Il metodo dei multipli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il metodo dei multipli"

Transcript

1 Rendicontazione e controllo delle risorse immateriali Il metodo dei multipli 1

2 Agenda La valutazione di un azienda; I multipli: definizioni e caratteristiche; Il processo di valutazione: multipli di mercato e di transazioni comparabili; Alcune esemplificazioni; Conclusioni. 2

3 La valutazione di un azienda La valutazione di un azienda consiste in un processo finalizzato alla stima del suo valore tramite l utilizzo di uno o più metodi specifici. La misurazione del valore di una società trova applicazione principalmente nei seguenti ambiti: Operazioni d investimento nel capitale di rischio di società quotate e non quotate; Operazioni di fusione e acquisizione (M&A); Quotazione nei mercati finanziari (IPO); Aumenti di capitale; Valutazioni ad uso interno. Cosa si intende per valore di un azienda? 3

4 Metodologie a disposizione Razionalità della formula valutativa Metodi finanziari Metodi reddituali Metodi misti Multipli Metodi patrimoniali Metodi empirici e di mercato Dimostrabilità del valore 4

5 Cos è un multiplo? E un RAPPORTO tra: Numeratore: Enterprise Value; Valore del capitale azionario (d ora in poi P o equity value). Denominatore: Una variabile in grado di sintetizzare la capacità di un azienda di produrre ricchezza. Grandezze contabili (vendite, ebitda, ebit, utile, patrimonio netto contabile); Entità fisiche (numero di abbonati, stanze d albergo, contatti, utenti). 5

6 Caratteristiche Semplicità: è un meccanismo valutativo basato sull osservazione di analogie con altre aziende. Sono di notevole diffusione nella pratica professionale; Confrontabilità: il valore di una società non può differire in modo significativo dal valore espresso dal mercato per aziende di dimensioni analoghe, dello stesso settore ed operanti sui medesimi mercati geografici; Convergenza: eventuali differenze significative rispetto al campione tendono ad essere prima o poi colmate; Stabilità: capacità di assumere valori rientranti in un range limitato di valori; Ordinabilità: a parità di risultati storici le aziende presentano multipli tanto più elevati quanto maggiori sono le opportunità future di creazione di valore. 6

7 Le tipologie di multiplo che analizzeremo Asset side Equity side Mercato Transazioni Storici Trailing Leading 7

8 Asset side Equity side Valore di mercato Grandezze economico patrimoniali al lordo delle componenti legate al debito Valore di mercato del capitale operativo (Enterprise Value) del patrimonio netto (Equity value) Indebitamento finanziario netto (Debt) Grandezze economico patrimoniali influenzate P / Utile netto P / Book value dalla struttura patrimoniale della società P / FCF 8

9 Come abbinare numeratore e denominatore E.V. P (V.C.A. o Equity Value) Vendite Free cash flow Utile Utile netto Ebitda Book value Ebit 9

10 Asset side Equity side MULTIPLI EV / Sales P / Utile netto EV / Ebitda Asset side Equity side P / Book value EV / Ebit P / FCF MERCATO TRANSAZIONI 10

11 Multipli di mercato transazioni comparabili Un multiplo di MERCATO esprime il rapporto tra valori borsistici e grandezze economico-patrimoniali di una società. Un multiplo di TRANSAZIONI COMPARABILI esprime il rapporto tra valori impliciti in un operazione di acquisizione e grandezze economico-patrimoniali di una società. In ambito valutativo, l utilizzo dei multipli presuppone che il valore di una società si possa determinare assumendo come riferimento le indicazioni fornite dal mercato (multipli di mercato) o da operazioni di compra / vendita (transazioni comparabili) aventi ad oggetto società con caratteristiche analoghe a quella oggetto della valutazione Entrabe le tipologie di multiplo offrono uno strumento di misurazione che necessita di un numero inferiore di ipotesi rispetto ad altri metodi di valutazione 11

12 I multipli dal punto di vista temporale Quali dati devono essere utilizzati da un punto di vista temporale per la determinazione del denominatore? storico PERIODO trailing Dato presentato nell ultimo bilancio annuale pubblicato Sommatoria dei dati degli ultimi 4 trimestri leading Dato prospettico 12

13 Multipli di mercato: il processo di valutazione Multipli di mercato: 1. Scelta dei multipli significativi; 2. Determinazione delle società comparabili (campione); 3. Calcolo dei multipli prescelti per le società rappresentate nel campione; 4. Identificazione dell intervallo di valori dei multipli da applicare alla società oggetto di valutazione; 5. Applicazione dei multipli alla società oggetto di valutazione. 13

14 Scelta dei multipli significativi Il primo passo consiste nell individuare i multipli che includono tutte quelle variabili che meglio sono in grado di sintetizzare la capacità di un azienda di produrre ricchezza. In funzione del business di riferimento in cui opera la società oggetto di valutazione, i diversi multipli possono risultare più o meno significativi. EV/Sales: EV / fatturato dell azienda. EV/Ebitda: EV / margine operativo lordo; EV/Ebit: EV / margine operativo; Price/Earning (P/E): valore del capitale azionario / utile netto; Price/Book value (P/BV): valore del capitale azionario / patrimonio netto; Price/Free cash flow (P/FCF): valore del capitale azionario / flusso netto di cassa; Multipli operativi: EV / una grandezza di misurazione della capacità. Non esiste mai un multiplo univoco in grado di rappresentare in modo ottimale il valore di un azienda, ma è opportuno prestare attenzione ad un insieme di multipli. 14

15 Scelta dei multipli significativi Conto economico Influenze (contabili, straordinarie, fiscali) Effetto segnaletico delle performance I multipli costruiti utilizzando grandezze contabili più influenzate da politiche di bilancio e fiscali sono soggetti ad un maggior rischio di distorsione, ma allo stesso tempo tendono ad evidenziare con maggiore significatività la capacità di un azienda di generare ricchezza dal punto di vista operativo. Fra tutti, il P/E risente maggiormente di tali fattori. Per questa ragione, nella prassi, è frequente l utilizzo di rettifiche e normalizzazioni, soprattutto per i multipli più vicini all ultima riga di conto economico (EV/Ebit e P/E). 15

16 EV / Sales Esprime il rapporto tra enterprise value e fatturato di una società. E il multiplo meno influenzato dalle politiche contabili; Tende ad essere più stabile nel tempo; E sempre calcolabile (non esprime mai valori negativi); E strettamente legato alla capacità di crescita dei ricavi di una società. Ambiti di applicazione: Società oggetto della valutazione in fase di start-up; Società caratterizzate da bassa leva operativa; Solo di rado utilizzato per la valutazione di società con business ben avviato. Utilizzo in ambito valutativo: MEDIO 16

17 EV / Ebitda Esprime il rapporto tra enterprise value ed ebitda (margine operativo lordo). E il multiplo che trova a livello pratico il maggior utilizzo, in quanto riferito alla grandezza reddituale ebitda che, meglio di tutte le altre, è in grado di esprimere la capacità di un azienda di generare valore attraverso l attività caratteristica. Collocandosi nel conto economico prima di tutte le voci relative alla gestione finanziaria e straordinaria, viene intaccato in misura inferiore da aspetti contabili e fiscali. Ambiti di applicazione: Società con business stabile e maturo; Particolarmente utilizzato in ambito industriale; Viene sempre inserito all interno di un campione di multipli utilizzati per la valutazione. Utilizzo in ambito valutativo: ALTO 17

