Il ruolo del sistema logistico del Piemonte orientale nell ambito del corridoio Genova- Rotterdam 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il ruolo del sistema logistico del Piemonte orientale nell ambito del corridoio Genova- Rotterdam 1"

Transcript

1 Il ruolo del sistema logistico del Piemonte orientale nell ambito del corridoio Genova- Rotterdam 1 di Marcello Tadini e Christian Violi 2 1. Le dinamiche portuali mediterranee e il ruolo dell arco ligure Nel corso dell ultimo decennio il rapido sviluppo delle economie del Far-east (e più in generale del Sud-est asiatico) e i processi di internazionalizzazione produttiva hanno contribuito in modo rilevante alla crescita dei traffici mondiali determinando la supremazia portuale asiatica e influenzando la geografia delle principali rotte commerciali globali. Di conseguenza, il baricentro dei traffici marittimi internazionali si è spostato, privilegiando i collegamenti da e per il Far-east in virtù delle crescenti relazioni asiatiche con Europa e Nordamerica. Come dimostrano i dati sulla movimentazione mondiale di container, la crescita economica del Far-east trova riscontro nelle percentuali di aumento e nella rilevanza delle rotte che toccano il Sud-est asiatico rispetto ai flussi mondiali. In particolare va sottolineata l importanza di quella Asia-Europa, il cui traffico è aumentato di 5 volte nel periodo (Rodrigue, Comtois e Slack, 2009) e, dopo la contrazione causata dalla crisi economica globale, è tornato in crescita nel 2010 con una movimentazione di 13,5 milioni di TEU 3 (Container Trade Statistics, 2011). L incremento dei traffici provenienti dall Asia orientale e meridionale e diretti verso l Europa attraverso il canale di Suez evidenzia la rinnovata 1 Il paper è stato elaborato a partire dai risultati della ricerca svolta nell ambito del progetto Piedmont Advanced Logistics Integration Objective (PALIO). 2 Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro. Il lavoro è frutto della collaborazione dei due autori, tuttavia vanno attribuiti a Marcello Tadini i paragrafi 1 e 3 e a Christian Violi i paragrafi 2 e 4. 3 Twenty foot Equivalent Unit (TEU) è la misura standard di volume nel trasporto dei container; 1 TEU corrisponde ad un container da 20 piedi (6,1 metri). 1

2 centralità assunta dal Mediterraneo nella geografia dei flussi commerciali mondiali (Siviero, 2010). L esponenziale sviluppo dei flussi di container provenienti dall Asia ha aperto spazi di posizionamento competitivo a molti sistemi portuali e ha rappresentato un occasione di ripresa per il bacino del Mediterraneo e per i porti italiani. Tuttavia, proprio le opportunità che si sono determinate hanno innescato una forte competizione, nella quale si affermano i soggetti ed i sistemi che sono in grado di dare risposte di servizio concorrenziali e soluzioni dotate di affidabilità e competitività (Spirito, 2007). In particolare il traffico in transito dal canale di Suez evidenzia il potenziale dei porti italiani dato il minor numero di giorni necessari per raggiungere questi ultimi rispetto a quelli del Nord Europa. Alla luce di quanto affermato, appaiono attrattivi i porti del Tirreno (e quelli liguri in primo luogo) perché si affacciano sulla zona più ricca del Mediterraneo europeo ed africano (Cazzaniga, 2007). L esame dei flussi di container negli anni più recenti mette in luce, però, uno scenario differente in cui emergono le maggiori capacità competitive dell Europa settentrionale: nel 2009 il 42,5% del traffico container in ingresso ed in uscita dal continente è passato per il cosiddetto Northern Range 4, mentre la quota dei porti del Mediterraneo europeo è stata pari al 34,6%. Tuttavia per approfondire il ruolo che il Mediterraneo svolge oggi nell ambito delle rotte commerciali marittime è necessaria un analisi più completa che consideri anche la sponda sud del bacino, includendo quindi anche i paesi del Nordafrica. La recente evoluzione della movimentazione container nei porti europei e mediterranei (tab. 1 e fig. 1) evidenzia il ruolo forte del Northern Range ma anche la sostanziale stabilità della sua quota (attorno al 37%) a fronte di una significativa crescita dei porti mediterranei (dal 38,9% al 42,9%) grazie alla realizzazione di nuove strutture nei paesi nordafricani (Marocco ed Egitto), alla crescita dei porti spagnoli, all aumento di competitività degli scali del Mediterraneo orientale e ad una migliore capacità di risposta alle difficoltà derivanti dalla crisi economica globale. In questo scenario va inquadrato il sistema dei porti liguri (Savona, Genova e La Spezia) che ha visto calare progressivamente la sua quota di mercato (pari al 3% nel 2009). Le ragioni di questa ridotta competitività sono diverse e risiedono nelle limitazioni fisiche dovute alle modeste 4 Il Northern Range è costituito dai porti della fascia costiera che va da Le Havre in Francia ad Amburgo in Germania. 2

