I RISULTATI DEL QUESTIONARIO PER GLI OPERATORI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I RISULTATI DEL QUESTIONARIO PER GLI OPERATORI"

Transcript

1 Progetto OgliaSTRAgiovani Riorganizziamo insieme i servizi per gli adolescenti in Ogliastra I RISULTATI DEL QUESTIONARIO PER GLI OPERATORI A cura di: Giusy F.M. Doneddu Manuela Porcu 1

2 Indice Il progetto OgliaSTRAgiovani Il questionario degli operatori Il profilo dei rispondenti Le domande aperte del questionario

3 Il progetto OgliaSTRAgiovani Il Progetto OgliaSTRAgiovani è finanziato dalla Regione Sardegna e promosso dalla Asl di Lanusei e dai Comuni dell Ogliastra. È iniziato a marzo 2012 e continuerà fino a febbraio L attività, realizzata da un gruppo di professionisti (2 psicologhe, 1 ginecologo, 2 sociologhe, 1 coordinatrice), si rivolge ai giovani dai 13 ai 19 anni e a tutti gli operatori che svolgono attività con gli adolescenti nel territorio ogliastrino. Le attività previste dal progetto riguardano l organizzazione di una rete che supporti i servizi presenti nel territorio a collaborare sinergicamente e la promozione di attività di formazione, consulenza e sostegno per giovani ed educatori. Scopo ultimo del progetto è la costituzione di un gruppo di riferimento, formato da operatori che svolgono attività con gli adolescenti in Ogliastra, che collaborerà attivamente con i servizi pubblici (ASL ed Enti Locali) per la costruzione di interventi rispondenti ai reali bisogni del territorio. 1. Il questionario compilato dagli operatori Da giugno a ottobre 2012 gli operatori ogliastrini che lavorano con gli adolescenti sono stati invitati a compilare un breve questionario sulla propria attività e sui servizi presenti nel territorio. Il questionario è stato inviato tramite , prevedendo la possibilità di una restituzione cartacea o elettronica a seconda delle preferenze dell intervistato. Questa modalità di somministrazione ci è parsa la più adatta per raggiungere in brevi tempi una copertura totale degli enti e delle associazioni presenti nel territorio. La scelta di un questionario autocompilato era inoltre dettata dall esigenza di mettere a disposizione degli operatori tutto il tempo necessario per la compilazione. Ovviamente non tutti, nonostante i nostri ripetuti solleciti, hanno risposto al questionario; per questo motivo i risultati dell analisi non possono essere considerati rappresentativi della popolazione di riferimento. È verosimile che sussistano differenze sistematiche tra le opinioni di chi ha deciso di partecipare al progetto OgliaSTRAgiovani e chi non ha accettato; purtroppo però, non è in alcun modo possibile inferire da ciò alcuna informazione sulle differenze specifiche tra i rispondenti e chi non ha voluto partecipare Il profilo dei rispondenti I questionari restituiti sono stati 93. A rispondere in numero maggiore, come immaginabile anche per la rilevante presenza nel territorio rispetto agli altri enti, sono stati i docenti degli Istituti Scolastici, seguiti dal personale dei Servizi Sociali comunali (fig. 1). 1

4 Figura 1 (valori assoluti) La tabella riportata di seguito (2) sintetizza il profilo dei servizi dei rispondenti: sono dedicati per lo più ai ragazzi di età compresa tra i 15 e i 17 anni; le attività si svolgono prevalentemente nel periodo scolastico e i canali attraverso cui i ragazzi vi accedono sono molteplici. Tra questi si rileva il ruolo guida degli adulti di riferimento genitori e docentinell indirizzarli alle varie iniziative e attività presenti sul territorio. Tabella 2 I rispondenti per tipologia di servizio (possibilità di risposte multiple; valori assoluti) 1 1 Nella categoria altro i rispondenti hanno indicato la pubblicità, l obbligo scolastico per quanto riguarda le scuole, i tribunali dei minori di Cagliari e Sassari per chi accede ai servizi sociali comunali. 2

5 Uno degli aspetti che ci interessava analizzare, date le finalità del progetto Ogliastragiovani, era lo stato delle collaborazioni e del lavoro di rete tra i servizi presenti sul territorio. L espressione lavoro di rete, sempre più frequente negli studi e nelle ricerche in campo sociale, si riferisce alla collaborazione tra figure e professionalità diverse, tra attori formali e informali, affinché agiscano per creare interventi che siano integrati e congiunti. Non si tratta semplicemente di unire professionalità diverse operanti in modo autonomo l una rispetto all altra; si parla di lavoro di rete quando le azioni di ogni attore sono armonizzate e in sinergia. In questo modo gli stessi destinatari dei servizi e le loro famiglie dovrebbero essere coinvolti in prima persona e su un piano paritario rispetto agli operatori al fine di orientare gli interventi sulla base di problemi ed esigenze reali 2. Il quadro emerso dai questionari permette di affermare che il lavoro di rete non costituisce una pratica consolidata per coloro che hanno risposto al questionario. Come anticipato, supponendo che la partecipazione alla nostra indagine costituisca un indice di propensione alla collaborazione con altri servizi e iniziative, potremmo ipotizzare che una copertura totale del campione avrebbe portato a risultati non molto dissimili. Dai 93 questionari pervenuti emerge che la scuola è l ente con cui si collabora maggiormente: il 58% dei rispondenti ha lavorato con gli Istituti Scolastici molto o abbastanza frequentemente. Seguono i Servizi Sociali comunali, le cooperative sociali di tipo A, le biblioteche e i servizi di neuropsichiatria infantile. Per le altre categorie, le percentuali scendono sotto il 30%. È inoltre da sottolineare l elevato numero di non risposte; si può presumere che chi non collabora con alcun servizio abbia scelto di lasciare in bianco questo quesito. Figura 2 2 Folgheraiter F. (2000), L utente che non c è, Trento, Erickson, p

