Il Dottorato di Ricerca in Metodologie e Tecniche Appropriate nella Cooperazione Internazionale allo Sviluppo PRESENTAZIONE DELLE RICERCHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Dottorato di Ricerca in Metodologie e Tecniche Appropriate nella Cooperazione Internazionale allo Sviluppo PRESENTAZIONE DELLE RICERCHE"

Transcript

1 Il Dottorato di Ricerca in Metodologie e Tecniche Appropriate nella Cooperazione Internazionale allo Sviluppo Coordinatore: prof. Carlo Collivignarelli Co-coordinatore: prof. Francesco Castelli PRESENTAZIONE DELLE RICERCHE 20 giugno 2011 Brescia

2 Il Dottorato di Ricerca in "Metodologie e tecniche appropriate nella cooperazione internazionale allo sviluppo" è supportato dal Fondo Alberto Archetti istituito presso la Fondazione della Comunità Bresciana 1

3 Curriculum Tecnologico 2

4 Nome Cognome: Daniela Giardina Anno di corso: XXIV ciclo Titolo della ricerca: Approccio critico alla fornitura di servizi igienico sanitari in situazioni di post-emergenza: considerazioni per una ricostruzione sostenibile Sede del progetto: Haiti Partner: CESVI Fondazione Onlus Inquadramento del contesto e della problematica Nei paesi in via di sviluppo circa 1.8 milioni di morti ogni anno, la maggior parte bambini al di sotto di cinque anni di età, avvengano a causa di malattie diarroiche, provocate da situazioni di difficoltà di reperimento di acqua potabile, mancanza di strutture igienico-sanitarie e scarse pratiche igieniche (Boschi-Pinto, 2008). Con la definizione degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (OSM), la comunità internazionale si è impegnata entro il 2015 a ridurre della metà il numero di persone senza accesso sostenibile all acqua potabile e a sistemi igienici di base riscontrato nel Tuttavia, ad oggi, 2.6 miliardi di persone non dispongono di sistemi igienico-sanitari e 884 milioni non hanno accesso a sistemi migliorati di approvvigionamento idrico (WHO/UNICEF, JMP, 2010). Ci sono molti fattori che contribuiscono a rallentare il raggiungimento degli obiettivi del millennio: mancanza di fondi e scarsa capacità gestionale, ma anche una forte crescita demografica, condizioni di povertà cronica, conflitti, instabilità politica e disastri naturali (ECHO, 2005). Negli ultimi 20 anni, più di due milioni di persone hanno perso la vita a causa di un disastro naturale e, di queste, il 97% risiedeva in paesi in via di sviluppo. Nei paesi in via di sviluppo, si riscontra un più elevato tasso di mortalità, perdite e rischi di diffusione di epidemie (soprattutto nei campi di sfollati/rifugiati). In situazioni di emergenza, come quelle create da disastri naturali, le agenzie umanitarie hanno il mandato di rispondere ai bisogni fondamentali, soprattutto quando lo Stato non ha la capacità di gestire situazioni complesse. Insieme a cibo e riparo, acqua potabile e servizi igienico-sanitari sono fondamentali per un rapido recupero e per ridurre il rischio di epidemie e malattie enteriche. L'assenza o la cattiva gestione di questi servizi genera o aumenta i livelli di povertà provocando un impatto sulla salute pubblica, sulla produttività, sullo sviluppo, sulla qualità della vita e dell'ambiente (IRC, 2006). Quando si verifica un disastro, un elevato numero di persone è costretto a sfollare e ad organizzarsi in campi spontanei, spesso affollati, con scarso accesso a fonti di approvvigionamento idrico di buona qualità, e a idonei servizi igienici. Tifo e altre malattie diarroiche hanno un rischio maggiore di diffusione quando mancano le strutture adeguate e non si rispettano adeguati criteri di igiene. Cruciale è quindi, provvedere all approvvigionamento idrico sicuro e a fornire sistemi di raccolta e di smaltimento dei reflui civili, rifiuti solidi. La ricerca nasce da una collaborazione con il CESVI, Fondazione Onlus di Bergamo, in risposta al terremoto di magnitudo di 7.0 ML del 12 gennaio 2010, che ha devastato la capitale di Haiti, Port-au-Prince, e la regione occidentale dell'isola, provocando la morte di oltre persone e lo sfollamento di più di 1 milione e 300,000. Finalità La ricerca vuole evidenziare le difficoltà affrontate dalle risposte umanitarie nel porre le basi per una fornitura di sistemi igienico-sanitari che garantiscano una sostenibilità a lungo termine. Per raggiungere questo obiettivo, la ricerca si propone di: 1. Esaminare gli approcci attuali utilizzati per la fornitura di servizi igienico sanitari in interventi di sviluppo e in risposta alle emergenze, mettendone in evidenza le differenze. 2. Identificare le principali criticità per l integrazione dei fattori di sostenibilità per l implementazione di tali interventi in fase di post-emergenza/ricostruzione (caso studio Haiti). 3. Proporre strategie che possano essere applicate in post-emergenza al fine di ridurre e mitigare i rischi di ulteriori disastri. 3

5 Attività svolte e risultati Differenti sono gli approcci utilizzati per progetti di sviluppo e per gli interventi in emergenza: dal confronto degli approcci si sono evidenziate le principali differenze/divari, e alcune delle problematiche. Per lo sviluppo, infatti, esistono diversi approcci che cercano di affrontare la sostenibilità a lungo termine. Essi variano tra zone rurali (es. Community Led Total Sanitation) e zone urbane (es. Households Centered Sanitation); altri sono più focalizzati sui cambiamenti di comportamenti igienici (ad esempio PHAST/CHAST); fino agli ultimi approcci che prevedono l incremento della domanda da parte della popolazione tramite approcci commerciali (es. Sanitation Marketing, Sanitation as a business). Per le emergenze, la maggior parte dei fattori di sostenibilità sono esclusi dal processo di pianificazione, poiché l obiettivo principale è la risposta rapida nella prima fase di soccorso. Un equilibrio tra interventi rapidi e una pianificazione attenta dovrebbe essere ricercato ad ogni stadio del processo stesso di pianificazione per poter essere efficace. Le misure previste per stabilizzare l emergenza dovrebbero essere quindi pianificate in armonia con bisogni di lungo termine, senza per questo ritardare gli interventi. Dal 28 febbraio 2010 al 18 marzo, è stata effettuata una valutazione ambientale e igienico-sanitaria presso le città di Grand-Goave e Petit-Goave, a ovest della capitale, mirata ad identificare gli attori principali -istituzioni, agenzie internazionali, e organizzazioni umanitarie- e i loro ruoli, e fornire indicazioni tecniche per la costruzione di latrine di emergenza nei campi di sfollati e la costruzione e riabilitazione di latrine esistenti in alcune scuole primarie e secondarie di Petit-Goave e Grand-Goave. La missione sul campo ha permesso di analizzare le criticità in termini tecnologici, ambientali, sociali e culturali, economici e finanziari, istituzionali. La scelta di una tecnologia appropriata è complessa e deve essere adeguata al caso specifico: per questo sono state analizzate le tipologie di latrine costruite dalle principali organizzazioni internazionali, ed è stato effettuato un confronto tra le scelte tecnologiche adottate. Inoltre, a seguito dell analisi in loco, sono state individuate le seguenti condizioni che influenzano la scelta tecnologica: difficoltà di reperimento di acqua; non disponibilità di operatori qualificati; mancanza di impianti di trattamento dei fanghi; falda freatica alta (4-5 m rispetto al piano campagna); alto rischio di contaminazione delle falde con i sistemi esistenti (simple pit latrines di 3 m di profondità); alte temperature durante tutto l'anno e presenza di stagioni delle piogge. Dopo aver individuato i principali ostacoli, limitate scelte tecniche sono state identificate. Esse comprendono servizi igienici a secco, come ad esempio: latrine a compost, latrine a doppia fossa, latrine sopraelevate. Un'analisi comparativa ha dimostrato che le soluzioni di cui sopra sono quelle che minimizzano i rischi ambientali ad Haiti, ma comportano un forte impegno da parte della comunità per un buon funzionamento e la loro manutenzione. In particolare, è stata selezionata come tecnologia pilota la tipologia a doppia fossa, con drenaggio delle urine in una vasca piantumata di evapotraspirazione. In una missione successiva, svoltasi tra Settembre e Dicembre 2010, è stata effettuata una valutazione dettagliata delle infrastrutture presenti presso 42 scuole di progetto. Sono stati raccolti questionari specifici rivolti a studenti e docenti delle scuole, per valutare i comportamenti che potrebbero causare rischi per la trasmissione di malattie a trasmissione oro-fecale. Osservazioni dirette hanno dimostrato che le scuole mancano di accesso ad acqua potabile, servizi igienico-sanitari adeguati e strutture destinate al lavaggio mani; inoltre la promozione all'igiene non è inserita nel curriculum scolastico. Interviste semi-strutturate con i direttori delle scuole hanno rivelato che i principali vincoli per migliorare reti idriche e servizi igienici sono legati a problemi economici e alle perdite infrastrutturali dopo il terremoto. Dal momento che Haiti è minacciata da catastrofi naturali (uragani, alluvioni, terremoti ecc.), una riduzione del rischio di catastrofi e un piano di contingenza dovrebbero essere sviluppati per le scuole al fine di poter sostenere gli sfollati che vi cercano riparo dopo il disastro. Uno stock di materiali utili alla prima emergenza dovrebbe essere incluso, considerando anche la fornitura di servizi igienico sanitari supplementari al fine di evitare sovraccarichi e sostenere così il ri-avvio delle attività scolastiche. Utilizzare l emergenza come un punto di ingresso per catalizzare gli sforzi per la fornitura di servizi igienicosanitari verso la realizzazione degli OSM, concentrandosi sulle scuole come un potenziale legame per una fase di ricostruzione sostenibile, potrebbe avere un impatto maggiore nella creazione di una comunità più resiliente. Sviluppi futuri In situazioni di emergenza è molto più complesso includere criteri di sostenibilità di lungo periodo ma è possibile identificare alcuni approcci comuni. Ad esempio, fornire opportuno supporto alle scuole, può essere facilitare la transizione tra fase di emergenza e fase di ricostruzione/sviluppo. A seguito di queste missioni, si stanno definendo alcune misure di mitigazione, soprattutto per le scuole che possano essere implementate durante la fase di ricostruzione, promuovendo la riduzione della vulnerabilità e rafforzando le capacità locali. 4

6 Nome Cognome: Francesco Vitali Anno di corso: XXIV ciclo Titolo della ricerca: Tecnologie appropriate per la valorizzazione delle risorse energetiche a livello domestico nella valle del Logone Sede del progetto: Bongor (Ciad) Partner: ACRA Inquadramento del contesto e della problematica Nei Paesi in Via di Sviluppo la deforestazione è uno dei più urgenti problemi ambientali e una delle sue cause primarie è l utilizzo della legna come combustibile domestico: questa pratica ha implicazioni negative per l ambiente a livello locale e globale. Oltre a questo, donne e bambini sono soggetti a gravi conseguenze sulla salute, attribuibili al fumo generato dall utilizzo di legna nelle pratiche di cucina domestica: il fumo domestico, potenzialmente cancerogeno e causa di problemi respiratori, è individuato dal WHO (World Health Organization) e UNEP (Unite Nations Environment Programme) (2009) come causa di quasi 2 milioni di morti all anno, più della malaria e della tubercolosi. Il Ciad, paese dove è implementato il presente progetto di ricerca, è una tra le nazioni più povere e arretrate del mondo, con un indice di sviluppo pari a 0,295 che lo colloca al 163 posto su 169 paesi analizzati. Situandosi in piena fascia Saheliana, la problematica sopra descritta è sentita in modo particolarmente forte sia dall ambiente naturale, che va incontro ad un sempre più rapido depauperamento delle risorse forestali, sia dalla popolazione, che ancora utilizza sistemi di cottura basati sull utilizzo di bracieri tradizionali, come il fuoco a 3 pietre. Finalità La ricerca ha come obiettivo l individuazione e lo sviluppo di tecnologie appropriate al contesto per la produzione di energia primaria a livello domestico: da un lato viene approfondita la necessità di migliorare l efficienza dei sistemi tradizionali di combustione, comparando diverse opzioni tecnologiche, e dall altro viene sperimentata l introduzione di nuove soluzioni, che permettano la valorizzazione di fonti energetiche alternative di scarto. L impatto sulla popolazione locale e l accettazione da parte della stessa sono elementi indispensabili a valutare l appropriatezza delle tecnologie proposte; focalizzarne l influenza sul successo di un progetto di cooperazione allo sviluppo è uno degli obiettivi della ricerca. Attività svolte In Ciad da gennaio 2009 per ordinanza governativa sono vietate la produzione e la compravendita di carbone da legna e di legna da taglio. Ciò ha rappresentato un radicale cambiamento nelle abitudini della popolazione locale, che improvvisamente si è ritrovata a dovere trovare un alternativa al principale combustibile domestico fino ad allora utilizzato. Le attività di ricerca si appoggiano a un progetto di cooperazione internazionale, implementato in loco dall ONG ACRA di Milano, che tra i suoi obiettivi ha la promozione di tecnologie innovative per ridurre il consumo di legna: tale bene primario, a seguito dell introduzione del sopracitato divieto, sta subendo rincari sempre maggiori a fronte di un offerta sempre minore, dovuta anche alle sempre più ridotte disponibilità naturali. 5

7 La comparazione dei forni-stufe disponibili localmente è una delle attività svolte in loco: è infatti necessaria per valutare quale sia il modello più appropriato alla realtà locale sotto molteplici punti di vista (rendimento energetico, tempi e quantità di combustibile necessari, riproducibilità e adattamento alle pratiche locali, etc.). Inoltre l applicazione di una metodologia scientifica permette di ottenere risultati interpretabili e confrontabili (tra loro e con quelli ottenuti in altri contesti più o meno simili) senza ambiguità per l interferenza di particolari condizioni locali. Nell ambito della ricerca di possibili soluzioni alternative, è stata implementata la sperimentazione di un modello di stufa proposto dal CeTAmb che utilizza biomasse di scarto difficilmente combustibili: in particolare è stata rilevata in loco la disponibilità di rilevanti quantitativi di lolla di riso durante la stagione della raccolta. Tale biomassa attualmente non ha alcun utilizzo né alcun mercato e viene quindi scartata dai coltivatori locali. Nel corso di missioni in loco sono stati realizzati e testati dei prototipi di questo modello con materiali locali. Risultati Nell ambito della comparazione dei diversi tipi di braciere si è verificata la validità del modello Centrafricain, del quale il progetto promuove la diffusione, attraverso delle prove sia di ebollizione sia di cottura di cibi secondo le pratiche locali. Si è partecipato anche alla formazione di un gruppo di donne alla realizzazione di bracieri migliorati in argilla, che garantiscono una riduzione nel consumo di legna grazie ad un minimo isolamento della camera di combustione rispetto al tradizionale modello a 3 pietre. Attraverso un indagine comparativa tra gruppi di famiglie che hanno adottato l utilizzo di stufe migliorate si è potuto quantificare un risparmio di legna pari ad oltre il 50% rispetto a quella consumata con bracieri tradizionali. Il monitoraggio della qualità dell aria domestica ha permesso di apprezzare anche una sensibile riduzione delle concentrazioni di sostanze dannose per la salute (CO e particolato fine). La realizzazione in loco di un prototipo di stufa a biomasse, secondo il progetto realizzato in precedenza presso i laboratori dell Università degli Studi di Brescia, ha permesso di superare le difficoltà nel reperimento dei materiali, elaborando soluzioni alternative più economiche ed applicabili al contesto locale, mantenendo al tempo stesso buoni risultati sull efficienza energetica della tecnologia proposta. In particolare l introduzione di questo modello di stufa permetterebbe alla popolazione locale di utilizzare un combustibile che attualmente ha un costo nullo e di diminuire l impatto sanitario da inquinamento dell aria domestica, essendo dotato di ciminiera per l allontanamento dei fumi di combustione. Sviluppi futuri Nel corso dell ultima missione si è verificata la continuità della produzione delle stufe da parte degli artigiani formati (oltre 3500 stufe a legna prodotte da 20 artigiani) e l utilizzo da parte della popolazione locale nelle pratiche di cucina quotidiane. Una valutazione oggettiva dell impatto dell intervento sotto diversi punti di vista (ambientale, sanitario, socio-economico, etc.) potrà fornire un importante spinta per la diffusione dei modelli proposti a scala maggiore, raggiungendo una fascia più ampia di popolazione. L esperienza in loco e il confronto sia con esperti di settore sia con le esigenze delle famiglie, ha portato a una revisione del disegno stufa a lolla di riso. Attualmente è in corso una fase di sviluppo al fine di migliorarne l applicabilità al contesto locale e l affidabilità nelle prestazioni. 6

8 Nome Cognome: Riccardo Bigoni Anno di corso: XXV ciclo Titolo della ricerca: Disinfezione dell acqua potabile tramite un concentratore solare lineare parabolico Sede del progetto: Baboné (Camerun) Inquadramento del contesto e della problematica Partner: ADA Onlus (BS), I.S. C. Golgi (BS), I.T.I. G. Galilei (MN), Ditta Radice (CO), Universitá di Dschang (Camerun) Nei Paesi in Via di Sviluppo il problema della contaminazione microbiologica dell acqua potabile rientra tra i principali fattori che incidono sulla salute delle popolazioni. Molte volte infatti, l utilizzo di una fonte non protetta, la non completa conoscenza di tecnologie idonee al trattamento e la poca consapevolezza delle problematiche legate alla scarsa qualità dell acqua contribuiscono a rendere sempre piú difficile il raggiungimento di standard di qualità affinché lo stato della salute delle popolazioni migliori. La presente ricerca si propone di affrontare i problemi legati al difficile accesso alle fonti di acqua potabile da parte delle popolazioni che abitano nelle zone rurali nella regione dell Ovest del Camerun. Molto diffusi infatti, sono i villaggi dove, pur essendoci una discreta quantità d acqua durante l anno, mancano i sistemi di distribuzione dell acqua e i sistemi di trattamento capaci di garantire la qualità dell acqua. L obiettivo generale della ricerca è quindi quello di realizzare un sistema di trattamento a basso costo, costruito con materiali locali facilmente reperibili sul territorio e in grado di soddisfare il fabbisogni idrico delle popolazioni. Finalità Il progetto prevede la progettazione e l installazione di un concentratore solare di tipo parabolico lineare, in grado di aumentare la temperatura dell acqua contenuta all interno della tubazione passante per il fuoco della parabola, fino alla completa inattivazione dei microrganismi patogeni presenti nell acqua in ingresso al sistema. La ricerca si pone i seguenti obiettivi: Attività svolte progettazione, costruzione e monitoraggio di un concentratore solare pilota; identificazione di un sito appropriato per l installazione di un concentratore in un contesto rurale nella regione dell Ovest del Camerun; progettazione, costruzione e monitoraggio di un sistema di trattamento dell acqua composto da un concentratore solare pilota per effettuare la disinfezione dell acqua presso il villaggio di Baboné; sensibilizzazione della popolazione sulle problematiche legate alla scarsa qualità dell acqua potabile. Nell ambito del progetto sono state svolte diverse attività sia in Italia presso tutti i partner coinvolti sia in Camerun presso il villaggio di Baboné e l Universitá di Dschang. Inizialmente è stato studiato e riadattato l uso del sistema a concentrazione solare per l applicazione come trattamento di potabilizzazione dell acqua nei PVS. Sono stati costruiti 8 moduli di 1 m di lunghezza e 2 m di larghezza cad. in ferro di forma parabolica, per poter allestire i primi concentratori pilota. Nel mese di Giugno e Luglio 2010 è stato realizzato il primo concentratore solare pilota di 1 m di lunghezza funzionante in condizioni di acqua ferma. Con l utilizzo di questo primo concentratore sono state svolte misure di temperatura per valutare la 7

9 variazione della temperatura dell acqua contenuta nella tubazione nel tempo e prove microbiologiche per determinare il rendimento di abbattimento della carica microbica della acqua in ingresso in funzione del tempo e della temperatura di esposizione. Terminata la fase di sperimentazione in condizioni di acqua ferma all interno del concentratore è stato allestito, sul tetto delle Facoltá di Ingengeria dell Universitá di Brescia, un nuovo concentratore pilota di 5 m di lunghezza funzionante in condizioni di acqua in movimento. Anche per questo sistema sono state svolte misure di temperatura e prove microbiologiche. Contemporaneamente a questa fase di sperimentazione è stato progettato e realizzato un prototipo di concentratore solare di 5 m di lunghezza, ruotabile attorno all asse focale per seguire con precisione lo spostamento stagionale del sole. Oltre alla fase di sperimentazione in Italia con i concentratori pilota sono state compiute due missioni (Settembre 2010 e Maggio 2011) nel villaggio di Baboné per effettuare un indagine del contesto sociale e territoriale destinato all installazione di un concentratore solare, un indagine della risorsa idrica nel territorio in esame e alcune analisi della qualitá fisico-chimica, chimica e microbiologica dell acqua utilizzata a scopo idropotabile. Risultati La sperimentazione fino ad ora condotta attraverso i concentratori pilota ha fornito dei risultati soddisfacenti sia per la rapiditá con cui si raggiungono le temperature richieste per disinfettare l acqua sia per la capacitá di abbattimento della carica microbica in ingresso. Il collettore solare, infatti, è in grado di riscaldare un volume di 1 L di acqua in meno di 10 minuti e di ottenere ottime rese di disinfezione quando si porta l acqua alla temperatura di 85 C per almeno 2 minuti di esposizione. Dalle indagini in loco è stata riscontrata l assenza di un sistema di distribuzione e di trattamento dell acqua che giá alla fonte è risultata contaminata. La particolare posizione geografica, la costante presenza d acqua durante l anno e la disponibilità di materiali per la costruzione di un concentratore solare rendono idoneo l utilizzo di un concentratore solare per disinfettare l acqua. Sviluppi futuri Le osservazioni scaturite dalle fasi sperimentali portano a pianificare le successive fasi in modo da destinare ancora parte del lavoro all approfondimento del funzionamento del sistema soprattutto in vista dell applicazione a un caso reale. Di conseguenza le fasi future del progetto riguarderanno la definizione di tutte le componenti del sistema per la futura applicazione a scala reale, la realizzazione, spedizione e installazione di un concentratore solare pilota nel villaggio di Baboné e il monitoraggio del concentratore installato. Infine, è prevista una fase di formazione del personale locale incaricato alla gestione del concentratore a avviamento avvenuto. 8

10 Nome Cognome: Franco Hernan Gómez Tovar Anno di corso: XXV ciclo Titolo della ricerca: Gestione integrata delle acque reflue nei quartieri della periferia di Ciudad Guayana - Venezuela Sede del progetto: Ciudad Guayana - Venezuela Partner: Servizio Volontario Internazionale SVI Brescia Inquadramento del contesto e della problematica La ricerca è sviluppata nel quartiere Moscú situato nella periferia di San Felix in Ciudad Guayana (Republica Bolivariana de Venezuela). Il lavoro fino ad ora svolto è stato sviluppato nell ambito delle attività di ricerca del CeTAmb (Centro di Documentazione e Ricerca sulle tecnologie appropriate per la gestione dell'ambiente nei PVS) in collaborazione con la ONG italiana Servizio Volontariato Internazionale di Brescia (SVI), con il partner locale Centro de Formación Guayana (CFG) e un gruppo di donne chiamato Salud para Guyana (Sapagua). Il progetto è iniziato nel novembre 2010 ed é tuttora in corso. La ricerca è iniziata con una visita tecnica di inquadramento svolta nei mesi di novembre-dicembre 2010 ed è servita per dare un quadro sulla situazione ambientale e territoriale della zona. Si è potuto osservare che nel quartiere, la problematica ambientale riguarda, a livelli differenti, le principali tematiche dell ingegneria sanitaria ambientale: acque potabili, acque nere e grigie e rifiuti solidi urbani. Tuttavia, la problematica più rilevante risulta essere quella legata alla gestione delle acque nere e delle acque grigie. Infatti, l attuale rete fognaria non garantisce la copertura dell intero quartiere, come avviene in molte città dell America Latina. Finalità Sviluppare delle soluzione a livello tecnologico e metodologico appropriate per risolvere le problematiche ambientali riscontrate nel quartiere, con particolare attenzione alle acque grigie. Tali proposte devono essere accompagnate da attività di educazione e sensibilizzazione rivolte alla comunità del quartiere sul tema ambientale e sanitario, avendo constatato che giá esistono condizioni di tipo organizzativo e comunitario utili a sviluppare iniziative pilota e sperimentali. Attività svolte L'attività di ricerca é stata suddivisa in 3 fasi: la prima riguarda l'analisi territoriale e ambientale del quartiere, effettuato alla fine del 2010; la seconda fase riguarda lo studio di tecnologie appropriate al fine di definire una proposta tecnica sostenibile e la fase finale riguarderà la realizzazione e il monitoraggio della tecnologia proposta nel quartiere in esame. In questo momento, la prima fase è stata completata ed è in corso la seconda fase. Risultati La ricerca ha ottenuto dati frutto della prima fase del progetto basato sull indagine in loco condotta effettuando visite, interviste e incontri con la comunità locale, con le istituzioni governative e le università. Di seguito sono riportate le principali informazioni raccolte. 9

11 L'area di studio ha una superficie di m 2, una popolazione composta da 75 famiglie che vivono in 69 case. La popolazione è suddivisa in 153 adulti e 151 bambini. Il 64% delle case sono costruite utilizzando lastre di zinco. Le persone hanno un basso reddito e i servizi di salute sono precari. La creazione del quartiere risponde alla delocalizzazione delle famiglie nel 1995, provenienti da un settore ubicato in una zona a rischio geologico. La totalità delle abitazioni del quartiere é collegata a un sistema di distribuzione di acqua potabile proveniente dalle acque del fiume Caroni successivamente trattata mediante: coagulazione, flocculazione, sedimentazione, filtrazione a sabbia e disinfezione con cloro. Per quanto riguarda le acque nere, solo il 13% dei nuclei familiari sono connessi alla rete fognaria, il 63% delle case hanno gabinetti ad acqua collegati a fosse disperdenti nel terreno, il 24% delle famiglie non ha nessun sistema di scarico. In 52 famiglie l acqua grigia (proveniente da lavandini, docce, lavatrici) prodotta viene sparsa per le strade senza alcun controllo. La popolazione soffre di episodi di diarrea, dolori allo stomaco, parassiti intestinali. Ciò è confermato dalla presenza di batteri coliformi nell'acqua per consumo umano. Sviluppi futuri Per la scelta e l implementazione a scala pilota del trattamento ritenuto più appropriato per il trattamento delle acque grigie, le attività riguarderanno: analisi chimiche e microbiologiche delle acque grigie, lo studio dei vantaggi e degli svantaggi delle diverse tecnologie e progettazione, costruzione e monitoraggio dell impianto pilota sperimentale per il trattamento delle acque grigie a livello domestico. Inoltre, verranno individuate forme di smaltimento e recupero appropriate. Verrá svolta dell attività di sensibilizzazione e di formazione della comnunitá per la corretta gestione dell impianto pilota. Per le acque nere l attività è rivolta al miglioramento dell attuale sistema di gestione delle acque nere allo scopo di ridurre i rischi igienico-sanitari a cui la popolazione è esposta. Le attivitá riguarderanno: analisi chimica e microbiologico degli scarichi, studio di un sistema semplice per il miglioramento dei modelli presenti e in uso attualmente nel quartiere e individuazione di sistemi per il riutilizzo dei fanghi prodotti. 10

12 Nome Cognome: Christian Zurbrügg Anno di corso: XXV Ciclo del Dottorato di Ricerca Titolo della ricerca: Assessment methods for waste management decisionsupport in developing countries Sede del progetto: Switzerland, Ethiopia, Indonesia, Thailand Partner: Eawag/Sandec, Switzerland; AIT, Thailand Inquadramento del contesto e della problematica Low and middle income countries decision-makers face a dire situation as facilities and services in solid waste management are dysfunctional and cannot keep up with rapid urbanisation. It is a recognized priority by policy makers and local governments to tackle this issue and find ways to manage urban waste in an economically sustainable way without compromising environmental goals. Projects, must have an objective of durability and robustness to adapt. This requires careful planning not only at the outset of implementation, but continuously during the operation. Furthermore provisions for sustainable financing (covering investment, depreciation, operation & maintenance and replacement cost) are key to ensuring a robust and reliable operation and maintenance. Decision-makers are desperate for learning from success cases in order to translate and implement such experiences into their local context. Gaining access to unbiased, well analysed and clearly structured information is still a major challenge and developing country decision makers still frequently face a high risk of being blinded by aggressive private sector sales representatives. System vendors may present solutions to decision-makers which show biased information on the merit of the particular system. Decision makers, without a solid technical background or state of the art knowledge and information then mostly do not know what to believe. On the other hand, it is also international or national NGOs, driven by their philanthropic causes, which initiate solid waste projects but know little of past experiences elsewhere and tend to thus repeat a similar learning process as others facing the same challenges and repeating the same mistakes. Finalità The research is based on the Integrated Solid Waste Management (ISWM) approach which is comprehensive and considers how to prevent, recycle, and manage solid waste in ways that most effectively protect human health and the environment. It involves evaluating local needs and conditions, and then selecting and combining the most appropriate waste management activities for those conditions. It counterbalances the technology-centered approach and distinguishes between: i) waste system elements which comprise the functional processes within the waste management stream (generation, on-site storage, collection, intermediate storage, transport, treatment, recovery & recycling, final storage); ii) stakeholders and iii) the dimensions of the enabling environment (environmental, social, financial, legislative and institutional aspects). Assessment methods and their appropriateness are studied for this research. These include well recognized approaches such as Life Cycle Analysis (LCA) or Technology Assessment (TA) as well as stakeholder analysis (SA) and social network analysis (SNA). Goal of the research work is to further advance on a package of tools and develop and validate a simple but effective way to assess existing projects and plan for new projects in solid waste management of low and middle income countries. This simplified method and shall allow, through a series of questions, to provide the basis for an analysis of the drivers of success or respectively the reasons of failure. Obviously, defining the goals of the project is a necessary first step; else an assessment of success is somewhat arbitrary. The assessment follows a guiding set of questions covering the different sustainability domains. 11

13 Attività svolte A first overview of methods was obtained through literature and report research. Results of the research are described below. A first draft of an assessment tool was then developed which follows a guiding set of questions covering the different sustainability domains which can be summarized as: technology, social aspects, economy, institutions, and environment (figure 1). Some questions refer to a hypothesis on how a specific issue may affect success of the project, others assess impact of the project - typically on the environment. This tool was applied on an existing case in Indonesia which refers to organic waste composting. Risultati Figure 1: Graphic representation of the various sustainability domains covered in the assessment tool The overview shows that typically, Life Cycle Analysis (LCA) is a well established and widely used method also for solid waste projects. This is a technique that aims at addressing goods and services their use of energy materials and resources in their whole life cycle (i.e., cradle-to-grave) and their potential environmental impacts. Impacts of interest are energy consumption, production of solid wastes, emissions of regulated air pollutants and water or soil pollutants. Developing rapidly during the 1990s, environmental life cycle assessment (LCA) has reached a certain level of harmonization and standardization. Economic aspects have been integrated into LCA as Life Cycle Costing (LCC) to compile all costs related to a product or service, over its entire life cycle, from production to use, maintenance and disposal. Social aspects were also included in recent years, to evaluate social impacts (and potential impact) that may directly affect stakeholders positively or negatively during the life cycle of a product or service. Nevertheless the assessment of environmental impact (environmental emissions) generally still remains in the centre of focus of the LCA method. Moreover LCA and associated methods do not give an indication how the product quality or projects performance (i.e. success) is affected by the specific contextual conditions as summarized under the term enabling environment. Results of an assessment using the newly developed tool for a project on organic waste composting in Bali, Indonesia was published in a paper and presented at the WasteSafe Conference in February 2011 in Khulna, Bangladesh. Sviluppi futuri In a next step the tool shall be further validated in a project on health care waste incineration of Bangkok, Thailand. The methods of assessment that are further developed and shall be used are those of stakeholder analysis and social (stakeholder) network analysis. Furthermore research is on-going to test a multi-stakeholder weighting procedure based on Analytical Hierarchy Process (AHP). Further research on sustainability factors for anaerobic digestion shall be analysed for the specific context of Bahir Dar in Ethiopia. Finally two publications are foreseen on: a) factors of success in small Indian composting units and b) elements of process cost accounting for decentralised composting in Eritrea. 12

14 Nome Cognome: Marco Caniato Anno di corso: XXVI ciclo Titolo della ricerca: Studio dei rischi sanitari ed ambientali legati alla gestione dei rifiuti sanitari e sviluppo di tecnologie appropriate per il loro recupero e smaltimento Sede del progetto: Da definire Partner: Da definire Nome Cognome: Beatrice Coloru Anno di corso: XXVI ciclo Titolo della ricerca: Valutazione comparata della sostenibilita' ambientale, economica e sociale di modelli di sanitation Sede del progetto: Tanzania Partner: ACRA (Associazione di Cooperazione Rurale in Africa e America Latina) Nome Cognome: Luca Rondi Anno di corso: XXVI ciclo Titolo della ricerca: Soluzioni appropriate per un approvvigionamento idropotabile in condizioni di sicurezza in contesti rurali dell Africa Sede del progetto: Burkina Faso Partner: Medicus Mundi Italia, Fondazione Tovini, Fondazione Sipec, Associazione DAKUPA (Burkina Faso) 13

15 Curriculum Sanitario 14

16 Nome Cognome: Giuseppina De Iaco Anno di corso: XXIV ciclo Titolo della ricerca: Fattibilità di un programma di controllo della Tubercolosi nelle comunità tibetane in esilio in India. Sede del progetto: Dharamsala -India Partner: Tibetan Delek Hospital (DH)/AISPO ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA SOLIDARIETA TRA I POPOLI RIRE FOTO Inquadramento del contesto e della problematica La Tubercolosi è la quarta causa di morte tra i membri della comunità tibetana in esilio in India. La sua incidenza si è assestata negli ultimi tre agli allarmanti valori di circa nuovi casi per Il denominatore è incerto ed il valore è solo stimato, tuttavia rimane comunque molto più alto di quello pubblicato dal governo indiano nei rapporti annuali dell Organizzazione Mondiale per la Sanità (WHO). Il motivo di tale discrepanza può essere attribuito a fattori socioeconomici legati allo stato di esiliati della popolazione tibetana, al loro stile di vita (tendenza a mantenere il malato in famiglia, in ambienti angusti, con clima freddo che non favorisce l aerazione dei locali interni) e/o a un possibile aumento della malattia nei nuovi immigrati (potrebbe riflettere un aumento di incidenza nella popolazione ancora residente in Tibet in condizioni di emarginazione). Il valore resta comunque molto alto e considerando che, a differenza di altri Paesi in via di sviluppo, l HIV non sembra essere la forza trainante di questa epidemia, le cause andrebbero probabilmente ricercate anche nella mancanza di educazione sanitaria (diagnosi tardiva, soggetti malati trattenuti a casa, pazienti che non portano a termine la terapia) e nella mancanza di standardizzazione delle linee guida per la diagnosi e il trattamento della malattia. La TB MDR rischia quindi di compromettere il controllo della TB e rappresenta un emergenza di salute pubblica. Una corretta stima di questo problema si può ottenere con un indagine di sorveglianza. Questa rappresenta pertanto una priorità per identificare le dimensioni reali del problema, la sua natura e allo stesso tempo suggerire le corrette soluzioni. Finalità La strategia generale dell'intervento si basa fondamentalmente sui seguenti principi: Inserire il progetto nelle strategie di sviluppo sanitario del Dipartimento di Sanità. Conformare Il progetto alle strategie del l OMS per il controllo della Tubercolosi. Utilizzare al massimo le risorse locali mettendo a disposizione l assistenza tecnica indispensabile al buon funzionamento del progetto. Il personale italiano in breve e lunga missione lavorerà assieme ai responsabili locali del Programma di Controllo della Tubercolosi per rafforzarne le capacità professionali. I risultati attesi saranno pertanto: Risultato 1: Implementazione della strategia DOTS negli insediamenti tibetani in India Risultato 2:Migliorato accesso ad adeguati servizi di diagnosi precoce e di conferma della diagnosi per la malattia tubercolare polmonare ed extrapolmonare nella regione dell Himachal Pradesh (HP) Risultato 3: Migliorata capacità di erogazione della terapia con modalità DOT nella regione dell Himachal Pradesh Risultato 4: Migliorata preparazione tecnica degli operatori di salute, specialmente a livello periferico nella regione dell HP Risultato 5: Standardizzazione del sistema di notifica clinica e di laboratorio a livello nazionale Risultato 6: Migliorate condizioni di abitabilità e di isolamento del reparto Tubercolosi presso l ospedale Delek di Dharamsala Risultato 7: Sviluppo di un DRS (Drug Resistance Survey) nella regione dell Himachal Pradesh e di un progetto pilota per l applicazione di protocolli terapeutici con farmaci di seconda linea in caso di MDR. La DRS è uno strumento fondamentale per monitorare la qualità del programma di Tubercolosi e l efficacia delle strategie messe in atto. 15

17 Attività svolte e Risultati Dal giorno delle mie assunte funzioni (21 gennaio 2009), in qualità di capo-progetto medico, ho intrapreso una serie di attività relative ai risultati sopramenzionati. Le attività svolte fino a settembre 2009 hanno permesso di ottenere i risultati attesi (1-4). Nei primi sei mesi di incarico, anche grazie alla preziosa collaborazione del John Hopkins Institute ci si è concentrati sull implementazione della strategia DOT al Delek Hospital, braccio operativo del Dipartimento di Salute. Sono stati organizzati incontri settimanali con il personale infermieristico, medico e amministrativo per la stesura di un manuale di gestione della TB. Sessioni formative in loco e successivamente anche di supervisione negli insediamenti più vicini sono servite a rinforzare i concetti base della strategia DOT del WHO (Ris 1-4). A questo è seguito il lavoro di revisione dei forms per standardizzare i sistemi di notifica e sorveglianza (Ris 5) con avvio di una fase pilota nel maggio 2009 sempre presso il Delek Hospital. Parallelamente si è proceduto all acquisto di attrezzature di diagnostica e ad pianificare, organizzare e finanziare la ristrutturazione del reparto di isolamento per consentire una migliore qualità di vita ai degenti ma soprattutto per contenere il rischio di trasmissione nosocomiale dell infezione, e specie dei ceppi resistenti (Ris 6). Il reparto è stato ufficialmente inaugurato nel marzo 2010 in occasione della Giornata Mondiale della TB. L attività relativa al Risultato 7 è invece quella più prettamente scientifica. Nel marzo 2009 si è svolta una prima missione di valutazione e fattibilità di un indagine di sorveglianza della farmaco resistenza. Per i motivi in parte già spiegati tale attività ha subito il ritardo maggiore. Lo studio è iniziato a febbraio 2009 con la stesura del protocollo, la sua disseminazione e le sessioni di formazione nei centri sede dello studio (Dharamsala in Himachal Pradesh nel nord dell India e altri due insediamenti nel sud del Paese. Da aprile 2010 è iniziato l arruolamento dei primi pazienti. Attualmente sono disponibili i risultati di 72 pazienti arruolati nel protocollo nel centro di Dharamsala. Il dato epidemiologico più rilevante è rappresentato dalla giovane età (55% dei pazienti < 24 anni) e dalla frequente storia di contatto con un caso di tubercolosi. Dopo un avvio faticoso per motivi logistici (distanza tra ospedale e laboratorio di riferimento situato a Mumbai e ai tempi tecnici dell indagine colturale e dell antibiogramma) si sono ottenuti i primi risultati e si è potuto osservare una frequenza piuttosto elevata di ceppi TB MDR. Si descrivono 12 casi di TB MDR 1 caso di TB XDR su 64 ceppi identificati come MTB complex con antibiogramma ad oggi disponile, pari a circa il 20% dei casi. In 6 casi si trattava di pazienti con TB identificati come nuovi casi, in 7 casi come pazienti con storia di precedente diagnosi di TB. Alla luce di tale dato e anche per ridurre i tempi di attesa e guadagnare tempo utile per la gestione clinica del paziente si è deciso di acquistare in Aprile 2010 una nuova tecnologia che consente di eseguire un test rapido, molecolare per l individuazione dei ceppi MDR. La Procedura (Gene Expert) è in grado di fornire in ore un risultato di suscettibilità o resistenza alla sola rifampicina analizzando direttamente il campione di espettorato del paziente che afferisce al centro di cura. Un periodo di formazione è stato necessario per l avvio di questa tecnologia. Si sono osservate inizialmente delle difficoltà legate alla scarsa confidenza del personale di laboratorio con l apparecchiatura totalmente automatizzata. Un altro limite è stato rappresentato dall elevato costo dei reagenti. Sarà possibile tuttavia soppesare costi e benefici solo al termine del periodo di studio. Tale tecnologia ha affiancato da agosto 2010 la metodica precedente, con un ritardo pertanto di circa 4 mesi. Risultati preliminari sono disponibili ad oggi su 40 soggetti che sono stati valutati in parlallelo con entrambe le metodiche. Al momento si sono identificati con questa metodica 17 casi di TB resistenti alla rifampicina. In agosto-settembre 2011 sarà possibile completare l arruolamento dei pazienti con entrambe le metodiche ed ottenere dati conclusivi sulla concordanza delle due procedure. I dati provenienti, invece dai due insediamenti situati nel Sud del paese che partecipano alla DRS saranno invece valutabili solo a fine 2011 considerato il ritardo nell avvio del protocollo in queste sedi (dicembre 2010). A questo seguirà un periodo di circa un mese per la revisione, l analisi completa dei dati e le conseguenti considerazioni clinico-epidemiologiche. La mia permanenza in loco si è conclusa nel settembre 2009 per motivi di salute. Da allora mi occupo di supporto tecnico a distanza (mail, telefono) in particolare per la gestione clinica dei pazienti MDR e per l analisi dei risultati della DRS. Contatti quotidiani con il nuovo capo-progetto il dottor Fulvio Salvo che mi ha sostituito a Dharamsala mi permettono di avere un costante aggiornamento delle attività e dei risultati finora ottenuti. In Ottobre 2010 ho potuto svolgere una missione breve a Dharamsala in India in occasione della I Conferenza Annuale sul Programma di controllo Tibetano della Tubercolosi. A tale evento hanno partecipato oltre 50 operatori sanitari tra medici, infermieri e Community Health Workers da tutta l lndia. In questa sede sono state presentate e distribuite ai partecipanti due pubblicazioni alla cui stesura ho contribuito attivamente nel biennio 16

18 ottobre 2008 luglio Da allora si è costituita una commissione di esperti che attraverso una mailing list è in grado di discutere i casi clinici più complicati e consente un confronto immediato anche nelle aree più remote dell India. In corso di stesura inoltra un protocollo per il contact tracing per affiancare la diagnosi precoce dei casi di Tubercolosi e di TB MDR alla tempestiva attività preventiva sui contatto di caso visto la peculiarità di questa popolazione che specie nelle fasce di età più giovanili vive in comunità ristrette come scuole e monasteri. Sviluppi futuri Completare l arruolamento dei pazienti dei 3 più grossi ospedali tibetani per la TB nel protocollo DRS. Valutare e disseminare i risultati dell Indagine di sorveglianza Valutare la fattibilità e la sostenibilità dell impiego di una nuova tecnologia molecolare per il riscontro rapido dei casi di tubercolosi farmaco resistente Identificare e mettere in atto strategie efficaci di controllo e contenimento della trasmissione dei ceppi resistenti. 17

19 Nome Cognome: Federico Gobbi Anno di corso: XXIV ciclo Titolo della ricerca: Impiego dei test rapidi per la malaria per migliorare la presa in carico dei casi di malaria in zona rurale in Burkina Faso Sede del progetto: Burkina Faso Inquadramento del contesto e della problematica Partner: ONG italiana ( Mlal) e dalla Fondazione UNIDEA L azione di ricerca si sviluppa in Burkina Faso, Région sanitaire des Hauts-Bassins et des Cascades, Province di Bobo-Dioulasso e Banfora. L azione di ricerca è strettamente collegata ai progetti AN KA HERE SO 1 e 2, condotti nella stessa regione da una ONG italiana ( Mlal) e dalla Fondazione UNIDEA, in collaborazione con il Ministero della Salute del Burkina Faso e il Centro di Malattie Tropicali dell Ospedale «Sacro Cuore» di Negrar (Verona). Con il progetto AN KA HERE SO 1, terminato nel dicembre 2007, è stato introdotto nel Paese il test di diagnosi rapida per la malaria (Paracheck) e sono stati verificati la lettura e l interpretazione dello stesso da parte degli infermieri locali. Il progetto AN KA HERE SO 2, che è iniziato nel gennaio 2008 e terminerà nel dicembre 2010, comprende tre ambiti : Sanità Alfabetizzazione Appoggio alle Attività Generatrici di Reddito Finalità Lo scopo principale del progetto Sanità è quello di contribuire a migliorare stabilmente le condizioni di salute della popolazione attraverso i seguenti tre obiettivi : Migliorare la qualità dei servizi sanitari offerti dai CSPS (Centre de Santé et Promotion Sociale) inclusi nel progetto. Aumentare l accessibilità finanziaria alle cure mediche nei CSPS inclusi nel progetto. Rinforzare la partecipazione comunitaria nella gestione dei problemi della salute nelle aree di riferimento dei CSPS inclusi nel progetto. Attività svolte In Burkina Faso sono stati recentemente introdotti gli ACT come farmaci di prima linea nella terapia della malaria. Abbiamo pertanto deciso di valutare la sicurezza, l utilità e il rapporto-efficacia di una strategia basata sugli RDT rispetto a quella in corso caratterizzata dal trattamento presuntivo in caso di febbre dove non è possibile effettuare una diagnosi. Avevamo intenzione inoltre di valutare l aderenza del personale sanitario ai risultati del test, in particolare l aderenza ai test negativi. Lo studio (un trial randomizzato, multicentrico, a due braccia) è stato condotto in 10 Centri di Salute periferici (CSPS) in due momenti differenti, alla fine della stagione secca e alla fine della stagione delle piogge. L obiettivo principale dello studio era quello di valutare la persistenza della febbre al giorno 4, gli obiettivi 18

20 secondari erano quelli di valutare la frequenza di somministrazione di antimalarici e di antibiotici. Risultati L obiettivo principale dello studio era quello di valutare la persistenza della febbre al giorno 4, gli obiettivi secondari erano quelli di valutare la frequenza di somministrazione di antimalarici e di antibiotici. Nella stagione secca sono stati arruolati 852 pazienti febbrili, in quella delle piogge 1317; i pazienti venivano randomizzati in due braccia, un gruppo di pazienti beneficiava degli RDT prima della decisione clinica, l altro gruppo veniva valutato in maniera tradizionale. Nelle due stagioni non sono state rilevate differenze significative nei due gruppi di studio, né per la prescrizione di antimalarici, né di antibiotici.. Nella stagione secca circa l 80% dei pazienti con RDT negativo e nella stagione delle piogge circa l 84% dei pazienti con RDT negativo venivano trattati con antimalarici. Nella stagione secca 186/852 pazienti con febbre (22%) a 213/1382 pazienti senza febbre (15%) avevano un infezione da P. falciparum. Nella stagione delle piogge questa proporzione era rispettivamente 841/1317 (64%) e 623/1669 (37%). La frazione attribuibile di febbri alla malaria era rispettivamente dell 11% e del 69%. L RDT era positivo in 113/400 (28,3%) casi di febbre durante la stagione secca e in 443/650 (68,2%) durante la stagione delle piogge. Nella stagione secca la sensibilità e la specificità dell RDT per la malaria infezione sono risultate rispettivamente dell 86% e del 90%. Nella stagione delle piogge sono risultate rispettivamente del 94% e del 78%. Nella stagione secca la sensibilità e la specificità dell RDT per la malaria malattia sono risultate rispettivamente dell 94% e del 75%. Il potere predittivo positivo (PPV) è risultato del 9% e il potere predittivo negativo (NPV) del 99.8%. Nella stagione delle piogge la sensibilità e la specificità per la malaria malattia sono risultate rispettivamente del 97% e del 55%. Il PPV è risultato tra il 38% degli adulti e l 82% dei bambini, mentre il NPV è risultato tra l 84% dei bambini e il 99% degli adulti. Sviluppi futuri È in programma uno studio sull impatto dei corsi di logica clinica e della formazione permanente del personale infermieristico che lavora nei centri di salute: verrà valutato l eventuale miglioramento della gestione clinica grazie all ausilio di specifici indicatori. 19

Tecnologie appropriate per la riduzione del consumo di legna in ambito domestico

Tecnologie appropriate per la riduzione del consumo di legna in ambito domestico Tecnologie appropriate per la riduzione del consumo di legna in ambito domestico VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE LOCALI NEI PROGETTI DI COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO Brescia, 17 dicembre 2010,

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi _NICOLA COMODO Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze L IL RUOLO DELLA SANITA PUBBLICA NELLE GRAVI EMERGENZE LA SORVEGLIANZA

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: OBIETTIVI DI SVILUPPO DEL MILLENNIO Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti

Dettagli

TUBERCOLOSI, SFIDA GLOBALE. Stop TB Italia Onlus

TUBERCOLOSI, SFIDA GLOBALE. Stop TB Italia Onlus TUBERCOLOSI, SFIDA GLOBALE s op Stop TB Italia Onlus L impegno italiano nella Lotta alla Tubercolosi nel mondo s op Stop TB Italia Onlus - Viale Zara, 81-20159 Milano - Italia - Tel. (+39) 02-64445877

Dettagli

Nord Uganda. Tra emergenza e ricostruzione. Interventi idrici nelle scuole del distretto di Kitgum

Nord Uganda. Tra emergenza e ricostruzione. Interventi idrici nelle scuole del distretto di Kitgum Nord Uganda Tra emergenza e ricostruzione Interventi idrici nelle scuole del distretto di Kitgum 1 1. NORD UGANDA. IL CONTESTO DELL INTERVENTO. Ad un anno e mezzo dall avvio dei negoziati di pace tra il

Dettagli

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century)

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) SCHEDA 6 La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) Quarta Conferenza Internazionale sulla Promozione

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Supporto al Risk Manager e al Responsabile Qualità

Supporto al Risk Manager e al Responsabile Qualità Supporto al Risk Manager e al Responsabile Qualità Aggiornare la cassetta degli strumenti a disposizione, allineando competenze e metodi di lavoro alle best practice internazionali. Il Risk Manager e il

Dettagli

Alcune azioni del Bando VII PQ HEALTH - SALUTE 2013, Innovation 1. che riflettono le priorità del PSR

Alcune azioni del Bando VII PQ HEALTH - SALUTE 2013, Innovation 1. che riflettono le priorità del PSR DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICADIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA REGIONALE UNITARIA COMUNITARIA Dipartimento della programmazione e dell ordinamento del Servizio sanitario nazionale

Dettagli

Elena Cervasio LRQA Italy. La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO

Elena Cervasio LRQA Italy. La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO Elena Cervasio LRQA Italy La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO Motivazioni e Milestone INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE 2 Scenario INNOVAZIONE E

Dettagli

L AMBITO DI LAVORO DEL PROGETTO

L AMBITO DI LAVORO DEL PROGETTO IL CONTESTO Nel 2012 nell Unione Europea erano presenti 11.000 ospedali e 68.000 presidi sanitari (strutture per lungodegenza, ambulatori, studi specialistici, laboratori, ecc.) Si contavano circa 3.000.000

Dettagli

Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame

Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame Milano, giugno 2010 ActionAid ActionAid, organizzazione indipendente impegnata nella lotta

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO PRESSO IL CENTRO SANITARIO DI BILEKRO NEL DISTRETTO SANITARIO DI AYAME (COSTA D AVORIO)

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO PRESSO IL CENTRO SANITARIO DI BILEKRO NEL DISTRETTO SANITARIO DI AYAME (COSTA D AVORIO) PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO PRESSO IL CENTRO SANITARIO DI BILEKRO NEL DISTRETTO SANITARIO DI AYAME (COSTA D AVORIO) 1. Contesto geografico, ambientale e sociale dell intervento

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della prevenzione e comunicazione Direzione Generale per i rapporti con l Unione Europea e per i rapporti internazionali UFFICIO III Strategia Globale per la salute

Dettagli

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle FACOLTÀ DI INGEGNERIA RELAZIONE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Le Linee Guida dei SEAP all interno del Patto dei Sindaci

Le Linee Guida dei SEAP all interno del Patto dei Sindaci Le Linee Guida dei SEAP all interno del Patto dei Sindaci Congresso Internazionale Klimaenergy 2010 I SEAP Piani di Azione Energia Sostenibile. Rassegna di metodologie ed esperienze Bolzano, 23 settembre

Dettagli

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità Responsabile scientifico: Prof. Andrea Vettori, Docente di Healthcare management Università degli studi Guglielmo Marconi, Roma Autori:

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

Il progetto LIFE+ del mese

Il progetto LIFE+ del mese Il progetto LIFE+ del mese LIFE12 ENV/IT/000289 Beneficiario coordinatore: Regione Liguria Dipartimento Ambiente - Settore Ecosistema Costiero e Ciclo delle Acque Coordinatore del progetto: Ilaria Fasce

Dettagli

Formarsi per cooperare

Formarsi per cooperare Dr G.R.Peruzzi Medici con l Africa Cuamm Formarsi per cooperare Percorso formativo per personale sanitario Siena 14 marzo 2014 A che deve servire la Cooperazione Rafforzare le comunità locali e renderle

Dettagli

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Introduzione alla ISO 27001 La metodologia Quality Solutions Focus on: «L analisi

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

L approccio preventivo nella BPCO

L approccio preventivo nella BPCO IV Giornata Mondiale BPCO Prevenzione e Controllo della BPCO Roma 16 novembre 2005 L approccio preventivo nella BPCO Annamaria de Martino Ministero della Salute Direzione Generale Prevenzione Sanitaria

Dettagli

AMKA Onlus. www.assoamka.org ONLUS. Via Flaminia Nuova, 246 00191 Roma Tel + 39 06 64 76 0188 amka@assoamka.org

AMKA Onlus. www.assoamka.org ONLUS. Via Flaminia Nuova, 246 00191 Roma Tel + 39 06 64 76 0188 amka@assoamka.org chi? Amka è un Organizzazione no profit nata nel 2001 dall incontro di due culture differenti e dalla volontà di contribuire al miglioramento reale della vita delle popolazioni del Sud mondo. L Associazione

Dettagli

La cooperazione allo sviluppo del Comune di Milano

La cooperazione allo sviluppo del Comune di Milano La cooperazione allo sviluppo del Comune di Milano Marco Grandi Responsabile Ufficio Cooperazione Settore Relazioni Internazionali Gabinetto del Sindaco 27.11.2013 Perché 1/2 La Legge n 49/1987 Nuova disciplina

Dettagli

Project Management. Modulo: Introduzione. prof. ing. Guido Guizzi

Project Management. Modulo: Introduzione. prof. ing. Guido Guizzi Project Management Modulo: Introduzione prof. ing. Guido Guizzi Definizione di Project Management Processo unico consistente in un insieme di attività coordinate con scadenze iniziali e finali, intraprese

Dettagli

40 miliardi di dollari. 150 paesi. Sconfiggere l estrema povertà nel mondo OBIETTIVO:

40 miliardi di dollari. 150 paesi. Sconfiggere l estrema povertà nel mondo OBIETTIVO: 40 miliardi di dollari 150 paesi OBIETTIVO: Sconfiggere l estrema povertà nel mondo Obiettivi TARGET: 1 Dimezzare la povertà assoluta e la fame nel mondo 2 Assicurare l istruzione elementare per tutti

Dettagli

Miglioramento dell efficienza energetica in Mozambico (Maputo): nuove stufe più efficienti e sostenibili Marzo 2012

Miglioramento dell efficienza energetica in Mozambico (Maputo): nuove stufe più efficienti e sostenibili Marzo 2012 Miglioramento dell efficienza energetica in Mozambico (Maputo): nuove stufe più efficienti e sostenibili Marzo 2012 Il contesto Ogni giorno almeno 3 miliardi di persone cucinano servendosi di legna, carbone

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Il ruolo delle imprese per l implementazione dell Agenda 2030 e degli SDGs

Il ruolo delle imprese per l implementazione dell Agenda 2030 e degli SDGs Il ruolo delle imprese per l implementazione dell Agenda 2030 e degli SDGs Angelo Riccaboni Rettore Università di Siena Chair SDSN MED Ecomondo, Rimini, 4 novembre 2015 SDGs - OBIETTIVI DI SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

Workshop I Energia e sostenibilità ambientale dei prodotti: nuove opportunità per le imprese

Workshop I Energia e sostenibilità ambientale dei prodotti: nuove opportunità per le imprese Workshop I Energia e sostenibilità ambientale dei prodotti: nuove opportunità per le imprese Ecodesign, integrare economia ed ecologia nel ciclo di vita dei prodotti Alessandro Santini Dipartimento di

Dettagli

GReening business through the Enterprise Europe Network

GReening business through the Enterprise Europe Network GReening business through the Enterprise Europe Network Energy Management System UNI 14064 Audit Energetici Romano Selva, SOGESCA srl European Commission Enterprise and Industry UNI CEI EN 16001:2009 I

Dettagli

Audizione Commissione Igiene e Sanità Esame disegni di Legge n.1092 e 1495. Roma, 12 Novembre 2014

Audizione Commissione Igiene e Sanità Esame disegni di Legge n.1092 e 1495. Roma, 12 Novembre 2014 Audizione Commissione Igiene e Sanità Esame disegni di Legge n.1092 e 1495 Roma, 12 Novembre 2014 Dott. Don Dante Carraro, Direttore Dott. Giovanni Putoto, Responsabile Programmazione Medici con l Africa

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Terza sessione del corso di formazione. Incontro di partenariato

Terza sessione del corso di formazione. Incontro di partenariato Newsletter n.5 Promuovere lo sviluppo sociale regionale incoraggiando il NETworking tra stakeholder pubblici e volontari al fine di incentivare l innovazione nella fornitura di servizi di assistenza socio-sanitaria

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

MAYORS ADAPT. Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici

MAYORS ADAPT. Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici MAYORS ADAPT Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici Webinar, Pratiche di sostenibilità, 30 Aprile 2014 Karl-Ludwig Schibel, Alleanza per il Clima Italia Indice presentazione

Dettagli

Il nostro intervento per migliorare la salute e la nutrizione delle mamme e dei bambini del Mozambico. per

Il nostro intervento per migliorare la salute e la nutrizione delle mamme e dei bambini del Mozambico. per Il nostro intervento per migliorare la salute e la nutrizione delle mamme e dei bambini del Mozambico per Overview sul nostro intervento in Mozambico In Mozambico, la maggior parte dei bambini vive in

Dettagli

si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade.

si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade. si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade. Cloros è una società certificata ISO 9001 e UNI CEI 11352, che ha

Dettagli

La salute della popolazione migrante: quale diritto, quale organizzazione, quale patto?

La salute della popolazione migrante: quale diritto, quale organizzazione, quale patto? Un patto per la salute degli immigrati: diritti, famiglia, tutela del lavoro, reti. Milano, 17 e 18 maggio 2007 TAVOLA ROTONDA La salute della popolazione migrante: quale diritto, quale organizzazione,

Dettagli

Donazione. Azione. CESVI Fondazione Onlus

Donazione. Azione. CESVI Fondazione Onlus Donazione. Azione CESVI Fondazione Onlus Cesvi è un'organizzazione umanitaria laica e indipendente fondata in Italia nel 1985. Con 80 sedi estere, opera in tutti i continenti con progetti di cooperazione

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

La sfida del futuro. Il programma DREAM e la cura pediatrica. Programma DREAM, piazza S. Egidio 3a, 00153 Rome Italy

La sfida del futuro. Il programma DREAM e la cura pediatrica. Programma DREAM, piazza S. Egidio 3a, 00153 Rome Italy La sfida del futuro Il programma DREAM e la cura pediatrica Programma DREAM, piazza S. Egidio 3a, 00153 Rome Italy Programma DREAM, piazza S. Egidio 3a, 00153 Rome Italia Tel. +39.06.8992225 / Fax. +39.06.89922525

Dettagli

Introduzione alla progettazione degli interventi di sviluppo CORSO ONLINE PRIMO INCONTRO

Introduzione alla progettazione degli interventi di sviluppo CORSO ONLINE PRIMO INCONTRO Introduzione alla progettazione degli interventi di sviluppo CORSO ONLINE PRIMO INCONTRO Roma, 27 aprile 2015 Carlos Costa Che cos è il progetto? Il progetto è un insieme di azioni programmate per essere

Dettagli

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010 UNICEF Missione e organizzazione Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza 23 marzo 2010 I momenti principali della storia dell UNICEF (1) 11 Dic. 1946: l Assemblea Generale dell ONU istituisce l UNICEF

Dettagli

1,372,000 Euro sono impiegati per le attività realizzate dalle ONG italiane e così suddivisi:

1,372,000 Euro sono impiegati per le attività realizzate dalle ONG italiane e così suddivisi: Programmi Emergenza 2014 2015 (AID 10387 e AID 10487) - 4.500.000,00 Euro totali Programma Emergenza 2014-2015- Aid 10387, 2.000.000,00 Euro In Corso Il programma Iniziativa di emergenza in favore della

Dettagli

5^ edizione del progetto Acqua Bene Comune (a.s. 2012/2013) WATER CITIZEN. acqua e cittadinanza attiva

5^ edizione del progetto Acqua Bene Comune (a.s. 2012/2013) WATER CITIZEN. acqua e cittadinanza attiva 5^ edizione del progetto Acqua Bene Comune (a.s. 2012/2013) WATER CITIZEN acqua e cittadinanza attiva Progetto gratuito per le scuole secondarie di 2 grado e i centri di formazione professionale della

Dettagli

Aprile 2015 Global Unit Technology & Services SAFER, SMARTER, GREENER

Aprile 2015 Global Unit Technology & Services SAFER, SMARTER, GREENER Breve presentazione su: - High Level Structure delle ISO per gli standard del sistema di gestione - Principali cambiamenti nel DIS 9001:2015 e DIS 14001:2015 - Piano per la revisione e il periodo di transizione

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Spese militari e aiuti allo sviluppo

Spese militari e aiuti allo sviluppo Spese militari e aiuti allo sviluppo La storia dell elefante nella stanza L elefante nella stanza è una espressione idiomatica inglese per indicare una verità evidente che viene ignorata o di cui si continua

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

Il Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica nella ristorazione ospedaliera

Il Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica nella ristorazione ospedaliera Il Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica nella ristorazione ospedaliera Dr. Carlo Pedrolli U.O.S. di Dietetica e Nutrizione Clinica Ospedale S. Chiara TRENTO Ristorazione Ospedaliera e Servizi di

Dettagli

RELS "Innovative chain for energy recovery from waste in natural parks" Technical meeting minutes

RELS Innovative chain for energy recovery from waste in natural parks Technical meeting minutes RELS "Innovative chain for energy recovery from waste in natural parks" Technical meeting minutes Reggio Emilia 30/08/2010 Lista dei partecipanti ALBERTO BELLINI BIANCHINI CLAUDIO GAMBERINI RITA MILANI

Dettagli

La preparazione e la gestione della risposta alle emergenze sanitarie Genova 12-13 Dicembre 2006

La preparazione e la gestione della risposta alle emergenze sanitarie Genova 12-13 Dicembre 2006 La preparazione e la gestione della risposta alle emergenze sanitarie Genova 12-13 Dicembre 2006 Dott.ssa Speranza Sensi ASL 3 Genovese - Regione Liguria SICUREZZA SANITARIA GLOBALE gli impegni assunti

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

Le iniziative di Promozione Salute in eni

Le iniziative di Promozione Salute in eni Convegno Progetto Ricerca Stargate People Care: dalle malattie critiche alle prassi relazionali aziendali Le iniziative di Promozione Salute in eni www.eni.it Milano 26 ottobre 2011 Auditorium Assolombarda

Dettagli

Questionario di customer satisfaction per le Aziende IPPC

Questionario di customer satisfaction per le Aziende IPPC Questionario di customer satisfaction per le Aziende IPPC Settore Attività industriali, Controlli e Coordinamento Laboratori Viale Restelli, 3/1-20124 Milano Tel. 02-69666385 Fax. 0269666254 e-mail: d.cristofaro@arpalombardia.it

Dettagli

SET DI INDICATORI PROXY PER L INQUINAMENTO INDOOR

SET DI INDICATORI PROXY PER L INQUINAMENTO INDOOR SET DI INDICATORI PROXY PER L INQUINAMENTO INDOOR A. LEPORE, V. UBALDI APAT Dipartimento Stato dell Ambiente e Metrologia Ambientale La conoscenza delle problematiche relative all inquinamento indoor,

Dettagli

La gestione del Carbon Footprint a livello di organizzazione: competitività di impresa nella low-carbon economy

La gestione del Carbon Footprint a livello di organizzazione: competitività di impresa nella low-carbon economy Centro Studi Qualità Ambiente Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Università degli Studi di Padova 049 8275536-9 www.cesqa.it cesqa@unipd.it Prof. Antonio Scipioni Ing. Alessandro Manzardo

Dettagli

INQUINAMENTO AMBIENTALE E SALUTE: LE HEALTHY CITIES. Sergio Muntoni Centro Malattie Dismetaboliche, Associazione ME.DI.CO.

INQUINAMENTO AMBIENTALE E SALUTE: LE HEALTHY CITIES. Sergio Muntoni Centro Malattie Dismetaboliche, Associazione ME.DI.CO. INQUINAMENTO AMBIENTALE E SALUTE: LE HEALTHY CITIES. Sergio Muntoni Centro Malattie Dismetaboliche, Associazione ME.DI.CO., Cagliari La salute dell uomo dipende dall interazione tra fattori non modificabili

Dettagli

Economia dell ambiente

Economia dell ambiente Economia dell ambiente Impresa e ambiente Elisa Montresor 2008-2009 1 Ambito aziendale L integrazione dell ambiente con gli obiettivi dell impresa Strategie d acquisto e produzione Bilancio ambientale

Dettagli

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento dell Ing. Gaetano Battistella Mi occupo di protezione dell ambiente e porterò una testimonianza in un campo parallelo, ma che ha sicuramente forti legami

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado P. Cafaro -Andria. PROGETTO di EDUCAZIONE AMBIENTALE

Scuola Secondaria di Primo Grado P. Cafaro -Andria. PROGETTO di EDUCAZIONE AMBIENTALE Scuola Secondaria di Primo Grado P. Cafaro -Andria Anno Scolastico 2009 / 2010 PROGETTO di EDUCAZIONE AMBIENTALE Referente del progetto Prof. ssa Arcangela Quacquarelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE

Dettagli

LUISA GUIDOTTI HOSPITAL

LUISA GUIDOTTI HOSPITAL LUISA GUIDOTTI HOSPITAL Proposta di progetto: Oral Health Programme Presentato da: Dr Massimo Migani (Direttore del LGH) 29 Novembre 2014 Fornire un servizio di prevenzione e cura delle patologie orali

Dettagli

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi:

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi: Analisi di Prodotto Scheda 1/10 Analisi i inizialei i dei processi Aziendali ambientale secondo operativa 15033 Introduzione: L Analisi (AAI) è una dettagliata e metodica indagine dello stato dell Organizzazione

Dettagli

L innovazione nella logistica ospedaliera

L innovazione nella logistica ospedaliera L innovazione nella logistica ospedaliera Trasporto paziente Movimentazione interna Milano, 28 settembre 2009 Maurizio Da Bove La logistica in sanità Il concetto di logistica in sanità riguarda due tipi

Dettagli

Telelavoro: l esperienza di Poste Italiane

Telelavoro: l esperienza di Poste Italiane Handimatica 2014 Convegno Welfare Aziendale Telelavoro: l esperienza di Poste Italiane Bologna, 27 novembre 2014 Telelavoro: la dimensione sociale, economica e organizzativa Il Telelavoro consente di conciliare

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

The Environmental Technologies Eve

The Environmental Technologies Eve The Environmental Technologies Eve Milano, 24-27 gennaio 2006 24-27 gennaio 2006 Aria di rinnovamento a TAU, che diventa INTERNATIONAL Da quest anno la mostra si presenta completamente rinnovata: nuova

Dettagli

ISO 50001:2011: Integrazione con ISO 14001:2004 e altri sistemi di gestione

ISO 50001:2011: Integrazione con ISO 14001:2004 e altri sistemi di gestione ISO 50001:2011: Integrazione con ISO 14001:2004 e altri sistemi di gestione Fiona Healy 29 September 2011 Det Norske Veritas DNV è una fondazione internazionale indipendente che dal 1864 opera per la salvaguardia

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale Arezzo, Centro Affari e Convegni 28 novembre 1 dicembre 2007 II FORUM RISK MANAGEMENT IN SANITÀ GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale C. Favaretti Presidente SIHTA Direttore Generale

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

Dati e Risorse per la Giornata del Pensiero (World Thinking Day) 2009 STOP ALLA DIFFUSIONE DI AIDS, MALARIA E ALTRE MALATTIE

Dati e Risorse per la Giornata del Pensiero (World Thinking Day) 2009 STOP ALLA DIFFUSIONE DI AIDS, MALARIA E ALTRE MALATTIE Dati e Risorse per la Giornata del Pensiero (World Thinking Day) 2009 STOP ALLA DIFFUSIONE DI AIDS, MALARIA E ALTRE MALATTIE Questo riassume le principali informazioni, lista di siti e risorse concernenti

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE:

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: Il Lupus Eritematoso Sistemico: quale conoscenza, consapevolezza ed esperienza? Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa

Dettagli

IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY

IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY CBC IPA ADRIATICO 2007 2013 IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY ALTERENERGY (Energy Sustainability for Adriatic Small Communities) è la nuova sfida per la sostenibilità ambientale che punta a favorire la

Dettagli

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA I SESSIONE 2004 Illustri la candidata un progetto di intervento sociale, focalizzandone

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Traduzione non ufficiale a cura del Dipartimento della sanità pubblica e dell innovazione Direzione generale dei rapporti europei ed internazionali (DGREI) Ufficio III Rapporti con

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

Bambini si nasce, grandi si diventa?

Bambini si nasce, grandi si diventa? Bambini si nasce, grandi si diventa? World Social Agenda 2011-2012 Nel 2000, 189 paesi membri dell'assemblea delle Nazioni Unite hanno sottoscritto la Dichiarazione del Millennio. Si sono impegnati a eliminare

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

Piano regionale di lotta alla diffusione delle infezioni sessualmente trasmesse e dell HIV/AIDS

Piano regionale di lotta alla diffusione delle infezioni sessualmente trasmesse e dell HIV/AIDS ALLEGATO A Piano regionale di lotta alla diffusione delle infezioni sessualmente trasmesse e dell HIV/AIDS LE INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMESSE E L INFEZIONE DA HIV/AIDS IN PIEMONTE Con l introduzione dei

Dettagli

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani Il Rapporto di Autovalutazione Prof.ssa Maria Rosaria Villani D.P.R. 28 marzo 2013, n. 80 recante il Regolamento sul Sistema Nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione, in vigore dal

Dettagli

Corso di Salute Globale 1 Modulo Malattie infettive

Corso di Salute Globale 1 Modulo Malattie infettive Corso di Salute Globale 1 Modulo Malattie infettive FINALITA GENERALI Il corso è promosso da ONG e ONLUS: Rainbow4Africa, CUAMM Medici con l Africa - Piemonte, COI, CCM, ASPIC, NutriAid, ed è rivolto a

Dettagli

Il ruolo dell Infermiere in sanità pubblica

Il ruolo dell Infermiere in sanità pubblica Il ruolo dell Infermiere in sanità pubblica L infermiere in sanità pubblica: (Master in sanità pubblica) Ha competenze specifiche nell area della prevenzione allo scopo di attuare interventi volti al miglioramento

Dettagli

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014 Mani Unite Onlus Nel 2014 le attività svolte in Mozambico, oltre ad essere state realizzate come negli anni precedenti nell ambito degli obiettivi istituzionali (sostegno scolastico e nutrizionale), si

Dettagli

L aiuto umanitario della Confederazione. salvare vite, alleviare la sofferenza

L aiuto umanitario della Confederazione. salvare vite, alleviare la sofferenza L aiuto umanitario della Confederazione salvare vite, alleviare la sofferenza Mandato «L aiuto umanitario deve contribuire, mediante misure preventive e di soccorso, a preservare la vita umana in pericolo

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015

Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015 Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015 Lucio Galdangelo - Fieramilano 02/10/2014 Come cambierà la norma ISO 9001 2015 ISO 9001:2015 2012 New Work Item Proposal per

Dettagli

Tre PROGETTI per HAITI

Tre PROGETTI per HAITI Tre PROGETTI per HAITI EMERGENZA HAITI p. 2 SAINT CHARLE A CROIX DES BOUQUES PROGETTO SOSTEGNO SCUOLA PRIMARIA p. 3 DAJABON PROGETTO CASA FAMIGLIA PER BAMBINI ORFANI p. 4 LÉ0GANE PROGETTO RICOSTRUZIONE

Dettagli