18 EV / Ebit Esprime il rapporto tra enterprise value ed ebit (margine operativo). E una valida alternativa al multiplo sull ebitda, specialmente per società il cui attivo è caratterizzato dalla presenza preponderante di immobilizzazioni materiali. Se da un lato il margine operativo (e di conseguenza il multiplo) tiene conto delle politiche di ammortamento, dall altro risente maggiormente delle regole contabili (risultando meno neutrale sotto questo punto di vista rispetto al multiplo EV/Ebitda). Ambiti di applicazione: Società con business stabile e maturo, ad alto capitale investito; Possono crearsi distorsioni nella valutazione di società di differenti paesi (politiche di ammortamento). Utilizzo in ambito valutativo: ALTO 18

19 P / E Esprime il rapporto tra prezzo di mercato ed utile netto per azione (capitalizzazione / utile netto). Rappresenta il numero di volte (misurabile in anni) in cui la società ripagherebbe con i suoi utili l investimento effettuato dal risparmiatore. Semplicità nel processo di calcolo; Ampia disponibilità delle informazioni necessarie; E il multiplo più apprezzato e di maggior utilizzo in ambito borsistico; Trova giustificazione nel fatto che il principale contributo alla creazione di valore da parte di un impresa sia la sua capacità di generare utili; Elevata influenza di politiche contabili, fiscali e di natura straordinaria (utile adjusted). Ambiti di applicazione: Utilizzabile indistintamente in tutti i settori. Utilizzo in ambito valutativo: ALTO 19

20 P / Book Value Esprime il rapporto tra prezzo di mercato di un azione e patrimonio netto per azione (capitalizzazione / patrimonio netto). Rappresenta quanto un investitore sia disposto a pagare in più rispetto al semplice valore patrimoniale dell azienda. E di immediata interpretazione; Spesso affiancato ai metodi patrimoniali puri. Ambiti di applicazione: Molto utilizzato per società caratterizzate da un elevata consistenza patrimoniale, necessaria allo svolgimento delle attività (banche, assicurazioni, società finanziarie); Nella prassi assume poca rilevanza per la valutazione di società industriali. Utilizzo in ambito valutativo: MEDIO 20

21 P / Free cash flow Esprime il rapporto tra prezzo di mercato di un azione e flusso di cassa netto per azione (capitalizzazione / flusso di cassa netto). Rappresenta il numero di volte (misurabile in anni) in cui la società ripagherebbe con i suoi flussi di cassa l investimento effettuato dal risparmiatore. Esprime un giudizio in funzione della capacità di generare flussi di cassa; Nella prassi assume minore rilevanza rispetto a EV/Ebitda o EV/Ebit; Maggiore influenza delle politiche contabili. Ambiti di applicazione: Solitamente non viene utilizzato per le società finanziarie; Importante in settori caratterizzati da elevati investimenti ricorrenti. Utilizzo in ambito valutativo: MEDIO 21

22 Multipli operativi Esprimono il rapporto tra l E.V. di un azienda ed un elemento chiave di misurazione della capacità della stessa. Sono fortemente influenzati dalle decisioni strategiche prese in ambito manageriale e sono utilizzati solo di rado per alcuni specifici settori: Media Internet Alberghiero Telecomunicazioni numero di abbonati numero di contatti numero di stanze numero di utenti Rappresentano una misura aggiuntiva nel processo di valutazione da affinacare ai multipli tradizionali, ma raramente permettono di valutare in modo appropriato il valore di un impresa in modo autonomo. Utilizzo in ambito valutativo: BASSO 22

23 Determinazione del campione La selezione delle società comparabili è necessaria al fine di costituire un campione omogeneo rispetto alla società da valutare. E la parte più delicata del processo di utilizzo dei multipli Trade off somiglianza del campione con l impresa da valutare numerosità dei componenti del campione settore di riferimento; dimensione aziendale; redditività aziendale; mix di prodotti / diversificazione; composizione azionariato. 23

24 Determinazione del campione Tre livelli d analisi per la determinazione del campione: 1. confronto infrasettoriale a livello domestico; 2. confronto infrasettoriale a livello internazionale; 3. confronto intersettoriale. Tanto più il campione è ampio già al primo livello, tanto più risulta essere significativo. Il secondo livello può essere molto interessante in sede d analisi per ampliare il campione individuato a livello domestico o perché il business di riferimento è per sua natura internazionale. Il terzo livello si rende necessario laddove i primi due non siano in grado di fornire un campione significativo ai fini dell analisi. 24

25 Confronto infrasettoriale a livello domestico Consiste nella ricerca di società quotate all interno dello stesso settore e appartenenti al medesimo mercato di quotazione. E il livello più semplice ed immediato, nonché quello in grado di condurre ai risultati maggiormente significativi. Nel caso in cui attraverso tale ricerca si riesca a costruire un campione congruo ed accurato, è anche possibile non estendere l analisi ai successivi livelli. Nella pratica, tuttavia, la situazione sopra descritta si verifica molto di rado, soprattutto nel mercato borsistico italiano, in cui talvolta non esiste alcuna realtà comparabile. Questo livello di confronto dovrebbe orientarsi lungo due direttrici d analisi, basate sull indagine di elementi sia quantitativi che qualitativi. Il campione individuato ideale deve essere composto da società che presentano affinità con la realtà oggetto di valutazione secondo entrambe le direttrici. 25

26 Confronto infrasettoriale a livello domestico Tra i parametri quantitativi occorre considerare: La dimensione; La crescita; La struttura finanziaria e patrimoniale. Differenze in tale ambito possono condurre alla determinazione di multipli differenti: Due società di dimensioni molto differenti, seppur simili in termini di portafoglio prodotti e composizione delle vendite, sono generalmente valutate in modo differente dal mercato (la società di maggiori dimensioni è di solito più apprezzata perché percepita come più solida e meno soggetta a rischi di disequilibrio finanziario); Analogamente, pur in presenza di confrontabilità in termini di dimensione del fatturato, l azienda con migliori prospettive di crescita, presenta in genere multipli più alti. 26

27 Confronto infrasettoriale a livello domestico Tra i parametri qualitativi occorre considerare: la composizione del fatturato; il posizionamento competitivo; la capacità d innovazione; il business model. I criteri qualitativi dovrebbero essere utilizzati in stretta correlazione con quelli quantitativi, al fine d individuare un campione coerente sotto entrambi i profili. Alcune fonti: Bilanci (relazione sulla gestione e nota integrativa); Presentazioni alla comunità finanziaria; Ricerche analisti; Funzioni Bloomberg. 27

28 Confronto infrasettoriale a livello domestico 28

29 Confronto infrasettoriale a livello internazionale Implica l individuazione di società comparabili quotate anche in mercati finanziari diversi da quello di riferimento della società oggetto di valutazione. Scarsa significatività del campione in ambito domestico; Appartenenza a settori che possono essere per loro natura considerati globali (telecomunicazioni, automotive, biotecnologie, media, ecc.). L ampliamento geografico deve avvenire in modo graduale : Europa; Stati Uniti; Giappone; Paesi emergenti. Anche in questo caso, ampliando i confini, il campione può perde gradualmente di significato (se il business non è globale). 29