6 La mancanza di coordinamento e di regia tra le iniziative proposte è considerata dai rispondenti una criticità da superare. Solo il 38% è soddisfatto dello stato delle collaborazioni con altri enti. Sebbene il 73% si dichiari appagato dal lavoro con i ragazzi, il 90% ritiene di avere bisogno di ulteriore formazione. La quasi totalità dei rispondenti, con una percentuale pari al 97%, sostiene l importanza di attivare una rete tra i vari servizi per adolescenti (fig. 3). Figura 3 É il mondo dell associazionismo, culturale, ricreativo o sportivo a primeggiare tra i servizi con cui si vorrebbe instaurare un rapporto di collaborazione molto o abbastanza frequente. Seguono le scuole, i consultori familiari e i centri di aggregazione, con percentuali al di sopra del 70%. È interessante notare che per ogni ente o servizio indicato nel questionario, almeno la metà dei rispondenti si è dichiarata molto o abbastanza propensa all opportunità di creare sinergie e di coordinare i vari interventi (fig. 4). Figura 4 4

7 1.2. Le domande aperte del questionario Ai rispondenti erano destinate due domande aperte per esprimere liberamente la propria opinione riguardo i servizi che reputano necessari per gli adolescenti e che vorrebbero avere a disposizione. Se le domande a risposta chiusa hanno permesso di ricostruire in modo sintetico lo stato dei servizi presenti sul territorio, attraverso le domande aperte abbiamo raccolto le rappresentazioni degli operatori, a integrazione e approfondimento dei dati numerici. Abbiamo chiesto loro: Secondo lei, di quali servizi avrebbe bisogno un adolescente nel territorio dove lei lavora? E In una realtà ideale come organizzerebbe il suo lavoro con gli adolescenti? Questi due interrogativi non prevedevano la scelta tra opzioni di risposta prestabile cui apporre una crocetta, ma riservavano uno spazio discorsivo in cui esprimere liberamente le proprie opinioni. Di seguito riportiamo una sintesi delle risposte pervenute. Secondo lei di quali servizi avrebbe bisogno un adolescente nel territorio dove lei lavora? 5

8 6 2012

9 7 2012

10 8 2012

11 In una realtà ideale come organizzerebbe il suo lavoro con gli adolescenti? 9

12

13

14

15

16 Come si evince dagli schemi fin qui riportati, le risposte pervenute sono state numerose e diversificate. È tuttavia possibile ricostruire tre nuclei tematici principali intorno ai quali si sono sviluppate le riflessioni degli operatori: 1) Il ruolo degli adulti di riferimento 2) Il rapporto con i ragazzi 3) Lo stato dei servizi sul territorio Per quanto riguarda il ruolo degli adulti di riferimento è emersa l importanza di interventi di formazione, consulenza e supporto rivolti sia agli operatori sia ai genitori. In rapporto ai primi, secondo alcuni rispondenti, bisognerebbe potenziare competenze e professionalità, intese in primo luogo come capacità di dialogo e di comprensione del mondo adolescenziale. Sono queste le caratteristiche che ritengono necessarie per diventare un punto di riferimento per i ragazzi. [I giovani] hanno tanto bisogno di parlare e di essere ascoltati, credo nei centri di aggregazione con delle figure professionali preparate ad ascoltare le loro problematiche (Questionario 40) 3. Considerato il numero degli adolescenti che abbandonano in modo precoce la scuola (dispersione scolastica) e l aumento della devianza minorile, forse potrebbero essere utili centri di ascolto rivolti alle fasce di età da voi indicate, ubicati per esempio, nei centri di aggregazione sociale. Centri di ascolto che prevedano professionalità varie (Questionario 20). Ritengo che sia indispensabile un ascolto attivo e l empatia (Questionario 91). [Servirebbero] servizi che ( ) aiutino i genitori e gli insegnanti/educatori [a sviluppare] stili educativi funzionali, partendo dalle situazioni di difficoltà quotidiane, per facilitare la comunicazione nel rapporto educativo con i ragazzi, acquisire abilità nell'ascolto e nella riformulazione dei messaggi, saper esprimere i sentimenti, negoziare le regole, la disciplina, ridefinire il rapporto fra autorità e libertà, e favorire la gestione dei conflitti (Questionario 3). In riferimento ai genitori, emerge l opportunità di creare degli spazi di supporto, interni o esterni alla scuola pubblica, che siano un sostegno per le strategie educative familiari. In molti hanno indicato la necessità di coinvolgere i genitori sia negli interventi dedicati ai ragazzi, sia in attività di formazione e consulenza. Credo che le famiglie stesse in particolare oggi così disgregate e in crisi abbiano bisogno di un supporto psicologico molto forte. Credo che possa essere utile l attivazione di un servizio 3 Gli stralci delle domande aperte qui riportati sono distinti per carattere e spaziatura dal corpo del testo. Le elisioni di parte del discorso sono indicate con i tre punti tra parentesi tonda; le parentesi quadre indicano invece una nostra integrazione per facilitare la lettura. 14