3 capacità di ampliamento, nella insufficiente dotazione di strutture per la movimentazione e lo stoccaggio dei container, nelle carenze infrastrutturali, nella scarsa attrattività per le imprese della fascia alpina e della Germania meridionale (Notteboom, 2008), ma anche nel modello organizzativo della portualità italiana che è di tipo hub and spokes, con Gioia Tauro e Taranto in funzione di porte di ingresso per le grandi navi portacontainer. Tab. 1 Quote di traffico container nelle principali regioni portuali europee e mediterranee Northern Range 36,3 37,6 37,7 37,6 37,7 Mediterraneo occidentale 12,8 11,6 10,8 10,9 10,8 Mediterraneo settentrionale 6,1 6,0 6,1 6,2 6,5 Mediterraneo centrale 9,0 8,1 8,2 8,4 9,1 Atlantico 4,0 4,1 4,2 4,6 4,6 Baltico e Scandinavia 6,3 7,2 7,3 6,9 6,5 Gran Bretagna e Irlanda 8,7 9,0 9,5 9,8 10,2 Mar Nero 1,9 3,2 3,0 2,5 2,1 Totale 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 Fonte: elaborazione dell autore da fonti varie 5 Alla luce delle potenzialità di crescita che nei prossimi anni si prospettano per il bacino del Mediterraneo, la sfida per i porti liguri consiste nel migliorare le infrastrutture portuali e soprattutto nel procedere alla realizzazione di una rete di collegamenti terrestri efficienti per evitare di perdere competitività rispetto ad un sistema logistico globale in continua evoluzione. La condizione per vincere questa sfida è costituita dalla possibilità di ottenere tempi e costi di trasporto, handling e magazzinaggio nei nodi logistici intermodali ubicati nelle zone retroportuali (ma anche più lontani), uguali o inferiori a quelli del Nord Europa (Cazzaniga, 2006). Secondo questo punto di vista risulta evidente il ruolo strategico che possono assumere i porti dell arco ligure (in particolare quello di Genova) e il territorio del Piemonte orientale 6 in una logica di corridoio intermodale 5 Autorità portuali, Espo, Eurostat, Puertos del Estado, Turkish Chamber of Shipping, UK Maritime Statistics, Finnish Port Association, Syrian Bureau of Statistics, Ommp Tunisia, Ministère des Transportes Algerie, Egyptian Maritime Data Bank. La ripartizione in regioni portuali è stata costruita sulla base di quella elaborata da Musso e Parola (2005). 6 Con l espressione Piemonte orientale si intende il territorio formato dalle province di Alessandria, Novara, Vercelli, Biella e Verbano-Cusio-Ossola. 3

4 sud-nord capace di collegare il Mediterraneo settentrionale con il cuore del vecchio continente. Fig. 1 I principali porti europei e mediterranei per traffico container 7 Fonte: elaborazione dell autore su base dati Esri e fonti varie 2. Il ruolo del Piemonte orientale lungo il Corridoio XXIV Il ruolo strategico che va assumendo il territorio del Piemonte orientale dipende dunque dalla sua posizione lungo l asse di collegamento che unisce i porti del Nord Europa a quelli dell arco ligure, identificato a scala europea come Corridoio XXIV. Tale ruolo viene riconosciuto e ben delineato all interno degli scenari programmatici anche di livello nazionale e regionale (tab. 2). La vocazione logistica di questo territorio è infatti consolidata e si fonda sulla presenza di nodi sorti e sviluppatisi in un lungo arco di tempo. Le ragioni che hanno condotto a questo sviluppo sono principalmente la vicinanza all area metropolitana milanese; la disponibilità di ampie aree potenzialmente attrezzabili ai fini logistici a prezzi relativamente contenuti 7 Sono stati considerati i porti europei e mediterranei con una movimentazione annua di almeno TEU. 4