30 Confronto infrasettoriale a livello internazionale 30

31 Confronto infrasettoriale a livello internazionale 31

32 Confronto intersettoriale Si arriva al terzo livello d analisi nel caso in cui la comparabilità non sia rintracciabile in società appartenenti allo stesso settore e pertanto non si ravvisino elementi di somiglianza tali da costituire un paniere significativo. Leader assolute di mercato a livello globale; Eccellenze di nicchia a livello globale. Alla base della comparabilità ci deve essere la possibilità di attribuire ad imprese simili lo stesso profilo di rischio e rendimento. Due società, pur operando in settori differenti, abbiano una formula imprenditoriale analoga e risultati influenzati da medesimi value driver. 32

33 Confronto intersettoriale 33

34 Calcolo dei multipli il numeratore Asset side NUMERATORE Equity side E.V. P Capitalizzazione + PFN leading Capitalizzazione 34

35 Calcolo dei multipli il denominatore Sales DENOMINATORE Utile Ebitda Book value Ebit FCF leading 35

36 Calcolo dei multipli Valutazione di una società Società quotata attraverso i multipli Paese di mercato: Market Pirelli S.p.A. Sulla base delle caratteristiche della società oggetto di valutazione, si determina un campione di società comparabili CONTINENTAL cap quotate: CHENG AG Germania SUMITOMO SHIN RUBBER Giappone Taiwan BRIDGESTONE COOPER NEXEN CORP Giappone APOLLO TIRE TIRE CORP. & RUBBER Corea USA del Sud GAJAH TUNGGAL TYRES LTD TBK PT Indonesia India Per ciascuna società inserita nel campione, vengono calcolati i multipli ritenuti interssanti ai fini della valutazione. MICHELIN NOKIAN Finlandia Francia GOODYEAR YOKOHAMA TIRE Giappone USA MRF LTD India

37 Calcolo dei multipli del campione: Michelin P E.V. Michelin Prezzo di mercato 64,6 Numero di azioni (mln) 182,1 Capitalizzazione di mercato ,8 (mln/ ) Michelin Attese Posizione analisti finanziaria netta (mln/ ) 1.654, E 1.518, E Prezzo di mercato 64,6 Numero di azioni (mln) 182,1 Capitalizzazione di mercato (mln/ ) ,8 Enterprise Value 2012 E 2013 E Capitalizzazione di mercato (mln/ ) , ,8 Posizione finanziaria netta (mln/ ) 1.654, ,0 Enterprise value (mln/ ) , ,8 37

38 Stime Michelin 38

39 Stime Michelin 39

40 Calcolo dei multipli del campione: Michelin Michelin Enterprise Value 2012 E 2013 E Prezzo di mercato 64,6 Capitalizzazione di mercato (mln/ ) , ,8 Numero di azioni (mln) 182,1 Posizione finanziaria netta (mln/ ) 1.654, ,0 Capitalizzazione di mercato (mln/ ) ,8 Attese analisti Utile Ebitda 1.670, , , ,0 Enterprise value (mln/ ) , , E 2013 E Michelin P/E 2012 P/E 2013 EV/EBITDA 2012 EV/EBITDA ,0 7,0 3,8 3,6 40

41 Società Calcolo dei Paese multipli Market campione allargato cap P/E 2012P/E 2013EV/EBITDA 2012 EV/EBITDA CONTINENTAL AG Germania ,3 6,9 4, CHENG SHIN Taiwan ,5 12,1 8,2 4,3 SUMITOMO GOODYEAR RUBBER TIRE Giappone USA ,9 6,4 5,0 5,9 4,4 4,8 3,8 4,5 7,3 BRIDGESTONE COOPER NEXEN TIRE TIRE CORP. & CORP RUBBER Corea Giappone USA del Sud ,5 7,7 7,9 7,5 7,1 8,9 3,6 4,1 7,4 3,4 3,7 APOLLO TYRES LTD India 588 6,8 5,9 4,6 4,2 6,0 GAJAH TUNGGAL TBK PT Indonesia 658 8,2 7,8 7,4 6,9 5,4 5,9 4,8 5,2 Mediana 7,7 7,0 4,6 4,3 MICHELIN NOKIAN Finlandia Francia ,7 7,0 10,5 7,0 3,8 8,8 3,6 7,8 YOKOHAMA Giappone ,7 5,4 4,2 3,9 MRF LTD India 619 7,9 7,1 5,7 5,2 Mediana 8,2 7,7 41

42 Società Calcolo dei Paese multipli Market campione ristretto cap P/E 2012P/E 2013EV/EBITDA 2012 EV/EBITDA CONTINENTAL AG Germania ,3 6,9 4, GOODYEAR TIRE USA ,9 5,0 4,4 3,8 4,3 YOKOHAMA BRIDGESTONE CORP Giappone ,7 7,9 5,4 7,1 4,2 4,1 3,9 7,8 7,0 5,0 4,5 3,7 Mediana 7,2 6,9 4,3 3,9 MICHELIN NOKIAN Finlandia Francia ,7 7,0 10,5 7,0 3,8 8,8 3,6 7,8 Mediana 7,8 7,2 42

43 Calcolo dei multipli campione ristretto Pirelli Attese analisti 2012 E 2013 E Utile 446,0 519,0 Ebitda 1.088, ,5 PFN 1.207, ,0 Multiplo P/E: P/E ,9 Utile atteso Pirelli 519,0 Equity Value 3.604,4 Numero azioni 475,7 Equity Value per azione 7,58 Multiplo EV/Ebitda: EV/Ebitda ,9 Ebitda atteso Pirelli 1.245,5 E.V ,3 P.F.N. attesa Pirelli 1.107,0 Equity Value 3.697,3 Numero azioni 475,7 Equity Value per azione 7,77 Multiplo P/E 2013 EV/Ebitda 2013 Equity value 3.604, ,3 Ponderazione 25,0% 75,0% Equity Value 3.674,1 43

44 Applicazione di sconti Il processo sino a qui descritto presuppone un omogeneità particolarmente elevata tra l impresa oggetto della valutazione ed il campione di comparabili. Esistono casi in cui l applicazione dei multipli di mercato richiede un ulteriore passaggio, ossia l applicazione di sconti ai valori ottenuti: Società non quotata vs comparables quotati; Società quotata a bassa capitalizzazione vs comparables ad alta capitalizzazione; Società padronale vs comparables con flottante significativo; Società di piccole dimensioni vs società di grandi dimensioni. In tutti questi casi, sia in letteratura che a livello pratico, viene universalmente ritenuto corretto applicare uno sconto (generalmente compreso in un intervallo tra il 10% ed il 20%) ai valori derivanti dall analisi delle società comparabili. 44

45 Società Applicazione Paese Market di sconti cap P/E 2012P/E 2013EV/EBITDA 2012 EV/EBITDA CONTINENTAL 2013 GOODYEAR AG Germania ,3 6,9 4,6 4,3 YOKOHAMA BRIDGESTONE TIRE USA ,9 5,7 5,0 5,4 4,4 4,2 3,8 3,9 CORP Giappone ,9 7,1 4,1 3,7 Mediana 7,8 7,2 7,0 6,9 5,0 4,3 4,5 3,9 Sconto Mediana 20% 5,7 20% 5,6 20% 3,5 20% 3,1 MICHELIN NOKIAN Finlandia Francia ,7 7,0 10,5 7,0 3,8 8,8 3,6 7,8 Mediana 7,8 7,2 Sconto Mediana 20% 5,7 45

