I RISULTATI DEL QUESTIONARIO PER GLI OPERATORI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I RISULTATI DEL QUESTIONARIO PER GLI OPERATORI"

Transcript

1 Progetto OgliaSTRAgiovani Riorganizziamo insieme i servizi per gli adolescenti in Ogliastra I RISULTATI DEL QUESTIONARIO PER GLI OPERATORI A cura di: Giusy F.M. Doneddu Manuela Porcu 1

2 Indice Il progetto OgliaSTRAgiovani Il questionario degli operatori Il profilo dei rispondenti Le domande aperte del questionario

3 Il progetto OgliaSTRAgiovani Il Progetto OgliaSTRAgiovani è finanziato dalla Regione Sardegna e promosso dalla Asl di Lanusei e dai Comuni dell Ogliastra. È iniziato a marzo 2012 e continuerà fino a febbraio L attività, realizzata da un gruppo di professionisti (2 psicologhe, 1 ginecologo, 2 sociologhe, 1 coordinatrice), si rivolge ai giovani dai 13 ai 19 anni e a tutti gli operatori che svolgono attività con gli adolescenti nel territorio ogliastrino. Le attività previste dal progetto riguardano l organizzazione di una rete che supporti i servizi presenti nel territorio a collaborare sinergicamente e la promozione di attività di formazione, consulenza e sostegno per giovani ed educatori. Scopo ultimo del progetto è la costituzione di un gruppo di riferimento, formato da operatori che svolgono attività con gli adolescenti in Ogliastra, che collaborerà attivamente con i servizi pubblici (ASL ed Enti Locali) per la costruzione di interventi rispondenti ai reali bisogni del territorio. 1. Il questionario compilato dagli operatori Da giugno a ottobre 2012 gli operatori ogliastrini che lavorano con gli adolescenti sono stati invitati a compilare un breve questionario sulla propria attività e sui servizi presenti nel territorio. Il questionario è stato inviato tramite , prevedendo la possibilità di una restituzione cartacea o elettronica a seconda delle preferenze dell intervistato. Questa modalità di somministrazione ci è parsa la più adatta per raggiungere in brevi tempi una copertura totale degli enti e delle associazioni presenti nel territorio. La scelta di un questionario autocompilato era inoltre dettata dall esigenza di mettere a disposizione degli operatori tutto il tempo necessario per la compilazione. Ovviamente non tutti, nonostante i nostri ripetuti solleciti, hanno risposto al questionario; per questo motivo i risultati dell analisi non possono essere considerati rappresentativi della popolazione di riferimento. È verosimile che sussistano differenze sistematiche tra le opinioni di chi ha deciso di partecipare al progetto OgliaSTRAgiovani e chi non ha accettato; purtroppo però, non è in alcun modo possibile inferire da ciò alcuna informazione sulle differenze specifiche tra i rispondenti e chi non ha voluto partecipare Il profilo dei rispondenti I questionari restituiti sono stati 93. A rispondere in numero maggiore, come immaginabile anche per la rilevante presenza nel territorio rispetto agli altri enti, sono stati i docenti degli Istituti Scolastici, seguiti dal personale dei Servizi Sociali comunali (fig. 1). 1

4 Figura 1 (valori assoluti) La tabella riportata di seguito (2) sintetizza il profilo dei servizi dei rispondenti: sono dedicati per lo più ai ragazzi di età compresa tra i 15 e i 17 anni; le attività si svolgono prevalentemente nel periodo scolastico e i canali attraverso cui i ragazzi vi accedono sono molteplici. Tra questi si rileva il ruolo guida degli adulti di riferimento genitori e docentinell indirizzarli alle varie iniziative e attività presenti sul territorio. Tabella 2 I rispondenti per tipologia di servizio (possibilità di risposte multiple; valori assoluti) 1 1 Nella categoria altro i rispondenti hanno indicato la pubblicità, l obbligo scolastico per quanto riguarda le scuole, i tribunali dei minori di Cagliari e Sassari per chi accede ai servizi sociali comunali. 2