17 all interno della scuola pubblica che colleghi il mondo della scuola della formazione e della famiglia per orientare attraverso scelte attive gli adolescenti (Questionario 26). Sarebbe importante, a nostro parere, offrire uno spazio di supporto alla genitorialità, al di fuori del contesto scolastico, a cui possano accedere tutti i genitori che ne sentano il bisogno (Questionario 15). [Servirebbe] maggiore formazione supporto a famiglie poco disponibili a comprendere e conoscere l evoluzione di tanti fenomeni (alcool, droga, gioco d azzardo patologico, guida pericolosa etc) [e il loro] impatto sulle personalità e la società (Questionario 64). Per quanto riguarda il rapporto con i ragazzi, alcuni sottolineano la necessità di coinvolgerli maggiormente. Il mondo adolescenziale è rappresentato come distante dalla realtà circostante e in qualche modo estraneo agli adulti e alle istituzioni. Una separazione letta come segnale di malessere che può sfociare in atteggiamenti di ostilità e conflitto. È allora necessario, specificano alcuni operatori, creare dei ponti, rendere i giovani partecipi della vita comunitaria. In una realtà ideale io creerei dei centri in cui i giovani possano esprimere, all interno di gruppi omogenei, i propri punti di vista sui propri problemi e su problemi di attualità. L obiettivo è rendere il giovane consapevole del suo essere individuo e prendere coscienza della realtà che lo circonda. Perché spesso i giovani adolescenti vivono estraniati dalla realtà e [sono] poco considerati per le loro capacità di pensare (Questionario 12). Nella realtà che viviamo l adolescenza è un periodo molto complesso e delicato, per questo bisogna lavorare a stretto contatto con gli adolescenti e cercare di incanalare il loro malessere, il loro stato d animo in qualcosa di positivo e costruttivo (Questionario 23). [Servirebbero dei servizi per] aiutare i ragazzi a comprendere ed accettare le trasformazioni corporee e psichiche che caratterizzano questo periodo e che solitamente vengono subite e percepite quindi come invasive e inaccettabili, il risultato, nella maggior parte dei casi, è un atteggiamento di rifiuto verso se stessi e di conflitto con i genitori (Questionario 3). Il coinvolgimento degli adolescenti per alcuni rispondenti dovrebbe avvenire anche attraverso il riferimento a un universo valoriale che sembra essere in crisi. Sono numerose le riflessioni sulla necessità di insegnare valori quali il rispetto, l autenticità, l amicizia, la responsabilizzazione, il senso civico, l impegno. È importante aiutarli ad adottare uno stile di vita corretto per poter sviluppare senso di iniziativa e utilizzo delle proprie capacità e risorse, rafforzare e/o sviluppare l attitudine allo studio e all apprendimento, far crescere il senso etico del lavoro, dell impegno anche faticoso, della necessità di impegnarsi per poter conseguire dei risultati ed acquisire il senso civico delle regole comunitarie (Questionario 36). 15

18 Servizi che promuovano l autonomia, il senso di responsabilità, il senso etico, la capacità di riflessione, il senso dell umorismo, l armonia sessuale, la gestione dell emotività, il criterio, la flessibilità, la sicurezza, la gestione per obiettivi, la libertà, la gestione della frustrazione con dinamiche diverse rispetto a quanto utilizzato fino ad oggi e che non ha dato i risultati sperati (Questionario 21). Il quadro generale fin qui presentato dipinge l adolescenza come un momento critico. Sembra trapelare una sorta di stanchezza della professione che rimarca i fallimenti delle iniziative già implementate o il contesto di criticità in cui gli operatori si trovano a intervenire. I rispondenti sottolineano la complessità di questa fase di passaggio verso il mondo adulto, mostrando preoccupazione per la frequenza dei comportamenti devianti e puntando l attenzione su un vuoto valoriale su cui è necessario intervenire. Accanto a questo approccio che potremmo definire normativo, emerge un modello educativo differente che vede nei ragazzi e nelle loro individualità il punto di forza su cui organizzare i servizi del territorio. Ecco allora che l adolescenza non è presentata come un momento critico ma come un insieme di caratteristiche positive da valorizzare, in primis la creatività o la capacità di iniziativa. Gli adolescenti ogliastrini sono molto propositivi ma spesso le loro idee non vengono supportate, talvolta per mancanza di risorse, altre perché la comunità in cui vivono non conosce le loro esigenze e spesso propone progetti/attività che non suscitano il loro interesse! Chiediamo a loro cosa vogliono!!! Solo così possiamo essere perlomeno sicuri di partire con il piede giusto! (Questionario 14) Conoscendo la realtà locale, i servizi di maggior gradimento degli adolescenti sarebbero quelli in cui non prevale la figura dell adulto e in cui non si dettano regole troppo rigide (Questionario 19). Per coinvolgere i giovani sarebbero necessari, secondo alcuni operatori, spazi meno convenzionali, non strutturati: più che fronteggiare una carenza di servizi sarebbe opportuno cambiarne l impostazione, creando dei luoghi che facilitino l aggregazione spontanea. Sono interessanti i termini usati per descrivere questi spazi: angoli di conversazione strutturati e non strutturati, spazi non etichettati, che spesso spaventano i ragazzi, uno spazio sociale di opportunità, spazi liberi di incontro e di confronto. Creerei uno spazio adeguato alle esigenze degli adolescenti per farli sentire a proprio agio e abbandonerei l idea dell ufficio convenzionale, nel quale alcuni di loro si sentono a disagio. I locali potrebbero essere organizzati con postazioni web e angoli di consultazione di materiale informativo, angoli di conversazione strutturati e non strutturati, da poter utilizzare a seconda delle esigenze del momento (Questionario 10). 16

19 Bisognerebbe innanzitutto dare ai ragazzi adolescenti e preadolescenti la possibilità di incontrarsi in centri di aggregazione speciali, luoghi dove svolgere attività a loro congeniali dove potrebbero occuparsi liberamente di musica (se interessati), organizzare feste, giochi di animazione, attività espressive e manuali (Questionario 19). Centri di aggregazione dove i ragazzi si possano incontrare in modo informale sia con i coetanei che con gli esperti, spazi non etichettati, che spesso spaventano i ragazzi (Questionario 27). Tra le proposte di miglioramento emerge anche la necessità di una maggiore collaborazione tra i servizi già esistenti e il riconoscimento del ruolo di primo piano della famiglia e della scuola. Appare inoltre fondamentale una buona pubblicizzazione dei servizi presenti sul territorio, sia per facilitare la partecipazione dei ragazzi, sia come precondizione per future collaborazioni. Gli adolescenti avrebbero bisogno di poter usufruire non di alcuni servizi, ma di una rete di servizi efficiente ed organizzata, già strutturata per offrire un intervento a 360. In tal modo, i ragazzi, debitamente informati riguardo le attività della rete e le proposte da essa messe in atto, sarebbero meno disorientati e non verrebbero sballottati da un servizio all altro; inoltre la rete porta inclusione, collaborazione e maggiore efficienza. Spesso ho avuto a che fare con ragazzi e genitori che ormai si erano persi d animo nel passare da un servizio all altro, da un ufficio all altro, da un ambulatorio all altro, e da una società sportiva all altra senza aver risolto concretamente i loro problemi. ( ) Attiverei degli sportelli di primo incontro presso le scuole superiori, i poliambulatori, i consultori, le parrocchie e i vari servizi educativi, culturali e sportivi del territorio per poter avvicinare gli utenti e far concretamente capire quali attività e servizi il territorio offre (Questionario 10). Nel nostro territorio esiste già una sufficiente gamma di servizi. Sarebbe opportuno riuscire a effettuare un efficace informazione sulla loro esistenza e sulla tipologia di servizi offerti (spesso gli utenti non conoscono bene i servizi, le modalità di accesso etc.), creare un lavoro sinergico fra i servizi stessi, (soprattutto con quelli più accessibili e vicini all utenza) e riuscire a trovare delle modalità di coinvolgimento dei ragazzi, spesso poco interessati a iniziative e attività proposte (Questionario 16). Vedo come necessario ed estremamente importante organizzare il proprio lavoro con gli adolescenti su di una buona, costante ed efficace collaborazione di rete, partendo dalla famiglia dell adolescente per arrivare al più piccolo servizio offerto nel territorio (Questionario 17). Perché il lavoro di rete funzioni, affermano alcuni, è necessaria una regia istituzionale, che permetta di censire e coordinare i vari servizi presenti. Non solo, l appoggio della pubblica amministrazione è fondamentale anche per gli operatori, che in alcuni casi si sentono abbandonati a se stessi nello svolgimento della propria professione. 17

20 Oggi, rispetto a prima (una quindicina di anni fa circa), in Ogliastra ci sono molte più offerte culturali, sportive, ricreative e di carattere socio educativo. Credo che manchi però ancora una regia a livello provinciale che possa migliorare oltremodo il servizio ( ). Bisognerebbe innanzitutto partire dalla valorizzazione e dal sostegno (anche dal punto di vista economico) a certe attività e certe figure che operano nel campo educativo e socio-culturale. Bisogna partire proprio dagli educatori, i quali, per svolgere al meglio la loro professione, dovrebbero essere appagati e motivati nel loro agire. E per sostegno intendo anche la possibilità di fornire spazi e strumenti di formazione e di aggiornamento professionale. Questo purtroppo non accade spesso, e tali figure si ritrovano ad operare in solitudine e senza grandi appoggi dalle istituzioni (l importanza del loro operato non viene spesso compresa), e la qualità ed efficienza del loro lavoro è spesso dettata soltanto dalla vocazione personale e dalla passione per ciò che fanno (Questionario 49). 18

21 Il gruppo di lavoro del Progetto OgliaSTRAgiovani è composto da: Dott.sse Daniela R.Chirra e Chiara Lai Psicologhe Psicoterapeute Dott. Alessio Rocca Ginecologo Dott.sse Giusy F.M. Doneddu e Manuela Porcu Dott.ssa Alessandra Onida Sociologhe Coordinatrice Dott.ssa Margherita Serra Responsabile Grazie a tutti gli operatori che hanno collaborato questionario inviandoci il Seguite il progetto OgliaSTRAgiovani su: o sulla nostra pagina facebook Progetto Ogliastragiovani Per ulteriori informazioni: 19

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

A cura di Maria Alessandra

A cura di Maria Alessandra PROGETTO GENITORI: - CORSO DI FORMAZIONE ED. AFFETTIVO-RELAZIONALE - CINEFORUM A cura di Maria Alessandra PREMESSA L'ipotesi di questo progetto nasce da una visione più ampia e integrativa dell'educazione

Dettagli

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233 Coordinamento Nazionale Servizi Affidi Affido Adolescenti Premesse Il Coordinamento Nazionale Servizi Affido offre un documento relativo al tema dell affido familiare di adolescenti, già confrontato e

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana Primo Istituto Comprensivo di Scuola Materna, Elementare e Media Leonardo Da Vinci Via Concetto Marchesi

Dettagli

Progetto Sportello Psicologico

Progetto Sportello Psicologico Progetto Sportello Psicologico Il compito della scuola oggi non è solo quello di istruire ed educare ma anche di formare e di garantire una relazione ed un clima di serenità in cui crescere. La scuola

Dettagli

Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche

Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche in collaborazione con LEGIONE CARABINIERI CAMPANIA Compagnia di Amalfi U.O. SERVIZIO TOSSICODIPENDENZE Asl Sa COMUNE DI AMALFI Politiche Sociali La

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO 4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO Il sistema scolastico deve essere efficace ed efficiente affinché l alunno raggiunga il successo formativo e sia in grado di decodificare ed interagire in modo

Dettagli

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ?

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ? Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ? L'attuale complessità sociale e l'affermazione di nuovi modelli socio-economici e culturali hanno portato dei notevoli cambiamenti nella scuola e nella famiglia.

Dettagli

EDUCATIVA TERRITORIALE

EDUCATIVA TERRITORIALE EDUCATIVA TERRITORIALE L attivazione di questo servizio è subordinata al finanziamento della L. 285/97 (Disposizioni per la promozione di diritti e opportunità per l infanzia e l adolescenza). DEFINIZIONE

Dettagli

Giovani protagonisti del futuro

Giovani protagonisti del futuro 2011 Giovani protagonisti del futuro Indagine sul disagio giovanile e interventi di prevenzione Daniela Pavoncello Logo della Gioventu.jpg Logo ISFOL.jpg INDAGINE SUL DISAGIO GIOVANILE E INTERVENTI DI

Dettagli

Scheda progettuale DGR 1098 del 28/6/2013 (Ambito Provincia di Rovigo)

Scheda progettuale DGR 1098 del 28/6/2013 (Ambito Provincia di Rovigo) Allegato B SOS. Dpt Consultorio Familiare, Tutela Minori ed Adolescenza Tel. 0425/393752 Fax 0425/393739 La Responsabile: Dott.ssa Silvana Milanese fam.inf.ado@azisanrovigo.it Scheda progettuale DGR 1098

Dettagli

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio.

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio. Mappa Gli studi sull adolescenza Preadolescenza Adolescenza Pubertà Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio Ma ecco che all improvviso diventi grande, maturo, responsabile; di

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata B1/9 I.R.R.E. Basilicata e Consiglio Nazionale Ordine Psicologi QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata Docente referente: Prof.ssa Maria Donata La Rocca L I.R.R.E.

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci.

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci. BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO IL MIO SPAZIO SETTORE D INTERVENTO AREA D INTERVENTO OBIETTIVO GENERALE OBIETTIVI SPECIFICI ASSISTENZA MINORI Il progetto qui presentato ha l obiettivo generale di alleviare

Dettagli

ASL TO 2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 1 C.so Lombardia, 187 10151 Torino

ASL TO 2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 1 C.so Lombardia, 187 10151 Torino ASL TO 2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 1 67 A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino DIPARTIMENTO DIPENDENZE 1 ( 011. 4395400 fax 011.4395432 e-mail sert.segrlomb@aslto2.it Area Prevenzione

Dettagli

DISAGIO E DIPENDENZA

DISAGIO E DIPENDENZA DISAGIO E DIPENDENZA Scuola media di Selvino anno scolastico 2008-2009 Dott. Gian Battista Marchesi Presentazione del corso Tre incontri di due ore per ogni singola classe Primo incontro: Linee di confine

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Piccoli PA.S.S.I.- Parrocchia di San Prospero Sostegno Scolastico Integrato di bambini e ragazzi con Disturbi Specifici dell Apprendimento e Bisogni Educativi Speciali PREMESSA In ambito scolastico e,

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

A cura di Dott. Roberto di Giuseppe

A cura di Dott. Roberto di Giuseppe Istituto Comprensivo Leonardo da Vinci Viale della Grande Muraglia, 37 00144 Roma Progetto SPORTELLO DI ASCOLTO A.S. 2014/2015 Per la Promozione del Benessere, per l Integrazione degli Alunni, per la Prevenzione

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dottor. ssa Valentina Cerri Psicologa e Psicoterapeuta PREMESSA L adolescenza e la preadolescenza costituiscono fasi

Dettagli

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI Luca Sinigallia Il Borgo Onlus Presentazione Con questo breve e sintetico rapporto di ricerca si intendono proiettare

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI ALLEGATO E DGR 535/2015 (estratto) REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PARTECIPAZIONE E ASCOLTO DEI MINORENNI Servizio Famiglia, Minori e Pari Opportunità

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUI BISOGNI DELLE FAMIGLIE CON FIGLI DI ETA 0-3 ANNI NEL COMUNE DI CORNATE D ADDA

INDAGINE CONOSCITIVA SUI BISOGNI DELLE FAMIGLIE CON FIGLI DI ETA 0-3 ANNI NEL COMUNE DI CORNATE D ADDA Comune di Cornate d Adda Assessorato alle politiche sociali Laboratorio Territoriale Brianza Est PIC Equal II Fase Rif. IT-G2-LOM-061 INDAGINE CONOSCITIVA SUI BISOGNI DELLE FAMIGLIE CON FIGLI DI ETA 0-3

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

L Associazione Chiara Melle presenta il progetto educativo-formativo: terza edizione 2012

L Associazione Chiara Melle presenta il progetto educativo-formativo: terza edizione 2012 L Associazione Chiara Melle presenta il progetto educativo-formativo: terza edizione 2012 L Associazione Chiara Melle intende contribuire ad attivare nei genitori un processo di ricerca e di autoeducazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: SHALOM ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ONLUS 2) Codice di accreditamento: NZ 03078

Dettagli

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE A conclusione del lavoro di ricerca, si ritiene di riassumere alcune considerazioni nate alla luce sia del lavoro di documentazione, sia di quello di indagine.

Dettagli

PROGETTO: Con-TE-Sto

PROGETTO: Con-TE-Sto ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: Con-TE-Sto TITOLO DEL PROGETTO: Con-TE-Sto SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione culturale Area d'intervento: Centri di aggregazione

Dettagli

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto La prevenzione delle droghe prof.ssa Carla Buonaiuto L adolescenza inizia con l ingresso alla scuola media inferiore e in questo periodo avvengono cambiamenti psicofisici e nelle relazioni con la famiglia,

Dettagli

METODOLOGIE E STRUMENTI PER L ATTIVAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PSICOLOGIA SCOLASTICA

METODOLOGIE E STRUMENTI PER L ATTIVAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PSICOLOGIA SCOLASTICA METODOLOGIE E STRUMENTI PER L ATTIVAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PSICOLOGIA SCOLASTICA 1. CARATTERISTICHE DELL ATTIVITA' DI PSICOLOGIA SCOLASTICA è un importante strumento per la gestione delle risorse

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Riti di passaggio. Descrizione sintetica del bisogno territoriale a cui il progetto intende rispondere.

Riti di passaggio. Descrizione sintetica del bisogno territoriale a cui il progetto intende rispondere. Riti di passaggio Descrizione sintetica del bisogno territoriale a cui il progetto intende rispondere. L'associazione CIGD e gli enti partner del presente progetto individuano nei preadolescenti la fascia

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO SULLA DISABILITÀ

GRUPPO DI LAVORO SULLA DISABILITÀ GRUPPO DI LAVORO SULLA DISABILITÀ Le problematiche prevalenti Relative alle Persone disabili Problematiche e domande sulla propria identità, sulla propria appartenenza. - alcuni in grado anche di parlarne

Dettagli

Relazione tecnico illustrativa

Relazione tecnico illustrativa Relazione tecnico illustrativa A. SERVIZIO SOCIO EDUCATIVO PER L AMBITO DISTRETTUALE DEL CIVIDALESE PER IL QUINQUENNIO 01.07.2013-30.06.2018 1) DESCRIZIONE DEL SERVIZIO Il presente Capitolato Speciale

Dettagli

PROGETTO: TEATRO FORUM

PROGETTO: TEATRO FORUM 24 5 PROGETTO: TEATRO FORUM (per Oratori sensibili) Che cos è Il Teatro forum è un metodo e percorso formativo utilizzato spesso in situazioni di disagio socio-culturale e si propone come strumento per

Dettagli

CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia

CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia PROGETTO S.I.R.S. Strategie Innovative di Rete dei Servizi Sociali Linee guida per la predisposizione dei progetti: Orientamenti applicativi ARAN 1 Aumento

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 Il Progetto Educativo di Istituto (PEI) che definisce l identità e le finalità educative e culturali dell istituto Bertoni

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il Curricolo

Indicazioni Nazionali per il Curricolo Indicazioni Nazionali per il Curricolo Scuola dell infanzia e primo ciclo di istruzione Conferenza Stampa Mercoledì 6 Marzo 2013 MIUR- Sala della Comunicazione Ore 15:00-17:00 #InScuola Le nuove Indicazioni

Dettagli

NOVA NUOVI ORIZZONTI PER VIVERE L ADOZIONE

NOVA NUOVI ORIZZONTI PER VIVERE L ADOZIONE NOVA NUOVI ORIZZONTI PER VIVERE L ADOZIONE Resto in Famiglia! Il progetto Resto in famiglia promosso da NOVA preserva la famiglia, attraverso un adeguata accoglienza delle problematiche presenti all interno

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Fondazione don Silvano Caccia Onlus C. F. 93014840131 P. IVA 03480440134

Fondazione don Silvano Caccia Onlus C. F. 93014840131 P. IVA 03480440134 SPORTELLO D ASCOLTO Istituto Superiore Sant Elia Cantù A.S. 2013-2014 RELAZIONE CONCLUSIVA Nell anno scolastico 2013/14, a partire da ottobre 2013 fino a giugno 2014, il di Cantù ha realizzato presso l

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 PROGETTO CONTINUITÀ EROI CHE PASSANO, EROI CHE RESTANO DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ 1.

Dettagli

SPORTELLO DI CONSULTAZIONE PSICOLOGICA PER ALUNNI, INSEGNANTI E GENITORI

SPORTELLO DI CONSULTAZIONE PSICOLOGICA PER ALUNNI, INSEGNANTI E GENITORI TI DIAMO ASCOLTO (BIENNIO2014/2015-2015/2016) SPORTELLO DI CONSULTAZIONE PSICOLOGICA PER ALUNNI, INSEGNANTI E GENITORI OBIETTIVI DEL SERVIZIO FINALITÀ : Offrire un luogo all interno del contesto scolastico

Dettagli

LA LEGALITA INIZIA IN FAMIGLIA...continua nella scuola e si estende nella società.

LA LEGALITA INIZIA IN FAMIGLIA...continua nella scuola e si estende nella società. L Associazione Chiara Melle onlus promuove in collaborazione con le scuole del territorio LA LEGALITA INIZIA IN FAMIGLIA...continua nella scuola e si estende nella società. "L'educazione alla legalità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA PROGETTO SPAZIO D ASCOLTO PSICOLOGICO PER ALLIEVI E FAMIGLIE E SUPPORTO ALLE DINAMICHE PONTE NEL CONTESTO SCOLASTICO Insegnante Valeria Sassu ISTITUTO

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e istituzione di equipe territoriali integrate

Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e istituzione di equipe territoriali integrate N. 51/11 DEL 24.9.2008 Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e istituzione di equipe territoriali integrate 1. Premessa Attualmente in

Dettagli

FAUSTA FAGNONI RESPONSABILE AREA DONNE E BAMBINI

FAUSTA FAGNONI RESPONSABILE AREA DONNE E BAMBINI FAUSTA FAGNONI RESPONSABILE AREA DONNE E BAMBINI DISAGIO ED EDUCAZIONE Educazione come elemento fondamentale della risposta al disagio coniugando il concetto di cura con quello di promozione della persona.

Dettagli

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio.

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio. Distretto Scolastico N 53 Nocera Inferiore (SA) Prot. n. 1676 C/2 Nocera Superiore,18/10/2012 A tutti i docenti All attenzione della prof. Sergio FS di riferimento All attenzione di tutti i genitori Tramite

Dettagli

UNA COMUNITA IN CRESCITA

UNA COMUNITA IN CRESCITA UNA COMUNITA IN CRESCITA Proposte di formazione per bambini, ragazzi, insegnanti e genitori 2008-2009 2009 La Bottega dei Ragazzi Cooperativa Sociale Onluss Via Tintoretto 41 35020 Albignasego (PD) Tel.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TOMMASO GROSSI MILANO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TOMMASO GROSSI MILANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TOMMASO GROSSI MILANO L Istituto Comprensivo Statale Tommaso Grossi realizza, sin dall anno scolastico 1990/1991, interventi specifici tesi all alfabetizzazione e all integrazione

Dettagli

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria Centro Studi Hänsel e Gretel onlus con il contributo della L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

Dettagli

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno Assessorato alle Politiche Sociali Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno - Centro Servizi Sociali Pag. 1 di 5 La Responsabile del Servizio e del Procedimento: A.S. Tassi

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia diocesi di Termoli Larino Centro per la Famiglia nella Cittadella della Carità Di cosa si occupa un centro per la famiglia? Informazione sui servizi, le risorse e le opportunità, istituzionali e informali,

Dettagli

PAROLE IN MOVIMENTO ATTIVITA' 2013

PAROLE IN MOVIMENTO ATTIVITA' 2013 PAROLE IN MOVIMENTO O N L U S ATTIVITA' 2013 Anno 1 n.1 Attraversare una crisi in assenza in di dispositivi adeguati di ascolto, socializzazione, sostegno e cura, può compromettere la nostra salute, il

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

Rapporto sintetico sui bisogni educativi, verso un modello pedagogico comune

Rapporto sintetico sui bisogni educativi, verso un modello pedagogico comune ANALISI DEI BISOGNI Rapporto sintetico sui bisogni educativi, verso un modello pedagogico comune progetto 2013-1-IT1-LEO05-04042 "Educezione tra pari: trasferimento di una metodologia e strategia di apprendimento

Dettagli

SERVIZIO CIVILE REGIONALE 2014

SERVIZIO CIVILE REGIONALE 2014 SERVIZIO CIVILE REGIONALE 2014 Progetto Diritti di Cittadinanza Area Generale Settore di intervento: d) valorizzazione dell'integrazione, dell'interculturalità e della multiculturalità Premessa Il fenomeno

Dettagli

I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014

I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014 I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014 L implementazione della chat in Telefono Azzurro è partita il 7 dicembre 2010, allineando l Italia ai diversi servizi di consulenza

Dettagli

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Dott.ssa Manuela Bina Ph.D.* ** in collaborazione con Elena Cattelino**, Silvia Bonino*, Emanuela Calandri* *Università degli Studi

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA MOTIVAZIONE E importante la capacità della scuola di accogliere i bambini in modo personalizzato e di farsi carico delle emozioni loro e dei loro familiari nei delicati momenti dei

Dettagli

LA CITTA E DEI RAGAZZI Sperimentazione di un percorso formativo per e con i ragazzi e le ragazze

LA CITTA E DEI RAGAZZI Sperimentazione di un percorso formativo per e con i ragazzi e le ragazze COMUNE DI PALMI (prov. Reggio Calabria) PROGETTO LA CITTA E DEI RAGAZZI Sperimentazione di un percorso formativo per e con i ragazzi e le ragazze AREA POLITICHE DEL WELFARE Non si diviene adulti perché

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie Premessa Il trauma non cessa con il cessare della violenza esterna ma continua imperterrito nel mondo

Dettagli

LE FINALITA DEL PROGETTO

LE FINALITA DEL PROGETTO AMBITO N 5 LE FINALITA DEL PROGETTO La finalità del progetto è quella di organizzare e realizzare interventi mirati in modo da prevenire stili e comportamento a rischio ed innalzare le capacità di comprensione

Dettagli

ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Ufficio di Piano di Zona VT4 rif. L.328/00 DIECI ANNI DEL SERVIZIO CENTRO D ASCOLTO DAL 2004 AL 2014

ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Ufficio di Piano di Zona VT4 rif. L.328/00 DIECI ANNI DEL SERVIZIO CENTRO D ASCOLTO DAL 2004 AL 2014 DIECI ANNI DEL SERVIZIO CENTRO D ASCOLTO DAL 2004 AL 2014 Il Centro d Ascolto trae le sue origini dalle Leggi 38/96 e successivamente dalla Legge 328/2000. Il Servizio opera nelle scuole secondarie di

Dettagli

LA MEDIAZIONE FAMILIARE

LA MEDIAZIONE FAMILIARE LA MEDIAZIONE FAMILIARE Nel corso dell ultimo decennio, in Italia, si è organizzato un movimento di opinione con lo scopo di promuovere con un approccio conciliativo e sull esempio di esperienze internazionali

Dettagli

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado ESTRATTO Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado SCHEDA TECNICA DELL INTERVENTO (novembre 2010) I. PRESENTAZIONE DELLA ATTIVITA (FORMAZIONE

Dettagli

Progetto interprete dei bisogni di formazione al ruolo educativo per i genitori del territorio di Buccinasco

Progetto interprete dei bisogni di formazione al ruolo educativo per i genitori del territorio di Buccinasco Progetto interprete dei bisogni di formazione al ruolo educativo per i genitori del territorio di Buccinasco MOTIVAZIONI : 2005 1. Carenza di interventi di sviluppo di comunità per i genitori del territorio

Dettagli

CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Nuclei tematici Listening Traguardi per lo sviluppo della competenza Raggiungimento del livello A2 del Quadro Comune Europeo di riferimento. L alunno

Dettagli

COMUNE DI ORTONA. Medaglia d Oro al Valore Civile PROVINCIA DI CHIETI La presente pubblicazione non ha carattere di ufficialità

COMUNE DI ORTONA. Medaglia d Oro al Valore Civile PROVINCIA DI CHIETI La presente pubblicazione non ha carattere di ufficialità COMUNE DI ORTONA Medaglia d Oro al Valore Civile PROVINCIA DI CHIETI La presente pubblicazione non ha carattere di ufficialità Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 7 MARZO 2008 N.

Dettagli

Giovani: incontro, ascolto, comunicazione, protagonismo

Giovani: incontro, ascolto, comunicazione, protagonismo Co.Mo. Casentino - Piano di sviluppo economico e sociale 2006-2009 Scheda sintetica di Progetto/Programma Giovani: incontro, ascolto, comunicazione, protagonismo Tema programmatico [ ] A: competitività

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Denominazione Ente: SOS VILLAGGIO DEL FANCIULLO STRA SIGRA D EUROPA Coop. Di Solidarietà Sociale. Indirizzo: Via H. Gmeiner, 25 38100 Trento Titolo progetto: Settore

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI

LA CARTA DEI SERVIZI Carta dei Servizi LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è il principale strumento di un organizzazione per far conoscere i progetti che realizza, per informare sulle risorse e le attività a disposizione,

Dettagli

Scheda sintetica. (8 ottobre 2003)

Scheda sintetica. (8 ottobre 2003) INDAGINE SUL PARTENARIATO GENITORI-SCUOLA Scheda sintetica (8 ottobre 2003) 1. E la prima indagine sociologica sul campo effettuata in Italia. E stata basata su una ricognizione delle esperienze di partenariato

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

Consultorio Familiare Luisa Riva

Consultorio Familiare Luisa Riva Consultorio Familiare Luisa Riva Privato Accreditato Autorizzazione ASL Milano con delibera n 92 del 31 Gennaio 2012 Accreditamento Reg. Lombardia con delibera 3286 del 18 Aprile 2012 C.F. 01401200157

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013 CARTA DEI SERVIZI n. 3, 4 novembre 2013 Cos è il Consultorio Familiare Il Consultorio Familiare è un luogo che offre interventi di tutela, di prevenzione e di promozione della salute. In modo particolare

Dettagli

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Padova, 01 settembre 2011 Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Il Punto di Ascolto attivo ormai da quattro anni presso l Ufficio Scolastico Territoriale di Padova, coordinato

Dettagli

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG)

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) Mod. A2 PGZ Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) 1. Codice Progetto LEN_7_ 2015 2. Titolo del progetto Adolescenti, cambiamenti personali e del mondo 3. Riferimenti del compilatore

Dettagli

Documento di sintesi della Ricerca sulle famiglie A Cura di Dott. Claudio Gramaglia Marzo 2005

Documento di sintesi della Ricerca sulle famiglie A Cura di Dott. Claudio Gramaglia Marzo 2005 Documento di sintesi della Ricerca sulle famiglie A Cura di Dott. Claudio Gramaglia Marzo 2005 La presente ricerca, volta a sondare le percezioni delle famiglie con minori, rispetto ai servizi loro offerti

Dettagli

ASLTO2 DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE G. Maccacaro CENTRO PREVENZIONE DISAGIO GIOVANILE

ASLTO2 DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE G. Maccacaro CENTRO PREVENZIONE DISAGIO GIOVANILE ASLTO2 DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE G. Maccacaro 41 BENESSERE E COMPETENZE CORRELATE/ SALUTE SESSUALE/ AFFETTIVITÀ - DIPENDENZE Target: ü Giovani adulti ü Genitori ü Insegnanti della Scuola Secondaria

Dettagli

BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione

BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione Il contesto di riferimento Le Fondazioni di origine bancaria possono svolgere oggi un ruolo fondamentale per la costruzione del nuovo welfare di comunità, un modello

Dettagli

1A - Attività dell Associazione Differenza Maternità. Associazione Differenza Maternità. Ampliamento del servizio "Informanascita"- linea telefonica

1A - Attività dell Associazione Differenza Maternità. Associazione Differenza Maternità. Ampliamento del servizio Informanascita- linea telefonica 1A - Attività Differenza Maternità 1 Associazione responsabile e collaborazioni. Rete/Partners coinvolti Associazione Differenza Maternità Descrizione intervento / prodotto 2 Denominazione Informamamma:

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014

RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014 Allegato al Prot. n. 78357 del 14.3.2014 RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014 RAGAZZI IN COMUNITA Comprendere l adolescente per aiutarlo a crescere 5 incontri di formazione e aggiornamento per Educatori

Dettagli

PROGETTO: SCREENING PER L INDIVIDUAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO PREMESSA

PROGETTO: SCREENING PER L INDIVIDUAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO PREMESSA PROGETTO: SCREENING PER L INDIVIDUAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO PREMESSA La Dislessia Evolutiva (DE o DSA) è un disturbo neurobiologico che riguarda, secondo le più recenti statistiche,

Dettagli

Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012

Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012 Comune di Gradara Provincia di Pesaro e UrBino Settore Politiche Sociali Assessore Solindo Pantucci Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012 A cura di: Dott.ssa Carmen Pacini Responsabile

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG)

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) Mod. A2 PGA Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) 1. Codice Progetto GIPRO_1_ 2015 2. Titolo del progetto "Essere educatore. Ruolo e strategie psico-educative per chi inter-agisce

Dettagli

Progetto DopolaScuola Presentazione Esiti 1 fase. Caregivers e percezione del bisogno formativo dei soggetti dagli 11 ai 14 anni. Legnano, 09.10.

Progetto DopolaScuola Presentazione Esiti 1 fase. Caregivers e percezione del bisogno formativo dei soggetti dagli 11 ai 14 anni. Legnano, 09.10. Presentazione Esiti 1 fase Caregivers e percezione del bisogno formativo dei soggetti dagli 11 ai 14 anni Legnano, 09.10.2014 Obiettivi dell'incontro Presentare gli esiti della prima fase di analisi Attivare

Dettagli

RELAZIONE FINALE DOL 2008/2009 LA MAGIA DEL NATALE

RELAZIONE FINALE DOL 2008/2009 LA MAGIA DEL NATALE RELAZIONE FINALE DOL 2008/2009 LA MAGIA DEL NATALE L arrivo del Natale porta nella Scuola dell Infanzia inevitabili suggestioni di festa, di regali e di sorprese, esercita un fascino particolare nella

Dettagli