46 Altre applicazioni dei multipli di mercato Nell analisi precedente è stato determinato il valore teorico attribuibile al capitale azionario (equity value) di Pirelli partendo dai valori di mercato espressi dai sui principali competitors. Il processo può essere applicato in ambito d investimento per determinare se una società possa considerarsi sottovalutata o sopravvalutata dal mercato rispetto a società simili operanti nel medesimo settore. Tale giudizio può essere espresso a valle di un analisi basata sul confronto di multipli. 46

47 Calcolo dei multipli P E.V. Pirelli Prezzo di mercato 8,4 Numero di azioni (mln) 475,7 Capitalizzazione di mercato (mln/ ) 4.015,2 Pirelli Attese Prezzo di mercato 8,4 Posizione analisti finanziaria netta (mln/ ) 1.207, E 1.107, E Numero di azioni (mln) 475,7 Capitalizzazione di mercato 4.015,2 Enterprise Value 2012 E 2013 E Capitalizzazione di mercato (mln/ ) 4.015, ,2 Posizione finanziaria netta (mln/ ) 1.207, ,0 Enterprise value (mln/ ) 5.222, ,2 47

48 Calcolo dei multipli Pirelli Enterprise Value 2012 E 2013 E Prezzo di mercato 8,4 Capitalizzazione di mercato (mln/ ) 4.015, ,2 Numero di azioni (mln) 475,7 Posizione finanziaria netta (mln/ ) 1.207, ,0 Capitalizzazione di mercato (mln/ ) 4.015,2 Attese Utile Ebitda analisti 1.088,5 446, ,5 519,0 Enterprise value (mln/ ) 5.222, , E 2013 E Pirelli P/E 2012 P/E 2013 EV/EBITDA 2012 EV/EBITDA ,0 7,7 4,8 4,1 48

49 Sopravvalutazione o sottovalutazione Sulla base del confronto dei multipli, il titolo Pirelli parrebbe essere sopravvalutato (e di conseguenza più caro ) rispetto ad altre società comparabili: Campione ristretto P/E 2012 P/E 2013 EV/EBITDA 2012 EV/EBITDA 2013 Media 7,8 7,0 5,0 4,5 Mediana 7,2 6,9 4,3 3,9 Pirelli 9,0 7,7 4,8 4,1 Premio / (sconto) vs media 16,1% 10,8% -3,8% -9,2% Premio / (sconto) vs mediana 25,7% 11,4% 11,2% 6,6% La decisione di investire nel titolo Pirelli, in questo caso, dovrebbe trovare giustificazione nella presenza di alcuni punti di forza distintivi dal punto di vista economico-patrimoniale piuttosto che di business model, tale da rendere giustificabile la presenza di un premio rispetto a società simili operanti nel medesimo settore. 49

50 Multipli di transazioni comparabili: Le transazioni comparabili Per questa tipologia di multiplo valgono tutte le considerazioni effettuate per i multipli di mercato dal punto di vista qualitativo e quantitativo, con alcune accortezze: E.V. NUMERATORE P Valore capitale azionario pagato dall acquirente + PFN Valore capitale azionario pagato dall acquirente Orizzonte temporale; Acquirente finanziario vs industriale; Maggioranza vs minoranza. 50

51 Le transazioni comparabili Ann. Date Compl. Date Target Company Bidder Company Seller Company Enterprise Value EUR (m) Revenue EUR (m) Revenue Multiple EBITDA Multiple EBIT Multiple PE Multiple Deal Description 30/05/ /05/2005 Delta Dairy S.A. (30% stake) Delta Holdings S.A. (formerly Delta Dairy S.A.) 29/11/ /01/2005 Cottes SA Vandemoor tele NV Groupe Danone S.A. Initiative et Finance 185, ,1 0,5 1,7 4,1 7,9 7, ,4 Delta Holdings S.A., the listed Greek food group, has acquired a 30% stake in Delta Dairy S.A., the Greek dairy products company, from Groupe Danone S.A., the listed French food and drinks group, for a total consideration of EUR 62m. The acquisition increased Delta Holdings' ownership in Delta Dairy from 70% to 100%. Delta Dairy will receive approximately EUR 16m for the interruption of the commercial and distribution activities held by Delta Dairy for Danone's products Danette, Danonito and Actimel, representing 4,6% of the consolidated turnover of the company. The net cost of this transaction will come up to approximately EUR 46m. The acquisition is in line with Delta Holdings' strategy to actively manage its portfolio of businesses for value and is expected to increase dividends coming from Delta Dairy due to the increase of Delta Holdings' participation and the drop in the expenses of the dairy company with a saving of reimbursements from the royalties, which were previously paid to Danone. Delta Holdings and Danone entered into a Heads of Agreement on 15 February ,6 Vandemoortele Group, the Belgian producer and marketer of foods, has signed an agreement to acquire Cottes Group, the French deep-frozen bread manufacturer, from Initiative & Finance, the French venture-capitalist arm of Natexis Group, the French private equity firm, for a total amount of EUR 62m. The Cottes family owns 69%, the management owns 3% and Initiative & Finance owns 28% of the group. Cottes currently has 220 employees and is expected to generate revenues of EUR 45m in 2004.The transaction reflects Vandemoortele s strategy to further develop its deep-frozen bakery products operations, one of its core activities, and will provide Vandemoortele a platform to launch its traditional breads in all other European countries where the group is active.<b> UPDATE 31 January 2005: </b>the deal has been completed. 51

52 Alcune precisazioni A differenza di quanto accade per i multipli di mercato, nell analisi delle transazioni comparabili bisogna tenere presente l esistenza di alcuni fattori soggettivi. Prezzo Venditore Equity Value Compratore In linea (solamente) teorica, il prezzo pagato in una transazione dovrebbe coincidere esattamente con l equity value della società, senza influenze (al rialzo) da parte del venditore e (al ribasso) da parte del compratore. 52

53 Alcune precisazioni Nella realtà tuttavia esistono alcuni aspetti che tendono a non fare coincidere prezzo pagato per l equity con il fair value della società. Alcuni esempi lato compratore: superiori prospettive di crescita della società target rispetto al mercato; redditività superiore rispetto alla media; riconoscimento di una posizione di leadership in una determinata nicchia di mercato; possesso di una particolare tecnologia d avanguardia. Alcuni esempi lato venditore: esigenze di monetizzare il capitale azionario; ricambio generazionale; convenienza economica per riduzione della diversificazione di prodotto o sovraccapacità produttiva. 53

54 Alcune precisazioni Il valore oggettivo nelle transazioni comparabili, pertanto, differisce quasi sempre dal valore effettivamente pagato. Fattori sinergici Fattori finanziari e fiscali Fattori negoziali - Importanza strategica del progetto; - Sinergie attese; - Unicità dell'operazione; - Eliminazione di un concorrente; - Sottrazione di un'alternativa ai competitor. - Entità dell'investimento; - Struttura e stabilità dei flussi dell'impresa acquisita; - Conseguenze sull'equilibrio finanziario dell'acquirente; - Possibilità di ridurre la tassazione in capo al compratore. - Disparità del potere contrattuale; - Condizioni di pagamento; - Clausole contrattuali accessorie; - Esistenza di garanzie per pagamenti posticipati. 54

