Articolo Modulo C4 per corso RSPP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Articolo Modulo C4 per corso RSPP"

Transcript

1 Articolo Modulo C4 per corso RSPP Premessa Ho già evidenziato in un precedente lavoro quelle che sono a mio parere le difficoltà e gli obiettivi nella trattazione del Modulo C nel percorso di formazione per RSPP previsto dall accordo Governo e Regioni (D. Lgs. 195/2003). Richiamerò qui in modo sintetico i punti principali. o Compito dei docenti non è di impartire delle nozioni, funzione affidata prioritariamente ai Moduli A e B, ma di insegnare un metodo di lavoro. o L obiettivo dei formatori è dunque quello di sviluppare delle competenze che aiutino il RSPP nella sua opera di organizzazione e promozione di un sistema che mira alla tutela della salute e della sicurezza dei dipendenti. o L obiettivo sopra ricordato è raggiungibile solo promuovendo il coinvolgimento, la partecipazione ai processi decisionali, la crescita professionale dei lavoratori, una condivisione delle responsabilità, la pianificazione e la progettazione e la verifica di quanto deciso e/o attuato. Come nel lavoro prima ricordato, la parte nozionistica sarà molto ridotta e mi soffermerò di più sulle indicazioni di metodo. Le pagine successive sono perciò il racconto di una mia lezione. Vi è però una differenza. Mentre l articolo sul modulo C3 si rivolgeva a coloro che si occupano della formazione dei RSPP, i destinatari di queste righe sono gli RSPP stessi in quanto il D. Lgs. 81/2008 affida ad essi e al Servizio prevenzione e protezione notevoli ed importanti compiti circa la formazione ed informazione dei dipendenti e ciò viene sottolineato anche dal fatto che il Corso di formazione riserva al Modulo C4 Ruolo dell informazione e della formazione ben 8 ore su un totale di Le competenze comunicative come elemento professionalizzante per il RSPP Leggendo con attenzione il D. Lgs. 81/2008, ma anche confrontandomi quotidianamente con chi si occupa di sicurezza nelle aziende, emerge il ruolo del RSPP come figura di collegamento e di relazione fra coloro che in qualche maniera sono interessati a tale problematica. Si va dall ufficio tecnico a coloro che si occupano degli acquisti, dalle squadre di primo soccorso al RLS, dal caporeparto al dirigente e l elenco è solo esemplificativo. Tutti possono trovarsi, e di fatto si trovano, nella situazioni di rapportarsi e di chiedere informazioni al RSPP. Credo sia perciò importante che il formatore del modulo C4 sottolinei l importanza che questa figura affini e migliori le sue capacità comunicative soprattutto sotto due punti di vista: la gestione del gruppo e la formazione degli adulti. Non c è dubbio che diverse saranno le occasioni in azienda in cui il RSPP si troverà a ricoprire questi ruoli che non possono essere improvvisati, ma richiedono preparazione. Nell intento di utilizzare quei metodi attivi di cui parlerò più avanti, la lezione potrebbe aprirsi con una simulazione che aiuta ad evidenziare le dinamiche di gestione di un gruppo e successivamente a riflettere sull assertività. Si può simulare una riunione che viene tenuta nell azienda interessata degli avvenimenti descritti nella simulazione seguente. SITUAZIONE AZIENDALE Azienda metalmeccanica privata, di medie dimensioni (circa 150 dipendenti che lavorano a giornata) che produce semilavorati di acciaio (lamiere per scaffalature e pianali) su commessa. Per quanto riguarda la sicurezza l azienda ha elaborato un proprio Documento di valutazione dei rischi (DVR).

2 EVENTO Per rispettare i tempi di consegna di un importante commessa l intero reparto produttivo si trova a sostenere dei ritmi di lavoro superiori a quelli in base a cui è stato redatto il DVR. CONSEGUENZE: i materiali sono accatastati in modo non corretto e pericoloso, i macchinari sono utilizzati in modo improprio e per tempi molto superiori a quelli previsti durante la normale attività, il problema di razionalizzazione degli spazi e delle attrezzature. INCIDENTE Il mercoledì si verifica un infortunio causato dal mal posizionamento di un semilavorato presso un addetto che viene urtato e ferito leggermente. Il lavoratore non indossava i dispositivi di protezione individuali. Tale incidente è l ultimo di una catena d incidenti di lieve entità realizzatesi all interno dell azienda nelle ultime settimane. Terminata la presentazione della simulazione, l aula viene divisa in 5 gruppi: a. Gruppo dirigente, b. Gruppo medico competente, c. Gruppo RSPP, d. Gruppo RLS, e. Gruppo caporeparto. Ogni gruppo si confronta e stabilisce la propria linea di condotta, le motivazioni a sostegno delle propria tesi, gli obiettivi che si prefigge di raggiungere e gli interventi da realizzare. Da questo primo momento dovrebbe scaturire un canovaccio, un breve testo in cui ciascuno fissa il copione che seguirà nella riunione successiva. Ogni gruppo inoltre elegge un proprio portavoce che rappresenterà nella riunione uno dei cinque ruoli sopra elencati. L obiettivo è di far emergere i distinti punti di vista e le diverse prospettive con cui viene esaminato un unico problema ed esercitare così il RSPP a svolgere le due funzioni sopra accennate, cioè la gestione di un gruppo e l attività di formazione. Si svolge poi la simulazione della riunione con i 5 attori che vengono osservati dagli altri secondo la traccia della Scheda 2. Al termine dell esercitazione si analizza l esperienza secondo la Scheda n. 1 e la Scheda n. 3, mentre gli osservatori riferiscono all interno gruppo quanto ciascuno si è annotato sulla Scheda n. 2 Scheda n. 1 - Debriefing La scheda 1 viene compilata in gruppo con il formatore che guida la discussione. 1. Qualcuno durante l esercitazione ha assunto il ruolo di leader? Oppure il ruolo di leader è passato da un partecipante ad un altro? 2. Quali comportamenti ed espressioni vi hanno portato a riconoscere in queste persone un leader? 3. Tutti hanno potuto esprimere le loro opinioni? 4. Come sono stati i rapporti fra i partecipanti? 5. Quali criteri hanno guidato la scelta?

