Il ruolo del sistema logistico del Piemonte orientale nell ambito del corridoio Genova- Rotterdam 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il ruolo del sistema logistico del Piemonte orientale nell ambito del corridoio Genova- Rotterdam 1"

Transcript

1 Il ruolo del sistema logistico del Piemonte orientale nell ambito del corridoio Genova- Rotterdam 1 di Marcello Tadini e Christian Violi 2 1. Le dinamiche portuali mediterranee e il ruolo dell arco ligure Nel corso dell ultimo decennio il rapido sviluppo delle economie del Far-east (e più in generale del Sud-est asiatico) e i processi di internazionalizzazione produttiva hanno contribuito in modo rilevante alla crescita dei traffici mondiali determinando la supremazia portuale asiatica e influenzando la geografia delle principali rotte commerciali globali. Di conseguenza, il baricentro dei traffici marittimi internazionali si è spostato, privilegiando i collegamenti da e per il Far-east in virtù delle crescenti relazioni asiatiche con Europa e Nordamerica. Come dimostrano i dati sulla movimentazione mondiale di container, la crescita economica del Far-east trova riscontro nelle percentuali di aumento e nella rilevanza delle rotte che toccano il Sud-est asiatico rispetto ai flussi mondiali. In particolare va sottolineata l importanza di quella Asia-Europa, il cui traffico è aumentato di 5 volte nel periodo (Rodrigue, Comtois e Slack, 2009) e, dopo la contrazione causata dalla crisi economica globale, è tornato in crescita nel 2010 con una movimentazione di 13,5 milioni di TEU 3 (Container Trade Statistics, 2011). L incremento dei traffici provenienti dall Asia orientale e meridionale e diretti verso l Europa attraverso il canale di Suez evidenzia la rinnovata 1 Il paper è stato elaborato a partire dai risultati della ricerca svolta nell ambito del progetto Piedmont Advanced Logistics Integration Objective (PALIO). 2 Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro. Il lavoro è frutto della collaborazione dei due autori, tuttavia vanno attribuiti a Marcello Tadini i paragrafi 1 e 3 e a Christian Violi i paragrafi 2 e 4. 3 Twenty foot Equivalent Unit (TEU) è la misura standard di volume nel trasporto dei container; 1 TEU corrisponde ad un container da 20 piedi (6,1 metri). 1

2 centralità assunta dal Mediterraneo nella geografia dei flussi commerciali mondiali (Siviero, 2010). L esponenziale sviluppo dei flussi di container provenienti dall Asia ha aperto spazi di posizionamento competitivo a molti sistemi portuali e ha rappresentato un occasione di ripresa per il bacino del Mediterraneo e per i porti italiani. Tuttavia, proprio le opportunità che si sono determinate hanno innescato una forte competizione, nella quale si affermano i soggetti ed i sistemi che sono in grado di dare risposte di servizio concorrenziali e soluzioni dotate di affidabilità e competitività (Spirito, 2007). In particolare il traffico in transito dal canale di Suez evidenzia il potenziale dei porti italiani dato il minor numero di giorni necessari per raggiungere questi ultimi rispetto a quelli del Nord Europa. Alla luce di quanto affermato, appaiono attrattivi i porti del Tirreno (e quelli liguri in primo luogo) perché si affacciano sulla zona più ricca del Mediterraneo europeo ed africano (Cazzaniga, 2007). L esame dei flussi di container negli anni più recenti mette in luce, però, uno scenario differente in cui emergono le maggiori capacità competitive dell Europa settentrionale: nel 2009 il 42,5% del traffico container in ingresso ed in uscita dal continente è passato per il cosiddetto Northern Range 4, mentre la quota dei porti del Mediterraneo europeo è stata pari al 34,6%. Tuttavia per approfondire il ruolo che il Mediterraneo svolge oggi nell ambito delle rotte commerciali marittime è necessaria un analisi più completa che consideri anche la sponda sud del bacino, includendo quindi anche i paesi del Nordafrica. La recente evoluzione della movimentazione container nei porti europei e mediterranei (tab. 1 e fig. 1) evidenzia il ruolo forte del Northern Range ma anche la sostanziale stabilità della sua quota (attorno al 37%) a fronte di una significativa crescita dei porti mediterranei (dal 38,9% al 42,9%) grazie alla realizzazione di nuove strutture nei paesi nordafricani (Marocco ed Egitto), alla crescita dei porti spagnoli, all aumento di competitività degli scali del Mediterraneo orientale e ad una migliore capacità di risposta alle difficoltà derivanti dalla crisi economica globale. In questo scenario va inquadrato il sistema dei porti liguri (Savona, Genova e La Spezia) che ha visto calare progressivamente la sua quota di mercato (pari al 3% nel 2009). Le ragioni di questa ridotta competitività sono diverse e risiedono nelle limitazioni fisiche dovute alle modeste 4 Il Northern Range è costituito dai porti della fascia costiera che va da Le Havre in Francia ad Amburgo in Germania. 2

3 capacità di ampliamento, nella insufficiente dotazione di strutture per la movimentazione e lo stoccaggio dei container, nelle carenze infrastrutturali, nella scarsa attrattività per le imprese della fascia alpina e della Germania meridionale (Notteboom, 2008), ma anche nel modello organizzativo della portualità italiana che è di tipo hub and spokes, con Gioia Tauro e Taranto in funzione di porte di ingresso per le grandi navi portacontainer. Tab. 1 Quote di traffico container nelle principali regioni portuali europee e mediterranee Northern Range 36,3 37,6 37,7 37,6 37,7 Mediterraneo occidentale 12,8 11,6 10,8 10,9 10,8 Mediterraneo settentrionale 6,1 6,0 6,1 6,2 6,5 Mediterraneo centrale 9,0 8,1 8,2 8,4 9,1 Atlantico 4,0 4,1 4,2 4,6 4,6 Baltico e Scandinavia 6,3 7,2 7,3 6,9 6,5 Gran Bretagna e Irlanda 8,7 9,0 9,5 9,8 10,2 Mar Nero 1,9 3,2 3,0 2,5 2,1 Totale 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 Fonte: elaborazione dell autore da fonti varie 5 Alla luce delle potenzialità di crescita che nei prossimi anni si prospettano per il bacino del Mediterraneo, la sfida per i porti liguri consiste nel migliorare le infrastrutture portuali e soprattutto nel procedere alla realizzazione di una rete di collegamenti terrestri efficienti per evitare di perdere competitività rispetto ad un sistema logistico globale in continua evoluzione. La condizione per vincere questa sfida è costituita dalla possibilità di ottenere tempi e costi di trasporto, handling e magazzinaggio nei nodi logistici intermodali ubicati nelle zone retroportuali (ma anche più lontani), uguali o inferiori a quelli del Nord Europa (Cazzaniga, 2006). Secondo questo punto di vista risulta evidente il ruolo strategico che possono assumere i porti dell arco ligure (in particolare quello di Genova) e il territorio del Piemonte orientale 6 in una logica di corridoio intermodale 5 Autorità portuali, Espo, Eurostat, Puertos del Estado, Turkish Chamber of Shipping, UK Maritime Statistics, Finnish Port Association, Syrian Bureau of Statistics, Ommp Tunisia, Ministère des Transportes Algerie, Egyptian Maritime Data Bank. La ripartizione in regioni portuali è stata costruita sulla base di quella elaborata da Musso e Parola (2005). 6 Con l espressione Piemonte orientale si intende il territorio formato dalle province di Alessandria, Novara, Vercelli, Biella e Verbano-Cusio-Ossola. 3

4 sud-nord capace di collegare il Mediterraneo settentrionale con il cuore del vecchio continente. Fig. 1 I principali porti europei e mediterranei per traffico container 7 Fonte: elaborazione dell autore su base dati Esri e fonti varie 2. Il ruolo del Piemonte orientale lungo il Corridoio XXIV Il ruolo strategico che va assumendo il territorio del Piemonte orientale dipende dunque dalla sua posizione lungo l asse di collegamento che unisce i porti del Nord Europa a quelli dell arco ligure, identificato a scala europea come Corridoio XXIV. Tale ruolo viene riconosciuto e ben delineato all interno degli scenari programmatici anche di livello nazionale e regionale (tab. 2). La vocazione logistica di questo territorio è infatti consolidata e si fonda sulla presenza di nodi sorti e sviluppatisi in un lungo arco di tempo. Le ragioni che hanno condotto a questo sviluppo sono principalmente la vicinanza all area metropolitana milanese; la disponibilità di ampie aree potenzialmente attrezzabili ai fini logistici a prezzi relativamente contenuti 7 Sono stati considerati i porti europei e mediterranei con una movimentazione annua di almeno TEU. 4

