Diversamente uguali nello Sport

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE

Mental Training Olistico e programmazione neuro linguistica applicata allo sport

SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

IL COACHING delle Ambasciatrici

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li

Diventare consapevoli che il modo in cui ci diciamo le cose ha un impatto sulla nostra neurologia.

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO

IL NOSTRO TEAM EMOZIONI IN CAMPO!

Curricolo verticale. Educazione Motoria/ Educazione Fisica

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

LA COMUNICAZIONE ETICA. Il processo di Comunicazione

ASSOCIAZIONE ARTEMENTE

COME COMPORTARSI E RAPPORTARSI CON ALLIEVI E GIOCATORI DURANTE LE LEZIONI E GLI ALLENAMENTI.

The Leader. Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. Emanuele Radice. Sviluppo personale - self Help

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

PARLARE CON I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013

CONSIDERAZIONI SUL BULLISMO

La Leadership efficace

Nozioni di psicologia applicata ai giovani atleti. Dott.ssa Claudia Fiorini, psicologa

CORPO MOVIMENTO SPORT Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia. Dimensione Competenza Abilità Conoscenze Eseguire piccoli compiti motori

PROGETTO ASTERIX. Promosso da

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

DOTT.SSA VALENTINA BIMBI PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA COGNITIVO COMPORTAMENTALE TERAPEUTA EMDR REFERENTE GRUPPO MIP CREMONA

Giornata Europea sulla Depressione

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE

Conversazione sulla comunicazione didattica

5.9. SCIENZE MOTORIE PRIMO BIENNIO

Il primo questionario di assessment europeo con un approccio sistemico nato per rispondere alle esigenze più evolute di sviluppo delle risorse umane

Vediamo dei piccoli passi da fare:

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA

Processi di comunicazione scuola-famiglia

Di cosa di occuperemo?

IL MANUALE DEL TIROCINANTE

PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA

COLLOQUIO EFFICACE URBINO Antonella Scalognini A.A.2010/2011.

SCIENZE MOTORIE. Competenze disciplinari Competenze di base Abilità/Capacità Contenuti Tempi

TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO

TRAINING. Riservato ad agenti e venditori. (3 giornate intervallate)

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

La passione e la fatica

Associazione non profit La mela e il seme

Wellness Coaching Crescita Personale

Educare alla cittadinanza il senso dell esperienza

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO

CRESCERE COME PERSONA E COME MANAGER. CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE - Anno

5.8. SCIENZE MOTORIE PRIMO BIENNIO

Distretto: Ciriè. Animatore/trice: Annalisa Bilanzone POTENZIARE CREARE

PARLIAMO DI SESSUALITA CON I NOSTRI FIGLI

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SEZIONE A. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della Scuola Secondaria di Primo Grado

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo)

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO

IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO

Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata Roma, 16 Maggio Dott.ssa Francesca Alfonsi

Programmazione Annuale

COME FARE UN TIROCINIO EXTRACURRICULARE

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale.

YouLove Educazione sessuale 2.0

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria

Cosa desideri dalla vita?

Istituti Comprensivi e Scuole Secondarie

LA FIDUCIA IN AZIENDA

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis

PATRIZIO PAOLETTI 5 P ASSI P ER CAMBIARE LA TUA VITA. MED events that change your life

Il personal overselling per entrare in azienda paga? Quali sono le leve del personal overselling?

Il teatro è uno strumento educativo e formativo che i bambini praticano. da sempre nella forma spontanea e divertente del gioco.

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, Gennaio 2013

CATALOGO CORSI 2015 AREA: GESTIRE E POTENZIARE SE STESSI

Progetto. a cura di. Massimo Merulla

Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive

TECNICHE E ARTE DEL COUNSELING

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

ESSERE FELICI E MEGLIO!

Modalità Relazionali. Formazione 01/12/2007

COACHING & TEAM COACHING

PROPOSTE. FORMATIVE per la SCUOLA. dell INFANZIA. Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno

Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi Scuola dell'infanzia Albertario A. S. 2006/ SUONO... LABORATORIO DI ESPRESSIVITÀ CORPOREA OSTI

Su ali di farfalla. Trasforma la tua vita e vola verso la felicità

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA.

I CAMPI DI ESPERIENZA

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE

COMPETENZE PER L INNOVAZIONE E LO SVILUPPO NELL'AREA PERSONALE E ORGANIZZAZIONE

Advertisement
Transcript:

Diversamente uguali nello Sport di Silvia Cabano e Furio Dioguardi COMPETENZE PEDAGOGICHE E RELAZIONALI NELLO SPORT FEMMINILE di furio dioguardi - furio.dioguardi@gmail.com "Casa dello Sport Viale Italia 547-La Spezia Giovedì 8 ottobre 2015 Dalle 19.30 alle 22.30 Scuola Regionale dello Sport - CONI tel:010/581166 mail: srdsliguria@coni.it

Diversamente uguali nello sport: essere allenatori di sport individuali/squadra (nello sport individuale il rapporto con l allenatore è maggiormente condizionante) allenare atlete donne/uomini se l allenatore è uomo/donna (uomini più autoritari, donne più comunicative?)

Rapporto atleta/allenatore Consapevolezza della limitata capacità di ascolto Relazione-Reciproca (rapporto atleta-allenatore) Esempio debole: evitamento inadeguatezza altrui. Saper mettere in valore le persone (coaching). Tonalità emotiva: livello di eccitazione nervosa del gruppo Eros: condivisione piano esistenziale-bisogno affetto

L esempio trova la sua forza educativa non nel suo essere PENSIERO FORTE, con un modello già fatto, ma nel suo essere PENSIERO DEBOLE

L eros e la simpatia sono fondamentali per conciliare vicinanza e asimmetria. Si deve rispondere a quel bisogno di affetto costitutivo dell essere umano e potente nell età adolescenziale. Si valorizza l altro e quindi lo si incontra produttivamente.

La tonalità emotiva, disvela una dimensione fondamentale della presenza umana: non lo spazio oggettivo, ma quello dell esistenza, ricca di voci, di suoni, e legata alle esperienze vissute. Il mondo è «pieno» o «vuoto» in relazione al soggetto e al suo stato d'animo.

L'allenatore e la comunicazione Spiega il compito Usa feed-back e rinforzi Gestisce i momenti di silenzio Guida la squadra in partita Tiene discorsi, colloqui e riunioni Lavora in equipe La comunicazione è condizionata dal potere, dal carìsma, dal consenso e dalla credibilità dell allenatore. La prova è la concentrazione di chi lo ascolta. 08/10/2015

Tre modalità comportamentali dell' atleta Non fa quello che dice l'allenatore Fa quello che dice l allenatore perché lo dice l'allenatore Fa quello che dice l allenatore perché sa che è la cosa migliore per se stessa Nel giovanile è fondamentale il passaggio dal secondo al terzo livello. Docente Federale FIPAV Furio Dioguardi

Riscaldamento per bambini bambini, correte per 10 minuti intorno al campo bambini, giochiamo a prede e cacciatori Simili con stimoli diversi (intenzionalità)

Movimenti e atteggiamenti sono significanti soltanto alla luce delle interiori motivazioni fondamentali. E. Husserl (Meditazioni Cartesiane)

Noi siamo eretti non per la meccanica dello scheletro o per la regolazione nervosa del tono, ma perché siamo impegnati in un mondo; appena si riduce la presa sul mondo, il corpo si abbandona, nel sonno e nella morte. Buytendijk Frederik J. J (medico-antropologo)

Passare dal maschile al femminile Un allenatore uomo che decide di allenare le donne può generare diffidenze. Soprattutto deve prendere consapevolezza che l universo femminile è completamente diverso (non inferiore ma diverso). Quale intenzionalità muove la donna nello sport? Fondamentale è non pensare allo sport femminile come sport di serie B.

L allenatore deve assumersi le responsabilità di funzionamento (leadership di competenza) e di mantenimento (leadership affettiva). I compiti di funzionamento sono comportamenti finalizzati all esecuzione del compito. I compiti di mantenimento sono comportamenti che si concentrano sull armonia e coesione nel gruppo.

Nel femminile: la credibilità Condividere obiettivi singoli e di squadra (riconoscere identità e specificità) Non fare promesse difficili da mantenere (la parola nostra è pesante) Sempre costruttivi (coerenza con quanto si chiede)

Nel femminile: il consenso Difendi le giocatrici e chi lavora per te Con le atlete: elogio prima, critica dopo Mai mettere in ridicolo un atleta davanti alle altre. Metti le persone in valore. Si legheranno a te

Approccio alla squadra femminile Profilo basso (siamo noi ad entrare nel gruppo di lavoro, non le atlete). Comunicare con le donne è completamente diverso! L aspetto mentale-emozionale è prevalente Il silenzio è d oro (un errore di comunicazione diventa spesso determinante) L allenatore uomo è solo! Le ragazze non amano prendersi responsabilità nei momenti di difficoltà Le ragazze non si affrontano mai fra di loro

Aspetto mentale-emozionale Lavorare sull autostima (per risolvere i problemi) Trasmettere e vivere emozioni Buona valutazione del feed-back Comunicazione efficace (che non ha come criterio il giusto/sbagliato ma l utile/non utile).

Nel maschile appare più facile motivare gli atleti (facendo leva sulla loro naturale tendenza alla competizione). Nel femminile l allenatore punta sulle positività perché le atlete saranno così motivate a confermarle (Velasco Motivazione e leadership per donne e uomini)

Comunicare nel femminile Contano più le modalità comunicative rispetto al contenuto soprattutto nei momenti di stress agonistico L allenatore usa spesso un approccio direttivo sia come modalità di leadership sia come gestione dell allenamento L approccio autoritario, talvolta usato nel femminile, è pericoloso oltreché negativo. La carenza di autostima nel femminile, determina un maggior bisogno di rinforzi positivi. Le atlete aspettano soluzioni e non sfoghi

Comunicazione efficace: le modalità nel femminile 1) Ragazze, ottimo il piazzamento difensivo ma ricordiamoci che la 5 preferisce attaccare il lungo-linea 2) Non è possibile sbagliare la difesa tre volte di seguito e sulla 5 a muro non state capendo nulla Stesso contenuto, diverse modalità 08/10/2015

Quanto conta la competenza? La competenza è la condizione sinequa nondel successo ma non basta. La gente di fronte a Cicerone diceva: Come parla bene questo qui! ; con il balbuziente Demostene diceva: Alè, andiamo! L'allenatore non deve parlare bene alla squadra. L'allenatore deve essere seguito dalla squadra.

Bibliografia di riferimento Felice Accame ed. SSS Roma 1996 Pratica del linguaggio e tecnica della comunicazione Piero Bertolini, Nuova Italia Firenze 1989 L esistere pedagogico P. Guenzi - D. RutaEgea Milano 2010 Team leadership Mauro Maldonato ed. Esselibri Napoli 2002 Psicologia della comunicazione http://www.calzetti-mariucci.it/articoli/lo-sport-femminile-nei-suoi-diversiaspetti