SISTEMI ECONOMICI E IL RUOLO DELLA TECNOLOGIA: UN ESPLORAZIONE TEORICA SULLA DINAMICA STRUTTURALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SISTEMI ECONOMICI E IL RUOLO DELLA TECNOLOGIA: UN ESPLORAZIONE TEORICA SULLA DINAMICA STRUTTURALE"

Transcript

1 SISTEMI ECONOMICI E IL RUOLO DELLA TECNOLOGIA: UN ESPLORAZIONE TEORICA SULLA DINAMICA STRUTTURALE Autore: ANA DUEK DISSERTAZIONE PROPOSTA ALLA FACOLTÀ DI SCIENZE ECONOMICHE UNIVERSITÀ DELLA SVIZZERA ITALIANA LUGANO PER IL CONSEGUIMENTO DEL PH.D. IN SCIENZE ECONOMICHE Copyright 2007

2 Giuria Direttore di tesi: Prof. Giorgio Tonella Revisore interno: Prof. Mauro Baranzini Revisore esterno: Prof. Heinrich Bortis Questa ricerca è stata svolta presso la Facoltà di Scienze Economiche dell Università della Svizzera Italiana, Lugano. Versione finale: Ottobre 2007.

3 ABSTRACT I ABSTRACT This research examines theoretically the problem of structural change. It is, in particular, an analysis of how economic systems and economic theory deal with structural change. The emphasis of the research is on three central topics: economic theory, systems theory and technological change. The particular focus of Part I is on features of economic structure definition, representation and methods. Part II deals with systems as abstract objects and system theory vis-à-vis with its structural endeavour, therefore concepts were presented to deal with changing systems. But this research also focuses its attention, in Part III, on the dynamic and evolutionary character of the particular technological changes and their interactions with economic systems. Two examples of technological innovation Computer and the Internet will be used to examine, in a historical framework, the core of the structural change. Based on economics and system theory, but with a multidisciplinary view, the present research combines the more traditional historic view with complexity science to achieve a more robust view of the economic system and its structural analysis.

4 RINGRAZIAMENTI II RINGRAZIAMENTI Sono grata ai Professori Giorgio Tonella, Mauro Baranzini e Francisco Louçã per il loro brillante supporto accademico. La mia gratitudine va in modo particolare al direttore di tesi il Prof. Giorgio Tonella che mi ha guidato accuratamente nella stesura di questo lavoro. Ringrazio i correlatori di questa tesi il Prof. Mauro Baranzini per la riflessione e rigorosità teorica con cui ha condiviso la direzione della prima parte e il Prof. Francisco Louçã per aver condiviso la sua esperienza di ricerca oltre che per aver guidato la realizzazione della terza parte. La mia gratitudine anche: Ai membri della giuria e in particolare al Prof. Heinrich Bortis. Al Prof. Carlos Domingo per l ininterrotta discussione critica e al Prof. Luigi Pasinetti per i consigli negli stadi embrionali della ricerca. Ai Professori Gianluca Colombo ed Erik Larsen per gli utili consigli, gli interessanti suggerimenti bibliografici e il costante incoraggiamento. Al Prof. Giovanni Ventimiglia per la discussione su materie filosofiche che hanno arricchito questo lavoro. Ai Professori Alastair Beattie e Simona Cain per le meticolose annotazioni linguistiche, la pazienza e l incoraggiamento. Alla Biblioteca universitaria di Lugano e in particolare a Stefano Vizzola. A tutti coloro che, attraverso il loro sostegno, hanno condiviso la realizzazione del presente studio, in particolare, G. F. & M. Sangermani e Irma Tonella. Sono anche molto riconoscente a Matteo Tescari, Mattia Maffioretti e Matteo de Franceschi. Mia sincera gratitudine va rivolta pure a Domenico de Franceschi. Ed infine, speciale e profonda gratitudine a Jack Duek e S. & V. Duek.

5 SOMMARIO III SOMMARIO ABSTRACT (p. I) RINGRAZIAMENTI SOMMARIO (p. II) (p. III) INTRODUZIONE (p. 1) PARTE 1 (p. 11) Status Quaestionis: LA STRUTTURA ECONOMICA E IL CAMBIAMENTO STRUTTURALE NELLA TEORIA ECONOMICA 1. Introduzione (p. 11) 2. La struttura economica e il cambiamento nell analisi economico strutturale (p. 15) 2.1. Alcuni concetti di struttura usati nell analisi economico strutturale (p. 15) 2.2. Metodi d analisi della dinamica economica strutturale (p. 34) 2.3. Metodi d analisi temporale (p. 35) Metodi per l integrazione delle attività economiche (p. 44) 3. La dinamica strutturale nella teoria economica: alcuni modelli (p. 52) 3.1. Lineamenti della dinamica strutturale nella teoria economica (p. 52) 3.2. I modelli dell economia classica (p. 53) 3.3. I modelli multisettoriali (p. 73) 3.4. Analisi per sub-sistemi e l integrazione verticale dei processi produttivi (p. 80) 3.5. Il progresso tecnico nelle teorie dello sviluppo economico e della crescita (p. 90) 4. Considerazioni conclusive (p. 98) PARTE 2 (p. 102) SULLA TEORIA DEI SISTEMI E SULLA DINAMICA ECONOMICA: LA DINAMICA ECONOMICA STRUTTURALE 5. Introduzione (p. 102) 6. Alcuni concetti della teoria di sistemi (p. 106) 6.1. Sui Sistemi (p. 106) 6.2. Sui Modelli (p. 117) 6.3. Sulla Struttura (p. 127) 7. Teoria di sistemi, verso un cambiamento di paradigma (p. 133)

