Newsletter Ce.r.i.p.a.Onlus

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Newsletter Ce.r.i.p.a.Onlus"

Transcript

1 Newsletter Ce.r.i.p.a.Onlus marzo Newsletter n 3 Aprile 2011 Sommario Si ricomincia! Finalmente, dopo un lungo periodo, ritorniamo alla nostra newsletter. I motivi di tale silenzio, purtroppo, sono stati legati alla perdita della nostra cara Fernanda, che ha creato in tutti noi non poco disagio. Fernanda, o per meglio dire, la prof.ssa Cerignoli, era un punto più che fermo del dipartimento di Scienze Infermieristiche del Ceripa Onlus. La sua passione e soprattutto l interesse per il mondo sanitario erano infaticabili rispetto, in particolare, alla questione del linguaggio univoco fatto di professionalità ed empatia che permettesse il dialogo fra medici e pazienti e, nondimeno, fra gli operatori stessi. Fernanda è scomparsa in un brutto incidente in Africa, dove era andata per conoscere il posto dove i tramonti sono unici e lì, diceva lei, dove è nato l uomo. La passione per la conoscenza delle genti e dei luoghi era per lei una ragione di vita. Ha girato molte parti del pianeta, per piacere e per lavoro, ma non ha lesinato la sua disponibilità umana e professionale nei viaggi in Guatemala dove offriva la sua esperienza attraverso progetti sanitari di stampo umanitario. La sua morte, come dicevamo, ha indotto il direttivo ad un lungo adattamento alla sua perdita che naturalmente non potrà essere elaborata se non attraverso la canalizzazione ad un lavoro più attento e preciso, per ricordarne la memoria. Nonostante questo periodo difficile e con la morte nel cuore, ci siamo, tuttavia, sforzati di continuare la nostra opera di cultura sanitaria e di attività formative. L organizzazione del convegno: La Mente nella Mente Sos-Tenere il Benessere Psicosociale ne è l espressione più complessa. Il convegno, infatti, riunisce varie figure professionali come: psicologi, psicoterapeuti, infermieri, medici, sociologi ed educatori che si interrogheranno sul tema del benessere psicosociale e cercheranno di fornire strumenti utili soprattutto al processo della prevenzione dei disagi che lo ostacolano. Si ricomincia! Rosario Di Sauro Per Te Fernanda Poesia Ciao Fernanda Ce.R.I.P.A.Onlus Processi relazionali ed istituzioni sanitarie A cura di Irene Mastrantoni Benessere Bio-psico-sociale quali strade percorrere per raggiungerlo? Irene Mastrantoni Counselling Psicodinamico Donata Cavallo L Angolo della poesia: In attesa Francesca Marchegiani Un occasione da non perdere! Staff Ce.r.i.p.a.Onlus

2 2 In particolare, tra gli altri, l intervento del Prof. Rosario Di Sauro, presidente del Ce.R.I.P.A.Onlus, riguarderà La mente nella mente: implicazioni teoriche cliniche della funzione riflessiva ; il Prof. Marco Chiesa dicuterà su L effetto dei comportamenti auto lesivi e dei traumi precoci sulla efficacia del trattamento e sulla funzione riflessiva del paziente borderline. Psicoterapia psicoanalitica e mentalizzazione sarà invece l intervento del Prof. Angelo Pennella. Il benessere psicosociale e soprattutto la prevenzione del benessere, quindi, deve essere, secondo noi, il filo conduttore del raccordo fra professionalità diverse ma unite in questa battaglia contro il disagio: dei singoli, delle famiglie, dei bambini, degli anziani ecc. La terza giornata del convegno confluirà con l assemblea annuale dell associazione, che raccoglierà le iniziative dei vari dipartimenti e soprattutto il programma scientifico del prossimo anno, o meglio delle varie iniziative scientifiche che si andranno ad aggiungere ai corsi di Counselling e Psicodiagnosi ed ai vari seminari che si sono svolti l anno passato. Ma il Ce.R.I.P.A. Onlus non si ferma a queste attività e coerentemente con lo statuto, che invita l associazione a stipulare accordi con altre associazioni ed Enti, ha siglato un protocollo di intesa con l Associazione Medica Terracinese e con l Associazione Lilith. Un terzo patto di intesa con un importantissima Istituzione si sta siglando ma per scaramanzia non diciamo nulla per il momento, anche perché questo porterà il Ceripa alla strutturazione di interessanti iniziative che vi comunicheremo per tempo. La lettura di alcuni articoli in questa newsletter vuole essere in un qualche modo una minima presentazione dei temi che affronteremo al convegno e speriamo che il lavoro che ci stiamo apprestando a svolgere sia positivo e di auspicio per tutti. Per Te Fernanda Cammino silente il tuo Aghi di ghiaccio hanno infranto il tuo orgoglio femmineo pietre roventi disciolto la tua dolcezza Cammino silente il tuo Fiamma ardente la vita ti da distoglie lo squarcio profondo antico lontano ferita inguaribile lacerante Cammino silente il tuo Vita nuova su te luce soffusa inebriante dolcezza infinita si spande a tratti spezzata ricordi lontani di fragore di mare Cammino silente il tuo rumore infinito di gioia di vivere calore rovente di profumo d'amore. Rosario Di Sauro

3 3 CIAO FERNANDA Con questa Newsletter tutta l equipe del Ce.R.I.P.A. Onlus vuole rendere omaggio a una nostra cara amica e collega Fernanda Cerignoli. Il suo pensiero unito alle emozioni e alle esperienze vissute insieme ci accompagneranno sempre e con passione in tutti i nostri progetti e le nostre iniziative che di lei porteranno il segno e anche per lei continueranno a vivere. Riportiamo in questo stralcio scritto da Fernanda alcune note che lei stessa aveva formulato per il Dipartimento di Scienze Infermieristiche. Tale scritto indica l impegno e soprattutto la volontà di Fernanda di costituire un processo di lavoro interdisciplinare teso alla costruzione di un progetto della salute attraverso il tema della comunicazione. In una società in cui la soddisfazione del clientepaziente nell Amministrazione Sanitaria diviene l obiettivo principale degli interventi, alcuni aspetti sembrano venire trascurati seppure siano di fondamentale importanza per un assistenza sempre più efficace ed adeguata. Tali possono essere, ad esempio, il vissuto emotivo dei tanti operatori, infermieri, medici, tecnici e di tutte quelle figure che partecipano al processo di assistenza diagnosi e cura; la complessità delle strutture sanitarie in cui si trovano ad operare e la gestione del necessario lavoro in equipe che risulta comunque fondamentale per la buona riuscita degli interventi sanitari. L ambito infermieristico, infatti, abbraccia una moltitudine di problematiche legate alle diverse patologie, ai diversi pazienti, che anche se affetti dalla stessa malattia sono ognuno un pianeta a se stante, motivazione che rende difficile la gestione del lavoro degli operatori della Salute. Il Dipartimento delle Scienze Infermieristiche del Ce.R.I.P.A. Onlus sottolinea queste tematiche proprio sul piano pratico e soprattutto psicologico. E composto da un team di psicologi esperti di problematiche sanitarie e infermieri laureati e specializzati in diversi ambiti, che insieme si prefiggono l obiettivo di Supportare il personale operante nell ambito sanitario attraverso attività di Sostegno, Accoglienza e Formazione degli operatori sanitari. Inoltre, vengono effettuate a tale proposito indagini, ricerche e studi con l obiettivo di approfondire e migliorare la gestione del vissuto emotivo degli operatori della Salute. In tal modo il Ce.R.I..P.A.Onlus si propone di produrre e fornire agli operatori sanitari gli strumenti idonei e il giusto metodo per gestire al meglio le proprie risorse psicofisiche al fine di fornire un assistenza di qualità traendone beneficio e gratificazione. Fernanda Cerignoli Coordinatrice del Dip. Scienze Infermieristiche del Ce.R.I..P.A.Onlus. Processi Relazionali e Istituzioni Sanitarie un omaggio alla nostra Fernanda! Fernanda Cerignoli si era laureata Dott. Magistrale in Scienze Infermieristiche presso l Università Tor Vergata di Roma ed in seguito è diventata Professore a contratto presso la facoltà di Medicina dello stesso Ateneo nella Specializzazione in Ortopedia, oltre ad insegnare presso i corsi triennali di Scienze Infermieristiche di Caserta e Tirana in Albania. Nel suo lavoro si è particolarmente interessata agli aspetti comunicativi e relazionali tra malato/paziente/cliente e personale sanitario. Processi Relazionali e Istituzioni Sanitarie è proprio il titolo di un suo scritto in cui l autrice volge l attenzione alle attività d Informazione e Comunicazione e soprattutto alla notevole rilevanza che queste devono poter assumere anche all interno delle istituzioni sanitarie. Fernanda Si chiede: Come sia possibile gestire nella maniera più a- deguata possibile le svariate cause che, soprattutto in contesti sanitari, provocano cattiva comunicazione?con quali strumenti e tecniche la comunicazione reciproca tra medici, infermieri, pazienti e parenti dei pazienti può divenire ottimale? Sottolineando come gli interessi finalizzati all analisi di queste problematiche siano abbastanza limitati o assenti, Fernanda denota invece la necessità e l importanza di occuparsi degli a- spetti comunicativi e relazionali. Infatti proprio in un ambito come in quello sanitario, in cui il fine ultimo dovrebbe essere quello di erogare un servizio alla persona attraverso la cura del paziente, i fattori legati alla comunicazione molto spesso risultano un elemento trascurato dai singoli operatori e perfino dalla componente organizzativa. In tal senso sembra che tali aspetti non influiscano sulla qualità globale dell assistenza e invece, facendo riferimento a studi recenti, l autrice evi-

4 denzia come siano proprio gli aspetti legati alla comunicazione, quali i flussi informativi, il clima di collaborazione e di comunicazione efficaci, a fare la differenza e ad influenzare positivamente la qualità dell assistenza percepita dai cittadini. Inoltre, afferma come sia molto importante che gli operatori del settore medico/sanitario acquisiscano strumenti e metodi per attuare una buona comunicazione tra di loro e nei confronti dello stesso utente/paziente, soprattutto in un contesto in cui ad essere al centro del processo comunicativo sono esseri umani che si trovano in particolari condizioni di ansia, timore e disorientamento. Alla base di un assistenza in cui un utente/paziente possa sentirsi soddisfatto c è, infatti, un adeguato scambio di informazioni. Effettivamente non è possibile pensare che le informazioni che gli operatori si scambiano tra di loro possano giungere al paziente chiari ed esaustivi se già in partenza risultano pieni di incomprensioni e fraintendimenti. Facendo poi riferimento agli assiomi della comunicazione di Watzlawick (1967), Fernanda evidenzia come la comunicazione "malata" è caratterizzata da una costante lotta per definire la relazione, mentre l aspetto di contenuto passa in secondo piano. E per tali motivi che negli ultimi anni si parla di Comunicazione Sanitaria (accanto ad altre discipline come Psicologia della Salute e Sociologia Medica) riferendosi ad argomenti che riguardano la Salute in ambiti specifici in cui le relazioni avvengono tra soggetti diversi per ruolo, cultura e conoscenze. In questi ambiti, inoltre, la relazione tra operatore sanitario e paziente è sempre molto complessa e strutturata dalla patologia più o meno grave del paziente stesso. In tali condizioni, Fernanda definisce sostanzialmente tre attori che partecipano e influiscono in modo determinante in questo tipo di relazioni: - I soggetti coinvolti (tutti quelli che partecipano al processo di cura, assistenza e diagnosi) - Il contesto (luoghi e spazi in cui avvengono i processi comunicativi come in reparto, ambulatorio o semplicemente in corridoio) - Le transazioni (scambi bidirezionali, dinamici e interattivi, tra i soggetti partecipanti, che possono essere verbali e non verbali e in cui sono coinvolti ogni volta specifiche parti della struttura di personalità di ciascuno e che, proprio per tali motivi, si trovano ad interagire in maniera più o meno efficace). Fernanda afferma che agire su tali transizioni, identificandole, analizzandole e modificandole, può essere un sistema adeguato per apportare dei cambiamenti nei processi comunicativi e conseguentemente nei rapporti interpersonali. L autrice individua inoltre alcuni elementi che si rivelano essenziali per la comunicazione in ambito sanitario e che favoriscono e aiutano la relazione: Empatia, Fiducia, Apertura, Conferma e Riconoscimento. Spesso però le condizioni di lavoro e il clima in cui gli operatori della Salute sono costretti a lavorare influiscono sui meccanismi relazionali in maniera negativa con il rischio di generare conflitti e demotivazioni professionali, nonché una scarsa qualità del servizio alla persona. Per concludere (invitandovi a leggere il documento originale nella sezione Pubblicazioni del nostro sito Fernanda ricorda ancora come la questione della comunicazione sia molto complessa e caratterizzata da molteplici aspetti (transazioni, empatia, strutture di personalità, etc.) che si intrecciano e danno origine a relazioni umane/professionali significative tanto profonde quanto problematiche. Per risolvere tali questioni per l Autrice diviene indispensabile rivedere i rapporti tra le figure coinvolte e fornire loro gli strumenti e le metodologie adeguate, come per esempio: 1. Educando il paziente ad un nuovo approccio con i professionisti della salute. 2. Rendendo dotto l infermiere delle nuove tematiche mediante la formazione continua, e fornirgli strumenti di lavoro idonei. 3. Formando il medico in merito ad argomenti inerenti le attuali problematiche. 4. Definendo nuovi protocolli che considerino il problema e creino le condizioni per risolverlo. Dedicarsi agli aspetti comunicativi e relazionali sembra, per tali motivi, un aspetto imprescindibile per fornire un adeguato ed efficace servizio alla persona in termini di cura e assistenza all utente/paziente. A cura di Irene Mastrantoni

5 5 Benessere Bio-psico-sociale quali strade percorrere per raggiungerlo? Oggigiorno sembra ormai abbastanza chiaro quale sia la meta da raggiungere e da dover impostare nel Navigatore della nostra esistenza. Destinazione: Il Benessere Bio-Psico-Sociale! Riferendoci ad un tradizionale, ma molto diretto, modo di dire, si potrebbe usare l espressione più colorita basta la salute!, usata ancora da molti, per evidenziare quale sia davvero una delle cose più importanti nella vita di ognuno. L OMS, infatti, ha più volte ribadito come la Salute deve necessariamente essere intesa come Benessere Bio-Psico-Sociale e non come semplice assenza di malattia. Ma siamo altrettanto certi di quale siano le strade da percorrere e quando iniziare il viaggio? Certo è che il Benessere, in tal modo inteso, si rivolge alla persona nella sua interezza e deve poter trovare espressione in ogni momento del ciclo di vita. Ciascun individuo, ad ogni età, infatti, deve poter essere messo nelle condizioni di esercitare il diritto alla Salute e al Benessere della propria persona. Disagi e malesseri, seppur di diversa natura, intensità e forma, sono presenti ad ogni età e possono dipendere in diversa misura dalla vittima, o meglio, dal soggetto che ne fa diretta esperienza. Tenute presenti tali considerazioni, viene da chiedersi quando e come poter intervenire soprattutto con le persone più indifese come bambini e adolescenti. Come aiutarli e cercare di fornire loro strumenti che siano il più possibile adeguati per affrontare quelle difficoltà che al giorno d oggi sembrano sempre più frequenti? Segue

6 6 Segue Abbandonati i programmi degli anni 70 che, seppur basati su un informazione attenta e particolareggiata, non si rivelarono efficaci e adeguati agli obiettivi di prevenzione previsti, l OMS decide di cambiare strategia nel decennio successivo e di basare i metodi preventivi sull Istruzione e sulla Formazione. Quest ultime, infatti, rappresentano le vie da percorrere per poter fornire ed equipaggiare, fin dall infanzia, il singolo individuo di quelle conoscenze, abilità e competenze atte a permettergli di affrontare e risolvere i vari problemi della vita quotidiana. In riferimento ai soggetti in età evolutiva l OMS ha definito un nucleo fondamentale di skills che deve rappresentare il fulcro di ogni programma di prevenzione mirato alla promozione del Benessere dei Bambini e degli Adolescenti, indipendentemente dal contesto. Le Skills for Life o Life Skills, rappresentano tutte quelle abilità personali e relazionali utili per gestire positivamente i rapporti tra il singolo e gli altri soggetti. Si tratta di competenze sociali e relazionali che permettono ai ragazzi di affrontare in modo efficace le varie situazioni; di rapportarsi con autostima a se stessi, con fiducia agli altri e alla più ampia comunità (dalla famiglia, alla scuola, al gruppo degli amici e conoscenti, alla società di appartenenza, ecc). Inoltre la mancanza di tali skills socio-emotive può causare, in particolare nei ragazzi e nei giovani, l instaurarsi di comportamenti negativi e a rischio in risposta a stress. Il nucleo fondamentale delle life skills è costituito dalle seguenti abilità e competenze (verranno approfondite anche nelle prossime newsletter): Decision Making Problem Solving Pensiero Creativo Pensiero Critico Comunicazione Efficace Capacità Relazionali e Interpersonali Empatia E evidente come, proprio attraverso l apprendimento di tali abilità, l obiettivo principale delle direttive dell OMS è quello di migliorare il Benessere e la Salute dei Bambini e degli Adolescenti e renderli in grado di affrontare varie situazioni più o meno pericolose e di forte stress emotivo (perdita di una persona cara, insuccesso scolastico e personale, fallimento in campo affettivo, etc.). In tale prospettiva non ci saranno quindi situazioni negative di per sé, ma lo diventeranno nella misura in cui non si hanno a disposizione gli strumenti per affrontarli, come per esempio le life skills apprese. Varie ricerche hanno infatti dimostrato come la Life Skill Education (LSE) sia in grado di influenzare positivamente la percezione di sé e degli altri e di migliorare la percezione di efficacia personale. Competenze, queste, che vanno considerate premessa indispensabile per il conseguimento degli o- biettivi fondamentali di promozione della Salute. In conclusione si può evidenziare come l OMS, con la promozione delle life skills, avvia una strategia di prevenzione assumendo il concetto di Salute del singolo come Stato di Benessere Psicofisico e Relazionale che risulta sempre in continuo divenire e che per tali motivi non deve costituire solo una meta verso cui tendere ma un vero e proprio compagno di viaggio. Irene Mastrantoni

7 7 COUNSELLING PSICODINAMICO Nei paesi anglosassoni il counselling psicodinamico si è sviluppato all interno di tutta l evoluzione clinica della psicoanalisi che si connota con il nome di applicata (Giannakoulas, Fizzarotti selvaggi, 2003). E una forma specifica di psicoterapia che si è evoluta intorno alla richiesta di aiuto di coloro che sentono l urgenza di risolvere un pressante conflitto e si trovano in una condizione psichica di solito molto penosa, inquietante e angosciante. Ogni consultazione è considerata come unica e offre maggiore spazio possibile al paziente come persona nella sua unicità (Giannakoulas, Fizzarotti Selvaggi, 2003). Il Conselling psicodinamico si sviluppa dai principi teorici e tecnici della psicoanalisi. Negli ultimi venti o trenta anni si è affermata la dimensione del counselling come strumento essenziale e privilegiato sia di chi lavora nelle istituzioni, sia di chi deve rispondere a diversi problemi riguardanti i bisogni di aiuto e le esigenze del bambino, dell adolescente e della coppia, delle organizzazioni aziendali. Il counselling può essere un ottimo strumento di aiuto per tutti quelli che intendano risolvere una crisi senza necessariamente affrontare un percorso terapeutico a lungo termine. Il counsellor psicodinamico dovrebbe sostenere, infatti, il paziente nella risoluzione della crisi ed eventualmente orientarlo, laddove sia necessaria, a una terapia a lungo termine. I recenti mutamenti sociali ed economici hanno creato un notevole cambiamento nella domanda di aiuto posta dalle persone che richiedono una consultazione psicologica. Spesso le persone si ritrovano a vivere momenti di forte stress legato a diversi fattori: ambientali, sociali, affettivi e lavorativi che incidono sulla condizione psicofisica dell individuo. Non necessariamente chi si ritrova a vivere un forte stress richiede una psicoterapia a lungo termine e non necessariamente la persona richiede di fare un lavoro su se stessa che determini una modificazione profonda delle proprie dinamiche. Spesso, infatti, è richiesto il raggiungimento di una condizione di benessere che permetta l adattamento rispetto a quei fattori che hanno determinato e scatenato la crisi e/o la condizione di temporaneo malessere. In tal senso il counsellor psicodinamico, con interventi brevi e mirati, cerca di risolvere lo stato di temporaneo disagio riconducendo la persona a naturale adattamento alle condizioni che hanno determinato la condizione di disagio. Il counsellor deve essere in grado di creare un holding che accolga e contenga le risorse sociali e personali del paziente potenziandole nel minor tempo possibile Donata Cavallo Letture Consigliate Le organizzazioni patologiche della personalità. Un caso clinico Marco Chiesa Attaccamento, trauma e psicoanalisi: Dove la psicoanalisi incontra le neuroscienze Peter Fonagy in La Mente nella Mente Teoria e clinica della funzione riflessiva Di Sauro Rosario Pennella Angelo

8 8 L Angolo della Poesia In attesa..c è un attesa in fondo al cuore che sobbalza ad ogni rumore.. Guardo e fremo.. mentre attendo quel fulmine a ciel sereno.. Semplici le parole di una complicità forse banale.. Il sorriso discreto.. mentre c è stupore imbarazzato.. sguardi forse sinceri sono nascosti tra i miei segreti pensieri Aspetto il tuo pensare, mentre ti penso e non lo dovrei fare Francesca Marchegiani Un occasione da non perdere! Quest anno il Ce.r.i.p.a.Onlus offre due appuntamenti formativi molto interessanti per i colleghi psicologi che vogliono aumentare le proprie conoscenze e competenze in ambito psicodiagnostico! In particolare Sabato 30 Aprile è previsto un seminario formativo sul WARTEGG e il 17 Settembre la formazione riguarderà invece i TEST GRAFICI. Entrambi i seminari saranno condotti dal Prof. Annibale Bertola, psicologo clinico, psicoterapeuta, didatta Sirpidi a Roma, esperto in ambito psicodiagnostico. Per ulteriori informazioni vi invitiamo a rivolgervi alla nostra segreteria all indirizzo di posta elettronica o a visitare il nostro sito web Staff Ce.r.i.p.a.Onlus Redazione: Rosario Di Sauro Stefania Bertiè Donata Cavallo Emanuela Di Rienzo Manuela Maltese Francesca Marchegiani Irene Mastrantoni (Coordinatrice) Ce.R.I.P.A.Onlus Via Adua, , Latina Tel&Fax: Cel: Mail: visitateci sul Web:

9

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Premessa Aiutare i figli a orientarsi alla fine del quinquennio della scuola superiore, o sostenerli nella scelta di

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

PROGETTO SORRISI IN ATTESA

PROGETTO SORRISI IN ATTESA PROGETTO SORRISI IN ATTESA IL DOTTOR SORRISO e l OSPEDALE BUZZI IN COLLABORAZIONE CON OBM ONLUS - Ospedale dei bambini di Milano CHI È DOTTOR SORRISO 1. La Fondazione La Fondazione Aldo Garavaglia Dottor

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli