OSS Acidi e Basi. Acidi e basi. Il concetto di equilibrio:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OSS Acidi e Basi. Acidi e basi. Il concetto di equilibrio:"

Transcript

1 1 Acidi e basi Il concetto di equilibrio: Le reazioni chimiche sono generalmente irreversibili (non si può tornare alla situazione di partenza). Un esempio semplificato potrebbe essere il seguente: quando brucio un pezzo di legno non posso trasformare la cenere e farla ridiventare legno. Normalmente si ha la tendenza a credere che i processi chimici siano irreversibili; questo vale per la maggior parte dei casi e la scrittura che comunemente si usa per rappresentare un processo chimico, in termini generici, è la seguente: aa + bb > cc + dd dove a, b, c e d sono i coefficienti stechiometrici mentre le lettere A, B, C, D rappresentano i composti. Per completezza possiamo aggiungere che A e B sono gli edotti o reagenti (sostanze di partenza) mentre C e D sono i prodotti (sostanze ottenute). Vi sono però delle reazioni che sono reversibili (ossia si può ritornare dai prodotti agli edotti) ed in generale, usando l esempio precedente, funziona nel modo seguente: all inizio siamo in presenza unicamente degli edotti, la reazione inizia ad avere luogo, la concentrazione degli edotti diminuisce ed iniziano a formarsi i prodotti per cui la loro concentrazione aumenta. Ad un certo punto si avvia la reazione inversa (dai prodotti verso gli edotti), nella quale i prodotti reagiscono tra loro e si ritrasformano negli edotti. La scrittura generica per una reazione reversibile è la seguente: aa + bb <> cc + dd Essa differisce dalla precedente solo per la doppia freccia che nel caso di una reazione irreversibile era singola e rivolta verso i prodotti. Si arriverà ad un certo punto in cui si instaurerà una situazione di equilibrio. Cosa rappresenta il vocabolo equilibrio? Considerando l esempio generico riportato qui sopra si ha equilibrio quando le due reazioni (quella che porta verso i prodotti e quella che compie il percorso inverso) si compensano; detto in altre parole: scelta un unità di tempo che potrebbe essere un secondo, un certo numero di molecole di A e di B si combinano tra loro per dare C e D, nella stessa unità di tempo lo stesso numero di molecole di C e D reagiscono tra loro per dare A e B. Altra possibilità per esprimere questo concetto: le concentrazioni di edotti e prodotti rimangono costanti nel tempo. Acidi e basi: Gli acidi appartengono ad una famiglia di sostanze con le quali noi siamo abituati a convivere anche perché, in alcuni casi, rivestono un ruolo di principale importanza per il funzionamento del nostro organismo. Al riguardo ricorda che il succo gastrico contiene un acido concentrato molto potente, l acido cloridrico, adibito alla scomposizione degli alimenti che raggiungono il nostro stomaco. Noi riconosciamo al palato una sostanza acida poiché possiede un sapore aspro (pensa per esempio al limone) e siamo abituati a credere che l acido sia pericoloso perché corrosivo. Questa affermazione è vera solo in parte; ossia si addice per gli acidi forti presenti in concentrazioni elevate. La famiglia degli acidi può essere suddivisa in due gruppi: gli acidi organici e quelli inorganici. Il termine organico si associa a vivente mentre inorganico richiama il mondo inanimato (non vivente).

2 2 Gli esempi per gli acidi inorganici sono: HCl, acido cloridrico (pulitura materiali) HNO 3, acido nitrico (industria e agricoltura) H 2 SO 4, acido solforico (industria plastica, pellicole fotografiche, vernici) H 3 PO 4, acido fosforico (molecola ATP, agricoltura, CocaCola) Negli acidi organici troviamo tutta una serie di composti; a livello di esempi possiamo indicare: l acido formico (prodotto dalle formiche), l acido butirrico che dà al burro rancido il suo odore caratteristico, gli acidi capronico, caprilico e caprinico che sono responsabili dell odore disgustoso dei caproni, del sudore e dei piedi non lavati, Possiamo ora provare a costruire la definizione di acido. Prendiamo in considerazione l acido cloridrico (HCl): H Cl si tratta di un legame covalente polare poiché i due elementi sono non metalli e la differenza di En tra cloro e idrogeno è di 0,96. Essendo il cloro quello più elettronegativo, avrà gli elettroni di legame più vicini rispetto all idrogeno perciò sarà caricato parzialmente negativamente. Mettendo HCl in acqua vi saranno delle interazioni di tipo elettrico tra cariche di segno opposto e si potrà scrivere ciò che avviene nel modo seguente: HCl + H 2 O <> H 3 O + + Cl Attenzione: le scritte H e H + non devono essere confuse; la prima rappresenta l atomo di idrogeno nella molecola polare di acido cloridrico dove siamo alla presenza di un legame covalente polare; la seconda indica che l atomo di idrogeno ha lasciato il suo elettrone al cloro perciò è diventato positivo ed in qualche modo ha reagito con la molecola di acqua (la stessa cosa vale per il cloro). Scrittura generica: Esempi: Per gli acidi vale allora quanto segue: HA + H 2 O <> H 3 O + + A HCl + H 2 O <> H 3 O + + Cl HNO 3 + H 2 O <> H 3 O + + NO 3 H 2 SO 4 + H 2 O <> H 3 O + + HSO 4 HSO 4 + H 2 O <> H 3 O + + SO 4 2 Secondo quanto detto finora l acido risponde alla seguente definizione: una sostanza è detta acida quando è in grado di cedere degli ioni H + (normalmente all'acqua). I criteri per riconoscere se un composto è un acido sono i seguenti: La molecola contiene idrogeno? NaCl non sarà mai un acido poiché non contiene H. HCl e CH 4, per esempio potrebbero esserlo. Siamo alla presenza di legame covalente polare? Se la risposta è affermativa, con buone probabilità hai a che fare con una sostanza acida come nel caso di HCl. Il metano (CH 4 ) contiene idrogeno ma è caratterizzato da legame covalente apolare e non libera H +, di conseguenza non è un acido.