6 SOMMARIO IV 8. Sui sistemi economici (p. 143) 8.1. L economia: Sistema Complesso (p. 143) 8.2. I sistemi ed il loro ambiente circondante (p. 153) 8.3. L interazione sociale: la relazione tra il tutto e le parti (p. 168) Processi di assembling e disassembling (p. 168) Processi bottom-up e top-down process (p. 176) 9. I sistemi economici e il cambiamento strutturale (p. 194) 10. Considerazioni conclusive (p. 210) PARTE 3 (p. 213) TECHNOLOGICAL CHANGE AND STRUCTURAL ECONOMIC DYNAMICS 11. Introduction (p. 213) 12. The economics of technological change: an overview about the importance of sciences and technology for the economy and in economic theory. (p. 218) 13. Approaches for structural analysis: (p. 231) Evolutionary economics (p. 232) Economic cycles (long-waves) (p. 244) 14. Structural economic change and the role of technology (p. 259) Technology and economic transformation (p. 259) Evolving innovations: two examples (p. 264) Computers (p. 264) The beginnings of computers: counting and calculators (p. 264) Computers organizations: stages of evolution (p. 270) Some approaches and patterns of computers economic impact (p. 281) The Internet (p. 298) Behind the ARPANET: the emergence of the Internet (p. 298) The Internet dimensions (p. 313) Some patterns of Internet impact: the New economy, the Network Society, the Information Age. (p. 332) 15. Final Remarks (p. 346) CONCLUSIONI GENERALI E PROSPETTIVE FUTURE PER ULTERIORI RICERCHE (p. 351) REFERENZE BIBLIOGRAFICHE ED ELETTRONICHE (p. 362) APPENDICI (p. 380)

7 ELENCO DEI GRAFICI E DELLE TABELLE V ELENCO DEI GRAFICI E DELLE TABELLE Elenco delle Figure Figura 1: Alcuni argomenti necessari per l'analisi economica strutturale. (p. 7) Figura 2: Modello di flusso circolare uniperiodale. (p. 45) Figura 3: Modello delle interdipendenze orizzontali con effetti distribuiti nella struttura temporale. (p. 46) Figura 4: Modello di analisi trasversale dei processi integrati verticalmente usato da Hicks (1973). (p. 47) Figura 5: Modello di integrazione verticale di sub-sistemi usato da Pasinetti (1981 e 1993). (p. 48) Figura 6: Diagramma causale del modello semplificato di Smith, nel diagramma le frecce rappresentano le relazioni funzionali in ogni unità di tempo. (p. 57) Figura 7: Diagramma causale del modello semplificato di Ricardo, nel diagramma frecce rappresentano le relazioni funzionali in ogni unità di tempo. (p. 60) Figura 8: Schema grafico delle nozioni del flusso circolare dell economia di Quesnay. (p. 67) Figura 9: piramide sociale di Marx (p. 68) Figura 10: Effetto del progresso tecnologico sulla produttività secondo il modello smithiamo e il modello marxista dell economia. (p. 71) Figura 11: Rappresentazione del percorso temporale del flusso degli input e degli output in un processo produttivo. (p. 84) Figura 12: Relazione tra alcuni dei fattori che intervengono nella definizione della dinamica economica nel modello schumpeteriano. (p. 95) Figura 13: Circuito relazionale. (p. 108) Figura 14: Elementi basilari e le relazioni del processo di modellazione e simulazione. (p. 120) Figura 15: Corrispondenza tra sistema e modello. (p. 127) Figura 16: Circuiti positivi e negativi di primo e secondo ordine: alcuni scenari. (p. 159) Figura 17: Schema semplice di controllo (feedback). (p. 161) Figura 18: Sistemi di singoli livelli (single level systems). (p. 163) Figura 19: Sistemi multi-livello (multi-level systems). (p. 163) Figura 20: Organizzazione attiva o a forma di anello. (p. 166) Figura 21: Modello matematico della struttura. (p. 199) Figura 22: Tecniche per l analisi sistemica. (p. 201) Figura 23: Propagazione del cambiamento. (p. 205) Figura 24: Il tutto e le parti. (p. 207) Figura 25: Adaptive Cycles. (p. 257) Figura 26: Moore s Law. (p. 267) Figura 27: Computer industry evolution and competition. (p. 280)

8 ELENCO DEI GRAFICI E DELLE TABELLE VI Figura 28: A technological discontinuity including its minor discontinuities. (p. 284) Figura 29: Sources of competitive advantage. (p. 285) Figura 30: Major waves in computing. (p. 294) Figura 31: Map of ARPANET in (p. 300) Figura 32: Map of ARPANET in (p. 301) Figura 33: Geopraphic map of USENET sites and routes in (p. 303) Figura 34: Map of ARPANET in (p. 305) Figura 35: Internet history timeline. (p. 308) Figura 36: How the Internet influences industry structure. (p. 324) Elenco delle Tabelle Tabella 1: Tipi di struttura Sociale di Durkheim (p. 24) Tabella 2: Tavola input-output prezzi per quantità (p. 78) Tabella 3: Categorie fondamentali dei modelli (p. 123) Tabella 4: Formato per una descrizione informale di un modello (p. 126) Tabella 5: The information Age: Personal Computers per 1,000 people (p. 268) Tabella 6: Basis of Error Types with examples (p. 295) Tabella 7: The e-commerce framework (p. 320) Tabella 8: The information Age: Internet per people (p. 321)

9 INTRODUZIONE La contemporaneità sociale ed economica costituisce un chiaro esempio di complessità. Non risulta infatti difficile immaginare la molteplicità d aspetti che concorrono nei problemi economici, né tanto meno che i fenomeni economici avvengono a livelli diversi. In economia esistono differenti e consolidati modelli microeconomici e macroeconomici, da un punto di vista economico e finanziario, a livello familiare e aziendale, nell ambito privato e pubblico, tanto per le piccole aziende quanto per le grandi multinazionali, sia a livello di amministrazione pubblica locale che nazionale o sopranazionale e procedendo in tal modo con le combinazioni tra le diverse dimensioni. Risulta inoltre evidente che gli effetti economici previsti per i macrosistemi hanno notevole influenza su quelli di tipo micro, e viceversa. Esistono numerosi esempi come le conseguenze a livello microeconomico degli effetti indotti dalle politiche pubbliche o monetarie stabilite a livello macroeconomico (nazionale o sopranazionale), oppure i tanto citati esempi riguardanti le crisi finanziarie avvenute in un determinato mercato e il successivo impatto che queste hanno avuto su altri mercati, a livello mondiale. In questo ambito il cambiamento tecnologico rappresenta un altro esempio, poiché produce degli effetti che provocano trasformazioni sia a livello micro che macroeconomico, nel senso che provoca delle conseguenze sulle imprese, sui settori e sul progresso dell economia in generale (crescita economica, aumenti della produttività dei fattori, ecc.). La complessità che caratterizza i suddetti fenomeni ha dunque richiesto che il loro studio venga intrapreso in maniera congiunta da diverse discipline. In particolare, la multidimensionalità dei problemi è considerata in modo interdisciplinare, mettendo in discussione la tradizione scientifica (cartesiana, newtoniana e galileiana), dando adito di conseguenza al dibattito epistemologico e proponendo metodi per descrivere e analizzare il principio dell emergenza associata alla dinamica di determinati fenomeni.

10 INTRODUZIONE 2 Nel tentativo di riprodurre la complessa realtà economica, sia l evoluzione che i cambiamenti nella struttura dei sistemi diventano argomenti di massima importanza. Le teorie spiegano il comportamento e la tassonomia dei sistemi mentre con i modelli si descrive il comportamento degli stessi (o viceversa). Tuttavia, ciò che sul sistema si enuncia ha una validità limitata, poiché questo è dinamico, si evolve nel tempo emergendo quindi nuovi comportamenti, problemi o sfide. Inoltre i cambiamenti compresi il periodo di stabilità previsto della struttura e la tassonomia considerata sono essenzialmente imprevedibili. Comprendere e modellare i sistemi economici, con i differenti fattori che intervengono nei vari livelli del loro percorso storico, diventa pertanto un problema che concerne l economia del cambiamento strutturale. I sistemi sociali sono di natura complessa, perché tra le tante caratteristiche si distinguono per la presenza di numerosi elementi con interazioni di carattere non lineare e per la comparsa a livello globale di proprietà emergenti prive della possibilità di essere studiate empiricamente o a priori, con o senza capacità di auto-organizzazione. Questo genere di sistemi hanno inoltre la proprietà di amplificare un fenomeno puntuale e/o locale, portando il sistema in uno stato qualitativamente nuovo. La complessità che caratterizza questi tipi di sistemi rende difficile il compito di definire e rappresentare in maniera precisa la loro evoluzione attraverso un modello. Sebbene sia evidente questa natura di tipo complesso dei sistemi socio-economici, molti dei modelli economici riproducono comportamenti che raggiungono l equilibrio o lo stato stazionario. In altre parole non è difficile trovare teorie economiche basate su modelli che sono rigorosi rispetto all omeostasi e che considerano cambiamenti soltanto da un punto di vista quantitativo (nelle quantità assolute e nelle proporzioni), senza considerare delle trasformazioni nella struttura o identità del sistema. Una teoria economica sulla dinamica strutturale richiede un unione sinergica d approcci e un analisi continuum micro-macro, per questa ragione essa dovrebbe partire dall esame della teoria economica e dall analisi dei sistemi dinamici. La revisione della letteratura economica suggerisce un ampia varietà di concezioni sulla struttura economica e sulle metodologie usate per l analisi, mentre l applicazione diretta della teoria dei

11 INTRODUZIONE 3 sistemi, e in particolare dei sistemi complessi, risulta ineluttabile quando si considerano dei fenomeni economici. I fenomeni in cui la complessità trova espressione sono, infatti, tipicamente quelli economici e in generale quelli sociali caratterizzati da una struttura apparentemente definita e stabile, ma che cambia senza la possibilità di reversibilità a quella originale. Attengono quindi alla dinamica economica strutturale le trasformazioni cumulative e irreversibili che subiscono i sistemi socio-economici osservati. Risulta opportuno evidenziare che l attività pratica e intellettuale della scienza è direttamente collegata alla creazione di modelli del mondo reale o di oggetti che favoriscono il suo progresso. I modelli sono rappresentazioni di fenomeni o di oggetti reali e hanno lo scopo di riprodurre alcune delle loro caratteristiche (o proprietà), alla luce di una determinata interpretazione della realtà, oppure in previsione di un comportamento futuro del sistema. Si intende pertanto che la rappresentazione della realtà ottenuta dallo studio di un sistema è ciò che viene definito come modello. I modelli sono allo stesso tempo la causa e il risultato di un processo di astrazione, il quale permette che gli aspetti considerati rilevanti per descrivere la realtà possano essere mostrati, studiati e conosciuti, laddove l oggetto fenomeno od oggetto modellato non sia accessibile. Attraverso il processo di astrazione si estrae dai sistemi reali, in prevalenza complessi, l insieme dei particolari d interesse per l analisi. Per questa ragione i modelli sono artificiali nella loro composizione e arbitrari nella loro delimitazione. Con i modelli si generano dei dati sul comportamento dei sistemi analizzati. In particolare l insieme di istruzioni che genera i dati sul comportamento del sistema modellato è ciò che rappresenta la struttura del modello. In tal modo si distingue tra il comportamento del sistema reale e quello ottenuto dalla struttura del modello, poiché quest ultimo si riferisce ad un insieme specifico di istruzioni, ovvero il modello rappresenta una struttura particolare del sistema e quindi un ipotesi sulla struttura dello stesso.

12 INTRODUZIONE 4 Le modifiche che subiscono i sistemi, e pertanto quelle considerate nei modelli, possono essere di due tipi: variazioni e cambiamenti strutturali. Generalmente i modelli economici contemplano soltanto il primo tipo di modifiche, queste si producono quando un sistema subisce alterazioni nei ranghi in cui sono definite le variabili, ossia sono dei cambiamenti di tipo quantitativo che non alterano le funzioni descrittrici del sistema. Viceversa il cambiamento strutturale si produce quando un sistema, oltre ai cambiamenti di tipo quantitativo, è soggetto a cambiamenti qualitativi, ovvero quando si producono perdite o aumenti nel numero delle variabili e/o scompaiono, appaiono o si modificano le relazioni tra le variabili stesse. L effetto di un cambiamento strutturale è una nuova struttura che a sua volta produce nuovi cambiamenti quantitativi e qualitativi. La mancata considerazione dei processi caratterizzati da ricorrenti cambiamenti di tipo strutturale è stata una delle cause dell'insufficiente corrispondenza dell'analisi economica con la realtà. Per questa ragione l interesse nei confronti della dinamica strutturale e dei sistemi complessi dell'economia è crescente, in particolare negli ultimi tempi. In effetti lo scopo del presente lavoro scaturisce in un ambito quasi epistemologico dal suddetto interesse di riprodurre in maniera più precisa l evoluzione dell'economia. In quest ottica quanto esposto costituisce il punto di partenza per proporre come obiettivo principale della presente ricerca quello di contribuire all'accrescimento dell'assetto teorico dell'economia del cambiamento strutturale. Il raggiungimento del succitato traguardo si basa su tre obiettivi particolari: (i) sviluppare uno schema teorico dal quale si possano distinguere degli elementi teorici utili, giunti dalla teoria economica e dalla teoria dei sistemi, per conoscere e modellare la dinamica economica; (ii) identificare teorie alternative che permettano nuove interpretazioni relative alla questione del cambiamento economico; e (iii) proporre un esempio caratteristico, quale il cambiamento tecnologico, che permetta sia di integrare queste varie nozioni che di comprendere il processo di cambiamento strutturale nella dinamica economica.

13 INTRODUZIONE 5 In accordo con quanto esposto, il presente lavoro è concepito come un indagine teorica in cui si identificano e analizzano argomenti essenziali per descrivere un sistema economico compatibile con la sua dinamica strutturale. Esso si concentra su tre argomenti centrali: la teoria economica, la teoria dei sistemi e il cambiamento tecnologico. Le citate tematiche possono essere considerate come tre elementi di uno stesso pilastro, con alla base la teoria dei sistemi sulla quale si poggia la teoria economica e quindi i processi che configurano l andamento economico. In quest ultimo aspetto si distinguono processi quali il cambiamento istituzionale e politico, il cambiamento organizzativo a qualsiasi livello sociale, il cambiamento delle condizioni naturali e demografiche e i cambiamenti tecnologici. Il cambiamento tecnologico, in particolare, è stato uno degli aspetti fondamentali che hanno caratterizzato l evoluzione economica nel corso della storia e perciò risulta essenziale nella discussione sulla dinamica economica strutturale. Nel presente lavoro infatti si considerano solamente i processi relazionati al cambiamento tecnologico come condizionanti dell andamento economico. La presentazione analitica della ricerca in oggetto si può dunque sintetizzare attraverso lo schema della Figura 1. La sequenza con cui si presentano le parti (e i capitoli) che la compongono non rispetta l ordine che segue lo schema argomentale (vedasi figura 1). Si inizia bensì con la definizione di alcune concezioni di struttura sia sociale che economica e con l analisi di alcuni modelli economici dalla prospettiva del cambiamento strutturale. 1 Questa prima parte costituisce lo Status Quaestionis e traccia gli aspetti fondamentali dell analisi economica per lo studio della dinamica strutturale. Dalla nascita dell economia come scienza, nei primi decenni dell ottocento ai giorni nostri, con l eccezione degli anni della rivoluzione marginalista (in cui l attenzione si concentra sulle questioni microeconomiche d equilibrio), l interesse si è focalizzato sull analisi macroeconomica della crescita, dello sviluppo e della distribuzione. In ambedue i periodi, quello classico e quello Keynesiano si è registrato un forte interesse verso la struttura economica e la sua dinamica. In altre parole lo studio del cambiamento strutturale è stato 1 Il volume monografico da presentare è suddiviso per saggi (parti) che possono essere letti in modo autonomo e ognuno costituisce un argomento dello schema.

14 INTRODUZIONE 6 preminente in entrambi i periodi. Tuttavia né nei modelli realizzati durante l epoca classica dell economia, né tantomeno in quelli realizzati nei tempi posteriori agli anni trenta, con poche eccezioni soprattutto negli ultimi due decenni, 2 il cambiamento strutturale non è stato usato in modo esplicito. L identificazione degli approcci riguardanti la struttura economica permette di ricostruire l analisi della dinamica economica in termini della rappresentazione orizzontale e/o verticale dei componenti economici. Le suddette descrizioni consentono a loro volta di definire lo schema analitico usato per rappresentare il sistema produttivo, ovvero le interdipendenze settoriali e l interdipendenza temporale della struttura. Riassumendo, la prima parte è organizzata in due principali capitoli. In particolare, nel capitolo 2, attraverso la descrizione di concetti e metodi, si presentano la struttura economica e il cambiamento nell analisi economico strutturale; mentre il capitolo 3, con la descrizione di alcuni modelli, traccia il punto della dinamica strutturale nella teoria economica. La seconda parte di questo lavoro costituisce un ripasso dei fondamenti della teoria classica dei sistemi come punto di partenza per analizzare la dinamica complessa di quelli economici e tratta, da un punto di vista concettuale e metodologico, diversi argomenti concernenti la teoria dei sistemi. In particolare si cerca di comprendere la dualità e la complessità che caratterizzano sia l interpretazione epistemologica della teoria dei sistemi che i processi di cambiamento strutturale quali assembling/dissambling e topdown/bottom-up. Un esempio di tutto ciò è il legame complesso che esiste tra l apertura e la chiusura di un sistema, poiché queste non sono in opposizione, per quanto sistemi assolutamente chiusi non esistono, così come neppure di assolutamente aperti. Si rileva dunque la costruzione di modelli sensibili al cambiamento strutturale come una sfida per la teoria della dinamica dei sistemi, bensì la ricerca contemporanea conferma tale impegno ed evidenzia infatti che le scienze sociali partecipano attivamente al processo di ricerca nell ambito della complessità. La teoria sistemica dovrà affrontare ancora diversi cambiamenti di paradigma in modo di interpretare in modo più efficiente la dinamica dei 2 Come il modello di Pasinetti (1993) sulla dinamica economica strutturale e sulle conseguenze economiche dell apprendimento umano.