5 Uno degli aspetti che ci interessava analizzare, date le finalità del progetto Ogliastragiovani, era lo stato delle collaborazioni e del lavoro di rete tra i servizi presenti sul territorio. L espressione lavoro di rete, sempre più frequente negli studi e nelle ricerche in campo sociale, si riferisce alla collaborazione tra figure e professionalità diverse, tra attori formali e informali, affinché agiscano per creare interventi che siano integrati e congiunti. Non si tratta semplicemente di unire professionalità diverse operanti in modo autonomo l una rispetto all altra; si parla di lavoro di rete quando le azioni di ogni attore sono armonizzate e in sinergia. In questo modo gli stessi destinatari dei servizi e le loro famiglie dovrebbero essere coinvolti in prima persona e su un piano paritario rispetto agli operatori al fine di orientare gli interventi sulla base di problemi ed esigenze reali 2. Il quadro emerso dai questionari permette di affermare che il lavoro di rete non costituisce una pratica consolidata per coloro che hanno risposto al questionario. Come anticipato, supponendo che la partecipazione alla nostra indagine costituisca un indice di propensione alla collaborazione con altri servizi e iniziative, potremmo ipotizzare che una copertura totale del campione avrebbe portato a risultati non molto dissimili. Dai 93 questionari pervenuti emerge che la scuola è l ente con cui si collabora maggiormente: il 58% dei rispondenti ha lavorato con gli Istituti Scolastici molto o abbastanza frequentemente. Seguono i Servizi Sociali comunali, le cooperative sociali di tipo A, le biblioteche e i servizi di neuropsichiatria infantile. Per le altre categorie, le percentuali scendono sotto il 30%. È inoltre da sottolineare l elevato numero di non risposte; si può presumere che chi non collabora con alcun servizio abbia scelto di lasciare in bianco questo quesito. Figura 2 2 Folgheraiter F. (2000), L utente che non c è, Trento, Erickson, p

6 La mancanza di coordinamento e di regia tra le iniziative proposte è considerata dai rispondenti una criticità da superare. Solo il 38% è soddisfatto dello stato delle collaborazioni con altri enti. Sebbene il 73% si dichiari appagato dal lavoro con i ragazzi, il 90% ritiene di avere bisogno di ulteriore formazione. La quasi totalità dei rispondenti, con una percentuale pari al 97%, sostiene l importanza di attivare una rete tra i vari servizi per adolescenti (fig. 3). Figura 3 É il mondo dell associazionismo, culturale, ricreativo o sportivo a primeggiare tra i servizi con cui si vorrebbe instaurare un rapporto di collaborazione molto o abbastanza frequente. Seguono le scuole, i consultori familiari e i centri di aggregazione, con percentuali al di sopra del 70%. È interessante notare che per ogni ente o servizio indicato nel questionario, almeno la metà dei rispondenti si è dichiarata molto o abbastanza propensa all opportunità di creare sinergie e di coordinare i vari interventi (fig. 4). Figura 4 4

7 1.2. Le domande aperte del questionario Ai rispondenti erano destinate due domande aperte per esprimere liberamente la propria opinione riguardo i servizi che reputano necessari per gli adolescenti e che vorrebbero avere a disposizione. Se le domande a risposta chiusa hanno permesso di ricostruire in modo sintetico lo stato dei servizi presenti sul territorio, attraverso le domande aperte abbiamo raccolto le rappresentazioni degli operatori, a integrazione e approfondimento dei dati numerici. Abbiamo chiesto loro: Secondo lei, di quali servizi avrebbe bisogno un adolescente nel territorio dove lei lavora? E In una realtà ideale come organizzerebbe il suo lavoro con gli adolescenti? Questi due interrogativi non prevedevano la scelta tra opzioni di risposta prestabile cui apporre una crocetta, ma riservavano uno spazio discorsivo in cui esprimere liberamente le proprie opinioni. Di seguito riportiamo una sintesi delle risposte pervenute. Secondo lei di quali servizi avrebbe bisogno un adolescente nel territorio dove lei lavora? 5

8 6 2012

9 7 2012

10 8 2012

11 In una realtà ideale come organizzerebbe il suo lavoro con gli adolescenti? 9

12

13

14

15

16 Come si evince dagli schemi fin qui riportati, le risposte pervenute sono state numerose e diversificate. È tuttavia possibile ricostruire tre nuclei tematici principali intorno ai quali si sono sviluppate le riflessioni degli operatori: 1) Il ruolo degli adulti di riferimento 2) Il rapporto con i ragazzi 3) Lo stato dei servizi sul territorio Per quanto riguarda il ruolo degli adulti di riferimento è emersa l importanza di interventi di formazione, consulenza e supporto rivolti sia agli operatori sia ai genitori. In rapporto ai primi, secondo alcuni rispondenti, bisognerebbe potenziare competenze e professionalità, intese in primo luogo come capacità di dialogo e di comprensione del mondo adolescenziale. Sono queste le caratteristiche che ritengono necessarie per diventare un punto di riferimento per i ragazzi. [I giovani] hanno tanto bisogno di parlare e di essere ascoltati, credo nei centri di aggregazione con delle figure professionali preparate ad ascoltare le loro problematiche (Questionario 40) 3. Considerato il numero degli adolescenti che abbandonano in modo precoce la scuola (dispersione scolastica) e l aumento della devianza minorile, forse potrebbero essere utili centri di ascolto rivolti alle fasce di età da voi indicate, ubicati per esempio, nei centri di aggregazione sociale. Centri di ascolto che prevedano professionalità varie (Questionario 20). Ritengo che sia indispensabile un ascolto attivo e l empatia (Questionario 91). [Servirebbero] servizi che ( ) aiutino i genitori e gli insegnanti/educatori [a sviluppare] stili educativi funzionali, partendo dalle situazioni di difficoltà quotidiane, per facilitare la comunicazione nel rapporto educativo con i ragazzi, acquisire abilità nell'ascolto e nella riformulazione dei messaggi, saper esprimere i sentimenti, negoziare le regole, la disciplina, ridefinire il rapporto fra autorità e libertà, e favorire la gestione dei conflitti (Questionario 3). In riferimento ai genitori, emerge l opportunità di creare degli spazi di supporto, interni o esterni alla scuola pubblica, che siano un sostegno per le strategie educative familiari. In molti hanno indicato la necessità di coinvolgere i genitori sia negli interventi dedicati ai ragazzi, sia in attività di formazione e consulenza. Credo che le famiglie stesse in particolare oggi così disgregate e in crisi abbiano bisogno di un supporto psicologico molto forte. Credo che possa essere utile l attivazione di un servizio 3 Gli stralci delle domande aperte qui riportati sono distinti per carattere e spaziatura dal corpo del testo. Le elisioni di parte del discorso sono indicate con i tre punti tra parentesi tonda; le parentesi quadre indicano invece una nostra integrazione per facilitare la lettura. 14

17 all interno della scuola pubblica che colleghi il mondo della scuola della formazione e della famiglia per orientare attraverso scelte attive gli adolescenti (Questionario 26). Sarebbe importante, a nostro parere, offrire uno spazio di supporto alla genitorialità, al di fuori del contesto scolastico, a cui possano accedere tutti i genitori che ne sentano il bisogno (Questionario 15). [Servirebbe] maggiore formazione supporto a famiglie poco disponibili a comprendere e conoscere l evoluzione di tanti fenomeni (alcool, droga, gioco d azzardo patologico, guida pericolosa etc) [e il loro] impatto sulle personalità e la società (Questionario 64). Per quanto riguarda il rapporto con i ragazzi, alcuni sottolineano la necessità di coinvolgerli maggiormente. Il mondo adolescenziale è rappresentato come distante dalla realtà circostante e in qualche modo estraneo agli adulti e alle istituzioni. Una separazione letta come segnale di malessere che può sfociare in atteggiamenti di ostilità e conflitto. È allora necessario, specificano alcuni operatori, creare dei ponti, rendere i giovani partecipi della vita comunitaria. In una realtà ideale io creerei dei centri in cui i giovani possano esprimere, all interno di gruppi omogenei, i propri punti di vista sui propri problemi e su problemi di attualità. L obiettivo è rendere il giovane consapevole del suo essere individuo e prendere coscienza della realtà che lo circonda. Perché spesso i giovani adolescenti vivono estraniati dalla realtà e [sono] poco considerati per le loro capacità di pensare (Questionario 12). Nella realtà che viviamo l adolescenza è un periodo molto complesso e delicato, per questo bisogna lavorare a stretto contatto con gli adolescenti e cercare di incanalare il loro malessere, il loro stato d animo in qualcosa di positivo e costruttivo (Questionario 23). [Servirebbero dei servizi per] aiutare i ragazzi a comprendere ed accettare le trasformazioni corporee e psichiche che caratterizzano questo periodo e che solitamente vengono subite e percepite quindi come invasive e inaccettabili, il risultato, nella maggior parte dei casi, è un atteggiamento di rifiuto verso se stessi e di conflitto con i genitori (Questionario 3). Il coinvolgimento degli adolescenti per alcuni rispondenti dovrebbe avvenire anche attraverso il riferimento a un universo valoriale che sembra essere in crisi. Sono numerose le riflessioni sulla necessità di insegnare valori quali il rispetto, l autenticità, l amicizia, la responsabilizzazione, il senso civico, l impegno. È importante aiutarli ad adottare uno stile di vita corretto per poter sviluppare senso di iniziativa e utilizzo delle proprie capacità e risorse, rafforzare e/o sviluppare l attitudine allo studio e all apprendimento, far crescere il senso etico del lavoro, dell impegno anche faticoso, della necessità di impegnarsi per poter conseguire dei risultati ed acquisire il senso civico delle regole comunitarie (Questionario 36). 15

18 Servizi che promuovano l autonomia, il senso di responsabilità, il senso etico, la capacità di riflessione, il senso dell umorismo, l armonia sessuale, la gestione dell emotività, il criterio, la flessibilità, la sicurezza, la gestione per obiettivi, la libertà, la gestione della frustrazione con dinamiche diverse rispetto a quanto utilizzato fino ad oggi e che non ha dato i risultati sperati (Questionario 21). Il quadro generale fin qui presentato dipinge l adolescenza come un momento critico. Sembra trapelare una sorta di stanchezza della professione che rimarca i fallimenti delle iniziative già implementate o il contesto di criticità in cui gli operatori si trovano a intervenire. I rispondenti sottolineano la complessità di questa fase di passaggio verso il mondo adulto, mostrando preoccupazione per la frequenza dei comportamenti devianti e puntando l attenzione su un vuoto valoriale su cui è necessario intervenire. Accanto a questo approccio che potremmo definire normativo, emerge un modello educativo differente che vede nei ragazzi e nelle loro individualità il punto di forza su cui organizzare i servizi del territorio. Ecco allora che l adolescenza non è presentata come un momento critico ma come un insieme di caratteristiche positive da valorizzare, in primis la creatività o la capacità di iniziativa. Gli adolescenti ogliastrini sono molto propositivi ma spesso le loro idee non vengono supportate, talvolta per mancanza di risorse, altre perché la comunità in cui vivono non conosce le loro esigenze e spesso propone progetti/attività che non suscitano il loro interesse! Chiediamo a loro cosa vogliono!!! Solo così possiamo essere perlomeno sicuri di partire con il piede giusto! (Questionario 14) Conoscendo la realtà locale, i servizi di maggior gradimento degli adolescenti sarebbero quelli in cui non prevale la figura dell adulto e in cui non si dettano regole troppo rigide (Questionario 19). Per coinvolgere i giovani sarebbero necessari, secondo alcuni operatori, spazi meno convenzionali, non strutturati: più che fronteggiare una carenza di servizi sarebbe opportuno cambiarne l impostazione, creando dei luoghi che facilitino l aggregazione spontanea. Sono interessanti i termini usati per descrivere questi spazi: angoli di conversazione strutturati e non strutturati, spazi non etichettati, che spesso spaventano i ragazzi, uno spazio sociale di opportunità, spazi liberi di incontro e di confronto. Creerei uno spazio adeguato alle esigenze degli adolescenti per farli sentire a proprio agio e abbandonerei l idea dell ufficio convenzionale, nel quale alcuni di loro si sentono a disagio. I locali potrebbero essere organizzati con postazioni web e angoli di consultazione di materiale informativo, angoli di conversazione strutturati e non strutturati, da poter utilizzare a seconda delle esigenze del momento (Questionario 10). 16

