Rinascimento della Manifattura Bolognese

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rinascimento della Manifattura Bolognese"

Transcript

1 Bologna, 28/03/2013 Rinascimento della Manifattura Bolognese Progetto UNINDUSTRIA-CNA con il contributo di 0

2 Agenda: Apertura dei Lavori Mauro Ferri - Presidente PROTESA SpA Presentazione dei risultati Nunzio Cardarelli - Consulente PROTESA SpA Domande & Risposte 1

3 Progetto Rinascimento della Manifattura Bolognese: obiettivi Metodologia: Assessment Risultati Considerazioni Finali Prossimi passi 2

4 Premessa R. Silvi Lean Accounting «La redditività operativa per le imprese italiane è in costante calo, dal 5,4% del 2007 al 2,6% del 2009» 3

5 Progetto Rinascimento della Manifattura Bolognese: obiettivi Il Progetto RINASCIMENTO della MANIFATTURA BOLOGNESE, sviluppato in collaborazione con il Gruppo Sacmi, si rivolge alle aziende associate a Unindustria e CNA con l obiettivo di incentivare la realizzazione di progetti di miglioramento: Perseguendo obiettivi di riduzione tempi, riduzione costi, aumento qualità; Puntando ad aumentare il livello di integrazione della singola Azienda nella Catena del Valore di cui fa parte. L attività di verifica iniziale (Assessment) delle opportunità di miglioramento e la definizione dei Progetti sono state svolte da PROTESA S.p.A. società del Gruppo Sacmi, che si avvale dell esperienza metodologica maturata nel corso dei Programmi di Lean Transformation sviluppati dal 2008 ad oggi. 4

6 Progetto Rinascimento della Manifattura Bolognese : obiettivi Metodologia: Assessment Risultati Considerazioni Finali Prossimi passi 5

7 Fasi Progetto Il Progetto RINASCIMENTO della MANIFATTURA BOLOGNESE si compone di due fasi: I fase di assessment e relazione di sintesi con indicati i risultati della ricerca. (da novembre 2012 a febbraio 2013) L attività di assessment si suddivide in: - mezza giornata di visita in azienda: assessment - mezza giornata di redazione/presentazione dell assessment - redazione della relazione finale II fase costituita da singoli progetti di miglioramento e relazione di sintesi con indicati i risultati metodologici ed analitici dell attività. (da febbraio a giugno 2013) 6

8 Aree di valutazione PERFORMANCE VS CLIENTE -Livello Qualità -Puntualità di Consegna -Lead Time PERFORMANCE INTERNE -Scorte (materiali, WIP, finiti) - Efficienza Produzione - Scarti e Non Conformità -Capacità Produttiva -Consumi Energetici -Gestione e miglioramento del lead time -Flusso della produzione -Flusso delle operazioni -Flusso dei materiali in stabilimento -Flusso dei materiali in ingresso -Flusso delle informazioni -Miglioramento della Value Streamestesa - Daily Management - Problem Solving -Identificazione e prevenzione dei difetti - Cultura del miglioramento continuo - Operatori formati e multi-skilled - Posti di lavoro organizzati - Utilizzo diffuso dei controlli visivi -"Lavoro Standardizzato" - Eccellenza nella Manutenzione - Setup Rapidi 7

9 Report Assessment: sintesi 8

10 Determinazione del campione di aziende DATA PRESENTAZIONE INVITATI ALLA PRESENTAZIONE PRESENTI ALLA PRESENTAZIONE 19/07/ Fornitori Sacmi (prov. BO) 7 partecipanti 25/10/ aziende Associate CNA e Unindustria e fornitori Sacmi 12 aziende Associate CNA non fornitori Sacmi 25 partecipanti Ottobre 2012 / Gennaio aziende coinvolte nella presentazione del progetto 25 Assessments 9

11 Caratteristiche aziende campione Aziende sottoposte ad Assessment Fatturato medio [k ] N dipendenti medio % 80% 60% 40% 20% 0% 16% 16% 68% Distribuzione Lavorazioni Elettriche Lavorazioni Meccaniche 10

12 Criteri di valutazione Punteggio da 1 a 5: 1. Gestione inesistente o sporadica 2. Gestione presente ma incompleta 3. Gestione completa ma poco standardizzata e/o poco diffusa 4. Gestione completa, ampiamente diffusa e standardizzata 5. Gestione eccellente e sostenuta nel tempo Nei grafici: Linea Verde: Soglia di eccellenza aziendale (livello da mantenere nel tempo) Linea Rossa: Soglia di Emergenza (consigliati interventi a breve termine) 11

13 Progetto Rinascimento della Manifattura Bolognese : obiettivi Metodologia: Assessment Risultati Considerazioni Finali Prossimi passi 12

14 Risultati Assessment 5,00 4,00 3,00 2,00 1,00 2,26 2,31 Media Assessment Media Performance Media Assessment Media Performance 5,00 5,00 4,00 4,00 3,00 3,00 2,00 1,00 2,56 2,69 2,08 2,00 1,00 2,78 2,81 2,07 Distribuzione Lavorazioni Elettriche Lavorazioni Meccaniche 13

15 Focus Assessment: Punteggio medio 5,00 Media Assessment - Meccaniche 4,00 Punteggio 3,00 2,00 1,00 0, N dipendenti 5,00 4,00 Media Assessment - Elettriche Media Assessment - Distribuzione 5,00 4,00 Punteggio 3,00 2,00 Punteggio 3,00 2,00 1,00 1,00 0, N dipendenti 0, N dipendenti 14

16 Punteggi per macro aree PERFORMANCE VS CLIENTE 2,29 PERFORMANCE INTERNE: 2,30 2,21 2,26 2,05 2,59 15

17 Analisi di settore: Assessment (1/4) 5,0 Personale motivato 4,0 3,0 2,0 1,0 2,7 2,6 Cultura del miglioramento continuo Operatori formati e multi-skilled 5,0 4,0 3,0 2,0 1,0 3,3 3,8 3,0 2,4 2,8 2,2 Cultura del miglioramento continuo Operatori formati e multi-skilled Formazione e job rotationsviluppate soprattutto in aziende del settore elettrico a causa delle norme particolarmente esigenti Distribuzione Lavorazioni Elettriche Lavorazioni Meccaniche 16

18 Analisi di settore: Assessment (2/4) 5,0 Fondamenta della stabilità operativa 4,0 3,0 2,0 1,0 2,3 1,5 Posti di lavoro organizzati Utliizzo diffuso dei controlli visivi 2,3 2,4 "Lavoro Standardizzato" Eccellenza nella Manutenzione 1,9 Setup Rapidi 5,0 4,0 3,0 2,0 1,0 3,0 2,5 2,0 2,3 2,3 1,8 1,8 2,5 2,8 2,2 2,1 1,3 2,0 1,7 Posti di lavoro organizzati Utliizzo diffuso dei controlli "Lavoro Standardizzato" Eccellenza nella Setup Rapidi visivi Manutenzione 3,3 Distribuzione Lavorazioni Elettriche Lavorazioni Meccaniche 17

19 Analisi di settore: Assessment (3/4) 5,0 Flussi snelli in ottica Lean 4,0 3,0 2,0 1,0 1,7 2,4 2,0 2,5 2,6 2,6 2,1 Gestione e miglioramento del lead time Flusso della produzione (Layout) Flusso delle operazioni (fasi) Flusso dei materiali in stabilimento Flusso dei materiali in ingresso Flusso delle informazioni Miglioramento della Value Stream estesa 5,0 4,0 3,0 2,0 1,0 2,3 2,5 2,3 2,8 2,0 2,5 2,1 2,0 3,0 2,8 3,3 3,3 1,5 1,9 2,1 2,2 2,4 3,3 3,3 2,1 1,3 Gestione e miglioramento del lead time Flusso della produzione (Layout) Flusso delle operazioni (fasi) Flusso dei materiali in stabilimento Flusso dei materiali in ingresso Flusso delle informazioni Miglioramento della Value Stream estesa Distribuzione Lavorazioni Elettriche Lavorazioni Meccaniche 18

20 Analisi di settore: Assessment (4/4) 5,0 Built in quality 4,0 3,0 2,0 1,0 1,8 2,1 2,9 Daily Management Problem Solving Identificazione e prevenzione dei difetti 5,0 4,0 3,0 2,0 1,0 2,5 2,0 2,8 2,5 1,7 1,9 Daily Management Problem Solving Identificazione e prevenzione dei difetti 2,8 3,8 2,7 Distribuzione Lavorazioni Elettriche Lavorazioni Meccaniche 19

21 Analisi di settore: Performance Performance Vs. clienti Performance interne 5,0 4,0 3,0 2,0 1,0 2,9 Livello Qualità 2,2 1,9 Puntualità di Consegna Lead Time Performance: valutati sia la modalità e frequenza dei controlli, sia i miglioramenti delle Performance nel tempo 5,0 4,0 3,0 2,0 1,0 2,8 Scorte (materiali, WIP, finiti) 1,6 Efficienza Produzione 2,5 2,4 2,3 Scarti e Non Conformità Capacità Produttiva Consumi Energetici 5,0 5,0 4,0 3,0 2,0 1,0 3,5 3,0 3,0 3,0 2,7 2,82,3 1,6 1,5 Livello Qualità Puntualità di Consegna Lead Time Consumi energetici: parametro non critico per gran parte delle aziende 4,0 3,0 2,0 1,0 4,03,3 2,4 Scorte (materiali, WIP, finiti) 2,3 1,81,5 Efficienza Produzione 3,5 2,8 2,8 2,5 2,2 2,1 2,2 Scarti e Non Conformità Capacità Produttiva 1,3 3,3 Consumi Energetici 20

22 Progetto Rinascimento della Manifattura Bolognese : obiettivi Metodologia: Assessment Risultati Considerazioni Finali Prossimi passi 21

23 Considerazioni finali Qualità Gli sforzi generalmente messi in campo in ambito PERDONO parte della loro efficacia PERCHE non specificamente orientati a migliorare Investimenti (infrastrutture, macchinari, sistemi informativi) Puntualità consegne Lead Time e non ancora supportati a sufficienza da Standard operativi Misurazione performance Coinvolgimento dei lavoratori 22

24 Non è la più forte delle specie che sopravvive, né la più intelligente, ma quella più reattiva ai cambiamenti Charles Darwin 23

25 Considerazioni finali Qualità Criteri MEDIE Distribuzione Lavorazioni Elettriche Lavorazioni Meccaniche Identificazione e prevenzione dei difetti 2,9 2,8 3,8 2,7 Cultura del miglioramento continuo 2,7 3,3 3,0 2,4 Problem Solving 2,2 2,8 2,5 1,9 "Lavoro Standardizzato" 2,3 2,5 2,8 2,1 Flusso delle informazioni 2,6 3,3 3,3 2,3 Eccellenza nella Manutenzione 2,4 2,3 3,3 2,1 Livello Qualità 2,9 3,5 3,0 2,7 Scarti e Non Conformità 2,5 2,8 3,5 2,1 I punti di forza sono in genere il sistema di identificazione preventiva dei difetti, l inclinazione a migliorare (anche se non sempre calata stabilmente nell organizzazione) e il flusso interno delle informazioni. In pochi hanno perfezionato la standardizzazione del know-how aziendale. Si fa ricorso sporadico e non consapevole a metodologie strutturate di Problem Solving 24

26 Considerazioni finali Criteri MEDIE Distribuzione Lavorazioni Elettriche Lavorazioni Meccaniche Gestione e miglioramento del lead time 1,7 2,3 2,0 1,5 Flusso delle operazioni (fasi) 2,0 2,3 2,0 2,0 Flusso della produzione (Layout) 2,4 2,5 2,5 2,3 Investimenti (infrastrutture, macchinari, sistemi informativi) Flusso delle informazioni 2,6 3,3 3,3 2,3 Setup Rapidi 1,9 2,3 2,0 1,8 Efficienza Produzione 1,6 2,3 1,8 1,5 Capacità Produttiva 2,4 2,8 2,5 2,2 In generale si riscontra una buona propensione e disponibilità ad investire in macchinari, infrastrutture e sistemi. Raramente però gli sforzi sono indirizzati consapevolmente e con metodo alla riduzione del lead-time complessivo. Vengono scelti macchinari più performanti in termini di qualità e di tempi di lavorazione, magari puntando a ridurre il numero complessivo di piazzamenti, più raramente riesce ad aggredire gli sprechi derivanti da elevati tempi di Setup. L efficienza e la capacità produttiva non sono dati sistematicamente rilevati e non possono dunque essere utilizzati a supporto delle scelte operative o strategiche. 25

27 Considerazioni finali Gestione e miglioramento del lead time 1,7 2,3 2,0 1,5 Miglioramento della Value Stream estesa 2,1 1,3 2,8 2,2 Daily Management 1,8 2,5 2,0 1,6 Utilizzo diffuso dei controlli visivi 1,5 1,8 1,8 1,3 Setup Rapidi 1,9 2,3 2,0 1,8 Flusso delle informazioni 2,6 3,3 3,3 2,3 Flusso dei materiali in ingresso 2,6 3,3 3,3 2,3 Flusso dei materiali in stabilimento 2,4 3,0 2,8 2,2 Molte aziende giudicano critici questi temi e necessario un miglioramento. Poche finora, soprattutto nella categoria delle aziende meccaniche, sono riuscite a ottenerne di significativi. Quasi nessuno fa ricorso a tecniche di analisi dei flussi (es. VSM), nè a sistemi visivi e/o regolarmente cadenzati di controllo della performance. Se da una parte si riscontra un buon livello di monitoraggio sulle scorte, si rileva anche come il Setup non sia generalmente considerato un fattore di spreco da aggredire sistematicamente (dato che induce all aumento non necessario delle quantità prodotte e a pianificazioni non centrate sulle effettive necessità dei clienti). Lead Time Puntualità consegne Lead Time 1,9 2,8 2,3 1,5 Puntualità di Consegna 2,1 3,0 3,0 1,6 26

28 Considerazioni finali Standard operativi Coinvolgimento dei lavoratori Misurazione performance Su questi temi gran parte delle aziende visitate si posiziona «a metà del guado». Fatta eccezione per alcune realtà eccellenti, si riscontra in genere poca inclinazione a oggettivare il know-how aziendale in procedure e istruzioni operative. Pari difficoltà, o superiori, si riscontrano nella definizione e nel sistematico rilievo delle performance chiave, dati essenziali per decidere e sostenere le politiche di miglioramento. La spiegazione è probabilmente in due fattori: bassa disponibilità di risorse e scarsa attitudine ad un approccio ai problemi basato sulla misurazione. In queste condizioni risulta difficile ottenere un efficace coinvolgimento dei livelli operativi. 27

29 Considerazioni finali Posti di lavoro organizzati 2,3 3,0 2,5 2,1 Utilizzo diffuso dei controlli visivi 1,5 1,8 1,8 1,3 "Lavoro Standardizzato" 2,3 2,5 2,8 2,1 Setup Rapidi 1,9 2,3 2,0 1,8 Flusso delle operazioni (fasi) 2,0 2,3 2,0 2,0 Operatori formati e multiskilled 2,6 2,8 3,8 2,2 Problem Solving 2,2 2,8 2,5 1,9 Standard operativi Misurazione performance Coinvolgimento dei lavoratori 28

30 Considerazioni finali Livello Qualità 2,9 3,5 3,0 2,7 Puntualità di Consegna 2,1 3,0 3,0 1,6 Lead Time 1,9 2,8 2,3 1,5 Scorte (materiali, WIP, finiti) 2,8 4,0 3,3 2,4 Efficienza Produzione 1,6 2,3 1,8 1,5 Scarti e Non Conformità 2,5 2,8 3,5 2,1 Capacità Produttiva 2,4 2,8 2,5 2,2 Consumi Energetici 2,3 1,3 3,3 2,2 Daily Management 1,8 2,5 2,0 1,6 Cultura del miglioramento continuo 2,7 3,3 3,0 2,4 Standard operativi Misurazione performance Coinvolgimento dei lavoratori 29

31 Considerazioni finali Posti di lavoro organizzati 2,3 3,0 2,5 2,1 Utilizzo diffuso dei controlli visivi 1,5 1,8 1,8 1,3 Eccellenza nella Manutenzione 2,4 2,3 3,3 2,1 Cultura del miglioramento continuo 2,7 3,3 3,0 2,4 Operatori formati e multiskilled 2,6 2,8 3,8 2,2 Daily Management 1,8 2,5 2,0 1,6 Standard operativi Problem Solving 2,2 2,8 2,5 1,9 Misurazione performance Coinvolgimento dei lavoratori 30

32 Aspettative di miglioramento Top driver di miglioramento espressi dalle aziende prima dell assessment Ridurre i lead time di consegna 37% Aumentare livello di servizio delle consegne (puntualità) 47% Ridurre i costi di produzione 37% Correlazione diretta ad attività e tecniche Lean Aumentare la Qualità Ridurre capitale circolante e scorte Ridurre i costi di trasporto e movimentazione Ridurre tempi di progettazione e sviluppo nuovi prodotti Ridurre i costi del prodotto Maggiore innovazione di prodotto/servizio 11% 26% 26% 26% 37% 42% Ridurre i costi dei processi amministrativi e di supporto 16% Vantaggi competitivi sul servizio 21% Vantaggi competitivi sui prezzi 37% Ridurre i costi generali 53% Ridurre i prezzi di vendita 5% Aumentare la redditività 68% Incrementare il fatturato 74% Altro 5% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% 31

33 Percorsi preferenziali di miglioramento Progetti presentati dopo l'assessment VSM 17 Cruscotto indicatori 11 5S 8 Scheduling Standardizzazione delle operazioni 5 5 Calcolo efficienza OEE - OLE 3 Miglioramento Setup Miglioramento Catena del valore 2 2 Messa a flusso della produzione Analisi scorte di magazzino Analisi carichi lavoro a personale indiretto

34 Caso reale: Mappatura VSM A3 Report Mappa Stato Attuale Riflessione (Hansei) Piano di Azione 33

35 Caso reale: Progetto 5S 4 +5 Standardizzare +Sostenere 1 - Selezionare 3 - Pulire 2 - Ordinare 34

36 Progetto Rinascimento della Manifattura Bolognese : obiettivi Metodologia: Assessment Risultati Considerazioni Finali Prossimi passi 35

37 Prossimi passi Sviluppo progetti di miglioramento: 2 completati (2012) 2 in corso 19 presentati, in fase di valutazione dal fornitore Apertura ad altri fornitori Presentazione risultati fase II : ottobre

38 Finanziamento progetti I costi delle attività di assessment (I fase) sono stati interamente coperti dal finanziamento CCIAA I costi dei progetti (II fase) sono a carico delle Aziende. Ogni progetto beneficerà di un ulteriore contributo, traducibile in almeno 3 giornate/progetto. Ulteriori giornate di consulenza potranno essere abbonate in funzione del numero e della durata dei progetti che verranno effettivamente intrapresi. Data limite per apertura progetti: 30 aprile 2013 Data limite per conclusione progetti: 15 settembre

39 Riferimenti Presidente Protesa Mauro Ing. Ferri Amministratore Delegato Protesa Francesco Ing. Carati Riferimenti Operativi Nunzio Ing. Cardarelli Cell Agnese Dott.ssa Pelliconi Cell Elena Dott.ssa Cortesi Cell

40 Grazie per l attenzione 39

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean :

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : Consulenza di Direzione Management Consulting Formazione Manageriale HR & Training Esperienza e Innovazione La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : un passo chiave nel percorso

Dettagli

Harken Italy spa Lean Production nella filiera della nautica. 28 Novembre 2011 Harken Italy spa 1

Harken Italy spa Lean Production nella filiera della nautica. 28 Novembre 2011 Harken Italy spa 1 Harken Italy spa Lean Production nella filiera della nautica 28 Novembre 2011 Harken Italy spa 1 Breve profilo di Harken Harken è nata nel 1967. Oggi è una piccola multinazionale leader di mercato nel

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 20 Sempre un passo avanti EXECUTIVE MASTER COURSE Production Manager OBIETTIVI Il corso mette in condizione i partecipanti

Dettagli

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel di Rinaldo Tartari Consulente Qualità e Affidabilità Excel

Dettagli

L approccio Lean. Investire sulle persone chiave individuare i champions e gli agenti del cambiamento

L approccio Lean. Investire sulle persone chiave individuare i champions e gli agenti del cambiamento Cosa si intende per L approccio Lean Investire sulle persone chiave individuare i champions e gli agenti del cambiamento Ottenere e usare il contributo di tutti a tutti i livelli Facciamolo e basta con

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SNELLA

ORGANIZZAZIONE SNELLA presenta ORGANIZZAZIONE SNELLA interventi semplici e rapidi -> maggior efficienza dei processi -> riduzione dei costi Pollenzo, 21 maggio 2014 Albergo dell Agenzia GIANLUCA BARALE Consulente in organizzazione

Dettagli

UNIS&F a fianco delle aziende per sviluppare la competitività. Il progetto Lean in Della Toffola S.p.A.

UNIS&F a fianco delle aziende per sviluppare la competitività. Il progetto Lean in Della Toffola S.p.A. UNIS&F a fianco delle aziende per sviluppare la competitività. Il progetto Lean in Della Toffola S.p.A. Una breve presentazione dell'azienda Della Toffola S.p.A., società fondata nel 1961, ha come business

Dettagli

SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato

SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato Firenze, 22 Febbraio 2008 Massimo Maraziti presentiamoci Process Factory

Dettagli

LEAN ORGANIZATION: Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella

LEAN ORGANIZATION: Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella by Per avere ulteriori informazioni: Visita il nostro sito WWW.LEANNOVATOR.COM Contattaci a INFO@LEANNOVATOR.COM 1. Introduzione Il termine

Dettagli

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA GLI SPRECHI DA EVITARE Quali erano gli sprechi che Toyota voleva evitare, applicando la Produzione snella? Essenzialmente 3: le perdite di tempo legate alle rilavorazioni

Dettagli

Lean Innovation Workshops

Lean Innovation Workshops Lean Innovation Workshops 10 workshop gratuiti in tutta Italia per capire come ridurre gli sprechi in azienda. Non accademia, non teoria, ma casi reali di successo su cui confrontarci e riflettere insieme

Dettagli

DIMINUIRE I COSTI CON IL SISTEMA QUALITA

DIMINUIRE I COSTI CON IL SISTEMA QUALITA DIMINUIRE I COSTI CON IL SISTEMA QUALITA Lo so che è un argomento impopolare; la mia tesi è che si puo' usare un sistema qualità per abbassare i costi invece che fabbricare carte false. L idea mi è venuta

Dettagli

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 Considerazioni di sintesi L azienda si posiziona tra le prime

Dettagli

Excellence Production System

Excellence Production System Workshop Project Management 2012 Beyond The Project Lean Manufacturing un nuovo modello per l eccelenza Excellence Production System Salerno 27 Gennaio 2012 Giovanni Tullio Scenario : Superare la crisi

Dettagli

Lean Production ed OEE al servizio della produzione di macchine: un caso di successo

Lean Production ed OEE al servizio della produzione di macchine: un caso di successo Lean Production ed OEE al servizio della produzione di macchine: un caso di successo La Lean Production può essere interessante anche per un azienda sana? Evidentemente sì, se è stata adottata dalla famiglia

Dettagli

LE IMPRESE E LA SOSTENIBILITÀ INDAGINE CONDOTTA DA GFK EURISKO PER CONTO DI SODALITAS

LE IMPRESE E LA SOSTENIBILITÀ INDAGINE CONDOTTA DA GFK EURISKO PER CONTO DI SODALITAS LE IMPRESE E LA SOSTENIBILITÀ INDAGINE CONDOTTA DA GFK EURISKO PER CONTO DI SODALITAS 1 QUESTA INDAGINE Questa indagine è stata condotta nella prima metà di aprile 2012 su un campione di 153 imprese/enti/associazioni

Dettagli

Lean Office. 31 maggio 2013 Gianluca Spada (partner OPTA srl)

Lean Office. 31 maggio 2013 Gianluca Spada (partner OPTA srl) Lean Office 31 maggio 2013 Gianluca Spada (partner OPTA srl) 0 La società OPTA: il partner ideale per i tuoi progetti di miglioramento Dal 1996 OPTA affianca le aziende con interventi di consulenza organizzativa,

Dettagli

Lean Accounting. Il Value Stream Costing >> 12. Nicola Gianesin

Lean Accounting. Il Value Stream Costing >> 12. Nicola Gianesin VSM 18-11-2009 10:40 Pagina 1 Sintesi Scopo di questo articolo è quello di approfondire il tema del Value Stream Costing, ossia di esporre come possano evolvere i sistemi di determinazione e controllo

Dettagli

4 Servizi e soluzioni

4 Servizi e soluzioni Servizi e soluzioni 4 Ogni azienda, nel senso etimologico del termine, è concepita come un sistema complesso composto da processi interdipendenti e correlati tra loro teso al raggiungimento di un obiettivo

Dettagli

Lean Services. Are you R.E.A.D.Y. for the Lean Transformation?

Lean Services. Are you R.E.A.D.Y. for the Lean Transformation? Lean Services Are you R.E.A.D.Y. for the Lean Transformation? L approccio JMAC per il mondo dei servizi La nostra proposta Il nostro modello di riferimento: lo schema S2P Mercato / Voice of the Customer

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

TECNOLOGIA, DESIGN E LEAN MANUFACTURING. L evoluzione passa dalle nostre mani

TECNOLOGIA, DESIGN E LEAN MANUFACTURING. L evoluzione passa dalle nostre mani TECNOLOGIA, DESIGN E LEAN MANUFACTURING L evoluzione passa dalle nostre mani 25 Novembre e 4 Dicembre 2014 Questo evento nasce dalla volontà congiunta di Ecipar Bologna, CNA Bologna, CNA Imola, in collaborazione

Dettagli

Risultati. Competenze. Soluzioni. Catalogo Formazione

Risultati. Competenze. Soluzioni. Catalogo Formazione Risultati Competenze Soluzioni Catalogo Formazione Benvenuti! Mauro Nardon, Consulente di Direzione e di Organizzazione Aziendale, Manager e tecnico di azienda, dopo aver acquisito negli anni adeguate

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il programma si propone di fornire alle aziende indicazioni che possano essere di supporto al miglioramento delle prestazioni del loro processo

Dettagli

Independent Market Energy Saving Consulting

Independent Market Energy Saving Consulting Independent Market ALENS è ESCo certificata UNI CEI 11352 da TÜV SUD Una nuova realtà nel settore della consulenza in campo energetico, nata dall esperienza pluriennale dei soci. Independent Market Chi

Dettagli

OSSERVATORIO PERMANENTE

OSSERVATORIO PERMANENTE DIPARTIMENTO DI SCIENZE STATISTICHE PAOLO FORTUNATI UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM OSSERVATORIO PERMANENTE SUL TRASPORTO CAMIONISTICO IN INTERPORTO BOLOGNA INDAGINE CONGIUNTURALE - I SEMESTRE

Dettagli

Fabrizio Bianchi-Università Carlo Cattaneo LIUC. di più con meno

Fabrizio Bianchi-Università Carlo Cattaneo LIUC. di più con meno Fabrizio Bianchi-Università Carlo Cattaneo LIUC di più con meno Lean Lean Manufacturing Lean Production Lean Factory Fabbrica Snella Produzione Snella Fabbrica Integrata.. Toyota Production System (TPS)

Dettagli

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso consente al partecipante di venire a conoscenza delle opportunità che la gestione del web marketing moderno

Dettagli

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE L approccio al processo di manutenzione Per Sistema Integrato di Produzione e Manutenzione si intende un approccio operativo finalizzato al cambiamento

Dettagli

Bologna 26/09/2013 VARVEL

Bologna 26/09/2013 VARVEL Bologna 26/09/2013 VARVEL AGENDA I numeri di VARVEL ing. Mauro Cominoli DG Varvel Production System ing. Mauro Melandri SCM I numeri di Varvel Capitale sociale: 2.000.000 Euro Anno di fondazione: 1955

Dettagli

LA NORMAZIONE ISO 9000

LA NORMAZIONE ISO 9000 LA NORMAZIONE ISO 9000 Le norme serie ISO 900x sono nate nel 1987; Introducono il concetto di assicurazione o garanzia della qualità Sostanzialmente un fornitore dovrebbe (volontariamente) certificarsi

Dettagli

FINANCIAL & ACCOUNTING BPO, GESTIONE DOCUMENTALE E CONSULTING SERVICES

FINANCIAL & ACCOUNTING BPO, GESTIONE DOCUMENTALE E CONSULTING SERVICES FINANCIAL & ACCOUNTING BPO, GESTIONE DOCUMENTALE E CONSULTING SERVICES In un contesto in rapida evoluzione e sempre più marcata competitività a livello globale per le aziende la focalizzazione sul core

Dettagli

Forum Day Mantova, 1 Dicembre 2010 «

Forum Day Mantova, 1 Dicembre 2010 « Forum Day Mantova, 1 Dicembre 2010 «Iso 9001:2015 i «Kata del miglioramento» Gazoldo, 28 Novembre 2014 CRITICITA E NODI Problema 5 Aumento della turbolenza e contrazione dei tempi operativi 1- Impegno

Dettagli

Il miglioramento in AVIO. Il sei sigma e il lean manufacturing

Il miglioramento in AVIO. Il sei sigma e il lean manufacturing Il miglioramento in AVIO Il sei sigma e il lean manufacturing 1 Contenuti Introduzione ad AVIO S.p.A. La decisione di avviare il programma Il programma Cartesio Plus Lean Sei Sigma Alcuni esempi Conclusioni

Dettagli

Il Progetto Gefran Lean Manufacturing 2008: illustrazione del progetto. Riccardo Ferrari (AQM S.r.l.) e Antonio Altobelli (AQM S.r.l.

Il Progetto Gefran Lean Manufacturing 2008: illustrazione del progetto. Riccardo Ferrari (AQM S.r.l.) e Antonio Altobelli (AQM S.r.l. Workshop: Lean Manufacturing 2008 il progetto Il Progetto Gefran Lean Manufacturing 2008: illustrazione del progetto Riccardo Ferrari (AQM S.r.l.) e Antonio Altobelli (AQM S.r.l.) Agenda Obiettivi della

Dettagli

Sviluppare una Manutenzione di eccellenza attraverso l integrazione con Produzione, Sistemi informativi, Acquisti e Contabilità Industriale

Sviluppare una Manutenzione di eccellenza attraverso l integrazione con Produzione, Sistemi informativi, Acquisti e Contabilità Industriale Sviluppare una Manutenzione di eccellenza attraverso l integrazione con Produzione, Sistemi informativi, Acquisti e Contabilità Industriale Assago, 18 Giugno 2013 AGENDA Presentazione azienda Premessa

Dettagli

Spin -Off dell Università di Urbino Carlo Bo

Spin -Off dell Università di Urbino Carlo Bo Spin -Off dell Università di Urbino Carlo Bo La Forza della Società Consortile Magie Del Fattore srl Mission 1 Il tema della produzione di energia e dell uso efficiente della stessa è spesso al centro

Dettagli

Maintenance & Energy Efficiency

Maintenance & Energy Efficiency Industrial Management School Maintenance & Conoscenze, metodi e strumenti per operare nel campo della gestione dell energia - Integrare le politiche di manutenzione con quelle legate all energia - Ottimizzare

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Optimize your energy park. www.en-come.com

Optimize your energy park. www.en-come.com Optimize your energy park / Supporto d ACQUISIZIONE / OPERAZIONI TECNICHE / OPERAZIONI COMMERCIALI / MIGLIORAMENTO DELLE PRESTAZIONI / SMALTIMENTO IMPIANTI IT www.en-come.com Supporto d ACQUISIZIONE SMALTIMENTO

Dettagli

EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni

EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni Workshop Chi Siamo EQO S.r.l. da oltre 10 anni riunisce professionisti provenenti da diversi settori e con differenti esperienze professionali,

Dettagli

Esistono cose urgenti perché ci si è mossi tardi

Esistono cose urgenti perché ci si è mossi tardi Consulenza Organizzativa e di Direzione Aziendale Esperti nella creazione, sviluppo e implementazione di Sistemi per l organizzazione aziendale: - Qualità ISO 9001 (2015) - Ambiente ISO 14001 - Gestione

Dettagli

Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna

Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna Renato Cavallari Consigliere di Amministrazione 21 novembre 2012 LUISS Business School - Roma Agenda Profilo

Dettagli

Lean Production. e approccio Just In Time CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE. Lean Production. Value stream e lotta agli sprechi

Lean Production. e approccio Just In Time CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE. Lean Production. Value stream e lotta agli sprechi Lean Production CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE Lean Production e approccio Just In Time! Insieme di attività integrate progettato per ottenere alti volumi produttivi pur utilizzando scorte

Dettagli

Il progetto Lean Accounting in Metal Work

Il progetto Lean Accounting in Metal Work Il progetto Lean Accounting in Metal Work Nel 2010 parte il progetto Lean Accounting in Metal Work con l obiettivo di costruire un sistema di lean accounting che affianchi e poi sostituisca il sistema

Dettagli

Che cos è. KanbanBOX è un servizio web-based che supporta l'azienda nell implementare, gestire e mantenere il flusso dei materiali a kanban.

Che cos è. KanbanBOX è un servizio web-based che supporta l'azienda nell implementare, gestire e mantenere il flusso dei materiali a kanban. www.kanbanbox.com Che cos è KanbanBOX è un servizio web-based che supporta l'azienda nell implementare, gestire e mantenere il flusso dei materiali a kanban. KanbanBOX è basato sui concetti di kanban elettronico

Dettagli

Ing.Dario Pellegrini Consulenza Strategica P.M.I. Industriali COMIG COMMISSIONE INGEGNERIA GESTIONALE

Ing.Dario Pellegrini Consulenza Strategica P.M.I. Industriali COMIG COMMISSIONE INGEGNERIA GESTIONALE COMIG COMMISSIONE INGEGNERIA GESTIONALE 1 In the middle of difficulty lies opportunity NELLE DIFFICOLTA CI SONO LE OPPORTUNITA 2 COSA FARE IN PERIODO DI CRISI? NON E LA PIU FORTE DELLE SPECIE CHE SOPRAVVIVE,

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

ECO-EFFICIENZA: COME FARE BUSINESS SALVAGUARDANDO L AMBIENTE. Bologna, 13 luglio 2009 Emilio Di Cristofaro

ECO-EFFICIENZA: COME FARE BUSINESS SALVAGUARDANDO L AMBIENTE. Bologna, 13 luglio 2009 Emilio Di Cristofaro ECO-EFFICIENZA: COME FARE BUSINESS SALVAGUARDANDO L AMBIENTE Bologna, 13 luglio 2009 Emilio Di Cristofaro 1 LO SCENARIO La PRESSIONE delle sedi internazionali per la difesa dell ambiente è ormai rilevante.

Dettagli

Gli indicatori per la misurazione e la valutazione. Stato dell arte della rilevazione avviata nelle grandi città: primi confronti Maggio 2014

Gli indicatori per la misurazione e la valutazione. Stato dell arte della rilevazione avviata nelle grandi città: primi confronti Maggio 2014 Gli indicatori per la misurazione e la valutazione della performance dei servizi nelle Grandi Città Stato dell arte della rilevazione avviata nelle grandi città: primi confronti Maggio 2014 Struttura 1.

Dettagli

SUMMARY REPORT MOPAmbiente. I principali risultati della ricerca

SUMMARY REPORT MOPAmbiente. I principali risultati della ricerca SUMMARY REPORT MOPAmbiente I principali risultati della ricerca VI Rapporto Periodo di rilevazione: 3 9 Novembre 2010 Metodologia: CATI; campione n=1000 casi, rappresentativo degli italiani dai 18 anni

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

fornitore globale per la GDO

fornitore globale per la GDO fornitore globale per la GDO evision srl è specializzata in soluzioni software per le aziende della Grande Distribuzione (alimentare e non), per le piattaforme ortofrutticole e per le aziende manifatturiere.

Dettagli

LeanOffice Simulation

LeanOffice Simulation EDIZIONE SPECIALE PER CONFINDUSTRIA PADOVA Formazione Esperienziale LEAN: LeanOffice Simulation Il presente documento è di supporto ad una presentazione orale. I contenuti potrebbero quindi non essere

Dettagli

READY-TO-GO PRODUZIONE

READY-TO-GO PRODUZIONE READY-TO-GO PRODUZIONE Modulo Standard QlikView OBIETTIVO Le aziende che fabbricano prodotti hanno la necessità di avere un controllo efficiente delle loro attività produttive e di assemblaggio. Questo,

Dettagli

Bavutti Paolo Consulting Come ridurre le scorte al minimo

Bavutti Paolo Consulting Come ridurre le scorte al minimo Bavutti Paolo Consulting Come ridurre le scorte al minimo Presentiamo una soluzione totalmente diversa da altre offerte sul mercato. Un vero e proprio strumento operativo capace di far ridurre in modo

Dettagli

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ L ANALISI DELLA CONCORRENZA E IL CUSTOMER VALUE MANAGEMENT 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ ADOTTARE UN PROCESSO DI CUSTOMER VALUE MANAGEMENT? La prestazione

Dettagli

I Tempi e Metodi nella Logistica Produttiva: un caso aziendale

I Tempi e Metodi nella Logistica Produttiva: un caso aziendale I Tempi e Metodi nella Logistica Produttiva: un caso aziendale È possibile parlare di logistica produttiva? Ed è possibile parlare di tempi e metodi nell ambito della logistica aziendale? Sempre più la

Dettagli

Lean Enterprise II. Lean production e territorio : efficienza dei processi aziendali nelle imprese del FVG

Lean Enterprise II. Lean production e territorio : efficienza dei processi aziendali nelle imprese del FVG Titolo.. Fare clic per modificare lo stile del titolo Lean Enterprise II Lean production e territorio : efficienza dei processi aziendali nelle imprese del FVG Un progetto FRIULIA SPA e MIB-School of Management

Dettagli

RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE

RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE CLECA S.p.A. RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE Titolo: Analisi dati riesame e Piani di Miglioramento Data emissione: 31/01/2006 ANALISI DEI DATI Nel mese di Giugno 2004 la CLECA

Dettagli

Lean organization: un opportunità per le aziende

Lean organization: un opportunità per le aziende Lean organization: un opportunità per le aziende Prof. Tommaso Rossi Università Carlo Cattaneo LIUC Lean Club, fondato da LIUC con: Parma, 29 marzo 2012 Lean filosofia produttiva consolidata che sposa

Dettagli

PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE PER AGENTI DEL CAMBIAMENTO LEAN: IMPARARE A TRASFORMARE LA SANITÀ ATTRAVERSO IL TOYOTA MANAGEMENT SYSTEM.

PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE PER AGENTI DEL CAMBIAMENTO LEAN: IMPARARE A TRASFORMARE LA SANITÀ ATTRAVERSO IL TOYOTA MANAGEMENT SYSTEM. PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE PER AGENTI DEL CAMBIAMENTO LEAN: IMPARARE A TRASFORMARE LA SANITÀ ATTRAVERSO IL TOYOTA MANAGEMENT SYSTEM. 26-29 SETTEMBRE 2013 LAGO DI GARDA CREDITI ECM LEAN HEALTHCARE MANAGEMENT

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.03 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

LA GESTIONE DEL PERSONALE E I SISTEMI DI INCENTIVAZIONE

LA GESTIONE DEL PERSONALE E I SISTEMI DI INCENTIVAZIONE LA GESTIONE DEL PERSONALE E I SISTEMI DI INCENTIVAZIONE Ing. Maurizio Boyer DAL 1986 SI OCCUPA DI LEAN ORGANIZATION Maurizio Boyer 13 ANNI DI ESPERIENZA IN DUE MULTINAZIONALI NEI SETTORI ACQUISTI, MATERIAL

Dettagli

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Corsi internazionali, corsi in house, master e convegni: la qualità dell insegnamento è sempre garantita da docenti selezionati,

Dettagli

ANALISI, IMPLEMENTAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO PREVENTIVO EX D.LGS. 231 IN UNA PICCOLA MEDIA IMPRESA.

ANALISI, IMPLEMENTAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO PREVENTIVO EX D.LGS. 231 IN UNA PICCOLA MEDIA IMPRESA. ANALISI, IMPLEMENTAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO PREVENTIVO EX D.LGS. 231 IN UNA PICCOLA MEDIA IMPRESA (Parte Speciale) 1 Indice: Parte Speciale Come si progetta, implementa e

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Il sistema informativo aziendale insieme delle attività connesse alla raccolta, analisi e rappresentazione delle informazioni interne ed esterne all'azienda dati indispensabili per poter valutare lo stato

Dettagli

MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE PON 2007-2013 Competenze per lo sviluppo (FSE) Asse II Capacità istituzionale Obiettivo H MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE 2011-2013 Percorso Autovalutazione Guidata CAF Feedback

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli

LO SVILUPPO DI UNA NUOVA CULTURA DI MANUTENZIONE. Parmalat S.p.A. Maintenance Stories 2011

LO SVILUPPO DI UNA NUOVA CULTURA DI MANUTENZIONE. Parmalat S.p.A. Maintenance Stories 2011 LO SVILUPPO DI UNA NUOVA CULTURA DI MANUTENZIONE Parmalat S.p.A Maintenance Stories 2011 Cesare Peloso Dir. Stabilimento Alex Del Monte Responsabile Produzione Rodolfo Rodolfi Responsabile Servizi Tecnici

Dettagli

Master in General Management

Master in General Management Master in General Management CALENDARIO Cenni di contabilità e Controllo di Gestione Dott.ssa Annarita Gelasio Venerdì 12 novembre dalle 9,00 13,00 e dalle 14,00 alle 18,00 Finanza e Gestione Aziendale

Dettagli

PerCorsi Lean Production Training per diventare snelli

PerCorsi Lean Production Training per diventare snelli PerCorsi Lean Production Training per diventare snelli I N D I C E Introduzione pag. 3 Lean Production pag. 4 Percorsi pag. 5 Zoom pag. 6 Contatti pag. 7 La formazione a firma Bosch TEC Bosch Training

Dettagli

Creatori di Eccellenza nella Supply Chain

Creatori di Eccellenza nella Supply Chain Creatori di Eccellenza nella Supply Chain Chi siamo Essere innovativi ma concreti, scommettere assieme sui risultati. Fare le cose che servono per creare valore nel miglior modo possibile. Questa è Makeitalia.

Dettagli

Francesco Calì. Value Purchasing. Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto. MANAGEMENT FrancoAngeli

Francesco Calì. Value Purchasing. Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto. MANAGEMENT FrancoAngeli Francesco Calì Value Purchasing Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto MANAGEMENT FrancoAngeli MANAGEMENT Visioni, esperienze, metodologie per potenziare competenze e capacità: proprie

Dettagli

Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione

Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione Un percorso dedicato Riduzione costi Qualità Oobeya Room Product Development Value Stream Map

Dettagli

Product Quality Assurance

Product Quality Assurance Product Quality Assurance Focus ProdQual è una suite di applicazioni software con cui gestire in modo semplice ed efficace il processo di Assicurazione Qualità del prodotto. FocusProdQual sirivolgealleaziendeproduttricicheintendonointegrare

Dettagli

E f f i c i E n z a EnErgEtica

E f f i c i E n z a EnErgEtica Efficienza Energetica La produzione di energia elettrica da fonti tradizionali e una cultura basata sull utilizzo non razionale dell energia ormai fanno parte del passato e sono modelli non sostenibili

Dettagli

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD di Davide Mondaini e Violante Battistella (*) I costi logistici rappresentano una voce rilevante all interno del Conto Economico aziendale.

Dettagli

Migliorare il processo produttivo con SAP ERP

Migliorare il processo produttivo con SAP ERP ICI Caldaie Spa. Utilizzata con concessione dell autore. Migliorare il processo produttivo con SAP ERP Partner Nome dell azienda ICI Caldaie Spa Settore Caldaie per uso residenziale e industriale, generatori

Dettagli

LE POLITICHE DI DISTRIBUZIONE

LE POLITICHE DI DISTRIBUZIONE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia LE POLITICHE DI DISTRIBUZIONE a.a. 2008-2009 Prof. Elisabetta Savelli 1 LE SCELTE FONDAMENTALI 1. lunghezza del canale 2. copertura distributiva

Dettagli

L ACTIVITY BASED COSTING

L ACTIVITY BASED COSTING ANALISI E CONTABILITA DEI COSTI I e I + II ANALISI E CONTABILITA DEI COSTI L ACTIVITY BASED COSTING Queste sono le novità rispetto ai sistemi tradizionali: * Costo pieno * Attività * Cost driver 3 Activity

Dettagli

La Lean Maintenance applicata ad un flusso produttivo Pull

La Lean Maintenance applicata ad un flusso produttivo Pull La Lean Maintenance applicata ad un flusso produttivo Pull Enzo Violi Direttore Stabilimento ITT-LOWARA di Montecchio Maggiore (VI) Maintenance Stories maggio PROFILO AZIENDALE Divisioni della Corporation

Dettagli

CLUSTER TECNOLOGICI NAZIONALI

CLUSTER TECNOLOGICI NAZIONALI CLUSTER TECNOLOGICI NAZIONALI Leda Bologni ASTER Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura CINECA 22 aprile 2015 AGENDA L iniziativa CTN I cluster costituiti Le attività di sistema I progetti di R&S

Dettagli

APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI

APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI Area Progettazione Area Acquisti Area Produzione Area Assistenza Tecnica Area Marketing

Dettagli

Tempi e metodi nella logistica di magazzino e produttiva. Un caso aziendale

Tempi e metodi nella logistica di magazzino e produttiva. Un caso aziendale Tempi e metodi nella logistica di magazzino e produttiva. Un caso aziendale È possibile parlare di tempi e metodi nell ambito della logistica aziendale? È possibile parlare di logistica produttiva? Ed

Dettagli

Informazioni contenute nel registro progetti: codice identificativo del progetto responsabile (project manager) e % di tempo dedicata al progetto

Informazioni contenute nel registro progetti: codice identificativo del progetto responsabile (project manager) e % di tempo dedicata al progetto BIBLIOGRAFIA G. Spina, La gestione dell impresa, Etas Daft, Organizzazione Aziendale, Apogeo, 2001 Grandori, L organizzazione delle attività economiche, Il Mulino, 1995 Mintzberg, La progettazione dell

Dettagli

LEAN MANUFACTURING AND WAREHOUSING

LEAN MANUFACTURING AND WAREHOUSING LEAN MANUFACTURING AND WAREHOUSING La produzione snella: eliminare gli sprechi aziendali 2010 www.ailog.it LEAN MANUFACTURING AND WAREHOUSING La produzione snella: eliminare gli sprechi aziendali 18 gennaio

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! VERONA ottobre 2013 IL METODO WORLD CLASS MANUFACTURING (WCM) RIDUZIONE DEI COSTI CON INCREMENTO DELL EFFICIENZA AZIENDALE. ASPETTI RELATIVI ALLA SICUREZZA ED ALLA MANUTENZIONE

Dettagli

58 tecnologie meccaniche Febbraio 2013 www.techmec.it

58 tecnologie meccaniche Febbraio 2013 www.techmec.it Fornire supporto alle aziende lungo l intero processo manifatturiero è il core business di Protesa. La società imolese, forte di un esperienza tecnologica e organizzativa maturata all interno del Gruppo

Dettagli

+5% di on-time-delivery a parità di magazzino: sincronizzare domanda e offerta con una pianificazione agile Il caso Seitron SpA.

+5% di on-time-delivery a parità di magazzino: sincronizzare domanda e offerta con una pianificazione agile Il caso Seitron SpA. +5% di on-time-delivery a parità di magazzino: sincronizzare domanda e offerta con una pianificazione agile Il caso Seitron SpA. Global Logistics& Supply Chain Summit 19 novembre 2015 Filippo Tonutti,

Dettagli

DBA Group DIAGNOSI ENERGETICHE

DBA Group DIAGNOSI ENERGETICHE DBA Group DIAGNOSI ENERGETICHE Settembre 2015 OBBLIGHI DERIVANTI DAL DECRETO 102 SULL EFFICIENZA ENERGETICA DELLE AZIENDE SETTORE EFFICIENZA ENERGETICA Referenze Diagnosi Energetiche 2 OBBLIGHI DERIVANTI

Dettagli

INSERIRE LOGO CLIENTE GRANDE SERVICE FACTORY. Un ufficio vero per apprendere dall esperienza

INSERIRE LOGO CLIENTE GRANDE SERVICE FACTORY. Un ufficio vero per apprendere dall esperienza INSERIRE LOGO CLIENTE GRANDE SERVICE FACTORY Un ufficio vero per apprendere dall esperienza Che cos e la Service Factory? La Service Factory è un laboratorio di formazione all interno del quale si apprende

Dettagli

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007 Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza e formazione M&IT Consulting s.r.l. Via Longhi 14/a 40128 Bologna tel. 051 6313773 - fax. 051 4154298 www.mitconsulting.it info@mitconsulting.it SVILUPPO,

Dettagli

La gestione dei rapporti con i fornitori è un tema cruciale per le grandi Aziende nello scenario attuale del mercato e delle sue logiche di sviluppo.

La gestione dei rapporti con i fornitori è un tema cruciale per le grandi Aziende nello scenario attuale del mercato e delle sue logiche di sviluppo. La gestione dei rapporti con i fornitori è un tema cruciale per le grandi Aziende nello scenario attuale del mercato e delle sue logiche di sviluppo. Il perfezionamento delle relazioni operative tra grandi

Dettagli

executive master www.cspmi.it General Management Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti.

executive master www.cspmi.it General Management Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti. executive master COURSE www.cspmi.it General Management Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti. EXECUTIVE MASTER COURSE General Management PREMESSA Le figure al timone di un azienda hanno

Dettagli

www.leanfactoryschool.it catalogo corsi

www.leanfactoryschool.it catalogo corsi www.leanfactoryschool.it catalogo corsi Lean Factory School Gli obiettivi 99 Capire i principi e le tecniche Lean mettendoli in pratica, in modo coinvolgente 99 Lavorare in un ambiente produttivo reale,

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

Avete un problema di automazione industriale? Per ogni problema esiste la soluzione, e se siete qui l avete già trovata.

Avete un problema di automazione industriale? Per ogni problema esiste la soluzione, e se siete qui l avete già trovata. Avete un problema di automazione industriale? Per ogni problema esiste la soluzione, e se siete qui l avete già trovata. Dal 1987 risolvo problemi di automazione industriale. Aziende leader nei settori

Dettagli