3 3 Per risolvere qualsiasi dubbio consulta le tabelle sugli acidi che impareremo a leggere correttamente tra poco. La maggior parte delle basi è formata da un metallo e da un gruppo non metallico e queste sostanze, oltre che essere delle basi, sono anche dei sali. Scrittura generica: Esempi: Come dissociano in acqua? BOH <> B + + OH NaOH <> Na + + OH KOH <> K + + OH Ca(OH) 2 <> Ca OH La dissociazione di queste basi in acqua segue lo stesso ragionamento che abbiamo fatto per i sali. In conformità a quanto abbiamo detto finora possiamo ricavare la prima definizione di base (vedremo subito che queste ultime sono due), ossia: la base è una sostanza che, in acqua, libera ioni OH. Ci troviamo però di fronte ad un problema: considerando l ammoniaca, essa sembrerebbe essere un acido (contiene l idrogeno H, è formata da non metalli ed è caratterizzata da legame covalente polare) però si comporta come una base. Abbiamo a che fare con un eccezione e siccome questa famiglia di composti (ammoniaca e derivati) riveste un importanza fondamentale, per una volta ci soffermiamo su un caso anomalo. Per risolvere il problema si introduce un secondo tipo di scrittura e quindi una seconda definizione di base. Scrittura generica: Esempio: B + H 2 O <> BH + + OH NH 3 + H 2 O <> NH OH La definizione riguardante le basi è modificata nel seguente modo: la base è una sostanza in grado di prendere ioni H +. Come puoi notare, nel caso dell ammoniaca siamo ancora alla presenza di OH, ma questa volta non sono liberati dalla base bensì dall acqua. L ammoniaca prende H + (base) dall acqua (la quale cede ioni H +, comportandosi da acido). Cosa vuol dire acido forte e acido debole? L idea legata a questo modo di esprimersi è la seguente: la forza dell acido è proporzionale alla facilità con la quale perde ioni H +. Ripartiamo con la scrittura generica vista prima: HA + H 2 O <> H 3 O + + A Più l acido è forte, più facilmente libera ioni H + ; un acido forte messo in acqua darà un equilibrio completamente spostato verso destra (nella soluzione ci saranno unicamente H + e A e in pratica non vi saranno molecole iniziali HA). Come esempio possiamo prendere l acido cloridrico: HCl + H 2 O <> H 3 O + + Cl

4 4 Quando HCl è messo in acqua esso dissocia completamente dando H + e Cl (non troveremo più molecole iniziali di HCl); si dice quindi che HCl è un acido forte. I composti che liberano H + in acqua con difficoltà e lentezza sono detti acidi deboli come nel caso dell acido acetico (CH 3 COOH) che, in acqua, dà la seguente reazione: CH 3 COOH + H 2 O <> H 3 O + + CH 3 COO In questo caso, essendo un acido debole, sono presenti tutte le componenti e si ha equilibrio; occorre quindi rappresentare la reazione con una doppia freccia come abbiamo già fatto nel caso dei sali quando vi era saturazione e s instaurava una situazione di equilibrio. Come si fa a sapere se un acido è forte o debole? Occorre consultare la tabella in cui è riportato il K a o costante d acidità; maggiore è la costante d acidità, più forte è l acido. Per quanto riguarda le basi il discorso è identico a quello fatto per gli acidi. Una base è forte quando libera facilmente in acqua lo ione OH (o prende facilmente ioni H + usando la seconda definizione), come per esempio: NaOH + H 2 O <> Na + + OH L idrossido di sodio (NaOH) è una base molto forte poiché in acqua dissocia completamente originando gli ioni Na + e OH e praticamente non vi sono più molecole iniziali di NaOH. In questo caso l equilibrio è completamente spostato verso destra (come nel caso dell acido forte) e si rappresenta di conseguenza un unica freccia. Se, per contro, la base è debole, vuol dire che libera OH (o prende H + ) in modo difficoltoso, come nel caso dell ammoniaca, la cui reazione è: NH 3 + H 2 O <> NH OH Nella soluzione saranno presenti tutte le componenti rappresentate; si ha equilibrio e l equazione è scritta, come per l acido debole, usando la doppia freccia. Come si fa a sapere se la base è forte o debole? Occorre consultare la tabella per le basi nella quale è riportato il K b ; maggiore è la costante di basicità, più forte è la base. Obiettivo della lezione: da proporre Materiale: da proporre Procedimento: LABORATORIO 1 Titolazioni AcidoBase 1 Prelevare con il cilindro graduato da 50 ml, 15 ml di soluzione di acido cloridrico e metterla nel bicchiere. Riempire la buretta con NaOH seguendo le indicazioni del docente. 2 Aggiungere al bicchiere 2 gocce di indicatore colorato, agitare e verificare il colore assunto dalla soluzione. 3 Con il phmetro misurare il ph della soluzione di acido cloridrico. Riportare il dato nella tabella sottostante. 4 Con la buretta fare scendere 1 ml di base nel bicchiere contenente l acido.

5 5 Agitare e verificare eventuali cambiamenti di colore. 5 Con il phmetro misurare il ph. Riportare il dato nella tabella sottostante. 6 Rifare, nell ordine, i punti 4 e 5 fino a quando non avete aggiunto 20 ml di base Risultati: Riportare i dati in questa tabella: ml NaOH aggiunti ph misurato Costruire il grafico della titolazione Scrivete la reazione di neutralizzazione. A cosa è dovuto l andamento della curva? Quale utilità può avere il grafico? Questionario Partendo dal presupposto che la concentrazione di NaOH sia esatta, calcolate la concentrazione di HCl. Come fare a sapere se una soluzione è acida, basica o neutra? Come fare a sapere se una soluzione è molto o poco acida oppure molto o poco basica? Una prima possibilità sarebbe di misurare le concentrazioni di H + e quelle di OH presenti in acqua e stabilire di conseguenza una graduatoria del tipo: Se [H + aq] > [OH aq] la soluzione è acida. Se [H + aq] = [OH aq] la soluzione è neutra. Se [H + aq] < [OH aq] la soluzione è basica.

6 6 Inoltre Maggiore sarà la [H + aq] più acida sarà di conseguenza la soluzione. Maggiore sarà la [OH aq] più basica sarà di conseguenza la soluzione. Questo modo di procedere, anche se rende bene l idea di acidità, rispettivamente di basicità, è scomodo dal punto di vista pratico quando, per esempio, occorre fare dei paragoni tra due soluzioni. Alla domanda: è più acida una soluzione contenente una [H + aq] = 3x10 2 M oppure una con [H + aq] = 4x10 3 M?; la risposta di per sé non è complicata, basterebbe fare dei paragoni, ma il modo di procedere non è pratico. Occorre introdurre una scala direttamente collegata alla concentrazione di H + alla quale si è dato il nome di ph e sarà appunto questa scala che noi utilizzeremo praticamente sempre. Questa scala si basa sulla quantità di H + e OH presenti in un litro di acqua distillata. L acqua ha in effetti una debole capacità di dissociazione chiamata autoprotolisi dell acqua. Una piccola quantità di molecole di acqua si dissociano in H + e OH. Nell acqua distillata [H + ] = [OH ] e quindi il ph è neutro ed il suo valore è 7. Obiettivo della lezione: da proporre Materiale: da proporre Procedimento: LABORATORIO 2 Le soluzioni tampone 1 Prelevare con il cilindro graduato da 50 ml, 15 ml di soluzione CH 3 COOH e metterla nel primo bicchiere. Risciacquare il cilindro, prelevare 15 ml di soluzione tampone e metterla nel secondo bicchiere. Risciacquare il cilindro, prelevare 15 ml di soluzione CH 3 COONa e metterla nel terzo bicchiere. 2. Risciacquare il cilindro e prelevare 20 ml di soluzione di HCl e metterla in un bicchiere. 3 Aggiungere ad ogni bicchiere delle tre soluzioni succitate 1 ml di soluzione di acido cloridrico e misurarne il ph. 4. Ripetere l operazione 6 volte. 5. Prelevare con l altro cilindro graduato da 50 ml, 20 ml di soluzione di NaOH e metterla in un bicchiere. 6 Aggiungere ad ogni bicchiere delle tre soluzioni succitate 1 ml di soluzione di idrossido di sodio e misurarne il ph. 7. Ripetere l operazione 6 volte.

7 7 Risultati: Riportate i dati in tabella e disegnate un grafico, sia per l acido cloridrico sia per l idrossido di sodio. ml agg sol x sol y sol z ml agg sol x sol y sol z Domande: 1. Osservate il grafico e date una spiegazione delle differenze fra le curve. 2. Spiegate il funzionamento di questa soluzione tampone sapendo che contiene acido acetico ed acetato di sodio in uguale concentrazione e volume. Come hai potuto verificare il sistema tampone (fatto di acetato di sodio e acido acetico) ha la caratteristica di assorbire aggiunte di acido o base (da qui il nome tampone) senza che il ph vari di molto. Qui si tratta di un tampone chimico ma, a livello di applicazione ci concentriamo ora su un tampone biologico che possiede le stesse caratteristiche di quello chimico ma è molto più interessante visto che lo troviamo all interno del nostro organismo, ossia il sistema tampone del sangue. Il corpo umano ha molti meccanismi per mezzo dei quali mantiene costante il suo ambiente interno; questo concetto è chiamato omeostasi (vedi biologia). Il sistema omeostatico che ci interessa in questo caso è l equilibrio acido base (una delle analisi del sangue che si possono fare va proprio in questa direzione). La principale funzione del meccanismo regolatore dell equilibrio acido base è di mantenere il ph del sangue entro un limite ristretto che va da 7,35 a 7,45. Se il ph del sangue scende al di sotto di 6,8 o sale al di sopra di 7,8 generalmente ne consegue la morte (pensa a questo proposito l influsso che può avere l acidità o la basicità su proteine e grassi presenti nelle nostre cellule; gli acidi denaturano le proteine mentre le basi saponificano i grassi). Lo stato dell equilibrio acido base è determinato, controllando la condizione di acidità del sistema circolatorio. Pertanto il controllo del sangue o sistema di trasporto riflette le complesse funzioni dei sistemi: respiratorio, renale e circolatorio. Poiché questo è un sistema dinamico, il controllo condotto per un certo periodo fornisce un quadro più indicativo dello stato acido base della persona, di quanto non si ottenga con una singola determinazione effettuata in un momento qualsiasi. I normali processi metabolici producono quantità di acido in eccesso (pensa, per esempio, all acido lattico prodotto dalle cellule muscolari). Questi acidi devono essere trasportati, mantenendo costante il ph del sangue ed eliminati per ripristinare il meccanismo di trasporto. Questo meccanismo di trasporto è il sistema tampone del sangue.

8 8 Un tampone è una miscela di acido debole e del suo sale corrispondente. Lo scopo di un tampone è di mantenere il ph entro un limite ristretto. Nel caso del sangue, il sistema tampone principale è la miscela di acido carbonico e ione bicarbonato. H 2 CO 3 + H 2 O <> H 3 O + + (aq.) + HCO 3 (aq.) Acido base (ione bicarbonato) Riprendiamo le definizioni di un acido e di una base come loro sono in rapporto all equilibrio acido base. L acido carbonico è un acido perché può cedere ioni H + : H 2 CO 3 + H 2 O <> H 3 O + + HCO 3 (aq.) Lo ione bicarbonato è una base perché può prendere ioni H + : HCO 3 (aq.) + H + (aq.) <> H 2 CO 3 L aggiunta, pertanto, di un acido a questo sistema tampone sposta l equilibrio a sinistra. Gli ioni idrogeno dell acido in eccesso reagiscono con gli ioni bicarbonato per produrre più acido carbonico. Il risultato, quindi, è una lieve diminuzione della concentrazione dello ione bicarbonato, un aumento della concentrazione dell acido carbonico ed essenzialmente nessuna variazione della concentrazione degli ioni idrogeno o del ph. Per ripristinare la condizione tampone originaria è necessario fare due cose: L acido carbonico prodotto in più deve essere rimosso. Il bicarbonato consumato deve essere rimpiazzato. I polmoni controllano l anidride carbonica; alterando la frequenza della respirazione il corpo elimina o trattiene CO 2. I reni controllano l eliminazione o la ritenzione degli ioni H + e, attraverso questo processo, rendono il bicarbonato disponibile secondo quanto richiesto dall equilibrio acido base. Poiché, con il loro metabolismo, i tessuti producono rifiuti acidi, ci sono, nell organismo, numerosi ioni H + che reagiscono con gli ioni bicarbonato del sistema tampone del sangue, producendo acqua e CO 2. La CO 2 è eliminata dai polmoni. L acido prodotto dal metabolismo è stato eliminato ma, per ripristinare il sistema tampone del sangue, i reni producono o sostituiscono il bicarbonato che è stato consumato. L acido carbonico si scompone, restituendo lo ione bicarbonato al sistema tampone del sangue e gli ioni H + sono eliminati con l urina. Il sistema tampone del sangue è ora ricostituito. Poiché la CO 2 e l acido carbonico sono sotto il controllo dei polmoni, sono detti componente respiratoria. Analogamente, poiché il bicarbonato è sotto il controllo dei reni, è detto componente metabolica. Entrambi gli organi, in condizioni normali, hanno la capacità sia di aumentare sia di diminuire il livello del loro rispettivo costituente del tampone al fine di mantenere il ph del sangue. Consideriamo, ora, quattro alterazioni del metabolismo che influenzano questo equilibrio acido base del nostro sangue. La condizione di acidosi metabolica è caratterizzata dall incapacità del rene a produrre

9 9 una quantità sufficiente di ione bicarbonato come conseguenza dell incapacità ad eliminare sufficienti ioni H +. La concentrazione degli ioni H + aumenta e di conseguenza il ph tende a diminuire. Aumentando gli H +, essi si legano con più ioni bicarbonato, l equilibrio si sposta verso sinistra facendo aumentare la concentrazione di acido carbonico e quindi di anidride carbonica. I polmoni eliminano più CO 2 (iperventilazione) e questo diminuirà la concentrazione di acido carbonico e quindi anche la concentrazione di ioni H +. La condizione di alcalosi metabolica è caratterizzata dall accumulo di bicarbonato in eccesso come conseguenza della perdita di acido dal corpo e dell ingestione di basi: Se lo ione bicarbonato è in eccesso si legherà maggiormente agli ioni H + la cui concentrazione diminuirà (il ph tende quindi a salire), la concentrazione di acido carbonico tende a diminuire e di conseguenza vi sarà meno CO 2. Come reazione, i polmoni tratterranno maggiori quantità di CO 2 diminuendo la ventilazione (ipoventilazione) così la concentrazione di anidride carbonica aumenterà come quella di acido carbonico. Questo porterà ad un aumento della concentrazione di H + che ristabilirà il ph abituale. La condizione di acidosi respiratoria è caratterizzata dall incapacità del polmone di eliminare sufficiente CO 2 : Se la quantità di CO 2 aumenta, l equilibrio è spostato verso destra e aumenta la concentrazione di acido carbonico. Questo fa aumentare la concentrazione di ioni H + ; il ph tende a diminuire. I reni reagiscono eliminando gli ioni H + in eccesso facendo diminuire la concentrazione di acido carbonico. Diminuisce anche la concentrazione di CO 2. Il ph si riavvicina alla norma. La condizione di alcalosi respiratoria è caratterizzata dai polmoni che eliminano quantità eccessive di CO 2 : Se la quantità di CO 2 diminuisce, l equilibrio si sposterà verso sinistra e diminuirà la concentrazione di acido carbonico. Questo fa diminuire la quantità di H + per cui il ph tende ad aumentare. I reni compensano trattenendo ioni H + che aumentano in quantità. Aumenta la concentrazione di acido carbonico e aumenta la quantità di CO 2. Il ph si riavvicina alla norma. Le anomalie dello stato acido base di una persona possono essere causate dai cambiamenti delle condizioni respiratorie e metaboliche. Alcune delle cause respiratorie dello squilibrio acido base sono: variazioni della ventilazione, variazioni della circolazione sistemica o polmonare, diffusione alveolare capillare diminuita, meccanismo del controllo respiratorio difettoso. Alcune condizioni metaboliche che possono causare lo stesso squilibrio sono: le malattie renali, le malattie del fegato, le disfunzioni endocrine.

SDD - Seconde Equilibrio e ph. Equilibrio e ph. Obiettivo

SDD - Seconde Equilibrio e ph. Equilibrio e ph. Obiettivo 1 Obiettivo Capire che cosa è il ph, apprendere le leggi fondamentali che lo controllano e capire qualitativamente le applicazioni delle soluzioni tampone. Prerequisiti Il concetto di equilibrio (che comunque

Dettagli

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Una delle più importanti proprietà di una soluzione acquosa è la sua concentrazione di ioni idrogeno. Lo ione H + o

Dettagli

Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica La chimica degli acidi e delle basi 3. Idrolisi salina Soluzioni tampone Titolazioni acido-base

Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica La chimica degli acidi e delle basi 3. Idrolisi salina Soluzioni tampone Titolazioni acido-base Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica La chimica degli acidi e delle basi 3 Idrolisi salina Soluzioni tampone Titolazioni acido-base 1 Equilibri idrolitici La soluzione acquosa di un sale ottenuto

Dettagli

K [H 2 O] 2 = K w = [H 3 O + ][OH ]

K [H 2 O] 2 = K w = [H 3 O + ][OH ] Autoionizzazione dell acqua L acqua pura allo stato liquido è un debole elettrolita anfiprotico. L equilibrio di dissociazione è: 2H 2 O H 3 O + + OH - [H 3 O + ][OH ] K = [H 2 O] 2 Con K

Dettagli

Trasformazioni materia

Trasformazioni materia REAZIONI CHIMICHE Trasformazioni materia Trasformazioni fisiche (reversibili) Trasformazioni chimiche (irreversibili) È una trasformazione che non produce nuove sostanze È una trasformazione che produce

Dettagli

Ke = ] = Kw = 10 = 10-7 moli/litro, ed in base a quanto avevamo affermato in precedenza: [H + ] = [OH - ] = 10-7 moli/litro.

Ke = ] = Kw = 10 = 10-7 moli/litro, ed in base a quanto avevamo affermato in precedenza: [H + ] = [OH - ] = 10-7 moli/litro. Prodotto ionico dell acqua e ph Prodotto ionico dell acqua L acqua è un elettrolita debolissimo e si dissocia secondo la reazione: H 2 O H + + OH - La costante di equilibrio dell acqua è molto piccola

Dettagli

6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda

6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda 6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda Autoionizzazione (o autoprotolisi) dell acqua. Prodotto ionico dell acqua M = mol/l AA1011 IN L6d p1! AA1011 IN L6d p2! NB: se si

Dettagli

a 25 C da cui si ricava che:

a 25 C da cui si ricava che: Equilibrio di autoionizzazione dell acqua Come già osservato l acqua presenta caratteristiche anfotere, potendosi comportare tanto da acido (con una sostanza meno acida che si comporta da base) quanto

Dettagli

Quando un composto ionico viene immesso in acqua si dissocia formando uno ione negativo ed uno positivo.

Quando un composto ionico viene immesso in acqua si dissocia formando uno ione negativo ed uno positivo. I composti chimici Il legame chimico Un atomo raggiunge la stabilità quando i suoi livelli energetici sono completi. Solamente i gas nobili hanno questa caratteristica mentre gli altri atomi no, per cui

Dettagli

Elettrolita forte = specie chimica che in soluzione si dissocia completamente (l equilibrio di dissociazione è completamente spostato verso destra)

Elettrolita forte = specie chimica che in soluzione si dissocia completamente (l equilibrio di dissociazione è completamente spostato verso destra) A.A. 2005/2006 Laurea triennale in Chimica Esercitazioni di stechiometria - Corso di Chimica Generale ed inorganica C ARGOMENTO 6: Equilibri in soluzione: equilibri acido/base, idrolisi e tamponi (6 h)

Dettagli

DEFINIZIONE ACIDO/BASE SECONDO BRONSTED-LOWRY

DEFINIZIONE ACIDO/BASE SECONDO BRONSTED-LOWRY DEFINIZIONE ACIDO/BASE SECONDO BRONSTED-LOWRY Una reazione acido/base coinvolge un trasferimento di protone: l'acido è il donatore di protone e la base è l'accettore del protone. Questa definizione spiega

Dettagli

Dissociazione elettrolitica

Dissociazione elettrolitica Dissociazione elettrolitica Le sostanze ioniche si solubilizzano liberando ioni in soluzione. La dissociazione elettrolitica è il processo con cui un solvente separa ioni di carica opposta e si lega ad

Dettagli

Esercitazione 8. Gli equilibri acido-base: Ka, Kb. L autoprotolisi dell acqua. Misura del ph Soluzioni tampone 1,0 10-14

Esercitazione 8. Gli equilibri acido-base: Ka, Kb. L autoprotolisi dell acqua. Misura del ph Soluzioni tampone 1,0 10-14 Esercitazione 8 Misura del ph Soluzioni tampone Gli equilibri acido-base: Ka, Kb HA + H 2 O! H 3 O + + A - Ka = [H 3 O+ ][A - ] [HA] A - + H 2 O! OH - + HA Kb = [OH- ][HA] [A - ] Ka Kb = [ H 3 O + ] [

Dettagli

Tipi di reazioni. Reazioni chimiche. Di dissociazione. Di sintesi. Di semplice scambio. Di doppio scambio. Reazioni complesse

Tipi di reazioni. Reazioni chimiche. Di dissociazione. Di sintesi. Di semplice scambio. Di doppio scambio. Reazioni complesse Tipi di reazioni Le reazioni chimiche vengono tradizionalmente classificate a seconda del tipo di trasformazione subita dai reagenti: Reazioni chimiche possono essere Di dissociazione Una sostanza subisce

Dettagli

LEZIONE 12. Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA. Scaricato da Sunhope.it

LEZIONE 12. Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA. Scaricato da Sunhope.it LEZIONE 12 Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA Idrolisi salina Per IDROLISI SALINA si intende il fenomeno per il quale la dissoluzione in acqua di

Dettagli

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata».

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata». Esercizi sul calcolo del ph Generalità introduttive 1. L'ammoniaca :NH 3 non possiede alcun ruppo ossidrilico. Come puoi spieare il suo comportamento basico? 2. Spiea il sinificato del termine «acido coniuato»

Dettagli

Teoria di Arrhenius. Vengono definiti acidi quei composti che, in soluzione acquosa, sono in grado di dissociarsi liberando ioni H +

Teoria di Arrhenius. Vengono definiti acidi quei composti che, in soluzione acquosa, sono in grado di dissociarsi liberando ioni H + Teoria di Arrhenius Vengono definiti acidi quei composti che, in soluzione acquosa, sono in grado di dissociarsi liberando ioni H + H-Cl H + + Cl - Vengono definiti basi quei composti che, in soluzione

Dettagli

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA Poiché è impossibile contare o pesare gli atomi o le molecole che formano una qualsiasi sostanza chimica, si ricorre alla grandezza detta quantità

Dettagli

EQUILIBRI SIMULTANEI

EQUILIBRI SIMULTANEI EQUILIBRI SIMULTANEI 1. Soluzioni tampone. Per soluzione tampone si intende una soluzione acquosa in grado di mantenere pressoché inalterato il proprio ph, in seguito all'aggiunta di moderate quantità

Dettagli

IL ph E I RELATIVI CALCOLI: UN APPROCCIO DIDATTICO

IL ph E I RELATIVI CALCOLI: UN APPROCCIO DIDATTICO IL ph E I RELATIVI CALCOLI: UN APPROCCIO DIDATTICO G. Giacomo Guilizzoni Rivista: «Didattica delle Scienze» 4/1995 Gli insegnanti di chimica, durante l esposizione dei concetti fondamentali di acidità

Dettagli

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier Quando si lavora in laboratorio spesso si osservano dei fenomeni che sono

Dettagli

Capitolo 7. Le soluzioni

Capitolo 7. Le soluzioni Capitolo 7 Le soluzioni Come visto prima, mescolando tra loro sostanze pure esse danno origine a miscele di sostanze o semplicemente miscele. Una miscela può essere omogenea ( detta anche soluzione) o

Dettagli

Acidi e basi. HCl H + + Cl - (acido cloridrico) NaOH Na + + OH - (idrossido di sodio; soda caustica)

Acidi e basi. HCl H + + Cl - (acido cloridrico) NaOH Na + + OH - (idrossido di sodio; soda caustica) Acidi e basi Per capire che cosa sono un acido e una base dal punto di vista chimico, bisogna riferirsi ad alcune proprietà chimiche dell'acqua. L'acqua, sia solida (ghiaccio), liquida o gassosa (vapore

Dettagli

Conoscere gli acidi e le basi

Conoscere gli acidi e le basi Conoscere gli acidi e le basi 1 1) Determinazione dell acidità totale del latte 2) Determinazione dell acidità totale del vino INTRODUZIONE: Gli acidi sono sostanze che possiedono alcune proprietà chimiche

Dettagli

È importante quindi conoscere le proprietà chimiche dell acqua. Le reazioni acido base sono particolari esempi di equilibrio chimico in fase acquosa

È importante quindi conoscere le proprietà chimiche dell acqua. Le reazioni acido base sono particolari esempi di equilibrio chimico in fase acquosa Premessa Le nozioni di acido e di base non sono concetti assoluti ma sono relativi al mezzo in cui tale sostanze sono sciolte. L acqua è il solvente per eccellenza, scelto per studiare le caratteristiche

Dettagli

FISIOPATOLOGIA dell EQUILIBRIO ACIDO-BASE

FISIOPATOLOGIA dell EQUILIBRIO ACIDO-BASE FISIOPATOLOGIA dell EQUILIBRIO ACIDO-BASE ACIDO = molecola contenente atomi di idrogeno capaci di rilasciare in soluzione ioni idrogeno (H( + ) BASE = ione o molecola che può accettare uno ione idrogeno

Dettagli

REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE

REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE OSSIDORIDUTTIVA SECONDO IL METODO DELLO IONE-ELETTRIONE. 1) Si individuano le coppie di atomi il cui numero di ossidazione cambia

Dettagli

Chimica generale. Corsi di laurea in - Tecnologie alimentari per la ristorazione - Viticoltura ed enologia - Tecnologie agroalimentari.

Chimica generale. Corsi di laurea in - Tecnologie alimentari per la ristorazione - Viticoltura ed enologia - Tecnologie agroalimentari. Chimica generale Corsi di laurea in - Tecnologie alimentari per la ristorazione - Viticoltura ed enologia - Tecnologie agroalimentari. PARTE 5-2 1 ACIDI E BASI 2 1-Definizioni di acido e di base 1-1 Teoria

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose

Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose Le molecole H 2 O dell acqua liquida pura possono andare incontro a dissociazione. Il processo può essere descritto come una reazione

Dettagli

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012)

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) 1) Bilanciare la seguente ossidoriduzione: KMnO 4 + H 2 O 2 + H 2 SO 4 MnSO 4 + K 2 SO 4 + O 2 + H

Dettagli

Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A

Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A 1. Calcolare il ph di una soluzione ottenuta mescolando 12.0 ml di una soluzione 1.00 M di nitrato di calcio, 150 ml di una soluzione 1.00 M di acido cloridrico,

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Esame di Chimica Analitica e Complementi di Chimica Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Esame di Chimica Analitica e Complementi di Chimica Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012 Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012 1. Una soluzione viene preparata sciogliendo1210 mg di K 3 Fe(CN) 6 in 775 ml di acqua. Calcolare: a) la concentrazione analitica di K 3 Fe(CN) 6 b) la concentrazione

Dettagli

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto:

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: Richiami di Chimica DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: d = massa / volume unità di misura

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Fisiologia Renale 3. Equilibrio acido-base: Principi generali e fisico chimica

Fisiologia Renale 3. Equilibrio acido-base: Principi generali e fisico chimica Fisiologia Renale 3. Equilibrio acido-base: Principi generali e fisico chimica Fisiologia Generale e dell Esercizio Carlo Capelli Facoltà di Scienze Motorie, Università di Verona Obiettivi Definizione

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

Cosa misura il ph: la concentrazione di ioni H +, che si scrive [H + ]. La definizione di ph è: ph = -log 10 [H + ]

Cosa misura il ph: la concentrazione di ioni H +, che si scrive [H + ]. La definizione di ph è: ph = -log 10 [H + ] La molecola d acqua è un dipolo perché l atomo di ossigeno è molto elettronegativo ed attira più vicini a sé gli elettroni di legame. Questo, unito alla forma della molecola, produce un accumulo di carica

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE

REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE Obiettivo di questo esperimento è confrontare l effetto termico di 0,1 moli di diverse sostanze ioniche solide quando vengono sciolte in una stessa quantità di acqua.

Dettagli

Ionizzazione dell acqua

Ionizzazione dell acqua Acidi e basi L idrogenione Un atomo di idrogeno è costituito da un solo protone e un solo elettrone. Se da un atomo di idrogeno estraiamo l elettrone, abbiamo un protone, che è il catione H + detto idrogenione

Dettagli

Università telematica Guglielmo Marconi

Università telematica Guglielmo Marconi Università telematica Guglielmo Marconi GGGGG CF Chimica 1 Gli equilibri chimici Argomenti Gli argomenti che fanno parte di questa unità didattica sono: L equilibrio dinamico nelle reazioni chimiche Le

Dettagli

MPT Capitolo 12 Redox. Le ossidoriduzioni. Obiettivo. Definizioni di ossidazione e di riduzione

MPT Capitolo 12 Redox. Le ossidoriduzioni. Obiettivo. Definizioni di ossidazione e di riduzione 1 Le ossidoriduzioni Obiettivo In questo capitolo svilupperemo i concetti fondamentali delle reazioni di ossido-riduzione. Si tratta di conoscenze fondamentali sia per la vita comune, sia, per molti di

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

Un acido è una sostanza che sciolta in acqua produce ioni idrogeno. Le soluzioni acquose sia acide che basiche conducono elettricità

Un acido è una sostanza che sciolta in acqua produce ioni idrogeno. Le soluzioni acquose sia acide che basiche conducono elettricità ACIDI E BASI DEFINIZIONI Il nome acido viene dal latino acidum che significa aspro, pungente. Il nome alcali viene dall arabo al-qalì che sta ad indicare la potassa contenuta nella cenere di legna, le

Dettagli

TITOLAZIONI ACIDO-BASE.

TITOLAZIONI ACIDO-BASE. TITOLAZIONI ACIDO-BASE. La titolazione è una operazione di laboratorio che permette di determinare la concentrazione incognita (o titolo, da cui titolazione) di una specie chimica (chiamata analita) in

Dettagli

Il bilanciamento delle reazioni chimiche

Il bilanciamento delle reazioni chimiche 1 Il bilanciamento delle reazioni chimiche Avete visto che gli atomi hanno diversi modi di unirsi l uno all altro. Si può anche iniziare a capire che una reazione chimica non è nient altro che un cambiamento

Dettagli

QUAL È IL SAPONE MIGLIORE?

QUAL È IL SAPONE MIGLIORE? Note per il docente QUAL È IL SAPONE MIGLIORE? Note per il docente Per queste lezioni si assume che gli studenti siano già familiari alla reazione di saponificazione e con il tipo di sostanze che compongono

Dettagli

10) Se ad una soluzione aumentiamo la temperatura cosa succede? Dire quale delle seguenti affermazioni è corretta.

10) Se ad una soluzione aumentiamo la temperatura cosa succede? Dire quale delle seguenti affermazioni è corretta. Associazione di Promozione Sociale Lesina (FG) Cognome e Nome Sede: Via Principe di Piemonte, 93-71010 - Lesina (FG) - C.F. 93034730718 Tel. 0882.992808 E-mail: mail@antoniotucci.net - www.agora.lesina.org

Dettagli

Prova in itinere di Chimica Generale 1 Giugno 2011

Prova in itinere di Chimica Generale 1 Giugno 2011 Prova in itinere di Chimica Generale 1 Giugno 2011 A COGNOME NOME. MATRICOLA 1 2 3 4 5 6 7 8 Indicazioni per lo svolgimento del compito. Scrivete il vostro Nome e Cognome in STAMPATELLO su ciascuno di

Dettagli

GIOCHI DELLA CHIMICA

GIOCHI DELLA CHIMICA GIOCHI DELLA CHIMICA FASE D ISTITUTO (TRIENNIO) 21 marzo 2016 La prova è costituita da 50 quesiti. ALUNNO CLASSE Scrivi la risposta a ciascuna domanda nel foglio risposte allegato. 1. Quale dei seguenti

Dettagli

2) Calcolare la molarità di una soluzione di acido solforico al 17%,d = 1.12 g/ml

2) Calcolare la molarità di una soluzione di acido solforico al 17%,d = 1.12 g/ml Bari,11 gennaio 1999 Compito di analisi dei farmaci I 1) 1 ml di H 2 O 2 viene titolato con KMnO 4. Sono necessari 18.1 ml. La soluzione di KMnO 4 è 0.1023 N e la densità dell acqua ossigenata è 1.01 g/ml.

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe II^ D COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Disciplina : SCIENZE INTEGRATE CHIMICA E LABORATORIO PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE

Dettagli

Equilibri di precipitazione

Equilibri di precipitazione Equilibri di precipitazione Molte sostanze solide sono caratterizzate da una scarsa solubilità in acqua (ad es. tutti i carbonati e gli idrossidi degli elementi del II gruppo) AgCl (a differenza di NaCl)

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche Dipartimento di Chimica Università degli Studi di Sassari

Progetto Lauree Scientifiche Dipartimento di Chimica Università degli Studi di Sassari Progetto Lauree Scientifiche Dipartimento di Chimica Università degli Studi di Sassari Estrazione ed impiego di indicatori acido-base vegetali ACIDI E BASI NELLA VITA QUTIDIANA Acidi Sono di sapore aspro

Dettagli

Due applicazioni dei logaritmi

Due applicazioni dei logaritmi Due applicazioni dei logaritmi 22 febbraio 203 I logaritmi vengono usati per trattare grandezze che presentano ampie variazioni su un intervallo di diversi ordini di grandezze; il ph ne è un esempio. Il

Dettagli

Esperimenti per gioco. Progetto realizzato dagli alunni del liceo O.M. Corbino.

Esperimenti per gioco. Progetto realizzato dagli alunni del liceo O.M. Corbino. Esperimenti per gioco Progetto realizzato dagli alunni del liceo O.M. Corbino. Il progetto ha lo scopo di avvicinare i ragazzi al mondo della scienza tramite lo svolgimento di semplici esperienze di laboratorio

Dettagli

Dipendenza della Solubilità dalla temperatura

Dipendenza della Solubilità dalla temperatura SOLUBILIZZAZIONE Simile scioglie il simile: le molecole di sostanze diverse si mescolano intimamente nelle miscele se possiedono forze intermolecolari simili (soluzioni ideali). Anche se le forze intermolecolari

Dettagli

) e 200 ml di NaOH 0.1 M. I volumi si considerano additivi.[ph = 4.085]

) e 200 ml di NaOH 0.1 M. I volumi si considerano additivi.[ph = 4.085] Chimica Analitica Prova scritta del 19 Gennaio 2004 1) 375 ml di soluzione acquosa contengono 21.2 µg di un principio attivo. Esprimere la concentrazione della soluzione in parti per milione (ppm) [0.056

Dettagli

CO 2 aq l anidride carbonica disciolta, reagendo con l'acqua, forma acido carbonico secondo la reazione:

CO 2 aq l anidride carbonica disciolta, reagendo con l'acqua, forma acido carbonico secondo la reazione: DUREZZA DELLE ACQUE. Quando si parla di durezza di un acqua ci si riferisce fondamentalmente alla quantità di ioni calcio e di ioni magnesio disciolti in un certo volume di tale acqua. Ad eccezione delle

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE A Velocità - Equilibrio - Energia Regionali 2010 36. Se il valore della costante di equilibrio di una reazione chimica diminuisce al crescere della temperatura,

Dettagli

Alterazioni equilibrio acidobase

Alterazioni equilibrio acidobase Alterazioni equilibrio acidobase In base all equazione di HendersonHasselbalch ph = pk+ log [HCO 3 ] [CO 2 ] Acidosi: rapporto HCO 3 /CO 2 ph. Se diminuzione dipende da: HCO 3 acidosi metabolica (nonrespiratoria)

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Individua l acido e la base di Lewis nelle seguenti. b) Fe 3+ (aq) 2H 2 O (l) Fe(OH) 2

Quesiti e problemi. 6 Individua l acido e la base di Lewis nelle seguenti. b) Fe 3+ (aq) 2H 2 O (l) Fe(OH) 2 SUL LIBRO DA PAG 354 A PAG 358 Capitolo 217 Le Acidi trasformazioni e basi si scambiano fisiche della protoni materia Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le teorie sugli acidi e sulle basi 1 Spiega perché lo

Dettagli

Quesiti e problemi. 12 Quali sono i fattori che influenzano la solubilità di. 13 Quali sono le differenze fra le solubilità di un solido

Quesiti e problemi. 12 Quali sono i fattori che influenzano la solubilità di. 13 Quali sono le differenze fra le solubilità di un solido Quesiti e problemi SUL LIBRO DA PAG 261 A PAG 264 1 Perché le sostanze si sciolgono? 1 Quali sono le definizioni di solvente e di soluto? 2 Gli elettroliti deboli, quando si sciolgono in acqua a) si dissociano

Dettagli

Appunti di Chimica Le reazioni chimiche reattività reazione chimica equazione chimica bilanciare

Appunti di Chimica Le reazioni chimiche reattività reazione chimica equazione chimica bilanciare Appunti di Chimica Le reazioni chimiche Premesse... 1 Tipi di reazioni chimiche... 2 Reazioni di ossido-riduzione... 2 Reazioni di formazione... 2 Numero di ossidazione nei composti binari di tipo salino...

Dettagli

materia atomi miscugli omogenei e eterogenei sostanze elementari composti

materia atomi miscugli omogenei e eterogenei sostanze elementari composti Elementi e Composti materia miscugli omogenei e eterogenei sostanze elementari composti atomi Gli atomi sono, per convenzione, le unità costituenti le sostanze Le sostanze possono essere costituite da

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

= 9,3 10-5 M = 1,05 10-5 M

= 9,3 10-5 M = 1,05 10-5 M - Calcolare la solubilità molare di CaCO 3 ( = 8,7 10-9 ). La reazione di solubilizzazione di CaCO 3 (carbonato di calcio) è: CaCO 3 (s) Ca 2+ + CO 3 L espressione della sarà quindi: = [Ca 2+ ] [CO 3 ]

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

La catalasi: un enzima in azione

La catalasi: un enzima in azione Percorso di Didattica laboratoriale La catalasi: un enzima in azione Scuola Secondaria di Secondo Grado IISS - IPSIA E. Majorana Bari Classe IV B Docente: Miralma Serio Organizzatore cognitivo: Le trasformazioni

Dettagli

A-1 ATTIVATORE MINERALE DELL ACQUA

A-1 ATTIVATORE MINERALE DELL ACQUA A-1 ATTIVATORE MINERALE DELL ACQUA Attivatore minerale dell acqua contiene 13 vari componenti, composti di calcio e minerali (magnesio, potassio, sodio, ecc.) che emettono ioni negativi e radiazioni infrarosse.

Dettagli

Helena Curtis N. Sue Barnes

Helena Curtis N. Sue Barnes Helena Curtis N. Sue Barnes LA RESPIRAZIONE CELLULARE INDICE Demolizione del glucosio Glicolisi Fermentazione lattica Fermentazione alcolica Respirazione cellulare Ciclo di Krebs Catena di trasporto degli

Dettagli

Esperienza A: idrofilicità e idrofobicità

Esperienza A: idrofilicità e idrofobicità Esperienza A: idrofilicità e idrofobicità Obiettivo: Fare osservare che alcune sostanze, mescolate all'acqua, danno luogo a soluzioni omogenee mentre altre danno miscele eterogenee. Dalla descrizione delle

Dettagli

Corso vapore Riassunto Acque. L acqua per punti. Chimica, effetti, trattamenti, analisi.

Corso vapore Riassunto Acque. L acqua per punti. Chimica, effetti, trattamenti, analisi. L acqua per punti. Chimica, effetti, trattamenti, analisi. Indice 1) L acqua.. 1 a. Richiami di chimica: sali, ioni, ph & Co... 1 b. Non solo H 2 O... 2 c. Effetti sugli impianti delle sostanze contenute

Dettagli

Trigliceride (e 3 molecole d'acqua)

Trigliceride (e 3 molecole d'acqua) Universit egli Studi di Parma - Scienze e Tecnologie himiche 1 DETEMINAZINE DEI GASSI IN LI ALIMENTAI I trigliceridi I grassi (o meglio i lipidi) sono costituenti essenziali di moltissimi alimenti. In

Dettagli

POLARITÀ DELLE SOSTANZE

POLARITÀ DELLE SOSTANZE POLARITÀ DELLE SOSTANZE I liquidi si distinguono in polari e non polari. Obiettivo dell esperimento è controllare la polarità dei liquidi mediante bacchette caricate positivamente o negativamente. H2O

Dettagli

Progetto «Puliamo Garibaldi» Geanina Mihai VD Liceo classico Giulio Cesare

Progetto «Puliamo Garibaldi» Geanina Mihai VD Liceo classico Giulio Cesare Progetto «Puliamo Garibaldi» Geanina Mihai VD Liceo classico Giulio Cesare Qual è il rame e qual è lo stagno? E iniziato così questo progetto. Si tratta di «pulire Garibaldi»,quindi di pulire una statua.la

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL pk a DI UN INDICATORE DA MISURE SPETTROFOTOMETRICHE

DETERMINAZIONE DEL pk a DI UN INDICATORE DA MISURE SPETTROFOTOMETRICHE DETERMINAZIONE DEL pk a DI UN INDICATORE DA MISURE SPETTROFOTOMETRICHE Con il nome di indicatori di ph vengono denominate delle sostanze in grado di assumere diverse colorazioni a seconda della concentrazione

Dettagli

FISIOLOGIA CdL in Medicina e Chirurgia. Regolazione del ph. Dott.ssa Michela Anna Pia Ciliberti

FISIOLOGIA CdL in Medicina e Chirurgia. Regolazione del ph. Dott.ssa Michela Anna Pia Ciliberti FISIOLOGIA CdL in Medicina e Chirurgia Regolazione del ph Dott.ssa Michela Anna Pia Ciliberti FUNZIONI OMEOSTATICHE INTEGRATE regolazione della temperatura corporea; controllo del ph dell organismo; regolazione

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA.

IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA. CORSO DI CHIMICA E PROPEDEUTICA BIOCHIMICA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA. IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA. Un enzima è una proteina capace di catalizzare una specifica reazione

Dettagli

Esperienza n 6: Determinazione della DUREZZA dell acqua di rubinetto

Esperienza n 6: Determinazione della DUREZZA dell acqua di rubinetto Obiettivo: Determinare la durezza dell acqua di rubinetto tramite titolazione complessometrica con EDTA. Durezza dell acqua: Quantità di ioni polivalenti disciolti nell acqua (principalmente Ca e Mg, ma

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà degli elementi mostrano delle tendenze che possono essere predette usando il sistema periodico ed essere spiegate e comprese analizzando la

Dettagli

IL SISTEMA INTERNAZIONALE DI MISURA

IL SISTEMA INTERNAZIONALE DI MISURA IL SISTEMA INTERNAZIONALE DI MISURA UNITÀ SI Il sistema di misura standard, adottato su scala mondiale, è conosciuto come Système International d Unités. Le unità fondamentali da cui derivano tutte le

Dettagli

Attivitá e cinetica enzimatica

Attivitá e cinetica enzimatica Attivitá e cinetica enzimatica PAS : Classe di insegnamento A60 Biologia e scienze A.A. 2013/2014 09/05/2014 Cinetica Enzimatica La cinetica enzimatica è misurata come velocità di conversione del substrato

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche. Anno scolastico 2014-2015. Programma svolto. Docente: Silvana Venditti

Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche. Anno scolastico 2014-2015. Programma svolto. Docente: Silvana Venditti Anno scolastico 2014-2015 Programma svolto Docente: Silvana Venditti Disciplina: Scienze Naturali Classe : IV sez. E - Indirizzo Linguistico ARTICOLAZIONE DEI CONTENUTI E DEGLI OBIETTIVI SECONDO UNITA

Dettagli

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2 Approfondimento Analisi dei fumi La regolazione della combustione basata su regole pratiche pecca evidentemente di precisione anche se presenta l indubbio vantaggio dell immediatezza di esecuzione; una

Dettagli

ACIDI E BASI IN CASA. Scheda studente n.1

ACIDI E BASI IN CASA. Scheda studente n.1 Scheda studente n.1 Come interagisce ciascun liquido con la polvere di marmo? Seguite le istruzioni, osservate con attenzione ciò che accade e completate la tabella. polvere di marmo e le seguenti sostanze:

Dettagli

ESTRAZIONE ED IDENTIFICAZIONE DI UN OLIO DA UN PRODOTTO ALIMENTARE

ESTRAZIONE ED IDENTIFICAZIONE DI UN OLIO DA UN PRODOTTO ALIMENTARE ESTRAZIONE ED IDENTIICAZIONE DI UN OLIO DA UN PRODOTTO ALIMENTARE I trigliceridi I grassi (o meglio i lipidi) sono costituenti essenziali di moltissimi alimenti. In alcuni di essi (olio, burro, margarina)

Dettagli

OSSIDORIDUZIONI N H H. H ammoniaca. acido nitroso N = + 3. acido nitrico N = + 5

OSSIDORIDUZIONI N H H. H ammoniaca. acido nitroso N = + 3. acido nitrico N = + 5 OSSIDORIDUZIONI Le reazioni acido-base sono quelle in cui viene scambiato, fra due specie reagenti, un H. Come si è visto, esistono casi di reazioni acido-base in cui ciò non avviene (definizione di Lewis),

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

25/02/2015. ESERCITAZIONE n 9 PROVA INCOGNITA 1. SOSTANZA ORGANICA 2. SOSTANZA ORGANOMETALLICA 3. SOSTANZA ORGANICA

25/02/2015. ESERCITAZIONE n 9 PROVA INCOGNITA 1. SOSTANZA ORGANICA 2. SOSTANZA ORGANOMETALLICA 3. SOSTANZA ORGANICA ESERCITAZIONE n 9 PROVA INCOGNITA 1. SOSTANZA ORGANICA 2. SOSTANZA ORGANOMETALLICA 3. SOSTANZA ORGANICA 1 Il riconoscimento di una sostanza iscritta nella Ph. Eur. attraverso operazioni chimiche semplici,

Dettagli

SISTEMI ENERGETICI. L ATP privato di uno dei suoi 3 radicali fosforici diventa ADP (adenosindifosfato).

SISTEMI ENERGETICI. L ATP privato di uno dei suoi 3 radicali fosforici diventa ADP (adenosindifosfato). SISTEMI ENERGETICI LE FONTI ENERGETICHE MUSCOLARI I movimenti sono resi possibili, dal punto di vista energetico, grazie alla trasformazione, da parte dei muscoli, dell energia chimica ( trasformazione

Dettagli

H H 3 E H H 2 E 2 E 2 H HE 3

H H 3 E H H 2 E 2 E 2 H HE 3 DETERMINAZIONE COMPLESSOMETRICA DELLA DUREZZA DI UN'ACQUA. Cenno ai complessi. I cationi metallici sono specie chimiche assimilabili ad atomi che hanno perso 1 o più elettroni acquistando nel contempo

Dettagli

Analisi delle acque dell isola di Favignana

Analisi delle acque dell isola di Favignana Analisi delle acque dell isola di Favignana Durante le attività svolte al campo scuola nell ambito del progetto Un mare di.. risorse, il nostro gruppo si è occupato di analizzare le acque del mare in diversi

Dettagli

CENNI DI ELETTROCHIMICA

CENNI DI ELETTROCHIMICA CENNI DI ELETTROCHIMICA Gli elettrodi a membrana sono elettrodi che permettono la determinazione rapida e selettiva, per potenziometria diretta, di numerosi cationi ed anioni. Il meccanismo di formazione

Dettagli