3 6. Come vi siete sentiti durante l esercitazione? 7. Quali sono stati i momenti più critici? Come ne siete usciti? Scheda n. 2 - Ruoli all interno del gruppo La scheda 2 viene compilata da chi non partecipa all esercitazione che sceglie uno degli 8 colleghi che fanno parte della commissione da osservare. Per ogni scansione temporale segnerà con una crocetta i tre atteggiamenti prevalenti. Al termine riferirà al gruppo le sue osservazioni. Analisi di (nome e cognome) riferita a (nome e cognome) Comportamenti 1. Cerca di rendersi simpatico agli altri Primi 20 minuti 20 minuti centrali Ultimi 20 minuti 2. Cerca informazioni 3. Tenta di conciliare punti di vista diversi 4. Aiuta e incoraggia 5. Cerca di chiarire cosa succede 6. Chiede chiarimenti su persone e/o fatti 7. Cerca di rasserenare l atmosfera 8. Fa sintesi, il punto della situazione, riformula 9. Prende l iniziativa, orienta 10. Coopera e collabora 11. Domina o vorrebbe dominare 12. Monopolizza la parola e l attenzione 13. Si oppone, sabota il gruppo 14. Aggredisce e attacca 15. Si difende 16. Giudica e valorizza gli altri 17. Tenta di manipolare 18. Si mostra disinteressato 19. Segue gli altri passivamente 20. Interrompe gli altri Scheda n. 3 - Analisi e/o autoanalisi del gruppo La scheda 3 viene compilata in gruppo con il formatore che guida la discussione.

4 Il gruppo si muove verso un obiettivo chiaro e condiviso? Il gruppo comunica in modo propositivo e vi è reciproco ascolto? Il gruppo prende decisioni? Chi comanda nel gruppo? Emerge una identità di gruppo? Domanda 1 a. I componenti si stanno guardando in giro per orientarsi b. Ci sono proposte e tentativi, ma in contrasto fra loro sulla direzione da prendere c. Gli scopi del gruppo sono sufficientemente identificati d. Gli scopi sono ben chiari e adeguatamente formulati e. Gli scopi sono sempre bene in vista e tutte le azioni ben finalizzate Domanda 2 a. C è imbarazzo, si notano atteggiamenti difensivi e qualche provocazione b. Qualcuno prova a confrontarsi, ma il dialogo è frammentario c. L interazione e gli scambi sono accettabilmente continui d. La ricettività è notevole e la comunicazione fluida e. L intesa è eccellente, franchezza e fiducia connotano il comportamento di tutti Domanda 3 a. La situazione è stagnante, non emergono alternative b. I suggerimenti non mancano, ma nessuno di essi riesce trovare sbocchi c. Il gruppo appare concreto e capace di prendere decisioni pur minime a maggioranza d. Il grado di partecipazione elevato ha consentito di tener conto anche delle proposte della minoranza e. La negoziazione interne è tale che la elaborazione riesce ad essere consensuale e creativa Domanda 4 a. Tutti temono di esporsi e/o si scherniscono agli inviti degli altri b. Qualcuno si fa avanti, ma subito si ritira e non aggrega tutti c. La leadership è concentrata su una sola persona d. A seconda dei casi, emergono personalità e competenze diverse e. La distribuzione della leadership è flessibile e diffusa Domanda 5 a. Ci sono solo delle singole individualità b. Si notano delle prime aggregazioni più o meno occasionali c. Nel gruppo si usa regolarmente il noi in senso costruttivo d. L identità di gruppo è palese e si coglie sia dall interno sia dall esterno e. Il senso di appartenenza è inteso ed aperto a nuove integrazioni Il formatore conclude l esercitazione facendo emergere le caratteristiche di una comunicazione appropriata per chi intende favorire il lavoro di gruppo e la sua coesione. Tali caratteristiche sono riassunte nella Tabella n. 1

5 Tabella n. 1 - Comportamenti ed espressioni del leader Comportamenti Espressioni Pone spesso domande Apporta contributi brevi, ma frequenti La sua comunicazione è dinamica e coinvolgente Proviamo a Cosa ne pensi? Ciò che intendo /Ciò che intende Buona idea Ora è il suo turno Allora cosa abbiamo deciso? Allora, chi si incarica di questo progetto e con che termine? Soprattutto all inizio dell incontro e/o della comunicazione il leader pone domande per chiarire i punti di vista di ciascuno I suoi interventi hanno principalmente tre compiti: non far perdere di vista l obiettivo perseguito favorire la partecipazione di tutti ricordare i punti su cui si è raggiunto l accordo Guarda negli occhi gli interlocutori, Modula il tono di voce per sottolineare i passaggi e/o concetti più significativi Associa il tono a movimenti corporei e ad una mimica espressiva Il leader suggerisce sempre modi nuovi di affrontare i problemi e incoraggia il pensiero divergente. Cerca di coinvolgere gli interlocutori e di fare in modo che tutti esprimano le loro opinioni Chiarisce il proprio o l altrui punto di vista Sottolinea la positività delle proposte apportate dal gruppo Mantiene l ordine e assicura che tutti possano parlare Nel corso del dibattito fa dei sommari periodici e una sintesi generale alla fine Per ogni decisone presa chiarisce chi ne ha la responsabilità Questa prima parte può terminare con una presentazione schematica dell assertività, uno stile comunicativo che si differenzia e si contrappone all aggressività e alla passività. L assertività può essere definita come un metodo di interazione con gli altri, una tendenza ad assumere un comportamento caratterizzato da: la capacità di esprimere le proprie idee, sentimenti e bisogni, la capacità di affermare i propri diritti, la capacitala capacità di considerare i diritti altrui, la capacità di assumere un atteggiamento che valorizza se stesso, ma anche gli altri, un alternativa alla passività, all aggressività e alla manipolazione. In modo schematico, visti i destinatari dell argomento, si possono riassumere i tratti fondamentali dei tre stili comunicativi utilizzando la Tabella n. 2. Tabella n. 2 Tre stili comunicativi a confronto

6 Stile Caratteristiche Obiettivo Suscita Passivo Assertivo Aggressivo E attento solo agli altri E condizionato e influenzato dagli altri Porta a subire gli altri e le loro decisioni È attento a sé e agli altri Non è condizionato dagli altri Utilizza metodi motivanti e gratificanti È attento solo a se stesso Prevarica gli altri Utilizza metodi coercitivi e distruttivi Il comportamento assertivo si riconosce da: Ottenere la benevolenza degli altri Evitare il conflitto a qualunque costo Ottenere successo personale Coinvolgere Ottenere l accordo Frustrazione Ansia Senso di colpa Mortificazione della propria dignità Elevata ansia sociale Fiducia in se stesso e negli altri Attenta considerazione per gli altri Capacità di scelta autonoma Valorizzazione delle persone Ottenere potere sociale Senso di colpa Collera Ostilità Umiliazione e disprezzo Mortificazione della dignità altrui Gesti Espressioni del volto Contatto visivo Postura Tonalità Ritmo del discorso Aperti, cordiali Attenta, interessata, comprensiva, coerente con la comunicazione verbale Diretto, costante Rilassata, aperta, comoda Media, volume adeguato Moderato, varia a seconda delle situazioni Si può concludere la trattazione di questo argomento con il semplice esercizio che segue e che richiede di riscrivere in forma assertiva le frasi aggressive. Esercitazione n. 2 - Da aggressivo ad assertivo Aggressivo Hai sbagliato un altra volta. Eppure lo sai che non si fa così! Questa relazione fa schifo! È tutto qui quello che sai fare? Assertivo Ti sei accorto che qui hai sbagliato? Che cosa potremmo fare per non ripete più questi errori? Vorrei proprio che almeno tu provassi a non fare

7 tanti errori! Lo sai come voglio che vadano fatte le cose! 2. L apprendimento negli adulti Dovendo gli RSPP e coloro che fanno parte del Servizio prevenzione e protezione assumere anche il ruolo di formatore, credo valga la pena riprendere alcune considerazioni di ordine didattico sull insegnamento riferito agli adulti. 2.1 I destinatari della formazione Quando si parla di formazione la prima preoccupazione deve essere quella di conoscere le persone a cui tale formazione è destinata. Nel caso degli adulti va considerato con attenzione il fatto che ci stiamo rivolgendo ad allievi che: possiedono già un ampio bagaglio di conoscenze e che portano con sé atteggiamenti a volte profondamente radicati; hanno ruoli e status sociali diversificati e strutturati; temono di veder compromesso questi status e ruoli raggiunti; non vivono, a differenza dei bambini e dei ragazzi, l esperienza formativa anche come una modalità di socializzazione. A queste caratteristiche si aggiungono spesso delle difficoltà di ordine psicologico e/o organizzative: paura di mostrare la propria ignoranza, difficoltà nel parlare in pubblico, rifiuto del cambiamento, diffidenza che quanto appreso possa essere applicato (magari per precedenti negative esperienze), rifiuto all impegno, paura di essere valutati, difficoltà di concentrazione e di attenzione perché non più abituato, scarso sostegno da parte dell azienda, scarsa disponibilità di tempo, sovrapposizione di impegni. 2.2 Contenuto, motivazione e metodo della formazione Se teniamo presente le caratteristiche elencate nel punto precedente ne deduciamo precise indicazioni circa il contenuto formativo, la motivazione all apprendimento e il metodo didattico riassunti nella Tabella n. 3. Tabella n. 3 - Contenuto, motivazione e metodo della formazione Contenuto formativo I contenuti della formazione devono sempre riguardare: la conoscenza (il sapere) l operatività (il saper fare) il comportamento (il saper essere) E importante mostrare i legami fra questi tre livelli: la conoscenza deve essere una delle motivazioni che indirizzano l operatività e i comportamenti.

8 Motivazione La motivazione che guida l alunno adulto è intrinseca, nasce cioè dall autorealizzazione di sé, dalla risposta ai propri bisogni quale, ad esempio, la possibilità di crescita professionale. Non è legata alla logica sanzione premio almeno che il premio non sia legato, come affermato precedentemente, alla soddisfazione di bisogni personali. La motivazione è proporzionata al grado di coinvolgimento nella determinazione degli obiettivi e del percorso di apprendimento e alla valorizzazione della propria esperienza e competenze. Metodo Quanto detto ci porta a concludere che il punto di partenza del percorso formativo è l esperienza pregressa e la valorizzazione di tale esperienza Va immediatamente mostrata l utilità di quanto appreso e ciò può essere favorito dall affrontare casi concreti o simulazioni realistiche. Va sempre utilizzata la comunicazione a due vie, quella cioè in cui emittente e destinatario si scambiano frequentemente i ruoli. Vanno privilegiati i metodi attivi d insegnamento. Possiamo sintetizzare la Tabella n. 3 dicendo che il processo formativo degli adulti dovrà far leva sulle le conoscenze, le abilità e il vissuto di ciascuno mirando ad analizzare questo portato personale in funzione delle nuove conoscenze e degli obiettivi stabiliti. La formazione intesa in questo modo assume la fisionomia di educazione, cioè è finalizzata all interiorizzazione di conoscenze, motivazioni, valori che si traduce poi in precisi comportamenti non più dettati dal semplice rispetto di regole, ma dalle convinzioni proprie. È questo quel cambiamento culturale auspicato da più parti come risultato del D. Lgs. 626/94 prima e attualmente del D. Lgs. 81/ Tecniche di formazione attiva Per quanto riguarda i metodi attivi menzionati nella Tabella n. 3 e nella Mappa concettuale n. 1, prima di passare ad una loro breve presentazione, mi pare utile sottolineare due aspetti. In primo luogo essi non vanno visti in contrapposizione o in sostituzione alla lezione frontale o alla distribuzione di materiale cartaceo che richiede l impegno personale di studio, bensì come strumenti che li integrano e li accompagnano. Questo anche in considerazione del fatto, e passiamo così al secondo aspetto da sottolineare, che tali metodi attivi pur non tralasciando il sapere, cioè le conoscenze, sono finalizzati soprattutto al miglioramenti delle relazioni interpersonali e all acquisizione di modalità di comportamento. Tabella n. 4 - Le principali tecniche di formazione attiva Role playing Analisi di un caso e /o simulazione Gioco di ruolo nel quale si simula una situazione con delle parti (canovacci) prestabilite in linea di massima e assegnate ai partecipanti al corso di formazione. Va sottolineato che docente non è il regista del film, cioè suo compito non è quello di dettare le battute e stabilire i tempi, ma deve evidenziare le dinamiche interne al gruppo, le logiche relazionali che si instaurano fra i diversi partecipanti al gioco. Consiste nella presentazione di una situazione concreta, vera o verosimile proposta che va analizzata e discussa con i partecipanti. Va sempre considerata con prudenza la possibilità di presentare un caso

9 reale da parte di uno dei partecipanti al corso. Il docente deve, in tale situazione, prestare molta attenzione alle reazioni emotive e psicologiche che la discussione di una caso reale e coinvolgente può suscitare. Anche se auspicabile non è necessario arrivare in ogni caso alla soluzione del problema, sarà invece importante che chi ha la responsabilità del gruppo mette in evidenza le modalità che sono state impiegate nella discussione e si impari un metodo di lavoro e di analisi (si veda più avanti la Tabella n. 9). Brain storming Costruzione di un istruzione di lavoro Esercitazioni in aula e/o sul luogo di lavoro Consiste nella possibilità di offrire liberamente la propria opinione e/o proposta di soluzione su un argomento proposto dal docente. È importante sottolineare che durante questa fase non ci si deve soffermare ad analizzare quanto i singoli propongono: l obiettivo è la quantità di proposte, non la qualità. È una tecnica utile per sviluppare il pensiero divergente e la capacità di individuare sempre diverse alternative di fronte ad una situazione problematica. Più che l istruzione in sé, che può avere un utilità immediatamente spendibile se i partecipanti al corso di formazione appartengono tutti alla stessa azienda, è importante soffermarsi sull importanza, le finalità e i vantaggi di disporre di precise procedure che permettono di ridurre le sovrapposizioni, chiariscono i ruoli e permettono un immediata revisione del sistema in caso di incidente o di anomalie. Il docente propone un problema e/o simula delle situazioni di emergenza e chiede ai partecipanti di individuare le soluzioni e, qualora l esercitazione avvenga effettivamente nel luogo di lavoro, di mettere in pratica le soluzioni individuate. È comunque sempre importante terminare l esercitazione con una riflessione su quanto fatto in modo che emergano le implicazioni teoriche e il processo messo per individuare le procedure da attuare. 3. La formazione nel D. Lgs. 81/2008 (Mappa concettuale n. 1) 2.1 Gli articoli di riferimento La Mappa concettuale n. 2 propone, a partire dagli articoli 36 e 37, cioè i due articoli fondamentali per il tema della formazione, una presentazione ragionata di quelli che sono i principali riferimenti normativi nel campo della formazione ed informazione previsti dal D. Lgs. 81/2008. I due articoli appena menzionati non presentano novità davvero rilevanti rispetto al D. Lgs. 626/94. In altri articoli emergano delle innovazioni e le principali mi sembrano: 1. nell art. 19 si parla di un percorso formativo ad hoc che deve riguardare il preposto; 2. nell art. 25 si dà maggior risalto al ruolo del medico come formatore ed informatore nei confronti dei lavoratori, 3. negli artt che riguardano la figura del RLS si pone l accento sull importanza e la specificità della formazione che tale figura deve avere. Dalla lettura degli articoli riportati nella Mappa concettuale n. 2 emerge che per il D. Lgs. 81/2008, ma lo era già per il D. Lgs. 626/94, la formazione alla sicurezza non va considerata solo nell ottica della prevenzione degli incidenti e della tutela della salute, ma come fattore

10 professionalizzante e come strumento per favorire una maggior partecipazione e motivazione del lavoratore al processo produttivo. I contenuti dunque di questo D.Lgs. non sono solo di natura tecnica, ma vanno ad incidere in profondità sulla cultura aziendale.

11 Mappa concettuale n. 1 La Formazione nel D. Lgs. 81/2008 OBIETTIVI E RISULTATI ATTESI Responsabilità diffusa all'interno dell'azienda Maggior trasparenza nell'individuazione e valutazione dei rischi Attivazione di canali efficaci ed efficienti di comunicazione Partecipazione e coinvolgimento Miglioramento del clima interno Miglioramento continuo degli standard di sicurezza Diminuzione del numero di incidenti e delle malattie professionali LA FILOSOFIA La formazione alla sicurezza non solo nell'ottica della prevenzione degli incidenti e della tutela della salute, ma come fattore professionalizzante e come strumento per favorire una maggior partecipazione e motivazione del lavoratore al processo produttivo La formazione nel D.Lgs. 81/2008 La formazione come educazione che modifica i comportamenti METODI ATTIVI Role playing Caso e/o simulazione Analisi di incidenti Brain Storming Costruzione di una istruzione di lavoro Esercitazione ARTICOLI PRINCIPALI DI RIFERIMENTO art. 15, c.1, lettere n - s; art. 18, c. 1, lettera l; art. 25 c.1 lettera a; art. 33, c. 1, lettera d - f, artt. 36 e 37 Elaborare procedure Utilizzare le conoscenze, le abilità e "il vissuto" di ciascuno mirando ad analizzare questo portato personale in funzione delle nuove conoscenze e degli obiettivi stabiliti. Problem setting e problem solving Strumenti di comunicazione interna(riunioni, cartellonistica, lavori di gruppo corsi di formazione,...) Innescare il miglioramento continuo

12 Mappa concettuale n. 2 Gli articoli riguardanti la formazione nel D. Lgs. 81/ Obiettivi e contenuti della formazione alla sicurezza Le fonti per definire gli obiettivi e i contenuti dei corsi di formazione sulla sicurezza sono principalmente tre: il D. Lgs. 81/2008 (in particolare gli articoli ricordati nella Mappa concettuale n. 2) il Documento di valutazione dei rischi (DVR) così come previsto dagli artt. 20, 29 e 30 del D. Lgs. 81/2008, l analisi delle competenze del personale dell azienda attraverso le Schede personali dei dipendenti. Va sottolineata con forza l importanza di una formazione che non sia generalizzata, ma contestualizzata alla singola azienda. Per ottenere questo risultato è necessario redigere con attenzione il DVR e conoscere, attraverso una scheda personale, le competenze e le passate esperienze del personale a cui è destinata la formazione. Il piano per la formazione del personale aziendale va fissato dopo la valutazione dei rischi, dopo cioè la stesura del DVR. Tale documento costituisce il punto di partenza di quanto poi si andrà ad attuare per garantire la sicurezza e la salute del personale e ha una funzione propulsiva e propositiva proprio nell ambito della formazione.

13 Mi pare opportuno qui riprendere in parte un mio precedente lavoro integrandolo con alcune osservazioni che metta in luce il rapporto fra DVR e formazione. Tabella n. 5 - DVR e formazione SE ALLORA Il DVR esprime una valutazione di tutti i rischi effettuata attraverso la collaborazione di più persone. Il DVR è visto in stretto legame con l azienda nel suo complesso. La sicurezza è insieme causa ed effetto delle scelte organizzative e del clima interno. Ci si muove in un ottica di sistema, macchina, ambiente e uomo, in cui ciascun elemento influenza gli altri due. Il DVR è un documento perfettibile, in evoluzione continua in quanto accompagna l azienda nelle sue fasi di cambiamento e tiene conto della sua trasformazione organizzativa, tecnica e produttiva Il DVR è uno strumento che incide nei comportamenti del personale finalizzato all interiorizzazione di alcuni valori ed atteggiamenti. La valutazione dei rischi è il mezzo attraverso cui il datore di lavoro, in collaborazione con le altre figure professionali deputate alla sicurezza, individua le misure di prevenzione da attuare e tra queste i corsi di formazione e un programma di informazione. Proprio il DVR costituisce il primo strumento a disposizione dell azienda per formare i propri dipendenti sul tema della sicurezza. Il confronto sui temi della sicurezza può innescare una più ampia analisi su questioni organizzative e produttive portando a migliorare l ambiente di lavoro e il clima interno rafforzando il coinvolgimento, il senso di appartenenza e la motivazione. La formazione non può essere impartita una volta per sempre, ma deve sempre essere aggiornata e programmata. Il miglioramento continuo e l elevazione degli standard di sicurezza passano anche attraverso l aggiornamento dell informazione e della formazione. Nelle fasi di raccolta dei dati che portano alla stesura del DVR e successivamente alla programmazione delle attività formative condivisione e coinvolgimento diventino le parole d ordine. Un ruolo di primo piano spetta qui al Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza in quanto diretto interlocutore dei lavoratori.

14 Pur ribadendo la necessità che la formazione sia quanto più personalizzata e tagliata su misura della singola azienda, si possono tuttavia individuare gli argomenti da trattare, Tabella n. 6, e gli obiettivi, Tabella n. 7, che, mi pare, dovrebbero essere comuni a tutti i corsi di formazione in tema di sicurezza. Tabella n. 6 - Argomenti e contenuti formativi Argomenti Le legislazione riguardante la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro I soggetti coinvolti nel sistema di gestione della sicurezza aziendale con particolare attenzione alle loro interazioni Il riconoscimento e la valutazione dei rischi e dei pericoli connessi alle attività lavorative Le misure di prevenzione e di riduzione del potenziale rischio: tecniche di problem setting e problem solving Nozioni e tecniche di comunicazione con particolare attenzione alle dinamiche di gruppo (Es.: organizzazione e gestione di riunioni e lavori di gruppo, motivazione del personale, ecc.) Contenuti formativi Presentare i diritti e doveri di tutte le figure coinvolte nel sistema di gestione della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Illustrare le competenze specifiche di ogni figura professionale (RSPP, RLS, addetti al primo soccorso, ecc) Far acquisire la capacità di analisi e valutazione dell azienda in termini di sicurezza con riferimento agli aspetti ambientali, tecnologici ed organizzativi Implementare le capacità relazionali, di lavoro di gruppo e di rapportarsi con altre figure professionali inerenti la sicurezza Verificare il grado di apprendimento attraverso questionari, interazioni di gruppo, stesura di procedure operative e/o analisi di casi concreti o simulazioni. Tabella n. 7 - Obiettivi e risultati attesi della formazione in sicurezza Obiettivi Responsabilità diffusa all interno dell azienda Maggior trasparenza nell individuazione e valutazione dei rischi Coinvolgimento del personale Attivazione di canali efficaci ed efficienti di comunicazione Risultati attesi Partecipazione e coinvolgimento di tutto il personale dell azienda nella gestione della sicurezza Miglioramento del clima interno Miglioramento continuo degli standard di sicurezza Diminuzione del numero di incidenti e delle malattie professionali Fra gli argomenti illustrati nelle Tabelle n. 6 e n. 7 merita una presentazione il tema del problem setting e solving come metodologia di lavoro e come mentalità e modalità di approccio ai problemi da favorire in tutti coloro che si occupano di sicurezza. Esso richiedere una particolareggiata trattazione, ma le linee essenziali vengono presentate nella Tabella n. 8. Tabella n. 8 - Problem setting e problem solving

15 Problem setting Problem solving Breve definizione Successione temporale Domanda fondamentale Il problema Processo attraverso il quale si mira a trasformare una percezione, una sensazione di disagio di fronte ad una situazione in una questione ben definita in tutti i suoi aspetti, cioè in un problema. Processo attraverso cui ci si prefigge di individuare la soluzione migliore per un problema. Prima Dopo (e attenzione a non invertire l ordine) Che cos è? Come fare? può essere una sfida, un elemento positivo, permette di migliorare Verbi guida Analizzare Scomporre Fissare Delimitare Ideare Valutare Scegliere Progettare Visione della realtà Visione sistemica o olistica della realtà. Di ogni situazione che ci pone un problema che intendiamo risolvere dobbiamo considerare: I suoi elementi (interni ed esterni) Le relazioni fra questi elementi L ambiente in cui si collocano I confini e/o limiti del sistema Mi chiedo Qual è il problema? Mi sono fermato ai sintomi o ho messo a fuoco il vero problema? Quali cause lo hanno generato? Posso stabilire un ordine gerarchico fra le cause? Quali effetti produce? Posso stabilire un ordine gerarchico fra gli effetti? Quali risorse sono a disposizione? Chi è coinvolto? Su quali cause posso intervenire? Quali soluzioni individuo? Quale soluzione attuo? Chi fa, come e quando Quali risorse investo (tempo, spazi, strumenti...)? Quali verifiche predispongo? Richiede Conoscenze specifiche dell argomento/problema (anche attraverso l apporto di più persone e/o specialisti)

16 Capacità comunicative e di lavorare in gruppo Capacità assertive Motivazione Un ultima osservazione, ma di una certa importanza. Le azioni di formazione svolte presso agenzie enti formativi accreditati o in azienda vanno sempre verbalizzate e registrate. Se questo avviene con regolarità nei corsi di formazione presso gli enti sopra ricordati, non sempre si presta la dovuta attenzione a questo aspetto all interno della singola azienda. Propongo in allegato a questo articolo un modello di Verbale (Allegato A) per registrare le iniziative formative che ogni singola azienda intende mettere in atto. 3. La progettazione didattica (Mappa concettuale n. 3) tappe: Organizzare un corso di formazione richiede di seguire un percorso riassumibile in quattro 1. definire i bisogni formativi, 2. pianificare la formazione, 3. attuare la formazione 4. verificare. Analizzerò il 1, il 2 e il 4 di questi momenti dopo aver elencato almeno le principali occasioni in cui l azienda deve ricorrere alla formazione per quanto riguarda la sicurezza: 1. assunzione di nuovo personale, 2. cambiamento di mansioni, 3. introduzione di nuovi prodotti, macchine, procedure di lavoro, 4. aumento del numero di incidenti, A queste se ne aggiungono altre due, non obbligatorie per legge, ma sicuramente utili se non indispensabili alla vita dell azienda: 5. incrementare la motivazione e il coinvolgimento del personale, 6. migliorare le performance dell azienda. Primo momento: definire i bisogni formativi L individuazione dei bisogni formativi di un azienda può essere effettuata attraverso un opera di brainstorming ponendo al gruppo le seguenti domande: 1. Quali competenze (sapere, saper fare e saper essere) sono necessarie per svolgere quella mansione e/o ruolo? 2. Quali competenze e qualifiche già possiede il soggetto? 3. Qual è la differenza fra le competenze necessarie e quelle già possedute? 4. Quali sono gli obiettivi della formazione? Alla prima domanda si risponde attraverso il DVR, il Mansionario, la lettura dei Manuali di utilizzo delle attrezzature e dei prodotti e/o sostanze impiegate e l esperienza dei lavoratori. Al secondo quesito si può rispondere attraverso la lettura delle Schede personali. Gli ultimi due interrogativi dovrebbero trovare esplicitazione soprattutto nella Riunione periodica (art. 35) che pone sempre all o.d.g. il tema della formazione ed informazione dei dipendenti. Questo primo momento richiede un attenta analisi delle esigenze aziendali al fine di non sperperare risorse nella formazione che si andrà ad effettuare. Di grande importanza è soprattutto la

17 determinazione degli obiettivi che ci prefiggiamo e che vanno esplicitati chiaramente in termini di comportamenti osservabili e misurabili.

18 Mappa concettuale n. 3 Organizzare un corso di formazione A CHI CI RIVOLGIAMO: L'ADULTO CHE APPRENDE possiedono già un ampio bagaglio di conoscenze portano con sé atteggiamenti a volte profondamente radicati; hanno ruoli e status sociali diversificati e strutturati; hanno paura di veder compromesso questi status e ruoli raggiunti; non vivono, a differenza dei bambini e dei ragazzi, l'esperienza formativa anche come una modalità di socializzazione. paura di mostrare la propria "ignoranza", difficoltà nel parlare in pubblico, rifiuto del cambiamento, diffidenza che quanto appreso possa essere applicato (magari per precedenti negative esperienze), paura di essere valutati, difficoltà di concentrazione e di attenzione perché non più abituato, scarso sostegno da parte dell'azienda, scarsa disponibilità di tempo, sovrapposizione di impegni,. Organizzare un corso di formazione LA PROGETTAZIONE DIDATTICA QUANDO FARE FORMAZIONE 1. assunzione di nuovo personale, 2. cambiamento di mansioni, 3. nuovi prodotti, macchine, procedure di lavoro, 4. aumento del numero di incidenti, 5. motivare e coinvolgere il personale, 6. migliorare le performance dell'azienda. Fase 1 Definire i bisogni formativi e gli obiettivi Fase 2 Programmare la formazione: metodi strumenti docenti risorse tempi Si ritorna Richiede Fase 3 Attuare la formazione Metodi didattici attivi Valorizzare l'esperienza Utilizzare la comunicazione a due vie Fase 4 Verificare: questionario tutor autovalutazione osservazione intervista

19 Secondo momento: progettare e pianificare la formazione È un momento di carattere tecnico ed è qui che l azienda può utilizzare nel modo migliore le competenze e le capacità dei professionisti della formazione. Infatti nel primo momento, l analisi dei bisogni formativi, è soprattutto l azienda che in modo autonomo deve riflettere su se stessa e far emergere le proprie necessità e perciò un soggetto esterno può certamente contribuire, ma non potrà sostituirsi all autoanalisi dell azienda stessa. In questo secondo passaggio del processo formativo si dovranno scegliere: i metodi formativi (autoformazione, lezione in aula, analisi di incidenti, discussione di casi, simulazioni, ), gli strumenti formativi (dispense, poster, manuali, software, ), i docenti (interni, esterni, ), le risorse (tempo, luogo, strumenti, ), gli strumenti per verificare il raggiungimento dei risultati (questionario, tutor, autovalutazione, osservazione, inchiesta, ). Il terzo momento, sul quale non mi soffermo, sarà l attuazione di quanto programmato. Quarto momento: valutare i risultati della formazione Non si può parlare di formazione se essa non include la valutazione di quanto attuato. Vanno valutati almeno i seguenti aspetti: i. il livello d apprendimento, cioè le conoscenze che durante il corso sono state trasmesse ai partecipanti, ii. le competenze raggiunte che interessano il campo del saper fare e del saper essere. I parametri secondo cui valutare sono: l utilità nell ambito lavorativo e la congruenza con gli obiettivi del corso, iii. la validità dei metodi impiegati, dei docenti, delle risorse e degli strumenti. E questa una valutazione che potremmo definire a breve termine e che segue da vicino il momento formativo. Vi è poi una valutazione a lungo termine o valutazione d impatto che si concretizza in un miglioramento effettivo dei comportamenti sul lavoro che si rileva attraverso parametri misurabili quali la quantità di lavoro svolto, la soddisfazione del cliente, la riduzione degli incidenti, la diminuzione dei ritardi nelle consegne, la diminuzione della conflittualità interna, ecc. Gli strumenti utilizzabili per queste valutazioni sono diversi: 1. il questionario a. a risposta aperta b. a risposta chiusa c. a risposta multipla 2. l intervista 3. l osservazione 4. analisi di un caso 5. stesura di una relazione 6. autovalutazione 7. affiancamento ad un tutor Non si può definire un metodo di valutazione migliore di un altro. La scelta dello strumento dipende dal numero di alunni da valutare, dal tempo e dalle risorse a disposizione, dalla professionalità che si intende selezionare, dalle competenze da valutare, dall urgenza, ecc.

20 4. Simulazione/caso studio L incontro di formazione si può concludere riprendendo la simulazione proposta in apertura e analizzata in maniera più articolata anche alla luce di quanto emerso nel corso della riunioneesercitazione. ESERCITAZIONE Analizzare la situazione sopra descritta individuando le cause e i soggetti coinvolti. Se lo ritenete opportuno utilizzate il diagramma causa effetto. Macchine Soggetti Prodotti Attività lavorativa/ incidente Emissioni/rifiuti Tempi Luoghi ATTIVITÀ 1. In un ottica sistemica (uomo macchina ambiente) progettate gli interventi di natura ergonomia da attuare. 2. Progettate gli interventi di formazione e informazione del personale (soggetti, tempi, strumenti, contenuti, ) attraverso al compilazione della seguente tabella. Soggetti (a chi è rivolta la formazione) Formatore (chi fa la formazione) Dove Tempi (quando e per quante ore) Strumenti Contenuti 3. Individuate alcuni strumenti di verifica (questionari, riunioni, gruppi di lavoro, verifica diretta, ) di quanto progettato in modo da avere un feed back delle vostre decisioni e programmare il miglioramento. Indicazioni di metodo

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente Scheda di valutazione individuale area dirigenza Sessione di valutazione Nome e Cognome Valutatore Competenze e comportamenti Leggenda:,=molto indoddisfacente =insoddisfacente anno Incarico: PESATURA:

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I CORSO FORMAZIONE FORMATORI Una metafora per iniziare. Quando fai piani per un anno, semina grano. Se fai piani per un decennio, pianta alberi. Se fai piani per la vita, forma ed educa le persone. Proverbio

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Corso formazione genitori - FISDE

Corso formazione genitori - FISDE Corso formazione genitori - FISDE FISDE Tutti i diritti sono riservati E vietata la riproduzione diretta o indiretta, totale o parziale, temporanea o permanente. che cosa fa di un problema un problema?

Dettagli

FUNZIONE DELLE STRUTTURE FORMATIVE ISTITUZIONALI NEL PROCESSO EDUCATIVO

FUNZIONE DELLE STRUTTURE FORMATIVE ISTITUZIONALI NEL PROCESSO EDUCATIVO FUNZIONE DELLE STRUTTURE FORMATIVE ISTITUZIONALI NEL PROCESSO EDUCATIVO Le finalità della scuola oggi possono riassumersi nella funzione formativa e orientativa della scuola, non solo nel campo più direttamente

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli