MODELLAZIONE DELLE DISTRIBUZIONI DI SCORRIMENTO SU PIANI DI FAGLIA BASATA SU DATI GEODETICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODELLAZIONE DELLE DISTRIBUZIONI DI SCORRIMENTO SU PIANI DI FAGLIA BASATA SU DATI GEODETICI"

Transcript

1 S. Santini (1) e M. Dragoni (2) (1) Istituto di Fisica, Università di Urbino, Via S.Chiara 27, Urbino (2) Dipartimento di Fisica, Università di Bologna, Viale Berti Pichat 8, Bologna MODELLAZIONE DELLE DISTRIBUZIONI DI SCORRIMENTO SU PIANI DI FAGLIA BASATA SU DATI GEODETICI Riassunto. La misura della deformazione del suolo è un importante strumento per il riconoscimento della presenza di asperità e di zone di scorrimento sulle faglie attive. L obiettivo di questo lavoro è l utilizzo dei dati di deformazione superficiale (GPS, DinSAR) per determinare le distribuzioni di asperità e di scorrimento su piani di faglia: tali distribuzioni sono calcolate con un metodo Montecarlo. Si assumono unità di asperità o di dislocazione di forma quadrata, la cui unione permette di ottenere superfici piane di forma irregolare. Le dimensioni delle unità di asperità sono scelte in modo tale che l'unità sia la più piccola area riconoscibile sulla base della risoluzione dei dati geodetici (GPS e DInSAR). In primo luogo il campo degli spostamenti verticali in superficie viene modellato variando la posizione e la forma delle superfici di dislocazione e assumendo uno scorrimento uniforme; il confronto con i dati geodetici dà una misura della validità del modello. In secondo luogo il campo degli spostamenti verticali in superficie viene modellato ammettendo che gli elementi di superficie della faglia possano subire scorrimenti diversi, mantenendo costante il valore del momento sismico, e confrontando di nuovo i dati geodetici con i risultati del modello allo scopo di ottenere il migliore accordo possibile. MODELING OF SLIP DISTRIBUTION ON FAULT PLANES FROM GEODETIC DATA Abstract. The measurement of surface deformation is important to recognise the asperity presence and the slipping zones due to active faults. The aim of this work is the use of surface deformation data (GPS, DinSAR) to determine the asperity and slip distributions on fault planes: these distributions have been calculated by a Montecarlo method. We assume asperity or dislocation units with square shape, and the total area of square units gives the possibility to obtain plane surfaces with irregular shape. The asperity unit dimensions have been defined as the smallest area possible to recognise by the resolution of geodetic data (GPS e DInSAR). In the first stage, each asperity unit is allowed to slip or to remain locked, providing the position and the shape of the dislocation surface that best reproduces the observed displacements; the comparison between model and observed data gives a measurement of a good fit. In the second stage, we allow asperities to undergo different values of slip in order to refine the dislocation model; the new comparison between model and observed data has the aim to obtain the best fit. INTRODUZIONE Lo studio delle deformazioni del suolo connesse all attività sismica è di solito effettuato utilizzando modelli di dislocazione geometricamente semplici, generalmente di forma rettangolare. In molti casi la modellazione degli spostamenti cosismici e postsismici del suolo richiede tuttavia l introduzione di aree della superficie di faglia che non scorrono o scorrono in maniera limitata; la distribuzione di queste asperità è stata calcolata con il metodo Montecarlo sul piano di faglia, determinando in tal modo dislocazioni di forma irregolare (Metropolis e Ulam, 1949). In primo luogo il campo degli spostamenti verticali in superficie è stato modellato variando la posizione e la forma delle superfici di dislocazione e assumendo scorrimento uniforme (Okada, 1985; Dragoni, 1988; Santini et al., 2000). In secondo luogo il campo degli spostamenti verticali è stato modellato ammettendo che gli elementi di superficie della faglia possano subire scorrimenti

2 diversi e confrontando di nuovo i dati geodetici con i risultati del modello (Fig. 1). La ridistribuzione dello scorrimento è stata ottenuta tramite il metodo Montecarlo, mantenendo inalterata la forma delle superfici di dislocazione e utilizzando lo stesso momento sismico del caso a scorrimento uniforme (Kasahara, 1981). È stato generato un insieme di 25,000 distribuzioni casuali di scorrimento; il simbolo u 3,k p indica lo spostamento verticale previsto nel generico k-esimo punto sulla superficie terrestre che è dato dalla somma dei valori generati dalle n unità di dislocazione utilizzate. p u 3, k n p = u 3, j j = 1 Se consideriamo una griglia quadrata di punti che copre la superficie terrestre e come esempio la zona di faglia di Izmit (Turchia), avremo il lato della griglia uguale a 120 km e la distanza da ciascun punto della griglia ai punti circostanti uguale a 6 km, il che implica un numero totale di punti N = = 441; se invece consideriamo la zona di Colfiorito avremo il lato della griglia di 36 km e la distanza tra punti di 1.8 km. Indicando con il simbolo u o 3,k lo spostamento verticale osservato nel generico k- esimo punto sulla superficie terrestre, è possibile calcolare il valore di χ 2 per ciascuna distribuzione di scorrimento in accordo con la formula seguente, dove σ o k è la deviazione standard delle osservazioni. N χ 2 = N -1 (u 3, k k = 1 o p u ) 2 3, k σ k o Viene scelta la distribuzione di scorrimento che ha il più piccolo valore di χ 2 ; si ritiene accettabile il sottoinsieme di distribuzioni di scorrimento, corrispondente all' 1% del numero totale, che hanno i più piccoli valori di χ 2. Per essi si ha almeno un 99% di probabilità di trovare una soluzione peggiore; si definisce χ 2 99 il minimo dei valori di χ 2 relativi all' 1% delle distribuzioni migliori: per l'insieme di distribuzioni generate è stato ottenuto un valore di χ 2 99 = 0.25 (Fig. 2). Nel sottoinsieme, si ritiene la miglior soluzione quella per cui lo scorrimento è una funzione più continua possibile della posizione sul piano di faglia. IL MODELLO Viene considerato un semispazio omogeneo, isotropo ed elastico, che occupa la regione x 3 > 0 in un sistema di riferimento cartesiano, e si assume che il semipiano x 2 = 0, x 3 > 0 rappresenti una superficie di faglia verticale, intersecante la superficie terrestre, quale modello del terremoto di Izmit del 1999 (Fig. 3).

3 Fig. 1 - Schema a blocchi della metodologia, con cui vengono definite le distribuzioni di asperità e di scorrimento su piani di faglia tramite il metodo Montecarlo.

4 Fig. 2 - Distribuzione dei valori di χ 2 ottenuti con il metodo montecarlo: l'istogramma mostra la percentuale di iterazioni alla cui categoria un certo valore di χ 2 viene ad appartenere. Sul piano di faglia principale è stata ipotizzata la presenza di asperità che rimangono bloccate mentre il resto della superficie scorre in modo uniforme. È stato modellato il campo degli spostamenti verticali in superficie, variando posizione e dimensioni delle asperità presenti sulla faglia principale, ed è stato effettuato un confronto diretto fra tali risultati e le osservazioni geodetiche, ottenendo un accordo migliore rispetto a quello relativo a dislocazioni dotate di una semplice geometria rettangolare. Fig. 3 - Modello di tipo "strike-slip" per il piano di faglia del terremoto di Izmit (Turchia), Esempi Vengono mostrati due casi reali che possono essere studiati con modelli del tipo descritto in questo lavoro. Sono stati presi in considerazione sia eventi di grande

5 magnitudo, terremoto di Izmit (Turchia), sia eventi di magnitudo moderata, sequenza di Colfiorito (Italia Centrale), per dimostrare l'applicabilità del metodo anche nel caso di eventi sismici la cui magnitudo è 6 come per la sequenza di Colfiorito del Fig. 4 - Distribuzioni dello scorrimento per i modelli di Izmit (Turchia); ciascuna unità di asperità è 5 x 5 km 2 : (a) Inversione tramite il metodo Montecarlo con l'assunzione di uno scorrimento uniforme; (b) Distribuzione dello scorrimento da modellazione diretta di dati SAR ed osservazioni geologiche lungo la traccia; le zone bloccate sono evidenziate in colore rosso, mentre le zone di scorrimento sono evidenziate nei differenti colori riportati nella didascalia. Terremoto di Izmit (Turchia) Il primo caso considera il terremoto di Izmit (Turchia occidentale) del 17 agosto 1999, di magnitudo medio-alta M W = 7.4, di tipo "strike-slip" (Fig. 3). I risultati indicano che lo scorrimento è concentrato nella parte centro-occidentale della faglia, nei km superficiali (Fig. 4). È possibile notare che un modello di faglia ben vincolato può essere ottenuto integrando i dati DInSAR con le osservazioni geologiche effettuate lungo la traccia della faglia (Stramondo et al., 2002). Sequenza sismica di Colfiorito (Italia Centrale) Il secondo caso considera la sequenza sismica di Colfiorito (Italia Centrale) del 26 settembre 1997, di magnitudo moderata M W = 6.0, di tipo "dip-slip" (Fig. 5). I risultati mostrano che gli eventi sismici della sequenza avvenuti nel 1997 possono essere modellati con dislocazioni di forma irregolare (Fig. 6), ottenendo un buon accordo con i dati DInSAR e le osservazioni GPS (Santini et al., 2003).

6 Fig. 5 - Modello di tipo "dip-slip" per i piani di faglia della sequenza di Colfiorito, CONCLUSIONI L esame della deformazione superficiale (GPS e DInSAR) è in grado di fornire informazioni relative alla distribuzione di scorrimento sul piano di faglia: il metodo Montecarlo utilizzato ha consentito di ottenere distribuzioni di scorrimento per il terremoto di Izmit (Turchia), 1999, e per la sequenza sismica di Colfiorito (Italia Centrale), 1997, che si accordano con i dati geodetici con un valore di χ 2 << 0.25 (Tab. 1) e con un valore dello scarto quadratico medio riportato nell'ultima colonna di Tab. 1. Per esempio, la distribuzione di scorrimento ottenuta per la dislocazione della Turchia si accorda in modo buono (χ 2 = 0.12) con i dati geodetici osservati (Massonnet e Feigl, 1998; Barka, 1999; Reilinger et al., 2000); le distribuzioni di scorrimento ottenute per le dislocazioni di Colfiorito e di Sellano si accordano in modo ancora migliore (χ 2 = 0.11 e χ 2 = 0.08 ) con le osservazioni geodetiche (Anzidei et al., 1999; Salvi et al., 2000). Le superfici di dislocazione ottenute si accordano in modo molto soddisfacente con i dati geodetici: si ottiene un valore di RMS = 11.8 cm per la dislocazione del terremoto di Izmit (Turchia); inoltre, si ottengono valori RMS = 4.7 cm per la superficie di dislocazione degli eventi di Colfiorito e RMS = 4.0 cm per la superficie di dislocazione degli eventi di Sellano. In conclusione, la disponibilità di dati geodetici raccolti in generale prima e dopo un terremoto ed in particolare durante lo svolgimento di una sequenza sismica consente la modellazione delle superfici di dislocazione e dell ampiezza dello scorrimento. La realizzazione di tale modelli può rivelarsi uno strumento utile per il riconoscimento delle asperità sulla superficie di faglia, destinate a subire uno scorrimento per i successivi eventi che accadessero nella zona presa in esame.

7 Fig. 6 - Distribuzioni dello scorrimento per i modelli della sequenza di Colfiorito; ciascuna unità di asperità è 1.5 x 1.5 km 2 : le distribuzioni dello scorrimento su due piani di faglia (Colfiorito e Sellano) sono state determinate tramite il metodo Montecarlo. Tab. 1 - Test dei dati calcolati dai modelli per il terremoto di Izmit (Turchia) e per la sequenza di Colfiorito. test dei dati (modello - DInSAR) scorrimento uniforme (χ 2 ) scorrimento variabile (χ 2 ) scarto quadratico medio (RMS) dislocazione Turchia χ 2 = 0.15 χ 2 = 0.12 RMS = 11.8 cm dislocazione Colfiorito χ 2 = 0.11 RMS = 4.7 cm dislocazione Sellano χ 2 = 0.08 RMS = 4.0 cm BIBLIOGRAFIA Anzidei M., Baldi P., Galvani A., Hunstad I., Pesci A. e Boschi E.; 1999: Coseismic displacement of the 27th September 1997 Umbria-Marche (Italy) earthquakes detected by GPS: campaigns and data. Ann. di Geof., 42, Barka A.; 1999: The 17 August 1999 Izmit earthquake, Science, 285,

8 Dragoni M.; 1988: Role of geodetic measurements in the detection of fault asperities. Proc. Third Int. Conf. on the WEGENER/MEDLAS Project, ed. by P. Baldi & S. Zerbini, Bologna, Kasahara K.; 1981: Earthquake mechanics, Ed. by Cambridge University Press, Cambridge, 248 pp. Okada Y.; 1985: Surface deformation due to shear and tensile faults in a half-space. Bull. Seism. Soc. Amer., 75, Massonnet D. e Feigl K.L.; 1998: Radar interferometry and its application to changes in the earth s surface, Reviews of Geophysics, 36, 4, Metropolis N. e Ulam S.M.; 1949: The Montecarlo method, Jour. Amer. Statist. Assoc., 44, Reilinger R.E., Ergintav S., Bürgmann R., McClusky S;, Lenk O., Barka A., Gurkan O., Hearn L., Feigl K.L., Cakmak R., Aktug B., Ozener H., e Töksoz M.N.; 2000: Coseismic and Postseismic fault slip for the 17 August 1999, M 7.5, Izmit, Turkey earthquake, Science, 289, Salvi S., Stramondo S., Cocco M., Tesauro M., Hunstad I., Anzidei M., Briole P., Baldi P., Sansosti E., Fornaro G., Lanari R., Doumaz F., Pesci A. e Galvani A.; 2000: Modelling coseismic displacements resulting from SAR interferometry and GPS measurements during the 1997 Umbria-Marche seismic sequence. Journ. of Seism., 4, Santini S., Piombo A. e Dragoni M.; 2000: Ground displacement in a fault zone in the presence of asperities. Boll. Geofis. Teor. App., 41, Santini S., Baldi P., Dragoni M., Piombo A., Salvi S., Spada G. e Stramondo S.; 2003: Montecarlo inversion of DInSAR data for dislocation modeling: application to the 1997 Umbria-Marche seismic sequence (Central Italy). Pure and App. Geophys., in stampa. Stramondo S., Cinti F.R., Dragoni M., Salvi S. e Santini S.; 2002: The August 17, 1999 Izmit, Turkey, earthquake: slip distribution from dislocation modeling of DInSAR and surface offset. Ann. of Geophys., 45,

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI TERREMOTI LOCALIZZATI IN MARE: RISULTATI PRELIMINARI

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI TERREMOTI LOCALIZZATI IN MARE: RISULTATI PRELIMINARI M. Frisenda (1) e R. Madariaga (2) (1) DIP.TE.RIS., Dipartimento per lo Studio del Territorio e delle sue Risorse, Genova, Italy (2) ENS, Ecole Normale Superieure, Paris, France MODELLAZIONE NUMERICA 3D

Dettagli

The last forty years of surface deformation at Campi Flegrei caldera: two simple stationary sources are enough

The last forty years of surface deformation at Campi Flegrei caldera: two simple stationary sources are enough Università degli studi di Salerno FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di dottorato in scienze e tecnologie dell informazione, dei sistemi complessi e dell ambiente XII ciclo PHD THESIS

Dettagli

Task 4 Aggiornamento dei database sismologici

Task 4 Aggiornamento dei database sismologici INGV-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia DPC-Dipartimento della Protezione Civile Convenzione INGV-DPC 2004 2006 / Progetto S1 Proseguimento della assistenza al DPC per il completamento e la

Dettagli

POSSIBILE APPROCCIO METODOLOGICO ALL ANALISI DELLE SERIE TEMPORALI DI STAZIONI GPS PERMANENTI PER LO STUDIO DELLE DEFORMAZIONI CROSTALI

POSSIBILE APPROCCIO METODOLOGICO ALL ANALISI DELLE SERIE TEMPORALI DI STAZIONI GPS PERMANENTI PER LO STUDIO DELLE DEFORMAZIONI CROSTALI N. Cenni (1), D. Albarello (3), M. Anzidei (2), P. Baldi (1), G. Casula (2), A. Galvani (2), F. Loddo (2), E. Mantovani (3), A. Pesci (2) ed E. Serpelloni (2) (1) Settore di Geofisica Dipartimento di Fisica

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS

Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS M. Michele 1, S. de Lorenzo 1, A. Romeo 1,A. Tallarico 1, A. Valerio 2 (1) Università degli

Dettagli

Studio preliminare sulla sorgente del terremoto del 20 febbraio 1743 in Puglia meridionale a partire da dati di tsunami

Studio preliminare sulla sorgente del terremoto del 20 febbraio 1743 in Puglia meridionale a partire da dati di tsunami Studio preliminare sulla sorgente del terremoto del 20 febbraio 1743 in Puglia meridionale a partire da dati di tsunami A. Armigliato (1), S. Tinti (1), G. Pagnoni (1), G. Mastronuzzi (2), C. Pignatelli

Dettagli

MONITORAGGIO DELLA FAGLIA DI TRECASTAGNI (CT) MEDIANTE L USO DI ESTENSIMETRI

MONITORAGGIO DELLA FAGLIA DI TRECASTAGNI (CT) MEDIANTE L USO DI ESTENSIMETRI MONITORAGGIO DELLA FAGLIA DI TRECASTAGNI (CT) MEDIANTE L USO DI ESTENSIMETRI Antonino Carnazzo*, Giuseppe Falzone^, Angelo Ferro^, Salvatore Gambino^, Giuseppe Laudani^, Edoardo Principio* * Provincia

Dettagli

UN DISPLAY GRAFICO PER IL MAGNETOMETRO GEOMETRICS G856

UN DISPLAY GRAFICO PER IL MAGNETOMETRO GEOMETRICS G856 GNGTS Atti del 17 Convegno Nazionale 06.01 A. Zirizzotti e M. Marchetti Istituto Nazionale di Geofisica, Roma UN DISPLAY GRAFICO PER IL MAGNETOMETRO GEOMETRICS G856 Riassunto. Le tecniche magnetometriche

Dettagli

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Anno accademico 2010/2011 docente: Rosalba Maresca E-mail: maresca@unisannio.it 1 MASW (Multichannel

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Modulo n 1 di progetto PLUTO Realizzazione rete accelerometrica attraverso l installazione di sensori strong motion.

Modulo n 1 di progetto PLUTO Realizzazione rete accelerometrica attraverso l installazione di sensori strong motion. Modulo n 1 di progetto PLUTO Realizzazione rete accelerometrica attraverso l installazione di sensori strong motion. Elenco dei partecipanti Responsabile: Paolo Augliera - Primo Ricercatore INGV. Ezio

Dettagli

Analisi del rischio territoriale dovuto a sisma

Analisi del rischio territoriale dovuto a sisma Analisi del rischio territoriale dovuto a sisma Valerio Baiocchi (*), Donatella Dominici (**), Rachele Ferlito (***), Francesca Giannone (*), Massimo Guarascio (****), Maria Zucconi (*, ****) (*)Area Geodesia

Dettagli

Effetti direzionali in registrazioni sismometriche da aree in frana e bordi di bacino Maria Rosaria Gallipoli (1, 2) Marco Mucciarelli (2)

Effetti direzionali in registrazioni sismometriche da aree in frana e bordi di bacino Maria Rosaria Gallipoli (1, 2) Marco Mucciarelli (2) Effetti direzionali in registrazioni sismometriche da aree in frana e bordi di bacino Maria Rosaria Gallipoli (1, 2) Marco Mucciarelli (2) (1) I.M.A.A. CNR, Tito Scalo (Potenza) (2) D.I.S.G.G. Università

Dettagli

QUALITAL. Purpose of the document. Scopo del documento. Scheda Tecnica

QUALITAL. Purpose of the document. Scopo del documento. Scheda Tecnica Via privata Ragni 13/15 28062 Cameri (NO) Tel.: 0321-51.05.78 fax: 0321-51.79.37 e-mail: qualital@qualital.org - web-site: www.qualital.org ISTITUTO DI CERTIFICAZIONE INDUSTRIALE DELL ALLUMINIO N 1 M a

Dettagli

Il rilievo laser scanner. delle Due Torri. La città FRAGILE. Arianna Pesci - Enzo Boschi. Elena Bonali Giuseppe Casula Emanuela Guidoboni

Il rilievo laser scanner. delle Due Torri. La città FRAGILE. Arianna Pesci - Enzo Boschi. Elena Bonali Giuseppe Casula Emanuela Guidoboni Il rilievo laser scanner La città FRAGILE delle Due Torri Arianna Pesci - Enzo Boschi Elena Bonali Giuseppe Casula Emanuela Guidoboni INGV Sezione di Bologna DAPT, Università Bologna INGV Roma Il rilievo

Dettagli

La previsione del moto sismico: il contributo degli scenari di scuotimento alla pericolosità sismica

La previsione del moto sismico: il contributo degli scenari di scuotimento alla pericolosità sismica Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia La previsione del moto sismico: il contributo degli scenari di scuotimento alla pericolosità sismica a cura di Giovanna Cultrera, Antonella Cirella, André

Dettagli

Misura della radiazione solare UV nelle regioni polari: l'esperienza dell'isac-cnr

Misura della radiazione solare UV nelle regioni polari: l'esperienza dell'isac-cnr Misura della radiazione solare UV nelle regioni polari: l'esperienza dell'isac-cnr Vito VITALE e Boyan PETKOV Istituto t di Scienze dell'atmosfera e del Clima (ISAC-Bologna) Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dettagli

Monitoraggio sismico per la pianificazione del territorio. Claudio Chiarabba Direttore Struttura Terremoti INGV

Monitoraggio sismico per la pianificazione del territorio. Claudio Chiarabba Direttore Struttura Terremoti INGV Monitoraggio sismico per la pianificazione del territorio Claudio Chiarabba Direttore Struttura Terremoti INGV 1 Monitoraggio sismico a scala Nazionale: La rete sismica nazionale 2 Monitoraggio sismico

Dettagli

Perché questo incontro. Giugno 2012: contattato dal Sig. Furlanetto del comitato Volpago Ambiente per parlare del «Caso Montello»

Perché questo incontro. Giugno 2012: contattato dal Sig. Furlanetto del comitato Volpago Ambiente per parlare del «Caso Montello» Perché questo incontro Giugno 2012: contattato dal Sig. Furlanetto del comitato Volpago Ambiente per parlare del «Caso Montello» Emergenza di comunicazione: sei membri della Commissione Grandi Rischi sotto

Dettagli

Il gis nelle indagini del territorio: Ricostruzione tridimensionale del sottosuolo

Il gis nelle indagini del territorio: Ricostruzione tridimensionale del sottosuolo Il gis nelle indagini del territorio: Ricostruzione tridimensionale del sottosuolo A. Genito, L. Donate Blázquez, U. Malvone, Strago S.p.a. andrea.genito@strago.it laura.donate@strago.it ubaldo.malvone@strago.it

Dettagli

Validazione del software NDA Professional per la compensazione di reti di stazioni permanenti GNSS

Validazione del software NDA Professional per la compensazione di reti di stazioni permanenti GNSS Validazione del software NDA Professional per la compensazione di reti di stazioni permanenti GNSS Marco Fermi (*), Stefano Caldera (**), Massimiliano Chersich (***), Marco Osmo (***) (*) Galileian Plus

Dettagli

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi ÉTUDES - STUDIES Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi Polo Interregionale di Eccellenza Jean Monnet - Pavia Jean Monnet

Dettagli

Haiti: l IREA-CNR ottiene una particolare misura degli spostamenti co-sismici utilizzando immagini COSMO ad alta risoluzione

Haiti: l IREA-CNR ottiene una particolare misura degli spostamenti co-sismici utilizzando immagini COSMO ad alta risoluzione Haiti: l IREA-CNR ottiene una particolare misura degli spostamenti co-sismici utilizzando immagini COSMO ad alta risoluzione A seguito del violento terremoto che ha colpito l isola di Haiti il 12 Gennaio

Dettagli

La sabbia si disponeva infatti in corrispondenza delle zone in cui la forma d onda risultante aveva uno zero (linee nodali).

La sabbia si disponeva infatti in corrispondenza delle zone in cui la forma d onda risultante aveva uno zero (linee nodali). Lucia Simonetto Marta Iannello La forma del suono Introduzione Questa esperienza vuole essere una riproduzione degli sperimenti effettuati dal fisico tedesco Ernst Chladni (Wittemberg 1756 Berlino 1824)

Dettagli

Partition walls a new concept for working spaces

Partition walls a new concept for working spaces LE PARETI UN SPAZIO DI LAVORO TUTTO NUOVO Partition walls a new concept for working spaces LAEZZA INDUSTRIA MOBILI UFFICIO Progettare in libertà: libertà nella scelta dei colori, libertà nella scelta della

Dettagli

UTILIZZO DELLA TECNICA GEORADAR PER LA RICERCA DELLE STRUTTURE IN LEGNO NEGLI EDIFICI STORICI

UTILIZZO DELLA TECNICA GEORADAR PER LA RICERCA DELLE STRUTTURE IN LEGNO NEGLI EDIFICI STORICI M. Lualdi Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Politecnico di Milano UTILIZZO DELLA TECNICA GEORADAR PER LA RICERCA DELLE STRUTTURE IN LEGNO NEGLI EDIFICI STORICI Riassunto. Le indagini Georadar sono

Dettagli

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ Giovanni Dalerci, Rossella Bovolenta Università degli Studi di Genova Dipartimento

Dettagli

ANISOTROPIA SISMICA NEL NORD APPENNINO: NUOVE MISURE DI SHEAR WAVE SPLITTING DAL PROGETTO RETREAT E RELATIVA MODELLAZIONE

ANISOTROPIA SISMICA NEL NORD APPENNINO: NUOVE MISURE DI SHEAR WAVE SPLITTING DAL PROGETTO RETREAT E RELATIVA MODELLAZIONE ANISOTROPIA SISMICA NEL NORD APPENNINO: NUOVE MISURE DI SHEAR WAVE SPLITTING DAL PROGETTO RETREAT E RELATIVA MODELLAZIONE Simone Salimbeni 1,2, S. Pondrelli 1, L. Margheriti 2, J. Park 3 e V. Levin 4 1-Istituto

Dettagli

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem.

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem. CRWM CRWM (Web Content Relationship Management) has the main features for managing customer relationships from the first contact to after sales. The main functions of the application include: managing

Dettagli

Prospettive filosofiche sulla pace

Prospettive filosofiche sulla pace Prospettive filosofiche sulla pace Atti del Colloquio Torino, 15 aprile 2008 a cura di Andrea Poma e Luca Bertolino Trauben Volume pubblicato con il contributo dell Università degli Studi di Torino Trauben

Dettagli

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations Present-day Vertical kinematic pattern in the Central and Northern Italy form permanent GPS stations N. Cenni 12, P. Baldi 2, F. Loddo 3, G. Casula 3, M. Bacchetti 2 (1) Dipartimento Scienze Biologiche,

Dettagli

unità 13. I fenomeni sismici

unità 13. I fenomeni sismici Terremoto: vibrazione della Terra prodotta da rapida liberazione di energia elastica che avviene nell che avviene secondo il modello del rimbalzo elastico dal quale si propagano le onde sismiche forniscono

Dettagli

Previsioni dei terremoti e loro validazione

Previsioni dei terremoti e loro validazione Rodolfo Console Previsioni dei terremoti e loro validazione Convegno Prevedere i terremoti Sala Consilina, 3 maggio 2009 Schema della presentazione Sismicità del Vallo di Diano e della Val D Agri I precursori

Dettagli

M/S CERAMICA SCARABEO Località Pian del Trullo 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. C. A. Sig.

M/S CERAMICA SCARABEO Località Pian del Trullo 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. C. A. Sig. M/S C. A. Sig. Calisti Giampaolo RAPPORTO DI PROVA del LABORATORIO TECNOLOGICO N 65d/2013 in accordo con la norma UNI EN 14688 sul lavabo LUNA TECHNOLOGIAL LABORATORY TEST REPORT N 65d/2013 in compliance

Dettagli

Report-HoliSurface-Bertiolo#2.pdf Data di creazione 25 Luglio 2013 Giancarlo Dal Moro Autore

Report-HoliSurface-Bertiolo#2.pdf Data di creazione 25 Luglio 2013 Giancarlo Dal Moro Autore Luglio 2013 File name Report-HoliSurface-Bertiolo#2.pdf Data di creazione 25 Luglio 2013 Giancarlo Dal Moro Autore www.winmasw.com e-mail: gdm@winmasw.com All rights reserved - Tutti i diritti sono riservati

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Tesi di Laurea Analisi statistica di propagazione di campo elettromagnetico in ambiente urbano. Relatori:

Dettagli

ANALISI DINAMICA SPERIMENTALE E MONITORAGGIO SISMICO

ANALISI DINAMICA SPERIMENTALE E MONITORAGGIO SISMICO ANALISI DINAMICA SPERIMENTALE E MONITORAGGIO SISMICO Perchè il monitoraggio Per valutare e comprendere il comportamento di una struttura sotto l azione di un terremoto possiamo utilizzare: 1. Prove di

Dettagli

Definizione dell input sismico nei territori toscani della Lunigiana e Garfagnana

Definizione dell input sismico nei territori toscani della Lunigiana e Garfagnana Definizione dell input sismico nei territori toscani della Lunigiana e Garfagnana Carlo G. Lai,* Claudio Strobbia,** Andrea Dall Ara*** Sommario L esecuzione di analisi dinamiche non-lineari per la valutazione

Dettagli

Innovating in not metropolitan area C2C Final Conference Potsdam, 25/03/2014

Innovating in not metropolitan area C2C Final Conference Potsdam, 25/03/2014 Impact Hub Rovereto Innovating in not metropolitan area C2C Final Conference Potsdam, 25/03/2014 Impact Hub believes in power of innovation through collaboration Impact'Hub'is'a'global'network'of' people'and'spaces'enabling'social'

Dettagli

Le attività ISPRA nel campo della pericolosità sismica

Le attività ISPRA nel campo della pericolosità sismica Le attività ISPRA nel campo della pericolosità sismica Guerrieri Luca Dipartimento Difesa del Suolo Servizio Geologico d Italia ISPRA Sommario Dal Servizio Geologico all ISPRA: esperienze e competenze

Dettagli

Dimensionamento sismico degli ancoranti: Nuova Linea Guida Europea EOTA TR045

Dimensionamento sismico degli ancoranti: Nuova Linea Guida Europea EOTA TR045 Dimensionamento sismico degli ancoranti: Nuova Linea Guida Europea EOTA TR045 Ing. Marco Natale Field Engineer Hilti Italia S.p.A. Agenda L importanza del dimensionamento sismico L influenza del sisma

Dettagli

Pezzi da ritagliare, modellare e incollare nell ordine numerico indicato.

Pezzi da ritagliare, modellare e incollare nell ordine numerico indicato. La nuova Treddì Paper è un prodotto assolutamente innovativo rispetto ai classici Kit per il découpage 3D. Mentre i classici prodotti in commercio sono realizzati in cartoncino, la Treddì è in carta di

Dettagli

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Anno accademico 2010/2011 docente: Rosalba Maresca E-mail: maresca@unisannio.it 1 SASW (Spectral

Dettagli

Elementi di sismologia

Elementi di sismologia Elementi di sismologia Sismologia e Rischio Sismico Anno Accademico 2009-2010 Giovanna Cultrera, cultrera@ingv.it Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Parametri per descrivere il movimento del

Dettagli

Task 3 Contributo alla definizione di priorità di intervento per edifici non adeguati sismicamente

Task 3 Contributo alla definizione di priorità di intervento per edifici non adeguati sismicamente Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Dipartimento della Protezione civile Convenzione INGV-DPC 2004 2006 / Progetto S1 Proseguimento della assistenza al DPC per il completamento e la gestione

Dettagli

USO DELLE INDAGINI HVSR PER LA DEFINIZIONE DELLA PALEOMORFOLOGIA SEPOLTA DELLA PIANA COSTIERA IONICA LUCANA

USO DELLE INDAGINI HVSR PER LA DEFINIZIONE DELLA PALEOMORFOLOGIA SEPOLTA DELLA PIANA COSTIERA IONICA LUCANA Bibliografia Berryhill J. R.; 1979: Wave-equation datuming, Geophysics, 44, 1329-1344. Da Cruz Pestana R. & Botelho M. A. B.; 1997: Migration of ground-penetrating radar data with simultaneous topographic

Dettagli

1.3 Il terremoto del 6 aprile e le conoscenze sulle faglie attive dell Appennino centrale

1.3 Il terremoto del 6 aprile e le conoscenze sulle faglie attive dell Appennino centrale Azione sismica ed effetti di sito 1.3 Il terremoto del 6 aprile e le conoscenze sulle faglie attive dell Appennino centrale F. Galadini 1, D. Pantosti 2, P. Boncio 3, P. Galli 4, P. Messina 5, P. Montone

Dettagli

IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve

IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve Unione Comunale Valdera 20 Aprile 201 IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve Gilberto Saccorotti Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Pisa Fondazione Prato Ricerche Argomenti - I sistemi

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

Dichotomy Works nasce nel 2015 a Milano come collaborazione creativa tra l architetto Adolfo Martinez e l artista grafica Ivana Serizier Moleiro.

Dichotomy Works nasce nel 2015 a Milano come collaborazione creativa tra l architetto Adolfo Martinez e l artista grafica Ivana Serizier Moleiro. -1- SCHEDA DI PRESENTAZIONE Nome e cognome / Nome del gruppo Adolfo Martinez, Ivana Serizier Moleiro / Dichotomy Works Città Milano Provincia MI Biografia Dichotomy Works nasce nel 2015 a Milano come collaborazione

Dettagli

Università degli Studi di Roma La Sapienza

Università degli Studi di Roma La Sapienza CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo FALCUCCI EMANUELA VIA NETO 41, 00040 POMEZIA (RM) Telefono 06/9192852 Cellulare 347/9384700 E-mail falcucci@mi.ingv.it Nazionalità Italiana Data di

Dettagli

Sperimentazioni I Sessione di Laboratorio: 13 Novembre 2014

Sperimentazioni I Sessione di Laboratorio: 13 Novembre 2014 Sperimentazioni I Sessione di Laboratorio: 13 Novembre 2014 A. Garfagnini, M. Mazzocco Università degli studi di Padova AA 2014/2015 Statistica Secondo Kendall [1], Statistics is the branch of a scientific

Dettagli

MISURA IN OPERA DEL POTERE FONOISOLANTE. CONFRONTO FRA NORME ISO 140-4, ISO 140-14 ED ISO 16283-1

MISURA IN OPERA DEL POTERE FONOISOLANTE. CONFRONTO FRA NORME ISO 140-4, ISO 140-14 ED ISO 16283-1 Vol. 38 (2014), N. 1, pp. 14-21 ISSN: 2385-2615 www.acustica-aia.it MISURA IN OPERA DEL POTERE FONOISOLANTE. CONFRONTO FRA NORME ISO 140-4, ISO 140-14 ED ISO 16283-1 FIELD MEASUREMENT OF APPARENT SOUND

Dettagli

Indagine sismica. MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves

Indagine sismica. MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves Indagine sismica MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves relativa alla determinazione della stratigrafia sismica VS e del parametro VS30 in un'area di Sestri Levanti NS rif 09140SA Dott. Geol. Franco

Dettagli

INGV-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Milano-Pavia Modifica del codice SeisRisk III per l utilizzo con dati di intensità

INGV-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Milano-Pavia Modifica del codice SeisRisk III per l utilizzo con dati di intensità INGV-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Milano-Pavia Modifica del codice SeisRisk III per l utilizzo con dati di intensità a cura di Augusto Antonio Gómez Capera e Dario Ivano Sudati

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Estrazione di DSM da immagini del satellite Eros B acquisite in stereoscopia: studio preliminare nell area di Benevento

Estrazione di DSM da immagini del satellite Eros B acquisite in stereoscopia: studio preliminare nell area di Benevento Estrazione di DSM da immagini del satellite Eros B acquisite in stereoscopia: studio preliminare nell area di Benevento Stefano De Corso e Daniele Magrì IPT - Informatica per il Territorio, via Sallustiana,

Dettagli

3d geological modelling and education: teaching geological sections and geological mapping with MVE Move

3d geological modelling and education: teaching geological sections and geological mapping with MVE Move 3d geological modelling and education: teaching geological sections and geological mapping with MVE Move Fabrizio Berra, Fabrizio Felletti, Michele Zucali Università degli Studi di Milano, Dip. Scienze

Dettagli

L'USO DELLE TECNICHE SATELLITARI PER IL MONITORAGGIO DEI FENOMENI FRANOSI

L'USO DELLE TECNICHE SATELLITARI PER IL MONITORAGGIO DEI FENOMENI FRANOSI L'USO DELLE TECNICHE SATELLITARI PER IL MONITORAGGIO DEI FENOMENI FRANOSI Dipartimento di Ingegneria Idraulica, Geotecnica ed Ambientale Università degli studi di Napoli Federico II diego.dimartire@unina.it;

Dettagli

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni al Regolamento IDEM: Theoretical Fair Value (TFV)/Amendments

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Conversano, 10 luglio 2014. Prosegue Windows of the World, la rubrica di Master ideata per

COMUNICATO STAMPA. Conversano, 10 luglio 2014. Prosegue Windows of the World, la rubrica di Master ideata per COMUNICATO STAMPA Conversano, 10 luglio 2014 Dott. Pietro D Onghia Ufficio Stampa Master m. 328 4259547 t 080 4959823 f 080 4959030 www.masteritaly.com ufficiostampa@masteritaly.com Master s.r.l. Master

Dettagli

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI POZZI DRENANTI PER LA STABILIZZAZIONE DEI PENDII

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI POZZI DRENANTI PER LA STABILIZZAZIONE DEI PENDII MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI POZZI DRENANTI PER LA STABILIZZAZIONE DEI PENDII F. Aloi Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Università degli Studi di Napoli Federico II ferdinando.aloi@unina.it

Dettagli

Ancona Taboo Team: Simona Carannante, Marco Cattaneo, Ezio D'Alema, Massimo Frapiccini, Chiara Ladina, Simone Marzorati, Giancarlo Monachesi

Ancona Taboo Team: Simona Carannante, Marco Cattaneo, Ezio D'Alema, Massimo Frapiccini, Chiara Ladina, Simone Marzorati, Giancarlo Monachesi Ancona Taboo Team: Simona Carannante, Marco Cattaneo, Ezio D'Alema, Massimo Frapiccini, Chiara Ladina, Simone Marzorati, Giancarlo Monachesi Calcolo detection Primo input: relazione empirica ampiezza magnitudo

Dettagli

Prevenzione: valutazione e riduzione della vulnerabilità

Prevenzione: valutazione e riduzione della vulnerabilità Prevenzione: valutazione e riduzione della vulnerabilità sismica DiSGG, Università della Basilicata ReLUIS, Rete di Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica CRiS, Centro di Competenza sul Rischio

Dettagli

COMUNE DI AVEZZANO. (Provincia di L'Aquila) Via Pietragrossa, 82. Località Paterno. Committente:Bernardi Mauro. Geol.

COMUNE DI AVEZZANO. (Provincia di L'Aquila) Via Pietragrossa, 82. Località Paterno. Committente:Bernardi Mauro. Geol. COMUNE DI AVEZZANO (Provincia di L'Aquila) Via Pietragrossa, 82 Località Paterno Committente:Bernardi Mauro Geol. Annamaria Paris MASW Multichannel Analysis Surface Waves Il relatore Dott. Geol. Michele

Dettagli

La passione per il proprio lavoro, la passione per l'innovazione e la ricerca

La passione per il proprio lavoro, la passione per l'innovazione e la ricerca La passione per il proprio lavoro, la passione per l'innovazione e la ricerca tecnologica insieme all'attenzione per il cliente, alla ricerca della qualità e alla volontà di mostrare e di far toccar con

Dettagli

LA RETE GPS PERMANENTE INGV

LA RETE GPS PERMANENTE INGV LA RETE GPS PERMANENTE INGV SECONDA RELAZIONE sullo stato di avanzamento a cura di: M. Anzidei, G. Casula, A. Galvani, G. Pietrantonio e F. Riguzzi U.F. Laboratorio di Geodesia e Telerilevamento Sezione

Dettagli

Sorgente sismica e moto del suolo: modellazione diretta e inversa

Sorgente sismica e moto del suolo: modellazione diretta e inversa Sorgente sismica e moto del suolo: modellazione diretta e inversa Alessio Piatanesi In collaborazione con A. Cirella, G. Cultrera, A. Herrero, E. Spagnuolo, R. Basili, F. Romano e S. Lorito Istituto Nazionale

Dettagli

INTERIOR DESIGN INTERNI

INTERIOR DESIGN INTERNI INTERNI CREDITO COOPERATIVO BANK BANCA DI CREDITO COOPERATIVO Date: Completed on 2005 Site: San Giovanni Valdarno, Italy Client: Credito Cooperativo Bank Cost: 3 525 000 Architectural, Structural and

Dettagli

RAPPORTO TECNICO ANALISI FINITURA SUPERFICIALE IMPIANTO IN TITANIO IMPIANTO con Lotto 002520 CON TRATTAMENTO SUPERFICIALE SL TECOM IMPLANTOLOGY

RAPPORTO TECNICO ANALISI FINITURA SUPERFICIALE IMPIANTO IN TITANIO IMPIANTO con Lotto 002520 CON TRATTAMENTO SUPERFICIALE SL TECOM IMPLANTOLOGY REPORT TECNICO Pagina 1 di 8 RAPPORTO TECNICO ANALISI FINITURA SUPERFICIALE IMPIANTO IN TITANIO IMPIANTO con Lotto 002520 CON TRATTAMENTO SUPERFICIALE SL TECOM IMPLANTOLOGY TECHNICAL REPORT ROUGHNESS ANALYSIS

Dettagli

Sponsorship opportunities

Sponsorship opportunities Platinum Sponsor: The sponsor can obtain a space during the Special Session FUS Technology update of Thursday October 10 exhibition area 3x2 sqm link on Congress website of the sponsor s site sponsor s

Dettagli

Elena FNAS. Microteatro.it News - http://www.microteatro.it -~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-

Elena FNAS. Microteatro.it News - http://www.microteatro.it -~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~- Pagina 1 di 5 Elena FNAS Da: "info FNAS" A: Data invio: mercoledì 24 giugno 2009 3.28 Oggetto: I: Corso di Biomeccanica Teatrale /Biomechanics course FORMAZIONE -----Messaggio

Dettagli

Indagini di caratterizzazione dinamica di solai

Indagini di caratterizzazione dinamica di solai Indagini di caratterizzazione dinamica di solai G. Di Marco 1, G. Fidotta 2, E. Lo Giudice 2, G. Sollami 2 1 Studio Lo Giudice- Di Marco, 92024 Canicattì (AG), 2 DISMAT s.r.l., C.da Andolina, S.S. 122

Dettagli

up date basic medium plus UPDATE

up date basic medium plus UPDATE up date basic medium plus UPDATE Se si potesse racchiudere il senso del XXI secolo in una parola, questa sarebbe AGGIORNAMENTO, continuo, costante, veloce. Con UpDate abbiamo connesso questa parola all

Dettagli

Fame nel mondo, ortica come alimento, community radicate nel territorio, aggregazione intorno al cibo, uso gastronomico ortica, coltivabilità ortica

Fame nel mondo, ortica come alimento, community radicate nel territorio, aggregazione intorno al cibo, uso gastronomico ortica, coltivabilità ortica L esperienza La riscoperta della pianta dell ortica per fini alimentari e la sua coltivabilità offrono un nuovo modello di risorsa alimentare: il progetto di Malalbergo (BO) The Experience The rediscovery

Dettagli

Tecnica GPS RTK Multi-Reference Station: Sperimentazione sulla rete test Campania GPS Network

Tecnica GPS RTK Multi-Reference Station: Sperimentazione sulla rete test Campania GPS Network Tecnica GPS RTK Multi-Reference Station: Sperimentazione sulla rete test Campania GPS Network Giovanni PUGLIANO (*), M. Elizabeth CANNON (**), Gérard LACHAPELLE (**) (*) Università degli Studi di Napoli

Dettagli

OneGeology-Europe: architettura, geoportale e servizi web per rendere accessibile la Carta Geologica d Europa

OneGeology-Europe: architettura, geoportale e servizi web per rendere accessibile la Carta Geologica d Europa OneGeology-Europe: architettura, geoportale e servizi web per rendere accessibile la Carta Geologica d Europa Carlo Cipolloni (*), Agnes Tellez-Arenas (**), Jean-Jeacques Serrano (**), Robert Tomas (***)

Dettagli

LA RETE MULTIDISCIPLINARE DELLA CTBTO: IL COINVOLGIMENTO ITALIANO

LA RETE MULTIDISCIPLINARE DELLA CTBTO: IL COINVOLGIMENTO ITALIANO D. Pesaresi e R. Console Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia LA RETE MULTIDISCIPLINARE DELLA CTBTO: IL COINVOLGIMENTO ITALIANO Riassunto. L Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV)

Dettagli

Gestione di siti contaminati con sistemi GIS: modellazione di volumetrie 3D

Gestione di siti contaminati con sistemi GIS: modellazione di volumetrie 3D Gestione di siti contaminati con sistemi GIS: modellazione di volumetrie 3D Daniele Strippoli (*) Riccardo Rottenbacher (**) Foster Wheeler Italiana S.p.A. Environmental Division. Via S. Caboto, 1 20094

Dettagli

Il controllo sismico della regione FVG nel contesto del monitoraggio nazionale

Il controllo sismico della regione FVG nel contesto del monitoraggio nazionale Il controllo sismico della regione FVG nel contesto del monitoraggio nazionale Paolo Comelli OGS - Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale 6 MAGGIO 1976-2011 convegno per il 35 anniversario

Dettagli

design: F.Bucco G.Roccabruna CALYPSO

design: F.Bucco G.Roccabruna CALYPSO design: F.Bucco G.Roccabruna CALYPSO CALYPSO 2 3 Calypso è un progetto unico sotto ogni punto di vista, che si sviluppa in tre stili diversi. Nuovi contrasti caratterizzati, per esaudire fin nei minimi

Dettagli

Manuale tecnico a cura di:

Manuale tecnico a cura di: Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Osservatorio Vesuviano Napoli PAS Progetto Antenne Sismiche Manuale tecnico a

Dettagli

CRISTINA TOTARO CURRICULUM VITAE

CRISTINA TOTARO CURRICULUM VITAE CRISTINA TOTARO CURRICULUM VITAE CRISTINA TOTARO, Ph.D. nata a Messina il 23/03/1982 tel: 090-6765102 tel: +393492809379 e-mail: ctotaro@unime.it; cristinatotaro@hotmail.it Titoli generali Laurea in FISICA,

Dettagli

Progetto PIEZOTETTI. Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy, del 20/01/2012. Riferimenti : Workpage : 2 Modelli di piezoceramici come generatori di potenza

Progetto PIEZOTETTI. Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy, del 20/01/2012. Riferimenti : Workpage : 2 Modelli di piezoceramici come generatori di potenza Riferimenti : Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy, del 20/01/2012 Workpage : 2 Modelli di piezoceramici come generatori di potenza Deliverable : 2.1 2.2-2.3 Stato dell arte Modelli di

Dettagli

Progettazione sismica degli apparecchi a pressione e dei tanks con presenza di liquido.

Progettazione sismica degli apparecchi a pressione e dei tanks con presenza di liquido. Progettazione sismica degli apparecchi a pressione e dei tanks con presenza di liquido. Vincenzo Annoscia*, Nicola Pecere**, Angela Maria Altieri *** *O.C.T. - Bari - Italy **2S.I. Software e Servizi per

Dettagli

TECNOROBOT. Official Integrator FANUC Robotics A NEW DIMENSION IN INDUSTRIAL ROBOTICS

TECNOROBOT. Official Integrator FANUC Robotics A NEW DIMENSION IN INDUSTRIAL ROBOTICS TECNOROBOT Official Integrator FANUC Robotics A NEW DIMENSION IN INDUSTRIAL ROBOTICS 2 la società / the company Tecnorobot è una moderna società attiva dal 1993, nella ricerca, sviluppo, produzione e vendita

Dettagli

Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT)

Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT) Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT) Indice 1. Le trasformazioni di coordinate... 3 1.1 Coordinate massime e minime ammesse

Dettagli

Task 1 Completamento delle elaborazioni relative a MPS04

Task 1 Completamento delle elaborazioni relative a MPS04 INGV-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia DPC-Dipartimento della Protezione Civile Convenzione INGV-DPC 2004 2006 / Progetto S1 Proseguimento della assistenza al DPC per il completamento e la

Dettagli

CALYPSO HF RADAR MONITORING SYSTEM AND RESPONSE AGAINST MARINE OIL SPILLS IN THE MALTA CHANNEL

CALYPSO HF RADAR MONITORING SYSTEM AND RESPONSE AGAINST MARINE OIL SPILLS IN THE MALTA CHANNEL CALYPSO HF RADAR MONITORING SYSTEM AND RESPONSE AGAINST MARINE OIL SPILLS IN THE MALTA CHANNEL Preliminary analyses of current measurements in the Sicily Channel Risultati preliminari delle misure nel

Dettagli

NATURA COLLECTION, THE WOOD ESSENCE

NATURA COLLECTION, THE WOOD ESSENCE NATURA COLLECTION, THE WOOD ESSENCE ROVERE OAK NATURA COLLECTION, L ESSENZA DEL LEGNO SOLO IL BELLO DEL LEGNO MASSICCIO NUOVA VITA AL LEGNO: NATURA COLLECTION È UN CONCEPT INNOVATIVO CHE UNISCE DESIGN,

Dettagli

Analisi biomeccanica dello sforzo e dell affossamento dell abutment nella sistematica implantare BICON

Analisi biomeccanica dello sforzo e dell affossamento dell abutment nella sistematica implantare BICON Analisi biomeccanica dello sforzo e dell affossamento dell abutment nella sistematica implantare BICON Luigi Paracchini INGEO Snc Via Stazione 80/A, VARALLO POMBIA (NO) Emilio Balbo ODONTOTECNICA BALBO

Dettagli

Università degli Studi di Salerno. Ph.D. Thesis. High-sensitivity strain measurements from underground

Università degli Studi di Salerno. Ph.D. Thesis. High-sensitivity strain measurements from underground Università degli Studi di Salerno Dipartimento di Matematica Scienze Matematiche, Fisiche ed Informatiche XI Ciclo - Nuova Serie Curriculum in Fisica dei sistemi complessi e dell'ambiente Ph.D. Thesis

Dettagli

2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI

2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI MILANO 2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI MILANO 23/24/25 SETTEMBRE 2015 CON IL PATROCINIO LA CASA, L AMBIENTE, L EUROPA Nel corso dell Esposizione Universale EXPO2015 il 24 e

Dettagli

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 Un modello di riferimento per la gestione progetti a cura di Tiziano Villa, PMP febbraio 2006 PMI, PMP, CAPM, PMBOK, PgMP SM, OPM3 are either marks or registered marks of

Dettagli

HARDTOP MINI HARDTOP BUSINESS CARD PAD

HARDTOP MINI HARDTOP BUSINESS CARD PAD HARDTOP Il consolidato incontro qualità/prezzo Stampato in quadricromia offset sotto la superficie in plastica antistatica ruvida con base in gomma sintetica spessore 2 o 4 mm. Formati standard: cm 23

Dettagli

FLORIM CERAMICHE SPA Via Canaletto, 24 41042 Fiorano Modenese (MO)

FLORIM CERAMICHE SPA Via Canaletto, 24 41042 Fiorano Modenese (MO) FOOD PACKAGING MATERIALS MATERIALI 0077\FPM\MATs\14 07/02/2014 1 TEST SYSTEM SLIM/4+ ( MULTILAYER WITH FINISH OF CERAMIC PORCELAIN GRESS + FLEXIBLE FOAM FLESSIBILE BASED ON A CLOSED CELL POLYETHYLENE )

Dettagli

SM1 - SM2 - SM MINI. La San Marco. Made in Italy

SM1 - SM2 - SM MINI. La San Marco. Made in Italy SM1 - SM2 - SM MINI La San Marco Made in Italy SM1 Voltage: 230V - 50Hz / 110V - 60 Hz Power: 1300 W Water tank capacity: 2 litres Coffee capsule drawer capacity: 25 capsules Overall dimensions in cm (w.

Dettagli

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle FACOLTÀ DI INGEGNERIA RELAZIONE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One

Dettagli