15 INTRODUZIONE 7 sistemi complessi e in particolare di quelli sociali. Nonostante ciò, l approccio della complessità possiede probabilmente come particolarità più importante quella riguardante lo scopo scientifico, il quale è indirizzato alla comprensione e alla spiegazione dei sistemi, piuttosto che alla loro previsione. In modo specifico, in questa seconda parte, nel Capitolo 6 sono presentati le nozioni di sistemi, modelli e struttura mentre nel capitolo 7 si apre la discussione sul richiesto (o no) cambiamento di paradigma che le scienze sociali richiedono, in particolare le scienze economiche, in modo tale da contemplare il cambiamento strutturale nell'analisi. Nel capitolo 8 si affronta invece il discorso sui sistemi economici, ovvero la loro complessità, la loro delimitazione (sistema-ambiente) e le loro interrelazioni. Infine, questa parte si conclude con il Capitolo 9, ovvero con la discussione di cosa si intende per cambiamento strutturale. Figura 1: Alcuni argomenti necessari per l analisi economica strutturale. Una terza e ultima parte analizza il cambiamento tecnologico come fenomeno complesso che genera cambiamenti nella sfera economica e sociale. Il cambiamento

16 INTRODUZIONE 8 tecnologico si rivela nelle suddette sfere in diversi aspetti, come evidenziato nei numerosi studi empirici o storici degli effetti delle innovazioni tecnologiche. L impatto economico del cambiamento tecnologico sembra evolversi in modo ciclico ma non reversibile. In questa terza parte perciò viene esposto l approccio evolutivo e dei cicli economici, dato che essi permettono di interpretare storicamente il carattere instabile e la co-esistenza di diversi tipi di entità nel loro processo di selezione e trasformazione attraverso il tempo. Tuttavia questo lavoro si limita a fornire un avvicinamento teorico a questi approcci e a descrivere alcuni processi di trasformazione strutturale associati ad invenzioni quali il computer e Internet. In particolare, la terza parte inizia, Capitolo 12, con la contestualizzazione del cambiamento tecnologico, ovvero dell importanza che hanno assunto la scienza e la tecnologia per l economia e la teoria economica, per proseguire con il Capitolo 13 dove si descrivono gli approcci per l analisi strutturale: economia evolutiva e cicli economici. Questa terza parte si chiude con il capitolo 14; in modo specifico, e come evidenziato sopra, attraverso due esempi significativi, il computer e Internet, si mostrano il cambiamento strutturale e quindi le dinamiche economiche. In tal modo nel presente lavoro si mira ad evidenziare l importanza della concezione di struttura economica per la comprensione dell evolversi dei fenomeni economici, poiché la struttura economica è l insieme fondamentale di elementi e relazioni tra entità che danno luogo alla trama economica. Tuttavia fino ad ora l indagine esplicita su questo argomento è stata sottovalutata nella teoria economica tranne per alcune eccezioni e si rende perciò necessaria una teoria provvista di uno schema concettuale che permetta di distinguere tra due concetti complementari, quali la dinamica economica e il cambiamento strutturale. In particolare un avvicinamento teorico a quest ultimo, da un punto di vista maggiormente epistemologico, metodologico e storico, si presenta attraverso una roadmap composta dai tre argomenti illustrati nella Figura 1. I paragrafi che seguono propongono delle brevi spiegazioni a riguardo di ognuno degli argomenti, in modo tale da delucidare la relazione tra gli argomenti che compongono il menzionato schema argomentale, oltre che per giustificare l ordine in cui si propongono le parti che costituiscono la presente ricerca.

17 INTRODUZIONE 9 Nella prima parte si realizza un esame storico-analitico riguardante le concezioni di struttura economica usate nell analisi sociologica ed economica (a partire dal XVIII secolo), in aggiunta all esame di alcuni modelli economici dal punto di vista della dinamica economica strutturale. La teoria economica ha collegato principalmente l analisi della struttura economica ai modelli di scambio con aspettative razionali e ai modelli di produzione, distribuzione del reddito e della ricchezza. Nonostante ciò la gran parte degli eventi economici sono risultato e causa allo stesso tempo delle caratteristiche della struttura economica. L interdipendenza tra le entità economiche, inoltre, può dare luogo a risultati diversi, compatibilmente con la struttura considerata nell analisi. Tutto ciò fa sì che la struttura economica debba essere considerata in maniera ontologica e in questo compito la teoria dei sistemi diviene utile. Come accennato in precedenza, è compito della teoria dei sistemi creare modelli come mezzo di rappresentazione della struttura e del comportamento dei fenomeni fisici e naturali che si osservano nel mondo reale. Nell area della scienza economica l argomento del cambiamento strutturale è di particolare interesse, poiché all economia attengono sistemi complessi in cui l identità delle entità cambia. Sebbene non esista ancora una teoria generale inerente al cambiamento strutturale, gli sviluppi teorici nel campo della teoria dei sistemi, e anche l unificazione dei principi e dei metodi di analisi scientifica, hanno contribuito ad abbozzare alcuni aspetti fondamentali di una possibile teoria generale. La teoria dei sistemi risulta dunque di grande utilità nel tentativo di comprendere il cambiamento strutturale, soprattutto attraverso l esame di termini base come, ad esempio, le parti, le proprietà e le relazioni che descrivono la struttura dei sistemi. L esame delle condizioni che danno luogo a cambiamenti strutturali è di grande aiuto per comprendere la dinamica economica, per questo motivo e come detto in precedenza, la terza parte si concentra sul ruolo di una di queste condizioni: i cambiamenti tecnologici. In particolare il taglio storico di questa parte permette di distinguere con facilità il fenomeno ricorrente delle innovazioni e il loro effetto sul

18 INTRODUZIONE 10 sistema economico. Tenendo in considerazione le definizioni della seconda parte, le descrizioni presentate nella terza appaiono evidenti dal punto di vista del cambiamento strutturale. Il cambiamento tecnologico è, infatti, uno dei fenomeni più rappresentativi dell evoluzione economica e il modo in cui esso avviene serve in particolar modo all intendimento dei processi di trasformazione strutturale. Gli effetti di un cambiamento tecnologico si presentano sotto diverse forme nell economia e nelle diverse fasi del tempo a corto, medio e lungo termine, in particolare impattando sulle sfere politiche e istituzionali, l infrastruttura industriale, la produttività del lavoro e, in generale, su tutta l organizzazione della sfera sociale e produttiva, propiziando conseguentemente nuovi sistemi e pertanto nuove strutture economiche. Tutto ciò risulta chiaro se si osserva il percorso storico dell economia dalla rivoluzione industriale a quella attualmente conosciuta come rivoluzione dell informazione e della comunicazione (ICT). L emergere di queste ultime tecnologie, attraverso due esempi precisi, i computer e Internet, consente di descrivere alcuni fenomeni di cambiamento strutturale. In definitiva, senza proporre un modello generale del fenomeno innovativo, si considera il cambiamento tecnologico come fonte di mutamento economico, attraverso due esempi. Un approccio sistemico, unitamente alla descrizione e al ragionamento storico, permettono, alla luce di un cambiamento tecnologico, di esaminare l'evoluzione del sistema economico e proporre un analisi interpretativa più realistica della dinamica economica.

19 PARTE 1 Status Quaestionis: LA STRUTTURA ECONOMICA E LA DINAMICA STRUTTURALE NELLA TEORIA ECONOMICA 1. INTRODUZIONE Una sintesi dello sviluppo teorico del cambiamento strutturale può iniziare con lo studio del pensiero filosofico dell antica Grecia all interno del quale, per la prima volta nella cultura occidentale, si trovano riflessioni sul movimento delle cose. Risulta chiaro però che lo studio del cambiamento strutturale nell'economia dovrebbe iniziare dall analisi delle opere realizzate quando essa diventa una scienza moderna, ovvero indipendente dalla filosofia e dalla politica. In altri termini questo studio potrebbe partire dall analisi dell economia classica, in particolare dalle teorie di Adam Smith e David Ricardo, e addirittura dal lavoro di François Quesnay sebbene il lavoro di quest ultimo si collochi nel periodo anteriore a quello classico, ovvero nella fisiocrazia. La teoria classica considera anche l analisi sulla struttura economica sociale e la dinamica di Karl Marx, poiché questi lavori sono contemporanei ai lavori classici e insieme ad essi confutati nell analisi economica posteriore. Infatti, i lavori teorici apparsi durante il secolo XX, concernenti l analisi del cambiamento strutturale, contengono diverse impostazioni teoriche che riguardano l appartenenza alle scuole classiche di pensiero economico. Invece, nel secolo precedente, durante la rivoluzione marginalista, considerata una reazione alla teoria di Marx, e più in generale al pensiero dei classici, l interesse in materia di cambiamento strutturale è stato scarso. Oltre ai lavori di Walras con l estensione della teoria dell equilibrio generale, il cambiamento strutturale non ha destato molto interesse

20 1.INTRODUZIONE 12 nella ricerca economica di quel periodo. Opere posteriori, come ad esempio quelle elaborate da Joseph Schumpeter, François Perroux, John Von Neumann, Wassily Leontief, Maurice Allais, Gerard Debreu, Richard Goodwin, John M. Keynes, Piero Sraffa, John Hicks, Adolph Löwe e più recentemente Luigi Pasinetti 1, sono state altresì contributi importanti per lo sviluppo di una teoria sul cambiamento strutturale. I lavori di questi autori possono essere classificati in base allo schema analitico utilizzato per rappresentare il sistema produttivo, in modo di farli rientrare negli schemi che danno risalto all interdipendenza settoriale o all interdipendenza temporale della struttura. È tuttavia importante sottolineare che, nonostante il contributo dei modelli citati per la formulazione di una teoria sull economia del cambiamento strutturale, questi ultimi non costituiscono un autentica rappresentazione della dinamica strutturale. A tal proposito bisogna difatti sottolineare che i modelli economici tradizionali enfatizzano la dinamica del sistema, lasciando però invariata la sua struttura - tranne il modello di Pasinetti (1981 e 1993) con lo scopo di ottimizzarne il comportamento del sistema. Questo non esclude che i lavori fin qui citati siano rilevanti per l analisi economica strutturale, poiché per certi versi la rappresentazione dell interazione tra le variabili economiche considerate in questi modelli permette d intravedere una rappresentazione del cambiamento strutturale. Le diverse variazioni sul tema della struttura economica e la loro dinamica nel tempo, consentono di presentare in questa prima parte una rappresentazione storica e tematica delle principali teorie. Lo studio del pensiero economico classico e quello del pensiero ad esso successivo, è stato largamente approfondito. Ragion per cui, di tali teorie verranno presentate soltanto le nozioni fondamentali, relative al tema della dinamica strutturale. A questo scopo la presente prima parte espone nell ultimo capitolo (capitolo 3) alcuni modelli che esemplificano la rappresentazione strutturale del sistema economico e che inoltre applicano le metodologie presentate nella seconda sezione del capitolo 2. In particolare nel secondo capitolo vengono presentate alcune definizioni di struttura, sia sociale che economica, partendo da quelle corrispondenti al secolo XVII nel ambito della sociologia fino ad alcune più moderne del ventesimo 1 L indagine sull economia del cambiamento strutturale di Luigi Pasinetti poggia le sue origini negli anni 60. Il suo lavoro più recente (1993), qui considerato, fa riferimento anche alle sue precedenti opere.

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare.

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. CALL FOR PAPERS Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. 18-19 settembre 2008 Università di Milano-Bicocca L analisi del dono risulta sempre più presente nel dibattito

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 MODELLO STATO E MERCATO, 15 Marzo 2011 1/12 Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 FATTORI (O VARIABILI, O COMPONENTI

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente LA SFIDA EDUCATIVA Kenneth J. Gergen La mia proposta è che la principale sfida del sistema educativo del nostro secolo sia quella di sostituire la tradizionale

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

2 Rappresentazioni grafiche

2 Rappresentazioni grafiche asi di matematica per la MPT 2 Rappresentazioni grafiche I numeri possono essere rappresentati utilizzando i seguenti metodi: la retta dei numeri; gli insiemi. 2.1 La retta numerica Domanda introduttiva

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA 1. I PROBLEMI E LA LORO SOLUZIONE DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA L'uomo, per affrontare gli innumerevoli problemi postigli dallo sviluppo della civiltà, si è avvalso della scienza e della tecnica, i cui destini

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale International Association of Social Educators Association Internationale des Éducateurs Sociaux Asociación Internacional de Educadores Sociales www.aieji.net Le competenze professionali dell educatore

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile Geographical Views On Education For Sustainable Development Simposio regionale dell Unione Geografica Internazionale- Commissione sull Educazione Geografica 29-31 luglio 2007. Lucerna, Svizzera 2007. IGU

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

COMUNITÀ UMANE E COMUNITÀ ECOLOGICHE Salvo Torre

COMUNITÀ UMANE E COMUNITÀ ECOLOGICHE Salvo Torre COMUNITÀ UMANE E COMUNITÀ ECOLOGICHE Salvo Torre La storia della presenza umana sul pianeta è stata tracciata dai mutamenti nella relazione tra comunità umane e comunità ecologiche, in un processo in cui

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

La ricerca operativa

La ricerca operativa S.S.I.S. PUGLIA Anno Accademico 2003/2004 Laboratorio di didattica della matematica per l economia e la finanza La ricerca operativa Prof. Palmira Ronchi (palmira.ronchi@ssis.uniba.it) Gli esercizi presenti

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

Ascrizioni di credenza

Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi 2014-15 Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli