Change. Global. motore di crescita. nove miliardi. futuro? Dove. emergenti. mondiale? persone? I paesi. Ritratto 2012.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Change. Global. motore di crescita. nove miliardi. futuro? Dove. emergenti. mondiale? persone? I paesi. Ritratto 2012."

Transcript

1 I paesi emergenti rimangono il motore di crescita dell economia mondiale? Come nutrire nove miliardi persone? Global Change Ritratto 2012 Dove trovare gli investimenti del futuro?

2 Il Gruppo Vontobel Il Gruppo Vontobel unisce il know-how di una banca privata svizzera indipendente alla forza innovativa di un gestore patrimoniale attivo, operante su scala internazionale. Il nostro business model integrato, con le tre divisioni Private Banking, Investment Banking e Asset Management, garantisce iter brevi e un efficace combinazione di capacità e risorse a vantaggio dei nostri clienti e partner di cooperazione. Ogni giorno, in tutto il mondo, circa 1500 collaboratori si adoperano per generare un valore aggiunto duraturo: gestiscono e controllano costantemente i patrimoni affidati al nostro istituto, osservano con attenzione i mercati finanziari e analizzano gli sviluppi macroeconomici mondiali. Nelle nostre diciannove sedi internazionali dal centro di Zurigo fino a New York, Hong Kong e Dubai i nostri specialisti sono impegnati a captare e analizzare i nuovi trend e rispondervi con prodotti e strategie innovative. La pietra angolare del Gruppo Vontobel è stata gettata nel 1924 a Zurigo. Oggi l azione nominativa di Vontobel Holding AG è quotata alla borsa SIX Swiss Exchange. Il nostro istituto poggia su fondamenta solide e affidabili grazie a una cons i- stente dotazione di capitale proprio e un azionariato stabile che vede l impegno di azionisti di maggioranza orientati sul lungo termine e dotati di spirito imprenditoriale. Le famiglie Vontobel dispongono di una maggioranza di circa il 52% dei voti e del capitale. I rapporti con i nostri clienti e partner si fondano sulla performance e la fiducia. Restiamo fedeli al nostro sistema di valori e al nostro atteggiamento prudenziale nei confronti del rischio. Solidità, stabilità e affidabilità sono il nostro credo. < Foto di copertina: una strada a Mumbai, India Stephen Wilkes, Gallerystock Cifre sull India Superficie 3,2 mln. km 2 Superficie coltivabile 53% Popolazione 1,2 mrd. Crescita media della popolazione p.a. 1,43% Popolazione sotto 15 anni 30,8% Popolazione sopra 60 anni 7,5% Percentuale popolazione urbana 30% Cellulari registrati * 545 mln. Fonti: The Economist, 2012; * ONU, 2010

3 Il Gruppo Vontobel Cifre e dati al 31 dicembre 2011 Patrimoni della clientela (in mrd. CHF) 131,6 82,2 41,7 7,7 patrimoni amministrati 28,5 Private Banking 7,9 Investment Banking 45,8 Asset Management 1 patrimoni in custodia prodotti strutturati in circolazione 1 senza i patrimoni gestiti su incarico di altri segmenti Capitale proprio (in mrd. CHF) 1,5 Tier 1-ratio della BRI (in %) 23,3 Raccolta netta 2011 (in mrd. CHF) 8,2 Moody s Rating Bank Vontobel AG: A1 Standard & Poors s Rating Bank Vontobel AG: A+ Per ulteriori informazioni:

4

5 Cara lettrice, caro lettore Francesco Bacone era un attento osservatore del suo mondo. Nel suo saggio «Of Innovations», il filosofo e statista inglese scriveva: «Chi non applica nuovi rimedi, deve essere pronto a nuovi mali.» Già nel 1625 Bacone aveva riconosciuto che il tempo ha una straordinaria forza di innovazione e trasformazione. Il cambiamento nasce dal semplice trascorrere del tempo ossia le cose cambierebbero anche se l uomo non intervenisse e lasciasse libero corso alla natura. L uomo, tuttavia, non rimane inattivo. Neanche la società e gli Stati. E tanto meno le imprese, impegnate in una costante concorrenza. Possiamo affermarlo forti della nostra esperienza. Il nostro compito prioritario è di dimostrare giorno per giorno ai nostri clienti la nostra profonda expertise e la nostra conoscenza di un mondo in costante e rapida trasformazione. La grande fiducia dimostrataci dai clienti ci conferma che siamo sulla strada giusta. Mentre importanti concorrenti del settore finanziario sono scomparsi dalla scena o sono stati assorbiti dalle loro case madri, il Gruppo Vontobel rimane un istituto forte e indipendente. Affidabilità e stabilità sono i valori che ci caratterizzano valori che ormai non sono più scontati e che oggi conoscono un vero revival. Lo attesta anche il notevole afflusso di clienti che abbiamo registrato nello scorso esercizio. Nel 2011 ci sono stati affidati nuovi capitali per un importo di 8,2 miliardi di CHF. Un altro dato positivo è che questo denaro non proviene solo dall Europa, ma anche dai mercati in crescita del Medio ed Estremo Oriente. Noi tutti siamo testimoni di un processo di trasformazione epocale che interessa tutti i settori della nostra vita. Gli sviluppi demografici, il cambiamento climatico, la carenza di risorse e lo spostamento dei centri di potere economico sono i fattori trainanti di questi profondi mutamenti. Il Global Change è quindi onnipresente. Spesso suscita incertezza, in alcuni paesi provoca una perdita di posti di lavoro, in altri crea occupazione in industrie che ieri non esistevano. Il cambiamento globale ha molte facce, alcune delle quali sono illustrate nel nostro Ritratto Tre rinomati scienziati ci presentano la loro visione del cambiamento. Lo storico dell economia Niall Ferguson focalizza il suo occhio critico sulle carenze e le lacune della società occidentale. L economista Jagdish Bhagwati è da anni uno strenuo difensore del cambiamento globale e sostiene che senza il cambiamento i paesi emergenti avrebbero meno opportunità e possibilità di sviluppo. Il prof. Bhagwati non ha dubbio, che nonostante l evidente spostamento di potere economico da Ovest a Est anche la Cina e l India arriveranno ai limiti della loro crescita. L Occidente non deve quindi aver paura dei due colossi asiatici. La professoressa del Politecnico di Zurigo, Nina Buchmann, mostra le enormi sfide che il mondo deve affrontare per garantire a tutti la sicurezza alimentare. Il cambiamento globale investe paesi, economie, imprese e famiglie e in particolare il mondo finanziario. Ha quindi un impatto su ogni portafoglio e, di conseguenza, è un fattore decisivo da tenere presente nelle strategie e nelle decisioni di investimento. Qui i nostri clienti possono far leva sulle nostre competenze. Gli specialisti di Bank Vontobel impegnati nella ricerca, nei processi di investimento e nella consulenza analizzano infatti da tempo questi sviluppi ed elaborano per i nostri clienti delle strategie e soluzioni che tengono conto delle grandi opportunità ma anche dei rischi del cambiamento globale, con tutte le sue implicazioni per la gestione patrimoniale. L obiettivo è di cogliere le chance e contenere i rischi. Herbert J. Scheidt Presidente del Consiglio di amministrazione Dott. Zeno Staub Chief Executive Officer Vontobel Ritratto

6 Indice 106 Prof. Niall Ferguson Le prospettive future viste in un ottica storica. 34 Centrali marine l energia che viene dalle onde. 12 Dott. Zeno Staub Dobbiamo allontanarci dall eurocentrismo. 36 Georg von Wattenwyl I prodotti strutturati fanno leva sul cambiamento globale. 16 Prof. Jagdish Bhagwati La paura infondata dell Occidente nei confronti dell Asia. 37 Rajiv Jain Non andiamo solo a caccia di buone occasioni. 22 Christophe Bernard Global Change un megatrend con impatto sul portafoglio. 38 «Vertical Farming» i cereali venuti dai grattacieli. 24 Prof. Nina Buchmann Alimenti per tutti la grande sfida. 40 Sabine Döbeli Sostenibilità significa assumere attivamente la responsabilità. 30 Christophe Grünig Proteggere il capitale, controllare i rischi e sfruttare le opportunità. 42 «Natur konkret» alla riconquista dei pascoli alpini. 31 Daniel Bruderer Il cambiamento globale avviene anche nel portafoglio. 44 u blox idee svizzere per il mondo. 32 Grafici sul Global Change Il mondo che cambia. 46 Dott. Hans Vontobel «Panta rhei.» 4 Vontobel Ritratto 2012

7 «Restare fedeli alle tradizioni aperti e allo stesso tempo al cambiamento.» Herbert J. Scheidt Presidente del Consiglio di amministrazione Quale sarà il giudizio degli storici e degli economisti di domani sugli avvenimenti attuali? La crisi del debito dei paesi della zona euro segnerà la fine della moneta unica? Oppure i grandi saggi dell economia sapranno cogliere l occasione della crisi per lanciare una forte unione fiscale o addirittura politica? I gravi problemi economici e politici degli Stati Uniti sono i segni premonitori di un rapido declino della potenza mondiale americana? Oppure la vitalità e l autoconsapevolezza di questa nazione stanno segnando solo una battuta di arresto, prima di sferrare un contrattacco economico e politico alla Cina, gigante dalla crescente forza? All inizio del 2012 non possiamo ancora dare una risposta a questi interrogativi. Sarà fondamentale osservare da vicino e analizzare a fondo i processi di trasformazione, anche nell ottica del «Global Change». «Too big to fail»: con questo slogan i gruppi bancari hanno dettato e continuano a dettare il ritmo della crisi finanziaria e del debito. E il Gruppo Vontobel? Come è riuscito il nostro istituto, con le sue medie dimensioni e il forte azionariato di famiglia, a sormontare questi tempi difficili? Un esame autocritico ha confermato la validità delle nostre scelte. Da un lato, siamo un istituto che crede nei valori tradizionali, senza per questo mancare di capacità innovativa e di una politica professionale nei confronti del rischio. Dall altro lato, a causa delle nostre dimensioni, siamo costretti a restare sempre vicini al mercato e a rimetterci costantemente in questione: facciamo le cose giuste, agiamo nell interesse dei nostri clienti e dei nostri azionisti? Il nostro modo di pensare e di agire è sempre accentrato sull essere umano. La nostra è un opera di costante equilibrismo: vogliamo restare fedeli alle nostre valide tradizioni e allo stesso tempo aperti al cambiamento. Con la nostra iniziativa «Global Change» affrontiamo ogni giorno questa apparente contraddizione. < Herbert J. Scheidt è Presidente del Consiglio di amministrazione del Gruppo Vontobel dal Dal 2002 al 2011 ha diretto l impresa in veste di Chief Executive Officer. In precedenza aveva rivestito per vent anni diverse cariche direttive a livello internazionale per Deutsche Bank. Dopo l esame di maturità, Herbert J. Scheidt ha seguito una formazione commerciale, per poi studiare scienze economiche nel Sussex (MA of Economics) e acquisire un MBA alla NYU di New York. Vontobel Ritratto

8 Le prospettive future viste in un ottica storica. Niall Ferguson Lo storico britannico Niall Ferguson ha una cattedra di storia ed economia all Harvard University. È anche membro del Centro di studi europei Minda de Gunzburg e insegna alle università di Oxford e Stanford. Prof. Niall Ferguson Oggi stiamo vivendo la fine del grande divario che si è aperto oltre cinque secoli fa tra l Occidente e il resto del mondo. Trentacinque anni fa, un tedesco medio era 15 volte più ricco di un cinese medio. Oggi questo rapporto è sceso a 3 a 1. Negli anni ottanta, la Cina generava solo il 2,2 percento della produzione economica mondiale, un terzo della quota dell economia tedesca. Stando al Fondo Monetario Internazionale, il contributo cinese salirà entro il 2016 al 18 percento, sei volte di più dell economia tedesca. Sempre entro il 2016, la Cina dovrebbe diventare la più grande economia mondiale, superando a parità di potere d acquisto addirittura i potenti Stati Uniti d America. Mentre l Occidente ristagna, la Cina registra una crescita intorno all 8 9 percento. La produzione industriale cinese aumenta in media del 15 percento all anno. Già oggi gli investimenti cinesi, calcolati in dollari, superano quelli degli Stati Uniti. Nel 2010, il valore delle offerte pubbliche iniziali sulle borse cinesi ha sorpassato di 3,5 volte le IPO sui listini di New York. Secondo i dati di Credit Suisse, un terzo della popolazione cinese dispone di un patrimonio tra e dollari USA. Oltre 17 milioni di cinesi posseggo no un patrimonio di più di dollari USA. In Cina si contano milionari e 65 miliardari. Stiamo assistendo a uno straordinario trasferimento di ricchezza una cesura in una storia durata quasi mezzo millennio. Nel mio ultimo libro «Civilization: The West and the Rest» ho mostrato come, dopo il 1500, l Occidente abbia superato il resto del mondo inclusa la Cina, grazie a una serie di innovazioni istituzionali, che ho definito «applicazioni killer»: 1. la concorrenza: l Europa era frammentata a livello politico in molteplici monarchie e repubbliche, che a loro volta erano divise in corporazioni in concorrenza tra di loro, i predecessori delle moderne società commerciali; 2. la rivoluzione scientifica: tutte le maggiori scoperte del XVII secolo nel campo della matematica, dell astronomia, della fisica, della chimica e della biologia hanno avuto origine nell Europa occidentale; 3. lo Stato di diritto e le forme di governo rappresentative: nei paesi anglosassoni è nato un sistema ottimale di ordinamento sociale e politico, basato sui diritti di proprietà privata e la rappresentanza dei proprietari terrieri negli organi legislativi eletti; 4. la medicina moderna: quasi tutte le conquiste del XIX e XX secolo in campo sanitario, che hanno più che raddoppiato la speranza di vita, sono avvenute nell Europa occidentale e nell America settentrionale; 5. la società dei consumi: la rivoluzione industriale ha trovato un terreno fertile là dove esisteva sia un offerta di tecnologie capaci di aumentare la produttività sia la domanda di beni sempre più numerosi, migliori e a buon mercato, a cominciare da capi di abbigliamento in cotone; 6. l etica del lavoro: le popolazioni occidentali sono state le prime al mondo ad abbinare metodi di lavoro più intensi e a larga scala con maggiori quote di risparmio, permettendo così un accumulo di capitale. Per secoli queste «applicazioni killer» sono rimaste prerogativa degli europei e dei nostri cugini dell America del Nord e dell Australasia. Gli abitanti del mondo occidentale non sono diventati solo più ricchi del resto del mondo, ma anche più alti, sani, longevi e più potenti. Il Giappone, per primo, e un paese non occidentale dopo l altro hanno poi imparato a «scaricare» queste applicazioni. Ciò spiega, per metà, la «rimonta» di questi paesi, alla quale abbiamo assistito nell arco della nostra vita in particolare dopo le riforme 6 Vontobel Ritratto 2012

9 «L egemonia occidentale terminando nella nostra sta epoca.» Niall Ferguson Christian Sinibaldi, eyevine, Dukas Vontobel Ritratto

10 economiche avviate in Cina nel L altra metà si spiega con la tendenza dell Occidente a cancellare i segreti del proprio successo. Niall Ferguson Quanto all etica del lavoro, un sudcoreano lavora in media quasi il 40 percento in più di un americano. In Corea del Sud l anno scolastico dura 220 giorni contro 180 giorni negli USA. E la società dei consumi? Sapevate che 26 dei 30 maggiori centri commerciali del mondo si trovano nei paesi emergenti, principalmente in Asia? Solo tre sono situati negli USA. La medicina moderna? Su questo punto gli Stati Uniti sono ancora in testa: la loro spesa sanitaria misurata in rapporto al prodotto nazionale lordo supera di tre volte quella della Cina (e di due volte quella del Giappone); ma il suo effetto sulla salute pubblica non è certamente tre volte migliore. Lo Stato di diritto? Molti americani sono tuttora convinti che il loro sistema giuridico sia il migliore del mondo e offra la migliore protezione per imprese, investitori e consumatori. A risultati ben diversi giunge invece l ultimo Executive Opinion Survey del World Economic Forum (WEF), che misura l efficienza degli ordinamenti giuridici in base a sedici parametri. Ne emerge un dato sorprendente: in ben 15 su 16 aree, gli Stati Uniti si classificano dopo Hong Kong. Solo in una disciplina si piazzano tra i primi venti del mondo, cioè nella protezione degli investitori. In tutte le altre categorie la loro reputazione è fortemente danneggiata. È vero che la Cina è ancora molto indietro rispetto agli Stati Uniti ma non in tutti i campi. L unica consolazione per gli organi legislativi e giudiziari americani è che molti paesi occidentali, soprattutto nell Europa meridionale, presentano un bilancio ancora peggiore. Justin Sutcliffe, Dukas Operaie in una fabbrica tessile cinese. Che ne è della scienza? Le ultime statistiche dell Organizzazione mondiale per la proprietà intellettuale mostrano un trend costante, che ho già descritto nel mio libro «Civilization: The West and the Rest». Il declino dell Occidente si manifesta in modo palese nel numero dei brevetti inter nazionali rilasciati. Come avevo previsto, la Cina ha superato la Germania nel Rimane infine la concorrenza. A questo proposito si rivela utile un ampia inchiesta sulla competitività globale che il WEF conduce ogni anno da ormai trent anni. Dal 2004, quando è stato introdotto l attuale metodo, la competitività degli USA è scesa da 5,82 a 5,43, segnando una delle principali flessioni tra i paesi industrializzati. Allo stesso tempo il punteggio della Cina è salito da 4,29 a 4,90. Molti americani continuano a credere che il futuro sarà come un iphone: «designed in California» e «assembled in China». Ma si sbagliano. L egemonia occidentale sta terminando nella nostra epoca, ma non perché il resto del mondo ha scoperto come scaricare le applicazioni killer dell Occidente. Sta terminando perché gli occidentali non sono riusciti ad attualizzarle oppure hanno preferito cancellarle. Stephen Wilkes, Gallerystock «Già oggi gli investimenti cinesi, calcolati in dollari, superano quelli degli Stati Uniti.» 8 Vontobel Ritratto 2012

11 Secondo alcuni commentatori, stiamo assistendo a una competizione tra due modelli istituzionali contrapposti: il capitalismo di mercato e il capitalismo di Stato. Nel suo libro «La fine del libero mercato», Ian Bremmer sostiene che i governi autoritari di tutto il mondo «hanno inventato qualcosa di nuovo: il capitalismo di Stato». Secondo Bremmer, il capitalismo di Stato è una seria minaccia non solo per il libero mercato, ma anche per le democrazie dei paesi emergenti. La realtà è però ben più differenziata. Gli obiettivi e l entità degli interventi statali nell economia variano sensibilmente da paese a paese. Quello che conta non è tanto se a guidare le sorti dell economia è lo Stato o il mercato. La vera questione è sapere quali paesi dispongono delle leggi e delle istituzioni migliori non solo per ottenere una rapida crescita economica ma anche fattore altrettanto importante per distribuire i frutti della crescita in un modo che sia considerato equo dai cittadini. Fino a 40 anni fa, i paesi occidentali erano i migliori: le loro istituzioni superavano il resto del mondo sia in termini di efficienza economica che di giustizia sociale. Oggi non è più così. Se vogliamo capire gli attuali mutamenti nel rapporto tra stati ed economie nazionali dobbiamo guardarci da luoghi comuni generalizzanti sul «capitalismo di Stato». Noi tutti siamo dei capitalisti di Stato. Lo siamo da più di cento anni, da quando alla fine del 19 secolo si è imposto lo stato moderno e «l economista nazionale» tedesco Adolf Wagner ha formulato la sua legge sull aumento della spesa pubblica. Esistono molteplici forme di capitalismo di Stato: dall autocrazia illuminata di Singapore alla tirannia disfunzionale dello Zimbabwe, dallo «Stato bambinaia» della Danimarca al paradiso della libertà del Texas. La vera competizione dei nostri tempi non è tra il capitalismo di Stato della Cina e il capitalismo di mercato dell America con l Europa come via di mezzo ma piuttosto tra queste tre regioni. Noi tutti lottiamo per un adeguato equilibrio tra le istituzioni economiche che generano benessere e le istituzioni politiche che lo regolano e lo distribuiscono, e allo stesso tempo cerchiamo di contenere la corruzione che si manifesta in varie forme là dove il settore pubblico incontra quello privato. < In quali paesi lo Stato esercita un maggiore ruolo nella vita economica? Il Fondo monetario internazionale pubblica i dati sugli investimenti pubblici complessivi in percentuale del PIL. In Cina (2009) questa cifra ammonta al 23 percento, contro il 28 percento di trent anni fa. Secondo questo parametro, la Cina si colloca al 147 posto sui 183 paesi per i quali si dispone di dati. La Germania, con una percentuale di spesa pubblica del 48 percento rispetto al PIL, è al 24 posto. Alla 44 a posizione seguono gli USA con una quota del 44 percento. Secondo questi criteri, il capitalismo di Stato è dunque un fenomeno europeo e non asiatico. Danimarca, Francia, Finlandia, Belgio, Svezia, Austria, Grecia, Italia, Paesi Bassi, Ungheria e Portogallo: tutti hanno una spesa pubblica, in rapporto al PIL, più elevata della Germania. Nel caso della Danimarca, la percentuale sale al 58 percento: più del doppio di quella della Cina. Se si considera la percentuale degli acquisti di beni e servizi da parte dello Stato rispetto al PIL, si ottengono risultati simili. Anche in questo caso i paesi europei sono in testa alla classifica: la Danimarca (27 percento) viene molto prima della Germania (18 percento). Negli USA questo rapporto è del 17 percento, in Cina del 13 percento. L unico parametro in cui la Cina supera i paesi occidentali è la quota della formazione lorda di capitale del settore pubblico. Secondo i dati della banca mondiale, questa percentuale si attestava nel 2008 al 21 percento del PIL cinese ed era la più elevata del mondo. Questo dato conferma il ruolo predominante svolto tuttora dallo Stato nelle spese infrastrutturali. Le cifre dei paesi industrializzati dell Occidente sono trascurabili. In Occidente, lo Stato sperpera denaro, non lo investe. Vontobel Ritratto

12 «Noi tutti lottiamo per un adeguato equilibrio tra le istituzioni economiche che generano benessere e le istituzioni politiche che lo regolano e lo distribuiscono.» Niall Ferguson Ponte sul porto mercantile di Hong Kong, Cina.

13 Crescita del prodotto interno lordo % Cina 9% India 8% Brasile 4% Germania, Giappone, Russia 3% USA, Svizzera 0% Nel 2010, il prodotto interno lordo della Cina è salito tre volte di più di quello degli USA. Fonte: Vontobel Research, 2012 Reddito pro capite Reddito nazionale lordo pro capite in USD (convertito con tasso di cambio a parità di potere d acquisto). Fonte: Banca Mondiale, 2010 (GNI p.c. PPP) Svizzera USD USA USD Germania USD Giappone USD Russia USD Brasile USD Cina 7640 USD India 3550 USD Tom Nagy, Gallerystock

14 «Il cambiamento globale offre più opportunità che rischi.» Dott. Zeno Staub è CEO del Gruppo Vontobel dal Dopo aver ricoperto la funzione di CFO, ha diretto prima l Investment Banking e in seguito l Asset Management. Ha studiato economia all Università di San Gallo dove ha conseguito anche il dottorato. La sua tesi con il Prof. Dott. Heinz Zimmermann era dedicata al tema «La gestione di rischi di interesse complessi con strumenti derivati un applicazione del metodo Value at Risk». 12 Vontobel Ritratto 2012

15 Dobbiamo allontanarci dall eurocentrismo. Dott. Zeno Staub Chief Executive Officer Il mondo cambia a un ritmo sempre più sostenuto. Come vive Lei questo grande cambiamento di portata mondiale? Il mondo ha attraversato una lunga fase di sviluppo lineare, stabile, prevedibile. Ciò era dovuto in gran parte al bipolarismo tra i due centri di potere a Ovest ed Est. Allora era chiaro cosa era giusto per l uno e sbagliato per l altro. Oggi ci troviamo invece in un sistema aperto e multipolare. Quando ero all università, gli economisti distinguevano tra rischio e incertezza. Allora questa differenza mi sembrava difficile nella pratica, oggi invece la capisco anche troppo bene perché svolge un importante ruolo nel mondo attuale. Il rischio è qualcosa che si può descrivere e analizzare in base a modelli di distribuzione e previsione. L incertezza, per contro, è qualcosa che non possiamo né descrivere né prevedere, perché sfugge a ogni parametrizzazione. È finita quindi l epoca delle certezze? In un certo senso, sì. I rischi esistevano anche in passato, ma erano pianificabili e gestibili. Le incertezze che oggi si affacciano sempre più frequentemente, trovano invece impreparati e impotenti molti attori del mondo politico, economico e sociale. Una volta Gideon Rachman, Chief Foreign Affairs Columnist del Financial Times, disse: le generazioni del dopo guerra hanno vissuto in un mondo che offriva sempre di più. L economia era in costante crescita. Le popolazioni dei paesi occidentali diventavano sempre più libere e ricche. Nella competizione tra i sistemi si disegnava un chiaro vincitore. La cesura è avvenuta quasi dall oggi al domani con la crisi finanziaria del 2007/08. Quali sono secondo Lei le principali sfide a livello globale, alle quali sono confrontati gli stati e le società? Sono convinto che in Svizzera dobbiamo allontanarci dall eurocentrismo dominante. Dobbiamo pensare e agire in un ottica veramente globale: non abbiamo altra scelta. L anno zero nella storia europea è stata la sconfitta dei Persiani ad opera dei Greci. Era circa 2500 anni fa. Allora l Occidente ha scon fitto l Oriente emergente nonostante la superiorità militare dell Impero persiano. Dopo questo momento decisivo, l Occidente ha gradualmente rafforzato la sua egemonia. Siamo arrivati a un nuovo punto di svolta? In un certo senso. Questa volta però l Oriente Cina, India e altri paesi emergenti dell Asia non deve ricorrere a mezzi bellici. Basta la forza economica per agganciarsi al sistema delle potenze globali e imporre i propri interessi là dove è importante. Molte persone, soprattutto in Europa, hanno paura della globalizzazione. Le capita di sentire anche voci positive sul cambiamento globale? Sì, e molto spesso. Soprattutto in Asia, dove si vedono chiaramente i vantaggi della globalizzazione. Chi riconosce i vantaggi della libera concorrenza delle idee, dei beni e dei servizi, è anche uno strenuo fautore della globalizzazione, sa che essa genera un valore aggiunto aggregato. E in Occidente lo abbiamo dimenticato? Quantomeno abbiamo perso di vista alcuni aspetti. L attuale benessere dei paesi occidentali non è sorto dall oggi al domani, ma è frutto di secoli di predominio economico dell Occidente sull Oriente. La leadership dell Ovest soffre oggi per un duplice motivo. Innanzitutto abbiamo introdotto nel sistema un eccessiva ridistribuzione. E in secondo luogo abbiamo iniziato non solo a godere i frutti della produttività, ma anche a consumare ciò che avevamo accumulato in passato. Allo stesso tempo si sta verificando un grosso trasferimento di potere economico verso l Estremo Oriente, a scapito dell Occidente. Per le nostre economie ciò significa uno sgretolamento degli attuali vantaggi competitivi. Vontobel Ritratto

16 In quali settori diminuisce l egemonia dell Occidente? Per esempio nella tecnologia, nell in novazione, nella metodologia e in generale nella scienza in fondo in tutti i settori che sono importanti per un economia. I paesi e le regioni che stanno recuperando terreno, riescono ad accorciare le distanze perché la loro manodopera dimostra una volontà di rendimento che l Occidente ha perso da tempo. Se in Asia la gente è disposta a lavorare a un quarto del nostro livello salariale, a vivere in spazi ristretti e affrontare un tragitto casalavoro di una o due ore al giorno, per l Occidente sarà sempre più difficile mantenere la sua competitività. Quali sono i fattori più importanti per l evoluzione del benessere? In Occidente non riusciremo a mantenere l attuale tenore di vita se non adotteremo dei correttivi. Dobbiamo adeguare il rapporto tra demografia, indebitamento, sicurezza sociale e competitività in modo da ridare stabilità al sistema nel suo insieme. Solo allora potremo tornare a crescere a un tasso modesto e dare delle chance a quelle persone alle quali oggi è preclusa ogni opportunità. Quali sono secondo Lei le aree di intervento prioritarie? A mio parere è essenziale ridurre i deficit primari da non confondere con un mero abbattimento del debito. Solo affrontando con fermezza i deficit primari si potrà fermare il vortice della crisi. Importante è anche il miglioramento della competitività. Ciò significa che in futuro noi tutti dovremo lavorare di più. Allo stesso tempo dobbiamo snellire i sistemi di welfare e riportarli ai loro compiti precipui. Chi si affida solo all abbattimento del debito pubblico, non avrà successo a lungo termine. Il cambiamento globale offre anche delle opportunità? Il cambiamento globale offre molte opportunità anche per gli investitori. Anzi, sarà indubbiamente uno dei temi prioritari dei prossimi anni. I rendimenti scaturiscono sempre dal cambiamento. Le opportunità di investimento nascono là dove si verifica una trasformazione e noi vogliamo cogliere queste chance sistematicamente. Come giudica gli effetti del cambiamento globale sulla Svizzera? La Svizzera può trarre vantaggio dal cambiamento globale se pone le priorità giuste. Ciò vale per la protezione della sfera privata finanziaria, come per la competitività. La nostra situazione è caratterizzata da tre specificità. Innanzitutto la nostra economia ha «Un avvenire prospero richiede una competitività globale incondizionata.» una dipendenza dalle esportazioni superiore alla media. In secondo luogo, la Svizzera vanta un livello di benessere molto elevato. E in terzo luogo abbiamo un assetto politico diverso dagli altri paesi europei. Un avvenire prospero richiede una competitività globale incondizionata. Se vogliamo preservare la nostra indipendenza, dobbiamo essere decisamente migliori. Il nostro paese può seguire solo un approccio proattivo. Dalla crisi finanziaria del 2008, il settore bancario è in profonda trasformazione. Come reagisce il Gruppo Vontobel? Il nostro istituto è specializzato nella gestione patrimoniale e in attività selezionate di Investment Banking. La crisi finanziaria ha rafforzato il nostro sistema di valori, basato su un atteggiamento prudenziale. Ci ha però anche mostrato la necessità di indirizzare in modo più mirato i nostri business model. In passato, molti clienti internazionali cercavano semplicemente una banca svizzera. Oggi esigono un servizio altamente specializzato, capace di soddisfare in modo ottimale i loro bisogni. Differenziazione, focalizzazione e massima qualità in tutto ciò che facciamo: queste sono le sfide che dobbiamo affrontare. E la «Swissness» non conta più? La «Swissness» rimane un elemento distintivo prezioso a livello internazionale. Oggi è però solo un vantaggio supplementare e non più un fattore decisivo. Al primo posto viene la competenza nella consulenza e nell investimento, assieme alla qualità dei prodotti e dei servizi. «Swissness» continua tuttavia a rappresentare valori come l affidabilità, la certezza del diritto, una propria valuta e la continuità dei dipendenti. Il segreto bancario avrà ancora un ruolo in futuro? Innanzitutto ci tengo a precisare che la Svizzera non ha abolito il segreto bancario come molti paesi vorrebbero credere. Qui da noi e sorprendentemente anche in Asia si tengono alti certi valori che non sono più apprezzati in alcuni paesi occidentali. Mi riferisco all esperienza, all età, alla famiglia, alla discrezione, per citarne solo alcuni. Le stesse persone che nelle nostre società hanno accantonato questi valori sostengono ora che il futuro appartiene all Asia. Secondo me, è una contraddizione. Vontobel intende integrare il tema Global Change nel Private Banking lungo tutta la catena di creazione del valore. Cosa significa concretamente? Negli ultimi anni, la nostra banca e i nostri clienti hanno attraversato un processo doloroso, che ci ha fornito però nuove conoscenze e convinzioni. Capiamo ora meglio le tensioni tra 14 Vontobel Ritratto 2012

17 Occidente e Oriente e, come conseguenza, la carenza di risorse e lo sviluppo demografico. Le catene di creazione di valore si accorciano e rendono superfluo il passaggio attraverso i paesi del nord. Queste trasformazioni, trainate dal cambiamento globale, sono state integrate gradualmente nei nostri portafogli e anche nei processi di consulenza. «In futuro noi tutti dovremo lavorare di più.» È possibile riprodurre il cambiamento nei portafogli dei clienti? Il nostro compito prioritario consiste nel preservare il patrimonio affidatoci dai clienti e, possibilmente, incrementarlo. L orizzonte di investimento si estende spesso sull arco di diverse generazioni ed è proiettato in un lontano futuro. Ciò vale sia per i clienti privati che istituzionali. In passato era abbastanza facile assolvere questo compito. Nel mondo multipolare di oggi diventa invece sempre più difficile. Il Global Change è parte della nostra risposta. < Dott. Zeno Staub Vontobel Ritratto

18 La paura infondata dell Occidente nei confronti dell Asia. Prof. Jagdish Bhagwati Nella sua celebre poesia «La ballata dell Est e dell Ovest», Rudyard Kipling scrisse: «Oh, l Est è Est e l Ovest è Ovest, e mai i due si incontreranno». Dopo le profonde trasformazioni economiche attuate dall India e dalla Cina e l enorme crescita conseguita da questi due paesi negli ultimi 25 anni, l Est e l Ovest si sono invece incontrati nella spietata corsa alla crescita economica, che influenza i rapporti politici ed economici a livello internazionale. Eppure, l ironia della sorte sembra confermare l affermazione di Kipling, invertendone però il segno. Il divario tra Est e Ovest si riapre, ma questa volta è l Est, con la sua incredibile forza economica, ad avere ormai sorpassato l Ovest. Questi sviluppi suscitano ovviamente panico negli USA. La prima potenza economica rischia, infatti, di dover cedere l egemonia alla Repubblica popolare cinese, un paese autoritario, intimidante, che non esita a mostrare i muscoli. L India democratica appare invece più amichevole e meno minacciosa. Non scatena quindi le stesse reazioni, anche se per superficie e popolazione è quasi equiparabile alla Cina. Dalle prime riforme del 1991 consegue anche elevati tassi di crescita, che si avvicinano a quelli a due cifre della Cina. La situazione attuale ricorda la fulminante ascesa del Giappone dopo la seconda guerra mondiale. Quando, negli anni ottanta, l economia nipponica stava quasi per superare la potenza economica americana, negli Stati Uniti si diffuse un clima di scoramento, che allora definii la «sindrome del gigante caduto». Allora si pensava che il Giappone avrebbe dominato il XXI secolo, come l impero britannico aveva fatto nel XIX secolo e gli USA nel XX. Invece, come avevo previsto, la minaccia nipponica scomparve non appena scoppiò la bolla. Il Giappone fu risucchiato in una crisi economica decennale con tassi di crescita annui medi dell un percento. Molti osservatori e commentatori vedono la continua crescita dell India e della Cina come una nuova minaccia, che costringerà gli USA a cedere la loro supremazia alla Cina. Queste previsioni contribuiscono a creare un clima di ansia e tensione su scala internazionale. Eppure esistono diversi motivi che confutano un tale scenario. Molte delle paure suscitate dai due giganti asiatici non hanno ragion d essere. Ritengo, al contrario, che l Occidente possa tessere delle relazioni commerciali proficue per entrambe le parti sia con i nuovi colossi economici sia con le nazioni asiatiche più piccole. Sono necessarie stime attendibili sulla crescita cinese e indiana I forti tassi di crescita della Cina e dell India non dureranno in eterno, seppure per diversi motivi. La crescita a due cifre dell economia cinese è riconducibile all abbondanza di manodopera e a una strategia di sviluppo focalizzata sull esportazione. La piattaforma di esportazione, alimentata essenzialmente dalla provincia del Guangdong, ha generato finora un enorme domanda di mano dopera, soddisfatta dalla popolazione locale. E là dove vi è abbastanza lavoro aumenta anche la crescita. A seguito però della politica del figlio unico e dello smaltimento dell eccedenza di manodopera in questa regione, la forza lavoro si fa più rara e i salari salgono. Questa situazione va a beneficio della forza lavoro non sotto forma di una maggiore occu pazione, bensì attraverso un aumento delle retribuzioni ma allo stesso tempo frena la crescita. A ciò si aggiungono problemi esogeni ed endogeni, causati dalla politica autoritaria della Cina. Senza la certezza del diritto, la libertà di stampa, la democrazia e una società civile attivamente partecipe, le speranze della popolazione cinese di ottenere una maggiore fetta di benessere si trasformeranno in delusione e scontento sociale. Il regime è inoltre imprevedibile. Nessuno sa chi assumerà la successione politica e quali saranno le sue risposte alle crescenti sfide sociali. Quando diversi anni fa si chiese alla sovietologa Padma Desai, in base alle sue esperienze del periodo post stalinista, che cosa sarebbe successo in Cina alla morte dell allora Presidente, questa rispose: «Dipende da chi muore prima, Mao Zedong o Zhou En Lai.» Gli attuali leader politici sapranno rispondere alle rivendicazioni della popolazione o permetteranno il ripetersi di un massacro alla Tienanmen? Nel secondo caso, le ripercussioni negative per l economia assumerebbero proporzioni imponderabili. Tutto sommato, quindi, le previsioni sulla crescita cinese sono costellate di diverse incognite. Jagdish Bhagwati L economista indiano Jagdish Bhagwati è professore di economia e diritto alla Columbia University e Senior Fellow per le relazioni internazionali al Council for Foreign Relations di New York. 16 Vontobel Ritratto 2012

19 «La rapida crescita asiatica non in eterno.» durerà Jagdish Bhagwati Marc Asnin, Redux, Keystone Vontobel Ritratto

20 Il regime autoritario cinese mina inoltre le prospettive di crescita del proprio paese, perché non è in grado di sfruttare le enormi potenzialità e sinergie offerte dalle tecnologie dell informazione. I sistemi comunisti considerano le tecnologie dell informazione come una minaccia alle loro velleità di controllo totale. Il personal computer e il partito comunista hanno lo stesso acronimo (PC), ma non sono compatibili. A ciò si aggiunge la corruzione che imperversa nel partito comunista cinese, come ben descrive Richard McGregor, giornalista del Financial Times, nel suo libro premiato nel 2011 «The Party: The Secret World of China s Communist Rulers». I funzionari del partito e i loro familiari hanno sempre le mani in pasta. In Cina si manifesta tuttavia una crescente avversione alla corruzione, che potrebbe far vacillare quello stesso sistema che in passato ha contribuito sensibilmente alla crescita economica. Sulla scena internazionale, le organizzazioni di difesa dei diritti umani protestano con vigore contro la mancanza di democrazia e l oppressione della libertà di espressione. Le popolazioni occidentali eserciteranno crescenti pressioni sui loro governi affinché frenino l importazione di prodotti cinesi, indebolendo così la posizione della Cina sui mercati. Anche se la Cina dovesse ripiegarsi su se stessa e ridurre la propria dipendenza dall export, rimarrebbe un importante nazione di esportazione e soffrirebbe di tali intralci alla propria attività commerciale. La politica monetaria cinese è da tempo bersaglio di dure critiche da parte del Senato americano. Più significativo è che la Cina è anche oggetto di attacchi nell ambito del sistema di risoluzione delle controversie dell OMC. In luglio Pechino è stata per esempio coinvolta in un contenzioso sul divieto cinese di esportazione di materie prime, in particolare di metalli delle cosiddette terre rare. Inoltre, sette imprese fotovoltaiche si sono coalizzate per chiedere al governo americano di avviare un indagine anti dumping contro la Cina e proibire così l importazione di pannelli solari cinesi. Non saranno certo le ultime azioni di questo genere. Con piccole stilettate e colpi più duri si cerca di imbrigliare la potente macchina esportatrice cinese e quindi anche la sua forza economica. Infine la Cina è confrontata allo stesso problema del Giappone negli anni trenta. Allora, il Giappone era un grosso esportatore di merci a elevata intensità di manodopera, come lampade antivento, matite e tessili. I produttori stranieri si sentivano minacciati dalla dura concorrenza. Il Giappone divenne famigerato per le sue «camicette da un dollaro» e ovunque si temeva il «pericolo giallo». Il problema era che il Giappone aveva registrato una crescita fulminante e offriva in modo aggressivo la sua merce sul mercato, mentre altri paesi avevano difficoltà a trattarlo come partner commerciale. Il Giappone era Gulliver in un economia di Lillipuziani. Lo stesso vale oggi per la Cina. I tassi di crescita molto più elevati e la maggiore intensità di scambi fanno paura alla concorrenza. Ma, a differenza del Giappone degli anni trenta, il cui ruolo di Gulliver era limitato a determinati beni da esportazione, la Cina importa enormi quantitativi di materie prime e li sottrae alle industrie di altri paesi. La Cina è quindi una specie di doppio Gulliver, nel campo delle esportazioni e in quello delle importazioni. La strada giusta per contrastare questo Gulliver sovradimensionato sono dei programmi di adattamento e quindi modifiche istituzionali, sia a Est che a Ovest. L India, dal canto suo, dovrebbe avere serie difficoltà ad avvicinarsi ai tassi di crescita a due cifre della Cina. Le sue strutture democratiche sono una carta vincente, ma anche un punto debole, perché ritardano la realizzazione delle riforme tuttora in cantiere. Le trasformazioni che hanno condotto a un accelerazione della crescita e a una riduzione della povertà non saranno certo annullate, ma non si vede come l India possa generare maggiore crescita. I tassi di crescita dell Oriente non sono una minaccia per l Occidente Indipendentemente dai futuri sviluppi, i tassi di cresci ta di India e Cina non costituiscono una minaccia economica per gli USA o l UE. A questo proposito vorrei correggere due errori frequenti. Il primo si fonda sull ipotesi superficiale che appena l India e la Cina disporranno di sufficiente know how e capitale, vorranno emulare i paesi industrializzati occidentali, per esempio fabbricare gli stessi prodotti che attualmente sono fabbricati ed esportati dall Occidente. Ne conseguirebbe un calo dei prezzi dei prodotti di esportazione occidentali con un conseguente danno per l economia. Questa argomentazione non è più di attualità. Poiché i paesi si assomigliano sempre più, si fabbricano anche «prodotti simili». Invece di creare prodotti diversi, si assiste a una crescente variazione di prodotti già esistenti, fenomeno conosciuto anche con il nome di «Trade in Variety». Andate a passeggiare alla Madison Avenue di New York, vedrete un esempio lampante di «Trade in Variety» nel settore dell abbigliamento maschile: un negozio accanto all altro di Giorgio Armani, Calvin Klein, Kenzo, Pierre Cardin, Christian Dior e Ralph Lauren e nessuna di queste marche chiederebbe di essere protetta dalle altre. Il mio studente Robert Feenstra e il mio collega David Weinstein hanno calcolato i profitti realizzati con il «Trade in Variety» soprattutto negli scambi tra paesi industrializzati. Sono cifre ragguardevoli. Un altro errore riguarda l outsourcing di servizi in India. In realtà lo sviluppo va in entrambe le direzioni: vi è un outsourcing dei servizi nei paesi emergenti ma anche un insourcing, per esempio negli USA. Non bisogna poi dimenticare che, quando un azienda esternalizza deter 18 Vontobel Ritratto 2012

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Politiche - per l'insegnamento di Geografia Economica. Milano, aprile

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Preventivo 2016. In milliardi

Preventivo 2016. In milliardi Panoramica Preventivo 2016 In milliardi Deficit Uscite Per il 2016 è atteso un deficit del bilancio ordinario di 0,4 miliardi. Le direttive del freno all indebitamento potranno pertanto essere rispettate

Dettagli

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO 92 6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO Nel corso degli anni Ottanta e Novanta si è registrata una crescita rilevante dei flussi internazionali di capitali, sia sotto forma di investimenti

Dettagli

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere.

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. 30 Novembre 2015 Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. Tutto è iniziato lo scorso novembre con la riunione dell OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio), durante la quale è

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

La globalizzazione ci renderà tutti uguali?

La globalizzazione ci renderà tutti uguali? La globalizzazione ci renderà tutti uguali? Suzanne Berger insegna Scienze Politiche al MIT di Boston ed è l autrice di How We Compete. Questo libro riporta i risultati di un indagine condotta, con altri

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità

Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità Logo azienda Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità Nicola Carcano, Chief Investment Officer, MVC & Partners e Docente presso l Università

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore

Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore Milano, 28 novembre 2013 Euro mld Il fardello dell economia italiana Debito pubblico dello Stato italiano 2.068.564.740.090

Dettagli

La classe media americana non è più la più ricca del mondo

La classe media americana non è più la più ricca del mondo RESeT INTERNAZIONALE The New York Times DAVID LEONHARDT E KEVIN QUEALY ED. IT. DI MARIA CARANNANTE 22 aprile 2014 La classe media americana non è più la più ricca del mondo La classe media americana, a

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Per scaricare una copia del rapporto del Credit Suisse Research Institute The End of Globalization or a More Multipolar World", cliccare qui.

Per scaricare una copia del rapporto del Credit Suisse Research Institute The End of Globalization or a More Multipolar World, cliccare qui. CREDIT SUISSE AG Paradeplatz 8 Casella postale CH-8070 Zurigo Svizzera Telefono +41 844 33 88 44 Fax +41 44 333 88 77 media.relations@credit-suisse.com Comunicato stampa Credit Suisse Verso la fine della

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

I rischi sono più vicini di quello che sembrano

I rischi sono più vicini di quello che sembrano Attenzione! I rischi sono più vicini di quello che sembrano 9 maggio, 2011 Dopo un eccezionale rally dell euro, in cui la moneta unica è passata dal livello di 1,25 dollari a 1,5 dollari, le preoccupazioni

Dettagli

Crisi finanziaria e politica economica

Crisi finanziaria e politica economica Crisi finanziaria e politica economica * Istituzioni finanziarie e governi I progressi finanziari degli ultimi mesi sono stati piuttosto eclatanti. Essi hanno prodotto dei grandi cambiamenti all interno

Dettagli

L immigrazione: un importante fonte di nuove leve per l economia

L immigrazione: un importante fonte di nuove leve per l economia Avvocati e notai Lawyers Newsletter Zurigo, gennaio 2013 L immigrazione: un importante fonte di nuove leve per l economia A partire dal 2002 è stata progressivamente introdotta la libera circolazione delle

Dettagli

Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo

Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo Mentre i cugini iberici conquistano la vetta del Travel & Tourism Competitiveness Index, l Italia si accontenta di un ottava posizione, dopo Francia, Germania

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni SOMMARIO ESECUTIVO Negli ultimi cinque anni, l economia dell energia pulita è emersa in tutto il mondo come una nuova, grande opportunità per gli

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

È TEMPO DI PIANIFICARE NON BASTA PIÙ INVESTIRE INVESTIRE 500.000? ECCO GLI ULTIMI PORTI SICURI COSTRUIRSI UNA RENDITA CON GLI AFFITTI

È TEMPO DI PIANIFICARE NON BASTA PIÙ INVESTIRE INVESTIRE 500.000? ECCO GLI ULTIMI PORTI SICURI COSTRUIRSI UNA RENDITA CON GLI AFFITTI www.effemagazine.it NOVEMBRE 2014 MENSILE - ANNO 4 - NUMERO 11 - NOVEMBRE 2014 POSTE ITALIANE SPA - SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - 70% - LO/MI 5,00 EURO 4,00 EURO TORNA L AVVERSIONE AL RISCHIO ECCO

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

skema investment srl progetti di investimento

skema investment srl progetti di investimento skema investment srl progetti di investimento Portafoglio Azionario Internazionale Gestori Professionali a cui i nostri clienti hanno scelto di affidare la gestione del patrimonio (DICEMBRE 2012) vers.20012012

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze. Maggio 2014

Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze. Maggio 2014 Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze Maggio 2014 1 Sommario 1. IL CONSUMO DI VINO 3 2. TENDENZE DEL COMMERCIO MONDIALE DI VINO NEL 2013 6 3. PRINCIPALI ESPORTATORI NEL 2013 8 4. PRINCIPALI IMPORTATORI

Dettagli

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta Indice SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport Prefazione all edizione italiana di Giancarlo Forestieri pag. 9 Prefazione di John C. Bogle Ringraziamenti Introduzione» 19» 25» 27 Parte prima Le cause

Dettagli

Info finanza. e previdenza. Anche nel 2013 interessante remunerazione complessiva

Info finanza. e previdenza. Anche nel 2013 interessante remunerazione complessiva Allianz Suisse Casella postale 8010 Zurigo www.allianz-suisse.ch Info finanza 01 YDPPR267I e previdenza Edizione 01 / Marzo 2013 ECCEDENZE LPP Anche nel 2013 interessante remunerazione complessiva Senza

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it Cina e India cambiano l economia mondiale Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa L Asia non è nuova a miracoli economici Giappone, Corea del Sud, Cina e India sono protagonisti di una rapida crescita

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Conferenza stampa sui risultati del primo semestre 2005 del Gruppo Julius Baer:

Conferenza stampa sui risultati del primo semestre 2005 del Gruppo Julius Baer: Comunicato stampa di Julius Baer Holding SA Conferenza stampa sui risultati del primo semestre 2005 del Gruppo Julius Baer: Redditività sostenuta dall aumento delle masse gestite eccellente andamento dell

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest 16 Jarai 24-05-2000 9:46 Pagina 135 135 Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest L integrazione con l Unione Europea, la rapida crescita economica, un migliore equilibrio finanziario

Dettagli

La Svizzera non ha bisogno di una politica industriale dossierpolitica

La Svizzera non ha bisogno di una politica industriale dossierpolitica La Svizzera non ha bisogno di una politica industriale dossierpolitica 6 maggio 201 Numero 8 Politica industriale Dopo lo scoppio della crisi finanziaria, si rincorrono ripetutamente voci che affermano

Dettagli

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 lo scenario Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 internazionale lorena vincenzi riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività e può

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro...

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro... Indice Situazione economica internazionale... 2 Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4 Regional Competitiveness Index... 6 Mercato del Lavoro... 7 Cassa Integrazione Guadagni... 10 Il credito alle imprese...

Dettagli

Inizia la lunga marcia dei consumi in Cina

Inizia la lunga marcia dei consumi in Cina Fidelity Funds China Consumer Fund Inizia la lunga marcia dei consumi in Cina Fidelity Funds China Consumer Fund Avvertenza: prima dell adesione leggere attentamente il prospetto e il documento contenente

Dettagli

BILANCI DELLE FAMIGLIE

BILANCI DELLE FAMIGLIE Il bilancio della famiglia Marzo 2010 BILANCI DELLE FAMIGLIE Marzo 2010 Introduzione Lo studio pone l accento sull analisi dei bilanci delle famiglie negli ultimi anni, che sono prese come fulcro e che

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

U.D.A.I. - Unione Degli Avvocati d Italia Aderente alla Consulta per la Giustizia Europea dei diritti dell Uomo Sezione di Barletta Andria Trani

U.D.A.I. - Unione Degli Avvocati d Italia Aderente alla Consulta per la Giustizia Europea dei diritti dell Uomo Sezione di Barletta Andria Trani U.D.A.I. - Unione Degli Avvocati d Italia Aderente alla Consulta per la Giustizia Europea dei diritti dell Uomo Sezione di Barletta Andria Trani CONVEGNO NAZIONALE Crisi economica e mercato del credito:

Dettagli

Iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull'oro)»

Iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull'oro)» Dipartimento federale delle finanze DFF Iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull'oro)» Stato: settembre 2014 Domande e risposte Che cosa vuole l iniziativa popolare «Salvate l oro della

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 19 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa, la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

Le medie imprese italiane

Le medie imprese italiane Le medie imprese italiane Fra le quattro maggiori economie europee (Germania, Regno Unito, Francia e Italia, d ora in poi indicati come «UE-4»), l Italia è quella che in questo momento attraversa la situazione

Dettagli

Progetto 30. Riflessioni sulla crescita della popolazione e del costo delle materie prime. Agosto 2013 v1

Progetto 30. Riflessioni sulla crescita della popolazione e del costo delle materie prime. Agosto 2013 v1 Progetto 30 Riflessioni sulla crescita della popolazione e del costo delle materie prime Agosto 2013 v1 Quali prospettive in un futuro a bassa crescita? L economia europea e quella italiana in particolare

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE Equilibrium Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE 2 Gestioni Patrimoniali Computerizzate Grazie ai notevoli investimenti realizzati negli anni, la DANTON INVESTMENT SA può oggi vantare di possedere uno

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

AGORA VALORE PROTETTO

AGORA VALORE PROTETTO Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA VALORE PROTETTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Stefano Bartolini. Dal ben-avere al ben-essere. Colloqui di Dobbiaco 2011 01.10. 02.10.2011 Benessere senza crescita

Stefano Bartolini. Dal ben-avere al ben-essere. Colloqui di Dobbiaco 2011 01.10. 02.10.2011 Benessere senza crescita Stefano Bartolini Dal ben-avere al ben-essere SINTESI Come dimostrato dal paradosso di Easterlin, la crescita economica ha tradito largamente la sua promessa di aumentare il nostro benessere. Ma al di

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

Hilary Downes, media relations, PwC Tel: +44 (0)207 213 4706 / +44 (0)7718 340 113 e-mail: hilary.n.downes@uk.pwc.com

Hilary Downes, media relations, PwC Tel: +44 (0)207 213 4706 / +44 (0)7718 340 113 e-mail: hilary.n.downes@uk.pwc.com News release Contact Hilary Downes, media relations, PwC Tel: +44 (0)207 213 4706 / +44 (0)7718 340 113 e-mail: hilary.n.downes@uk.pwc.com PwC: I patrimoni globali gestiti supereranno quota 100.000 miliardi

Dettagli

+39 02 414931 +39 02 65594203. Community consulenza nella comunicazione Brunswick +39 02 89404231 + 39 02 92 88 62 04/203

+39 02 414931 +39 02 65594203. Community consulenza nella comunicazione Brunswick +39 02 89404231 + 39 02 92 88 62 04/203 Capgemini Contacts: Merrill Lynch Contacts: Raffaella Poggio Martina Corak raffaella.poggio@capgemini.com martina_corak@ml.com +39 02 414931 +39 02 65594203 Community consulenza nella comunicazione Brunswick

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA

L ITALIA VISTA DALL EUROPA L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 2004 Sintesi L obiettivo strategico dell Unione europea per il decennio in corso, stabilito dai Capi di Stato e di Governo degli

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX 15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX Milano, 21 febbraio 2009 Alessandro Profumo CEO UniCredit Group Relazione Introduttiva In questi ultimi anni il sistema finanziario internazionale è stato caratterizzato

Dettagli

Pianificare il futuro

Pianificare il futuro Pianificare il futuro THINK private. Linea Planning Banca Fideuram Banca Fideuram è uno dei principali protagonisti del private banking in Europa, con oltre 50 miliardi di euro di attività in gestione.

Dettagli

L esercizio commerciale 2014: L essen ziale in breve

L esercizio commerciale 2014: L essen ziale in breve News sulla previdenza 1/2015 Swisscanto Supra L esercizio commerciale 2014: L essen ziale in breve Maggiori interessi; grado di copertura confortevole 2 Cifre indicative 2014 3 Riserve 4 Grado di copertura

Dettagli

Breve ritratto. LGT Bank (Svizzera) SA

Breve ritratto. LGT Bank (Svizzera) SA Breve ritratto LGT Bank (Svizzera) SA Uno sguardo alle collezioni della Famiglia regnante Da piú di quattrocento anni i principi del Liechtenstein sono appassionati collezionisti d arte. Le collezioni

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

Vendere titoli o fondi o cambiare semplicemente fondi significa pagare subito questa nuova tassa sugli interessi maturati.

Vendere titoli o fondi o cambiare semplicemente fondi significa pagare subito questa nuova tassa sugli interessi maturati. FEBBRAIO 2016 Vediamo di riassumere sinteticamente in questa mail le cause che hanno portato allo storno delle borse e grazie all ausilio delle informazioni ricevute da alcuni dei principali gestori mondiali,

Dettagli

L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015

L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015 COMUNICATO STAMPA L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015 Le azioni mantengono la fiducia degli investitori

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

Ripiegati da tempo sulla Grande Crisi che

Ripiegati da tempo sulla Grande Crisi che economia e lavoro di Diego Motta Cina, Russia, India, ma anche Brasile, Turchia. Qui sta succedendo quello che l Occidente ha vissuto tra l inizio degli anni Novanta e la metà del primo decennio del Duemila:

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio 2014/2015: Retrospettiva e prospettive future Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio Retrospettiva 2014 La comunicazione relativa a una riduzione solo graduale degli acquisti di

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

LA PROPRIETA INTELLETTUALE QUALE STRUMENTO CHIAVE NELLE STRATEGIE COMMERCIALI DEL MERCATO GLOBALE

LA PROPRIETA INTELLETTUALE QUALE STRUMENTO CHIAVE NELLE STRATEGIE COMMERCIALI DEL MERCATO GLOBALE LA PROPRIETA INTELLETTUALE QUALE STRUMENTO CHIAVE NELLE STRATEGIE COMMERCIALI DEL MERCATO GLOBALE di Avv. Elena Marangoni e-mail info@elenamarangoni.com Le aziende devono guardare alla Proprietà Intellettuale

Dettagli

L economia australiana brilla sulle altre

L economia australiana brilla sulle altre L economia australiana brilla sulle altre 28 marzo 2011 Le stime sulla crescita per molti paesi sviluppati hanno subito una flessione a causa della tragedia che continua a investire il Gippone, uno dei

Dettagli

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Realizzata da CNA Produzione In collaborazione con Centro Studi CNA MANIFATTURA

Dettagli

Desenzano del Garda, 24 dicembre 2012. Introduzione del redattore

Desenzano del Garda, 24 dicembre 2012. Introduzione del redattore 1 Desenzano del Garda, 24 dicembre 2012 Introduzione del redattore Borsaritrade non vuole proporsi come un servizio di analisi finanziaria e di segnali operativi (chi cerca questo dovrebbe rivolgersi alle

Dettagli