55 Applicazione di sconti Anche nell analisi attraverso i multipli impliciti in transazioni comparabili, possono verificarsi casi specifici in cui risulta essere necessario applicare degli sconti ai risultati ottenuti. Operazione Acquisizione del 25% del capitale Acquisizione da parte di un soggetto finanziario Acquisizione di una società con piccole quote di mercato Transazioni Solo operazioni di acquisto del 100% Solo operazioni effettuate da soggetti industriali Solo operazioni effettuate da leader di settore In queste operazioni si rende necessario applicare uno sconto (simile a quello visto nell analisi dei multipli di mercato) al fine di rendere realmente comparabile l operazione oggetto di valutazione con i dati ottenuti dall analisi del campione a disposizione. 55

56 Punti di forza e di debolezza Punti di forza: Semplicità di comprensione e di processo; Facilità di calcolo; Esiguo numero di dati necessari al calcolo; Tempo richiesto per l applicazione; Concretezza nel rappresentare valori negoziati sul mercato; Riduzione del numero di variabili soggettive nel calcolo. Punti di debolezza: Difficoltà nel reperimento delle informazioni relative alle transazioni; Necessità di reperire dati il più possibile aggiornati; Maggiore approssimazione rispetto ad altri metodi valutativi; Non utilizzabili in assenza di un campione significativo di società comparabili. 56

57 Mappe di valore Multipli nel settore bancario 57

58 Significatività dei multipli Nella ricerca dei multipli più adatti alla valutazione di una società, può essere utile avvalersi di un riscontro empirico che manifesti la loro capacità di spiegare il valore della società target. Mappe di valore Le mappe R2 di valore sono un analisi di correlazione tra R2 un multiplo e una variabile di riferimento. y = 1,0595x + 0,6071 y = 0,5714x + 2,1786 = 0,9453 = 0,216 EV/Ebitda EV/Ebitda Marginalità Marginalità 58

59 Significatività dei multipli Mediante studi approfonditi su un campione significativo di società comparabili, possibile determinare: è l effettiva capacità di un multiplo di rappresentare in modo sintetico il valore intrinseco di una società in un determinato settore; risalire, mediante l equazione della retta di regressione, alla valutazione di un azienda partendo non da misure assolute (fatturato, ebitda, ebit) ma relative (ebitda margin, ebit margin). Interpump S.p.A. 59

60 Significatività dei multipli 60

61 Significatività dei multipli 61

62 Multipli nel settore bancario Le società che operano nel settore bancario presentano modelli di business radicalmente differenti da quelli tipici di società industriali. Per questo motivo, anche le rappresentazioni di bilancio risultano essere profondamente differenti. L attività: Creditizia: raccolta di risparmio presso la clientela o mediante emissioni obbligazionarie con concessione di finanziamenti a tassi superiori (margine d interesse); Intermediazione: scambio di capitali tra diversi soggetti, con conseguente generazione di commissioni (margine commissionale) Investimento: operazioni di compravendita effettuate sul mercato mediante acquisto diretto di titoli azionari ed obbligazionari. La logica dei multipli, pertanto, risuta essere certamente implementabile anche in questo settore, ma i multipli più significativi a livello industriale (EV/Sales, EV/Ebitda ed EV/Ebit) perdono di significato. 62

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Valutazione d Azienda. Lezione 11 I METODI RELATIVI

Valutazione d Azienda. Lezione 11 I METODI RELATIVI Valutazione d Azienda Lezione 11 I METODI RELATIVI 1 I metodi relativi Le valutazioni comparative di mercato «Le valutazioni comparative comportano l applicazione, a grandezze aziendali rilevanti, di moltiplicatori

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE

LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE Dott. Lorenzo Batacchi Banca popolare dell Emilia Romagna lorenzo.batacchi@bper.it METODI DI VALUTAZIONE DELLE AZIENDE I più utilizzati nella pratica: Metodo finanziario: DCF,

Dettagli

Lezione 10 Il metodo dei multipli.

Lezione 10 Il metodo dei multipli. Lezione 10 Il metodo dei multipli. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri 1 Il metodo dei multipli L obiettivo della valutazione basata sui multipli di mercato (valutazione relativa) è la stima

Dettagli

La valutazione delle aziende. 3a parte

La valutazione delle aziende. 3a parte La valutazione delle aziende 3a parte 65 I metodi empirici Transazioni comparabili Società comparabili 66 I metodi empirici: generalità e ambiti di utilizzo I metodi empirici vengono solitamente utilizzati

Dettagli

La valutazione d azienda i metodi finanziari e dei multipli. Carlo Savazzi

La valutazione d azienda i metodi finanziari e dei multipli. Carlo Savazzi La valutazione d azienda i metodi finanziari e dei multipli Agenda Metodi di valutazione in generale Il metodo dei multipli Il DCF (Discounted Cash Flow) Un esempio concreto Gli elementi extra-contabili

Dettagli

ESAME DI VALUTAZIONE D AZIENDA

ESAME DI VALUTAZIONE D AZIENDA ESAME DI VALUTAZIONE D AZIENDA (ASPETTI TEORICI ED APPLICAZIONI PRATICHE) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MACERATA FACOLTA DI ECONOMIA Anno Accademico 2014-2015 A CURA DI PIERPAOLO CEROLI Professore a contratto

Dettagli

Valutazione d azienda: aspetti applicativi. Docente: Prof. Massimo Mariani

Valutazione d azienda: aspetti applicativi. Docente: Prof. Massimo Mariani Docente: Prof. Massimo Mariani 1 METODI FINANZIARI - Durata del periodo di previsione analitica La scelta della durata del periodo di previsione analitica è principalmente legata a: Settore aziendale di

Dettagli

Impairment test: la valutazione di una partecipazione

Impairment test: la valutazione di una partecipazione Impairment test: la valutazione di una partecipazione 1 Finalità e limitazioni dell incarico 2 La metodologia valutativa 3 La valutazione della società 4 Criticità riscontrate nella valutazione 5 Verifiche

Dettagli

Temi della lezione. 1 Il metodo di valutazione dei multipli di borsa: introduzione. 2 Principali fasi di applicazione del metodo

Temi della lezione. 1 Il metodo di valutazione dei multipli di borsa: introduzione. 2 Principali fasi di applicazione del metodo Temi della lezione 1 Il metodo di valutazione dei multipli di borsa: introduzione 2 Principali fasi di applicazione del metodo 3 Il caso Fiorucci: selezione dei comparables 4 Il caso Fiorucci: selezione

Dettagli

Il Metodo di valutazione dei Multipli. 22 maggio 2014 Università di Pavia Francesca Pezzoli

Il Metodo di valutazione dei Multipli. 22 maggio 2014 Università di Pavia Francesca Pezzoli Il Metodo di valutazione dei Multipli 22 maggio 2014 Università di Pavia Francesca Pezzoli 1 Il metodo di valutazione di impresa mediante multipli di societa comparabili: la logica sottostante Cosa sono

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Valutazione d azienda con il metodo dei multipli: analisi di un caso

Valutazione d azienda con il metodo dei multipli: analisi di un caso Valutazione d azienda con il metodo dei multipli: analisi di un caso responsabile operazioni di merchant banking DALLA TEORIA ALLA PRASSI LA VALUTAZIONE AL SERVIZIO DEL PROCESSO NEGOZIALE COMPRATORE VENDITORE

Dettagli

Nokian Tyres. Rating: BUY. Posizionamento nel Mercato. Il mercato Russo (focus) 20 ottobre 2011

Nokian Tyres. Rating: BUY. Posizionamento nel Mercato. Il mercato Russo (focus) 20 ottobre 2011 20 ottobre 2011 Rating: BUY Nokian Tyres Posizionamento nel Mercato Nokian Tyres vende I propri prodotti in tutta Europa. La società vanta un ottima diversificazione geografica: l 8% delle vendite sono

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

La finanza straordinaria. di valore per l azienda. La creazione di valore nelle Imprese Liguri. Confindustria Genova 12 aprile 2011

La finanza straordinaria. di valore per l azienda. La creazione di valore nelle Imprese Liguri. Confindustria Genova 12 aprile 2011 La finanza straordinaria come leva per la creazione di valore per l azienda La creazione di valore nelle Imprese Liguri i Confindustria Genova 12 aprile 2011 Agenda Cosa si intende per finanza a straordinaria

Dettagli

Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity. Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com

Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity. Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com .. Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com 3i chi siamo Scala internazionale e elevata reputazione Fondata nel 1946, è leader

Dettagli

La valutazione delle azioni. Corso di Economia del mercato mobiliare a.a. 2014/15

La valutazione delle azioni. Corso di Economia del mercato mobiliare a.a. 2014/15 La valutazione delle azioni Corso di Economia del mercato mobiliare a.a. 2014/15 1 La natura dell investimento in titoli azionari INVESTIMENTO IN AZIONI CAPITALE DI RISCHIO NELL ASPETTO SOGGETTIVO: STATUS

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

Indice della lezione. La finanza aziendale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

Indice della lezione. La finanza aziendale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di Corporate Banking a.a. 2010-2011 (Professor Eugenio Pavarani) La stima del costo del capitale 1 Indice della lezione Il costo del capitale (=

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Il mondo del Private Equity

Il mondo del Private Equity Pietro Busnardo Il mondo del Private Equity Obiettivi e modalità di intervento Reggio Emilia, 11 marzo 2014 Cosa si intende per Private Equity Finanza Debito Equity Mercati Corporate Il Private Equity

Dettagli

IL MERCATO AZIONARIO: SITUAZIONI E PROSPETTIVE

IL MERCATO AZIONARIO: SITUAZIONI E PROSPETTIVE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL MERCATO AZIONARIO: SITUAZIONI E PROSPETTIVE ANDREA ROTTI ERSEL S.I.M. 22/11/2013 Milano Scenario 2014: premessa Il decennio 2002-2012 è stato decisamente

Dettagli

CASE STUDY Turnaround

CASE STUDY Turnaround UNIONE DEGLI INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Il capitale di rischio per la PMI 2004 CASE STUDY Introduzione...2 La descrizione della società...3 La descrizione del deal...6 Il valore aggiunto dell

Dettagli

Il reperimento dei dati sui provider economico-finanziari. (intervento del Dott. Stefano Pasetto)

Il reperimento dei dati sui provider economico-finanziari. (intervento del Dott. Stefano Pasetto) Il reperimento dei dati sui provider economico-finanziari. (intervento del Dott. Stefano Pasetto) 2 I. Premessa Le valutazioni aziendali presuppongono il reperimento di diverse tipologie di informazioni

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Fusione per incorporazione di Banca di Trento e Bolzano in Intesa Sanpaolo Milano, 19 dicembre 2014 Contenuto del documento EXECUTIVE SUMMARY 3 INTRODUZIONE 7 LIMITI DEL LAVORO 9 DOCUMENTAZIONE UTILIZZATA

Dettagli

LE ECCELLENZE DEL MADE IN ITALY. 13-14 marzo 2014 1. 13-14 marzo 2014

LE ECCELLENZE DEL MADE IN ITALY. 13-14 marzo 2014 1. 13-14 marzo 2014 LE ECCELLENZE DEL MADE IN ITALY 1 Investireste in un Gruppo che: Ha quote attive in 9 leader mondiali* dei rispettivi settori? Negli ultimi 10 anni ha avuto plusvalenze nell 80% circa delle cessioni? Capitalizza

Dettagli

I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI

I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI I CRITERI DI ANALISI TECNICO-FINANZIARIA. Le componenti base Alessio Di Angelantonio PREMESSA. Che cos è un investimento? Tante, troppe volte, all interno delle

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*) Turnaround Tecniche Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl di Massimo Lazzari (*) In questo sesto contributo verranno pubblicati i risultati di un osservatorio

Dettagli

Il ruolo degli operatori di private equity nell attuale contesto economico- industriale

Il ruolo degli operatori di private equity nell attuale contesto economico- industriale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Facoltà di Economia Marco Biagi Corso di Laurea Specialistica in ANALISI, CONSULENZA E GESTIONE FINANZIARIA Il ruolo degli operatori di private equity nell

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

Il bilancio Valutazioni ed analisi. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011

Il bilancio Valutazioni ed analisi. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Il bilancio Valutazioni ed analisi Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Focus sui principi contabili IAS 39 (valutazione di strumenti finanziari: crediti,

Dettagli

Corso di Corporate e Investment Banking

Corso di Corporate e Investment Banking Anno Accademico 2010/2011 Corso di Corporate e Investment Banking Appello del 6 settembre 2011 Il tempo a disposizione è di 120 minuti. Scrivere subito su ogni pagina nome, cognome e numero di matricola.

Dettagli

Azioni e analisi fondamentale Prof. Mario Comana - Università degli Studi di Bergamo

Azioni e analisi fondamentale Prof. Mario Comana - Università degli Studi di Bergamo Economia del mercato mobiliare e finanziamenti di aziende Azioni e analisi fondamentale Prof. Mario Comana - Università degli Studi di Bergamo I titoli azionari Definizione Gli strumenti di capitale: le

Dettagli

Che effetto avrebbe la cancellazione di 20 unità in vendita a 10.10 prima dell effettuazione dell asta?

Che effetto avrebbe la cancellazione di 20 unità in vendita a 10.10 prima dell effettuazione dell asta? ECONOMIA E TECNICA DEI MERCATI FINANZIARI 2010/2011 Dott. Marco Fumagalli / Dott. Antonio Taverna 1 Con riguardo alle possibili forme di organizzazione di un mercato secondario, si illustrino le principali

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni IL BUSINESS PLAN Il Business Plan definizioni Il business plan, o piano di impresa, riassume i contenuti, le caratteristiche e le aspettative future di un iniziativa, di un progetto o di un attività Può

Dettagli

Le fusioni cross-border nell exchange industry: la misurazione del valore. Josanco Floreani, Maurizio Polato

Le fusioni cross-border nell exchange industry: la misurazione del valore. Josanco Floreani, Maurizio Polato Le fusioni cross-border nell exchange industry: la misurazione del valore Josanco Floreani, Maurizio Polato agenda Le fusioni nell exchange industry: La ratio Opportunità e minacce I driver del valore

Dettagli

La strategia d impresa ed i beni di proprietà industriale: gli operatori d azienda tra problematiche valutative, finanziarie e fiscali

La strategia d impresa ed i beni di proprietà industriale: gli operatori d azienda tra problematiche valutative, finanziarie e fiscali La strategia d impresa ed i beni di proprietà industriale: gli operatori d azienda tra problematiche valutative, finanziarie e fiscali Angelo Cattaneo Milano, 22 febbraio 2010 INDICE Pirelli RE Immobilizzazioni

