sorgente di lavoro meccanico operante in maniera ciclica internamente reversibile esternamente reversibile termostato T

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "sorgente di lavoro meccanico operante in maniera ciclica internamente reversibile esternamente reversibile termostato T"

Transcript

1 CICLI MOORI Utilizzando un motore (sorgente di lavoro meccanico oerante in maniera ciclica) che evolve secondo il ciclo isotermo-adiabatico di Carnot in maniera internamente reversibile, scambiando calore in maniera esternamente reversibile con due sorgenti termiche, ed in articolare: una sorgente sueriore (termostato ) a iù alta temeratura che ha una (ed una sola) temeratura che sarà uguale a quella del motore endoreversibile quando ad esso fornisce calore, una sorgente inferiore (termostato ) a temeratura iù bassa (generalmente raresentata dall ambiente esterno) che ha una (ed una sola) temeratura che sarà uguale quella del motore endoreversibile quando da esso riceve calore, è ossibile ottenere dal motore endoreversibile il suo funzionamento al rendimento massimo consentito dalle temerature delle due sorgenti e realizzare così una macchina bitermica reversibile che oera secondo il ciclo di Carnot il cui rendimento è esrimibile in funzione soltanto della temeratura delle due sorgenti η Carnot Abbiamo visto che, er otere ottenere otenza da una macchina è necessario assicurare un oortuna differenza di temeratura tra le sorgenti termiche ed il motore; er mantenerci nel caso ideale, ossiamo considerare ancora quest ultimo come un motore che evolve secondo il ciclo ideale di Carnot in maniera internamente reversibile. La macchina che comlessivamente ne risulta è ertanto basata su di un motore endoreversibile che scambia calore in maniera esternamente non reversibile con due sorgenti termiche: quella sueriore che avrà una (ed una sola) temeratura che sarà maggiore di quella del motore endoreversibile quando ad esso fornisce calore ed una sorgente inferiore che avrà una (ed una sola) temeratura che sarà minore di quella del motore endoreversibile quando ad esso sottrae calore. Regolando oortunamente i due salti termici sarà ossibile ottenere dal motore endoreversibile inserito in ciclo bitermico non reversibile er irreversibilità di tio termico esterno, il suo funzionamento alla otenza massima consentita dalle temerature delle due sorgenti. Il rendimento della macchina di Carnot oerante a temo finito è ancora esrimibile in funzione soltanto della temeratura delle due sorgenti: η CF Concentriamo ora la nostra attenzione sul motore. E oortuno nella ratica usare, come motore endoreversibile, un motore che funziona secondo il ciclo di Carnot? Osservando un ciclo di Carnot riortato su di un diagramma (P,v) si uò notare che l area racchiusa all interno del ciclo è assai modesta; ciò è dovuto al fatto che gli esonenti della olitroica

2

3 isoterma (n) e della olitroica adiabatica (n max,666 er gas monoatomico) sono molto simili. Per aumentare la otenza erogata er ciclo si otrebbe ensare di: - Innalzare la ressione massima o diminuire la minima. - Aumentare la quantità di gas contenuta nella macchina - Aumentare il numero di cicli nell unità di temo E evidente che: - la ressione minima non uò essere abbassata al di sotto della ressione atmosferica - innalzare la ressione massima comorta un aumento della temeratura massima che uò divenire incomatibile con i materiali attualmente disonibili - un aumento della quantità di gas comorta un eccessivo aumento delle dimensioni e quindi del eso della macchina - un numero di giri troo elevato comorta roblemi meccanici (inerzie). Bisogna ertanto rinunziare all idea di realizzare un ciclo di Carnot e cercare altri cicli che abbiano, a arità di eso di sostanza, di temerature e di ressioni di lavoro, aree iù grandi e quindi una maggior roduzione di lavoro er ciclo. Questi cicli, diversi da quello di Carnot, adotteranno, al osto delle trasformazioni isoterme (che sono difficili da realizzare) trasformazioni di vario genere (a P costante, a V costante, olitroiche di vario indice, ecc) e saranno ertanto cicli olitermici, ancorché almeno nello studio teorico dei cicli ideali reversibili. Descriveremo nel seguito alcuni cicli motori olitermici reversibili di largo imiego nella ratica. Studieremo questi motori nel loro funzionamento in un ciclo ideale a gas erfetto (che nelle alicazioni ratiche sarà l aria) allo scoo di calcolarne il rendimento in funzione di alcune temerature del ciclo e delle caratteristiche del gas (ricordiamo infatti che la descrizione del rendimento in base alle due sole temerature estreme, indiendentemente dalle caratteristiche del fluido, è ossibile solo er il ciclo di Carnot). I calori scambiati dalle macchine verranno considerati come forniti da serbatoi esterni alla macchina stessa (motori esotermici) tralasciando ogni considerazione sulla reversibilità degli scambi di calore tra il motore e le (infinite) sorgenti esterne. Vale la ena ricordare che, se tali scambi fossero reversibili avremmo allora un ciclo olitermico reversibile, ma certamente incaace di rodurre otenza dovendo oerare gli scambi di calore in maniera lentissima; se fossero non reversibili (ciclo olitermico endoreversibile con irreversibilità di tio termico esterno) avremmo roduzione di otenza e - calcolando gli oortuni salti di temeratura - il funzionamento a massima otenza. Ci occueremo in articolare dei seguenti cicli motori - ciclo Otto - ciclo Diesel - ciclo Sabathé - ciclo Joule-Brayton Per ciascuno di questi cicli otremo verificare che il loro rendimento è inferiore a quello del ciclo di Carnot che lavora tra le temerature estreme del ciclo in esame, dimostrazione uramente formale erché, come si è già dimostrato in via generale, il ciclo di Carnot che lavora tra due temerature ha un rendimento sueriore a quello di tutte le macchine olitermiche reversibili che lavorano all interno di quelle temerature. Verranno in seguito discusse le modalità di realizzazione ratica di questi cicli senza l utilizzazione di sorgenti esterne ad alta temeratura (motori endotermici). In queste macchine, dette anche motori a combustione interna, il calore necessario sarà fornito sotto forma di energia interna (chimica) direttamente al fluido evolvente nella macchina.

4 In questo caso è evidente che, mentre gli organi meccanici della macchina si riorteranno ciclicamente nelle condizioni iniziali, il fluido, modificandosi durante il rocesso, non otrà ercorrere un ciclo chiuso di trasformazioni e dovrà essere rinnovato alla fine di ogni ciclo meccanico. Verranno infine introdotti i cicli motori esotermici nei quali l aumento della quantità di lavoro rodotta er ciclo, (corrisondente all allargamento della suerficie interna del ciclo nel diagramma (P,v)) sarà ottenuta sfruttando le rorietà fisiche di alcuni fluidi reali (in articolare l acqua) durante i loro cambiamenti di fase. In questi cicli il calore necessario sarà fornito essenzialmente sotto forma di energia interna legata ai assaggi da uno stato fisico del fluido reale ad un altro (assaggi di fase liquido/vaore e vaore/liquido). Ci occueremo in articolare dei cicli motori - ciclo della macchina a vaore (Watt) - ciclo Rankine 4

5 Ciclo Otto Standard ad aria P Q - Q - Q 4- V Q 4- S Le figure mostrano lo svolgimento del ciclo Otto Standard nei diagrammi (P,v) e (,S). Si consideri la macchina formata da un cilindro munito di istone contente una certa quantità di gas erfetto (.es. kg d aria). utte le trasformazioni subite dal gas siano (internamente) reversibili e ertanto raresentabili sui diagrammi come una successione di stati di equilibrio. : il istone, mosso dall esterno, realizza una comressione adiabatica, nello stato il gas ha una ressione ed una temeratura sueriori a quelle dello stato (in questa fase viene assorbito lavoro dall esterno). : il istone è fermo, il gas viene riscaldato dall esterno a volume costante, crescono la sua temeratura, la ressione e l entroia. (in questa fase viene assorbito calore dall esterno) Il calore trasferito al gas è: c ( ) Q v : il gas si esande adiabaticamente, la temeratura e la ressione del gas diminuiscono (in questa fase viene fornito lavoro all esterno). : il istone è fermo, il gas viene raffreddato dall esterno a volume costante, diminuiscono la sua temeratura, la ressione e l entroia. (in questa fase viene ceduto calore all esterno) Il calore sottratto al gas è: c ( ) Q4 v 4 Il rendimento della macchina sarà ertanto: Q Q4 Q4 ηotto Q Q c c v v (4 ) ( ) ( 4 ) ( ) Ed essendo adiabatiche le due trasformazioni di comressione e di esansione, e considerando che nelle due isocore v v e v v 4, si ha anche: v v k v v 4 k 4 e ertanto 4 5

6 con k c cv esonente (identico) delle due adiabatiche. L esressione del rendimento della macchina ideale funzionante con il ciclo Otto risulta diversamente dal Ciclo di Carnot - funzione delle caratteristiche del fluido essendo: η Otto k v k v rv Detto r v v v v4 v raorto volumetrico, è facile vedere che il rendimento del ciclo Otto cresce al crescere di questo, tendendo ad qualora il raorto volumetrico tenda ad infinito, ossia nel caso che il volume in sia iccolissimo risetto al volume iniziale e quindi in ratica- al tendere ad infinito della ressione finale della comressione adiabatica. Anche se il rendimento del ciclo Otto uò esrimersi in funzione di due temerature, si osservi che la temeratura non è la temeratura di una delle due sorgenti, come avviene er la macchina di Carnot, ma è funzione - come è facile controllare delle caratteristiche del fluido utilizzato. E inoltre evidente che il rendimento del Ciclo Otto è inferiore a quello del Ciclo di Carnot di confronto, il cui rendimento si ottiene in funzione delle temerature massima e minima del ciclo, ed è ertanto: η Carnot > ηotto essendo, temeratura massima del ciclo, ovviamente maggiore di. Il lavoro fornito dalla macchina in ogni ciclo, dato dall area ---4 sul diagramma P,V uò essere aumentato in due modi: a) Aumentando il raorto volumetrico r v V /V b) Aumentando il calore fornito Q -. P (b) Q L ciclo 4 (a) V V V 6

7 Per r 8 il rendimento teorico è circa 56% (il doio del valore reale). Si ricordi che nei motori a Combustione Interna il raorto volumetrico è limitato dal rischio di autoaccensione) 7

8 Ciclo Diesel Standard: P Q - Q - Q 4- Q 4- V S Le figure mostrano lo svolgimento del ciclo Diesel Standard nei diagrammi (P,v) e (,S). Si consideri la macchina formata da un cilindro munito di istone contente una certa quantità di gas erfetto (.es. kg d aria). utte le trasformazioni subite dal gas siano (internamente) reversibili e ertanto raresentabili sui diagrammi come una successione di stati di equilibrio. : il istone, mosso dall esterno realizza una comressione adiabatica, nello stato il gas ha una ressione ed una temeratura sueriori a quelle dello stato (in questa fase viene assorbito lavoro dall esterno). : il istone si muove, il gas viene riscaldato dall esterno a ressione costante, crescono la sua temeratura, il volume e l entroia. (in questa fase viene assorbito calore dall esterno) Il calore trasferito al gas è: c ( ) Q : il gas si esande adiabaticamente, la temeratura e la ressione del gas diminuiscono (in questa fase viene fornito lavoro all esterno). : il istone è fermo, il gas viene raffreddato dall esterno a volume costante, diminuiscono la sua temeratura, la ressione e l entroia. (in questa fase viene ceduto calore all esterno) Il calore sottratto al gas è: c ( ) Q4 v 4 Il rendimento della macchina sarà ertanto: Q Q4 Q4 ηdiesel Q Q c c v (4 ) ( ) k ( 4 ) ( ) Essendo adiabatiche le due trasformazioni di comressione e di esansione, ma essendo v v 4 si ha anche: v v k v v 4 k 4 e ertanto 4 8

9 Detto ancora una volta r v v v il raorto volumetrico, definendo raorto di cut-off r v v il raorto tra il volume finale e quello iniziale nell esansione isobara durante la quale c il ciclo assorbe calore e ricordando che è k c cv l esonente (identico) delle due adiabatiche, l esressione del rendimento della macchina ideale funzionante con il ciclo Diesel risulta semre diversamente dal ciclo di Carnot - funzione delle caratteristiche del fluido essendo: η Diesel k r c k rv k(rc ) onendo rc e considerando che la forma indeterminata che ne deriva uò essere facilmente ridotta ad uno, ritroviamo il rendimento del ciclo Otto. 9

10 Ciclo Joule Standard: P Q - Q - Q 4- V Q 4- S Le figure mostrano lo svolgimento del ciclo Joule Standard nei diagrammi (P,v) e (,S). Si consideri la macchina formata da un cilindro munito di istone contente una certa quantità di gas erfetto (.es. kg d aria). utte le trasformazioni subite dal gas siano (internamente) reversibili e ertanto raresentabili sui diagrammi come una successione di stati di equilibrio. : il istone, mosso dall esterno realizza una comressione adiabatica, nello stato il gas ha una ressione ed una temeratura sueriori a quelle dello stato (in questa fase viene assorbito lavoro dall esterno). : il istone si muove, il gas viene riscaldato dall esterno a ressione costante, crescono la sua temeratura, il volume e l entroia. (in questa fase viene assorbito calore dall esterno) Il calore trasferito al gas è: c ( ) Q : il gas si esande adiabaticamente, la temeratura e la ressione del gas diminuiscono (in questa fase viene fornito lavoro all esterno). : il gas viene raffreddato dall esterno a ressione costante, diminuiscono la sua temeratura, il volume e l entroia. (in questa fase viene ceduto calore all esterno) Il calore sottratto al gas è: Q4 c(4 ) Il rendimento della macchina sarà ertanto: Q Q4 Q ηjoule Q Q 4 c c (4 ) ( ) ( 4 ) ( ) Essendo adiabatiche le due trasformazioni di comressione e di esansione ed essendo 4 e, si ha:

11 4 k k 4 k k e ertanto 4 Definendo raorto di comressione il raorto r / / 4 e ricordando che è semre c c v k l esonente (identico) delle due adiabatiche, l esressione del rendimento della macchina ideale funzionante con il ciclo Joule risulta semre diversamente dal ciclo di Carnot - funzione delle caratteristiche del fluido essendo: k k k k Joule r η E evidente che, essendo la temeratura minima del ciclo e > la massima, il rendimento del ciclo Joule è inferiore a quello del corrisondente ciclo di Carnot. Dall esressione del rendimento si nota come esso cresca al crescere del raorto di comressione il cui valore è erò limitato dalle temerature raggiungibili alla fine della fase di combustione, che devono essere comatibili con i materiali utilizzati.

12 Ciclo Otto, realizzazione ratica Nella realizzazione ratica del ciclo Otto, il cilindro munito di istone usato nel caso ideale viene modificato con l aggiunta di un condotto di asirazione, un condotto di scarico, ambedue muniti di valvole a funzionamento automatico, e di un organo detto candela. Il fluido di lavoro è costituito rincialmente da aria relevata dall ambiente, alla quale un organo esterno, detto carburatore aggiunge una iccola quantità di vaori di benzina. Nei motori iù moderni (motori a iniezione)la miscela viene realizzata direttamente all interno del cilindro con un meccanismo molto simile a quello usato nei motori Diesel. La miscela aria-benzina è, sotto oortune condizioni, una miscela detonante la cui energia interna (chimica) fornisce dall interno il calore necessario alla realizzazione del ciclo motore. Questi tii di motore rendono erciò il nome di motori endotermici. Il funzionamento del ciclo uò essere descritto seguendo le rinciali fasi meccaniche seguite dal cilindro e le corrisondenti trasformazioni del fluido. Fase : Introduzione della miscela detonante nel cilindro In questa fase il istone si muove verso il basso e la miscela, assando attraverso la valvola di asirazione oortunamente aerta, riemie il cilindro. Si noti che in questa fase non viene scambiato né calore né lavoro tra il sistema e l esterno: si tratta di un semlice sostamento dall esterno all interno del istone di un fluido che mantiene le rorie caratteristiche iniziali di temeratura e di ressione. Non viene effettuata nessuna trasformazione sul fluido (miscela aria-benzina). Nella ratica il fluido assume una ressione leggermente inferiore a quella atmosferica a causa delle resistenze introdotte dal filtro, dal carburatore, dai condotti di asirazione, dalla valvola. 4

13 Fase : Comressione della miscela detonante In questa fase, che avviene a valvole chiuse, la miscela subisce una trasformazione adiabatica di comressione con aumento sia della temeratura che della ressione, mentre il volume occuato dalla miscela diminuisce; il lavoro di comressione necessario viene fornito dall esterno. Si è visto che il rendimento del ciclo Otto cresce al crescere del raorto volumetrico, tendendo ad uno qualora il raorto volumetrico tenda ad infinito, ossia nel caso che il volume finale sia iccolissimo risetto al volume iniziale e quindi in ratica- al tendere ad infinito della ressione finale nella comressione adiabatica. Nei motori moderni il raorto volumetrico è mantenuto intorno a 0- e uò raggiungere valori ari a 5-7 nei motori da cometizione. Essendo la comressione di tio adiabatico anche la temeratura come si è già detto è destinata a crescere; l aumento di temeratura otrebbe innescare la detonazione della miscela rima che il istone raggiunga la massima altezza (unto morto sueriore) in un unto casuale, non controllato e non adatto del ciclo creando gravi inconvenienti di tio meccanico. Un aumento della ressione di fine comressione uò ottenersi aggiungendo alla miscela oortuni additivi chimici con rorietà antidetonanti. 5

14 Fase : Detonazione della miscela Quando il istone sta er giungere al unto morto sueriore la miscela viene incendiata dalla scintilla rodotta dalla candela. La roduzione della scintilla con un iccolo anticio consentirà al fronte di fiamma di roagarsi a tutta la miscela ottenendone la combustione comleta mentre il istone comleta la sua corsa verso il unto morto sueriore. La reazione di combustione è raidissima (detonazione), il istone, giunto al unto morto sueriore, non ha il temo di muoversi all indietro e la trasformazione che ne risulta uò considerarsi a volume costante, si ha ertanto un brusco aumento della temeratura e della ressione senza roduzione né assorbimento di lavoro. 6

15 Fase 4 : Esansione dei gas combusti In questa fase i gas combusti ad alta temeratura e ad alta ressione generati dalla detonazione si esandono in maniera adiabatica, semre a valvole chiuse, roducendo lavoro meccanico. Il istone raggiunge così il unto morto inferiore. Fase 5 : Scarico dei gas combusti Al raggiungimento del unto morto inferiore segue l aertura della valvola di scarico, la ressione cade bruscamente al valore della ressione atmosferica. Il istone, iniziando a risalire verso il unto morto sueriore, svuota il cilindro dei gas combusti; durante il movimento del istone non viene scambiato né calore né lavoro tra il sistema e l esterno: si tratta di un semlice sostamento dall interno all esterno di un fluido che mantiene le rorie caratteristiche di temeratura e di ressione. Non viene effettuata nessuna trasformazione sul fluido (gas combusti). 7

16 Nella ratica il fluido dovrà avere una ressione leggermente sueriore a quella atmosferica a causa delle resistenze introdotte dalla valvola, dai condotti di scarico e dal silenziatore. In conclusione: gli organi meccanici della macchina hanno comiuto un ciclo, il fluido, avendo subito delle modifiche ermanenti non uò tornare nelle condizioni iniziali; ossiamo considerare quindi il ciclo del fluido si chiuda sull ambiente esterno che ha il comito di raffreddare i gas combusti e fornire l aria fresca er il rossimo ciclo. Il motore Otto, largamente imiegato nell autotrazione e nei iccoli aerei, viene detto a quattro temi [asirazione, comressione, scoio, scarico] in base alle fasi meccaniche seguite dal istone iuttosto che sulle trasformazioni termodinamiche del fluido. Ciclo Diesel : realizzazione ratica Anche il motore Diesel, come il motore Otto è detto motore a quattro temi. Il funzionamento dei due motori è infatti, dal unto di vista delle fasi meccaniche, assai simile. La figura mostra una sezione di un cilindro di un motore Diesel. La differenze sostanziali tra un motore Otto e un Diesel sono qui evidenti: manca infatti la candela, l organo che serve ad innescare la detonazione della miscela, al suo osto troviamo un iniettore. Le fasi del funzionamento di un Diesel ossono essere così riassunte: Fase : Introduzione di aria esterna nel cilindro : nella fase di asirazione il cilindro viene riemito di sola aria Fase : Comressione dell aria : questa fase uò essere comiuta con un raorto di comressione iù elevato risetto al ciclo Otto senza roblemi di detonazione, (essendo l aria un gas raticamente inerte) raggiungendo valori di ressione e temeratura di fine comressione iù elevati risetto a quelli del ciclo Otto. Fase : Iniezione del combustibile : quando il istone ha raggiunto il unto morto sueriore l iniettore comincia ad aggiungere un olio combustibile (generalmente nafta o gasolio) all aria 8

17 contenuta nel cilindro. Le condizioni di ressione e di temeratura raggiunte a fine comressione devono essere tali da rovocare l immediata accensione della miscela formatasi nella recamera. La candeletta glow-lug visibile nella figura serve aunto a consentire l avvìo a motore freddo. A differenza del ciclo Otto dove l accensione della miscela è comleta e (quasi) istantanea, e la trasformazione che ne risulta uò considerarsi a volume costante, nel ciclo Diesel la fase di iniezione viene rotratta er qualche temo, dando la ossibilità al istone di muoversi verso il basso comensando, con l aumento di volume, l aumento della ressione dovuto alla combustione della miscela aria-nafta. La trasformazione che ne consegue uò essere considerata a ressione costante. Le fasi successive: Fase 4 : Esansione dei gas combusti Fase 5 : Scarico dei gas combusti Sono identiche a quelle del ciclo Otto. Si è osservato in recedenza che a arità di fluido e di raorto volumetrico - il rendimento del ciclo Diesel è semre inferiore a quello del ciclo Otto; osserviamo ora che, non esistendo motivazioni (oltre quelle di carattere tecnologico) che limitino il raorto volumetrico di un Diesel, è ossibile costruire motori Diesel con raorti V iniziale / V finale fino a 4: contro i 0: dei motori Otto. Ciò consente ai motori Diesel iù moderni di esibire rendimenti sueriori a quelli dei motori Otto. Poiché la quantità di gasolio da introdurre è in raorto stechiometrico con il eso d aria contenuta nel cilindro ed il lavoro rodotto er ciclo è roorzionale al eso di miscela introdotta, nei motori Diesel veloci si adotta l accorgimento di comrimere l aria esterna rima di introdurla nel cilindro (turbodiesel). L oerazione viene attuata da un comressore mosso dai gas di scarico. Poiché nella comressione (fatta er aumentare la densità del fluido) si ha un riscaldamento indesiderato (erchè fa diminuire la densità del fluido a arità di ressione), tra il comressore ed il collettore di asirazione si interone uno scambiatore di calore (intercooler) raffreddato dall aria ambiente. Diesel Common Rail Nei motori Diesel tradizionali l'iniettore di ciascun cilindro viene messo in ressione doo che la oma di iniezione ha rearato la giusta quantità di carburante da immettere nel cilindro. Nei Diesel iù moderni il combustibile, oortunamente filtrato, viene inviato er mezzo di una oma ad alta ressione ad un distributore comune a tutti i cilindri (common rail) che agisce da serbatoio di accumulo er rifornire ciascuno degli iniettori. Il vantaggio rinciale di questo sistema risiede nell'amio camo di regolazione e nella raidità con cui la giusta quantità di combustibile uò essere fornita agli iniettori, con notevoli vantaggi sull'elasticità di marcia, sui consumi e sull'imatto ambientale. Lo svantaggio sta nella maggiore comlicazione del sistema sia dal unto di vista meccanico che dal unto di vista del controllo elettronico del funzionamento del motore. Occorrono infatti due ome di alimentazione er ortare il combustibile dal serbatoio fino alla ressione di 6-7 bar che sono richiesti all'ingresso della oma di alta ressione. Quest'ultima, di tio a istone, orta il combustibile nel sistema common rail alla ressione di circa 000 bar, ressione che viene controllata e monitorata dalla centralina elettronica di bordo. L' iniettore di ciascun cilindro releva il combustibile dalla linea comune ad alta ressione tramite una valvola a comando elettrico che uò essere di tio a solenoide o iezoelettrico 9

18 Ciclo Joule : realizzazione ratica Comressore Riscaldatore Q urbina La figura mostra lo schema di un tiico imianto er la roduzione di otenza funzionante mediante il Ciclo Joule. L imianto è formato da quattro elementi rinciali: W Q W Raffreddatore ) Un comressore (alternativo o rotativo, come in figura) dove viene realizzata la comressione adiabatica > del fluido di lavoro (aria) con assorbimento di lavoro, W. ) Uno scambiatore di calore (riscaldatore) dove viene fornito il calore Q necessario er comiere il ciclo motore. ) Un esansore (alternativo o una turbina, come in figura) dove viene realizzata l esansione adiabatica >4 del fluido di lavoro (aria) con roduzione di lavoro W. 4) Uno scambiatore di calore (raffreddatore) dove viene smaltito il calore Q necessario er chiudere il ciclo motore. Lo scambio di calore tra la sorgente ad alta temeratura (geotermica, nucleare, ecc) ed il fluido di lavoro (che - come si è già detto - è aria, ma otrebbe essere anche CO, come nel caso dei reattori nucleari a gas), così come quello tra il fluido di lavoro e l ambiente, avvengono in un disositivo detto aunto scambiatore di calore. Uno scambiatore di calore, che er imianti di taglia medio/alta è generalmente del tio a fascio tubiero ( shell & tubes ) realizza er sua natura una trasformazione a ressione costante sui fluidi che lo attraversano. Pertanto le quantità di calore scambiate lungo le trasformazioni > e 4> saranno calcolabili attraverso le differenze di temeratura ed i calori secifici a ressione costante dei fluidi utilizzati. Ne risulta un ciclo isobaro-adiabatico o ciclo di Joule standard. Dall esame della figura si uò ancora notare come all albero del comressore dovrà essere fornito un lavoro meccanico W, mentre dall albero della turbina si otrà relevare il lavoro meccanico W. Collegando meccanicamente tra loro i due alberi, il comressore assorbirà direttamente il lavoro necessario al suo funzionamento mentre, dall estremità oosta dall unico albero, otremo relevare il lavoro netto rodotto dal ciclo.. L W W Q Q

19 Ciclo Brayton : realizzazione ratica Comressore Camera di combustione Q urbina La figura mostra lo schema di un tiico imianto er la roduzione di otenza funzionante mediante il Ciclo Brayton. L imianto è formato da tre elementi rinciali: Q W -W Ambiente ) Un comressore rotativo, dove viene realizzata la comressione adiabatica -> del fluido di lavoro (aria). ) Una camera di combustione, dove viene iniettato con continuità un flusso di combustibile (gasolio, cherosene) la cui reazione esotermica con l aria comressa fornisce il calore Q necessario er comiere il ciclo motore. La trasformazione subita dall aria (che è in quantità assai sueriore a quella del combustibile) uò essere considerata a ressione costante. ) Una turbina, dove viene realizzata l esansione adiabatica ->4 del fluido di lavoro (gas combusti). La chiusura del ciclo avviene nell ambiente (ovviamente a ressione costante) dove la macchina scarica i gas combusti ed il comressore releva l aria fresca necessaria alla continuazione del ciclo. Ne risulta un ciclo isobaro-adiabatico o ciclo di Brayton. Collegando meccanicamente tra loro l albero del comressore e quello della turbina, si releva dall unico albero il lavoro netto rodotto dal ciclo.. L W W Q Q

L Q = 1. e nel ciclo di Carnot questo rendimento assume valore massimo pari a : η =

L Q = 1. e nel ciclo di Carnot questo rendimento assume valore massimo pari a : η = CICLI ERMODINAMICI DIREI: Maccine termice Le maccine ce anno come scoo uello di trasformare ciclicamente in lavoro il calore disonibile da una sorgente termica sono dette maccine termice o motrici e il

Dettagli

Legge del gas perfetto e termodinamica

Legge del gas perfetto e termodinamica Scheda riassuntia 5 caitoli 9-0 Legge del gas erfetto e termodinamica Gas erfetto Lo stato gassoso è quello di una sostanza che si troa oltre la sua temeratura critica. La temeratura critica è quella oltre

Dettagli

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. Introduzione I rocessi termodinamici che vengono realizzati nella ratica devono consentire la realizzazione di uno scambio di energia termica o di energia

Dettagli

CALCOLO EFFICACIA ED EFFICIENZA DI TERMOCAMINETTI A GIRI DI FUMO

CALCOLO EFFICACIA ED EFFICIENZA DI TERMOCAMINETTI A GIRI DI FUMO Pag. 1 di 7 CALCOLO EFFICACIA ED EFFICIENZA DI TERMOCAMINETTI A GIRI DI FUMO Introduzione La resente relazione ha obiettivo di calcolare indicativamente funzionamento efficacia ed efficienza di termocaminetti

Dettagli

FISICA. V [10 3 m 3 ]

FISICA. V [10 3 m 3 ] Serie 5: Soluzioni FISICA II liceo Esercizio 1 Primo rinciio Iotesi: Trattiamo il gas con il modello del gas ideale. 1. Dalla legge U = cnrt otteniamo U = 1,50 10 4 J. 2. Dal rimo rinciio U = Q+W abbiamo

Dettagli

CALCOLO INERZIA TERMICA E CONSUMO LEGNA DEL TERMOCAMINO MERCURY

CALCOLO INERZIA TERMICA E CONSUMO LEGNA DEL TERMOCAMINO MERCURY Pag. 1 di 7 CALCOLO INERZIA TERMICA E CONSUMO LEGNA DEL TERMOCAMINO MERCURY Premessa La resente relazione ha l obiettivo di verificare quale sia il consumo di legna ed il temo necessario affinché il termocamino

Dettagli

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche Aunti ed Esercizi di Fisica ecnica e Macchine ermiche Ca.7. I cicli termici delle macchine motrici Paolo Di Marco Versione 006.0 0.0.07 La resente disensa è redatta ad esclusivo uso didattico er gli allievi

Dettagli

Lezione IX - 19/03/2003 ora 8:30-10:30 - Ciclo di Carnot, Otto, Diesel - Originale di Spinosa Alessandro.

Lezione IX - 19/03/2003 ora 8:30-10:30 - Ciclo di Carnot, Otto, Diesel - Originale di Spinosa Alessandro. Lezione IX - 9/03/003 ora 8:30-0:30 - Ciclo di Carnot, Otto, Diesel - Originale di Spinosa Alessandro. Ciclo di Carnot Si consideri una macchina termica semplice che compie trasformazioni reversibili,

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

Portata Q - è il volume di liquido mosso dalla pompa nell'unità di tempo; l'unità di misura della portata è m 3 /sec (l/s; m 3 /h).

Portata Q - è il volume di liquido mosso dalla pompa nell'unità di tempo; l'unità di misura della portata è m 3 /sec (l/s; m 3 /h). OME ER FLUIDI ALIMENARI Definizione Sono macchine oeratrici oeranti su fluidi incomrimibili in grado di trasformare l energia meccanica disonibile all albero di un motore in energia meccanica del fluido

Dettagli

Gli autori saranno grati a chiunque segnali loro errori, inesattezze o possibili miglioramenti.

Gli autori saranno grati a chiunque segnali loro errori, inesattezze o possibili miglioramenti. Diloma Universitario in Ingegneria Corso di Fisica ecnica Paolo Di Marco e Alessandro Franco Esercizi di ermodinamica Alicata Versione 99.00 //99. La resente raccolta è redatta ad esclusivo uso didattico

Dettagli

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero Nei motori endotermici (m.e.t.) l energia termica è prodotta mediante combustione di sostanze liquide o gassose, generalmente dette carburanti. Si tratta di motori a

Dettagli

Regolazione degli impianti a vapore

Regolazione degli impianti a vapore Regolazione degli imianti a vaore Ing. A. Paolo Carlucci Nel rogetto di una centrale termoelettrica intervengono numerosi fattori: utilizzazione annua, ovvero quante ore all anno una centrale deve funzionare;

Dettagli

Applicazioni del secondo principio. ovvero. Macchine a vapore a combustione esterna: Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel

Applicazioni del secondo principio. ovvero. Macchine a vapore a combustione esterna: Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel Termodinamica Applicazioni del secondo principio ovvero Macchine a vapore a combustione esterna: macchina di Newcomen e macchina di Watt Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

Motori e cicli termodinamici

Motori e cicli termodinamici Motori e cicli termodinamici 1. Motore a scoppio 2. Motore diesel 3. Frigoriferi 4. Centrali elettriche XXII - 0 Trasformazioni Trasformazioni reversibili (quasistatiche: Ciascun passo della trasformazione

Dettagli

Progettazione di un motore Ringbom Stirling per la produzione di energia elettrica nei paesi in via di sviluppo

Progettazione di un motore Ringbom Stirling per la produzione di energia elettrica nei paesi in via di sviluppo Progettazione di un motore Ringbom Stirling er la roduzione di energia elettrica nei aesi in via di sviluo C. M. Invernizzi, G. Incerti, S. Parmigiani, V. Villa Diartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale

Dettagli

Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1

Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1 Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1 CONVENZIONI DI NOTAZIONE Calore scambiato da 1 a 2. Calore entrante o di sorgente. Calore uscente o ceduto al pozzo. CONVERSIONI UNITÀ DI MISURA PIÙ FREQUENTI

Dettagli

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V LEGGI DEI GS Per gas si intende un fluido rivo di forma o volume rorio e facilmente comrimibile in modo da conseguire notevoli variazioni di ressione e densità. Le variabili termodinamiche iù aroriate

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Meccanica e Meccanizzazione Agricola Prof. S. Pascuzzi 1 Motori endotermici 2 Il motore endotermico L energia da legame chimico, posseduta dai combustibili

Dettagli

APPUNTI del CORSO di MACCHINE I

APPUNTI del CORSO di MACCHINE I APPUNI del CORSO di MACCHINE I Motori a combustione interna A cura del dott. ing. Daniele Scatolini dalle lezioni del rof. Cinzio Arrighetti Introduzione Il motore a combustione interna (m.c.i.) ha origine

Dettagli

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. Introduzione I processi termodinamici che vengono realizzati nella pratica devono consentire la realizzazione di uno scambio di energia termica o di energia

Dettagli

Le macchine termiche e il secondo principio della termodinamica

Le macchine termiche e il secondo principio della termodinamica Le macchine termiche e il secondo principio della termodinamica ) Definizione di macchina termica È sperimentalmente verificato che nel rispetto del primo principio della termodinamica (ovvero della conservazione

Dettagli

PRESSIONE, VOLUME, TEMPERATURA

PRESSIONE, VOLUME, TEMPERATURA ER M O D I N A M I CA È la branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un SISEMA MACROSCOPICO a seguito di uno scambio di energia con altri sistemi o con l'ambiente. IL sistema macroscoico

Dettagli

Le Macchine a Fluido. Tutor Ing. Leonardo Vita

Le Macchine a Fluido. Tutor Ing. Leonardo Vita Le Macchine a Fluido Tutor Ing. Leonardo Vita Introduzione Si uò definire macchina, in senso lato, un qualsiasi convertitore di energia cioè, in generale, una scatola chiusa in cui entra e da cui esce

Dettagli

Termodinamica. Sistema termodinamico. Piano di Clapeyron. Sistema termodinamico. Esempio. Cosa è la termodinamica? TERMODINAMICA

Termodinamica. Sistema termodinamico. Piano di Clapeyron. Sistema termodinamico. Esempio. Cosa è la termodinamica? TERMODINAMICA Termodinamica TERMODINAMICA Cosa è la termodinamica? La termodinamica studia la conversione del calore in lavoro meccanico Prof Crosetto Silvio 2 Prof Crosetto Silvio Il motore dell automobile trasforma

Dettagli

Risposta: 2009 2010 Quantità Prezzo ( ) Quantità Prezzo ( ) Automobili 8.000 15.000 6.500 14.500 Biciclette 80.000 195,52 94.

Risposta: 2009 2010 Quantità Prezzo ( ) Quantità Prezzo ( ) Automobili 8.000 15.000 6.500 14.500 Biciclette 80.000 195,52 94. 1. Domanda Si consideri un sistema economico che roduce solo due beni: automobili e biciclette. È noto che nel 009 sono state rodotte 8.000 automobili che sono state venduto al rezzo di 15.000 e 80.000

Dettagli

Presentazione del progetto. I cicli termodinamici:

Presentazione del progetto. I cicli termodinamici: Presentazione del progetto I cicli termodinamici: OTTO DIESEL Obiettivi Presentare in modo sintetico ed efficace i concetti base relativi ai cicli termodinamici OTTO e DIESEL Organizzare e realizzare con

Dettagli

6. I GAS IDEALI. 6.1 Il Gas perfetto

6. I GAS IDEALI. 6.1 Il Gas perfetto 6. I GAS IDEALI 6. Il Gas erfetto Il gas erfetto o ideale costituisce un modello astratto del comortamento dei gas cui tendono molti gas reali a ressioni rossime a quella atmosferica. Questo modello di

Dettagli

4. Reti correttrici e regolatori industriali. 4.1 Regolatori industriali. 4.1.1 Regolatore ad azione proporzionale P

4. Reti correttrici e regolatori industriali. 4.1 Regolatori industriali. 4.1.1 Regolatore ad azione proporzionale P 4. Reti correttrici e regolatori industriali Un sistema di controllo ad anello chiuso deve soddisfare le secifiche assegnate nel dominio della frequenza e quelle assegnate nel dominio del temo. Queste

Dettagli

COMPOSIZIONE E FUNZIONAMENTO DEL MOTORE QUATTRO TEMPI(4-Stroke)

COMPOSIZIONE E FUNZIONAMENTO DEL MOTORE QUATTRO TEMPI(4-Stroke) COMPOSIZIONE E FUNZIONAMENTO DEL MOTORE QUATTRO TEMPI(4-Stroke) Salve a tutti. In questa recensione spiegherò la composizione e il funzionamento del motore a scoppio Quattro Tempi, in inglese 4-stroke.

Dettagli

Impianto idraulico. Capitolo 4 4.1

Impianto idraulico. Capitolo 4 4.1 Caitolo 4 Imianto idraulico 4.1 4.1 Introduzione L'imianto idraulico è un imianto che consente la distribuzione di energia meccanica ed il suo controllo attraverso un fluido incomrimibile. Nell'imianto

Dettagli

CONTROLLO TERMICO DEI SISTEMI DI CALCOLO Fluidodinamica UNITA' 07 - SOMMARIO 7. EQUAZIONI INTEGRALI DI BILANCIO PER FLUIDI IN MOTO (B)

CONTROLLO TERMICO DEI SISTEMI DI CALCOLO Fluidodinamica UNITA' 07 - SOMMARIO 7. EQUAZIONI INTEGRALI DI BILANCIO PER FLUIDI IN MOTO (B) U.07/0 UNITA' 07 - SOMMARIO 7. EQUAZIONI INTEGRALI DI BILANCIO PER FLUIDI IN MOTO (B) 7. BILANCIO DELL ENERGIA 7.. Bilancio dell energia stazionario er sistemi a due correnti 7... Bilancio dell energia

Dettagli

CAPITOLO 3 CICLO OTTO E CICLO DIESEL MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA

CAPITOLO 3 CICLO OTTO E CICLO DIESEL MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA CAPITOLO 3 CICLO OTTO E CICLO DIESEL MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA 1 CICLO OTTO E CICLO DIESEL MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA I MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA SONO MACCHINE MOTRICI E POSSONO ESSERE BASATI SU

Dettagli

1 TERMODINAMICA DELLE TURBINE A GAS 1.1 INTRODUZIONE

1 TERMODINAMICA DELLE TURBINE A GAS 1.1 INTRODUZIONE TERMODINAMICA DELLE TURBINE A GAS. INTRODUZIONE Il ciclo termodinamico su cui è imostato il funzionamento delle turbine a gas è il ciclo Bryton, la cui analisi orta alla determinazione di due arametri

Dettagli

Funzionamento del motore 4 tempi I componenti fondamentali del motore 4 tempi I componenti ausiliari del motore 4 tempi La trasmissione del moto Le innovazioni motoristiche L influenza dell aerodinamica

Dettagli

Motori 4 tempi a ciclo Otto

Motori 4 tempi a ciclo Otto Motori 4 tempi a ciclo Otto 1. Premessa I motori automobilistici più comuni sono del tipo a combustione interna quattro tempi e appartengono a due grandi famiglie, a seconda del tipo di combustibile impiegato

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it SISTEMI DI GENERAZIONE Tipologie più diffuse o in sviluppo Generatori a combustione Caldaie

Dettagli

Elementi di meccanica dei fluidi

Elementi di meccanica dei fluidi IMPIANTI AEROSPAZIALI DISPENSE DEL CORSO, VERSIONE 005 Caitolo 3 Elementi di meccanica dei fluidi 3. IMPIANTI AEROSPAZIALI DISPENSE DEL CORSO, VERSIONE 005 3. Introduzione In molti imianti il collegamento

Dettagli

SISTEMI E STATI TERMODINAMICI

SISTEMI E STATI TERMODINAMICI ittorio Mussino: vittorio.mussino@olito.it SISEMI E SI ERMODINMICI Nel corso di Fisica I (meccanica), si sono determinate le leggi che governano il moto dei sistemi di articelle (discreti e continui) e

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: Meccanica e macchine DOCENTE:Colica CLASSE :IV SEZ.A A.S.

FONDAZIONE MALAVASI. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: Meccanica e macchine DOCENTE:Colica CLASSE :IV SEZ.A A.S. FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: Meccanica e macchine DOCENTE:Colica CLASSE :IV SEZ.A A.S.2015 /2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI COMPORTAMENTALI -Potenziare

Dettagli

Lezione estd 29 pagina 1. Argomenti di questa lezione (esercitazione) Iniziare ad affrontare esercizi di termodinamica

Lezione estd 29 pagina 1. Argomenti di questa lezione (esercitazione) Iniziare ad affrontare esercizi di termodinamica Lezione estd 29 pagina 1 Argomenti di questa lezione (esercitazione) Iniziare ad affrontare esercizi di termodinamica Lezione estd 29 pagina 2 Esercizio 3, 5 luglio 2005 Una macchina di Carnot produce

Dettagli

X Figura 1. Ciclo termodinamico. >0 il calore assorbito e con Q 1 (3)

X Figura 1. Ciclo termodinamico. >0 il calore assorbito e con Q 1 (3) CICLI TERMODINAMICI Un ciclo termodinamico è un insieme di trasformazioni tali che lo stato iniziale del sistema coincide con lo stato finale. Un ciclo termodinamico è indivaduato nel diagramma XY generico

Dettagli

I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE

I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE asdf I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE INTERNA : UN PRIMO SGUARDO 31 March 2012 Introduzione Il seguente articolo vuole essere una prima introduzione a quelli che sono i motori alternativi a combustione

Dettagli

Macchine termiche. Alla fine di ogni ciclo il fluido ripassa per lo stesso stato.

Macchine termiche. Alla fine di ogni ciclo il fluido ripassa per lo stesso stato. Macchine termiche In una macchina termica - ad esempio un motore - un fluido (il vapore delle vecchie locomotive, la miscela del motore a scoppio) esegue qualche tipo di ciclo termodinamico. Alla fine

Dettagli

Focolari differenziati secondo il tipo di combustibile

Focolari differenziati secondo il tipo di combustibile Arofondimento Focolari differenziati secondo il tio di combustibile A. Focolari er combustibili solidi II combustibile solido viene in genere disteso in strati iù o meno sessi (a seconda della roduzione

Dettagli

Scuola di Ingegneria. Tecnica del freddo G. Grazzini, A. Milazzo

Scuola di Ingegneria. Tecnica del freddo G. Grazzini, A. Milazzo Cicli ad assorbimento Anche in questo caso si ha la sostituzione dell'energia meccanica necessaria al funzionamento del compressore, con energia termica a temperatura non elevata; il compressore viene

Dettagli

PROBLEMA 1. Soluzione. Indicare quattro requisiti fondamentali che un fluido frigorigeno deve possedere: 1) 2) 3) 4)

PROBLEMA 1. Soluzione. Indicare quattro requisiti fondamentali che un fluido frigorigeno deve possedere: 1) 2) 3) 4) PROBLEMA 1 Indicare quattro requisiti fondamentali che un fluido frigorigeno deve possedere: 1) 2) 3) 4) Deve possedere un elevato calore latente, cioè, deve evaporare asportando molto calore dall ambiente

Dettagli

Impianti motori termici

Impianti motori termici Impianti motori termici Classificazione: impianto motore termico con turbina a vapore il fluido evolvente nell impianto è acqua in diversi stati di aggregazione impianto motore termico con turbina a gas

Dettagli

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche. Cap. 10. Elementi di psicrometria, condizionamento dell aria e benessere ambientale

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche. Cap. 10. Elementi di psicrometria, condizionamento dell aria e benessere ambientale Aunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche Ca. 0. Elementi di sicrometria, condizionamento dell aria e benessere ambientale Nicola Forgione Paolo Di Marco Versione 0.0.04.0. La resente disensa

Dettagli

TERMODINAMICA E TERMOFLUIDODINAMICA. Cap. 3 TERMODINAMICA E LAVORO MECCANICO

TERMODINAMICA E TERMOFLUIDODINAMICA. Cap. 3 TERMODINAMICA E LAVORO MECCANICO TERMODINMIC E TERMOFLUIDODINMIC Ca. 3 TERMODINMIC E LVORO MECCNICO d 0 stato finae 0 stato iniziae F V m 0 / 0 G. Cesini Termodinamica e termofuidodinamica - Ca. 3_TD e aoro meccanico Ca. 3 TERMODINMIC

Dettagli

(gruppo filtro aria perfezionato) per motori EURO 6

(gruppo filtro aria perfezionato) per motori EURO 6 Progetto Europeo AIR-BOX AUTOMOTIVE 2014 AIR-BOX (gruppo filtro aria perfezionato) per motori EURO 6 APPARATO AIR-BOX per la riduzione dei NOx e del CO2 e per l incremento delle prestazioni del motore

Dettagli

TERMODINAMICA. T101D - Banco Prova Motori Automobilistici

TERMODINAMICA. T101D - Banco Prova Motori Automobilistici TERMODINAMICA T101D - Banco Prova Motori Automobilistici 1. Generalità Il banco prova motori Didacta T101D permette di effettuare un ampio numero di prove su motori automobilistici a benzina o Diesel con

Dettagli

NUMERI RAZIONALI E REALI

NUMERI RAZIONALI E REALI NUMERI RAZIONALI E REALI CARLANGELO LIVERANI. Numeri Razionali Tutti sanno che i numeri razionali sono numeri del tio q con N e q N. Purtuttavia molte frazioni ossono corrisondere allo stesso numero, er

Dettagli

COMPONENTI TERMODINAMICI APERTI

COMPONENTI TERMODINAMICI APERTI CAPITOLO NONO COMPONENTI TERMODINAMICI APERTI Esempi applicativi Vengono di seguito esaminati alcuni componenti di macchine termiche che possono essere considerati come sistemi aperti A) Macchina termica

Dettagli

Seconda legge della termodinamica

Seconda legge della termodinamica Seconda legge della termodinamica In natura tutti i processi devono soddisfare il principio di conservazione dell energia (e quindi anche la a legge della termodinamica) ma non tutti i processi che conservano

Dettagli

L equilibrio chimico

L equilibrio chimico Equilibrio chimico L equilibrio chimico Ogni reazione, in un sistema chiuso, evolve sontaneamente ad uno stato di equilibrio Quando viene raggiunto lo stato di Equilibrio Chimico: le velocità della reazione

Dettagli

QUESITI DI FISICA RISOLTI A LEZIONE TERMODINAMICA

QUESITI DI FISICA RISOLTI A LEZIONE TERMODINAMICA QUESITI DI FISICA RISOLTI A LEZIONE TERMODINAMICA Un recipiente contiene gas perfetto a 27 o C, che si espande raggiungendo il doppio del suo volume iniziale a pressione costante. La temperatura finale

Dettagli

Motori endotermici I MOTORI ENDOTERMICI. Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie

Motori endotermici I MOTORI ENDOTERMICI. Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie Motori endotermici Dipartimento Ingegneria del Territorio - Università degli Studi di Sassari I MOTORI ENDOTERMICI Il motore converte l energia termica del

Dettagli

Fisica per scienze ed ingegneria

Fisica per scienze ed ingegneria Serway, Jewett Fisica per scienze ed ingegneria Capitolo 22 Il primo principio della termodinamica non è altro che una affermazione del principio di conservazione dell energia. Ci dice che se un sistema

Dettagli

Per cogenerazione di energia si intende la generazione di energia elettrica ed energia termica nella stesso processo di

Per cogenerazione di energia si intende la generazione di energia elettrica ed energia termica nella stesso processo di COGENERAZIONE (Ing. Pietro Innocenzi 1 ) Per cogenerazione di energia si intende la generazione di energia elettrica ed energia termica nella stesso processo di generazione: si recupera il calore a valle

Dettagli

Appunti di Termodinamica

Appunti di Termodinamica ullio Paa unti di ermodinamica Per arofondire consultare il testo: Paa; Lezioni di Fisica-ermodinamica, edizioni Kaa, Roma 1 Sistemi e variabili termodinamiche Equazioni di stato 1 Introduzione La termodinamica

Dettagli

LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI. Introduzione 1

LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI. Introduzione 1 LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI Introduzione 1 1 - TRASFORMAZIONE ISOBARA (p = costante) LA PRESSIONE RIMANE COSTANTE DURANTE TUTTA LA TRASFORMAZIONE V/T = costante (m, p costanti) Q = m c p (Tf - Ti)

Dettagli

Esercizi svolti di termodinamica applicata

Esercizi svolti di termodinamica applicata 0 ; 0 ; 0 Esercizi solti di termodinamica alicata Ex) A g di aria engono forniti 00 J di calore una olta a ressione costante ed una olta a olume costante semre a artire dallo stesso stato iniziale. Calcolare

Dettagli

file://c:\elearn\web\tempcontent4.html

file://c:\elearn\web\tempcontent4.html Page 1 of 5 GRANDE PUNTO 1.3 Multijet GENERALITA'' - ALIMENTAZIONE INIEZIONE DIESEL CARATTERISTICHE FUNZIONE Il Common Rail Magneti Marelli MJD 6F3 è un sistema di iniezione elettronica ad alta pressione

Dettagli

Introduzione ai Motori a Combustione Interna

Introduzione ai Motori a Combustione Interna IPS Mario Carrara Guastalla (RE) Tecnologie e Tecniche di Installazione e Manutenzione Docente: Prof. Matteo Panciroli Introduzione ai Motori a Combustione Interna 1 Classificazione delle macchine MACCHINE

Dettagli

CBM a.s. 2012/2013 PROBLEMA DELL UTILE DEL CONSUMATORE CON IL VINCOLO DEL BILANCIO

CBM a.s. 2012/2013 PROBLEMA DELL UTILE DEL CONSUMATORE CON IL VINCOLO DEL BILANCIO CM a.s. /3 PROLEMA DELL TILE DEL CONSMATORE CON IL VINCOLO DEL ILANCIO Il consumatore è colui che acquista beni er destinarli al rorio consumo. Linsieme dei beni che il consumatore acquista rende il nome

Dettagli

Problematiche dell utilizzo di biocarburanti nei motori

Problematiche dell utilizzo di biocarburanti nei motori Bioetanolo: dalla produzione all utilizz Centro Studi l Uomo e l Ambient Padova 200 Problematiche dell utilizzo di biocarburanti nei motori Rodolfo Taccani, Robert Radu taccani@units.it, rradu@units.it

Dettagli

Complementi ed esercizi di Idrodinamica I parte. 1. Proprietà fisiche dei fluidi

Complementi ed esercizi di Idrodinamica I parte. 1. Proprietà fisiche dei fluidi Comlementi ed esercizi di Idrodinamica I arte.. Prorietà fisiche dei fluidi. Densità e modulo di elasticità a comressione cubica. Come è noto la densità di massa ρ misura la massa contenuta nell unità

Dettagli

SCHEDA TECNICA GRUNDFOS MAGNA3. Circolatori. 50/60 Hz. BEST in class

SCHEDA TECNICA GRUNDFOS MAGNA3. Circolatori. 50/60 Hz. BEST in class SCEDA TECNICA GRUNDFOS MAGNA Circolatori 5/ z BEST MAGNA Indice. Descrizione del rodotto Alicazioni rinciali Codice modello Gamma restazioni, MAGNA 5 Gamma restazioni, MAGNA D funzionamento a testa singola

Dettagli

PROVE SU PISTA CAN LCU-ONE. LCU-ONE CAN su motori 2 Tempi. Per migliorare la tecnica di guida e per perfezionare la messa a punto del kart

PROVE SU PISTA CAN LCU-ONE. LCU-ONE CAN su motori 2 Tempi. Per migliorare la tecnica di guida e per perfezionare la messa a punto del kart LCU-ONE CAN + TERMOCOPPIA GAS DI SCARICO CONTROLLO PUNTUALE DEL TUO MOTORE PROVE SU PISTA LA PROVA LCU-ONE CAN su motori 2 Tempi UNO STRUMENTO ESSENZIALE Per migliorare la tecnica di guida e per perfezionare

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA. 2. Exergia. Roberto Lensi

FACOLTÀ DI INGEGNERIA. 2. Exergia. Roberto Lensi Roberto Lensi 2. Exergia Pag. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 2. Exergia Roberto Lensi DIPARTIMENTO DI ENERGETICA Anno Accademico 2002-03 Roberto Lensi 2. Exergia Pag. 2 REVERSIBILITÀ

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

Motori commerciali Tra le varie applicazioni del motore Stirling, esistono anche motori commerciali, realizzati e testati in laboratorio. Tra questi possiamo illustrarne alcuni: Stirling Power System V160

Dettagli

3. Le Trasformazioni Termodinamiche

3. Le Trasformazioni Termodinamiche 3. Le Trasformazioni Termodinamiche Lo stato termodinamico di un gas (perfetto) è determinato dalle sue variabili di stato: ressione, olume, Temperatura, n moli ffinché esse siano determinate è necessario

Dettagli

INTEGRAZIONE DI MOTORI TERMICI

INTEGRAZIONE DI MOTORI TERMICI INTEGRAZIONE DI MOTORI TERMICI Motore termico Converte calore in lavoro meccanico Produzione di energia elettrica Es. turbina Sottrae calore in alla sorgente a temperatura T H Restituisce calore out alla

Dettagli

SOLUZIONE ESAME DI STATO TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI 2004 TEMA N.1

SOLUZIONE ESAME DI STATO TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI 2004 TEMA N.1 SOLUZIONE ESAME DI STATO TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI 2004 TEMA N.1 Svolgimento : Analizzando le caratteristiche del motore per autoveicolo funzionante a ciclo Diesel, possiamo determinare, in primi

Dettagli

Scambio termico 6.1. 6.1.1 Introduzione. 6.1.2 Conduzione

Scambio termico 6.1. 6.1.1 Introduzione. 6.1.2 Conduzione 6. Scambio termico 6.. Introduzione Lo studio dei fenomeni di scambio termico si uò ricondurre a due variabili: la temeratura e il flusso di calore. La temeratura indica l energia molecolare media di un

Dettagli

6. CAMPO MAGNETICO ROTANTE.

6. CAMPO MAGNETICO ROTANTE. 6 CAMPO MAGNETICO ROTANTE Il camo magnetico monofase Il funzionamento delle macchine elettriche rotanti alimentate in corrente alternata si basa sul rinciio del camo magnetico rotante: il suo studio viene

Dettagli

Secondo principio della termodinamica. Macchine termiche Rendimento Secondo principio della Termodinamica Macchina di Carnot Entropia

Secondo principio della termodinamica. Macchine termiche Rendimento Secondo principio della Termodinamica Macchina di Carnot Entropia Secondo principio della termodinamica Macchine termiche Rendimento Secondo principio della ermodinamica Macchina di arnot Entropia Introduzione al secondo principio della termodinamica Da quanto studiato

Dettagli

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA Comando pneumatico: è costituito da un insieme di tubazioni e valvole, percorse da aria compressa, che collegano una centrale di compressione ad una

Dettagli

Tinf T. sup 600 K 300 K

Tinf T. sup 600 K 300 K FRIGORIFERI E POMPE I ORE bbiamo visto nei precedenti capitoli che la conversione di calore in lavoro in una macchina bitermica reversibile ha una efficienza che dipende dalla differenza tra le temperature

Dettagli

sostanze in cui le molecole possono muoversi le une rispetto alle altre. Un fluido può quindi essere un liquido, un gas o un plasma.

sostanze in cui le molecole possono muoversi le une rispetto alle altre. Un fluido può quindi essere un liquido, un gas o un plasma. Aunti di MECCANICA DEI FLUIDI Corso di Fisica e Laboratorio rof. Massimo Manvilli SEZIONE ITI - ITCG Cattaneo con Liceo Dall Aglio STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA Solidi : Liquidi : Gas: Plasma : FluidI:

Dettagli

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia)

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) OPET SEED (Italia) Impianto di realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) ENERGIE Introduzione L impianto di in esame è installato presso un azienda

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

Lezione 10 Termodinamica

Lezione 10 Termodinamica rgomenti della lezione: Lezione 0 ermodinamica relazione di Mayer trasformazioni adiabatiche trasformazioni isoterme macchine termiche ciclo di arnot secondo riiio della termodinamica cenni sull entroia

Dettagli

ACCUMULATORI IDRAULICI

ACCUMULATORI IDRAULICI In generale, un accumulatore idraulico può accumulare liquido sotto pressione e restituirlo in caso di necessità; IMPIEGHI 1/2 Riserva di liquido Nei circuiti idraulici per i quali le condizioni di esercizio

Dettagli

CICLO FRIGORIFERO PER RAFFREDDAMENTO

CICLO FRIGORIFERO PER RAFFREDDAMENTO CICLO FRIGORIFERO PER RAFFREDDAMENTO REGIONE CALDA Liquido saturo o sottoraffreddato Q out 3 2 Vapore surriscaldato valvola di espansione condensatore compressore P c evaporatore 4 1 Miscela bifase liquidovapore

Dettagli

Dilatazione termica. Δl=α l o Δt. ΔA = 2 α A o Δt. ( ) Δl=α l o Δt. α = coefficiente di dilatazione termica lineare

Dilatazione termica. Δl=α l o Δt. ΔA = 2 α A o Δt. ( ) Δl=α l o Δt. α = coefficiente di dilatazione termica lineare Acroolis Atene Eretteo: sostituzione di armature in acciaio con strutture in itanio. Esemi di restauro negativo acciaio contro ferro sigillato in iombo. Recuero di restauri inoortuni con sostituzione mediante

Dettagli

Bruno Jannamorelli, traduzione ed edizione critica La potenza motrice del fuoco di Sadi Carnot, Cuen 1996, pp. 19 e 20. 2

Bruno Jannamorelli, traduzione ed edizione critica La potenza motrice del fuoco di Sadi Carnot, Cuen 1996, pp. 19 e 20. 2 LA LEZIONE Lo studio di una macchina termica ideale [ ] Si può paragonare molto bene la potenza motrice del calore a quella di una cascata d acqua: entrambe hanno un massimo che non si può superare, qualunque

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE DOCENTI NEOIMMESSI IN RUOLO. a.s. 2011/12. Istituto attuatore: IPSEOA Duca di Buonvicino. Napoli

CORSO DI FORMAZIONE DOCENTI NEOIMMESSI IN RUOLO. a.s. 2011/12. Istituto attuatore: IPSEOA Duca di Buonvicino. Napoli CORSO DI FORMAZIONE DOCENTI NEOIMMESSI IN RUOLO a.s. 2011/12 Istituto attuatore: IPSEOA Duca di Buonvicino Naoli COGNOME MONE NOME Mariangela Assunta E-TUTOR : Guidotti Ugo AREA TEMATICA: Elettronica,

Dettagli

Termometria e calorimetria

Termometria e calorimetria ermometria e alorimetria Priniio zero della termodinamia: 2 ori, e, a temerature differenti ( < ) osti a ontatto raggiungono l equilibrio termio. Se e sono in equilibrio termio on un terzo oro C allora

Dettagli

9-10 MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA e MOTORE DIESEL

9-10 MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA e MOTORE DIESEL 9-10 MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA e MOTORE DIESEL DIFFERENZE TRA MOTORE A SCOPPIO E DIESEL Il motore a scoppio aspira attraverso i cilindri una miscela esplosiva di aria e benzina nel carburatore, questa

Dettagli

FONDAMENTI CHIMICO FISICI DEI PROCESSI IL SECONDO E IL TERZO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

FONDAMENTI CHIMICO FISICI DEI PROCESSI IL SECONDO E IL TERZO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA FONDAMENTI CHIMICO FISICI DEI PROCESSI IL SECONDO E IL TERZO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA LE MACCHINE TERMICHE Sono sistemi termodinamici che trasformano il calore in lavoro. Operano ciclicamente, cioè

Dettagli

La propulsione Informazioni per il PD

La propulsione Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/10 Compito Come funziona un automobile? Gli alunni studiano i diversi tipi di propulsione (motore) dell auto e imparano qual è la differenza tra un motore diesel e uno a benzina.

Dettagli

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza 5 LAVR ED ENERGIA La valutazione dell equazione del moto di una articella a artire dalla forza agente su di essa risulta articolarmente semlice qualora la forza è costante; in tal caso è ossibile stabilire

Dettagli

Valutazione dei consumi globali di energia e delle emissioni di un sistema

Valutazione dei consumi globali di energia e delle emissioni di un sistema ESERCITAZIONE 1 Valutazione dei consumi globali di energia e delle emissioni di un sistema Il sistema a cui faremo generalmente riferimento in questo corso sarà uno stabilimento di azienda manifatturiera,

Dettagli

18.4. I motori alternativi a c.i. ad accensione spontanea («motori diesel») a quattro tempi

18.4. I motori alternativi a c.i. ad accensione spontanea («motori diesel») a quattro tempi 18.4. I motori alternativi a c.i. ad accensione spontanea («motori diesel») a quattro tempi Approfondimenti 18.4.1. Il ciclo Diesel Il rendimento (h) di un ciclo termodinamico è espresso, come è noto,

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. Fisica 1. AA.2007/08. Prova in itinere n.2. Cognome Nome Anno di corso

Facoltà di Ingegneria. Fisica 1. AA.2007/08. Prova in itinere n.2. Cognome Nome Anno di corso Siena 28/03/2008 vers.1 Si consideri il ciclo reversibile ABCA che riguarda del gas perfetto monoatomico e che è costituito, nell ordine, dalla compressione adiabatica AB, dall isoterma BC e dall isocora

Dettagli

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche Aunti ed Esercizi di Fisica ecnica e Macchine ermiche Ca. 2. ermodinamica degli stati Paolo Di Marco Versione 2009.03 30.10.09. La resente disensa è redatta ad esclusivo uso didattico er gli allievi dei

Dettagli