5 rispetto alle ormai sature aree lombarde; la localizzazione in prossimità dei porti liguri, appena oltre la cerchia delle Alpi; l intersezione delle vie di comunicazione che collegano il Nord ed il Centro Europa al Mediterraneo, così come di quelle che attraversano la Pianura Padana. Tab. 2 Il ruolo del Piemonte orientale alle diverse scale geografiche SCALA DOCUMENTO RUOLO DEL PIEMONTE ORIENTALE Unione Europea Italia Piemonte Rete TEN-T Piano Nazionale per la Logistica Quadro Strategico Nazionale Allegato infrastrutture DPEF Piano Territoriale Regionale Piano Regionale per la Logistica Individuazione tra i progetti prioritari del Corridoio dei due mari Genova-Rotterdam e prolungamento a Sud attraverso le Autostrade del Mare Individuazione della Piattaforma logistica del Nord-Ovest, ancorata sui nodi strategici di Genova, Novara, Alessandria e Malpensa Individuazione della Piattaforma strategica di portata transnazionale Corridoio dei due mari (Integrazione dei nodi lungo il Corridoio dei nodi indicati nel PNL) Riconoscimento del Corridoio dei due mari come Piattaforma strategica di saldatura tra Italia e sistema europeo Definizione dei ruoli dei diversi nodi strategici all interno della direttrice Genova-Sempione Specificazione del ruolo dei quadranti novarese ed alessandrino all interno delle principali direttrici europee Tra tutti i fattori sopra indicati, il posizionamento del Piemonte orientale lungo la direttrice dei due mari è senza dubbio quello che offre nuove e più interessanti prospettive. Infatti «il Corridoio XXIV è in grado di indurre quel decisivo salto dimensionale, quantitativo e qualitativo, per generare il quale risulta decisivo il potenziamento del sistema portuale ligure (ed in particolare del porto di Genova-Voltri) ed il suo collegamento diretto sia con l articolato sistema logistico alessandrino e padano sia con i mercati europei» (Piano Regionale per la Logistica, 2010). Il posizionamento dell area lungo questo corridoio, inoltre, rappresenta il vero fattore potenzialmente unificante per i diversi nodi che vi si trovano: tali strutture, infatti, presentano grandi differenze in merito alla tipologia, alle dimensioni, ai servizi offerti ed ai mercati serviti. Ciò implica che la costruzione di un sistema integrato debba passare attraverso l identificazione della comune vocazione a servizio dei traffici lungo il Corridoio XXIV. Allo stato attuale, invece, lungo questa direttrice, è presente una notevole frattura in termini di flussi nel tratto compreso tra Alessandria e 5

6 Novara: le merci sono per lo più dirette all area metropolitana milanese giungendo dai porti del Nord Europa, con tappa a Novara, oppure direttamente dai porti liguri senza fermarsi sul territorio (soltanto per una parte limitata, infatti, i nodi logistici dell alessandrino riescono ad intercettare i flussi provenienti dall arco ligure). Sono praticamente inesistenti, dunque, flussi di merci che dai porti liguri giungono alle aree del Centro e del Nord Europa attraverso i nodi del Piemonte orientale. Cambiare questa situazione è possibile soltanto attraverso l aumento di competitività delle strutture portuali (che, come si è visto, risentono oggi di pesanti ritardi nei confronti dei concorrenti), da realizzare senza dubbio attraverso il miglioramento delle infrastrutture interne ai porti stessi ma soprattutto attraverso migliori connessioni con l interno ed attraverso la presenza di servizi retroportuali per la manipolazione delle merci. 3. Il sistema logistico del Piemonte orientale La collocazione rispetto al mercato del Nord-Ovest, la dotazione del sistema infrastrutturale, l accessibilità e la connettività offerte dalla rete stradale e ferroviaria hanno favorito la realizzazione di importanti nodi logistici e intermodali nel territorio del Piemonte orientale. Per comporre il quadro conoscitivo relativo a questi nodi si è proceduto a censire i principali siti logistici 8, cioè quelle aree in cui siano presenti interporti, strutture intermodali, scali merci ed impianti privati che si ritengono di primaria rilevanza sia per la loro localizzazione territoriale, sia per il loro ruolo funzionale per il sistema economico di riferimento, sia ancora per le integrazioni/relazioni in grado di sviluppare nella logica dei Corridoi V e XXIV. La fig. 2 mostra la distribuzione dei siti logistici (in termini numerici e di superfici occupate) nel territorio del Piemonte orientale e in particolare evidenzia una polarizzazione attorno a due ambiti: il basso novarese (che include anche parte del vercellese) e l alessandrino meridionale. Tale configurazione appare coerente con quella delineata in precedenza dal punto di vista dell origine e destinazione dei flussi di merci lungo il Corridoio XXIV. 8 Sono state prese in considerazione quelle localizzazioni a prevalente vocazione logistica (formate da singole imprese o da un complesso di imprese agglomerate) il cui taglio dimensionale minimo sia pari a mq. 6

7 Fig. 2 I principali siti logistici del Piemonte orientale (localizzazione e superfici) Fonte: elaborazione dell autore su dati Repertorio cartografico della Regione Piemonte Nel primo ambito si registra una significativa presenza di insediamenti logistici dipendenti unicamente dalla modalità stradale (Romentino, San Pietro Mosezzo, Cameri, Vercelli sud, Arborio e Carisio) ma anche di siti 7

8 per l intermodalità delle merci (l interporto CIM di Novara, il terminal intermodale di Oleggio, i Magazzini Generali dei Trafori e i Magazzini Generali Doganali a Vercelli), localizzati lungo l asse Torino-Milano e sulla direttrice del Sempione. In posizione strategica (anche se isolata) lungo quest ultima, è localizzato lo scalo ferroviario di Domo II (ad oggi sottoutilizzato) che offre servizi intermodali. L offerta logistica del polo alessandrino si sviluppa prevalentemente nella parte meridionale della provincia e in particolare sull asse Genova- Arquata Scrivia-Tortona (che conduce a Milano) lungo il quale sono posizionate le strutture che offrono servizi intermodali (gli interporti di Rivalta Scrivia e di Arquata Scrivia) e logistici (Tortona e Pozzolo Formigaro), mentre risulta molto inferiore sulla direttrice Genova-Ovada- Alessandria e nel capoluogo in cui è presente uno scalo merci ferroviario ampiamente sottoutilizzato. Nel complesso i siti logistici del Piemonte orientale occupano una superficie di circa 11,7 milioni di metri quadrati ed appaiono caratterizzati da una tendenza alla frammentazione che si è creata in tempi recenti con la realizzazione di nuove strutture (a Biandrate, Romentino, Cameri, Vercelli, Carisio per il polo novarese, Tortona e Capriata d Orba per il polo alessandrino) localizzate in aree limitrofe ai poli urbani, attestate in prossimità della rete viaria principale e caratterizzate dall assenza di connessione con le infrastrutture ferroviarie. Un esame più approfondito sulle caratteristiche dei siti logistici dal punto di vista dei clienti e dei mercati serviti, delle merci trattate, delle posizioni specifiche lungo i corridoi europei e delle spinte centrifughe esercitate dalla metropoli milanese consente di far emergere alla scala del Piemonte orientale la differenziazione dei nodi presenti sul territorio e, anche se in modo implicito, l influenza reciproca esistente tra gli stessi (Tadini, 2010). La fig. 2 mostra altresì il quadro progettuale complessivo che prevede un incremento delle superfici pari a circa 6 milioni di metri quadrati (a cui vanno aggiunti circa mq di riqualificazione dell esistente) e mette in luce la volontà di rafforzare la dotazione funzionale dell area pedemontana (attualmente poco servita), di aumentare le strutture concentrate lungo l asse urbano Novara-Vercelli (nel contesto del Corridoio V), di potenziare il triangolo Alessandria-Novi Ligure-Tortona e di incrementare l offerta logistica del casalese. Lo scenario di sviluppo futuro desumibile dalle scelte strategiche di livello locale (provinciale e comunale) appare caratterizzato da un ulteriore 8

9 incremento della frammentazione logistica che già oggi contraddistingue i territori del Piemonte orientale, da una carenza di coordinamento nella progettazione e dall assenza di un disegno territoriale unitario. A questi elementi di debolezza ha cercato di porre rimedio recentemente il Piano Regionale della Logistica, evidenziando la necessità di contenere il più possibile le espansioni logistiche sul territorio del Piemonte orientale (a favore di interventi di accorpamento e razionalizzazione delle attività già in essere) e di valorizzare le vocazioni specifiche delle due principali polarità logistiche dell area: crocevia infrastrutturale con funzioni di apertura internazionale verso il nord Europa per il novarese e area retroportuale con dotazione di servizi avanzati per l alessandrino. 4. Conclusioni Nel territorio del Piemonte orientale sono dunque localizzati alcuni importanti siti logistici, sia per superfici sia per volumi trattati. Si avverte tuttavia la necessità di raggiungere una situazione di maggiore integrazione del sistema, al fine di assicurare una gamma di servizi più ampia, evitare inutili sovrapposizioni ed aumentare il livello di competitività di tutta l area, compreso l arco portuale ligure. Ciò è possibile, vista la situazione di partenza, soltanto attraverso una progressiva distinzione nelle funzioni di ciascuna area, l individuazione degli assi di percorrenza delle merci più favorevoli, le possibili specializzazioni funzionali ed anche, in alcuni casi, merceologiche. Le leve da attivare per raggiungere questo risultato sono molteplici, ma le principali possono essere identificate nella realizzazione delle infrastrutture strategiche, nel rilancio dei servizi ferroviari e nella localizzazione di servizi logistici avanzati. In quest area numerosi sono gli interventi infrastrutturali previsti, finalizzati principalmente a suddividere i flussi di traffico (tra quelli merci e passeggeri a lunga percorrenza e quelli passeggeri a breve percorrenza) e ad assicurare un collegamento più efficiente fra il sistema portuale ligure e la rete ferroviaria. Perno di questa strategia è la realizzazione del cosiddetto Terzo Valico dei Giovi, opera che dovrebbe dotare il porto di Genova di efficienti servizi ferroviari e favorire il trasferimento modale dalla gomma al ferro. La connessione della nuova linea con le linee storiche dovrebbe inoltre garantire al territorio del Basso Piemonte la fermata delle merci nell area, evitando che esse procedano sino a destinazione in maniera diretta. Nel Piemonte nord-orientale i progetti di potenziamento della rete 9

10 ferroviaria riguardano in primo luogo la linea che dal Sempione scende verso Novara. Anche in questo caso l obiettivo è quello di separare il più possibile il traffico merci da quello passeggeri, di raddoppiare alcune linee chiave per il trasporto merci e di migliorare l efficienza della rete esistente. Altra variabile fondamentale nello sviluppo dello scenario prospettato è l aumento dell offerta di servizi ad alto valore aggiunto, ad oggi poco presenti nell area. Anche per questo motivo una percentuale largamente preponderante di merci approda in Europa dai porti del Northern Range e viene successivamente inviata alle aree di destinazione nel Nord Italia dopo aver subito processi di personalizzazione in Olanda o in Belgio. Le analisi svolte su questo tipo di servizi, indicano chiaramente che essi devono essere collocati ad una distanza massima dal porto di sbarco di 500 Km. Per lo sviluppo delle attività logistiche ad alto valore aggiunto, dunque, si deve puntare decisamente al traffico generato dal sistema portuale ligure, che dovrà trovare nell alessandrino ed in parte nel novarese nodi attrezzati per la lavorazione delle merci (Piano Regionale per la Logistica, 2010). Lo sviluppo dell intermodalità, ad oggi limitata ad alcune realtà, è da considerarsi in questo contesto un fattore decisivo per incrementare la competitività del sistema e dei porti che ad esso potrebbero far riferimento: soltanto attraverso efficienti collegamenti via ferro, infatti, sarà possibile attrarre flussi di merci che giungano ai porti liguri per essere distribuite ai mercati del Centro e Nord Europa. Oltre al deficit infrastrutturale pesante del quale risente il paese, altri fattori che riducono la possibilità di utilizzare la ferrovia sono la carsa efficienza dei servizi, mediamente più costosi e meno puntuali rispetto agli altri paesi europei, la mancanza di coordinamento tra i diversi attori del settore e tra questi ed i soggetti pubblici, la mancanza di politiche di disincentivo all utilizzo del solo mezzo su gomma come avvenuto in altri paesi. Combinando le variabili sopra individuate è possibile delineare uno scenario di lungo periodo nel quale il territorio del Piemonte orientale si strutturi come sistema integrato, a servizio in primo luogo dei porti liguri ma capace anche di continuare nell attuale funzione di smistamento delle merci provenienti anche dai porti del Northern Range. Si può quindi pensare ad un sistema misto, nel quale i siti localizzati lungo la direttrice che conduce al mercato milanese e lombardo (ma anche emiliano) vengano utilizzati per fungere da retroporto per la lavorazione e la successiva distribuzione a corto raggio (come già oggi avviene), sviluppando pienamente le competenze accumulate soprattutto nell ambito del settore food. Il nuovo importante insediamento presso Alessandria, che funga da dry port, dovrebbe invece essere destinato alla lavorazione/personalizzazione delle merci ed alla successiva spedizione 10

11 verso i mercati del Centro-Nord Europa. Appare decisamente da evitare, invece, l ipotesi che anche in quest area si insedino funzioni puramente retroportuali a basso valore aggiunto e per il mercato locale. Risalendo verso nord l altra grande area logistica di portata sovranazionale è senza dubbio quella novarese, all interno della quale è possibile ipotizzare uno sviluppo delle strutture già presenti. La vocazione radicata ai collegamenti col Nord Europa dovrebbe essere affiancata dall inserimento nell interporto di Novara di maggiori spazi dedicati allo stoccaggio delle merci e soprattutto di servizi di alto livello ad oggi non disponibili. L area di Domodossola, attestata in prossimità del confine svizzero, necessita di un rilancio che passa dalla realizzazione dei progetti ad oggi soltanto ipotizzati: essi prevedono lo sfruttamento degli ampi spazi liberi all interno del sito di Domodossola per la localizzazione di attività industriali/logistiche che incrementino sensibilmente la quota di merci stoccate, lavorate e redistribuite rispetto a quelle in transito. Il compito di agire sui fattori strategici descritti e di guidare il territorio verso una nuova configurazione maggiormente competitiva spetta agli attori locali. La costruzione di un sistema, infatti, passa necessariamente da un ruolo forte di regia dei soggetti pubblici e da forme di collaborazione tra quelli privati. Bibliografia Borruso G., Polidori G., eds. (2005), Riequilibrio ed integrazione modale nel trasporto merci, Franco Angeli, Milano. Cazzaniga Francesetti D. (2006), I criteri di scelta dei porti internazionali e i porti italiani, VIII Congresso SIET, Trieste, giugno Cazzaniga Francesetti D. (2007), Il futuro della portualità italiana: una scommessa difficile, testo disponibile al sito: consultazione marzo Commissione Europea (2005), Trans-European Transport Network, Bruxelles, luglio Comune di Alessandria (Ente Capofila) (2008), Programma Territoriale Integrato della Piana alessandrina. Programma Operativo, testo disponibile al sito: Comune di Biella (Ente Capofila) (2008), Programma Territoriale Integrato Biella Laboratorio Tessile. Programma Operativo, testo disponibile al sito: 11

12 Comune di Casale Monferrato (Ente Capofila) (2008), Programma Territoriale Integrato dell area casalese: freddo, logistica, energia per uno sviluppo competitivo. Programma Operativo, testo disponibile al sito: Comune di Novara (Ente Capofila) (2008), Programma Territoriale Integrato Innovare in Novara: Novara città della chimica verde: distretto tecnologico della chimica sostenibile ed efficienza energetica per lo sviluppo del territorio. Programma Operativo, testo disponibile al sito: Comune di Verbania (Ente Capofila) (2008), Programma Territoriale Integrato VCO Qualità in movimento. Programma Operativo, testo disponibile al sito: Comune di Vercelli (Ente Capofila) (2008), Programma Territoriale Integrato Terra di Mezzo. Programma Operativo, testo disponibile al sito: Container Trade Statistics (2011), CTS Newsletter April 2011, testo disponibile al sito: consultazione aprile D Agostino Z., Iannone F. (2005), L ottimizzazione di un sistema logistico regionale, ItaliaMondo Logistica e intermodalità, 71: Esri (2008), ArcGis Data & Maps 9.3, Redlands (CA). European Sea Ports Organisation (2010), Annual Report , testo disponibile al sito: consultazione marzo Fornasiero E., Libardo A. (2010), Economia di mercato e sostenibilità delle catene intermodali di trasporto, XII Riunione Scientifica Annuale della Società Italiana degli Economisti dei Trasporti, Roma, giugno. Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (2010), Le linee politiche del Piano Nazionale della Logistica, Roma, dicembre Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (2010), Programma infrastrutture strategiche. Programmare il territorio, le infrastrutture, le risorse, Roma, settembre Ministero dello Sviluppo Economico (2007), Quadro Strategico Nazionale per la politica regionale di sviluppo , Roma, giugno Musso E., Parola F. (2005), Mediterranean ports in the global network: how to make the hub&spoke paradigm sustainable?, International Workshop on new generation Port-Cities & their role in global supply chains, Genova, 12 dicembre Notteboom T. (2008), The relationship between seaports and the intermodal hinterland in light of global supply chains, Discussion Paper n , OECD-International Transport Forum, March Notteboom T. (2009), Economic analysis of the European port system, ESPO 12

13 Annual conference, Marsiglia, maggio Odone P. (2008), Vie di mare e di terra nel Mediterraneo, Euro-Med TDS Conference, Roma, 19 novembre Ottimo E., Vona R., a cura di (2001), Sistemi di logistica integrata. Hub territoriali e logistica internazionale, Egea, Milano. Provincia del Verbano-Cusio-Ossola (2009), Piano Territoriale Provinciale, Verbania, marzo Provincia di Alessandria (2007), Piano Territoriale Provinciale I Variante di adeguamento, Alessandria, febbraio Provincia di Biella (2009), Piano Territoriale Provinciale Variante n 1, Biella, aprile Provincia di Novara (2004), Piano Territoriale Provinciale, Novara, ottobre Provincia di Vercelli (2005), Piano Territoriale Provinciale, Vercelli, luglio Regione Piemonte (2005), Per un nuovo Piano Territoriale Regionale. Documento programmatico, Assessorato Politiche Territoriali, Torino, dicembre Regione Piemonte (2010), Piano Regionale per la Logistica, Regione Piemonte Assessorato ai Trasporti e Infrastrutture, Torino, gennaio Regione Piemonte (2010), Repertorio Cartografico, disponibile al sito consultazione marzo Rodrigue J-P., Comtois C., Slack B. (2009), The Geography of Transport Systems, Second Edition, Routledge, New York. Siviero L. (2010), Economia dei trasporti intermodali e innovazione logistica, Franco Angeli, Milano. Spirito P. (2007), Il sistema italiano dei porti mediterranei e l integrazione con il traffico terrestre, testo disponibile al sito: Tadini M. (2010), Lo scenario infrastrutturale e dell intermodalità trasportistica, in Emanuel C. e Tadini M., a cura di, Progettare il cambiamento. Analisi, scenari e strategie per il quadrante territoriale del Nord-est piemontese, Mercurio Edizioni, Vercelli. United Nations Conference on Trade and Development (2010), Review of maritime transport 2010, testo disponibile al sito: consultazione marzo

Verbano Cusio Ossola Area DOMO 2

Verbano Cusio Ossola Area DOMO 2 Verbano Cusio Ossola Area DOMO 2 Localizzazione Situata in Piemonte, nel Verbano Cusio Ossola, sul corridoio 24 Genova -Rotterdam, a sud del traforo Loetschberg - Sempione a ridosso del confine elvetico

Dettagli

Strategie per lo sviluppo della logistica nel porto di Genova. Autorità Portuale di Genova

Strategie per lo sviluppo della logistica nel porto di Genova. Autorità Portuale di Genova Strategie per lo sviluppo della logistica nel porto di Genova I numeri del porto - 51,9 Mil.Ton (anno 2014) - 2,17 Mil.Teus - 3,8 Mil. Mtl - 6.000 Accosti/anno Milioni Ton. 60-4.000 automezzi in/out al

Dettagli

CIMspa. Prof. Maurizio Comoli Presidente CIM Spa

CIMspa. Prof. Maurizio Comoli Presidente CIM Spa Prof. Maurizio Comoli Presidente CIM Spa 1. La Società 2. L evoluzione strutturale operativa 3. Il Piano Nazionale per la Logistica 4. L Atto di Indirizzo per il sistema del traffico merci e la logistica

Dettagli

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA Riccardo Roscelli INFRASTRUTTURE E CRESCITA SOSTENIBILE Il Corridoio dei due mari ed il Mediterraneo 30/10/2013 Gli scenari: dove stanno andando le

Dettagli

SVILUPPO DELL INTERMODALITA

SVILUPPO DELL INTERMODALITA SVILUPPO DELL INTERMODALITA Autostrade del mare 2.0 e combinato marittimo ANDREA APPETECCHIA Roma, 21 luglio 20151 I PUNTI DEL RAGIONAMENTO Commercio estero nazionale: orientamenti e modalità di trasporto

Dettagli

Una Piattaforma Logistica per Il Nord-Ovest

Una Piattaforma Logistica per Il Nord-Ovest Comitato Regionale Giovani Imprenditori Confindustria Liguria Comitato Regionale Giovani Imprenditori Confindustria Lombardia Federazione Regionale Gruppi Giovani Imprenditori Confindustria Piemonte Una

Dettagli

Il Piano Regionale dei Trasporti e della Mobilità La politica della mobilità delle merci in Sicilia

Il Piano Regionale dei Trasporti e della Mobilità La politica della mobilità delle merci in Sicilia Il Piano Regionale dei Trasporti e della Mobilità La politica della mobilità delle merci in Sicilia La necessità che anche la Sicilia si dovesse dotare di uno strumento di pianificazione del settore dei

Dettagli

Il ruolo del nuovo Corridoio multimodale Italia-Svizzera nel ridisegno dei trasporti e della logistica del Nord Italia

Il ruolo del nuovo Corridoio multimodale Italia-Svizzera nel ridisegno dei trasporti e della logistica del Nord Italia Il ruolo del nuovo Corridoio multimodale Italia-Svizzera nel ridisegno dei trasporti e della logistica del Nord Italia Oliviero Baccelli Direttore Università Bocconi 03 Dicembre 2015 Obiettivi, contesto

Dettagli

Mediterraneo: possibili scenari futuri. Puliafito, PP. Merlino, M. Ferrari, C.

Mediterraneo: possibili scenari futuri. Puliafito, PP. Merlino, M. Ferrari, C. Mediterraneo: possibili scenari futuri Puliafito, PP. Merlino, M. Ferrari, C. L evoluzione dei traffici marittimi nell area del Mediterraneo in relazione allo scenario mondiale Genova, 6 Novembre 2009

Dettagli

Focus dal Rapporto dell Ufficio Studi Confcommercio su trasporti e logistica presentato oggi a Cernobbio

Focus dal Rapporto dell Ufficio Studi Confcommercio su trasporti e logistica presentato oggi a Cernobbio Cernobbio, 12 ottobre 2015 Focus dal Rapporto dell Ufficio Studi Confcommercio su trasporti e logistica presentato oggi a Cernobbio I RITARDI INFRASTRUTTURALI DELLE REGIONI ITALIANE: INADEGUATEZZA, BUROCRAZIA

Dettagli

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL Il trasporto: normativa e caratteristiche mezzi Logistica esterna - intermodalità PREMESSA SISTEMA DEI TRASPORTI Costituisce un organizzazione tecnico

Dettagli

MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE

MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE Verona,22 Novembre 2013 Traffico merci in Europa La ripartizione modale 76% 7% Road Railways Inland waterways

Dettagli

Tavolo regionale per la mobilità delle merci

Tavolo regionale per la mobilità delle merci Tavolo regionale per la mobilità delle merci Scenari e prospettive di contesto Milano 04 Marzo 2011 Oliviero Baccelli CERTeT Università Bocconi Indice dei temi trattati Gli scenari socio-economici di riferimento

Dettagli

A relazione dell'assessore Balocco:

A relazione dell'assessore Balocco: REGIONE PIEMONTE BU47 20/11/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 3 novembre 2014, n. 24-511 Adesione al Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale GECT (EGTC) previsto nell'ambito del progetto CODE24

Dettagli

UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA CORRIDOIO 6 GENOVA-ROTTERDAM

UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA CORRIDOIO 6 GENOVA-ROTTERDAM ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA CORRIDOIO 6 GENOVA-ROTTERDAM Dicembre 2012 1. Inquadramento territoriale e programmatico Il Corridoio n. 6 della rete europea TEN-T riguarda

Dettagli

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA. CORRIDOIO Reno-Alpi. (ex Corridoio 6 Genova-Rotterdam )

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA. CORRIDOIO Reno-Alpi. (ex Corridoio 6 Genova-Rotterdam ) ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA CORRIDOIO Reno-Alpi (ex Corridoio 6 Genova-Rotterdam ) Dicembre 2014 1. Inquadramento territoriale e programmatico Il Corridoio Reno-Alpi

Dettagli

La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest

La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest Porti e La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest Riccardo Fuochi Presidente Propeller Port Club di Milano Genova 19 settembre 2013 Il Propeller Port

Dettagli

Aeroporti e territorio: il caso Malpensa

Aeroporti e territorio: il caso Malpensa Aeroporti e territorio: il caso Malpensa * Aeroporti, magneti di imprese Nella storia le trasformazioni economiche hanno da sempre avuto forti riflessi sulla società, inducendo cambiamenti nel modo di

Dettagli

Regione Siciliana. Assessorato Turismo, Comunicazioni e Trasporti Dipartimento Trasporti e Comunicazioni Ufficio della Direzione

Regione Siciliana. Assessorato Turismo, Comunicazioni e Trasporti Dipartimento Trasporti e Comunicazioni Ufficio della Direzione REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Turismo, Comunicazioni e Trasporti Dipartimento Trasporti e Comunicazioni Ufficio della Direzione Via Emanuele Notarbartolo 9, 90141 Palermo Tel 0039 091

Dettagli

HUB-LOG Le infrastrutture logistiche di Veneto e Friuli Venezia Giulia messe a sistema come testa di ponte verso i mercati dell Est

HUB-LOG Le infrastrutture logistiche di Veneto e Friuli Venezia Giulia messe a sistema come testa di ponte verso i mercati dell Est HUB-LOG Le infrastrutture logistiche di Veneto e Friuli Venezia Giulia messe a sistema come testa di ponte verso i mercati dell Est 1 Contenuti Cos è HUB-LOG A. Hub logistico multimodale del sistema portuale

Dettagli

PORTO della SPEZIA TRAFFICO MERCANTILE 2011

PORTO della SPEZIA TRAFFICO MERCANTILE 2011 TRAFFICO MERCANTILE 2011 Fabrizio Bugliani Resp. Ufficio MKT & Rapporti con l Estero GENNAIO 2012 1 Traffico 2011 Traffico contenitori Il porto della Spezia ha movimentato nel corso del 2011 1.307.274

Dettagli

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni.

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni. Roma, 4 luglio 2015 PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA: IL SISTEMA MARE, UNA RISORSA, UNA SFIDA ED UN OPPORTUNITÀ PER L ITALIA Per la competitività e la ripresa economica del

Dettagli

alta velocità per il Ticino?

alta velocità per il Ticino? AlpTransit 2019: un futuro ad alta velocità per il Ticino? 24 marzo 2011 SUPSI, Lugano-Trevano Alptransit e le infrastrutture italiane del Nordovest: stato di avanzamento, problemi e prospettive Vittorio

Dettagli

LO SHIPPING E LA PORTUALITÀ NEL MEDITERRANEO: OPPORTUNITÀ E SFIDE PER L ITALIA

LO SHIPPING E LA PORTUALITÀ NEL MEDITERRANEO: OPPORTUNITÀ E SFIDE PER L ITALIA LO SHIPPING E LA PORTUALITÀ NEL MEDITERRANEO: OPPORTUNITÀ E SFIDE PER L ITALIA Arianna Buonfanti, Ricercatrice Area Infrastrutture SRM XV Conference of the Italian Association of Transport Economics and

Dettagli

Nuove rotte per la crescita del Mezzogiorno:

Nuove rotte per la crescita del Mezzogiorno: Nuove rotte per la crescita del Mezzogiorno: Presentazione del 2 Rapporto Annuale Italian Maritime Economy Napoli, 5 giugno 2015 Sala delle Assemblee del Banco di Napoli SINTESI DELLA RICERCA UN MEDITERRANEO

Dettagli

CONCLUSIONI INDIVIDUAZIONE DELLE DIRETTRICI DI VOLO

CONCLUSIONI INDIVIDUAZIONE DELLE DIRETTRICI DI VOLO CONCLUSIONI INDIVIDUAZIONE DELLE DIRETTRICI DI VOLO I diversi approcci utilizzati nell ambito di questa ricerca, hanno permesso di valutare l andamento generale dei movimenti migratori degli uccelli in

Dettagli

PROGETTAZIONE INTEGRATA ALLEGATO 3.7 INDUSTRIA, ARTIGIANATO E SERVIZI. Sistema Logistico Intermodale per il Trasporto delle Merci

PROGETTAZIONE INTEGRATA ALLEGATO 3.7 INDUSTRIA, ARTIGIANATO E SERVIZI. Sistema Logistico Intermodale per il Trasporto delle Merci POR SARDEGNA 2000-2006 PROGETTAZIONE INTEGRATA ALLEGATO 3.7 INDUSTRIA, ARTIGIANATO E SERVIZI Sistema Logistico Intermodale per il Trasporto delle Merci Elementi per la Predisposizione dei Progetti Integrati

Dettagli

FVG: dallo scenario infrastrutturale ad una nuova economia regionale

FVG: dallo scenario infrastrutturale ad una nuova economia regionale Udine, 13 Luglio 2011, Sede Confindustria Udine FVG: dallo scenario infrastrutturale ad una nuova economia regionale Sandro Fabbro professore di strategie urbane e regionali Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

3.1 Le reti dei trasporti

3.1 Le reti dei trasporti 3.1 Le reti dei trasporti La Rivoluzione Industriale, il progresso tecnico e tecnologico, la tendenza al decentramento della produzione ed il processo di Globalizzazione hanno determinato la cosiddetta

Dettagli

LA LOGISTICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO SPINGE LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA TERRITORIALE PIACENTINO (estratto)

LA LOGISTICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO SPINGE LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA TERRITORIALE PIACENTINO (estratto) LA LOGISTICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO SPINGE LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA TERRITORIALE PIACENTINO (estratto) NOTA: Il presente documento è un estratto di uno studio effettuato dalla sede piacentina di ITL.

Dettagli

Il contributo del PON Reti e Mobilità allo sviluppo dei porti

Il contributo del PON Reti e Mobilità allo sviluppo dei porti Arch. Cynthia Fico Autorità di Gestione del PON Reti e Mobilità Ing. Giovanni Infante Responsabile Linea di Intervento Porti e Interporti Pagina 0 Traffico merci nel Mediterraneo Pagina 1 , Bando di gara

Dettagli

L OPZIONE MEDITERRANEA

L OPZIONE MEDITERRANEA L OPZIONE MEDITERRANEA UNA NUOVA ROTTA DI COLLEGAMENTO TRA L ESTREMO ORIENTE, L EUROPA E IL NORD AMERICA VIA CORRIDOI TERRESTRI TIRRENICO E ADRIATICO Rapporto finale di ricerca relativo ai Moduli 1 e 2

Dettagli

Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione

Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione Lo sviluppo asiatico e il business logistico Roma, 24 gennaio 2007 Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione Il Mediterraneo torna al centro del mondo Nel mercato globale - e nella Grande Europa

Dettagli

Rapporto Finale Dicembre 2009. Distretti produttivi e nodi logistici lungo il percorso italiano del Corridoio 1 Berlino Palermo

Rapporto Finale Dicembre 2009. Distretti produttivi e nodi logistici lungo il percorso italiano del Corridoio 1 Berlino Palermo Distretti produttivi e nodi logistici lungo il percorso italiano del Corridoio 1 Berlino - Palermo Rapporto Finale Dicembre 2009 Dicembre 2009 pagina 1 Uniontrasporti è una società promossa da Unioncamere

Dettagli

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE CONFINDUSTRIA CONFINDUSTRIA MILANO DI TORINO GENOVA MONZA E BRIANZA CORRIDOIO RENO-ALPI

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE CONFINDUSTRIA CONFINDUSTRIA MILANO DI TORINO GENOVA MONZA E BRIANZA CORRIDOIO RENO-ALPI ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE CONFINDUSTRIA CONFINDUSTRIA MILANO DI TORINO GENOVA MONZA E BRIANZA CORRIDOIO RENO-ALPI Gennaio 2016 1. Inquadramento territoriale e programmatico Il Corridoio Reno-Alpi

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Pur se separata

Dettagli

La Gronda di Genova. DIBATTITO PUBBLICO 1 febbraio - 30 aprile 2009. Quaderno degli attori

La Gronda di Genova. DIBATTITO PUBBLICO 1 febbraio - 30 aprile 2009. Quaderno degli attori La Gronda di Genova DIBATTITO PUBBLICO 1 febbraio - 30 aprile 2009 Quaderno degli attori Presentato da 17 marzo 2009 La Cisl di Genova, ritiene non più rinviabile l adeguamento e la costruzione di opere

Dettagli

Studi preparatori per il Piano Nazionale della Logistica

Studi preparatori per il Piano Nazionale della Logistica Studi preparatori per il Piano Nazionale della Logistica L Italia in Europa: le politiche dei trasporti e della logistica in grado di influenzarne la competitività Torino 25 Giugno 2012 Oliviero Baccelli

Dettagli

La Piattaforma Logistica delle Marche

La Piattaforma Logistica delle Marche La Piattaforma Logistica delle Marche Logistica e sistema interportuale italiano Confindustria Ancona, 28 Maggio 2013 I principali nodi logistici delle Marche 3 nodi per 4 modi di trasporto Significativa

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

LE POTENZIALITÀ LOGISTICHE DEL NODO INFRASTRUTTURALE DI NOVARA

LE POTENZIALITÀ LOGISTICHE DEL NODO INFRASTRUTTURALE DI NOVARA XXIX CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI LE POTENZIALITÀ LOGISTICHE DEL NODO INFRASTRUTTURALE DI NOVARA Marcello TADINI 1 1 Dipartimento di Studi per l Impresa e il Territorio Università degli Studi

Dettagli

IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO VENETO. Criticità e potenzialità per una maggiore competitività delle imprese e del territorio

IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO VENETO. Criticità e potenzialità per una maggiore competitività delle imprese e del territorio IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO VENETO Criticità e potenzialità per una maggiore competitività delle imprese e del territorio Verona, 28 Febbraio 2011 Sommario La dotazione infrastrutturale attuale:

Dettagli

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA Intervento Giuseppe Castelli Vice Presidente Assolombarda Seminario LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA Sala Falck Assolombarda 10 febbraio 2009 Tutte le relazioni

Dettagli

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Direttore Settore Attuazione Mobilità Trasporti Ambiente Corridoi Europei in Italia (Reti TEN) Milano: una posizione strategica rispetto alle

Dettagli

SOLUZIONI INTERMODALI PER IL TRAFFICO MERCI TRANSALPINO

SOLUZIONI INTERMODALI PER IL TRAFFICO MERCI TRANSALPINO SOLUZIONI INTERMODALI PER IL TRAFFICO MERCI TRANSALPINO European Academy Bolzano (Mathias Wagner) RVDI Regional Association Donau-Iller Obiettivi del progetto TRANSITECTS Soluzioni comuni per i nodi del

Dettagli

WORKSHOP. Lo stato della programmazione delle infrastrutture portuali e ferroviarie. «Parte II» Antonino Vitetta

WORKSHOP. Lo stato della programmazione delle infrastrutture portuali e ferroviarie. «Parte II» Antonino Vitetta WORKSHOP ROMA TRENTUNOMARZODUEMILAQUINDICI ANNO ACCADEMICO DUEMILAQUATTORIDCII/DUEMILAQUINDICI Lo stato della programmazione delle infrastrutture portuali e ferroviarie «Parte II» Antonino Vitetta Obiettivi

Dettagli

L'importanza delle infrastrutture per la crescita sostenibile

L'importanza delle infrastrutture per la crescita sostenibile L'importanza delle infrastrutture per la crescita sostenibile Alberto Brugnoli, Éupolis Lombardia Infrastrutture e crescita sostenibile Genova, 30 Ottobre 2013 1 Tre macro blocchi: logistica, porti, strade

Dettagli

Le relazioni marittime tra l Italia e il Mediterraneo: un focus sulla Turchia

Le relazioni marittime tra l Italia e il Mediterraneo: un focus sulla Turchia LO SVILUPPO DEI NUOVI MERCATI PER IL CLUSTER MARITTIMO: LE POTENZIALITÀ DEL BACINO DEL MEDITERRANEO E FOCUS SU TURCHIA Le relazioni marittime tra l Italia e il Mediterraneo: un focus sulla Turchia Alessandro

Dettagli

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE . GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE PROPOSTE PROVENIENTI DAL TERRITORIO RELATIVAMENTE ALLA TRATTA FUNZIONALE GRONDA MERCI (SETTORE NORD OVEST) ED

Dettagli

Il Nord Ovest d'italia e l'integrazione con i corridoi europei

Il Nord Ovest d'italia e l'integrazione con i corridoi europei Genova 22 Novembre 2010 Dallo sviluppo del sistema degli interporti al rilancio del trasporto ferroviario cargo Il Nord Ovest d'italia e l'integrazione con i corridoi europei Oliviero Baccelli, vice-direttore

Dettagli

I servizi di autotrasporto per il comparto portuale di Ravenna. Ravenna, 5 Maggio 2009

I servizi di autotrasporto per il comparto portuale di Ravenna. Ravenna, 5 Maggio 2009 I servizi di autotrasporto per il comparto portuale di Ravenna Ravenna, 5 Maggio 2009 Sommario La nuova indagine: metodologia e soggetti coinvolti Contesto di riferimento La visione da parte degli autotrasportatori

Dettagli

INDICE SINTESI E CONCLUSIONI PREMESSA 1 1 QUADRO MACRO ECONOMICO, REGIONI DEL NORD OVEST. 3 2. ANALISI DELLO STATO ATTUALE DEL TRASPORTO MERCI 7

INDICE SINTESI E CONCLUSIONI PREMESSA 1 1 QUADRO MACRO ECONOMICO, REGIONI DEL NORD OVEST. 3 2. ANALISI DELLO STATO ATTUALE DEL TRASPORTO MERCI 7 INDICE SINTESI E CONCLUSIONI III PREMESSA 1 1 QUADRO MACRO ECONOMICO, REGIONI DEL NORD OVEST. 3 2. ANALISI DELLO STATO ATTUALE DEL TRASPORTO MERCI 7 2.1 Logistica legata ai porti dell alto Tirreno 7 2.1.1

Dettagli

ROADSHOW PMI INFRASTRUTTURE, TRASPORTI E PMI. A cura di Confcommercio

ROADSHOW PMI INFRASTRUTTURE, TRASPORTI E PMI. A cura di Confcommercio ROADSHOW PMI INFRASTRUTTURE, TRASPORTI E PMI A cura di Confcommercio Premessa L efficienza dei sistemi di trasporto e logistica costituisce una condizione essenziale per la capacità competitiva di tutto

Dettagli

Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea

Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea Antonio Revedin Direttore Pianificazione Strategica e Sviluppo

Dettagli

Alptransit 2017 Infrastrutture per il trasferimento del traffico merci

Alptransit 2017 Infrastrutture per il trasferimento del traffico merci Alptransit 2017 Infrastrutture per il trasferimento del traffico merci Alptransit sarà all altezza delle esigenze di mercato? Nel 2008, circa 900.000 spedizioni stradali hanno attraversato le Alpi svizzere

Dettagli

La mobilità sostenibile il contributo del porto di Civitavecchia leader italiano delle Autostrade del Mare*

La mobilità sostenibile il contributo del porto di Civitavecchia leader italiano delle Autostrade del Mare* Trasporti: diritto economia politica - n. 104 (2008) La mobilità sostenibile il contributo del porto di Civitavecchia leader italiano delle Autostrade del Mare* Fabio Ciani** Mobilità sostenibile comprende,

Dettagli

I Porti toscani e l integrazione con i corridoi: premesse e prospettive future

I Porti toscani e l integrazione con i corridoi: premesse e prospettive future Dott.ssa Antonella Querci Dirigente Direzione Sviluppo e Innovazione 14 Aprile 2015 Direzione Sviluppo e Innovazione I Porti toscani e l integrazione con i corridoi: premesse e prospettive future Livorno

Dettagli

La posizione di Federchimica sul Trasporto Ferroviario a carri singoli e il contributo di Trenitalia per rilanciare il nuovo diffuso

La posizione di Federchimica sul Trasporto Ferroviario a carri singoli e il contributo di Trenitalia per rilanciare il nuovo diffuso La posizione di Federchimica sul Trasporto Ferroviario a carri singoli e il contributo di Trenitalia per rilanciare il nuovo diffuso Michele Paruzzi Furio Bombardi Solvay Chimica Italia S.p.A. Trenitalia

Dettagli

Sorrento, 21 novembre 2015

Sorrento, 21 novembre 2015 Sorrento, 21 novembre 2015 «Mezzogiorni d Europa d e Mediterraneo» e mobilità delle merci Linee guida per lo sviluppo dei trasporti e della logistica nel Mezzogiorno Sergio Curi, Fabrizio Dallari, Marco

Dettagli

L IMPATTO DEL TRASPORTO INTERCONTINENTALE DI MERCI: Modelli per la misura degli effetti delle scelte 1

L IMPATTO DEL TRASPORTO INTERCONTINENTALE DI MERCI: Modelli per la misura degli effetti delle scelte 1 L IMPATTO DEL TRASPORTO INTERCONTINENTALE DI MERCI: Modelli per la misura degli effetti delle scelte 1 Prof. A. Cappelli 1, Arch. Ing. A. Libardo 1, Arch. E. Fornasiero 1, 1 Transport, Territory and Logistics

Dettagli

Infrastrutture ferroviarie e declino del traffico merci attraverso il valico del Frejus Paolo Ferrari. 1980 1985 1990 1995 2000 2005 2010 2015 anni

Infrastrutture ferroviarie e declino del traffico merci attraverso il valico del Frejus Paolo Ferrari. 1980 1985 1990 1995 2000 2005 2010 2015 anni proporzione di domanda Infrastrutture ferroviarie e declino del traffico merci attraverso il valico del Frejus Paolo Ferrari Il declino del traffico ferroviario delle merci attraverso il valico del Frejus,

Dettagli

PIANO REGIONALE PER LA LOGISTICA

PIANO REGIONALE PER LA LOGISTICA PIANO REGIONALE PER LA LOGISTICA Gennaio 2010 Il presente documento è stato elaborato a cura di: Assessorato ai Trasporti ed Infrastrutture Direzione trasporti, logistica, mobilità ed infrastrutture Aldo

Dettagli

MEDITERRANEO, ALPI E MARE DEL NORD: INTEGRAZIONE DEL TERRITORIO E DEL SISTEMA PRODUTTIVO E LOGISTICO

MEDITERRANEO, ALPI E MARE DEL NORD: INTEGRAZIONE DEL TERRITORIO E DEL SISTEMA PRODUTTIVO E LOGISTICO Mobility Conference 2010 Il corridoio 24 Genova Rotterdam: l Europa non aspetta MEDITERRANEO, ALPI E MARE DEL NORD: INTEGRAZIONE DEL TERRITORIO E DEL SISTEMA PRODUTTIVO E LOGISTICO Oliviero Baccelli, vice-direttore

Dettagli

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO Scalo Smistamento Retroporto Casello Alessandria sud A27 Genova - Gravellona Toce Strada di collegamento con la tangenziale 1 PRA STRADA DI COLLEGAMENTO CON LA TANGENZIALE

Dettagli

L economia del Mediterraneo: rilevanza ed influenza per l Italia

L economia del Mediterraneo: rilevanza ed influenza per l Italia L economia del Mediterraneo: rilevanza ed influenza per l Italia Direttore Generale Massimo DEANDREIS Università Bocconi Milano, 25 Maggio 2015 L incremento del traffico nel Mediterraneo Sta crescendo

Dettagli

AA 2013-14 Fondamenti di Infrastrutture Viarie

AA 2013-14 Fondamenti di Infrastrutture Viarie AA 2013-14 Fondamenti di Infrastrutture Viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: Questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto Dall

Dettagli

Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono:

Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono: Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono: La realizzazione di un nuovo asse merci Vignale-Novara. Consente di potenziare il traffico merci da e per Domodossola-Luino e di liberare

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a Infrastrutture ritardo incolmabile. Presentato il primo Rapporto Uniontrasporti sulle grandi opere Roma, 14 aprile 2011 Quarant anni fa, l Italia aveva una dotazione complessiva

Dettagli

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale AZIONI INTEGRATE INNOVATIVE. LA RETE DEI TERRITORI

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale AZIONI INTEGRATE INNOVATIVE. LA RETE DEI TERRITORI AZIONI INTEGRATE INNOVATIVE. LA RETE DEI TERRITORI Progetto Territorio Snodo di Jesi Verso una piastra logistica verde per l Italia centrale Daniele Olivi, Assessore Comune di Jesi ANCONA JESI Indice della

Dettagli

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO La collina degli Erzelli, occupata in precedenza da attività di deposito e movimentazione container, è interessata oggi da un progetto volto

Dettagli

LA REALTÀ DEL BRENNERO

LA REALTÀ DEL BRENNERO LA REALTÀ DEL Il principale valico del trasporto merci in Italia è oggetto di un deciso potenziamento, al termine dei quale presenterà soprattutto un innalzamento della sagoma-limite, permettendo all autostrada

Dettagli

Il rilancio della portualità e della logistica italiana come leva strategica per la crescita e la competitività del Paese

Il rilancio della portualità e della logistica italiana come leva strategica per la crescita e la competitività del Paese Roma, 18 giugno 2013 Non c è vento a favore per chi non conosce il porto Il rilancio della portualità e della logistica italiana come leva strategica per la crescita e la competitività del Paese Paolo

Dettagli

La riforma della L.84/94, il nuovo ruolo delle Autorità Portuali i finanziamenti nazionali nelle recenti misure del governo

La riforma della L.84/94, il nuovo ruolo delle Autorità Portuali i finanziamenti nazionali nelle recenti misure del governo La riforma della L.84/94, il nuovo ruolo delle Autorità Portuali i finanziamenti nazionali nelle recenti misure del governo Bologna 28 Gennaio 2013 Oliviero Baccelli Vicedirettore CERTeT Centro di Economia

Dettagli

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada Ilaria Bramezza 1. Il project financing Il project financing è una tecnica per la realizzazione di

Dettagli

del FVG. Uno scenario da salvare

del FVG. Uno scenario da salvare La Piattaforma Logistica del FVG. Uno scenario da salvare (per evitare la spaccatura della regione) Sandro Fabbro, professore di strategie urbane e regionali Dipartimento di Ingegneria Civile ed Architettura

Dettagli

NOTE AL DOCUMENTO PRIMI ELEMENTI PER IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA. Il contributo di Unione Interporti Riuniti Settembre 2010

NOTE AL DOCUMENTO PRIMI ELEMENTI PER IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA. Il contributo di Unione Interporti Riuniti Settembre 2010 NOTE AL DOCUMENTO PRIMI ELEMENTI PER IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 1 Il contributo di Unione Interporti Riuniti Settembre 2010 1.Considerazioni di carattere generale sul documento L analisi

Dettagli

EUROPEAN SEA PORTS ORGANISATION ASBL/VZW ORGANISATION DES PORTS MARITIMES EUROPEENS ASBL/VZW

EUROPEAN SEA PORTS ORGANISATION ASBL/VZW ORGANISATION DES PORTS MARITIMES EUROPEENS ASBL/VZW Traduzione informale a cura di ASSOPORTI EUROPEAN SEA PORTS ORGANISATION ASBL/VZW ORGANISATION DES PORTS MARITIMES EUROPEENS ASBL/VZW CE 2010 Consultazione sulla futura politica delle Reti Transeuropee

Dettagli

Linea di accesso sud alla galleria di base del Brennero I progetti di potenziamento RFI per lo sviluppo del traffico merci

Linea di accesso sud alla galleria di base del Brennero I progetti di potenziamento RFI per lo sviluppo del traffico merci Linea di accesso sud alla galleria di base del Brennero I progetti di potenziamento RFI per lo sviluppo del traffico merci Marzo 2015 Il contesto europeo: i Core Corridors che interessano l Italia Corridoio

Dettagli

SOLUZIONI INTERMODALI PER IL TRAFFICO MERCI TRANSALPINO. RISULTATI DEL PROGETTO EUROPEO TRANSITECTS (Transalpine Transport Architets)

SOLUZIONI INTERMODALI PER IL TRAFFICO MERCI TRANSALPINO. RISULTATI DEL PROGETTO EUROPEO TRANSITECTS (Transalpine Transport Architets) Source: Matthias Wagner SOLUZIONI INTERMODALI PER IL TRAFFICO MERCI TRANSALPINO RISULTATI DEL PROGETTO EUROPEO TRANSITECTS (Transalpine Transport Architets) RISULTATI IN LOMBARDIA Una crescita economica

Dettagli

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato SIET 2015 L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato Oliviero Baccelli Direttore CERTET- Centro di Economia Regionale, Trasporti

Dettagli

La strategia europea al 2050 Metodologia TEN-T: la proposta di rete TEN-T italiana

La strategia europea al 2050 Metodologia TEN-T: la proposta di rete TEN-T italiana TEN-T Italian Transport Programme La strategia europea al 2050 Metodologia TEN-T: la proposta di rete TEN-T italiana CORRIDOI VERDI NELLA RETE TEN 6-7 Settembre 2011 TRENTO Ministero delleinfrastrututre

Dettagli

IL TRASPORTO CONTAINER: LA SCELTA DELLE ROTTE

IL TRASPORTO CONTAINER: LA SCELTA DELLE ROTTE Società Italiana di Economia dei Trasporti e della Logistica - XIII Riunione Scientifica Messina, 16-17 giugno 2011 Working Papers SIET 2011 - ISSN 1973-3208 IL TRASPORTO CONTAINER: LA SCELTA DELLE ROTTE

Dettagli

TERMINAL CONTAINER A VOLTRI

TERMINAL CONTAINER A VOLTRI TERMINAL CONTAINER A VOLTRI Il terminal Voltri Terminal Europa di Genova-Voltri, entrato recentemente nel pieno della sua operatività, rappresenta il classico esempio di terminale marittimo creato ex novo,

Dettagli

Potenziamento del Nodo di Genova e Terzo Valico dei Giovi

Potenziamento del Nodo di Genova e Terzo Valico dei Giovi Potenziamento del Nodo di Genova e Terzo Valico dei Giovi Inquadramento di rete Investimenti Terzo Valico dei Giovi Potenziamento Nodo di Genova Marsiglia Ventimiglia Collegamento del sistema portuale

Dettagli

NEST Network Eur Netw opeo Servizi e T ork Eur r opeo Servizi e T asporto r

NEST Network Eur Netw opeo Servizi e T ork Eur r opeo Servizi e T asporto r NEST Network Europeo Servizi e Trasporto NEST, logistica a 360 gradi NEST (acronimo di: Network Europeo Servizi e Trasporto) si fonda sulla sottoscrizione di un Contratto di Rete d Imprese e si propone

Dettagli

IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013

IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013 IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013 3 area logistica 1.165.000 m 2 Futura espansione 1 area logistica 1.380.000 m 2 Corrieri e magazzini

Dettagli

in Toscana Infrastrutture e Territorio

in Toscana Infrastrutture e Territorio Infrastrutture e Territorio in Toscana Arch. Riccardo Baracco Ing.Enrico Becattini Area Coordinamento Pianificazione Territoriale e Politiche Abitative D.G. Politiche Territoriali e Ambientali Regione

Dettagli

PORTI 1990 1995 1996 1997 1998 1999 2000(*)

PORTI 1990 1995 1996 1997 1998 1999 2000(*) Tab. 1 Movimentazione merce in container in complesso nei principali porti italiani per ripartizione geografica Anni 1990 2000 (numero di contenitori espresso in teu e composizione percentuale) 1 PORTI

Dettagli

La politica europea dei trasporti e le Dogane

La politica europea dei trasporti e le Dogane Interventi Aprile 2010 Marco De Andreis La politica europea dei trasporti e le Dogane Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 La politica europea dei trasporti e le Dogane di Marco

Dettagli

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA Agenda di Bologna 27 gennaio 2012 1. L area Padano-Alpino-Marittima è caratterizzata da una notevole varietà

Dettagli

Osservatorio infrastrutture e trasporti della regione Lazio. Il traffico merci aereo

Osservatorio infrastrutture e trasporti della regione Lazio. Il traffico merci aereo Osservatorio infrastrutture e trasporti della regione Lazio Il traffico merci aereo Gennaio 2009 OSSERVATORIO INFRASTRUTTURE, TRASPORTI E AMBIENTE II a ANNUALITA 1 Trend delle merci in Europa Il traffico

Dettagli

Port & Shipping Tech Genova, 5 Novembre 2009

Port & Shipping Tech Genova, 5 Novembre 2009 Il ruolo del trasporto combinato nei nodi portuali, potenzialità alla luce delle politiche a favore della logistica sostenibile Port & Shipping Tech Genova, 5 Novembre 2009 Ing. Enrico Pastori Oggetto

Dettagli

Intervento del Dirigente Generale del Dipartimento Trasporti e Comunicazioni della Regione Siciliana, Dott. Vincenzo Falgares

Intervento del Dirigente Generale del Dipartimento Trasporti e Comunicazioni della Regione Siciliana, Dott. Vincenzo Falgares Reti Mediterranee, Interconnessioni materiali e immateriali per l integrazione dei mercati. Seminario internazionale - Palermo, Villa Malfitano, 10.02.2006 Intervento del Dirigente Generale del Dipartimento

Dettagli

Il mercato potenziale del GNL per uso marittimo del terminale LNG Medgas di Gioia Tauro, San Ferdinando e Rosarno

Il mercato potenziale del GNL per uso marittimo del terminale LNG Medgas di Gioia Tauro, San Ferdinando e Rosarno Il mercato potenziale del GNL per uso marittimo del terminale LNG Medgas di Gioia Tauro, San Ferdinando e Rosarno 18 settembre 2015 Agenda 1. L impianto di LNG Medgas Terminal 2. Possibili modalità di

Dettagli

La nostra visione del traffico transfrontaliero di merci e di viaggiatori è ben diversa! Per illustrarla vi abbiamo invitato a questo incontro.

La nostra visione del traffico transfrontaliero di merci e di viaggiatori è ben diversa! Per illustrarla vi abbiamo invitato a questo incontro. Signore e signori, questo cartello, fotografato alla stazione di confine di Domodossola, dice tutto sull attuale situazione nel traffico ferroviario tra l Italia e la Svizzera: Strutture obsolete Impianti

Dettagli

A relazione dell'assessore Balocco: Premesso che:

A relazione dell'assessore Balocco: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU5S1 05/02/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 29 dicembre 2014, n. 23-837 Approvazione bozza Protocollo di Intesa tra Regione Piemonte, Consorzio Collegamenti Integrati Veloci

Dettagli

Seminario MARE, PORTO, CITTA : Un paradigma economico di sviluppo. Porto di Napoli: quali scenari per il futuro

Seminario MARE, PORTO, CITTA : Un paradigma economico di sviluppo. Porto di Napoli: quali scenari per il futuro Seminario MARE, PORTO, CITTA : Un paradigma economico di sviluppo Porto di Napoli: quali scenari per il futuro Napoli, 2 Marzo 2016 Arianna Buonfanti Researcher Maritime Economy Observatory SRM Il Mediterraneo

Dettagli

Il Sistema portuale e logistico Italiano: un asset per la collaborazione internazionale. Massimo D Aiuto Amministratore Delegato

Il Sistema portuale e logistico Italiano: un asset per la collaborazione internazionale. Massimo D Aiuto Amministratore Delegato Il Sistema portuale e logistico Italiano: un asset per la collaborazione internazionale Massimo D Aiuto Amministratore Delegato Genova, 23 novembre 2010 MISSIONE SIMEST promuove l internazionalizzazione

Dettagli

Ipotesi di sviluppo del trasporto combinato marittimo

Ipotesi di sviluppo del trasporto combinato marittimo Ipotesi di sviluppo del trasporto combinato marittimo di Sergio Rossato D.G. Interporto di Padova S.p.A. A.D. di NET Nord Est Terminal S.p.A. Il traffico intermodale COMPLESSIVO dell Interporto di Padova

Dettagli

ANALISI delle BUONE PRATICHE

ANALISI delle BUONE PRATICHE ANALISI delle BUONE PRATICHE POR FESR FVG 2007-2013 Scheda di valutazione Asse 3, Attività 3.1.b INVESTIAMO NEL NOSTRO FUTURO www.regione.fvg.it Progetto Safe and Efficient Cargo [ la scheda fa riferimento

Dettagli