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Capitolo 19 Indice degli argomenti 1. Condizioni per un sano sviluppo

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 EBITDA positivo per 1 milione di Euro (negativo per 2,2 milioni di Euro nello stesso periodo

Dettagli

Titoli azionari. Università di Teramo - Teoria del portafoglio finanziario - Prof. Paolo Di Antonio

Titoli azionari. Università di Teramo - Teoria del portafoglio finanziario - Prof. Paolo Di Antonio Titoli azionari I modelli DDM (Dividend Discount Model) Calcolo del rendimento ex-post di un titolo azionario; Modelli basati sulla profittabilità dell impresa; Modello dei flussi di cassa; Gli indici

Dettagli

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII Prefazione, di Tancredi Bianchi Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XIII XVII Parte prima Il mercato, le istituzioni e gli strumenti di valutazione 1 Il sistema finanziario e

Dettagli

A S S E T E Q U I T Y B I O T E C H - S C H E D A S I N T E T I C A

A S S E T E Q U I T Y B I O T E C H - S C H E D A S I N T E T I C A Pag. 1 A S S E T E Q U I T Y B I O T E C H - S C H E D A S I N T E T I C A Fondo di diritto sammarinese di tipo UCITS III, autorizzato il 20 febbraio 2014. Codice Isin SM000A1XFET0. Il presente documento

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Crescita dei ricavi: 185,7 milioni di Euro nel trimestre (+16% su base annua) portano i ricavi nei nove mesi a 539,3

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità

DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità Sostituire il TFR: quali effetti sul lavoro e sulle imprese Come prepararsi al 2006 DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità Maggio 2006 1 TFR e Private Equity Trattamento

Dettagli

La valutazione degli attivi nei fondi di private equity

La valutazione degli attivi nei fondi di private equity LA VALUTAZIONE DEGLI ATTIVI ILLIQUIDI DETENUTI DAGLI INTERMEDIARI FINANZIARI La valutazione degli attivi nei fondi di private equity Relatore: Daniele Monarca 12 Luglio 2012 - Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

FREE Energia S.p.A. Valutazione del Gruppo

FREE Energia S.p.A. Valutazione del Gruppo FREE Energia S.p.A. Valutazione del Gruppo 8 Settembre 2014 Indice dei contenuti Premessa Profilo di FREE Energia Mercato di riferimento Metodologie di valutazione Stima del valore Allegati 1. Dettagli

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Indice sistematico. Parte 1 - Valore e valutazione. capitolo 1 - Azienda e valore. capitolo 2 - Avviamento. capitolo 3 - Creazione del valore

Indice sistematico. Parte 1 - Valore e valutazione. capitolo 1 - Azienda e valore. capitolo 2 - Avviamento. capitolo 3 - Creazione del valore Indice 5 Parte 1 - Valore e valutazione capitolo 1 - Azienda e valore Valutazioni d azienda: situazione attuale e orientamenti evolutivi...19 Definizione economica di azienda...22 Definizione giuridica

Dettagli

ESPOSIZIONE RIASSUNTIVA DELLA TESI

ESPOSIZIONE RIASSUNTIVA DELLA TESI ESPOSIZIONE RIASSUNTIVA DELLA TESI L obiettivo principale della tesi (prima parte) è quello di individuare un idoneo criterio di stima del valore fondamentale delle banche commerciali. Il modello proposto

Dettagli

FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017. Milano, 3 aprile 2014

FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017. Milano, 3 aprile 2014 FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017 Milano, 3 aprile 2014 FIRST CAPITAL OGGI (1/2) First Capital è un operatore italiano specializzato in Private Investment in Public Equity (

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal Lettura delle schede Giunta alla sua decima edizione, la Guida permette agli investitori di accedere ad analisi indipendenti e nuovi strumenti per la selezione dei fondi, compresi i Morningstar Analyst

Dettagli

dimostrabilità: tutti i dati utilizzati nel calcolo devono poter trovare un riscontro e una coerenza con le ipotesi a fondamento delle previsioni

dimostrabilità: tutti i dati utilizzati nel calcolo devono poter trovare un riscontro e una coerenza con le ipotesi a fondamento delle previsioni utile alla determinazione del valore economico di un complesso aziendale o di specifiche categorie di beni Premessa La dottrina e la pratica offrono diverse possibilità nelle metodologie di calcolo del

Dettagli

LIUC Anno Accademico 2007/2008 F83102 Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari Dott. Marco Fumagalli. Take Home Exam Data di consegna 20.12.

LIUC Anno Accademico 2007/2008 F83102 Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari Dott. Marco Fumagalli. Take Home Exam Data di consegna 20.12. LIUC Anno Accademico 2007/2008 F83102 Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari Dott. Marco Fumagalli Sistema Finanziario Take Home Exam Data di consegna 20.12.2007 1 Individuare, all interno dell appendice

Dettagli

IL PATRIMONIO INTANGIBILE. Idee e metodologie per la direzione d impresa. Marzo 2004

IL PATRIMONIO INTANGIBILE. Idee e metodologie per la direzione d impresa. Marzo 2004 Marzo Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. IL PATRIMONIO INTANGIBILE COSA SI INTENDE PER PATRIMONIO INTANGIBILE?

Dettagli

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014 IL BUSINESS PLAN PER TUTTI 25 giugno 2014 Elaborazione del Modello di Greitner Esempio di Mappa strategica Massimizzazione del profitto Remunerazione adeguata dei soci Economico Finanziaria Aumento della

Dettagli

Analisi dei finanziamenti

Analisi dei finanziamenti Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei finanziamenti Capitolo 9 Indice degli argomenti 1. Analisi dei finanziamenti: l approccio dinamico 2. Analisi dei finanziamenti:

Dettagli

La redazione del Piano Industriale. Indice e contenuti

La redazione del Piano Industriale. Indice e contenuti La redazione del Piano Industriale Indice e contenuti Ai lavori hanno partecipato (Marzo 2013): Borsa Italiana S.p.A. - Nunzio Visciano (Head Equity Market Listing) - Andrea Scremin (Manager Equity Market

Dettagli

Riclassificazione di bilancio

Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio a. Cos è b. Finalità c. Criteri 2 1 a. Cos è Operazione di predisposizione dei dati di bilancio per l analisi economico-finanziaria e patrimoniale

Dettagli

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO. all impresa CARLO PESARO. 15 dicembre 2011 - Milano

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO. all impresa CARLO PESARO. 15 dicembre 2011 - Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Come il Private equity aggiunge valore all impresa CARLO PESARO 15 dicembre 2011 - Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il mercato di Private

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA GESTIONE

CARATTERISTICHE DELLA GESTIONE CARATTERISTICHE DELLA GESTIONE ALLEGATO B CODICE CONTO NUMERO MANDATO Le caratteristiche della gestione vengono definite, secondo quanto previsto dell art. 38 del Regolamento Consob 16190/07, in funzione

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

1. LA LOGICA DEL RENDICONTO FINANZIARIO

1. LA LOGICA DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1. LA LOGICA DEL RENDICONTO FINANZIARIO Prima di addentrarci nell applicazione della metodologia di calcolo, occorre sgombrare il campo da un equivoco: il rendiconto finanziario non serve a verificare

Dettagli

spa-etf.com a 4 Triton Square, Regent s Place, London, NW1 3HG, UK +44 (0)20 7396 3270 f +44 (0)20 7396 3201

spa-etf.com a 4 Triton Square, Regent s Place, London, NW1 3HG, UK +44 (0)20 7396 3270 f +44 (0)20 7396 3201 a 4 Triton Square, Regent s Place, London, NW1 3HG, UK t +44 (0)20 7396 3270 f +44 (0)20 7396 3201 spa-etf.com 2007 SPA ETF Europe Ltd SPA ETF Europe Ltd. is an appointed representative of London & Capital

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA -

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - CORSO DI PIANIFICAZIONE FINANZIARIA SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2002 Cap. 9 (Dottor

Dettagli

APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI

APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI B. Glossario sulla quotazione: i 50 termini più utilizzati Termine Aftermarket performance Best practice Blue chip Bookbuilding Capitalizzazione

Dettagli

Milano, 12 novembre 2015 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99

Milano, 12 novembre 2015 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99 Milano, 12 novembre 2015 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99 APPROVATI I RISULTATI DEL TERZO TRIMESTRE 2015 Ricavi consolidati totali: 36,1

Dettagli

ANALISI DEI FLUSSI RILEVANTI E INCENTIVI ALLA CREAZIONE DI VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani

ANALISI DEI FLUSSI RILEVANTI E INCENTIVI ALLA CREAZIONE DI VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani ANALISI DEI FLUSSI RILEVANTI E INCENTIVI ALLA CREAZIONE DI VALORE Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO determinazione dei flussi rilevanti; definizione di flussi monetari; definizione di flussi differenziali;

Dettagli

ESAME DI VALUTAZIONE D AZIENDA

ESAME DI VALUTAZIONE D AZIENDA ESAME DI VALUTAZIONE D AZIENDA (ASPETTI TEORICI ED APPLICAZIONI PRATICHE) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MACERATA FACOLTA DI ECONOMIA Anno Accademico 2014-2015 A CURA DI PIERPAOLO CEROLI Professore a contratto

Dettagli

Roberto Barontini Professore Ordinario di Finanza Aziendale Viale Italia 94 19124 - La Spezia Tel. 018722014-3480718933 e-mail r.barontini@sssup.

Roberto Barontini Professore Ordinario di Finanza Aziendale Viale Italia 94 19124 - La Spezia Tel. 018722014-3480718933 e-mail r.barontini@sssup. Roberto Barontini Professore Ordinario di Finanza Aziendale Viale Italia 94 19124 - La Spezia Tel. 018722014-3480718933 e-mail r.barontini@sssup.it Parere sul processo di valutazione utilizzato dal Consiglio

Dettagli

Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno. (ai sensi dell art. 154-ter del D.lgs 58/98)

Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno. (ai sensi dell art. 154-ter del D.lgs 58/98) Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015 (ai sensi dell art. 154-ter del D.lgs 58/98) INDICE PREMESSA... 4 RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015... 5 HIGHLIGHTS DEL PERIODO... 6

Dettagli

PricewaterhouseCoopers

PricewaterhouseCoopers Cenni introduttivi alla due diligence contabile e finanziaria Alessandro Genovesi, Federica Capuzzo Assistant Managers PwC Transactions Venezia, 20 maggio 2009 *connectedthinking La nostra organizzazione

Dettagli

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO Università di Pavia Facoltà di Economia a. a. 2012-2013 Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO SEMINARIO TENUTO DAL DOTTOR MARIO SPALTINI 10 dicembre

Dettagli

Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo

Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo Economia dei mercati mobiliari e finanziamenti di aziende Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo Gli stili di gestione Stile di gestione come espressione

Dettagli

CRESCERE IN SICILIA CON PRIVATE EQUITY E MINI BOND: QUALI OPPORTUNITA PER LE IMPRESE

CRESCERE IN SICILIA CON PRIVATE EQUITY E MINI BOND: QUALI OPPORTUNITA PER LE IMPRESE Fabrizio loiacono CRESCERE IN SICILIA CON PRIVATE EQUITY E MINI BOND: QUALI OPPORTUNITA PER LE IMPRESE Selezione, ingresso e gestione del partner nella prospettiva dell imprenditore: un caso di successo

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo 9

Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo 9 UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria A.a. 2002/2003 Parma, 27 novembre 2002 Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo

Dettagli

Le operazioni di Private Equity e l attività di Active Scouting

Le operazioni di Private Equity e l attività di Active Scouting Le operazioni di Private Equity e l attività di Active Scouting 1 I Fondi di Private Equity Natura e Modalità di Intervento 2 NATURA E SCOPI I Fondi di Private Equity sono soggetti che investono in aziende

Dettagli

Solida redditività operativa Maggior utile netto

Solida redditività operativa Maggior utile netto Esercizio 2009 Fa stato il testo orale Solida redditività operativa Maggior utile netto Relazione di Beat Grossenbacher, responsabile Finanze e Servizi, in occasione della conferenza stampa annuale del

Dettagli

I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI

I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI I CRITERI DI ANALISI TECNICO-FINANZIARIA. Le practice tecniche Alessio Di Angelantonio 1. IL VALORE ATTUALE NETTO (VAN o NPV). Il criterio del VAN è uno degli

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO DELL ATTIVITA ESTRATTIVA 4.1 Introduzione Il business plan è lo strumento alla base di ogni processo di pianificazione sistematico ed efficace.

Dettagli

di Giampaolo Calori Produzione e logistica >> Sistemi di management www.intesasanpaoloimprese.com

di Giampaolo Calori Produzione e logistica >> Sistemi di management www.intesasanpaoloimprese.com IL VALORE DELLA SINERGIA di Giampaolo Calori Produzione e logistica >> Sistemi di management Sommario Le fonti di sinergia...3 La valutazione delle sinergie operative...4 La valutazione delle sinergie

Dettagli

Gruppo Mondadori Risultati 1Q15

Gruppo Mondadori Risultati 1Q15 Gruppo Mondadori Risultati 1Q15 Investor Presentation Conference call 12 Maggio 2015 Agenda Highlights 1Q15 Risultati 1Q15 Focus sulle Aree di Business Outlook FY 2015 2 Highlights 1Q15 ( m) RICAVI 2015

Dettagli

Newsletter per gli Azionisti Sintesi 2013

Newsletter per gli Azionisti Sintesi 2013 Newsletter per gli Azionisti Sintesi 2013 Gentili Azionisti, vi inviamo la newsletter interamente dedicata agli investitori privati di DeA Capital, relativa ai risultati del 2013. Vi ricordiamo che siamo

Dettagli

COMUNICARE L AZIENDA PER REPERIRE

COMUNICARE L AZIENDA PER REPERIRE COMUNICARE L AZIENDA PER REPERIRE CAPITALI UTILIZZANDO AL MEGLIO LE INFORMAZIONI. LE FONTI DI FINANZIAMENTO L attività d impresa, esaminata in un ottica puramente finanziaria, si sviluppa e si concretizza

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE FINANZIARIA CONSOLIDATA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 DEL GRUPPO AUTOSTRADE PER L ITALIA

APPROVATA LA RELAZIONE FINANZIARIA CONSOLIDATA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 DEL GRUPPO AUTOSTRADE PER L ITALIA Comunicato Stampa APPROVATA LA RELAZIONE FINANZIARIA CONSOLIDATA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 DEL GRUPPO AUTOSTRADE PER L ITALIA I risultati consolidati (1) Nel primo semestre 2015 i ricavi consolidati

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli