Elementi di Organizzazione Aziendale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elementi di Organizzazione Aziendale"

Transcript

1 Elementi di Organizzazione Aziendale Ing. Paolo Neirotti, Ph.D Politecnico di Torino DISPEA Torino, 5 marzo 2007 Progetto ProteInn Indice Introduzione: che cosa è l organizzazione e cosa è la progettazione organizzativa Evoluzione del contesto competitivo e paradigmi organizzazivi Gli elementi fondamentali della progettazione organizzativa La progettazione della micro struttura La progettazione della macro struttura Strutture funzionali, divisionali, a matrice 1

2 Obiettivi del seminario Comprendere gli elementi fondamentali della progettazione organizzativa di un impresa. Comprendere chi sono gli stakeholders ( portatori di interesse ) di un impresa Comprendere come le scelte di organizzazione di azienda possono supportare le capacità di innovazione dell impresa, così come le capacità di creare valore per i suoi stakeholders. Un esempio di buona organizzazione 2

3 Una definizione di organizzazione Insieme complesso di persone associate per uno scopo, in rapporto dinamico con l ambiente esterno. Tali persone si dividono le attività da svolgere e le conoscenze secondo norme e ruoli collegati gerarchicamente. Ogni attività umana fa nascere due esigenze fondamentali e opposte: La divisione del lavoro (nei diversi compiti da eseguire) Il coordinamento dei compiti per completare l attività L organizzazione deve avere una coerenza interna (con gli obiettivi strategici dell azienda, la sua dimensione, età, competenze distintive, tecnologia impiegata) ed esterna (con l ambiente ovvero il settore di appartenenza, il Paese in cui opera, ecc.). Strategia, progettazione organizzativa ed efficacia Ambiente esterno Minacce Opportunità Incertezza Disponibilità di risorse Top management Ambiente interno Competenze distintive Punti di forza Punti di debolezza Performance e storia passata Tecnologia Società e cultura Demografia Politica e legislazione Definizione della strategia Quali prodotti? In quali segmenti di mercato? Quali partnerships? Quali scelte di make or buy? Etc. Progettazione organizzativa Macrostruttura Microstruttura Politiche per le risorse umane Impiego di tecnologia in azienda Collegamenti con fornitori e clienti Risultati di efficacia.. 3

4 L efficacia di un organizzazione Sono passati solo pochi minuti da un incidente d'auto a Tampa in Florida, e Lance Edgy è già sulla scena: provvede a calmare gli infortunati, a consigliare le opportune cure mediche, a organizzare la riparazione delle vetrine dei negozi. E lui che da supporto alla preparazione dei rapporti per la polizia e che avvia le procedure legali. Prima che i carroattrezzi abbiano sgombrato la carreggiata, Edgy, 26 anni, rappresentante senior della Progressive Corp., ha già offerto al suo cliente un risarcimento per il valore di mercato della sua automobile. Il suo "ufficio" è un furgone dotato di aria condizionata con una piccola scrivania, telefoni cellulari e poltrone molto comode, dove i clienti possono rilassarsi affidando ad Edgy la responsabilità di provvedere a tutte le incombenze. Progressive Corp. presenta oggi molte delle caratteristiche che una persona che subisce un incidente chiede alla propria assicurazione, e... forse anche qualcuna in più! Non solo un risarcimento veloce e adeguato al valore del sinistro, ma anche un contatto amichevole, un sostegno psicologico, un supporto qualificato per gestire ogni difficoltà. Ma Progressive Corp. non è solo un azienda che serve bene i propri clienti, è anche un azienda che, con i suoi utili al Top del settore e un tasso di crescita assai elevato, fà anche un ottimo servizio ai propri azionisti. Ma non è sempre stato così. Verso la fine degli anni 80, Progressive, specializzata in automobilisti ad alto rischio, si trovò in seri problemi: nonostante i costi interni elevati, le lamentele da parte dei clienti erano continue. Il personale qualificato restava molto poco all interno dell azienda e questo turnover non consentiva di sviluppare competenze nè di instaurare rapporti personali con i clienti. Non c era d altra parte alcuna capacità di sfruttare sinergie o coordinare l offerta assieme alle altre organizzazioni che forniscono servizi complementari, come ad esempio soccorso stradale, assistenza medica,... pompe funebri. L'amministratore delegato Peter Lewis vide in questa crisi la necessità e l'opportunità di creare una nuova tipologia di azienda. "La gente viene continuamente strizzata in mille modi dalle compagnie di assicurazione per auto. Le persone vengono trattate bruscamente e con lentezza. "Perché non cambiamo? Perché non iniziamo a trattare i clienti come amici e non come avversari? Sarebbe una rivoluzione nel business". Oggi, attraverso il programma Risposta Immediata di Progressive, i rappresentanti dell'azienda prendono contatto con l'80% degli infortuni per incidenti entro 9 ore, i meccanici controllano il 70% dei veicoli danneggiati in una giornata e gran parte dei reclami per i danni vengono sbrigati in una settimana. I meccanici lavorano in team composti da 6 persone e vengono sottoposti a formazione non solo riguardante le norme assicurative e legali, ma anche sull'arte della negoziazione e sul sostegno psicologico, in quanto il loro lavoro richiede di trattare con i congiunti delle vittime di incidenti. I team hanno la responsabilità di occuparsi di ogni problema si presenti nella gestione del sinistro. I salari sono alti, e un programma di condivisione dei guadagni offre ai lavoratori l'opportunità di aumentarlo ancora di migliaia di dollari. Progressive garantisce ai dipendenti remunerazioni ai vertici del mercato in quanto vuole le persone migliori ad ogni livello dell'azienda. Per Progressive, formare e mantenere buoni dipendenti è fondamentale per mantenere buoni clienti. Oggi Progressive è un organizzazione dove gli individui amano lavorare perché si sentono valorizzati e trattati come persone. I rapporti umani sono intensi e il lavoro di gruppo offre continue opportunità di socializzazione e crescita sia professionale che umana. Lewis, dal canto suo, ha avuto conferma della sua convinzione che investire nelle persone ripaghi: l'utile di Progressive è aumentato ad un tasso medio di crescita annuale del 20% a partire dal 1989 e la società è oggi considerata come una delle più interessanti e innovative del suo settore. Adattato da: Ronald Henkoff,, "Service" is Everybody's s Business," Fortune, 27 June 1994,

5 L efficacia dell organizzazione SPUNTI PER LA DISCUSSIONE In base a cosa è possibile dire che oggi Progressive ha prestazioni migliori di quanto avveniva alla fine degli anni 80? Come è possibile misurare tali prestazioni? Come è possibile caratterizzare il nuovo modo di operare di Progressive? Quali ostacoli può aver incontrato Progressive nella attuazione di questo nuovo modo di operare? Perchè le altre società non l hanno subito imitata? Paradigmi organizzativi ed evoluzione del contesto competitivo 5

6 Il Taylorismo Agli inizi del Novecento Taylor determina i principi dello Scientific Management. L obiettivo è individuare i principi di un modello organizzativo che superi i limiti della fabbrica di inizio novecento, caratterizzata da bassa produttività, eccessiva discrezionalità dei capi reparto, bassi livelli di qualificazione. Ford è il primo ad applicare i principi del taylorismo sulla produzione di grande serie. Il Taylorismo Esiste un unico one best way per organizzare le attività produttive, da individuare mediante un analisi scientifica di tutte le attività che compongono i processi produttivi. Elevata divisione del lavoro, mansioni standardizzate e parcelizzate. Il lavoro si svuota di ogni contenuto cognitivo e di qualsiasi discrezionalità. Il controllo del processo produttivo e la ricerca di innovazioni incrementali del processo produttivo vengono affidate ai capi reparto Focus su efficienza, anzichè su innovazione (ambiente stabile) Produzione indifferenziata e su grandi volumi 6

7 Il modello burocratico Max Weber (1922) individua nelle strutture burocratiche - basate sulla formalizzazione del comportamento organizzativo attraverso norme, prassi consolidate, forte specializzazione e divisione del lavoro - gli elementi per il perseguimento dell efficienza organizzativa. Forte focus su efficienza, limitata capacità di sostenere l innovazione e di affrontare i cambiamenti nell ambiente esterno. Maggiore importanza attribuita alla norma anzichè a competenze, autonomia e discrezionalità dell individuo. Retribuzione e progressione di carriera basate sull anzianità di servizio. Genera frustrazione: i bisogni di autorealizzazione dell individuo vengono soffocati. Il modello burocratico - esempi United Parcel Service (UPS) 340 precise indicazioni su come consegnare correttamente un pacco 3 minuti dedicati ogni giorno al controllo degli autisti Ospedali Università Enti della Pubblica Ammistrazione 7

8 Il toyotismo Un ulteriore evoluzione dei paradigmi organizzativi avviene a partire dagli anni 80, attraverso l esportazione del modello proposto da Toyota e da altre aziende giapponesi. Contesto competitivo: Declino della domanda per beni standardizzati, crescente attenzione verso la qualità di processo e di prodotto Allargamento delle mansioni rispetto al paradigma taylorista, maggiore discrezionalità dei dipendenti di linea Enfasi su formazione continua Sostegno all imprenditorialità individuale e alla capitalizzazione della conoscenza posseduta dai dipendenti di linea (es. Circoli della qualità) Si riduce la distanza intellettuale tra management e addetti alla produzione Ampio ricorso a fornitori esterni attraverso integrazione dei processi produttivi lungo la filiera produttiva La learning organization [1] Focus su efficienza non è più sufficiente per mantenere una buona competitività. Maggiore turbolenza nell ambiente competitivo (deregolamentazione di molti settori, più frequenti innovazioni di prodotto, competizione su scala globale, nuove tecnologie di produzione e di trattamento dell informazione). Importanza dei processi di apprendimento al fine di realizzare innovazioni continue (efficacia diventa più importante di efficienza). I criteri del paradigma taylorista e del modello burocratico divengono inadeguati. 8

9 La learning organization [2] Forte focus su miglioramento continuo, problem solving di individui e capitalizzazione di conoscenza posseduta da tutti i dipendenti dell azienda. Forte focus su uguaglianza e fiducia. La cultura organizzativa incoraggia l assunzione del rischio, il cambiamento e la sperimentazione. Incoraggiata l imprenditorialità diffusa. L individuazione e il riutilizzo di competenze distintive (le core competencies, ovvero che cosa l impresa sa fare meglio dei concorrenti) sono lo strumento per l innovazione di prodotto e per la crescita attraverso l entrata in nuovi mercati La learning organization Altri elementi caratterizzanti: Outsourcing di attività non legate ai processi di produzione non core. Importanza di alleanze strategiche con altre aziende per accellerare i processi di innovazione tramite: Accesso a competenze complementari, Apprendimento/trasferimento di nuove competenze. 9

10 Learning organization 3M Corporation Nel 2000 il 30% circa del fatturato proveniva da prodotti che fino a 4 anni prima non esistevano. Percentuale di fatturato ottenuta da nuovi prodotti, tassi di crescita del fatturato, tassi di redditività vengono considerati come principali indicatori di efficacia. Skandia (impresa globale di servizi assicurativi nel campo Vita ) Forte focus su capacità di rinnovamento (% di fatturato proveniente da nuovi prodotti, % di dipendenti under 40, tasso di crescita del fatturato, investimenti legati allo sviluppo di nuovi business su costi di produzione) I prodotti di successo vengono riproposti (tramite opportuni adattamenti) negli altri paesi Glielementifondamentalidella progettazione organizzativa 10

11 Le cinque parti dell organizzazione Il Nucleo Operativo Rappresenta il cuore di ogni organizzazione E caratterizzato da un elevato livello di standardizzazione Comprende le persone che svolgono l attività fondamentale direttamente legata alla produzione degli OUTPUT essenziali che tengono in vita l organizzazione Gli operatori del Nucleo Operativo svolgono 4 funzioni principali: 1. Procurano gli INPUT 2. Trasformano gli INPUT 3. Distribuiscono gli OUTPUT 4. Supportano le funzioni di Input, Trasformazione e Output (manutenzione, gestione magazzini, ecc.) 11

12 Il Vertice Strategico Ha la responsabilità globale dell organizzazione (direttore generale, presidente, re, ecc. e gli altri manager di alto livello) Può comprendere il Comitato di Direzione o l ufficio dell amministratore delegato (Chief Executive Officer) Dirige l azienda affinchè assolva alla sua missione in modo efficace e rispondendo agli interessi di coloro che hanno interessi verso l azienda (azionisti e stakeholder) Svolge 3 funzioni principali: 1. Supervisione diretta 2. Gestione delle condizioni di confine (l ambiente esterno) 3. Sviluppo della strategia dell azienda La Linea Intermedia Collega il Vertice Strategico al Nucleo Operativo: la catena si sviluppa dal Vertice Strategico fino ai capireparto, che hanno autorità sugli operatori (supervisione diretta) La catena di responsabilità che collega l operatore ad un manager del Vertice Strategico costituisce la gerarchia dell organizzazione Raccoglie i feedback sulle performance della propria unità e li trasmette ai manager dei livelli superiori (anche operando aggregazioni) ed interviene su alcuni livelli decisionali Verso il Vertice Strategico riporta le decisioni da autorizzare, le proposte di cambiamenti, ecc. Dal Vertice Strategico riceve le risorse da allocare, le regole e i piani da elaborare, i progetti da realizzare Anche il manager della Linea Intermedia non assolve solo a funzioni di supervisione diretta: deve gestire le condizioni di confine tra la propria unità di competenza e il resto dell organizzazione. Il manager della Linea Intermedia deve formulare le strategie per la sua unità, anche se questa sarà sempre influenzata in modo forte dalla strategia complessiva dell azienda 12

13 La Tecnostruttura Composta da analisti che progettano, pianificano, modificano e addestrano per il lavoro operativo ma non lo svolgono: è efficace se rende più efficace il lavoro degli altri Esistono 3 tipi di analisti: 1. Analisti del lavoro: standardizzano i processi di lavoro 2. Analisti di pianificazione e controllo: standardizzano gli output 3. Analisti di problemi del personale: standardizzano le capacità In un organizzazione molto articolata, la tecnostruttura può operare a tutti i livelli della gerarchia, ad esempio: Livelli bassi : standardizzazione del flusso di lavoro (programmazione della produzione, studi di tempi e metodi, ecc.) Livelli intermedi: standardizzazione delle attività decisionali (addestramento dei manager) e studi di ricerca operativa Vertice Strategico: progettazione di sistemi di pianificazione strategica e sistemi economico-finanziari di controllo delle unità più importanti Lo Staff di supporto Numerose unità tutte specializzate Supporto esterno al flusso di lavoro operativo Non si occupano di standardizzazione ma svolgono funzioni specifiche Molte unità dello staff di supporto sono autosufficienti: miniorganizzazioni nell organizzazione, con un proprio vertice e nucleo operativo Supportano tutti i vari livelli della gerarchia, in modo diverso in base alle esigenze del destinatario (relazioni pubbliche e ufficio legale sono vicini al vertice, i livelli intermedi sono supportati dalla R&S, quelli più bassi da mensa, spedizioni, paghe, ecc.) Si tratta di servizi di supporto che non sono acquistati da fornitori esterni perché si vuole mantenere un presidio diretto su questi 13

14 Il funzionamento dell organizzazione Flusso di autorità formale Flusso di attività regolate Flusso di comunicazioni informali Insieme di costellazioni di lavoro Flusso di processo decisionale ad hoc I cinque meccanismi di coordinamento Adattamento reciproco Analista Manager Analista Supervisione diretta Manager Operatore Operatore Operatore Operatore Standardizzazione degli Output Analista Manager Standardizzazione dei Processi Analista Manager Operatore Operatore Operatore Operatore Standardizzazione degli Input (Capacità) Analista Manager Operatore Operatore 14

15 Adattamento Reciproco I cinque meccanismi di coordinamento Supervisione diretta Burocrazia: comportamento organizzativo predeterminato o prevedibile Standardizzazione dei Processi Standardizzazione Output Standardizzazione Capacità Presidio delle attività da parte di chi le esegue Complessità dell organizzazione Le variabili di progettazione Gli elementi attraverso cui si attua la divisione del lavoro sono la progettazione di: Ruoli: Posizione individuale su cui si articola il sistema organizzativo. Ad ogni ruolo e/o posizione sono assegnati gruppi di compiti, le mansioni. I compiti possono essere direttivi, di controllo, esecutivi Unità organizzative: raggruppamento dei ruoli per finalità e/o attività Struttura organizzativa: deriva dal raggruppamento delle unità organizzative, la definizione dei legami di interdipendenze tra queste, dell ampiezza del controllo manageriale, dei sistemi di coordinamento e comunicazione tra le varie unità organizzative 15

16 Micro e macro struttura La progettazione del sistema dei ruoli dà luogo alla microstruttura organizzativa. L insieme degli organi e delle loro relazioni costituisce la macrostruttura organizzativa. La relazione di subordinazione di un ruolo / organo ad un altro dà forma alla gerarchia. La progettazione della microstruttura [1] La progettazione dei ruoli (microstruttura) si suddivide in: Specializzazione delle mansioni Specializzazione orizzontale: numero di compiti di stessa natura (direttivi, esecutivi, di controllo) attribuiti ad ogni mansione Specializzazione verticale: numero di compiti di diversa natura attribuiti ad ogni mansione Formalizzazione del comportamento: orientata a ridurre la variabilità, ed aumentare il controllo del comportamento del singolo individuo. Avviene attraverso la: Standardizzazione della mansione Standardizzazione del processo di lavoro Definizione di regole comportamentali 16

17 La progettazione della microstruttura [2] Formazione: importante quando mansioni complesse, non routinarie e non standardizzabili. Indottrinamento: orientato a trasmettere all individuo l insieme dei valori e dei modelli di comportamento richiesti dall organizzazione. Agisce come collante, in particolare nelle organizzazioni disperse sul territorio (es. Chiesa, esercito) La progettazione della macrostruttura La progettazione della macrostruttura definisce il raggruppamento: dei ruoli in unità organizzative, delle unità organizzative tra di loro. Definisce quindi il numero di livelli gerarchici e l ampiezza del controllo operato dai manager. Il raggruppamento dei ruoli può avvenire in base ai seguenti elementi: Conoscenze e capacità (es: negli ospedali per il personale medico) Specificità delle diverse fasi del processo produttivo (es.: tesoreria, paghe e contributi, controllo di gestione all interno dell Amministrazione) Tipologie di prodotti/servizi offerti Segmentazione del mercato (es.: polizze di gruppo e polizze individuali in un impresa di assicurazione) Località (es.: filiali di una banca) Orizzonte temporale di attività svolte (es.: turni di lavoro in un call center o in una fabbrica) 17

18 I flussi informativi nella macrostruttura I collegamenti verticali vengono progettati ai fini del controllo dell organizzazione I dipendenti dei livelli inferiori devono svolgere attività coerenti con gli obiettivi imposti dai livelli superiori I principali collegamenti verticali sono: Riporto gerarchico: Rimettere al livello superiore le decisioni per cui non si ha autorità/competenza. Regole e piani Es.: budget; limite di spesa per cui si ha autonomia Sistemi informativi verticali Report periodici Bollettini diffusi dai manager I flussi informativi nella macrostruttura Ciò che trovai alla Chrysler furono 35 responsabili di area, ognuno con il proprio orticello. [ ] Non potevo credere, ad esempio, che la persona che gestiva le unità di ingegnerizzazione non fosse in costante contatto con la sua controparte della produzione. Ma questo è ciò che succedeva. Ognuno lavorava in modo autonomo. [ ] Quello fu il momento in cui realizzai di essere nei guai. [ ] Nessuno alla Chrysler sembrava capire che l interazione tra le diverse funzioni in un azienda è assolutamente cruciale. Le persone che lavorano nella progettazione e nella produzione devono quasi dormire insieme, e invece non avevano neanche un flirt! LEE IACOCCA, CEO Chrysler 18

19 I flussi informativi nella macrostruttura i collegamenti orizzontali Contatto diretto I ruoli di collegamento (spesso usati per collegare area di progettazione e di produzione) Co-location Task force: comitato temporaneo composto da rappresentati di ogni area organizzativa interessata dal problema. Integratori full-time Product manager Brand manager Project manager (per un progetto di innovazione di prodotto che coinvolge finanza, sviluppo prodotto, produzione, marketing) Team di progetto permanenti Le strutture organizzative Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale (per processi) 19

20 Le strutture funzionali Struttura funzionale Presidente Info-Tech R & D Produzione Contabilità Marketing Basata su funzioni che racchiudono al loro interno competenze, processi e conoscenze tra loro omogenee. Fortemente orientata all efficienza nell utilizzo dei fattori produttivi Ridotte al minimo le duplicazioni di fattori produttivi (risorse umane e macchinari) Le strutture funzionali Punti di forza Permette lo sviluppo di conoscenze e capacità approfondite. Facilita le economie di scala all interno delle unità funzionali. Permette il raggiungimento degli obiettivi di ogni funzione. Facilita lo sviluppo delle capacità da parte dei dipendenti, messi a contatto con colleghi con competenze nello stesso ambito di attività Punti di debolezza Tempo di risposta lento di fronte a cambiamenti ambientali. Non va bene se l impresa produce diverse famiglie di prodotto. Scarso coordinamento orizzontale tra le unità organizzative. Sovraccarica le attività decisionali del vertice strategico. 20

21 Le strutture divisionali Struttura divisionale Presidente Info-Tech Electroning Publishing Automazione d ufficio Realtà virtuale R & D R PP C M & D R PP C M & D PP C M La struttura divisionale viene utilizzata per creare unità relativamente autosufficienti, in grado di gestire particolari flussi di lavoro e contenere le interdipendenze più complesse La struttura divisionale I punti di forza Indicata in caso di rapidi cambiamenti in ambiente instabile. Favorisce l orientamento al cliente (una divisione, un prodotto). Genera un alto grado di coordinamento tra le funzioni. Permette alle singole unità di adattarsi a differenze di prodotto, geografiche, di clientela. Decentralizza il processo decisionale alle singole divisioni. 21

22 La struttura divisionale I punti di debolezza Porta a duplicazioni di risorse in ogni divisione. Porta a uno scarso coordinamento tra le linee di prodotto. Elimina l approfondimento delle competenze e la specializzazione tecnica. Rende difficili l integrazione tra linee di prodotto. Struttura divisionale - esempi Johnson & Johnson: 180 unità operative separate; ad esempio: Cerotti Baby shampoo Johnson s Ortho Pharmaceuticals: Pillole anticoncenzionali Microsoft Business and Enterprise: offerta di software a clienti aiziendali (applicativi per la contabilità aziendsale ) Home retail: giochi e applicazioni domestiche Business productivity group: applicativi per l automazione di ufficio (es. Word, Excel, Power Point) Microsoft Research: svolge ricerca di base su tecnologie emergenti 22

23 Struttura a matrice Presidente Responsabile prodotti Design Produzione Acquisti Marketing Product Manager A Product Manager B Product Manager C Product Manager D Struttura a matrice Orientata a bilanciare le esigenze funzionali con quelle di prodotto. Consiste nella implementazione simultanea della struttura funzionale e di quella divisionale. Focalizzata a favorire l innovazione di prodotto e l utilizzo appropriato dell esperienza tecnica radicata nelle funzioni. 23

24 Struttura a matrice Le condizioni che portano allo sviluppo delle strutture a matrice Pressione a condividere risorse scarse tra linee di prodotto. Ad esempio, quando l impresa non è abbastanza grande da poter assegnare ingegneri a tempo pieno a ogni linea di prodotto Pressione a sviluppare contemporaneamente competenze di prodotto e tecnologiche. Ambiente di riferimento complesso ed incerto. Struttura a matrice I punti di forza Assicura la condivisione flessibile delle risorse umane tra i prodotti Si adatta a decisioni complesse e cambiamenti frequenti in un ambiente instabile Le risorse (persone, macchinari) possono essere allocate in maniera flessibile tra diversi prodotti Da preferire in imprese di media grandezza con molteplici prodotti I dipendenti accedono sia al sapere della funzione di appartenenza sia alla possibilità di sviluppare capacità di general management. 24

25 Struttura a matrice punti di debolezza Espone i dipendenti a una duplice autorità; può creare quindi confusione e risultare frustrante Implica che i dipendenti sviluppino capacità trasversali Richiede grandi sforzi per mantenere un bilanciamento del potere È time consuming : ci sono frequenti riunioni e conflitti. Struttura orizzontale La struttura orizzontale focalizza le persone attorno ai processi fondamentali (core processes). Elimina (teoricamente) la gerarchia / burocrazia e aumenta utilizzo controllo attraverso risultati di mercato L organizzazione viene interamente ri-progettata lungo il suo flusso di lavoro. Cambia l allocazione del potere gerarchico: elimina il potere verticale, aumenta la specializzazione verticale dei dipendenti nel nucleo operativo. Permette un maggior orientamento al cliente. 25

26 Struttura orizzontale Struttura orizzontale La struttura organizzativa viene creata intorno ai processi chiave interfunzionali piuttosto che attorno ad aree geografiche e funzioni. Il process owner ha la responsabilità di un processo chiave e di coordinare i diversi team a cui sono affidate le varie attività del processo. Ad ogni team sono fornite le competenze, gli strumenti, la motivazione, l autorità per prendere le decisioni che sono essenziali per la performance del processo. Cultura organizzativa fondata su innovazione e miglioramento continuo, forte orientamento ai processi e al cliente. 26

27 Struttura orizzontale - vantaggi Promuove la flessibilità e la velocità di reazione ai cambiamenti nei bisogni dei clienti. Focalizza l attenzione verso la creazione di valore per il cliente. Promuove il lavoro di gruppo e la collborazione. Migliora la motivazione dei dipendenti. Struttura orizzontale - svantaggi Determinare i processi base è difficile e richiede tempo. Richiede cambiamenti in cultura, mansioni, filosofia manageriale, sistemi informativi e retributivi. I manager tradizionali possono ostacolare la nuova divisione di potere ed autorità. Richiede una formazione significativa dei dipendenti per permettere loro di lavorare in maniera efficace in ambienti di gruppo orizzontali. Può limitare lo sviluppo di competenze tecniche approfondite, visto che il dipendente viene sottratto al sapere funzionale (si lavora di meno insieme a persone con competenze nella stessa area). 27

28 Scelta della struttura organizzativa, efficienza ed esigenze di flessibilità Struttura funzionale Struttura funz. con integratori Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale Verticale: controllo efficienza stabilità affidabilità APPROCCIO STRUTTURALE DOMINANTE Orizzontale: coordinamento apprendimento innovazione flessibilità 28

Lezione 3. La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice.

Lezione 3. La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice. Lezione 3 La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice. 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi

Dettagli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli 4 Facoltà di Economia Sede di Treviglio Giancarlo Traini Maggio 2012 il programma N data giorno ora tema capitolo 1 Introduzione

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento Posizione e ruolo nell organizzazione: le cinque parti dell organizzazione ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA TEORIE DI MINTZBERG. Roma 3 Ottobre 2014/Maggio 2015 M. Marcuccio

PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA TEORIE DI MINTZBERG. Roma 3 Ottobre 2014/Maggio 2015 M. Marcuccio PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA TEORIE DI MINTZBERG Roma 3 Ottobre 2014/Maggio 2015 M. Marcuccio Dove nasce il problema della progettazione organizzativa Man mano che le organizzazioni crescono (p.e. numero

Dettagli

Capitolo 3 ELEMENTI FONDAMENTALI DELLA STRUTTURA

Capitolo 3 ELEMENTI FONDAMENTALI DELLA STRUTTURA Capitolo 3 ELEMENTI FONDAMENTALI DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA Struttura organizzativa Le tre componenti chiave della struttura organizzativa sono: i rapporti di dipendenza formale, compresi il numero

Dettagli

PROGETTAZIONE ED EVOLUZIONE DELL ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Nicola NANTE

PROGETTAZIONE ED EVOLUZIONE DELL ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Nicola NANTE PROGETTAZIONE ED EVOLUZIONE DELL ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Nicola NANTE Giuseppe SPATARO CONFIGURAZIONE ORGANIZZATIVA ORGANIZZAZIONE PARAMETRI DELL ORGANIZZAZIONE FATTORI DI CONTINGENZA PROGETTAZIONE DELLA

Dettagli

Lezione 6. La microstruttura organizzativa. Il job design e la motivazione

Lezione 6. La microstruttura organizzativa. Il job design e la motivazione Lezione 6 La microstruttura organizzativa Il job design e la motivazione 1 Un modello di progettazione organizzativa d impresa Ambiente Cultura Obiettivi e strategia Macro Struttura 1. Formalizzazione

Dettagli

Indice. pagina 2 di 10

Indice. pagina 2 di 10 LEZIONE PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA---------------------------------------------------------------------------------------- 3 LA STRUTTURA

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7 Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Ciclo di vita dell organizzazione Ciclo di vita dell organizzazione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Le forme divisionali e i gruppi di imprese Prof. Armando Urbano - A.A. 2011-2012 Contenuti del capitolo Le caratteristiche di base della forma divisionale Interazioni, interdipendenze

Dettagli

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Per TECNOLOGIA si intendono i processi, le tecniche, i macchinari e le azioni utilizzati per trasformare gli input organizzativi (materiali,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE Riassunti del testo di H. Mintzberg, La progettazione dell'organizzazione aziendale A cura di Francesco Lo Piparo SDC LA PROGETTAZIONE AZIENDALE CAPITOLO PRIMO: gli elementi di base della progettazione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE PERSONALE

ORGANIZZAZIONE PERSONALE ORGANIZZAZIONE PERSONALE L ORGANIZZAZIONE è un sistema coordinato di persone che si prefigge di raggiungere un più razionale impiego del lavoro umano in relazione agli obiettivi aziendali. IL PERSONALE

Dettagli

Lezione 3. Le strutture funzionali modificate, divisionali, a matrice

Lezione 3. Le strutture funzionali modificate, divisionali, a matrice Lezione 3 Le strutture funzionali modificate, divisionali, a matrice 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE MODIFICATA PER PRODUCT MANAGEMENT ALTA DIREZIONE Organizzazione Risorse Umane Sistemi informativi Programmazione

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi

Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi 2 Processo di trasformazione di base per un azienda manifatturiera Organizzazione Risorse umane Contabilità R&S Marketing

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan Organizzazione aziendale e sistemi informativi Prof. Luca Gnan Agenda Una definizione Divisione del lavoro e coordinamento Le regole nella progettazione Gli ambiti della progettazione organizzativa Modelli

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese L impresa Il sistema impresa L impresa come sistema Le principali funzioni aziendali I principali processi aziendali La catena del valore

Dettagli

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi Lezione 4 La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi 1 IL RAGGRUPPAMENTO ORIZZONTALE Il raggruppamento orizzontale indica che i dipendenti vengono raggruppati intorno ai

Dettagli

c d o i d ce e e t e i t co i ra r pporti i t ra r l a l Re R gi g o i ne Pi P e i mont n e t e le l I t s it i uzio i ni i n o pro r fi f t

c d o i d ce e e t e i t co i ra r pporti i t ra r l a l Re R gi g o i ne Pi P e i mont n e t e le l I t s it i uzio i ni i n o pro r fi f t Governance delle istituzioni no profit gestione interna e adempimenti amministrativi gestionali codice etico Art. 1 Il presente Codice disciplina i rapporti tra la Regione Piemonte e le Istituzioni no

Dettagli

Il sistema di pianificazione strategica

Il sistema di pianificazione strategica Il sistema di pianificazione strategica di Massimo Ciambotti 1 Il processo di Pianificazione Strategica Sono coinvolti tre tipi di attività: - Previsione ed analisi: indagine sui fenomeni futuri (interni

Dettagli

La reingegnerizzazione dei processi aziendali

La reingegnerizzazione dei processi aziendali La reingegnerizzazione dei processi aziendali Le componenti (I/V) L organizzazione per processi: 1. Perché 2. Definizioni 3. Caratteristiche La reingegnerizzazione: 1. Modelli e obiettivi aziendali 2.

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

Corso di. Organizzazione aziendale A.A. 2009-2010. Forme organizzative

Corso di. Organizzazione aziendale A.A. 2009-2010. Forme organizzative Corso di Organizzazione aziendale A.A. 2009-2010 Forme organizzative Università degli Studi del Sannio Dipartimento di Analisi dei Sistemi Economici e Sociali Facoltà di Scienze Economiche e Aziendali

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE 1 a) L organizzazione: concetti generali b) La struttura organizzativa c) I principali modelli di struttura organizzativa a) La struttura plurifunzionale b) La struttura

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO LA PIANIFICAZIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO: 1. La gestione delle risorse umane. - 2. La programmazione del personale. - 3. La Human Resource Scorecard. 1. LA GESTIONE DELLE RISORSE

Dettagli

Innovazione e cambiamento

Innovazione e cambiamento ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Innovazione e cambiamento 2 Contenuti del capitolo Innovare o perire: il ruolo strategico del cambiamento Cambiamento tecnologico Nuovi prodotti e servizi Cambiamenti strategici

Dettagli

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi concorrenti. IL VANTAGGIO COMPETITIVO NASCE DA FONTI ESTERNE E/O

Dettagli

Psicologia delle organizzazioni

Psicologia delle organizzazioni Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella Psicologia delle organizzazioni LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA 1 La struttura Struttura come configurazione formale dell organizzazione

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Le FAQ della simulazione

Le FAQ della simulazione Le FAQ della simulazione L obiettivo di queste FAQ è fornire ai progettisti di corsi di formazione, a docenti, agli utenti di corsi di formazione e a coloro che sono addetti allo sviluppo delle risorse

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap. 23 Le competenze

Dettagli

Le barriere all entrata

Le barriere all entrata Le barriere all entrata Derivano da: maggiori i costi minori ricavi della nuova entrante rispetto alle imprese già presenti nel settore Le nuove entranti devono considerare: Condizioni d ingresso: ostacoli

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE

RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE KNOWLEDGE MANAGEMENT Seminario Tematico Università di Milano-Bicocca RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE Stefania Bandini Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Università

Dettagli

Gestione delle relazioni con il Cliente

Gestione delle relazioni con il Cliente Customer Relationship Management Cos è il Customer Relationship Management? Proviamo a tradurlo in italiano, sarà più facile da capire Gestione lle relazioni con il Cliente Ma perché è diventato così importante

Dettagli

La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo?

La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo? Il Marketing Interno per valorizzare la Funzione Acquisti Milano, 6 Novembre 2014 PROCUREMENT HOUR La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo? Indice

Dettagli

IL MANAGER DIDATTICO:

IL MANAGER DIDATTICO: IL MANAGER DIDATTICO: RUOLO, FUNZIONI, COMPETENZE DI ANNA COMACCHIO * * Professore associato in Organizzazione Aziendale Università Cà Foscari di Venezia Anna Comacchio 50 ,, F RR UU OO LL L II, I FF UU

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E PROJECT MANAGEMENT

ORGANIZZAZIONE E PROJECT MANAGEMENT MUSEOLOGIA E CONSERVAZIONE DEI BENI MUSEALI ORGANIZZAZIONE E PROJECT BARBARA SORESINA Project Manager 16 DICEMBRE 2013 01.1 GESTIONE STRATEGICA PREMESSA PIANIFICAZIONE DI PROGRAMMI E PROGETTI scelta delle

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistema informativo. Prima definizione Un sistema

Dettagli

Fabbrica Intelligente & Formazione

Fabbrica Intelligente & Formazione Fabbrica Intelligente & Formazione Lo scenario emergente Ieri: strategia di costo Delocalizzazione competitiva Oggi: strategia di innovazione servizio Caratteri Strategia di localizzazione Strategia di

Dettagli

METODI AGILI IL CONTROLLO DI GESTIONE PER. Loredana G. Smaldore

METODI AGILI IL CONTROLLO DI GESTIONE PER. Loredana G. Smaldore METODI AGILI PER IL CONTROLLO DI GESTIONE 1 Fonte: Smaldore, L.G. (2014), Metodi «Agili» per il Controllo di Gestione, in Busco C., Giovannoni E. e Riccaboni A. (a cura di), Il controllo di gestione. Metodi,

Dettagli

Team e lavoro di gruppo

Team e lavoro di gruppo Team e lavoro di gruppo Team di lavoro Team Numero ridotto di persone aventi capacità complementari che si ritengono reciprocamente responsabili per scopo, obiettivi e approccio comuni. L evoluzione di

Dettagli

Prefazione Prefazione all edizione italiana

Prefazione Prefazione all edizione italiana Prefazione Prefazione all edizione italiana Autori XV XVII XX Parte 1 Capire il sistema sanitario e il ruolo del marketing Capitolo 1 Il ruolo del marketing nell organizzazione sanitaria 3 Panoramica:

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli

SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Dott. Ing. Matteo Moi Dott. Ing. Matteo Moi 1 ARGOMENTI CONTENUTI Introduzione ai sistemi di controllo di gestione La Pianificazione strategica Il Bilancio

Dettagli

GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI

GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI a.a. 2009-10 Prof. Corrado lo Storto DIEG, Dipartimento di Ingegneria Economico-gestionale Facoltà di Ingegneria, Università di Napoli Federico

Dettagli

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca La valutazione delle performance competitive di un prodotto rappresenta una fase centrale del processo di decision

Dettagli

I modelli tradizionali del commercio internazionale

I modelli tradizionali del commercio internazionale I modelli tradizionali del commercio internazionale Il commercio internazionale segue i VC (Ricardo e neoclassico) Risultati I VC sono determinati dalle dotazioni fattoriali (HO) L integrazione commerciale

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Contenuti: - Capitolo 8 - Capitolo 9 - Capitolo 10 - Capitolo 11 - Capitolo 12 IL CICLO DI DIREZIONE AZIENDALE PROGRAMMAZIONE (atti di

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Un esempio di Modello delle Competenze nel settore beni di consumo

Un esempio di Modello delle Competenze nel settore beni di consumo Un esempio di Modello delle Competenze nel settore beni di consumo Documento parziale a disposizione dei visitatori del sito www.ebcconsulting.com come esempio di modello predefinito e personalizzato di

Dettagli

Relazioni collaborative per creare valore (di cui appropriarsi in seguito)

Relazioni collaborative per creare valore (di cui appropriarsi in seguito) Le strategie di collaborazione Relazioni collaborative per creare valore (di cui appropriarsi in seguito) Collaborazione (ad esempio per la Ricerca & Sviluppo) tra imprese sottoposte a forti pressioni

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 1. Comprendere le principali caratteristiche distintive dei gruppi di lavoro 2. Conoscere i fattori che incidono sul funzionamento dei gruppi di lavoro 3. Acquisire conoscenze

Dettagli

Il contributo dei giovani all evoluzione dell impresa:

Il contributo dei giovani all evoluzione dell impresa: Il contributo dei giovani all evoluzione dell impresa: risultati di una ricerca su di un campione di 350 giovani Manager (settori: bancario, telecomunicazioni, assicurativo) Pietro Rutelli :Straordinario

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Prof. Antonio Renzi Economia e gestione delle imprese Parte sesta Governo delle imprese e assetti proprietari 1 Argomenti 1. Gli assetti proprietari 2. Proprietà e organo di governo 3. La struttura dell

Dettagli

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F.

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. FORMAZIONE MANAGERIALE S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. Baracca, 235/E 50127 Firenze Tel. 055.3436516

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

LA PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA NELLE AZIENDE. Eugenio Porfido

LA PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA NELLE AZIENDE. Eugenio Porfido LA PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA NELLE AZIENDE Eugenio Porfido 1 ORGANIZZAZIONE CHI DOVE COME un INSIEME di INDIVIDUI costituiti in UNITA SOCIALI che tramite MECCANISMI di orientamento dei COMPORTAMENTI

Dettagli

L internazionalizzazione delle imprese italiane. Dati di sintesi, strategie organizzative e modelli di management

L internazionalizzazione delle imprese italiane. Dati di sintesi, strategie organizzative e modelli di management L internazionalizzazione delle imprese italiane Dati di sintesi, strategie organizzative e modelli di management L internazionalizzazione produttiva delle imprese italiane Fenomeno complesso e differenziato

Dettagli

di Giorgia Facchini (*)

di Giorgia Facchini (*) strategica Strategie di Customer Relationship Management di Giorgia Facchini (*) Il Customer Relationship Management ha costituito negli ultimi anni un opportunità a disposizione delle PMI per poter valutare

Dettagli

Strategie di produzione

Strategie di produzione Strategie di produzione Strategie di produzione 1 Aspetti generali Nel contesto industriale una strategia è in estrema sintesi un piano finalizzato al raggiungimento di un obiettivo. Il piano deve esplicitare

Dettagli

Quando si opera in un mercato

Quando si opera in un mercato Controllo ALLA RICERCA DELL EFFICIENZA: UN SISTEMA INTEGRATO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Quando si opera in un mercato competitivo, attraverso un organizzazione complessa, è fondamentale disporre di

Dettagli

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI 1. Lavorare per progetti La parola, oltre ad avere il significato del lessico comune, significa anche approccio manageriale, soprattutto da quando

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Argomenti affrontati: Pianificazione aziendale e pianificazione di marketing Tendenze evolutive nella

Dettagli

Lezione 24: Strategia e Piano di Comunicazione Stella Romagnoli

Lezione 24: Strategia e Piano di Comunicazione Stella Romagnoli Lezione 24: Strategia e Piano di Comunicazione Definizione di pianificazione strategica della comunicazione Le fasi della pianificazione Comunicazione e integrazione Ottica integrata Specializzazione Le

Dettagli

CONCETTI BASE DI PROJECT MANAGEMENT

CONCETTI BASE DI PROJECT MANAGEMENT ISIPM Istituto Italiano di Project Management Via Vallombrosa, 47/a 00135 Roma CONCETTI BASE DI PROJECT MANAGEMENT ISIPM Istituto Italiano di Project Management Via Vallombrosa, 47/a 00135 Roma 2 ISIPM

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

Nell ambito dell organizzazione aziendale il problema organizzativo si pone a due livelli: 1. Livello Macro (MESO): l analisi è posta in termini di

Nell ambito dell organizzazione aziendale il problema organizzativo si pone a due livelli: 1. Livello Macro (MESO): l analisi è posta in termini di 1 Nell ambito dell organizzazione aziendale il problema organizzativo si pone a due livelli: 1. Livello Macro (MESO): l analisi è posta in termini di progettazione organizzativa, cioè la scelta dell abito

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 5. STRATEGIA, PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione d azienda Pianificazione strategica Pianificazione

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

Overview. Enterprise Project Control System. Principali caratteristiche e funzionalità del Sistema. Piemme S.r.l

Overview. Enterprise Project Control System. Principali caratteristiche e funzionalità del Sistema. Piemme S.r.l Enterprise Project Control System Overview Principali caratteristiche e funzionalità del Sistema Bridge è stato realizzato da PIEMME s.r.l. di Genova Via Carducci 5/4 sn Tel. 010 4075751 «Bridge», per

Dettagli

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà Economia Corso di Strategia di Impresa A/A 2008-2009 TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE -Robert M. Grant- Peitas Patrizia INDICE 1. Il vantaggio competitivo

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

1st Class Teleselling

1st Class Teleselling Ridurre i costi e incrementare i risultati delle reti indirette L orientamento verso una rete di vendita indiretta rappresenta per l azienda una scelta di flessibilità organizzativa che garantisce rapidità

Dettagli

Tecniche Di Project Management. Le Architetture Organizzative di progetto

Tecniche Di Project Management. Le Architetture Organizzative di progetto Tecniche Di Project Management Le Architetture Organizzative di progetto 1 La struttura organizzativa E la configurazione degli organi aziendali e degli insiemi di compiti e di responsabilità loro assegnati

Dettagli

Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni

Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni Rev 1 del 27 gennaio 2011 della presentazione effettuata

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE I PROCESSI AZIENDALI E PROGETTI UDA 2 ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DEI

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

Sviluppo e applicazione di un sistema di Balanced Scorecard

Sviluppo e applicazione di un sistema di Balanced Scorecard Sviluppo e applicazione di un sistema di Balanced Scorecard 1 Limiti e problematiche dei tradizionali sistemi di controllo Orientamento all interno anziché al mercato (poca attenzione alla prospettiva

Dettagli

LABORATORIO NEGOZIAZIONE

LABORATORIO NEGOZIAZIONE Milano, 13 aprile 2012 Professione: MANAGER LE MONOGRAFIE Professione: MANAGER LABORATORIO NEGOZIAZIONE INTERVENTO DI FORMAZIONE/COACHING PER RESPONSABILI NUOVE STRUTTURE REGIONALI 2012 2011 The European

Dettagli

MASTER OPEN SOURCE. Maria Silvia Fiorelli. Università di Pisa Facoltà di Economia Dipartimento di Economia Aziendale E.Giannessi

MASTER OPEN SOURCE. Maria Silvia Fiorelli. Università di Pisa Facoltà di Economia Dipartimento di Economia Aziendale E.Giannessi MASTER OPEN SOURCE Maria Silvia Fiorelli Università di Pisa Facoltà di Economia Dipartimento di Economia Aziendale E.Giannessi APPROCCIO ECONOMICO-AZIENDALE VISIBILITA DEI PROBLEMI AZIENDALI PROBLEMI DI

Dettagli

Aspetti Gestionali ed Amministrativi di Azienda. Dott. Adriano D'Andrea Ricchi

Aspetti Gestionali ed Amministrativi di Azienda. Dott. Adriano D'Andrea Ricchi Aspetti Gestionali ed Amministrativi di Azienda Dott. Adriano D'Andrea Ricchi 05/12/2013 1 Impresa : è un' "attività economica professionalmente organizzata al fine della produzione o dello scambio di

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE II ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO UDA 4 IL TEAM DI PROGETTO LEZIONE: IL

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Appunti di Gestione delle Risorse Umane - ad uso interno per i corsi di Gestori Impianti Fin, di Roberto Getuli

Appunti di Gestione delle Risorse Umane - ad uso interno per i corsi di Gestori Impianti Fin, di Roberto Getuli Appunti di Gestione delle Risorse Umane - ad uso interno per i corsi di Gestori Impianti Fin, di Roberto Getuli 1. Il contesto ambientale dell impresa Parlando di ambiente siamo soliti considerare un luogo

Dettagli

Auto Moto Perf. Group Ricambi R&D Qualità Acquisti Mktg ARD

Auto Moto Perf. Group Ricambi R&D Qualità Acquisti Mktg ARD GESTIONE AZIENDALE - a.a. 2007/2008-3-7-2008 Cognome Nome Matricola Esercizio 1 VaiPiano è un azienda leader nel settore dei sistemi frenanti, che opera oggi in 3 continenti con siti produttivi in 9 nazioni;

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM

di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM STRATEGIE DI CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM INTRODUZIONE L acronimo CRM sta per Customer Relationship Management, ossia gestione delle relazioni con i clienti,

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI

LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI Capitolo III LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI Parole Chiave Resource based View Vantaggio Competitivo Know-how, Know-what, Know-who Apprendimento Interorganizzativo Capitale Sociale Processi Imprenditoriali

Dettagli