5 rispetto alle ormai sature aree lombarde; la localizzazione in prossimità dei porti liguri, appena oltre la cerchia delle Alpi; l intersezione delle vie di comunicazione che collegano il Nord ed il Centro Europa al Mediterraneo, così come di quelle che attraversano la Pianura Padana. Tab. 2 Il ruolo del Piemonte orientale alle diverse scale geografiche SCALA DOCUMENTO RUOLO DEL PIEMONTE ORIENTALE Unione Europea Italia Piemonte Rete TEN-T Piano Nazionale per la Logistica Quadro Strategico Nazionale Allegato infrastrutture DPEF Piano Territoriale Regionale Piano Regionale per la Logistica Individuazione tra i progetti prioritari del Corridoio dei due mari Genova-Rotterdam e prolungamento a Sud attraverso le Autostrade del Mare Individuazione della Piattaforma logistica del Nord-Ovest, ancorata sui nodi strategici di Genova, Novara, Alessandria e Malpensa Individuazione della Piattaforma strategica di portata transnazionale Corridoio dei due mari (Integrazione dei nodi lungo il Corridoio dei nodi indicati nel PNL) Riconoscimento del Corridoio dei due mari come Piattaforma strategica di saldatura tra Italia e sistema europeo Definizione dei ruoli dei diversi nodi strategici all interno della direttrice Genova-Sempione Specificazione del ruolo dei quadranti novarese ed alessandrino all interno delle principali direttrici europee Tra tutti i fattori sopra indicati, il posizionamento del Piemonte orientale lungo la direttrice dei due mari è senza dubbio quello che offre nuove e più interessanti prospettive. Infatti «il Corridoio XXIV è in grado di indurre quel decisivo salto dimensionale, quantitativo e qualitativo, per generare il quale risulta decisivo il potenziamento del sistema portuale ligure (ed in particolare del porto di Genova-Voltri) ed il suo collegamento diretto sia con l articolato sistema logistico alessandrino e padano sia con i mercati europei» (Piano Regionale per la Logistica, 2010). Il posizionamento dell area lungo questo corridoio, inoltre, rappresenta il vero fattore potenzialmente unificante per i diversi nodi che vi si trovano: tali strutture, infatti, presentano grandi differenze in merito alla tipologia, alle dimensioni, ai servizi offerti ed ai mercati serviti. Ciò implica che la costruzione di un sistema integrato debba passare attraverso l identificazione della comune vocazione a servizio dei traffici lungo il Corridoio XXIV. Allo stato attuale, invece, lungo questa direttrice, è presente una notevole frattura in termini di flussi nel tratto compreso tra Alessandria e 5

6 Novara: le merci sono per lo più dirette all area metropolitana milanese giungendo dai porti del Nord Europa, con tappa a Novara, oppure direttamente dai porti liguri senza fermarsi sul territorio (soltanto per una parte limitata, infatti, i nodi logistici dell alessandrino riescono ad intercettare i flussi provenienti dall arco ligure). Sono praticamente inesistenti, dunque, flussi di merci che dai porti liguri giungono alle aree del Centro e del Nord Europa attraverso i nodi del Piemonte orientale. Cambiare questa situazione è possibile soltanto attraverso l aumento di competitività delle strutture portuali (che, come si è visto, risentono oggi di pesanti ritardi nei confronti dei concorrenti), da realizzare senza dubbio attraverso il miglioramento delle infrastrutture interne ai porti stessi ma soprattutto attraverso migliori connessioni con l interno ed attraverso la presenza di servizi retroportuali per la manipolazione delle merci. 3. Il sistema logistico del Piemonte orientale La collocazione rispetto al mercato del Nord-Ovest, la dotazione del sistema infrastrutturale, l accessibilità e la connettività offerte dalla rete stradale e ferroviaria hanno favorito la realizzazione di importanti nodi logistici e intermodali nel territorio del Piemonte orientale. Per comporre il quadro conoscitivo relativo a questi nodi si è proceduto a censire i principali siti logistici 8, cioè quelle aree in cui siano presenti interporti, strutture intermodali, scali merci ed impianti privati che si ritengono di primaria rilevanza sia per la loro localizzazione territoriale, sia per il loro ruolo funzionale per il sistema economico di riferimento, sia ancora per le integrazioni/relazioni in grado di sviluppare nella logica dei Corridoi V e XXIV. La fig. 2 mostra la distribuzione dei siti logistici (in termini numerici e di superfici occupate) nel territorio del Piemonte orientale e in particolare evidenzia una polarizzazione attorno a due ambiti: il basso novarese (che include anche parte del vercellese) e l alessandrino meridionale. Tale configurazione appare coerente con quella delineata in precedenza dal punto di vista dell origine e destinazione dei flussi di merci lungo il Corridoio XXIV. 8 Sono state prese in considerazione quelle localizzazioni a prevalente vocazione logistica (formate da singole imprese o da un complesso di imprese agglomerate) il cui taglio dimensionale minimo sia pari a mq. 6

7 Fig. 2 I principali siti logistici del Piemonte orientale (localizzazione e superfici) Fonte: elaborazione dell autore su dati Repertorio cartografico della Regione Piemonte Nel primo ambito si registra una significativa presenza di insediamenti logistici dipendenti unicamente dalla modalità stradale (Romentino, San Pietro Mosezzo, Cameri, Vercelli sud, Arborio e Carisio) ma anche di siti 7

8 per l intermodalità delle merci (l interporto CIM di Novara, il terminal intermodale di Oleggio, i Magazzini Generali dei Trafori e i Magazzini Generali Doganali a Vercelli), localizzati lungo l asse Torino-Milano e sulla direttrice del Sempione. In posizione strategica (anche se isolata) lungo quest ultima, è localizzato lo scalo ferroviario di Domo II (ad oggi sottoutilizzato) che offre servizi intermodali. L offerta logistica del polo alessandrino si sviluppa prevalentemente nella parte meridionale della provincia e in particolare sull asse Genova- Arquata Scrivia-Tortona (che conduce a Milano) lungo il quale sono posizionate le strutture che offrono servizi intermodali (gli interporti di Rivalta Scrivia e di Arquata Scrivia) e logistici (Tortona e Pozzolo Formigaro), mentre risulta molto inferiore sulla direttrice Genova-Ovada- Alessandria e nel capoluogo in cui è presente uno scalo merci ferroviario ampiamente sottoutilizzato. Nel complesso i siti logistici del Piemonte orientale occupano una superficie di circa 11,7 milioni di metri quadrati ed appaiono caratterizzati da una tendenza alla frammentazione che si è creata in tempi recenti con la realizzazione di nuove strutture (a Biandrate, Romentino, Cameri, Vercelli, Carisio per il polo novarese, Tortona e Capriata d Orba per il polo alessandrino) localizzate in aree limitrofe ai poli urbani, attestate in prossimità della rete viaria principale e caratterizzate dall assenza di connessione con le infrastrutture ferroviarie. Un esame più approfondito sulle caratteristiche dei siti logistici dal punto di vista dei clienti e dei mercati serviti, delle merci trattate, delle posizioni specifiche lungo i corridoi europei e delle spinte centrifughe esercitate dalla metropoli milanese consente di far emergere alla scala del Piemonte orientale la differenziazione dei nodi presenti sul territorio e, anche se in modo implicito, l influenza reciproca esistente tra gli stessi (Tadini, 2010). La fig. 2 mostra altresì il quadro progettuale complessivo che prevede un incremento delle superfici pari a circa 6 milioni di metri quadrati (a cui vanno aggiunti circa mq di riqualificazione dell esistente) e mette in luce la volontà di rafforzare la dotazione funzionale dell area pedemontana (attualmente poco servita), di aumentare le strutture concentrate lungo l asse urbano Novara-Vercelli (nel contesto del Corridoio V), di potenziare il triangolo Alessandria-Novi Ligure-Tortona e di incrementare l offerta logistica del casalese. Lo scenario di sviluppo futuro desumibile dalle scelte strategiche di livello locale (provinciale e comunale) appare caratterizzato da un ulteriore 8

9 incremento della frammentazione logistica che già oggi contraddistingue i territori del Piemonte orientale, da una carenza di coordinamento nella progettazione e dall assenza di un disegno territoriale unitario. A questi elementi di debolezza ha cercato di porre rimedio recentemente il Piano Regionale della Logistica, evidenziando la necessità di contenere il più possibile le espansioni logistiche sul territorio del Piemonte orientale (a favore di interventi di accorpamento e razionalizzazione delle attività già in essere) e di valorizzare le vocazioni specifiche delle due principali polarità logistiche dell area: crocevia infrastrutturale con funzioni di apertura internazionale verso il nord Europa per il novarese e area retroportuale con dotazione di servizi avanzati per l alessandrino. 4. Conclusioni Nel territorio del Piemonte orientale sono dunque localizzati alcuni importanti siti logistici, sia per superfici sia per volumi trattati. Si avverte tuttavia la necessità di raggiungere una situazione di maggiore integrazione del sistema, al fine di assicurare una gamma di servizi più ampia, evitare inutili sovrapposizioni ed aumentare il livello di competitività di tutta l area, compreso l arco portuale ligure. Ciò è possibile, vista la situazione di partenza, soltanto attraverso una progressiva distinzione nelle funzioni di ciascuna area, l individuazione degli assi di percorrenza delle merci più favorevoli, le possibili specializzazioni funzionali ed anche, in alcuni casi, merceologiche. Le leve da attivare per raggiungere questo risultato sono molteplici, ma le principali possono essere identificate nella realizzazione delle infrastrutture strategiche, nel rilancio dei servizi ferroviari e nella localizzazione di servizi logistici avanzati. In quest area numerosi sono gli interventi infrastrutturali previsti, finalizzati principalmente a suddividere i flussi di traffico (tra quelli merci e passeggeri a lunga percorrenza e quelli passeggeri a breve percorrenza) e ad assicurare un collegamento più efficiente fra il sistema portuale ligure e la rete ferroviaria. Perno di questa strategia è la realizzazione del cosiddetto Terzo Valico dei Giovi, opera che dovrebbe dotare il porto di Genova di efficienti servizi ferroviari e favorire il trasferimento modale dalla gomma al ferro. La connessione della nuova linea con le linee storiche dovrebbe inoltre garantire al territorio del Basso Piemonte la fermata delle merci nell area, evitando che esse procedano sino a destinazione in maniera diretta. Nel Piemonte nord-orientale i progetti di potenziamento della rete 9

10 ferroviaria riguardano in primo luogo la linea che dal Sempione scende verso Novara. Anche in questo caso l obiettivo è quello di separare il più possibile il traffico merci da quello passeggeri, di raddoppiare alcune linee chiave per il trasporto merci e di migliorare l efficienza della rete esistente. Altra variabile fondamentale nello sviluppo dello scenario prospettato è l aumento dell offerta di servizi ad alto valore aggiunto, ad oggi poco presenti nell area. Anche per questo motivo una percentuale largamente preponderante di merci approda in Europa dai porti del Northern Range e viene successivamente inviata alle aree di destinazione nel Nord Italia dopo aver subito processi di personalizzazione in Olanda o in Belgio. Le analisi svolte su questo tipo di servizi, indicano chiaramente che essi devono essere collocati ad una distanza massima dal porto di sbarco di 500 Km. Per lo sviluppo delle attività logistiche ad alto valore aggiunto, dunque, si deve puntare decisamente al traffico generato dal sistema portuale ligure, che dovrà trovare nell alessandrino ed in parte nel novarese nodi attrezzati per la lavorazione delle merci (Piano Regionale per la Logistica, 2010). Lo sviluppo dell intermodalità, ad oggi limitata ad alcune realtà, è da considerarsi in questo contesto un fattore decisivo per incrementare la competitività del sistema e dei porti che ad esso potrebbero far riferimento: soltanto attraverso efficienti collegamenti via ferro, infatti, sarà possibile attrarre flussi di merci che giungano ai porti liguri per essere distribuite ai mercati del Centro e Nord Europa. Oltre al deficit infrastrutturale pesante del quale risente il paese, altri fattori che riducono la possibilità di utilizzare la ferrovia sono la carsa efficienza dei servizi, mediamente più costosi e meno puntuali rispetto agli altri paesi europei, la mancanza di coordinamento tra i diversi attori del settore e tra questi ed i soggetti pubblici, la mancanza di politiche di disincentivo all utilizzo del solo mezzo su gomma come avvenuto in altri paesi. Combinando le variabili sopra individuate è possibile delineare uno scenario di lungo periodo nel quale il territorio del Piemonte orientale si strutturi come sistema integrato, a servizio in primo luogo dei porti liguri ma capace anche di continuare nell attuale funzione di smistamento delle merci provenienti anche dai porti del Northern Range. Si può quindi pensare ad un sistema misto, nel quale i siti localizzati lungo la direttrice che conduce al mercato milanese e lombardo (ma anche emiliano) vengano utilizzati per fungere da retroporto per la lavorazione e la successiva distribuzione a corto raggio (come già oggi avviene), sviluppando pienamente le competenze accumulate soprattutto nell ambito del settore food. Il nuovo importante insediamento presso Alessandria, che funga da dry port, dovrebbe invece essere destinato alla lavorazione/personalizzazione delle merci ed alla successiva spedizione 10

11 verso i mercati del Centro-Nord Europa. Appare decisamente da evitare, invece, l ipotesi che anche in quest area si insedino funzioni puramente retroportuali a basso valore aggiunto e per il mercato locale. Risalendo verso nord l altra grande area logistica di portata sovranazionale è senza dubbio quella novarese, all interno della quale è possibile ipotizzare uno sviluppo delle strutture già presenti. La vocazione radicata ai collegamenti col Nord Europa dovrebbe essere affiancata dall inserimento nell interporto di Novara di maggiori spazi dedicati allo stoccaggio delle merci e soprattutto di servizi di alto livello ad oggi non disponibili. L area di Domodossola, attestata in prossimità del confine svizzero, necessita di un rilancio che passa dalla realizzazione dei progetti ad oggi soltanto ipotizzati: essi prevedono lo sfruttamento degli ampi spazi liberi all interno del sito di Domodossola per la localizzazione di attività industriali/logistiche che incrementino sensibilmente la quota di merci stoccate, lavorate e redistribuite rispetto a quelle in transito. Il compito di agire sui fattori strategici descritti e di guidare il territorio verso una nuova configurazione maggiormente competitiva spetta agli attori locali. La costruzione di un sistema, infatti, passa necessariamente da un ruolo forte di regia dei soggetti pubblici e da forme di collaborazione tra quelli privati. Bibliografia Borruso G., Polidori G., eds. (2005), Riequilibrio ed integrazione modale nel trasporto merci, Franco Angeli, Milano. Cazzaniga Francesetti D. (2006), I criteri di scelta dei porti internazionali e i porti italiani, VIII Congresso SIET, Trieste, giugno Cazzaniga Francesetti D. (2007), Il futuro della portualità italiana: una scommessa difficile, testo disponibile al sito: consultazione marzo Commissione Europea (2005), Trans-European Transport Network, Bruxelles, luglio Comune di Alessandria (Ente Capofila) (2008), Programma Territoriale Integrato della Piana alessandrina. Programma Operativo, testo disponibile al sito: Comune di Biella (Ente Capofila) (2008), Programma Territoriale Integrato Biella Laboratorio Tessile. Programma Operativo, testo disponibile al sito: 11

12 Comune di Casale Monferrato (Ente Capofila) (2008), Programma Territoriale Integrato dell area casalese: freddo, logistica, energia per uno sviluppo competitivo. Programma Operativo, testo disponibile al sito: Comune di Novara (Ente Capofila) (2008), Programma Territoriale Integrato Innovare in Novara: Novara città della chimica verde: distretto tecnologico della chimica sostenibile ed efficienza energetica per lo sviluppo del territorio. Programma Operativo, testo disponibile al sito: Comune di Verbania (Ente Capofila) (2008), Programma Territoriale Integrato VCO Qualità in movimento. Programma Operativo, testo disponibile al sito: Comune di Vercelli (Ente Capofila) (2008), Programma Territoriale Integrato Terra di Mezzo. Programma Operativo, testo disponibile al sito: Container Trade Statistics (2011), CTS Newsletter April 2011, testo disponibile al sito: consultazione aprile D Agostino Z., Iannone F. (2005), L ottimizzazione di un sistema logistico regionale, ItaliaMondo Logistica e intermodalità, 71: Esri (2008), ArcGis Data & Maps 9.3, Redlands (CA). European Sea Ports Organisation (2010), Annual Report , testo disponibile al sito: consultazione marzo Fornasiero E., Libardo A. (2010), Economia di mercato e sostenibilità delle catene intermodali di trasporto, XII Riunione Scientifica Annuale della Società Italiana degli Economisti dei Trasporti, Roma, giugno. Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (2010), Le linee politiche del Piano Nazionale della Logistica, Roma, dicembre Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (2010), Programma infrastrutture strategiche. Programmare il territorio, le infrastrutture, le risorse, Roma, settembre Ministero dello Sviluppo Economico (2007), Quadro Strategico Nazionale per la politica regionale di sviluppo , Roma, giugno Musso E., Parola F. (2005), Mediterranean ports in the global network: how to make the hub&spoke paradigm sustainable?, International Workshop on new generation Port-Cities & their role in global supply chains, Genova, 12 dicembre Notteboom T. (2008), The relationship between seaports and the intermodal hinterland in light of global supply chains, Discussion Paper n , OECD-International Transport Forum, March Notteboom T. (2009), Economic analysis of the European port system, ESPO 12

13 Annual conference, Marsiglia, maggio Odone P. (2008), Vie di mare e di terra nel Mediterraneo, Euro-Med TDS Conference, Roma, 19 novembre Ottimo E., Vona R., a cura di (2001), Sistemi di logistica integrata. Hub territoriali e logistica internazionale, Egea, Milano. Provincia del Verbano-Cusio-Ossola (2009), Piano Territoriale Provinciale, Verbania, marzo Provincia di Alessandria (2007), Piano Territoriale Provinciale I Variante di adeguamento, Alessandria, febbraio Provincia di Biella (2009), Piano Territoriale Provinciale Variante n 1, Biella, aprile Provincia di Novara (2004), Piano Territoriale Provinciale, Novara, ottobre Provincia di Vercelli (2005), Piano Territoriale Provinciale, Vercelli, luglio Regione Piemonte (2005), Per un nuovo Piano Territoriale Regionale. Documento programmatico, Assessorato Politiche Territoriali, Torino, dicembre Regione Piemonte (2010), Piano Regionale per la Logistica, Regione Piemonte Assessorato ai Trasporti e Infrastrutture, Torino, gennaio Regione Piemonte (2010), Repertorio Cartografico, disponibile al sito consultazione marzo Rodrigue J-P., Comtois C., Slack B. (2009), The Geography of Transport Systems, Second Edition, Routledge, New York. Siviero L. (2010), Economia dei trasporti intermodali e innovazione logistica, Franco Angeli, Milano. Spirito P. (2007), Il sistema italiano dei porti mediterranei e l integrazione con il traffico terrestre, testo disponibile al sito: Tadini M. (2010), Lo scenario infrastrutturale e dell intermodalità trasportistica, in Emanuel C. e Tadini M., a cura di, Progettare il cambiamento. Analisi, scenari e strategie per il quadrante territoriale del Nord-est piemontese, Mercurio Edizioni, Vercelli. United Nations Conference on Trade and Development (2010), Review of maritime transport 2010, testo disponibile al sito: consultazione marzo

Lo shipping e la portualità nel Mediterraneo: opportunità e sfide per l Italia

Lo shipping e la portualità nel Mediterraneo: opportunità e sfide per l Italia Lo shipping e la portualità nel Mediterraneo: opportunità e sfide per l Italia Arianna Buonfanti 1 1 SRM Riassunto Scopo di questo paper è delineare l andamento e i possibili futuri scenari logistici nel

Dettagli

INIZIATIVA DI STUDIO SULLA PORTUALITA ITALIANA

INIZIATIVA DI STUDIO SULLA PORTUALITA ITALIANA Ufficio per gli investimenti di rete e i servizi di pubblica utilità Servizio per le Infrastrutture e la regolazione dei servizi di pubblica utilità Presidenza del Consiglio dei Minis INIZIATIVA DI STUDIO

Dettagli

PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA

PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Indice generale Indice generale... II Introduzione... - 6 - Perché un Piano Strategico Nazionale

Dettagli

PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA

PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Indice generale Indice generale... II Introduzione...- 5 - Perché un Piano Strategico Nazionale

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

2nd Conference on Liquefied Natural Gas for Transport Italy and the Mediterranean Area Andrea Stegher, Head of Business Development

2nd Conference on Liquefied Natural Gas for Transport Italy and the Mediterranean Area Andrea Stegher, Head of Business Development 2nd Conference on Liquefied Natural Gas for Transport Italy and the Mediterranean Area Andrea Stegher, Head of Business Development Roma, 10-11 aprile 2014 snam.it «Small-scale LNG»: un interesse in crescita

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Autostrade del Mare 2.0. Risultati, criticità, proposte per il rilancio

Autostrade del Mare 2.0. Risultati, criticità, proposte per il rilancio Autostrade del Mare 2.0 Risultati, criticità, proposte per il rilancio 2 APRILE 2014 Il presente rapporto è stato redatto da Andrea Appetecchia (Isfort) al termine di un itinerario di approfondimento sul

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

Programma di cooperazione transnazionale MED 2014-2020

Programma di cooperazione transnazionale MED 2014-2020 Analisi sulla cooperazione italiana al Programma di Cooperazione Transnazionale MED 2007-2013 e raccomandazioni a supporto della delegazione nazionale Programma di cooperazione transnazionale MED 2014-2020

Dettagli

Primo Rapporto Annuale al Parlamento

Primo Rapporto Annuale al Parlamento Primo Rapporto Annuale al Parlamento Camera dei Deputati 16 luglio 2014 Indice Generale Premessa 3 Capitolo primo - Dati economici e problemi regolatori 4 Capitolo secondo - L attività dell Autorità 123

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Alberto Cucatto Provincia di Torino Servizio Qualità dell aria e Risorse Energetiche Giugno 2006 Analisi delle possibilità di

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE Progetto SEE-ITS in breve SEE-ITS è un progetto transnazionale che mira a stimolare la cooperazione, l'armonizzazione e l'interoperabilità tra Sistemi di Trasporto Intelligenti (ITS) nel Sud-Est Europa.

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E

I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E U N O S T R U M E N T O F A C I L E, P R E C I S O E D E F F I C I E N T E ChronoMap è lo strumento ideale per le

Dettagli

POLO UNIVERSITARIO SISTEMI LOGISTICI DI LIVORNO. Master universitario in GESTIONE DEI SISTEMI LOGISTICI

POLO UNIVERSITARIO SISTEMI LOGISTICI DI LIVORNO. Master universitario in GESTIONE DEI SISTEMI LOGISTICI Master universitario in GESTIONE DEI SISTEMI LOGISTICI POLO UNIVERSITARIO SISTEMI LOGISTICI DI LIVORNO Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale OBIETTIVI E CARATTERISTICHE GENERALI Il Master è rivolto

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

SEA, AIR, LOGISTICS AND CARE IL TRASPORTO NEL SUO ELEMENTO

SEA, AIR, LOGISTICS AND CARE IL TRASPORTO NEL SUO ELEMENTO SEA, AIR, LOGISTICS AND CARE IL TRASPORTO NEL SUO ELEMENTO RAGGIUNGERE IL FINE, CON OGNI MEZZO. PIÙ CHE UNA FILOSOFIA, UNA PROMESSA. INSPED ERA GLOBALE PRIMA ANCORA CHE SI PARLASSE DI GLOBALIZZAZIONE.

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Programma Attuativo Regionale del Fondo Aree Sottoutilizzate 2007-2013 (PAR FAS) 1

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO

ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO Relatore Prof.ssa Maspoli Rossella Candidate Campagnolo Romina Panella Marta LA PERIFERIA E I SUOI SPAZI

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DECRETO n. 429 del 15 dicembre 2011 Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2012 IL MINISTRO

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE

ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema I CAS DELLE AZIENDE OSPEDALIERE DOTT. A. CAPALDI I.R.C.C.s Candiolo Regione

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Studio di fattibilità di un nuovo casello autostradale in corrispondenza dell interconnessione A4 - A22 e della relativa viabilità di accesso

Studio di fattibilità di un nuovo casello autostradale in corrispondenza dell interconnessione A4 - A22 e della relativa viabilità di accesso Studio di fattibilità di un nuovo casello autostradale in corrispondenza dell interconnessione A4 - A22 e della relativa viabilità di accesso INQUADRAMENTO GENERALE Intersezione Corridoio I (Berlino- Palermo)

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino)

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) Mappathon, 9 Aprile 2015 Relatore: Danilo Botta, Project Manager, 5T S.r.l. La genesi

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 Oggetto: Aiuto di Stato N 540/2009 - Francia Proroga dell aiuto NN 155/2003 Realizzazione di un servizio sperimentale di autostrada ferroviaria e Aiuto

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

Occorre che l'europa investa:

Occorre che l'europa investa: 33 A tal fine, è opportuno individuare e potenziare le infrastrutture prioritarie per la sicurezza dell approvvigionamento (compresi i gasdotti, gli oleodotti e i terminal Gas Naturale Liquefatto) e delle

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

I porti marittimi e la logistica in Italia

I porti marittimi e la logistica in Italia Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. I porti marittimi e la logistica in Italia A CURA DI INFORMEST Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 - I PORTI MARITTIMI E LA LOGISTICA: IL CONTESTO NAZIONALE 2009-2010...

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

SICURo. DISCRETo. AFFIDABILE.

SICURo. DISCRETo. AFFIDABILE. SICURo. DISCRETo. AFFIDABILE. Le vostre esigenze. IL NOSTRO STILE. Gli specialisti della VIA MAT INTERNATIONAL vantano una pluriennale esperienza nell offrire ai nostri clienti servizi professionali di

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa 03 NOV 2014 Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa Da oggi Artoni Europe, servizio internazionale di Artoni Trasporti, raggiunge ben 32 paesi Europei con

Dettagli