19 Bisognerebbe innanzitutto dare ai ragazzi adolescenti e preadolescenti la possibilità di incontrarsi in centri di aggregazione speciali, luoghi dove svolgere attività a loro congeniali dove potrebbero occuparsi liberamente di musica (se interessati), organizzare feste, giochi di animazione, attività espressive e manuali (Questionario 19). Centri di aggregazione dove i ragazzi si possano incontrare in modo informale sia con i coetanei che con gli esperti, spazi non etichettati, che spesso spaventano i ragazzi (Questionario 27). Tra le proposte di miglioramento emerge anche la necessità di una maggiore collaborazione tra i servizi già esistenti e il riconoscimento del ruolo di primo piano della famiglia e della scuola. Appare inoltre fondamentale una buona pubblicizzazione dei servizi presenti sul territorio, sia per facilitare la partecipazione dei ragazzi, sia come precondizione per future collaborazioni. Gli adolescenti avrebbero bisogno di poter usufruire non di alcuni servizi, ma di una rete di servizi efficiente ed organizzata, già strutturata per offrire un intervento a 360. In tal modo, i ragazzi, debitamente informati riguardo le attività della rete e le proposte da essa messe in atto, sarebbero meno disorientati e non verrebbero sballottati da un servizio all altro; inoltre la rete porta inclusione, collaborazione e maggiore efficienza. Spesso ho avuto a che fare con ragazzi e genitori che ormai si erano persi d animo nel passare da un servizio all altro, da un ufficio all altro, da un ambulatorio all altro, e da una società sportiva all altra senza aver risolto concretamente i loro problemi. ( ) Attiverei degli sportelli di primo incontro presso le scuole superiori, i poliambulatori, i consultori, le parrocchie e i vari servizi educativi, culturali e sportivi del territorio per poter avvicinare gli utenti e far concretamente capire quali attività e servizi il territorio offre (Questionario 10). Nel nostro territorio esiste già una sufficiente gamma di servizi. Sarebbe opportuno riuscire a effettuare un efficace informazione sulla loro esistenza e sulla tipologia di servizi offerti (spesso gli utenti non conoscono bene i servizi, le modalità di accesso etc.), creare un lavoro sinergico fra i servizi stessi, (soprattutto con quelli più accessibili e vicini all utenza) e riuscire a trovare delle modalità di coinvolgimento dei ragazzi, spesso poco interessati a iniziative e attività proposte (Questionario 16). Vedo come necessario ed estremamente importante organizzare il proprio lavoro con gli adolescenti su di una buona, costante ed efficace collaborazione di rete, partendo dalla famiglia dell adolescente per arrivare al più piccolo servizio offerto nel territorio (Questionario 17). Perché il lavoro di rete funzioni, affermano alcuni, è necessaria una regia istituzionale, che permetta di censire e coordinare i vari servizi presenti. Non solo, l appoggio della pubblica amministrazione è fondamentale anche per gli operatori, che in alcuni casi si sentono abbandonati a se stessi nello svolgimento della propria professione. 17

20 Oggi, rispetto a prima (una quindicina di anni fa circa), in Ogliastra ci sono molte più offerte culturali, sportive, ricreative e di carattere socio educativo. Credo che manchi però ancora una regia a livello provinciale che possa migliorare oltremodo il servizio ( ). Bisognerebbe innanzitutto partire dalla valorizzazione e dal sostegno (anche dal punto di vista economico) a certe attività e certe figure che operano nel campo educativo e socio-culturale. Bisogna partire proprio dagli educatori, i quali, per svolgere al meglio la loro professione, dovrebbero essere appagati e motivati nel loro agire. E per sostegno intendo anche la possibilità di fornire spazi e strumenti di formazione e di aggiornamento professionale. Questo purtroppo non accade spesso, e tali figure si ritrovano ad operare in solitudine e senza grandi appoggi dalle istituzioni (l importanza del loro operato non viene spesso compresa), e la qualità ed efficienza del loro lavoro è spesso dettata soltanto dalla vocazione personale e dalla passione per ciò che fanno (Questionario 49). 18

21 Il gruppo di lavoro del Progetto OgliaSTRAgiovani è composto da: Dott.sse Daniela R.Chirra e Chiara Lai Psicologhe Psicoterapeute Dott. Alessio Rocca Ginecologo Dott.sse Giusy F.M. Doneddu e Manuela Porcu Dott.ssa Alessandra Onida Sociologhe Coordinatrice Dott.ssa Margherita Serra Responsabile Grazie a tutti gli operatori che hanno collaborato questionario inviandoci il Seguite il progetto OgliaSTRAgiovani su: o sulla nostra pagina facebook Progetto Ogliastragiovani Per ulteriori informazioni: 19

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo?

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo? PREMESSA Cos è il benessere organizzativo? Negli ultimi anni la P.A. ha preso in considerazione, almeno in teoria, la dimensione del benessere organizzativo dei propri dipendenti, in quanto il miglioramento

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale International Association of Social Educators Association Internationale des Éducateurs Sociaux Asociación Internacional de Educadores Sociales www.aieji.net Le competenze professionali dell educatore

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione OECD Organisation for Economic Cooperation and Development Prova sul campo

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli