I Fondamentali di Controllo di Gestione. Parte II

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Fondamentali di Controllo di Gestione. Parte II"

Transcript

1 I Fondamentali di Controllo di Gestione Parte II

2 LA STRUTTURA DEL SISTEMA DI CONTROLLO DI GESTIONE definizione di una struttura organizzativa costruzione della struttura tecnico contabile attivazione del processo

3 AZIENDA INDUSTRIALE COMMERCIALE STRUTTURA C.A. C.C. 1 C.A. CENTRI AUSILIARI O DI SERVIZI C.P. C.C. CENTRI COMUNI O DI STRUTTURA MONT. LINEA Y MONT. LINEA X COSTI COMUNI DIREZ. MONT. 2 1 T 2 T C.C. 3

4 CENTRO DI RESPONSABILITA Un unità operativa è centro di responsabilità Quando c è OMOGENEITA delle attività svolte dotazione di fattori produttivi operazioni compiute produzione effettuata SIGNIFICATIVITA deve giustificare il lavoro amministrativo INDIVIDUAZIONE DI UN RESPONSABILE

5 RESPONSABILE Partecipa al processo di budget Interviene nelle rilevazioni analitiche consuntive È destinatario del sistema di reporting

6 CONTABILITA' ANALITICA BUDGET CONTABILITA' GENERALE ANALISI PER VARIANTI BILANCIO SISTEMA DI REPORTING

7 ANNO 0 "BUDGET" CONTABILITA' ANALITICA ANNO 1 BUDGET CONTABILITA' ANALITICA ANALISI SCOSTAMENTI

8 RUOLO DEL CONTROLLER CREATIVO (primo impianto, revisioni) TECNICO-CONSULENTE DIDATTICO (operativi, top manager, proprietà) FORMATORE-PSICOLOGO GESTORE (sistema a regime) AMMINISTRATIVO

9 CONTROLLO DI GESTIONE SVILUPPO DEL BUDGET RILEVAZIONI ANALITICHE CONSUNTIVE ELABORAZIONE VARIANTI FASE AMMINISTRATIVA ANALISI SCOSTAMENTI FASE TECNICA INTERVENTI CORRETTIVI FASE OPERATIVA

10 IL BUDGET ECONOMICO FINANZIARIO PATRIMONIALE

11 PREVISIONI PROGRAMMA PIANO DECISIONE SUBITE RAGIONATO BUDGET

12 BUDGET Previsione Ipotesi Simulazione PIANO Semplificazione della realtà PROGRAMMA ATTIVITA Integrazione Obiettivo Target Negoziazione Condivisione Motivazione CONTRATTO DECISIONE APPROVAZIONE

13 FLUSSI INFORMATIVI DI BUDGET BUDGET COMMERCIALE BUDGET DELLA PRODUZIONE COSTO INDUSTRIALE PIANO DEI VOLUMI DI VENDITA COSTO DEL PERSONALE BUDGET DELLE STRUTTURE CONTI ECONOMICI

14 BUDGET Per raggiungere la MISSION In linea con la STRATEGIA secondo le POLITICHE Tempificazione Costruzione (top down bottom up)

15 IL BUDGET E LE POLITICHE AZIENDALI IL BUDGET RIFLETTE LE POLITICHE AZIENDALI CHE I RESPONSABILI OPERATIVI INTENDONO ATTUARE PER RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI STRATEGICI AZIENDALI LE POLITICHE AZIENDALI RAPPRESENTANO LE AZIONI CHE IL MANAGEMENT INTENDE PORRE IN ATTO ALL INTERNO DELLE PROPRIE AREE DI RESPONSABILITA

16 BUDGET a Quantità e in relazione alle ATTIVITA (poi valorizzato) quindi non può prescindere dalla conoscenza del PROCESSO generale e particolare dei PRODOTTI e/o dei SERVIZI

17 Due Output il costo standard dei prodotti o dei servizi il budget per centro di costo

18 BUDGET DEL SISTEMA PRODUTTIVO INDIVIDUAZIONE FABBISOGNI FATTORI PRODUTTIVI DETERMINAZIONE COSTI STANDARD FATTORI PRODUTTIVI COPERTURA FABBISOGNI FATTORI PRODUTTIVI BUDGET ECONOMICO PER CENTRO DETERMINAZIONE COSTI STANDARD PRODOTTI FINITI

19 AZIENDE COMMERCIALI RICAVI DI VENDITA MENO COSTO DEL VENDUTO

20 PIANO DI VENDITA E L ESPRESSIONE DELLE POLITICHE COMMERCIALI DELL IMPRESA E NECESSARIO TENER CONTO DI TRE VARIABILI RAGGRUPPAMENTI DI PRODOTTO: - SINGOLO PRODOTTO - LINEA DI PRODOTTI LOCALIZZAZIONE SPAZIALE DELLE VENDITE - CANALI DI VENDITA - AREA GEOGRAFICA LOCALIZZAZIONE TEMPORALE: - MENSILE - TRIMESTRALE - ANNUALE

21 SCONTI QUANTITÀ QUALITÀ INIZIO Lancio ATTIVITA FINE liquidazione/rinnovo TEMPO INIZIO promozione HAPPY HOURS FINE saldi Lancio PRODOTTO sviluppo declino rottamazione CONTRATTUALE bonus malus FISCALE FINANZIARIO

22 FLUSSO BUDGET COMMERCIALE Prezzo di listino x Volumi di vendita Budget dei ricavi lordi Ricavi lordi x % di sconto Budget degli sconti VOLUMI DI VENDITA Ricavi lordi - sconti Budget dei ricavi netti PREZZI DI VENDITA E SCONTI PREZZO D ACQUISTO Volumi di vendita x prezzo d acquisto Budget del costo del venduto

23 FLUSSO CONSUNTIVO COMMERCIALE Prezzo di listino x Volumi di vendita Ricavi lordi Ricavi netti Ricavi netti o fatturato Ricavi lordi - ricavi netti Sconti effettivi Volumi di vendita x prezzo d acquisto costo del venduto

24 AZIENDE di PRODUZIONE RICAVI DI VENDITA MENO COSTO DEL VENDUTO

25 FLUSSO BUDGET COMMERCIALE Prezzo di listino x Volumi di vendita Budget dei ricavi lordi Ricavi lordi x % di sconto Budget degli sconti VOLUMI DI VENDITA Ricavi lordi - sconti Budget dei ricavi netti ANAGRAFICA COMMERCIALE Ricavi netti x % provvigione Budget delle provvigioni Costo di trasporto x Volumi di vendita Budget di costi di trasporto COSTO IND.LE STANDARD DA BUDGET DELLA PRODUZIONE Volumi di vendita x Costo ind.le o prezzo d acquisto (prodotti commercializzati) Budget del costo del venduto

26 RICAVI meno COSTI VARIABILI PRODUZIONE meno COSTI INDUSTRIALI MARGINE INDUSTRIALE meno COSTI COMMERCIALI MARGINE COMMERCIALE meno COSTI DI STRUTTURA RISULTATO OPERATIVO COSTI FISSI PRODUZIONE COSTI VARIABILI COMMERCIALI COSTI FISSI COMMERCIALI COSTI DI STRUTTURA COSTI VARIABILI MARGINE DI CONTRIBUZIONE RISULTATO OPERATIVO meno COSTI FISSI

27 PROCESSO DI FORMAZIONE DEL BUDGET PREVISIONE DELLO SCENARIO ESTERNO ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA DELL AZIENDA DEFINIZIONE DEI MACRO OBIETTIVI ELABORAZIONE DEL PIANO DI DETTAGLIO CON DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI DELLE DIVERSE UNITA ORGANIZZATIVE VERIFICA DELLA FATTIBILITA ECONOMICO/FINANZIARIA REVISIONE EVENTUALE DEGLI OBIETTIVI APPROVAZIONE

28 SISTEMA INPUT - OUTPUT BUDGET PRODUTTIVO DISTINTA BASE PIANO OPERATIVO VOLUMI PRODUZIONE BUDGET DEI FATTORI PRODUTTIVI VARIABILI SISTEMA DI INPUT BUDGET MANODOPERA DIRETTA BUDGET MANODOPERA INDIRETTA BUDGET MATERIE PRIME BUDGET IMPIEGATI DIRIGENTI BUDGET IMPIANTI BUDGET FATTORI PRODUTTIVI FISSI BUDGET ALTRE SPESE INDUSTRIALI BUDGET UTILITIES BUDGET LAVORAZIONI ESTERNE BUDGET ADDEBITI BDG ADD. CENTRI SERVIZI BDG ADD. QUOTE CDC COMUNI SISTEMA DI OUTPUT COSTO STANDARD SEMILAVORATI COSTO STANDARD PRODOTTI BUDGET CENTRI PRODUTTIVI BUDGET SETTORE PRODUTTIVO

29 CENTRO 3 GEN FEB MAR APR CENTRO 2 GEN FEB MAR APR CENTRO 1 GEN FEB MAR APR Manodopera Materie prime Ammortamenti BUDGET ECONOMICO PER CENTRO ANALISI INFRANNUALE NO PRODOTTO PRODOTTO B PRODOTTO A Manodopera Materie prime Ammortamenti CENTRO 1 CENTRO 2 COSTO STANDARD DI PRODOTTO ANALISI PER CENTRO NO INFRANNUALE

30 DISTINTA BASE e CICLI DOCUMENTO CHE CONTIENE PER OGNI PRODOTTO TUTTE LE INFORMAZIONI RELATIVE A: 1 - METODI 2 - TEMPI 3 - CONSUMI 4 - SCARTI 5 - LOTTI BISOGNA SCOMPORRE IL PRODOTTO IN PARTI COMPONENTI ED EVIDENZIARE, ALL INTERNO DEL CICLO PRODUTTIVO, I DIVERSI CENTRI NEI QUALI VENGONO PRODOTTI BISOGNA DETERMINARE PER SINGOLO CENTRO PRODUTTIVO I TEMPI UNITARI STANDARD DI LAVORAZIONE, SIA DELLA MANODOPERA SIA DI IMPIANTI E MACCHINARI SIA DI ATTREZZAGGIO DEI MCCHINARI BISOGNA DETERMINARE I CONSUMI UNITARI STANDARD DI MATERIE PRIME BISOGNA DETERMINARE GLI SCARTI STANDARD PER CENTRO PRODUTTIVO NEL PASSAGGIO DEL SEMILAVORATO DA UN CENTRO ALL ALTRO BISOGNA DETERMINARE I LOTTI STANDARD

31 SCARTI IL SISTEMA DI BUDGET SEGUE UNA LOGICA DI INPUT-OUTPUT IN CUI L OUTPUT E RAPPRESENTATO DALLE QUANTITA DI SEMILAVORATO USCITE DAL CENTRO E L INPUT DALLE QUANTITA DI FATTORI PRODUTTIVI ENTRATI NEL CENTRO PER OTTENERE UN OUTPUT DI 100, L INPUT DEVE ESSERE MAGGIORATO DELLA PERCENTUALE DI SCARTO CENTRO INPUT = 105,26315 PRODUTTIVO OUTPUT = 100 SCARTO 5 % INPUT = OUTPUT 1 - SCARTO N.B. LO SCARTO E DIVERSO DALLO SFRIDO

32 FLUSSO DEL BUDGET DI MANODOPERA DIRETTA VOLUMI DI PRODUZIONE PER SINGOLO PRODOTTO DISTINTA BASE PER PRODOTTO VOLUMI DI SEMILAVORATO PER SINGOLO PRODOTTO E SINGOLO CENTRO PRODUTTIVO TEMPI STANDARD MANODOPERA DIRETTA CENTRO PRODUTTIVO PER PRODOTTO FABBISOGNO MANODOPERA DISPONIBILITA MANODOPERA PER SINGOLO CENTRO ORE CALENDARIO ORE ASSENTEISMO ORE STRAORDINARIO COSTO STANDARD MANODOPERA BUDGET ECONOMICO DELLA MANODOPERA COSTO UNITARIO STANDARD DI MANODOPERA

33 BUDGET DELLA MANODOPERA DETERMINAZIONE DEL FABBISOGNO E DELLA DISPONIBILITA DI MANODOPERA DIRETTA DETERMINAZIONE DEL COSTO ORARIO STANDARD DETERMINAZIONE: BUDGET COSTI DI MANODOPERA DIRETTA PER SINGOLO CENTRO DI COSTO COSTO STANDARD DI MANODOPERA DIRETTA PER SINGOLO PRODOTTO O SEMILAVORATO

34 1 - DETERMINAZIONE DEL FABBISOGNO E DELLA DISPONIBILITA DI MANODOPERA DIRETTA FABBISOGNO = VOLUMI DI SEMILAVORATI PER SINGOLO CENTRO PRODUTTIVO X TEMPO STANDARD DI MANODOPERA PER SINGOLO SEMILAVORATO DISPONIBILITA = ORE DI CALENDARIO SULLA BASE DELL ORARIO GIORNALIERO E DELLE GIORNATE ANNUE LAVORATIVE (DEDOTTE DOMENICHE, SABATO, FESTIVITA E FERIE) ORE NORMALI, OSSIA LE ORE DI CALENDARIO DEPURATE DALLE ORE DI ASSENTEISMO ORE DI PRESENZA, EFFETTIVE COMPRENSIVE DELLE ORE DI STRAORDINARIO 2 - COSTO STANDARD ORARIO RIPRESO DAL BUDGET DEL PERSONALE 3 - DETERMINAZIONE: COSTO UNITARIO STANDARD MANODOPERA DIRETTA TEMPO UNITARIO STANDARD UOMO X COSTO ORARIO STD MANODOPERA BUDGET MANODOPERA DIRETTA PER CENTRO FABBISOGNO MANODOPERA PER CENTRO X COSTO ORARIO STD MANODOPERA

35 METODO SINTETICO GLI INPUT DEL BUDGET DEL PERSONALE a) Piano degli organici e delle ore di manodopera per mese e centro per mansione per categoria b) Costo base di un mese rappresentativo depurato da Assenteismo Straordinario c) Previsione e aumenti sul costo base Esogeni (Contingenza, contratto, ecc.) Endogeni (Scatti anzianità, ecc.) d) Previsione dello straordinario domandato Responsabili operativi Responsabili del personale e) Previsione dell assenteismo % su ore ordinarie (determinato su dati storici)

36 BUDGET DEL FLUSSO DELLE MATERIE PRIME VOLUMI DI SEMILAVORATI PER SINGOLO PRODOTTO PER SINGOLO CENTRO PRODUTTIVO CONSUMI STANDARD PER PRODOTTO CENTRO PRODUTTIVO MATERIA PRIMA DISTINTA BASE PER PRODOTTO VOLUMI DI CONSUMI PER SINGOLA MATERIA PRIMA PIANO OPERATIVO DELLE SCORTE, CONSUMI E ACQUISTI PREZZO STD PER SINGOLA MATERIA PRIMA BUDGET ECONOMICO DEI CONSUMI PER CENTRO PRODUTTIVO BUDGET DELLE SCORTE, CONSUMI E ACQUISTI CALCOLO COSTO STD MATERIE PRIME PER PRODOTTO

37 BUDGET DELLE MATERIE PRIME 1 - DETERMINAZIONE DEI CONSUMI DI MATERIE PRIME E FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO DELLE SCORTE E DEGLI ACQUISTI 2 - DETERMINAZIONE DEL PREZZO STANDARD UNITARIO PER SINGOLA MATERIA E PER SINGOLO FORNITORE 3 - DETERMINAZIONE DEL COSTO STANDARD DI MATERIA PRIMA PER PRODOTTO 4 - DETERMINAZIONE DEL BUDGET ECONOMICO PER CENTRO DI COSTO 5 - FORMAZIONE DEL BUDGET DEI CONSUMI, DEL BUDGET DEGLI ACQUISTI E DELLE SCORTE PER SINGOLA MATERIA PRIMA

38 DISTINTA BASE VOLUMI DI SEMILAVORATO PER SINGOLO PRODOTTO PER SINGOLO CENTRO PRODUTTIVO CONSUMI STANDARD DI MATERIA PRIMA PER PRODOTTO PER CENTRO PRODUTTIVO PIANO OPERATIVO DEI CONSUMI ACQUISTI SCORTE DI MATERIE PRIME RI + ACQ = C + RF RIMANENZE FINALI VOLUME DEI CONSUMI VOLUME DEGLI ACQUISTI RIMANENZE INIZIALI

39 DETERMINAZIONE DEI CONSUMI DI MATERIE PRIME E FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO DELLE SCORTE E DEGLI ACQUISTI I CONSUMI DI MATERIE PRIME VENGONO CALCOLATI SULLA BASE DEI PRODOTTI FINITI E SEMILAVORATI PER SINGOLO CENTRO PRODUTTIVO. PER CIASCUN SEMILAVORATO NELLA DISTINTA BASE SI TROVA L ELENCO DELLE MATERIE PRIME NECESSARIE ED I CORRISPONDENTI CONSUMI STANDARD PER UNITA PRODUTTIVA RI + ACQ = C + RF RI = RIMANENZE INIZIALI ACQ = VOLUME DEGLI ACQUISTI C = VOLUME DEI CONSUMI RF = RIMANENZE FINALI POICHE LE RIMANENZE INIZIALI SONO FISSATE E I CONSUMI SONO DETERMINATI, I VOLUMI ACQUISTATI E LE RIMANENZE FINALI SONO IN DIRETTA CORRELAZIONE PREZZO STANDARD DELLE MATERIE PRIME LA PREVISIONE DEL PREZZO STANDARD DEVE TENER CONTO DI DUE FATTORI: DIVERSITA DI PREZZO STANDARD PER SINGOLO FORNITORE VARIABILITA DEI PREZZI STANDARD NEL CORSO DEI DIVERSI MESI

40 COSTO STANDARD DELLE MATERIE PRIME PER PRODOTTO CONSUMI UNITARI STANDARD DELLE SINGOLE MATERIE PRIME X PREZZO UNITARIO STANDARD DELLE SINGOLE MATERIE PRIME BUDGET ECONOMICO DEI CONSUMI DI MATERIE PRIME PER CENTRO PRODUTTIVO CONSUMO MATERIE PRIME PER SINGOLO CENTRO X PREZZO STANDARD MATERIE PRIME

I Fondamentali di Controllo di Gestione Parte IV

I Fondamentali di Controllo di Gestione Parte IV I Fondamentali di Controllo di Gestione Parte IV Budget della produzione Struttura del budget della produzione Le fasi del budget La distinta base Il piano operativo dei volumi di attività Il budget della

Dettagli

INDICE. Parte Prima LINEE GUIDA FONDAMENTALI SU PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 1. IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO IN ECONOMIA AZIENDALE

INDICE. Parte Prima LINEE GUIDA FONDAMENTALI SU PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 1. IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO IN ECONOMIA AZIENDALE Introduzione... V Parte Prima LINEE GUIDA FONDAMENTALI SU PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 1. IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO IN ECONOMIA AZIENDALE 1.1. Il controllo strategico... 4 1.2. Il controllo

Dettagli

Il budget. Prof. Salvatore Loprevite

Il budget. Prof. Salvatore Loprevite Il budget 1 Il Budget Il budget è un programma di gestione aziendale, tradotto in termini economico-finanziari, che guida e responsabilizza i manager verso obiettivi di , definiti nell

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Economia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Economia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Economia Programmazione e controllo IL PROCESSO DI BUDGET prof. Pagina 1 di 58 IL PROCESSO DI BUDGET IN AZIENDA Pagina 2 di 58 IL PROCESSO DI FORMULAZIONE DEL

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

IL BUDGET DELLA PRODUZIONE: ASPETTI GENERALI

IL BUDGET DELLA PRODUZIONE: ASPETTI GENERALI IL BUDGET DELLA PRODUZIONE: ASPETTI GENERALI 1 BUDGET DEL VOLUME (QUANTITA ) DI PRODUZIONE 2 BUDGET DEI COSTI DI PRODUZIONE 3 BUDGET DEGLI ACQUISTI DI PERSONALE E MATERIE 1 IL BUDGET (DEL VOLUME) DELLA

Dettagli

SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali

SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali Indice Obiettivi Architettura Rendiconto economico e Budget Personale Ammortamenti Break Even Point Cruscotto aziendale χ Budget Vendite χ Costi commerciali

Dettagli

Corso di Programmazione aziendale Prof. Attilio Mucelli

Corso di Programmazione aziendale Prof. Attilio Mucelli Facoltà di Economia Giorgio Fuà Corso di Programmazione aziendale Prof. Attilio Mucelli Prova di esame del 12.01.2004 La società Velux opera nel settore degli infissi in legno ed e attiva nella produzione

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO. Docente: Selena Aureli LEZIONE 6 BUDGET COMMERCIALE

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO. Docente: Selena Aureli LEZIONE 6 BUDGET COMMERCIALE Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 6 1 BUDGET COMMERCIALE 2 1 BUDGET COMMERCIALE Esprime gli obiettivi e i programmi dell area commerciale (in termini di volumi

Dettagli

Il controllo del margine e del conto economico scalare della farmacia

Il controllo del margine e del conto economico scalare della farmacia Il controllo del margine e del conto economico scalare della farmacia Dott. Michele Crippa Docente e Consulente di controllo di gestione economico/finanziaria della farmacia L evoluzione Decreto STORACE:

Dettagli

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE 24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE IL SISTEMA DI REPORTING: DEFINIZIONI Il reporting è il processo sistematico di elaborazione ed analisi dei risultati di gestione (in particolare economici,

Dettagli

Il controllo economico e il ruolo del budget: aspetti metodologici

Il controllo economico e il ruolo del budget: aspetti metodologici Capitolo 10 Il controllo economico e il ruolo del budget: aspetti metodologici di Laura Zoni Il controllo economico e il ruolo del budget: aspetti metodologici OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comprendere le

Dettagli

Fashion Control System

Fashion Control System Fashion Control System Daywork Fashion Control System è il nome della piattaforma proposta da Dún Soluzioni Informatiche a supporto dei sistemi di Programmazione e Controllo di Gestione delle aziende del

Dettagli

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali Programmazione e controllo Capitolo 12 Il reporting per la misurazione delle performance aziendali a cura di A. Pistoni e L. Songini 1. Obiettivi di apprendimento 1. Apprendere i criteri di progettazione

Dettagli

Programmazione e controllo

Programmazione e controllo Programmazione e controllo IL SISTEMA DI CONTROLLO DIREZIONALE: BUDGETING 1 IL BUDGET DELLE ALTRE AREE IL BUDGET GLOBALE 2 TIPOLOGIE DI COSTO SONO PREVALENTI I COSTI DEL PERSONALE, OSSIA STIPENDI IMPIEGATI

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LE CARATTERISTICHE DELLA CONTABILITÀ ANALITICA...

Dettagli

queste ricordiamo: la direzione del personale; la direzione della ricerca e sviluppo; la direzione generale.

queste ricordiamo: la direzione del personale; la direzione della ricerca e sviluppo; la direzione generale. IL BUDGET DELLE STRUTTURE CENTRALI Le strutture centrali riguardano le funzioni aziendali non coinvolte direttamente nel processo produttivo - distributivo. Tra queste ricordiamo: la direzione del personale;

Dettagli

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE OBIETTIVI DELLA PIANIFICAZIONE E CONTROLLO: q PROGRAMMARE LA PRODUZIONE OTTIMIZZARE L UTILIZZO DELLA CAPACITA PRODUTTIVA

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Budget e Cash flow Agenzie di Viaggi e Turismo

Budget e Cash flow Agenzie di Viaggi e Turismo Budget e Cash flow Agenzie di Viaggi e Turismo E un software dedicato alla categoria che, oltre a tutte le elaborazioni de Budget e Cash-Flow elabora una serie di prospetti che aiutano l Azienda a determinare

Dettagli

Informazioni Chiave per fare scelte consapevoli

Informazioni Chiave per fare scelte consapevoli Informazioni Chiave per fare scelte consapevoli Il controllo di gestione per costruire il sistema delle informazioni chiave: metodologie e risvolti operativi nella realtà delle PMI RELATORI Dott.ssa Mariella

Dettagli

PAPER S.R.L. L azienda Paper S.r.l. produce e commercializza quaderni rilegati ad anelli, formato A4.

PAPER S.R.L. L azienda Paper S.r.l. produce e commercializza quaderni rilegati ad anelli, formato A4. L azienda Paper S.r.l. produce e commercializza quaderni rilegati ad anelli, formato A4. BUDGET DEI VOLUMI DI VENDITA Dal budget dei volumi produttivi si ricava che per il prossimo periodo amministrativo

Dettagli

determinazione della quantità fisica di prodotti da realizzare nel periodo considerato BUDGET DI PRODUZIONE BUDGET della PRODUZIONE

determinazione della quantità fisica di prodotti da realizzare nel periodo considerato BUDGET DI PRODUZIONE BUDGET della PRODUZIONE Budget delle vendite L articolazione per Centri di Costo determinazione della quantità fisica di prodotti da realizzare nel periodo considerato 1 I criteri per individuare i centri di costo sono: Rilevanza

Dettagli

VISION MISSION. Obiettivi strategici. Strategia. BDG (programmazione obiettivi operativi)

VISION MISSION. Obiettivi strategici. Strategia. BDG (programmazione obiettivi operativi) C O N T R O L L O S T R A T. VISION MISSION PIANIF. STRATEG. Obiettivi strategici Strategia C O N T R O L L O Scelte correttive BDG (programmazione obiettivi operativi) Gestione G E S T I Reporting Sistema

Dettagli

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti Corso di Gestione dei Flussi di informazione Programmazione operativa della produzione Processo di approvigionamento Programmazione operativa

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

di Antonio Farchione Produzione e logistica >> Sistemi di management

di Antonio Farchione Produzione e logistica >> Sistemi di management IL BUDGET DI PRODUZIONE di Antonio Farchione Produzione e logistica >> Sistemi di management Ogni impresa che voglia affrontare con serietà lo scenario che le si presenta all orizzonte, non può negare

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa il processo di programmazione e controllo prende le mosse dalla pianificazione strategica e con riferimento al budget aziendale definisce il quadro con cui confrontare

Dettagli

La pianificazione strategica

La pianificazione strategica Esempio budget 1 Obiettivi 1. Capire cosa si intende per pianificazione strategica e in quale contesto si inserisce il processo di formazione del budget 2. Capire perché le aziende preparano il budget

Dettagli

COME COSTRUIRE REPORT COMMERCIALI ESSENZIALI

COME COSTRUIRE REPORT COMMERCIALI ESSENZIALI COME COSTRUIRE REPORT COMMERCIALI ESSENZIALI ******* Formazione Unindustria Treviso 29 Novembre 2004 Indice Brevi richiami all attività direzionale e al budget...2 L Attività Direzionale... 2 Il Budget...

Dettagli

IL PROCESSO DI BUDGETING

IL PROCESSO DI BUDGETING IL PROCESSO DI BUDGETING DAI BUDGET DELLE STRUTTURE CENTRALI AL MASTER BUDGET BUDGET DELLE STRUTTURE CENTRALI OGGETTO Tutte le aree funzionali non direttamente coinvolte nel ciclo operativo: amministrazione,

Dettagli

PER LE AZIENDE DI PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE SIMAG. Soluzioni Informatiche di Qualità

PER LE AZIENDE DI PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE SIMAG. Soluzioni Informatiche di Qualità Q SISTEMA INFORMATIVO PER LE AZIENDE DI PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE SIMAG Soluzioni Informatiche di Qualità SIMAG I Moduli di SIMAG Dati tecnici e costi Distinta base La distinta base è lo strumento più

Dettagli

Budget del Personale

Budget del Personale Budget del Personale Dott. Cosimo Baldari coximo@libero.it H1 Hrms sistema integrato di gestione del personale e Budget del personale http://www.ebcconsulting.com HR Budget del Personale - Software H1

Dettagli

I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale. Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona

I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale. Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona 1. 2. 3. 4. 5. La logica e i contenuti del Piano Le assumptions

Dettagli

Impostazione dell equazione

Impostazione dell equazione Impostazione dell equazione In base all equazione generale ATTIVO = PASSIVO si giunge allo stesso risultato impostando: Equazione di Equilibrio Dove: X=(A-P0-R0)/(1-i) X = Fabbisogno finanziario a breve

Dettagli

Programmazione e controllo

Programmazione e controllo Programmazione e controllo IL SISTEMA DI CONTROLLO DIREZIONALE: L ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI 1 L ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI IL BUDGET E UTILE SOLO SE CONSENTE UNA VERIFICA DELLE CONDIZIONI DI EFFICIENZA

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Il sistema informativo aziendale insieme delle attività connesse alla raccolta, analisi e rappresentazione delle informazioni interne ed esterne all'azienda dati indispensabili per poter valutare lo stato

Dettagli

EASY SHARE FINANCE S.r.l. SOCIETA DI CONSULENZA IN FINANZA AZIENDALE E FORMAZIONE

EASY SHARE FINANCE S.r.l. SOCIETA DI CONSULENZA IN FINANZA AZIENDALE E FORMAZIONE EASY SHARE FINANCE S.r.l. SOCIETA DI CONSULENZA IN FINANZA AZIENDALE E FORMAZIONE Il software Easy Costing è uno strumento per il calcolo dei costi di produzione e per la corretta imputazione degli stessi

Dettagli

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna LA CONTABILITA INTERNA 1 LA CONTABILITA ANALITICA La gestione dei costi aziendali richiede informazioni più dettagliate rispetto a quelle offerte dalla contabilità esterna: è, infatti, necessario individuare

Dettagli

1. Definizione di budget e collocazione nel processo di programmazione e controllo

1. Definizione di budget e collocazione nel processo di programmazione e controllo 21 Capitolo II Il budget 1. Definizione di budget e collocazione nel processo di programmazione e controllo Il budget - e' un programma delle operazioni di gestione da compiere in un anno, finalizzato

Dettagli

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano I sistemi di controllo di gestione Nicola Castellano 1 Controllo di gestione e contabilità analitica Sommario: Controllo di gestione Definizione Il sistema di controllo Struttura organizzativa Processo

Dettagli

Dinamica dei flussi finanziari

Dinamica dei flussi finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Dinamica dei flussi finanziari Capitolo 4 Indice degli argomenti 1. Il modello a quattro aree 2. Flusso di cassa della gestione corrente

Dettagli

Area Controllo di Gestione

Area Controllo di Gestione Area Controllo di Gestione Quest area contiene i moduli che forniscono gli strumenti necessari per sviluppare un controllo di gestione aderente alla realtà dell azienda ed alle problematiche che si intendono

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: CLASSE: DISCIPLINA: COMUNE 5 AFM ECONOMIA AZIENDALE COMPETENZE: Riconoscere e interpretare i macrofenomeni economici che influenzano

Dettagli

Controllo di gestione budget settoriali budget economico

Controllo di gestione budget settoriali budget economico Controllo di gestione budget settoriali budget economico TEMA Pianificazione, programmazione e controllo di gestione costituiscono le tre fasi del processo globale attraverso il quale l impresa realizza

Dettagli

Organizzazione aziendale e controllo di gestione

Organizzazione aziendale e controllo di gestione Organizzazione aziendale e controllo di gestione I nostri servizi: Definizione procedure di pianificazione e controllo Studio e miglioramento lay-out Studio tempi e metodi di lavorazione Ottimizzazione

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

BILANCIO CONTABILITÀ. Rimanenze di esercizio. per la REVISIONE. di Antonio Cavaliere

BILANCIO CONTABILITÀ. Rimanenze di esercizio. per la REVISIONE. di Antonio Cavaliere revisione legale Guida alla RIMANENZE di MAGAZZINO Analisi della «posta» di bilancio dedicata alle rimanenze, ossia quei beni che formano oggetto dell attività imprenditoriale insieme a tutti i beni materiali

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 8 1 I budget intersettoriali Alcuni costi di gestione sono trasversali rispetto ai singoli budget ovvero si riflettono su

Dettagli

LA REDDITTIVITA DEGLI INVESTIMENTI NEL MARKETING

LA REDDITTIVITA DEGLI INVESTIMENTI NEL MARKETING LA REDDITTIVITA DEGLI INVESTIMENTI NEL MARKETING Prof. Giancarlo Ferrero 1 I PROBLEMI DA AFFRONTARE 1. A quali finalità deve essere indirizzata l attività di marketing? 2. I risultati vanno misurati in

Dettagli

Guida all elaborazione del Business Plan

Guida all elaborazione del Business Plan Guida all elaborazione del Business Plan GUIDA ALL ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Titolo progetto Dare un titolo al progetto che si intende sviluppare (di norma contraddistingue il prodotto/servizio che

Dettagli

13.9.2. Metodologia di controllo dei costi per centro di costo. 13.9.3. Un esempio di budget in un azienda di servizi alberghieri

13.9.2. Metodologia di controllo dei costi per centro di costo. 13.9.3. Un esempio di budget in un azienda di servizi alberghieri 1. L IMPRENDITORE E IL GOVERNO DELLA GESTIONE 1.1. L impresa e l ambiente in cui opera pag. 3 1.2. L impatto dei fattori esterni pag. 5 1.3. Il controllo dei fattori aziendali pag. 8 2. IL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE

Dettagli

Budget e marchi di impresa

Budget e marchi di impresa Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 11 dicembre 2009 Budget e marchi di impresa Quando come e perché predisporre il budget per il 2010 Budget e marchi di impresa

Dettagli

Esercitazione di Economia aziendale

Esercitazione di Economia aziendale Esercitazione di Economia aziendale Il bilancio di previsione per la programmazione economica e finanziaria: il caso Olistar S.r.l. Corso di Economia aziendale Presentazione della situazione aziendale

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

Allegato D CONCEDENTE

Allegato D CONCEDENTE Allegato D CONCEDENTE FinBard S.p.a. Loc. Grand Chemin, 34 11020 - Saint-Christophe(AO) Telefono: +39.0165.230053 - Fax: +39.0165.236214 finbard@netvallee.it www.infobard.it OGGETTO: CONCESSIONI-CONTRATTO

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola OBIETTIVO Studiare il sistema impresa Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Studiare le relazioni tra i sub-sistemi Studiare le relazioni tra impresa e ambiente/mercato

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO

L ANALISI DI BILANCIO L ANALISI DI BILANCIO Teoria e caso su Personal Computer Prof. Massimo Saita Direttore Istituto di Economia, Amministrazione e Politica Aziendale Facoltà di Economia Università degli Studi di Milano-Bicocca

Dettagli

Controllo direzionale

Controllo direzionale IL BUDGET 1 Indice 1. Caratteristiche fondamentali 2. Funzioni 3. Limiti 4. Presupposti 5. Fasi di formazione 6. Il Budget distributivo 7. Il Budget della produzione 8. I Budget delle altre aree funzionali

Dettagli

Strumenti tecnico-contabili: dal costing al budget

Strumenti tecnico-contabili: dal costing al budget Economia Aziendale Strumenti tecnico-contabili: dal costing al budget Roma, 10 novembre 2014 Dott.ssa Sabrina Ricco Economia Aziendale 1 Da dove iniziare per arrivare Sopravvivenza AZIENDA Scelte Programmazione

Dettagli

Rel. 13.02. Forecast. www.ivaldiassociati.com - www.sphaerasoftware.it

Rel. 13.02. Forecast. www.ivaldiassociati.com - www.sphaerasoftware.it Rel. 13.02 Forecast GENERALITÀ 1 Il modulo Forecast è un sistema che permette di gestire il processo di Budgeting nelle sue varie articolazioni in modo completamente integrato con gli altri moduli di MetodoEVOLUS.

Dettagli

I PROCESSI FINANZIARI DELLE IMPRESE

I PROCESSI FINANZIARI DELLE IMPRESE I PROCESSI FINANZIARI DELLE IMPRESE Alessandro Russo Università degli studi di Catania Corso di Economia e Gestione delle Imprese IL RUOLO DEL MANAGER FINANZIARIO Ruolo del manager finanziario quale intermediario

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

Bplanning. Manuale d uso. Indice

Bplanning. Manuale d uso. Indice Bplanning Manuale d uso Indice Desk... 2 Assumption... 3 Linee Prodotto... 4 Personale... 4 Investimenti... 5 Ammortamenti... 6 Finanziamenti... 7 Imposte... 7 Conto Economico input... 8 Stato Patrimoniale

Dettagli

ANALISI DEI COSTI (contabilità analitica, industriale, dei costi)

ANALISI DEI COSTI (contabilità analitica, industriale, dei costi) Le prestazioni economico/finanziarie dell impresa ANALISI DEI (contabilità analitica, industriale, dei costi) ABCD Economico/finanziario 1 OGGETTO DELLA CONTABILITA ANALITICA I prodotti che l azienda realizza

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI Ø L analisi degli scostamenti è l operazione conclusiva del processo di controllo Ø Viene di solito posta in essere al termine del periodo di cui si è programmata la gestione

Dettagli

COSA È IL BUDGET non insieme programmi esercizio successivo breve periodo

COSA È IL BUDGET non insieme programmi esercizio successivo breve periodo COSA È IL BUDGET Il budget non è un bilancio preventivo, atto finale del relativo processo di costruzione, ma l insieme programmi di gestione attinenti all esercizio successivo, ossia il complesso delle

Dettagli

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180 SVOLGIMENTO Per ogni attività di programmazione e pianificazione strategica risulta di fondamentale importanza per l impresa il calcolo dei costi e il loro controllo, con l attivazione di un efficace sistema

Dettagli

LA POLITICA DEI PREZZI:

LA POLITICA DEI PREZZI: LA POLITICA DEI PREZZI: I VINCOLI DI MERCATO E LA CORRETTA DETERMINAZIONE DEL COSTO DEL PRODOTTO 1 DETERMINAZIONE DEL PREZZO APPROCCIO CENTRATO SULL AZIENDA APPROCCIO CENTRATO SUL MERCATO 2 APPROCCIO CENTRATO

Dettagli

Aziende Commerciali e servizi:budget e cash flow per Reparti e Consolidato

Aziende Commerciali e servizi:budget e cash flow per Reparti e Consolidato Aziende Commerciali e servizi:budget e cash flow per Reparti e Consolidato Molto spesso nelle Aziende commerciali e/o di Servizi si ha la necessità di analizzare, sia a livello economico che finanziario,

Dettagli

Processi di. produzione e gestione del magazzino

Processi di. produzione e gestione del magazzino Master in Economia Aziendale & Management Dipartimento di Economia Aziendale E. Giannessi Processi di produzione e gestione del magazzino Alessandro Capodaglio 4/4/2007 Capodaglio e Associati 1 IL MODELLO

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO SITUAZIONE SITUAZIONE FINANZIARIA E PATRIMONIALE FINANZIARIA ELASTICITA DEGLI INVESTIMENTI MARGINI

ANALISI DI BILANCIO SITUAZIONE SITUAZIONE FINANZIARIA E PATRIMONIALE FINANZIARIA ELASTICITA DEGLI INVESTIMENTI MARGINI ANALISI DI BILANCIO INDICI FINANZIARI INDICI DI ROTAZIONE E DURATA SITUAZIONE ECONOMICA SITUAZIONE ANALISI DINAMICA SITUAZIONE E R.O.E. INDEBITAMENTO FINANZIARIO INDICI DI REDDITIVITA SOLIDITA MARGINI

Dettagli

L inquadramento teorico

L inquadramento teorico I preventivi economicofinanziari L inquadramento teorico Università di Pisa Le previsioni economiche: i ricavi di vendita Solitamente la prima variabile ad essere stimata corrisponde ai ricavi di vendita

Dettagli

Teseo 7 Industry. Il gestionale ideale per le aziende di produzione. ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SPA www.centrosistemi.it

Teseo 7 Industry. Il gestionale ideale per le aziende di produzione. ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SPA www.centrosistemi.it Teseo 7 Industry Il gestionale ideale per le aziende di produzione. Z ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SPA www.centrosistemi.it tel. (+39) 055 91971 fax. (+39) 055 9197515 e mail: commerciale@centrosistemi.it

Dettagli

Corso di. Analisi e contabilità dei costi

Corso di. Analisi e contabilità dei costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi Prof. 1_I costi e il sistema di controllo Perché analizzare i costi aziendali? La CONOSCENZA DEI COSTI (formazione, composizione, comportamento) utile EFFETTUARE

Dettagli

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema di programmazione e controllo I documenti che compongono il budget Le finalità e gli obiettivi di budget Il processo

Dettagli

Il controllo di gestione per le aziende vitivinicole SECONDA GIORNATA

Il controllo di gestione per le aziende vitivinicole SECONDA GIORNATA Il controllo di gestione per le aziende vitivinicole SECONDA GIORNATA CONTATTI Se desideri richiedere la ripetizione di questo corso, oppure vuoi avere informazioni sulla nostra attività di consulenza

Dettagli

I Fondamentali di Controllo di Gestione. Parte III

I Fondamentali di Controllo di Gestione. Parte III I Fondamentali di Controllo di Gestione Parte III LA CONTABILITA ANALITICA IL CONTROLLO DI GESTIONE LA CONTABILITA ANALITICA IL BUDGET LE VARIANTI I REPORT L'IMPRESA HA L'ESIGENZA DI DETERMINARE CON UNA

Dettagli

LE RIMANENZE DI MAGAZZINO

LE RIMANENZE DI MAGAZZINO GENERALITÀ LE RIMANENZE DI MAGAZZINO febbraio 08 LE RIMANENZE DI MAGAZZINO SONO COSTITUITE DA MERCI E PRODOTTI CHE SONO IN GIACENZA IN ATTESA DELLA VENDITA O PER ESSERE IMPIEGATI NEL PROCESSO PRODUTTIVO.

Dettagli

Il controllo di gestione nelle società partecipate. L esperienza di Acea ATO2

Il controllo di gestione nelle società partecipate. L esperienza di Acea ATO2 Il controllo di gestione nelle società partecipate L esperienza di Acea ATO2 Albano, 2 marzo 2010 Dati principali Area servita: ATO2 Lazio Centrale Roma (112 Comuni) Popolazione servita: 3.695.734 Popolazione

Dettagli

Calcolare il costo dei prodotti

Calcolare il costo dei prodotti Calcolare il costo dei prodotti Metodi alternativi a confronto Quarta Puntata www.studiobarale.it Parte 4 di 6 Full costing a basi multiple Full costing a basi multiple Il full costing a base multiple

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO di Rossana MANELLI MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE (Classe 5 a IT IGEA, 5 a IP Economico - gestionale) La prova, indirizzata

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

I DUE CICLI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

I DUE CICLI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO INTRODUZIONE A CONTABILITÀ ANALITICA E BUDGET NEGLI ATENEI Silvia Cantele Dipartimento di Economia Aziendale Università degli Studi di Verona 20 giugno 2013 I DUE CICLI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione

Dettagli

TARGET DEL PRODOTTO. www.passepartout.net

TARGET DEL PRODOTTO. www.passepartout.net PRESENTAZIONE TARGET DEL PRODOTTO 1 he cos è Il ontrollo di Gestione è un processo direzionale che permette di sviluppare le strategie aziendali e offrire al management informazioni precise e soprattutto

Dettagli

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro La dimensione economico finanziaria del business plan Davide Moro I prospetti economico finanziari Da cosa è costituito un prospetto economicofinanziario Un preventivo economico-finanziario completo richiede

Dettagli

l Innovazione nella Professione:

l Innovazione nella Professione: Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale IL SISTEMA DI BUDGET UN CASO AZIENDALE Dr. Gaia Bassani Bergamo, 26 Novembre 2010 IL SISTEMA DI BUDGET: UN CASO AZIENDALE Bergamo,

Dettagli

al budget di cassa mensile

al budget di cassa mensile un esempio molto semplice : dal bilancio previsionale al budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO PASSIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche Scorte 100.000 Capitale

Dettagli

La redazione del bilancio preventivo. Determinazione del fabbisogno finanziario, scelte di copertura e sintesi dei risultati

La redazione del bilancio preventivo. Determinazione del fabbisogno finanziario, scelte di copertura e sintesi dei risultati Michele Pisani La redazione del bilancio preventivo modulo 4 Determinazione del fabbisogno finanziario, scelte di copertura e sintesi dei risultati Le macro-fasi di redazione del preventivo operazioni

Dettagli

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA ALLEGATO RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA Premessa. Le risposte alle domande

Dettagli

Budget economico e finanziario per Appalti, Cantieri e Commesse di lavoro

Budget economico e finanziario per Appalti, Cantieri e Commesse di lavoro Budget economico e finanziario per Appalti, Cantieri e Commesse di lavoro Il software consente alle Aziende che operano nel campo delle costruzioni, delle manutenzioni, della produzione per commesse di

Dettagli

Come ti controllo l azienda

Come ti controllo l azienda Comprensione e valutazione Come ti controllo l azienda Le procedure di controllo possono essere uno strumento di potere notevole per il management interno all azienda soprattutto in tempo di automatizzazione

Dettagli

Volumi di produzione del trimestre Totale 31.800 23.200

Volumi di produzione del trimestre Totale 31.800 23.200 Esercizio 10.1 Conto economico preventivo, budget operativi 1. Budget delle vendite (trimestre gennaio-marzo) Pastine Omogeneizzat TOT i Gennaio 30.000 32.000 62.000 Febbraio 36.000 40.000 76.000 Marzo

Dettagli

Il puntuale e costante monitoraggio

Il puntuale e costante monitoraggio CONTROLLO CASE REPORTING ECONOMICO FINANZIARIO PER UN IMPRESA LATTIERO-CASEARIA: IL CASO MILK S.P.A. di Pietro Dalena Dottore commercialista, Consulente di management Certified Management Consultant APCO

Dettagli