che, in poche parole, possa darci

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro.

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Henry Hansmann Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Prima di tutto è bene iniziare da una distinzione

Dettagli

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore Vincenzo Provenzano Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Finanziarie Università degli Studi

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Rapporto Iris Network L IMPRESA SOCIALE IN ITALIA. Economia e istituzioni dei beni comuni. a cura di Carlo Borzaga e Flaviano Zandonai

Rapporto Iris Network L IMPRESA SOCIALE IN ITALIA. Economia e istituzioni dei beni comuni. a cura di Carlo Borzaga e Flaviano Zandonai Rapporto Iris Network L IMPRESA SOCIALE IN ITALIA Economia e istituzioni dei beni comuni a cura di Carlo Borzaga e Flaviano Zandonai DONZELLI EDITORE L IMPRESA SOCIALE IN ITALIA Indice p. IX 3 4 5 Prefazione

Dettagli

MANUALE DI PROGETTAZIONE SOCIALE E MARKETING DELL'IMPRESA NONPROFIT

MANUALE DI PROGETTAZIONE SOCIALE E MARKETING DELL'IMPRESA NONPROFIT MANUALE DI PROGETTAZIONE SOCIALE E MARKETING DELL'IMPRESA NONPROFIT Ad uso degli operatori sociali, è ora disponibile il MANUALE DI PROGETTAZIONE SOCIALE E MARKETING DELL'IMPRESA NON PROFIT, Edizioni Ebook

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

8 Promuovere una fondazione dedicata alla raccolta fondi

8 Promuovere una fondazione dedicata alla raccolta fondi Presentazione Di anno in anno, alle aziende nonprofit si richiede di assistere sempre più persone, di offrire servizi sempre più completi, di essere sempre più coerenti e affidabili. Molte aziende nonprofit

Dettagli

Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo

Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo Modulo 2 Principi e Tecniche di Fund Raising d.ssa Marta Buzzatti Fonte: Manuale di fund raising F. Ambrogetti, M.Coen Cagli, R. Milano FUND

Dettagli

Il servizio civile nella regione Piemonte Primi elementi a supporto dell avvio di una valutazione

Il servizio civile nella regione Piemonte Primi elementi a supporto dell avvio di una valutazione Nota informativa n. 5 Febbraio 2015 Direzione Processo legislativo Unità organizzativa Qualità della normazione e valutazione delle politiche A cura di Fabrizio d Alonzo e Andrea Stroscio Il servizio civile

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010

INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010 INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010 Caro Signor Presidente della Repubblica, Dott. Giorgio Napolitano, Cari ospiti stranieri e relatori,

Dettagli

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione L Outsourcing Relatore Prof.ssa Concetta Mercurio Candidato Mario

Dettagli

Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future

Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future INTERGRUPPO PARLAMENTARE SUL TERZO SETTORE Roma, 31 luglio 2013 ore 10:00-13:00 Sala delle Colonne Via Poli, 19 Seminario Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future Il contributo di ASC

Dettagli

Gli obblighi di bilancio

Gli obblighi di bilancio IL BILANCIO DELLE SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO di Massimo Avincola e Giorgio Gentili Premessa Negli ultimi anni sono state costituite numerose Società di Mutuo Soccorso, molte delle quali, sono state promosse

Dettagli

Marketing e Comunicazione del settore bancario Il caso italiano dell Unicredit

Marketing e Comunicazione del settore bancario Il caso italiano dell Unicredit ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di laurea magistrale in Scienze della comunicazione pubblica e sociale Marketing e Comunicazione del settore bancario

Dettagli

PROPOSTA DI PROGRAMMA QUADRIENNIO 2014-2018

PROPOSTA DI PROGRAMMA QUADRIENNIO 2014-2018 PROPOSTA DI PROGRAMMA QUADRIENNIO 2014-2018 Il comitato di condotta ha individuato gli obiettivi principali da raggiungere nei prossimi quattro anni in relazione alle indicazioni dei programmi portati

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

CONOSCERE PER PARTECIPARE incontri informativi su tematiche socio sanitarie alla luce del nuovo PSSR LR 23/2012

CONOSCERE PER PARTECIPARE incontri informativi su tematiche socio sanitarie alla luce del nuovo PSSR LR 23/2012 CONOSCERE PER PARTECIPARE incontri informativi su tematiche socio sanitarie alla luce del nuovo PSSR LR 23/2012 Rel. dott. Adriano Bordignon Presidente VolontarInsieme e Csv Treviso Il ruolo del volontariato

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE

INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE INTERNET NELLE SCUOLE GUARDIAMOCI ATTORNO PRIMAVERA MULTIMEDIALE A ciascuno il suo punto di vista Alla scuola nel suo complesso con la varietà di ruoli Alla società

Dettagli

Interventi sussidiari e forme organizzative protagoniste

Interventi sussidiari e forme organizzative protagoniste ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di laurea magistrale in Scienze della Comunicazione pubblica e sociale Interventi sussidiari e forme organizzative

Dettagli

VI RAPPORTO SULL IMPEGNO SOCIALE DELLE AZIENDE ITALIANE

VI RAPPORTO SULL IMPEGNO SOCIALE DELLE AZIENDE ITALIANE VI RAPPORTO SULL IMPEGNO SOCIALE DELLE AZIENDE ITALIANE Abstract del rapporto statistico QUANTE SONO LE AZIENDE CHE SI IMPEGNANO PER IL SOCIALE E LA SOSTENIBILITA IN ITALIA? E PERCHE INVESTONO? Nel 2011,

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Francesca Di Donato. Lo stato trasparente. Linked open data e cittadinanza attiva

Francesca Di Donato. Lo stato trasparente. Linked open data e cittadinanza attiva Francesca Di Donato Lo stato trasparente Linked open data e cittadinanza attiva Copyright 2010 EDIZIONI ETS Piazza Carrara, 16-19, I-56126 Pisa info@edizioniets.com www.edizioniets.com Distribuzione PDE,

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore Il progetto in breve Questo percorso formativo si propone di formare 25 persone in modo da aumentarne la capacità

Dettagli

Internet può aprire nuove strade di

Internet può aprire nuove strade di LA PARTECIPAZIONE VA ON LINE Internet può moltiplicare le possibilità di coinvolgersi nelle cause e di prendere iniziative, ma va usato con intelligenza di Paola Springhetti Internet può aprire nuove strade

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri dei volontari YFJ_VolunteeringCharter_IT.indd 1 16/09/12 13:02 Editorial team Editor in Chief Giuseppe Porcaro Copy Editor Thomas Spragg Graphic

Dettagli

Alleanza contro la povertà

Alleanza contro la povertà Documento costitutivo della Alleanza contro la povertà - Tavolo regionale della Sardegna Le articolazioni regionali della Sardegna delle organizzazioni nazionali che aderiscono all Alleanza contro la povertà

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

Cos è il fundraising 1

Cos è il fundraising 1 La Raccolta di fondi richiede competenze e investimenti. Ha senso sviluppare un progetto di fundraising per un gruppo di organizzazioni nonprofit? La Campagna Lasciti, una strada percorribile. Intervento

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

LA CARTA DELLA DONAZIONE

LA CARTA DELLA DONAZIONE LA CARTA DELLA DONAZIONE 1 - PRINCIPI GENERALI La Carta della Donazione è il primo codice etico italiano per l autoregolamentazione della raccolta fondi nell ambito del non profit. Promossa da Solidaritas,

Dettagli

Benvenuti a Sezze Rumeno

Benvenuti a Sezze Rumeno Facoltà di Scienze Politiche Sociologia Comunicazione Corso di Laurea Magistrale Scienze Sociali Applicate Sociologia e management della sicurezza Tesi di Laurea Anno accademico 2011/2012 Benvenuti a Sezze

Dettagli

SVILUPPO ITALIA S.p.A BANDO PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA FERTILITA. Art. 1) Premessa. 1. Sviluppo Italia S.p.A. con sede in Roma, Via

SVILUPPO ITALIA S.p.A BANDO PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA FERTILITA. Art. 1) Premessa. 1. Sviluppo Italia S.p.A. con sede in Roma, Via SVILUPPO ITALIA S.p.A BANDO PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA FERTILITA Art. 1) Premessa. 1. Sviluppo Italia S.p.A. con sede in Roma, Via Calabria, 46, C.A.P. 00187, Tel.: 06.421601 Telefax: 06.42160063,

Dettagli

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 Raccomandazione 193 RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia Sintesi Rapporto finale Dicembre 2010 EXECUTIVE SUMMARY Il dodicesimo rapporto della Conferenza degli Enti per il Servizio Civile si compone di due approfondimenti:

Dettagli

V Convegno Internazionale Medico Cura Te Stesso Sopravviverà la medicina all abbandono della clinica? 25 27 giugno 2009

V Convegno Internazionale Medico Cura Te Stesso Sopravviverà la medicina all abbandono della clinica? 25 27 giugno 2009 Sessione Parallela OSPEDALI RELIGIOSI: UN OPERA PUBBLICA LA FONDAZIONE DON CARLO GNOCCHI Gianbattista Martinelli Vice Direttore Generale e Responsabile Area Formazione e Sviluppo della Fondazione Don Carlo

Dettagli

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO La ricerca di nuovi modelli di sviluppo delle r.u. La pianificazione dello sviluppo del personale Modelli di leadership La ricerca di nuovi modelli di sviluppo

Dettagli

CODICE ETICO DEGLI AMICI E VOLONTARI DEI MUSEI

CODICE ETICO DEGLI AMICI E VOLONTARI DEI MUSEI FMAM FEDERAZIONE MONDIALE DEGLI AMICI DEI MUSEI versione e traduzione italiana a cura di ICOM ITALIA COMITATO NAZIONALE ITALIANO DEL CONSIGLIO INTERNAZIONALE DEI MUSEI CODICE ETICO DEGLI AMICI E VOLONTARI

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

Èuna situazione complessa e per

Èuna situazione complessa e per LE RISORSE PER IL VOLONTARIATO NELLA CRISI: COME QUADRARE IL CERCHIO? Investire nella qualità della progettazione, ricerca di nuovi potenziali finanziatori, ricorso a campagne di sottoscrizione popolare.

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Imprese e mondo no profit: strategie win-win a base di crowdfunding

Imprese e mondo no profit: strategie win-win a base di crowdfunding Imprese e mondo no profit: strategie win-win a base di crowdfunding 1) Chi parla? 2) Partiamo dalla fine: kickended.com - Silvio Lorusso 2014 3) Tema: Cosa è il Crowdfunding dal punto di vista di un Fundraiser

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO 1. QUANDO INIZIA A PORSI IL PROBLEMA DELLA RELAZIONE GIURIDICA DEI RAPPORTI FAMILIARI? Nell ambito della nascita dello stato moderno nel secolo XIX.

Dettagli

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion)

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) SCHEDA 1 Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) Prima Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute Ottawa, Canada, 7-21 novembre 1986 II primo Congresso

Dettagli

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI. RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI. RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI PROVINCIA DI PRATO Campi Bisenzio - FIRENZE 16 Dicembre 2013 Pagina 1 di 25 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. INTRODUZIONE...

Dettagli

Towards Recovery and Partnership with Citizens: the Call for Innovative and Open Government

Towards Recovery and Partnership with Citizens: the Call for Innovative and Open Government Towards Recovery and Partnership with Citizens: the Call for Innovative and Open Government Intervento del Ministro Renato Brunetta Signori, Signore, Il titolo dell odierna sessione plenaria ci invita

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Con il termine Politica

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

Il contesto normativo ed operativo del welfare integrato

Il contesto normativo ed operativo del welfare integrato Il contesto normativo ed operativo del welfare integrato Franca Maino Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche, Università di Milano Laboratorio Percorsi di secondo welfare, Centro Einaudi Giornata

Dettagli

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte La Agenda Seoul, obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte è uno dei maggiori

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA OBIETTIVI E SIGNIFICATO La preparazione della tesi di Laurea è un importante opportunità attraverso cui lo studente può esprimere le proprie capacità

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN: MANAGER ASSISTANT A.A. 2011/2012 INTERVENTO DEL PRESIDENTE NAZIONALE DI FEDERMANAGERQUADRI

PRESENTAZIONE DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN: MANAGER ASSISTANT A.A. 2011/2012 INTERVENTO DEL PRESIDENTE NAZIONALE DI FEDERMANAGERQUADRI PRESENTAZIONE DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN: MANAGER ASSISTANT A.A. 2011/2012 INTERVENTO DEL PRESIDENTE NAZIONALE DI FEDERMANAGERQUADRI VINCENZO ACQUAVIVA FEDERMANAGERQUADRI A SOSTEGNO DELLA

Dettagli

educazione alla legalità

educazione alla legalità Coordinamento LIBERA TOSCANA educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva Percorsi e Laboratori Per la scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado a.s. 2011-2012 In collaborazione con:

Dettagli

2. LAVORARE NEL NON PROFIT IN ITALIA E ALL ESTERO

2. LAVORARE NEL NON PROFIT IN ITALIA E ALL ESTERO NoProfit_001_128.qxd 23-04-2008 16:41 Pagina 9 2. LAVORARE NEL NON PROFIT IN ITALIA E ALL ESTERO 9 2. LAVORARE NEL NON PROFIT IN ITALIA E ALL ESTERO PREMESSA Le edizioni IALweb hanno dato vita a questo

Dettagli

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e CITTADINANZA ATTIVA è la capacità dei cittadini di organizzarsi in modo multiforme, di mobilitare risorse umane tecniche e finanziarie, e di agire con modalità e strategie differenziate per tutelare diritti,

Dettagli

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Le competenze di fundraising nel Non Profit Il Fundraising da tecnica di raccolta fondi ad attività di progettazione strategica: i cinque ambiti di applicazione

Dettagli

Concorso idee imprenditoriali

Concorso idee imprenditoriali Concorso idee imprenditoriali Ancona, 28 febbraio 2008 Il contenuto del business plan Descrizione dell idea di business descrizione dell idea imprenditoriale; analisi del mercato e della concorrenza; definizione

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale

Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale VERSIONE PROVVISORIA Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Manlio

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli