UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA DIPARTIMENTO DI ISTITUZIONI LINGUISTICO- LETTERARIE, COMUNICAZIONALI E STORICO- GIURIDICHE DELL EUROPA DISTU Corso di laurea in Scienza della Pubblica Amministrazione INNOVAZIONE SOCIALE E AZIONE IN UNA THINK TANK DEL LAZIO Cattedra Psicologia delle organizzazioni RELATORE Gianluca Biggio CANDIDATO Diego Bevilacqua matr ANNO ACCADEMICO 2012/2013

2 INDICE INTRODUZIONE LE ORGANIZZAZIONI NONPROFIT Sviluppo del nome Cenni storici delle ONP : la tradizione inglese Cenni storici delle ONP: l esperienza americana Cenni storici delle ONP: il contesto italiano L importanza sociale del settore nonprofit Fonti di finanziamento del settore nonprofit Conclusioni sulle ONP I THINK TANK Storia delle TT negli anni I TT nel trentennio conservatore Il mercato delle idee I prodotti offerti dai TT I TT e i rapporti con l esecutivo Conclusioni sui TT... 45

3 3.... I THINK TANK INGRANAGGIO DELL INNOVAZIONE SOCIALE Sull innovazione sociale: come si rigenera la società civile Nonprofit e TT nel ruolo di innovatori sociali TT nel concetto di social innovation: Young Foundation TT nel concetto di social innovation: Kennisland IL CENTRO DI SVILUPPO POLITICO E SOCIALE Introduzione Staff L aspetto psicologico Legittimarsi nei confronti delle istituzioni I social network Spazi di intervento e progetti SINTESI E CONCLUSIONI ABSTRACT BIBLIOGRAFIA SITOGRAFIA

4 INTRODUZIONE L argomento di trattazione presenta un progetto che si prefigge di essere innovativo e caratteristico di un cambiamento di idee e approcci alle public policy. La tesi ha riguardo lo sviluppo di un think tank locale nato a Civitavecchia, composto da ragazzi con competenze diversificate e con titolo di laurea o laureandi. Si tratta di introdurre, nel contesto sociale attuale, un elemento innovativo di non appartenenza al sistema costituito. In una realtà politico-istituzionale formata da membri di maggioranza e membri di disturbo che spesso si autoproclamano come dissidenti, è ben visibile come il sistema di riferimento si basi su due entità politicamente contrapposte ed individuabili in ideologie e programmi. Il progetto del think tank qui proposto, invece, sfrutta l innovazione apportata da studi e freschezza di pensiero ragionato, che propone o cerca di proporre le idee migliori e valevoli per lo sviluppo sociale della comunità. Il think tank in questione prende il nome di Centro di Sviluppo Politico e Sociale (CSPS). 4

5 L argomentazione si svilupperà in capitoli che percorreranno differenti tipologie di organizzazioni fino alla trattazione finale del think tank di riferimento. Nel primo capitolo verrà analizzato il settore del non profit e delle organizzazioni che vi rientrano, secondo un analisi storica, sociale ed economica del loro sviluppo. Il secondo capitolo verte invece sulla tipologia principale della trattazione: il think tank. Dopo un primo excursus storico e la differenziazione tra le università senza studenti e i think tank politici conservatori, saranno esaminati il concetto di mercato delle idee e i prodotti impiegati dai think tank, spendibili all interno del mercato di riferimento. Successivamente a questo argomento, si torna sulla generalizzazione del tema con l analisi dell innovazione sociale e di come i think tank possano considerarsi ingranaggi fondamentali della trasformazione del sistema. La trattazione dell innovazione sociale prevede, in primis, la trattazione del concetto classico di innovazione sociale secondo la teoria di Merton, seguito da una rapida illustrazione su come la società civile è in grado di 5

6 rinnovarsi. In seguito sarà poi affrontato il concetto dell innovazione sociale nel contesto contemporaneo e di come i think tank possono influire su di essa. In merito, saranno portati due esempi molto interessanti di think tank incentrati sulla social innovation: la Young Foundation e Kennisland. L ultimo capitolo vedrà l analisi del progetto in studio, di come è nato e delle difficoltà iniziali. Saranno illustrati lo staff che compone il CSPS, i fattori di difficoltà personali riscontrabili nell andamento del progetto da un punto di vista psicologico da parte dei membri stessi e i diversi compiti che essi assolvono. La trattazione avrà poi termine con lo studio circa le difficoltà riscontrate con il livello amministrativo di Civitavecchia, con l analisi della comunicazione via web e con l esposizione di progetti futuri e ambizioni a lungo termine. In chiusura, sintesi e conclusioni saranno importanti per sostenere la tesi e la linea di pensiero che hanno condotto alla nascita del CSPS. 6

7 1. LE ORGANIZZAZIONI NONPROFIT Per organizzazione nonprofit (di prosieguo nel testo ONP) si fa riferimento alla tipologia di organizzazioni accomunate dalla caratteristica di non distribuire a soci o dipendenti gli eventuali profitti derivati dall amministrazione dell attività. Questi profitti vengono invece investiti per aumentare la qualità e la quantità di servizi erogati, contraddistinti da peculiarità che rendono ben identificabile il settore di intervento della nonprofit. La qui presente sezione tratta delle ONP nei dettagli generali, partendo dai cenni storici e dalla terminologia di queste specifiche organizzazioni per poi arrivare ad illustrare l impatto sociale e il rapporto con l economia e gli attori economici. 1.1 Sviluppo del nome. Al fine di evitare confusione nell ambito della trattazione storica è utile ripercorrere come si è arrivati alla terminologia oggi largamente diffusa per intendere le organizzazioni senza scopo di lucro. 7

8 In passato veniva adottato il termine volontariato, di origine sociologica. Usato agli inizi degli anni Ottanta, si riferisce ad un atteggiamento individuale o collettivo nei confronti dei bisogni sociali. Ne sono caratteristiche fondamentali la gratuità dell attività e la solidarietà investita nei confronti dei soggetti sociali più deboli, portando al contempo i volontari a ricercare quel senso di identità e di appartenenza al gruppo e alle attività di servizio del volontariato che caratterizzano la vita di chi vi partecipa (Biggio, 2011). Le associazioni di volontariato (e con esse tutte le altre tipologie di nonprofit), quindi, sono considerabili a tutti gli effetti come soggetti sociali con una dimensione psicologica propria e bisogni diversi dai singoli individui (Lewin, 1951). Con l avvento del termine associazionismo si fa riferimento a gruppi di persone organizzate nell impegno di attività differenti dalla natura lucrativa. Nel complesso, l espressione indica semplicemente quel mondo di organismi espressione della società civile organizzata e collettiva, 8

9 quella stessa di cui parlò ampiamente Alexis de Tocqueville nel libro La democrazia in America 1. Fu intorno alla metà degli anni Novanta che si affacciò il termine impresa sociale, connubio tra due attività che sembrano essere lontane, ma presentano in realtà tratti comuni da prendere in considerazione. Nella pratica, il termine cerca di coniugare la solidarietà dei diritti (che queste organizzazioni hanno sempre professato) con l esercizio di un azione economica diretta a produrre beni e servizi, che possano sia essere distribuiti gratuitamente, sia venduti a soggetti pubblici o privati previa pagamento. È così che si è giunti alle odierne definizioni di un settore venuto alla luce in maniera tanto innovativa da esser preso fortemente in considerazione dagli attori sociali. Affatto dissociati dalla volontà di dare un ordine alle definizioni, si sono individuati progressivamente anche i caratteri che fanno parte della nozione di nonprofit. 1 Nel testo dell autore, frutto dell esperienza in America tra il 1835 e il 1840, si può leggere: «Se si tratta di occuparsi di attività di intrattenimento della collettività, subito vengono create associazioni per dare carattere continuativo e splendore all intrattenimento». 9

10 Debbono essere considerate in tal modo quelle organizzazioni che: - sono formalmente costituite; - hanno natura giuridica privata; - si autogovernano; - non possono distribuire profitti a soci dirigenti; - sono volontarie. Concludendo questa sezione nozionistica a proposito di un settore così ampio, che prevede diverse tipologie di enti nonprofit, è necessario realizzare specifiche esclusioni, basate su criteri differenti. In primo luogo, sono da escludersi tutte quelle organizzazioni informali prive di uno statuto, di un atto costitutivo o di qualunque altro documento ufficiale che dimostri la consistenza organizzativa dell istituzione e la sua stabilità nel tempo. La seconda esclusione, invece, riguarda le società cooperative che violano il vincolo di non distribuzione dei profitti. 1.2 Cenni storici delle ONP: la tradizione inglese. Le ONP poggiano le basi nella cultura anglosassone. Comunemente chiamate nella tradizione inglese charitable organisation, si è rinunciato a 10

11 dare una normativa dettagliata e precisa di questo tipo di organizzazioni, preferendo indicare nella legge le finalità da esse perseguite. Riguardo la quantità legislativa che ad esse si riferisce, il diritto britannico fa affidamento su ben poca normazione, tanto da poter individuare soltanto due testi legislativi di fondo: - Statute of charitable law del 1601, in cui sono stabiliti gli scopi caritatevoli perseguiti dalle charitable organisation, come il sostegno dei poveri e degli anziani, la riparazione dei ponti e delle strade, la protezione delle scuole libere e molto altro ancora. - L atto del 1891, che non fa altro che interpretare il precedente statuto del 1601 e tramite cui vengono prese decisioni sulla natura di un organizzazione. In merito alle charitable law, sono previste attività caritatevoli come: il soccorso della povertà, il progresso della religione, il progresso dell educazione e tutte le altre attività dalle quali la comunità tragga beneficio. 1.3 Cenni storici delle ONP: l esperienza americana. Cambiando continente, l esperienza americana può considerarsi simile a quella inglese, con un processo di sviluppo molto più ampio in termini di diversificazione delle ONP. 11

12 Una testimonianza fondamentale ci viene dal già citato Alexis de Tocqueville. Il magistrato e sociologo francese ha interamente dedicato un libro di grande portata sulla società americana, in cui illustra quanto importante fosse il sistema associazionistico americano. La democrazia in America è frutto di un viaggio realizzato per conoscere le istituzioni democratiche americane, durante il quale rimase impressionato dalla capacità di quella società di costituire associazioni di cittadini. Tocqueville stesso afferma come: in nessun paese del mondo il principio associativo è stato usato con maggiore successo o applicato ad un maggior numero di casi rispetto agli Stati Uniti e prosegue: [ ] le associazioni vengono create per promuovere la sicurezza pubblica, i commerci, l industria, la moralità e la religione. Non c è fine che gli uomini non pensino di poter raggiungere attraverso la forza combinata degli individui uniti in società. Gli Stati Uniti presentano dunque una radicata esperienza associativa di ampio respiro e grande forza, supportata da innumerevoli esempi storici che mostrano l unione tra solidarietà sociale e patriottismo nei cittadini americani. Nel tempo il nonprofit americano ha mutato volto, trasformandosi per far fronte alle diverse necessità che i cambiamenti storici e sociali hanno 12

13 comportato. Alle associazioni si sono affiancate numerose organizzazioni il cui elemento costitutivo è rappresentato dal patrimonio e dove la natura associativa è meno evidente: le fondazioni, che non svolgono altra attività che erogare contributi a soggetti terzi (dette anche grant-making foundations). Queste sono la derivazione di un periodo di intensa industrializzazione, con l accumulo di ricchezze immense concentrate nelle mani di pochi. Industriali come Andrew Carnegie, John Rockefeller o Henry Ford, hanno così dato vita a istituzioni filantropiche, mettendo a disposizione il loro patrimonio per attività solidali e fungendo da fondazioni grantmaking. 1.4 Cenni storici delle ONP: il contesto italiano. Se il settore nonprofit nella realtà anglosassone è di derivazione sociale e culturale (come afferma anche Tocqueville), lo stesso non può dirsi per il contesto italiano. Esso può essere considerato, in un primo periodo, come l esito di una battaglia tra la nuova élite politica nata con il governo nazionale e la Chiesa cattolica, mentre in seguito sarà il partito socialista a fare pressione sull arena pubblica e a contribuire allo sviluppo delle ONP. 13

14 La prima parte del conflitto si aprì nel In quegli anni molti servizi sanitari e assistenziali erano amministrati da istituzioni religiose. L assistenza sociale era fornita principalmente dalle Opere pie il cui patrimonio consisteva soprattutto di lasciti e donazioni accumulate nel tempo, tutte sotto il controllo diretto delle congregazioni religiose. L attacco dello Stato si fece sentire tra il 1866 e il 1890 sotto il profilo giuridico con le c.d. «leggi eversive». In questo periodo, lo Stato italiano mirò a confiscare i patrimoni di diversi ordini e congregazioni religiose, obbligando le Opere pie a sottomettersi al controllo pubblico. Nel 1866 il r.d previse la soppressione di circa 1800 ordini e congregazioni religiose, finalizzata alla confisca dei loro beni. L anno successivo, con la legge 3848 per la liquidazione dell Asse ecclesiastico, altre istituzioni religiose di matrice assistenziale e sanitaria si videro confiscare e vendere all asta i propri patrimoni. L ultimo colpo fu poi assestato con la l. 6972/1890 (nota anche come Legge Crispi ), con cui si sottomettevano al controllo pubblico le Opere pie che fornivano servizi di tipo assistenziale, sanitario, educativo 2 La sigla sta per «Regio decreto». 14

15 e di formazione professionale, imponendo ad ogni istituzione di assistenza che avesse rilevanza economica di assumere natura giuridica pubblica. Queste misure, tuttavia, non abbatterono completamente l autonomia religiosa del settore nonprofit, che anzi ottenne nuova autonomia sull onda della secolarizzazione e dei rapporti con l istituzione durante e dopo il periodo fascista. Al contrasto tra istituzione statale ed ecclesiastica seguì un altro fenomeno sociale di grande importanza che contribuì alla formazione del settore nonprofit in Italia: l integrazione della classe operaia. Essa può essere considerata come la seconda sfida cui dovette far fronte l élite del governo post-unitario, in particolare con l avvio dell industrializzazione. Il periodo storico in questione ( ) vide una delicata ponderazione degli interessi coinvolti a livello sociale, economico e lavorativo, tanto da decidere l individuazione di un punto di accordo tra l aumento della protesta sociale da un lato e il processo di industrializzazione dall altro. Fu così che vennero costituite le società operaie di mutuo soccorso, che nel lungo periodo ebbero l effetto di far sparire progressivamente le istituzioni assistenziali e sanitarie 15

16 autonomamente create dai lavoratori per sostituirle con istituzioni pubbliche, oltre che assumersi la responsabilità di soddisfare bisogni collettivi con prime misure di welfare state. 1.5 L importanza sociale del settore nonprofit. Nel seguente capitolo verrà discusso l apporto che dà il terzo settore al sociale in termini di attività, occupazione, produzione di prodotti e di servizi offerti alla persona. Prima di intraprendere le diverse tematiche è opportuno però illustrare qualche numero a titolo statistico, preso da una pionieristica ricerca sulle ONP condotta da Lester Salamon ed Helmut Anheier, della John Hopkins University di Baltimora (USA) 3. Questa ricerca ha coinvolto anche studi sul versante italiano, raccogliendo dati curati dall Istat e dei quali si hanno stime più recenti a partire dal 1999, dalle quali emerge come lavoratori trovassero un impiego retribuito nel terzo settore. È proprio da questo dato che il nonprofit può definirsi come creatore di lavoro, nonostante l offerta lavorativa non sia la priorità finale delle 3 È possibile trovare riferimenti della ricerca nel libro The emerging nonprofit sector: An overview ; Salamon e Anheier, 1996, Manchester University Press. 16

17 organizzazioni. È un settore che ogni anno aumenta notevolmente l occupazione rispetto al sistema economico generale, tanto che la percentuale arriva al 4% in paesi come la Francia, la Germania, la Gran Bretagna e l Olanda (dati della John Hopkins University). La miscela vincente sembra risiedere nella specializzazione settoriale richiesta che il settore nonprofit è in grado di dare e il vincolo alla distribuzione dei profitti. Se quest ultimo è considerabile come garanzia per i consumatori e dona un aria di onestà e solidarietà al contesto delle ONP, la specializzazione settoriale consente al terzo settore di rispondere adeguatamente alla crescente domanda di servizi alla persona che soltanto le nonprofit possono dare. Tuttavia esiste un altro elemento meno intuitivo, ma di grande importanza e ricchezza: la possibilità di fungere da palestra di formazione e viatico per altre professioni. Il terzo settore è in grado di mettere in risalto la motivazione delle persone e la capacità di cooperare con altri individui per gestire situazioni complesse, adeguando le scelte ad analisi dei rischi e a strategie di problem solving. Il nonprofit, inoltre, è anche un laboratorio di autoimprenditorialità, in grado di far lavorare le persone su 17

18 loro stesse e permettendo di coltivare determinati aspetti che potrebbero essere rilevanti nel contesto lavorativo futuro. Nonostante le positività date al settore lavorativo, l Italia ha ancora una percentuale bassa di peso occupazionale rispetto ad altri paesi dell Unione 4. Le ragioni di fondo risiedono, con grande probabilità, nel complesso normativo complessivamente sfavorevole e una tradizione politica che ha sempre fatto coincidere il servizio pubblico con le pubbliche amministrazioni, dimenticando spesso quanto fondamentali siano le ONP in queste aree di intervento. 1.6 Fonti di finanziamento del settore nonprofit. Prima di affrontare le diverse fonti d entrata, è opportuno distinguere tra diverse «dicotomie» di ONP che contribuiscono a creare una diversificata varietà interna. La prima dicotomia mostra come il settore nonprofit sia spaccato tra un numero elevato di organizzazioni piccole o piccolissime, gestite 4 Si parla del 2,7% dell occupazione complessiva contro il 12,4% dell Olanda, o l 11,5% dell Irlanda e il 10,4% del Belgio. Anche nei confronti di Francia (4,9%), Gran Bretagna (6,2%), Spagna e Germania (4,5%), paesi europei simili al nostro, abbiamo una percentuale piuttosto bassa di peso occupazionale. 18

19 prevalentemente da volontari, e un numero ridotto di enti di grandi dimensioni, gestite perlopiù da personale retribuito 5. La seconda dicotomia riguarda le fonti di finanziamento, ove si contraddistinguono casi di ONP in cui le entrate pubbliche prevalgono sulle private. È il caso del settore sanitario o dell inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati. Una terza dicotomia, infine, corre lungo l asse di demarcazione tra le organizzazioni identificabili come vere e proprie imprese e quelle fondate sul carattere prevalentemente distributivo. Le prime presentano un processo produttivo caratterizzato da un valore aggiunto sotto forma di retribuzioni di lavoratori dipendenti e di creazione di un utile da riutilizzare nell organizzazione, derivante dalla vendita di servizi. Le altre si limitano invece a redistribuire ai soggetti beneficiari le donazioni ricevute sotto diverse forme. Conclusosi il distinguo tra le varie organizzazioni secondo criteri finanziari ed organizzativi, è ora il momento di illustrare le diverse categorie di entrate finanziarie 5 Dai dati Istat emerge che il 70% delle ONP censite ha entrate complessive annue < , mentre il 9% delle ONP censite ha entrate medie > La forza lavoro delle organizzazioni minori è composta dal 90% di volontari, mentre le organizzazioni più grandi retribuiscono circa l 80% della propria forza lavoro. 19

20 Le entrate private si distinguono in due tipologie. La prima riguarda quelle entrate derivanti da beni e servizi venduti a soggetti privati e provenienti da contratti e convenzioni stipulati con enti pubblici (e sono il 54% delle entrate di natura privata). La seconda tipologia comprende le donazioni private, che tuttavia sono una parte esigua delle entrate di tal fattura (solo il 3%). Il finanziamento pubblico riveste un importanza rilevante per il sostegno e la sopravvivenza delle nonprofit, ma, come già illustrato nella seconda dicotomia, si concentra in particolari aree specifiche. In questo contesto è visibile lo stretto legame tra terzo settore e politiche pubbliche, che mirano a fornire specifici servizi ai cittadini grazie alle organizzazioni non lucrative. La contrapposizione tra enti pubblici e ONP è, in conclusione, errata e fuorviante. Traducibile come «raccolta fondi», il fund raising si rivela uno strumento complesso e di difficile attuazione. Le cause di queste difficoltà sono molteplici e possono andare da una legislazione poco incentivante o una scarsa cultura della donazione, fino ad una limitata professionalità da parte degli enti nonprofit nell esercizio della raccolta. 20

21 La complessità che coinvolge il mondo del fund raising e il sentito bisogno di effettuare un marketing delle donazioni, ha portato nel tempo la nascita di figure professionali specializzate nelle raccolte fondi che prendono il nome di fund raiser, veri e propri esperti per ONP. Affinché si possa realizzare una buona raccolta fondi, è necessario fugare ogni dubbio circa il trasparente uso dei soldi, alimentando la buona reputazione dell organizzazione; l esternalizzazione di un immagine etica e pulita è di fondamentale importanza per raggiungere traguardi vantaggiosi. In merito, la Carta della donazione è uno degli strumenti più interessanti. Essa è un incentivo alla diffusione delle informazioni necessarie per conoscere e valutare tutte le attività poste in essere dalle organizzazioni nonprofit che aderiscono a questo c.d. codice di autoregolamentazione, che va a vantaggio dei cittadini donatori e crea al contempo una buona immagine organizzativa, essenziale per il successo della raccolta. Ci sono, infine, le fondazioni di erogazione (grant-making foundation, già trattate in precedenza), enti che amministrano il proprio patrimonio per finanziare il terzo settore. 21

22 Sono organizzazioni che alla realizzazione in prima persona preferiscono «far fare agli altri», esercitando la funzione di mecenati che fanno crescere il settore nonprofit attraverso il vaglio di progetti alternativi e suggerendo le strade più opportune e professionali. 1.7 Conclusioni sulle ONP. Il terzo settore ha acquisito un peso rilevante nel corso del tempo che va via via aumentando nei momenti di difficoltà e di crisi. Le azioni di volontariato, la solidarietà, i tentativi di superare condizioni gravi e di depressione, sono le armi principali che hanno condotto allo sviluppo di enti del genere. Laddove il mercato for-profit sembra aver fallito, il mercato delle nonprofit cerca in questi tempi di ergersi a possibile via risolutoria, che vede nel comportamento etico e nella bontà degli uomini un potente fertilizzante. La situazione italiana del terzo settore è però ancora poco sfruttata e sviluppata, colpa di preconcetti culturali e di una legislazione che non offre le giuste tutele e prerogative di crescita. Il rallentamento del settore trova riscontro nelle percentuali presentate in precedenza, mostrando 22

23 come l Italia abbia il tasso di investimento nel terzo settore tra i più bassi, anche rispetto quelle nazioni che più gli si avvicinano. Eccezion fatta per alcune tipologie di ONP, spesso anche strettamente legate al contesto religioso, possiamo concludere che il motore di sviluppo è lento nel mettersi in moto, per cause addebitabili a numerose variabili e contesti spesso diversissimi. Eppure vi sono altre istituzioni simili che si differenziano per scopi e strumenti dalle organizzazioni fin qui descritte e che andremo di seguito ad illustrare: i think tank. 23

24 2. I THINK TANK Non c è da attendersi che i re filosofeggino o che i filosofi diventino re, e neppure è da desiderarlo, perché il possesso della forza corrompe il libero giudizio della ragione. Ma che un re o un popolo sovrano non lascino ridurre al silenzio la classe dei filosofi, ma la lascino pubblicamente parlare, è indispensabile agli uni e agli altri per avere luce sui loro affari. (Per la pace perpetua. Un progetto filosofico. Immanuel Kant) La seconda sezione della tesi vede al centro della trattazione una peculiare tipologia di ONP tipica del mondo anglosassone e diffusasi con il tempo nel resto dell Europa, assumendo delle volte caratteri diversi. Queste nonprofit prendono il nome di think tank (di prosieguo TT). In sede, l attenzione si concentrerà maggiormente sul modello americano, in cui si ritrovano tutti quei caratteri e quelle diversificazioni che permetteranno di estrapolare al meglio i concetti, le idee, i contesti storico-sociali in grado di evidenziare l innovazione sociale che hanno comportato nel tempo e perché esse sono di fondamentale importanza nel policy process. 24

25 Il termine think tank deriva dal gergo militare, indicante l istituzione di sezioni speciali da parte del Dipartimento della Difesa per l analisi dell andamento della guerra. Solo in seguito fu affiancato alla nascita di centri di ricerca creati per aiutare il governo a pensare (non a caso il nome può tradursi con la locuzione «serbatoio di pensiero») e divenuti con gli anni veri e propri strumenti per la promozione delle idee nell arena pubblica. Questi istituti sono divenuti dei punti di riferimento per molti presidenti americani e, in seguito, anche di leader europei, che si dotarono di propri pensatoi personali. È così che sono divenuti noti al mondo TT quali l American Enterprise Institute (di prosieguo Aei), il Project for the New American Century, l Heritage Foundation e l attuale Centre for the American Progress, punto di riferimento di Obama. Il TT si rivela come la forma storica e la speranza che la conoscenza, la dottrina, il sapere e la razionalità influenzino l azione dei sovrani e delle istituzioni (Diletti, 2009). 25

26 2.1 Storia dei TT negli anni 20. L attività dei primi TT prese piede grazie a due fattori essenziali: il nascente movimento progressista americano del 1890 e il contributo di Lester Ward, che lanciò la sociologia scientifica. Primo presidente della American Sociological Association, Ward sostenne l importanza di una scienza nuova guidata dal metodo sperimentale, con l obiettivo di migliorare le condizioni di vita dell uomo. La teorizzazione della sociologia scientifica culminò nel 1883 con il libro Dynamic Sociology, nel quale si sosteneva l intervento governativo nella vita collettiva e del ruolo degli scienziati sociali in qualità di pianificatori 6. Dovettero passare venti anni per vedere la nascita di una nuova cultura civica e scientifica che fosse in grado di mettere a disposizione del 6 «To overcome [the] manifold hindrances to human progress, to check this enormous waste of resources, to calm these rhythmic billows of hyper-action and reaction, to secure the rational adaptation of means to remote ends, to prevent the natural forces from clashing with the human feelings, to make the current of physical phenomena flow in the channels of human advantage - these are some of the tasks which belong to the great art which forms the final or active department of the science of society - this, in brief, is DYNAMIC SOCIOLOGY» dal libro di Lester Ward, Dynamic Sociology,

27 governo il metodo di ricerca sperimentale ed il pragmatismo di risoluzione dei problemi sociali ed istituzionali. Tutto ciò coincise con nuovi fabbisogni della classe politica, la quale necessitava di idee e proposte per rendere operativa l amministrazione pubblica e dotarsi al contempo di risorse intellettuali. Fu con questi requisiti che iniziò il periodo dei TT. Nati con il contributo della prima ricchissima generazione dei filantropi americani, si possono annoverare nel primo periodo centri quali la Russel Sage Foundation e la Brookings Institution. La Russel Sage Foundation fu fondata nel 1907 con la finalità di «sostenere il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro negli Stati Uniti», grazie ad un finanziamento iniziale di 10 milioni di dollari donati da Margaret Olivia Slocum Sage, vedova di Russel Sage e ai tempi borghese più ricca del mondo. Il punto di vista tenuto dalla Sage era quello dell Età progressista, occupandosi di sanità pubblica, condizione carceraria, infanzia, lavoro femminile e promozione degli operatori sociali esperti in questi problemi, tanto da avere un ruolo di rilievo nel processo di professionalizzazione di ricercatori e operatori che si occupavano di disagio sociale. 27

28 La Brookings Institution ha seguito tutto un altro percorso. Tralasciando gli slums urbani, i ricercatori della Brookings si occuparono del bilancio federale, fino a quel momento definito in assenza di regole e procedure standardizzate, sostenendo al contrario la riforma dei procedimenti di approvazione del bilancio e di una burocrazia che fosse composta da esperti in discipline economiche. L obiettivo in questo caso era duplice: razionalizzare la spesa pubblica da un lato e indebolire il controllo legislativo su di essa dall altro. Il board della Brookings era costituito da alcune delle menti più brillanti del paese, con ampia rappresentazione di posizioni politiche. Fu grazie all elevata competenza che riuscì a dimostrare e all indipendenza dalle posizioni partitiche che la Brookings ha giocato un ruolo di primo piano nelle diverse fasi storiche degli US, rimanendo tutt oggi uno dei primi TT al mondo in fatto di studi e competenze. In una rapida digressione cronologica, essa si oppose alla politica del New Deal professata dal presidente F. D. Roosevelt, partecipò alla stesura della proposta di istituzione delle Nazioni Unite avanzata proprio dallo stesso presidente, contribuì al progetto del Piano Marshall, supportò il presidente Kennedy e i programmi della Great Society di Lyndon Johnson, fino all inclusione nella lista nera di Nixon. 28

Bottega del Terzo Settore

Bottega del Terzo Settore Bottega del Terzo Settore 1 Finalità del progetto La Bottega del Terzo Settore (in sintesi BTS) deve essere un luogo ed un progetto di contaminazione tra Terzo Settore e Comunità, e prima ancora tra Terzo

Dettagli

RICERCA COMPARATIVA: IL FUND E PEOPLE RAISING POLITICO IN ITALIA, STATI UNITI D AMERICA E REGNO UNITO. (Ricerca completata in data 01/12/2010)

RICERCA COMPARATIVA: IL FUND E PEOPLE RAISING POLITICO IN ITALIA, STATI UNITI D AMERICA E REGNO UNITO. (Ricerca completata in data 01/12/2010) 1 RICERCA COMPARATIVA: IL FUND E PEOPLE RAISING POLITICO IN ITALIA, STATI UNITI D AMERICA E REGNO UNITO (Ricerca completata in data 01/12/2010) di Raffaele Picilli con la collaborazione di Flavio Giordano

Dettagli

APPUNTI - LE RIFORME DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LA CENTRALITÀ DELLA LEGGE 241/90.

APPUNTI - LE RIFORME DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LA CENTRALITÀ DELLA LEGGE 241/90. APPUNTI - LE RIFORME DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LA CENTRALITÀ DELLA LEGGE 241/90. Definire l efficienza non è compito semplice perché non esiste una sua definizione che, in poche parole, possa darci

Dettagli

LE SFIDE DELLA SANITÀ AMERICANA

LE SFIDE DELLA SANITÀ AMERICANA INTRODUZIONE Di norma gli autori di un libro evitano di spiegare ai lettori com è nata l idea della loro creatura, come questa si è sviluppata e si è trasformata in un prodotto editoriale. Non lo fanno

Dettagli

2. LAVORARE NEL NON PROFIT IN ITALIA E ALL ESTERO

2. LAVORARE NEL NON PROFIT IN ITALIA E ALL ESTERO NoProfit_001_128.qxd 23-04-2008 16:41 Pagina 9 2. LAVORARE NEL NON PROFIT IN ITALIA E ALL ESTERO 9 2. LAVORARE NEL NON PROFIT IN ITALIA E ALL ESTERO PREMESSA Le edizioni IALweb hanno dato vita a questo

Dettagli

L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making

L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making Raccolta fondi IDEE E STRUMENTI L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making di Valerio Melandri* e Francesco Santini** Fund raising e grant making sono due facce della stessa medaglia.

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

L'idea da cui è nata l iniziativa/progetto. Descrizione dell iniziativa/progetto:

L'idea da cui è nata l iniziativa/progetto. Descrizione dell iniziativa/progetto: Chi è dentro è dentro. Chi è fuori è fuori Indagine relativa agli effetti delle trasformazioni nella gestione dei servizi pubblici e del welfare locale sulle pari opportunità e sulle fasce deboli della

Dettagli

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR)

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) CALL FOR PAPERS X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) Fondazione Scuola di Alta Formazione per il Terzo Settore (ForTeS) Siena ( Italy) 10 13 luglio 2012 Democratizzazione,

Dettagli

L importanza della «governance condivisa» nell attività di raccolta fondi

L importanza della «governance condivisa» nell attività di raccolta fondi L importanza della «governance condivisa» nell attività di raccolta fondi di Andrea Caracciolo e Massimo Coen Cagli L approfondimento Nell analisi dei cambiamenti socio-culturali e tecnologici che influenzano

Dettagli

Il ruolo della comunicazione nell era post-accademica della scienza. Pietro Greco

Il ruolo della comunicazione nell era post-accademica della scienza. Pietro Greco Il ruolo della comunicazione nell era post-accademica della scienza Pietro Greco Trieste, 25.01.2007 La scienza sui media (un esempio: anno 2002 in Italia) Media Spazio o tempo (in % sul totale) Tg 3,9

Dettagli

Benvenuti a Sezze Rumeno

Benvenuti a Sezze Rumeno Facoltà di Scienze Politiche Sociologia Comunicazione Corso di Laurea Magistrale Scienze Sociali Applicate Sociologia e management della sicurezza Tesi di Laurea Anno accademico 2011/2012 Benvenuti a Sezze

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt

Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt Reed Hundt è responsabile dell iniziativa IDEA (International Digital Economy Accords) promossa dall Aspen Institute ed ex presidente della Commissione

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

Linee Guida etica della professione e comunicazione nei mass media con particolare riferimento all ambito della cronaca

Linee Guida etica della professione e comunicazione nei mass media con particolare riferimento all ambito della cronaca PSYLAZIO.AOO1.REGISTRO UFFICIALE.0004537.28-06-2011 Linee Guida etica della professione e comunicazione nei mass media con particolare riferimento all ambito della cronaca A cura dell Ordine degli Psicologi

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

European Research Institute on Cooperative and Social Enterprises. rep 2011/2012

European Research Institute on Cooperative and Social Enterprises. rep 2011/2012 European Research Institute on Cooperative and Social Enterprises An nu al rep ort 2011/2012 new knowledge for a new paradigm Indice in sintesi in sintesi results pubblicazioni carta di identità lettera

Dettagli

Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo

Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo PRESENTAZIONE CORSI PER LE ORGANIZZAZIONI DEL TERZO SETTORE Strategie di marketing, Comunicazione e Fund Raising: Una sfida e una necessita per le organizzazioni

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Le attività non profit

Le attività non profit Qualche frase: «Quando sento parlare di volontariato sono sempre sospettoso!» «Se non ci pensa lo Stato, chi ci deve pensare?» «Ma lo Stato non può occuparsi di tutto!» «Tutte le imprese hanno un solo

Dettagli

METODO I laboratori verranno condotti con modalità interattive e verrà dato quindi ampio spazio a esercitazioni pratiche.

METODO I laboratori verranno condotti con modalità interattive e verrà dato quindi ampio spazio a esercitazioni pratiche. DESTINATARI Laboratorio base 20 posti destinati a giovani di associazioni o di gruppi informali residenti nella provincia di Pesaro e Urbino, con priorità a giovani di età non superiore a 30 anni residenti

Dettagli

MANUALE DI PROGETTAZIONE SOCIALE E MARKETING DELL'IMPRESA NONPROFIT

MANUALE DI PROGETTAZIONE SOCIALE E MARKETING DELL'IMPRESA NONPROFIT MANUALE DI PROGETTAZIONE SOCIALE E MARKETING DELL'IMPRESA NONPROFIT Ad uso degli operatori sociali, è ora disponibile il MANUALE DI PROGETTAZIONE SOCIALE E MARKETING DELL'IMPRESA NON PROFIT, Edizioni Ebook

Dettagli

Università degli Studi di Milano Bicocca Facoltà di Sociologia e Ricerca sociale Laurea triennale in turismo, territorio e sviluppo locale

Università degli Studi di Milano Bicocca Facoltà di Sociologia e Ricerca sociale Laurea triennale in turismo, territorio e sviluppo locale Laurea triennale in turismo, territorio e sviluppo locale Economia culturale dott.ssa Federica De Molli Giovedì 30 ottobre 2014 Economia culturale LEZIONE PASSATA UN MIGLIORAMENTO POSSIBILE 1. 2. 3. 4.

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLA POLITICA IN ITALIA, FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA, REGNO UNITO, STATI UNITI

IL FINANZIAMENTO DELLA POLITICA IN ITALIA, FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA, REGNO UNITO, STATI UNITI IL FINANZIAMENTO DELLA POLITICA IN ITALIA, FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA, REGNO UNITO, STATI UNITI La presente pubblicazione raccoglie schede di sintesi relative a finanziamento della politica nei principali

Dettagli

DOMANDA E OFFERTA DI POLITICHE PUBBLICHE La domanda-1

DOMANDA E OFFERTA DI POLITICHE PUBBLICHE La domanda-1 La domanda-1 Ø La domanda coinvolge tutti i cittadini Ø Importante valutare sempre chi riceve costi o benefici da una nuova policy Ø Friedman e il tiro alla fune: nei sistemi democratici prevalgono le

Dettagli

Ipotesi sul finanziamento pubblico ai partiti Piero Ignazi e Eugenio Pizzimenti

Ipotesi sul finanziamento pubblico ai partiti Piero Ignazi e Eugenio Pizzimenti Ipotesi sul finanziamento pubblico ai partiti Piero Ignazi e Eugenio Pizzimenti Premettiamo che il finanziamento pubblico ai partiti esiste in tutti i paesi europei ad eccezione della Svizzera (e in misura

Dettagli

Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo

Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo Modulo 2 Principi e Tecniche di Fund Raising d.ssa Marta Buzzatti Fonte: Manuale di fund raising F. Ambrogetti, M.Coen Cagli, R. Milano FUND

Dettagli

Il futuro del federalismo negli Stati Uniti

Il futuro del federalismo negli Stati Uniti Il futuro del federalismo di John Samples Direttore del Center for Representative Government del Cato Institute di Washington e Professore Associato, Johns Hopkins Sin dall inizio, gli americani hanno

Dettagli

CONCLUSIONI SU SOLIDARIETÀ INTERGENERAZIONALE, WELFARE ED ECOLOGIA UMANA *

CONCLUSIONI SU SOLIDARIETÀ INTERGENERAZIONALE, WELFARE ED ECOLOGIA UMANA * Intergenerational Solidarity, Welfare and Human Ecology Pontifical Academy of Social Sciences, Acta 10, Vatican City 2004 www.pass.va/content/dam/scienzesociali/pdf/acta10/acta10-conclusioni.pdf CONCLUSIONI

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

COACHING E IMPLEMENTAZIONE ORGANIZZATIVA

COACHING E IMPLEMENTAZIONE ORGANIZZATIVA COACHING E IMPLEMENTAZIONE ORGANIZZATIVA Perché affrontare questo tema? Il motivo risiede nella considerazione che la progettazione organizzativa, ma soprattutto la sua corretta attuazione, siano una delle

Dettagli

Ci son più cose in cielo e in terra, Orazio, che non sappia la tua filosofia. William Shakespeare. Una guerra al male è una guerra senza fine

Ci son più cose in cielo e in terra, Orazio, che non sappia la tua filosofia. William Shakespeare. Una guerra al male è una guerra senza fine Ci son più cose in cielo e in terra, Orazio, che non sappia la tua filosofia William Shakespeare Una guerra al male è una guerra senza fine Paul Kennedy Sequenza A La crisi della presidenza Obama Parte

Dettagli

Fundraising. Un altro welfare è possibile. Sintesi dell intervento introduttivo di Massimo Coen Cagli Direttore Scientifico della Scuola di Roma

Fundraising. Un altro welfare è possibile. Sintesi dell intervento introduttivo di Massimo Coen Cagli Direttore Scientifico della Scuola di Roma Fundraising. Un altro welfare è possibile Sintesi dell intervento introduttivo di Massimo Coen Cagli Direttore Scientifico della Scuola di Roma Premessa: il senso dell itinerario Fundraising un altro Welfare

Dettagli

La mitologia della riforma sanitaria

La mitologia della riforma sanitaria La mitologia della riforma sanitaria Il piano del governatore Romney Il 12 aprile 2006, il governatore repubblicano del Massachusetts - e potenziale candidato alle presidenziali del 2008 - Mitt Romney

Dettagli

Welfare locale, Strutture di Servizi e Terzo settore

Welfare locale, Strutture di Servizi e Terzo settore Corso Laurea Politiche e Servizi Sociali Roma, 24 aprile 2013 Welfare locale, Strutture di Servizi e Terzo settore Marco Accorinti Titolo della lezione odierna: Gli attori del welfare: istituzionali, privati

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore Il progetto in breve Questo percorso formativo si propone di formare 25 persone in modo da aumentarne la capacità

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Indice. 1 Direttive, Costituzione, codici, leggi ------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Direttive, Costituzione, codici, leggi ------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL ECONOMIA LEZIONE III FONTI DEL DIRITTO DELL IMPRESA PROF. MARIA ROSARIA NADDEO Indice 1 Direttive, Costituzione, codici, leggi ------------------------------------------------------------------

Dettagli

DAL VECCHIO AL NUOVO WELFARE

DAL VECCHIO AL NUOVO WELFARE DAL VECCHIO AL NUOVO WELFARE Prof. Ivo Colozzi Università di Bologna IL VECCHIO WELFARE O WELFARE STATE Caratteristiche del modello tradizionale di welfare state - attori: Stato e mercato - il mercato

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

Il valore economico del Volontariato in provincia di Bergamo 1

Il valore economico del Volontariato in provincia di Bergamo 1 Il valore economico del Volontariato in provincia di Bergamo 1 Premessa La valutazione economica del volontariato richiede una precisa definizione del fenomeno e una chiara identificazione dell unità di

Dettagli

a) Democrazie e stati in via di sviluppo: due realtà inconciliabili?

a) Democrazie e stati in via di sviluppo: due realtà inconciliabili? INTRODUZIONE: a) Democrazie e stati in via di sviluppo: due realtà inconciliabili? Il Novecento è stato uno dei secoli più contraddittori della storia dell umanità. Da un lato, abbiamo avuto, soprattutto

Dettagli

In ricordo del professor Veniero Del Punta

In ricordo del professor Veniero Del Punta I In ricordo del professor Veniero Del Punta Il professor Veniero Del Punta, da vari decenni autorevole e prestigioso membro del nostro Comitato Scientifico, è improvvisamente mancato il 3 aprile scorso.

Dettagli

Storia contemporanea. Università degli studi di Cagliari Anno accademico 2015/16

Storia contemporanea. Università degli studi di Cagliari Anno accademico 2015/16 Storia contemporanea Università degli studi di Cagliari Anno accademico 2015/16 GIOLITTI 1892-93 1893 dimissioni scandalo Banca romana 1903-1905 1906-1907 1911-1914 GIOLITTI Liberale, abile e scrupoloso

Dettagli

ENTE NAZIONALE DON ORIONE - FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PRESENTAZIONE DELL E.N.D.O. F.A.P.

ENTE NAZIONALE DON ORIONE - FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PRESENTAZIONE DELL E.N.D.O. F.A.P. E. N. D. O. F.A. P. ENTE NAZIONALE DON ORIONE - FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PRESENTAZIONE DELL E.N.D.O. F.A.P. L ENDO-FAP (Ente Nazionale Don Orione Formazione Aggiornamento Professionale)

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Marca, Mercato e Creazione di Valore

Marca, Mercato e Creazione di Valore Marca, Mercato e Creazione di Valore di Ivo Ferrario e Roberto Bucaneve* Viviamo in un mondo di loghi, ma non tutti i segni grafici che ci circondano identificano una marca nel senso pieno del termine.

Dettagli

Obiettivi strategici 2013-2016

Obiettivi strategici 2013-2016 Obiettivi strategici 2013-2016 Colophon Editore: Grafica: Stampa: Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari FINMA Einsteinstrasse 2 CH-3003 Berna Tel. +41 (0)31 327 91 00 Fax +41 (0)31 327

Dettagli

MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO

MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO Per diventare professionisti del microcredito Perché un Master in Finanza per lo Sviluppo? Per offrire un percorso di specializzazione che mette insieme due mondi apparentemente

Dettagli

I Sistemi Sanitari influenza sullo stato di salute della comunità

I Sistemi Sanitari influenza sullo stato di salute della comunità Facoltà di Psicologia Corso di Medicina Sociale I Sistemi Sanitari influenza sullo stato di salute della comunità Prof. Plinio Fabiani 20/11/2008 L evoluzione Un sistema sanitario è l insieme delle organizzazioni,

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Il ruolo strategico della comunicazione attraverso lo strumento delle Relazioni Pubbliche e delle attività di Lobby

Il ruolo strategico della comunicazione attraverso lo strumento delle Relazioni Pubbliche e delle attività di Lobby Il ruolo strategico della comunicazione attraverso lo strumento delle Relazioni Pubbliche e delle attività di Lobby di Vincenzo Mascellaro Mantova, 27_10_08 La comunicazione d Impresa La comunicazione

Dettagli

Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori

Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori Sommario Con un tasso di crescita di nuove imprese intorno al 50%, l Italia delle biotecnologie sta progressivamente recuperando il ritardo maturato

Dettagli

CORRELAZIONI ED INTERDIPENDENZE AMBIENTE/COMUNITÀ SCIENTIFICA DEGLI AZIENDALISTI E CRITERI DI SELEZIONE DEI DOCENTI

CORRELAZIONI ED INTERDIPENDENZE AMBIENTE/COMUNITÀ SCIENTIFICA DEGLI AZIENDALISTI E CRITERI DI SELEZIONE DEI DOCENTI Assemblea Generale di SIDREA Società Italiana dei Docenti di Ragioneria e di Economia Aziendale Firenze, 18 novembre 2006 CORRELAZIONI ED INTERDIPENDENZE AMBIENTE/COMUNITÀ SCIENTIFICA DEGLI AZIENDALISTI

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

Who we are. It s an intellgent target company. Happy clients WORLD! Heart IN WHAT WE DO! JUST IN THE right time! DELIVER satisfaction!

Who we are. It s an intellgent target company. Happy clients WORLD! Heart IN WHAT WE DO! JUST IN THE right time! DELIVER satisfaction! / 1 ontent JUST IN THE right time! Who we are Capita di rado che il momento sia proprio quello giusto, ma per noi di It s è così che stanno le cose: il momento è propizio per acquisire fette di mercato

Dettagli

La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo. Professor Federica Bandini. Copyright SDA Bocconi, protocollo xxxx

La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo. Professor Federica Bandini. Copyright SDA Bocconi, protocollo xxxx La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo Professor Federica Bandini TRACCIA RILEVANZA DELLE RISORSE UMANE NELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELLE IMPRESE COOPERATIVE E

Dettagli

Facoltà di SCIENZE MANAGERIALI Corso di laurea in ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI

Facoltà di SCIENZE MANAGERIALI Corso di laurea in ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI Facoltà di SCIENZE MANAGERIALI Corso di laurea in ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI www.unidav.it CARATTERISTICHE E COMPITI DEL MANAGEMENT 3. La Scuola behaviorista Lezione 25 Il modello Behaviorista

Dettagli

AUTOGESTIONE, MUTUALISMO E FINANZA SOLIDALE Il percorso delle Mag

AUTOGESTIONE, MUTUALISMO E FINANZA SOLIDALE Il percorso delle Mag AUTOGESTIONE, MUTUALISMO E FINANZA SOLIDALE Il percorso delle Mag Intervista a Loredana Aldegheri, direttrice e cofondatrice di MAG Verona, nel libro Soldi Puliti di Luca Reteuna 1) Siete stati la prima

Dettagli

CONSULTA REGIONALE DEL VOLONTARIATO DELLA TOSCANA. Linee di indirizzo in vista della Conferenza Regionale del Volontariato. Lucca 10/11 marzo 2007

CONSULTA REGIONALE DEL VOLONTARIATO DELLA TOSCANA. Linee di indirizzo in vista della Conferenza Regionale del Volontariato. Lucca 10/11 marzo 2007 CONSULTA REGIONALE DEL VOLONTARIATO DELLA TOSCANA Linee di indirizzo in vista della Conferenza Regionale del Volontariato. Lucca 10/11 marzo 2007 La Consulta Regionale del Volontariato (che indicheremo

Dettagli

Oggetto: Commenti dell Associazione Italiana Internal Auditors al documento di consultazione N. 42/2011

Oggetto: Commenti dell Associazione Italiana Internal Auditors al documento di consultazione N. 42/2011 Oggetto: Commenti dell Associazione Italiana Internal Auditors al documento di consultazione N. 42/2011 Come noto, l Associazione Italiana Internal Auditors, parte dell Institute of Internal Auditors,

Dettagli

Sviluppare il piano di internet marketing:

Sviluppare il piano di internet marketing: Sviluppare il piano di internet marketing: concretizzare gli obiettivi ponderando i costi e Academy Milano, 20 Ottobre 2005 d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Mentis innovazione e

Dettagli

A regola d ARTE. Manuale di lavoro RENA

A regola d ARTE. Manuale di lavoro RENA A regola d ARTE Manuale di lavoro RENA Che cos è RENA? Intelligenza collettiva al servizio dell Italia La Rete per l eccellenza nazionale (RENA) è un associazione indipendente e plurale, animata da giovani

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA - FUNDRAISING anno 2015

OFFERTA FORMATIVA - FUNDRAISING anno 2015 OFFERTA FORMATIVA - FUNDRAISING anno 2015 pag.1di12 Indice del Corso sul FUNDRAISING CALENDARIO FUNDRAISING 2015...3 MODULO BASE FARE FUNDRAISING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE...4 MODULO BASE FARE FUNDRAISING

Dettagli

News > Italia > Economia - Martedì 05 Marzo 2013, 17:00

News > Italia > Economia - Martedì 05 Marzo 2013, 17:00 " Social bond UBI..." Ubi Banca punta sul social bond con Cesvi Obbligazioni a sostegno del progetto Cesvi per la sicurezza alimentare in Uganda da Ubi" Barbara Conti In Italia arriva il prestito obbligazionario

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

3. DIVISIONE DEL LAVORO E STRATIFICAZIONE FIORENZO PARZIALE INTEGRAZIONE SOCIALE E MERCATO DEL LAVORO UNIVERSITA LUMSA-ROMA A.A.

3. DIVISIONE DEL LAVORO E STRATIFICAZIONE FIORENZO PARZIALE INTEGRAZIONE SOCIALE E MERCATO DEL LAVORO UNIVERSITA LUMSA-ROMA A.A. 1 Abbiamo visto che: Appunti Forze sociali e istituzioni si influenzano a vicenda e danno vita a una data regolazione sociale Il capitalismo ha assunto diverse forme. Col capitalismo industriale, in particolare

Dettagli

STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus

STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus La Fondazione di partecipazione CUMSE intende collocarsi nella tradizione della cooperazione internazionale laica di ispirazione cristiana operando

Dettagli

ISTITUZIONI NONPROFIT DELLA PROVINCIA DI ASTI

ISTITUZIONI NONPROFIT DELLA PROVINCIA DI ASTI CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO DI ASTI ISTITUZIONI NONPROFIT DELLA PROVINCIA DI ASTI Elaborazione dei risultati della prima rilevazione censuaria ISTAT Anno 1999 Ufficio Studi Marzo 2003 1 L

Dettagli

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO Numero Terzo Novembre 2007 Editoriale http://www.humana-mente.it Biblioteca Filosofica 2007 - Humana.Mente, Periodico trimestrale di Filosofia, edito dalla

Dettagli

1. RICERCA, INFORMAZIONE, SENSIBILIZZAZIONE

1. RICERCA, INFORMAZIONE, SENSIBILIZZAZIONE 1. RICERCA, INFORMAZIONE, SENSIBILIZZAZIONE 6 Non appena si è avviato il progetto, le prime iniziative che la Spazio - Lavoro ha intrapreso sono state quelle relative alla preparazione del territorio nel

Dettagli

Attività di sostegno all'internazionalizzazione. Un confronto internazionale

Attività di sostegno all'internazionalizzazione. Un confronto internazionale Attività di sostegno all'internazionalizzazione. Un confronto internazionale Riassunto della tesi di Alessandra Vittiglio Introduzione Soprattutto in un periodo di crisi economica come quello che stiamo

Dettagli

Omaggio a Russell D. Archibald (uno dei padri storici del Project Management)

Omaggio a Russell D. Archibald (uno dei padri storici del Project Management) Paolo Mazzoni 2013. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2013". Non sono ammesse

Dettagli

SOTTOLALENTE ILTERZOSETTORE

SOTTOLALENTE ILTERZOSETTORE SOTTOLALENTE ILTERZOSETTORE Latina marzo 2003 IL TERZO SETTORE A LATINA 1. INTRODUZIONE L Osservatorio economico statistico congiunturale Osserfare si è dotato di una metodologia di analisi alternativa

Dettagli

Marketing politico: Un approccio strategico. Marco M. Cacciotto Forme della Comunicazione Politica 16 novembre 2013, San Benedetto del Tronto

Marketing politico: Un approccio strategico. Marco M. Cacciotto Forme della Comunicazione Politica 16 novembre 2013, San Benedetto del Tronto Marketing politico: Un approccio strategico Marco M. Cacciotto Forme della Comunicazione Politica 16 novembre 2013, San Benedetto del Tronto Una disciplina recente Il marketing politico è una disciplina

Dettagli

È fondamentale liberalizzare la società

È fondamentale liberalizzare la società È fondamentale liberalizzare la società NEL NOSTRO PAESE SI È PARLATO E SI PARLA ANCORA DI LIBERALIZZAZIONI. TUTTAVIA, CIÒ AVVIE- NE SOLO IN CAMPO ECONOMICO E CON RISULTATI POCO SODDISFACENTI. INFATTI,

Dettagli

Abolizione del monopolio sulle coperture assicurative contro gli infortuni e le malattie professionali

Abolizione del monopolio sulle coperture assicurative contro gli infortuni e le malattie professionali Abolizione del monopolio sulle coperture assicurative contro gli infortuni e le malattie professionali di ADRIANO GIANTURCO GULISANO Scholar Centro Studi e Ricerche Tocqueville-Acton Il mercato del lavoro

Dettagli

Alimentare la Salute. XI Edizione. 14 17 dicembre 2014. Forum internazionale della Salute. Palazzo dei Congressi P.le Kennedy, 1 Roma, Eur

Alimentare la Salute. XI Edizione. 14 17 dicembre 2014. Forum internazionale della Salute. Palazzo dei Congressi P.le Kennedy, 1 Roma, Eur Forum internazionale della Salute XI Edizione Alimentare la Salute 14 17 dicembre 2014 Palazzo dei Congressi P.le Kennedy, 1 Roma, Eur Mostra di prodotti e servizi per la salute Lezioni di cucina salutare

Dettagli

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà Economia Corso di Strategia di Impresa A/A 2008-2009 TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE -Robert M. Grant- Peitas Patrizia INDICE 1. Il vantaggio competitivo

Dettagli

From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE. Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info

From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE. Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info HEALTH FOR ALL HEALTH FOR SOME HEALTH FOR SOME UNIVERSAL HEALTH COVERAGE World

Dettagli

1. DEFIZINIZIONE E CARATTERISTICHE DI UN SISTEMA SANITARIO

1. DEFIZINIZIONE E CARATTERISTICHE DI UN SISTEMA SANITARIO 1. DEFIZINIZIONE E CARATTERISTICHE DI UN SISTEMA SANITARIO 2. I MODELLI DI SISTEMI SANITARI IN EUROPA 2.1 IL MODELLO BISMARCK 2.2 IL MODELLO BEVERIDGE 3. ANALISI DEI SISTEMI SANITARI EUROPEI 3.1 UNO SGUARDO

Dettagli

MANIFESTO. for volunteering in Europe MANIFESTO. per il Volontariato in Europa MANIFEST. voor Vrijwillige inzet in Europa

MANIFESTO. for volunteering in Europe MANIFESTO. per il Volontariato in Europa MANIFEST. voor Vrijwillige inzet in Europa MANIFESTO for volunteering in Europe MANIFESTO per il Volontariato in Europa MANIFEST voor Vrijwillige inzet in Europa This manifesto has been published by the European Volunteer Centre, CEV 2006 in collaboration

Dettagli

BILANCIO SOCIALE 2012 1. PREMESSA

BILANCIO SOCIALE 2012 1. PREMESSA BILANCIO SOCIALE 2012 1. PREMESSA 1.1 Metodologia Il bilancio sociale 2012 di MxIT-Microcredito per l Italia è stato realizzato da un gruppo di lavoro composto dal CdA e dai dipendenti, con il supporto

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore UN VERO E PROPRIO CIVIL ACT: GLI OBIETTIVI Per realizzare il cambiamento economico, sociale, culturale, istituzionale di cui il Paese ha bisogno, è necessario

Dettagli

La gestione finanziaria nelle Aziende Non Profit. La gestione finanziaria nelle ANP (tra cui rientrano le ASD) riguarda il.

La gestione finanziaria nelle Aziende Non Profit. La gestione finanziaria nelle ANP (tra cui rientrano le ASD) riguarda il. La gestione finanziaria nelle Aziende Non Profit La gestione finanziaria nelle ANP (tra cui rientrano le ASD) riguarda il. REPERIMENTO UTILIZZO dei mezzi monetari necessari al perseguimento dei fini istituzionali

Dettagli

Sistemi di welfare 6. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE. A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

Sistemi di welfare 6. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE. A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 6. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del

Dettagli

DOMENICO BODEGA. Le forme della leadership

DOMENICO BODEGA. Le forme della leadership DOMENICO BODEGA Le forme della leadership Redazione e fotocomposizione Norma, Parma ISBN 978-88-17-05823-0 Copyright 2002 RCS Libri S. p. A. Prima edizione Etas: maggio 2002 Quinta ristampa Rizzoli Etas:

Dettagli

AREA LAVORARE NEL SOCIALE

AREA LAVORARE NEL SOCIALE AREA LAVORARE NEL SOCIALE IL FUND RAISING PER LA GESTIONE DELL IMPRESA SOCIALE Obiettivo del corso è quello di comprendere le implicazioni sociali, organizzative ed etiche che accompagnano l attività di

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICA E D IMPRESA. Premessa

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICA E D IMPRESA. Premessa REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICA E D IMPRESA Premessa Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea magistrale in Comunicazione

Dettagli

I progetti aziendali e i Piani per la Salute : la qualità fra teoria e pratica.

I progetti aziendali e i Piani per la Salute : la qualità fra teoria e pratica. I progetti aziendali e i Piani per la Salute : la qualità fra teoria e pratica. Se uno degli obiettivi a medio - lungo termine del Servizio Sanitario è il governo clinico, ossia l organizzazione che si

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

MASSIMO SILUMBRA COORDINA DOMIZIANA AVANZINI

MASSIMO SILUMBRA COORDINA DOMIZIANA AVANZINI MASSIMO SILUMBRA COORDINA DOMIZIANA AVANZINI MONTESILVANO MARINA 23 MAGGIO 2015 Le basi del Fundraising Alcune brevi note per cercare di migliorare la raccolta fondi Fund = FONDO (non c entra con la parola

Dettagli

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese 3.1 La comunicazione istituzionale Il Dipartimento della Funzione Pubblica si propone

Dettagli

Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1

Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1 Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1 POLITICHE DI COMUNITA LE RETI DI RESPONSABILITA ATTIVAZIONE E GOVERNO. Responsabilità e compiti dei servizi sociali. Mauro Perino. E da tempo evidente che i servizi

Dettagli